Tanta nebbia sul contratto




Un articolo pubblicato sul quotidiano “Italia Oggi” conferma quanto scritto nei giorni precedenti. Il sindacato ha ottenuto poco della promessa di depotenziare il Decreto Brunetta (2009 ). L’impegno era stato ratificato dalle parti sociali con il governo il 30 novembre 2016.
A questo si aggiungono le scarse risorse attualmente disponibili per il rinnovo contrattuale.
E qui mi fermo per non rovinare il “gusto amaro” della sorpresa. 
Cosa dire? Ci attende  un anno scolastico carico di tensioni ( forse ) che non porterà ai docenti alcun beneficio, dal punto di vista economico, ma anche giuridico. 
Scrive L. Ficara ” Il cuore del rinnovo contrattuale è la valorizzazione professionale dei docenti e di tutto il personale scolastico, dovranno essere trattati nel dettaglio problemi come l’orario di servizio, la progressione di carriera, il riconoscimento del lavoro aggiuntivo, il contributo ai processi di democrazia e di condivisione che devono stare alla base del lavoro scolastico.” Il grassetto è del sottoscritto con lo scopo di evidenziare quali saranno gli aspetti del nostro profilo che saranno probabilmente peggiorati a sostanziale parità di retribuzione. 

Questa voce è stata pubblicata in Contratto scuola, Opinioni e contrassegnata con , , , , , . Contrassegna il permalink.