L’elastico comunicativo non fa bene alla scuola

L'elastico comunicativo

L’elastico comunicativo non fa bene alla scuola


L’elastico comunicativo (annunci e smentite), spesso contradditorio e comunque non supportato dai fatti, non fa bene alla scuola. Quest’ultimo non ha bisogno di parole, parole, ma di atti concreti e coraggiosi.

L’elastico comunicativo

E’ risaputo che nel contesto postmoderno contano le parole o le sensazioni prodotte dalla notizia ( post-verità). I fatti sono relegati ad accessorio, non necessario. Si preferisce la tecnica che definisco dell’elastico comunicativo. 
Il Ministro e i sindacati non sfuggono a questo scivolamento comunicativo.
Ha iniziato il Ministro V. Fedeli, proponendo le scuole aperte d’estate. Annuncio vago, fumoso. Sembrava che dovesse coinvolgere gli insegnanti. Poi la rettifica: saranno chiamate a portare aavnti il progetto le associazioni. La proposta non ha avuto seguito.
Contemporaneamente il Ministro Fedeli annunciava il giorno prima l’impegno del governo a riconoscere economicamente l’impegno dei docenti (v. contratto) per poi ripiegare, confermando (forse) gli 85€ medi lordi in tre anni.
Recentemente anche i sindacati si sono fatti contagiare da questa annuncite, non supportata dai fatti e nello specifico dal contesto normativo. Qualche giorno fa ho messo in rilievo le dichiarazioni di Sinopoli  che ritiene gli 85€ “un punto di partenza per sedere al tavolo della trattativa”. Anche questa dichiarazione sarà presto smentita. Le leggi Stabilità 2016 e 2017, infatti, non prevedono altre risorse.

La scuola ha bisogno di fatti e non di annunci

La scuola necessita di certezze e non di fughe in avanti, smentite in tempi brevissimi ( l’elastico comunicativo). Ha bisogno di essere rispettata e non di essere presa in giro dagli interlocutori. Il rispetto si fonda sulla  funzione strategica per il futuro del Paese.
Un suggerimento: parlate dopo aver prodotto degli atti! Diversamente la frattura tra la scuola, l’Amministrazione e le parti sociali si allargherà fino a un punto di non ritorno! “Cui prodest?” Sicuramente non al futuro del Paese!  

Pubblicato in Opinioni, Tutti gli articoli | Commenti disabilitati su L’elastico comunicativo non fa bene alla scuola

Lo sdoppiamento delle classi, purtroppo è legittimo! Ma…

 sdoppiamento delle classi

Lo sdoppiamento delle classi. Facciamo chiarezza.


Periodicamente torna a far discutere lo sdoppiamento delle classi, in assenza del titolare. Introdotta dalla legge di Stabilità 2015 e quindi dal governo Renzi, la disposizione non può essere ignorata da un pubblico ufficiale (=il Dirigente Scolastico). Comunque il docente deve cautelarsi.

Lo sdoppiamento delle classi torna a far parlare

Nel sistema scuola sono state introdotte due tipi di organizzazioni della classe: una permanente, l’altra temporanea. La prima si identifica con le classi pollaio, introdotte dal duo Gelmini-Tremonti ( L133/2008), la seconda invece fa riferimento allo sdoppiamento delle classi, prevista dalla legge di Stabilità del 2015 ( legge 190/14 comma 332 e 333 ) e dalla circolare del 10.08.2015. Quest’ultima soluzione ha completato il processo di espulsione della pedagogia dall’aula, iniziato con le classi-pollaio. restituendola come un contenitore regolato dai criterio del risparmio e dell’ottimizzazione delle risorse.
Lodevole l’iniziativa riportata da Tecnicadellascuola.it di un centinaio di docenti bolognesi. Spiega G. Gabrielli:   “abbiamo capito che non dovevamo più stare zitti per evitare che questa norma divenga scontata nella scuola. Di fatto oggi ogni volta che si verifica un’assenza l’offerta formativa viene danneggiata perché viene chiesto al docente di potenziamento di abbandonare il proprio progetto per coprire la supplenza oppure si chiede a chi è in compresenza in una classe di rinunciare a quell’attività di recupero o peggio ancora si dividono i bambini in altre classi“.

 

La gerarchia delle fonti

Fuori luogo, invece fare riferimento ad un quadro normativo ormai superato. Mi riferisco alla nota ministeriale 08.11.10
La legislazione nazionale italiana è ordinata secondo una precisa gerarchia ( gerarchia delle fonti). Ne discende il principio che una norma inferiore ( come nel caso “atipico” della nota ministeriale ) non può prevalere su quella superiore (Legge di stabilità 2015 o Legge 133/2008. Da quest’ultima discende il D.P.R.81/2009 ).
Pertanto il Dirigente Scolastico che è un pubblico ufficiale è tenuto a rispettare l’ordinamento giuridico. Nel caso concreto  è obbligato, in assenza di alternative a costo zero,  a suddividere la classe, quando questa è priva del titolare.

L’ordine di servizio

Cosa può fare l’insegnante di fronte a questa situazione senza via d’uscita? 
Nei casi di accoglimento di altri studenti che non tiene presente dei  rapporti previsti dal D.P.R.81/2009, è necessario richiedere un ordine di servizio da parte del D.S. La documentazione è importante, per cautelare l’insegnante da eventuali denunce di inadempienza  verso il  dovere di vigilanza sul minore ( art. 2048 Codice Civile ). Ricordo che i criteri sui quali si basa un giudice sono due: imprevedibilità ed evitabilità dell’evento. E’ importante richiedere L’ordine di servizio, in quanto una sentenza del Consiglio di Stato del 2008 ha stabilito che per favorire un’ordinata evacuazione in caso di incendio il numero massimo consentito è di 25 alunni/studenti. ” La responsabilità delle deroghe è del capo di istituto
Una richiesta ai sindacati: quando l’aberrante e incostituzionale organizzazione delle classi pollaio e super-pollaio attirerà la loro attenzione, in modo da costringere il governo a firmare un provvedimento di abrogazione?
Concludo. Come è possibile chiamare una legge “Buona Scuola” se non riesce a proteggere i nostri figli?

 




 

Pubblicato in Classi pollaio, Sicurezza | Contrassegnato | Commenti disabilitati su Lo sdoppiamento delle classi, purtroppo è legittimo! Ma…

“Culpa in vigilando”. Una sentenza “normale” che fa discutere

Una sentenza "normale"

Una sentenza “normale” che stranamente fa discutere


Una sentenza “normale” riguardante la “Culpa in vigilando” ( art. 2048 codice civile) che coinvolge gli insegnanti . Questa deve essere essere esercitata in modo continuativo nei confronti del minore. Non sono ammesse deroghe o vuoti temporali. La sentenza n.21593/2017 della massima Corte conferma la giurisprudenza ormai consolidata. Eppure tanti docenti esprimono meraviglia e stupore. “”Dura lex, sed lex”

Il fatto e una sentenza “normale”

Un bimbo lasciato solo fuori dal cancello della scuola ad aspettare l’autobus, è investito e muore. La responsabilità ricade sull’insegnante che aveva in affidamento l’alunno e sul comune.
La Cassazione ha ribadito e confermato il suo orientamento. Non poteva essere altrimenti, considerando la condizione giuridica dell’alunno(minore, cioè “incapace di intendere e volere”) Quindi è una sentenza “normale”. Niente di nuovo sotto il sole!
L’insegnante ha l’obbligo “di far salire e scendere dai mezzi di trasporto davanti al portone della scuola gli alunni, compresi quelli delle scuole medie, e demandando al personale medesimo la vigilanza nel caso in cui i mezzi di trasporto ritardino”
la Sentenza sconfessa la tesi del Miur:  “non si estende l’obbligo di vigilanza sui minori sia da parte del corpo docente sia da parte del personale dipendente dal Ministero, in quanto l’amministrazione scolastica assume la custodia degli alunni all’interno della sede nello svolgimento delle attività scolastiche e non, come nel caso di specie, in luoghi di pertinenza dell’istituto scolastico”

Le reazioni degli insegnanti

Sui media sociali la sentenza si è diffusa rapidamente, grazie alla sua pubblicazione in diversi siti. Molte reazioni di colleghi esprimono meraviglia, stupore! Difficoltà a comprendere una sentenza fuori dalla realtà. “Tutto ciò è assurdo!“, “Vediamo di non esagerare, per favore!!!!!“,” Questi giudici, a tutti i livelli, hanno manifestato una superficialità incomprensibile.”
Altri commenti esprimono valutazioni senza alcun fondamento giuridico ” la patria potesta non esiste più.” ( Nel caso specifico la responsabilità è dell’insegnante. Cosa c’entrano i genitori?).
Un altro commento certifica una lettura superficiale della notizia: “Bisogna vedere concretamente cosa è avvenuto,assai generico l’articolo.Per esperienza personale posso dire che durante la mia carriera come preside due alunni prima di entrare in classe rimasero uccisi in due diversi incidenti stradali.La scuola aveva provveduto ad assicurarli anche in itinere. L’assicurazione pagò” ( il caso è diverso. Il bambino non sta entrando, bensì è uscito dalla scuola). E qui mi fermo!

La condizione di minore

Il quadro giuridico.
Gli insegnanti quasi sempre hanno dei minori in custodia . Con minore si intende un soggetto incapace di intendere e volere. Per dirla con altre parole, il soggetto non ha la maturità psichica per comprendere e valutare gli effetti dei suoi comportamenti. Teoricamente questo vale per tutti i ragazzi fino al compimento del diciottesimo anno di età.  In realtà l’assoluta incapacità di intendere e volere esiste penalmente  fino al quattordicesimo anno ( art. 97 codice penale) . Questo spiega l’esplicito riferimento nella suddetta sentenza ad una vigilanza continua anche per i ragazzi delle medie.  Dai quattordici ai diciotto anni poi questo profilo si attenua, lasciando alla valutazione del giudice il caso specifico ( art. 98 c.p. ).

la vigilanza senza “vuoti temporali”

Senza soluzione di continuità . L’ art. 2048  nei comma 2 e 3  recita: “I precettori e coloro che insegnano un mestiere o un’arte sono responsabili del danno cagionato dal fatto illecito dei loro allievi e apprendisti nel tempo in cui sono sotto la loro vigilanza. Le persone indicate dai commi precedenti sono liberate dalla responsabilità soltanto se provano di non aver potuto impedire il fatto”
Ne discende che verso  i minori, tutti i minori ( il codice non presenta “gradazioni di profili” affidati agli insegnanti, contraddicendo gli art. 97 e 98 c. p. ) grava sugli insegnanti una responsabilità civile e penale. Quindi il criterio che questa responsabilità non prevede “buchi”, “zone franche”( bagni…),possiamo  dirla in termini tecnici è senza soluzione di continuità, in quanto la minore età è uno “stato” e non è una variabile dipendente dalle situazioni. Questo si traduce che i minori ( almeno fino a quattordici anni, ma è tutto relativo in quanto dipende dalla valutazione del giudice ) devono essere consegnati ai genitori o a una persona maggiorenne autorizzata da loro. Le liberatorie non esentano gli insegnanti dalla responsabilità, anzi in sede dibattimentale possono essere portate come prova in quanto implicitamente è un’ammissione dell’esistenza di un obbligo di vigilanza del docente nei confronti del minore ( v. articolo ). Il diritto alla tutela e protezione del minore non è un “diritto contrattualizzabile” tra scuola e famiglia, in quanto già definito da normativa superiore.

Una “cruda” riflessione

La sentenza ribadisce la prevalenza della sicurezza e della protezione del minore. Al giudice la pedagogia o l’autonomia interessano poco. Egli non legge M.Montessori, ma solo i codici e le sentenze. “Dura lex, sed lex

Si leggano alcuni miei  recenti interventi. Gli altri sono presenti nella categoria “Culpa in vigilando”
le costanti dei una sentenza

Ecco cosa pensano i giudici

Una sentenza da considerare. Sempre

L’importanza della presenza attiva

 

 

Pubblicato in Culpa in vigilando | Contrassegnato , , , | Commenti disabilitati su “Culpa in vigilando”. Una sentenza “normale” che fa discutere

La strategia sbagliata del governo sulla “Buona Scuola”

strategia sbagliata

Il governo continua con la sua strategia sbagliata.


Sono curioso di conoscere gli esperti in comunicazione del governo che suggeriscono di insistere su una strategia sbagliata. Qual è l’obiettivo? Allargare la frattura tra la politica e la scuola? Se questo è il fine ci stanno riuscendo. I costi  sociali e culturali sono altissimi. 

Le dichiarazioni ovvero la strategia sbagliata

Abbiamo sbagliato comunicazione” (Renzi)
La mia impressione è che, al netto di tutto quello che è discutibile nel merito della riforma, ciò che ha dato più fastidio sia stato il metodo” ( Dal libro “Avanti” di Matteo Renzi)
Se abbiamo avuto il mondo della scuola contro, qualcosa abbiamo sbagliato” ( Valeria Fedeli)
Dello stesso tono sono altre dichiarazioni di Stefania Giannini e Francesca Puglisi.
Cosa unisce queste dichiarazioni? La convinzione che la “Buona Scuola” è ok. Non si torna indietro! Nessun ripensamento! L’errore sta  nella comunicazione inefficace dei suoi contenuti agli insegnanti.
Anche il sottosegretario Toccafondi conferma questa linea, quando dichiara che con il governo Renzi si è avuto un cambio di passo  .

Indietro non si torna!

Non ci sono dubbi! Il governo proverà a spiegare la Riforma agli insegnanti! La strategia è offensiva nei confronti di chi ogni giorno si relaziona con le competenze. Tra queste ci sono quelle dell’ascolto, della comprensione di una conversazione o di un testo scritto…
Chiedo: il governo legge i sondaggi o le inchieste? Più dell’91% dei docenti  conosce almeno a livello sufficiente la L.107/15 e l’81% ritiene che non avrà effetti positivi sull’insegnamento. Medesima bocciatura, anche se con percentuali diverse, la esprimono gli italiani Infatti, secondo un’indagine Demos di I.Diamanti(16 ottobre 2016) il 46% degli italiani non considera una buona legge la riforma Renzi-Giannini.
Da qui non si comprende la strategia del governo. Ritengo che quest’ultimo pensi che una ritirata sia  peggio di una conferma. Se invece i nostri governanti sono veramente convinti che la l.107/17 sia una buona legge, allora mi chiedo: quale fine perseguono? Nel breve, quello di esasperare gli animi, aumentando la frattura con il mondo della scuola. Imprevedibile la “portata” delle conseguenze sul futuro, rappresentato dai nostri ragazzi.

Pubblicato in Legge 107/05, Tutti gli articoli | Contrassegnato , , , , | Commenti disabilitati su La strategia sbagliata del governo sulla “Buona Scuola”

Gli smartphone a scuola e le criticità di un Regolamento d’Istituto

Gli smartphone a scuola

Gli smartphone a scuola. Presto sarà una realtà nelle scuole?

Gli smartphone a scuola possono rappresentare un’opportunità di formazione. Ovviamente l’uso deve essere regolamentato in modo stringente ed avere anche dei docenti preparati tecnologicamente. Non sempre però le regole sono chiare.

Gli smartphone  a scuola. Un esempio di Regolamento

Sul portale Tecnicadellascuola.it è pubblicato un ottimo articolo di R. Palermo sull’uso degli smartphone a scuola. All’interno dell’articolo si rimanda ad un Regolamento d’Istituto, definito dall’autore “snello, ma esaustivo”.
Concordo sulla doppia determinazione. Indubbiamente è un esempio dal quale partire per l’aggiornamento dei regolamenti d’istituto, richiesto anche dalla recente Legge 71/17. Si legge art. 5 comma 2 “I regolamenti delle istituzioni scolastiche di cui all’articolo 4, comma 1, del regolamento di cui al decreto del Presidente della Repubblica 24 giugno 1998, n. 249, e successive modificazioni, e il patto educativo di corresponsabilità
di cui all’articolo 5 -bis del citato decreto n. 249 del 1998 sono integrati con specifici riferimenti a condotte di cyberbullismo e relative sanzioni disciplinari
commisurate alla gravità degli atti compiuti.”
Non condivido la parte che identifica la competenza digitale con l’uso dello smartphone. 

Le criticità del Regolamento

Premesso  questo, Il suddetto regolamento presenta dei punti critici.
Innanzitutto, punta molto sul “presunto” senso di responsabilità degli studenti. La maggior parte di essi è minorenne, quindi “incapace di intendere e volere”. 
” la registrazione delle lezioni è possibile, per usi strettamente personali. Qualora gli alunni intendessero avvalersi di tale possibilità, sono tenuti a informare l’insegnante prima di effettuare registrazioni audio/foto/video delle lezioni o di altre attività didattiche. In nessun caso le riprese potranno essere eseguite di nascosto, senza il consenso dell’insegnante.”
Si ribadisce che registrazioni e riprese audio/foto/video sono consentite per uso personale, mentre la diffusione di tali contenuti è invece sempre subordinata al consenso da parte delle persone ritratte/riprese. ”
Qualche ambiguità presenta il seguente passaggio:
Per quanto riguarda uscite, visite guidate e viaggi di istruzione, l’uso è consentito al di fuori dei momenti dedicati a visite guidate e attività legate all’aspetto didattico dell’uscita.”

Resta la “Culpa in vigilando”

Implicitamente è confermata la responsabilità del docente e quindi i suoi doveri nei confronti dell’articolo 2048 Codice civile che ha formalizzato “La culpa in vigilando”
Nel documento, infatti, si fa riferimento spesso “alle indicazioni” e “alle modalità prescitte dall’insegnante” Da qui il dovere di un controllo continuo e adeguato verso i comportamenti e nello specifico nell’uso degli smartphone a scuola.
Purtroppo in caso di procedimento civile o penale al giudice interessano poco gli elementi pedagogici e l’autonomia operativa del minore. Per lui conta solo il codice e le sentenze derivanti dal suddetto articolo. In sintesi la sorveglianza e il controllo devono essere continui. Quindi non prevedono “sospensioni” come ipotizza il regolamento, quando apre alla responsabilità dello studente che per il codice civile non esiste fino alla maggiore età o nell’ ipotesi di reati penali  al compimento dei quattordici anni. In quest’ultimo caso è necessario che il giudice riconosca un’adeguata capacità di intendere e volere ( art. 98 codice penale). Quindi tutto è demandato all’interpretazione del magistrato
Tra i docenti chi si sente di rischiare?

Pubblicato in Cyberbullismo | Contrassegnato , , , , , | Commenti disabilitati su Gli smartphone a scuola e le criticità di un Regolamento d’Istituto

La legge anticyberbullismo è fatta! Attendiamo, però, i primi segnali del Miur

legge anticyberbullismo

La legge anticyberbullismo è fatta!


La legge anticyberbullismo
(71/17) certifica “l’entrata in campo” della società civile. Esprime il superamento dell’atteggiamento passivo di chi “osserva dalla finestra” un evento. Esprime la volontà della società civile di intervenire sul fenomeno. Il provvedimento richiede però una serie di “traduzioni operative”. In loro assenza, la legge 71/17 assomiglia ad un treno “parcheggiato” su un binario morto

La legge anticyberbullismo

Riporto alcune parti significative della legge 71/17
”  Con decreto del Presidente del Consiglio dei ministri, da adottare entro trenta giorni dalla data di entrata in vigore della presente legge, è istituito presso la Presidenza del Consiglio dei ministri, senza nuovi o maggiori oneri per la finanza pubblica, il tavolo tecnico per la prevenzione e il contrasto del cyberbullismo… redige, entro sessanta giorni dal suo insediamento, un piano di azione integrato per il contrasto e la prevenzione del cyberbullismo”
” Le linee di orientamento di cui al comma 1, conformemente a quanto previsto alla lettera l) del comma 7 dell’articolo 1 della legge 13 luglio 2015, n. 107, includono per il triennio 2017-2019: la formazione del personale scolastico, prevedendo la partecipazione di un proprio referente per ogni autonomia scolastica”.  ( Legge anticyberbullismo)

I “silenzi” del Miur

Al momento dal Miur non giungono notizie. Non si sa nulla del “tavolo tecnico”, delle linee guida… Il Ministro rilascia interviste, spesso contradditorie  su molti aspetti ( v. aumento contrattuale). Niente però sull’avvio della  fase uno di attuazione della legge anticyberbullismo. Considerata l’importanza della “posta in gioco” che rimanda alla cura e alla formazione dei nostri ragazzi, il segnale non è incoraggiante. Il silenzio risulta incoerente rispetto ai tanti proclami di attenzione al futuro dei nostri ragazzi.

Le uniche notizie. Una positiva, l’altra invece…


Nel frattempo la Rete invia dei primi segnali inquietanti di  adattamento, caratterizzati dall’indifferenza verso le denunce ( “Sono minorenni. Le pubblichiamo anche se ci denunciate“)

L’unica iniziativa di un certo rilievo proviene dalla Lombardia. L’USR di questa regione ha già pubblicato un’iniziativa di formazione sul proprio sito, che si inserisce in un percorso gia avviato da tempo .

I referenti anticyberbullismo. Figure del sistema-scuola

L’iniziativa sicuramente è da apprezzare. Occorre però una strategia nazionale, che in tempi brevissimi deve  portare alla nascita di una piattaforma. E’ impensabile non ripetere, come per gli Animatori Digitali,  la “scelta”  di realizzare uno spazio virtuale dopo due-tre anni. L’urgenza è dettata anche dalla particolarità delle relazioni con il fenomeno del cyberbullismo.  A breve è necessario definire meglio i  compiti e le  responsabilità degli incaricati d’istituto, in rapporto anche  a quelle istituzionali del Dirigente Scolastico ( vedi ad esempio  “Culpa in vigilando”, “Culpa in organizzando”)….  Questi aspetti necessitano di un adeguato confronto orizzontale e aperto tra i referenti, adeguatamente supportato dove occorre dalla Polizia Postale. Personalmente non credo molto negli “esperti teorici”.
E’ indispensabile che i referenti d’istituto si percepiscano come figure di sistema, non circoscritte all’Istituto Scolastico, bensì aperte e inserite in una rete di relazioni e di condivisioni che identificano il sistema-scuola. 

Diversamente non si va da nessuna parte!
In attesa di queste scelte strategiche ho aperto una pagina Fb ( “Referenti anticyberbullo”), collaboro con il 3° Municipio di Roma per iniziative sul territorio. Ovviamente ho assunto il ruolo di referente anticyberbullo nel mio istituto. Compiti che già svolgevo all’interno della F.S. per le Tic.

Pubblicato in Cyberbullismo, Opinioni, Tutti gli articoli | Commenti disabilitati su La legge anticyberbullismo è fatta! Attendiamo, però, i primi segnali del Miur

Gli smartphone. Tra il Garante e il Ministro c’è la “Culpa in vigilando”

Gli smartphone a scuola

Gli smartphone a scuola


Gli smartphone in classe. Il Ministro sembra abbia deciso. Questo però pone dei problemi di gestione per gli insegnanti. Essi devono tener conto delle indicazioni del garante della Privacy. Come sempre loro dovranno conciliare le posizioni. E dovranno farlo con molta attenzione e professionalità.

Gli smartphone. La dichiarazione del Ministro

Valeria fedeli ha rilasciato un’intervista al quotidiano “La Repubblica“, riguardante gli smartphone a scuola” È uno strumento che facilita l’apprendimento, una straordinaria opportunità che deve essere governata. Se lasci un ragazzo solo con un tablet in mano è probabile che non impari nulla, che s’imbatta in fake news e scopra il cyberbullismo. Questo vale anche a casa. Se guidato da un insegnante preparato, e da genitori consapevoli, quel ragazzo può imparare cose importanti attraverso un media che gli è familiare: internet. Quello che autorizzeremo non sarà un telefono con cui gli studenti si faranno i fatti loro, sarà un nuovo strumento didattico” ( ho evidenziato le parti più significative)

La posizione del Garante

” L’utilizzo di telefoni cellulari, di apparecchi per la registrazione di suoni e immagini è in genere consentito, ma esclusivamente per fini personali, e sempre nel rispetto dei diritti e delle libertà fondamentali delle persone coinvolte (siano essi studenti o professori) in particolare della loro immagine e dignità.
Le istituzioni scolastiche hanno, comunque, la possibilità di regolare o di inibire l’utilizzo di registratori, smartphone, tablet e altri dispositivi elettronici all’interno delle aule o nelle scuole stesse.
Gli studenti e gli altri membri della comunità scolastica, in ogni caso, non possono diffondere o comunicare sistematicamente i dati di altre persone (ad esempio pubblicandoli su Internet) senza averle prima informate adeguatamente e averne ottenuto l’esplicito consenso.
Si deve quindi prestare particolare attenzione prima di caricare immagini e video su blog o social network, oppure di diffonderle attraverso mms o sistemi di messaggistica istantanea. Succede spesso, tra l’altro, che una fotografia inviata a un amico o a un familiare venga poi inoltrata ad altri destinatari, generando involontariamente una comunicazione a catena dei dati personali raccolti.
Tale pratica può dar luogo a gravi violazioni del diritto alla riservatezza delle persone riprese, e fare incorrere in sanzioni disciplinari, pecuniarie e in eventuali reati” ( ” A scuola a prova di Privacy“)

…In mezzo gli insegnanti e la “Culpa in vigilando”

Alcune considerazioni. La suddetta dichiarazione del Ministro “aggiorna” la circolare Fioroni ( 15 marzo 2007), superandola anche nel passaggio dove si prevedevano delle sanzioni disciplinari. E’ un passo avanti? Indubbiamente l’Istituzione scolastica deve fare i conti con il moltiplicarsi dei dispositivi alternativi al Pc Desktop  o al Laptop (Notebook).
I problemi sono due: l’impreparazione tecnologica e formativa dei docenti e la “Culpa in vigilando”.
Per quanto riguarda il primo aspetto l’introduzione degli smartphone porrà dei problemi di gestione educativa del dispositivo. Il moltiplicarsi dei dispositivi (device), infatti, non è stato accompagnato da una formazione profonda dei docenti. In questo caso Il PNSD è l’ultimo esempio di una fiducia miracolistica verso i dispositivi.
Occorre chiedersi: qual è la relazione tra il loro utilizzo e i processi cognitivi? Su quali aspetti formativi occorre puntare? Quale configurazione di persona vogliamo realizzare? A queste domande occorre aggiungere anche il dato preoccupante che tra gli insegnanti ( e non solo) si registra un preoccupante anafabetismo informatico (conoscenza di procedure).
Quest’ultimo apre al secondo elemento di discussione: la relazione il cyberbullismo e la “culpa in vigilando” ( 2048 Codice civile).
La Legge 71/17 ( 18 giugno) ha il grande pregio di aver introdotto nel nostro ordinamento il profilo del cyberbullo, gli impegni dei diversi soggetti coinvolti e le sanzioni.
E’ una buona legge che tiene presente l’art. 2048  e le disposizioni del Garante. “L’armonia giuridica” verrà sicuramente alterata con il moltiplicarsi esponenziale dei rischi, inerenti le foto o i video privati fatti a scuola dagli studenti minorenni e inviati nel Web. Per gli insegnanti distratti le possibilità di incorrere nella “Culpa in vigilando” aumentano in modo significativo ( ricreazione, cambi di presenza, bagni…), tenendo presente anche il profilo duale del nativo digitale che ritiene lecito, normale,  offendere in Rete ( Ricerca dell’università La Sapienza-Roma) in quanto manca la fisicità, che invece caratterizza le relazioni quotidiane.
Concludendo. Altri impegni, nuovi e vecchi rischi caratterizzeranno l’attività del docente. 

 

Pubblicato in Cyberbullismo, Opinioni, Pedagogia, PNSD, Tutti gli articoli | Contrassegnato , , , , , , | Commenti disabilitati su Gli smartphone. Tra il Garante e il Ministro c’è la “Culpa in vigilando”

Sinopoli Flc-Cgil. Le parole “pesano” e si ricordano

 

 

Sinopoli Flc-Cgil

Sinopoli Flc-Cgil

Le dichiarazioni di Sinopoli (Flc-Cgil). Mi sono formato sulla parola “pesante”, “densa”. In altri termini ho sempre creduto nella relazione marxiana tra teoria e prassi, o nel passo evangelico ” E il Verbo si è fatto carne”. Non mi riconosco nel Nulla, nel Vuoto che oggi spesso seguono le parole.  Quindi attendo di vedere l’evoluzione.

Sinopoli ( Flc-Cgil). Le dichiarazioni

 Il segretario della Flc-Cgil ha dichiarato “85 euro sono una cifra modesta in particolare considerando la durata del blocco contrattuale, non solo per i docenti ma per tutto il personale del comparto istruzione e ricerca. Per questo chiediamo innanzitutto che siano messi tutti sul tabellare. Li consideriamo un punto di partenza per sedere al tavolo della trattativa che accompagneremo con azioni di mobilitazione per ottenere risorse aggiuntive. rispetto a quelle previste (e non ancora confermate) dall’accordo del 30 novembre 2017.” 

Le parole “pesano”

Ho intenzionalmente evidenziato le parti che considero importanti. Parole, parti di discorso, che per formazione ritengo importanti. Ho sempre ritenuto un “bigliettino da visita” la comunicazione orale e scritta. Mi sono formato credendo molto nella relazione tra parola e fatti. Ho sempre avuto come punti di riferimento il passaggio evangelico della “Parola che si fa carne” o la relazione marxiana tra teoria e prassi. In questi contesti  le parole, i discorsi “pesano”, perché impegnano “severamente” l’emittente a tradurle in fatti. Quanto meno ad avvicinarsi.
Pertanto, Non mi riconosco negli annunci che portano al Nulla o che sono caratterizzati dal Vuoto prassico.

Le parole si ricordano

Da qui discende la mia predisposizione a ricordare, a far presente le dichiarazioni che hanno ottenuto una realtà fattuale lontana dalle dichiarazioni.
Così farò fra qualche mese, se il sindacato, quindi anche la Cgil firmerà un contratto che disattenderà gli impegni del suo segretario, non muovendosi dallo “Start”. Questo è costituito dagli 85€. Gli obiettivi sono sempre davanti a noi e per raggiungerli occorre che ci sia il movimento. Non credo che si possa  identificare  il risultato con lo zero, cioè il rimanere fermi con il movimento. La fisica docet! 

 

 

Pubblicato in Contratto scuola, Tutti gli articoli | Contrassegnato , , , | Commenti disabilitati su Sinopoli Flc-Cgil. Le parole “pesano” e si ricordano

Apertura pagina facebook contro il cyberbullismo

Apertura pagina facebook

Apertura pagina facebook contro il cyberbullismo.
Ho deciso di aprire una pagina   per dare maggiore visibilità al mio impegno come
referente d’Istituto ( I.C. “Carlo Levi”) contro il Cyberbullismo ( Legge 71/17) e collaboratore del 3° Municipio-Roma
Posterò solo contributi finalizzati a contrastare in modo efficace il fenomeno.
Inoltre verranno pubblicizzati incontri, seminari, corsi di aggiornamento e altro ancora.
Lo scopo di questa pagina è quella di contribuire  ad arginare il fenomeno del cyberbullimo.
A breve aprirò un gruppo pubblico
Pagina facebook

Pubblicato in Cyberbullismo | Contrassegnato | Commenti disabilitati su Apertura pagina facebook contro il cyberbullismo

Classi pollaio. Una buona notizia. Circoscritta, ma importante

Classi pollaio. Una buona notizia

Classi pollaio. Una buona notizia

Classi pollaio. Una buona notizia! Ogni tanto la cronaca registra dei fatti che possono favorire un cambio di rotta, un “cambiaverso” reale nella politica scolastica.

Classi pollaio. Una buona notizia!

Mi riferisco alla decisione di sopprimere una classe pollaio a favore di profili organizzativi più consoni alle finalità formative. La loro solidità si fonda sul dettato costituzionale ( art. 3 comma 2 e art 34 ) che si declina nel diritto allo studio sostanziale e non solo formale, formalizzato la prima volta dalla Legge 517/77. Oggi tutto questo si chiama diritto all’inclusione. Cambia la forma, ma non la sostanza.
E’ l’inizio di una cambio di rotta? Solo i fatti potranno confermare questa ipotesi.

La posizione del Miur

Ufficialmente il Miur ha chiarito la sua posizione, dettando le seguenti regole, che discendono dal D.M.81/09, diretta emanazione delle legge 133/2008:
Le sezioni di scuola dell’infanzia devono esser costituite da un minimo di 18 alunni ad un massimo di 26 ( art. 9);
le classi di scuola primaria ( art. 10) devono essere composte da un minimo di 15 – il valore scende a 10 in classi di scuole montane –  ad un massimo di 26;
le sezioni di scuola secondaria di primo grado (art. 11) oscillano tra un minimo di 18 ad un massimo di 27;
Le classi della scuola secondaria di secondo grado (art. 16-17) sono costituite da un minimo di 27 ad un massimo di 30.

“Ciliegina sulla torta”

Le suddette regole possono essere “aggiornate”. Il Miur, infatti, consente ai  Dirigenti Scolastici di aumentare fino ad un massimo del 10% la consistenza delle classi. 

Le recenti sentenze dicono un’altra cosa. E non solo!

In un mio articolo ho presentato una serie di sentenze che non confermano queste regole. La stessa L.I.P. si pone in contrasto con le suddette disposizioni nella “Ogni istituto scolastico definisce il numero di classi in modo che in ciascuna di esse il numero degli alunni e delle alunne non sia superiore a 22, salvo quanto disposto dai successivi articoli 12 e 13“. Questi danno disposizioni molto chiare, confermando la validità della L.517/77. Si legge rispettivamente ” Nelle aree a forte disagio socio-ambientale il numero di alunni/e per classe non deve essere superiore a 20“, ” Per assicurare la massima efficacia al processo di inclusione scolastica, le classi che accolgono un alunno/a con disabilità sono costituite con due alunni/e in meno rispetto a quanto disposto dal precedente articolo 9 comma 1“.

 

Pubblicato in Classi pollaio | Contrassegnato , , , | Commenti disabilitati su Classi pollaio. Una buona notizia. Circoscritta, ma importante

Dalle aule arrivano queste preoccupanti notizie!

Dalle aule

Dalle aule arrivano pessimi segnali

Dalle aule arrivano sempre più spesso messaggi senza passione, demotivanti e di scoraggiamento. Gli insegnanti assomigliano sempre più a dei “muri di gomma”. Spesso metabolizzano i nuovi e sempre maggiori carichi di lavoro, restituendoli semplicemente come una procedura, un dovere da adempiere. Punto.  Salvano la forma, impreziosita da espressioni di alta pedagogia, manca però l’anima. Per riprendere il titolo di una canzone di R. Cocciante e  mutuandolo i progetti e quanto ruota intorno sono “Belli, ma senz’anima”.  

Dalle aule  escono questi  messaggi! A chi interessa?

  • “Mi hanno dato una classe difficile” Quest’anno non faccio niente!
  • “Mi hanno assegnato alla sezione della succursale, che crea maggior disagio! Quest’anno non faccio niente!
  • “Ho una classe di 36 alunni, mentre la classe accanto ha 13 studenti! Quest’anno non faccio niente!
  • “Questo sarà il mio ultimo anno, ad agosto andrò in pensione”. Quest’anno non faccio niente!
  • “Volevo andare in pensione e la legge Fornero ha prolungato il periodo di permanenza in servizio”. Quest’anno non faccio niente!
  • “Le colleghe del modulo sono antipatiche di carattere. Hanno cambiato i collaboratori” Quest’anno non faccio niente e non m’interesso di niente.
  • “Gli altri anni ho svolto la funzione strumentale per i viaggi d’istruzione, la Dirigente non ha apprezzato il mio lavoro”. Quest’anno non faccio niente!
  • “Ho lavorato tanto lo scorso anno, ho fatto tanti progetti e tante ore in più, ma il Fondo d’Istituto e il Bonus sono stati assegnati agli “amici del Dirigente”. Quest’anno non faccio niente!
  • Aspettavo l’assegnazione provvisoria come lo scorso anno vicino casa. Non l’ho ottenuta: “Mi metto in aspettativa e non faccio niente”
    Questo lungo elenco è proposto in una lettera ” Quest’anno non faccio niente” pubblicata sul portale della Tecnicadellascuola. Reazioni? Il Ministro tace! Nei convegni e nei corsi di aggiornamento queste realtà sono emarginate, nascoste, polverizzate! Infine, i sindacati esprimono soddisfazione per la riapertura una stagione contrattuale che ha una prospettiva indecente, e poco dignitosa per i docenti.

Esiste la via d’uscita, manca però la prospettiva e la volontà politica

Eppure sono certo che queste situazioni arrivino ai piani alti del Miur. Allora perché non si interviene dando un segnale forte che “riattivi” la passione dell’insegnante? I motivi sono diversi! Come sempre, è difficile individuarli e coglierne le interdipendenze. Sicuramente un fattore fortemente condizionante è la scarsa attenzione verso l’istruzione, non più colta con il suo piano inclinato rivolto al futuro. Il nostro Paese ha ridotto la sua prospettiva, eliminando il futuro e dimenticando la sua tradizione. Ha assunto il presente come unica dimensione temporale. Per farmi capire: si vive alla giornata! Si vivacchia! In questo contesto culturale colonizzato dall’ onnipresente, quello che rimane alla scuola è la funzione assistenzialistica, che supporti e faciliti  i genitori nella loro azione di “arrivare alla sera”.
E la politica, quella italiana è fortemente condizionata da questo sfondo, privato delle grandi narrazioni storiche di sviluppo ( cristianesimo, marxismo…).
“Cui prodest?” Quanto ancora il sistema scolastico riuscirà a mantenere alti gli obiettivi formativi? Difficile fare delle previsioni. Solo il tempo certificherà ipotesi o prospettive. Sicuramente la perdita progressiva della passione di insegnare non è un buon segnale!

 

Pubblicato in Opinioni, Tutti gli articoli | Contrassegnato , , , , , | Commenti disabilitati su Dalle aule arrivano queste preoccupanti notizie!

Renzi e Malpezzi. La “Buona Scuola” è alle spalle. Guardiamo “Avanti”

Renzi e Malpezzi

Renzi e Malpezzi hanno dichiarato che indietro non si torna

Renzi, Malpezzi. Occorre ringraziarli, perchè insieme ad altri, come V. Fedeli hanno dichiarato l’ irriformabilità della Legge 107/15. La loro disponibilità al dialogo ha il fine di migliorare l’informazione. 

Le dichiarazioni di Renzi

L’altro giorno M. Renzi ha dichiarato:”Sulla scuola abbiamo messo sette miliardi e mezzo, ma il 97% degli insegnanti ha aderito allo sciopero: quando succede una cosa simile, qualche domanda uno se la deve fare…Abbiamo sbagliato molte cose,  come la comunicazione sulla scuola o sugli 80 euro”  Premesso: rispetto ad un’ altra dichiarazione il segretario gioca con le risorse. Si aggiunge 4 miliardi di €. Ma andiamo avanti.
La suddetta dichiarazione conferma, quanto ha scritto sul suo libro “Avanti” e da me commentato qualche settimana fa. Si legge: “Sui temi oggetto della riforma della Buona Scuola  si è combattuta una battaglia talvolta ideologica…La mia impressione è che, al netto di tutto quello che è discutibile nel merito della riforma, ciò che ha dato più fastidio sia stato il metodo”.

La conferma dell’on. Malpezzi

Qualche giorno fa l’on. Malpezzi ha confermato sostanzialmente questa convinzione:
A breve il partito democratico aprirà un’ampia fase di discussione sul futuro della scuola e sulla direzione che vogliamo prendere e che coinvolgerà esperti e tutti coloro che vorranno darci una mano in questa grande elaborazione di idee. Partiremo con la conferenza programmatica che avrà il compito di fare una sintesi e indicare le proposte del Partito Democratico per la scuola di domani e terremo aperta la discussione su tutti i temi utili per migliorare il più possibile il nostro sistema di istruzione e formazione.”

Le dichiarazioni di Renzi e Malpezzi chiariscono lo scenario

Quindi, non ci sono dubbi. Sulla L107/15 esiste solo un problema di metodo, di comunicazione inadeguata. Pertanto si va avanti con nuove idee e soluzioni, partendo però dalla “Buona Scuola”. In questo modo si conferma l’approccio decennale verso le leggi approvate sulla scuola (e non solo). Indietro non si torna! L’ultimo esempio è la Riforma Gelmini, che come un fantasma aleggia sulle macerie della scuola e che il PD non ha mai abolito, nonostante le intenzioni programmatiche del 2013.
Altra conseguenza. Il contratto. il nostro “aumento” contrattuale sarà solo di 85€ medi lordi (attendiamo però la legge di Stabilità 2018), senza partite di giro, costituite dalla “Carta docente” e soprattutto dalle risorse del cosiddetto “Bonus merito”. Decidere in senso contrario significa depotenziare la “Buona Scuola”. E al momento questo non fa parte delle prospettive politiche del PD.

 

Pubblicato in Contratto scuola, Opinioni, Tutti gli articoli | Contrassegnato , , , , , | Commenti disabilitati su Renzi e Malpezzi. La “Buona Scuola” è alle spalle. Guardiamo “Avanti”

Il compenso agli Animatori Digitali: una questione irrisolta!

 

compenso agli animatori digitali

compenso agli animatori digitali


La questione del compenso agli Animatori Digitali ritorna, Nell’incontro tenuto a Roma il 26 luglio, il discorso è stato tenuto fuori. Si ragionava di tutto, per nulla del riconoscimento economico. Eppure…

Il lato meno poetico del PNSD

Ogni tanto il PNSD fa vedere un volto meno poetico, dove la passione di molti miei colleghi deve fare i conti con la dura realtà (trentacinque azioni da realizzare nel triennio) e con i messaggi che arrivano dall’Amministrazione. Da diverso tempo, questa è passata dal “ti pago poco, perché lavori poco” al “ti pago poco o nulla e devi lavorare molto” ( leggi mio articolo).
Gli esempi iniziano ad essere diversi e quindi preoccupanti. Purtroppo gli Animatori Digitali mon sfuggono a questa nuova regola, che qualcuno definisce “ottimizzazione delle risorse”. Lo scopo è chiaro: rendere meno cruda la realtà, che invece ci restituisce una sorta di volontariato professionale(e non voglio aggiungere altro), che mi auguro non venga confermato dal nuovo contratto.

Notizie dal fronte

Nella mia navigazione nel Web ho incontrato questo “filo”. Traspare tanta amarezza e scoraggiamento per un lavoro fatto, ma non retribuito. Per rispetto verso i colleghi, faccio un copia e incolla di questi interventi, omettendo l’ambiente e i nomnativi.
Sono al terzo anno di volontariato, così è.”
Non esiste alcun ipotetico compenso. Non è previsto alcun pagamento. A meno che non si contratti in sede di contrattazione integrativa.”
Finché qualcuno é disponibile a lavorare gratis… Perché dovrebbero pagarlo? Ritengo che lavorare gratis non sia professionale e soprattutto dignitoso. Per non pagarci si sono inventati… Fa curriculum…. E ci fanno fessi e contenti.”
Finirò il percorso di formazione AD e poi…che lo faccia qualcun’altro il missionario
” Qualche spicciolo del bonus merito … forse …
Ogni commento è inutile!

Pubblicato in PNSD, Tutti gli articoli | Contrassegnato , , , | Commenti disabilitati su Il compenso agli Animatori Digitali: una questione irrisolta!

Cyberbullismo. L’impegno della comunità. E i genitori?

cyberbullismo


Finalmente anche il nostro paese ha una legge contro il cyberbullismo. Una presa di posizione di una comunità nei confronti di un fenomeno che silenziosamente sta coinvolgendo i nostri ragazzi. Il futuro! E i genitori? Sono lasciati fuori dalla porta. Con le loro responsabilità.

La legge 71/17

Il 18 giugno u.s. il cyberbullo deve fare i conti con una comunità sociale che ha deciso di difendere il proprio futuro, rappresentato dai bambini e ragazzi.
La grande novità della legge risiede nel coinvolgimento della vittima (deve aver compiuto i 14 anni). In pratica egli autonomamente (costituisce un aspetto interessante, ma con un risvolto negativo, che spiegherò al termine di questa mia riflessione) può inviare una richiesta  di rimozione delle immagini, o dei post offensivi presenti nel Web, utilizzando un canale apposito. Ovviamente, in questa operazione di rimozione sono coinvolti siti e media sociali. Ai responsabili del sito o del media sociale sono dati 24 ore per prendere visione della richiesta e altrettante per la rimozione del materiale offensivo. Trascorso questo tempo, in assenza di risposte concrete, allora  ci si può rivolgere al Garante della protezione dei dati personali ( sul sito è presente questo modello di lettera), il quale ha obbligo di provvedere alla rimozione entro le successive 48 ore. ( art 2 )
L’Istituzione scolastica (giustamente) è coinvolta nel contrasto al cyberbullismo. Si legge all’art. 4 ” Ogni istituto scolastico, nell’ambito della propria autonomia, individua fra i docenti un referente con il compito di coordinare le iniziative di prevenzione e di contrasto del cyberbullismo anche avvalendosi della collaborazione delle Forze di polizia nonche’ delle associazioni e dei centri di aggregazione giovanile presenti sul territorio.”
Ora la mancata individuazione  e nomina del referente può comportare per il Dirigente un’inadempienza, come rilevato dal Sole 24 e ripreso in un mio precedente articolo .
Ovviamente gli impegni dell’istituzione scolastica e del Miur non finiscono qui. Si fa cenno a corsi di formazione, all’aggiornamento dei Regolamenti d’Istituto… 

Due limiti

Purtroppo ravvedo due problemi che rimandono ad altrettante domande. La combinazione 24h+24h è un  tempo congruo per arginare il fenomeno della condivisione? A mio parere no. Tecnicamente però, non si poteva fare meglio. Costituirebbe un bel risultato, se questo “tempo di presa in carico e oscuramento” fosse rispettato!
La seconda perplessità risiede nella possibilità del ragazzo quattordicenne di gestire la situazione, anche senza coinvolgere i genitori. In pratica,i genitori sono lasciati fuori dalla porta, confermando una loro condizione di estraneità ai problemi del figlio. Questa è molto marcata quando si tratta di smartphone, tablet. Oggetti consegnati ai ragazzi, privi di “patente nautica virtuale” per gestire in modo responsabile e sicuro la loro presenza nel Web.

Il compenso?

Infine esiste la questione compenso per il referente contro il cyberbullismo. La legge non ne parla! La maggior parte delle scuole farà finta di nulla, considerando la funzione rientrante nel volontariato professionale. Questo è  avvenuto per l’Animatore Digitale, il Team per l’Innovazione… Insomma continua la farsa “ti pago poco o nulla, ma devi lavorare tanto”

P.S. Dallo scorso anno sono referente per il mio Istituto contro il cyberbullismo. Ho voluto far emergere un’attività che già svolgo nelle scuole ( attività di formazione) e con il 3° Municipio-Roma ( apriremo una pagina dove inserirò dei contributi, organizzeremo degli incontri con i referenti…). Ho aperto sul sito del mio Istituto una pagina dedicata al cyberbullismo. 


 

Pubblicato in Cyberbullismo | Contrassegnato , , , , , , , , | Commenti disabilitati su Cyberbullismo. L’impegno della comunità. E i genitori?

Onorevole Malpezzi, invertiamo la scaletta

 

Onorevole Malpezzi

L’Onorevole Malpezzi si affida alle dichiarazioni senza fatti. Conferma una modalità di comunicazione “leggera”, sbilanciata verso un futuro indefinito. Propongo invece di invertire il rapporto tra le dichiaarzioni e i fatti.

La dichiarazione

Ieri S. Malpezzi ha pubblicato questo post  (   riporto solo una parte)
“A breve il partito democratico aprirà un’ampia fase di discussione sul futuro della scuola e sulla direzione che vogliamo prendere e che coinvolgerà esperti e tutti coloro che vorranno darci una mano in questa grande elaborazione di idee. Partiremo con la conferenza programmatica che avrà il compito di fare una sintesi e indicare le proposte del Partito Democratico per la scuola di domani e terremo aperta la discussione su tutti i temi utili per migliorare il più possibile il nostro sistema di istruzione e formazione.”

Sempre lo stesso approccio

La suddetta dichiarazione ricalca quella rilasciata da M. Renzi
Sulla scuola – dopo le polemiche della Legge e lo stupore per il fatto che abbiamo mantenuto tutti gli impegni presi – prevale l’attesa per le nuove deleghe, su cui nei prossimi giorni proverò a coinvolgere di nuovo i professori, sperando che vada meglio dello scorso anno.
Nel suo libro il segretario non mette in discussione la L.107/15, bensì il metodo
Sulla riapertura del dialogo si è pronunciato anche il Ministro Orlando che in una sua recente intervista ha dichiarato che occorre riannodare i fili con il mondo della scuola.

Una proposta

Potrei continuare, ma mi fermo qui. Questa voglia di dialogo è molto sospetta, se consideriamo che siamo in periodo pre-elettorale.
Mi sembra impossibile immaginare che i politici non facciano “capolino” nel Web, tra i social, dove le critiche e le proposte alternative alla L.107 abbondano. Un esempio La L.I.P che abolisce le classi pollaio, riportando le aule ad essere ambienti educativi di apprendimento.
Quindi di materiale sul quale riflettere e formulare proposte per la scuola ne esiste in abbondanza.
Da qui la proposta: l’On. Malpezzi organizzi questo incontro con il mondo della scuola, dopo aver emanato (ovviamente mi riferisco a tutto il suo partito) provvedimenti finalizzati a superare la Riforma Gelmini e la “Buona Scuola”.
Diversamente l’evento assumerà le caratteristiche di una propaganda filogovernativa. E nulla più!

 

Pubblicato in Classi pollaio, Opinioni, Tutti gli articoli | Contrassegnato , , | Commenti disabilitati su Onorevole Malpezzi, invertiamo la scaletta

La comunicazione futuristica del Ministro Fedeli

La comunicazione futuristica


La comunicazione futuristica è la modalità preferita dai nostri politici. Ha il grande vantaggio di immaginare scenari vuoti, indefiniti. Quasi mai, poi questi si concretizzano.   Alla lunga però la strategia non paga!

Il Ministro continua a parlare al futuro

Darò un riconoscimento sociale e economico del valore delle professionalità di chi lavora nella scuola e nelle università.”( Per leggere tutta l’intervista cliccare qui)
Interessante! Chi potrebbe affermare il contrario. Purtroppo però la dichiarazione è l’ultima di una serie dove il Ministro ha preferito seguire il criterio dell’annuncio ( Si leggano ” Ministro Fedeli, repetita…. La ritirata del Ministro Fedeli  )
Purtroppo questa tecnica è caratterizzata dai tempi declinati al futuro o al condizionale. E’ carente il passato prossimo che rimanda, nel nostro caso, a provvedimenti, decisioni già prese. Da qui la mia espressione: la comunicazione futuristica

Considerazioni

Chi sono i suggeritori di questa modalità comunicativa? Non credo che il Ministro parli a braccio, ma solo dopo aver consultato gli esperti. Essi probabilmente considerano gli insegnanti inadeguati, non all’altezza di comprendere il “giochino” da presa in giro. Grande errore, dovuto alla scarsa frequentazione con gli insegnanti.
Ribadisco il Ministro è “ingabbiato” nelle sue decisioni. Può fare poco o nulla, perché deve tenere conto delle Legge di stabilità 2016 e 2017, dell’Atto di indirizzo generale, emanato a giugno dal Ministro Madia, dai quali emerge una certezza: aumenti medi di 85€. Pertanto mi riesce difficile capire quali siano le risorse aggiuntive che il Ministro ha in serbo e che possono dare una consistenza maggiore all’aumento contrattuale.
A breve, comunque, il Ministro dovrà scoprire le sue carte con la pubblicazione dell’Atto di indirizzo di comparto ( Leggere il mio articolo ” L’atto di indirizzo confermerà le dichiarazioni del Ministro?“). Da qui capiremo tutto!

Pubblicato in Contratto scuola, Tutti gli articoli | Contrassegnato , , , , , | Commenti disabilitati su La comunicazione futuristica del Ministro Fedeli

La “dimentichite” di Silvio Berlusconi sulla scuola

La "dimentichite" di Silvio Berlusconi
La “dimentichite” di Silvio Berlusconi. E’ risaputa che la comunicazione politica post-moderna tende a non essere veritiera, a dimenticare i fatti. Nel caso specifico la non attualità della Riforma Gelmini e dintorni.  Non è ancora la post-verità, anche se ormai manca poco alla sua completa affermazione.

La dichiarazione di S. Berlusconi. La Gelmini non è d’accordo

Ieri il leader di Forza italia ha dichiarato che i quattro governi succeduti al suo (2008-2011) hanno dissipato la “Riforma Gelmini”.
Strana dichiarazione, se riferita a quanto dichiarava M. Stella Gelmini.
Alla fine il tempo ci ha dato ragione! Dopo anni di battaglie per risollevare un sistema educativo intorbidito dalla coda del ’68, ora anche la sinistra finalmente ha dovuto dare atto ai Governi Berlusconi …
Parole quali merito, carriera dei docenti, valutazione, premialità, raccordo scuole-impresa, modifica degli organi collegiali della scuola, sono state portate alla ribalta dal centrodestra, seppur subendo le censure e le aspre critiche da parte di sinistra e sindacati. Ora a sdoganarle ci ha pensato direttamente il Premier Renzi, leader del maggior partito della sinistra italiana, insieme al Ministro Giannini, un tecnico che proviene dal mondo universitario. Positiva anche la messa a regime di riforme approvate dagli ultimi governi di centrodestra…”

La continuità tra il governo Berlusconi e quello Monti, Letta,
Renzi

La “dimentichite” di Silvio Berlusconi . Quindi ci troviamo di fronte all’ultimo esempio di calcolo, di smarcamento. di affermazione di un’identità solo formale.  Come afferma spesso il filosofo marxiano e gramsciano D. Fusaro, la distinzione tra destra e sinistra è solo formale. Sostanzialmente affermano e realizzano lo stesso finanzcapitalismo ( L. Gallino).
In altri termini, ci troviamo di fronte ad una continuità tra i governi di destra e di sinistra.

I fatti incontestabili che rimandano allo stesso spartito

Confermo il mio stile comunicativo, basato sui fatti.
Le classi pollaio, istituzionalizzate con la legge 133/2008 art 64 con l’avvallo della coppia Gelmini-Tremonti. Queste sono state aggiornate da Renzi ( commi 332 e 333 dell’art.1 della legge 23 dicembre 2014 n. 190 Legge di stabilità ) in “superpollaio”, che si formano per obbligo dei Dirigenti di non nominare supplenti il primo giorno di assenza del titolare.
Smantellamento della legge 148/90 ( Riforma scuola elementare ). Abolite le compresenze, i moduli didattici ( legge 133 del 2008 .  Si legga ” Il modulo è morto…” ) fortemente depotenziato il tempo pieno e ripristinato il maestro unico ( decreto-legge 137/2008). I governi seguiti a quello di Berlusconi hanno confermato queste decisioni.
Il blocco dei contratti.  
Questa prassi è iniziata con Berlusconi (Legge di Stabilità 2010), confermata da Monti, Letta e Renzi ( leggi di Stabilità 2014 e 2015). Quest’ultimo è stato costretto a rivedere la decisione dopo la sentenza della Corte Costituzionale del 24 giugno 2015 che ha decretato l’improrogabilità  del blocco.
Mancata restituzione  dei 2.400 milioni. M. Stella Gelmini aveva promesso che il 30% dei tagli della scuola, sarebbero tornati ad essa sotto la voce della “premialità”. Bene, questi risparmi sono spariti dai radar dei governi seguenti a quello di Berlusconi.  

Conclusione amara

Questi sono i fatti. Da qui occorre partire per valutare la “dimentichite” di Silvio Berlusconi. Io l’ho già fatto. Posso solo scrivere che non ho nessuna intenzione di essere preso in giro. Magra Consolazione!  Amara! Ne sono consapevole, ma ci tengo alla mia dignità e al pensiero critico che ha sempre contraddistinto la mia esistenza. 

Pubblicato in Opinioni | Commenti disabilitati su La “dimentichite” di Silvio Berlusconi sulla scuola

Aggiorniamo al ribasso il nostro profilo

Il nostro profilo professionale è sempre stato caratterizzato dal “Ti pago poco, ti chiedo poco”. Purtroppo questo luogo comune non corrisponde più al vero. Occorre aggiornarlo.

Il profilo storico

Il nostro lavoro è sempre stato considerato poco importante. Nella sostanza! Formalmente politici, sindacalisti, giornalisti ed altri ancora hanno sempre evidenziato l’importanza strategica della formazione e quindi del ruolo dle docente. A parole, poi nei fatti…il pensare comune è il seguente: ” Gli insegnanti lavorano solo quattro ore, hanno tre mesi di vacanza in estate, quindici giorni a Natale…quindi è giusto pagarli poco”. Esistono tante varianti a questa uscita da bar, che sostanzialmente può essere sintetizzato nel detto ” Ti pago poco, ti chiedo poco!”
In linea teorica il discorso non fa una piega. La retribuzione è commisurata alle ore lavorative. Le cause? E. Centemaro, responsabile scuola di FI, individua una delle cause  alla femminilizzazione.

Una scuola che non esiste più, se non nella mente di chi non la
frequenta

Ora questo detto  “Ti pago poco, ti chiedo poco”,  rimanda ad una scuola che non esiste più. Le quattro ore sono l’orario minimo giornaliero di impegno. Ci sono le programmazioni, le commissioni, le visite d’istruzione e i campiscuola, la scrittura di progetti (Dsa, Bes…) il ricevimento dei genitori… Tutto lavoro alla luce del sole!
A questo occorre aggiungere il sommerso. Mi riferisco alla correzione dei compiti, alla preparazione delle lezioni, alla compilazione delle schede…
A queste incombenze “storiche”, si aggiungono nuovi compiti, derivati da alcune leggi. Penso all’Animatore Digitale, al Team di Innovazione, al commissario del concorso-Scuola, e al referente contro il cyberbullismo…

La logica del “ti pago poco o nulla e ti faccio lavorare di più”

Pertanto da questi pochi esempi è possibile affermare che il profilo docente sta scivolando sempre più verso un contesto asimmetrico di sfruttamento. La pillola è indorata con l’espressione dell”ottimizzazione delle risorse” o se vogliamo volare alto della “tecnica” ( M. Heidegger). Per parlare facile occorre aggiornare il nostro profilo in “ti pago poco o nulla e ti faccio lavorare di più”. Questo è possibile, grazie alla sponda “emotiva e affettiva” che gli insegnanti offrono. Un “fianco” che affonda le sue radici nella “missionarietà” o nel volontarismo” del proprio lavoro, caratterizzato dalla relazione con delle persone giovani e non con carte o dichiarazioni al vento.

Ultimo esempio: il contratto “povero” e irrispettoso

Una conferma di questo nuovo profilo? Il prossimo contratto! Probabilmente sarà caratterizzato da pochissime decine di euro di “aumento”, che rischia per 300.000 docenti “la scomparsa” degli 80€ e per tutti dell’indennità di vacanza contrattuale, e contemporaneamente da un aumento significativo di incombenze. Se questi nuovi carichi di lavoro saranno confermati, il contratto risulterà coerente con il ” ti pago poco o nulla e ti faccio lavorare di più”.
I prossimi mesi confermeranno o meno queste ipotesi.

Pubblicato in Contratto scuola, Legge 107/05, Opinioni, Tutti gli articoli | Contrassegnato , , , , , , , | Commenti disabilitati su Aggiorniamo al ribasso il nostro profilo

L’atto di indirizzo confermerà le dichiarazioni del Ministro?

atto di indirizzo

L’atto di indirizzo di comparto  condizionerà le trattative per il rinnovo del contratto-Scuola.  Costituirà l’atto formale delle intenzioni del Ministro Fedeli.

Le dichiarazioni estive del Ministro

Il Ministro V. Fedeli tra giugno e agosto ha rilasciato diverse interviste. Non sempre è stato possibile individuarne “il filo”. Anzi, in alcuni casi sono risultate contradditorie. Ma lasciamo parlare i “fatti”, che in questo caso sono rappresentati dalle parole. Ecco alcune dichiarazioni estive del Ministro (in neretto le parti più significative).
“I docenti devono essere pagati molto di più…sono professionisti, dovrebbero essere i meglio pagati…Ma non bisogna fare demagogia, non è un risultato che si possa raggiungere in poco tempo. Questa però è l’obiettivo a cui si deve tendere”.

Il ruolo delle insegnanti e degli insegnanti, cui spetta il compito centrale e delicato di guidare le nuove generazioni nel domani, è importante e come tale va riconosciuto. Anche economicamente…l’obiettivo è comunque trovare risorse per consentire di ridare dignità al loro ruolo, corrispondendo loro una retribuzione adeguata

Lo Stato è disposto ad investire  “tanti soldi quanti anche la Cgil ha sottoscritto il 30 novembre scorso”. “Considero l’accordo del 30 novembre importante, perche’ ha gia’ stabilito qual e’ la cifra media

pronta a fare la battaglia” per l’aumento degli stipendi. “Se si ritiene importante, quale in effetti è, il ruolo dei docenti e dell’insegnamento – spiega Fedeli – lo devi socialmente riconoscere, anche dal punto di vista retributivo”. 

l’atto di indirizzo di comparto: conferma o smentita?

Premetto non ho mai dato troppa importanza alle dichiarazioni, soprattutto a quelle che precedono ipotetiche decisioni o che rimandano ad un futuro imprecisato. 
Detto questo siamo arrivati alla riapertura del confronto tra le parti sociali e Aran. In questo contesto conteranno meno le parole e più gli atti formali L’Agenzia si muoverà tenendo presente l’Atto di indirizzo generale emanato dal Ministro Madia e da quello di comparto prodotto dal Miur e quindi dal Ministro Fedeli. Questo documento non potrà smentire quello generale che conferma e non poteva essere altrimenti quello che hanno stabilito le leggi di Stabilità 2016 e 17.
Da qui non si comprende l’intenzione del Ministro ” nel dare battaglia” come se avesse margini di manovra extra-bilancio e quindi risorse nuove da mettere sul tavolo.  Queste non sono sicuramente rappresentate dalle risorse già in bilancio e riguardanti il merito e “la carta del docente”. Se l’operazione dovesse tradursi in un atto formale, costituirebbe solo una “partita di giro” e a un depotenziamento della L.107/15. 

Ci stupisca, Ministro!

A breve lo capiremo dall’Atto di indirizzo di comparto. Comprenderemo la natura delle tante dichiarazioni estive. Ci stupisca, Ministro con un atto formale discontinuo! Diversamente avrà perso la battaglia per assumere quel ruolo credibile e autorevole di cui la scuola ha tanto bisogno.

 Alcuni miei  precedenti articoli
Contratto. Atto indirizzo
La ritirata del Ministro

Ministro Fedeli, repetita (non semper) iuvant
Ministro Fedeli, il suo “Mi auguro…

Pubblicato in Contratto scuola, Legge 107/05, Nuovo Testo Unico, Tutti gli articoli | Contrassegnato , , , , , | Commenti disabilitati su L’atto di indirizzo confermerà le dichiarazioni del Ministro?

Recensione: “Le regole della Rete. Come tutelare i propri contenuti online”

La Rete
Molti ritengono che esista una frattura tra il mondo reale e la Rete (= mondo virtuale). Il primo definito da norme, che definiscono diritti e doveri. Tutto invece, cambia quando accediamo alla Rete.  

Un panorama sconfortante

Offese, fake news, frasi razziste, sessiste, omofobiche, attacchi di troll che vivono per stimolare le “rispostacce” dell’incauto… In tutto questo anche gli insegnanti fanno la loro parte. Ovviamente non coprendo tutto il suddetto “campionario”, caratterizzato dalla certezza di essere anonimi o non perseguibile in Rete.

” il maltrattamento” dei contenuti

E i contenuti? Incorrono in fenomeni che rimandono al furto delle immagini, alla violazione dei diritti di autore o di altro tipo.

Un ottimo contributo

La navigazione nel Web richiede la conoscenza delle regole, Solo così diviene consapevolezza, movimento virtuale “critico” e ragionato.
In questo compito ci aiuta l’ottimo lavoro “Le regole della rete” di F. De Stefani avvocato e autrice di pubblicazioni a carattere giuridico.
Con un linguaggio quasi colloquiale, quindi mai tecnico, illustra negli otto capitoli la gestione corretta dei blog,   la normativa sulla protezione dei dati, le implicazioni delle offese delle diffamazioni e il copyright di foto e contenuti… Ovviamente costanti sono i riferimenti alla navigazione nei media sociali o nel microblog di Twitter.
Di un certo interesse l’appendice che presenta una sorta di vocabolario che rimanda ai comportamenti corretti da tenere in Rete.
Da leggere e approfondire per dare autorevolezza e un  profilo credibile alla Rete. Ne abbiamo tutti bisogno!  

 

 

Pubblicato in Cyberbullismo, Diritti, Recensioni | Contrassegnato | Commenti disabilitati su Recensione: “Le regole della Rete. Come tutelare i propri contenuti online”

legge Cyberbullismo: il Garante della Privacy e gli obblighi delle scuole

cyberbullismo

cyberbullismo

Cyberbullismo. Inevitabilmente la legge  71/17 coinvolge la sfera della Privacy che gli insegnanti nominati come referenti contro il suddetto fenomeno devono conoscere.

Ottima sintesi e la lettera

Nel sito del Garante della Privacy è proposta un’interessante sintesi delle procedure previste dalla nuova legge. Ovviamente, suggerisco la lettura integrale del dispositivo di legge. Indicazione che diventa stringente per chi ha assunto la funzione anticyberbullismo. Sul sito è presente anche il modello di lettera  da inviare al Garante in caso di “mutismo” da parte del responsabile dei dati del sito coinvolto nel casi di molestie online.

Obblighi per le scuole

Concludo ricordando che ogni Istituzione Scolastica è obbligata a individuare un docente referente anticyberbullismo.  A questo  si aggiunge anche la responsabilità civile  della scuola in caso di verificarsi di situazioni di molestie online.
Si legge sul Il Sole 24 Ore ” Oggi quindi la mancata nomina del referente scolastico potrebbe incidere sull’affermazione di responsabilità degli istituti scolastici, gravati di questo onere specifico… Sul fronte civilistico, tuttavia, già prima dell’entrata in vigore della legge 71/2017 la giurisprudenza considerava la diffusione di video illeciti on line quali attività del tutto prevedibili «in ragazzi di età pre-adolescenziale, dotati di telefonini abilitati a riprese video e generalmente fruitori di social network» (sentenza Tribunale di Brescia numero 1955, pubblicata il 22 giugno 2017). Per i giudiciè noto che la diffusone tra i ragazzi di video lesivi dell’altrui reputazione può verificarsi in orario scolastico e ciò basta per ritenere sussistente la responsabilità civile dell’istituto scolastico.”

 

Pubblicato in Cyberbullismo | Contrassegnato , , , , | Commenti disabilitati su legge Cyberbullismo: il Garante della Privacy e gli obblighi delle scuole

Formazione. Proposte corsi e Curriculum Vitae

formazione

Formazione. Per il nuovo anno scolastico, propongo i miei corsi.

Corsi

Le tematiche puntano alla alfabetizzazione informatica di base, con una particolare attenzione alla sicurezza.
Ritengo importante la proposta formativa ” Schemi, mappe concettuali e testo“, finalizzato all’acquisizione di un metodo di studio, che molti declinano nell’ “imparare ad imparare”.
Infine, propongo un percorso formativo finalizzato all’acquisizione di una competenza audio-video.

 

I corsi sono rivolti a Istituti scolastici ed Enti di formazione

Curriculum Vitae

A supporto dei corsi presento il mio CV.  (aggiornato a giugno 2017)
Queste sono le ultime attività svolte:
1)Intervento Convegno AID ( Associazione Italiana Dislessia. “La Didattica multimediale”      7 ottobre 2016)
2)Ideatore e formatore progetto “Ecdl per la primaria” (quinta- I.C. “Carlo Levi- )
3)Promotore e ideatore  del progetto Pon “Cittadinanza digitale e pensiero computazionale” 
4)Referente cyberbullismo dell’Istituto di servizio ( I.C. Levi)
5)Collaboratore con il 3° Municipio-Roma tematica “Cyberbullismo
6)Formatore Corso di informatica di base e livello avanzato (Liceo Scientifico Newton-Roma)
7)Autore articoli  su siti online ( ScuolaInforma, Fuoriregistro, Professione Insegnante, Regolarità e  trasparenza nella scuola, OggiScuola, Tecnicadellascuola, Retescuole) (
8) Corso aggiornamento presso I.C. “Donati” – Roma ( Soc. Apolab ) “Mappe in rete”

Info e richieste inviare messaggio in Scrivi

 

Pubblicato in Corsi, Esperienze, Formazione, Informatica | Contrassegnato , , , , , , , , | Commenti disabilitati su Formazione. Proposte corsi e Curriculum Vitae

Superamento delle classi pollaio: sarebbe un bel segnale!

classi pollaio
La scuola ha ereditato da M. Stella Gelmini e da M. Renzi due aberrazioni pedagogiche: le classi pollaio e superpollaio. Si stanno creando le condizioni per il superamento delle prime.

Sempre meno alunni

Si legge sul sito di Repubblica.it: ” Le scuole statali italiane si svuotano: meno 100mila alunni in appena un triennio. Anche l’anno scolastico ormai alle porte è contrassegnato da un calo di bambini e ragazzi: 33mila in meno rispetto al 2016/2017… Partendo dalle previsioni Istat della popolazione residente in età scolare (3-18 anni), fra cinque anni il calo degli alunni potrebbe attestarsi sulle 361mila unità e fra 10 anni sulle 774mila unità”

Le premesse per l’abolizione

Il decremento crea la condizione per il superamento delle classi pollaio. Questa soluzione fu partorita dal duo Gelmini-Tremonti. Quest’ultimo mise anche una pietra sopra la L.148/90 che riformò la scuola elementare, dichiarando che quel tipo di scuola(=i moduli) era un lusso che non potevamo permetterci.
Se si procedesse rapidamente all’abolizione delle classi pollaio la pedagogia tornebbe ad abitare l’aula, divenendo nuovamente ambiente educativo di apprendimento. In altri termini: le classi tornerebbero ad essere dei luoghi di inclusione,  dove ogni alunno vedrebbe soddisfatto il suo “diritto all’istruzione”, supportato concretamente da quanto è scritto nella Costituzione: ” E` compito della Repubblica rimuovere gli ostacoli di ordine economico e sociale, che, limitando di fatto la libertà e l’eguaglianza dei cittadini, impediscono il pieno sviluppo della persona umana e l’effettiva partecipazione di tutti i lavoratori all’organizzazione politica, economica e sociale del Paese.”

Dichiarazione di Turi

A supporto di quanto ho scritto, Turi ( Segretario generale Uil-Scuola) ha dichiarato:”Il trend in flessione del numero degli alunni dovrebbe condurre – sottolinea Turi – alla soluzione di almeno un problema: riportare il numero di alunni per classe almeno ai livelli europei…Anche il rapporto alunni /docenti è più alto rispetto alla media europea”.
Chiedo:
il Ministro V. Fedeli avrà il coraggio di porre la questione al governo e al Parlamento? I danni formativi che stanno arrecando le classi pollaio li coglieremo fra qualche anno. Scriveva Derek Bok, Rettore Harvard University “Se pensate che l’istruzione sia costosa, provate con l’ignoranza”

Pubblicato in Classi pollaio | Contrassegnato , | Commenti disabilitati su Superamento delle classi pollaio: sarebbe un bel segnale!

Ministro Fedeli, il suo “Mi auguro” fotografa la condizione dell’istruzione

istruzione


Chi lavora nella scuola sa benissimo che l’istruzione e quindi gli insegnanti, non ricevono quelle attenzioni che meritano. Quasi tutti parlano della formazione come valore strategico per il futuro. Eppure! E purtroppo ora ci si mette anche il Ministro Fedeli!

Le due dichiarazioni del Ministro

A luglio il Ministro dichiarava:”I docenti devono essere pagati molto di più…Il doppio di quanto prendono ora…Ma non bisogna fare demagogia, non è un risultato che si possa raggiungere in poco tempo. Questa però è l’obiettivo a cui si deve tendere“.
Qualche giorno fa ha rilasciato un’intervista al “Sole 24 ore” ( 20 agosto) dicendo “Intanto, il contratto riguarderà il nuovo maxi-comparto Scuola-Università-Ricerca. Mi auguro che in manovra si troveranno risorse aggiuntive, per chiudere la partita entro l’anno.”

La discontinuità

Tra le due dichiarazioni esiste una discontinuità, riguardante l’approccio al problema-contratto. Ha dichiarato M. Pacifico (Presidente Anief) ‘ Parlando del rinnovo contrattuale la Fedeli dice di augurarsi che nella manovra si trovino risorse aggiuntive per chiudere la partita entro l’anno. E’ curioso, che, dopo avere più volte preso l’impegno pubblico negli ultimi mesi, di chiudere la partita sul rinnovo di contratto entro il 2017, ora la Ministra cambi versione trasformandolo in un augurio”.

 

Considerazioni

Premetto: non ho mai riposto tante speranze sulla  dichiarazione del Ministro (leggi La ritirata del Ministro Fedeli,  “Ministro Fedeli, repetita non semper iuvant ).
La discontinuità nasconde, però, un problema più ampio che rimanda al rapporto tra la società e l’istruzione. A mio parere il “mi auguro” esprime passività, subalternità ed estraneità rispetto alle decisioni che altri soggetti più importanti dovranno prendere. Si ha l’impressione che il Ministro Fedeli non sia un componente del governo. Pare che non parteciperà  a fine settembre all’approvazione della Legge di Stabilità 2018.
Questi elementi sono accostabili al profilo dell’istruzione. Ritenuta dal contesto economico poco importante, non strategica, inadeguata a partecipare ai “tavoli che contano”. Quindi incapace di far sentire la propria voce che rimanda al futuro. Ancora: una presenza messa all’angolo, quello più buio, in modo da non avvertirne il respiro. Insomma, una conferma!     

 

 


Pubblicato in Contratto scuola, Opinioni, Tutti gli articoli | Contrassegnato , , , , , , , | Commenti disabilitati su Ministro Fedeli, il suo “Mi auguro” fotografa la condizione dell’istruzione

Scioperi continui. Uno soluzione purtroppo non più proponibile

 

 

Scioperi

Grande stagione di scioperi, manifestazioni, astensione dalle operazioni degli scrutini. Mi riferisco alla firma dello storico contratto 1988-90 ( v. Report) Oggi quello scenario è improponibile.

Il contesto

Parliamo di un periodo ormai consegnato alla storia. Con i suoi 27-29 anni possiamo affermare che ci riferiamo a un momento lontano, non solo nel tempo, ma anche nelle condizioni. Innanzitutto, mi riferisco al contesto culturale. L’istruzione era ancora considerata una risorsa personale e sociale. La scuola era tenuta in giusta considerazione. Il Parlamento, il governo erano a fianco della scuola. Molti suoi esponenti esprimevano una cultura pedagogica, ancora non compromessa dai dettami del finanzcapitalismo ( L. Gallino). Alcuni esempi. Furono emanati per la scuola primaria (allora si chiamava elementare) i Nuovi programmi didattici (D.P.R. 104/85). Ci lavorarono docenti e veri esperti quali C. Pontecorvo, Ida Magli, T. De Mauro, M. Pellerey… Fu avviata una sperimentazione dei nuovi ordinamenti, formalizzati poi  nella legge 148/90 che recepì molte indicazioni di inclusione  contenuti nella L.517/77 ( numero alunni per classe, insegnanti di sostegno, classi aperte). Confermò, inoltre, la legge 820/71 istitutiva il tempo pieno… Nel 1991 furono approvati i nuovi Orientamenti per la scuola dell’infanzia    …
Dal punto di vista sindacale e della protesta, tutto era molto più facile. Non esisteva ancora la legge 146/90 che regolamentava il diritto di sciopero, voluta tacitamente dai confederali e chiamata poi “Anti cobas”. 

I cambiamenti

Il 1990 fu l’anno di svolta in senso peggiorativo per la scuola. Alla già citata legge antisciopero, occorre aggiungere un evento che rappresentò uno spartiacque politico, sociale e culturale: Tangentopoli. Da qui si crearono le condizioni per la legge Finanziaria di G. Amato ( Dicembre ’92) che doveva allontanare il rischio bancarotta per l’Italia. Nel 1993 fu emanato il decreto 29/93  che sostituì gli scatti biennali con quelli settennali, introdusse il criterio della “moderazione salariale” e soprattutto vincolò gli aumenti contrattuali al tasso di inflazione programmata e non più a quella reale. Per finire nel 1995 fu approvata la legge Dini che formalizzò il metodo contributo nella determinazione delle pensioni. Il resto è storia recente o quasi

Le due crisi

Prima di arrivare alle conclusioni occorre evidenziare altri elementi che hanno determinato la “crisi della scuola” e in particolare del valore-istruzione.
Innazitutto la progressiva affermazione della globalizzazione e dell’economia finanziaria che come afferma ripetutamente il filosofo marxiano e gramsciano Diego Fusaro, sta “polverizzando” tutti i diritti sociali ( lavoro, salute, scuola…), lasciando sul campo solo quelli individuali  La tesi del filosofo è confermata anche  da  studiosi  come L. Gallino.
Nel nostro Paese questo scivolamento verso la sponda liberista si è avuta con il “berlusconismo” ( individualismo, il successo facile, l’edonismo, il valore denaro, il disprezzo per le regole sociali) con la complicità di Veltroni ( il partito deve parlare alla società) e di M. D’alema che hanno preparato la strada al renzismo, e quindi alla definitiva delegittimazione del sindacato. Quest’ultimo si è dimostrato incapace di pensare altrimenti il solito scioperetto, depotenziato dalla legge 146/90, finendo per consolidare uno stato di progressivo impoverimento e marginalizzazione del ceto medio.

Conclusioni

Come ho scritto in premessa, lo scenario del 1997-2000 non è più possibile. Per tutti gli elementi presentati sopra, tra i quali spicca la legge 146/90 che ha fortemente depotenziato il diritto allo sciopero e all’astensione dagli scrutini, e il cambio di percezione del lavoro del pubblico  pubblico impiego spesso presentato come “fannullone”, “mantenuto”…
Occorre essere realisti, tener conto delle diverse gabbie normative, sociali e  culturali nelle quali ci troviamo. E’ necessario  evitare  ogni “chiamata alle armi”, che non porterebbe a nulla. E’ indispensabile proporre delle soluzioni all’interno della legalità che non sia la “puntura di spillo” dello “scioperetto” di un giorno che fa male solo alle nostre tasche. Ma per fare questo occorre “rompere” quella condizione di solitudine, di separazione nella quale ci troviamo e ben espressa dal detto “Divide et impera”. E “conditio sine qua non” dobbiamo essere supportati socialmente da un nuovo sindacato libero e quindi non compromesso.

 

 

 

 

 

Pubblicato in Contratto scuola, Diritti, Opinioni, Tutti gli articoli | Contrassegnato , , , , , , , , , , | Commenti disabilitati su Scioperi continui. Uno soluzione purtroppo non più proponibile

Formazione. “Mappe e testo”, una possibile circolarità.

 

Formazione


Esiste un bisogno di formazione  profondo che, nel caso delle Tic, superi il semplice addestramento. Quest’ultimo rimanda all’acquisizione di procedure, sequenze di istruzioni, non supportate da una verticalità formativa, elemento fondativo della presenza della scuola.

Il contesto “povero” delle mappe e del testo

Le proposte formative risentono di questo contesto addestrativo che nel caso delle mappe, risulta disorganizzato e  “scriteriato”.  Mi spiego brevemente. In molti corsi di aggiornamento è intenzionalmente bypassato il momento dell’esplicitazione dei criteri che devono essere supportati da uno sfondo teorico-scientifico e quindi fondarsi sulle teorie costruttivistiche o sulla grammatica generativo trasformazionale ( N. Chomsky).
A questo si aggiunge la solitudine delle mappe e degli schemi. In altri termini, il testo non supporta le rappresentazioni concettuali  e viceversa.

Mappe e testo come promozione dell’imparare ad imparare

La proposizione  di questi elementi ( schemi, mappe e testo) caratterizzati da ipertestualità e circolarità introducono quegli aspetti formativi di cui la nostra scuola ” è assetata”. Complice anche la presenza di un PNSD quasi sempre identificato dai suoi fautori come addestramento ( v. coding). Solo proponendo le rappresentazioni concettuali dinamiche (=destrutturabili e ristrutturabili) e generative di un testo organizzato. si può concretizzare la meta-competenza dell’imparare ad imparare”. Il tutto in un contesto di circolarità.

Dall’informazione alla conoscenza

Solo realizzando questo percorso si può superare  l’overdose di informazioni che impedisce a queste di divenire conoscenze. La loro natura è quella di  connettersi alla rete concettuale preesistente, riconfigurando i nodi che la caratterizzano.
La mia proposta formativa persegue questa finalità formativa. E quindi si pone fuori dalla moda addestrativa che purtroppo caratterizza il PNSD.
In sintesi: rappresentazioni concettuali dinamiche, ipertestualizzate e significativamente legate al testo. Il tutto in una relazione biunivoca, che ben rappresenta la nostra modalità di pensare, mai chiusa in prodotti , in quanto impedita dalla sua natura processuale che la porta ad andare oltre la “materia”.
Proposta formativa “Mappe e testo”

Se interessati inviare un messaggio nella sezione Scrivi

Pubblicato in Corsi, Esperienze, Formazione, Mappe concettuali, Tutti gli articoli | Contrassegnato , , , , , , , , , , | Commenti disabilitati su Formazione. “Mappe e testo”, una possibile circolarità.

PNSD: le premesse per un probabile fallimento

PNSD

Premessa

Qualche giorno fa G. Marconato ha pubblicato un articolo sul PNSD. Interessante, profondo e soprattutto non allineato, rispetto a tanti interventi, anche di colleghi che si definiscono esperti di informatica ( definizione appropriata, considerata la sua natura procedurale).

I limiti del PNSD

In estrema sintesi G. Marconato mette in risalto i limiti del PNSD. Questo esprime la fiducia nel digitale che inerzialmente dovrebbe risolvere i problemi della scuola. Siamo di fronte al nuovo dio, prodotto dalla mente degli esperti del Miur, i quali spesso dimostrano un irriflesso compiacimento verso tutto ciò che è innovativo. in altri termini, essi dimostrano di essere prigionieri in una gabbia dorata, totalmente proiettati in avanti, dimenticando come scrive G.Marconato  che “il futuro è fatto di tante dimensioni, di tante problematiche che meritano attenzione da parte della scuola” , le quali sfuggono alle potenzialità di cambiamento del nuovo. Quest’ultimo spesso si identifica con un sapere e saper fare di basso livello, guardandosi bene dal volgere lo sguardo verso il piano alto della prospettiva, della verticalità educativa. Le azioni del PNSD sono fortemente condizionati da questa visione orizzontale, limitata e asfittica. La stessa loro definizione (azione) rimanda a dei compiti, a un comportamentismo declinato nella postmodernità, impotente dopo aver decretato la ” morte di Dio” e delle grandi narrazioni di elaborare una verticalità di senso sulle macerie del Nulla (ho parafrasato F. Nietzsche). Quindi, in questa “notte del mondo” cosa rimane se non la tecnica, connaturata con la vita ontica, non autentica che riduce tutta la realtà ad enti ( M. Heidegger)?     

Alcuni esempi

Il primo esempio di questo scivolamento addestrativo e quindi di adeguamento ad un “profilo minimale di persona” è il coding, pratica osannata e idolatrata da molti sostenitori del PNSD, Sono un curioso! Questa inclinazione mi porta a leggere e analizzare molti lavori di coding. Bene, dietro i tanti prodotti, che rimandano ovviamente a procedure e sequenze,  manca l’idea, il piano alto dell’educazione. Il palcoscenico è occupato dal software e dai suoi algoritmi. L’alunno, lo studente sono dei semplici  esecutori di istruzioni che portano a un obiettivo.  Scrive G. Marconato ”  Siamo sempre al “cosa posso fare con questo?” e ancora lontani dal “cosa mi serve?”, ancora lontani da una visione educativa e pedagogica e da un’esigenza didattica che è alla ricerca di una modalità di essere soddisfatta.”
Il secondo esempio di questo scivolamento è l’identificazione del saper fare con il saper essere ( competenza). Qualche AD presenta capacità, facendole passare per competenze.

Conclusione

Quindi se questi sono gli scenari è auspicabile che la scuola, quella che guarda al piano alto, marginalizzi l’intruso, proponendo invece un nuovo Piano che rimetta al centro la domanda ” dove voglio arrivare?” o come scrive G. Marconato “cosa mi serve” che  “implica che si abbiano obiettivi di sviluppo e di apprendimento da conseguire, che si abbia una visione educativa della propria azione (qual è il ruolo della scuola, perché insegno, chi è la persona con cui mi relaziono, cosa ritengo importante insegnare), che si abbia una strategia didattica attraverso cui rendere operativa quella visione, che si sia in grado di scegliere tra più opzioni e si sappia argomentare quella scelta.”

 

Pubblicato in PNSD, Tutti gli articoli | Contrassegnato , , , , , | Commenti disabilitati su PNSD: le premesse per un probabile fallimento

Contratto: una partita di giro con tanti ma…

Trattative
Il quadro

A fine mese riprenderanno le trattative per il contratto del comparto Scuola. Situazione complessa per il sindacato! Rischia di uscirne con le ossa rotte, firmando un contratto  giuridico ed economico, rispettivamente punitivo e non dignitoso. Più tranquilla quella del governo. Egli ha già mostrato le sue carte, attraverso le leggi di Stabilità, l’atto di indirizzo generale e il Decreto Brunetta. Deve solo attendere la firma!

 

Ipotesi di superamento della “gabbia”

Lo scenario molto favorevole al governo costituisce una gabbia, nella quale sta entrando il sindacato. Quest’ultimo mi pare quasi a  corto di idee. Ieri L. Ficara ( Gli stipendi dei prof potrebbero aumentare di 150 euro medi al mese ) ha intercettato un piano sindacale per “gonfiare” la retribuzione dei docenti. In sintesi: una quasi partita di giro dei compensi per il merito e i 500 € della ” Carta docente” con destinazione lo stipendio tabellare del docente.

L’unica via d’uscita, ma…

Non ci sono alternative! Probabilmente si arriverà a questa soluzione, considerando anche il clima prelettorale, che da sempre rende il governo disponibile a compromessi e,  nello specifico, a non mandare in frantumi il sindacato. Se questa sarà la soluzione ne beneficerà la sua immagine con il vantaggio  di recuperare dei voti. Difficili quantificarli, considerando la significativa disunità della componente docente.
A. Giuliani  nell’articolo, Aumenti grazie al bonus da 500 euro e ai soldi del merito? Il travaso è servito, ha evidenziato alcuni “ma” che possono essere sintetizzati nel seguente passaggio” A nostro modesto parere, infatti, dire sì ad una proposta del genere, avrebbe il sapore di una vera resa incondizionata da parte dei rappresentanti del Miur, ma anche del Governo, verso chi da ormai tre anni sostiene che la Buona Scuola è piena di errori strategici e tecnici.”

Non un travaso, una partita di giro, ma una busta più leggera

E’ già questo è un problema che difficilmente il governo accetterà di affrontare. Non potrà dire ai sostenitori della L.107/15: “Cari signori, ci siamo sbagliati. Si volta pagina!”.
Alle considerazioni di A. Giuliani, aggiungo anche che il piano del sindacato non si basa su una partita di giro e neanche, per riprendere le parole del Direttore di Tecnicadellascuola.it, in un travaso. Questo si realizza se il totale non subisce delle variazioni, dovute a nuove tasse. Così non sarà con i 500€, attualmente non tassati. Infatti, se la cifra verrà assorbita nello stipendio tabellare, questa sarà soggetta alla tassazione Irpef. In sintesi: riceveremo meno soldi! Con buona pace dei sindacati che con questa proposta (se verrà confermata dai fatti), dimostrano tutta la loro attuale difficoltà propositiva seria e dalla parte dei docenti.

 

  

 

 

Pubblicato in Contratto scuola | Contrassegnato , , , , | Commenti disabilitati su Contratto: una partita di giro con tanti ma…

Contratto: banco di prova per i sindacati!

banco di prova

Dopo otto anni la situazione è complessa

A fine mese riprenderanno gli incontri per la definizione del nuovo contratto di lavoro che rappresenta un banco di prova per i sindacati. Indubbiamente la situazione è molto complessa. Molti sono gli elementi che rendono titanica l’impresa dei sindacati nel portare a casa un buon contatto.

Gli elementi da dipanare

Li elenco sinteticamente.
1) I sei mesi di non copertura del contratto. In altri termini, dalla sentenza della Corte Costituzionale (24 giugno 2015 ) a dicembre 2015 nessuna norma prevede una copertura economica del periodo. Si legga a tal proposito il mio intervento di qualche giorno fa. Non è corretto ignorare questi mesi, dopo la delusione della non retroattività sancita dalla suddetta sentenza.
2) Per molti docenti, che attualmente sono al limite dei 1.500€ mensili, esiste la concreta possibilità che l’aumento minimo li metta nella condizione di perdere gli 80€ mensili.
3) Il governo offre un piatto di lenticchie. Traduco: 85€. Attualmente però sono circa 50€. proposta irricevibile, irriguardosa. Per due motivi. Dopo otto anni non è possibile far passare questa “elemosina” per aumento o adeguamento. Ho difficoltà a definirla anche elemosina! A questo aggiungo che considerati quanto i docenti hanno dato per il risanamento della spesa pubblica (per la Corte Costituzionale questo elemento ha giustificato il blocco dei contratti). la proposta del governo è assolutamente da rigettare.
4) Con la firma del contratto economico si perde la vacanza contrattuale. Da qui la situazione  paradossale: da creditori, si diventa  debitori (mi riferisco ovviamente agli attuali beneficiari degli 80€).
5) La legge Brunetta,  i cui effetti non sono stati annullati nel nuovo T.U., condizionerà non poco la parte giuridica del contratto.

E i sindacati

Tutti questi elementi restituiscono una situazione molto complessa, difficile. Richiederà tutta la capacità e competenza sindacale per uscirne bene. Al momento le dichiarazioni esprimono soddisfazione per l’apertura della trattattiva. Ci mancherebbe!
Chiedo: sono consapevoli che non potranno firmare un “contrattino”, irricevibile dal punto di vista economico e punitivo da quello giuridico? Sanno che dovranno impegnarsi, e non poco, per strappare un contratto decente? In alternativa alla proclamazione di uno “scioperetto”(=puntura di spillo, assolutamente innocuo, sono disposti ad alzarsi dal tavolo della trattativa e non firmare il contratto?  Mi auguro che abbiano questo coraggio! La situazione è da “far tremare i polsi”! 

 

Pubblicato in Contratto scuola, Opinioni, Tutti gli articoli | Contrassegnato , , , , | Commenti disabilitati su Contratto: banco di prova per i sindacati!

Il Parental control. La necessaria presenza dei genitori

parental control

La situazione

Gli smartphone utilizzati dai bambini e ragazzini spesso sono sprovvisti di password, antivirus e parental control . La situazione somiglia molto a una macchina  consegnata a una persona che non ha la patente di guida. Ignora i pericoli, i rischi! Quando è coinvolto, quasi sempre deve risolvere la situazione da solo. Imparerà a usare il veicolo in una logica del “fai da te”, o al più ascoltando i consigli di altri guidatori, probabilmente senza patente come lui. 

E i genitori?

In questa situazione sorprende l’indifferenza dei genitori. Ogni tanto, mossi da un senso di colpa, si ricordano dei rischi insiti nella navigazione nel Web, “sbirciando” il dispositivo. Non trovando nulla di strano, si tranquillizzano tornando alle loro attività. Dimenticano l’abilità dei propri figli spesso acquisita da compagni o amici nel cancellare o nascondere agli incerti e analfabeti genitori i “traffici proibiti”.

Una soluzione

Fortunatamente la tecnologia aiuta i genitori nel difficile compito di indirizzo e di guida educativa. Mi riferisco ai diversi Parental Control presenti nei diversi negozi online (Store).
Quali sono le funzioni principali?
1)Gestire ( accettare o bloccare) le app che il bambino vuole scaricare
2)Tenere sotto controllo il tempo di navigazione attraverso un timer o dunque gestirlo attraverso un timer
3)Impostare una fascia orario e bloccare le funzionalità del dispositivo
Queste sono le principali funzioni. Sono tutte caratterizzate da restrizioni, che si declinano nell’espressione “Puoi usare lo smartphone, ma alle mie condizioni” che assolutamente non stona se si tiene presente la giovane età degli “utilizzatori”.
Suggerisco di rivolgersi a quelli a pagamento. La sicurezza dei nostri figli non ha prezzo!
Ovviamente questi software richiedono una conoscenza e una capacità informatica da parte dei genitori.
Al momento uno dei migliori è Spazio Bimbi Parental Control. Il più completo! Soprattutto se si acquista la versione Premium.

Pubblicato in Cyberbullismo, Tutti gli articoli | Contrassegnato , , | Commenti disabilitati su Il Parental control. La necessaria presenza dei genitori

“Culpa in vigilando”. Le costanti in ogni sentenza

Costanti

 Premessa

Le sentenze riguardanti la “Culpa in vigilando” (art. 2048 Codice Civile) presentano delle costanti. Queste determinano il terreno giuridico costituito da diritti e doveri delle parti chiamate in causa. Raramente una sentenza può stravolgere questa regola.

Il caso

Uno degli ultimi casi, risalente al dicembre 2016 non sfugge a questo criterio.
Il fatto. Un’alunna di scuola dell’infanzia comunale di Pistoia, mentre giocaca con una palla munità di manubrio, veniva urtata da alcuni compagni. Cadendo si fratturava un braccio. I genitori hanno fatto causa al Comune.

 

Le costanti

La sentenza si muove rispettando i seguenti elementi, ormai consolidati nella giurisprudenza.
1) La presunzione di inadenpienza verso gli obblighi di vigilanza. In caso di incidente a un minore, l’insegnante parte da una posizione molto svantaggiata. Egli è presumibilmente colpevole perché se un minore si fa male, significa che in prima battuta, egli non ha attivato quelle precauzioni per evitare il danno.
2) L’onere della discolpa.  Ne consegue che egli deve produrre quegli elementi che lo sollevino dall’accusa di mancata sorveglianza.
3) Sorveglianza attiva . Non è sufficiente dichiarare di essere stato presente al fatto (in caso contrario il reato assumerebbe le caratterisiche di colpa grave, configurando la resposabilità penale).
4) Evento repentino, inevitabile e imprevedibile.  Solo questi elementi liberano il docente dalla reponsabilità. Come si evince tutti hanno un denominatore comune: l’assoluta assenza di condizioni esterne o di comportamenti precedenti il fatto. Nel primo caso intendo la rimozione di elementi da parte dell’insegnante di ostacoli, pericoli nell’ambiente; nel secondo caso, invece, rientrano i comportamenti pericolosi reiterati nel tempo dal bambino o da terzi e che fino al verificarsi dell’incidente non avevano avuto conseguenze concrete sulla integrità fisica propria o altrui.  

Una breve considerazione

E’ consigliabile tener presente questi elementi, lasciando “fuori dalla porta” ogni considerazione pedagogica (ad esempio autonomia del bambino) o  altra riflessione improntata alla semplice lamentela. Al giudice tutto questo non interessa!

 

 

 

 

 

Pubblicato in Culpa in vigilando | Contrassegnato , , , | Commenti disabilitati su “Culpa in vigilando”. Le costanti in ogni sentenza

Gli animatori digitali. Gli “esperti” girano intorno al problema.

Gli animatori

Gli animatori

Kermesse 26.07.17

Il 26 luglio si è tenuta a Roma una kermesse sul PNSD. Anche in questo caso ho deciso di rintracciare nel Web il resoconto  dell’iniziativa.  In formato Mp3 l’ho ascoltato. Bene, eccetto qualche intervento “fuori dalle righe” del conduttore-giornalista e della Presidente della commissione istruzione dell’ANCI, il resto mi è risultato molto verboso e noioso, intramezzato ogni tanto dal “Abbiamo fatto! Ma come siamo bravi! Nei prossimi mesi faremo…” Molto lungo l’intervento del Ministro. Limitato il tempo dedicato alle esperienze degli AD.

Una riflessione

Come accennavo si è parlato di  massimi sistemi, di alcune realtà eccellenti. Lo stesso tempo non è stato dedicato alle sofferenze informatiche  degli Istituti Scolastici e alle criticità che ancora caratterizzano la figura dell’Animatore Digitale. Da qui  il processo di desertificazione che sta caratterizzando  molti gruppi social di Animatori Digitali. Questi erano spuntati come funghi a partire dal novembre 2015. Ogni ora della giornata si potevano leggere post di colleghi entusiasti della nuova avventura. Poi però il vento dell’entusiasmo si è trasformato in bonaccia. Stessa situazione si registra sulla pagina PNSD all’interno del sito del Miur.

Una conferma

Ha scritto Luisanna Fiorini all’interno di un articolo da me commentato: ” Ma poi qualcosa scricchiola. Il lettore attento troverà indicatori di quanto scrivo: alcune iniziative (School Kit) sono ferme al 2016, altre hanno risorse disponibili pari a zero. Il calendario dell’Agenda è vuoto.
Tralascio alcune perle, come la sezione OER Azione #23, dove si linkano alcuni esempi con alla base software proprietari. Ma questa è un altro nodo su cui ragionare e scrivere. L’openness non può essere solo dichiarata: è un precipitato etico costante.
La sezione più popolata è quella in HomePage, dove sono pubblicati i bandi e linkati alcuni eventi. Non ho trovato, ma se fosse presente in qualche cassetto che non ho aperto mi scuso in anticipo, nessun elemento informativo, quantitativo e qualitativo, dell’andamento delle azioni, del progredire del Piano.”
L’eclissamento degli Animatori Digitali, e concludo questa prima riflessione, si registra anche nella esiguità  dei resoconti dell’anno appena concluso.

Ma il problema è un altro

La mia breve riflessione, però,  intende evidenziare un’assenza, una dimenticanza: il compenso per gli Animatori Digitali e per il Team d’Innovazione. Stessa “sinfonia” caratterizza due interventi: uno di Licia Cianfriglia, l’altro di G. Corsaro . Si parla di ritardo tecnologico e di alcuni problemi inerenti la formazione. Interessanti gli articoli! Nessuna parola è spesa per la richiesta di un riconoscimento economico e significativo   della professionalità degli Animatori Digitali e della necessità di una  qualche forma di esonero.

Interessante articolo

L’unico articolo che parla di questo problema è di M. Mantellini che dal suo blog scrive:
La figura centrale del Piano è il cosiddetto animatore digitale. Un insegnante, in ogni scuola, che si dedichi alla diffusione dei temi della didattica digitale. Una buona idea che dopo 20 mesi è già morta o quasi per una semplice ragione: perché secondo il Piano questo lavoro dovrà essere fatto a titolo gratuito. Questo è un altro serio problema politico della strategia per la scuola digitale: i soldi stanziati, spesso molti soldi, vanno in direzioni prestabilite, in genere dove potranno immaginarsi commesse esterne e proficue collaborazioni pubblico-privato.”
Sottoscrivo interamente quanto dice. Il Miur deve seriamente considerare il problema del compenso. Diversamente, temo che il PNSD non riuscirà nel tempo ad incidere sul sistema-scuola. 

 

Pubblicato in Formazione, Informatica, PNSD, Tutti gli articoli | Contrassegnato , , , , | Commenti disabilitati su Gli animatori digitali. Gli “esperti” girano intorno al problema.

Contratto. Una significativa dimenticanza

Una grave dimenticanza

La dimenticanza

Nella trattativa contrattuale, appena iniziata, c’é una significativa dimenticanza . A cosa mi riferisco? Ai sette mesi del 2015, che il governo ha rimosso dal confronto tra le parti. Il fondamento di questa mia affermazione risiede nella sentenza 178 della Corte Costituzionale del 24 giugno 2015 .   La massima Corte stabiliva il principio che il blocco contrattuale non poteva più protrarsi e quindi occorreva attivare la procedura di avvio della trattativa, decretando la non ammissibilità del criterio retroattivo e quindi salvando il governo da un salasso di 35 miliardi   Si noti la data del pronunciamento. Quindi è ragionevole ipotizzare che la sua validità doveva decorrere dal luglio 2015. Se teniamo presente che la prima legge di Stabilità che tratta del rinnovo contrattuale è quella relativa all’anno finanziario 2016, allora è possibile affermare che l’Amministrazione ha fatto “sparire” sette mesi.

La complicità sindacale

E il sindacato che dovrebbe difendere il diritto costituzionale alla giusta e adeguata retribuzione ( art. 36 Costituzione ), cosa fa? Ignora i sette mesi, suonando ai quattro venti la firma dell’accordo del 30 novembre, che sancisce questa dimenticanza. Senza dimenticare che “l’entusiasmo” delle parti sociali, confermato anche in queste ultime settimane si fonda su un aumento certo di 45 € ( legge di stabilità 2016 e 2017 ).

La beffa

Detto questo l’eventuale nuovo contratto assume un profilo ancora più pesante e offensivo del lavoro dei docenti: avremo un “un aumento”(?), un “adeguamento”(?) della nostra busta paga assolutamente irricevibile, appesantito anche da un ulteriore sconto di cui nessuno parla o scrive.

Pubblicato in Contratto scuola, Formazione, Informatica, Opinioni, Tutti gli articoli | Contrassegnato , , , , , , | Commenti disabilitati su Contratto. Una significativa dimenticanza

Dispositivi “aperti” under 12. Il parere della Polizia

ridotta insicurezza

La situazione

Da diverso tempo mi soffermo sulla superficialità dei genitori, quando decidono di consegnare ai propri figli dispositivi “aperti” al Web e dintorni (smartphone, tablet…), ponendoli in una situazione di ridotta insicurezza.
In questo contesto si evidenzia la frattura intergenerazionale, la scarsa consapevolezza dei genitori sulle potenzialità dei diversi dispositivi che li porta a porre scarsa attenzione sul versante della protezione. Quest’ultima dovuta anche all’analfabetismo informatico degli adulti, definiti immigrati digitali.

L’intervista

Tutto questo e molto altro è illustrato da questa intervista  che senza troppi giri di parole propone ai genitori di non consentire l’uso dei device “aperti” ai propri figli con età inferiore ai dodici anni.

 

 

 

Pubblicato in Cyberbullismo, Esperienze, Formazione, Informatica, Tutti gli articoli | Contrassegnato , , , , , , , | Commenti disabilitati su Dispositivi “aperti” under 12. Il parere della Polizia

La ricerca delle informazioni nel Web. Una semplice capacità

ricerca delle informazioni nel Web
Video interessante, ma…

Nel mio navigare nel Web ho trovato questo interessante video, che illustra la modalità di ricerca delle informazioni nel Web. Sicuramente la risorsa potrà essere utile per chi intende affrontare uno dei contenuti dell’esame Ecdl o Eipass, relativo alla gestione di Internet e della posta elettronica. Indubbiamente la procedura risulta efficace e accettabile se le informazioni riguardano contenuti strettamente scolastici. Il discorso cambia per eventi o fatti recenti. Ma andiamo con ordine.

Capacità, non competenza

Non condivido la definizione di competenza digitale data alla procedura. A mio parere per il raggiungimento del livello complesso occorre che la ricerca sia seguita dall’analisi e dalla valutazione delle informazioni. Quest’ultime necessitano di passaggi operativi e cognitivi circa la validità e la credibilità delle informazioni.
Il Web ha rivoluzionato il mondo dell’informazione, facendo perdere l’esclusività ai mass-media tradizionali (televisione, radio, giornali) . E’ vero che il mezzo televisivo risulta ancora il canale privilegiato di informazione ( 97,5%), ma nel contempo risulta in ascesa l’utilizzo del media sociale Facebook (35,5). Questo è quanto si legge nel rapporto Censis-Ucsi sulla comunicazione ( 2016). E’ cambiata anche la relazione tra le persone coinvolte. Alla tradizionale verticalità e unidirezionalità della comunicazione  è subentrata quella postmoderna caratterizzata da verticalità, circolarità in un contesto di continua destrutturazione e ristrutturazione del’informazione.

 

Il Web grande opportunità, ma…

Ora tutti noi conosciamo che nel Web non è tutto oro quello che luccica. Sono aumentate esponenzialmente le ” bufale” ( fake news ) che richiedono una certa dose di riflessione ( Si legga un mio recente intervento ) che deve passare necessariamente attraverso un verifica del fatto ( fact checking ). Il Web è sempre più affollato di troll che alimentano ed espandono la loro presenza nelle comunità virtuali puntando sulla provocazione, sull’offesa, piuttosto che sull’argomentazione. Di fronte ad essi occorre conoscere e mettere in pratica una serie di risposte che ignorino il loro registro comunicativo.
Altro fenomeno in rapida ascesa è il clickbaiting. Pratica che attraverso una particolare confezione del contenuto induce il visitatore ad indirizzarsi verso determinati siti Web.
Questa sintetica panoramica necessita quindi di una serie di conoscenze, capacità, riflessione, e di valutazione dei fatti che oggettivamente vanno ben oltre la semplice capacità di ricerca di informazione.

Pubblicato in Ecdl, Esperienze, Formazione, Informatica | Contrassegnato | Commenti disabilitati su La ricerca delle informazioni nel Web. Una semplice capacità

Contratto. Il peso di un aggettivo

Il peso di un aggettivo

L’importanza delle parole

Il peso di un aggettivo, delle parole.  Spesso esse rivelano il pensiero reale del dichiarante. Non sempre lo cogliamo, perché purtroppo siamo inseriti in un contesto dinamico e mobile dove l’esposizione mediatica e la permanenza delle parole nella nostra mente sono “frullate”.

Le dichiarazioni del Ministro

A fine giugno il Ministro dichiarava sull’apertura contrattuale: “Si tratta di un atto doveroso, che nel comparto Istruzione e Ricerca consente finalmente di riconoscere l’impegno di chi ogni giorno è al servizio delle nuove generazioni e del Paese…Il rinnovo è uno strumento di qualificazione ulteriore del nostro sistema di istruzione scolastica e universitaria… Vogliamo agire rapidamente, dando il giusto riconoscimento professionale nei nostri settori”

Il significato

Ho inteso evidenziare le parti più significative. In particolare mi soffermerò sul peso dell’aggettivo “giusto”.
 Nella lingua italiana il termine ha ovviamente diversi significati. Nel nostro caso quelli più interessanti risultano i  seguenti:” adatto, appropriato, conveniente”. “Fondato su ragioni moralmente valide, ispirato a ciò che è (giudicato) bene o congruente con quanto la legge richiede.”

Considerazioni

Da qui si evince il peso sociale del soggetto coinvolto e il contesto legislativo che non puòessere ignorato, poiché è quest’ultimo che giustifica il criterio di “giusto”.  Nel concreto, se consideriamo la cifra netta certa annua  (15€) e quella alla fine del triennio (45€), previste dalla legislazione vigente (leggi di stabilità 2016 e 2017) gli insegnanti contano quasi zero. Questa è la realtà! Oltre le tante dichiarazioni di rito, di presa in giro del politico di turno, l’immagine degli insegnanti è molto lontana da quello che si pensa nel paese del Sol Levante:  “in Giappone gli unici cittadini che non sono obbligati ad inchinarsi davanti all’imperatore sono gli insegnanti. Il motivo è che i giapponesi sostengono che senza insegnanti non ci possono essere imperatori” E purtroppo la situazione è dstinata a non migliorare nei prossimi anni

Pubblicato in Contratto scuola, Opinioni | Contrassegnato , , , , , , , , | Commenti disabilitati su Contratto. Il peso di un aggettivo

Navigazione sicura nel Web

navigazione sicura nel Web
Da diverso tempo sono impegnato sulla navigazione sicura nel web

Recentemente ho assunto la funzione di referente per il cyberbullismo nel mio Istituto. Ho iniziato a collaborare con il 3° Municipio-Roma. Infine ho preparato un gruppo di ragazzi per l’esame relativo al Modulo IT Security 2.0 ( Nuova Ecdl).

Proposta
Propongo un corso relativo al suddetto modulo. Il superamento del relativo esame consente al docente di avere tre punti nella graduatoria 2^ e 3^ fascia.
Info:  inviare un messaggio, utilizzando la pagina scrivi

Pubblicato in Corsi | Contrassegnato , , , , , | Commenti disabilitati su Navigazione sicura nel Web

Convegno AID: foto e mia presentazione

img-20161008-wa0009

img-20161008-wa0012

img-20161008-wa0008

Oggi sono intervenuto al Convegno ” La scuola di fronte alla sfida dei DSA”, organizzato dall’AID.
Ho parlato di didattica multimediale e reticolare, spiegando i motivi della sua presenza nell’attività didattica. Didattica multimediale che non può essere identificata con quella digitale.
Di seguito la mia presentazione.
Intervento

Pubblicato in Esperienze, Formazione, Tutti gli articoli | Contrassegnato , , , , , , | Commenti disabilitati su Convegno AID: foto e mia presentazione