Gli animatori digitali. Gli “esperti” girano intorno al problema.

Gli animatori

Gli animatori

Kermesse 26.07.17

Il 26 luglio si è tenuta a Roma una kermesse sul PNSD. Anche in questo caso ho deciso di rintracciare nel Web il resoconto  dell’iniziativa.  In formato Mp3 l’ho ascoltato. Bene, eccetto qualche intervento “fuori dalle righe” del conduttore-giornalista e della Presidente della commissione istruzione dell’ANCI, il resto mi è risultato molto verboso e noioso, intramezzato ogni tanto dal “Abbiamo fatto! Ma come siamo bravi! Nei prossimi mesi faremo…” Molto lungo l’intervento del Ministro. Limitato il tempo dedicato alle esperienze degli AD.

Una riflessione

Come accennavo si è parlato di  massimi sistemi, di alcune realtà eccellenti. Lo stesso tempo non è stato dedicato alle sofferenze informatiche  degli Istituti Scolastici e alle criticità che ancora caratterizzano la figura dell’Animatore Digitale. Da qui  il processo di desertificazione che sta caratterizzando  molti gruppi social di Animatori Digitali. Questi erano spuntati come funghi a partire dal novembre 2015. Ogni ora della giornata si potevano leggere post di colleghi entusiasti della nuova avventura. Poi però il vento dell’entusiasmo si è trasformato in bonaccia. Stessa situazione si registra sulla pagina PNSD all’interno del sito del Miur.

Una conferma

Ha scritto Luisanna Fiorini all’interno di un articolo da me commentato: ” Ma poi qualcosa scricchiola. Il lettore attento troverà indicatori di quanto scrivo: alcune iniziative (School Kit) sono ferme al 2016, altre hanno risorse disponibili pari a zero. Il calendario dell’Agenda è vuoto.
Tralascio alcune perle, come la sezione OER Azione #23, dove si linkano alcuni esempi con alla base software proprietari. Ma questa è un altro nodo su cui ragionare e scrivere. L’openness non può essere solo dichiarata: è un precipitato etico costante.
La sezione più popolata è quella in HomePage, dove sono pubblicati i bandi e linkati alcuni eventi. Non ho trovato, ma se fosse presente in qualche cassetto che non ho aperto mi scuso in anticipo, nessun elemento informativo, quantitativo e qualitativo, dell’andamento delle azioni, del progredire del Piano.”
L’eclissamento degli Animatori Digitali, e concludo questa prima riflessione, si registra anche nella esiguità  dei resoconti dell’anno appena concluso.

Ma il problema è un altro

La mia breve riflessione, però,  intende evidenziare un’assenza, una dimenticanza: il compenso per gli Animatori Digitali e per il Team d’Innovazione. Stessa “sinfonia” caratterizza due interventi: uno di Licia Cianfriglia, l’altro di G. Corsaro . Si parla di ritardo tecnologico e di alcuni problemi inerenti la formazione. Interessanti gli articoli! Nessuna parola è spesa per la richiesta di un riconoscimento economico e significativo   della professionalità degli Animatori Digitali e della necessità di una  qualche forma di esonero.

Interessante articolo

L’unico articolo che parla di questo problema è di M. Mantellini che dal suo blog scrive:
La figura centrale del Piano è il cosiddetto animatore digitale. Un insegnante, in ogni scuola, che si dedichi alla diffusione dei temi della didattica digitale. Una buona idea che dopo 20 mesi è già morta o quasi per una semplice ragione: perché secondo il Piano questo lavoro dovrà essere fatto a titolo gratuito. Questo è un altro serio problema politico della strategia per la scuola digitale: i soldi stanziati, spesso molti soldi, vanno in direzioni prestabilite, in genere dove potranno immaginarsi commesse esterne e proficue collaborazioni pubblico-privato.”
Sottoscrivo interamente quanto dice. Il Miur deve seriamente considerare il problema del compenso. Diversamente, temo che il PNSD non riuscirà nel tempo ad incidere sul sistema-scuola. 

 

Questa voce è stata pubblicata in Formazione, Informatica, PNSD, Tutti gli articoli e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.