Archivi tag: Marco Bussetti

Marco Bussetti sempre più Ministro leghista

Marco Bussetti

Marco Bussetti sempre più Ministro leghista dell’istruzione.

Marco Bussetti Ministro dell’istruzione persegue la sua riforma. Meglio quella della sua parte politica. Senza problemi dimentica altri aspetti del contratto di governo che riguardano il mostro della Riforma Gelmini.

Marco Bussetti e il suo sostegno al progetto leghista

Marco Bussetti si sta dimostrando sempre più un Ministro di parte. Sostiene e amplifica quelle parti del contratto di governo più vicine al sentire leghista. La regionalizzazione ne è l’ultimo esempio. Da subito il Ministro ha espresso il suo appoggio alla cosiddetta autonomia differenziata, limitata per ora a tre regioni (Veneto, Lombardia ed Emilia-Romagna). Ha dichiarato al quotidiano La Stampa : L’autonomia può essere un’opportunità. se ci sono territori che pensano di poter utilizzare meglio le risorse nazionali, e di poter aggiungere risorse proprie per migliorare il settore dell’Istruzione, perchè impedirlo”
Pur con maggiore freddezza, traspare il medesimo appoggio nella dichiarazione riportata dal portale ScuolaInformaIl tavolo sull’autonomia non è saltato, assolutamente – ha assicurato il ministro Bussetti. ‘Alcune Regioni chiedevano, proprio per dare le stesse possibilità a tutti in tutti i territori, anche in quelli disagiate, di riqualificare al meglio la propria istruzione e legare alla scuola i propri docenti. Di qui – spiega Bussetti all’Ansa – la possibilità eventuale di incentivi per i docenti che svolgono il loro lavoro in zone disagiate, per incentivare la permanenza; lo spirito è questo, poi discuteremo i dettagli, non c’è alcuna volontà di differenziare gli stipendi”

Marco Bussetti sempre più Ministro della Lega

Ha ragione il leader di Sinistra Italiana Nicola Frantoianni quando dichiara che il Ministro Bussetti ha gettato la maschera. In realtà, come da me più volte scritto, il Ministro Bussetti raramente ha nascosto il suo orientamento politico. Si leggano gli articoli  ” Ministro Bussetti nel suo elenco manca…il Ministro strizza l’occhio alla Lega” , “Il Ministro ha dimenticato la regionalizzazione“.
In sintesi, Il ministro Bussetti sta perseguendo gli obiettivi della sua parte politica, ignorando il mostro della Riforma Gelmini  (2008-09) votata anche dalla Lega di U. Bossi.

 

Ministro Bussetti, i motivi di un’attenzione alle increspature

Ministro Bussetti

Le dichiarazioni del Ministro rispondono ad una precisa strategia comunicativa. Ci aiuta N. Chomsky

Il Ministro Bussetti sta dando molta importanza a dettagli secondari, se non terziari del sistema scolastico. Dietro c’è una ragione. Chomsky ci aiuta a comprendere la strategia comunicativa del Ministro.

Il Ministro Bussetti, persona d’altri tempi?

Il Ministro Bussetti ha attribuito un certo valore alla presenza degli armadietti, dei grembiuli “fino alle medie” e per finire al volontariato degli insegnanti. Un bel quadretto d’altri tempi. Molto vicino al profilo da “libro Cuore“.

La strategia comunicativa del Ministro apparentemente incomprensibile

Sono sempre stato convinto che, eccetto pochi casi, le dichiarazioni o le interviste di un Ministro rispondono ad una determinata strategia. Dietro il responsabile di un dicastero ci sono persone  esperte in comunicazione. L’apparente estemporaneità e semplificazione, che in questo caso rimandano agli armadietti e ai grembiuli, assolvono un compito. L’attenzione alle “increspature del mare” servono a distrarre dai problemi reali non risolvibili per mancanza di fondi, a parlare al bambino che è in noi e alla nostra sfera emotiva.

N. Chomsky, riesce ad “osservare la foresta e non l’albero”

In sintesi ho tenuto presente N. Chomsky. Egli ha elaborato un decalogo della comunicazione post-moderna che gli studiosi applicano soprattutto in politica. Il riferimento è un soggetto liquido, direi liquefatto, costituito da “un fascio di sensazioni” (D. Hume).

Le tre regole di N.Chomsky, seguite dal Ministro Bussetti

Ora tre regole della manipolazione mediatica possono essere applicate alle dichiarazioni del Ministro Bussetti.Scrive N. Chomsky:”
1-La strategia della distrazione
Consiste nel deviare l’attenzione del pubblico dai problemi importanti attraverso un fiume di informazioni irrilevanti.
“Mantenere l’Attenzione del pubblico deviata dai veri problemi sociali, imprigionata da temi senza vera importanza. Mantenere il pubblico occupato, occupato, occupato, senza nessun tempo per pensare, di ritorno alla fattoria come gli altri animali
5- Rivolgersi al pubblico come ai bambini
“Se qualcuno si rivolge ad una persona come se avesse 12 anni o meno, allora, in base alla suggestionabilità, lei tenderà, con certa probabilità, ad una risposta o reazione anche sprovvista di senso critico come quella di una persona di 12 anni o meno”
6- Usare l’aspetto emotivo molto più della riflessione
Sfruttare l’emozione è una tecnica classica per provocare un corto circuito su un’analisi razionale e, infine, il senso critico dell’individuo.

 

 

 

 

 

Marco Bussetti, “la scuola in un armadietto”

Marco Bussetti, il suo sogno

Il Ministro Marco Bussetti ha un sogno che lascia basiti: l’armadietto scolastico

Il Ministro Marco Bussetti prosegue con le sue interviste. Giornaliere. Quindi troppe! Il suo sogno: “l’armadietto nelle scuole”

Ministro marco Bussetti, nuova intervista, nuova rivelazione

Ieri il Ministro Marco Bussetti ha rilasciato al quotidiano (” Verità”) una nuova intervista. Ha trattato diversi argomenti come la sicurezza degli edifici, il contratto del comparto scuola, il testo unico, i compiti a casa… In alcuni casi le risposte sono state articolate  (sicurezza degli edifici); in altri perentorie  (abbigliamento decoroso, compiti a casa…) o vaghe (il contratto).
Lascia perplessi un passaggio:
“…Sa qual è il mio sogno?».
Ovviamente no.
«L’armadietto nelle scuole».
L’armadietto?
«Non capisco perché c’è nelle scuole d’infanzia e poi sparisce».
Sarebbe utile?
«Ridurrebbe il peso dello zaino, abituerebbe a custodire le proprie cose, a rispettare quelle altrui».”

Perplessità, mitigata però… una “scuola romantica”

Il passaggio lascia basiti! La risposta poco razionale, proviene dall’uomo- Bussetti. E’ il prodotto di quella dimensione che caratterizza la nostra condizione umana: i sogni! Sinonimi di aspirazioni, idealità e aspirazioni. Ora se tutto questo lo caliamo nella dichiarazione del Ministro, sorge una domanda: è mai possibile che la scuola del Ministro si riduca ad un armadietto? Con tutti i problemi che caratterizzano il sistema scolastico,  ( sicurezza degli edifici, qualità della formazione, classi pollaio…) è pensabile ridurre la scuola del sogno alla presenza di un armadietto? E’ accettabile l’idea di attribuire all’armadietto un valore superiore ai problemi reali vissuti da chi entra in aula?
Poi però il sogno di Bussetti lascia meno perplessi. Se consideriamo, infatti, un’altra dichiarazione, dove auspica “insegnanti volontari”, allora  l’idea di scuola del Ministro è chiara:  una scuola romantica, molto vicina a quella del “libro cuore“. Una scuola leggera, dove tutto è semplificato  e  ridotto a obiettivi minimali ( l’armadietto), frequentata da passioni disinteressate e soggetti senza alcuna relazione con la complessità dell’esistenza. E qui mi fermo!