Posted in: Scuola

Contagi a scuola, il rapporto Iss tra affermazioni e un’incertezza

Contagi a scuola
Contagi a scuola, finalmente abbiamo il rapporto dell’Iss.

Contagi a scuola, l’Iss ha pubblicato il suo rapporto. Presenta uno scenario definitivo con il quale occorrerà fare i conti.

Contagi a scuola, l’Iss ha pubblicato il suo rapporto

Contagi a scuola, finalmente l’Iss ha pubblicato il suo rapporto. Il Corriere della Sera presenta sinteticamente il report. “ i dati riportati della rilevazione dell’Iss, si riferiscono a diagnosi effettuate tra il 24 agosto e il 27 dicembre. I casi in tutto il paese sono stati 2 1.783.418, di questi 203.350 (11%) in età scolare (3-18 anni). La percentuale dei casi in bambini e adolescenti è aumentata dal 21 settembre al 26 ottobre (con un picco del 16% nella settimana dal 12 al 18 ottobre) per poi tornare ai livelli precedenti… In età scolare, si riscontra un aumento dell’incidenza con l’aumentare dell’età, i valori più alti si osservano per i ragazzi di 14-18 anni (57/100.000) e 11-13 anni (53/100.000), seguiti dai bambini di 6-10 anni (37/100.000) e 3-5 anni (24/100.000) I picchi di incidenza più alti sono stati riscontrati in Valle d’Aosta (circa 200/100.000) nella classe di età 14-18 anni e in Lombardia, Liguria, Bolzano (intorno a 100/100.000) nelle fasce di età 14-18 e 11-13″.

Alcune considerazioni

Innanzitutto il  rapporto conferma altri studi che presentano una maggiore vulnerabilità degli studenti delle superiori al virus, meno gli allievi delle scuole medie e della primaria.
Da qui occorre partire per comprendere perché le istituzioni del primo ciclo sono rimaste aperte in questo periodo. Il rischio zero non esiste, ma pare che per questi allievi si presenti con una probabilità accettabile. Il governo potrà considerare la chiusura solo se i dati proporranno un’altra valutazione.
Occorre evitare di interpretare erroneamente i titoli dei giornali, le dichiarazioni dei politici e degli esperti di questi giorni. Essi limitano la possibilità di una chiusura alle scuole superiori per via delle criticità dei mezzi di trasporto.
L’Iss non si dimostra sicuro, però sul contributo delle scuole al contagio. Da una parte afferma  che “l’andamento dei casi di COVID-19 nella popolazione in età scolastica ha seguito quello della popolazione adulta” dall’altra si legge ” l’impatto della chiusura e della riapertura delle scuole sulle dinamiche epidemiche rimane ancora poco chiaro“. In questi passaggi possiamo sperimentare il profilo post-galileiano della scienza che procede per approssimazioni, applicando il principio della falsificazione di K. Popper.

 

Posted in: Scuola

Contagi a scuola, un nuovo articolo del “Il Tempo”. Occorre l’intervento degli esperti

Scuola e contagi
Contagi e scuola, il quotidiano “Il Tempo” pubblica un altro studio. Per una valutazione scientifica occorrono i tecnici.

Contagi a scuola, “Il Tempo” quotidiano romano continua a sfornare studi. Per evitare di incorrere in errori o amplificazioni di tesi anche diverse, occorre l’intervento dei tecnici, che però confermano il carattere probabilistico della scienza post-galileiana.

Contagi a scuola, la controversia inizia a novembre

Contagi a scuola, questa mattina “Il Tempo” pubblica un nuovo articolo a firma di F. Bechis (Direttore) che conferma l’orientamento del quotidiano: forte critica al governo e alla Ministra Azzolina. Il tutto è iniziato con un articolo “morbido” e proseguito con un altro dal tono duro e francamente inopportuno. Ecco i titoli:” Ecco i veri dati del Covid. Adesso chiudete le scuole” (12 novembre), ” La Azzolina ci accusa di fake news. Ma è lei che ha mentito agli italiani” (5 dicembre)

F. Bechis, apre un nuovo fronte

Del nuovo intervento prendiamo alcuni passaggi  per poi concludere con una riflessione: ” Oggi pubblichiamo paragonandoli alla serie storica già pubblicata quelli contenuti nell’ultimo bollettino epidemiologico a cura dell’Istituto superiore di Sanità. Si tratta dei contagi in tutta Italia alla data del 22 dicembre scorso, divisi per fasce di età. A differenza delle altre volte abbiamo separato in decadi come è nel bollettino originario la fascia che avevamo chiamato «popolazione scolastica», scomponendola nella decade 0-9 anni che in questi mesi è sempre andata a scuola e nella decade 10-19 anni che invece ha iniziato in gran parte territorialmente la didattica a distanza dalla fine di ottobre facendo poi diventare questa una regola su tutto il territorio nazionale. Bene da questa estate (25 agosto) al 7 novembre quando la didattica a distanza è diventata regola per le superiori la maggiore crescita dei contagi si è verificata nella decade 10-19, che racchiude gli studenti delle medie e delle superiori (+ 1.042,57%), seguita dalla decade 0-9 degli studenti di asili, materne ed elementari (+831,41%). Terzo posto la decade 20-29 anni, che comprende tutti gli studenti universitari (+556,88%). Dal giorno di chiusura delle scuole superiori e università fino al 22 dicembre scorso queste due categorie che erano state al primo e al terzo posto su dieci decadi nella classifica anagrafica dei contagi, sono scivolate rispettivamente all’ottavo e al settimo posto nella crescita dei contagi, dimostrando con chiarezza che il problema della seconda ondata è stata proprio la scuola in presenza priva di sicurezza. Ma al primo posto nella classifica dell’aumento dei contagi fra il 7 novembre e il 22 dicembre c’è la fascia di età 0-9 anni che comprende tutti i bambini che hanno continuato perfino nelle zone rosse a frequentare in presenza le lezioni. Cosa dicono con chiarezza questi numeri? Quello che ripetiamo da mesi: è stata la scuola il motore della seconda ondata. Ma siccome i contagi oggi salgono più di tutti fra i bambini delle scuole elementari, il problema non è stato quello dei trasporti con cui si va a lezione.”

Troppo di parte. Occorrono degli approfondimenti di più tecnici

Siamo nel tempo dove l’informazione è divenuta il nuovo oro nero. In questa categoria, inserisco anche i tanti dati personali e sensibili che molti internauti disseminano nel Web, come le “briciole di pane” (Hansel e Gretel).
Su questo valore si gioca la democrazia ed è messo a dura prova il senso critico delle persone che non sempre hanno gli strumenti culturali e cognitivi per discernere le informazioni asciutte della scienza  da quelle condizionate da pregiudizi e orientamenti culturali.
Nel caso specifico occorre l’intervento dei tecnici. Se il risultato fosse la conferma tra chi sostiene la tesi della scuola come “amplificatore dei contagi” e chi invece è convinto che l’istituzione scolastica ricopra un ruolo di assorbimento”, allora saremmo di fronte all’unica certezza che accompagna  il pensiero scientifico: si procede per tentativi ed errori. Del resto di fronte a un virus, ancora non completamente conosciuto, questa è l’unica certezza.
La scuola è una realtà seria! Non può divenire un oggetto del contendere tra tesi diverse, ognuna delle quali dice la sua verità.

Posted in: Scuola

Contagi e scuola, si parla tanto degli studenti. E gli insegnanti?

 

Contagi a scuola
Contagi a scuola, si parla poco del coinvolgimento sanitario dei docenti. Due ricerche preoccupano

Contagi a scuola. Le riflessioni sulle ricerche puntano i fari sugli alunni e gli studenti. Pochi sono gli studi che guardano la situazione dalla parte dei docenti.. Occorre, invece porre la stessa attenzione su di loro, tenendo conto della loro fragilità

Contagi a scuola, due ricerche presentano lo scenario docente

Contagi a scuole, esistono degli studi che focalizzano l’attenzione sul grado di diffusione dei contagi da parte degli studenti. Purtroppo non portano alle stesse conclusioni.
Pochissimi sono, invece le ricerche che presentano la situazione dalla parte dei docenti.
In tal senso risultano interessanti gli studi  gli studi di A. Ferretti  e quello pubblicato ieri da Il Corriere della Sera.
A differenza delle ricerche che trattano i contagi degli studenti, essi portano alla medesima conclusione: I docenti hanno un tasso di contagiosità maggiore rispetto alla popolazione.
Si legge nello studio di A. Ferretti, limitato alla regione Piemonte ” “la percentuale di contagi tra il personale scolastico è arrivata al 280% di quella della popolazione, il che corrisponde ad un’incidenza del contagio quasi tripla…Il fatto che l’incidenza del contagio tra il personale scolastico sia sensibilmente più alta di quella generale è indice del fatto che tale personale è più esposto al contagio rispetto alla media della popolazione. Se le scuole non fossero un luogo ove avviene il contagio, ci si aspetterebbe un’incidenza simile o inferiore a quella della popolazione. Dal momento che l’unica differenza rilevante tra il personale scolastico e la popolazione generale sta nella particolare attività lavorativa, è evidente che la causa dell’incidenza più elevata sta proprio nell’attività lavorativa stessa”
La conferma proviene dal secondo studio pubblicato dal quotidiano milanese.
” Tra gli insegnanti e il personale non docente l’incidenza è stata due volte superiore a quella osservata nella popolazione generale (circa 220 su 10 mila) perché il numero di tamponi effettuati è molto elevato. Il numero di test per istituto a settimana è infatti variato in media da 7 nella scuola materna a 18 nelle scuole medie, con diverse scuole che fanno ben oltre i 100 test in una settimana durante il tracciamento.”

Occorre capire e agire

Ovviamente serviranno altre conferme a livello regionale e nazionale. La giusta attenzione rivolta verso gli studenti, sta rischiando però di dimenticare il secondo soggetto della scuola: il personale della scuola, che mediamente risulta molto esposto al contagio Covid per ragioni anagrafiche. Secondo un comunicato Anief “La percentuale di over 55 passa da poco più il 40% tra i docenti (quasi 300 mila persone) a quasi il 60% tra gli Ata, quindi altri 150 mila lavoratori.”
Più dettagliato il report su Tuttoscuola.it  tra i docenti di ruolo erano complessivamente il 40,8%, di cui il 49,0% tra gli uomini e il 39,1% tra le donne. Nella secondaria superiore erano il 47,5%, di cui il 52,5% tra gli uomini e il 44,8%. Anche nella secondaria di I grado tra gli over 55 (media complessiva del 40,8%) la percentuale maggiore (44,5%) si trovava tra gli uomini, mentre le donne sfioravano il 40%.
Nella scuola primaria la media generale di docenti over 55 anni era del 35,2%: nella scuola dell’infanzia l’8%.
Tra il personale ATA delle scuole statali la media di età è ancora più alta: 57,2%, di cui il 59,2% tra gli uomini e il 56,3%.
La Ministra Azzolina ha sempre dichiarato che gli insegnanti non saranno lasciati soli. Lo dimostri con i fatti, attrezzandoli con mascherine PPF2 e dando loro una possibilità maggiore di essere dispensati dalle lezioni frontali per motivi sanitari. Entrambe le proposte hanno dei costi (soprattutto la seconda), ma qui siamo di fronte a delle persone  che hanno diritto alla stessa attenzione rivolta agli studenti.