Archivi tag: foto minori

Foto minori nel Web, una sentenza conferma la pubblicazione prudente

Foto minori nel Web

Foto minori nel Web. La pubblicazione nei siti scolastici e nei social media è possibile. Una nuova conferma da una sentenza

Foto minori nel Web, la questione crea contrapposizioni negli Istituti scolastici. Spesso vince la paura, che in prospettiva non è sicuramente la linea vincente. Eppure il Garante per la Privacy (2016) ed ora anche una sentenza (2007/19) sostengono la pubblicazione prudente di foto e video nei siti e pagine social.

Foto minori nel Web, una buona notizia dal “Sole24 ore

Foto minori nel Web. La pubblicazione  divide, contrappone docenti e Dirigenti scolastici. In molti casi vince la paura. Nell’immediato questa paga, perché paradossalmente tranquillizza. In prospettiva però, gli Istituti non possono essere governati dalla paura, considerata la progressiva e irreversibile esposizione nel Web di attività, progetti….
Ai fini di una gestione critica e responsabile dei dati personali (= foto e video) da parte delle scuole e  fondata su riferimenti autorevoli, viene in soccorso una recente sentenza, riportata dal  quotidiano “Scuola24“, associato al “Il Sole 24 Ore” . Si legge ” Solo la liberatoria firmata dai genitori salva il docente di un liceo classico romano sanzionato per aver realizzato un calendario con gli studenti nell’ambito di un progetto promosso dalla scuola, che però aveva irrogato al prof la censura per aver raccolto i dati degli alunni minori di propria iniziativa. In questo caso il tribunale ha accolto il ricorso del docente che aveva appunto fatto sottoscrivere la liberatoria ai genitori insieme all’informativa privacy (Tribunale di Roma, sentenza del 28 febbraio 2019 n. 2007).

Foto minori nel Web, una nuova conferma

La sentenza non è rivoluzionaria! In altri termini, non apre un nuovo scenario.
Il pronunciamento, pur presentato sinteticamente, conferma, infatti, l’orientamento del Garante della Privacy (2016) sulla liceità della pubblicazione di immagini e video nei siti scolastici di studenti, che certificano un progetto previsto nel Ptof. Non poteva essere diversamente. Si legge nel documento ” Le istituzioni scolastiche pubbliche possono trattare solamente i dati personali necessari al perseguimento di specifiche finalità istituzionali oppure quelli espressamente previsti dalla normativa di settore. Per tali trattamenti, non sono tenute a chiedere il consenso degli studenti ” o dei genitori, in caso di minori con età inferiore ai quattordici anni.
Indubbiamente l’istruzione e la formazione dell’uomo e del cittadino costituiscono il fondamento e il coronamento dell’istruzione pubblica. Tutto questo si declina in attività, progetti e altro che in molti casi in una logica di trasparenza e di rendicontazione richiedono la pubblicazione video e fotografico  del progetto realizzato.
Situazione leggermente diversa, che però non cambia il quadro d’insieme, per la pubblicazione di foto e video nei social media. In questo caso occorre il consenso esplicito del genitore o del minore ultraquattordicenne. Indicazione ripresa dal GDPR (25 maggio 2018 ) e dal decreto applicativo 101/08.

Chi non può far meno della liberatoria…

Tra la presa di posizione del Garante della Privacy (2016) e le scuole esiste, però una incoerenza, dovuta soprattutto alla cautela  entro la quale si muovono gli Istituti scolastici. Questi ultimi richiedono quasi sempre la liberatoria per foto o video pubblicati sui siti istituzionali.
Allora quali  caratteristiche devono avere queste richieste? Scrivevo quasi un anno fa: “Per quanto riguarda la chiarezza, devono essere espliciti il fine esclusivo di “documentare le attività formative” ( criterio della legittimità e proporzionalità), gli ambienti dove si intende pubblicare le foto (sito, social, piattaforma di condivisione…), il grado di privacy applicato o personalizzato… 
A questo occorre aggiungere la tipologia dei video o delle foto, definiti necessariamente  da secondi piani  dove il singolo ‘si perde’  nel piccolo o grande gruppo. A mio parere il suddetto materiale risulta coerente con il criterio della proporzionalità con il fine cioè documentare esclusivamente un’attività o un progetto e non ‘il bel visetto’ dell’alunno/studente in primo piano.”

Pubblicazione di foto dei minori, la decisione spetta solo ai genitori

Pubblicazione di foto dei minori

La pubblicazione delle foto o video nel Web rimanda a una grande responsabilità che coinvolge solo i genitori.

Pubblicazione di foto dei minori, la decisione spetta esclusivamente ai genitori anche dopo la fine di un rapporto. Una recente sentenza conferma il quadro internazionale, europeo e nazionale.

Pubblicazione di foto dei minori, una questione troppo delicata

La pubblicazione di foto dei minori è una questione molto delicata, considerando che i dati personali del minore (=foto, video) immessi nella Rete non possono essere controllati. Il processo di condivisione, infatti,  annulla la possibilità di gestione da parte di chi li posta e quindi l’utilizzo scorretto del dato personale da parte di terzi.  Un bambino è un bene  prezioso verso il quale abbiamo l’imperativo morale di proteggere senza se e senza ma.  Ha dichiarato Papa Francesco “Un figlio è un figlio: una vita generata da noi ma destinata a lui, al suo bene, al bene della famiglia, della società, dell’umanità intera”

Conta solo chi ha la responsabilità genitoriale 

Quindi solo gli adulti  che ricoprono la responsabilità  genitoriale possono in comune accordo pubblicare o autorizzare la diffusione di  foto, video  del loro figlio nel Web. La decisione  deve essere ben ponderata, tenendo presente l’interesse supremo del bambino. E questo vale anche dopo lo scioglimento, la cessazione  degli effetti civili, l’annullamento, la nullità del matrimonio, una sentenza di separazione e divorzio e in presenza di una nuova figura che   non  può quindi vantare alcun potere  sul minore.
La responsabilità genitoriale (2013), infatti ha sostituito quella di patria podestà (diritto romano), divenuta poi podestà genitoriale (parità tra uomo e donna). Entrambe  rimandavano a un rapporto di supremazia sui figli. La nuova formulazione richiama  l’esclusivo bene del minore. Nulla di nuovo sotto il sole! Solo un adeguamento, un aggiornamento della legislazione alla Convenzione dei diritti dell’infanzia (1989), dove i diritti dell’infanzia rappresentano il fondamento e coronamento di ogni legislazione nazionale (art. 3). La direttiva è stata recepita in Italia dalla legge 176/91 e precisamente dall’art. 16 e recentemente confermata dal GDPR (25 maggio 2018) e dal decreto attuativo 101 (10 agosto 2018). E non ultimo il Garante della Privacy (2017).
Una recente sentenza ha ribadito tutto questo! Non poteva essere diversamente, considerando che si rimane  genitori per sempre anche dopo la fine di un rapporto.

Foto minori, un’autorevole conferma alla mia tesi

 

Foto minori

Il Garante della Privacy chiarisce la questione. Rimangono però due problemi

Foto minori, finalmente arriva una piacevole conferma alla mia tesi. Del resto è una pratica molto diffusa tra le scuole

Foto minori, l’intervento che chiarisce la questione

Su Tecnicadellascuola.it è apparso un articolo sulla liceità della pubblicazione delle foro dei minori sul sito web della scuola.
Si legge: “Ma quale può essere il motivo istituzionale che autorizza la scuola a pubblicare le fotografie? Per tagliare la testa al toro non ci è rimasto altro che porre un quesito al Garante della protezione dei dati personali che immediatamente, il giorno stesso del quesito, ci ha risposto (evviva, quando le Istituzioni funzionano!) contattandoci al telefono e affermando che la condotta del MIUR è corretta trattandosi di immagini diffuse per motivi istituzionali e che anche le scuole per motivi istituzionali possono pubblicare le fotografie degli studenti senza la richiesta di consenso.
Non essendoci un provvedimento di carattere generale che autorizzi o disponga la pubblicazione delle fotografie degli studenti la scuola potrebbe ricondurre la pubblicazione in un ambito istituzionale almeno nei seguenti modi:
dimostrando che la pubblicazione delle fotografie o video è indispensabile per la valenza di uno o più progetti didattici. A tale scopo occorre descrivere nel PTOF, meglio se singolarmente per ogni progetto coinvolto, i motivi didattici che rendono necessaria la pubblicazione delle fotografie”

Il Garante della Privacy, conferma la mia posizione

Sempre ho sostenuto questa posizione. In altri termini: è possibile pubblicare foto e video, purché sia giustificata dalla singola progettualità, inserita nel PTOP. Del resto le scuole si sono sempre regolate in questo modo.
Scrivevo qualche settimana fa, trattando della liberatoria: “Per quanto riguarda la chiarezza, devono essere espliciti il fine esclusivo di “documentare le attività formative” ( criterio della legittimità e proporzionalità), gli ambienti dove si intende pubblicare le foto (sito, social, piattaforma di condivisione…), il grado di privacy applicato o personalizzato… 
A questo occorre aggiungere la tipologia dei video o delle foto, definiti necessariamente  da secondi piani  dove il singolo “si perde”  nel piccolo o grande gruppo. A mio parere il suddetto materiale risulta coerente con il criterio della proporzionalità con il fine cioè documentare esclusivamente un’attività o un progetto e non “il bel visetto” dell’alunno/studente in primo piano.”

Una decisione meno attaccabile

Non tutti però, sostengono questa poszione, ora divenuta più solida, grazie all’intervento del garante della Privacy. Mi riferisco ad A. Armone, autorevole esperta molto considerata  dalle scuole che basandosi sul Decreto 196/2003 articolo 19 comma 2 (“La comunicazione da parte di un soggetto pubblico a privati o a enti pubblici economici e la diffusione da parte di un soggetto pubblico sono ammesse unicamente quando sono previste da una norma di legge o di regolamento”), sostiene la tesi che l’istituzione scolastica non è tenuta a pubblicare immagini o video sul sito web istituzionale. In altri termini: se non è obbligatorio, perché rischiare?

Due problemi non di poco conto

Detto questo rimangono due problemi. Al momento non esiste una presa di posizione ufficiale, formalizzata in un documento. La comunicazione è avvenuta telefonicamente! Quindi i sostenitori del divieto assoluto di pubblicazione potrebbero evidenziare la debolezza giuridica di questa volontà.
A questo si aggiunge che a settembre “il pallino” passa in mano ai DPO (responsabili del trattamento dei dati personali), nominati dalle singole scuole o da reti. Mi augurio che prevalga la soluzione sponsorizzata dal Garante della Privacy.
A quest’ultimo chiedo la pubblicazione di un documento ufficiale, in modo da chiarire “senza se e senza ma” la questione e tranquillizzare i Dirigenti Scolastici.

Foto dei minori sui social, i pareri e il pronunciamento del Garante

Foto dei minori sui social

Foto dei minori sui social. Pareri spesso discordanti. Da tenere presenti sono quelli coerenti con il pronunciamento del Garante della Privacy.

Foto dei minori sui social, non sempre i pareri concordano. Tra questi contano, quelli coerenti  con il pronunciamento del Garante della Privacy.

Foto minori sui social, un articolo interessante 

Qualche giorno fa è circolato un articolo nel Web. Non recente. Infatti risale al 16.07.2013. Il titolo è ” Scuole e asili: è lecito pubblicare su Facebook le foto degli alunni minori
Presenta alcuni elementi già da me citati . Mi riferisco, innanzitutto alla possibilità di pubblicare dopo aver acquisto il consenso di chi esercita la patria genitoriale. Autorizzazione che deve far riferimento ad una richiesta dell’istituzione scolastica, caratterizzata dai criteri di legittimità e chiarezza.  Scrivevo: “Per quanto riguarda la chiarezza, devono essere espliciti  i fini ( criterio della legittimità e proporzionalità), gli ambienti dove si intende pubblicare le foto (sito, social, piattaforma di condivisione…), il grado di privacy applicato o personalizzato e la scadenza temporale per il loro trattamento.
A questo occorre aggiungere la tipologia dei video o delle foto, definiti necessariamente  da secondi piani  dove il singolo “si perde”  nel piccolo o grande gruppo.”

Esiste però un punto di non condivisione

Quindi tutto bene? Quasi! E’ presente  una parte che  che non condivido. Si legge: “Non è mai permessa invece, anche se è stato prestato il consenso, la pubblicazione sui social network (es. Facebook, Twitter ecc.). La legge infatti vieta alle istituzioni pubbliche di trasferire i dati personali degli alunni a soggetti privati, quali sono appunto le società che gestiscono i social network” L’autore cita l’Art. 18 D.Lgs. n. 196/2003 il quale recita: ” Le disposizioni del presente capo riguardano tutti i soggetti pubblici, esclusi gli enti pubblici economici. Qualunque trattamento di dati personali da parte di soggetti pubblici è consentito soltanto per lo svolgimento delle funzioni istituzionali.” 

Un intervento di diverso parere sullo stesso portale

Questa parte ha creato una certa apprensione in chi gestisce dati personali (foto o video) sui social, afferenti la scuola.
L’articolo presenta un parere! Questa mia affermazione è supportata da un altro articolo sullo stesso portale (11 novembre 2013), che però non conferma la  tesi del suddetto intervento. Infatti si legge: Attraverso la liberatoria”  la scuola potrebbe chiedere al genitore l’autorizzazione, oltre che allo scatto e alla videoripresa, anche alla diffusione di tale materiale, laddove ciò avvenga sempre per finalità “istituzionali” (scopi didattici e di ricerca, promozione culturale ecc.): si pensi per esempio… alla pubblicazione su siti internet, blog e fan page della scuola stessa. In questi casi, un docente può pubblicare la foto sulla pagina Facebook della scuola solo se lo fa per le finalità già rese note e acconsentite dai genitori con la liberatoria o se ha richiesto a questi ultimi il consenso specifico per la pubblicazione.”

Un’autorevole conferma: il pronunciamento del Garante della Privacy

Quest’ultima tesi è confermata  dal pronunciamento autorevole del Garante della Privacy, attraverso un interessante e agevole opuscoletto.  Si legge “Va però prestata particolare attenzione alla eventuale pubblicazione delle medesime immagini su Internet, e sui social network in particolare.
In caso di comunicazione sistematica o diffusione diventa infatti necessario, di regola, ottenere il consenso informato delle persone presenti nelle fotografie e nei video