La ricerca delle informazioni nel Web. Una semplice capacità

ricerca delle informazioni nel Web
Video interessante, ma…

Nel mio navigare nel Web ho trovato questo interessante video, che illustra la modalità di ricerca delle informazioni nel Web. Sicuramente la risorsa potrà essere utile per chi intende affrontare uno dei contenuti dell’esame Ecdl o Eipass, relativo alla gestione di Internet e della posta elettronica. Indubbiamente la procedura risulta efficace e accettabile se le informazioni riguardano contenuti strettamente scolastici. Il discorso cambia per eventi o fatti recenti. Ma andiamo con ordine.

Capacità, non competenza

Non condivido la definizione di competenza digitale data alla procedura. A mio parere per il raggiungimento del livello complesso occorre che la ricerca sia seguita dall’analisi e dalla valutazione delle informazioni. Quest’ultime necessitano di passaggi operativi e cognitivi circa la validità e la credibilità delle informazioni.
Il Web ha rivoluzionato il mondo dell’informazione, facendo perdere l’esclusività ai mass-media tradizionali (televisione, radio, giornali) . E’ vero che il mezzo televisivo risulta ancora il canale privilegiato di informazione ( 97,5%), ma nel contempo risulta in ascesa l’utilizzo del media sociale Facebook (35,5). Questo è quanto si legge nel rapporto Censis-Ucsi sulla comunicazione ( 2016). E’ cambiata anche la relazione tra le persone coinvolte. Alla tradizionale verticalità e unidirezionalità della comunicazione  è subentrata quella postmoderna caratterizzata da verticalità, circolarità in un contesto di continua destrutturazione e ristrutturazione del’informazione.

 

Il Web grande opportunità, ma…

Ora tutti noi conosciamo che nel Web non è tutto oro quello che luccica. Sono aumentate esponenzialmente le ” bufale” ( fake news ) che richiedono una certa dose di riflessione ( Si legga un mio recente intervento ) che deve passare necessariamente attraverso un verifica del fatto ( fact checking ). Il Web è sempre più affollato di troll che alimentano ed espandono la loro presenza nelle comunità virtuali puntando sulla provocazione, sull’offesa, piuttosto che sull’argomentazione. Di fronte ad essi occorre conoscere e mettere in pratica una serie di risposte che ignorino il loro registro comunicativo.
Altro fenomeno in rapida ascesa è il clickbaiting. Pratica che attraverso una particolare confezione del contenuto induce il visitatore ad indirizzarsi verso determinati siti Web.
Questa sintetica panoramica necessita quindi di una serie di conoscenze, capacità, riflessione, e di valutazione dei fatti che oggettivamente vanno ben oltre la semplice capacità di ricerca di informazione.

Questa voce è stata pubblicata in Ecdl, Esperienze, Formazione, Informatica e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.