18 Marzo 2021

Classi pollaio, ormai sono diventate totem intoccabili!

By Gianfranco
Classi pollaio

Le classi pollaio sono state confermate. Purtroppo, La decisione non sorprende

Classi pollaio, si nutriva qualche speranza sulla loro abrogazione o riduzione. Niente da fare! Il prossimo anno sarà la fotocopia dell’attuale. La loro presenza è divenuta sacra, quindi è una realtà intoccabile!

Classi pollaio, stesso scenario per l’anno scolastico 2021-22

Classi pollaio, avevo scritto qualche giorno fa: “In questi giorni le Istituzioni stanno inviando le richieste per l’organico di diritto (anno 2021-22). Purtroppo anche quest’anno dovranno tener presente i vincoli del D.P.R.81/09 che stabilisce un max di 26-27 alunni per la scuola primaria (art. 10), 27-28 max per la secondaria di primo grado (art.11) e 27-30 per il grado successivo.”
Nel frattempo i nuovi sottosegretari R. Sasso e B. Floridia hanno espresso la loro volontà di superare questa iattura pedagogica voluta dal duo Gelmini-Tremonti (2009).
Il Ministro P. Bianchi ha liquidato il problema, dichiarando che ne avrebbe parlato in Consiglio dei Ministri.
Ora le dichiarazioni se non producono fatti rimangono parole al vento. Alla fine quello che conta è la realtà e le modifiche che si introducono perché prenda un’altra direzione.
E purtroppo la prospettiva rimane immutata.
Si legge su ItaliaOggi (16 marzo) “Organici invariati per i posti comuni. Dunque, classi pollaio anche per il prossimo anno. Ma 1.000 posti in più di potenziamento nella scuola dell’infanzia e 5 mila posti di sostegno in più in organico di diritto. Tagli nei professionali: 486 cattedre e 164 posti di insegnante tecnico-pratico in meno. Questo il quadro che emerge dalle tabelle predisposte dal ministero dell’istruzione, allegate alla bozza del nuovo decreto sugli organici, di cui si sta discutendo oggi a viale Trastevere tra i rappresentanti dell’amministrazione e delle organizzazioni sindacali. Dunque, la riduzione del numero di alunni per classe, più volte auspicata per migliorare la qualità del processo didattico-apprenditivo e ridurre il rischio dei contagi da Covid-19, non ci sarà. Salvo una lieve riduzione del rapporto tra il numero degli alunni e il numero delle classi derivante dal calo demografico.”

Il fenomeno delle classi pollaio  è un totem  intoccabile

Le classi pollaio rappresentano l’ultimo esempio di un riformismo a senso unico (autonomia scolastica, distribuzione alunni in altre classi…). In altri termini, si va solo avanti! Il ritorno a una situazione precedente è un’operazione non prevista. Il peggio si somma al pregresso, dando come risultato un sistema rigido, sprovvisto di meccanismi regolativi. Sono ignorati i dati reali che porterebbero a modifiche.
Negli ultimi tempi la situazione è peggiorata con la perdita del futuro come prospettiva. Si vive dentro una bolla culturale caratterizzata dall’ottimizzazione delle risorse e dall’efficacia dei risultati. E le classi pollaio, rispondendo a questa doppia esigenza, rappresentano l’interfaccia del capitalismo finanziario nella scuola. Si cambia solo se è funzionale al consolidamento  della tecnica ipotizzata da M. Heidegger che porta alla Notte del mondo caratterizzata da un movimento circolare, dove sostanzialmente si rimane fermi. F. Nietzsche aveva ipotizzato magistralmente l’attuale scenario di un presente ricorsivo e asfissiante: “L’eterno ritorno dell’eguale è la ripetizione eterna di tutte le realtà e gli eventi del mondo. Il pensiero dell’eterno ritorno ha un carattere selettivo perché distingue l’uomo dal superuomo. L’uomo avverte la prospettiva dell’eterno ripetersi del tutto come un’ “eterna sanzione”, un “peso”
Questo scenario è disseminato da totem intoccabili perché rispondono alla logica della tecnica. Inamovibilità non messa in discussione neanche in tempi di pandemia, dove il Covid-19 ha evidenziato le criticità del  sistema scolastico, grazie a riforme devastanti come quella di M. Gelmini.
Ecco spiegata la rinuncia di L. Azzolina e in genere del M5s a continuare  la battaglia identitaria sulle classi pollaio, riducendola a una speranza verso un futuro imprecisato. Rimangono le dichiarazioni, ma queste purtroppo servono a poco.