Archivi tag: Culpa in educando

Bullismo e cyberbullismo, le nuove responsabilità dopo la legge 71/17

 

Bullismo e cyberbullismo

Bullismo e cyberbullismo, comportano un aggiornamento nella culpa in educando, vigilando e organizzando

Bullismo e cyberbullismo fenomeni in esponenziale crescita. La scuola non può ignorarli e non solo. Riguardano i suoi ragazzi.
Purtroppo comportano un aggiornamento nelle responsabilità civili  e penali.
E’indispensabile conoscere i nuovi perimetri della culpa in educando (art. 30 Costituzione), culpa in vigilando e organizzando (2043,2047 e 2048 c.c).
Allo scopo ci viene in aiuto una agile contributo di M.Sabina Lembo, avvocato penalista del foro di Potenza, giornalista pubblicista. L’A. è anche presente nella Piattaforma E.L.I.S.A., finalizzata alla formazione dei Referenti per il contrasto al cyberbullismo (Legge 71/17 art. 4 comma 3).
Il contributo si sviluppa attraverso la presentazione  di otto quesiti, fornendo dal punto di vista giuridico interessanti soluzioni alle diverse criticità.
Testo disponibile solo in formato cartaceo. Il suo costo può risultare eccessivo, rispetto alle pagine (82). Sicuramente il prezzo scende  se acquistato in uno dei tanti store presenti nel Web.
Consigliato a tutti i responsabili dei nostri ragazzi.

Cyberbullismo, la “culpa in educando e vigilando” dei genitori

Cyberbullismo

Una notizia che chiarisce le responsabilità dei genitori, tenendo fuori la scuola!

Cyberbullismo, una notizia che fa chiarezza sulle responsabilità. Lo spartiacque sono i quattordici anni. Prima vede come responsabili i genitori, dopo il ragazzo.

Cyberbullismo, una notizia che chiarisce

Si legge su Stampa.it: ” Nella ricostruzione effettuata dagli agenti anche lo scatto della foto avrebbe i contorni della violenza, sarebbe stato infatti il ragazzo a tirar su di colpo la maglietta dell’amica e a scattarle una foto con l’immancabile smartphone, senza far troppo caso alle sue proteste. Solo la sua giovane età l’ha salvato da una denuncia pesante che però si è riverberata sui genitori, il mancato esercizio di una vigilanza adeguata all’età e indirizzata a correggere comportamenti inadeguati è alla base di quella che in termini penali si chiama «Culpa in vigilando» ed è in pratica alle base della responsabilità civile dei genitori. “

In primis, la responsabilità in “educando e vigilando” dei genitori 

Finalmente una bella notizia! Sono confermate le responsabilità educative sul fenomeno sotterraneo del bullismo online o cyberbullismo. Quattordici anni è la linea di demarcazione tra le due responsabilità. Prima del compimento di quest’età, i responsabili sono unicamente i genitori  Tutto inizia dal momento in cui si regala lo smartphone  al piccolo “non patentato” (sono un sostenitore di una patente per l’uso dello smartphone. Interessante questa iniziativa ) un dispositivo  troppo complesso da gestire. Soprattutto quando questo si affaccia nel Web! Del resto la differenza sostanziale tra lo smartphone e il cellulare risiede nella maggiore possibilità del primo di navigare come un pc desktop o un laptop nel virtuale.

La Polizia postale ha applicato la normativa

La polizia Postale non ha legiferato! Ci mancherebbe! Si è limitata ad applicare una norma che molti genitori ignorano o fanno finta di non conoscere.  Il riferimento è l’art.97 del Codice penale: “non è imputabile chi, nel momento in cui ha commesso il fatto, non aveva compiuto i quattordici anni ”

Ulteriori conferme dalla legge 71/17 e dal decreto di recepimento del GDPR

La norma è stata recepita implicitamente  dalla legge 71/17.
Ciascun minore ultraquattordicenne… può inoltrare al titolare del trattamento o al gestore del sito internet o del social media un’istanza per l’oscuramento, la rimozione o il blocco di qualsiasi altro dato personale del minore” (art 2,  comma 1). Ancora per i reati “commessi, mediante la rete internet , da minorenni di età superiore agli anni quattordici nei confronti di altro minorenne, è applicabile la procedura di ammonimento“.
Durante il lavoro di definizione del Decreto di recepimento del GDPR (25 maggio 2018), lo stesso Garante della Privacy si è pronunciato a favore dei quattordici anni come età minima per esprimere un consenso autonomo sui dati personali che possono gestire i servizi della società dell’informazione ( Facebok, Instagram,  WhatsApp…).
Chiudo con una bella notizia: la scuola non è chiamata in causa! Ad ognuno la sua parte e le sue responsabilità!