Posted in: Contratto scuola

“Il branco digitale”, una lettera illuminante

" branco digitale"
” branco digitale”? Lasciamo perdere le offese e confrontiamoci in modo argomentativo.

“Il branco digitale”, brutta espressione contenuta in una lettera di un sindacalista. Le argomentazioni sono poche. Le offese tante. Soprattutto manca la prospettiva. Invito a un dibattito.

Una lettera piena di insulti, un resoconto e una considerazione

Due giorni fa è stata pubblicata da “OrizzonteScuola” una brutta lettera. Offese sopra le righe, tanto livore ( il frasario lo evito. Ognuno può liberamente leggerlo nell’intervento)  La parte espositiva è ridotta all’inizio dove si legge “I sindacati più rappresentativi: FLC, CISL SCUOLA e UIL SCUOLA hanno nel novembre 2016 siglato un’intesa con il governo che adesso va realizzata e rafforzata: ovvero ridare centralità alla contrattazione ed al contratto rispetto alla legge, ed in particolare al Dlg. 150 2009 ed alla 107 2015. Il rinnovo riguarderà gli anni 2016-17-18 con i relativi arretrati riferiti al biennio 2016-17, per poi passare al rinnovo del triennio 2019-20-21. Un percorso lineare a fronte di un contratto da lungo tempo bloccato e sterilizzato.”
La parte delle idee si conclude così; ” Però hanno poi chiarito la loro posizione: no alla firma del contratto -rimandando tutto al dopo elezioni- dove in caso di vittoria del partito del comico genovese avremmo tanti soldi per il rinnovo.”

Ci confrontiamo sulle idee

Suggerisco al sindacalista di lasciar perdere le offese, che spesso distraggono dal reale contenuto, e confrontarci anche in un dibattito pubblico a breve sui seguenti quesiti:
1) Si ritengono 80-85 € un importo serio per affermare che il prossimo contratto è serio, dignitoso e rispettoso degli insegnanti?
2) Come si fa a richiedere di fare pressione sul governo, quando ha risposto negativamente sul bonus-merito ( un punto a favore della prevalenza della legge sul contratto) e soprattutto dopo il Def 2018-20 e  la prossima legge di Stabilità 2018. Questi ultimi due provvedimenti trovano la loro giustificazione anche nell’accordo del 30 dicembre 2016, firmato dai confederali.
3) L’autore non dice nulla sul comportamento che il sindacato adotterà, in caso di conclusione della trattativa. Firma? Non firma?
Se l’Autore vorrà, ci confrontiamo su questi elementi. Diversamente, le offese e i livori non hanno mai portato a nulla!