Posted in: Scuola

Riapertura delle scuole superiori, tre su dieci potrebbero riaprire

Riapertura scuole superiori
Riapertura delle scuole superiori. E’ possibile farlo nei piccoli centri. L’indagine del quotidiano Domani

Riapertura delle scuole superiori, il quotidiano Domani pubblica un’interessante indagine. Risultato: tre scuole su dieci potrebbero riaprire con un rischio basso. I limiti di una decisione regionale.

Riapertura delle scuole superiori, un’interessante indagine

Riapertura delle scuole superiori. Il quotidiano Domani, magistralmente diretto da S. Feltri (ex Il Fatto Quotidiano) pubblica un’indagine che mette a nudo le decisioni delle Regioni che hanno deciso di mantenere chiuse le scuole superiori. Una ricerca diversa che non ripete lo spartito di quest’ultimo periodo che si mantiene dentro la contrapposizione scuola focolaio di contagi/scuola no focolaio di contagi.
Innanzitutto Il quotidiano conferma che non abbiamo dati certi sul contributo delle scuole sui contagi. Il merito dell’articolo a firma di F. Teoldi è porre l’attenzione sui trasporti e sul loro utilizzo che non può prescindere dalle dimensioni della popolazione urbana. Si legge: “Non in tutte le città si va a scuola allo stesso modo… Esiste però un nutrito numero di scuole che si trovano in città dove si usano poco i mezzi pubblici per andare a scuola: le città tra i 10.000 e i 50.000 abitanti, ovvero il 12% dei comuni ovvero il 30% di tutte le scuole in Italia“. Il resto dell’articolo lo lascio alla curiosità di chi li legge.

Chiudere è facile per le Regioni

Non abbiamo certezza sulla sicurezza delle scuole. Per dipanare ogni dubbio, A. Crisanti ha propone che una “ cosa giusta da fare sarebbe prendere una zona gialla, una zona arancione e una zona rossa, aprire in un distretto scolastico le scuole per due, tre settimane e vedere cosa succede”.
Poniamo, però che le scuole non siano diffusori del contagio, occorre dire che chiudere in modo indiscriminato senza tener conto del contesto urbano, è la scelta più semplice per le Regioni, perché non richiede l’impegno di comprendere, utilizzando strumenti e risorse, quali scuole potrebbero con una certa tranquillità aprire i loro cancelli.
Resta il dubbio che la riapertura delle scuole sia diventata una battaglia politica. Si legge sul quotidiano La Repubblica: Lucia Azzolina si sente presa in giro. Tradita anche dalla parte del Pd che aveva promesso di dare una mano, sulla scuola, per far tornare in presenza i ragazzi delle superiori almeno al 50 per cento dopo le feste natalizie. E invece, ogni promessa è stata infranta” .