Preadolescenti precocemente nel Web, la responsabilità dei genitori

responsabilità dei genitori

Preadolescenti precocemente nel Web, comporta una responsabilità civile e penale per i genitori.

Preadolescenti precocemente nel Web. Impreparati a gestire lo smartphone. Quali le responsabilità civili e penali per i genitori? Quando invece è solo a ragazzo a rispondere?

Preadolescenti precocemente nel Web con furbata

Preadolescenti precocemente nel Web. Negli ultimi giorni ho pubblicato due contributi sul sondaggio di Osservare Oltre, ANP e Tutorweb .
Il primo rifletteva sull’irresponsabilità genitoriale ; il secondo è stato proposto nel portale di Scuolainforma.  Mi sono soffermato sulla  scappatoia  condivisa anche dai genitori  per aggirare la normativa europea (GDPR 2016) e quella nazionale (Decreto attuativo 101/18) sul limite dei 13 anni per iscriversi a un Social o a un servizio di IM. Qui ho trattato anche della profilazione che associata alla gestione dei dati da parte di un ragazzino, pone diversi quesiti inquietanti.

La responsabilità civile e penale del genitore

A questi aspetti aggiungo anche la responsabilità civile e penale afferente la figura genitoriale. Non a caso il rapporto con i figli è definito dal nuovo profilo di responsabilità genitoriale (il D. Lgs. 154/2013). Consegnando maldestramente il coltellino svizzero 2.0 (smartphone) e rendendosi complice dell’iscrizione ai diversi servizi Web , il genitore diventa responsabile degli illeciti compiuti dal figlio preadolescente. Si legge infatti nell’art. 2048 (c.c.) ““Il padre e la madre, o il tutore sono responsabili del danno cagionato dal fatto illecito dei figli minori non emancipati o delle persone soggette alla tutela che abitano con essi” .
Ne deriva che il genitore deve dimostrare fattivamente di aver impartito una buona educazione in rapporto all’età, al carattere, alle condizioni familiari e sociali. In altri termini, il messaggio scritto, il video o la foto lesive della dignità altrui non devono essere  ricondotti a condizioni pregresse. E anche in caso di evento imprevisto e quindi repentino,  i giudici comunque devono indicare dei responsabili!
Sicuramente la responsabilità è del ragazzo , se egli al momento di compiere l’illecito,  è ultraquattordicenne (art. 97 c.p.)

Una vicenda conferma tutto

Nell’agosto del 2018 il quotidiano “La Stampa” riportava una vicenda di un minorenne sotto i 14 anni che scattava e diffondeva su WhatsApp foto di una compagna con il seno nudo.
Si legge  ” Se il cyberbullo è troppo giovane per essere processato a pagare per le sue azioni potrebbero essere chiamati i genitori. Lo conferma la denuncia presentata nei giorni scorsi dalla Polizia Postale di Biella nei confronti di una coppia di biellesi a causa del comportamento del figlio, che avendo appena tredici anni per la legge italiana non è punibile… Si tratta di un tasto su cui l’ispettore Andreotti insiste da tempo nelle sue frequenti visite alle scuole biellesi, insiste molto, nel caso di giovanissimi il controllo del cellulare e dell’utilizzo che se ne fa dovrebbe restare saldamente nelle mani della famiglia, cosa che invece troppo spesso non avviene. «Se chiedo quanti genitori hanno il pin di accesso ai cellulari dei figli sono ben pochi ad alzare la mano – è solito spiegare alle riunioni Andreotti – , mentre invece è molto importante che le loro attività vengano monitorate perché, molti casi tragici lo dimostrano, quello che finisce su Internet poi ci resta per sempre, non può più essere cancellata e diventare un’arma di ricatto”        

Pubblicato in Cyberbullismo, Tutti gli articoli | Commenti disabilitati su Preadolescenti precocemente nel Web, la responsabilità dei genitori

Preadolescenti e Web, l’irresponsabilità dei genitori

Preadolescenti e Web

L’iniziazione dei ragazzini ai social e ai servizi di IM è imputabile solo ai genitori

Preadolescenti e Web, un sondaggio certifica la grande irresponsabilità dei genitori che disattendono il GDPR e il decreto attuativo 101/2018. Di fronte a questi genitori si può fare poco o nulla.

Continua a leggere

Pubblicato in Genitori, Tutti gli articoli | Contrassegnato , , , , | Commenti disabilitati su Preadolescenti e Web, l’irresponsabilità dei genitori

Rapporto OCSE-PISA (2018), scarsa l’attenzione alle cause

Rapporto OCSE-PISA (2018)

Rapporto Ocse-Pisa (2018) impietoso! Per risolvere la situazione, occorre rimuovere le cause del fallimento del sistema scolastico.

Rapporto OCSE-PISA (2018), si è parlato molto, tanto. Il documento conferma le criticità del sistema formativo. Purtroppo ai rilievi non sono seguiti dibattiti sulle cause. Anzi si sceglie di  aggravare lo stato di affogamento del sistema educativo.

Continua a leggere

Pubblicato in Opinioni, Tutti gli articoli | Contrassegnato , | Commenti disabilitati su Rapporto OCSE-PISA (2018), scarsa l’attenzione alle cause

L’insegnamento, una passione per il futuro che però dovrebbe…

 

L'insegnamento una passione

L’insegnamento è una passione che guarda oltre.

L’insegnamento è una vocazione? La risposta laica a una provocazione pericolosa, avvilente e minimale che tanto ha contribuito a marginalizzare il docente. Preferisco un’altra espressione che pone la cura del futuro come atteggiamento pervasivo di tutta la società.

L’insegnamento è una passione per il futuro 

L’insegnamento si fonda su una chiamata proveniente da Dio? Ogni tanto torna questo luogo comune. L’ultima dichiarazione è del sottosegretario L. Azzolina: “l’insegnamento deve essere una vocazione e non una scelta di ripiego”.
Mi trovo d’accordo sulla seconda parte, per niente sull’origine divina della chiamata.
Personalmente preferisco l’espressione passione per il futuro, declinata nella cura verso i bambini  e i ragazzi.  Il tratto dovrebbe essere essere la cifra del nostro tempo che, invece dopo aver ucciso  Dio (F. Nietzsche), sta decretando anche la morte dell’uomo attraverso la dis-attenzione verso i più indifesi.
La nostra società dovrebbe essere pensata e organizzata  a misura dei soggetti che esprimono un pro-getto (M. Heidegger), un esser-ci rivolto verso il futuro.  Quindi penso ai politici che dovrebbero proporre e votare leggi  per il ben-essere dei piccoli e dei ragazzi; penso ai genitori che offendono e aggrediscono gli insegnanti, destabilizzando la crescita dei più piccoli; penso sempre ai genitori che al ristorante o in pizzeria invece di dialogare con i figli, li consegnano a un tablet o a uno smartphone per intrattenerli; penso agli adulti che si propongono come cattivi maestri, perché quello che affermano è contraddetto dai loro comportamenti; penso ai mass-media, ai commentatori e agli intellettuali che hanno rimosso il futuro e quindi i giovani, concentrando la loro attenzione solo sul presente, dimenticando l’avamposto del futuro: la scuola!
Questi pochi esempi certificano che siamo un paese per vecchi che ha dimenticato  la profondità orizzontale e la verticalità, curvo  solo ad esaltare con la sua volontà di potenza (la tecnica) lo spazio breve tra le spalle e il naso.

 

Pubblicato in Opinioni | Contrassegnato , | Commenti disabilitati su L’insegnamento, una passione per il futuro che però dovrebbe…

La crisi della scuola e l’insegnante impiegato (D.Lvo 29/93)

La crisi della scuola

La crisi della scuola è la crisi degli insegnanti ridotti a impiegati. E’ possibile uscire da questa condizione, ma…

La crisi della scuola risiede anche nella trasformazione dell’insegnante a impiegato statale.
Il contributo legislativo a questa mutazione. Esiste una via d’uscita, ma comporta un impegno finanziario.
Continua a leggere

Pubblicato in Opinioni | Contrassegnato , , , | Commenti disabilitati su La crisi della scuola e l’insegnante impiegato (D.Lvo 29/93)

Cyberbullismo, un esempio di immortalità dei contenuti nel Web e…

Cyberbullismo

Cyberbullimo, nuovo caso che conferma il “quadretto”

Cyberbullismo, una vicenda che conferma l’immortalità dei contenuti che si postano nel Web. E non solo, dice molto dei nativi digitali.

Continua a leggere

Pubblicato in Cyberbullismo | Contrassegnato , , , | Commenti disabilitati su Cyberbullismo, un esempio di immortalità dei contenuti nel Web e…

Diritto allo sciopero, uno scenario inquietante

Diritto sciopero

Il diritto allo sciopero sta rischiando di essere ulteriormente compresso. Ma a chi interessa?

Diritto allo sciopero, all’Aran si tratta per un aggiornamento. Purtroppo non giungono buone notizie. La possibile deriva preoccupa. Il diritto allo sciopero già fortemente normato, rischia la beffa.

Diritto allo sciopero, normato con qualche forzatura

Diritto allo sciopero fortemente depotenziato dalla L.146/90, rischia di assumere caratteristiche farsesche. Il diritto a dissentire costituzionalmente previsto dall’art. 40 è stato normato dalla legge 146/90 con qualche forzatura relativa all’istruzione. Il disposto, infatti ha inserito l’istruzione tra i servizi essenziali, declinata soprattutto nel momento degli scrutini (Legge 146/90) . Scrive S. D’Errico ” La Costituzione prevede in effetti la regolazione del diritot allo sciopero. E’ scontato, giusto ed evidente che anche in caso di sciopero generale si debba poter trovare dei pronto soccorso aperti, e ospedali con unità d’urgenza operanti. Ma spacciare una pagella per servizio “minimo”, indispensabile e quindi sempre da garantire esattamente entro la data prevista per l’affissione dei quadri di valutazione delel classi intermedie… è ben altra cosa

Un aggiornamento peggiorativo, quindi inquietante

In questi giorni si stanno tenendo degli incontri presso la sede dell’ARAN. L’obiettivo è di limitare ulteriormente i disagi provocati dalla giornata di sciopero, soprattutto quello indetto dalle sigle minori.
Cosa sta emergendo dai resoconti sindacali?
La controparte ha espresso l’intenzione di chiedere ai docenti di esprimere la loro decisione di adesione o meno allo sciopero per consentire al D.S. di organizzare  il servizio.
A questo occorre aggiungere anche la possibilità di precettare i docenti per garantire i livelli minimi del servizio scolastico.
Cosa dire? Sempre peggio! Se le proposte – la prima pare accantonata- diventeranno  i contenuti di un accordo, allora assisteremmo a una significativa contrazione del diritto allo sciopero. Ci sarà qualche malumore, ma occorre dire che  lo strumento di dissenso è sempre meno diffuso tra i docenti, divenuti passivi e apparentemente indifferenti ai colpi di martello  che provengono dall’alto. Staremo a vedere!

Pubblicato in Opinioni, Tutti gli articoli | Contrassegnato , , , | Commenti disabilitati su Diritto allo sciopero, uno scenario inquietante

Valorizzazione dei docenti, le tante dichiarazioni dei Ministri

Valorizzazione dei docenti

Valorizzazione dei docenti. Tante parole, ma pochi risultati.

Valorizzazione dei docenti, i Ministri ne hanno sempre parlato. Tanto, troppo! Purtroppo le dichiarazioni sono rimaste orfane di risultati, perché hanno impattato contro il D.Lvo 29/93.
Continua a leggere

Pubblicato in Opinioni, Tutti gli articoli | Contrassegnato , , | Commenti disabilitati su Valorizzazione dei docenti, le tante dichiarazioni dei Ministri

Lorenzo Fioramonti a “Otto e mezzo”, la conferma dell’insignificanza della scuola

L. Fioramonti

L. Fioramonti, ormai è convinto. Non otterrà i tre miliardi per non far annegare la scuola. Confermata l’insignificanza mediatica della scuola.

Lorenzo Fioramonti, il Ministro è intervenuto a   Otto e mezzo.  La mimica del volto conferma che la scuola è insignificante.   A questo possiamo  accostare un altro parametro: il tempo!

Continua a leggere

Pubblicato in Opinioni | Contrassegnato , , | Commenti disabilitati su Lorenzo Fioramonti a “Otto e mezzo”, la conferma dell’insignificanza della scuola

Aumenti scuola, possibile con fuorisciuta dal comparto pubblico

Aumenti scuola

Aumenti significativi per la scuola? Impossibili finché la scuola rimane nel comparto publbico

Aumenti scuola, nuova fumata nera! Saranno irrisori! Come da ventisei anni! Le dichiarazioni e le interviste non fanno mai riferimento al quadro normativo vigente. Eppure la soluzione è semplice: far uscire la scuola dal comparto pubblico.

Continua a leggere

Pubblicato in Opinioni | Contrassegnato , , | Commenti disabilitati su Aumenti scuola, possibile con fuorisciuta dal comparto pubblico

L. Fioramonti conferma le sue dimissioni per una scuola che annega

L. Fioramonti

L. Fioramonti, sembra deciso.Dimissioni saranno, se non avrà tre miliardi. Il minimo per passare dallo stato dell’annegamento a quello del galleggiamento.

L. Fioramonti, sembra deciso! Dimissioni se la scuola che annega non avrà 3 miliardi.
Interessante e inquietante l’immagine di una scuola in condizione agonica.

Continua a leggere

Pubblicato in Opinioni | Contrassegnato , , | Commenti disabilitati su L. Fioramonti conferma le sue dimissioni per una scuola che annega

Umberto Galimberti, “Non abbiate più speranza nella scuola!”

Umberto Galimberti

Umberto Galimberti non crede più che la scuola possa rimediare alla “Notte del mondo”

U. Galimberti, noto filosofo monzese dichiara ” Non abbiate più speranza nella scuola“. I motivi di un disastro, dove la passione individuale può fare qualcosa. E’ necessaria, però  una rivoluzione culturale.

Continua a leggere

Pubblicato in Opinioni | Contrassegnato , , | Commenti disabilitati su Umberto Galimberti, “Non abbiate più speranza nella scuola!”

Il Professore N. Pagani, la passione che ci rappresenta, ma…

Il Professore N. Pagani

Grazie Professore! Purtroppo la passione non basta per cambiare il processo di distruzione della scuola.

Il Professore N. Pagani, ringrazia e torna dai suoi ragazzi! Ha fatto emergere la passione di molti docenti. Questa rimane, però circoscritta all’io. Nel sistema scolastico è scomparso il Noi, processo iniziato nel 1995 e proseguito fino ad oggi. ma anche i docenti hanno le loro responsabilità.

Continua a leggere

Pubblicato in Opinioni | Contrassegnato , , | Commenti disabilitati su Il Professore N. Pagani, la passione che ci rappresenta, ma…

L.Fioramonti, la “confessione” che precede le sue dimissioni?

L. Fioramonti

Il Ministro si “confessa” rivelando il bluff. Sta preparando le sue dimissioni

L. Fioramonti, ha rilasciato un’intervista. Diretta, rivelando l’amara verità: l’istruzione per il sistema-paese conta pochissimo. Lo sfogo prepara le sue dimissioni?
Continua a leggere

Pubblicato in Opinioni | Contrassegnato , | Commenti disabilitati su L.Fioramonti, la “confessione” che precede le sue dimissioni?

Cyberbullismo e bullismo fisico due interessanti novità

Cuberbullismo e bullismo

Cyberbullismo e bullismo fisico, fenomeni sempre presenti. Una possibile novità legislativa e un’ iniziativa

Cyberbullismo e bullismo fisico, i fenomeni sono  sempre presenti , anche se non catturano adeguatamente  l’attenzione degli adulti. Due interessanti proposte.

Continua a leggere

Pubblicato in Bullismo | Contrassegnato , , | Commenti disabilitati su Cyberbullismo e bullismo fisico due interessanti novità

La scuola-carcere la strisciante mutazione

La scuola-carcere

La scuola-carcere il modello avanza, grazie alla paura. Sarà vincente?

La scuola- carcere si sta affermando come il modello prevalente. Certifica la degenerazione educativa del sistema scolastico, dove gli alunni e ai ragazzi sono impossibilitati a completare la loro formazione in un ambiente educativo allargato.

Continua a leggere

Pubblicato in Sicurezza | Commenti disabilitati su La scuola-carcere la strisciante mutazione

Legge di Bilancio 2020, la scuola vale il 2,15%

 

Legge di Bilancio 2020

Finalmente abbiamo un dato che certifica la nostra irrilevanza. 2,15%

La Legge di Bilancio 2020 è stata pubblicata. Le chiacchiere e le dichiarazioni hanno lasciato spazio ai freddi numeri e percentuali. La scuola ne esce male. Vale solo 2,15%. L’irrilevanza è completata dalla dichiarazione del Ministro Fioramonti.
Continua a leggere

Pubblicato in Opinioni | Contrassegnato , , | Commenti disabilitati su Legge di Bilancio 2020, la scuola vale il 2,15%

Suicidio per uno smartphone sequestrato, occorre educare ai “No”

Suicidio per uno smartphone sequestrato

Una vicenda non recente di un suicidio di un preadolescente. Occorre riflettere su un approccio educativo che non funziona

Suicidio per uno smartphone sequestrato, una tragedia che coinvolge un preadolescente.  Esempio non recente ( novembre 2018) di una generazione cresciuta senza limiti e senza responsabilità con la complicità dei genitori.

Continua a leggere

Pubblicato in Opinioni, Tutti gli articoli | Commenti disabilitati su Suicidio per uno smartphone sequestrato, occorre educare ai “No”

Dopo la tragedia del bambino precipitato, “l’elenco della paura”…

Dopo la tragedia del bambino precipato, la paura

Dopo la tragedia del bambino precipitato, le scuole corrono ai ripari, condizionati dalla paura…

Dopo la tragedia del bambino precipitato, l’elenco degli istituti scolastici che adottano provvedimenti restrittivi, si allunga. In attesa di conoscere le decisioni dei giudici su un caso di non facile lettura, la paura dilaga.

Continua a leggere

Pubblicato in Opinioni, Tutti gli articoli | Contrassegnato , | Commenti disabilitati su Dopo la tragedia del bambino precipitato, “l’elenco della paura”…

La cultura è poco interessante per le persone del nostro Paese

La cultura è  poco interessante

La cultura è poco interessante ( R. Vacca). Nulla di nuovo! Tutto confermato!

La cultura è insignificante, poco interessante. Ecco i motivi dell’imperante disinformazione che porta a preferire quella leggera, ma densa di emozioni. Povera Italia!

Continua a leggere

Pubblicato in Opinioni, Tutti gli articoli | Contrassegnato , , | Commenti disabilitati su La cultura è poco interessante per le persone del nostro Paese

Dopo la tragedia del bambino, il palcoscenico è occupato dalla paura

Dopo la tragedia del bambino, la paura...

Era prevedibile. La paura ha occupato il palcoscenico delle scuole. Reazione comprensibile

Dopo la tragedia del bambino è il tempo della paura. La circolare della Preside di un Istituto comprensivo può rappresentare un apripista. Esprime la paura e nel contempo la solitudine istituzionale che caratterizza l’azione di molte scuole.

Continua a leggere

Pubblicato in Opinioni, Tutti gli articoli | Contrassegnato , | Commenti disabilitati su Dopo la tragedia del bambino, il palcoscenico è occupato dalla paura

La centralità dell’infanzia solo a parole, niente di nuovo per un Paese…

La centralità dell'infanzia

L’attenzione dei bambini è il risultato di un sentimentalismo inconcludente. Servono decisioni concrete

La centralità dell’infanzia se ne parla spesso. Difficilmente però diventa una priorità, declinata in un’attenzione continua che porta a provvedimenti operativi. L’ultimo caso è rappresentato dalla tragedia  dell’alunno precipitato.

Continua a leggere

Pubblicato in Opinioni | Contrassegnato , , | Commenti disabilitati su La centralità dell’infanzia solo a parole, niente di nuovo per un Paese…

Alunno precipitato dalle scale, l’onesta dichiarazione del Ministro

Alunno precipato dalle scale

Alunno precipitato dalle scale, un caso non semplice! Infatti la magistratura  non ha emesso ancora avvisi di garanzia

L’alunno precipitato dalle scale è purtroppo deceduto.  Il ministro ha rilasciato una dichiarazione senza veli. Sarà interessante capire come si muoverà la magistratura. Un caso dove le eventuali responsabilità individuali andranno contestualizzate.

Continua a leggere

Pubblicato in Opinioni, Tutti gli articoli | Contrassegnato , | Commenti disabilitati su Alunno precipitato dalle scale, l’onesta dichiarazione del Ministro

Alunno precipitato dalle scale, la ricostruzione dei fatti

Alunno precipitato dale scalee

Alunno precipitato dalle scale. La vicenda si arricchisce di particolari.

Alunno precipitato dalle scale, si inizia a comprendere la dinamica dei fatti. Sarà la magistratura a individuare le responsabilità.

Continua a leggere

Pubblicato in Sicurezza | Commenti disabilitati su Alunno precipitato dalle scale, la ricostruzione dei fatti

Alunno caduto dalle scale, quanta imprevedibilità nell’evento?

Alunno caduto dalle scale

Alunno caduto dalle scale, sarà la magistratura ad accertare le eventuali responsabilità. Essi leggeranno solo le carte

Alunno caduto dalle scale, sarà l’imprevedibilità dell’evento il criterio orientativo per i magistrati. E questo li porterà a leggere l’art. 2048 del codice civile, i documenti dell’Istituto e capire la personalità del bambino.

Continua a leggere

Pubblicato in Opinioni | Contrassegnato , , | Commenti disabilitati su Alunno caduto dalle scale, quanta imprevedibilità nell’evento?

Nuova aggressione a un docente, denuncia “senza se e senza ma”

Nuova aggressione

Nuova aggressione a un docente da denunciare con un atto formale.

Nuova  aggressione contro un docente. Non ci sono alternative. Lo richiede la nostra dignità e anche la normativa vigente. “Senza se e senza ma”.

Continua a leggere

Pubblicato in Sicurezza | Contrassegnato , | Commenti disabilitati su Nuova aggressione a un docente, denuncia “senza se e senza ma”

Ministro Fioramonti, era già tutto previsto, quindi non resta…

Ministro Fioramonti

Il Ministro ammette: le risorse per l’istruzione sono insufficienti. Quindi non resta che dimettersi!

Il ministro Fioramonti ammette l’insufficienza dei fondi per la scuola. In questo caso aveva promesso le sue dimissioni. Attendiamo la coerenza!

Continua a leggere

Pubblicato in Opinioni | Contrassegnato , , | Commenti disabilitati su Ministro Fioramonti, era già tutto previsto, quindi non resta…

L. Fioramonti, le sue linee programmatiche ruotano intorno…

L. Fioramonti

Il Ministro Fioramonti ha formalizzato i suoi impegni. Ma ci vogliono tante risorse. Il Paese è pronto?

L. Fioramonti, ha presentato le sue linee programmatiche. Desiderata e impegni che richiamano necessariamente il futuro che nel documento si presenta fumoso e incerto. E’ lo stesso Ministro a confermarlo, rivolgendosi al Paese.

Continua a leggere

Pubblicato in Politica, Tutti gli articoli | Contrassegnato , | Commenti disabilitati su L. Fioramonti, le sue linee programmatiche ruotano intorno…

Cyberbullismo e protezione dell’identità digitale

 

Cyberbullismo

Cyberbullismo, la mia proposta formativa, punto finale di un percorso professionale.

 

Cyberbullismo e protezione dell’identità digitale. Anche quest’anno il mio corso evidenziato è proposto dall’Ente di formazione Touch Me.
Eccola la presentazione:

Pubblicato in Corsi, Formazione | Commenti disabilitati su Cyberbullismo e protezione dell’identità digitale

L’aumento di 100€ ci sarà, ma da dove arriverà?

L'aumento di 100 €

L’aumento ci sarà. Lo ha confermato il Ministro R. Gualtieri. Quali saranno le fonti extra D.lvo29/93

L’aumento di 100 € (lordo) arriverà! Il Ministro dell’Economia R. Gualtieri lo ha confermato.  Il problema è finanziamento extra D.lvo 29/93 .  che regola i contratti economici pubblici.

Continua a leggere

Pubblicato in Opinioni | Contrassegnato , , | Commenti disabilitati su L’aumento di 100€ ci sarà, ma da dove arriverà?

Umberto Galimberti e la scuola diseducante

Umberto galimberti

Umberto Galimberti e il tramonto dell’educazione che ha portato alla notte della scuola.

Umberto Galimberti parla di una scuola che non educa più. Lectio magistralis del filosofo.  Gli insegnanti lo sanno da diverso tempo. E’ il trionfo della tecnica. La notte del mondo (M. Heidegger) e nello specifico della scuola.

Continua a leggere

Pubblicato in Opinioni | Contrassegnato , , | Commenti disabilitati su Umberto Galimberti e la scuola diseducante

Ministro Fioramonti, attendiamo la sua decisione, se…

Ministro Fioramonti

Il Ministro fioramonti ha chiesto tanti soldi per l’istruzione. Prevedibile la risposta di chiusura di R. Gualtieri. Quindi a Fioramonti non resta che…

Il Ministro Fioramonti aveva chiesto tre miliardi per la scuola. L’intervento di Roberto Gualtieri sembra chiudere ogni possibilità. Se questo dovesse diventare una decisione politica, al Ministro non resta…

Continua a leggere

Pubblicato in Opinioni | Contrassegnato , | Commenti disabilitati su Ministro Fioramonti, attendiamo la sua decisione, se…

Def 2020, fa ben sperare ora però largo alla…

Def 2019

Def 2019 confermati gli annunci. Ora però attendiamo…

Def 2019, indicazioni di massima per la scuola. “Se il buon giorno, si vede dal mattino”, è una buona partenza! Ora però lasciamo lo spazio ai…

Def 2019, “se il buongiorno si vede dal mattino”…

Def 2019, sembra che le promesse possano avere una conclusione. Questa volta positiva.
I motivi di ottimismo risiedono nel seguente passaggio (pag. 87):
Nel comparto della scuola pubblica occorrono politiche dirette a limitare le classi troppo affollate e valorizzare, anche economicamente, il ruolo dei docenti, potenziare il piano nazionale per l’edilizia scolastica, garantire, con le Regioni, la gratuità degli asili nido e dei micro-nidi, ampliandone l’offerta soprattutto nel Mezzogiorno nonché quella del percorso scolastico per gli studenti provenienti da famiglie con redditi medio-bassi. Saranno contrastati infine la dispersione scolastica e il bullismo.”

Brevi considerazioni

Fa piacere leggere che il superamento delle classi pollaio occupa la prima posizione.
Segue la valorizzazione economica della funzione docente. L’annuncio sembra entrare in contrasto con quanto scritto (pag.40-41) “Dopo aver segnato tassi di crescita negativi dal 2011, nel 2018 i redditi da lavoro dipendente della PA sono tornati a crescere ad un ritmo sostenuto (3,3 per cento su base nominale), sulla scorta della dinamica delle retribuzioni pro-capite. Nel 2019 la previsione sconta, fra l’altro, la conclusione della tornata contrattuale 2016-2018 ed il maggior numero di pensionamenti attesi già dal 2019 per effetto della c.d. ‘Quota 100’, l’effetto complessivo è di un incremento dello 0,3 per cento nell’anno.
Nel triennio 2020-2022 la spesa per redditi aumenta in media dello 0,6 per cento.
L’incidenza sul PIL risulta pertanto in calo, dal 9,7 del 2019 al 9,2 per cento del PIL
nel 2022, confermando sostanzialmente le proiezioni del DEF.”
Probabilmente il contenimento della spesa  per stipendi (normato dal D.lvo 29/93) non riguarderà gli insegnanti. Per la loro valorizzazione si procederà con una norma contenuta nella Legge di Bilancio 2020.

Attendiamo ora l’inizio della partita vera

Buono l’avvio! Ora però attendiamo  la legge di Bilancio 2020. Nel provvedimento potremo leggere le risorse destinate ai punti programmatici , conoscere le modalità di realizzazione e ovviamente maggiori particolari.

 

Pubblicato in Opinioni | Contrassegnato , | Commenti disabilitati su Def 2020, fa ben sperare ora però largo alla…

L. Azzolina,”Mi sono sentita dire che la scuola non fa audience”

Lucia Azzolina

Lucia Azzolina dichiara che per i massmedia ( e non solo) la scuola non è interessante!

L. Azzolina (M5s), esempio di “cuore docente”conferma che per i massmedia (e non solo) la scuola non fa audience! Noi insegnanti lo sappiamo ogni giorno. Fa male comunque avere la conferma.

Continua a leggere

Pubblicato in Opinioni | Contrassegnato , | Commenti disabilitati su L. Azzolina,”Mi sono sentita dire che la scuola non fa audience”

Sicurezza edifici scolastici,in aumento i crolli, i fondi però…

 

Sicurezza edifici scolastici

Sicurezza edifici scolastici, siamo ancora lontani dall’obiettivo. I fondi poi devono fare i conti con la burocrazia

Sicurezza edifici scolastici, in aumento i rischi di crollo. L’ultimo rapporto di Cittadinanzattiva, presentato ieri, senza troppi giri di parole conferma la pericolosità delle scuole.

Continua a leggere

Pubblicato in Sicurezza | Contrassegnato , , | Commenti disabilitati su Sicurezza edifici scolastici,in aumento i crolli, i fondi però…

Culpa in vigilando, un caso dove conta la coerenza…

Culpa in vigilando

Una vicenda chiusa con una sentenza che conferma il criterio della coerenza.

Culpa in vigilando, un caso che descrive comportamenti non coerenti con quanto previsto dai regolamenti interni di un Istituto. In questo caso l’Amministrazione scolastica in primis  è chiamata a risarcire la vittima.

Continua a leggere

Pubblicato in Culpa in vigilando | Contrassegnato , | Commenti disabilitati su Culpa in vigilando, un caso dove conta la coerenza…

Classi pollaio, una lettera appassionata dal fronte

Classi pollaio

Classi pollaio, una lettera appassionata e sofferente di un insegnante. Alcuni stralci e riflessioni personali.

Classi pollaio, una lettera appassionata e sofferente che certifica il tramonto dell’educazione. Alcuni passaggi accompagnati da riflessioni di un docente (il sottoscritto) che vive sulla sua pelle l’obbrobrio pedagogico voluto dal duo Gelmini-Tremonti.

Continua a leggere

Pubblicato in Classi pollaio | Contrassegnato , | Commenti disabilitati su Classi pollaio, una lettera appassionata dal fronte

Ministro Fioramonti, si ricordi anche delle classi pollaio!

Ministro Fioramonti

Il ministro Fioramonti sta parlando molto di un aumento significativo degli stipendi per gli insegnanti. E le classi pollaio?

Il Ministro Fioramonti sembra molto deciso. Ha chiesto risorse per un aumento stipendiale dei docenti. Molto bene! E le classi pollaio? Non ne parla più.

Continua a leggere

Pubblicato in Ministro Fioramonti | Contrassegnato , , | Commenti disabilitati su Ministro Fioramonti, si ricordi anche delle classi pollaio!

Ministro Fioramonti, le parole contano…

Ministro Fioramonti

Il Ministro Fioramonti rilascia una nuova intervista. Fa ben sperare, ma attendiamo i fatti

Il Ministro Fioramonti ha rilasciato una nuova intervista sull’aumento stipendiale per i docenti. Ora però attendiamo i fatti. Per gli insegnanti le parole pesano, contano…

Continua a leggere

Pubblicato in Opinioni | Contrassegnato , | Commenti disabilitati su Ministro Fioramonti, le parole contano…

Sicurezza a scuola, la normale condanna di una Dirigente Scolastica

Sicurezza a scuola

Sicurezza a scuola, le responsabilità sono chiare. E’ sufficiente leggere e conoscere il D.lgs 81/08

Sicurezza a scuola, un caso e una prevedibile sentenza che condanna la Dirigente Scolastica e il Responsabile per la sicurezza.  Il Riferimento è la legge 81/2008

Continua a leggere

Pubblicato in Sicurezza | Contrassegnato , | Commenti disabilitati su Sicurezza a scuola, la normale condanna di una Dirigente Scolastica

Lorenzo Fioramonti al Miur, una scelta (quasi) obbligata

Ministro Fioramonti

La nomina di Lorenzo Fioramonti a responsabile del Miur non è stata una scelta casuale.

Lorenzo  Fioramonti nominato responsabile del Miur. Ha rilasciato una nuova intervista, confermando la strategia del cacciavite rispetto alla Legge 107/15. Ecco spiegato il motivo della sua nomina.

Continua a leggere

Pubblicato in Ministro Fioramonti, Tutti gli articoli | Contrassegnato , | Commenti disabilitati su Lorenzo Fioramonti al Miur, una scelta (quasi) obbligata

Camilla Sgambato (Pd), il programma per la scuola?

Camilla Sgambato

Camilla Sgambato rilascia un’ intervista, che però chiarisce poco.

Camilla Sgambato, responsabile scuola del Pd rilascia un’intervista. Molto interessante perché anticipa alcuni temi cari al Partito Democratico. Resta il totem della L.107/15, mentre è assente la priorità del M5s.

Continua a leggere

Pubblicato in Opinioni, Tutti gli articoli | Commenti disabilitati su Camilla Sgambato (Pd), il programma per la scuola?

Sindrome Hikikomori, coinvolti 120mila adolescenti

Sindrome Hikikomori

Sindrome Hikikomori esprime un disagio per questo mondo e le persone che lo abitano. E i genitori?

Sindrome Hikikomori, abbiamo un dato autorevole: 120mila adolescenti ne sono coinvolti. Gravi le conseguenze. Sorge la solita domanda: e i genitori?

Continua a leggere

Pubblicato in Adescamento erotico, Cyberbullismo, Tutti gli articoli | Commenti disabilitati su Sindrome Hikikomori, coinvolti 120mila adolescenti

Diritti (e doveri) in Internet per un “Web educativo”

Diritti (e doveri) in Internet per un "Web educativo"

“Il Web educativo” necessita di regole , che rimandano a una serie di diritti e doveri.

Diritti (e doveri) in Internet, documento importante e da tener sempre presente. Il Web non può diventare uno “sfogatoio” o il terminale delle peggiori pulsioni. L’impegno per un  Web educativo.

Continua a leggere

Pubblicato in Nuove tecnologie, Tutti gli articoli | Contrassegnato , , | Commenti disabilitati su Diritti (e doveri) in Internet per un “Web educativo”

Carabiniere ucciso, la centralità della parola nel Web

Carabiniere ucciso, la centralità della parola nel Web

Le parole non siano l’ultima coltellata

Carabiniere ucciso, Il pessimo e indecente post comparso sul profilo social di una docente di Novara. Il post  fa riflettere su quanto scriveva C. Picchio. L’effetto moltiplicatore nel Web.

Continua a leggere

Pubblicato in Opinioni, Tutti gli articoli | Contrassegnato , | Commenti disabilitati su Carabiniere ucciso, la centralità della parola nel Web

“I ragazzi e la rete”, un’indagine del 2017

"I ragazzi e la rete"

“I ragazzi e la rete”, una’indagine che conferma tutte le sensazioni…

I ragazzi e la rete”, l’indagine (2017) conferma il rapporto privilegiato del “nativo digitale” con lo  smartphone e i rischi insiti nella navigazione nel Web.

Continua a leggere

Pubblicato in Cyberbullismo, Tutti gli articoli | Contrassegnato , , | Commenti disabilitati su “I ragazzi e la rete”, un’indagine del 2017

T.A.R., “bocciatura” non confermata per assenza di documentazione

Sentenza

Il T.A.R. del Lazio rivede una decisione di non ammissione. Il motivo: la scuola è risultata carente nella documentazione.

T.A.R. del Lazio non conferma una non ammissione alla classe successiva. Un pronunciamento che evidenzia l’importanza del rispetto delle procedure formali. E’ il tallone d’Achille degli insegnanti. Uno degli aspetti più importanti del nostro profilo docenti.

Continua a leggere

Pubblicato in Opinioni | Contrassegnato , , | Commenti disabilitati su T.A.R., “bocciatura” non confermata per assenza di documentazione

La responsabilità genitoriale e il diverso scenario educativo

Responsabilità genitoriale

La responsabilità genitoriale riconsidera il rapporto tra i genitori e i figli

La responsabilità genitoriale cambia le regole del gioco educativo. Il minore è persona sempre! Quindi non più un oggetto o proprietà della famiglia, ma soggetto che si appartiene senza se e senza ma. Comunque sempre  da proteggere e curare.

Continua a leggere

Pubblicato in Responsabilità genitoriale, Tutti gli articoli | Contrassegnato , | Commenti disabilitati su La responsabilità genitoriale e il diverso scenario educativo

Pensione quota 100 elaborazione Snals

 

Pensione quota 100

Pensione quota 100, finalmente dei dati sui quali ragionare.

Pensione quota 100  il sindacato SNALS ha elaborato un’ interessante tabella ad hoc per il comparto scuola. Chi è interessato e si trova quasi “fuori dall’uscio” può fare le considerazioni e le riflessioni sul suo futuro.

Continua a leggere

Pubblicato in Pensione | Contrassegnato , , | Commenti disabilitati su Pensione quota 100 elaborazione Snals

Le classi pollaio e l’assenza della profondità pedagogica

 

Classi pollaio

Le classi pollaio sono un esempio del pensiero post-moderno che ha espulso il futuro

Le classi pollaio sono l’espressione di una “visione corta” che nulla a che fare con la formazione della persona e del cittadino (Costituzione). È il limite del finanzcapitalismo (L. Gallino) che ha colonizzato anche la scuola. Senza una fuoriuscita da questa prospettiva, esiste solo la fine della scuola!

Continua a leggere

Pubblicato in Classi pollaio | Contrassegnato , , | Commenti disabilitati su Le classi pollaio e l’assenza della profondità pedagogica

Smartphone a scuola, rimango scettico!

Smartphone in classe

Smartphone a scuola. Molte conferme, ma…

 

Smartphone a scuola, finalmente la commissione nominata dalla Ministra Fedeli ( metà settembre) sull’uso didattico del dispositivo  ha concluso i propri lavori. Decalogo consegnato alle scuole che, però devono meglio definirlo. Cambia poco rispetto alla Direttiva Fioroni (15 marzo 2007). Rimane la responsabilità del docente.

Continua a leggere

Pubblicato in Cyberbullismo, Tutti gli articoli | Commenti disabilitati su Smartphone a scuola, rimango scettico!

Appunti Convegno cyberbullismo “Nella Rete della Rete”

Convegno cyberbullismo

Convegno cyberbullismo

Questa mattina ho partecipato al Convegno cyberbullismo ” Nella Rete della Rete“. Tante idee, molte conferme, ma anche nuove riflessioni su un fenomeno sotterraneo, molto sottovalutato dalle famiglie e un pò meno dalle scuole. Il risultato: la solitudine del ragazzo.
Metto a disposizione gli appunti presi. Questi ovviamente non possono avere caratteristiche di sistematicità.
Comunque, chi è dentro il problema può comprendere facilmente anche le tante sfumature non scritte.
Coinvolgente l’intervento del papà di Carolina, ragazza suicida a causa del cyberbullismo. Da questo caso è nata la legge 71/17.
Appunti Convegno

Pubblicato in Cyberbullismo | Contrassegnato , , , | Commenti disabilitati su Appunti Convegno cyberbullismo “Nella Rete della Rete”

Formazione. Proposte corsi e Curriculum Vitae

formazione

Formazione. Per il nuovo anno scolastico, propongo i miei corsi.

Corsi

Le tematiche puntano alla alfabetizzazione informatica di base, con una particolare attenzione alla sicurezza.
Ritengo importante la proposta formativa ” Schemi, mappe concettuali e testo“, finalizzato all’acquisizione di un metodo di studio, che molti declinano nell’ “imparare ad imparare”.
Infine, propongo un percorso formativo finalizzato all’acquisizione di una competenza audio-video.

 

I corsi sono rivolti a Istituti scolastici ed Enti di formazione

Curriculum Vitae

A supporto dei corsi presento il mio CV.  (aggiornato a giugno 2017)
Queste sono le ultime attività svolte:
1)Intervento Convegno AID ( Associazione Italiana Dislessia. “La Didattica multimediale”      7 ottobre 2016)
2)Ideatore e formatore progetto “Ecdl per la primaria” (quinta- I.C. “Carlo Levi- )
3)Promotore e ideatore  del progetto Pon “Cittadinanza digitale e pensiero computazionale” 
4)Referente cyberbullismo dell’Istituto di servizio ( I.C. Levi)
5)Collaboratore con il 3° Municipio-Roma tematica “Cyberbullismo
6)Formatore Corso di informatica di base e livello avanzato (Liceo Scientifico Newton-Roma)
7)Autore articoli  su siti online ( ScuolaInforma, Fuoriregistro, Professione Insegnante, Regolarità e  trasparenza nella scuola, OggiScuola, Tecnicadellascuola, Retescuole) (
8) Corso aggiornamento presso I.C. “Donati” – Roma ( Soc. Apolab ) “Mappe in rete”

Info e richieste inviare messaggio in Scrivi

 

Pubblicato in Corsi, Esperienze, Formazione, Informatica | Contrassegnato , , , , , , , , | Commenti disabilitati su Formazione. Proposte corsi e Curriculum Vitae

Formazione. “Mappe e testo”, una possibile circolarità.

 

Formazione


Esiste un bisogno di formazione  profondo che, nel caso delle Tic, superi il semplice addestramento. Quest’ultimo rimanda all’acquisizione di procedure, sequenze di istruzioni, non supportate da una verticalità formativa, elemento fondativo della presenza della scuola.

Continua a leggere

Pubblicato in Corsi, Esperienze, Formazione, Mappe concettuali, Tutti gli articoli | Contrassegnato , , , , , , , , , , | Commenti disabilitati su Formazione. “Mappe e testo”, una possibile circolarità.

Convegno AID: foto e mia presentazione

img-20161008-wa0009

img-20161008-wa0012

img-20161008-wa0008

Oggi sono intervenuto al Convegno ” La scuola di fronte alla sfida dei DSA”, organizzato dall’AID.
Ho parlato di didattica multimediale e reticolare, spiegando i motivi della sua presenza nell’attività didattica. Didattica multimediale che non può essere identificata con quella digitale.
Di seguito la mia presentazione.
Intervento

Pubblicato in Esperienze, Formazione, Tutti gli articoli | Contrassegnato , , , , , , | Commenti disabilitati su Convegno AID: foto e mia presentazione