Archivi tag: pubblicazione foto

Pubblicazione di foto dei minori, la decisione spetta solo ai genitori

Pubblicazione di foto dei minori

La pubblicazione delle foto o video nel Web rimanda a una grande responsabilità che coinvolge solo i genitori.

Pubblicazione di foto dei minori, la decisione spetta esclusivamente ai genitori anche dopo la fine di un rapporto. Una recente sentenza conferma il quadro internazionale, europeo e nazionale.

Pubblicazione di foto dei minori, una questione troppo delicata

La pubblicazione di foto dei minori è una questione molto delicata, considerando che i dati personali del minore (=foto, video) immessi nella Rete non possono essere controllati. Il processo di condivisione, infatti,  annulla la possibilità di gestione da parte di chi li posta e quindi l’utilizzo scorretto del dato personale da parte di terzi.  Un bambino è un bene  prezioso verso il quale abbiamo l’imperativo morale di proteggere senza se e senza ma.  Ha dichiarato Papa Francesco “Un figlio è un figlio: una vita generata da noi ma destinata a lui, al suo bene, al bene della famiglia, della società, dell’umanità intera”

Conta solo chi ha la responsabilità genitoriale 

Quindi solo gli adulti  che ricoprono la responsabilità  genitoriale possono in comune accordo pubblicare o autorizzare la diffusione di  foto, video  del loro figlio nel Web. La decisione  deve essere ben ponderata, tenendo presente l’interesse supremo del bambino. E questo vale anche dopo lo scioglimento, la cessazione  degli effetti civili, l’annullamento, la nullità del matrimonio, una sentenza di separazione e divorzio e in presenza di una nuova figura che   non  può quindi vantare alcun potere  sul minore.
La responsabilità genitoriale (2013), infatti ha sostituito quella di patria podestà (diritto romano), divenuta poi podestà genitoriale (parità tra uomo e donna). Entrambe  rimandavano a un rapporto di supremazia sui figli. La nuova formulazione richiama  l’esclusivo bene del minore. Nulla di nuovo sotto il sole! Solo un adeguamento, un aggiornamento della legislazione alla Convenzione dei diritti dell’infanzia (1989), dove i diritti dell’infanzia rappresentano il fondamento e coronamento di ogni legislazione nazionale (art. 3). La direttiva è stata recepita in Italia dalla legge 176/91 e precisamente dall’art. 16 e recentemente confermata dal GDPR (25 maggio 2018) e dal decreto attuativo 101 (10 agosto 2018). E non ultimo il Garante della Privacy (2017).
Una recente sentenza ha ribadito tutto questo! Non poteva essere diversamente, considerando che si rimane  genitori per sempre anche dopo la fine di un rapporto.

La pubblicazione delle foto nel Web da Instagram verso il buio

 

Pubblicazione delle foto nel Web

La pubblicazione delle foto nel Web, un’operazione ad alto rischio. Occorre tanta “saggezza digitale”.

La pubblicazione delle foto nel Web. Un articolo  presenta il viaggio delle foto verso il probabile approdo nel Dark Web. Un viaggio non previsto  e voluto dall’interessato, quasi sempre un/a ragazzo/a . Esiste una soluzione: “la saggezza digitale”

La pubblicazione delle foto nel Web, il report di un viaggio verso…

La pubblicazione delle foto nel Web è un’operazione ad alto rischio. Può compromettere la nostra identità digitale, costituita da dati sensibili e personali. Questi sono “consegnati” con una certa disinvoltura in un ambiente virtuale, caratterizzato  da un pervasivo narcisismo pervasivo, chiuso in un presente senza prospettive (C. Lasch). L’espansione dell’io trova la sua sponda nell’anonimato, spesso confuso erroneamente con l’assenza di tracce nel Web.
Bene, il contributo proposto sul sito di Generazioni connesse illustra il viaggio delle foto postate su Instagram. Si legge” Tutti pazzi per Instagram. Il social più popolare, non solo tra gli adolescenti, è il primo in classifica per numero di account attivi, facendo scendere al secondo posto Facebook  e all’ultimo Snapchat. Ma attenzione alle foto che pubblicate.Sono tantissimi infatti i siti che prendono le foto che vengono postate su  Instagram per pubblicarle, senza il nostro consenso, in altri social. Così  basta fare una semplice ricerca su Google ed è possibile trovare le nostre immagini sparse per il web e in posti impensabili.Alcuni siti addirittura sono specializzati nella cattura delle foto o dei video postati su Instragram, compresi di commenti e ovviamente di hashtag. Altre piattaforme inoltre riportano anche le conversazioni che l’utente avvia su This Crush, il social che permette di inviare messaggi in forma anonima e che nella maggior parte dei casi è agganciato proprio ad Instagram.

Il Dark Web il capolinea di questo viaggio

Probabilmente questi siti non rappresentano il punto di arrivo, bensì possono costituire una ripartenza verso il Dark Web, dove i dati personali, opportunamente trattati, permettono a tanti soggetti di lucrare. E’ la fortuna di numerosi siti pedopornografici presenti nella rete oscura, non indicizzata dai comuni motori di ricerca e dove regna l’anonimato a diversi livelli di complessità.

La “saggezza digitale” è il rimedio

 M. Prensky, autore del testo “La mente aumentata” (Erickson, Trento, 2013) definisce  la “saggezza digitale” come una tendenza a usare in modo consapevole e adeguata le opportunità offerte dal Web per moltiplicare il nostro potenziale, costituito da aspetti creativi, risolutivi (problem solving) di condivisione e integrazione dei contenuti…
Tutto questo inizia dalla cura della nostra identità digitale collegata alla reputazione online. Concretamente “la mente aumentata” privilegia la riflessione alla risposta istintiva e compulsiva. Questo fermarsi si declina nei seguenti interrogativi che devono precedere ogni pubblicazione: quali dati personali (foto, video…) pubblicare? Presentano delle criticità che possono favorire l’attività denigratrice del cyberbullo o compromettere la mia reputazione online?