Contratto. Il peso di un aggettivo

Il peso di un aggettivo

L’importanza delle parole

Il peso di un aggettivo, delle parole.  Spesso esse rivelano il pensiero reale del dichiarante. Non sempre lo cogliamo, perché purtroppo siamo inseriti in un contesto dinamico e mobile dove l’esposizione mediatica e la permanenza delle parole nella nostra mente sono “frullate”.

Le dichiarazioni del Ministro

A fine giugno il Ministro dichiarava sull’apertura contrattuale: “Si tratta di un atto doveroso, che nel comparto Istruzione e Ricerca consente finalmente di riconoscere l’impegno di chi ogni giorno è al servizio delle nuove generazioni e del Paese…Il rinnovo è uno strumento di qualificazione ulteriore del nostro sistema di istruzione scolastica e universitaria… Vogliamo agire rapidamente, dando il giusto riconoscimento professionale nei nostri settori”

Il significato

Ho inteso evidenziare le parti più significative. In particolare mi soffermerò sul peso dell’aggettivo “giusto”.
 Nella lingua italiana il termine ha ovviamente diversi significati. Nel nostro caso quelli più interessanti risultano i  seguenti:” adatto, appropriato, conveniente”. “Fondato su ragioni moralmente valide, ispirato a ciò che è (giudicato) bene o congruente con quanto la legge richiede.”

Considerazioni

Da qui si evince il peso sociale del soggetto coinvolto e il contesto legislativo che non puòessere ignorato, poiché è quest’ultimo che giustifica il criterio di “giusto”.  Nel concreto, se consideriamo la cifra netta certa annua  (15€) e quella alla fine del triennio (45€), previste dalla legislazione vigente (leggi di stabilità 2016 e 2017) gli insegnanti contano quasi zero. Questa è la realtà! Oltre le tante dichiarazioni di rito, di presa in giro del politico di turno, l’immagine degli insegnanti è molto lontana da quello che si pensa nel paese del Sol Levante:  “in Giappone gli unici cittadini che non sono obbligati ad inchinarsi davanti all’imperatore sono gli insegnanti. Il motivo è che i giapponesi sostengono che senza insegnanti non ci possono essere imperatori” E purtroppo la situazione è dstinata a non migliorare nei prossimi anni

Questa voce è stata pubblicata in Contratto scuola, Opinioni e contrassegnata con , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.