Le nostre tombe…

images[1]
La sicurezza, meglio l’insicurezza degli edifici scolastici ormai è un dato di fatto. Fa parte di quelle notizie che nessuno può contestare nella loro drammaticità. Brevemente qualche dato: 10.000 scuole hanno urgente bisogno di interventi strutturali, il 52% degli edifici costruiti prima del 1974 sono prive del certificato di agibilità statica. Quest’ultimo  dato diventa particolarmente drammatico se pensiamo all’alto tasso di sismicità del nostro territorio. Continuo: la FLC-CGIL denuncia che in Sardegna, regione colpita recentemente  da eventi meteorologi estremi, non si effettua da diverso tempo neanche la manutenzione ordinaria.  La sintesi della  criticità dei nostri edifici scolastici l’ha data la protezione Civile ( 2008), stimando in un costo complessivo di 12 miliardi di € – l’equivalente nell’acquisto degli F35 – per mettere in sicurezza le nostre scuole. Bene, cosa fa, meglio cosa dichiara il MInistro Carrozza? Sbandierà un successo aver ottenuto 800 milioni per gli interventi urgenti. Certo è qualcosa, ma se li rapportiamo ai 12 miliardi necessari – La Carrozza in pubblico non cita mai questo dato – corrispondono a questo valore: 7% ca . Quindi non si raggiunge neanche l’10%. Questo è il valore reale dell’infanzia, dei ragazzi per il nostro Paese.
Le nSiamo una Nazione meravigliosa, capace di slanci generosi e altruistici invidiabili, che tentano di mettere le “toppe” ai disastri annunciati e facilmente prevedibili. Mi piacerebbe, però, assistere sempre meno a questi atti generosi, perché lo Stato ha deciso di investire in sicurezza, attraverso un piano nazionale di ristrutturazione  degli edifici scolastici. Sento già qualcuno dire: ” Ma i soldi non ci sono?”. Rispondo: ” Ci sono, vedi l’acquisto degli F.35, ma la nostra classe politica ha altre priorità!!!”. L’attuazione di questo piano, costituirebbe, inoltre, un ‘occasione di lavoro per molti e quindi un contributo all’aumento  del P.I.L. e  degli introiti fiscali. Invece, preferiamo, piangere i morti, già sepolti da  cemento e gesso, vedere la passerella dei politici, che promettono davanti a un microfono “sostegni economici per l’emergenza”, “solidarietà alle famiglie delle vittime”…