Le proposte contrattuali 2019-21 dei sindacati scuola

Le proposte contrattuali

Le proposte sindacali per il rinnovo del contratto 2019-21 risultano generiche e poco concrete.

Le proposte contrattuali dei sindacati scuola risultano generiche, dimenticando in qualche caso  la normativa vigente. Risultato: avremo gli adeguamenti contrattuali stabiliti dalla legge di Bilancio 2020. Punto.

Continua a leggere

Pubblicato in Contratto scuola | Contrassegnato , , , | Commenti disabilitati su Le proposte contrattuali 2019-21 dei sindacati scuola

Prof.ssa Dell’Aria, l’irrilevanza e la dimenticanza sono la cifra…

Prof. Dell'Aria

Prof.ssa Dell’Aria, il suo caso è ancora aperto. Ci restituisce un pessimo messaggio.

Prof.ssa Dell’Aria, dopo un anno nulla è cambiato.  I tanti annunci si  sono rivelati parole al vento! Una nuova conferma del valore dei docenti. La nuova Ministra riuscirà a cambiare il copione?

Continua a leggere

Pubblicato in Opinioni | Contrassegnato , , , , | Commenti disabilitati su Prof.ssa Dell’Aria, l’irrilevanza e la dimenticanza sono la cifra…

Adolescenza, un sintetico “quadretto” di V. Andreoli

Adolescenza e V. Andreoli

L’adolescenza è una fase della vita non più assimilabile a quella di qualche anno fa. La ricetta di V. Andreoli

Adolescenza, lo psichiatra V. Andreoli presenta un sintetico quadretto. Poche cose, ma pesanti e con diversi risvolti psico-pedagogici.

Continua a leggere

Pubblicato in Opinioni | Contrassegnato , | Commenti disabilitati su Adolescenza, un sintetico “quadretto” di V. Andreoli

Lucia Azzolina, la dichiarazione e le mie considerazioni

Lucia Azzolina

Lucia Azzolina ha iniziato ad esternare i suoi impegni. Poco potrà fare fino a ottobre 2020. Forse però…

Lucia Azzolina, nuovo Ministro dell’Istruzione ha illustrato lo scenario deprimente nel quale è collocata la scuola. Non poteva essere diversamente, almeno fino a ottobre.

Continua a leggere

Pubblicato in Lucia Azzolina, Tutti gli articoli | Contrassegnato , , , | Commenti disabilitati su Lucia Azzolina, la dichiarazione e le mie considerazioni

Bullismo, le ultime sentenze che anticipano la legge

Bullismo

Bullismo, la magistratura non aspetta il Parlamento per decidere. Le ultime sentenze

 

Bullismo, la magistratura anticipa il legislatore. Un elenco di sentenze che favoriscono la definizione giuridica del reato di bullismo. Sentenze che anticipano il legislatore.

Continua a leggere

Pubblicato in Tutti gli articoli | Contrassegnato , | Commenti disabilitati su Bullismo, le ultime sentenze che anticipano la legge

Scuola, i passaggi storici della mutazione a favore del Mercato

Scuola e Mercato

La scuola sempre più vicina alle esigenze del liberismo economico. Tutto ebbe inizio…

Scuola e Mercato, le idee per diventare realtà necessitano di atti e decisioni. Un elenco analitico del progressivo smottamento del sistema scolastico.

Continua a leggere

Pubblicato in Opinioni | Contrassegnato , , | Commenti disabilitati su Scuola, i passaggi storici della mutazione a favore del Mercato

La scuola deve pensare all’uomo o al lavoratore?

La scuola

La scuola di fronte a un bivio. Deve scegliere, ma senza escludere nessun percorso.

La scuola è in crisi d’identità. Deve guardare alla Costituzione o ascoltare il mercato?
Problema di non facile soluzione. Ci viene in aiuto Gramsci, Dewey…

Continua a leggere

Pubblicato in Opinioni, Tutti gli articoli | Contrassegnato , , , , | Commenti disabilitati su La scuola deve pensare all’uomo o al lavoratore?

La spesa per l’istruzione preoccupanti segnali fin al 2035, poi…

La spesa per l’istruzione

Istruzione. L’italia spende e spenderà sempre meno per almeno quindi anni. Poi dovremmo risalire, ma di poco.

La spesa per l’istruzione, fino al 2035 sarà critica. Il confronto con gli altri paesi europei, purtroppo conferma il dato. Per il nuovo Ministro Azzolina l’impegno è in salita.

In Italia si spende e si spenderà meno per l’istruzione

Siamo un Paese che da diverso tempo spende poco nel sistema formativo. In altri termini, abbiamo deciso che il futuro è una prospettiva priva di senso! Siamo chiusi in un individualismo impastato di narcisismo che non sa andare oltre il presente, impermeabile ad ogni sollecitazione che porti alla definizione di una prospettiva.  Si legge nel Rapporto Censis 2018 ” Siamo un Paese invecchiato che fatica ad affacciarsi sullo stesso mare di un continente di giovani; impotente di fronte a cambiamenti climatici e a eventi catastrofici che chiedono grandi risorse e grande impegno collettivo…Il futuro si è incollato al presente. Ma proprio lo spazio che separa il presente dal futuro è il luogo della crescita. Il prezzo che abbiamo pagato a questo decennio di progresso sottotraccia è proprio il consumo, senza sostituzione, di quella passione per il futuro che esorta, sospinge, sprona ad affrettarsi, senza volgersi indietro”
Lo scenario delineato dal Censis si traduce nella scarsa volontà di spendere in quell’anticipo di futuro che è la scuola.
La tabella proposta di seguito presenta la spesa per il sistema formativo fino al 2070.

 

La previsione di spesa (2020) per l’istruzione sostanzialmente è stata confermata, pur registrando nella legge di Bilancio (160/2019) una variazione al ribasso (3,4%, invece del 3,5%). Sconcerta però la tendenza, ovviamente tutta da confermare, tenendo presente il lungo periodo: fino al 2040 si spenderà sempre meno nella scuola! Nei successivi trent’anni (2040-2070) la situazione dovrebbe migliorare di qualche decimo di percentuale (+0,4), che sicuramente non risolverà le criticità del sistema scolastico.

Il confronto con L’Europa e l’impegno del Ministro Azzolina

Difficile comprendere la scelta di spendere poco in istruzione, rispetto alla media europea che si attesta intorno al 5% rispetto al PIL. In sostanza si spende l’1,5% ca in meno.
La tabella proposta di seguito è eloquente. Risale al 2017, ma estremamente attuale.

 

Colloca il nostro Paese al quart’ultimo posto in Europa. Ha il merito di definire il valore della spesa italiana in rapporto ai paesi europei. Qualche esempio: spendiamo intorno al 3% in meno rispetto alla Svezia e alla Danimarca e il Belgio. La spesa in Estonia, Lettonia, Finlandia e Cipro è mediamente superiore di due punti. Solo Bulgaria, Irlanda e Romania spende meno di noi.
Questa è la situazione che i freddi valori aritmetici ci propongono.
Al nuovo Ministro L. Azzolina, ancora in pectore, spetterà l’impresa di far risalire la scuola, portandola, quanto meno a un livello di galleggiamento (L. Fioramonti). Riuscirà nell’impresa, facendo intraprendere alla scuola un percorso europeo dove l’istruzione è considerata una risorsa?

 

 

 

 

 

Pubblicato in Opinioni, Tutti gli articoli | Contrassegnato , | Commenti disabilitati su La spesa per l’istruzione preoccupanti segnali fin al 2035, poi…

Aumenti contrattuali, la strategia incomprensibile dei sindacati, che però…

Aumenti contrattuali

I sindacati riprendono il solito copione. Al termine potranno sempre dire…

Aumenti contrattuali, i sindacati ripetono lo stesso copione: chiedere l’impossibile, basandosi sull’ accordo di aprile ’19 ormai superato di Alla fine potranno sempre dire…

Aumenti contrattuali i soliti annunci dei sindacati

Aumenti contrattuali a breve dovrebbero riprendere le trattative. I sindacati chiedono  molti soldi per un contratto economico decoroso. Questa mattina il quotidiano “Italia Oggi” titolava: Azzolina-sindacati, nodo risorse. Le sigle chiedono certezze: servono altri 900 milioni (sottotitolo). Questo l’obiettivo “per arrivare ad avere un aumento medio di 100 euro al mese al termine del triennio 2019-21. Fioramonti è andato via, ma il nodo resta sempre quello: avere risorse aggiuntive“.
La posizione dei sindacati è coerente rispetto  all’accordo (23 aprile 2019) firmato con il governo giallo-verde che recitava: “Sul fronte del rinnovo del contratto dei dipendenti della scuola, scaduto lo scorso 31 dicembre, le parti concordano sulla necessità di avviare quanto prima gli incontri per giungere al nuovo contratto di lavoro. Considerate le scarse risorse finora accantonate per innalzare gli stipendi degli insegnanti, tra i più bassi d’Europa, il governo si è impegnato a reperire maggiori finanziamenti per centrare un duplice obiettivo: recuperare, nel corso del prossimo triennio, la perdita del potere d’acquisto delle retribuzioni e avvicinarle il più possibile ai livelli europei, dove un docente tedesco guadagna circa il doppio di un collega italiani”

La solita strategia del sindacato

Tutto questo avrebbe un senso, se non esistesse la cornice legislativa. In altri termini, qualunque richiesta deve fare i conti con la legge di Bilancio  2020 (160/2020), la quale a sua volta è fortemente condizionata dal D. Lvo 29/93 che stabilisce aumenti contrattuali pari all’inflazione programmata. Il legame si traduce in questo passaggio” l’ incremento delle retribuzioni medie complessive del personale appartenente al settore Stato pari all’1,3 per cento per il 2019, all’1,9 per cento per il 2020 e al 3,49 per cento a decorrere dal 2021“. In sostanza 80€ lordi a regime. che recita: ” l’ incremento delle retribuzioni medie complessive del personale appartenente al settore Stato pari all’1,3 per cento per il 2019, all’1,9 per cento per il 2020 e al 3,49 per cento a decorrere dal 2021“. In sostanza 80€ lordi a regime.
Apparentemente risulta incomprensibile la richiesta sindacale di avanzare proposte senza fondamento giuridico. Ritengo che essi siano a conoscenza dei contenuti della legge di Bilancio e della gabbia del D.Lvo 29/93.
Ma se andiamo in profondità la strategia sindacale ha una logica sintetizzabile in “abbiamo provato a chiedere di più… ci siamo impegnati tanto, ma non abbiamo ottenuto quanto da noi richiesto.” No comment!

Pubblicato in Opinioni | Contrassegnato , | Commenti disabilitati su Aumenti contrattuali, la strategia incomprensibile dei sindacati, che però…

Valorizzazione dei docenti, la strada obbligata per il Ministro

Valorizzazione dei docenti

Il Ministro Azzolina punta al connubio valorizzazione dei docenti e formazione. Non può fare altro!

La valorizzazione dei docenti è un aspetto importante del profilo docente. Non può essere identificata con una maggiore formazione. Al Ministro L. Azzolina, però non resta che questa carta, considerata la normativa vigente.

Valorizzazione dei docenti passa per la formazione

La valorizzazione dei docenti è un aspetto importante del profilo docente e passa anche  attraverso la formazione che è  integrata con la sua funzione . A onor del vero occorre affermare che molti docenti hanno un rapporto problematico con la formazione. Sono demotivati e poco propensi a farla. Non sempre però la causa è riconducibile alle specificità personali . In questi anni non sono state attuate delle condizioni che rimandano al ” ridisegno dell’organizzazione della scuola, dei suoi organismi e del tempo scuola per i docenti, per garantire una coerente formazione in servizio;
– la realizzazione di un nuovo inquadramento giuridico-contrattuale.”
Ora il nuovo Ministro vuole investire molto nel connubio valorizzazione docente/formazione. Infatti  ha dichiarato: “Tutto il personale dovrà essere valorizzato. Prioritario sarà il tema della formazione. Dei dirigenti, dei docenti, ma anche del personale ATA (amministrativo, tecnico e ausiliario) sempre troppo poco considerato.

Il Ministro L. Azzolina non può fare altro

E’ indubbio però che la valorizzazione del profilo docente non può identificarsi tout court  con la formazione, ma anche attraverso un significativo riconoscimento economico. Quindi  l’affermazione del Ministro L. Azzolina risulta molto strana se a formularla è un insegnante prestata al politica.
Purtroppo le parole del Ministro certificano una resa, un arretramento rispetto ai propositi espressi dal suo precedessore. L’ostacolo a una piena e reale valorizzazione è rappresentato dalla legge di Bilancio 2020 (160/2020), la quale a sua volta è fortemente condizionata dal D. Lvo 29/93 che stabilisce aumenti contrattuali pari all’inflazione programmata. Il legame si traduce in questo passaggio” l’ incremento delle retribuzioni medie complessive del personale appartenente al settore Stato pari all’1,3 per cento per il 2019, all’1,9 per cento per il 2020 e al 3,49 per cento a decorrere dal 2021“. In sostanza 80€ lordi a regime.

 

Pubblicato in Opinioni | Contrassegnato , , | Commenti disabilitati su Valorizzazione dei docenti, la strada obbligata per il Ministro

Il Miur ancora senza ministri, pessimo segnale!

Il Miur ancora senza Ministri

Il Miur ancora è formalmente senza Nocchieri. Non è una buona notizia!

Il Miur dopo due settimane dalle dimissioni di L. Fioramonti è senza Ministri.
Non è una buona notizia. La conferma dell’irrilevanza dell’Istruzione.

Continua a leggere

Pubblicato in Opinioni | Contrassegnato , , | Commenti disabilitati su Il Miur ancora senza ministri, pessimo segnale!

V. Aprea e l’eccessiva passione per il coding

V. Aprea

V. Aprea dichiara la propria passione per il coding. Esagera, dimenticando…

V. Aprea rilancia sul coding fin dalla scuola dell’infanzia. Proposta fattibile o amore spassionato verso uno dei tanti aspetti del mondo dell’informatica?
Continua a leggere

Pubblicato in Opinioni | Contrassegnato , | Commenti disabilitati su V. Aprea e l’eccessiva passione per il coding

Aumenti contrattuali (PD), esempi del vuoto comunicativo

Aumenti contrattuali

Aumenti contrattuali, Zingaretti e Sgambato riprendono la strategia del ” disco rotto”. Si propone una diversa scaletta

Aumenti contrattuali (PD), le dichiarazioni di N. Zingaretti e C. Sgambato sono vuote.
Anno nuovo o quasi, vecchie strategie! Logore e monotone che non funzionano più! Propongo un diverso approccio comunicativo.

Aumenti contrattuali (PD), le dichiarazioni di N. Zingaretti e C. Sgambato

Aumenti contrattuali, riprende il corteggiamento dei docenti, anche in vista delle elezioni regionali in Emilia Romagna (gennaio 2020). Strategia che probabilmente rende, considerato l’appiattimento culturale,  sideralmente lontano dall’approfondimento e dalla riflessione sulla notizia. Purtroppo anche i docenti  ne sono vittime.
Comunque ecco le dichiarazioni.
Il 2020 dovrà essere l’anno di un nuovo vocabolario civile e con politiche di vera ricostruzione“, iniziando dall’aumento degli stipendi per i docenti. (N. Zingaretti).
Gli fa eco C. Sgambato (Responsabile scuola del PD) che definisce l’obiettivo degli stipendi più alti per gli insegnanti “un punto non più rinviabile… per recuperare la dignità e l’importanza che questi professionisti meritano. (vi diremo prestissimo dove sono le risorse). È una questione di scelte. E noi sceglieremo.”

Ormai sono “dischi rotti”

Prendo ad esempio l’immagine del “disco rotto”. Si ripete lo stesso contenuto, diventando  monotoni. N. Zingaretti ha iniziato a farlo da maggio, mese della pubblicazione del suo libro “Piazza Grande” (Feltrinelli 2019). A pag. 102 si legge: “I docenti italiani hanno stipendi tra i più bassi d’Europa: dobbiamo pagarli meglio e migliorare il loro status”.
Gli fa eco C. Sgambato (agosto 2019), avendo il coraggio o la poca avvedutezza  di definire l’aumento: “Inoltre, vogliamo trovare le risorse necessarie per l’aumento degli stipendi dei docenti fino a 2.150 euro netti l’anno.”
Per inciso l’On. C. Sgambato, che prima di tutto è un’insegnante e quindi dovrebbe conoscere il malessere dei docenti, è impegnata da agosto a reperire risorse!

Propongo un diverso metodo

Che dire? Queste dichiarazioni producono solo rabbia! Si ha la netta impressione di essere presi in giro!
Propongo a N. Zingaretti e C. Sgambato una diversa scaletta: rilasciare dichiarazioni dopo aver conseguito l’obiettivo, iniziando con una proposta legislativa che liberi la scuola dalla gabbia del D.Lvo 29/93, il quale ha favorito il processo di impiegatizzazione dell’intero sistema formativo. Se non si parte da questo si resta nell’indeterminatezza delle dichiarazioni. In altri termini, nel vuoto e nella presa in giro. E la scuola non merita questo se come scrive N. Zingaretti ” deve tornare a essere uno straordinario presidio sociale, la principale arma contro le disuguaglianze, capace di offrire a bambini e ai ragazzi, una possibilità non solo di crescita, ma di riscatto“.
In alternativa è meglio il silenzio!

 

 

Pubblicato in Opinioni, Tutti gli articoli | Contrassegnato , , , | Commenti disabilitati su Aumenti contrattuali (PD), esempi del vuoto comunicativo

Il Ministero Azzolina e la gabbia della legge di Bilancio

Il Ministero Azzolina

Il Ministero Azzolina è prigioniero della Legge di Bilancio. Scarse le possibilità di passare alla storia…

Il Ministero Azzolina sarà fortemente condizionato dallo scenario proposto da L. Fioramonti. Occorre ragionare sui vincoli imposti dalla legge di Bilancio (L.160/2019) per capire le possibilità di successo del nuovo Ministro. Risultano  scarse su due qualificanti temi presentati da Di Maio (agosto 2019).

Il Ministero Azzolina lo scenario e la legge di Bilancio 

Il Ministero Azzolina, formalmente ancora non nato (è necessario un decreto-legge per lo spacchettamento del Miur), sarà condizionato da due  elementi. Il primo è rappresentato da un’ intervista di L. Fioramonti: “La scuola in questo Paese avrebbe bisogno di 24 miliardi. I 3 miliardi che io ho individuato, non sono la sufficienza, ma rappresentano la linea di galleggiamento”.
Il secondo, invece è vincolante e rimanda alla Legge di Bilancio 2020 (L. 160/2019). Alla voce aumenti contrattuali del pubblico impiego si legge”Le risorse passano da 1.650 a 1.750 milioni di euro per il 2020 e da 3.175 milioni a 3.375 milioni di euro per il 2021Tali risorse comportano un incremento delle retribuzioni medie complessive del personale appartenente al settore Stato pari all’1,3 per cento per il 2019, all’2,01 per cento per il 2020 e al 3,72 per cento a decorrere dal 2021. (art. 1 comma 127). Sommando altre voci,  le risorse destinate alla scuola si avvicinano ai due miliardi richiesti (1.977 milioni di €).

Un  approfondimento per capire il trucco contabile

Quindi, almeno per la scuola, tutto bene? La risposta purtroppo è negativa. Occorre ricorrere all’analisi, all’approfondimento per smascherare il trucco contabile.
Si legge in Repubblica.it, che ovviamente fa riferimento al biennio :L’88 per cento di quella cifra – ovvero 1,744 miliardi – saranno impegnati per il rinnovo del contratto di lavoro che riguarda un milione e cinquantamila docenti e 150 mila amministrativi di vario livello. Secondo le proiezioni della Federazione della conoscenza della Cgil, con questo finanziamento sarà possibile aumentare lo stipendio medio degli insegnanti di 40 euro nel 2020 e 70 euro nel 2021. Non ci sono le “tre cifre” reclamate da Fioramonti: per arrivare a un aumento a “quota 100” serviranno altri 600 milioni
Al netto dell’aumento contrattuale per il miglioramento della didattica e in genere del sistema formativo restano 161.06 milioni di €. Il valore è la somma delle  voci presenti nella tabella (ho scorporato le borse di studio per gli specializzandi in medicina e i finanziamenti per “Crea”).

In percentuale rispetto ai 2 miliardi abbiamo questo valore: 0,08%. Quindi al di sotto dell’1% 

Impegni impossibili per il nuovo Ministro 

I numeri rimandano a uno scenario difficilmente confutabile. La legge di Bilancio 2020 è una sorta di gabbia, che impone la coerenza a tutti i provvedimenti approvati nell’esercizio finanziario del suddetto anno. Lucia Azzolina, quindi dovrà gestire gestire lo stato di affogamento del sistema-scuola. Difficile immaginare le modalità, senza pensare a un funerale!
Ad agosto Di Maio aveva dichiarato: ” La scuola pubblica  e’ un bene comune serve prima di ogni altra cosa una legge contro le classi pollaio e valorizzare la funzione dei docenti.”
Personalmente le parole pesano e anche tanto. Non condivido l’uso disinvolto delle dichiarazioni, che nella comunicazione 2.0 hanno un valore prossimo allo zero!Il Leader del M5s ha fatto precedere il superamento delle classi pollaio dalla parte ” prima di ogni altra cosa”.
Scorrendo le voci della suddetta tabella, non si incontra la locuzione “abolizione classi pollaio”  o ” superamento del sovraffollamento delle classi”. Quindi l’aberrazione organizzativa voluta dal duo Gelmini/Tremonti (2008-09) sarà confermata! L’on. Lucia Azzolina è la prima firma di un disegno di legge (5 luglio 2018) che mette nero su bianco l’enorme impegno finanziario distribuito in un triennio.
Medesimo giudizio sugli aumenti contrattuali. Quelli previsti dalla L.160/2019 sono coerenti con quanto stabilisce il D.Lvo 29/93 che impedisce ai contratti pubblici di elargire risorse superiori al tasso di inflazione programmata. Per uscire dalla gabbia del suddetto decreto, la soluzione è semplice ed era alla portata dell’ex Ministro L. Fioramonti: un dispositivo normativo che facesse uscire la scuola dal comparto pubblico!
Cosa potrà fare quindi L. Azzolina? Temo poco, pochissimo! In uno stato di diritto conta la normativa vigente! Le dichiarazioni, invece valgono zero!

Pubblicato in Opinioni | Contrassegnato , , , | Commenti disabilitati su Il Ministero Azzolina e la gabbia della legge di Bilancio

Tik Tok, social “giovane” e per giovani da gestire criticamente

Tik Tok

Tik Tok, un social giovane frequentato dalla Generazione Z. Rappresenta il loro universo. Un utile decalogo

Tik Tok, social network “giovane” in crescita. Opportunità e rischi. Per una navigazione responsabile il Digital Transformation Institute e Tech Economy 2030 propone un interessante decalogo ad uso dei ragazzi e dei genitori.

Continua a leggere

Pubblicato in Sicurezza | Contrassegnato , , , | Commenti disabilitati su Tik Tok, social “giovane” e per giovani da gestire criticamente

La Costituzione italiana compie 72 anni!

La Costituzione italiana

La Costituzione italiana festeggia il suo compleanno! In questi giorni pochi lo ricordano. 

La Costituzione italiana celebra il suo settantaduesimo compleanno! Pur scritta in un contesto diverso, resta ancora valida nei suoi principi generali. Gli attacchi del liberismo economico. L’esempio della scuola.

Continua a leggere

Pubblicato in Opinioni | Contrassegnato , , | Commenti disabilitati su La Costituzione italiana compie 72 anni!

Le dimissioni di Fioramonti, “sporcate” dal suo futuro prossimo

Le dimissioni di Fioramonti

Il Ministro Fioramonti lascia. Tanto di cappello! Purtroppo l’ultima parte della sua dichiarazione favorisce…

Le dimissioni di Fioramonti certificano la coerenza del personaggio politico. Purtroppo l’annuncio dei suoi prossimi impegni politici rischiano di mettere in secondo piano il valore della decisione e soprattutto l’eclissi della scuola.

Continua a leggere

Pubblicato in Opinioni | Contrassegnato , , , | Commenti disabilitati su Le dimissioni di Fioramonti, “sporcate” dal suo futuro prossimo

Privacy festività natalizie e altro ancora

Privacy e festività natalizie

Privacy Natale, alcuni suggerimenti del garante per passare le feste tranquillamente

Privacy e festività natalizie, un periodo molto delicato dove i nostri dati personali sono pubblicizzati maggiormente. Mi riferisco agli “auguri”, ai pacchi, alle app che possono nascondere sorprese e  alle partenze rese pubbliche…
Il Garante Privacy consiglia per ognuna di queste situazioni una serie di comportamenti adeguati a proteggere i nostri dati personali e in alcuni casi sensibili.
All’interno della pagina sono presenti anche un approfondimento  sulla cybersecutity  (phising, ramsonware, password…) e alcuni suggerimenti sui giochi

Pubblicato in Tutti gli articoli | Commenti disabilitati su Privacy festività natalizie e altro ancora

Il no alla tecnologia rappresenta un suicidio per la scuola

Il no alla tecnologia

Il no alla tecnologia e a pedagogizzare il contesto 2.0 porta la scuola alla sua estinzione

 

Il no alla tecnologia è una risposta sbagliata al contesto 2.0. L’intervista a Pier Cesare Rivoltella conferma la mia posizione. I rischi di una marginalizzazione della scuola e la resa a pedagogizzare positivamente il nuovo scenario.

Il no alla tecnologia è una risposta non adeguata ai tempi

Il no alla tecnologia, rappresenta una sbagliata a un contesto 2.0 sempre più invasivo e dal quale non si potrà prescindere nei prossimi anni. Non ci riferiamo, infatti ad aspetti marginali del futuro, ma a una realtà che modificherà la prospettiva, fino a renderla significativamente diversa rispetto a quella attuale, già sideralmente lontana dal contesto di qualche anno fa.
Ho scritto qualche giorno su Orizzonte Scuola.itQuesto è il territorio che si sta sviluppando intorno alla scuola e che non può ignorare. Un territorio con nuove mappe di orientamento sui nuovi comportamenti, cambi cognitivi e relazionali.   Quelle tradizionali hanno smesso di funzionare. Meglio sono ancora presenti, ma hanno perso tutta la loro efficacia nell’interpretare il contesto 2.0, favorendo la chiusura e l’arroccamento della scuola dove il dentro rappresentato dalla tradizione è positivo, amico, mentre il fuori 2.0 è il nemico.”

Una piacevole conferma da Pier Cesare Rivoltella

Chiara la mia posizione. E’ necessario che il sistema formativo si riprenda i propri ragazzi, in balia del Thanatos e dell’Eros (S. Freud). Mi riferisco agli aspetti formativi. La scuola deve intervenire, proponendo percorsi finalizzati alla  gestione critica  dell’informazione e soprattutto all’immissione oculata dei propri dati personali e sensibili nel Web.  Solo conseguendo questo obiettivi, sarà possibile liberare i nostri ragazzi dalla gabbia del mercato e di soggetti anche individuali  che invece perseguono altri fini. Primo fra tutti quello commerciale, sul quale si regge quel buco nero chiamato Dark Web, alimentato anche dalla sprovvedutezza dei genitori.
Diversamente la scuola è condannata all’irrilevanza, perché percepita lontana e indifferente al contesto 2.0
Tutto questo è confermato da Pier Cesare Rivoltella che in un’intervista al quotidiano “La Stampa” dichiara” Chi dice fuori gli smartphone dalla scuola, vive fuori dalla contemporaneità. Il problema se lo smartphone o il tablet siano dannosi è mal posto. Come società consapevole dovremmo invece interrogarci sui dati che regaliamo ai grandi provider. Pensiamo ad esempio al nuovo settore merceologico appena nato, quello dell’Internet of Toys che mette sul mercato prodotti per la primissima infanzia e che raccolgono i dati dei bimbi. Se continuiamo a interrogarci su quanto usano i ragazzi i loro telefonini intelligenti, i grandi player saranno solo  contenti, perché è lì che vogliono che sia la nostra attenzione.

 

Pubblicato in Opinioni, Tutti gli articoli | Contrassegnato , , | Commenti disabilitati su Il no alla tecnologia rappresenta un suicidio per la scuola

Garante per la Privacy, aggiornamenti per la scuola

Garante per la Privacy

Garante per la Privacy ha aggiornato il rapporto tra la scuola e il trattamento dei dati sensibili e personali.

Il Garante per la Privacy ha aggiornato il rapporto (12.12.19) tra l’istituzione scolastica e la protezione dei dati sensibili e personali, tenendo conto del GDPR (Regolamento europeo per la protezione dei dati personali e del Decreto attuativo (101/18)
Nulla di particolarmente innovativo per chi segue il tema (smartphone, recite…).
Solo una dimenticanza o volontà di tenersi alla larga da un tema caldo come la pubblicazione dei video e foto dei  minorui nei siti o pagine social della scuola.
E’ comunque vero che la sua posizione è desumibile indirettamente. Ne riparleremo.
Comunque utile l’aggiornamento. Sono affrontate diverse questioni: comunicazione scuola/famiglie, uso smartphone, registrazione lezioni…
Ecco la posizione del Garante sulle questioni 

1) La scuola deve rendere l’informativa?
Sì. Tutte le scuole – sia quelle pubbliche, sia quelle private – hanno l’obbligo di far conoscere agli “interessati” (studenti, famiglie, professori, etc.) come vengono trattati i loro dati personali. Devono cioè rendere noto – attraverso un’adeguata informativa con le modalità ritenute più opportune, eventualmente anche online – quali dati raccolgono, come li utilizzano e a quale fine.


2) È possibile accedere ai propri dati personali detenuti dagli istituti scolastici?
Sì. Ogni persona ha diritto di conoscere se sono conservate informazioni che la riguardano, di farle rettificare se erronee o non aggiornate. Per esercitare questi diritti è possibile rivolgersi direttamente al “titolare del trattamento” (in genere l’istituto scolastico di riferimento). Se la scuola non risponde o il riscontro non è adeguato, è possibile rivolgersi al Garante o alla magistratura ordinaria.


3) È possibile accedere alla documentazione relativa ad alunni e studenti in possesso della scuola?
Sì. È possibile accedere agli atti e ai documenti amministrativi detenuti dalla scuola ai sensi dalla legge n. 241 del 1990 (artt. 22 ss.)


4) In caso di delega per prelevare il proprio figlio a scuola, è necessario fornire copia della carta d’identità del delegante e del delegato?
Sulla base del principio generale di accountability, è facoltà delle istituzioni scolastiche regolare e modulare tale modalità, assicurando al tempo stesso le cautele necessarie a garantire l’identificabilità dei soggetti coinvolti e che i dati eventualmente raccolti siano protetti (da accessi abusivi, rischi di perdita o manomissione) con adeguate misure di sicurezza.


5) Gli esiti degli scrutini o degli esami di Stato sono pubblici?
Sì. Le informazioni sul rendimento scolastico sono soggette ad un regime di conoscibilità stabilito dal MIUR. Nel pubblicare i voti degli scrutini e degli esami nei tabelloni, l’istituto scolastico deve evitare, però, di fornire informazioni sulle condizioni di salute degli studenti o altri dati personali non pertinenti. Il riferimento alle “prove differenziate” sostenute, ad esempio, dagli studenti con disturbi specifici di apprendimento (DSA) non va inserito nei tabelloni, ma deve essere indicato solamente nell’attestazione da rilasciare allo studente.


6) Le scuole possono trattare le categorie particolari di dati personali?
Le scuole possono trattare le categorie particolari di dati personali (es. dati sulle convinzioni religiose, dati sulla salute) solo se espressamente previsto da norme di legge o regolamentari. In ogni caso non possono essere diffusi i dati relativi alla salute: non è consentito, ad esempio, pubblicare online una circolare contenente i nomi degli studenti con disabilità oppure quegli degli alunni che seguono un regime alimentare differenziato per motivi di salute.


7) Nelle comunicazioni scuola-famiglia possono essere inseriti dati personali degli alunni?
No, nelle circolari, nelle delibere o in altre comunicazioni non rivolte a specifici destinatari non possono essere inseriti dati personali che rendano identificabili gli alunni (ad esempio, quelli coinvolti in casi di bullismo o quelli cui siano state comminate sanzioni disciplinari o interessati da altre vicende delicate).


8) Chi può trattare i dati degli allievi disabili o con disturbi specifici dell’apprendimento (DSA)?
La conoscenza di tali dati è limitata ai soli soggetti a ciò legittimati dalla normativa scolastica e da quella specifica di settore, come ad esempio i docenti, i genitori e gli operatori sanitari che congiuntamente devono predisporre il piano educativo individualizzato (L. n. 104/92, L. n. 328/2000 e D.Lgs. n. 66/2017).


9) L’utilizzo degli smartphone all’interno delle scuole è consentito?
Spetta alle istituzioni scolastiche disciplinare l’utilizzo degli smartphone all’interno delle aule o nelle scuole stesse. In ogni caso, laddove gli smartphone siano utilizzati per riprendere immagini o registrare conversazioni, l’utilizzo dovrà avvenire esclusivamente per fini personali e nel rispetto dei diritti delle persone coinvolte.


10) Violano la privacy le riprese video e le fotografie raccolte dai genitori durante le recite, le gite e i saggi scolastici?
No. Le immagini, in questi casi, sono raccolte per fini personali e destinate a un ambito familiare o amicale. Va però prestata particolare attenzione alla eventuale pubblicazione delle medesime immagini su Internet e sui social network. In caso di diffusione di immagini dei minori diventa infatti indispensabile ottenere il consenso da parte degli esercenti la potestà genitoriale.


11) È possibile registrare la lezione da parte dell’alunno?
Sì. È lecito registrare la lezione per scopi personali, ad esempio per motivi di studio individuale, compatibilmente con le specifiche disposizioni scolastiche al riguardo. Per ogni altro utilizzo o eventuale diffusione, anche su Internet, è necessario prima informare le persone coinvolte nella registrazione (professori, studenti…) e ottenere il loro consenso.


12)  Gli allievi con DSA possono utilizzare liberamente strumenti didattici che consentano loro anche di registrare (c.d. “strumenti compensativi e aumentativi”)?
Sì. La specifica normativa di settore (L. n. 170/2010) prevede che gli studenti che presentano tali disturbi hanno il diritto di utilizzare strumenti di ausilio per una maggiore flessibilità didattica. In particolare, viene stabilito che gli studenti con diagnosi DSA possono utilizzare gli strumenti di volta in volta previsti dalla scuola nei piani didattici personalizzati che li riguardano (ivi compreso il registratore o il pc). In questi casi non è necessario richiedere il consenso delle persone coinvolte nella registrazione.

13) Gli istituti scolastici possono pubblicare sui propri siti internet le graduatorie di docenti e personale ATA?
Sì. Questo consente a chi ambisce a incarichi e supplenze di conoscere la propria posizione e il proprio punteggio. Tali liste devono però contenere solo il nome, il cognome, il punteggio e la posizione in graduatoria. È invece eccedente la pubblicazione dei numeri di telefono e degli indirizzi privati dei candidati.

14) Si possono installare telecamere all’interno degli istituti scolastici?
Sì, ma l’eventuale installazione di sistemi di videosorveglianza presso le scuole deve garantire il diritto dello studente alla riservatezza. Può risultare ammissibile l’utilizzo di tali sistemi in casi di stretta indispensabilità, al fine di tutelare l’edificio e i beni scolastici da atti vandalici, circoscrivendo le riprese alle sole aree interessate. È inoltre necessario segnalare la presenza degli impianti con cartelli. Le telecamere che inquadrano l’interno degli istituti possono essere attivate solo negli orari di chiusura, quindi non in coincidenza con lo svolgimento di attività scolastiche ed extrascolastiche. Se le riprese riguardano l’esterno della scuola, l’angolo visuale delle telecamere deve essere opportunamente delimitato. [Progetti di revisione della disciplina sull’utilizzo degli strumenti di videosorveglianza negli istituti scolastici sono attualmente all’attenzione del Parlamento.]

15) Le scuole possono consentire a soggetti legittimati di svolgere attività di ricerca tramite questionari, da sottoporre agli alunni, contenenti richieste di informazioni personali?
Sì, ma soltanto se i ragazzi e, nel caso di minori, chi esercita la responsabilità genitoriale, siano stati preventivamente informati sulle modalità di trattamento e sulle misure di sicurezza adottate per proteggere i dati personali degli alunni e, ove previsto, abbiano acconsentito al trattamento dei dati. Ragazzi e genitori devono, comunque, avere sempre la facoltà di non aderire all’iniziativa.

Pubblicato in Garante privacy | Contrassegnato , | Commenti disabilitati su Garante per la Privacy, aggiornamenti per la scuola

Pensione a 67 anni, un’altra conferma della nostra irrilevanza

Pensione a 67 anni

Pensione a 67 anni. Per tutti? Assolutamente no! Confermata l’irrilevanza dei docenti

Pensione a 67 anni, un articolo chirurgico conferma la nostra irrilevanza. Oltre le parole, resta la reale considerazione del nostro lavoro. Non percepito come usurante, impegnativo.

Continua a leggere

Pubblicato in Opinioni | Contrassegnato , , | Commenti disabilitati su Pensione a 67 anni, un’altra conferma della nostra irrilevanza

Ministro Fioramonti, siamo distanti dalla vetta dei tre miliardi!

Ministro Fioramonti

Il Ministro ha conseguito importanti obiettivi, ma siamo ancora distanti dalla vetta dei tre miliardi richiesti

Il Ministro Fioramonti rende pubbliche  piccole conquiste. Mancano però riferimenti su due provvedimenti importanti. Il totale, comunque  è molto distante da dai tre miliardi. . Quindi…

Il Ministro Fioramonti, gli obiettivi raggiunti

Il Ministro Fioramonti pubblica sulla sua pagina Facebook questo post: “Sono contento di comunicare che da ieri, grazie al lavoro congiunto del mio ministero, in stretta collaborazione con il Parlamento, in questa finanziaria ci sono 31 milioni destinati alla copertura integrale delle borse di studio. Eliminiamo così l’anomalia tutta italiana che va sotto il nome di “idonei non beneficiari“.
Altri obiettivi sono stati raggiunti e inseriti nella legge di Bilancio 2020:
16 milioni (potenziamento per la scuola dell’infanzia)
100 milioni (edilizia scolastica- asili nido e scuola infanzia)
12,5 milioni (scuole paritarie che accolgono diversamente abili)
12 milioni  (formazione docenti cyberbullismo)
E altri provvedimenti.

Mancano nell’elenco…

Risultati importanti, anche se l’entità delle somme per voce non è particolarmente significativa.
Il Ministro resta vago sul contratto-scuola con l’obiettivo dell’aumento di 100 € in busta paga . Qui il problema è superare i vincoli del D.Lvo 29/93 che blinda i contratti pubblici al tasso d’inflazione programmata. La soluzione comunque è semplice: far uscire fuori dalla gabbia del D. Lvo 29/93. In assenza di un provvedimento, l’annuncite proseguirà…
Invece è sceso un silenzio di tomba molto preoccupante sull’abolizione delle classi-pollaio, dove occorrono molte risorse (Cfr. Disegno di legge- Azzolina). Eppure il superamento delle classi pollaio era stato posto come una priorità da L. Di Maio (agosto 2019), orientamento  confermato anche dal Def 2020. A pagina 87, infatti si legge “Nel comparto della scuola pubblica occorrono politiche dirette a limitare le classi troppo affollate…”

Ministro Fioramonti, siamo lontani dalla vetta!

Comunque, siamo lontani dall’obiettivo dei tre miliardi richiesti dal Ministro per ridurre  il malessere strutturale della scuola. Lo stato pre-agonico era stato certificato dallo stesso Ministro. Aveva dichiarato a novembre al quotidiano Il MessaggeroRitengo che la scuola e l’università siano in fase di annegamento. Chiedo di arrivare alla linea di galleggiamento. Ogni giorno rosicchio qualche euro in più per provare a resistere…Chiedere 3 miliardi è il minimo… Se prima di me ci fossero stati altri ministri pronti a mettere a rischio la loro carriera governativa per salvare i fondi, ora non starei minacciando le dimissioni”
Quindi Ministro attendiamo le sue dimissioni! Sarebbe un bel segnale di vicinanza alla scuola, riducendo il suo stato di isolamento e solitudine.

Pubblicato in Opinioni | Contrassegnato , , , | Commenti disabilitati su Ministro Fioramonti, siamo distanti dalla vetta dei tre miliardi!

Polizia di Stato, operativa l’applicazione contro il bullismo e…

 

Polizia di stato

YouPol, un’applicazione utile di contrasto al bullismo e spaccio di droga.

Polizia di Stato, dopo una prima fase di sperimentazione che ha riguardato alcune città, l’applicazione YouPol è operativa su tutto il territorio nazionale.
Si può scaricare da  Google Play
Permette di interagire con la Polizia di Stato, inviando segnalazioni sui casi di bullismo  e di spaccio di droga.
Foto e testo inviati sono geolocalizzati, permettendo di individuare il luogo dove si verificano gli eventi.
Da quando è partita l’iniziativa l’installazione dell’applicazione ha raggiunto i 118.000 clic. Le segnalazioni per casi di bullismo sono state 1.152, mentre per uso di sostanze stupefacenti 2.132.
Qui di seguito il tutorial
E’ disponibile anche un tutorial per non udenti

Pubblicato in Bullismo | Contrassegnato , , | Commenti disabilitati su Polizia di Stato, operativa l’applicazione contro il bullismo e…

Aule insicure, ottimo intervento ma aggiungo…

Aule insicure

Aule insicure, un ottimo intervento di P. Pieri che completo con un suggerimento pratico e basato sui numeri.

Aule insicure, il docente Paolo Pieri,appartenente all’Ordine degli Ingegneri della provincia di Torino, coordinatore della sicurezza nei cantieri, Rspp, rilascia un’interessante intervista. Un suggerimento cautelativo perché basato su un rapporto numerico.

Continua a leggere

Pubblicato in Sicurezza | Contrassegnato , , | Commenti disabilitati su Aule insicure, ottimo intervento ma aggiungo…

Preadolescenti precocemente nel Web, la responsabilità dei genitori

responsabilità dei genitori

Preadolescenti precocemente nel Web, comporta una responsabilità civile e penale per i genitori.

Preadolescenti precocemente nel Web. Impreparati a gestire lo smartphone. Quali le responsabilità civili e penali per i genitori? Quando invece è solo a ragazzo a rispondere?

Continua a leggere

Pubblicato in Cyberbullismo, Tutti gli articoli | Commenti disabilitati su Preadolescenti precocemente nel Web, la responsabilità dei genitori

Preadolescenti e Web, l’irresponsabilità dei genitori

Preadolescenti e Web

L’iniziazione dei ragazzini ai social e ai servizi di IM è imputabile solo ai genitori

Preadolescenti e Web, un sondaggio certifica la grande irresponsabilità dei genitori che disattendono il GDPR e il decreto attuativo 101/2018. Di fronte a questi genitori si può fare poco o nulla.

Continua a leggere

Pubblicato in Genitori, Tutti gli articoli | Contrassegnato , , , , | Commenti disabilitati su Preadolescenti e Web, l’irresponsabilità dei genitori

Rapporto OCSE-PISA (2018), scarsa l’attenzione alle cause

Rapporto OCSE-PISA (2018)

Rapporto Ocse-Pisa (2018) impietoso! Per risolvere la situazione, occorre rimuovere le cause del fallimento del sistema scolastico.

Rapporto OCSE-PISA (2018), si è parlato molto, tanto. Il documento conferma le criticità del sistema formativo. Purtroppo ai rilievi non sono seguiti dibattiti sulle cause. Anzi si sceglie di  aggravare lo stato di affogamento del sistema educativo.

Continua a leggere

Pubblicato in Opinioni, Tutti gli articoli | Contrassegnato , | Commenti disabilitati su Rapporto OCSE-PISA (2018), scarsa l’attenzione alle cause

L’insegnamento, una passione per il futuro che però dovrebbe…

 

L'insegnamento una passione

L’insegnamento è una passione che guarda oltre.

L’insegnamento è una vocazione? La risposta laica a una provocazione pericolosa, avvilente e minimale che tanto ha contribuito a marginalizzare il docente. Preferisco un’altra espressione che pone la cura del futuro come atteggiamento pervasivo di tutta la società.

L’insegnamento è una passione per il futuro 

L’insegnamento si fonda su una chiamata proveniente da Dio? Ogni tanto torna questo luogo comune. L’ultima dichiarazione è del sottosegretario L. Azzolina: “l’insegnamento deve essere una vocazione e non una scelta di ripiego”.
Mi trovo d’accordo sulla seconda parte, per niente sull’origine divina della chiamata.
Personalmente preferisco l’espressione passione per il futuro, declinata nella cura verso i bambini  e i ragazzi.  Il tratto dovrebbe essere essere la cifra del nostro tempo che, invece dopo aver ucciso  Dio (F. Nietzsche), sta decretando anche la morte dell’uomo attraverso la dis-attenzione verso i più indifesi.
La nostra società dovrebbe essere pensata e organizzata  a misura dei soggetti che esprimono un pro-getto (M. Heidegger), un esser-ci rivolto verso il futuro.  Quindi penso ai politici che dovrebbero proporre e votare leggi  per il ben-essere dei piccoli e dei ragazzi; penso ai genitori che offendono e aggrediscono gli insegnanti, destabilizzando la crescita dei più piccoli; penso sempre ai genitori che al ristorante o in pizzeria invece di dialogare con i figli, li consegnano a un tablet o a uno smartphone per intrattenerli; penso agli adulti che si propongono come cattivi maestri, perché quello che affermano è contraddetto dai loro comportamenti; penso ai mass-media, ai commentatori e agli intellettuali che hanno rimosso il futuro e quindi i giovani, concentrando la loro attenzione solo sul presente, dimenticando l’avamposto del futuro: la scuola!
Questi pochi esempi certificano che siamo un paese per vecchi che ha dimenticato  la profondità orizzontale e la verticalità, curvo  solo ad esaltare con la sua volontà di potenza (la tecnica) lo spazio breve tra le spalle e il naso.

 

Pubblicato in Opinioni | Contrassegnato , | Commenti disabilitati su L’insegnamento, una passione per il futuro che però dovrebbe…

La crisi della scuola e l’insegnante impiegato (D.Lvo 29/93)

La crisi della scuola

La crisi della scuola è la crisi degli insegnanti ridotti a impiegati. E’ possibile uscire da questa condizione, ma…

La crisi della scuola risiede anche nella trasformazione dell’insegnante a impiegato statale.
Il contributo legislativo a questa mutazione. Esiste una via d’uscita, ma comporta un impegno finanziario.
Continua a leggere

Pubblicato in Opinioni | Contrassegnato , , , | Commenti disabilitati su La crisi della scuola e l’insegnante impiegato (D.Lvo 29/93)

Cyberbullismo, un esempio di immortalità dei contenuti nel Web e…

Cyberbullismo

Cyberbullimo, nuovo caso che conferma il “quadretto”

Cyberbullismo, una vicenda che conferma l’immortalità dei contenuti che si postano nel Web. E non solo, dice molto dei nativi digitali.

Continua a leggere

Pubblicato in Cyberbullismo | Contrassegnato , , , | Commenti disabilitati su Cyberbullismo, un esempio di immortalità dei contenuti nel Web e…

Diritto allo sciopero, uno scenario inquietante

Diritto sciopero

Il diritto allo sciopero sta rischiando di essere ulteriormente compresso. Ma a chi interessa?

Diritto allo sciopero, all’Aran si tratta per un aggiornamento. Purtroppo non giungono buone notizie. La possibile deriva preoccupa. Il diritto allo sciopero già fortemente normato, rischia la beffa.

Diritto allo sciopero, normato con qualche forzatura

Diritto allo sciopero fortemente depotenziato dalla L.146/90, rischia di assumere caratteristiche farsesche. Il diritto a dissentire costituzionalmente previsto dall’art. 40 è stato normato dalla legge 146/90 con qualche forzatura relativa all’istruzione. Il disposto, infatti ha inserito l’istruzione tra i servizi essenziali, declinata soprattutto nel momento degli scrutini (Legge 146/90) . Scrive S. D’Errico ” La Costituzione prevede in effetti la regolazione del diritot allo sciopero. E’ scontato, giusto ed evidente che anche in caso di sciopero generale si debba poter trovare dei pronto soccorso aperti, e ospedali con unità d’urgenza operanti. Ma spacciare una pagella per servizio “minimo”, indispensabile e quindi sempre da garantire esattamente entro la data prevista per l’affissione dei quadri di valutazione delel classi intermedie… è ben altra cosa

Un aggiornamento peggiorativo, quindi inquietante

In questi giorni si stanno tenendo degli incontri presso la sede dell’ARAN. L’obiettivo è di limitare ulteriormente i disagi provocati dalla giornata di sciopero, soprattutto quello indetto dalle sigle minori.
Cosa sta emergendo dai resoconti sindacali?
La controparte ha espresso l’intenzione di chiedere ai docenti di esprimere la loro decisione di adesione o meno allo sciopero per consentire al D.S. di organizzare  il servizio.
A questo occorre aggiungere anche la possibilità di precettare i docenti per garantire i livelli minimi del servizio scolastico.
Cosa dire? Sempre peggio! Se le proposte – la prima pare accantonata- diventeranno  i contenuti di un accordo, allora assisteremmo a una significativa contrazione del diritto allo sciopero. Ci sarà qualche malumore, ma occorre dire che  lo strumento di dissenso è sempre meno diffuso tra i docenti, divenuti passivi e apparentemente indifferenti ai colpi di martello  che provengono dall’alto. Staremo a vedere!

Pubblicato in Opinioni, Tutti gli articoli | Contrassegnato , , , | Commenti disabilitati su Diritto allo sciopero, uno scenario inquietante

Valorizzazione dei docenti, le tante dichiarazioni dei Ministri

Valorizzazione dei docenti

Valorizzazione dei docenti. Tante parole, ma pochi risultati.

Valorizzazione dei docenti, i Ministri ne hanno sempre parlato. Tanto, troppo! Purtroppo le dichiarazioni sono rimaste orfane di risultati, perché hanno impattato contro il D.Lvo 29/93.
Continua a leggere

Pubblicato in Opinioni, Tutti gli articoli | Contrassegnato , , | Commenti disabilitati su Valorizzazione dei docenti, le tante dichiarazioni dei Ministri

Lorenzo Fioramonti a “Otto e mezzo”, la conferma dell’insignificanza della scuola

L. Fioramonti

L. Fioramonti, ormai è convinto. Non otterrà i tre miliardi per non far annegare la scuola. Confermata l’insignificanza mediatica della scuola.

Lorenzo Fioramonti, il Ministro è intervenuto a   Otto e mezzo.  La mimica del volto conferma che la scuola è insignificante.   A questo possiamo  accostare un altro parametro: il tempo!

Continua a leggere

Pubblicato in Opinioni | Contrassegnato , , | Commenti disabilitati su Lorenzo Fioramonti a “Otto e mezzo”, la conferma dell’insignificanza della scuola

Aumenti scuola, possibile con fuorisciuta dal comparto pubblico

Aumenti scuola

Aumenti significativi per la scuola? Impossibili finché la scuola rimane nel comparto publbico

Aumenti scuola, nuova fumata nera! Saranno irrisori! Come da ventisei anni! Le dichiarazioni e le interviste non fanno mai riferimento al quadro normativo vigente. Eppure la soluzione è semplice: far uscire la scuola dal comparto pubblico.

Continua a leggere

Pubblicato in Opinioni | Contrassegnato , , | Commenti disabilitati su Aumenti scuola, possibile con fuorisciuta dal comparto pubblico

L. Fioramonti conferma le sue dimissioni per una scuola che annega

L. Fioramonti

L. Fioramonti, sembra deciso.Dimissioni saranno, se non avrà tre miliardi. Il minimo per passare dallo stato dell’annegamento a quello del galleggiamento.

L. Fioramonti, sembra deciso! Dimissioni se la scuola che annega non avrà 3 miliardi.
Interessante e inquietante l’immagine di una scuola in condizione agonica.

Continua a leggere

Pubblicato in Opinioni | Contrassegnato , , | Commenti disabilitati su L. Fioramonti conferma le sue dimissioni per una scuola che annega

Umberto Galimberti, “Non abbiate più speranza nella scuola!”

Umberto Galimberti

Umberto Galimberti non crede più che la scuola possa rimediare alla “Notte del mondo”

U. Galimberti, noto filosofo monzese dichiara ” Non abbiate più speranza nella scuola“. I motivi di un disastro, dove la passione individuale può fare qualcosa. E’ necessaria, però  una rivoluzione culturale.

Continua a leggere

Pubblicato in Opinioni | Contrassegnato , , | Commenti disabilitati su Umberto Galimberti, “Non abbiate più speranza nella scuola!”

Il Professore N. Pagani, la passione che ci rappresenta, ma…

Il Professore N. Pagani

Grazie Professore! Purtroppo la passione non basta per cambiare il processo di distruzione della scuola.

Il Professore N. Pagani, ringrazia e torna dai suoi ragazzi! Ha fatto emergere la passione di molti docenti. Questa rimane, però circoscritta all’io. Nel sistema scolastico è scomparso il Noi, processo iniziato nel 1995 e proseguito fino ad oggi. ma anche i docenti hanno le loro responsabilità.

Continua a leggere

Pubblicato in Opinioni | Contrassegnato , , | Commenti disabilitati su Il Professore N. Pagani, la passione che ci rappresenta, ma…

L.Fioramonti, la “confessione” che precede le sue dimissioni?

L. Fioramonti

Il Ministro si “confessa” rivelando il bluff. Sta preparando le sue dimissioni

L. Fioramonti, ha rilasciato un’intervista. Diretta, rivelando l’amara verità: l’istruzione per il sistema-paese conta pochissimo. Lo sfogo prepara le sue dimissioni?
Continua a leggere

Pubblicato in Opinioni | Contrassegnato , | Commenti disabilitati su L.Fioramonti, la “confessione” che precede le sue dimissioni?

Cyberbullismo e bullismo fisico due interessanti novità

Cuberbullismo e bullismo

Cyberbullismo e bullismo fisico, fenomeni sempre presenti. Una possibile novità legislativa e un’ iniziativa

Cyberbullismo e bullismo fisico, i fenomeni sono  sempre presenti , anche se non catturano adeguatamente  l’attenzione degli adulti. Due interessanti proposte.

Continua a leggere

Pubblicato in Bullismo | Contrassegnato , , | Commenti disabilitati su Cyberbullismo e bullismo fisico due interessanti novità

La scuola-carcere la strisciante mutazione

La scuola-carcere

La scuola-carcere il modello avanza, grazie alla paura. Sarà vincente?

La scuola- carcere si sta affermando come il modello prevalente. Certifica la degenerazione educativa del sistema scolastico, dove gli alunni e ai ragazzi sono impossibilitati a completare la loro formazione in un ambiente educativo allargato.

Continua a leggere

Pubblicato in Sicurezza | Commenti disabilitati su La scuola-carcere la strisciante mutazione

Legge di Bilancio 2020, la scuola vale il 2,15%

 

Legge di Bilancio 2020

Finalmente abbiamo un dato che certifica la nostra irrilevanza. 2,15%

La Legge di Bilancio 2020 è stata pubblicata. Le chiacchiere e le dichiarazioni hanno lasciato spazio ai freddi numeri e percentuali. La scuola ne esce male. Vale solo 2,15%. L’irrilevanza è completata dalla dichiarazione del Ministro Fioramonti.
Continua a leggere

Pubblicato in Opinioni | Contrassegnato , , | Commenti disabilitati su Legge di Bilancio 2020, la scuola vale il 2,15%

Suicidio per uno smartphone sequestrato, occorre educare ai “No”

Suicidio per uno smartphone sequestrato

Una vicenda non recente di un suicidio di un preadolescente. Occorre riflettere su un approccio educativo che non funziona

Suicidio per uno smartphone sequestrato, una tragedia che coinvolge un preadolescente.  Esempio non recente ( novembre 2018) di una generazione cresciuta senza limiti e senza responsabilità con la complicità dei genitori.

Continua a leggere

Pubblicato in Opinioni, Tutti gli articoli | Commenti disabilitati su Suicidio per uno smartphone sequestrato, occorre educare ai “No”

Dopo la tragedia del bambino precipitato, “l’elenco della paura”…

Dopo la tragedia del bambino precipato, la paura

Dopo la tragedia del bambino precipitato, le scuole corrono ai ripari, condizionati dalla paura…

Dopo la tragedia del bambino precipitato, l’elenco degli istituti scolastici che adottano provvedimenti restrittivi, si allunga. In attesa di conoscere le decisioni dei giudici su un caso di non facile lettura, la paura dilaga.

Continua a leggere

Pubblicato in Opinioni, Tutti gli articoli | Contrassegnato , | Commenti disabilitati su Dopo la tragedia del bambino precipitato, “l’elenco della paura”…

La cultura è poco interessante per le persone del nostro Paese

La cultura è  poco interessante

La cultura è poco interessante ( R. Vacca). Nulla di nuovo! Tutto confermato!

La cultura è insignificante, poco interessante. Ecco i motivi dell’imperante disinformazione che porta a preferire quella leggera, ma densa di emozioni. Povera Italia!

Continua a leggere

Pubblicato in Opinioni, Tutti gli articoli | Contrassegnato , , | Commenti disabilitati su La cultura è poco interessante per le persone del nostro Paese

Dopo la tragedia del bambino, il palcoscenico è occupato dalla paura

Dopo la tragedia del bambino, la paura...

Era prevedibile. La paura ha occupato il palcoscenico delle scuole. Reazione comprensibile

Dopo la tragedia del bambino è il tempo della paura. La circolare della Preside di un Istituto comprensivo può rappresentare un apripista. Esprime la paura e nel contempo la solitudine istituzionale che caratterizza l’azione di molte scuole.

Continua a leggere

Pubblicato in Opinioni, Tutti gli articoli | Contrassegnato , | Commenti disabilitati su Dopo la tragedia del bambino, il palcoscenico è occupato dalla paura

La centralità dell’infanzia solo a parole, niente di nuovo per un Paese…

La centralità dell'infanzia

L’attenzione dei bambini è il risultato di un sentimentalismo inconcludente. Servono decisioni concrete

La centralità dell’infanzia se ne parla spesso. Difficilmente però diventa una priorità, declinata in un’attenzione continua che porta a provvedimenti operativi. L’ultimo caso è rappresentato dalla tragedia  dell’alunno precipitato.

Continua a leggere

Pubblicato in Opinioni | Contrassegnato , , | Commenti disabilitati su La centralità dell’infanzia solo a parole, niente di nuovo per un Paese…

Alunno precipitato dalle scale, l’onesta dichiarazione del Ministro

Alunno precipato dalle scale

Alunno precipitato dalle scale, un caso non semplice! Infatti la magistratura  non ha emesso ancora avvisi di garanzia

L’alunno precipitato dalle scale è purtroppo deceduto.  Il ministro ha rilasciato una dichiarazione senza veli. Sarà interessante capire come si muoverà la magistratura. Un caso dove le eventuali responsabilità individuali andranno contestualizzate.

Continua a leggere

Pubblicato in Opinioni, Tutti gli articoli | Contrassegnato , | Commenti disabilitati su Alunno precipitato dalle scale, l’onesta dichiarazione del Ministro

Alunno precipitato dalle scale, la ricostruzione dei fatti

Alunno precipitato dale scalee

Alunno precipitato dalle scale. La vicenda si arricchisce di particolari.

Alunno precipitato dalle scale, si inizia a comprendere la dinamica dei fatti. Sarà la magistratura a individuare le responsabilità.

Continua a leggere

Pubblicato in Sicurezza | Commenti disabilitati su Alunno precipitato dalle scale, la ricostruzione dei fatti

Alunno caduto dalle scale, quanta imprevedibilità nell’evento?

Alunno caduto dalle scale

Alunno caduto dalle scale, sarà la magistratura ad accertare le eventuali responsabilità. Essi leggeranno solo le carte

Alunno caduto dalle scale, sarà l’imprevedibilità dell’evento il criterio orientativo per i magistrati. E questo li porterà a leggere l’art. 2048 del codice civile, i documenti dell’Istituto e capire la personalità del bambino.

Continua a leggere

Pubblicato in Opinioni | Contrassegnato , , | Commenti disabilitati su Alunno caduto dalle scale, quanta imprevedibilità nell’evento?

Nuova aggressione a un docente, denuncia “senza se e senza ma”

Nuova aggressione

Nuova aggressione a un docente da denunciare con un atto formale.

Nuova  aggressione contro un docente. Non ci sono alternative. Lo richiede la nostra dignità e anche la normativa vigente. “Senza se e senza ma”.

Continua a leggere

Pubblicato in Sicurezza | Contrassegnato , | Commenti disabilitati su Nuova aggressione a un docente, denuncia “senza se e senza ma”

Ministro Fioramonti, era già tutto previsto, quindi non resta…

Ministro Fioramonti

Il Ministro ammette: le risorse per l’istruzione sono insufficienti. Quindi non resta che dimettersi!

Il ministro Fioramonti ammette l’insufficienza dei fondi per la scuola. In questo caso aveva promesso le sue dimissioni. Attendiamo la coerenza!

Continua a leggere

Pubblicato in Opinioni | Contrassegnato , , | Commenti disabilitati su Ministro Fioramonti, era già tutto previsto, quindi non resta…

L. Fioramonti, le sue linee programmatiche ruotano intorno…

L. Fioramonti

Il Ministro Fioramonti ha formalizzato i suoi impegni. Ma ci vogliono tante risorse. Il Paese è pronto?

L. Fioramonti, ha presentato le sue linee programmatiche. Desiderata e impegni che richiamano necessariamente il futuro che nel documento si presenta fumoso e incerto. E’ lo stesso Ministro a confermarlo, rivolgendosi al Paese.

Continua a leggere

Pubblicato in Politica, Tutti gli articoli | Contrassegnato , | Commenti disabilitati su L. Fioramonti, le sue linee programmatiche ruotano intorno…

Cyberbullismo e protezione dell’identità digitale

 

Cyberbullismo

Cyberbullismo, la mia proposta formativa, punto finale di un percorso professionale.

 

Cyberbullismo e protezione dell’identità digitale. Anche quest’anno il mio corso evidenziato è proposto dall’Ente di formazione Touch Me.
Eccola la presentazione:

Pubblicato in Corsi, Formazione | Commenti disabilitati su Cyberbullismo e protezione dell’identità digitale

L’aumento di 100€ ci sarà, ma da dove arriverà?

L'aumento di 100 €

L’aumento ci sarà. Lo ha confermato il Ministro R. Gualtieri. Quali saranno le fonti extra D.lvo29/93

L’aumento di 100 € (lordo) arriverà! Il Ministro dell’Economia R. Gualtieri lo ha confermato.  Il problema è finanziamento extra D.lvo 29/93 .  che regola i contratti economici pubblici.

Continua a leggere

Pubblicato in Opinioni | Contrassegnato , , | Commenti disabilitati su L’aumento di 100€ ci sarà, ma da dove arriverà?

Umberto Galimberti e la scuola diseducante

Umberto galimberti

Umberto Galimberti e il tramonto dell’educazione che ha portato alla notte della scuola.

Umberto Galimberti parla di una scuola che non educa più. Lectio magistralis del filosofo.  Gli insegnanti lo sanno da diverso tempo. E’ il trionfo della tecnica. La notte del mondo (M. Heidegger) e nello specifico della scuola.

Continua a leggere

Pubblicato in Opinioni | Contrassegnato , , | Commenti disabilitati su Umberto Galimberti e la scuola diseducante

Ministro Fioramonti, attendiamo la sua decisione, se…

Ministro Fioramonti

Il Ministro fioramonti ha chiesto tanti soldi per l’istruzione. Prevedibile la risposta di chiusura di R. Gualtieri. Quindi a Fioramonti non resta che…

Il Ministro Fioramonti aveva chiesto tre miliardi per la scuola. L’intervento di Roberto Gualtieri sembra chiudere ogni possibilità. Se questo dovesse diventare una decisione politica, al Ministro non resta…

Continua a leggere

Pubblicato in Opinioni | Contrassegnato , | Commenti disabilitati su Ministro Fioramonti, attendiamo la sua decisione, se…

Def 2020, fa ben sperare ora però largo alla…

Def 2019

Def 2019 confermati gli annunci. Ora però attendiamo…

Def 2019, indicazioni di massima per la scuola. “Se il buon giorno, si vede dal mattino”, è una buona partenza! Ora però lasciamo lo spazio ai…

Def 2019, “se il buongiorno si vede dal mattino”…

Def 2019, sembra che le promesse possano avere una conclusione. Questa volta positiva.
I motivi di ottimismo risiedono nel seguente passaggio (pag. 87):
Nel comparto della scuola pubblica occorrono politiche dirette a limitare le classi troppo affollate e valorizzare, anche economicamente, il ruolo dei docenti, potenziare il piano nazionale per l’edilizia scolastica, garantire, con le Regioni, la gratuità degli asili nido e dei micro-nidi, ampliandone l’offerta soprattutto nel Mezzogiorno nonché quella del percorso scolastico per gli studenti provenienti da famiglie con redditi medio-bassi. Saranno contrastati infine la dispersione scolastica e il bullismo.”

Brevi considerazioni

Fa piacere leggere che il superamento delle classi pollaio occupa la prima posizione.
Segue la valorizzazione economica della funzione docente. L’annuncio sembra entrare in contrasto con quanto scritto (pag.40-41) “Dopo aver segnato tassi di crescita negativi dal 2011, nel 2018 i redditi da lavoro dipendente della PA sono tornati a crescere ad un ritmo sostenuto (3,3 per cento su base nominale), sulla scorta della dinamica delle retribuzioni pro-capite. Nel 2019 la previsione sconta, fra l’altro, la conclusione della tornata contrattuale 2016-2018 ed il maggior numero di pensionamenti attesi già dal 2019 per effetto della c.d. ‘Quota 100’, l’effetto complessivo è di un incremento dello 0,3 per cento nell’anno.
Nel triennio 2020-2022 la spesa per redditi aumenta in media dello 0,6 per cento.
L’incidenza sul PIL risulta pertanto in calo, dal 9,7 del 2019 al 9,2 per cento del PIL
nel 2022, confermando sostanzialmente le proiezioni del DEF.”
Probabilmente il contenimento della spesa  per stipendi (normato dal D.lvo 29/93) non riguarderà gli insegnanti. Per la loro valorizzazione si procederà con una norma contenuta nella Legge di Bilancio 2020.

Attendiamo ora l’inizio della partita vera

Buono l’avvio! Ora però attendiamo  la legge di Bilancio 2020. Nel provvedimento potremo leggere le risorse destinate ai punti programmatici , conoscere le modalità di realizzazione e ovviamente maggiori particolari.

 

Pubblicato in Opinioni | Contrassegnato , | Commenti disabilitati su Def 2020, fa ben sperare ora però largo alla…

L. Azzolina,”Mi sono sentita dire che la scuola non fa audience”

Lucia Azzolina

Lucia Azzolina dichiara che per i massmedia ( e non solo) la scuola non è interessante!

L. Azzolina (M5s), esempio di “cuore docente”conferma che per i massmedia (e non solo) la scuola non fa audience! Noi insegnanti lo sappiamo ogni giorno. Fa male comunque avere la conferma.

Continua a leggere

Pubblicato in Opinioni | Contrassegnato , | Commenti disabilitati su L. Azzolina,”Mi sono sentita dire che la scuola non fa audience”

Sicurezza edifici scolastici,in aumento i crolli, i fondi però…

 

Sicurezza edifici scolastici

Sicurezza edifici scolastici, siamo ancora lontani dall’obiettivo. I fondi poi devono fare i conti con la burocrazia

Sicurezza edifici scolastici, in aumento i rischi di crollo. L’ultimo rapporto di Cittadinanzattiva, presentato ieri, senza troppi giri di parole conferma la pericolosità delle scuole.

Continua a leggere

Pubblicato in Sicurezza | Contrassegnato , , | Commenti disabilitati su Sicurezza edifici scolastici,in aumento i crolli, i fondi però…

Culpa in vigilando, un caso dove conta la coerenza…

Culpa in vigilando

Una vicenda chiusa con una sentenza che conferma il criterio della coerenza.

Culpa in vigilando, un caso che descrive comportamenti non coerenti con quanto previsto dai regolamenti interni di un Istituto. In questo caso l’Amministrazione scolastica in primis  è chiamata a risarcire la vittima.

Continua a leggere

Pubblicato in Culpa in vigilando | Contrassegnato , | Commenti disabilitati su Culpa in vigilando, un caso dove conta la coerenza…

Classi pollaio, una lettera appassionata dal fronte

Classi pollaio

Classi pollaio, una lettera appassionata e sofferente di un insegnante. Alcuni stralci e riflessioni personali.

Classi pollaio, una lettera appassionata e sofferente che certifica il tramonto dell’educazione. Alcuni passaggi accompagnati da riflessioni di un docente (il sottoscritto) che vive sulla sua pelle l’obbrobrio pedagogico voluto dal duo Gelmini-Tremonti.

Continua a leggere

Pubblicato in Classi pollaio | Contrassegnato , | Commenti disabilitati su Classi pollaio, una lettera appassionata dal fronte

Ministro Fioramonti, si ricordi anche delle classi pollaio!

Ministro Fioramonti

Il ministro Fioramonti sta parlando molto di un aumento significativo degli stipendi per gli insegnanti. E le classi pollaio?

Il Ministro Fioramonti sembra molto deciso. Ha chiesto risorse per un aumento stipendiale dei docenti. Molto bene! E le classi pollaio? Non ne parla più.

Continua a leggere

Pubblicato in Ministro Fioramonti | Contrassegnato , , | Commenti disabilitati su Ministro Fioramonti, si ricordi anche delle classi pollaio!

Ministro Fioramonti, le parole contano…

Ministro Fioramonti

Il Ministro Fioramonti rilascia una nuova intervista. Fa ben sperare, ma attendiamo i fatti

Il Ministro Fioramonti ha rilasciato una nuova intervista sull’aumento stipendiale per i docenti. Ora però attendiamo i fatti. Per gli insegnanti le parole pesano, contano…

Continua a leggere

Pubblicato in Opinioni | Contrassegnato , | Commenti disabilitati su Ministro Fioramonti, le parole contano…

Sicurezza a scuola, la normale condanna di una Dirigente Scolastica

Sicurezza a scuola

Sicurezza a scuola, le responsabilità sono chiare. E’ sufficiente leggere e conoscere il D.lgs 81/08

Sicurezza a scuola, un caso e una prevedibile sentenza che condanna la Dirigente Scolastica e il Responsabile per la sicurezza.  Il Riferimento è la legge 81/2008

Continua a leggere

Pubblicato in Sicurezza | Contrassegnato , | Commenti disabilitati su Sicurezza a scuola, la normale condanna di una Dirigente Scolastica

Lorenzo Fioramonti al Miur, una scelta (quasi) obbligata

Ministro Fioramonti

La nomina di Lorenzo Fioramonti a responsabile del Miur non è stata una scelta casuale.

Lorenzo  Fioramonti nominato responsabile del Miur. Ha rilasciato una nuova intervista, confermando la strategia del cacciavite rispetto alla Legge 107/15. Ecco spiegato il motivo della sua nomina.

Continua a leggere

Pubblicato in Ministro Fioramonti, Tutti gli articoli | Contrassegnato , | Commenti disabilitati su Lorenzo Fioramonti al Miur, una scelta (quasi) obbligata

Camilla Sgambato (Pd), il programma per la scuola?

Camilla Sgambato

Camilla Sgambato rilascia un’ intervista, che però chiarisce poco.

Camilla Sgambato, responsabile scuola del Pd rilascia un’intervista. Molto interessante perché anticipa alcuni temi cari al Partito Democratico. Resta il totem della L.107/15, mentre è assente la priorità del M5s.

Continua a leggere

Pubblicato in Opinioni, Tutti gli articoli | Commenti disabilitati su Camilla Sgambato (Pd), il programma per la scuola?

Sindrome Hikikomori, coinvolti 120mila adolescenti

Sindrome Hikikomori

Sindrome Hikikomori esprime un disagio per questo mondo e le persone che lo abitano. E i genitori?

Sindrome Hikikomori, abbiamo un dato autorevole: 120mila adolescenti ne sono coinvolti. Gravi le conseguenze. Sorge la solita domanda: e i genitori?

Continua a leggere

Pubblicato in Adescamento erotico, Cyberbullismo, Tutti gli articoli | Commenti disabilitati su Sindrome Hikikomori, coinvolti 120mila adolescenti

Diritti (e doveri) in Internet per un “Web educativo”

Diritti (e doveri) in Internet per un "Web educativo"

“Il Web educativo” necessita di regole , che rimandano a una serie di diritti e doveri.

Diritti (e doveri) in Internet, documento importante e da tener sempre presente. Il Web non può diventare uno “sfogatoio” o il terminale delle peggiori pulsioni. L’impegno per un  Web educativo.

Continua a leggere

Pubblicato in Nuove tecnologie, Tutti gli articoli | Contrassegnato , , | Commenti disabilitati su Diritti (e doveri) in Internet per un “Web educativo”

Carabiniere ucciso, la centralità della parola nel Web

Carabiniere ucciso, la centralità della parola nel Web

Le parole non siano l’ultima coltellata

Carabiniere ucciso, Il pessimo e indecente post comparso sul profilo social di una docente di Novara. Il post  fa riflettere su quanto scriveva C. Picchio. L’effetto moltiplicatore nel Web.

Continua a leggere

Pubblicato in Opinioni, Tutti gli articoli | Contrassegnato , | Commenti disabilitati su Carabiniere ucciso, la centralità della parola nel Web

“I ragazzi e la rete”, un’indagine del 2017

"I ragazzi e la rete"

“I ragazzi e la rete”, una’indagine che conferma tutte le sensazioni…

I ragazzi e la rete”, l’indagine (2017) conferma il rapporto privilegiato del “nativo digitale” con lo  smartphone e i rischi insiti nella navigazione nel Web.

Continua a leggere

Pubblicato in Cyberbullismo, Tutti gli articoli | Contrassegnato , , | Commenti disabilitati su “I ragazzi e la rete”, un’indagine del 2017

T.A.R., “bocciatura” non confermata per assenza di documentazione

Sentenza

Il T.A.R. del Lazio rivede una decisione di non ammissione. Il motivo: la scuola è risultata carente nella documentazione.

T.A.R. del Lazio non conferma una non ammissione alla classe successiva. Un pronunciamento che evidenzia l’importanza del rispetto delle procedure formali. E’ il tallone d’Achille degli insegnanti. Uno degli aspetti più importanti del nostro profilo docenti.

Continua a leggere

Pubblicato in Opinioni | Contrassegnato , , | Commenti disabilitati su T.A.R., “bocciatura” non confermata per assenza di documentazione

La responsabilità genitoriale e il diverso scenario educativo

Responsabilità genitoriale

La responsabilità genitoriale riconsidera il rapporto tra i genitori e i figli

La responsabilità genitoriale cambia le regole del gioco educativo. Il minore è persona sempre! Quindi non più un oggetto o proprietà della famiglia, ma soggetto che si appartiene senza se e senza ma. Comunque sempre  da proteggere e curare.

Continua a leggere

Pubblicato in Responsabilità genitoriale, Tutti gli articoli | Contrassegnato , | Commenti disabilitati su La responsabilità genitoriale e il diverso scenario educativo

Pensione quota 100 elaborazione Snals

 

Pensione quota 100

Pensione quota 100, finalmente dei dati sui quali ragionare.

Pensione quota 100  il sindacato SNALS ha elaborato un’ interessante tabella ad hoc per il comparto scuola. Chi è interessato e si trova quasi “fuori dall’uscio” può fare le considerazioni e le riflessioni sul suo futuro.

Continua a leggere

Pubblicato in Pensione | Contrassegnato , , | Commenti disabilitati su Pensione quota 100 elaborazione Snals

Le classi pollaio e l’assenza della profondità pedagogica

 

Classi pollaio

Le classi pollaio sono un esempio del pensiero post-moderno che ha espulso il futuro

Le classi pollaio sono l’espressione di una “visione corta” che nulla a che fare con la formazione della persona e del cittadino (Costituzione). È il limite del finanzcapitalismo (L. Gallino) che ha colonizzato anche la scuola. Senza una fuoriuscita da questa prospettiva, esiste solo la fine della scuola!

Continua a leggere

Pubblicato in Classi pollaio | Contrassegnato , , | Commenti disabilitati su Le classi pollaio e l’assenza della profondità pedagogica

Smartphone a scuola, rimango scettico!

Smartphone in classe

Smartphone a scuola. Molte conferme, ma…

 

Smartphone a scuola, finalmente la commissione nominata dalla Ministra Fedeli ( metà settembre) sull’uso didattico del dispositivo  ha concluso i propri lavori. Decalogo consegnato alle scuole che, però devono meglio definirlo. Cambia poco rispetto alla Direttiva Fioroni (15 marzo 2007). Rimane la responsabilità del docente.

Continua a leggere

Pubblicato in Cyberbullismo, Tutti gli articoli | Commenti disabilitati su Smartphone a scuola, rimango scettico!

Appunti Convegno cyberbullismo “Nella Rete della Rete”

Convegno cyberbullismo

Convegno cyberbullismo

Questa mattina ho partecipato al Convegno cyberbullismo ” Nella Rete della Rete“. Tante idee, molte conferme, ma anche nuove riflessioni su un fenomeno sotterraneo, molto sottovalutato dalle famiglie e un pò meno dalle scuole. Il risultato: la solitudine del ragazzo.
Metto a disposizione gli appunti presi. Questi ovviamente non possono avere caratteristiche di sistematicità.
Comunque, chi è dentro il problema può comprendere facilmente anche le tante sfumature non scritte.
Coinvolgente l’intervento del papà di Carolina, ragazza suicida a causa del cyberbullismo. Da questo caso è nata la legge 71/17.
Appunti Convegno

Pubblicato in Cyberbullismo | Contrassegnato , , , | Commenti disabilitati su Appunti Convegno cyberbullismo “Nella Rete della Rete”

Formazione. Proposte corsi e Curriculum Vitae

formazione

Formazione. Per il nuovo anno scolastico, propongo i miei corsi.

Corsi

Le tematiche puntano alla alfabetizzazione informatica di base, con una particolare attenzione alla sicurezza.
Ritengo importante la proposta formativa ” Schemi, mappe concettuali e testo“, finalizzato all’acquisizione di un metodo di studio, che molti declinano nell’ “imparare ad imparare”.
Infine, propongo un percorso formativo finalizzato all’acquisizione di una competenza audio-video.

 

I corsi sono rivolti a Istituti scolastici ed Enti di formazione

Curriculum Vitae

A supporto dei corsi presento il mio CV.  (aggiornato a giugno 2017)
Queste sono le ultime attività svolte:
1)Intervento Convegno AID ( Associazione Italiana Dislessia. “La Didattica multimediale”      7 ottobre 2016)
2)Ideatore e formatore progetto “Ecdl per la primaria” (quinta- I.C. “Carlo Levi- )
3)Promotore e ideatore  del progetto Pon “Cittadinanza digitale e pensiero computazionale” 
4)Referente cyberbullismo dell’Istituto di servizio ( I.C. Levi)
5)Collaboratore con il 3° Municipio-Roma tematica “Cyberbullismo
6)Formatore Corso di informatica di base e livello avanzato (Liceo Scientifico Newton-Roma)
7)Autore articoli  su siti online ( ScuolaInforma, Fuoriregistro, Professione Insegnante, Regolarità e  trasparenza nella scuola, OggiScuola, Tecnicadellascuola, Retescuole) (
8) Corso aggiornamento presso I.C. “Donati” – Roma ( Soc. Apolab ) “Mappe in rete”

Info e richieste inviare messaggio in Scrivi

 

Pubblicato in Corsi, Esperienze, Formazione, Informatica | Contrassegnato , , , , , , , , | Commenti disabilitati su Formazione. Proposte corsi e Curriculum Vitae

Formazione. “Mappe e testo”, una possibile circolarità.

 

Formazione


Esiste un bisogno di formazione  profondo che, nel caso delle Tic, superi il semplice addestramento. Quest’ultimo rimanda all’acquisizione di procedure, sequenze di istruzioni, non supportate da una verticalità formativa, elemento fondativo della presenza della scuola.

Continua a leggere

Pubblicato in Corsi, Esperienze, Formazione, Mappe concettuali, Tutti gli articoli | Contrassegnato , , , , , , , , , , | Commenti disabilitati su Formazione. “Mappe e testo”, una possibile circolarità.

Convegno AID: foto e mia presentazione

img-20161008-wa0009

img-20161008-wa0012

img-20161008-wa0008

Oggi sono intervenuto al Convegno ” La scuola di fronte alla sfida dei DSA”, organizzato dall’AID.
Ho parlato di didattica multimediale e reticolare, spiegando i motivi della sua presenza nell’attività didattica. Didattica multimediale che non può essere identificata con quella digitale.
Di seguito la mia presentazione.
Intervento

Pubblicato in Esperienze, Formazione, Tutti gli articoli | Contrassegnato , , , , , , | Commenti disabilitati su Convegno AID: foto e mia presentazione