Nuovo testo Unico. Attendo di leggere il testo. Qualcuno, invece…


Venerdi 19 maggio è stato approvato il Decreto Madia, alias nuovo testo unico del pubblico impiego.
La Cgil ha subito dichiarato la sua soddisfazione.”Il decreto arriva dopo l’accordo del 30 novembre e dopo un costruttivo confronto con Cgil, Cisl e Uil, teso a mantenere fermi i punti centrali dell’intesa: più spazio alla contrattazione, a tutti i livelli, superamento del precariato, tutela e qualificazione del lavoro pubblico”. E ancora” Eliminato l’ultimo ostacolo al rinnovo dei contratti; abrogate le fasce Brunetta e le sue disposizioni punitive; restituito spazio alla contrattazione nazionale e di posto di lavoro; previsto un piano di assunzioni straordinarie per migliaia di precari .”
Subito dopo ho cercato inutilmente il testo.  Nulla! Sul sito della Cgil, al momento non c’è traccia.  Sul sito della Cisl ho trovato lo schema, non il Decreto . La ricerca  è continuata su altri siti ( tecnicadellascuola.it e orizzontescuola.it ). Nulla!
A questo punto è stata illuminante la dichiarazione del segretario Furlan: ” Attendiamo di vedere il testo definitivo della riforma Madia  dove ci aspettiamo un maggiore equilibrio tra legge e contratto”
Conclusione: l’articolato del Testo Unico ancora non è disponibile! Sfugge la logica di una dichiarazione della Cgil senza il supporto del documento! Aggiungo: azzardata e pericolosa per l’immagine del maggior sindacato italiano, qualora il documento dovesse confermare la “filosofia” del Decreto Brunetta – maggior peso alla legge, meno al contratto.
Da parte mia attendo di leggere in modo approfondito il documento, prima di pronunciarmi.
Al momento ci sono solo cenni al nuovo regime delle visite fiscali e sulla responsabilità disciplinare dei pubblici dipendenti e poco altro. Probabilmente le testate giornalistiche hanno scritto il loro pezzo, partendo da una semplice nota, rilasciata dal governo. Quindi siamo a livello di un “riporto”, non della fonte. E per me conta quest’ultima!

 

Pubblicato in Tutti gli articoli | Contrassegnato , , , | Commenti disabilitati su Nuovo testo Unico. Attendo di leggere il testo. Qualcuno, invece…

La legge 107/15 non ha avuto il coraggio di…


La legge 107/15 conosciuta con un’ espressione di dubbia efficacia massmediatica di “Buona Scuola”, si è rivelata un disposto in perfetta continuità con altre leggi. Non è bell’esempio   del “#cambioverso” renziano. Il coraggio non è la sua caratteristica più rilevante. Questo tratto è attribuibile a chi opera una rottura, una discontinuità con il passato.
Alcuni esempi. Un provvedimento di sinistra, meglio di centro-sinistra, si è rivelato “confermativo”  dei disposti di Maria Stella Gelmini, grazie ai quali sono stati prelevati 8 miliardi alla scuola, annullate le compresenze nella scuola primaria, istituzionalizzate le classi pollaio e promessi 2.400 milioni di € per il merito… Di questi ultimi non si è saputo più nulla!
A questo occorre aggiungere il mancato coraggio a “proteggere la scuola” dal Disegno Aprea ( Dirigente Scolastico e deputato di Forza Italia ) e dai suggerimenti di altre agenzie esterne al sistema scolastico, dimenticando i primi attori: gli insegnanti!
Detto questo, si spera che nei programmi elettorali – tutti da verificare, già in questo scorcio di legislatura. Il tempo è sufficiente per presentare disegni di legge – ci sia l’esplicito riferimento al superamento “senza ma e senza se” della 107/15, delle leggi Gelmini, cadute nel “dimenticatoio”, del divieto di chiamare il supplente  il primo giorno di assenza del titolare.
Le forze politiche poi sono facilitate nella parte propositiva, grazie alla L.I.P. espressione della scuola che entra ogni giorno in aula!

Pubblicato in Tutti gli articoli | Contrassegnato , , , , | Commenti disabilitati su La legge 107/15 non ha avuto il coraggio di…

Cyberbullismo. Un’interessante iniziativa


Molti convegni sul cyberbullismo sono caratterizzati da un’attenzione sugli aspetti pedagogici e psicologici, a discapito di quelli procedurali e di navigazione sicura nel Web.
Bene, sottopongo all’attenzione questo convegno dove pare dalle notizie che si possono leggere saranno evidenziate maggiormente le procedure superficiali,  errate messe in atto dal ragazzo che favoriscono la navigazione incerta e insicura nel Web.
Senza nulla togliere agli aspetti pedagogici e psicologici ritengo importante la trattazione degli aspetti tecnico-informatici.
Auspico la pubblicazione di video o di resoconti scritti di quest’interessante iniziativa.

Pubblicato in Tutti gli articoli | Contrassegnato , | Commenti disabilitati su Cyberbullismo. Un’interessante iniziativa

Cyberbullismo. Aprile/Maggio: i mesi dello smartphone!


Tra aprile e maggio la vendita degli smartphone aumenta. Il motivo: le prime Comunioni!
Il dispositivo, evoluzione del cellulare, è l’oggetto del desiderio dei bambini! E i genitori, la maggior parte di loro sostiene questo desiderio, indirizzando spesso il parente all’acquisto.
E poi? Da quel momento il bambino vive un momento di iniziazione o di maggiore presenza nel Web e dintorni.
Tra media sociali e servizi di messaggistica istantanea (IM ) e altro inizia o si accentua la sua separazione dalla vita reale, creandosi falsi o reali profili. Il tutto in perfetta solitudine, grazie all’assenza dei genitori, i quali consegnano questo “coltellino svizzero” ( smartphone ) agli ignari figli che  gradualmente si formano al suo uso, ascoltando i consigli e i suggerimenti degli “esperti quasi coetanei”.
In mano ai bambini lo smartphone diventa un  oggetto pericoloso perché li espone alla lettura, alla visione di tanti spettatori, spesso silenziosi. Non si è mai soli nel Web! la nostra presenza può avere una significativa platea!  La probabilità che   ci siano cyberbulli o adescatori sessuali online ( fenomeno del grooming ) è molto alta. E’ necessario ricordare che tra questi spettatori potrebbero esserci molti abitanti del “dark Web”, costituito da ambienti virtuali pedopornografici, o che incitano alla violenza fisica, al razzismo…
E’ necessario che i genitori riprendano le redini dell’educazione, intesa come indirizzo, guida alla navigazione sicura nel Web. Per conseguire questo, dopo aver consegnato loro il dispositivo, è indispensabile che si mettano accanto ai propri figli, fornendo loro le mappe e la bussola del virtuale. Ovviamente nulla si improvvisa! La presenza del genitore, deve essere sostenuta da un bagaglio di conoscenze informatiche e procedurali adeguate alla navigazione sicura.
Del resto chi farebbe guidare ad una persona senza patente una macchina?

Pubblicato in Tutti gli articoli | Contrassegnato , , , | Commenti disabilitati su Cyberbullismo. Aprile/Maggio: i mesi dello smartphone!

Prova di Excel ( Liceo scientifico Newton – Roma )

Martedì ho concluso la prima fatica al Liceo Newton – Roma , proponendo il test di verifica su Excel.
Ovviamente non sono presenti tutti gli argomenti proposti nella “Nuova Ecdl”.
Il test rappresenta un “antipasto”! Impegnativo, ma non troppo!
Lo metto a disposizione per chi intende “ripassare” alcune procedure di Excel. Sicuramente è da affiancare agli esercizi propedeutici all’esame Ecdl.
Prova finale Excel

Pubblicato in Tutti gli articoli | Commenti disabilitati su Prova di Excel ( Liceo scientifico Newton – Roma )

Contratto. La “Caporetto” (due volte ) del sindacato!


Il 30 novembre 2016 le OO.SS. hanno firmato una intesa contrattuale nella quale il governo si impegnava a modificare il quadro legislativo a favore della contrattazione. In questo modo si intendeva superare  “la filosofia” del  Decreto legislativo  “Brunetta” ( 2009 )   che invece dava rilevanza alla legge.  Infatti si legge nell’intesa:
Il governo, nell’esercizio della delega di cui all’articolo 17 della legge del 2015, si impegna alla definizione di un intervento legislativo volto a promuovere il riequilibrio , a favore della contrattazione, del rapporto tra le fonti che disciplinano il rapporto di lavoro per i dipendenti di tutti i settori, aree e comparti di contrattazione, per una ripartizione efficace ed equa delle materie di competenza e degli ambiti di competenza, rispettivamente della legge e della contrattazione, privilegiando la fonte contrattuale quale luogo naturale per la disciplina del rapporto di lavoro
Ora considerando che il decreto legislativo è sostanzialmente equiparato ad una legge ordinaria, subordinato unicamente alla Costituzione,  solo una nuova legge può abrogarlo! Ma veramente Le OO.SS. pensavano che il governo ponesse tra le sue priorità la revisione del Decreto “Brunetta?  Erano davvero convinti che qualcuno al governo e al Parlamento avrebbe perso il sonno per il pubblico impiego?
Se lo hanno creduto allora sono ingenui, sprovveduti!
Intanto fanno la voce grossa, organizzando manifestazioni, perché il nuovo Testo Unico che sta per essere approvato,  pare da voci di corridoio che “intenda essere   rispettoso”  del Decreto Brunetta, accogliendo di fatto la sua “filosofia”. Se questo sarà confermato dai fatti, non può essere ascritto tra le anormalità giuridiche. La 107/15 non ha abrogato il corrispondente disposto 15/09 , da cui discende la cosiddetta “Riforma Brunetta”.
E intanto sulla testa dei sindacati sta arrivando una seconda tegola:   il contratto “povero”, non dignitoso, irrispettoso della dignità dei docenti – e non solo. Attenti,  al trucco! Pare che per effetto della “Riforma Brunetta” una quota significativa di questi “incredibili” aumenti andrà a gonfiare la voce ” bonus merito”. Che dire? Non ho parole!
Sono curioso di conoscere chi sottoscriverà  questo “fantastico contratto” e quali motivazioni ci presenterà nelle assemblee.

Pubblicato in Tutti gli articoli | Contrassegnato , , , , , | Commenti disabilitati su Contratto. La “Caporetto” (due volte ) del sindacato!

“Culpa in vigilando”. Senza soluzione di continuità!


Riporto qui il commento ad una recente sentenza ( 10516/17 ) dove il Miur e l’insegnante sono stati condannati ” a risarcire due genitori che avevano perduto il figlio a seguito di un incidente avvenuto in prossimità della scuola”
Il pronunciamento chiarisce un principio: il passaggio di  responsabilità del controllo sul minore deve essere diretto. In altri termini, la consegna deve avvenire in prossimità del genitore o di altro adulto delegato o autorizzato e in assenza di potenziali pericoli. Quindi  il “ senza soluzione di continuità” prevede la vicinanza ragionevole dell’adulto!  Da qui non possono essere proposte come  attenuanti la conclusione del proprio orario di servizio o “il fuori dal perimetro della scuola” e ancor meno ragioni pedagogiche ( autonomia del bambino). In quest’ultimo caso, si può essere in disaccordo, ma il giudice sul suo tavolo non ha i testi di M. Montessori!  

E’ evidente che in tutti i casi nei quali è coinvolto un minore, prevale su tutto il suo diritto costituzionale alla sicurezza e protezione ( art. 30 e 31 ). Tale diritto è confermato, e non poteva essere altrimenti, dalla Convenzione dei diritti dell’infanzia e dell’adolescenza ( 1989 ) . Nello specifico l’art. 3 recita: “… l’interesse superiore del fanciullo deve essere una considerazione preminente.

  1. Gli Stati parti si impegnano ad assicurare al fanciullo la protezione e le cure necessarie al suo benessere, in considerazione dei diritti e dei doveri dei suoi genitori, dei suoi tutori o di altre persone che hanno la sua responsabilità legale, e a tal fine essi adottano tutti i provvedimenti legislativi e amministrativi appropriati.
  2. Gli Stati parti vigilano affinché il funzionamento delle istituzioni, servizi e istituti che hanno la responsabilità dei fanciulli e che provvedono alla loro protezione sia conforme alle norme stabilite dalle autorità competenti in particolare nell’ambito della sicurezza e della salute e per quanto riguarda il numero e la competenza del loro personale nonché l’esistenza di un adeguato controllo.”

Pubblicato in Tutti gli articoli | Contrassegnato , , | Commenti disabilitati su “Culpa in vigilando”. Senza soluzione di continuità!

ScuoIa. Il “se politico ” precede il “dimenticatoio”

Riporto quello che dichiaravano i tre candidati alla segreteria del PD:
Vorrei azzerare la Buona scuola e riscrivere la riforma con i docenti e i sindacati per fare in modo che la competitività dell’istruzione italiana si possa trovare nel dialogo e nella concertazione” ( M. Emiliano )
” Il mio impegno da segretario sara’ quello di prevedere ulteriori investimenti nella scuola pubblica e l’eliminazione di storture ed errori contenuti nella Buona Scuola” ( A. Orlando )
Se il 30 aprile o dopo vincerò la sfida per la segreteria, la prima iniziativa sarà dedicata alla Scuola: ho intenzione di ripartire da un tema dove il dente duole…Dobbiamo ripartire dal tema della disuguaglianza tra bambini: quando nascono i bambini in alcuni luoghi, c’è chi mi dice si può prevedere che fine fanno nove di loro su dieci. E questo non è accettabile” ( M. Renzi )
Le  dichiarazioni hanno un denominatore comune, più o meno implicito, che rimanda a una funzione logica “Se…allora“. Essa è  molto usata all’interno di Excel o Calc, conservando una certa asetticità. Se usata e abusata, invece, nelle conservazioni quotidiane o nelle dichiarazioni politiche, allora si declina in  parole vuote, finalizzate e lo capirebbe anche uno dei miei alunni. ad intercettare voti. Qualcuno replicherà, dicendo che per Orlando ed Emiliano, la condizione non si è verificata, quindi… Non sono d’accordo e l’ho anche scritto più volte: le intenzioni per me contano zero, se non sono tradotte in atti politici, quali una proposta di legge. Come dichiara spesso M. Travaglio ” le cose vanno dette dopo  che sono state tradotte in atti concreti”. Aggiungo: “Diversamente  tutto è fuffa
Da qui la mia richiesta a M. Emiliano e A. Orlando: ” Presentate una proposta di modifica della legge 107/15. La vostra mancata elezione non vi impedisce dal farlo. Se questo non avverrà, allora  avremo capito tutto!”
Altro discorso è Renzi. Ha vinto! E’ diventato segretario! Attendo ancora la sua prima iniziativa sulla scuola, in direzione di una sua maggiore inclusività.
Risultato? La scuola è rientrata nel suo “dimenticatoio”. E’ sparita dai radar dei massmedia!
Riflessione. Pessima strategia  ricordarsi della scuola solo per fini estrinseci – voto primarie. Sono convinto che se una legge sulla scuola non funziona, come la 107/15, allora occorre abolirla o quantomeno modificarla. E farlo unicamente perché si ritengono importanti le persone, e in particolare gli alunni e gli studenti. Il futuro che lo rappresentano, non è una categoria indipendente dal presente. La prospettiva è anticipata già ora. Porto avanti il solito esempio,: le classi pollaio! La legge 107/15  le ha confermate.! Se penso, che per molti alunni e studenti, questa organizzazione condizionerà pesantemente la loro formazione e quindi il loro futuro, tremo.  Qualcuno replicherà, dicendo che le classi polalio sono 7% su base nazionale. Bene, rispondo:  la scuola non deve perdere nessuno. Scriveva  D. Milani:” Se si perde loro (gli ultimi) la scuola non è più scuola. E’ un ospedale che cura i sani e respinge i malati”,  ” La scuola ha un problema solo. I ragazzi che perde” ( Lettera ad una professoressa”) E oggi grazie alle classi pollaio e superpollaio, se ne perdono tanti!

Pubblicato in Tutti gli articoli | Contrassegnato , , , , , | Commenti disabilitati su ScuoIa. Il “se politico ” precede il “dimenticatoio”

Il selfie. Il contesto narcisista e…


Il selfie ( l’autoscatto ) spesso è associato al narcisismo.
L’affermazione ha un suo fondamento. le persone che amano farsi l’autoscatto in modo compulsivo, lo fanno spesso  per mostrare un’altra immagine di sé, evidenziando una certa insofferenza per il loro reale aspetto fisico o tratto psicologico. Operano una manipolazione della realtà.
Ora, il selfie può supportare anche il desiderio di apparire “uno, nessuno,centomila”. Il titolo del romanzo di L. Pirandello si declina  nel nostro contesto liquido con l’espressione “personalità multiple”. Chi opera in questo modo decide di “postare” immagini di sé, diverse, in alcuni casi contraddittorie, variabili dipendenti del gruppo o  media sociale di destinazione. Pertanto egli si presenta in versione “dark”, “hard” o “soft”… in rapporto ai potenziali spettatori. Nel gioco degli specchi  mente anche a se stesso, rappresentando  una realtà falsificata. Queste istantanee servono per nascondere il vuoto che avverte dentro di sé. In questo contesto il narcisista porta a livelli preoccupanti il suo desiderio di apparire e di essere accettato. La stima  continuamente ricercata, infatti , è consolidata dal numero dei “like” registrati o dai commenti postati. Se una determinata foto non produce gli effetti desiderati, è sostituita con un’altra nella speranza di ottenere le dovute attenzioni. E così via.
Fortunatamente non tutti i selfie esprimono questa personalità. Ci sono anche, i documentaristi. Essi puntano ad un album fotografico che racconti i momenti più significativi della loro esistenza (festa dei diciotto anni, festa di laurea, …), oppure comunichi un messaggio forte  di rottura con una certa tradizione ( ragazze di religione musulmana senza velo…).
In entrambi i casi, spesso manca l’album fotografico che una volta rappresentava il racconto non scritto della propria vita. Quasi tutto quello che fotografiamo entra in un frullatore che ci restituisce il nulla. In altri termini, difficilmente stampiamo le foto. Facilmente  le dimentichiamo nella memoria del dispositivo e quando questa è quasi piena, allora le sacrifichiamo per liberare spazio. In questo modo ci regaliamo una biografia con diversi segmenti senza storia, cioè priva di istantanee di eventi  che con i loro colori e sensazioni hanno contribuito a dare senso  alla nostra esistenza e che invece di trattenere e conservare  consegniamo “all’ospite inquietante che si aggira tra noi: il Nulla ( F. Nietzsche ).

Pubblicato in Tutti gli articoli | Contrassegnato , | Commenti disabilitati su Il selfie. Il contesto narcisista e…

Contratto. Per evitare che la montagna partorisca il topolino, propongo…


Ha dichiarato il Ministro Madia che l’atto di indirizzo all’Aran, necessario per l’apertura delle trattative contrattuali  sarà inviato “dopo l’approvazione definitiva dei decreti della riforma della pubblica amministrazione del Consiglio dei ministri, quindi a giugno o comunque prima dell’estate”
Qualche giorno fa il Ministro Fedeli ha auspicato la chiusura del contratto entro l’anno. Subito dopo, la dichiarazione-beffa! ” le figure dei docenti vanno riconosciute economicamente, così come i dirigenti: deve essere una delle professioni più sostenuta e valorizzata”.
I meno informati-non credo che siano tanti- penseranno :” Il nuovo contratto ci darà qualche soldo!”; ” Finalmente dopo otto anni avremo un contratto che riconoscerà economicamente il nostro lavoro”. E qui mi fermo!
Ovviamente queste aspettative sono fondate sul nulla, o quasi. In termini economici, secondo quanto stabilito dalle legge di Stabilità 2016 e 2017 e confermato dall’intesa del 30 novembre 2016, avremo al termine del triennio 2016-2018  50€ netti medi di aumento. Poco più di 15€ l’anno!. Con queste cifre, invito il governo a lasciar perdere per evitare di fare l’ennesima brutta figura e allargare la crepa tra la scuola e la politica. Tenetevi pure le risorse! Non cambieranno la vita dei docenti. Semmai daranno un ulteriore colpo alla loro dignità di lavoratori.
Lo chiedo anche a nome del sindacato, incapace di dire di no, battere i pugni sul tavolo e andarsene. Incapace, inoltre,   di cogliere le trappole che la controparte mette in campo – l’intenzione di rivedere la legge Brunetta a favore della contrattazione è al momento ferma su un binario morto.
Le alternative all’umiliante contratto sono le seguenti:
1) impegno immediato ad abbassare il numero degli alunni per classe 15-20  max e abolizione del divieto renziano di nominare il supplente il primo giorno di assenza del titolare;
2) assicurazione professionale per ogni docente  con massimale fino a 4-5 milioni di €;
3) assicurazione sanitaria privata con copertura media del 90% sulle prestazioni;
4) possibilità con chiamata obbligatoria del supplente  di prendersi le ferie, anche durante l’anno;
5) possibilità con copertura stipendiale al 90% di prendersi ogni cinque anni un periodo sabbatico per formazione o aggiornamento professionale con il solo obbligo di produrre una documentazione del lavoro svolto o la certificazione conseguita ;
6) conferma della “Carta docente”;
7) possibilità di differenziare l’ultima parte della propria carriera professionale -diciamo i rimanenti dieci-quindici anni – assumendo funzioni di tutor, di formatore, tecnico di laboratorio  – azione #27 del PNSD scuola primaria e secondaria di primo grado.
8 …
Ovviamente si accederà a questi ruoli dopo una serie di esami selettivi, partendo da un punteggio ripartito tra  esperienze professionali certificate e titoli culturali. L’inversione non è un errore, perché non considero il titolo di studio  pienamente abilitante all’insegnamento, se non supportato dalla passione e dall’intenzione di rimettersi continuamente in gioco.
Il sindacato è disposto a distogliere l’attenzione dal contratto economico indecente e a concentrarsi  su questi e altri elementi per ridare dignità al nostro lavoro?
Molti avanzeranno  dubbi di sostenibilità economica.  Benissimo, allora risparmiateci l’umiliazione di un contratto indecente e abbiate il coraggio di dirci, quale forma-scuola avete in testa, sostitutiva di quella attuale.

 

Pubblicato in Tutti gli articoli | Contrassegnato , , , , , , , | Commenti disabilitati su Contratto. Per evitare che la montagna partorisca il topolino, propongo…

L’utilità della certificazione Ecdl, nonostante…

Chi mi frequenta sa che sono impegnato da diverso tempo sul fronte delle acquisizione delle fondamentali conoscenze e abilità di base digitali.
Ogni tanto leggo interventi sulla inutilità della certificazione Ecdl. Alcuni puntano sulla mancata “immortalità” della certificazione che bisogna rinnovare con un esame upgrade ogni cinque anni – questo lo dico io, non loro che si fermano alla scadenza, dimostrando di non conoscere i nuovi percorsi Aica. Altri, come gli Animatori Digitali dichiarano di non voler “mettere la faccia” – l’espressione è mia – proponendo la  prima alfabetizzazione informatica. Ricordo che un amministratore di una pagina Fb  dedicata agli Animatori Digitali – sono stato bannato, perché postavo  cose “fuori dal coro”-  , mi rispondeva: ” E si ora metto a proporre corsi di prima alfabetizzazione…”. Da qui ho compreso la riluttanza a proporre corsi certificati. Poco dignitosi per il loro profilo!   Altri come i formatori del PNSD dichiarano che la certificazione ecdl è superata, inutile. Mi piacerebbe conoscere quali titoli riconosciuti in loro possesso li  autorizza a fare queste dichiarazioni.
Ben vengano questi rilievi perché servono al sottoscritto per riflettere su questa personale scelta, che coesiste con altre più complesse come la ricerca attiva nel web, l’ipertestualizzazione,  la lotta il cyberbullismo al grooming,…
Ho scelto di impegnarmi con bambini, ragazzi e adulti nella prima alfabetizzazione perché la cittadinanza digitale ( V. PNSD ) si basa sull’acquisizione delle conoscenze e abilità di base. Ora la cittadinanza digitale è una declinazione di quella più ampia che fa riferimento all’affermazione dei diritti civili – manifestare la propria opinione, la propria religione… )   e sociali ( salute, istruzione…) . E oggi essi richiedono l’uso consapevole dei software di base ( a licenza o free ) la capacità di navigare nel Web per ricercare informazioni o altro materiale e gestire le webmail. Purtroppo il 57% dei professori, si esprime con un lessico inappropriato – “appiccico” il testo, ” spingo” il mouse, “batto” sulla tastiera…-  non sanno usare correttamente i software di base e navigare nel Web.  Non parliamo poi di sicurezza e di uso degli strumenti collaborativi . Quindi sono esclusi da una piena cittadinanza! Per loro l’incapacità di utilizzare a livello base gli strumenti informatici ( Digital Literacy ) si traduce nella minore possibilità far valere i loro diritti.
Stessa situazione si trovano i cosiddetti “nativi digitali”. Utilizzo minimo e pessimo dell’editor di testo – mancato adeguamento dell’impaginazione, scarso utilizzo della formattazione, dei rientri…- , inadeguata conoscenza del foglio di calcolo – scarsa conoscenza della sintassi per l’inserimento delle funzioni aritmetiche e logiche –  e degli strumenti di presentazione – le diapositive contengono tanto testo. Questo offline.
La situazione diventa drammatica quando sono online! E lo sono spesso h 24! Secondo una recente ricerca dell’Aica il 42% degli studenti universitari non disattiva il wifi quando non serve, esponendoli quindi a intrusioni o furti d’identità ( ingegneria sociale ) ; il 40% non protegge l’accesso al proprio smarthphone con gli inevitabili rischi di essere coinvolti nei fenomeni dell’outing, denigration ( declinazioni del cyberbullismo ) e del grooming ( adescamento sessuale online ); il 50% non controlla le autorizzazioni richieste per l’installazione di un’applicazione…
A queste situazioni il rimedio si chiama alfabetizzazione informatica ( Ecdl o Eipass ).
Il valore aggiunto delle relative certificazioni è far conoscere il lessico informatico “digitare”, “premere”, “cursore”, “input”, “output”, “Dati”, “informazioni”-, acquisire abilità multiprocedurali –  ad esempio si può attivare il copia/incolla dalla barra multifunzione, con il tasto destro o con i tasti di combinazione rapida…-  e le competenze di organizzazione e di ordinamento – ad esempio impostare tutto per cartelle, sottocartelle, file… Tutto questo spesso “ritorna”, utilizzando applicazioni complesse, conferendo all’insegnante o relatore un’autorevolezza che sicuramente non può avere una persona che presenta il suo Desktop caotico e “affollato”, di  file e cartelle.
Ovviamente da questo discorso non è esclusa la parte online. La certificazione di acquisizione di competenze digitali ( non informatiche ), abilita alla navigazione, inserendo ad esempio criteri più mirati per ricercare informazioni e all’individuazione delle “balle virtuali” ( fake news ) . Navigazione che assume, anche caratteristiche collaborative,  di utilizzo del cloud e sicura.
Certamente tutto “questo “tesoro” ( conoscenze, abilità, competenze), deve essere aggiornato periodicamente. L’Aica propone un esame di aggiornamento ogni cinque anni. E’ impensabile oggi certificare ” a vita” conoscenze, abilità e competenze dinamiche, come quelle digitali.
Tutto questo, ovviamente non serve, se la persona non ha la passione: il valore aggiunto che lo porta a non “sentirti arrivato”, a ripartire ogni volta che raggiungi un obiettivo. Personalmente sto sostenendo gli esami per la certificazione “IT Administrator Fundamentals”. La prossima sarà ”  Informatica giuridica” ( qui tutte le certificazioni). Senza escludere il periodico upgrade della certificazione ecdl.
Concludo. Le abilità di base digitali, come quelle del “leggere, scrivere, far di conto” devono essere insegnate fin da piccoli, in modo da favorire l’avvio di una formazione “corretta” che deve durare tutta la vita.

 

Pubblicato in Tutti gli articoli | Contrassegnato , , , , , , , , | Commenti disabilitati su L’utilità della certificazione Ecdl, nonostante…

Ecdl primaria (Word ). Esperimento riuscito!


L’esperimento è riuscito! I nove giovani alunni della quinta primaria dell’I.C. “Carlo Levi” ( plesso Serrapetrona ) hanno dimostrato impegno, partecipazione e soprattutto tanto entusiasmo!
Gli argomenti che costituiscono il modulo Word della “Nuova Ecdl” non erano semplici e quindi potevano dimostrarsi noiosi o troppo distanti dal vissuto dei ragazzi.
E invece, sono riuscito a tenere sempre il coinvolgimento su livelli molto alti. Questo è stato confermato anche dai genitori e dall’insegnante di classe.
Giovedì scorso ( 4 maggio ) il corso si è concluso con una prova di verifica ( v. immagini  sotto ) che ha riguardato quasi tutti gli argomenti del modulo. Bene la media di successo è stata molto alta ( 90%).
Ho seguito questi criteri per l’attribuzione del punteggio sulle diverse capacità ( v. fondo seconda immagine). Richiesta ( =capacità ) completata 1 punto. Ad ogni errore all’interno della singola richiesta è stato sottratto 0,25 di punto.
Arrivederci al prossimo anno! Quest’anno si sono allenati. A settembre giocheranno la partita vera, sostenendo gli esami della Nuova Ecdl presso un Test Center.


Pubblicato in Tutti gli articoli | Contrassegnato , | Commenti disabilitati su Ecdl primaria (Word ). Esperimento riuscito!

Compensi formatori. Altra conferma, ma…


Altra conferma a una situazione che rischia di far naufragare il Piano di formazione.
Sul portale di tecnicadellascuola.it è stato pubblicato un nuovo articolo sui compensi irrispettosi e indecenti,  proposti ai docenti-esperti all’interno del Piano di formazione e basati su un Decreto di ventidue anni fa ( 326/95 )
A marzo ho fatto presente con due articoli il problema ( Piano di formazioneANP rileva il mio stesso problema ) che potenzialmente potrà far naufragare l’intero Piano, dimostrando ancora una volta la difficoltà di gestione di iniziative da parte del Miur. La situazione non è imputabile al Ministero, bensì alla politica, che come ha scritto recentemente M. Revelli ( Populismo 2.0, Einaudi, Torino, 2017 ) ha rinunciato a guidare i processi economici, assumendo la funzione  gregaria del  finanzcapitalismo ( L. Gallino). Questa subalternità però anticipa la sua completa eclissi.  Secondo il filosofo parmemidiano E. Severino ( “Il tramonto della politica”, Rizzoli, Milano, 2017 ) questo avverrà perché la politica ha legato le sue sorti all’economia finanziaria, destinata anch’essa a soccombere di fronte alla tecnica.
Tornando, comunque all’oggetto di questo mio intervento, la subalternità della politica,  è certificata dal silenzio-risposta alle diverse richieste di aggiornamento dei compensi, i quali come dichiara il Direttore Giuliani ormai sono stati decisi dalla L.107/15,  a meno che il Parlamento non legiferi diversamente. Qui però entriamo nella fantapolitica!
Detto questo intendo porre nuovamente l’attenzione alla beffa  più irridente  che si nasconde nel Decreto. Questo non propone un compenso lordo certo, perché si legge che per i relatori è previsto un riconoscimento economico “fino a…“. Pertanto un esperto potrebbe ricevere ancora meno. nel Si fa riferimento a un Decreto di ventidue anni fa (326/95) che testualmente nasconde una trappola, che molti DSGA conoscono bene.
Come andrà a finire? Facile previsione! Il Miur chiuderà un occhio sulla qualità degli esperti che avranno accettato l’incarico. Scrive il direttore di “Tecnicadellascuola.it”  ” Con queste cifre, è difficile che si possano proporre alle scuole esperti di alto livello… come invece sarebbe logico All’Amministrazione interesserà solo aver rispettato le procedure formali. Oltre,  è chiedere la luna!

Pubblicato in Tutti gli articoli | Contrassegnato , , , , , , | Commenti disabilitati su Compensi formatori. Altra conferma, ma…

Cyberbullismo. “Patentino” per l’uso dello smartphone


Ottima l’iniziativa dell’ Osservatorio Permanente Adolescenti Studenti, sostenuta da un gruppo di docenti e patrocinata dall’Assessorato alle Politiche Giovanili del Comune di Verona  di vincolare l’uso degli smartphone al conseguimento di una sorta di “patentino”.
Il valore aggiunto è quello di fornire strumenti, conoscenze  per un  uso consapevole  di questo dispositivo. Recentemente M. Spitzer ha definito lo smartphone “un coltellino svizzero”. L’affermazione ha un suo fondamento se si pensa  alle tantissime opportunità  offerte dallo smartphone.
Il punto critico di questa iniziativa è costituito dai genitori. Mi auguro che essi sostengano l’iniziativa con la sottoscrizione di un “patto di responsabilità educativa” che li impegni a non regalare il post-moderno “coltellino svizzero” se non dopo il conseguimento della certificazione.
Se questo si concretizzerà sarà un bell’esempio  di sinergia educativa tra la scuola, la famiglia e la società civile. Il cyberbullismo nelle  sue diverse declinazioni ( = comportamenti ) come l’outing, il flaming, il trickery… può essere arginato e depotenziato solo con la “complicità formativa” soggetti e agenzie  prossime ai ragazzi.
Le alternative sono la solitudine ( = certa ) e lo smarrimento ( non dichiarato)  avvertiti dai ragazzi di fronte allo strumento, consegnato loro  senza filtri o protezioni.

Pubblicato in Tutti gli articoli | Contrassegnato , , , | Commenti disabilitati su Cyberbullismo. “Patentino” per l’uso dello smartphone

Recensione. M.R. Storchi ” La nuova Ecdl Full Standard” Ed. Manna


Sempre alla ricerca di nuovi contributi ho avuto la possibilità di consultare e di acquistare in un secondo momento questo lavoro di Mario R. Storchi,  finalizzato alla preparazione dei sette moduli che compongono ” La Nuova Ecdl”.
Lavoro curato. Le spiegazioni sono sempre supportate da immagini colorate ed efficaci. I concetti principali e le procedure più significative sono evidenziate, facilitando il lavoro di concettualizzazione. Tutto questo lo rende adatto sia ai principianti, sia ai più esperti.
Una segnalazione particolare va sul modulo “IT Security 2.0″. Molti concetti teorici, sono resi più comprensibili con degli esempi, che personalmente ho trovato molto efficaci.
Il valore aggiunto del lavoro, comunque, risiede nel disco allegato. Questo contiene le esercitazioni  in una simulazione molto vicina a quella dell’esame. Ogni volta i testi sono prelevati da un database interno. A differenza di altre pubblicazioni non hanno limiti nel loro utilizzo.
Nel cd è proposto un ampio eserciziario con soluzioni che si trovano nel sito dell’Editore e il modulo facoltativo relativo ad Access.
Non si trova facilmente nelle librerie “fisiche”. Se ne consiglia l’acquisto!

Pubblicato in Tutti gli articoli | Commenti disabilitati su Recensione. M.R. Storchi ” La nuova Ecdl Full Standard” Ed. Manna

DEF 2017-2020 “copia e incolla”. Prospettive nere per la scuola!

Iniziamo a conoscere i contenuti riguardanti la scuola previsti nel DEF 2017-2020 ( Documento Economico e Finanziario ). Nulla di nuovo! Rispetto al documento elaborato dal governo Renzi 2015, ci troviamo di fronte a un quasi copia/incolla. Dichiara il senatore Bocchino la spesa per l’Istruzione ”  scende dal 3,9 % del 2010 al 3,6 del 2015 e si prevede di far scendere ancora fino a 3,4 % nel 2025 per tornare a un magro 3,6, cioè ai livelli del 2015, nel lontano 2060″
Ora confrontiamo queste dichiarazioni rispetto ai dati contenuti nel DEF 2015.

Gli scostamenti sono praticamente uguali a zero! Quindi nulla di nuovo sotto il sole!
Il dato diventa allarmante se confrontiamo la tabella Ocse (2015 ), che colloca il nostro Paese negli ultimi posti per investimento nell’istruzione ( % del PIL )

Ora se questo trend sarà confermato anche nei prossimi anni il nostro Paese confermerà drammaticamente il suo declino culturale. Imbarazzante, se pensiamo alla nostra storia.
Dichiarava nel 2008 il Ministro Tremonti, prima di firmare il provvedimento che avrebbe sottratto alla scuola otto miliardi di €,  che la scuola elementare funziona benissmo ma  è un lusso che non possiamo permetterci. Rispondo che l’ignoranza ha un costo molto più pesante! Se solo pensiamo all’annullamento della dimensione del futuro…
A questo si devono aggiungere i seguenti  scenari:
1) probabile superamento dell’istituto contrattuale, degli scatti settennali e della vacanza contrattuale ( traduzione: contratti individuali attuando il detto “Divide et impera”);
2) conferma delle classi pollaio e superpollaio. La riduzione degli alunni nelle attuali classi pollaio è possibile solo aumentando il numero dei docenti ( traduzione: ottimizzazione delle risorse in rapporto al fine: custodia dell’infanzia e dei ragazzi);
3) incarichi a costo zero o con compensi poco dignitosi. Esempi:  gli Animatori digitali, il Team dell’innovazione, i formatori del Piano di aggiornamento remunerati, facendo riferimento a un decreto del 1995. In pratica “fino a 41,82”.
Troppo pessimista? Non credo! I numeri portano oggettivamente a un solo scenario: la fine dell’attuale forma-scuola!  Del resto, essendo un’istituzione umana , anch’essa è soggetta al divenire. Da cosa sarà sostituita? Questo lo scopriremo, probabilmente fra qualche anno.

Pubblicato in Tutti gli articoli | Commenti disabilitati su DEF 2017-2020 “copia e incolla”. Prospettive nere per la scuola!

Bullismo e cyberbullismo. Un utile contributo.


Propongo un utile contributo realizzato  anche dall’associazione “Telefono Azzurro” per gestire in modo consapevole e critico i fenomeni del bullismo e del cyberbullismo.
Il lavoro risulta essenziale, ma esaustivo dei fenomeni.
Sono convinto che solo il mix di informazione/formazione profonda  possa favorire un atteggiamento del “mettersi a fianco” al ragazzo coinvolto nei suddetti fenomeni. I soli divieti che rimandano ad una posizione pedagogica “contro”,  spesso certificano l’ignoranza ( =la non conoscenza del problema) e la convinzione che questi fenomeni si possano gestire con i vecchi metodi.
Le mappe, “il territorio esistenziale” dei nostri ragazzi sono  cambiati! Pertanto occorre che gli educatori ( genitori e insegnanti ) aggiornino i loro software di decodifica delle nuove situazioni. Diversamente si rischia la frattura intergenerazionale, migliore condizione per favorire la solitudine dei nostri ragazzi e quindi il loro coinvolgimento, spesso senza strumenti, nelle suddette situazioni.

Pubblicato in Tutti gli articoli | Contrassegnato , , , , , | Commenti disabilitati su Bullismo e cyberbullismo. Un utile contributo.

Classi pollaio e burnout. La solitudine degli insegnanti!


Una ricerca dell’Università “Sapienza” di Roma fa emergere un dato conosciuto a livello empirico dagli insegnanti coinvolti:” chi ha classi molto numerose (sopra i 25 alunni) è più a rischio di burnout, mentre classi meno numerose (meno di 20 alunni) portano un livello 0 di burnout”
La situazione attuale anche se contenuta – meno del 7% del totale delle classi – pone dei problemi a livello costituzionale. La nostra Carta, infatti, garantisce ogni cittadino,  il quale gode di  “pari dignità e uguaglianza formale e sostanziale” Quindi anche se si tratta di circa  50.000 studenti coinvolti, il problema conferma la sua gravità.  Gli alunni/studenti iscritti a queste classi-pollaio, infatti, sostanzialmente sono meno garantiti nel diritto allo studio ( art. 3 comma 2 e art 34 ) e alla sicurezza.
Ma di questo ho già detto molto in precedenti interventi.
Qui vorrei invece, soffermarmi sulla condizione degli insegnanti, a rischio burnout. Innanzitutto chiariamo il significato, perché  solo la sua definizione chiarisce la condizione nella quale si trovano, secondo alcune ricerche, il 30% dei docenti. Burnout rimanda a una sindrome dove il soggetto coinvolto si sente “scoppiato”, “esaurito””, “bruciato, incapace di gestire da adulto le situazioni di stress e con una bassa capacità resiliente. Da qui molti ricorrono al farmaco, favorendo in alcuni casi effetti di dipendenza.
Il burnout è spesso favorito dalla condizione di solitudine nella quale un docente  si trova a gestire una classe non costituzionale (= classi pollaio e superpollaio ). La solitudine nasce dalla percezione che la scuola non è più una “comunità educante”, bensì un insieme di individui- monadi senza finestre verso l’esterno ( G.W. Leibnitz ). In termini più semplici, si è quasi sempre soli a gestire la situazione, nonostante i tanti progetti sull’inclusione che occupano le cattedre dei Dirigenti Scolastici e gli archivi delle segreterie, che però risultano nella loro  attuazione inefficaci per la presenza delle classi pollaio.
Ma la solitudine è favorita anche dalla sensazione di “essere gettati” in un contesto antipedagogico e insicuro da un’Amministrazione indifferente  che dal 2009 nulla ha fatto per  far prevalere la pedagogia sull’ economia finanziaria.
La solitudine, infine, è favorita da un contesto sociale e politico che non comprende “la fatica dell’aula” che ospita 25-30 e oltre alunni/studenti. La sensazione è confermata dalle tante dichiarazioni di “inesperti d’aula” sulla   ” apertura delle scuole nei mesi estivi”, o sugli  ” insegnanti fannulloni che godono di molti privilegi…”.  Poi però, queste persone se costrette ad interagire con gli alunni per un’ora, chiedono di far silenzio ( V. articolo) !
E certificare questa incapacità degli esperti a gestire una classe, favorisce solo tanta rabbia! “Cui prodest” questa situazione di smantellamento della scuola come agenzia di formazione ? La domanda è semplice, la risposta è più difficile da trovare!

Pubblicato in Tutti gli articoli | Contrassegnato , | Commenti disabilitati su Classi pollaio e burnout. La solitudine degli insegnanti!

T. De Mauro: La “vuota” Scuola!


Chi è dentro la scuola, ha conosciuto il valore culturale, pedagogico di T. De Mauro. E’ stato probabilmente l’ultimo vero Ministro dell’Istruzione!
Bene, in questa intervista, l’ultima prima della sua scomparsa, il linguista boccia senza “se” e “ma” la “Buona Scuola”. Potrebbe essere ribattezzata come la ” Vuota Scuola“. Per inciso, M. Tiriticco è più benevolo definendola con l’aggettivo “Inventata“, rivelandone il carattere di estraneità alla sua storia. Tornando però T. De Mauro l’aggettivo “vuoto” rimanda al concetto di assenza, di Nulla che è cosa ben diversa dalla pochezza – qui esiste una realtà minima.   Dichiara il Prof. emerito ” con quali risorse? tempi?”.  Io aggiungo: risorse poche! Molto impegno dei docenti  è scoperto ( v. compenso per il merito ) o gli eventuali riconoscimenti economici sono demandati alle singole istituzioni – V. Animatori digitali. Alcune figure, inoltre, difficilmente  vedranno  la luce per mancanza di risorse finanziarie – l’azione #27 del PNSD prevede il tecnico informatico di laboratorio per la scuola primaria, secondaria di primo grado. Non esiste, infine, il progetto, la prospettiva. Dove si vuole arrivare? Qual è il profilo di uscita dello studente?
Alla domanda “Basta un riconoscimento di 60 euro per motivare i nostri professori?, T. De Mauro risponde«Da ministro feci avere un aumento di 100 euro. L’Ocse dice che c’è una relazione tra retribuzione economica e produttività. Il deprezzamento finanziario attrae solo santi missionari” Alcuni esempi: l’Animatore digitale, il team d’innovazione e i commissari per il concorso-scuola. Per il momento la lista si conclude con i  formatori del piano nazionale di aggiornamento, ai quali è stato proposto un compenso irrispettoso  “fino a 41,82 lordo a ora”. La cifra fa riferimento a un Decreto del 1995. Senza parole!
Infine il Prof. emerito attacca la fretta renziana, identificata con la velocità. La prima è senza prospettiva, senza una meta, la seconda invece ipotizza un traguardo. Stesso distinguo è espresso dal filosofo marxiano e gramsciano D. Fusaro in ” Futuro è nostro”.
Concludendo, una solenne bocciatura di una Riforma, poco di sinistra – nonostante il continuo uso del termine da parte di Renzi. La legge 107/15 è aggiornamento del progetto Aprea,  Dirigente Scolastico e deputato di FI . Scriveva il filosofo marxista della speranza E. Bloch: ” Per far passare le riforme della destra, è sufficiente dipingerle con il colore della sinistra: il rosso!”
Un esempio di questo “continuismo” tra la destra berlusconiana e quella di Renzi è la conferma delle classi pollaio, recentemente divenute superpollaio ( Legge di Stabilità 2015 ). Ecco spiegati i motivi per cui non mi riconosco in questa sinistra, divenuta di destra.

Pubblicato in Tutti gli articoli | Contrassegnato , , , , , , | Commenti disabilitati su T. De Mauro: La “vuota” Scuola!

Renzi riparte dalla scuola. Due proposte vincenti!


“Se il 30 aprile o dopo vincerò la sfida per la segreteria, la prima iniziativa sarà dedicata alla Scuola: ho intenzione di ripartire da un tema dove il dente duole…Dobbiamo ripartire dal tema della disuguaglianza tra bambini: quando nascono i bambini in alcuni luoghi, c’è chi mi dice si può prevedere che fine fanno nove di loro su dieci. E questo non è accettabile”
Questa dichiarazione, facilmente attribuibile anche senza saperlo al candidato- segretario Matteo Renzi, perde molta della sua efficacia comunicativa, considerata la fonte. Infatti, pesa la mancata promessa di visitare ogni settimana una scuola, di riconoscere economicamente il lavoro degli insegnanti (“Guadagnate poco, ma siete il cardine del Paese. Io voglio che il governo stia in mezzo agli insegnanti. Il vostro lavoro è fondamentale” ) di ascoltare gli insegnanti ( Una riforma che non piace agli insegnanti. … Potrei continuare, ma mi fermo qui.
Detto questo formulo due proposte vincenti al Dott. Matteo Renzi che favoriscono l’inclusione, principio costituzionale ( art 3 comma 2 e art. 34 ) sottinteso alla sua intervista:
1) Diminuisca il numero degli alunni per classe, portandolo a 15-20 max., abolendo di fatto le classi pollaio, soluzione pensata e attuata dal duo Gelmini-Tremonti ( 2009 );
2) metta una croce sulla sua disposizione contenuta nella legge di Stabilità 2015 che ha formalizzato le classi superpollaio ( si formano con l’inserimento di alunni/studenti per il divieto di nominare un supplente per il primo giorno di assenza del titolare ).
Ogni riforma deve partire dall’aula, dall’ambiente dove si  si forma la persona. Diversamente si mettono in atto progetti inefficaci, inutili. Sarà la volta buona? Staremo a vedere!

Pubblicato in Tutti gli articoli | Commenti disabilitati su Renzi riparte dalla scuola. Due proposte vincenti!

Cyberbullismo. E il mio impegno continua…


Dopo il coinvolgimento al III° Municipio e altri interventi –  attualmente sono impegnato nella stesura del modulo “Cyberbullismo” all’interno del Pon “Pensiero computazionale e creatività digitale”-  il mio impegno continua presso un Oratorio salesiano. Tutti noi conosciamo l’ impegno dell’ordine religioso  a favore dei ragazzi e dei giovani. Bene, sono stato contattato per un intervento sul tema relativo alla sicurezza nel Web. Illustrerò a ragazzi, giovani e genitori, quali sono le superficialità procedurali o le trappole di tipo informatico  che favoriscono anche l’arrivo “del branco”.

Pubblicato in Tutti gli articoli | Contrassegnato , , , | Commenti disabilitati su Cyberbullismo. E il mio impegno continua…

Il contratto.Il sindacato fa la voce grossa?


Sul portale tecnicadellascuola.it è stato pubblicato un articolo che presenta le reazioni del sindacato sullo “stato dei lavori” in vista della firma del contratto.
Le dichiarazioni esprimono il disappunto delle parti sociali per l’impostazione che il governo sta dando al nuovo Testo Unico. Pare che il documento confermi la legge Brunetta ( legge 15/09), fondata sul principio  che i rapporti tra l’Amministrazione i lavoratori trovano la loro fonte privilegiata nella legge. A questo disappunto, si aggiunge la seguente richiesta:” se si vuole restituire dignità al lavoro pubblico e rendere efficace l’azione delle Pubbliche Amministrazioni è necessario uno sforzo aggiuntivo circa lo stanziamento delle risorse per il rinnovo dei contratti”
Qualche considerazione. L’alzata di testa nasconde una certa ingenuità ( Legge Brunetta) e una consapevolezza fuori tempo massimo ( aumento contrattuale ridicolo ) . Mi spiego. A fine novembre, quando hanno firmato l’Accordo con il governo, necessario per l’avvio delle trattative contrattuali – parte economica – hanno dichiarato e scritto “urbi et orbi” che era stato fatto un “buon lavoro” e “superata la pratica degli atti unilaterali” ( S. Camusso); si esprimeva “soddisfazione per l’intesa e per gli aumenti dignitosi” ( Furlan ) e per un “accordo impensabile fino a un anno fa”( Barbagallo). Dichiarazioni, quindi, impregnate di toni trionfalistici – non potevano essere altrimenti -, ma che non sono riusciti ad esprimere tutte le perplessità riguardanti la revisione in tempi rapidi della Legge Brunetta, considerata l’ombra incombente  del nuovo Testo Unico. Chiedo: ma i sindacati hanno veramente creduto che si potesse in pochi mesi rivedere la legge Brunetta  o quanto meno smussarne le rigidità? Se lo hanno creduto, allora hanno peccato d’ingenuità.
Sul ravvedimento poi dell’aumento non dignitoso e offensivo “non meno di 85€ lordi medi in tre anni “, tocchiamo il fondo!  Solo adesso si accorgono di aver accettato un aumento irrisorio. Si auguravano che i lavoratori e il personale della scuola avrebbero fatto la “ola” per questo “piatto di lenticchie”? Mah! Non ho parole!
Mi auguro che queste dichiarazioni non precedano la dichiarazione di una giornata di sciopero, arma ormai spuntata che però essi ripropongono con una certa frequenza, perché otterrebbero l’unico risultato di irritare ancora di più i loro rappresentanti. Qual è allora l’alternativa? Il compito spetta a loro, certamente però devono fare un enorme sforzo di creatività per individuare una forma di lotta democratica che non vada contro la legge antisciopero 146/90, voluta anche da essi in prospettiva “anticobas” dopo il successo che si ebbe in quegli anni – 1988-1990 –  con un aumento contrattuale  medio del 23% . Quello fu l’ultimo vero contratto significativamente importante per i lavoratori. Dopo ci fu Tangentopoli, la crisi finanziara del 1992 con la legge di Bilancio (= Finanziaria ) di G. Amato da “lacrime e sangue” ( 93.000 miliardi di lire e prelievo forzoso e retroattivo sui conti corrernti  del 6 per mille…), il Decreto legislativo 29/93…

Pubblicato in Tutti gli articoli | Contrassegnato , , , | Commenti disabilitati su Il contratto.Il sindacato fa la voce grossa?

Il PD. Il tramonto del futuro!

L’Istituto Nazionale di Ricerche Demòpolis ha reso noto un dato allarmante: sempre più il Pd è un partito per i “meno giovani”! La base elettorale del Pd, infatti,  si presenta con questi valori: solo 16% degli under 45 dichiara di votare per il partito di Renzi. Ovviamente a questo dato deludente si contrappone quello più rassicurante, e nello stesso tempo più preoccupante: il 40% della popolazione meno giovane dichiara di simpatizzare per il Partito Democratico.
Alcune considerazioni. Il Pd sembra essere diventato il partito del presente,  della difesa dei diritti acquisiti. E il futuro? Dimensione,  prospettiva incarnata in molta parte di quel 16% , pare aver salutato il partito del quarantenne toscano – ironia della sorte. Il divorzio che si sta consumando, tra il partito erede del Pci e la sua storia, sembra non interessare i suoi responsabili. Lo smottamento assume le caratteristiche di un “#cambioverso” storico, rispetto a quanto scritto da Marx, Gramsci e  Bloch, “padri” della relazione teoria-prassi, che puntavano al superamento dell’esistente, del già conosciuto, coerentemente con l’impianto idealistico di Fichte, Hegel, Gentile… La loro dimensione naturale era il futuro, la non accettazione della “datità”, intesa come un prodotto immodificabile, naturale. Tutto questo oggi si declina nell’accettazione acritica della cosiddetta sinistra europea, di cui fa parte il Pd, delle “lezioni” del “finanzcapitalismo” ( L. Gallino ) che prospetta la “fine della storia” ( Fuyuama ) con l’affermazione del superamento del’età dei diritti sociali ( N. Bobbio ). In questo quadro è da ricercare la causa della diaspora della componente giovane della popolazione italiana dal PD. Una generazione sempre più caratterizzata da “passioni tristi” ( B. Spinoza ), sta voltando le spalle al Pd e in generale alla sinistra. E questo sicuramente apre prospettive inquietanti, non ultima la rivolta dei popoli ( populismo )  che in  un rapporto basso/alto ( Cfr, M. Revelli, Populismo 2.0, Einaudi, Torino, 2017),   punta il dito contro una classe politica incapace di uscire dalla “gabbia dorata”, presentata come il migliore dei mondi possibili ( Jobs act, La Buona Scuola…).

Pubblicato in Tutti gli articoli | Contrassegnato , , , | Commenti disabilitati su Il PD. Il tramonto del futuro!

Smartphone a 9 anni. Quale la prospettiva?


In questi giorni di meritato riposo, ho incontrato tante persone. I contesti erano quelli della festa, dello spensierato divertimento o più semplicemente del puro far niente.
Ho incontrato spesso bambini  piccoli (  10-11 anni ). In mano avevano il nuovo compagno tecnologico: lo smartphone! Questo “coltellino svizzero” ( M. Spitzer ) era usato prevalentemente per giocare e chattare. La mia dimestichezza con questi dispositivi mi consente di comprendere le situazioni anche a distanza. Non ho bisogno di avvicinarmi troppo per decifrare le situazioni.
Questa mattina scorrendo le varie notizie o riflessioni presenti nel Web, leggo che l’iniziazione all’uso dello smarthphone ormai è stabilizzata sui 9 anni. Il dispositivo è in cima ai “desiderata” dei bambini che non si fanno perdere l’occasione di chiederlo per la  “Prima Comunione”. La ricerca G-data ci dice qualcosa in più: questi dispositivi sono senza protezione ( antivirus, Parental Control…).
Mi sfuggono i motivi che spingono i parenti – spesso sono loro  i proponenti dello s –  con il consenso dei genitori a regalare ai piccoli “nativi digitali” dispositivi aperti al mondo virtuale. Non riesco a coglierne la prospettiva.  Mi riesce difficile vedere dietro questo regalo il disegno, se non quello di soddisfare un bisogno infantile indotto dal mercato pubblicitario. Quando chiedo a qualche genitore il motivo, la risposta è evasiva. In molti casi è il silenzio. Quindi il Nulla!
Da qui  l’abdicazione educativa della famiglia, divenuta una “variabile dipendente”  del mercato pubblicitario, confermata ad esempio anche dalla richiesta soddisfatta dei bambini di avere   videogiochi “sparatuttto” Pegi +18 ( Call of Dudy, GTA…).  Il desolante “quadretto” certifica la rinuncia dei genitori al principio d’autorità, connaturato al concetto di padre ( Lacan e il suo divulgatore M. Recalcati ), legittimando invece quello paritetico o amicale, caratterizzato soprattutto nella fase preadolescenziale  dalla complicità e dal bisogno di andare oltre le regole.  L’assenza di un baluardo educativo, certificato anche dalla ” non presenza di protezioni” nello smartphone rimanda al vuoto, alla mancanza di un progetto di vita per i propri figli che richiede  partecipazione e impegno costante ad aggiungere ogni giorno un tassello al disegno educativo che i genitori hanno deciso loro. Questo tipo di presenza richiede spesso letture, aggiornamento culturale, perché le mappe del territorio dove si costruisce  e decostruisce l’identità liquida  dei nostri figli sono cambiate. E questo spiazza i genitori, complice anche la drammatica situazione economica che viviamo ( perdita del lavoro, salario dimezzato o sensibilmente ridotto rispetto alla prestazione, contratti di solidarietà…) che li distrae dai figli.
In questo quadro si inseriscono le tante richieste di supplenza educativa  rivolte alla scuola, la quale a sua volta vive un momento di crisi dovuta alle tante spinte  che la vorrebbero ridotta a semplice agenzia di assistenza e vigilanza sui minori. Le poche iniziative efficaci, purtroppo non riescono a cambiare la situazione  dove il mercato, mosso dal Thanatos e dall’Eros domina su tutto l’arco dell’orizzonte liquido, aprospettico e quindi unidimensionale.

Pubblicato in Tutti gli articoli | Contrassegnato , , , | Commenti disabilitati su Smartphone a 9 anni. Quale la prospettiva?

Web. Le “false notizie” e il pensiero critico


Il Web è un’ottima opportunità di conoscenza  e approfondimento. Purtroppo tra le tante informazioni, sono presenti anche delle “bufale”, delle false notizie ( “Fake news ). Queste hanno il compito di manipolare l’internauta sprovveduto, il quale spesso con il meccanismo della condivisone diviene il mezzo della loro diffusione. A questo occorre aggiungere gli effetti sulla reputazione online della persona che diffonde queste notizie. In altri termini, una “bufala”, ben confezionata può far crollare la fiducia delle persone che ci seguono, trasformando questo sentimento in altri di segno opposto,facendoci apparire come inaffidabili e irresponsabili.
E’ necessario formare gli internauti al riconoscimento delle false notizie.
Il media sociale Facebook ha recentemente pubblicato un decalogo per individuare e quindi ignorare queste “bufale”. E’ un mix di conoscenze informatiche ( attenzione alla formattazione e alle foto probabilmente ritoccate…) e di applicazione nel web del pensiero critico ( valutazione della fonte e verifica  di altri fonti… ).
Il modulo “It Secutity 2.0 ” ( Aica-Ecdl ) presenta sostanzialmente  le medesime regole, ponendo l’attenzione sulla credibilità della persona che pubblica la notizia, l’individuazione delle fonti dalle quali sono tratte le informazioni , il confronto tra le fonti…
Il moltiplicarsi di queste “bufale” nel web pone nuove sfide al sistema formativo: la selezione  delle informazioni non può limitarsi solo alla loro congruenza e utilità ai fini della ricerca, ma aprirsi al pensiero critico che significa “scansione” dettagliata delle informazioni.

Pubblicato in Tutti gli articoli | Contrassegnato , | Commenti disabilitati su Web. Le “false notizie” e il pensiero critico

Ecdl primaria. Ottima iniziativa dell’Aica!


Sono impegnato da diverso tempo in progetti di alfabetizzazione informatica. Finora le mie proposte hanno riguardato i docenti ( Liceo Newton Roma – due corsi ) gli studenti della scuola secondaria di primo e secondo grado ( Corso ecdl con esami presso un Test Center ) e da quest’anno anche gli alunni di quinta elementare.
Per questi ultimi il corso è rivolto all’acquisizione delle procedure relative all’uso di Word.
Sono molto soddisfatto!  Gli alunni sono  sempre motivati!Lo capisco dal loro coinvolgimento nelle diverse esercitazioni da me ideate e realizzate  . Al termine del corso ( maggio ) proporrò  un test con 36 item, molto simile a quello “ufficiale” dell’Aica .   Escluderò dalla prova il capitolo sulla stampa unione, che ritengo per loro difficile . Lo affronteremo il prossimo anno, quando riproporrò il modulo in vista dell’esame.
Fatta quest’ampia premessa, intendo sottolineare un’interessante proposta dell’Aica. Mi riferisco al progetto Mi presento…Ecdl – impara in modo divertente con l’Ecdl
Una proposta per la scuola primaria .
In sintesi. Attraverso delle esercitazioni pratiche finalizzate alla realizzazione di presentazioni in PowerPoint, riguardanti argomenti di  di scienze, geografia  e storia si propongono tutte le procedure relative al modulo 6 ( Presentation ).
Ritengo valida la proposta che conferma anche la mia impostazione metodologica, riguardante il modulo word.
Il prossimo anno proporrò agli alunni delle quinte  anche questo secondo modulo
Collegarsi qui. E’ sufficiente creare un profilo personale per accedere alle risorse disponibile e comprendere nel dettaglio la proposta. Punto di riferimento per iniziative rivolte agli alunni di quinta primaria.

Pubblicato in Tutti gli articoli | Commenti disabilitati su Ecdl primaria. Ottima iniziativa dell’Aica!

A Salvini & co. manca l’aula!


“Per la scuola siamo l’unico Paese che fa tre mesi di vacanze consecutive e, se non ci sono i nonni, siamo fregati”.
La dichiarazione di Salvini conferma il trend a ridosso delle prossime vacanze estive: dare voce alle preoccupazioni dei genitori-lavoratori su chi affidare i figli! Da qui si deduce    la vera funzione della scuola, alleggerita del suo compito formativo: assistere e vigilare sugli alunni e studenti minori nell’arco di tempo durante il quale i genitori sono al lavoro!
Detto questo, sinteticamente, intendo porre l’attenzione sull’inesperienza di aula che hanno tutti questi “saggi” quando parlano di scuola.
A questi esperti di scuola “senza aula”, manca l’esperienza di quest’ambiente affollato e quindi depotenziato nel profilo formativo, dove è difficile organizzare uno spazio adeguato ed esente da pericoli potenziali  tra le pareti e i banchi degli  studenti, grazie alla presenza di 26-28 bambini/ragazzi per classe. Limite che in alcuni giorni è significativamente superato, grazie alla loro trasformazione in classi superpollaio, previste dalla legge di stabilità “renziana” ( 2015 ).
A questi “saggi” manca l’esperienza del “bombardamento acustico” che sperimentano i docenti nelle loro attività didattiche  e laboratoriali.
A questi tuttologi poco credibili manca l’esperienza dell’interazione  con i vissuti extrascolastici degli alunni e studenti che spesso condizionano il loro apprendimento, e contemporaneamente  non lasciano indifferenti gli insegnanti. A questi inesperti di aula manca la frustrazione dei risultati che non arrivano, nonostante il grande impegno messo in atto dai docenti!
Questo e altro ancora, giustifica il periodo di recupero delle energie nervose e mentali estivo dei docenti, sicuramente non così  lungo come dichiarato da Salvini. Certamente tra i docenti ci sono colleghi che lavorano al minimo sindacale. Ma questi esistono in tutte le categorie di lavoratori.
Ricordo, portandolo come esempio della distanza tra gli inesperti di aula e i docenti, spesso questo fatto. Qualche anno fa insegnavo in una quinta primaria. La classe fu coinvolta in un progetto di educazione alimentare. La dotto.ssa della Asl, incaricata di parlare ai ragazzi, spesso interrompeva la sua “conferenza”, chiedendo ai ragazzi di non parlare, perché questo la distraeva. Si trattava solo di brusii!

Pubblicato in Tutti gli articoli | Commenti disabilitati su A Salvini & co. manca l’aula!

L.107/15 e decreti attuativi. Le false aspettative!


Noi docenti siamo fortemente condizionati dal detto: ” la speranza è ultima a morire!”. Personalmente sono convinto della sua validità, quando questa però è sostenuta da elementi oggettivi, che nel caso specifico riguardante la legge 107/15 significa presentazione in Parlamento di un disegno di legge finalizzato all’abrogazione della “Buona Scuola”. Solo questo atto ci può dare la certezza che nel Pd il vento è cambiato. E invece, continuiamo a dare peso alle dichiarazioni di esponenti di questo partito ( v. Emiliano, Speranza, Cuperlo…) che esprimono solo “desiderata” con nessuna conseguenza pratica.
Il film presenta una sceneggiatura già conosciuta! Senza andare troppo indietro nel tempo, il canovaccio è stato proposto dopo le elezioni amministrative del giugno scorso o il referendum costituzionale del 4 dicembre. In quei contesti gli sconfitti  hanno auspicato la riapertura del dialogo con il mondo della scuola, riconoscendo nella frattura prodotta con l’approvazione della legge 107/15 una delle cause del mancato successo .
Al momento della caduta del governo Renzi, molti miei colleghi hanno salutato  l’arrivo della Fedeli come un segno di discontinuità, di  “cambioverso” della politica scolastica. Forse fui tra i pochi a individuare “la trappola mediatica” nella quale erano finiti molti miei colleghi ( v. articolo), credendo che l’on. Fedeli che aveva votato, dichiarato il suo “si” alla legge 107/15  e anche scritto di voler concludere il suo processo di implementazione Intenti programmatici 2017, potesse magicamente adottare comportamenti di segno opposto.
Ed ora si spera che il Presidente Mattarella non firmi i decreti attuativi , dimenticando che i suoi poteri costituzionali sono limitati al solo rinvio alle Camere dei provvedimenti in caso di sospetto di elementi con vizi di legittimità costituzionale. Pertanto la firma verrà comunque apposta su questi decreti attuativi di una legge già firmata da Mattarella.
Cosa fare? Questo è il problema! Qualunque decisione però deve essere presa come categoria. Solo un’azione collettiva e continua nel tempo  può dare qualche speranza di riuscita. E la controparte sa benissimo, quali sono gli effetti di un’azione corale. Questa consapevolezza spiega perché ha perseguito e realizzato il detto “Divide et impera”.

Pubblicato in Tutti gli articoli | Contrassegnato , , , | Commenti disabilitati su L.107/15 e decreti attuativi. Le false aspettative!

Cyberbullismo. Altre conferme per un intervento “profondo”


Stanno aumentando le iniziative per una navigazione sicura nel Web. La Polizia Postale e delle Comunicazioni è presente da diverso tempo con incontri nelle scuole. A Roma e Provincia  la Questura sta portando avanti  il progetto “Scuola Sicura”. A questi si stanno aggiungendo iniziative di aziende private coinvolte nel mondo informatico. E’ il caso di “G Data” che da febbraio si è fatta promotrice di laboratori ( workshop ) formativi che coinvolgono città  come Milano, Sondrio, Pavia, Brescia, Cuneo, Novara, Padova e Imperia. Gli studenti raggiunti sono 1.500 ca. Quindi un numero sufficientemente rappresentativo  per la raccolta di dati affidabili che hanno confermato il  quadro allarmante del rapporto tra i cosiddetti “nativi digitali” i dispositivi e il Web.
Qualche  numero/percentuale con qualche  commento personale .
– L’iniziazione all’uso dello smartphone ( da non confondere con il cellulare ) inizia a 9 anni. A quest’età molti bambini fanno la Prima Comunione. Indovinate cosa chiedono come regalo? Ovviamente il dispositivo non è protetto, situazione facilitata dall’analfabetismo dei genitori.
– A 12 anni molti ragazzi hanno un’email con password debole. Probabilmente la loro data di nascita, oppure la sequenza numerica 12345… che risulta secondo una ricerca di Google la password più utilizzata ( 70%)
– il 80% degli alunni e studenti ( 9-12 anni ) utilizza WhatsApp, il restante 20% Snapchat. Questo facilita la nascita di gruppi. Sottolineo che tutte queste conversazioni basandosi su messaggi scritti, escludono le persone che si trovano fisicamente intorno al ragazzo.
La ricerca ( il dettaglio lo si può leggere qui ) prosegue evidenziando una scarsa attenzione verso la privacy dei profili  la diffusa leggerezza nel pubblicare foto o video sui media sociali.
La situazione conferma la necessità di progetto di “ripresa educativa dei  ragazzi“, che li faccia uscire dalla condizione di solitudine, nella quale cyberbulli o adescatori sessuali nel web ( fenomeno del grooming ) agiscono indisturbati e in un rapporto diretto con lo sprovveduto  ” nativo digitale”.
Ben vengano le suddette iniziative, che però denotano la difficoltà degli Istituti scolastici a individuare docenti competenti a promuovere tali attività. Queste nascondono inoltre un rischio: sollevare i docenti ( genitori inclusi ) dal farsi carico pedagogicamente del problema con progetti articolati e profondi finalizzati alla promozione di capacità e competenze. Ci sono le condizioni? Dalla mia esperienza diretta purtroppo registro un ritardo preoccupante. E’ necessario che gli adulti riprendano in mano la gestione educativa dei propri ragazzi, lasciati in questi ultimi anni a gestire strumenti o scenari sconosciuti e potenzialmente pericolosi, nonostante la loro reputazione ( solo presunta ) di esperti informatici.

 

Pubblicato in Tutti gli articoli | Contrassegnato , , , | Commenti disabilitati su Cyberbullismo. Altre conferme per un intervento “profondo”

Cyberbullismo. Un manuale per genitori ( Polizia postale )


Il cyberbullismo è un fenomeno “percepito” dai genitori solo quando li riguarda. Generalmente il loro interesse è scarso. Sono convinti che il problema non li riguarderà mai. Al più potranno avvertirne la presenza in modo indiretto, attraverso il coinvolgimento di qualche amico del figlio.
In questo deserto educativo, dove la famiglia è assente sorge il fenomeno del cyberbullismo. I nostri figli sono lasciati soli davanti al display, senza bussola, senza mappe per orientarsi. Da qui entrano in gioco altre agenzie, altri soggetti a fare educazione.
E’ necessario che la famiglia si “riprenda i propri figli“.
La polizia postale e delle comunicazioni ha messo a disposizione un utile manuale per sostenere i propri figli nella navigazione nel Web. Lo strumento informativo punta a una “presenza”, a un ” mettersi accanto” al proprio figlio, andando oltre il semplice e sterile divieto.
La sua lettura comporta “distrarre il proprio tempo” da altre incombenze sicuramente importanti, ma non quanto il futuro dei propri figli.
Ribadisco che il momento informativo, non può essere esaustivo, portare alla formazione all’acquisizione di competenze che per loro natura hanno il piano inclinato verso il futuro.
Da qui la necessità di un serio piano, illustrato a grandi linee in un precedente articolo.
Nelle prossime settimane presenterò un progetto formativo finalizzato all’acquisizione di queste competenze.
    

Pubblicato in Tutti gli articoli | Contrassegnato , , | Commenti disabilitati su Cyberbullismo. Un manuale per genitori ( Polizia postale )

Cyberbullismo. L’incapacità di “sentire” e il narcisismo


Finora ho trattato il cyberbullismo dal punto di vista tecnico-informatico. In altri termini, ho messo in evidenza le diverse “distrazioni”, “superficialità procedurali che i nostri “nativi digitali” mettono in atto, facilitando “l’arrivo del branco”.
Qui vorrei soffermarmi sugli aspetti psicologici.
Il bullismo e la sua declinazione cyberbullismo sono causati da anaffettività, cioè assenza totale o quasi di sentimenti positivi e costruttivi. Questi richiedono la sponda del riconoscimento del valore dell’altro. Nella navigazione nel web e soprattutto nell’uso dei media sociali la percezione dell’altro è variamente compromessa dall’assenza del corpo, dall’incertezza sul profilo reale dell’interlocutore ( identità multiple, grazie alle quali un soggetto può essere “uno nessuno e centomila”) da relazioni marcatamente funzionali a un bisogno, un interesse,, favorendo quindi comportamenti improntati all'”uso e getta”… A questi  elementi occorre aggiungere anche il diffuso narcisismo, esaltato dalla frequentazione dei media sociali. La migliore definizione l’ha data il sessuologo Ellis Havelock(1898) accostando il narcisismo alla masturbazione, dove l’oggetto è la stessa persona esaltata, trasfigurata e caratterizzata da un ego espanso. Le manifestazioni narcisistiche risiedono nell’occupazione totale del palcoscenico della vita dal proprio Io , dove  il Sé annichilisce l’altro, con il risvolto di essere iperesposti alla vergogna, ipersensibili al rilievo che non conferma l’immagine e la percezione ipertropica del proprio Io. Completa il “quadretto psicologico” l’esaltazione dei risultati con un linguaggio autocelebrativo e a tratti altezzoso, l’incapacità a considerare altri punti di vista…
Questo sinteticamente,  è il “terreno psicologico” che favorisce l’insorgere del cyberbullismo.  E qui c’è tanto lavoro per la scuola e  la famiglia. I risultati dipendono dalla loro scelta di distinguersi nella proposizione dei valori. Senza dimenticare la loro sinergia!

Pubblicato in Tutti gli articoli | Commenti disabilitati su Cyberbullismo. L’incapacità di “sentire” e il narcisismo

Sicurezza nel Web. Un “simpatico” elenco. Un fumetto dalla Polizia Postale

Ogni giorno incontro ragazzi, quelli che gli adulti definiscono “nativi digitali”, con poche conoscenze e scarse abilità per una Navigazione sicura nel Web,
Quasi sempre l’approccio alla sicurezza, richiede studio e riflessione sugli aspetti tecnico-informatici, percepiti dai nostri ragazzi poco interessanti. Recentemente ho avuto la conferma di questa distanza, preparando gli studenti del mio Istituto all’esame “IT Security”. La fatica è stata premiata! Sicuramente però ci sarà molto da lavorare.
Ho trovato nel Web questo simpatico elenco che illustra gli atteggiamenti giusti da tenere per rendere sicura la navigazione. Aggiungo un altro documento presente sul sito della Polizia Postale e delle Comunicazioni con la collaborazione di Walt Disney.
Questo materiale molto utile rappresenta un primo approccio, soprattutto per gli alunni di fine primaria – questo è il periodo dei primo smartphone regalato in occasione della prima Comunione.
La vera formazione, come ho scritto nel mio recente articolo richiede impegno, studio e sicuramente un’età più matura.

Pubblicato in Tutti gli articoli | Contrassegnato | Commenti disabilitati su Sicurezza nel Web. Un “simpatico” elenco. Un fumetto dalla Polizia Postale

“Culpa in vigilando”. L’importanza della presenza attiva

La “Culpa in vigilando” ha il suo fondamento nell’art. 2048 del Codice Civile.
Si legge  nel secondo comma:” I precettori e coloro che insegnano un mestiere o un’arte sono responsabili del danno cagionato dal fatto illecito dei loro allievi e apprendisti (2) nel tempo in cui sono sotto la loro vigilanza.”
Il passaggio individua  i responsabili e il limite temporale. Spesso però, i pochi che conoscono questo riferimento normativo ( mi riferisco all’art. e non al generico “Sono responsabile…”), non conoscono il comma successivo che richiama la condizione liberatoria: “le persone indicate dai commi precedenti sono liberate dalla responsabilità soltanto se provano di non aver potuto impedire il fatto
Da qui discende il principio che non è sufficiente la presenza fisica per non essere citati per inadempienza degli obblighi sulla vigilanza. In altri termini, non è sufficiente provare che al momento dell’incidente occorso al minore si era presenti. E’ necessario provare con atti formali o più semplicemente con azioni ad alto tasso di visibilità che si è impedito il fatto. Alcuni esempi: zaini spostati in parti dell’aula non soggette al transito degli alunni; divieto esplicito di dondolarsi sulla sedia, di correre negli spazi ristretti dell’aula…
Ribadisco il criterio stringente che i giudici – sul loro tavolino non ci sono trattati di pedagogia, che “parlano” di autonomia – hanno come riferimento e dal quale discendono le loro sentenze: il grado di prevedibilità dell’evento ! Ovviamente  questo ricade nell’interpretazione del giudice, in base alla documentazione e alle dichiarazioni dei testimoni. Solo il basso tasso di prevedibilità dell’evento , può essere configurato come “repentino” e quindi rientrare nella condizione di “non aver potuto impedire il fatto

Pubblicato in Tutti gli articoli | Commenti disabilitati su “Culpa in vigilando”. L’importanza della presenza attiva

Cyberbullismo. L’utilità del progetto dopo gli incontri


La Polizia di Stato e in particolare quella Postale e delle Comunicazioni sta intensificando i suoi incontri nelle scuole per arginare i fenomeni del grooming ( adescamento sessuale nel web ) e del cyberbullismo. Vanno ringraziati per questo impegno!
Stesso apprezzamento lo rivolgo anche ai tanti formatori e docenti che organizzano questi momenti.
Questi incontri, possono, però, risultare inefficaci nel tempo. Mi spiego. Nel mio “preregrinare”  tra le scuole constato spesso che non esistono progetti di informatica e quindi i laboratori sono chiusi e le Lim utilizzate solo come videoproiezione. In questi deserti formativi gli incontri rappresentano delle interessanti parentesi. Niente più!
In altri termini, l’informazione, pur necessaria, non potrà mai trasformarsi in formazione. Sono necessarie capacità e tempo per conseguire la necessaria competenza per navigare in modo sicuro, consapevole e critico nel Web.
Da qui la necessità di un progetto.   Etimologicamente il termine ha il piano inclinato verso il futuro. Lo stesso M. Heidegger, definisce l’esser-ci ( noi ) come un pro-getto ( gettato avanti, esposto al futuro ).
Quali devono essere gli elementi di questo progetto?
In questo ci aiuta Il World Economic Forum che ha stilato un elenco di otto competenze digitali che i nostri ragazzi devono avere.
Nel nostro caso è necessario che il progetto faccia riferimento alle seguenti:
a) Gestire la propria presenza online connessa con la  reputazione  ( Digital Indentity )
b) Individuare ed evitare i rischi dell’adescamento sessuale, del cyberbullismo… ( Digital Safety )
c) Riconoscere le attività dell’ hacking e dell’ ‘ingegneria sociale ( social engineering ), le tante truffe online e attivare  comportamenti adeguarti per evitare che i propri dispositivi ne siano coinvolti ( Digital Security )
d) Prolungare la propria intelligenza emotiva anche nel web ( Digital emotional intelligence )
e) Essere in grado di collaborare online utilizzando ad esempio la Suite Google… ( Online Collaboration  )
f) Acquisire un’adeguata consapevolezza dei diritti digitali che fanno riferimento alla privacy, al copyright e all’oblio.
Il progetto non può riguardare solo gli studenti, ma anche i docenti. In particolare se si realizza la seconda condizione, è possibile costituire una struttura permanente in grado di dare autonomia e continuità progettuale all’Istituto scolastico. A questo si aggiunge che la realizzazione del progetto   conferma l’attenzione della scuola verso il piano alto costituito dalla formazione. Solo la presenza di quest’ultima giustifica la presenza della scuola nella società liquida. Diversamente è preferibile decretarne la chiusura!

Pubblicato in Tutti gli articoli | Contrassegnato , , , | Commenti disabilitati su Cyberbullismo. L’utilità del progetto dopo gli incontri

Ecdl IT Security 2.0. Altro successone!


Oggi i ragazzi da me formati hanno superato brillantemente l’esame più difficile di tutto il pacchetto ” Nuova Ecdl “. Parliamo di IT Security 2.0. La media è stata dell’84,36%
L’esame proponeva contenuti lontani dall’interesse dei nostri ragazzi e difficili perché teorici e tecnici.
Eppure molto attuali, come la navigazione sicura nel Web! Condizione necessaria per evitare i fenomeni del cyberbullismo e dell’adescamento nel Web. Quindi ci auguriamo di aver contibuito a creare una “diga critica” contro questi fenomeni.
Con questo esame otto ragazzi riceveranno nei prossimi giorni la Certificazione Ecdl, riconosciuta dalle Scuole, Università, Aziende e Pubblica Amministrazione.
Appuntamento al prossimo anno con i bambini di quinta primaria che sto preparando  per l’esame di Word e che si uniranno ai tre ragazzi del “vecchio” gruppo.

Ecco il dettaglio del superamento (% )
1° studente 86%
2° studente 83%
3° studente 78%
4° studente 83%
5° studente 92%
6° studente 78%
7° studente 92%
8° studente 92%
9° studente 83%
10° studente 78%
11° studente 83%

Pubblicato in Tutti gli articoli | Commenti disabilitati su Ecdl IT Security 2.0. Altro successone!

Corso “I. Newton”. Report Word e PowerPoint


Ho concluso la presentazione dei due programmi Word e PowerPoint al Liceo “I. Newton” di Roma. Anche in questo caso ho proposto una verifica di accertamento delle conoscenze e abilità acquisite (in fondo due esempi con  il dettaglio della verifica ) Queste sono state proposte all’interno della competenza relativa alla progettazione. E’ stato mio intento proporre un profilo alto dei due programmi, che spesso soffrono di pressapochismo,  improvvisazione e identificazione con la pura strumenatlità.  Ho avuto la conferma  che è possibile proporre percorsi formativi imegnativi, andando oltre molte proposte che lasciano fuori dalla porta le competenze.
A questo si aggiunge l’illustrazione delle regole per una “buona presentazione“, che si diversifica da  molti prodotti in PowerPoint “inguardabili” e “inutili” e che io ho definito con  l’epressione “la wordizzazione” del programma multimediale.

Dopo il link relativo alla verifica, ne propongo un altro che rimanda alla presentazione dell’intero corso sul sito dell’Istituto Sciolastico.

Verifiche
Presentazione corso sul sito del “Newton”

Pubblicato in Tutti gli articoli | Commenti disabilitati su Corso “I. Newton”. Report Word e PowerPoint

Cyberbullismo e dintorni. Proposte bibliografiche

Personalmente sono convinto che ogni fenomeno debba essere affrontato in modo “serio”. L’improvvisazione e la sola esperienza  sono sicuramente carenti di prospettiva.  La loro orizzontalità necessita anche di “verticalità”. In altri termini è necessario confrontarsi con idee,  adeguate riflessioni  e guide operative, supportate quest’ultime sempre da elementi teorici.
Anche di fronte  al fenomeno del cyberbullismo è necessario coniugare la teoria con la prassi. Non basta il cuore, è necessaria  anche la mente!
Propongo di seguito alcuni  testi che ho recentemente letto e studiato, consapevole che esiste una piùampia bibliografia e sitografia sul fenomeno. Alcuni testi sono stati da me recensiti.
Non tutti hanno attinenza diretta con il cyberbullismo Questi comunque sono importanti per dare senso al fenomeno.

 Analisi della comunicazione multimediale all’interno della più ampia comunicazione umana “aperta”. Mia recensione

  I social media e i loro effetti sui processi conoscitivi e  relazioni.
Mia recensione

Il fenomeno del cyberbullismo  e un suo sottofenomeno visti dal punto di vista psicologico, sociale e legale.

Il media sociale illustrato agli adulti neofiti. Interessante la sezione sulla gestione della privacy

 La parte oscura del Web proposta agli ignari genitori e insegnanti. Un contributo come essere vicino ai protagonisti: vittime e persecutori

               Due testi divertenti, ma profondi nel presentare i pericoli nel web e come gestirli direttamente o indirettamente da parte degli educatori. Mia recensione ( Il Web è nostro )

Un utile contributo per capire i media sociali. Le loro potenzialità, ma anche i pericoli. Mia recensione

La tecnologia sta sfidando la scuola! Riuscirà quest’ultima a raccogliere la sfida, proponendo un cambiamento didattico, riuscendo ad individuare percorsi educativi finalizzati a governare le nuove sfide, insite nella navigazione del Web. E non solo! Mia recensione

Pubblicato in Tutti gli articoli | Commenti disabilitati su Cyberbullismo e dintorni. Proposte bibliografiche

Nuova Ecdl. Online Collaboration e IT Security. Il valore aggiunto


Sono diversi anni che propongo nel mio Istituto Corsi di preparazione agli esami Ecdl.
Fino alla versione Syllabus 5.0 i moduli erano scarsamente aperti e  problematici. In altri termini,  si confrontavano poco con gli scenari e i problemi legati alla proliferazione dei media sociali, delle diverse piattaforme e del moltiplicarsi dei dispositivi mobili, ( gli anglofoni li chiamano device ).
Bene, la nuova Ecdl, è un cambio di passo, rappresenta una discontinuità rispetto al passato. E’ stato eliminato il modulo relativo ad Access, assemblato il modulo teorico con quello di Windows, ma soprattutto sono stati inseriti due moduli: Online collaboration e IT Security ( aggiornato recentemente alla versione 2.0 ).
Il primo modulo mette le basi per la promozione della competenza relazionale online
. Ovviamente sta al formatore, uscire dalle fredde procedure relative alla navigazione nella Suite Google o dei media sociali per proporre ai ragazzi i vantaggi e le opportunità di un lavoro a distanza e in gruppo – nell’immediato e non aumenteranno le piattaforme e-learning – le strategie comunicative efficaci da adottare per una comunicazione online e collaborativa…
Il secondo modulo offre una seria riflessione sulle distrazioni procedurali dei nativi digitali, offrendo loro diverse soluzioni ( password complesse, firewall, antivirus, gestione più attenta  alla privacy…  ) che nell’immediato rappresentano un argine ai  fenomeni della pedopornografia e del cyberbullismo e in prospettiva crei la condizione per la presenza di figure preposte alla sicurezza di reti e di sistemi variamente complessi.

Pubblicato in Tutti gli articoli | Contrassegnato , , | Commenti disabilitati su Nuova Ecdl. Online Collaboration e IT Security. Il valore aggiunto

Idee. Convegno “Bullismo e cyberbullismo a scuola”


Ieri ( mercoledì 22 febbraio ) ho partecipato al Convegno ” Il bullismo e il cyberbullismo a scuola“. Ottima opportunità, colta al volo! Ho speso benissimo il mio tempo ( otto ore )!
La qualità degli interventi era molto alta. I relatori sono riusciti a presentare efficacemente   e in modo impressionistico i diversi temi! Complimenti a loro!
In sintesi i contenuti più significativi sono stati i seguenti:
1) Bullismo visibile, cyberbullismo spesso “impalpabile”
2) Profilo del bullo e del cyberbullo ( ha perso la speranza di sentirsi social in modo costruttivo, quindi per esistere deve fare qualcosa. Mette in pratica quello che vede nel mondo reale, fatto di violenza, prevaricazione…)
3) Azioni: prevaricante, ossessiva… Si serve spesso del branco…
4) La scuola è assente. Spesso indifferente al problema. Il 60% dei docenti non interviene.
5) I preadolescenti negano l’esistenza del problema, gli adolescenti meno
6) Cyberbullismo femminile più devastante di quello maschile
7) Più efficace un’azione di prevenzione con proposte di alfabetizzazione informatica  ( sicurezza, cloud, uso consapevole dei social e delle loro funzioni relative alla privacy…)
8) Altra azione preventiva è creare una rete di relazioni positive all’interno del gruppo classi e tra classi.
9)L’azione di prevenzione non ha costi sociali, mentre quella di “ricucitura psicologica” può risultare anche inefficace.
10) Altra grande assente è la famiglia. Si pensa che il problema coinvolga gli altri…
11) La culpa in vigilando e il cyberbullismo in ambito scolastico
12) E’ necessario che gli insegnanti e i genitori, “perdano del tempo” per conoscere  e sperimentare il virtuale dei media sociali, che sta modificando la dimensione cognitiva, affettiva, relazionale dei nostri ragazzi. Il tutto finalizzato a governare questi nuovi sfondi e non subirli.

Estremamente interessante il film della Polizia postale e delle telecomunicazioni di Luca Pagliari “Cuori connessi”. Sono proposti due casi di ragazze. Il tutto  partendo da foto o video
Su Youtube è presente una traccia di cinque minuti

Pubblicato in Tutti gli articoli | Contrassegnato | Commenti disabilitati su Idee. Convegno “Bullismo e cyberbullismo a scuola”

Esame Ecdl ( Online Collaboration ). Altro successone!

Oggi i 13 ragazzi che sto preparando per il conseguimento della Patente Europea del Computer, hanno fatto l’esame relativo al modulo “Online Collaboration”.
Bene! Tutti hanno superato l’esame!
La percentuale di successo
è stata, anche in questo caso, molto alta: 88,76.
Riporto le percentuali per ogni ragazzo
1) candidato 81%
2) candidato 94%
3) candidato 94%
4) candidato 92%
5) candidato 97%
6) candidato 78%
7) candidato 81%
8) candidato 81%
9) candidato 86%
10) candidato 92%
11) candidato 92%
12) candidato 97%
13) candidato 89%

Sono molto soddisfatto, perché l’esame era insidioso, perché essi avevano “zero esperienza”  di cloud e di collaborazione online.
Addirittura un ragazzo ha sostenuto l’esame in non perfette condizioni di salute, ottenendo l’89% di risposte. Complimenti a lui!
Devo dire che lo studio e gli esercizi hanno creato le basi per una formazione più solida verso una delle competenze informatiche richieste ai nostri ragazzi.
E da domani si inizia a studiare il modulo riguardante la sicurezza.
Esame difficile, perché teorico, anche se utile per i suoi risvolti contro il cyberbullismo.

Pubblicato in Tutti gli articoli | Commenti disabilitati su Esame Ecdl ( Online Collaboration ). Altro successone!

Cyberbullismo. III° Municipio. Il mio impegno continua…


Il 25 gennaio sono stato convocato dalla Commissione delle politiche sociali ( III° Municipio – Roma ). L’oggetto del mio intervento riguardava il fenomeno del cyberbullismo. Ho posto il problema, mettendo in evidenza quanto si dimostra sprovveduto e superficiale il “nativo digitale”.
L’intervento è stato molto apprezzato!
La conferma l’ho avuta dalla nuova convocazione ( lunedì 20 febbraio – Commissione politiche scolastiche ) per parlare del problema ai Dirigenti Scolastici degli I.C. del Municipio. 
Presenterò il mio progetto per una navigazione sicura nei social media.
Progetto

Pubblicato in Tutti gli articoli | Contrassegnato , , | Commenti disabilitati su Cyberbullismo. III° Municipio. Il mio impegno continua…

Mappe concettuali: oltre il copia e incolla!


Sul “Regolarità e Trasparenza nella Scuola” è stato pubblicato un sintetico articolo, ma denso concettualmente dal titolo ” La generazione copia e incolla si domanda: “ che senso ha andare a lezione, visto che si trova tutto su Internet ?
E’ prospettata la via facile dell’impegno scolastico: “Copia/Incolla”, dove i processi cognitivi sono azzerati. Questa pratica molto diffusa tra i giovani puo’ essere accostata all’azione del “tocco” sul display. Tornano in mente i testi di N. Carr “Internet ci rende stupidi…” e l’ottimo contributo di M Spitzer ” Demenza digitale“da me recensito. I lavori sono accomunati dalla denuncia di un certo “cretinismo dei nativi digitali”, dove il pensiero profondo che individua i particolari, riuscendo a portarli a sintesi.
Qualche giorno fa discutevo con una collega. Bene, lei registrava un’opacità umana dei suoi studenti, dovuta all’incapacità e difficoltà ad esprimere i sentimenti, gli affetti, a descrivere gli eventi. In altri termini a rappresentare il mondo!
Le cause sono diverse. Scriveva U. Bronfenbrenner che l’individuo e l’ambiente sono realtà dinamiche e interagenti, riuscendo a modificare “l’altro” con la sua azione.
Sicuramente parte della  responsabilità è di quegli insegnanti che presentano la mappa concettuale statica, e anche “scriteriata”, quindi impossibilitata a lavorare con il testo scritto – anche quello copiato e incollato nel Web. Questo strumento di rappresentazione, insieme ad altri come la mappa mentale e lo schema, si presta al lavoro attivo sul testo, il quale subisce il trattamento dei concetti, attraverso il processo di selezione, integrazione di altri contributi, fino a proporsi strutturato in paragrafi. Questi ultimi, infine influenzano la rappresentazione concettuale, attraverso la loro organizzazione strutturata.
Dobbiamo liberare la mappa dalla gabbia statica nella quale l’ abbiamo collocata, in un monadismo senza finestre, cioè senza legami con l’esposizione orale e scritta. Il percorso indubbiamente si contrappone alla tendenza  del tutto e subito, sostanziato nel copia/incolla, nuovo profilo identitario del nostro nativo digitale,   che senza saperlo sta uccidendo la facoltà che ci ha permesso di immaginarci il simbolico, alzando gli occhi al cielo!

 

Pubblicato in Tutti gli articoli | Contrassegnato , | Commenti disabilitati su Mappe concettuali: oltre il copia e incolla!

Mappe concettuali. il silenzio sulle criticità!


Il Web e l’editoria tradizionale propongono mappe concettuali.
Quasi sempre non riesco ad individuare i criteri di organizzazione dei concetti. Molte di queste “mappe concettuali”  presentano dei diagrammi di flusso. Quindi distanti dall’idea di rappresentare le idee e le loro relazioni.
Nel Web  chiedo spiegazioni agli autori di esplicitare le “loro regole” . Bene, il silenzio cala sulla mia richiesta.
le criticità che rilevo sono:
1) la collocazione dei verbi dentro e fuori  le forme geometriche ( rettangoli, ovali… ) ” concettuali”;
2) la presenza di periodi di diversa lunghezza che ovviamente propongono più idee. Questa soluzione non spiega l’alternativa criteriale alla corrispondenza un concetto/ una forma geometrica, quindi la funzione di quest’ultima e il suo compito di sviluppare un testo organizzato per paragrafi;
3) non sono chiari i rapporti logici tra le frasi  dentro le forme concettuali e le parti del discorso collocate esternamente. Queste mappe danno la sensazione di proporre  sostanzialmente un diverso modo di scrivere un testo.
Concludendo, dobbiamo “liberare le mappe concettuali” dal dilettantismo e dall’improvvisazione, esplicitando  il modello di riferimento   che rimanda necessariamente al  costruttivismo! Questi due sfondi sono assenti dalle tante mappe concettuali elaborate dai cosiddetti esperti.
Alcuni miei articoli

Schemi e mappe quanta confusione

La sponda testuale delle mappe

Mappe concettuali e testo…

Mappe concettuali. Manca la profondità

Liberiamo le mappe concettuali

Pubblicato in Tutti gli articoli | Commenti disabilitati su Mappe concettuali. il silenzio sulle criticità!

Cyberbullismo. Prosegue il mio impegno in Municipio

Da alcuni anni dedico una parte del mio tempo al contenimento del fenomeno del cyberbullismo con conferenze e interventi sul mio blog.
La leggerezza e l’analfabetismo informatico dei nostri ragazzi sono le condizioni ottimali per il loro coinvolgimento che li vede spesso vittime passive del  “branco virtuale.
Bene, oggi sono stato convocato in Commissione Sociale – Scuola de, III° Municipio di Roma per parlare di questo fenomeno dal punto di vista informatico, senza dimenticare però l’aspetto formativo.   Erano presenti altri esperti che hanno presentato il fenomeno da altre prospettive. L’incontro era propedeutico per definire linee di azione efficaci da attuare prossimamente.

Pubblicato in Tutti gli articoli | Commenti disabilitati su Cyberbullismo. Prosegue il mio impegno in Municipio

Presentazione 1° capitolo “Online Collaboration”

Con il gruppo degli studenti del mio istituto abbiamo iniziato lo studio del modulo “Online collaboration”
Non è un modulo semplice per i nostri ragazzi. Pertanto ho pensato di semplificare  il loro compito attraverso questa presentazione, arricchita, ovviamente dai contenuti proposti oralmente.
E’ stata molto gradita da loro.
Il modulo mi consentirà delle aperture “rapide”  sulle trappole da evitare per non cadere nella rete dei cyberbulli.
La metto a disposizione.
1° capitolo 

Pubblicato in Tutti gli articoli | Contrassegnato , , | Commenti disabilitati su Presentazione 1° capitolo “Online Collaboration”

L’Ecdl si “allarga” alla primaria


Quest’anno concluderò il percorso Ecdl ( sette esami ) con alcuni ragazzi. Li conosco da tre anni. Alcuni di questi sono stati miei alunni. Quindi gli anni sono di più.
Bene, sono pronte le nuove leve.
Su richiesta dei genitori della primaria ( quinte ) ho costituito un nuovo gruppo, composto da una decina di alunni. Prima di dare l’ok,  ho proposto loro un test d’ingresso. Superato!
Inizierò questa nuova avventura con alunni più piccoli. Partiremo dal modulo “Word “, programma che già conoscono.  Sarà una bella sfida!

Pubblicato in Tutti gli articoli | Commenti disabilitati su L’Ecdl si “allarga” alla primaria

Dal testo alla mappa


Il presente lavoro ( La civiltà dei fiumi – Sumeri )  è stato realizzato da una quarta classe primaria ( sono il docente ).
A casa
;
1) hanno letto un testo  e sottolineato le idee ritenute importanti;
2) hanno scritto la lista dei concetti. 
A scuola ( Lim e laboratorio d’informatica )
1) Si sono confrontate le liste dei concetti individuali
2) Il confronto ha prodotto una lista dei concetti della classe
3) Un ulteriore confronto ha eliminato i concetti particolari ( “scrematura” ). Da qui la lista aggiornata dei concetti generali.
4) I concetti hanno rappresentato ” i mattoni” per realizzare la mappa . Ogni coppia ha dato sfogo alla propria creatività!  Il software utilizzato è stato il Cmaps.

La mappa dovrà essere raccontata ( = sviluppata concettualmente )

P.S. Lavoro per le vacanze natalizie . Completare la mappa.

Pubblicato in Tutti gli articoli | Commenti disabilitati su Dal testo alla mappa

Ecdl: Ragazzi strepitosi!

ecdl
Ieri gli studenti che compongono il gruppo di studio ( lo scrivente è ideatore, formatore del progetto per l’I.C. “Carlo Levi” ) per la preparazione agli esami Ecdl, hanno sostenuto l’esame “Presentation” ( PowerPoint).
Bene, tutti hanno superato la prova! La media di superamento è stata molto alta: 89%. Complimenti a tutti!
Ora dopo la pausa  natalizia si studieranno gli ultimi due moduli: ” Collaboration Online ” e “IT Security
Per molti di loro il percorso si concluderà prima degli esami di terza media. E questo consentirà di acquisire dei crediti formativi da far valere in sede d’esame.

Pubblicato in Tutti gli articoli | Commenti disabilitati su Ecdl: Ragazzi strepitosi!

Una mappa concettuale ” caotica”

 corsi-di-informatica
In fondo a questa mia breve considerazione propongo il link di una mappa concettuale .
E’ un esempio, tra i tanti, di mappa realizzata senza criteri organizzativi, inutile ai fini del “racconto”, e “caotica”.
Non si riesce a comprendere, in alcuni casi, quali regole giustificano l’inserimento nei rettangoli di un solo concetto ( “videogioco”, “controllo” ) e in altri di parti di periodi ( a destra ce ne sono diversi ) Questa scelta non facilita lo sviluppo concettuale. In altri termini, la presenza di più concetti non favorisce l’esplicitazione orale e/o scritta dei sottoconcetti e che io presento con “racconto”. Per non parlare poi della generazione del testo, organizzato per paragrafi.
Infine, la presenza di tanti concetti, trasmette una sensazione di “caoticità”. Questo tipo di mappa è prevista nella mia impostazione ( la chiamo ” mappa grassa” ), ma è organizzata a “strati concettuali” e comunque deve prevedere massimo 10-12 concetti. Diversamente risulta difficile organizzarla e finalizzarla adeguatamente per la presentazione di un nuovo argomento.
Esempio mappa
Proposta corso ” Mappe in rete”

Pubblicato in Tutti gli articoli | Commenti disabilitati su Una mappa concettuale ” caotica”

Convegno AID: foto e mia presentazione

img-20161008-wa0009

img-20161008-wa0012

img-20161008-wa0008

Oggi sono intervenuto al Convegno ” La scuola di fronte alla sfida dei DSA”, organizzato dall’AID.
Ho parlato di didattica multimediale e reticolare, spiegando i motivi della sua presenza nell’attività didattica. Didattica multimediale che non può essere identificata con quella digitale.
Di seguito la mia presentazione.
Intervento

Pubblicato in Tutti gli articoli | Commenti disabilitati su Convegno AID: foto e mia presentazione