Posted in: Esperienze, Mappe concettuali, Tutti gli articoli

Mappe concettuali. il silenzio sulle criticità!


Il Web e l’editoria tradizionale propongono mappe concettuali.
Quasi sempre non riesco ad individuare i criteri di organizzazione dei concetti. Molte di queste “mappe concettuali”  presentano dei diagrammi di flusso. Quindi distanti dall’idea di rappresentare le idee e le loro relazioni.
Nel Web  chiedo spiegazioni agli autori di esplicitare le “loro regole” . Bene, il silenzio cala sulla mia richiesta.
le criticità che rilevo sono:
1) la collocazione dei verbi dentro e fuori  le forme geometriche ( rettangoli, ovali… ) ” concettuali”;
2) la presenza di periodi di diversa lunghezza che ovviamente propongono più idee. Questa soluzione non spiega l’alternativa criteriale alla corrispondenza un concetto/ una forma geometrica, quindi la funzione di quest’ultima e il suo compito di sviluppare un testo organizzato per paragrafi;
3) non sono chiari i rapporti logici tra le frasi  dentro le forme concettuali e le parti del discorso collocate esternamente. Queste mappe danno la sensazione di proporre  sostanzialmente un diverso modo di scrivere un testo.
Concludendo, dobbiamo “liberare le mappe concettuali” dal dilettantismo e dall’improvvisazione, esplicitando  il modello di riferimento   che rimanda necessariamente al  costruttivismo! Questi due sfondi sono assenti dalle tante mappe concettuali elaborate dai cosiddetti esperti.
Alcuni miei articoli

Schemi e mappe quanta confusione

La sponda testuale delle mappe

Mappe concettuali e testo…

Mappe concettuali. Manca la profondità

Liberiamo le mappe concettuali