Archivi tag: Responsabilità

Coronavirus, è il tempo della responsabilità verso la Comunità

Coronavirus

Coronavirus, occorre dimostrare responsabilità verso la Comunità. bisogna unire, piuttosto che dividere

Coronavirus sta favorendo il proliferare di fake news che fanno leva sulla paura. E’ importante mantenere la calma e agire responsabilmente, diffondendo solo informazioni  e comunicati pubblicati dai siti istituzionali. Se poi si vuole condividere altre notizie, occorre…

Continua a leggere

Alunno caduto dalle scale, quanta imprevedibilità nell’evento?

Alunno caduto dalle scale

Alunno caduto dalle scale, sarà la magistratura ad accertare le eventuali responsabilità. Essi leggeranno solo le carte

Alunno caduto dalle scale, sarà l’imprevedibilità dell’evento il criterio orientativo per i magistrati. E questo li porterà a leggere l’art. 2048 del codice civile, i documenti dell’Istituto e capire la personalità del bambino.

Continua a leggere

Smartphone e minori, la responsabilità è dei genitori

Smartphone e minori

Smartphone e minori, la prima responsabilità è sempre dei genitori. Dopo (forse) viene la scuola e gli insegnanti

Smartphone e minori, spesso si evidenzia la culpa in vigilando imputabile agli insegnanti. Si pone meno attenzione ai genitori che consegnano a un minore lo smartphone, senza adeguate istruzioni sul suo uso (Culpa in educando).

Smartphone e minori, l’eccessiva attenzione sugli insegnanti e meno…

Smartphone e minori, non è raro leggere contributi,  dove l’attenzione è riposta soprattutto sulla culpa in vigilando (art. 2048 c.c.). La culpa in educando che coinvolge i genitori, invece, è trattata meno.
Davanti a uno smartphone c’è un minore, una persona che ha ricevuto una determinata educazione. Questa costituisce lo sfondo entro il quale pensa e agisce il soggetto. In altri termini, rappresenta un elemento previsionale  dei comportamenti del soggetto. Questo non significa cadere in un facile determinismo, escludendo la libertà della persona. Sicuramente però l’impostazione educativa, che ha la sua maggiore  efficacia soprattutto fin verso i 9-11 anni, periodo che coincide con il regalo del dispositivo, può facilitare alcune ipotesi.

I primi responsabili sono i genitori

Ne consegue che di fronte ad atti di bullismo fisico e/o virtuale i primi responsabili siano i genitori. Soprattutto il secondo fenomeno  si alimenta grazie all’uso inadeguato  dello smartphone o del tablet. L’utilizzo  improprio  è il risultato senza se e senza ma della mancanza di direttive tecnico-educative da parte dei genitori. Siamo di fronte al caso in cui  i genitori non sono carenti dal punto di vista della sorveglianza, bensì dell’educazione. In altri termini, se chi esercita la responsabilità genitoriale, consegna a un minore un dispositivo, senza educarlo a un uso adeguato, allora egli è responsabile per il fatto illecito del figlio minorenne (Cass. civ. sez.III 28/09/09 n°18804). Da questa casistica non sono esclusi i genitori separati (Tribunale di Milano, 16.12.09). Il tutto si basa sull’inadempienza del dettato costituzionale (art. 30) che si declina in un’inadeguata educazione e quindi in un’inadempienza dei doveri genitoriali (art.147 c.c.). Per essere scagionati “essi sono tenuti a dimostrare di aver impartito al figlio un’educazione normalmente sufficiente a impostare una corretta vita di relazione in rapporto al suo ambiente, alle sue attitudini e alla sua personalità” ( Cass. civ. sez. III 19/02/2014, n° 3964). Ne consegue che l’obbligo di vigilare sul minore non si limita alla prossimità fisica, ma coinvolge anche l’aspetto educativo che accompagna sempre e in ogni situazione il bambino o il ragazzo.