Posted in: Scuola

La didattica in presenza è vera scuola? Dipende…

La didattica in presenza
La didattica in presenza è sempre superiore alla Dad. Dipende? La contrapposizione nasce da un equivoco

La didattica in presenza è spesso abbinata all’autentico modo di fare scuola. Di rango inferiore è la Dad. Errato soffermarsi sulla contrapposizione.  La qualità di un’opera d’arte, però dipende dall’artista che riesce a valorizzare lo strumento o il materiale. Il futuro vedrà una salutare ricomposizione.

La Didattica in presenza è il vero volto della scuola?

La didattica in presenza vs didattica a distanza. Continua la contrapposizione. La prima rimanda al vero volto della scuola, la seconda è considerata una strategia di rango inferiore. La prima è spesso accostata a una scuola realmente inclusiva e dalla qualità didattica superiore rispetto alla soluzione emergenziale (Dad) che ha permesso alla scuola di esser-ci, e quindi di dichiararsi presente durante il primo lockdown.
Della qualità intrinseca della didattica in presenza, la più significativa conferma proviene dalla Ministra Azzolina la quale ritiene di dover fare dei corsi per recuperare gli apprendimenti persi con la Dad. Dall’altra parte troviamo molti insegnanti che hanno compreso  che “insegnare ricorrendo ad applicazioni digitali implica una diversa metodologia, per cui ogni possibile comparazione con la didattica tradizionale rischia di essere fuorviante” (Carlo Sconamiglio, Ars).

Il prodotto non è dato dallo strumento ma dall’insegnante

Da quale parte si trova la ragione? In entrambe le parti e contemporaneamente in nessuna delle due.
La didattica in presenza da molti idealizzata non ha fama di essere realmente inclusiva. Nell’ottobre 2019 R. Ricci confermava le criticità della didattica in presenza declinate nella dispersione implicita ed esplicita.
Anche la Dad conferma generalmente la poca inclinazione ad essere inclusiva. Sicuramente gli studenti e gli allievi diversamente abili hanno incontrato delle difficoltà. Secondo D. Ianes   “Un alunno con disabilità su tre è di fatto escluso dalla Didattica a Distanza: o perché si è rivelata inefficace (26,2%) o perché la DaD non era nemmeno ipotizzabile (10,3%). E la situazione non migliora con gli altri studenti. A confermarlo  è sempre D. Ianes: “Il 51% vede peggioramenti comportamentali nei propri alunni e il 62% negli apprendimenti.”
Il problema non è lo strumento, ma l’insegnante. Come un artista egli può dare vita alla materia. Fuori di metafora: la didattica in presenza o la Dad sono semplici strumenti. La loro efficacia dipende dagli insegnanti.
Entrambe le modalità possono risultare efficaci oppure totalmente fallimentari. Non hanno un loro potere interno che possono fare a meno dell’artista (l’insegnante). Entrambe dipendono significativamente dall’azione dell’insegnante.
Sicuramente terminata la pandemia come ha scritto C. Mazzone le due didattiche saranno costrette a convivere contribuendo per la loro parte a migliorare la qualità dei risultati.