Il Ministro Bussetti strizza l’occhio alla Lega

Il Ministro Bussetti

Ministro Bussetti non rincorra scenari futuri incerti. Si concentri sui guai del presente!

Il Ministro Bussetti proviene dalla Lega. Ovviamente egli esprime una maggiore attenzione ai temi di questo gruppo politico. Minore coinvolgimento, invece  verso quelli   da abrogare, votati  dalla Lega (2008) e riguardanti le classi pollaio.

L’intervista del Ministro Bussetti

L’ho già scritto. Il Ministro Bussetti è entrato nella logica dell’intervista continua. Probabilmente, e fa bene, intende ricordare all’opinione pubblica che esiste una questione-istruzione, mai risolta positivamente. Non sempre, però, sono d’accordo sul merito.
L’ultima di tre giorni fa, rilasciata al “Corriere della Sera” affronta un tema molto caro alla Lega. Si legge:
Intanto Veneto e Lombardia hanno presentato la nuova bozza di Intesa per l’autonomia differenziata e chiedono di poter «regionalizzare» professori e presidi, che diventerebbero dipendenti della Regione e non più dello Stato. Lei è d’accordo? «E’ il modello che già esiste in Trentino, dunque non è nuovo. Comunque su questa loro richiesta c’è un dibattito in corso. L’aspetto positivo è che le due regioni promettono di mettere più risorse per stipendi gli insegnanti». Questa proposta però non era stata accolta nell’intesa firmata tra Veneto e governo Gentiloni dopo il referendum del 2017. 
«Sarà un cammino sicuramente lungo, ma potrebbe essere una opportunità, un modello anche virtuoso di gestione più capillare delle scuole. Ci dovrebbe comunque essere una lunga fase transitoria in cui gli insegnanti potrebbero passare alla Regione su base volontaria. “.

Torna un cavallo di battaglia della Lega

Nel contratto di governo al punto 22, dedicato alla scuola non è presente la “regionalizzazione” dei professori e dei presidi. Il riferimento rimanda al capitolo 20,  più “corposo” rispetto a quello della scuola, dal titolo “Riforme istituzionali, autonomia e democrazia diretta” . Si legge” Sotto il profilo del regionalismo, l’impegno sarà quello di porre come questione prioritaria nell’agenda di Governo l’attribuzione, per tutte le Regioni che motivatamente lo richiedano, di maggiore autonomia in attuazione dell’art. 116, terzo comma, della Costituzione, portando anche a rapida conclusione le trattative tra Governo e Regioni attualmente aperte. Il riconoscimento delle ulteriori competenze dovrà essere accompagnato dal trasferimento delle risorse necessarie per un autonomo esercizio delle stesse.”
Abbandonata la secessione della Padania, la Lega ha abbracciato  il processo autonomistico delle Regioni. In tal senso, ad esempio, va letta la proposta di Pittoni (Lega) riguardante il domicilio professionale, finalizzato a superare l’attuale modalità dei trasferimenti, introdotta dalla Legge 107/17

E le classi pollaio?

Registro il solito atteggiamento di rincorrere novità dai contorni ancora incerti, dimenticando di rimediare ai guai del presente. Mi riferisco all’abolizione delle classi pollaio. Virus di natura organizzativa, finalizzato a depotenziare l’Istituzione scolastica come agenzia di formazione profonda. Soluzione approvata anche dalla Lega nel 2008 che faceva parte del Governo Berlusconi IV. Probabilmente questo è il motivo della tiepidezza del Ministro Bussetti a parlare di “Classi pollaio” che egli preferisce chiamare “Classi sovraffollate”. Espressione, sicuramente, meno dura, più neutra nel suscitare indignazione e rabbia.
L’unica occasione, in cui il Ministro ne ha parlato è stato il 1 agosto 2018, quando rispondendo ad una serie di interrogazioni, liquidava il problema ad una cattiva gestione delle iscrizioni da parte delle scuola.

Possiamo sperare nel ritorno della pedagogia nelle aule?

Detto questo ricordo nuovamente  al Ministro che la priorità del capitolo Scuola rimanda all’abrogazione delle classi pollaio. Sostenga concretamente la Proposta di legge (5 luglio 2018) a prima firma del Deputato Azzolina (M5s), favorendo l’inserimento del suddetto articolato nella legge di Bilancio 2019. Ciò garantirebbe una rapida approvazione e quindi il ritorno della pedagogia nelle aule con il prossimo anno scolastico.

Questa voce è stata pubblicata in Classi pollaio e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.