“Culpa in vigilando”: una sentenza inquietante

 

este_07132816_28240
Le sentenze si rispettano, ma si possono criticare.  In riferimento al pronunciamento della Cassazione sul caso di una ragazza diciasettenne precipitata da un solaio, esprimo alcune considerazioni che portano a un bivio inquietante  . Nel riportare i fatti si scrive che la ragazza saliva su un  parapetto di un balcone e da lì si poneva in una situazione di rischio che poi l’ha portata a cadere nel vuoto per 12 metri con conseguenze gravissime per la sua salute.  Ora è difficile pensare che una ragazza a 17 anni,  non sia consapevole dei rischi   che comporta lo scavalcamento di una ringhiera. Del resto il termine “scavalcamento” rimanda necessariamente ad un ostacolo da superare.
Ora  I giudici ribadendo il principio della minore età e quindi l’incapacità del soggetto di intendere e volere ( mi riesce difficile attribuirlo a ragazzi molto vicini alla maggiore età, molti dei quali oggi hanno un motorino ) che   spesso   può indurre una persona  a  compiere atti incontrollati e potenzialmente autolesivi, ricordano  l’obbligo di diligenza per così dire preventivo che incombe sull’Istituzione scolastica e in particolare sugli insegnanti , che si traduce nel “dimostrare  di avere compiuto controlli preventivi e di avere impartito le conseguenti istruzioni agli allievi affidati alla loro cura e vigilanza“.  Non ho parole! Rimango basito! La sentenza, infatti,  proietta  una pericolosa e inquietante ombra sugli insegnanti  che li  indurrà  a scegliere alberghi, somiglianti a dei lager con  finestre chiuse da  inferriate e balconi ingabbiati. L’alternativa ( impraticabile ) è essere onnipresenti nelle camere. Ma in questo modo  si rischia un’ eventuale denuncia per pedofilia. In altre parole, se rimani fuori dalle camere rischi in caso di infortunio  la denuncia per omessa vigilanza – difficile trovare alberghi con stanze “cieche” cioè senza finestre  Se invece entri  ed esci da una camera all’altra rischi il penale.  Qualcuno sa indicare una soluzione praticabile  e  sicura civilmente e penalmente? Attendo qualche indicazione. Diversamente non rimane altro che rinunciare alla bellissima esperienza del campo scuola. Dispiace.