11 Maggio 2021

Bimbo precipitato dalle scale, l’unica certezza è la sentenza

By Gianfranco
Bimbo precipitato dalle scale

Bimbo precipitato dalle scale, finalmente abbiamo la sentenza di primo grado. Occorre però attendere la pubblicazione dell’intero pronunciamento.

Bimbo precipitato dalle scale. E’ stata emanata la sentenza. Su questa stanno girando diverse interpretazioni e post. Si potranno esprimere valutazioni più oggettive, quando avremo le motivazioni.

Bimbo precipitato dalle scale, abbiamo la sentenza

Bimbo precipitato dalle scale. Era il 18 ottobre 2019 (ore 9,30), Leonardo un bimbo di sei anni ha il permesso da parte delle maestre di andare da solo al bagno. Al ritorno incuriosito da alcune voci provenienti dai piani di sotto, sale su una sedia incustodita. Si sporge, perde l’equilibrio e cade. Il volo 13 piani è stato fatale. Dopo un anno mezzo abbiamo la sentenza di primo grado. L’esito era quasi scontato. L’istituzione scolastica è sempre responsabile di un evento che può causare un  danno o peggio la morte di un minore (art. 2048 c.c). La giovanissima età del bimbo sicuramente rappresenta un aggravante. Inoltre, la presenza della sedia vicino la ringhiera delle scale non ha aiutato la difesa delle persone coinvolte a far rientrare l’evento  nell’imprevedibilità. Quindi la sentenza era scontata: condanna per una maestra a un anno, due anni alla collaboratrice scolastica (patteggiamento) e rinvio a  giudizio per l’insegnante di sostegno.

Al momento l’unica certezza è la sentenza

La diffusione della notizia, ovviamente ha favorito moti post di utenti social. Quasi tutti fanno parte del personale scolastico. In sintesi emerge la frustrazione, la rabbia e lo sconcerto per una situazione che richiedeva quasi “la palla di vetro“; si evidenzia la carenza di collaboratori al piano in molti istituti, l’impossibilità di un controllo multiplo a distanza verso il bambino e la classe…
Ogni post ha le sue ragioni. Quasi sempre fondate su una quotidianità divenuta complessa e difficile, grazie anche alla vivacità e intraprendenza di molti alunni.
Occorre, però, dire che tutti gli interventi si basano sul NULLA o quasi. L’unica cosa certa è la sentenza. Questa però è il risultato finale di una serie di considerazioni e motivazioni. Per evitare di cadere nell’angoscia e nella paura paralizzante, è necessario attendere la pubblicazione dell’intera sentenza. E’ una buona abitudine che ci consente di distanziarci dal sensazionalismo che porta la stampa a mettere in primo piano, la parte della notizia che suscita paura. Questo sentimento è la migliore garanzia per fare audience e quindi migliorare la situazione finanziaria di un giornale o sito di informazione.
A questo aggiungo che in Italia vale il principio  “civil law”. In altri termini una sentenza non ha valore di legge. La sua efficacia è circoscritta ai soggetti coinvolti. Al limite può essere un punto di riferimento per casi simili, ma in nessun caso assume una funzione normativa valida per tutti. Ora la peculiarità di una sentenza si nasconde nelle condizioni e nei particolari presenti al momento del verificarsi della vicenda. Questi aspetti sono sempre ben analizzati in ogni pronunciamento.
La lettura e la riflessione ponderata su tutta la sentenza può ridurre, senza però azzerare lo stato d’ansia e paura che caratterizza il profilo psicologico degli insegnanti.