Didattica e tecnologia

sss
Dopo l’ottimo contributo di M. Guastavigna ( ” Non solo mappe concettuali”) propongo un nuovo lavoro ( disponibile in versione ebook presso il sito della casa editrice Loescher). Liberamente consultabile  ), dove si parla della relazione tra scuola e tecnologia.
Valida riflessione a chi intende riflettere sul tema e integrazione, invece, ad altri lavori per chi invece ha già un bagaglio opregresso di conoscenze e esperienze
Didattica e scuola
Il link in fondo rimanda a tutta la bibliografia ( liberamente consultabile, non sempre scaricabile ) dell’intera collana ” Quaderni della ricerca

Pubblicato in Tutti gli articoli | Commenti disabilitati su Didattica e tecnologia

Concorso Scuola: i commissari ancora “scoperti”

commissione-concorso11
Il portale di Tuttoscuola conferma  che ancora non è stato firmato il decreto per i compensi  ( Commissari – Concorso Scuola ) aumentati, ma sempre “irrisori”. La data era il 29 giugno. Poi è diventata il 29 luglio. Domani sarà il 29 agosto…
Sono molto curioso di incontrare qualche commissario e sapere da loro che cosa li ha portati a “condizionare” le proprie ferie estive per un compenso ancora sulla carta.
Strano modo di procedere. Si affida a qualche volenteroso l’incarico. Egli lavora gratis, o quasi. Il compenso è solo un accessorio, perché si lavora per ” il bene della scuola”. No comment!

Pubblicato in Tutti gli articoli | Commenti disabilitati su Concorso Scuola: i commissari ancora “scoperti”

I “Mi piace” e la mente dei ragazzi

like
Ormai sui Social i ” Mi piace”, abbondano. Direi che è l’opzione più utilizzata. Invade il nostro spazio formale e simbolico. In alcuni casi, inibisce  il pensiero a struttura semplice. Non parliamo poi di quello ragionato, articolato, della relazione virtuale resa ancora più “leggera”, non impegnativa, in quanto privata di “discorsi e parole” e delle sensazioni veicolate dalla comunicazione verbale.
Detto questo, quali sono i suoi effetti sulla mente dei nostri ragazzi e non solo? Quali effetti sul’io sociale?
Nell’articolo che segue alcuni spunti.
Articolo

Pubblicato in Tutti gli articoli | Commenti disabilitati su I “Mi piace” e la mente dei ragazzi

La prevenzione è la strada maestra. Una sentenza da tener presente

prevenzione

Innanzitutto dolore e rispetto per le vite stroncate dal terremoto. Per quello che erano  e potevano essere. Alla loro umanità sottratta a tutti noi. Oggi siamo un pò più poveri. Questa riflessione è presente ogni volta che ho notizie di persone ( ovviamente sono esclusi i pazzi fanatici come i terroristi… )  che muoiono a qualsiasi latitudine o longitudine.
Detto questo, è da diverso tempo – nell’ultimo periodo un pò meno – che pubblico interventi ( un esempio: ” Le nostre tombe” )sulla necessità di mettere in sicurezza tutte le scuole e in generale tutto il nostro Paese. Si stima che per farlo occorrebbero 93 miliardi di € . In questa stima sono compresi anche i 12 miliardi per le scuole ( Protezione Civile, 2008 ).
Questo è l’obiettivo ideale, ma in tempo di “vacche magre” ( recessione economica molto lunga che sta “stressando” il nostro Paese ) secondo gli esperti ne servirebbero solo tredici per evitare che la conta dei morti diventi più pesante. Dal 1968 ( terremoto del Belice ) ad oggi, abbiamo avuto 4.838 morti e 150 miliardi di € di danni.
Di fronte a questi numeri, il Paese dovrebbe pensare seriamente a un piano straordinario di prevenzione che ovviamente non ci proteggerebbe dal possibile prossimo terremoto, ma darebbe un bel segnale che come dice Renzi di “cambioverso”. Solita obiezione: non ci sono i soldi. Balle! Si trovano, si devono trovare se veramente per il Paese ogni vita umana ha un valore immenso! La prevenzione fa parte di un profilo di un Paese proiettato nel futuro, che ha il suo piano inclinato verso la prospettiva. E’ assente invece dove il piano ” è pianeggiante” ( scusate il bisticcio di parole ), cioè schiacciato dall” “onnipresente presente” ( F. Hartog ), dove il futuro è una dimensione vuota, senza senso, in quanto domina l’eterno ritorno del sempre uguale ( F. Nietzsche ). In questo contesto di respiro corto, il domani rientra tra le fatalità, dove poco o nulla possono gli uomini.
Concludo, postando una sentenza della Cassazione che attribuisce agli insegnanti soprattutto a quelli preposti alla sicurezza,  una pesante responsabilità nella chiusura delle scuole ritenute a rischio. E’ da tenere presente, perché dopo l’evento tragico i giudici per dovere d’ufficio, devono controllare tutta la documentazione pregressa e le condizioni materiali e accertare che non ci siano state negligenze o imprudenze.
Sentenza cassazione

Pubblicato in Tutti gli articoli | Commenti disabilitati su La prevenzione è la strada maestra. Una sentenza da tener presente

Coding: una lettura critica

DeA_coding_logo

Il coding pratica finalizzata alla promozione del pensiero computazione, sta avendo una grande diffusione. Spesso l’adesione dei docenti alla promozione  di questo pensiero a individuare e a descrivere analiticamente un procedimento risolutivo, è consapevole, cioè si muove da solidi presupposti teorici. In altri casi, invece si tende a seguire una moda, implementandola nella prassi didattica aprospetticamente. In altri termini, si punta sull’aspetto procedurale, tralasciando o dimenticando la dimensione formativa che dovrebbe essere “il faro” del nostro essere insegnanti. Ora la la rapida diffusone di   questa pratica, è sospetta. Può essere percepita come un “delirio“.
E’ questo l’oggetto dell’intervento che “posto” di seguito con la consapevolezza che qualunque novità deve essere prima osservata da lontano, individuando le criticità da migliorare, o dalle quali  congedarsi  qualora fossero percepite incompatibili con nostro profilo di educatori. Questo lavoro propedeutico ci consente di essere “protagonisti attivi” di processi fino a qualche tempo fa impensabili, dando spessore e concretezza al nostro profilo professionale, introducendo nella prassi didattica idee e intuizioni adeguatamente personalizzate per la scuola.
Coding: delirio compuatzionale? 

Pubblicato in Tutti gli articoli | Commenti disabilitati su Coding: una lettura critica

Bullismo: un utile fumetto!

Immagine
Ho trovato questo fumetto che presenta il fenomeno del bullismo.
Fumetto

Pubblicato in Tutti gli articoli | Commenti disabilitati su Bullismo: un utile fumetto!

Cyberbullismo in immagini

cyberbulli-bullismo-web-facebook-violenza-social
Torno sul fenomeno del cyberbullismo che vede due grandi assenti: la famiglia e la scuola. Entrambe le istituzioni, direi meglio i soggetti, sono accomunati da scarsa consapevolezzza del problema e quindi sull’attivazione di comportamenti o progettuali ( scuola ) finalizzati alla gestione educativa del fenomeno.
Pubblico alcune immagini di indagini. La prima  che certifica le ore di connessione  passate dai nostri ragazzi. La seconda invece, presenta il profilo psicologico, sociale e culturale  del ragazzo vessato. L’ultima immagine, invece, illustra il fenomeno del cyberbulismo. Preoccupante il dato che solo il 31% delle vittime ,  si confidano con gli adulti. 
skuola-infografica_2016_Pagina_1-1

Senza-titolo-32

b16dedb9c0e9d11825b46d9dfea29896

Pubblicato in Tutti gli articoli | Commenti disabilitati su Cyberbullismo in immagini

“Culpa in vigilando”: il bagno non è un luogo “franco” da responsabilità, quindi…

giudice
Qualche settimana fa ho pubblicato una sentenza che riteneva responsabili la scuola e l’insegnante per un incidente accorso a un bambino in bagno ( schiacciamento di una mano nella porta ).
E’ di questi giorni una sentenza analoga ( ragazzina scivolata in bagno ).
In entrambi i casi le reazioni dei docenti sono state caratterizzate da stupore, disorientamento. I motivi: le due decisioni sono lontane dalla realtà che non consente ad esempio il dono dell’ubiquità ( stare in classe e contemporaneamente in classe ).
Vero, verissimo! Ricordo però, come ho scritto recentemente, il giudice non tiene presente queste sfumature, di cui la realtà è pesantemente caratterizzata. Lui deve solo applicare la legge tenendo conto l’art. 2048 del Codice Civile e la giurisprudenza. In concreto noi abbiamo per quattro-sei ore l’affidamento di minori che per la normativa primaria e secondaria sono sempre ritenuti “incapaci di intendere e volere”.  Da questo profilo non maturo discende la responsabilità della scuola e dell’insegnante di attivare tutte le soluzioni possibili per annullare il grado di evitabilità di un evento, ricorrendo anche alla collaborazione del personale ausiliario ( collaboratore scolastico ). Se questa presenza non fosse prevista o carente allora puà configurarsi anche la “Culpa in organizzando” che fa capo al DSGA e al Dirigente Scolastico.
E’ di pochi anni  fa una sentenza clamorosa per il senso comune, non per la Cassazione che ha condannato il titolare di un albergo e gli insegnanti accompagnatori per un incidente occorso a una ragazza quasi maggiorenne durante un camposcuola. Anche in questo caso, anche se incredibile, i giudici hanno considerato “l’incapacità di intendere e volere” della ragazza.
Una considerazione: chi è responsabile per un incidente occorso ( attraversamento strada ) a uno studente minorenne nel percorso scuola-casa? Probabilmente la scuola, considerando che la responsabilità sul minore termina al momento dell’affidamento di questo al genitore.

Pubblicato in Tutti gli articoli | Commenti disabilitati su “Culpa in vigilando”: il bagno non è un luogo “franco” da responsabilità, quindi…

Proposta Aica ( PNSD )

Immagine
Interessante la proposta dell’Aica ( Ecdl ) di formazione online, coerente con il PNSD. Ben articolata e soprattutto con la prospettiva di entrare nell’albo dei formatori certificati. Costo contenuto, tenendo presente il numero dei moduli e la loro articolazione.

Pubblicato in Tutti gli articoli | Commenti disabilitati su Proposta Aica ( PNSD )

Non solo mappe concettuali

Immagine

M. Guastavigna rappresenta un punto di riferimento per chi lavora ogni giorno con le mappe concettuali. Queste, e non solo, rischiano di essere elaborate in modo “scriteriato”, ossia senza regole se non accompagnate da una solida conoscenza dei riferimenti teorici.
A questo compito risponde l’ottimo ebook fruibile gratuitamente scritto da M. Guastavigna che coniuga con perfetta sintesi l’aspetto teorico con le esigenze pratiche di costruzione di schemi, mappe…
Consigliato
Ebook

Pubblicato in Tutti gli articoli | Commenti disabilitati su Non solo mappe concettuali

Scuola-governo: ma esiste la frattura?

Accordo contratto rottura trattativa-3
Posto un’interessante intervista al Prof. Salvo Amato, amministratore della pagina facebook di “Professioneinsegnante” e del corrispondente sito.
L’intervistato pone il rilievo sulla frattura, ritenuta ormai non più sanabile, tra il mondo della scuola e il governo Renzi. Si evince dall’intervista che questa dissaldatura esista tra gli operatori scolastici tout court e la controparte politica.
Personalmente sono convinto che la realtà sia, come sempre, grigia. Il dissenso, la contrapposizione argomentativa – il turpiloquio non mette alle corde la controparte. Quindi lo ritengo inutile –  coesiste con una parte dei docenti che sostengono la riforma. Disinformati, indifferenti, rassegnati? Difficile dirlo. Sono comunque da rispettare, anche se non si possono condividere le loro posizioni.  Essi sostengono non solo gli aspetti materiali, normativi ( comitati di valutazione, premialità…), ma anche la filosofia volta all’ottimizzazione a tutto svantaggio dei docenti. Mi riferisco alle nuove funzioni, alcune positive, come l’AD e il team dell’innovazione. A queste stanno partecipando complessivamente poco più di  40.000 docenti ( 8.303 Animatori Digitali e 24.000 componenti del Team dell’innovazione ). Purtroppo, quando il compenso è  stato riconosciuto è assolutamente inadeguato rispetto ai compiti previsti dal PNSD. Un altro esempio è la disponibilità data da molti colleghi nell’assunzione della funzione di commissari al concorso scuola ( 2015 ). E altro ancora.
Sicuramente è a questa tipologia di docenti  – assolutamente non identificabile con le figure previste dal PNSD – alla quale si rivolge l’Amministrazione. Questi colleghi inconsapevolmente – opto per questa percezione – hanno assunto la funzione di neutralizzazione  di tutte  le istanze che si riconoscono in un riconoscimento professionale – ogni nuovo incarico deve essere adeguatamente retribuito – del nostro essere insegnanti, divenendo la sponda per una mutazione che probabilmente diverrà strutturale a beneficio esclusivo dell’Amministrazione. La conferma di questa tendenza l’abbiamo in questi giorni. Il prossimo contratto regalerà “briciole” ,  probabilmente scompariranno gli scatti settennali,  sicuramente anche la vacanza contrattuale ( cfr. Def 2017-2019 )
A questo si aggiunge  la frattura orizzontale tra i docenti, che declina perfettamente il detto latino ” Divide et impera “.
Quadro desolante, ma come afferma il filosofo fictiano e marxiano, non possiamo arrenderci. Non possiamo e non dobbiamo creare la frattura tra la teoria e la prassi trasformatrice. A settembre ci aspetterà una dura battaglia per un contratto dignitoso, coscienti che avremo colleghi che saranno disposti anche ad accettare le ” briciole”, folgorati dall’annuncite che non ci sono i soldi. Per non parlare poi del referendum sulle modifiche costituzionali che se vedrà l’apporto determinante degli insegnanti varrà più di tanti scioperi generali. 

Intervista a Salvo Amato

Pubblicato in Tutti gli articoli | Commenti disabilitati su Scuola-governo: ma esiste la frattura?

Il prestigio sociale degli insegnanti non serve, se…

Valutazione
Ieri ( 15 agosto ) sul quotidiano la “Repubblica” I. Diamanti ( sociologo ) ci ha fatto sapere che la scuola gode di un ottimo prestigio sociale ( 56% ). E’ preceduta solo dall’alto tasso di considerazione su Papa Francesco e le forze dell’ordine
Se si analizza poi il dato relativo agli insegnanti, fa piacere notare che il gradimento degli insegnanti elementari ( sono di parte e ne sono fiero ) è secondo solo a quelli universitari .
Quindi tutto bene? Non direi. La soddisfazione non è completa.
Analizziamo brevemente gli aspetti positivi.
Il dato rimanda all’impegno di un’istituzione, oggetto in questi ultimi anni di “aggiustamenti” , di finte riforme tenute insieme dal criterio dell’ottimizzazione. Quindi una scuola ” in sofferenza”, ” stressata” dal Ministro di turno che dopo  gli iniziali annunci di mettere al centro l’educazione e la valorizzazione degli insegnanti ha mostrato poi le sue reali intenzioni: “dimagrire” un servizio ritenuto sostanzialmente inutile! Spiace scriverlo, ma è questo che noi insegnanti cogliamo.
In questo contesto così ostile, la maggior parte dei docenti ha tenuto alto il suo impegno, il suo coinvolgimento professionale. E di questo si accorgono ogni giorno i genitori. Gli utenti di rimando di questo servizio. L’indagine Demos conferma questa percezione di una scuola di qualità  che “sgomita” evitando ( meglio ignorando, o facendo ” buon viso a cattiva sorte” )  tutte le trappole, impedimenti o difficoltà organizzative create dalla parte politica.
Purtroppo questo prestigio sociale non si traduce in un corrispondente riconoscimento economico. Direi che quest’ultimo è inversamente proporzionale agli apprezzamenti ricevuti. La differenza tra i due poli si chiama volontariato, lavoro gratis. Gli esempi sono tanti, tutti da lodare, ma…Situazione a dir poco imbarazzante, se si considera che “l’Italia di domani”, il suo “futuro” sono affidati per cinque-otto ore al giorno e per dieci mesi  a delle figure che invece di essere trattate come dei professionisti, sono considerati dei  baby-sitter. Quanto potrà durare questa situazione di “sfruttamento”? In altri termini, quanto tempo ci divide dal punto di non ritorno, dove l’impegno volontario diventerà una rarità? Difficile dirlo. Recentemente ne abbiamo avuto comunque, un esempio, anche se “fuori aula”. Mi riferisco alla difficoltà di costituire le commissioni per il concorso-scuola con personale adeguato al compito. La causa di questo scarso interessamento è stata l’inadeguato e offensivo  compenso proposto ai commissari. Quindi se ” il cattivo giorno ( è il caso di dirlo ) di vede dal mattino…”
Indagine demos ” Gli esami non finiscono mai”

Pubblicato in Tutti gli articoli | Commenti disabilitati su Il prestigio sociale degli insegnanti non serve, se…

Una lettura diversa delle ferie degli insegnanti

chiuso-per-ferie-1
Da sempre le nostre ferie sono oggetto di invidia e anche elemento di una dura critica.
Personalmente sono un sostenitore di una loro distribuzione durante tutto l’anno  come avviene in molti paesi europei. Un esempio: la Francia dove l’anno scolastico prevede in determinati periodi ( non mi riferisco a Natale o Pasqua ) la sospensione delle attività.
Se questa diversa organizzazione venisse introdotta in Italia,  sentirei il coro di molti genitori dire: ” Come faccio con mio figlio?”
Comunque la configurazione attuale sarà dura sostituirla, per il suddetto motivo e anche per altre situazioni.
Detto questo, propongo un’interessante riflessione sull’aspetto positivo delle nostre ferie: il tempo che possiamo riempire di nostri interessi, hobby oppure del dolce far niente.
Articolo

Pubblicato in Tutti gli articoli | Commenti disabilitati su Una lettura diversa delle ferie degli insegnanti

Dispositivi tecnologici, programmi…? Si, pensando all’educazione

logo-blog_11
Interessante questo intervento, che in realtà è inserito in una rete di più riflessioni, dove si riflette sulla deriva tecnica e procedurale nell’uso delle tecnologie.
Ribadisco la mia posizione: non siamo tecnici informatici, siamo insegnanti! Quindi, come ben ribadito da questo intervento per noi è molto importante la prospettiva, lo sguardo alto. In altri termini l’educazione 2.0, nella quale una funzione  importante è svolta dall’apprendimento sociale e dall’incidenza sui processi cognitivi
Nei prossimi giorni pubblicherò una mia riflessione sui piani elaborati dagli Animatori Digitali
La tecnologia in classe è nulla, se in classe…. 

Pubblicato in Tutti gli articoli | Commenti disabilitati su Dispositivi tecnologici, programmi…? Si, pensando all’educazione

Recensione: ” Malascuola”

10166606._UY346_SS346_

“ Se io fossi il ministro dell’istruzione raddoppierei lo stipendio degli insegnanti”. Così recita il sottotitolo del lavoro di C. Cremaschi. Uomo di scuola, impegnato da diverso tempo nel sindacato, ritiene che questa soluzione, unita alla riduzione del personale scolastico e alla loro valorizzazione e differenziazione della carriera, possa contribuire all’efficienza ed efficacia del sistema formativo.
Il primo obiettivo si può conseguire in modo indolore, grazie al pensionamento nei prossimi anni di duecentomila docenti; il secondo, invece, attraverso la riduzione degli sprechi e il reinvestimento totale delle risorse nella scuola. Quest’ultimo principio, più volte ribadito dall’autore, si discosta significativamente dalle ultime politiche scolastiche dei governi didestra e di sinistra che hanno utilizzato i risparmi per risanare i conti pubblici o finanziare iniziative esterne alla scuola.
Quali sono allora gli sprechi o gli elementi critici, che se risolti, possono liberare risorse significative? C. Cremaschi li individua nelle “ore di cinquanta minuti” pagate per sessanta minuti, nella compressione del calendario scolastico, nell’eccessivo numero di materie e progetti che richiedono un “surplus” di docenti, nell’esistenza di plessi che accolgono pluriclassi, nell’organizzazione della scuola primaria che prevede – prevedeva – le compresenze tra i maestri…
Quest’analisi è seguita da una “pars costruens”, che differenzia questo lavoro da altri, quasi sempre scritti da “ giornalisti tuttologi”, che proprio nelle proposte evidenziano limiti e difficoltà nel capire “il sistema scuola”.
Con un linguaggio esente da inutili tecnicismi, dal politichese e sindacalese, C. Cremaschi argomenta come il compenso effettivo di cinquanta minuti, una distribuzione del calendario scolastico su quaranta settimane, mantenendo l’attuale monte-ore annuale, l’essenzializazione del curricolo e altro ancora possono portare a risparmi significativi.
Tutte queste soluzioni, puntano a modificare radicalmente il sistema-scuola, liberando contemporaneamente risorse da investire in una reale “professionalizzazione” del docente, basata su un diverso percorso di formazione/aggiornamento, sulla valutazione del lavoro didattico, sull’articolazione della carriera molto simile a quella proposta nel Disegno di Legge di V.Aprea.. La contropartita per questo nuovo profilo è il significativo riconoscimento economico per il docente. Ma i tempi sono maturi per questa svolta? Forse si, dipenderà tutto dagli attori coinvolti: l’amministrazione pubblica e i docenti, senza però intermediari.
Gianfranco Scialpi

Pubblicato in Tutti gli articoli | Commenti disabilitati su Recensione: ” Malascuola”

Le fasi di realizzazione di una mappa ( Novak, Gowin )

corsi-di-informatica

Interessante presentazione delle fasi per realizzare mappe, secondo il modello Novak-Gowin. L’esempio non prevede la relazione con lo schema, l’ipertestualizzazione dei rapporti e la rete con il testo organizzato ( V, proposta corso )
Mappe
Proposta corso

Pubblicato in Tutti gli articoli | Commenti disabilitati su Le fasi di realizzazione di una mappa ( Novak, Gowin )

Corso di alfabetizzazione informatica – Liceo Newton, Roma

Immagine
Con grande piacere e soddisfazione terrò per il l’anno 2016-17 un corso di alfabetizzazione informatica al Liceo scientifico Newton ( Roma ).
I miei contatti sono il Dirigente Scolastico Dott.ssa Ivana Uras e il Prof. Arnaldo Florio ( Animatore Digitale ).
La proposta formativa sarà finalizzata all’uso didattico del S.O., dell’editor di testo, del foglio di calcolo, degli strumenti di presentazione.
Il pacchetto formativo proporrà un’ampia finestra sull’uso del Web e della posta elettronica.
La proposta formativa sarà preceduta da un test di verifica sulle conoscenze e abilità in entrata.

Pubblicato in Tutti gli articoli | Commenti disabilitati su Corso di alfabetizzazione informatica – Liceo Newton, Roma

Il pensiero computazionale. Il nuovo paradigma culturale?

wordle
Nel Web ho trovato questo articolo del filosofo G. Carosotti che riflette sul PNSD e in particolare sul pensiero computazionale.
Non tutto è condivisibile. Comunque il rilievo critico è da tener presente, in modo da evitare che il pensiero computazionale diventi il nuovo paradigma, riducendo come scrive Carosotti  riducendo “l’attività intellettuale a una pura prassi operativa tesa a realizzare obiettivi assegnati, in un contesto ‘prefissato’ di cui si dominano tutte le condizioni. ”
Intervento di G. Carosotti

Pubblicato in Tutti gli articoli | Commenti disabilitati su Il pensiero computazionale. Il nuovo paradigma culturale?

E-book gratis sulla gestione di DSA, ADHD, oppositivi…

sd
Nel mio girovagare nel Web ho trovato questo sito che offre e-book gratis molto interessanti per gestire diverse situazioni in aula. Le sezioni sono tre: famiglia, psicologi, docenti.
Per usufruire di questi e-book è sufficiente compilare un modulo.
Sono presenti anche utili video.
” Consigliatissimo” il download
Indirizzo sito

Pubblicato in Tutti gli articoli | Commenti disabilitati su E-book gratis sulla gestione di DSA, ADHD, oppositivi…

Il nostro Web sta diventando leggermente più Dark

Dark-Web-TOR-Deep-Web-616473

 

Interessante questo articolo sul disvelamento del Dark Web. In particolare si parla di siti pedopornografici sempre meno oscuri e quindi presenti nel Web che tutti noi frequentiamo.
Quindi il Web che noi frequentiamo sta lentamente cambiando la sua configurazione. Un Web considerato, dai più come sinonimo dell’intera Rete. I dati dicono il contrario. Il Web aperto a tutti, perché rintracciabile dai motori di ricerca ( Google, Yahoo, Safari…), costituisce solo il 6% dell’intera Rete. Il restante  è costituito dal Deep Web e  dal Dark Web. Il primo non è sinonimo di  materiale illegale, in quanto sono presenti anche rapporti scientifici, cartelle cliniche, estratti conto…
Il secondo invece completamente oscuro e inquietante nei contenuti.
Detto questo e non aggiungo altro, ribadisco la mia convinzione che l’estate costituisce la stagione più favorevole ad attivare percorsi  poco conosciuti , a trasgredire. E per i ragazzi questo potrebbe essere molto pericoloso ( leggi mio articolo sotto ).
Articolo “Stampa”
Il ricatto dei professionisti cyberbulli

Pubblicato in Tutti gli articoli | Commenti disabilitati su Il nostro Web sta diventando leggermente più Dark

Il ricatto dei cyberbulli professionisti

cyberbulli-bullismo-web-facebook-violenza-social

Qualcuno mi ha chiesto il perché della pubblicazione di una serie di articoli  sui rischi nella navigazione nel Web. In questo tempo dedicato al riposo, alle vacanze e baciati da tante ore di sole, l’argomento è fuori luogo, è stonato. Non condivido. Questo è il periodo nel quale i nostri ragazzi hanno più tempo libero, spesso “toccato” dalla noia. Questa condizione è la più favorevole a passare molto tempo a digitare o a fare touch con i propri dispositivi. E dato che queste azioni hanno una finalità sociale cioè rivolte a consolidare rapporti virtuali o ad avviare nuove relazioni  con  un compagno, uno sconosciuto, allora le mie riflessioni sono necessarie.
Bene, detto questo occorre ribadire che non bisogna mai avviare una relazione virtuale con persone che non si conoscono. Le conseguenze potrebbero essere  molto serie se la controparte è un  “cyberbullo professionista”
Presentiamo, allora, le fasi di questo “abbordaggio”.
1) Al ragazzo/a è proposta una nuova amicizia, proveniente da un profilo  rappresentato da un avatar, foto e informazioni  rassicuranti. Il profilo è un fake, alterato nel quale le foto sono spesso la sintesi di materiale equivalente prelevato da identità con password deboli ( ricordo che una password “robusta” deve essere costituita da caratteri alfanumerici e speciali );
2) Se il malcapitato accetta l’amicizia, allora inizia uno scambio di messaggi. Al “cyberbullo professionista” questa prima fase serve per capire quali possono essere emotivamente e affettivamente   i punti deboli del ragazzo/a  Ad un certo punto il “cyberbullo professionista” propone di continuare lo scambio ” epistolare”, in chat, chat room, o utilizzando Skype. La proposta è giustificata da una condizione più favorevole a confidenze;
3) quando il rapporto ha raggiunto un  adeguato livello di profondità, al ragazzo/a sono proposti giochi erotici da  riprendere  con la sua webcam. “L’esperto cyberbullo” chiede poi una copia dei filmati;
4) se il ragazzo/a invia questo materiale, allora inizia un viaggio che può anche non terminare. “Il cyberbullo professionista” inizia a ricattare il malcapitato, minacciandolo di diffondere i filmati nei canali del Web, compreso il Dark Web ( siti pedopornografici, di incitamento alla violenza, all’odio razziale… protetti dalla rilevazione dei motori di ricerca ), se egli non riceverà un compenso ( 500€-1.500€  secondo la polizia postale );
5) anche in caso di pagamento ( sorge una domanda: come fa il malcapitato a procurarsi la cifra richiesta ?) e di invio del materiale filmato, il ragazzo/a potrebbe ricevere in tempi brevi altre richieste di denaro, in quanto il “cyberbullo professionista” furbo potrebbe conservare una copia dei filmati. In altri termini: “il giochino potrebbe non terminare mai” almeno che il malcapitato abbia il coraggio di confidarsi con i genitori.

Pubblicato in Tutti gli articoli | Commenti disabilitati su Il ricatto dei cyberbulli professionisti

Una pagina Fb della Polizia di stato contro i rischi nel Web

Una vita da social

Su Facebook è presente un’interessante pagina della Polizia di stato dedicata ai rischi nel Web. Il valore aggiunto risiede nei suoi continui aggiornamenti. Un esempio: è postato un avviso riguardante un falso profilo ( fake )  della Polizia su Instagram.
A questo è inutile aggiungere altro
Una vita da social

Pubblicato in Tutti gli articoli | Commenti disabilitati su Una pagina Fb della Polizia di stato contro i rischi nel Web

Il sexting e il revenge porn: la condizione e la declinazione del cyberbullismo

cyberbulli-bullismo-web-facebook-violenza-social

Ho la sensazione che quando si parla di cyberbullismo – ovviamente tra adulti – siano poco chiari i contorni, le sue declinazioni operative. Inoltre, le dichiarazioni non sono seguite da dati desunti da ricerche.
Sgombriamo, innanzitutto il campo da ogni dubbio: spesso il fenomeno del cyberbullismo si insinua in contesti dove con una certa facilità si consegnano dispositivi – device – a preadolescenti, ritenuti in grado di gestire la loro navigazione soprattutto sui Social , come Facebook, Instagram. Questa convinzione si fonda sulla sabbia della presunta “natività digitale”, come se questa condizione proteggesse per una particolare “istruzione divina”  i nostri ragazzi. Niente di più sbagliato! I “nativi digitali” non sanno navigare sul Web! La loro conoscenza informatica è limitata alle poche procedure da loro ritenute necessarie per chattare, inviare messaggi…
Detto questo, il cyberbullismo necessita come sua condizione per attuarsi della condivisione. Questa avviene attraverso il sexting. Il termine è la  sintesi delle parole sex – sesso – e editing ( invio messaggi ). Questa modalità permette ai due ragazzi coinvolti, che spesso non si sono mai incontrati, di sperimentare gli aspetti erotici di un rapporto attraverso lo scambio di messaggi, video, foto. Ripeto tutto in forma virtuale., ritenendo questa forma assolutamente sicura e molto appagante il loro bisogno di conoscersi nelle sensazioni, ed emozioni erotiche. Per non parlare poi del loro narcisismo, che attraverso questa modalità è in parte soddisfatto.
Secondo una ricerca dell’Osservatorio sull’adolescenza e del sito Skuola.net il 6,5% dei ragazzi tra i 13 e i 18 anni sono coinvolti nel sexting. Probabilmente il dato è sottostimato, rispetto alla realtà, in quanto secondo un’altra ricerca ( Società dei pediatri italiani ) l’87% dei ragazzi coinvolti nell’ampio fenomeno del cyberbullismo ( in questo ci metto anche le condizioni di partenza ) non si confida con i genitori e in genere con gli adulti.   Comunque il sexting dimostra la scarsa conoscenza dei ragazzi sulle potenzialità devastanti della condivisione.  In altri termini: quasi sempre il materiale che si “posta” sul Web diventa ingestibile nella sua fruizione. Nel caso concreto la controparte, attraverso appunto la condivisione, può diffondere  anche all’insaputa del diretto interessato materiale intimo. Solitamente questa procedura è attivata consapevolmente, quando un rapporto è finito e quindi la controparte ferita  per vendicarsi invia o condivide il materiale conservato sul proprio dispositivo con amici,  conoscenti e oltre   fino ad arrivare al Dark Web ( spazio nel web non “catturato” dai motori di ricerca e dove abbonda materiale pedopornografico e molto altro).
Da qui il revenge porn ( vendetta attraverso diffusione di materiale porno. Traduzione ovviamente non letterale ). Sempre secondo la citata ricerca il 17% di chi è coinvolto nel sexting subisce il revenge porn.
Per inciso, mi pongo tante domande quando incontro ragazzi anche molto piccoli che con il loro smartphone navigano nel Web, chattano, entrano nei Social network, in completa solitudine, certi di non essere spiati,  ascoltati dagli adulti.
Questa è la situazione, cosa fare? Semplice: i genitori dovrebbero essere presenti educativamente ed essere percepiti dai ragazzi  come persone competenti del web, indicando opportuntà e rischi nella navigazione e fornendo contro quest’ultimi delle soluzioni praticabili e accettabili, anche se in alcuni casi possono essere colte nei loro aspetti limitanti. Non ha importanza! L’adulto non deve essere un compagno di viaggio, ma una guida. E la scuola? La grande latitante istituzionale deve fare da sponda al lavoro dei genitori, anche se in molti casi dovrà ricoprire una funzione di supplenza. Ma per intervenire efficacemente contro il cyberbullismo occorrono docenti competenti e aperti al mondo della tecnologia.

Pubblicato in Tutti gli articoli | Commenti disabilitati su Il sexting e il revenge porn: la condizione e la declinazione del cyberbullismo