Archivi categoria: Diritti

Ministro Fedeli. Le tante dichiarazioni nascondono…


In questi ultimi giorni il Ministro ha aumentato esponenzialmente i suoi interventi.
Riporto qualche stralcio:
Classi troppo omogenee, con alunne e alunni ‘raggruppati’ per ‘bravura’, rappresentano un fenomeno contrario ai principi della nostra Costituzione, che va arginato”… “Un guppo di lavoro “avanzerà proposte concrete per sostenere insegnanti e dirigenti nella loro missione educativa, per un effettivo contrasto della dispersione scolastica
Il giorno in cui tutti insieme faremo riconoscere economicamente il valore di essere insegnante molti uomini arriveranno
” I docenti devono essere pagati molto di più…Il doppio di quanto prendono ora…Ma non bisogna fare demagogia, non è un risultato che si possa raggiungere in poco tempo. Questa però è l’obiettivo a cui si deve tendere“.
Bisogna puntare sulla qualità e l’innovazione dei contenuti della formazione di chi sta con gli alunni. Un insegnante deve avere la capacità di instaurare una relazione con la classe
E qui mi fermo.
Le suddette dichiarazioni hanno il contratto e la classe come punti di riferimento.
I ripetuti richiami ad un contratto realmente significativo, dignitoso e adeguato al lavoro del docente, nascondono una certa impotenza di funzione, favorendo il riemergere dell’ “anima sindacalista” del Ministro . L’on. V. Fedeli sa benissimo che altri sono i “governatori del sistema scuola“. Prima di tutto il Governo e poi il Parlamento ( non potrebbe essere diversamente) che hanno “perimetrato” finanziariamente il contratto, attraverso le  Leggi di Stabilità 2016 e 2017. I provvedimenti  prevedono aumenti indecenti e irrispettosi della funzione docente.
L’altro governatore è il Ministro Madia ( Ministro della semplificazione  e della Pubblica amministrazione), formalmente responsabile e quindi mittente dell’Atto d’indirizzo che farà da sfondo giuridico al contratto.
Da qui si spiega il tono del Ministro Fedeli che fa continuamente riferimento (implicitamente) a soggetti diversi dalla sua persona, che hanno la possibilità di produrre quella discontinuità rispetto ai ” compiti in casa” del finanzcapitalismo (L. Gallino)
Un suggerimento: si dimetta per inviare un forte segnale di dissenso verso un contratto , sul quale la sua “anima sindacalista” si trova in disaccordo. Ma ne avrà il coraggio?
Sulla questione classe,  invece il Ministro riveste gli  abiti del politico, proponendo discorsi carichi di un verbosità irritante, per chi ogni giorno entra in aula. Mi riferisco alla relazione educativa, alla dispersione o inclusività, e all’istituzione di una commissione.
Qui mi sarei aspettato la comunicazione della presentazione di un provvedimento legislativo, finalizzato al superamento dell’aberrante organizzazione contraria ai principi della Costituzione ( sicurezza e diritto allo studio per tutti). Mi riferisco alle classi pollaio, che spesso durante la settimana  si “gonfiano” diventando “superpollaio“, grazie al Governo Renzi e che rappresentano un impedimento ad una relazione significativa, un depotenziamento di ogni progetto contro la dispersione…
Ricordo al Ministro quanto ha scritto M. Ravelli nel suo ultimo lavoro ” Populismo 2.0”  ( Einaudi, 2016) ” Il populismo è sempre indicatore di un deficit di democrazia, cioè di «rappresentanza »… un deficit «senile», quando cresce il numero di cittadini che non se ne sentono piú «coperti». Traduco. La politica termina di essere una possibilità di cambiamento quando diventa verbosa, vuota e distante dai reali problemi degli interlocutori(gli insegnanti), perdendo la sua funzione di rappresentanza.

Brutti segnali per l’istituto contrattuale

Il ministro della Pubblica amministrazione, Marianna Madia, interviene al convegno dei Giovani imprenditori di Confindustria, Santa Margherita Ligure (Genova), 10 giugno 2016. ANSA/ LUCA ZENNARO

Finalmente il Ministro della Pubblica Amministrazione Marianna Madia ha scoperto le carte gli aumenti contrattuali riguarderanno solo i lavoratori con un reddito non superiore ai 26.000 € lordi annui. Quindi solo i soggetti a basso reddito sarebbero beneficiati e corrispondono a 1/3 di tutti i beneficiari. In soldoni saranno 30 € lordi a “statale”. Per correttezza, con nota ANSA, il ministro ha smentito l’affermazione. Questa rettifica non cambia però la direzione verso la quale si sta andando.
Comunque, che dire, se la prima dichiarazione del Ministro dovesse concretizzarsi in un atto di indirizzo all’ARAN ? In parte, va bene così. Se invece il Ministro confermasse la decisione di elargire a tutti i 300 milioni messi a disposizione dal governo Renzi, ad ogni lavoratore spetterebbero 10 € lordi. Un’offesa! Uno schiaffo alla dignità di ogni pubblico dipendente.
La mia riflessione, però come scrivevo sopra, intende andare oltre la notizia,  soffermandosi sul processo messo in atto e  alla meta alla quale tende e quindi seguendo quanto detto da F. Hegel ” Non osservare l’albero, ma la foresta”. E il processo si chiama decontratualizzazione del rapporto di lavoro teso a “spogliare” il lavoratore dei diritti acquisiti in questi sessant’anni e nel contempo a “caricarlo” esponenzialmente  di doveri e oneri. Strategia che risulterà facilmente vincente, in quanto avrà come suo referente un lavoratore a legami deboli e fragile egli stesso perché  atomizzato, monadizzato ( T. Hobbes ) e prigioniero delle “passioni tristi” ( B. Spinoza ) . Inevitabilmente egli metterà in pratica il detto hobbesiano ” Homo homini lupus che favorirà la percezione del”altro come un concorrente, un avversario da superare nella gara al “premio” e al bollino del ” merito”. In questo contesto, ovviamente, il sindacato, sarà un ricordo, in quanto il processo di “disintermediazione” ( superamento o bypasssamento dei corpi intermedi ) si sarà concluso con l’affermazione di un rapporto privilegiato tra l’Amministrazione e il singolo lavoratore. Devo dire, con grandi responsabilità del sindacato, incapace di individuare percorsi alternativi al logoro  strumento  dello sciopero  ( depotenziato dalla legge 146/90 ).
Scenari apocalittici? Me lo auguro, ma i segnali purtroppo vanno tutti nella suddetta direzione: blocco dei contratti fino al lontano 2020 e vacanza contrattuale solo dopo il 2018 ( legge di stabilità 2016 ). Non illudiamoci apparentemente cinque anni sembrano pochi, in realtà sono sufficienti per assestare gli ultimi colpi al sistema delle tutele e ritrovarci con la sola foglia di fico. Del resto la L. 107/15 ( “Buona scuola”), quasi fotocopia del disegno Aprea,  va in questa direzione con il peso sempre maggiore dato al singolo docente attraverso il merito e la premialità. Non ci scandalizzi che questa legge sia stata proposta e  fatta approvare da un governo fintamente di sinistra. Ha scritto E. Bloch ” Per far approvare provvedimenti di destra, è sufficiente che questi siano macchiati di rosso, cioè del colore della sinistra”

Normativa scolastica: tre interessanti siti

sentenza1

Gli aspetti giuridici della nostra professione di docenti  non sono adeguatamente considerati.
Lo diventano, ovviamente, quando, un problema, una situazione ci ricordano che non viviamo solo di didattica.
Nel Web esistono diversi siti che trattano di leggi, pareri e sentenze. Indubbiamente il migliore, è Italiascuola . Completo, chiaro e preciso nelle indicazioni, riferimenti giuridici.e nel suo database ha centinaia di pareri di avvocati e giudici o comunque esperti in materia giuridica. Purtroppo, però per accedere ai suoi tanti servizi occorre versare una quota di abbonamento annuale.
In alternativa esistono tre siti, che personalmente consulto frequentemente.
Il primo, Diritto scolastico, si avvicina un “pochino” all’offerta di settore di Italiascuola.
Gli altri due, laleggepertutti e Studiocataldi, trattano tutta la giurisprudenza.
Per comodità i due link sopra rimandano ai settori scuola.

Il Miur non si ferma più

animatori-digitali-1

“Ciascun istituto scolastico scolastica dovrà individuare ( 11-16 marzo ), tenendo conto anche del parere dell’animatore digitale:

  • n. 3 docenti che andranno a costituire il team per l’innovazione digitale. Essi costituiranno il team per l’innovazione digitale che supporterà l’innovazione digitale e l’attività dell’AD
  • n. 2 assistenti amministrativi;
  • n. 1 unità di personale (ATA o docente) per l’Assistenza tecnica, c.d. Presìdi di pronto soccorso tecnico (per le sole istituzioni scolastiche del primo ciclo) ;
  • n. 1 assistente tecnico (per le sole istituzioni scolastiche del secondo ciclo).”Interessante l’idea, da me sponsorizzata di un team che supporti l’attività dell’A.D. Personalmente sono convinto della necessità di diffondere la formazione 2.0 ( non mi piace l’espressione “cultura digitale” )
    Il problema però è il compenso. Non è previsto neanche per queste figure intermedie.
    E al Miur questo “giochino” piace, ricevendo, tra l’altro,  “rinforzi positivi” dall’adesione degli 8.000 animatori digitali che pur lamentandosi, continuano nel loro impegno a mostrare la loro professionalità a  compenso zero .
    L’approccio del Miur, però, non si è limitato al PNSD, ma ha riguardato anche gli e-tutor,  ( non mi risulta che abbiano ricevuto compensi. Mi piacerebbe, ovviamente, essere smentito ) i mobility manager e i commissari per il concorso ordinario incentivati questi ultimi con un compenso irrisorio e irrispettoso.
    Ormai a Viale Trastevere hanno compreso che i docenti sono disponibili a tutto. Quindi perché non insistere?