Mara Carfagna, dimentica la riforma Gelmini

Mara Carfagna

Mara Carfagna dimentica lo “tsunami” operato dalla sua collega M. Stella Gelmini

Mara Carfagna rilascia una dichiarazione. Rimango basito! La mia memoria va nel  2008-2009. In quel periodo Ministro dell’Istruzione era M. Stella Gelmini, promotrice del più devastante salasso sulla scuola.

Mara Carfagna e la sua dichiarazione

Ieri Mara Carfagna,  vicepresidente della Camera dei  Deputati ha rilasciato il seguente post sulla sua pagina Facebook e ripreso da diversi organi di stampa: “Ho letto l’importante riflessione di Alberto Alesina e Francesco Giavazzi sul Corriere della Sera, a proposito del preoccupante divario nei risultati scolastici degli studenti del Nord e quelli del Sud. È come se gli studenti meridionali andassero a scuola per due anni in meno, dicono i dati. Se si parte con uno svantaggio così grande, nella vita e nel mercato del lavoro, si è costretti a rincorrere per tutta la vita. Più che il reddito di cittadinanza, il Mezzogiorno ha bisogno di un vero “investimento di cittadinanza” chiamato scuola … Noi crediamo che questa sia una priorità nazionale. Lo ripetiamo allo sfinimento: se cresce il Sud e se i suoi talenti possono costruire il proprio futuro senza dover andare via, cresce l’Italia

L’incoerenza dell’annuncio

Una bella dichiarazione! Purtroppo è l’ultimo esempio di annuncite, dove dietro c’è il Nulla. In altri termini, esiste una profonda incoerenza tra le parole e le decisioni politiche.  La relazione porta a nascondere i fatti attraverso le dichiarazioni e le opinioni. Il meccanismo risulta    coerente con il paradigma del frullatore massmediatico, dove le parole  si presentano con i caratteri di volatilità e  “liquidità”, adeguati per alimentare la memoria breve.

Mara Carfagna, dimentica la sua collega M. Stella Gelmini

Concretizzo! Mara Carfagna dovrebbe ricordare le decisioni della sua collega di partito M. Stella Gelmini. Era il 2008-2009 e grazie a quest’ultima con la complicità di G. Tremonti il sistema-scuola fu oggetto di un prelievo forzoso di 8 miliardi di €. Gli effetti furono devastanti: L’inclusione, infatti, fu significativamente depotenziata. L’obiettivo fu realizzato, attraverso l’abolizione delle compresenze, del tempo pieno (L.820/71), il superamento dei moduli didattici ( L.148/90) e soprattutto con l’introduzione dell’ obbrobrio organizzativo  delle classi pollaio (D.M.81/09). E altri provvedimenti.
La scuola vanta, inoltre,  un credito di 2.400 milioni di € che Maria Stella Gelmini aveva promesso di restituire alla scuola. Mai pervenuti!

Si impegni altrove

 Ho scritto qualche settimana fa, commentando un’iniziativa di M. Stella Gelmini “Si impegni, invece, il deputato a presentare una legge che reintroduca il diritto costituzionale  allo studio, abolendo le classi pollaio, ripristinando il tempo pieno, le compresenze e restituendo gli 8 miliardi di € prelevati forzatamente dal sistema formativo. Sarebbe un provvedimento ben accetto dagli operatori scolastici. Si chiede troppo?”

 

Questa voce è stata pubblicata in Classi pollaio e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.