Di Maio prima deve abolire il tempo pieno di Tremonti e Gelmini

Di Maio vada oltre

Di Maio deve superare il modello di tempo pieno voluto dal duo Tremonti-Gelmini. Poi…

Di Maio ha annunciato la generalizzazione del tempo pieno. Ma questo tipo di organizzazione è lontana, rispetto a quella prevista dalla L.820/71. La versione attuale è quella voluta dal duo Tremonti-Gelmini. Pertanto, è necessario prima tornare alle origini. Altrimenti…

Continua a leggere

Pubblicato in Classi pollaio | Contrassegnato , , | Commenti disabilitati su Di Maio prima deve abolire il tempo pieno di Tremonti e Gelmini

Abolizione delle classi pollaio, esistono le condizioni, ma…

Abolizione delle classi pollaio

Esistono le condizioni per l’abolizione delle classi pollaio. Eppure…

Abolizione delle classi pollaio esistono le coperture e il sostegno del gruppo-scuola M5S.
Al momento, però la priorità è “scavalcata” da altre che nel contratto di governo, occupavano “una seconda, terza linea”. Sulle classi pollaio, invece siamo ancora al confronto, alla discussione…

Continua a leggere

Pubblicato in Classi pollaio | Contrassegnato , , | Commenti disabilitati su Abolizione delle classi pollaio, esistono le condizioni, ma…

Matteo Salvini una nuova riforma della scuola?

Matteo salvini

Matteo Salvini propone una riforma della scuola! A cosa sta pensando?

Matteo Salvini, ha annunciato una riforma della scuola. Un annuncio che lascia perplessi, perché distante dal contratto di governo e anche dal programma preelettorale della Lega.

Matteo Salvini, una nuova riforma della scuola?

Ieri ha dichiarato Matteo SalviniDobbiamo per forza mettere mano alla scuola e all’università. Da troppo tempo sono diventate serbatoi elettorali e sindacali”. Competenza non vuol dire avere otto pezzi di carta, per questo è necessario riformare anche il valore legale del titolo di studio

Matteo Salvini dimentica il contratto di governo e…

Matteo Salvini ha dimenticato il punto 22 del contratto di governo , dove non ho trovato la riforma del valore legale del titolo di studio. Riassumo gli elementi, molti dei quali riguardano il superamento (abolizione?) della Legge 107/15, ricavandoli dal “blog delle  stelle
revisione del sistema di reclutamento dei docenti; superamento del precariato; efficace sistema di formazione; introduzione di strumenti che tengano conto del legame dei docenti con il loro territorio; superamento della “chiamata diretta”; formazione continua per i docenti; revisione dello strumento di alternanza “scuola-lavoro
Dall’elenco manca l’abolizione delle classi pollaio. La dimenticanza è confermata in altri siti. Inquietante! Eppure nel contratto l’abolizione di questo obbrobrio organizzativo è proposto al 12° rigo, prima della riforma dell’alternanza scuola-lavoro, dell’edilizia… Praticamente all’inizio del capitolo scuola.
Aggiungo: non esiste traccia della revisione del valore legale del titolo di studio nel programma preelettorale della Lega.
E allora verso dove sta guardando M. Salvini? Difficile fare delle ipotesi. Staremo avedere

Pubblicato in Tutti gli articoli | Contrassegnato , , , | Commenti disabilitati su Matteo Salvini una nuova riforma della scuola?

Cyberbullismo i comportamenti ponderati di fronte alle fake news

Cyberbullismo e fake news

Cyberbullismo e fake news, esiste una stretta relazione tra i due fenomeni. Alcune “sagge” indicazioni

Cyberbullismo e fake news, la relazione tra i due fenomeni è stretta. Il bullo online ha bisogno delle fake news. Senza, però la  superficialità del nativo digitale avrebbero vita breve. Occorre la “saggezza digitale” di chi pone la riflessione al primo posto. Alcune indicazioni.

Continua a leggere

Pubblicato in Cyberbullismo, Tutti gli articoli | Contrassegnato , , | Commenti disabilitati su Cyberbullismo i comportamenti ponderati di fronte alle fake news

Il ministro Marco Bussetti sostituito?

Il ministro Marco Bussetti

Il ministro Marco Bussetti sarà sostituito? La decisione, se sarà presa, ha il suo fondamento

Il ministro Bussetti sostituito? Così ipotizza Francesco Giro, deputato di FI:
La riforma della ‘buona scuola’ di Renzi, disconosciuta dallo stesso Pd, appare ancora granitica e oggi ci tocca pure sopportare le prediche della sinistra che solo tre anni fa ce la impose in Parlamento a colpi di maggioranza. Bussetti ha fatto poco e ha fatto molto male: cancellazione dell’alternanza scuola lavoro per drenare risorse da destinare ai contratti, una riforma sconclusionata dell’esame di maturità col tema di storia che va in soffitta, e ora la cancellazione del tirocinio dopo la laurea. Personalmente li avevo accolti con un certo ottimismo e grande fiducia, ma ora non sono meravigliato dai rumors di un loro probabile benservito a primavera dopo la manovra di bilancioIl Ministro Bussetti rischia di essere sostituito?”
Personalmente ho espresso delle critiche sul suo operato. “Ha sposato” la tecnica del cacciavite (Fioroni 2007) ! Strategia poco impegnativa che “mette a punto” il sistema negli aspetti che hanno un  costo zero. Quindi niente “superamento della legge 107/15” ( Contratto di governo) e dei dispositivi voluti dal duo Gelmini-Tremonti (2008-11) che hanno generato il “mostro” delle classi pollaio,…
In compenso rilascia molte interviste, dichiarazioni e presenzia a diverse iniziative. Francamente mi sembra eccessiva quest’attenzione alla comunicazione mediatica a fronte di pochi risultati.

 

 

 

Pubblicato in Opinioni | Contrassegnato , , | Commenti disabilitati su Il ministro Marco Bussetti sostituito?

La bassa considerazione degli insegnanti non stupisce

La bassa considerazione

La scarsa considerazione degli insegnanti non stupisce, se consideriamo il Nulla che abbiamo davanti a noi.

La considerazione degli insegnanti peggiora. In caduta libera! Fino a qualche giorno l’impressione non era supportata da una percentuale. Ora è disponibile e possiamo quantificare la nostra irrilevanza. Non poteva essere diversamente, se davanti abbiamo il Nulla!

La considerazione degli insegnanti ha una percentuale!

La considerazione degli insegnanti ha una percentuale. Rimanda a un profilo demansionato. Spesso associato a quello di un parcheggiatore che deve controllare e custodire le vetture (=alunni e studenti). Si legge sul “Fattoquotidiano.it ” …la conferma arriva dalla seconda edizione del Global Teacher Status Index che ha valutato la reputazione sociale degli insegnanti dalle elementari alle superiori in 35 Paesi. Lo status dei docenti in Italia è fra i peggiori nel mondo: siamo fanalino di coda in Europa e, nella classifica generale, solo IsraeleBrasile si collocano più in basso. Il nostro Paese, infatti, è al 33° posto su 35. Rispetto all’indagine condotta nel 2013 la situazione è anche più preoccupante. Il nuovo rapporto conferma che qualcosa sta cambiando e non certo in meglio. Diminuisce il rispetto nei confronti dei docenti: solo il 16% degli italiani intervistati ritiene che gli alunni rispettino i propri insegnanti (cinque anni fa erano il 20%). Si tratta del sesto dato più basso e del più basso in assoluto tra le grandi economie europee. Un altro mondo, è il cado di dirlo, quello dei paesi asiatici: in Cina, per esempio, l’81% degli intervistati ritiene che gli alunni rispettino i propri insegnanti“.

Tutto parte dalla morte dell’uomo

La percentuale e il posto occupato dagli insegnanti sono il risultato di un contesto che considera l’istruzione uguale a zero. Come al solito, voliamo alto, seguendo il consiglio di F. Hegel ” Non osservare l’albero, ma la foresta!”.
Perché l’istruzione dovrebbe contare, quando davanti ha il Nulla che si declina nella morte di Dio (F. Nietzsche)? Si legge nella Gaia Scienza “Dove se n’è andato Dio? – gridò – ve lo voglio dire! Siamo stati noi ad ucciderlo: voi e io! Siamo noi tutti i suoi assassini! Ma come abbiamo fatto questo?” Questo “congedarsi da Dio” apre un inquietante scenario: il Nulla sul quale l’oltreuomo (simbolo, più che una persona fisica) deve costruire il suo “stare sulla terra” (nichilismo attivo) abbandonando le illusioni del pensiero giudaico-cristiano . Il suo imperativo è “la fedeltà alla terra”, accettando lo spirito dionisiaco, come paradigma dell’esistenza oltre Dio.
L’impresa è risultata fallimentare, aprendo lo scenario non previsto da Nietzsche della conseguente morte dell’uomo. Egli è diventato un ente, perdendo la prospettiva dell’Essere (M. Heidegger).  L’uomo è rimasto solo di fronte al Nulla!

Se il Nulla è la prospettiva, l’istruzione non ha senso

Siamo di fronte a una prospettiva che ha “ucciso”, tra l’altro, anche l’esser-ci (l’uomo come progetto aperto), e quindi la dimensione del futuro, riducendo tutto a un presente onnicomprensivo. Quindi all’interno di questo scenario dominato dalle passioni tristi (B. Spinoza)  che senso ha parlare di formazione dell’uomo e del cittadino? Quale significato può avere ancora l’educazione se il futuro è stato espulso, diventando insignificante? Il tramonto dell’educazione, ovviamente favorisce anche la percezione degli insegnanti, come soggetti “fuori storia”, consegnandoli all’irrilevanza e quindi alla scarsa considerazione. E’ una lettura “alta” della nostra condizione! Ovviamente, non esaustiva per comprendere la “nostra retrocessione”.

Pubblicato in Opinioni, Tutti gli articoli | Contrassegnato , , | Commenti disabilitati su La bassa considerazione degli insegnanti non stupisce

L’analfabetismo digitale dei nativi digitali

 

L'analfabetismo digitale

L’analfabetismo digitale dei nativi digitali è confermato. Non è una novità!

L’analfabetismo digitale dei nostri ragazzi non è una novità. L’esperienza diretta conferma il contenuto dell’articolo. Interessante!

Continua a leggere

Pubblicato in Nativo digitale, Tutti gli articoli | Contrassegnato , , | Commenti disabilitati su L’analfabetismo digitale dei nativi digitali

Il Ministro Bussetti un ottobre con scarsi risultati

Il Ministro Bussetti

Tanto parlare, girare con pochi risultati e un sonoro no.

Il Ministro Bussetti, gira molto e rilascia lunghe interviste. Un interessante report di V. Pascuzzi documenta l’intensa attività del Ministro. Purtroppo, l’elenco presenta pochi “fatti”.

Continua a leggere

Pubblicato in Ministro bussetti | Contrassegnato , , | Commenti disabilitati su Il Ministro Bussetti un ottobre con scarsi risultati

Più tempo pieno al Sud buona soluzione ma…

 

Più tempo pieno

Più tempo pieno al sud. Buona l’idea, ma non con l’attuale configurazione.

Più tempo pieno al Sud, l’ipotesi è pienamente condivisibile, ma occorre riportare la modalità organizzativa al dettato della Legge 820/71, favorendo tutte quelle soluzioni pensate per conseguire il diritto allo studio sostanziale (art 3 e 34 della Costituzione italiana).

Continua a leggere

Pubblicato in Tutti gli articoli | Contrassegnato , , | Commenti disabilitati su Più tempo pieno al Sud buona soluzione ma…

Web 2.0 il diritto all’oblio la saggia risposta digitale

Web 2.0

Il Web 2.0 è un’immensa piazza di condivisione. Nasconde, però un pericolo. La risposta più efficace e saggia e il diritto all’oblio.

Il Web 2.0 rappresenta una grande opportunità. Purtroppo presenta anche una parte oscura, dove si annidano anche i cyberbulli. Il diritto all’oblio rappresenta la risposta più saggia.

Web 1.0 quando tutto iniziò

Il Web 2.0 non ha rappresentato l’inizio della grande avventura. Questa inizia nel 1994 con la versione del Web 1.0! I siti erano rappresentati da homepage, traduzione online di brochure aziendali. In questo contesto di Web 1.0 l’internauta poteva solo visitare, leggere pagine, ma non interagire. La comunicazione era di tipo verticale e unidirezionale (dall’alto verso il basso), configurazione poco adatta ad un rapporto diretto con il cliente. L’unica forma di interazione era rappresentata dal servizio di posta elettronica, dal fax.

Il Web 2.0 l’evoluzione e i suoi problemi

Dal 2005 il modello 1.0 fu progressivamente sostituito da uno improntato all’interazione, condivisione, partecipazione (Web 2.0). Fu possibile grazie allo sviluppo della tecnologia, alla nascita di servizi e applicazioni. In questo nuovo contesto l’utente assume una doppia funzione: fruitore e autore. M. Riva definisce magistralmente questa condizione con l’espressione di “Spettautore”. Ora, uno strumento o una nuova opportunità possono portare a risvolti negativi. Mi riferisco alla “cattiva condivisione”, perché rivolta contro qualcuno. E il caso dei cyberbulli.
In alcuni casi gli effetti sono devastanti, e qualche volta si diventa consapevoli del potere distruttivo delle parole (Carolina Picchio) e delle immagini solo dopo “il fattaccio”. La causa risiede nell’immaturità e nell’analfabetismo digitale dell’internauta. La superficialità, paradigma del contesto post-moderno, si trasferisce nella Rete 2.0 con effetti, nello specifico del “nativo digitale” (M. Prensky), decisamente distruttivi sulla vittima.
Siamo di fronte al lato oscuro del Web 2.0, parafrasando un noto album dei Pink Floyd, siamo di fronte al “Dark side of the moon”.

Il diritto all’oblio

Da qui torna utile il nuovo diritto all’oblio sancito dal GDPR e prima ancora dalla legge 71/17 (“Lotta al contrasto del cyberbullismo”). Concentriamoci qui su quanto sancito dal Nuovo Regolamento per la protezione dei dati personali. Recita l’art 17 “L’interessato ha il diritto di ottenere dal titolare del trattamento la cancellazione dei dati personali che lo riguardano senza ingiustificato ritardo e il titolare del trattamento ha l’obbligo di cancellare senza ingiustificato ritardo i dati personali, se sussiste uno dei motivi seguenti:…i dati personali sono stati trattati illecitamente” Il passaggio riguarda i casi di cyberbullismo. Il diritto all’oblio non è nuovo. In altri termini non compare la prima volta nel GDPR e nella legge 71/17.  Il primo riferimento, anche se sfumato, è la Carta di Nizza (2000) dal quale discende il Trattato di Lisbona (2007). Si legge all’art 7 dei suddetti documenti “Ogni persona ha diritto al rispetto della propria vita privata e familiare…Il passaggio risulta  particolarmente calzante nei casi di cyberbullismo, che necessita dell’uso improprio e devastante dei dati personali della vittima. In altri termini, il cyberbullismo rimanda ad un atteggiamento aggressivo e/o di molestia ripetuta a danno di una vittima. Per i gestori dei siti, blog, servizi dell’informazione l’oblio non si limita alla cancellazione di dati, ma coinvolge anche un atteggiamento ad ignorare a disinteressarsi della persona in prospettiva futura.

L’oblio la “saggia” risposta digitale 

Quindi il diritto all’oblio, espressione di un desiderio ad essere cancellati, “dimenticati” può essere considerato come una manifestazione in controtendenza all’immortalità nel Web, che si declina nella permanenza dei dati personali nel virtuale. Agendo in questo modo si esprime una personalità ben caratterizzata e autonoma, rispetto al trend attuale, dove spesso si tende alla superficialità dei comportamenti che dimentica gli effetti di post “immortali sulla propria reputazione online. Il diritto all’oblio rappresenta la risposta più efficace che può mettere in atto la vittima di cyberbullismo. E l’esemplificazione di quanto dichiarato da M. Prensky, quando definiva la saggezza digitale anche come capacità critica di utilizzare responsabilmente e in modo adulto i nuovi scenari proposti nel Web.
Recentemente il nostro ordinamento giuridico ha stabilito la soglia dei quattordici anni come l’età di iniziazione a questo stadio di saggezza digitale. Mi riferisco al decreto attuativo (101/18) del GDPR che ha stabilito la possibilità per il quattordicenne di esprimere un consenso adulto al trattamento di dati personali. Prima ancora il limite dei quattordici anni era stato introdotto dalla legge 71/17 (art. 2) per la richiesta autonoma al gestore del sito o servizio e poi al Garante della Privacy, finalizzata alla rimozione di dati (diritto all’oblio). Ovviamente mettere in pratica questi comportamenti esprime un grado di maturità che non sempre è presente in un quattordicenne. La saggezza digitale è un processo lungo che può iniziare solo avendo adulti informati e formati. Purtroppo oggi si tende a lasciare soli i nostri ragazzi, in balia del tam-tam della Rete, prodotto da coetanei o da utenti più grandi, ma non sempre propositivi.

 

Pubblicato in Cyberbullismo | Contrassegnato , , | Commenti disabilitati su Web 2.0 il diritto all’oblio la saggia risposta digitale

Scuole chiuse pessime conferme!

Scuole chiuse

Scuole chiuse. Pessimo messaggio per la scuola e gli insegnanti!

Scuole chiuse, in molti centri, per allerta meteo. Anche la Sindaca V. Raggi ha adottato il medesimo provvedimento. Le inevitabili critiche rivelano il nostro profilo demansionato.

Continua a leggere

Pubblicato in Sicurezza | Contrassegnato , , | Commenti disabilitati su Scuole chiuse pessime conferme!

Il Ministro Bussetti strizza l’occhio alla Lega

Il Ministro Bussetti

Ministro Bussetti non rincorra scenari futuri incerti. Si concentri sui guai del presente!

Il Ministro Bussetti proviene dalla Lega. Ovviamente egli esprime una maggiore attenzione ai temi di questo gruppo politico. Minore coinvolgimento, invece  verso quelli   da abrogare, votati  dalla Lega (2008) e riguardanti le classi pollaio.

Continua a leggere

Pubblicato in Classi pollaio | Contrassegnato , , | Commenti disabilitati su Il Ministro Bussetti strizza l’occhio alla Lega

Ministro Bussetti, nel suo elenco manca…

Ministro Bussetti

Il Ministro parla di tutto, evitando di guardare verso “la pole position”

Il Ministro Bussetti pubblicizza i risultati conseguiti e rende noti gli obiettivi da conseguire. Tutto importante! Manca, però, il punto che occupava la pole position nel contratto di governo: l’abolizione delle classi pollaio.

Continua a leggere

Pubblicato in Classi pollaio | Contrassegnato , , | Commenti disabilitati su Ministro Bussetti, nel suo elenco manca…

La reputazione online necessita di una scelta strategica

La reputazione online

La reputazione online un impegno complesso. Occorre iniziare dalla preadolescenza.

La reputazione online deve essere ben curata, posta al centro dell’attenzione di chi naviga nel Web. L’importanza della comunicazione multimediale propria e altrui. La sua centralità in assenza del corpo.

Continua a leggere

Pubblicato in Identità digitale | Contrassegnato , | Commenti disabilitati su La reputazione online necessita di una scelta strategica

Le classi pollaio contesti dove regna la superficialità

Classi pollaio

Le classi pollaio sono la migliore rappresentazione del tramonto della persona.

Le classi pollaio, una pessima soluzione organizzativa dove è  difficile incontrare la persona. Esprime la rinuncia alla profondità, a vantaggio di una pedagogia che riduce tutto a prestazione, a omologazione del soggetto educante…

Continua a leggere

Pubblicato in Classi pollaio | Contrassegnato , , | Commenti disabilitati su Le classi pollaio contesti dove regna la superficialità

Pensione quota 100 elaborazione Snals

 

Pensione quota 100

Pensione quota 100, finalmente dei dati sui quali ragionare.

Pensione quota 100  il sindacato SNALS ha elaborato un’ interessante tabella ad hoc per il comparto scuola. Chi è interessato e si trova quasi “fuori dall’uscio” può fare le considerazioni e le riflessioni sul suo futuro.

Continua a leggere

Pubblicato in Pensione | Contrassegnato , , | Commenti disabilitati su Pensione quota 100 elaborazione Snals

Classi pollaio forse riusciremo ad abolirle

Classi pollaio

Classi pollaio forse riusciremo ad abolirle. Difficile, ma non impossibile.

Classi pollaio, forse qualcosa si farà. E’ scritto nel Def.
Ho qualche perplessità, considerato il contesto. Ma come si dice: “la speranza è l’ultima a morire”.
Continua a leggere

Pubblicato in Classi pollaio | Contrassegnato , , | Commenti disabilitati su Classi pollaio forse riusciremo ad abolirle

Bullismo”Spegni il cellulare, accendi il cuore”

Bullismo

Un interessante “corto” realizzato con la partecipazione dei ragazzi

Bullismo, segnalo un interessante  “corto” che fotografa efficacemente il fenomeno.
Nulla di nuovo sotto il sole. Ma l’iniziativa ha il pregio di “tenere viva” l’attenzione
Continua a leggere

Pubblicato in Cyberbullismo | Contrassegnato | Commenti disabilitati su Bullismo”Spegni il cellulare, accendi il cuore”

Collaborazione con Team TOUCH M.E.

Collaborazione

A breve disponibile il pacchetto formativo con il Team TOUCH M.E.

Ho accettato l’invito di collaborazione  con il Team TOUCH M.E. nella progettazione e realizzazione di percorsi formativi
Continua a leggere

Pubblicato in Corsi | Contrassegnato , | Commenti disabilitati su Collaborazione con Team TOUCH M.E.

La “saggezza digitale” incontra il pensiero argomentativo

"La saggezza digitale"

Occorre puntare al vertice della piramide dove si trova la “saggezza digitale” con l’aiuto della “parola argomentata”

“La saggezza digitale” espressione coniata da M. Prensky, non cerca l’uniformità, ma la difformità.  Seleziona ambienti e gruppi che possano integrare le sue convinzioni. La funzione della  parola e del pensiero argomentativo nel Web.
Continua a leggere

Pubblicato in La saggezza digitale | Contrassegnato , , | Commenti disabilitati su La “saggezza digitale” incontra il pensiero argomentativo

Cyberbullismo apertura E.L.I.S.A Piattaforma E-learning

E.L.I.S.A

Finalmente dal Miur una buona notizia. Aperta la Piatatforma E.L.I.S.A

Cyberbullismo, finalmente fra una settimana sarà disponibile la Piattaforma E.L.I.S.A.
(Elearning degli Insegnanti sulle Strategie Antibullismo)
L’iniziativa risponde alle indicazioni di formazione, previste per il referente al contrasto del cyberbullismo (Legge 71/17).

La proposta è articolata in 4 corsi.
1)”Bullismo e cyberbullismo: conoscenza, valutazione e indicazioni per la prevenzione”

2)”Percorsi di prevenzione universale”.

3)“Cyberbullismo: gli aspetti giuridico-legali”.

4) Percorsi di Prevenzione Indicata”.

Interessante iniziativa da cogliere al volo.
Di seguito il video di presentazione della Piattaforma e del primo corso

Immagine anteprima YouTube

Immagine anteprima YouTube

 

 

 

 

Pubblicato in Cyberbullismo | Contrassegnato , , | Commenti disabilitati su Cyberbullismo apertura E.L.I.S.A Piattaforma E-learning

No alla classe pollaio la sentenza e il sindacalismo dei genitori

No Classe pollaio

No alla classe pollaio, grazie alla testardaggine dei genitori. Un esempio di “sindacalismo pedagogico”

No classe pollaio, arriva una nuova sentenza del T.A.R. della Toscana. Conferma una stortura pedagogica rispetto alla nostra Costituzione e al D.M. 81/09. Risultato ottenuto grazie alla caparbietà dei genitori.

No alla classe pollaio, la supplenza pedagogica della magistratura

È di questi giorni l’ultima sentenza della magistratura amministrativa contro il virus delle classi pollaio.
Ecco il testo 
I passaggi significativi sono:
1)”il diritto all’educazione e all’istruzione, sancito dall’art. 12 della legge n. 104/1992, costituisce un diritto fondamentale del minore, che trova superiore riconoscimento nell’art. 38 co. 4 Cost….;
2)”l’obiettivo primario resti quello della massima tutela possibile degli interessati all’istruzione e all’integrazione nella classe e nel gruppo scolastico…”
3)”l’art. 5 co. 2 del D.P.R. n. 81/2009 stabilisce che “2. Le classi iniziali delle scuole ed istituti di ogni ordine e grado, ivi comprese le sezioni di scuola dell’infanzia, che accolgono alunni con disabilità sono costituite, di norma, con non più di 20 alunni, purché’ sia esplicitata e motivata la necessità di tale consistenza numerica, in rapporto alle esigenze formative degli alunni disabili, e purché il progetto articolato di integrazione definisca espressamente le strategie e le metodologie adottate dai docenti della classe, dall’insegnante di sostegno, o da altro personale operante nella scuola.
Come già osservato in fase cautelare, il figlio della ricorrente …., è stato inserito in una prima classe di liceo composta da trentuno alunni, per di più con la presenza di altro alunno ……-, senza che l’amministrazione scolastica abbia in alcun modo documentato l’esistenza delle condizioni per la deroga al contingente numerico indicato dalla norma appena richiamata.”

L’azione pedagogica dei genitori sindacalisti

Grazie alla caparbietà e alla volontà di non accettare l’esistente, i genitori dell’alunno hanno ottenuto la condizione migliore perché il proprio figlio, in ottemperanza alla Costituzione, riceva la migliore formazione possibile. L’obiettivo fa parte del “bagaglio dell’oltre” di ogni genitore. In altri termini, il desiderio di un figlio guarda al futuro, apre alla prospettiva. Ora l’educazione e la formazione costituiscono due condizioni fondamentali, perché la dimensione dell’oltre non sia assimilabile al presente, aprendo allo sviluppo. Solo questo favorisce la discontinuità con l’oggi, prospettando un’alterità  nobilitante l’esistenza umana. Siamo di fronte a genitori che non accettano la funzione di semplici erogatori di cibo, vestiario…
Siamo di fronte ad una forma di sindacalismo genitoriale diverso da quello molto diffuso che spesso  amplifica situazioni di poco conto, giungendo a  “difendere contro ogni evidenza”  i diritti del proprio figlio.
Se tutti i genitori assumessero questa funzione assimilabile ad un “sindacalismo pedagogico”, si favorirebbe la condizione di una scuola realmente inclusiva e di qualità.

Pubblicato in Classi pollaio | Contrassegnato , , , | Commenti disabilitati su No alla classe pollaio la sentenza e il sindacalismo dei genitori

Il ministro Bussetti smentisce il taglio. Attendiamo

ministro Bussetti

Tante le dichiarazioni. Taglio, risparmio o rilancio per l’istruzione? Lo sapremo tra qualche giorno

Il ministro Bussetti ha confermato che non ci saranno tagli per l’istruzione.  A breve entrerà in scena la legge di Bilancio 2019 e quindi le chiacchiere, le dichiarazioni lasceranno il posto alle riflessioni sul documento. Ovviamente si spera in un #cambioverso rispetto agli anni precedenti.

Il Ministro Bussetti mantiene il punto

Qualche settimana fa il Ministro ha dichiarato al giornalista Massimo Giannini “Credo proprio che tagli alla pubblica istruzione non ce ne saranno“. Apparentemente è una buona notizia, ma se la contestualizziamo al trend di questi ultimi anni, allora il giudizio è più sfumato. Tanto per fare un esempio, il comparto istruzione soffre ancora del “prelievo forzoso” di 8 miliardi di €, operato dalla coppia Gelmini-Tremonti (2008) e mai restituitio dai governi Monti, Letta, Renzi e Gentiloni.  Ne consegue che il mantenimento dello status quo del ministro, non può essere accolto positivamente.
Ma andiamo avanti.
Qualche giorno fa su tecnicadellascuola.it è apparso un articolo che prospettava tagli, smentendo così il Ministro Bussetti.
La reazione del responsabile del Miur non si è fatta attendere. “Assolutamente no”, ha detto il titolare del Miur: il Def non sacrifica risorse per l’istruzione. Non si è trattato di un taglio di fondi   ma di una riorganizzazione e una redistribuzione delle risorse, ispirata a criteri e necessità diverse da quelle precedenti.”
Ovviamente l’opposizione attraverso la senatrice Malpezzi  la pensa diversamente. Non poteva essere diversamente. E’ la funzione dell’opposizione, di ogni opposizione prospettare un’altra verità.

La legge di Bilancio 2019 dirà molto sull’istruzione

Fin qui le dichiarazioni. Ognuna esprime una speranza, una volontà di piegare la realtà ai propri interessi… Questo giochino delle “parole al vento”, terminerà quando il 15 ottobre tutto sarà chiaro. Per quella data conosceremo i contenuti della Legge di Bilancio 2019. Solo dopo aver letto il documento, potremo esprimere una valutazione certa e fondata sulle carte.
Sicuramente il testo della legge di Bilancio certificherà il “peso politico” del Miur, che non dimentichiamo rimanda alla ricchezza del nostro Paese: la formazione! In mancanza di materie prime, l’istruzione rappresenta, infatti,  l’unica risorsa  per progredire. L’eventuale mancanza di un cambio di rotta dell’istruzione da bancomat a risorsa, porterà il nostro Paese all’inevitabile declino. Cui prodest?

Pubblicato in Opinioni | Contrassegnato , | Commenti disabilitati su Il ministro Bussetti smentisce il taglio. Attendiamo

La previsione ottimistica del Ministro è stata smentita

Ministro

Il Ministro smentito? Non eviterà, pare, il contributo per le riforme-spot

Il Ministro aveva dichiarato, quasi sperando, che l’istruzione sarebbe rimasta fuori dall’inevitabile “tsunami” fatto di risparmi e tagli per coprire le riforme-spot. E invece, come era facilmente prevedibile, la scuola si conferma un bancomat.

La dichiarazione ottimistica del Ministro

Scrivevo qualche settimana fa: “Il Ministro Bussetti ha dichiarato a M. Giannini:”Credo proprio che tagli alla pubblica istruzione non ce ne saranno“. La suddetta dichiarazione però, a differenza di altre, presenta una prospettiva: nessun taglio per l’istruzione! Punto… È sicuramente una buona notizia, se teniamo conto dello “tsunami economico” che l’amministrazione pubblica subirà, per finanziare flat tax, reddito di cittadinanza e riforma della legge Fornero.”

Una speranza delusa

L’auspicio purtroppo è rimasto tale. Le riforme-spot (Reddito di cittadinanza, Riforma della legge Fornero e flat tax), in presenza di un debito pubblico superiore al 100%, non possono essere indolori nei costi. Queste potranno essere realizzate grazie al mix di risparmi e tagli. Inevitabilmente i destinatari sono anche i Ministeri e in generale la Pubblica Amministrazione. Tra questi ovviamente c’è anche il Miur.
Pare che il comparto Istruzione dovrà contribuire con un taglio di 110 milioni di €, che riguarderà il dimezzamento delle ore di alternanza, la riduzione del 20% della carta docente e  del Fondo di finanziamento degli istituti

Il commissariamento del Miur 

Lo avevo previsto! “La manovra del popolo” avrà ricadute negative sulla scuola. Il Miur sarà commissariato dal Mef. Non potrà spendere, effettuare investimenti e attuare riforme costose. Un esempio: le classi pollaio! La loro abolizione ha dei costi crescenti, così come riportato dal relativo disegno di legge. All’art. 1 si legge: ” 338.500.000 euro per l’anno 2019, a 1.180.000.000 di euro per l’anno 2020, a 1.715.100.000 euro per l’anno 2021 e a 2.130.000.000 di euro a decorrere dall’anno 2022
Considerato quindi il contesto, il Ministro Bussetti si limiterà a proporre soluzioni a costo zero. E l’approccio del “cacciavite” alle riforme risulta coerente con la situazione. Si effettuano aggiustamenti che non comportano costi.

Una breve considerazione

Se queste ipotesi saranno confermate nella legge di Bilancio 2019, allora potremo affermare che la scuola continuerà a contare poco. Come al solito! Nonostante i tanti moniti, anche autorevoli. L’ultimo in ordine di tempo del governatore Visco.
Si potrà dire che questo governo guarda molto al “futuro politico”, che ha uno sviluppo temporale di cinque anni. Al termine del quale, deve esibire i risultati prodotti. La formazione, invece, ha tempi più lunghi. Il suo futuro prevede una prospettiva più lunga che non coincide con la durata di una legislatura.
Il “#cambioverso”  risulterà un hashtag vuoto, ma utile per la campagna elettorale. Cosa ci rimane? Un pugno di mosche!

Pubblicato in Opinioni | Contrassegnato , , | Commenti disabilitati su La previsione ottimistica del Ministro è stata smentita

Formare l’identità digitale, la grande sfida!

identità digitale

La formazione dell’identità digitale non si riduce alla conoscenza di algoritmi. Rimanda alla sfera dell’educazione.

Formare l’ identità digitale , la grande sfida per la scuola e non solo. Diversa da quella fisica, anche se collegata. E’ un’opportunità per dare senso e sistematicità a tanti progetti. Gli aspetti significativi di questo profilo liquido, ma immortale.

L’identità digitale stenta ad affermarsi

Da sempre il conseguimento dell’identità fisica ha rappresentato un elemento di certezza! Quasi sempre definita, anche se “in progress”. E’ costituita da esperienze, riflessioni, che quasi sempre necessitano del corpo per raggiungere il loro scopo comunicativo.
Oggi a questa si affianca quella digitale, che sfugge sistematicamente alle attenzioni della scuola, della famiglia. Uno dei motivi deriva dalla concezione strumentale che accompagna molti progetti di informatica. Quasi sempre l’aspetto formativo, quello profondo non emerge, lasciando lo spazio ad una certa frammentarietà e riduzione del tutto ad un insieme di procedure.

L’identità digitale è la vera sfida

L’attenzione e il perseguimento di questo mega-obiettivo permette di andare oltre l’algoritmo, necessario ma non sufficiente a caratterizzare l’approccio educativo della scuola. La costruzione di un’identità digitale costruttiva si coniuga perfettamente con l’orizzonte  delineato dalla “saggezza digitale” (M. Presky). Questa si definisce tra l’altro, come la consapevolezza del valore aggiunto delle tecnologie ad “aumentare la mente”, step intermedio per la formazione, mai chiusa, dell’identità digitale.

Il ruolo della comunicazione scritta  per la formazione dell’identità digitale

Il fondamento di questo profilo 2.0 è la comunicazione multimediale. Questa, pur caratterizzata dalla simultaneità di linguaggi, conferma la centralità dello scritto. Questo posizionamento strategico è dato dalla prevalente assenza dei metamessaggi del corpo ( intonazioni e inflessioni della voce, postura, sguardi…). Da qui la necessità che la comunicazione scritta sia formalmente corretta. Nello stesso tempo  occorre essere consapevoli  che la parola nel web è eterna e raggiunge un pubblico molto più ampio, contribuendo significativamente alla costruzione di un’identità che si basa, in assenza del corpo,  sulle sensazioni.

 Necessaria anche un’adeguata riflessione

A questo aggiungo che l’identità digitale si basa sulla riflessione delle scelte che rifuggono dal comportamento compulsivo di cliccare “I like” e che prima di condividere e commentare  post ne verificano la fondatezza culturale, scientifica. La creazione e la diffusione  di fake news comporta conseguenze che possono compromettere anche in un tempo lungo  la reputazione online di una persona, fino ad arrivare di compromettere chiamate di lavoro. Ovviamente la stessa cura deve riguardare anche foto e video che devono essere coerenti con l’avatar e le notizie della propria biografia. Non ultima anche la saggia riflessione di cosa condividere di sé con il grande pubblico silenzioso, ma attento lettore e osservatore,  del Web.

I rischi esterni per la costruzione di un’identità digitale

Fin qui le azioni che afferiscono al soggetto e che rimandano al concetto più generale della “cura”. Lo stesso approccio occorre porre di fronte ai pericoli esterni: furto di identità, cyberbullismo… Da qui la necessità di acquisire una’adeguata consapevolezza dei rischi che possono compromettere l’identità digitale, attivando una serie di protezioni ( aggiornamenti del S.O. presenza di un antivirus ricco di funzioni, password complesse…), rifiutando “la richiesta di connessione” (=amicizia)…
Potrei continuare, ma ritengo di aver dato un’idea dell’impegno complesso che comporta la costruzione di un’identità digitale, che la scuola e la famiglia non possono ignorare. E’ in gioco il futuro dei nostri figli, categoria che rimanda necessariamente all’identità.

 

Pubblicato in Informatica, Tutti gli articoli | Contrassegnato , , | Commenti disabilitati su Formare l’identità digitale, la grande sfida!

Paolo Crepet cade in contraddizione

Paolo Crepet

Il noto psichiatra esprime una certa ambiguità sulla condizione e degli insegnanti.

Paolo Crepet ha rilasciato una nuova intervista. Si evidenzia una profonda contraddizione con un’altra di qualche giorno fa. Occorre che egli chiarisca da che parte si colloca rispetto alla nostra condizione.

Paolo Crepet l’ultima intervista

Paolo Crepet sta rilasciando diverse interviste. Non sempre rimandano ad un pensiero unitario. E’ il caso di quella pubblicata su tecnicadellascuola.it:
Dagli anni ’70 sono entrate le famiglie. E questo è stato un disastro, perché ognuno si sente alla pari di chi insegna da 30 anni”. Si entra nelle aule  e si inizia a sindacare sui voti, sul 4 o 5 al figlio o al nipote. Così si forma un insana competizione”. Negli anni è venuto a mancare il potere d’acquisto. Ai miei tempi il maestro era un signore. Oggi con 1200-1300 euro al mese l’insegnante è un poveraccio. Per cui le famiglie pensano che ‘quello non è un insegnante. E’ uno sfigato!”.

Paolo Crepet entra in contraddizione

La dichiarazione registra situazioni e rapporti che gli insegnanti vivono ogni giorno. Risulta, però  contraddittoria rispetto ad un’altra, commentata su questo blog e sintetizzata in questo passaggio: Gli insegnanti devono tornare a fare gli educatori, non gli istruttori” Scrivevo che il suddetto pensiero giustificava il demansionamento della nostra funzione, divenuto ormai  uno schema mentale diffuso. Di fronte a questa ricollocazione in un contesto valoriale senza istruzione, il giusto riconoscimento economico è quello criticato ( 1200-1500) da Paolo Crepet. Il noto psichiatra, inoltre, quando dichiara “La scuola deve tornare a produrre educazione, perché l’istruzione si può avere anche studiando a casa o in qualsiasi altro posto” offre una sponda a coloro che hanno sostituito il termine “insegnante” con “missionario”, “volontario dell’educazione”. Da qui la percezione di un profilo lavorativo ibrido, che favorisce l’indeterminatezza del proprio ruolo.  Lo step finale è quello di attribuire all’insegnanter il profilo di sfigato (Crepet).
Invito lo psichiatra che ben conosce la “fatica” e la complessità dell’essere umano e il difficile compito a formare “l’uomo e il cittadino” a chiarire il suo pensiero. Dopo potremo trarne le dovute conclusioni! Nella peggiore delle ipotesi, avremo un’ulteriore conferma del nostro declassamento. Quindi nulla di nuovo sotto il sole!

Pubblicato in Opinioni | Contrassegnato , , | Commenti disabilitati su Paolo Crepet cade in contraddizione

P.Crepet una conferma del nostro demansionamento

P. Crepet

L’intervista del noto psichiatra prospetta un preoccupante demansionamento dell’insegnante

P.Crepet noto psichiatra e molto presente nel talk-show. Con sconcertante sintesi, senza qualche ambiguità conferma il nostro ruolo nella società dell’iperconnessione. Ne usciamo male!

P. Crepet, l’intervista-verità

Su “Notizie” (Diocesi di Carpi) P. Crepet ha rilasciato un’intervista che esprime una convinzione  diffusa, anche se non sempre esplicitata, della nuova funzione del docente nella società 2.0 e iperconnessa. Ha dichiarato: “Siamo tutti impotenti di fronte a certe situazioni. Il fallimento della scuola nasce anche da questo. Non serve a niente sospendere gli studenti, mandarli a casa o bocciarli. Bisogna educarli, non mandarli a spasso quindici giorni. Gli insegnanti devono tornare a fare gli educatori, non gli istruttori – afferma lo psichiatra I ragazzi vanno educati, non istruiti. La scuola deve tornare a produrre educazione, perché l’istruzione si può avere anche studiando a casa o in qualsiasi altro posto. La scuola negli ultimi tempi è sembrata privilegiare unicamente la sua funzione di centro d’istruzione. L’educazione prevede delle regole. Se queste saltano, salta l’intero impianto. 

Il ruolo deprimente del docente

Diversi sono i messaggi! Fra tutti il demansionamento del docente, ridotto a educare senza istruzione. Se quest’ultima dimensione è assente, rimane solo la proposizione di un sistema di valori etici, ritenuti adeguati a definire il profilo del “bravo e onesto cittadino”. Caratteristiche ritenute un l’argine contro le barbarie dell’ego senza limiti. E chi meglio dei docenti, quasi sempre accostati al mondo del libro “Cuore”, può assolvere questo compito?
Questo approccio  leggero, privo di contenuti, è favorito dalla percezione storica di soggetti (=i docenti)  incapaci di trasmettere efficacemente istruzioni e abilità o dalla convinzione che l’istruzione sia un “bagaglio culturale” a bassa complessità. Quindi qualunque agenzia è in grado di trasmetterli. Da qui l’inutilità della scuola come soggetto che “forma l’uomo e il cittadino”
P. Crepet. probabilmente senza saperlo, cade nella “legge del pendolo” che ha caratterizzato la scuola, soprattutto quella primaria dal 1861 al 1985. In sintesi, le riforme e i programmi hanno oscillato sempre tra due estremi: istruzione ed educazione. L’uno escludeva l’altro e viceversa, in una contrapposizione che vedeva l’altro polo quasi “come un male assoluto”. L’intervista di P. Crepet, però va oltre la tradizione,  indicando l’educazione come dimensione pervasiva di tutto il ciclo scolastico, e non solo come “fondamento e coronamento” della scuola primaria.

Contrapposizione inutile e superata 

Lo sviluppo della psicologia costruttivistica (P. Ausubel) ha da tempo superato questa contrapposizione, individuando una  sintesi tra le due realtà.
In altri termini, “tutto è educazione”. Il compito della scuola non è quello di puntare all’educazione a 360°. All’istituzione scolastica è affidata una parte “di questa torta” alla quale deve dare una forma attraverso la proposizione di modelli  in grado di leggere e sviluppare l’umano e interagire con la realtà circostante. E’ sempre stato così. Mi auguro che lo sia in futuro. Diversamente è consigliabile “chiudere la scuola”!

Pubblicato in Opinioni | Contrassegnato , , | Commenti disabilitati su P.Crepet una conferma del nostro demansionamento

Le classi pollaio e l’assenza della profondità pedagogica

 

Classi pollaio

Le classi pollaio sono un esempio del pensiero post-moderno che ha espulso il futuro

Le classi pollaio sono l’espressione di una “visione corta” che nulla a che fare con la formazione della persona e del cittadino (Costituzione). È il limite del finanzcapitalismo (L. Gallino) che ha colonizzato anche la scuola. Senza una fuoriuscita da questa prospettiva, esiste solo la fine della scuola!

Le due dimensioni delle classi pollaio 

Il fenomeno delle classi pollaio presenta due dimensioni: legislativa e pedagogica.
La prima riguarda la decisione politica (scellerata) di un Paese che decide di introdurre con una norma un tipo di organizzazione che risponde al criterio economico dell’ottimizzazione. La legge 133/08 e il conseguente D.M. 81/09 rappresentano l’esemplificazione del finanzcapitalismo (L. Gallino) che ha portato, tra l’altro, alla formalizzazione delle classi pollaio. Operazione riuscita, grazie alla riduzione del personale docente ( 87.000) e all’innalzamento di un punto nel rapporto medio studenti/insegnante.
Gli effetti sono facilmente registrabili. E’ sufficiente leggere e informarsi sugli atti normativi prodotti.

La miope visione delle classi pollaio

Quello che, invece sfugge sono gli effetti sulla formazione dell’uomo e del cittadino. Il piano pedagogico sfugge ad una misurazione oggettiva e circoscritta, in quanto la sua natura di processo favorisce la sua “distribuzione nel tempo” degli effetti.
Con le classi pollaio si è prodotta una scissione tra lo strumento e il fine “pedagogico alto”.  La scelta di una pedagogia minimale, povera e quasi priva di qualità, riduce la persona ad un ente, (M. Heidegger) ridotto a bagaglio di conoscenze che difficilmente possono divenire significative (Ausubel), impedendo la costituzione di una memoria profonda. Solo la presenza di quest’ultima favorisce un’identità solida, contrapposta a quella liquida, spesso prodotto di “flussi di sensazioni” (D. Hume), cifra dell’ “io minimo” (C. Lacash).
L’identitá matura si declina con la visione lunga e profonda che riguarda l’uomo come
pro-getto (=gettato avanti). Tutto ciò ha il suo sbilanciamento sul futuro. Non a caso si parla di sviluppo!
Ha senso parlare ancora di scuola, istituzione che guarda al futuro, in un contesto che ha reso privo di significato la prospettiva, la visione?

Pubblicato in Classi pollaio | Contrassegnato , , | Commenti disabilitati su Le classi pollaio e l’assenza della profondità pedagogica

“La manovra del popolo” penalizzerà la scuola?

"La manovra del popolo"

“La manovra del popolo” dovrà essere finanziata anche dalla scuola?

“La manovra del popolo”, aggiungo “per il popolo” richiede tante risorse. Quindi non mi meraviglio se la scuola sarà chiamata a fare la sua parte.  Le conseguenze.

“La manovra del popolo” richiede tante risorse

L’altro ieri è stato aggiornato il Def 2019-21. Il documento definisce la “cornice”. Il dipinto, fatto di particolari, sarà proposto attraverso la  legge di Bilancio (ottobre).
Quali sono i grandi numeri contenuti nel Def? I quotidiani parlano di 27 miliardi di € in deficit su un totale di 40 miliardi.  Serviranno a finanziare le riforme-spot del reddito di cittadinanza, della flat-tax e la modifica della sciagurata riforma Fornero.

La scuola sarà chiamata ad un altro sacrificio?

Troppo presto per affermare che la scuola sarà chiamata a contribuire all’attuazione della “manovra del popolo”. Al momento è un’ipotesi, anche se, molto concreta. Occorrerà attendere la legge di Bilancio 2019  e leggere i contenuti. Da qui si capirà “il peso politico” della scuola nel governo del cambiamento. In altri termini, si comprenderà se l’istruzione sarà considerata una risorsa da finanziare o un bancomat.

Quali le conseguenze sulla scuola?

Se ci sarà il coinvolgimento della scuola, allora il probabile scenario-2019 sarà il seguente:
1) mancata conferma dell’elemento perequativo per gli stipendi più bassi;
2) slittamento “sine die” del nuovo contratto 2019-21 e quindi sconfessione della promessa di Luigi Di Maio di adeguare gli stipendi degli insegnanti alla media europea;
3) mantenimento delle classi pollaio. La loro abolizione  ha un costo;
4) la sicurezza degli edifici scolastici dovrà fare affidamento unicamente sulle risorse già stanziate;
5) cancellazione del bonus merito e Carta docente.
Ovviamente l’elenco è molto più lungo.
Mi chiedo: quanto la scuola potrà andare avanti con il carburante sempre in  riserva?

Pubblicato in Opinioni | Commenti disabilitati su “La manovra del popolo” penalizzerà la scuola?

Corso GDPR e Privacy a scuola

Corso GDPR

Un’altra proposta molto utile per gli operatori scolastici che devono fare i conti con la Privacy

Corso GDPR e scuola. Altra proposta utile e gratuita.
Le istituzioni pubbliche e il settore pubblico gestiscono una moltitudine di dati. Molto spesso questi devono essere protetti. Con l’EIPASS GDPR Scuola si potranno acquisire le nozioni fondamentali per essere in regola con l’applicazione del Regolamento UE 679/2016. La proposta è rivolta anche i gestori dei siti scolastici che pubblicizzano video, slideshow  che documentano attività e progetti legati al Ptof.
La proposta formativa rilascia una certificazione di “peso” e valida per l’obbligo formativo.
Proposta formativa

Pubblicato in Formazione, Tutti gli articoli | Commenti disabilitati su Corso GDPR e Privacy a scuola

Cittadino digitale una piattaforma per diventarlo

Cittadino digitale

Cittadino digitale un’opportunità formativa da cogliere al volo. Online e gratuita

Un percorso diversificato per alunni, docenti e genitori, mirato all’educazione civica digitale e alla prevenzione del cyberbullismo. E’ questo il servizio, gratuito e online, realizzato dallo staff di Identità Digitale Defender e rivolto a tutte le scuole di ogni ordine e grado d’Italia. Il progetto è unico e innovativo sia dal punto di vista dei contenuti che dell’interazione. Si parla di sexting, di troll, di furto d’identità, di come poter prevenire i fenomeni legati ad un utilizzo errato del web ma anche di come poterli contrastare, il tutto con: un linguaggio adeguato all’età dell’alunno; la giusta assistenza tecnica e psicologica e attraverso un percorso interattivo e fruibile da tutti i dispositivi.

Per accedere:
Cliccare su scuola 4.0 e poi scegliere il percorso. Ovviamente occorrerà registrarsi

Percorso formativo

Pubblicato in Formazione | Contrassegnato , , | Commenti disabilitati su Cittadino digitale una piattaforma per diventarlo

Classi pollaio, finalmente qualcosa si muove!

Classi pollaio

Finalmente abbiamo un disegno di legge parlamentare. Si faccia presto!

Classi pollaio, finalmente  è stato presentato un disegno di legge da parte del M5S. Non sarà facile farlo approvare! Esiste, però una soluzione!

Classi pollaio una proposta di legge

Classi pollaio, dopo tante discussioni e una uscita infelice del Ministro Bussetti (audizione del 1 agosto 2018), abbiamo un disegno di legge. Preoccupa che la proposta sia stata firmata da alcuni deputati del M5S e non sia di iniziativa governativa. La conferma di un certo disinteresse da parte del governo e del Ministro Bussetti?
In sintesi: si prevedono classi con 22-23 alunni senza diversamente abile. In caso di sua presenza si scende a 20 alunni. E’ sostanzialmente la proposta L.I.P.!
L’elemento interessante della proposta di legge è la quantificazione dei costi: “338.500.000 euro per l’anno 2019, a 1.180.000.000 di euro per l’anno 2020, a
1.715.100.000 euro per l’anno 2021 e a 2.130.000.000 di euro a decorrere dall’anno 2022” Seguono le indicazioni per le coperture.
Sarà un cammino lungo e difficile, tenendo presenti i costi anche se coperti. Purtroppo Il Parlamento non è sempre propenso a votare provvedimenti di spesa, quando si tratta dell’istruzione!

Un suggerimento per un rapida approvazione

Aggiungo: perché non inserirla nella legge di Bilancio (proposta Anief) come fece la Gelmini con la sua riforma? Questa, infatti, costituì una parte di una legge importante (L.133/08), divenendo in tempi brevi norma dello Stato italiano. La decisione, inoltre, esprimerebbe la volontà, soprattutto del governo,  di realizzare un punto importante del suo programma per la scuola.

Pubblicato in Tutti gli articoli | Contrassegnato , , | Commenti disabilitati su Classi pollaio, finalmente qualcosa si muove!

L’abolizione delle classi pollaio è la priorità di questo governo

L'abolizione delle classi pollaio

L’abolizione delle classi pollaio fa parte del contratto di governo. Nel documento è presentata come una priorità.

L’abolizione delle classi pollaio è la priorità di questo governo. È scritto nel programma di governo. Il problema risiede nelle coperture economiche. Operazione facilitata dal calo demografico.

Abolizione classi pollaio cosa si legge nel contratto di governo

Diversi esponenti dell’attuale governo ripetono che il programma è il loro punto di riferimento. E’ presentato, infatti, come un contratto che impegna l’esecutivo a perseguire gli obiettivi inseriti nel documento. Esprime, tuttavia, una sintesi dei programmi elettorali del M5S e della Lega. Il carattere “ibrido”(=sintesi) ovviamente ha comportato un taglio di quei contenuti non condivisi (ad esempio l’abolizione della Riforma Gelmini “senza se e senza ma”).
Fatta questa necessaria premessa, si legge nel contratto (sezione scuola)” Per far ciò occorre ripartire innanzitutto dai nostri docenti.
In questi anni le riforme che hanno coinvolto il mondo della scuola si sono mostrate insufficienti e spesso inadeguate, come la c.d. “Buona Scuola”, ed è per questo che intendiamo superarle con urgenza per consentire un necessario cambio di rotta, intervenendo sul fenomeno delle cd. “classi pollaio”, dell’edilizia scolastica, delle graduatorie e titoli per l’insegnamento.

Abolizione classi pollaio, prima di tutto

Ne consegue la priorità dell’abolizione delle classi pollaio. Il resto (chiamata diretta, alternanza scuola/lavoro…), pur importante viene dopo ! Il ministro ne ha parlato poco. A mio parere in modo superficiale con questa dichiarazione (audizione 1 agosto 2018) :”la media classi/alunni, a livello nazionale, è di 21,1 alunni per classe. In qualche caso  si sono verificate situazioni per le quali, vuoi per iscrizioni avvenute anche dopo i termini previsti, vuoi per taluni indirizzi di studio particolarmente specializzanti, e al solo fine di accontentare il più possibile le famiglie e gli alunni, potrebbe essersi verificato il caso della costituzione di singole classi numerose”

Il Ministro Bussetti è vincolato dal programma

La personale convinzione del Ministro, però non può divenire il criterio-guida del suo operato. Il programma rappresenta un vincolo per Marco Bussetti! Egli è l’interfaccia di questo contratto! Quindi il Ministro agisca di conseguenza come espressione di un cambiamento promesso che deve iniziare dall’aula. Il cuore del sistema formativo è qui! Quest’ambiente è frequentato dagli utenti del servizio scolastico, senza i quali quest’ultimo non ha ragion d’essere! E’ qui che si forma “la persona e il cittadino” (Costituzione della Repubblica italiana) costituite da capacità, competenze, relazioni emozioni, sentimenti, gravemente compromessi dalla scellerata ed estranea organizzazione delle classi pollaio (D.M.81/09) e superpollaio (Legge di stabilità 2015 art. 1 comma 333).
Sono consapevole che l’abolizione di queste mostruosità pedagogiche necessità di risorse economiche, in parte già coperte, grazie alla significativa diminuzione degli alunni che “fra cinque anni potrebbe attestarsi sulle 361mila unità e fra 10 anni sulle 774mila unità” (Istat,2017).
Quindi si proceda “senza se e senza ma” con questa priorità per il bene dei nostri ragazzi e del futuro del nostro Paese.

 

Pubblicato in Classi pollaio | Contrassegnato , , | Commenti disabilitati su L’abolizione delle classi pollaio è la priorità di questo governo

Governatore Visco e la riserva di carburante per l’istruzione

Il governatore Visco

Un’autorevole conferma di un disastro educativo. Il governo del cambiamento riuscirà ad invertire la rotta?

Il governatore Ignazio Visco ha rilasciato una dichiarazione molto preoccupante sull’istruzione. Il nuovo governo riuscirà ad invertire la rotta? Lo sapremo presto.

Il governatore Ignazio Visco, conferma lo stato di coma dell’istruzione

Due giorni fa il governatore della Banca d’Italia è intervenuto. Ha dichiarato: “La spesa pubblica per istruzione è intorno al 4 per cento del Pil – osserva – molto più bassa che nella media dell’area dell’euro. l’Italia risulta agli ultimi posti tra i Paesi sviluppati per le competenze della sua forza lavoro”, divario che “è pronunciato anche con riferimento all’ attività di ricerca e sviluppo”.

Il grafico aiuta a comprendere meglio

Fin qui nulla di nuovo! Viviamo in un contesto dove le rappresentazioni risultano più efficaci delle parole. Quindi ecco il grafico del nostro “disastro educativo, espressione di una miopia culturale, schiacciata sul presente:

L’istruzione è una macchina  cronicamente in riserva

Questa è la situazione! L’istruzione è una macchina che da anni si muove solo in riserva. Durante l’anno si ferma per l’impossibilità di rispondere alle esigenze formative (ad es. assegnazioni dei docenti e conseguente formazione classi pollaio). I rabbocchi annuali le servono sono per assolvere al minimo i suoi compiti.  La situazione è il risultato di riforme che si sono preoccupate “delle compatibilità economiche” (Riforma Gelmini 2008) o di completare il processo di aziendalizzazione del sistema scolastico, esaltando l’apparire piuttosto che l’essere (“La Buona Scuola”).

#cambioverso o conferma dello stato comatoso

L’attuale governo ha la possibilità di effettuare una “conversione”, a beneficio di formazione dell’uomo e del cittadino (Costituzione della Repubblica). Sicuramente l’obiettivo non potrà essere raggiunto con gli annunci e le dichiarazioni (M. Bussetti) o con la speranza di uno status quo (sempre M.Bussetti), ma con risorse fresche.
Si legge nel contratto del governo M5S-LegaIn questi anni le riforme che hanno coinvolto il mondo della scuola si sono mostrate insufficienti e spesso inadeguate, come la c.d. “Buona Scuola”, ed è per questo che intendiamo superarle con urgenza per
consentire un necessario cambio di rotta, intervenendo sul fenomeno delle cd. “classi pollaio”, dell’edilizia scolastica, delle graduatorie e titoli per l’insegnamento. Aggiungo la chiamata diretta e la revisione dell’alternanza scuola/lavoro.
Interessante la priorità data all’abolizione delle classi pollaio. Il resto viene dopo.
Pertanto il progetto è già definito. La sua realizzazione necessità, però di risorse fresche. Sarà in grado il governo di reperirle? Nonostante la flat tax, il reddito di cittadinanza e la riforma della legge Fornero? Lo sapremo presto, tra meno di un mese con la presentazione della legge di bilancio 2019

Pubblicato in Tutti gli articoli | Contrassegnato , , | Commenti disabilitati su Governatore Visco e la riserva di carburante per l’istruzione

Legge di bilancio la prova della verità per il Ministro Bussetti

La legge di bilancio 2019

Dalla legge di bilancio 2019 comprenderemo i veri pensieri della nuova politica verso la scuola

La legge di bilancio costituirà il banco di prova del Ministro Bussetti. Capiremo se le dichiarazioni e le interviste di questi mesi sono state parole al vento o altro. Il mondo della scuola attende.

La scuola ideale del Ministro

In questi mesi il Ministro ha rilasciato molte interviste, ha fatto dichiarazioni. L’impressione non è positiva! Molti passaggi farebbero contenti i teorici della pedagogia, essere utili in qualche convegno o corso di aggiornamento… In altri termini, le idee espresse richiamano una scuola ideale, fuori dal tempo. L’ultimo esempio è il discorso del Ministro all’inaugurazione del nuovo anno scolastico. Ha detto:” Ciascuno di noi ha bisogno di connettersi con una comunità – ha spiegato il Ministro Marco Bussetti, rivolgendosi ai ragazzi nel suo discorso di saluto -. La più importante di queste comunità è la scuola, dove il valore di ciascuna componente aumenta il suo significato grazie al confronto con gli altri. Cari ragazzi, la scuola è la vostra casa. Un luogo da vivere sempre, anche oltre l’orario delle lezioni. In cui stringere relazioni. Un luogo dove studiare, faticare, ridere, fare sport, suonare uno strumento, costruire amicizie e anche innamorarsi. Una finestra aperta sul mondo. Immagino e voglio per voi una scuola in cui al centro ci sia un rapporto vero, umano, tra chi insegna e chi apprende. Tra tutte le componenti. La scuola, ricordatelo per sempre, è la vostra alleata. E chi lavora nella scuola lavora per il vostro bene

La legge di bilancio 2019, il banco prova

Ho l’impressione che “l’accelerazione delle parole”, nasconda la consapevolezza del Ministro che non potrà ottenere quelle risorse fresche per un “#cambioverso” sostanziale  (abolizione delle classi pollaio, nuovo contratto…). L’ipotesi non è più tale, dopo quanto ha dichiarato al giornalista M. Giannini (“Credo proprio che tagli alla pubblica istruzione non ce ne saranno).
Comunque ogni dubbio sarà sciolto tra un mese circa, quando il governo passerà dalle parole ai fatti. Questi rimanderanno alla legge di bilancio 2019 che rivelerà “i pensieri nascosti del nuova politica” verso la scuola. Facilmente potremo applicare il criterio della proporzionalità diretta. Il valore zero si declinerà nell’invarianza di spesa, improvvidamente auspicata dal Ministro. Il conseguente stato di quiete o di calma piatta  danneggerà ulteriormente la scuola, dopo anni di prelievo forzoso (Riforma Gelmini, riduzione del MOF e quindi dellla sottovoce FIS, sospensione della copertura contrattuale…), decretandone la conclusione dell’attuale forma storica. Probabilmente quella seguente sarà caratterizzata da assistenzialismo, ben nascosto dietro qualche attività didattica di basso profilo. Pessima prospettiva!

Pubblicato in Opinioni, Tutti gli articoli | Contrassegnato , , | Commenti disabilitati su Legge di bilancio la prova della verità per il Ministro Bussetti

La morte per un selfie, la pessima gestione del Nulla

La morte per un selfie

Una brutta storia, finita nel peggiore dei modi. Una riflessione filosofica.

La morte per un selfie. Protagonista un ragazzo. Dispiace tanto! Un pessimo esempio di gestione del Nulla.

Il fatto

Milano, sabato sera. Un ragazzo di 15 anni cade in una condotta di aerazione del centro commerciale ‘Sarca’, in via Milanese. Ed è morto. Era salito per farsi un selfie e l’incidente è  avvenuto  per sfuggire ai vigilantes.

Una riflessione  sulla condizione di tanti ragazzi

Dispiace tanto! Il sentimento però non può impedire una riflessione.
Scriveva M. Heidegger: ” Il nichilismo. Non serve a niente metterlo alla porta, perché ovunque, già da tempo e in modo invisibile, esso si aggira per la casa. Ciò che occorre è accorgersi di quest’ospite e guardarlo bene in faccia
I nostri ragazzi sono fortemente condizionati dall’insignificanza, dal Nulla che li circonda. Questa condizione  caratterizza  il loro presente, divenuto ingombrante e onnicomprensivo dell’esistenza umana. Il futuro è tramontato! E’ una categoria priva di significato, in quanto la prospettiva è stata nullificata. Da qui non è azzardato affermare che il nichilismo è la cifra dei nostri ragazzi(e non solo). Entra nei loro pensieri, sentimenti ed emozioni. Tutto diventa liquido e quindi da vivere nel breve istante, Preferibilmente in modo iperbolico, esagerato, estremo. Non esiste il pro-getto ( l’esser-ci gettato avanti). Tutto ruota intorno al frammento, che insieme ad altri non riescono a ricondurre ad una prospettiva di senso.
Il selfie estremo è il tentativo di uscire dall’insignificanza, fissando in un’istantanea la propria esistenza. L’obiettivo è  trasferire se stessi in una dimensione dove il divenire e  il conseguente Nulla rimangono fuori  dalla porta.

L’insegnamento di F. Nietzsche

Per sfuggire a questa logica di “nichilismo passivo” (F. Nietzsche) è necessario perseguire quello attivo. Secondo il filosofo della “morte di Dio” questo è il compito dell’ultra-uomo che deve costruire una prospettiva “fedele solo alla terra” e fondata sulla distruzione dei valori che hanno caratterizzato la civiltà giudaico-cristiana. Compito impossibile per i ragazzi, non per gli adulti che hanno fallito in questa impresa, lasciando soli i nostri ragazzi a gestire una  realtà troppo complessa.

 

Pubblicato in Opinioni, Tutti gli articoli | Contrassegnato , , | Commenti disabilitati su La morte per un selfie, la pessima gestione del Nulla

Enrico Letta, dimentica l’operato del suo governo

Enrico Letta

La dichiarazione di E. Letta non fa una piega. Ha un limite: non è autorevole!

Enrico Letta rilascia un’intervista puntando il dito contro la “Buona Scuola” e la scarsa considerazione del governo attuale. Dimentica, però l’operato del suo governo

La dichiarazione di Enrico Letta

L’ex premier Enrico Letta ha rilasciato un’intervista. Ha detto:”Se il presidente del Consiglio nel discorso di insediamento non ha citato la scuola una volta, se la scuola nella scorsa legislatura è stato un casino totale, io sono preoccupato. Oggi la competenza è doppiamente necessaria”

Lo sfondo della dichiarazione di E.Letta

La dichiarazione è l’ultimo esempio di una comunicazione che ha come suo riferimento l’individuo dalla memoria breve, dove le informazioni durano un battito d’ali di farfalla. La  brevità rappresentativa impedisce il loro approfondimento. E questo significa  azzeramento della capacità critica e riflessiva delle persone, e quindi l’impossibilità per l’informazione di diventare conoscenza. Tutto questo definisce “l’uomo in superficie” (V. Andreoli,.

La sudditanza del governo Letta verso la Riforma Gelmini

La premessa era necessaria. E. Letta dimentica infatti, la sudditanza del suo governo (2013-14) verso la Riforma Gelmini (2008-09), il più devastante intervento sulla scuola. L’impegno del suo esecutivo si limitò ad applicare la “tecnica del cacciavite”, finalizzata a migliorarne l’efficacia del provvedimento. La Ministra Carrozza tentò di liberarsi dalla morsa mortale del criterio liberista di “trovare le necessarie coperture”, dichiarando a Radio 24 (maggio 2013) ” O ci sono dei margini per un  reinvestimento nella scuola pubblica oppure devo smettere di fare il Ministro dell’Istruzione”. Risultato: zero! Il governo Letta sostanzialmente sarà ricordato per un esecutivo “tranquillo”. Senza acuti!
Quindi ritengo che E. Letta non abbia l’autorevolezza per “bacchettare” altri sulla scuola.

Pubblicato in Governo | Contrassegnato , , | Commenti disabilitati su Enrico Letta, dimentica l’operato del suo governo

Ministro Bussetti, l’obiettivo è la calma piatta!

Ministro Bussetti

Il Ministro presenta la sua prospettiva. Niente futuro!

Il Ministro  Bussetti ormai è entrato nella piena annuncite. Come i suoi predecessori!  Tra le righe, però si può comprendere la prospettiva: la calma piatta!

La dichiarazione del Ministro

Il Ministro Bussetti ha dichiarato a M. Giannini:”Credo proprio che tagli alla pubblica istruzione non ce ne saranno“.

Il ruolo di sudditanza dell’istruzione

La dichiarazione, come altre, esprime una speranza. Si comprende, però, quale sia l’effettivo ruolo dell’istruzione. Ho sempre dichiarato che il vero Ministro dell’Istruzione è il Responsabile del Mef. La funzione di sudditanza ha origini lontane e deve essere inserita nel contesto del “finanzcapitalismo”, che considera l’istruzione un peso, una spesa. Il punto più alto  di questa visione è stato espresso con il governo Berlusconi IV (2008-11), che attuò un prelievo forzoso di 8 miliardi di €. Quindi nulla di nuovo!

Calma piatta per l’istruzione?

La suddetta dichiarazione però, a differenza di altre, presenta una prospettiva: nessun taglio per l’istruzione! Punto. E’ sicuramente una buona notizia, se teniamo conto dello “tsunami economico” che l’amministrazione pubblica subirà, per finanziare flat tax, reddito di cittadinanza e riforma della legge Fornero.
L’obiettivo però prospetta uno stato di conservazione! La calma piatta dell”occhio del ciclone, mentre intorno la natura fa i suoi danni.
La scelta non comporta investimenti! Solo questi possono creare le premesse per lo sviluppo del Paese!
Se l’auspicio del Ministro sarà formalizzato, questo governo sconfesserà “#ilcambioverso” annunciato in campagna elettorale e nel suo programma.  Al riguardo di quest’ultimo, ricordo che l’esecutivo si è impegnato ad abolire le classi pollaio, dando reale sostanza al principio di una scuola inclusiva. L’operazione ha dei costi, anche se minori, grazie al calo del numero degli alunni.
Se il governo confermerà la scelta di mantenimento dello status quo per l’istruzione, questa prenderà il binario che la porterà verso il Nulla. In altri termini, la scuola chiuderà! Nella migliore delle ipotesi, diventerà una sorta di parcheggio con poche attività che avranno il compito di nascondere il cambio di funzione. Poveri noi!

Pubblicato in Opinioni | Contrassegnato , , | Commenti disabilitati su Ministro Bussetti, l’obiettivo è la calma piatta!

GDPR, il problema non è il consenso del minore

GDPR

Il problema non è il consenso, ma l’impegno a curare la propria identità.

Il GDPR ( regolamento europeo sulla protezione dei dati) e il decreto di adeguamento (101/18) legittimano il consenso del minore al trattamento dei dati personali. L’atto comporta un impegno per il futuro.

Il GDPR e il decreto danno fiducia al minorenne

Il GDPR e il decreto nazionale di adeguamento al trattamento dei dati personali(101/18), esprimono un atto di fiducia verso il minore. In altri termini, egli entra nella maggiore età, perché può gestire autonomamente la propria identità digitale, esprimendo il consenso al trattamento dei propri dati personali.
Si legge nel GDPR (art. 8 comma 1):”per quanto riguarda l’offerta diretta di servizi della società dell’informazione ai minori, il trattamento di dati personali del minore è lecito ove il minore abbia almeno 16 anni. Ove il minore abbia un’età inferiore ai 16 anni, tale trattamento è lecito soltanto se e nella misura in cui tale consenso è prestato o autorizzato dal titolare della responsabilità genitoriale.”
Il decreto di adeguamento nazionale fissa in quattordici anni l’inizio della maggiore età digitale, uniformando il GDPR al codice penale ( art. 97)  e alla legge per il contrasto al cyberbullismo (L.71/17).

Il consenso è facile, “il bello viene dopo”

Ora Il consenso non comporta difficoltà. E’ sufficiente leggere le condizioni “della società dell’informazione” (Facebook, Instagram, WhatsApp…) e firmare. E’ necessario, invece, che il ragazzo divenga consapevole che il  consenso comporta un impegno nella cura della sua identità integrata. Questa infatti è costituita da un mix di reale e virtuale. I due profili non sono separati. Sempre più ibridi (ancora per poco?), si “contaminano” frequentemente. Non a caso L. Floridi sostiene che il nostro esser-ci ( M. Heidegger) sia “.onlife”
A differenza di quella reale, la nostra identità virtuale è immortale. I nostri dati personali rimarranno nel Web. Per sempre!  Fisseranno il nostro profilo! Non potremmo cambiarli, anche se nel frattempo la vita nel suo divenire ci farà essere “altro”, rispetto al nostro passato. Ad esempio, “questa documentazione” depositata nel Web  potrà favorire o compromettere le nostre possibilità lavorative (già oggi molte aziende fanno ricerca nel Web, prima di assumere).

“La saggezza digitale” del ragazzo

M. Prensky parla sempre più di “saggezza digitale”. Usa sempre meno l’altra sua espressione di “nativo digitale”. Nel caso specifico per il ragazzo l’entrata nella maggiore età digitale, deve comportare un cambio di prospettiva temporale.  E’ necessario che egli sia  capace saggiamente di anticipare il futuro, curando la propria immagine digitale immortale con puzzle ( immagini, video, testi…), che già oggi possono confermare i rapporti “de visu” e un domani essere utili per il lavoro.  Il   riversamento  nella realtà,  risulterà sicuramente positivo e proficuo se la  percezione del  profilo digitale  si avvicinerà  all’essere della persona. Non dimentichiamo che ogni relazione, soprattutto quella virtuale, si basa essenzialmente sul sentire. Solo l’approfondimento, che ancora oggi avviene “occhi negli occhi”, può svelare la profondità del nostro essere. Questo momento però, non può essere imposto.

La “saggezza digitale” una “mission impossible”?

Non è difficile comprendere che l’impresa per un quattordicenne è quasi una “mission impossible”. E qui entra in gioco il ruolo  dell’adulto, che dovrà ricoprire il compito di guida (il futuro)  e di compagno (il presente come contesto che anticipa il futuro).

 

Pubblicato in GDPR | Contrassegnato , , | Commenti disabilitati su GDPR, il problema non è il consenso del minore

Ministro Bussetti, i motivi di un’attenzione alle increspature

Ministro Bussetti

Le dichiarazioni del Ministro rispondono ad una precisa strategia comunicativa. Ci aiuta N. Chomsky

Il Ministro Bussetti sta dando molta importanza a dettagli secondari, se non terziari del sistema scolastico. Dietro c’è una ragione. Chomsky ci aiuta a comprendere la strategia comunicativa del Ministro.

Il Ministro Bussetti, persona d’altri tempi?

Il Ministro Bussetti ha attribuito un certo valore alla presenza degli armadietti, dei grembiuli “fino alle medie” e per finire al volontariato degli insegnanti. Un bel quadretto d’altri tempi. Molto vicino al profilo da “libro Cuore“.

La strategia comunicativa del Ministro apparentemente incomprensibile

Sono sempre stato convinto che, eccetto pochi casi, le dichiarazioni o le interviste di un Ministro rispondono ad una determinata strategia. Dietro il responsabile di un dicastero ci sono persone  esperte in comunicazione. L’apparente estemporaneità e semplificazione, che in questo caso rimandano agli armadietti e ai grembiuli, assolvono un compito. L’attenzione alle “increspature del mare” servono a distrarre dai problemi reali non risolvibili per mancanza di fondi, a parlare al bambino che è in noi e alla nostra sfera emotiva.

N. Chomsky, riesce ad “osservare la foresta e non l’albero”

In sintesi ho tenuto presente N. Chomsky. Egli ha elaborato un decalogo della comunicazione post-moderna che gli studiosi applicano soprattutto in politica. Il riferimento è un soggetto liquido, direi liquefatto, costituito da “un fascio di sensazioni” (D. Hume).

Le tre regole di N.Chomsky, seguite dal Ministro Bussetti

Ora tre regole della manipolazione mediatica possono essere applicate alle dichiarazioni del Ministro Bussetti.Scrive N. Chomsky:”
1-La strategia della distrazione
Consiste nel deviare l’attenzione del pubblico dai problemi importanti attraverso un fiume di informazioni irrilevanti.
“Mantenere l’Attenzione del pubblico deviata dai veri problemi sociali, imprigionata da temi senza vera importanza. Mantenere il pubblico occupato, occupato, occupato, senza nessun tempo per pensare, di ritorno alla fattoria come gli altri animali
5- Rivolgersi al pubblico come ai bambini
“Se qualcuno si rivolge ad una persona come se avesse 12 anni o meno, allora, in base alla suggestionabilità, lei tenderà, con certa probabilità, ad una risposta o reazione anche sprovvista di senso critico come quella di una persona di 12 anni o meno”
6- Usare l’aspetto emotivo molto più della riflessione
Sfruttare l’emozione è una tecnica classica per provocare un corto circuito su un’analisi razionale e, infine, il senso critico dell’individuo.

 

 

 

 

 

Pubblicato in Ministro bussetti | Contrassegnato , , | Commenti disabilitati su Ministro Bussetti, i motivi di un’attenzione alle increspature

Generazione Hikikomori e il rifiuto della vita reale

Generazione Hikikomori

Generazione Hikikomori, la sindrome di “morire al mondo” per rinascere in un mondo virtuale, fatto a propria immagine e somiglianza

Generazione Hikikomori, sempre connessi e quindi progressivamente estranei alla vita reale. Gli scenari e le responsabilità

Nativi digitali, l’equivoco del loro profilo

Spesso i nostri ragazzi sono definiti “Nativi digitali”. La felice definizione è di M. Prensky 1999),  rimanda unicamente a una condizione temporale. Pertanto non si identifica con la competenza digitale che in molti casi è assente. Sono i genitori a cadere nella trappola dell’identificazione. La causa è la loro formazione analogica che li porta ad esaltare il digitale che non comprendono, confondendo lo smanettare o la conoscenza di qualche procedura con la competenza.

I Nativi digitali, qualche dato

Fatta questa premessa, una breve considerazione e qualche dato. Siamo entrati in un contesto dove  tutto il Web in chiaro (indicizzato dai motori di ricerca), il Deep Web e i suoi sviluppi più profondi e oscuri (Dark Web) fanno parte del nostro quotidiano. E’ errato definire questo contesto e di conseguenza i dispositivi come nuovi. Sono il presente! Non il futuro!. Questo ha portato ad una nuova configurazione esistenziale: la vita reale (offline) entra sempre più in relazione con quella virtuale (online). I due piani sono divenuti più sfumati, tanto che lo studioso L.Floridi(2017), definisce la nostra esistenza onlife.
Tutto questo è esponenzialmente presente nei nostri ragazzi. Secondo una ricerca di Telefono Azzurro(Il tempo del Web: Adolescenti e genitori online, 2016)   “Se gli adolescenti fossero piante, la loro linfa vitale sarebbero gli smartphone. Bambini e adolescenti sono abituati ad utilizzare le nuove tecnologie fin da piccoli per giocare, comunicare, tenersi aggiornati, imparare, fare acquisti…Essere online è uno status: quando sono a scuola chattano con amici per organizzare la prossima partita a calcetto o l’uscita del sabato pomeriggio, appena tornano da scuola scrivono ai compagni che hanno salutato soltanto un’ora prima: anche quando non stanno facendo niente, controllano l’ultima notifica su Facebook o scaricano – e inviano – l’ultimo video divertente.”

La deriva della generazione Hikikomori

Questa è generalmente la situazione che rimanda ad un tipo di alfabetizazione, che come scrivevo sopra, sta progressivamente abbattendo il confine tra le due vite (off e online).
Una pericolosa deriva è la sindrome Hikikomori che sta progressivamente coinvolgendo i nostri ragazzi. I sintomi: la propria stanza come ambiente vitale prevalente, la rarefazione di rapporti reali con i pari, l’assenza di dialogo in famiglia, la riduzione delle capacità emotive e ed empatiche…
Spesso sottovalutato o ignorato dai genitori, perché sono assenti comportamenti di rilevanza sociale, rimanda ad una condizione di inadeguatezza rispetto alla complessità della realtà. La soluzione è il ritiro dalla vita reale e la conseguente immersione in un contesto  virtuale e immaginario,  fatto di videogames e giochi di ruolo . Il controllo si realizza nella scelta degli ambienti virtuali, del tempo di permanenza in ognuno di essi, nella scelta degli interlocutori. Si è liberi di postare qualunque cosa, aiutati anche dall’assenza del corpo che nella vita reale può consolidare o tradire le parole. La liquidità è il paradigma di questo contesto, dove l’assenza di futuro è occupato dal “qui e ora”.

La generazione Hikikomori lontana dalla “saggezza digitale”

La decisione di uscire dall’ inferno della complessità reale per entrare in un surrogato di paradiso, è sideralmente lontano dal principio della saggezza digitale (2009), ipotizzata da M. Prensky. Egli ipotizza “l’uso avveduto e critico delle tecnologie” per migliorare la propria esistenza, costituita ancora da una parte offline, anche se ibrida.

La mancanza della parola e la responsabilità dei genitori

La decisione di rifugiarsi nel “paradiso virtuale” è favorito anche dalla mancanza di “discorsi e parole” in famiglia. La frattura intergenerazionale che rimanda a solitudini, a “monadi senza finestre”, favorisce nei ragazzi la ricerca di ambienti dove è in qualche modo ascoltato e considerato. la suddetta condizione apre al fenomeno del cyberbullismo, del grooming (adescamento erotico online), dei siti pedopornografici, che caratterizzano il Dark Web.
E’ necessario che la comunità degli adulti ( genitori, docenti) si “riprenda i propri ragazzi”. anteponendo questa scelta a qualunque altro criterio di tipo economico, sociale o culturale. Difficile, ma non impossibile.

Pubblicato in Nativo digitale | Contrassegnato , , | Commenti disabilitati su Generazione Hikikomori e il rifiuto della vita reale

La scuola dimenticata? Forse, probabilmente…

La scuola dimenticata

La scuola dimenticata? Le prime indiscrezioni sembrano confermare la peggiore delle ipotesi.  Il governo ha smarrito il cambiamento.

La scuola dimenticata, sembra che si sia l’accordo

Al riguardo dei possibili contenuti della Legge di Stabilità 2019, si legge: “priorità molto differenti. Reddito di cittadinanza e legge Fornero per i 5 stelle, FlatTax e sostegno alle imprese per la Lega.
Tuttavia nessun cenno, almeno nella fase preliminare, alle emergenze e ai fondi
6/9/2018 Legge di bilancio 2019, Di Maio e Salvini in accordo solo sulla Scuola: neanche un euro all’istruzione  Di Maio abbozza un riferimento alle infrastrutture, specie a quelle del sud “che sono praticamente inesistenti, ma anche alla manutenzione di quelle esistenti in tutta Italia”, senza alcun riferimento specifico alla questione sicurezza dell’edilizia scolastica.
Gli unici fondi per la scuola, che oltre alle infrastrutture avrebbe bisogno anche di risorse in vista della scadenza contrattuale 2018 per gli insegnanti, sembrerebbero quelli stanziati dal governo precedente e “trovati” da Bussetti. “Abbiamo trovato 7 miliardi che andranno presto ai Comuni e alle Province per la messa a norma – dichiarava ieri il titolare del Miur a RaiNews 24 – Inoltre, da parte di Asi e Cnr ci sarà un lavoro a costo zero per monitorare via satellite le oltre 40 mila strutture scolastiche esistenti”.

Possibile scenario da me anticipato

Il suddetto scenario l’ho anticipato qualche giorno fa.  “Si riceve la sensazione di un Miur che assomiglia ad un cavallo che vorrebbe correre, ma è impedito da fattori non gestibili direttamente dal dicastero. E questa sarà la situazione ricorrente con la quale dovrà fare i conti il Ministero. Ecco spiegata la scelta di “usare il cacciavite, depotenziando lo spirito riformistico”. E’ più semplice! Si interviene dove è possibile, compatibile con le risorse economiche. Queste saranno destinate principalmente alle grandi promesse elettorali della Lega e del M5S: reddito di cittadinanza, flat tax, e superamento della Riforma Fornero. Alla scuola, forse, rimarranno le “briciole”. Insufficienti, ad esempio per abolire le “classi pollaio”.

L’attenzione alla scuola richiede altre condizioni

Ovviamente mi auguro che lo scenario ipotizzato non si traduca in realtà.  Le attuali condizioni non ci fanno sperare in un “#cambioverso”. Queste sono: le scarse risorse e le priorità che in tempi di “vacche magre” non favoriscono l’attenzione verso i beni immateriali come l’istruzione, che può essere colta come scelta strategica, solo valorizzando la prospettiva “oltre la punta del naso”

Pubblicato in Governo, Tutti gli articoli | Contrassegnato , , | Commenti disabilitati su La scuola dimenticata? Forse, probabilmente…

Marco Bussetti, “la scuola in un armadietto”

Marco Bussetti, il suo sogno

Il Ministro Marco Bussetti ha un sogno che lascia basiti: l’armadietto scolastico

Il Ministro Marco Bussetti prosegue con le sue interviste. Giornaliere. Quindi troppe! Il suo sogno: “l’armadietto nelle scuole”

Ministro marco Bussetti, nuova intervista, nuova rivelazione

Ieri il Ministro Marco Bussetti ha rilasciato al quotidiano (” Verità”) una nuova intervista. Ha trattato diversi argomenti come la sicurezza degli edifici, il contratto del comparto scuola, il testo unico, i compiti a casa… In alcuni casi le risposte sono state articolate  (sicurezza degli edifici); in altri perentorie  (abbigliamento decoroso, compiti a casa…) o vaghe (il contratto).
Lascia perplessi un passaggio:
“…Sa qual è il mio sogno?».
Ovviamente no.
«L’armadietto nelle scuole».
L’armadietto?
«Non capisco perché c’è nelle scuole d’infanzia e poi sparisce».
Sarebbe utile?
«Ridurrebbe il peso dello zaino, abituerebbe a custodire le proprie cose, a rispettare quelle altrui».”

Perplessità, mitigata però… una “scuola romantica”

Il passaggio lascia basiti! La risposta poco razionale, proviene dall’uomo- Bussetti. E’ il prodotto di quella dimensione che caratterizza la nostra condizione umana: i sogni! Sinonimi di aspirazioni, idealità e aspirazioni. Ora se tutto questo lo caliamo nella dichiarazione del Ministro, sorge una domanda: è mai possibile che la scuola del Ministro si riduca ad un armadietto? Con tutti i problemi che caratterizzano il sistema scolastico,  ( sicurezza degli edifici, qualità della formazione, classi pollaio…) è pensabile ridurre la scuola del sogno alla presenza di un armadietto? E’ accettabile l’idea di attribuire all’armadietto un valore superiore ai problemi reali vissuti da chi entra in aula?
Poi però il sogno di Bussetti lascia meno perplessi. Se consideriamo, infatti, un’altra dichiarazione, dove auspica “insegnanti volontari”, allora  l’idea di scuola del Ministro è chiara:  una scuola romantica, molto vicina a quella del “libro cuore“. Una scuola leggera, dove tutto è semplificato  e  ridotto a obiettivi minimali ( l’armadietto), frequentata da passioni disinteressate e soggetti senza alcuna relazione con la complessità dell’esistenza. E qui mi fermo!

 

Pubblicato in Marco Bussetti | Contrassegnato , | Commenti disabilitati su Marco Bussetti, “la scuola in un armadietto”

Ministro Bussetti, una dichiarazione “profetica”

Ministro Bussetti

Una dichiarazione del Ministro Bussetti che dice molto del “futuro prossimo” della scuola.

Ministro Bussetti e una dichiarazione che rivela le prospettive per la scuola. Tutto dipenderà, soprattutto dalle risorse economiche Quelle che  resteranno dopo le riforme che stanno a cuore a Lega e M5S.

La dichiarazione del Ministro Bussetti

Si legge su Fanpage.it : “Abbiamo gli insegnanti più vecchi d’Europa, ma presto moltissimi di loro andranno in pensione e dunque si farà largo ai giovani”, spiega il ministro dell’Istruzione. “Purtroppo ci vorrà più di un anno per poter indire un concorso perché la legge ci impone un regolamento che ha molti passaggi burocratici. Proveremo a cambiarla snellendo tempi, costi e procedure.
Altro annuncio vuoto dove si presenta il problema e la possibile soluzione che però rimane “al palo”.  Assumendo la prospettiva marxiana si crea un corto circuito tra la teoria e la prassi, cadendo di fatto nell’apologia del presente proposto come inemendabile.

La dichiarazione dice molto del futuro della scuola

Si riceve la sensazione di un Miur che assomiglia ad un cavallo che vorrebbe correre, ma è impedito da fattori non gestibili direttamente dal dicastero. E questa sarà la situazione ricorrente con la quale dovrà fare i conti il Ministero. Ecco spiegata la scelta di “usare il cacciavite, depotenziando lo spirito riformistico”. E’ più semplice! Si interviene dove è possibile, compatibile con le risorse economiche. Queste saranno destinate principalmente alle grandi promesse elettorali della Lega e del M5S: reddito di cittadinanza, flat tax, e superamento della Riforma Fornero. Alla scuola, forse, rimarranno le “briciole”. Insufficienti, ad esempio per abolire le “classi pollaio”. Il provvedimento fa parte del contratto di governo, ma è costoso, perché implicitamente richiede la formazione di più classi e l’impiego di un numero maggiori di docenti. Ecco spiegato il motivo del quasi silenzio del Ministro Bussetti sull’argomento.
La “musica non cambierà” per il  nuovo contratto del comparto pubblico (2019-2021) che dovrà partire dal consolidamento strutturale dell’elemento perequativo per i redditi più bassi.  Se il contratto verrà rinnovato, avremo altri 40 € netti. Non di più! Se tutto questo si concretizzerà, la “discontinuità” promessa, resterà una parola vuota, senza significato.

 

 

Pubblicato in Ministro bussetti | Contrassegnato , , | Commenti disabilitati su Ministro Bussetti, una dichiarazione “profetica”

Foto minori, un’autorevole conferma alla mia tesi

 

Foto minori

Il Garante della Privacy chiarisce la questione. Rimangono però due problemi

Foto minori, finalmente arriva una piacevole conferma alla mia tesi. Del resto è una pratica molto diffusa tra le scuole

Foto minori, l’intervento che chiarisce la questione

Su Tecnicadellascuola.it è apparso un articolo sulla liceità della pubblicazione delle foro dei minori sul sito web della scuola.
Si legge: “Ma quale può essere il motivo istituzionale che autorizza la scuola a pubblicare le fotografie? Per tagliare la testa al toro non ci è rimasto altro che porre un quesito al Garante della protezione dei dati personali che immediatamente, il giorno stesso del quesito, ci ha risposto (evviva, quando le Istituzioni funzionano!) contattandoci al telefono e affermando che la condotta del MIUR è corretta trattandosi di immagini diffuse per motivi istituzionali e che anche le scuole per motivi istituzionali possono pubblicare le fotografie degli studenti senza la richiesta di consenso.
Non essendoci un provvedimento di carattere generale che autorizzi o disponga la pubblicazione delle fotografie degli studenti la scuola potrebbe ricondurre la pubblicazione in un ambito istituzionale almeno nei seguenti modi:
dimostrando che la pubblicazione delle fotografie o video è indispensabile per la valenza di uno o più progetti didattici. A tale scopo occorre descrivere nel PTOF, meglio se singolarmente per ogni progetto coinvolto, i motivi didattici che rendono necessaria la pubblicazione delle fotografie”

Il Garante della Privacy, conferma la mia posizione

Sempre ho sostenuto questa posizione. In altri termini: è possibile pubblicare foto e video, purché sia giustificata dalla singola progettualità, inserita nel PTOP. Del resto le scuole si sono sempre regolate in questo modo.
Scrivevo qualche settimana fa, trattando della liberatoria: “Per quanto riguarda la chiarezza, devono essere espliciti il fine esclusivo di “documentare le attività formative” ( criterio della legittimità e proporzionalità), gli ambienti dove si intende pubblicare le foto (sito, social, piattaforma di condivisione…), il grado di privacy applicato o personalizzato… 
A questo occorre aggiungere la tipologia dei video o delle foto, definiti necessariamente  da secondi piani  dove il singolo “si perde”  nel piccolo o grande gruppo. A mio parere il suddetto materiale risulta coerente con il criterio della proporzionalità con il fine cioè documentare esclusivamente un’attività o un progetto e non “il bel visetto” dell’alunno/studente in primo piano.”

Una decisione meno attaccabile

Non tutti però, sostengono questa poszione, ora divenuta più solida, grazie all’intervento del garante della Privacy. Mi riferisco ad A. Armone, autorevole esperta molto considerata  dalle scuole che basandosi sul Decreto 196/2003 articolo 19 comma 2 (“La comunicazione da parte di un soggetto pubblico a privati o a enti pubblici economici e la diffusione da parte di un soggetto pubblico sono ammesse unicamente quando sono previste da una norma di legge o di regolamento”), sostiene la tesi che l’istituzione scolastica non è tenuta a pubblicare immagini o video sul sito web istituzionale. In altri termini: se non è obbligatorio, perché rischiare?

Due problemi non di poco conto

Detto questo rimangono due problemi. Al momento non esiste una presa di posizione ufficiale, formalizzata in un documento. La comunicazione è avvenuta telefonicamente! Quindi i sostenitori del divieto assoluto di pubblicazione potrebbero evidenziare la debolezza giuridica di questa volontà.
A questo si aggiunge che a settembre “il pallino” passa in mano ai DPO (responsabili del trattamento dei dati personali), nominati dalle singole scuole o da reti. Mi augurio che prevalga la soluzione sponsorizzata dal Garante della Privacy.
A quest’ultimo chiedo la pubblicazione di un documento ufficiale, in modo da chiarire “senza se e senza ma” la questione e tranquillizzare i Dirigenti Scolastici.

Pubblicato in GDPR | Contrassegnato , , | Commenti disabilitati su Foto minori, un’autorevole conferma alla mia tesi

Instagram, la compravendita di foto di minori

Instagram, le foto osé dei argazzi

Instagram, i minori vendono le loro foto. E i genitori?

Instagram, la compravendita di foto osé di minori. E i genitori, dove sono?

Instagram, il mercato di foto di minori

Si leggeUna parola chiave, un profilo, un messaggio privato e un buono regalo o un codice di pochi euro. Tre minuti, al massimo cinque, per avere in cambio foto e video porno. Di maggiorenni e minorenni. Non nel profondo del web, ma su Instagram, il social network fotografico, la vetrina mondiale di vip e di uomini e donne — anche 13enni — che scambiano materiale proibito per 5, 10 o 20 euro… Profilo hot! Video, foto, videochiamate in chat! In scambio per buoni Amazon o altri pagamenti», spiega nella descrizione del suo profilo Francesca (i nomi sono stati cambiati per non renderli riconoscibili, ndr) con account privato, un solo post pubblicato e circa tremila persone che la seguono.”

Domanda, domandina molto semplice

Questa è la situazione su Instagram. Lascio immaginare cosa può avvenire nello spazio profondo del Dark Web.  Mi chiedo: dove sono i genitori? La risposta è relativamente semplice, ma inquietante.
Essi ritengono,  che la questione non potrà mai riguardarli, in quanto si fidano dei propri ragazzi o che sia troppo presto per interessarsi. Aggiungo anche che molti di essi, alle prese con la perdita di lavoro o con stipendi dimezzati o assenti, siano più concentrati sugli aspetti materiali ( assicurare il pranzo e/o la cena… ) e meno su quelli formativi. Tutte queste ragioni, possono in parte giustificare questo disinteresse. Ma resta il fatto che un figlio non è solo una bocca da sfamare, ma anche un’intelligenza da nutrire, una persona da formare, attraverso una selezione, una scelta di opportunità.

L’insegnamento di Gibran

Scriveva Gibran che  i figli non sono nostri, ma ci sono stati affidati per far emergere il “tesoro” di umanità che risiede in loro. Oggi l’educazione e la formazione si giocano sui silenzi dei nostri ragazzi, sugli steccati che stanno alzando con i possibili “ immigrati digitali”. Innanzi tutto con i genitori! L’impegno educativo è il far emergere queste situazioni, rivestendole di “discorsi e parole”, emozioni e paure. Obiettivo possibile se il rapporto intergenazionale è basato sulla reciproca fiducia e dialogo. E per questo ci vuole tempo, Tanto tempo. E spesso questo manca ai genitori, decretando in questo modo la loro assenza, a favore di altri soggetti, che hanno come volani l’ Eros e il Thanatos ( Freud ).

Pubblicato in Cyberbullismo | Contrassegnato , , | Commenti disabilitati su Instagram, la compravendita di foto di minori

Cyberbullismo, la “culpa in educando e vigilando” dei genitori

Cyberbullismo

Una notizia che chiarisce le responsabilità dei genitori, tenendo fuori la scuola!

Cyberbullismo, una notizia che fa chiarezza sulle responsabilità. Lo spartiacque sono i quattordici anni. Prima vede come responsabili i genitori, dopo il ragazzo.

Cyberbullismo, una notizia che chiarisce

Si legge su Stampa.it: ” Nella ricostruzione effettuata dagli agenti anche lo scatto della foto avrebbe i contorni della violenza, sarebbe stato infatti il ragazzo a tirar su di colpo la maglietta dell’amica e a scattarle una foto con l’immancabile smartphone, senza far troppo caso alle sue proteste. Solo la sua giovane età l’ha salvato da una denuncia pesante che però si è riverberata sui genitori, il mancato esercizio di una vigilanza adeguata all’età e indirizzata a correggere comportamenti inadeguati è alla base di quella che in termini penali si chiama «Culpa in vigilando» ed è in pratica alle base della responsabilità civile dei genitori. “

In primis, la responsabilità in “educando e vigilando” dei genitori 

Finalmente una bella notizia! Sono confermate le responsabilità educative sul fenomeno sotterraneo del bullismo online o cyberbullismo. Quattordici anni è la linea di demarcazione tra le due responsabilità. Prima del compimento di quest’età, i responsabili sono unicamente i genitori  Tutto inizia dal momento in cui si regala lo smartphone  al piccolo “non patentato” (sono un sostenitore di una patente per l’uso dello smartphone. Interessante questa iniziativa ) un dispositivo  troppo complesso da gestire. Soprattutto quando questo si affaccia nel Web! Del resto la differenza sostanziale tra lo smartphone e il cellulare risiede nella maggiore possibilità del primo di navigare come un pc desktop o un laptop nel virtuale.

La Polizia postale ha applicato la normativa

La polizia Postale non ha legiferato! Ci mancherebbe! Si è limitata ad applicare una norma che molti genitori ignorano o fanno finta di non conoscere.  Il riferimento è l’art.97 del Codice penale: “non è imputabile chi, nel momento in cui ha commesso il fatto, non aveva compiuto i quattordici anni ”

Ulteriori conferme dalla legge 71/17 e dal decreto di recepimento del GDPR

La norma è stata recepita implicitamente  dalla legge 71/17.
Ciascun minore ultraquattordicenne… può inoltrare al titolare del trattamento o al gestore del sito internet o del social media un’istanza per l’oscuramento, la rimozione o il blocco di qualsiasi altro dato personale del minore” (art 2,  comma 1). Ancora per i reati “commessi, mediante la rete internet , da minorenni di età superiore agli anni quattordici nei confronti di altro minorenne, è applicabile la procedura di ammonimento“.
Durante il lavoro di definizione del Decreto di recepimento del GDPR (25 maggio 2018), lo stesso Garante della Privacy si è pronunciato a favore dei quattordici anni come età minima per esprimere un consenso autonomo sui dati personali che possono gestire i servizi della società dell’informazione ( Facebok, Instagram,  WhatsApp…).
Chiudo con una bella notizia: la scuola non è chiamata in causa! Ad ognuno la sua parte e le sue responsabilità!

Pubblicato in Cyberbullismo | Contrassegnato , , | Commenti disabilitati su Cyberbullismo, la “culpa in educando e vigilando” dei genitori

Le fake news e la “saggezza digitale”

Le fake news

Le fake news rappresentano una bella sfida per “aumentare” la nostra intelligenza.

Le fake news sono una realtà ineliminabile nel Web. E allora? Ci vengono  incontro delle regole. Inizio e avvio per acquisire la “saggezza digitale” (M: Prensky)

I social media e l’affermazione di un nuovo modello informativo

Indubbiamente la diffusione dei social media ha favorito la pluralità delle  informazioni. Queste non seguono più la classica direttiva alto/basso (=intermediazione), dove la televisione e i giornali ricoprivano un ruolo centrale e determinante per la formazione dell’opinione pubblica.  Nel Web 2.0 si è affermato un nuovo modello caratterizzato da un policentrismo reticolare e dalla conseguente disintermediazione. In questo nuovo contesto ogni nodo della Rete assume caratteristiche non più decoficabili nelle categorie  di centro/periferia e attraverso la direttrice alto/basso. Le nuove e iniziali “coordinate spaziali” sono : basso/alto, immediatamente superate dalla condivisione tra pari (“peer to peer”).
Come afferma il Censis si sta progressivamente configurando una “nuova gerarchia delle fonti di informazione”. Si legge nel   XII Rapporto  sulla comunicazione”  “Su internet il 71% degli italiani, crescono ancora i social network. Nel 2015 gli utenti di internet aumentano ancora (+7,4% rispetto al 2013) e arrivano alla quota record del 70,9% della popolazione italiana…E continua la forte diffusione dei social network. È iscritto a Facebook il 50,3% dell’intera popolazione (il 77,4% dei giovani under 30), YouTube raggiunge il 42% di utenti (il 72,5% tra i giovani) e il 10,1% degli italiani usa Twitter”
Al dato quantitativo occorre accostare quello sulla fiducia sui social media in aumento

Le fake news  i “buchi neri” nel Web

Il suddetto quadro costituisce la condizione naturale per la diffusione delle fake news. In altri termini, la maggior caratterizzazione dei social media “altoparlanti virtuali” (capillarizzazione delle informazioni in gruppi omogenei, loro condivisione…) ha portato alla formazione di questi “buchi neri” dell’informazione. E’ risaputo che dietro il sensazionalismo si nascondono bugie, e falsità e informazioni addomesticate e alterate dall’emotività (Post-verità).

Gli anticorpi e la saggezza digitale 

Sono noti i comportamenti che favoriscono l’individuazione delle fake news.
Li riassumo brevemente.
1) Controllare i contenuti della testata;
2) Verificare l’autorevolezza dell’autore
3) Controllare la presenza di fonti autorevoli
4) Riflettere prima di condividere
5) Segnalare le fake news
Sono solito, però, “volare alto”, seguendo la raccomandazione di F. Hegel ” Osserva la foresta, non l’albero!”.
Questi cinque comportamenti, rimandano ad altrettanti puzzle di un disegno che si declina nella “saggezza digitale”(M. Prensky, 2009). che significa “uso avveduto  della tecnologia per migliorare le nostre capacità”. In primis la scuola dovrebbe promuovere il grado di inferenza, navigando criticamente  tra le informazioni e riuscendo a separare il vero dal “costruito”. L’obiettivo è di separarsi dal tasso di emotività delle fake news, dal giudizio degli altri e anche di auto-correggere l’iniziale e spesso istintiva valutazione su un evento. E’ una parte della “saggezza digitale”. Importante perché  garantisce l’autonomia di giudizio “aumentata” (M. Prensky) in un contesto virtuale, spesso contraddistinto da  messaggi emotivi, finalizzati a bypassare la critica. Oggi più che mai necessaria!

Pubblicato in Formazione, Tutti gli articoli | Contrassegnato , , | Commenti disabilitati su Le fake news e la “saggezza digitale”

“Culpa in vigilando”, non è sempre così!

"Culpa in vigilando"

Culpa in vigilando. La sentenza definisce i doveri, ma anche “le zone franche”

“Culpa in vigilando”, non è sempre così! Arriva una sentenza che pone “i paletti”. Pronunciamento da tenere presente, che ribadisce comunque la “presenza attiva” dell’insegnante.

“Culpa in vigilando”, la vicenda

“Culpa in vigilando”, si legge sul portale di Orizzontescuola una minore” durante la frequenza della classe IV^ – sezione “A” della scuola primaria (….) al termine dell’orario delle lezioni, a causa di una caduta provocata (a loro dire) dalla spinta di alcuni compagni di classe nel cortile esterno all’edificio scolastico – e consistiti (secondo il referto ospedaliero) in “trauma contusivo delle ossa nasali. Veniva riferita frattura incisivo superiore”, nella misura complessiva di Euro 10.000,00 con i relativi accessori…

La sentenza del Tribunale di Potenza

Orbene, i fatti, per come ricostruiti sulla scorta delle risultanze probatorie, rivelano che l’incidente subito da F.K. è addebitabile soltanto ad una condotta casuale ed involontaria della stessa alunna, non essendo emerso che il pavimento del cortile fosse scivoloso a causa di fattori meteorologici (pioggia o neve) o che la caduta possa essere stata provocata dalla spinta di altri alunni.
Per cui, sulla scorta di tali argomentazioni, si deve ritenere che il personale scolastico (docente e non docente) non sia responsabile dei danni subiti dall’alunna per la caduta verificatasi dopo l’uscita dall’edificio scolastico , trattandosi di evento assolutamente non prevedibile né prevenibile, ma esclusivamente imputabile a caso fortuito (in assenza di palesi violazioni del dovere di diligenza da parte del personale scolastico).

Una breve considerazione

Da qui si deduce che la responsabilità del Miur, che può in un secondo momento  rivalersi sul docente per dolo o colpa grave, è oggettiva, quando  la vicenda si configura come prevedibile ed evitabile. Le due condizioni rimandano ad una presenza attiva del docente.
Il riferimento è l’art. 2048 del Codice civile.  Si legge  nel secondo comma:” I precettori e coloro che insegnano un mestiere o un’arte sono responsabili del danno cagionato dal fatto illecito dei loro allievi e apprendisti (2) nel tempo in cui sono sotto la loro vigilanza.”
Il passaggio individua  i responsabili e il limite temporale. Spesso però, i pochi che conoscono questo riferimento normativo ( mi riferisco all’art. e non al generico “Sono responsabili…”), non conoscono il comma successivo che richiama la condizione liberatoria: “le persone indicate dai commi precedenti sono liberate dalla responsabilità soltanto se provano di non aver potuto impedire il fatto
Concludo. Una sentenza da tener presente. Definisce i nostri doveri, ma anche i nostri diritti!

 

Pubblicato in Culpa in vigilando | Contrassegnato , , | Commenti disabilitati su “Culpa in vigilando”, non è sempre così!

GDPR, il consenso “italiano” del minore

GDPR

GDPR dal consenso “europeo” del minore a quello “italiano”. Un adeguamento alla legislazione vigente

Il GDPR entrato in vigore dal 25 maggio 2018 conferma alcune regole. Ne stabilisce, però, delle nuove. Tra queste ultime, possiamo inserire il consenso del minore. Prima “europeo” e poi “italiano”

Il GDPR e il consenso del minore al trattamento dei suoi dati personali

Si legge nel GDPR e precisamente all’art. 8 comma 1:
Qualora si applichi l’articolo 6, paragrafo 1, lettera a), per quanto riguarda l’offerta diretta di servizi della società dell’informazione ai minori, il trattamento di dati personali del minore è lecito ove il minore abbia almeno 16 anni. Ove il minore abbia un’età inferiore ai 16 anni, tale trattamento è lecito soltanto se e nella misura in cui tale consenso è prestato o autorizzato dal titolare della responsabilità genitoriale. 
Tale direttiva è stata ripresa nelle prime indicazioni del garante della Privacy (Febbraio 2018).  “Il consenso dei minori è valido a partire dai 16 anni (il limite di età può essere abbassato fino a 13 anni dalla normativa nazionale); prima di tale età occorre raccogliere il consenso dei genitori o di chi ne fa le veci.”
Il comma stabilisce la nuova maggiore età del ragazzo (16 anni). Se vogliamo usare l’espressione di M. Prensky il sedicenne  consegue la saggezza digitale (wisdom digital), perlomeno entra in questa nuova fase della vita dove è richiesto un “uso avveduto della tecnologia per migliorare le nostre capacità”

Lo schema legislativo e il parere del Garante della Privacy

Compito del governo è stato quello non di abolire il Decreto legislativo 196/03, bensì di armonizzarlo con le direttive del GDPR. Da qui lo Schema di decreto legislativo (approvato l’8 agosto 2018) “recante disposizioni per l’adeguamento della normativa nazionale alle disposizioni del regolamento”. Sul testo è stato sentito anche il parere non vincolante del Garante della Privacy. Ecco il risultato per quanto riguarda il consenso del minore, richiesto dalle società dell’informazione (Facebook, Instagram…) : “Con riferimento, poi, al consenso del minore in relazione ai servizi della società dell’informazione il Garante non condivide il limite dei 16 anni contenuto nell’art. 2-quinquies del Codice come modificato dallo schema di decreto, poiché tale limite non appare coerente con altre disposizioni dell’ordinamento che individuano, invece, a quattordici anni il limite di età consentito per esercitare determinate azioni giuridiche. Si pensi, fra le tante, alle disposizioni in materia di cyberbullismo che consentono al minore ultraquattordicenne di esercitare i diritti previsti a propria tutela contro atti di cyberbullismo nei suoi confronti (v. art. 2, c. 1, l. n. 71 del 2017).
Conclusione, i quattordici anni costituiranno il limite del “consenso italiano” richiesto al minore per il trattamento dei suoi dati personali.

 

Pubblicato in GDPR | Contrassegnato , , | Commenti disabilitati su GDPR, il consenso “italiano” del minore

Foto minori sul web, l’incoerenza del Miur

Foto minori sul web

Foto minori sul web, una foto contraddittoria, rispetto ad una tesi autorevole. La parola passa ai DPO

Foto minori sul web, un post ministeriale contraddice le indicazioni di alcuni esperti . Mi auguro che le decisioni dei DPO, riescano a coniugare la prudenza con l’esigenza di documentare le attività di un Istituto.

Foto minori sul web, la foto contradditoria del Miur

Sul sito del Miur è comparso un post ” Terremoto, via libera al potenziamento dell’organico delle scuole nelle aree colpite” E fin qui nulla di strano. Colpisce la foto dove sono ripresi tre minori in primo piano (l’immagine da me postata “nasconde” i visi). Questa contraddice l’indicazione di alcuni autorevoli esperti come A. Armone che basandosi sul Decreto 196/2003 articolo 19 comma 2 (“La comunicazione da parte di un soggetto pubblico a privati o a enti pubblici economici e la diffusione da parte di un soggetto pubblico sono ammesse unicamente quando sono previste da una norma di legge o di regolamento”) sostiene la tesi che l’istituzione non è obbligata a pubblicare immagini o video sul sito web istituzionale. In altri termini: se non è obbligatorio, perché rischiare?

Una tesi, spesso contraddetta

Personalmente non condivido la posizione. Se fosse universalmente condivisa la tesi, non si comprendono interventi come   il “Parere 2/2009 sulla protezione dei dati personali dei minori (Principi generali e caso specifico delle scuole), che il Gruppo di lavoro Articolo 29 ( Gruppo dei Garanti europei) per la protezione dei dati ha adottato l’11 febbraio 2009” Cap. 2 “Vita scolastica” lettera e. Si legge “Spesso le scuole sono tentate di pubblicare le foto dei loro alunni (su stampa o Internet). Occorre fare molta attenzione alla pubblicazione su Internet. Si deve sempre valutare il tipo di foto, la pertinenza della pubblicazione e le finalità perseguite . I minori e i loro rappresentanti devono essere informati della pubblicazione ( il grassetto è del sottoscritto). Se la scuola intende pubblicare singole foto di minori con tanto di identità è necessario il consenso preventivo dei genitori o di altri rappresentanti (o del minore, se è già maturo).
Un altro contributo che sostiene la tesi della pubblicazione, dietro consenso del genitore, è di M. Monteleone 

Un augurio, una speranza

Questa è la situazione. A breve avremo il responso, attraverso le prescrizioni dei diversi DPO ( responsabile del trattamento dei dati personali) nominati dalle singole scuole o da reti.
Mi augurio che prevalga la soluzione che coniughi la dovuta prudenza con le esigenze di documentazione delle attività. Del resto è richiesto anche dal Miur. Penso ai Pon e soprattutto a quello relativo alla “Creatività e cittadinanza digitale”, caratterizzato richiesta (non opzionale) di inserire un modulo sul cyberbullismo che richiederà “corti” realizzati e dai  ragazzi-attori.

Caratteristiche della liberatoria

Quali caratteristiche deve avere la liberatoria, attraverso la quale si ottiene da  entrambi i genitori (in caso di un minorenne) il consenso al trattamento del dato personale?
Innanzitutto deve caratterizzarsi per  la  “prudenza e cautela”, criteri  espressi dal Garante della Privacy nel documento “La scuola a prova di privacy” (ottobre 2016), tenendo conto della dilatazione del Web oscuro ( Dark Web/Dark Net…) e della maggiore facilita a condividere il materiale. La richiesta di consenso  deve essere comprensibile, semplice, chiara. Per quanto riguarda la chiarezza, devono essere espliciti il fine esclusivo di”documentare le attività formative” ( criterio della legittimità e proporzionalità), gli ambienti dove si intende pubblicare le foto (sito, social, piattaforma di condivisione…), il grado di privacy applicato o personalizzato (ad esempio sito istituzionale provvisto di “area riservata” con password, come indicato dal documento del gruppo dei garanti europei o la pagina social in modalità di gruppo chiuso) e la scadenza temporale per il loro trattamento.
A questo occorre aggiungere la tipologia dei video o delle foto, definiti necessariamente  da secondi piani  dove il singolo “si perde”  nel piccolo o grande gruppo. A mio parere il suddetto materiale risulta coerente con il criterio della proporzionalità con il fine cioè  documentare esclusivamente un’attività o un progetto e non “il bel visetto” dell’alunno/studente in primo piano.

 

 

 

Pubblicato in Foto minori, Tutti gli articoli | Commenti disabilitati su Foto minori sul web, l’incoerenza del Miur

Classe pollaio a Todi, il punto della situazione e una riflessione

Classe pollaio a Todi

Classe pollaio a Todi, caso chiuso. Almeno per il momento. Una riflessione

Classe pollaio a Todi, al vicenda ha visto il coinvolgimento dell’Istituto, del Ministro Bussetti e dell’Usr dell’Umbria. Dalla situazione è possibile, comunque, trarre una breve riflessione che porta a…

La classe pollaio a Todi, tutto inizia con…

La vicenda della classe pollaio a Todi inizia con una lettera del Presidente del Consiglio d’Istituto. Si legge : “ll suddetto Liceo si articola in quattro indirizzi; Classico, Scientifico, Linguistico e Scienze Umane e ciò che mi induce a scriverLe è la decisione dell’Ufficio Scolastico Regionale dell’Umbria che, applicando la normativa in essere, non ha previsto lo sdoppiamento della prima classe del Liceo Scientifico nonostante i 39 ragazzi iscritti di cui uno diversamente abile con sostegno. A nulla sono valse a tutt’oggi le accorate richieste fatte dal Dirigente Scolastico Sergio Guarente…  Il senso di impotenza e rabbia scaturisce dal fatto che, evidentemente, si ritiene che la soluzione imposta dalla normativa sia perfettamente compatibile con il diritto costituzionale allo studio e lo rispetti anche nel più ampio senso di assicurare a tutti le migliori condizioni per un’efficace formazione attuando i più elementari principi pedagogici”

La risposta del Ministro, molto perentoria

Ecco la risposta del Ministro postata sulla sua pagina di fb:
Il caso della classe ‘pollaio’ da 39 alunni del liceo di Todi finito sulla stampa in questi giorni è già risolto dal 9 agosto. La scuola fra l’altro ha accettato iscrizioni in più anche dopo la scadenza delle domande. L’Ufficio scolastico regionale per l’Umbria ha comunque ascoltato le esigenze dell’Istituto e ha assicurato lo sdoppiamento della classe. Tanto rumore per nulla, dunque. Ringrazio i nostri uffici territoriali, che sono sempre al lavoro, anche in questi giorni, per garantire un buon avvio di anno scolastico. E auguro ai liceali di Todi un buon rientro e buono studio”

Ma non convince pedagogicamente i genitori

Non si fanno  attendere i rilievi tecnici del Presidente del Consiglio d’Istituto (avvocato):”Le notizie in nostro possesso ci dicono che l’Usr concederebbe poche ore aggiuntive, appena 4 su un totale di 27 ore settimanali, con la possibilità del dirigente scolastico di poter dunque sdoppiare la classe ricorrendo all’organico con ore a disposizione, ma ciò non basta a tranquillizzarci perché l’eventuale, suddetta classe non esisterebbe comunque nell’organico di fatto. Oltretutto, il problema si riproporrebbe costantemente per gli anni successivi fino al termine del ciclo scolastico dei nostri figli”

Chiude il confronto (almeno per ora) la dichiarazione dell’Usr dell’Umbria

Ovviamente era necessaria una dichiarazione dell’Usr dell’Umbria. Si legge su OS: “Il rispetto della normativa costituisce “garanzia” per tutti i cittadini, consentendo di trattare le varie situazioni in modo equo ed imparziale e di distribuire le risorse sulla base di criteri definiti e trasparenti…Sulla base della normativa attualmente vigente, al Liceo “Jacopone da Todi” non spetta, né in organico di diritto né di fatto, la “settima” classe  richiesta… Quello che contava era garantire ai ragazzi un’ulteriore classe ed è quello che è stato fatto, grazie alla sinergia tra l’Ufficio Scolastico e la Scuola… A settembre, di fatto, le classi prime saranno sette e non sei.

E’ necessario eliminare il problema alla radice

La vicenda conferma che i diversi uffici scolastici regionali devono “muoversi” dentro la vigente normativa ( Legge 133/08, D.M.81/09 e seguenti). Non a caso nella dichiarazione di Antonella Iunti, Direttore Ufficio Scolastico Regionale per l’Umbria, ricorre spesso il concetto del rispetto della normativa. Non poteva essere diversamente! Un organo amministrativo, non può assumere funzioni legislative!
La soluzione tecnica ( potenziato + ore integrative), comunque, è da elogiare, perché esprime l’impegno dell’Usr a cercare tra le righe della normativa, il pertugio per venire incontro alle esigenze pedagogiche dell’Istituto.
Da qui solo il Parlamento, su proposta del governo, può mettere fine alle “classi pollaio”. Del resto la loro abolizione fa parte del contratto dell’esecutivo! Pertanto si proceda “senza se e senza ma” ad espellere dal sistema formativo questo virus voluto dal duo Gelmini-Tremonti, ministri del governo Berlusconi IV (2008-11).

Pubblicato in Classi pollaio, Tutti gli articoli | Contrassegnato , , | Commenti disabilitati su Classe pollaio a Todi, il punto della situazione e una riflessione

Classe pollaio a Todi, non ancora risolto!

 

Classe pollaio a Todi

Classe pollaio a Todi, non sembra tutto risolto. Un ottimo esempio di partecipazione attiva

Classe pollaio a Todi, Il Ministro Bussetti comunica di aver risolto il problema. I genitori, invece, sembrano non convinti della soluzione.

Classe pollaio a Todi, la comunicazione del Ministro

In questi giorni si è parlato molto della possibile costituzione di una classe pollaio con 39 alunni a Todi. Bene, ieri il Ministro ha postato sulla sua pagina Fb:
Il caso della classe ‘pollaio’ da 39 alunni del liceo di Todi finito sulla stampa in questi giorni è già risolto dal 9 agosto. La scuola fra l’altro ha accettato iscrizioni in più anche dopo la scadenza delle domande. L’Ufficio scolastico regionale per l’Umbria ha comunque ascoltato le esigenze dell’Istituto e ha assicurato lo sdoppiamento della classe. Tanto rumore per nulla, dunque. Ringrazio i nostri uffici territoriali, che sono sempre al lavoro, anche in questi giorni, per garantire un buon avvio di anno scolastico. E auguro ai liceali di Todi un buon rientro e buono studio.”

I genitori non sono soddisfatti.

Diversi interrogativi nascono intorno alla vicenda. Ma non ho intenzione di analizzarli in questa sede. Lo farò semmai, quando tutto sarà  chiaro. Infatti, sembra che al momento è questo che manchi.
Questa mattina,infatti, sfogliando la rassegna stampa del Miur è riportata la seguente dichiarazione”Le notizie in nostro possesso ci dicono che l’Usr concederebbe poche ore aggiuntive, appena 4 su un totale di 27 ore settimanali, con la possibilità del dirigente scolastico di poter dunque sdoppiare la classe ricorrendo all’organico con ore a disposizione, ma ciò non basta a tranquillizzarci perché l’eventuale, suddetta classe non esisterebbe comunque nell’organico di fatto. Oltretutto, il problema si riproporrebbe costantemente per gli anni successivi fino al termine del ciclo scolastico dei nostri figli”

Un ottimo esempio di partecipazione attiva

Al momento, quindi la situazione non sembra risolta. E’ possibile affermare, però che ci troviamo di fronte ad una componente genitori e docente particolarmente agguerrita. Ottimo esempio di “testardaggine pedagogica”, coniugata alla preparazione tecnica. Aggiungo anche, aver individuato nella comunicazione mediatica lo strumento più efficace per conseguire due classi pedagogiche.

 

Pubblicato in Classi pollaio, Tutti gli articoli | Contrassegnato , , | Commenti disabilitati su Classe pollaio a Todi, non ancora risolto!

Classi pollaio, il record stagionale in Umbria

Classi pollaio

L’ultimo caso in Umbria. E’ il record stagionale! Tutte le mie considerazioni confermate

Classi pollaio, dalle parole ai fatti. In Umbria si è stabilito il record stagionale. Il caso conferma tutte le mie riflessioni.

Classi pollaio, un esempio di applicazione di una normativa antipedagogica

Ieri (11 agosto) è stata pubblicata su OrizzonteScuola una lettera sul fenomeno delle classi pollaio. Ecco qualche passaggio
” Il suddetto Liceo si articola in quattro indirizzi; Classico, Scientifico, Linguistico e Scienze Umane e ciò che mi induce a scriverLe è la decisione dell’Ufficio Scolastico Regionale dell’Umbria che, applicando la normativa in essere, non ha previsto lo sdoppiamento della prima classe del Liceo Scientifico nonostante i 39 ragazzi iscritti di cui uno diversamente abile con sostegno. A nulla sono valse a tutt’oggi le accorate richieste fatte dal Dirigente Scolastico Sergio Guarente…  Il senso di impotenza e rabbia scaturisce dal fatto che, evidentemente, si ritiene che la soluzione imposta dalla normativa sia perfettamente compatibile con il diritto costituzionale allo studio e lo rispetti anche nel più ampio senso di assicurare a tutti le migliori condizioni per un’efficace formazione attuando i più elementari principi pedagogici.”

Si ignora ogni esigenza educativa, compresa l’attitudine del ragazzo

l’Ufficio Scolastico Regionale auspicherebbe che fosse il Dirigente Scolastico a “convincere” i genitori circa l’indirizzo al quale iscrivere il proprio figlio. Della serie: non possiamo permetterci che ognuno possa liberamente scegliersi un proprio progetto educativo. Sarebbe sufficiente, quindi, secondo tale visione, “motivare”, ad esempio, una decina di ragazzi a passare dall’indirizzo Scientifico a quello delle Scienze Umane e il gioco sarebbe fatto. Se, invece, i ragazzi non si lasciassero convincere con le buone, il Dirigente dovrebbe passare ad una loro “riallocazione forzosa”, magari partendo dagli ultimi iscritti in ordine temporale.”

Stabilito il record stagionale 

Il caso stabilisce il record stagionale. Quello assoluto appartiene  all’istituto di Modica (49 alunni), che precede i 42 di Casale Monferrato(ci furono molte discussioni e proteste). Questi però rappresentano le “eccellenze” di un fenomeno stabilizzato intorno ai 30-32 alunni. Le classi pollaio, o “il fenomeno del sovraffollamento delle classi” come le definisce più asetticamente il Ministro Bussetti,  sono una “trovata anti-pedagogica” contenuta nella Riforma Gelmini (D.M.81/09). Questa,  rappresentò  la conclusione di un percorso avviato dalla Moratti (2001-06). In sintesi, per la destra la scuola pubblica ha sempre rappresentato una “spesa eccessiva”.  Da qui  ottimizzare le risorse! Tradotto, ridurre il numero degli insegnanti, delle classi, le ore di scuola, le compresenze… Risultato, contrazione significativa delle risorse economiche.

Gli insegnanti demansionati

Chi mi segue conosce i numerosi interventi su questo “scellerato” fenomeno delle classi pollaio. Queste, innanzi tutto entrano in contrasto con il  profilo di educatore dell’insegnante. Sfido chiunque ad individuare elementi pedagogici in questo tipo di organizzazione. La classe da “ambiente educativo di apprendimento”, si trasforma in puro contenitore. Da qui il “demansionamento” del docente che è chiamato comunque a gestire anche i casi di alunni con Bes, Dsa…

La pedagogia come rappresentazione inutile nei convegni…

Il caso conferma, inoltre, che al Miur e a discendere negli Uffici Scolastici Regionali governano i ragionieri. I pedagogisti, se ancora frequentano questi ambienti, sono chiamati a “parlare dei massimi sistemi pedagogici” (inclusione, qualità formativa, progettazione per competenze…)  nei convegni, ma presto dimenticati, quando il gioco si fa duro (=stabilire gli organici. Si legga l’ultima nota ministeriale del 29.03.18).
Le classi pollaio sono “l’entrata a gamba tesa” nel quotidiano del “finanzcapitalismo” ( L. Gallino) che, come afferma il filosofo D. Fusaro, “regna ormai su tutto il giro orizzonte”, colonizzando i nostri pensieri, i nostri discorsi, la nostra coscienza!

Classi pollaio, una presenza discreta

Presenza silenziosa ma efficace , perché scarsamente avvertita e “trattata” dai grandi media (giornali, talk-show…). Presenza non percepita, perché gli effetti non sono immediatamente avvertiti. Lo saranno nel tempo. La formazione è un processo lungo che va oltre una legislatura! Il risultato sarà devastante e probabilmente irreversibile. ” Chi non investe in cultura, decide di farlo in ignoranza”!

Classi pollaio un’organizzazione incostituzionale, ma compatibile con le ragioni di spesa 

Aggiungo il carattere non costituzionale delle classi pollaio, sancito da diverse sentenze dei T.A.R, Consiglio di Stato. Tutte inascoltate!
Completa “il quadretto desolante” la coerenza dell’Amministrazione rispetto al D.M. 81/09, il quale pur prevedendo la possibilità di formare classi iniziali con massimo 20 alunni, in  presenza del diversamente abile, dichiara che ” L’istituzione delle predette classi deve in ogni caso far conseguire le economie previste nei tempi e nelle misure di cui all’articolo 64, comma 6, del decreto legge 25 giugno 2008, n. 112, convertito, con modificazioni, dalla legge 6 agosto 2008, n. 133.” Quindi discorso chiuso sul non rispetto della normativa, avanzato da molti docenti.

Classi pollaio, il Ministro Bussetti si è già (purtroppo) pronunciato 

La lettera è indirizzata al Ministro Bussetti. “Gentilissimo Signor Ministro, Le scrivo a nome del Consiglio d’Istituto del Liceo “Jacopone da Todi” di Todi, in Umbria, consesso nel quale siedo in rappresentanza dei genitori dei circa 770 studenti che lo frequentano.”
Il Ministro si è già pronunciato davanti alle commissioni Scuola del senato e della Camera dei Deputati (1 agosto 2018) in modo ragionieristico ( “la media nazionale è di 21 alunni per classe” e circoscrivendo il fenomeno alle eccessive richieste dei genitori per alcuni indirizzi scolastici.
Da qui si ha l’impressione che il Ministro non intenda abrogare le classi pollaio. Si interesserà del suddetto caso? Vedremo!

 

Pubblicato in Classi pollaio, Tutti gli articoli | Commenti disabilitati su Classi pollaio, il record stagionale in Umbria

Foto dei minori sui social, i pareri e il pronunciamento del Garante

Foto dei minori sui social

Foto dei minori sui social. Pareri spesso discordanti. Da tenere presenti sono quelli coerenti con il pronunciamento del Garante della Privacy.

Foto dei minori sui social, non sempre i pareri concordano. Tra questi contano, quelli coerenti  con il pronunciamento del Garante della Privacy.

Foto minori sui social, un articolo interessante 

Qualche giorno fa è circolato un articolo nel Web. Non recente. Infatti risale al 16.07.2013. Il titolo è ” Scuole e asili: è lecito pubblicare su Facebook le foto degli alunni minori
Presenta alcuni elementi già da me citati . Mi riferisco, innanzitutto alla possibilità di pubblicare dopo aver acquisto il consenso di chi esercita la patria genitoriale. Autorizzazione che deve far riferimento ad una richiesta dell’istituzione scolastica, caratterizzata dai criteri di legittimità e chiarezza.  Scrivevo: “Per quanto riguarda la chiarezza, devono essere espliciti  i fini ( criterio della legittimità e proporzionalità), gli ambienti dove si intende pubblicare le foto (sito, social, piattaforma di condivisione…), il grado di privacy applicato o personalizzato e la scadenza temporale per il loro trattamento.
A questo occorre aggiungere la tipologia dei video o delle foto, definiti necessariamente  da secondi piani  dove il singolo “si perde”  nel piccolo o grande gruppo.”

Esiste però un punto di non condivisione

Quindi tutto bene? Quasi! E’ presente  una parte che  che non condivido. Si legge: “Non è mai permessa invece, anche se è stato prestato il consenso, la pubblicazione sui social network (es. Facebook, Twitter ecc.). La legge infatti vieta alle istituzioni pubbliche di trasferire i dati personali degli alunni a soggetti privati, quali sono appunto le società che gestiscono i social network” L’autore cita l’Art. 18 D.Lgs. n. 196/2003 il quale recita: ” Le disposizioni del presente capo riguardano tutti i soggetti pubblici, esclusi gli enti pubblici economici. Qualunque trattamento di dati personali da parte di soggetti pubblici è consentito soltanto per lo svolgimento delle funzioni istituzionali.” 

Un intervento di diverso parere sullo stesso portale

Questa parte ha creato una certa apprensione in chi gestisce dati personali (foto o video) sui social, afferenti la scuola.
L’articolo presenta un parere! Questa mia affermazione è supportata da un altro articolo sullo stesso portale (11 novembre 2013), che però non conferma la  tesi del suddetto intervento. Infatti si legge: Attraverso la liberatoria”  la scuola potrebbe chiedere al genitore l’autorizzazione, oltre che allo scatto e alla videoripresa, anche alla diffusione di tale materiale, laddove ciò avvenga sempre per finalità “istituzionali” (scopi didattici e di ricerca, promozione culturale ecc.): si pensi per esempio… alla pubblicazione su siti internet, blog e fan page della scuola stessa. In questi casi, un docente può pubblicare la foto sulla pagina Facebook della scuola solo se lo fa per le finalità già rese note e acconsentite dai genitori con la liberatoria o se ha richiesto a questi ultimi il consenso specifico per la pubblicazione.”

Un’autorevole conferma: il pronunciamento del Garante della Privacy

Quest’ultima tesi è confermata  dal pronunciamento autorevole del Garante della Privacy, attraverso un interessante e agevole opuscoletto.  Si legge “Va però prestata particolare attenzione alla eventuale pubblicazione delle medesime immagini su Internet, e sui social network in particolare.
In caso di comunicazione sistematica o diffusione diventa infatti necessario, di regola, ottenere il consenso informato delle persone presenti nelle fotografie e nei video

Pubblicato in Foto minori, Tutti gli articoli | Contrassegnato , , | Commenti disabilitati su Foto dei minori sui social, i pareri e il pronunciamento del Garante

Classi pollaio, il non detto del Ministro Bussetti

Classi pollaio, il non detto del Ministro Bussetti

Un’audizione dove tutto è bianco e nero. Le sfumature sono assenti.

Classi pollaio, l’audizione del Ministro deve essere analizzata nel non detto formale e nei toni. Ci tornano indietro dei messaggi poco rassicuranti

Classi pollaio, l’intervento del Ministro

La mia insistenza sulle classi pollaio si basa sulla convinzione che la qualità del sistema formativo passa dall’aula. Bene, il Ministro ha espresso il suo pensiero sulle classi pollaio Poco rassicurante.
L’audizione del 1 agosto 2018 davanti alle Commissioni Istruzione del Senato e della Camera dei Deputati. si apre in questo modo ( 1:52-2:20)
“la media a livello nazionale è di 21,1 alunni per classe. In qualche caso per iscrizioni avvenute anche dopo i termini previsti o per la presenza indirizzi di studio particolarmente specializzanti, e al solo fine di accontentare il più possibile le famiglie e gli alunni, si è verificato  il caso della costituzione di singole classi numerose, ma sempre nel rispetto del D.M. del 2009 “

Il peso del non detto del Ministro Bussetti

L’intervento risente di una certa sinteticità. Non poteva essere altrimenti! E’ il caso del D.M. 81/09. Il Ministro lo cita per giustificare la formazione delle classi pollaio – interessante il cambio di espressione del Ministro che parla “affollamento delle classi” – da parte degli Usr, sempre rispettosi del suddetto dispositivo. Purtroppo ha dimenticato di dire che il Decreto 81/09 prevede che  ” Le classi iniziali delle scuole ed istituti di ogni ordine e grado, ivi comprese le sezioni di scuola dell’infanzia, che accolgono alunni con disabilità sono costituite, di norma, con non più di 20 alunni, purché sia esplicitata e motivata la necessità di tale consistenza numerica, in rapporto alle esigenze formative degli alunni disabili, e purché il progetto articolato di integrazione definisca espressamente le strategie e le metodologie adottate dai docenti della classe, dall’ insegnante di sostegno, o da altro personale operante nella scuola.” (art.5 comma 2). Purtroppo i problemi sono a monte meno a valle. In altri termini, molte classi pollaio si formano il primo anno!

 Il bianco e il nero senza sfumature

Abituato a lavorare con i ragazzi, ho affinato una sensibilità verso i metamessaggi (toni, postura, inflessioni…).
L’audizione del Ministro, per la parte delle classi pollaio, è auto-giustificativa e dal tono  perentorio. Esistono solo due colori: il bianco e il nero! Non è presente alcun riferimento alla persona, ai volti dei ragazzi. Non cita le  tante conseguenze negative prodotte dalle classi pollaio. Prevale l’aspetto matematico, ritenuto contenuto (il bianco) e razionale. Risultato: stiamo lavorando bene!  Sul banco degli imputati deve andare il “genitore-cliente” (il nero)! E’ palese l’intento del Ministro di “scaricare” su quest’ultimo la responsabilità delle classi pollaio. Il Ministro, però, dimentica le sfumature, dove  l’Amministrazione, pur potendo ( D.M.81/09 art. 5 comma 2), decide di seguire il criterio del’ottimizzazione (classi più numerose, meno docenti).
Risultato: ho l’impressione che il Ministro intenda consolidare le classi pollaio. Del resto fa parte di un movimento che nel periodo del Governo Berlusconi (2008-2011) ha votato la Riforma Gelmini.

Pubblicato in Classi pollaio | Contrassegnato , , | Commenti disabilitati su Classi pollaio, il non detto del Ministro Bussetti

Curriculum vitae (aggiornato agosto 2018)

Curriculum vitae (aggiornato agosto 2018)

Un aggiornamento necessario dopo l’approvazione del Pon “digitale”realizzato

Presento le mie ultime  attività ( agosto 2018)

– Progettazione PON “Cittadinanza e creatività digitale”. Approvato. Posizione                      regionale  98 su 239      
– Referente cyberbullismo (I.C. “Carlo Levi”)
– Coordinatore attività referenti cyberbullismo (primo e secondo ciclo) Ambito 9 per stesura regolamento condiviso d’istituto
– Intervento sui pericoli nella Rete al Liceo scientifico “Libero de libero” ( Fondi.LT)
– Intervento I.C. “Petrassi” – Roma “Regolamento condiviso cyberbullismo e rischi nel Web”
– 6 ore corso (docenti I.C. “Carlo Levi” ) riguardanti “La sicurezza in Rete”
– Figura Strumentale Tic
– Corso di preparazione agli esami Ecdl (Modulo 1 e 3)
– Pubblicazione articoli in siti professionali ( OrizzonteScuola, Scuolainforma, Regolarità e trasparenza nella scuola, Fuoriregistro, Oggiscuola, Professione Insegnante) e nel blog “Maestroscialpi”

Curriculum vitae (aggiornato agosto 2018)

Un aggiornamento necessario dopo l’approvazione del Pon “digitale”realizzato

Pubblicato in Curriculum vitae | Commenti disabilitati su Curriculum vitae (aggiornato agosto 2018)

Divieto smartphone a scuola, l’Italia è avanti

Divieto smartphone a scuola

Divieto smartphone a scuola. La Francia ha deciso. Anche l’Italia undici anni fa.

Divieto smartphone a scuola in Francia. Una buona notizia! Qualcuno chiede lo stesso provvedimento in Italia. Ma noi siamo avanti di undici anni

Divieto smartphone a scuola, la decisione della Francia 

Probabilmente dal prossimo anno scolastico in Francia sarà vietato l’uso degli smartphone (evoluzione tecnologica dei cellulari) in classe. Uniche eccezioni sono per gli alunni diversamente abili e per particolari progetti pedagogici.  Una buona notizia! Rincaro: un’ottima notizia!

Richieste di allineamento per l’Italia

In Italia è sorta l’esigenza di allinearsi a questa decisione. “L’Italia percorra la via maestra tracciata dalla Francia e vieti l’uso degli smartphone nelle aule scolastiche… Un esperto del settore come il professor Manfred Spitzer, autore di ‘Demenza digitale’ e ‘Solitudine digitale’, afferma che l’uso dello smartphone a scuola riduce di molto le performance degli studenti. Gli strumenti digitali devono essere il mezzo e non il fine del rapporto educativo e didattico nella scuola, perché nessun device elettronico – conclude la vice coordinatrice nazionale della Gilda – potrà mai sostituire la relazione dialogica tra discenti e docenti” (Comunicato Gilda)

Ma l’Italia non ha bisogno di allineamenti

Il comunicato dimentica, però, la Direttiva Fioroni ( 15 marzo 2007) e un pronunciamento del nostro Garante della Privacy (17.09.2013) . Questi  hanno rappresentato un “apripista” per altri paesi. Ultimo in ordine cronologico, la Francia.
Infatti, il provvedimento transalpino  risulta simile ai citati documenti. Con la Direttiva Fioroni, l’unica differenza, e non poteva essere diversamente,  risiede nel riferimento al dispositivo (device). Allora esistevano i cellulari. Oggi gli smartphone ( piccoli computer portatili).
Nel decreto Fioroni, infatti, si legge:” L’uso dei cellulari da parte degli alunni, durante lo svolgimento delle attività didattiche, è vietato. Il divieto risponde ad una generale norma di correttezza che trova una sua codificazione nei doveri indicati nello Statuto delle studentesse e degli studenti (D.P.R. n. 249/1998). La violazione di tale divieto configura un’infrazione disciplinare rispetto alla quale la scuola è tenuta ad applicare apposite sanzioni.”.  

Il Garante della Privacy “completa l’opera”

Ovviamente la componente sanzionatoria non è sufficiente a gestire pedagogicamente la presenza pervasiva del “coltellino svizzero” (M. Spitzer). Come annunciato sopra,  il compito lo assolve egregiamente il Garante della Privacy. ” Le Nuove tecnologie e web rappresentano ormai una realtà con cui fare i conti anche nell’ambito dell’attività scolastica. Smartphone e tablet sono utili, ad esempio, per registrare le lezioni o per fare ricerche. Ma non devono trasformarsi in strumenti di offesa usandoli per diffondere sulla rete video e foto che possono ledere la dignità di compagni o insegnanti…Spetta agli istituti scolastici decidere nella loro autonomia come regolamentare l’uso di questi dispositivi”

“La mente aumentata”, l’insegnamento M. Prensky 

Quest’apertura risulta complessa. E’ necessario che la presenza dello smartphone sia giustificata dall’esigenza di promuovere “la saggezza digitale” (digital wisdom, 2009 ). L’espressione ha sostituito, quella ormai obsoleta ed equivoca del “nativo digitale” (M. Presky, 2001). In sintesi, lo scrittore, meno apocalittico del neuropsichiatra M. Spitzer, sponsorizza l’uso dei dispositivi. Sostanzialmente i motivi sono due, e configurano la “mente aumentata” che si declina nella saggezza digitale . Secondo lo scrittore e studioso, l’uso delle nuove tecnologie favorisce il salto di livello verso l’alto della nostra intelligenza.”Nel futuro, grazie alla tecnologia, i cercatori di saggezza beneficeranno di un accesso istantaneo e prima inimmaginabile a discussioni planetarie, a tutta la storia, a tutto quanto è stato scritto, a enormi archivi di casi e di dati, a simulazioni di esperienze molto realistiche equivalenti ad anni o anche secoli di esperienza reale” (M. Prensky). A questo occorre aggiungere la formazione di una capacità per individuare modalità, percorsi e soluzioni tecnologiche che portino ad aumentare il nostro potenziale cognitivo e non solo.
Pertanto se lo smartphone può rappresentare un moltiplicatore della nostra intelligenza perché non autorizzarlo a scuola? Ovviamente è richiesta la presenza di insegnanti competenti e non solo abili nelle procedure.

 

Pubblicato in Nuove tecnologie | Contrassegnato , , | Commenti disabilitati su Divieto smartphone a scuola, l’Italia è avanti

PON ” Cittadinanza e creatività digitale” approvato!

PON " Cittadinanza e creatività digitale"

Il PON “digitale” realizzato per il mio Istituto è stato valutato positivamente. Ed ora si riparte per una nuova avventura!

PON ” Cittadinanza e creatività digitale” valutato positivamente

Nel maggio 2017 ho realizzato il Pon ” Cittadinanza e creatività digitale” per il mio Istituto (I.C. “Carlo Levi”-Roma). “Questo pone attenzione sulle competenze digitali, sempre più riconosciute come requisito fondamentale per lo sviluppo sostenibile del nostro Paese e per l’esercizio di una piena cittadinanza nell’era dell’informazioneGli interventi formativi sono finalizzati in particolare al sostegno dei percorsi per lo sviluppo del pensiero computazionale e della creatività digitale e per lo sviluppo delle competenze di “cittadinanza digitale”
Bene con grande mia soddisfazione è stato valutato (approvato) positivamente. Valore 24.993,60€. A questo aggiungo anche la buona posizione occupata su base regionale (Lazio): 98 su 239.
La posizione è rassicurante per l’approvazione definitiva e la conseguente autorizzazione.Il Pon è costituito da quattro moduli: Ecdl di base, contrasto al cyberbullismo, imparare con le mappe il testo, il coding.

Pubblicato in PON "digitale", Tutti gli articoli | Contrassegnato , , | Commenti disabilitati su PON ” Cittadinanza e creatività digitale” approvato!

La legge di stabilità 2019, il banco di prova del governo

La legge di stabilità 2019

La legge di stabilità 2019 rivelerà le reali intenzioni di questo governo sulla scuola.

La legge di stabilità 2019, rappresenterà il banco di prova del governo per la scuola. Dal mega-provvedimento capiremo quanto si intende realizzare #ilcambioverso per la scuola.

Un inizio “deboluccio”

Finora il Ministro Bussetti è stato poco produttivo. In altri termini, poco è cambiato per la scuola! L’unico provvedimento significativo ha riguardato l’abolizione della chiamata diretta, con qualche ambiguità. Libero Tassella ha rilevato, infatti, la permanenza della titolarità di ambito e la durata triennale. Aggiungo, il provvedimento  è a costo zero. Quindi semplice da firmare.
Il resto sono chiacchiere, interviste.

Gli unici documenti importanti

In mezzo a questo “fiume di parole” emergono due interventi importanti fatti davanti alle commissioni scuola del Senato e della Camera dei deputati. Mi riferisco alle le linee programmatiche (11 luglio 2018) e all’audizione del 1° agosto.
Dal primo emerge l’intenzione di non abrogare “La Buona Scuola”, ma solo di applicare “la tecnica del cacciavite” (Fioroni). Ha dichiarato il Ministro: “come ha anche assicurato il Presidente del Consiglio, reputo che i nodi emersi in questi anni di applicazione vadano affrontati e sciolti completamente, in modo condiviso: quello che propongo è un riallineamento complessivo che ottimizzi un impianto normativo ormai operativo da qualche anno.”
Interessante la parte sulla scuola inclusiva. Molto formale, ma di scarsa sostanza. Non si dice nulla sull’abolizione delle classi pollaio.

Un’audizione inquietante, ma non tanto

La dimenticanza è stata superata dall’audizione del 1° agosto. Lascia perplessi! Non tanto, però, se pensiamo che il Ministro Bussetti è rappresentante di un movimento che nel 2008-2009 faceva parte del Governo Berlusconi IV. Quindi firmatario dei provvedimenti che hanno dato vita alla Riforma Gelmini (prelievo forzoso di 8 miliardi, abolizione delle compresenze del tempo pieno e formalizzazione delle classi pollaio…). Ha dichiarato il Ministro ” la media classi/alunni, a livello nazionale, è di 21,1 alunni per classe. In qualche caso  si sono verificate situazioni per le quali, vuoi per iscrizioni avvenute anche dopo i termini previsti, vuoi per taluni indirizzi di studio particolarmente specializzanti, e al solo fine di accontentare il più possibile le famiglie e gli alunni, potrebbe essersi verificato il caso della costituzione di singole classi numerose”
Da questa dichiarazione emerge l’approccio ragionieristico e l’intenzione di giustificare la presenza delle classi pollaio, come una conseguenza di un venir incontro alle esigenze delle famiglie. Sconcertante.

La legge di stabilità, conferma o superamento del profilo attuale?

Se il buongiorno, si vede dal mattino, allora siamo messi male! Anzi malissimo!
La prossima legge di Stabilità 2019 ci dirà molte cose. Capiremo meglio il “peso” della scuola. In altri termini, saranno svelate le reali intenzioni di questo governo sulla scuola. Le speranze sono poche! Direi ridotte al lumicino. Del resto il Ministro Bussetti ha parlato di “obiettivi realmente perseguibili”. Ora l’abolizione delle classi pollaio comportano un costo. Medesimo discorso  vale per qualunque altro elemento della Riforma Gelmini, voluta per sottrarre risorse finanziarie alla scuola. Se poi pensiamo che le poche risorse disponibili saranno destinate per la Flat tax, il reddito di cittadinanza, la riformulazione della Riforma Fornero, allora non ci resta che rassegnarci. Resta la domanda: ” Dopo questo governo su chi o cosa possiamo affidare le nostre speranze di cambiamento della scuola?

 

 

Pubblicato in Governo, Tutti gli articoli | Contrassegnato , , | Commenti disabilitati su La legge di stabilità 2019, il banco di prova del governo

Il GDPR, il consenso e la maturità digitale del minore

 

Il GDPR

Il GDPR conferma la potenziale maturità digitale del minore. I compiti della comunità educante.

R ( Regolamento europeo per la protezione dei dati personali)  ha definito l’area giuridica del consenso riguardante i soggetti, le possibilità, le limitazioni e le sanzioni. La conferma di una  maturità digitale del minore.

Il GDPR e il consenso al trattamento dei dati personali del minore

Il GDPR è un documento molto articolato. Quindi non di semplice lettura. Comunque da leggere e approfondire. Da questa doppia operazione non sono esonerati i genitori e gli insegnanti.
Quindi per trattare del consenso partiamo da questo documento.
” “Qualora si applichi l’articolo 6, paragrafo 1, lettera a), per quanto riguarda l’offerta diretta di servizi della società dell’informazione ai minori, il trattamento di dati personali del minore è lecito ove il minore abbia almeno 16 anni. Ove il minore abbia un’età inferiore ai 16 anni, tale trattamento è lecito soltanto se e nella misura in cui tale consenso è prestato o autorizzato dal titolare della responsabilità genitoriale. 
Tale direttiva è stata confermata  dalle  prime indicazioni del garante della Privacy (Febbraio 2018).  “Il consenso dei minori è valido a partire dai 16 anni (il limite di età può essere abbassato fino a 13 anni dalla normativa nazionale); prima di tale età occorre raccogliere il consenso dei genitori o di chi ne fa le veci.”

La maturità digitale del minore

Diverse sono le implicazioni di questo pronunciamento. Innanzitutto è riconosciuta la maggiore età digitale  (16 anni) con la possibilità per la legislazione nazionale di abbassarla a 13 anni. Quindi la  vita digitale è affidata interamente al sedicenne o tredicenne. In altri termini, “il minore” (lo è ancora giuridicamente) può autodeterminarsi senza l’intermediazione dell’adulto che ricopre “la responsabilità genitoriale”. Una decisione coraggiosa, aggiornata rispetto al mutamento della relazione tra la tecnologia e il ragazzo.
La nostra giurisprudenza si è già espressa in tal senso, riconoscendo  “ampi margini di autodeterminazione” del minore. Mi riferisco alla sentenza del tribunale di Roma (23 dicembre 2017) che ha riconosciuto al minore, ma con maturità digitale, di richiedere la rimozione di foto e video dal profilo social del genitore. Sicuramente è un pronunciamento rivoluzionario che riconosce il diritto alla riservatezza, all’immagine, alla  sensibilità . E’ la conferma che il ragazzo non è un oggetto in mano al genitore che può a suo piacere “modellare esistenzialmente”.

Il nuovo profilo richiede “la saggezza digitale”

Tutto bene allora? Probabilmente il caso rappresenta un’eccezione! La maggior parte dei nostri ragazzi, definiti “nativi digitali” ( M. Prensky, 2009) naviga con password a bassa complessità, gli smartphone sono spesso sprovvisti di antivirus, i profili social risultano pubblici, la condivisione di foto, video e testi è pratica diffusa. A  questo si aggiunge la loro fascinazione verso l’anonimato, sinonimo di invisibilità (grande balla!). E per concludere il graduale coinvolgimento verso la procedura “end to end” che favorisce la cancellazione in default di post ( modello Snapchat)
Il quadro rimanda ad un’immaturità digitale! In altri termini è assente una consapevolezza, sinonimo di “saggezza digitale”, che diventa “Digital wisdom” ( M. Prensky,2009), intesa come “uso avveduto della tecnologia per migliorare le nostre capacità”.

La presenza attiva dei genitori e della scuola

Da qui la necessità di un maggior coinvolgimento dei genitori e del sistema formativo scolastico. Essi sono chiamati ad accompagnare gradualmente (ognuno per la loro parte) l’entrata nel digitale dei ragazzi. In altri termini sono chiamati a fornire loro le informazioni sulle potenzialità della Rete. Renderli consapevoli che “l’uso delle tecnologie consente di accedere a un livello superiore  di conoscenza al potere della conoscenza in una misura superiore a quanto consentito dalle nostre potenzialità. Nel futuro, grazie alla tecnologia, i cercatori di saggezza beneficeranno di un accesso istantaneo e prima inimmaginabile a discussioni planetarie, a tutta la storia, a tutto quanto è stato scritto, a enormi archivi di casi e di dati, a simulazioni di esperienze molto realistiche equivalenti ad anni o anche secoli di esperienza reale.” ( M. Prensky)

Una formazione profonda sulla sicurezza

A questo occorre aggiungere un piano di  conoscenza e consapevolezza dei rischi insiti nella navigazione nella Rete. Compito affidato alle scuole e  che ovviamente non può essere ridotto ad un incontro  occasionale con esperti. Questo opera su un piano informativo e quindi diverso da quello della competenza che necessita di un approccio più profondo e sistematico. Direi, anche quotidiano attraverso la presenza attiva del referente per il contrasto al cyberbullismo ( Legge 71/17 art. 3) e di tutta la comunità educante.

Pubblicato in GDPR, Tutti gli articoli | Contrassegnato , , | Commenti disabilitati su Il GDPR, il consenso e la maturità digitale del minore

Cyberbullismo, “le parole fanno più male delle botte” (Carolina Picchio)

Cyberbullismo

“Le parole possono uccidere più delle botte” (Carolina Picchio)

Cyberbullismo, “le parole fanno più male delle botte”. Quali sono questi potenziali “killer verbali”? Nel Web è presente una risorsa molto interessante per genitori, educatori e ragazzi. La loro conoscenza preventiva può ricoprire un’importante funzione di “riconoscimento” del cyberbullo e di prevenzione.

Cyberbullismo, le parole che possono uccidere

La carta d’identità di una persona passa attraverso il suo modo di comunicare verbalmente e per iscritto. A questa regola, ovviamente non sfugge il cyberbullo
Nella mia navigazione nel Web ho trovato questa importante risorsa, Presenta il profilo lessicale del bullo online,  che può istigare nella vittima propositi di suicidio. Carolina Picchio, infatti, è uno dei tanti esempi. La  disgrazia ha portato la sua insegnante di musica (Elena Ferrara), divenuta senatrice (2013), a farsi promotrice della proposta di legge per il contrasto al cyberbullismo (Legge 71/17)

Il vocabolario nato da un progetto

Il  suddetto vocabolario del cyberbullo  “rientra nel progetto #Bullyctionary promosso da  Generali Italia con la collaborazione  di Informatici Senza Frontiere.
Il progetto si rivolge principalmente ai ragazzi nella fascia d’età più a #rischio, quella tra i 10 e i 14 anni, e ai loro #genitori che non sempre sono adeguatamente informati rispetto al fenomeno. Bullyctionary si sviluppa sia online, con un sito dedicato che raccoglie le parole e le storie di bullismo, sia offline. Infatti, il progetto verrà diffuso sul territorio attraverso incontri sul cyberbullismo in tutta Italia rivolti alle famiglie. Tutti possono contribuire al progetto candidando una o più parole sul sito, cliccando sul Menu in alto a destra ed entrando nella sezione “Scrivi la tua parola”, e partecipando agli incontri sul territorio (pagina Fb “Cyberbullismo”)

 

 

Pubblicato in Tutti gli articoli | Commenti disabilitati su Cyberbullismo, “le parole fanno più male delle botte” (Carolina Picchio)

Da Facebook e Instagram una buona notizia

Facebook e Instagram

Una buona notizia! Occorre però che tutto il Web divenga “positivo”

Facebook e Instagram, un’ottima iniziativa sulla presenza di “ragazzini” (minori di 13 anni) che con l’assenso dei genitori, sono presenti “senza titolo” su questi ambienti.

Facebook e Instagram si muovono…

Si legge su IlFattoQuotidiano.it  “Mark Zuckerberg ha varato infatti nuove linee guida per i moderatori di Facebook e Instagram: adesso questi potranno intervenire direttamente per bloccare i profili dei minori di 13 anni. “Finora i controllori – ha spiegato un portavoce dell’azienda al sito TechCrunch – sono potuti intervenire sugli under 13 solo se il loro profilo era stato segnalato a causa della giovane età. Ora, invece, i moderatori potranno bloccare direttamente i profili di tutti i ragazzini in cui si imbatteranno: non li andranno a cercare, ma se li vedranno scatterà il cartellino rosso. Chi avrà il profilo bloccato, dovrà dimostrare di avere più di 13 anni”.

Ottima iniziativa, ma…

Che dire? Approvo “senza se e senza ma” la decisione  che si adegua alla “Coppa” (Children’s Online Privacy Protection Act), come scrivevo ieri. La presenza dei ragazzini però non è limitata a Facebook e/o Instagram. Occorre considerare, infatti tutto il resto che ” garantisce” l’anonimato e la cancellazione in default di messaggi o materiale fotografico (modello Snapchat). Condizioni che proteggono dalle “sbirciate”  di quei pochi genitori che frequentano questi ambienti. Qualcuno obietterà, affermando che l’età troppo bassa, non favorisce la frequentazione di altri ambienti. Non è così! “Stando a quanto riportato nell’ultima report trimestrale della società, il numero è passato da 185 a 184 milioni. Un calo contenuto, ma che rappresenta comunque un segnale preoccupante per l’azienda di Menlo Park. L’aspetto più importante, però, è la fascia demografica in cui è avvenuto il declino: nel 2017, l’utenza tra i 12 e i 17 anni è infatti scesa del 9,9%.”

Urge un “Web educativo”

Occorre pertanto che tutto il Web divenga più attento e sensibile al trattamento dei dati personali del minore. Lo hanno già fatto anche Twitter, WhatsApp. Mancano all’appello Telegram e Signal. Resta l’ambiguità di Snapchat.  Scrivono i responsabili “i servizi non si rivolgono a persone sotto i 13 anni, Questo spiega perché non raccogliamo consapevolmente dati personali di soggetti con un’età inferiore ai 13 anni”.
Questa è la situazione degli ambienti più noti. Ma sappiamo benissimo che esiste il Dark Web, evoluzione della DarkNet (qualsiasi rete non appartenente ad ARPANET)  E qui le cose si complicano!

Pubblicato in Tutti gli articoli | Commenti disabilitati su Da Facebook e Instagram una buona notizia

GDPR, il consenso europeo al trattamento dei dati personali del minore

GDPR

GDPR, una novità sul consenso del trattamento dei dati personali del minore. Un messaggio educativo!

Il 25 maggio 2018 è entrato in vigore il Regolamento Europeo per la protezione dei dati personali (GDPR). Tante conferme, una novità assoluta: il consenso europeo!

GDPR, la questione del consenso

Si legge nel GDPR e precisamente all’art. 8 comma 1:
Qualora si applichi l’articolo 6, paragrafo 1, lettera a), per quanto riguarda l’offerta diretta di servizi della società dell’informazione ai minori, il trattamento di dati personali del minore è lecito ove il minore abbia almeno 16 anni. Ove il minore abbia un’età inferiore ai 16 anni, tale trattamento è lecito soltanto se e nella misura in cui tale consenso è prestato o autorizzato dal titolare della responsabilità genitoriale.
Tale direttiva è stata ripresa nelle prime indicazioni del garante della Privacy (Febbraio 2017).  “Il consenso dei minori è valido a partire dai 16 anni (il limite di età può essere abbassato fino a 13 anni dalla normativa nazionale); prima di tale età occorre raccogliere il consenso dei genitori o di chi ne fa le veci.”

Il consenso europeo, una bella novità!

Nel suddetto articolo è presente una novità, non colta nel suo valore educativo e soprattutto in relazione ad un maggior  coinvolgimento da chi esercita la patria genitoriale.
Da alcuni anni l’Europa, infatti, tranne l’Olanda, era “consegnata” ad una direttiva americana ( il Children’s Online Privacy Protection Act COPPA) che fissava l’età minima in 13 anni  per una gestione autonoma da parte del minore dei propri dati personali. Ecco spiegati i limiti presenti prima del 25 maggio in ambienti americani come Facebook, Twitter, Instagram, WhatsApp…
Quindi il regolamento rappresenta un’interessante distinguo europeo, dettato anche dall’uso sempre più pervasivo  dei dispositivi, e la frequentazione superficiale   dei social delle applicazioni… da parte dei nostri ragazzi. In altri termini, è un bel messaggio educativo!  Il GDPR comunque non è rigido, prevedendo la possibilità per i singoli stati di abbassare il limite a 13 anni ( art. 8 comma 1).

L’obbligo di chi ricopre la patria genitoriale

Ovviamente questo non è sufficiente. Il GDPR, prevedendo l’obbligo del consenso da parte dei genitori, va oltre il sentire dell’adulto, componente  legata a fattori personali quali l’educazione, la formazione. In altri termini, il consenso era una variabile dipendente! Ora, invece è norma.
Mi auguro che il limite venga mantenuto anche se” La Commissione Finocchiaro, nello schema presentato al Ministro della Giustizia per l’attuazione della delega relativa all’adeguamento della legge italiana al GDPR, ha suggerito di fissare in 14 anni l’età minima per l’accesso a tali servizi nei casi previsti dall’art.8, ma spetta al Governo assumere la decisione finale”

 

Pubblicato in GDPR, Tutti gli articoli | Contrassegnato , , | Commenti disabilitati su GDPR, il consenso europeo al trattamento dei dati personali del minore

Classi pollaio, un bel “quadretto”

Classi pollaio

C’è una sola ragione per abolire le classi pollaio: la nostra Costituzione!

Classi pollaio, un articolo interessante

Classi pollaio, raramente leggo articoli interessanti su questo obbrobrio organizzativo.
Segnalo questo intervento di M. Bocola. Ha il merito di andare oltre il presente! In altri termini, presenta il problema (esubero docenti), ma propone anche la soluzione.
Questa risiede, infatti, nel superamento delle classi pollaio definite “un espediente antididattico e antieducativo”.  Quindi il “Nulla pedagogico“,  che porta il Miur e gli Usr a considerare gli alunni e gli studenti dei numeri. Da qui l’eclissi della persona!
L’autore auspica il ritorno a classi educative  e costituzionali, fissando in quindici il numero degli alunni/studenti per classe.

Non sono d’accordo però…

L’articolo è quasi perfetto! Non mi convince, infatti, l’aver subordinato l’abolizione delle classi pollaio all’esigenza di salvare l’organico. Il superamento di questo corpo estraneo, rispetto alla storia recente della scuola italiana(cfr L. 820/71, L.517/77, L.148/90…)  non può trovare una sua giustificazione nel mantenimento dell’organico, bensì nella nostra  Costituzione. Precisamente l’art. 2 e 3(soprattutto il secondo comma di quest’ultimo).

Pubblicato in Classi pollaio, Tutti gli articoli | Contrassegnato , , | Commenti disabilitati su Classi pollaio, un bel “quadretto”

Mara Carfagna, dimentica la riforma Gelmini

Mara Carfagna

Mara Carfagna dimentica lo “tsunami” operato dalla sua collega M. Stella Gelmini

Mara Carfagna rilascia una dichiarazione. Rimango basito! La mia memoria va nel  2008-2009. In quel periodo Ministro dell’Istruzione era M. Stella Gelmini, promotrice del più devastante salasso sulla scuola.

Mara Carfagna e la sua dichiarazione

Ieri Mara Carfagna,  vicepresidente della Camera dei  Deputati ha rilasciato il seguente post sulla sua pagina Facebook e ripreso da diversi organi di stampa: “Ho letto l’importante riflessione di Alberto Alesina e Francesco Giavazzi sul Corriere della Sera, a proposito del preoccupante divario nei risultati scolastici degli studenti del Nord e quelli del Sud. È come se gli studenti meridionali andassero a scuola per due anni in meno, dicono i dati. Se si parte con uno svantaggio così grande, nella vita e nel mercato del lavoro, si è costretti a rincorrere per tutta la vita. Più che il reddito di cittadinanza, il Mezzogiorno ha bisogno di un vero “investimento di cittadinanza” chiamato scuola … Noi crediamo che questa sia una priorità nazionale. Lo ripetiamo allo sfinimento: se cresce il Sud e se i suoi talenti possono costruire il proprio futuro senza dover andare via, cresce l’Italia

L’incoerenza dell’annuncio

Una bella dichiarazione! Purtroppo è l’ultimo esempio di annuncite, dove dietro c’è il Nulla. In altri termini, esiste una profonda incoerenza tra le parole e le decisioni politiche.  La relazione porta a nascondere i fatti attraverso le dichiarazioni e le opinioni. Il meccanismo risulta    coerente con il paradigma del frullatore massmediatico, dove le parole  si presentano con i caratteri di volatilità e  “liquidità”, adeguati per alimentare la memoria breve.

Mara Carfagna, dimentica la sua collega M. Stella Gelmini

Concretizzo! Mara Carfagna dovrebbe ricordare le decisioni della sua collega di partito M. Stella Gelmini. Era il 2008-2009 e grazie a quest’ultima con la complicità di G. Tremonti il sistema-scuola fu oggetto di un prelievo forzoso di 8 miliardi di €. Gli effetti furono devastanti: L’inclusione, infatti, fu significativamente depotenziata. L’obiettivo fu realizzato, attraverso l’abolizione delle compresenze, del tempo pieno (L.820/71), il superamento dei moduli didattici ( L.148/90) e soprattutto con l’introduzione dell’ obbrobrio organizzativo  delle classi pollaio (D.M.81/09). E altri provvedimenti.
La scuola vanta, inoltre,  un credito di 2.400 milioni di € che Maria Stella Gelmini aveva promesso di restituire alla scuola. Mai pervenuti!

Si impegni altrove

 Ho scritto qualche settimana fa, commentando un’iniziativa di M. Stella Gelmini “Si impegni, invece, il deputato a presentare una legge che reintroduca il diritto costituzionale  allo studio, abolendo le classi pollaio, ripristinando il tempo pieno, le compresenze e restituendo gli 8 miliardi di € prelevati forzatamente dal sistema formativo. Sarebbe un provvedimento ben accetto dagli operatori scolastici. Si chiede troppo?”

 

Pubblicato in Classi pollaio | Contrassegnato , , | Commenti disabilitati su Mara Carfagna, dimentica la riforma Gelmini

Il ministro Bussetti e la sua dichiarazione contrattuale “leggera”

Il ministro Bussetti

Una dichiarazione sul contratto molto “leggera”. Le prospettive non sono buone!

Il ministro Bussetti ha concesso un’interessante intervista. Sul contratto 2019-21 ha detto poco. Si è limitato a un principio, rimanendo con i piedi per terra sul resto. Consapevolezza del contesto normativo ?

Il ministro Bussetti e il passaggio contrattuale 

Su “Tecnicadellascuola.it” è stata pubblicata un’intervista al Ministro Bussetti. Molto interessante! Chiarisce maggiormente come intenderà muoversi il responsabile del Miur.
In quest’intervento, intendo soffermarmi sul possibile contratto 2019-21.
Si legge”
Capitolo contratto: a fine 2018 sarà già in scadenza. Quando si avvierà la trattativa per il rinnovo? Ritiene che il Governo abbia la possibilità di incrementare gli stipendi di docenti e Ata con cifre più consistenti rispetto ai 40-50 euro netti arrivati dopo nove anni?
Dobbiamo lanciare un messaggio chiaro: gli insegnanti svolgono una professione di grande responsabilità. Questo va loro riconosciuto professionalmente ed economicamente. Il loro stipendio dovrebbe essere all’altezza del ruolo che hanno e dell’impegno richiesto. Non possiamo però far finta, come ho già detto in altre occasioni, di non conoscere la difficile situazione dei conti dello Stato. Incontreremo i sindacati a breve e parleremo anche di questo.”

Risposta “leggera”, ossia nulla si dice del contesto normativo

Indubbiamente la risposta risulta molto generica. Direi “leggera”. Si conferma la funzione strategica del lavoro del docente e quindi la necessita di un riconoscimento economico. Punto. Questa parte ricorda altre dichiarazioni, come quella di V. Fedeli sul raddoppio dello stipendio  ,  S. Giannini (Un contratto che premi i migliori)… Purtroppo anche nella dichiarazione di M. Bussetti domina il Nulla. In altri termini, manca il contesto normativo e l’azione per superarlo. Mi riferisco al D.Lvo  29/93 .  Scrivevo qualche mese fa: con il suddetto decreto  “gli effetti furono immediatamente percepiti . Il rapporto di lavoro fu privatizzato; furono introdotti nel pubblico impiego alcuni criteri, presi dal contesto privato: efficacia, efficienza, economicità; gli scatti biennali furono sostituiti  da quelli settennali; fu introdotto il criterio della “moderazione salariale” e soprattutto  gli aumenti contrattuali furono vincolati al tasso di inflazione programmata e non più a quella reale

Il prossimo contratto 2019-21, la stessa miseria, a meno che…

Quindi non illudiamoci! A quadro normativo invariato avremo la solita “mancetta”. In questo condivido la posizione di S. D’Errico che durante la trattativa del contratto 2016-18 dichiarava:”Per ottenere un contratto degno di questo nome – ha detto il sindacalista di base – occorre un accordo specifico per la scuola e quindi svincolarsi dal pubblico impiego, anziché creare un compartone in ossequio alla Madia: il problema però nasce dal decreto legislativo 29 del 1993, che ha relegato all’angolo tutti quelli che ne fanno parte, Scuola compresa, eliminando per loro il ruolo a favore dell’incarico a tempo indeterminato, gli scatti d’anzianità biennali per lasciare spazio ai gradoni di 6-7 anni e dovendo pure dire addio agli aumenti superiori all’inflazione programmata

Pubblicato in Contratto scuola | Contrassegnato , , | Commenti disabilitati su Il ministro Bussetti e la sua dichiarazione contrattuale “leggera”

Settis, un articolo interessante e soprattutto “Costituzionale”

Settis

Un articolo sintetico, ma denso e “pesante concettualmente”

Settis, un articolo per la formazione dell’uomo e del cittadino

Salvatore Settis, archeologo, accademico e storico dell’arte di fama internazionale, a lungo direttore della Scuola Normale Superiore di Pisa, membro delle più qualificate e prestigiose istituzioni culturali in Italia, in Europa e negli Stati Uniti, scrive al Presidente del Consiglio, prof. Antonio Conte, e non riceve alcuna risposta.”
Un articolo da leggere per comprendere il rischio di un cambio di profilo del sistema scolastico. Più competitivo, ma meno costituzionale.
Centinaia di milioni di anni di evoluzione hanno prodotto centinaia di migliaia di specie dotate di cervello e, di esse, decine di migliaia manifestano complesse capacità comportamentali, percettive e di apprendimento. Solo una si è interrogata sul proprio destino, perchè solo essa ha evoluto la capacità per farlo. Una facoltà che non è un semplice modo per comunicare ma è la rappresentazione all’esterno di un insolito modo di pensare: la rappresentazione simbolica”(Terrence W. Deacon, La specie simbolica. Coevoluzione di linguaggio e cervello, Giovanni Fioriti Editore, 2001)

Pubblicato in Opinioni, Tutti gli articoli | Contrassegnato , , | Commenti disabilitati su Settis, un articolo interessante e soprattutto “Costituzionale”

Bussetti, il programma per la scuola (video)

Bussetti

Prima di ogni commento, l’ascolto attento

Bussetti, il programma per la scuola.
Propongo il video della durata di 35 minuti  (rimosso dal sito del Senato, Recuperato sulla pagina Fb)
Il mio personale commento, lo farò dopo aver ascoltato più volte l’intervento.

Pubblicato in Opinioni | Contrassegnato , , | Commenti disabilitati su Bussetti, il programma per la scuola (video)

Ministro Bussetti, l’intervista dimentica la Riforma Gelmini

Il Ministro  Bussetti

Il Ministro Bussetti intende ritoccare “dolcemente” la Riforma di Renzi. Dimentica, però di citare quella più devastante per la scuola: La Riforma Gelmini/Tremonti

Il Ministro Bussetti sta rilasciando diverse interviste. L’ultima al quotidiano “LaVerità” ( 9 luglio 2018)Di tutto si parla, meno che di aula. Anticipo delle comunicazioni alle commissioni-scuola?

Bussetti, l’intervista  al quotidiano “LaVerità”

Ieri il Ministro Bussetti ha rilasciato un’intervista al giornale di M. Belpietro “LaVerità”.
Molte conferme e qualche novità  rispetto ad altre esternazioni. E’ ribadita, innanzi tutto  la volontà di non abrogare “La Buona Scuola”, ma solo di applicare “la tecnica del cacciavite” (Fioroni). In altri termini, si intende riformare la Legge 107/15 con atti amministrativi ( modalità soft), come tentò di fare il Ministro Fioroni ( 2007) con la riforma Moratti. Si legge, infatti, :” Alla scuola non servono ulteriori scossoni, riforme calate dall’alto per il gusto di intestarsi politicamente un cambiamento. Questo vuol dire non smantellare l’esistente senza motivo, né proporre azioni estemporanee. Rafforzeremo e consolideremo ciò che funziona
Seguono, inoltre,  la critica all’alternanza scuola/lavoro (“esperienza formativa snaturata“), la presenza degli smartphone a scuola “La tecnologia può fa bene alla scuola… le scuole sappiano regolarne in modo consapevole e attento le scuole”. 

Interessante la domanda, evasiva la risposta

Interessante la domanda sull’aumento delle certificazioni per le disabilità. La risposta è evasiva. Il Ministro dichiara ” Uno dei primi atti da ministro è stato la convocazione dell’Osservatorio permanente per la disabilità. Vogliamo costruire una scuola aperta a tutti e per tutti
Come non dare ragione a livello di principio teorico, derivante dalla Costituzione ( art. 34).  Quello che mi lascia perplesso è la dimenticanza dell’obbrobrio pedagogico delle classi pollaio. Questa presenza ha attualizzato in modo peggiorativo l’art. 3 comma 2 della Costituzione facendolo diventare “Non è compito della Repubblica  rimuovere gli ostacoli che impediscono…

La realizzazione di una scuola inclusiva, passa per l’abolizione della Riforma Gelmini

Inizio ad avere il sospetto che non si voglia “espellere” dal sistema formativo questo corpo estraneo, contraddicendo il contratto di governo Le ragioni sono due: i costi economici e il profilo politico del Ministro. Nel 2008-2009, infatti,  la Lega che faceva parte del governo Berlusconi, votò e quindi sostenne la riforma Gelmini-Tremonti (L.133/08 e D.M.81/09) che prevedeva un dimagrimento forzoso del sistema scolastico quantificato in 8 miliardi di €. Decisione che si concretizzò anche con l’introduzione delle classi pollaio, la cancellazione delle compresenze… Il Ministro Bussetti, infatti,  ha dichiarato al quotidiano “LaVerità” che ” in questo momento è anche utile e necessario intervenire per affrontare i problemi che la Riforma di Renzi ha generato” Chiedo: perché non citare anche le conseguenze devastanti della Riforma Gelmini?
Mi auguro di essere smentito oggi ascoltando il Ministro che illustrerà le linee programmatiche alle Commissioni-scuola.

Pubblicato in Classi pollaio | Contrassegnato , , | Commenti disabilitati su Ministro Bussetti, l’intervista dimentica la Riforma Gelmini

Cyberbullismo, un quadro contradditorio, ma solo in superficie

Cyberbullimo

Dal report dell’Usr del Lazio sul PNSD, dati apparentemente contraddittori per il contrasto al cyberbullismo.

Cyberbullismo, un quadro apparentemente contraddittorio nel report dell’Usr del Lazio che propone un’istantanea del PNSD in questa regione. Il dettaglio.

Cyberbullismo, nel report una situazione poco chiara

In Aprile l’Usr del Lazio ha pubblicato i risultati del monitoraggio del PNSD ( Piano Nazionale Scuola Digitale).
Molto interessante per la presenza di dati e numeri, dai quali partire per riflessioni e considerazioni.
E’ presente una “finestra” sul cyberbullismo che lascia perplessi. Si legge
E’ abbastanza significativo il dato per cui solo un terzo dei docenti che hanno risposto, nonostante siano figure di riferimento all’interno dell’Istituto di appartenenza, dichiari di aver partecipato ad attività formative su temi specifici e fondamentali come quelli relativi alla sicurezza in rete e al cyberbullismo.” (pag.6)
Nella pagina seguente è riportato un passaggio apparentemente contraddittorio:
Per  quanto riguarda, infatti, le attività di formazione sui temi del PNSD, “Prevalgono le tematiche del cyberbullismo, con il 74% di scuole che ha già organizzato eventi formativi sul tema, e la sicurezza in rete con il 60% di corsi svolti nelle scuole.

Un quadro chiaro, non contraddittorio

La lettura veloce e poco approfondita può portare a considerare le due situazioni contraddittorie. In realtà non lo sono. Da una parte, infatti, si certifica il disimpegno formativo ( partecipazione a seminari,  corsi di aggiornamento) dei docenti “nonostante siano figure di riferimento all’interno dell’Istituto di appartenenza” ( referente per il  contrasto al cyberbullismo?). Di contro si evidenza una soddisfacente offerta formativa nel proprio istituto, delegata ovviamente a soggetti o Enti esterni alla scuola per via dell’impreparazione del Referente.

 Breve considerazione

Questa modalità basata sull’invito di esperti esterni rischia di non fornire ai ragazzi quel supporto quotidiano  fatto di relazionalalità e orientamento. Aspetti indispensabili per un’azione efficace di contrasto al fenomeno. Affermo questo, in quanto Referente al problema nel mio Istituto. Ho potuto constatare quanto sia importante il momento formativo, la fase di orientamento (indicazioni di procedure informatiche sicure) e di relazione attivate da un docente che i ragazzi conoscono e  possono incontrare ogni giorno. La kermesse ha la sua importanza, ma anche un limite: essere occasionale e rimanere fuori dalla quotidianità, grazie alla quale si crea  progressivamente la relazione con gli studenti.

 

Pubblicato in Cyberbullismo | Contrassegnato , , | Commenti disabilitati su Cyberbullismo, un quadro contradditorio, ma solo in superficie

La scuola con “vista dall’alto della foresta”

La scuola

La crisi della scuola. Individuare le cause profonde, e anche le soluzioni. Prima della sua fine.

La scuola, è in grave sofferenza! Spesso le cause individuate rimandano alla superficie. In altri termini a luoghi comuni. Una lettura profonda ci svela il malessere strutturale dell’istituzione formativa

La scuola vista “osservando la foresta e non l’albero” ( F. Hegel)

Il pensiero profondo, analitico ci permette di dare poca rilevanza alle increspature, allargando il nostro orizzonte al mare, all’oceano. Consente di “osservare la foresta e non di fermarci al singolo albero”.
L’approccio vale per qualunque realtà umana. Nello specifico per la scuola. Spesso le cause della sua crisi risultano superficiali o scarsamente argomentative ( “istituzione inutile”) o filtrate dal pensiero crematistico e   mercatistico  (“occorre tagliare le spese inutili”).

La crisi della scuola secondo Diego Fusaro

Sto ultimando la lettura di un interessante saggio di D. Fusaro dal titolo “Storia e coscienza del precariato“(Bompiani Milano 2018). Marxiano, gramsciano e acuto studioso del pensiero dell’idealismo tedesco ( Ficthe, Hegel) e italiano (G.Gentile).
Ecco cosa si legge a proposito della crisi della scuola, prima etica e poi di senso, processo portato avanti scientemente dal financapitalismo: ” I continui tagli dei finanziamenti destinati alla cultura e all’istruzione – tagli  e spending rewiew coerenti con il paradigma neo-liberista e con l’assunzione del momento economico come unica sorgente di senso – rispondono essi stessi a questo programma politico di annichilimento della formazione come momento etico, opportunamente mascherato dietro le leggi anonime dell’economia… Da istituto di formazione di essere umani in senso pieno, consapevoli del proprio mondo storico e della propria storia, la si è trasformata in azienda erogatrice di abilità e competenze  indisgiungibilmente connesse con il dogma del servire a qualcosa”.

Una conferma  di secondo livello

Sul quotidiano “Il Fatto Quotidiano” (7 luglio 2018) è proposta un’interessante riflessione di S. Settis, il quale mette sul banco degli imputati la scuola delle competenze, finalizzate a formare un lavoratore.  Il giornalista studioso, invece è convinto, e qui riprende un passaggio del recente libro di G. Floris (Ultimo banco. Perché gli insegnanti e studenti possono salvar l’Italia, Solferino, Milano, 2018) ” che <<il lavoro dell’insegnante è cambiare il futuro>>, trasmettendo concrete conoscenze, non astratte e vuote competenze. Insegnando con la passione e la convinzione che vengono da discipline ricche di contenuti, e non da protocolli procedurali e burocratici travestiti da pedagogia. Perciò bisogna << costruire una scuola da cui esano cittadini migliori>> e non solo << una scuola da cui escano lavoratori>>

                       

Pubblicato in Opinioni | Contrassegnato , | Commenti disabilitati su La scuola con “vista dall’alto della foresta”

Scuola inclusiva, attendiamo i primi “provvedimenti costituzionali”

Scuola inclusiva

Ottima partenza. ma la partita vera si giocherà sull’inclusione

Scuola inclusiva, formalmente esiste, sostanzialmente è stata compromessa. Attendiamo i provvedimenti che permetteranno all’istituzione formativa di “rientrare nella Costituzione”

Ministro Bussetti, ottima partenza, ma…

Il governo ha iniziato a muoversi! Bene e coerentemente con il Contratto di governo che prevede l’abolizione della chiamata diretta. Si legge nel contrattoUn altro dei fallimenti della c.d. “Buona Scuola” è stato determinato dalla possibilità della “chiamata diretta” dei docenti da parte del dirigente scolastico. Intendiamo superare questo strumento tanto inutile quanto dannoso” .
Non si comprende la meraviglia dell’on. Malpezzi, che presenta uno scenario tutto da certificare. Dichiara, infatti, il deputato ” Dispiace che il primo atto del governo sia stato quello di cancellare non già la chiamata diretta che non è mai esistita ma la chiamata per competenze che era uno strumento importante più nelle mani dei docenti che dei dirigenti per scegliere la scuola più adatta alle proprie competenze professionali. Inoltre, la chiamata per competenze era anche un modo per offrire agli studenti docenti motivati e non quelli assegnati attraverso una graduatoria “
Ribadisco, la partenza è ottima! Ha un solo limite: non costa nulla all’erario!

La scuola inclusiva, questa sarà la vera partita!

La vera partita si giocherà, quando il governo proverà a far “rientrare la scuola nella Costituzione” con provvedimenti  che comporteranno dei costi economici. Mi riferisco all’abrogazione delle classi pollaio, al ripristino delle compresenze  e del tempo pieno nella scuola primaria. Provvedimenti voluti dal governo Berlusconi ( 2009) e confermati dai quelli seguenti che hanno certificato l’entrata a “gamba tesa” del finanzcapitalismo (L. Gallino), allergico a spendere per la scuola.
Solo questo “ritorno alla Costituzione” ( ” E’ compito della Repubblica…” “La scuola è aperta a tutti”) sostanzierà la parte del  del contratto di governo che recita” Una scuola che funzioni realmente ha bisogno di strumenti efficaci che assicurino e garantiscano l’inclusione per tutti gli alunni, con maggiore attenzione a coloro che presentano disabilità più o meno gravi, ai quali va garantito lo stesso insegnante per l’intero ciclo. Una scuola inclusiva è, inoltre, una scuola in grado di limitare la dispersione scolastica che in alcune regioni raggiunge percentuali non più accettabili. A tutti gli studenti deve essere consentito l’accesso agli studi, nel rispetto del principio di uguaglianza di tutti i cittadini.”
Se l’attuale governo deciderà di riaffermare  il primato della “scuola della Costituzione”, allora sarà possibile affermare il “#cambioverso” annunciato da Renzi, ma rimasto lettera morta!

 

Pubblicato in Classi pollaio | Contrassegnato , , | Commenti disabilitati su Scuola inclusiva, attendiamo i primi “provvedimenti costituzionali”

I pediatri italiani, no al dispositivo babysitter!

I Pediatri italiani,

Pediatri italiani, dicono no all’uso degli smartphone e tablet. Quali conseguenze nell’uso precoce e “massiccio” dei dispositivi?

I pediatri italiani, un no “senza se e senza ma”

I bambini cominciano sempre prima a cimentarsi con i dispositivi digitali. Il dato più eclatante arriva dagli Stati Uniti: il 92% dei bambini inizia a usarli già nel primo anno di vita e all’età di due anni li utilizza giornalmente*. In Italia 8 bambini su 10 tra i 3 e i 5 anni sanno usare il cellulare dei genitori. E mamma e papa’ sono troppo spesso permissivi: il 30% dei genitori usa lo smartphone per distrarli o calmarli già durante il primo anno di vita, il 70% al secondo anno.”
Così esordiscono le raccomandazioni dei pediatri italiani.  Un ulteriore conferma di una situazione che certifica la “debacle educativa” dei genitori . Questi ultimi devono riprendere “i figli per i capelli”, individuando percorsi e soluzioni pedagogiche, adeguate alla formazione del proprio figlio, sottraendoli alle sirene dei massmedia, mossi dal guadagno economico. Quest’ultimo è l’obiettivo, le strategie si basano sull’Eros e Thanatos.
Il documento dei pediatri è da leggere! Assolutamente!

Pubblicato in device | Contrassegnato , , | Commenti disabilitati su I pediatri italiani, no al dispositivo babysitter!

Curriculum Vitae, aggiornato a giugno 2018

Curriculum Vitae

Curriculum Vitae, un aggiornamento necessario, grazie alle attività svolte quest’anno.

Curriculum Vitae, un aggiornamento necessario!

Curriculum Vitae, aggiornato a giugno 2018.
Ho inserito le attività svolte o le funzioni ricoperte in questo anno trascorso, al netto dell’insegnamento.
In particolare:
– Referente cyberbullismo
– Coordinatore attività referenti cyberbullismo (primo e secondo ciclo) Ambito 9 per stesura regolamento condiviso d’istituto
Intervento sui pericoli nella Rete al Liceo scientifico “Libero de libero” ( Fondi.LT)
– Intervento I.C. “Petrassi” – Roma “Regolamento condiviso cyberbullismo e rischi nel Web”
– 6 ore corso (docenti I.C. “Carlo Levi” ) riguardanti “La sicurezza in Rete”
– Figura Strumentale Tic
– Corso di preparazione agli esami Ecdl (Modulo 1 e 3)
– Pubblicazione articoli in siti professionali ( OrizzonteScuola, Scuolainforma, Regolarità e trasparenza nella scuola, Fuoriregistro, Oggiscuola, Professione Insegnante) e nel blog “Maestroscialpi”
– Apertura pagina Fb “Referenti cyberbullismo”

Pubblicato in Formazione, Sicurezza | Contrassegnato , , , | Commenti disabilitati su Curriculum Vitae, aggiornato a giugno 2018

On. Malpezzi, dimentica le promesse elettorali di Bersani

 

L’On Malpezzi, insiste nell’errore. L’insuccesso della “BuonaScuola” e nel mancato coinvolgimento dei docenti. In altri termini, la comunicazione non è stata efficace. Errore culturale ed espressione di una mancanza di autocritica.

L’intervista di Malpezzi

L’antefatto. Pasquale Almirante ha scritto ” In altri termini il Pd ha fatto proprio, mascherandolo con gli ambiti territoriali, un provvedimento della destra; provvedimento che Malpezzi, di sinistra, rimpiange senza tenere in conto che era già all’epoca inviso alla stragrande maggioranza dei suoi ex colleghi di scuola, contrastato dai suoi ex “compagni” di partito e odiata dal sindacato.”
Le parole del redattore di tecnicadellascuola.it , ch possono essere estese a tutta la riforma, confermano quanto da me scritto in alcuni articoli (ad esempio: “Governo Renzi… “).
L’on. Malpezzi risponde all’articolo di P. Almirante, ripetendo il medesimo spartito, fatto  proprio anche da M. Renzi (probabilmente l’ordine è inverso). Non abbiamo coinvolto gli insegnanti, che devono essere guidati, parafrasando Lenin,  da un’avanguardia illuminata. E il solito errore della sinistra, sintetizzata nella sua presunta superiorità intellettuale. Profilo ben analizzato dal sociologo L. Ricolfi in “Perché siamo antipatici…

L’on. Malpezzi dimentica…

Intendo integrare le fondate riflessioni di P. Almirante con la seguente osservazione: L’on Malpezzi dimentica le promesse elettorali  di P. Bersani (2013), tradite poi dal Governo Letta e Renzi.
Si prometteva ” i fiori all’occhiello , i gioielli della scuola italiana del tempo pieno a 40 ore e del modulo a 30 ore ( scuola primaria ) saranno rimessi in vetrina” In questo programma non c’é traccia della “Buona Scuola”, un aggiornamento del progetto Aprea (FI) e suggerita da un’associazione professionale (Treelle).
Il risultato? Gli insegnanti che votavano Pd si sono sentiti traditi e quindi lo hanno abbandonato!

Pubblicato in Legge 107/05 | Contrassegnato , , | Commenti disabilitati su On. Malpezzi, dimentica le promesse elettorali di Bersani

Burnout, il “bombardamento acustico”, la causa? Quasi sempre…-

Burnout

Uno stress professionale dovuto anche al contesto organizzativo voluto dal mantra del finanzcapitalismo.

Burnout, il “bombardamento acustico”, costituisce la classica scoperta dell’acqua calda.
E’ sufficiente frequentare una delle tante aule, rese invivibili e a basso tasso di formazione. Il rimedio è semplice. Basta volerlo.

Burnout, il “bombardamento acustico”

Una ricerca dell’accademia svedese, ma applicabile anche al nostro contesto educativo, riporta i seguenti dati, pubblicati sul portale di “tecnicadellascuola.it
I risultati sono chiari: tra le maestre intervistate (4.718 donne), il 71% ha sperimentato l’affaticamento uditivo indotto dal suono, rendendole per esempio incapaci di ascoltare la radio dopo una giornata di lavoro. Quasi la metà, il 46%, ha avuto problemi a comprendere parole, mentre il 39% ha affermato che almeno una volta alla settimana ha avvertito disagio o dolore fisico alle orecchie causate da rumori di tutti i giorni che non erano necessariamente forti. Le conclusioni dei ricercatori sono inevitabili… “Tuttavia, “a differenza del rumore causato dalle macchine in un ambiente industriale che si può attutire, i ricercatori precisano come i bambini debbano essere comunque ascoltati anche se l’udito arriva a subire duri colpi”.

La causa? Semplice, facile! La soluzione altrettanto…

Come ho scritto sopra, i risultati non sarebbero molto diversi, se si analizzassero i nostri contesti scolastici. Aule affollate, “inzeppate” di alunni e studenti in spazi ai limiti di legge (D.M. 18.12.75), dove regnano il rumore, il chiasso e qualche volta le urla. Aule lontane dal profilo di “ambienti educativi di apprendimento”. Aule che hanno subìto un aggiornamento, un cambiamento dal mantra del finanzcapitalismo, per il quale conta  solo l’ottimizzazione delle risorse, il contenimento dei costi, il risparmio. Tutte balle!
La soluzione? Semplice, abolire le classi pollaio “senza se e senza ma”. In attesa di questo provvedimento, consentiamo agli insegnanti, a tutti gli insegnanti, di lasciare la scuola a 60 anni o a quota 100.

 

Pubblicato in Classi pollaio | Contrassegnato , , | Commenti disabilitati su Burnout, il “bombardamento acustico”, la causa? Quasi sempre…-

M.Pittoni, ritocchi a costo zero o quasi

M.Pittoni

Impegni troppo orientati verso i docenti. Occorre pensare anche agli alunni/studenti.

M. Pittoni è stato eletto Presidente della Commissione istruzione del Senato. Figura di punta della Lega. Gli obiettivi, sono interessanti, ma quasi tutto a costo zero. Non è un buon segnale per la scuola.

M. Pittoni, il suo programma

M. Pittoni è il nuovo Presidente della commissione Istruzione del Senato. Non è una persona qualunque. All’interno della Lega è molto ascoltato. Ha praticamente scritto il programma della scuola.
Quasi tutti i punti sono stati confermati, come impegni da realizzare.
In particolare:
alternanza scuola/lavoro di qualità
precariato
Diplomi magistrali
reclutamento docenti su base regionale
superamento (abolizione?) della chiamata diretta
bonus premiali ai docenti

I limiti degli impegni

Interessanti elementi per depotenziare gli effetti negativi della Legge 107/15. Hanno però il difetto di essere orientati verso i docenti. E soprattutto di essere a costo zero o quasi.
La scuola necessita anche di altri interventi più radicali e costosi, orientati verso l’allievo/studente, come l’abolizione delle classi pollaio, l’azzeramento di alcuni aspetti della riforma Gelmini/Tremonti riguardanti il tempo pieno, le compresenze.

Pubblicato in Classi pollaio, Pittoni | Contrassegnato , , | Commenti disabilitati su M.Pittoni, ritocchi a costo zero o quasi

Le classi pollaio, i “vuoti” di memoria” del Miur

Classi pollaio

Classi pollaio, il Miur afferma il principio costituzionale e poi lo dimentica.

Le classi pollaio, i “vuoti di memoria” del Miur che prima afferma il principio costituzionale e poi lo dimentica.

Le classi pollaio, una matassa giuridica complessa

Le classi pollaio introdotte dal duo Gelmini-Tremonti e aggiornate in senso peggiorativo da M. Renzi con le “superpollaio” ( aumento degli alunni per classe, dovuto al’inserimento di altri ragazzi, privi il primo giorno del titolare), pedagogicamente sono bene definite: un obbrobrio, un corpo estraneo alla storia della scuola italiana!
Dal punto di vista normativo regna la sfumatura, il grigio favorendo nella pratica  soluzioni dettate dal finanzcapitalismo,

“Il devastante” D.M.81/09

Come scrivevo sopra, tutto inizia nel 2009 con il D.M. 81/09. Si legge “
Le sezioni di scuola dell’infanzia sono costituite, di norma, salvo il disposto di cui all’articolo 5, commi 2 e 3, con un numero di bambini non inferiore a 18 e non superiore a 26… 
Salvo il disposto dell’articolo 5, commi 2 e 3, le classi di scuola primaria sono di norma costituite con un numero di alunni non inferiore a 15 e non superiore a 26, elevabile fino a 27 qualora residuino resti… 
Le classi prime delle scuole secondarie di I grado e delle relative sezioni staccate sono costituite, di norma, con non meno di 18 e non più di 27 alunni, elevabili fino a 28 qualora residuino eventuali resti. Si procede alla formazione di un’unica prima classe quando il numero degli alunni iscritti non supera le 30 unità.

Arriva l’addolcimento, con sorpresa

All’interno dello stesso disposto è presente un passaggio  che stempera l’entrata a gamba tesa del finanzcapitalismo: “Le classi iniziali delle scuole ed istituti di ogni ordine e grado, ivi comprese le sezioni di scuola dell’infanzia, che accolgono alunni con disabilità sono costituite, di norma, con non più di 20 alunni”. 
Subito dopo, però si torna al punto di partenza con l’affermazione dell’economia sul pedagogico: “L’istituzione delle predette classi deve in ogni caso far conseguire le economie previste nei tempi e nelle misure di cui all’articolo 64, comma 6, del decreto legge 25 giugno 2008, n. 112, convertito, con modificazioni, dalla legge 6 agosto 2008, n.133″

Il canovaccio degli anni seguenti

Dopo il 2009 si è applicato il format del superamento e dell’arretramento.
Due recenti esempi confermano:
8 Agosto 2017 il Miur conferma il limite dei 20 alunni per classe in presenza del disabile;
29 marzo 2018 la nota sugli organici non fa menzione della deroga.
Da qui le decisioni dei diversi Usr di applicare una proceduta aritmetica ad una realtà costituita da persone. Con il risultato di avere classi di 25 alunni con un diversamente abile, E forse più! Senza contare i Bes, i Dsa! E’ una una brutta foto di una scuola che ha come suo fondamento e coronamento l’art. 3  comma 2 della Costituzione ” “E` compito della Repubblica rimuovere gli ostacoli di ordine economico e sociale, che, limitando di fatto la libertà e l’eguaglianza dei cittadini, impediscono il pieno sviluppo della persona umana e l’effettiva partecipazione di tutti i lavoratori all’organizzazione politica, economica e sociale del Paese.”

Pubblicato in Classi pollaio | Contrassegnato , , | Commenti disabilitati su Le classi pollaio, i “vuoti” di memoria” del Miur

Classi pollaio, la discesa verso le “stalle”

    Classi pollaioClassi pollaio, la discesa verso il Nulla pedagogico.

Classi pollaio, la discesa verso le “stalle”, dopo essere saliti verso le stelle. In altri termini, “tra il dire e il fare c’è l’oceano”.

Le indicazioni nazionali, “la salita verso le stelle”

Si legge nel documento ” Indicazioni nazionali e nuovi scenari
(…) la scuola non può abdicare al compito di promuovere la capacità degli studenti di dare senso alla varietà delle loro esperienze, al fine di ridurre la frammentazione e il carattere episodico che rischiano di caratterizzare la vita dei bambini e degli adolescenti. 
(…) la scuola è perciò investita da una domanda che comprende, insieme, l’apprendimento e “il saper stare al mondo”…
In tale scenario, alla scuola spettano alcune finalità specifiche: offrire agli studenti occasioni di apprendimento dei saperi e dei linguaggi culturali di base; far sì che gli studenti acquisiscano gli strumenti di pensiero necessari per apprendere a selezionare le informazioni; promuovere negli studenti la capacità di elaborare metodi e categorie che siano in grado di fare da bussola negli itinerari personali; favorire l’autonomia di pensiero degli studenti, orientando la propria didattica alla costruzione di saperi a partire da concreti bisogni formativi.(…)
La scuola realizza appieno la propria funzione pubblica impegnandosi, in questa prospettiva, per il successo scolastico di tutti gli studenti, con una particolare attenzione al sostegno delle varie forme di diversità, di disabilità o di svantaggio.
(…) In entrambi i casi con la finalità sancita dalla nostra Costituzione di garantire e di promuovere la dignità e l’uguaglianza di tutti gli studenti “senza distinzione di sesso, di razza, di lingua, di religione, di opinioni politiche, di condizioni personali e sociali” e impegnandosi a rimuovere”

Classi pollaio, “la discesa  verso le stalle”

Tra gli insegnanti chi può dirsi in disaccordo con queste riflessioni “alte”, “troppo alte”? Chi può obiettare sulla formazione dell’uomo e del cittadino?  Sul carattere inclusivo della scuola che ha come suo “fondamento e coronamento” la Costituzione?
I problemi nascono quando vivi ogni giorno in una classe pollaio. Ti accorgi che  la formazione profonda, generatrice di competenze è fortemente compromessa. Fai l’esperienza più negativa: la classe è una landa desolata dove la pedagogia è stata accompagnata fuori dalla porta. Al suo posto regna l’ottimizzazione delle risorse, che si declina in una didattica di superficie che a fatica riesce a produrre conoscenze e capacità adeguate alla formazione di ogni alunno. Sperimenti l’enorme difficoltà a raggiungere tutti, ognuno e quindi a dare concretezza al principio costituzionale dell’inclusione ” senza distinzione di sesso, di razza, di lingua, di religione, di opinioni politiche, di condizioni personali e sociali” .
In conclusione fai l’esperienza delle “stalle”, dopo essere salito sulle “stelle”, arrivando all’amara constatazione che non sono i pedagogisti a governare il Miur, bensì i ragionieri eterodiretti dal mantra del finanzcapitalismo. Questi da dieci anni, ignorando le diverse sentenze che hanno formalizzato l’incostituzionalità delle classi pollaio, emanano la nota annuale. L’ultima è quella del marzo scorso, dove si evince la scomparsa della persona a vantaggio di numeri e rapporti.

Pubblicato in Classi pollaio | Commenti disabilitati su Classi pollaio, la discesa verso le “stalle”

Garante della Privacy e consenso trattamento dati personali dei minori

Garante della Privacy

Guida al Nuovo regolamento europeo Privacy. Un documento da leggere con attenzione, soprattutto per chi tratta i dati personali ( foto, video) di minori.

Il documento del Garante Privacy

Guida all’applicazione del regolamento europeo , firmato il Garante della Privacy.
Documento da leggere, anche se subirà inevitabili aggiornamenti.
Importante il capitolo, riguardante il consenso.
Qualunque trattamento dei dati personali ( la foto o il video  il minore) rimanda ad una richiesta che deve essere  comprensibile, semplice, chiara .
Segue l’eventuale consenso. Nel caso   “dei minori è valido a partire dai 16 anni (il limite di età può essere abbassato fino a 13 anni dalla normativa nazionale); prima di tale
età occorre raccogliere il consenso dei genitori o di chi ne fa le veci.
Deve essere, in tutti i casi, libero, specifico, informato e inequivocabile e
non è ammesso il consenso tacito o presunto (no a caselle pre-spuntate
su un modulo).
Deve essere manifestato attraverso “dichiarazione o azione positiva
inequivocabile” (per approfondimenti, si vedano considerando 39 e 42
del regolamento). “

La liberatoria per la pubblicazione le foto dei minori nel Web

Nel caso specifico della pubblicazione delle foto o video di minori (dato personale) nel Web, il “quadro” rimane sostanzialmente invariato.
Implicitamente resta la “prudenza e la cautela” espresse dal Garante della Privacy nel documento “La scuola a prova di privacy” (ottobre 2016), tenendo conto della dilatazione del Web oscuro ( Dark Web/Dark Net…) e della maggiore facilita a condividere il materiale.
Sono confermate le caratteristiche della liberatoria firmata dai genitori ( comprensibile, semplice, chiara). Per quanto riguarda la chiarezza, devono essere espliciti  i fini ( criterio della legittimità e proporzionalità), gli ambienti dove si intende pubblicare le foto (sito, social, piattaforma di condivisione…), il grado di privacy applicato o personalizzato e la scadenza temporale per il loro trattamento.
A questo occorre aggiungere la tipologia dei video o delle foto, definiti necessariamente  da secondi piani  dove il singolo “si perde”  nel piccolo o grande gruppo. A mio parere il suddetto materiale risulta coerente con il  criterio della proporzionalità con il fine cioè   documentare un’attività o un progetto.
A breve pubblicherò un esempio di liberatoria.

 

Pubblicato in GDPR | Contrassegnato , , | Commenti disabilitati su Garante della Privacy e consenso trattamento dati personali dei minori

Violenza sui docenti, doppia denuncia dell’insegnante

Violenza docenti

Arrivano buone notizie! la mamma che ha aggredito la professoressa dovrà affrontare un doppio processo: penale e civile

Violenza sui docenti, finalmente si intravvedono le prime reazioni. Una doppia denuncia alla mamma che ha percosso l’insegnante. Ottimo epilogo!

Il fatto

Si legge sul Gazzettino di Padova: “Venerdì 8 giugno, alla fine delle lezioni, una mamma di un alunno delle scuole medie Albinoni di Caselle di Selvazzano ha preso a schiaffi l’insegnante sessantenne di inglese.
La donna lamentava che il figlio avesse preso ingiustamente un brutto voto nella sua materia, così si è scagliata contro la professoressa, che non ha ammorbidito la sua posizione nonostante l’atteggiamento intimidatorio, ribadendo che il ragazzino aveva meritato l’insufficienza. Così la mamma l’ha schiaffeggiata davanti ad altri insegnanti, facendole sanguinare un labbro. Sul posto sono intervenuti i carabinieri.”

Non sono sufficienti le scuse, siamo adulti!

Qualche giorno dopo arrivano le scuse. “Chiede scusa la mamma che ha preso a schiaffi la professoressa d’inglese per un brutto voto al figlio. La donna dalle pagine della Stampa tenta dare una spiegazione a quel gesto violento. “Non so cosa mi sia successo. Ho visto mio figlio piangere per un diritto negato e ho perso la calma. La docente mi ha sfidato con lo sguardo e io ho agito d’istinto. Ho sbagliato”.
Troppo facile! Soluzione dove si è convinti che tutto può essere perdonato. Meglio: si ritiene che siano sufficienti poche parole di scusa  per risolvere ” a tarallucci e vino” l’aggressione. Nel mondo degli adulti esiste la responsabilità! Ogni atto porta a delle conseguenze.

Doppia denuncia, una bella notizia!

Ieri è arrivata una bella doppia notizia.
La mamma è stata denunciata anche dalla professoressa. L’atto segue quello d’ufficio dei carabinieri per oltraggio a pubblico ufficiale.
Si legge sul “Mattino” di Padova: “E’ quasi probabile che, oltre l’aspetto penale, la signora che ha tirato la  sberla incorra in una richiesta di danni”.
Conclusione ovvia! Molto bene!  In linea con quanto da me scritto qualche giorno fa.

Pubblicato in Tutti gli articoli, Violenza docenti | Contrassegnato , , | Commenti disabilitati su Violenza sui docenti, doppia denuncia dell’insegnante

Ministro Bussetti, ascolto sì, ma rapido!

Ministro Bussetti

Ascolto sì, ma è necessario passare in tempi rapidissimi alle decisioni. Lo chiede la scuola disastrata dalle ultime riforme.

Il ministro Bussetti, ha promesso che ascolterà il mondo della scuola. D’accordo, purché questa fase non sia troppo lunga! E’ importante entro giugno dare un segnale “chiaro e forte” alla scuola.

Il primo atto del Ministro Bussetti

Ha dichiarato il nuovo Ministro dell’Istruzione: “Da pochi giorni – scrive – ho assunto la carica di Ministro dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca. Intendo svolgere questo ruolo mettendo al servizio del Paese l’esperienza di una persona che ha sviluppato il suo percorso professionale tutto all’interno del mondo dell’istruzione. Desidero ascoltare con cura e attenzione tutte le componenti della scuola, per affrontare il lavoro insieme, nel rispetto dei ruoli. Che la scuola sia per tutti una finestra sul mondo

I rischi dell’ascolto

L’approccio mi sembra corretto. Ascoltare tutti!  Gli ex Ministri Carrozza, Giannini, Fedeli hanno applicato questo metodo, che si è rivelato, soprattutto  per gli ultimi due una strategia comunicativa vuota e insignificante. In altri termini, è servita a gettare “fumo negli occhi”, in quanto “le carte erano già pronte”. Queste presentavano una  riforma di Palazzo ( molte analogie con il Disegno di legge Aprea), dettata anche da soggetti “esterni” (Tre Elle)  alla scuola reale. Il risultato una riforma non riconosciuta dal mondo della scuola. Ha postato recentemente la senatrice B.L. Granato” Renzi  col suo stuolo di yes men/women ha ridotto la scuola a qualcosa di irriconoscibile di cui solo chi la vive può avere piena consapevolezza. Renzi, da buon patrocinatore di lobbies, non eletto da nessuno, nel 2015 ha deciso di chiudere i ponti con docenti e personale della scuola e si è rivolto direttamente ad una associazione costituita da imprenditori che operano nel campo della formazione , TreeLLLe , per redigere un testo che deformava l’assetto costituzionale della scuola.
Detto questo, è importante che la fase di ascolto attuata dal Ministro Bussetti, non si prolunghi troppo. Se ciò avvenisse , allora sarebbe chiaro il suo scopo: l’immobilismo! Non fare nulla, perché molte promesse fatte al mondo della scuola costano!

Dare un segnale concreto alla scuola! A breve!

L’ascolto dovrà essere breve, perché al Miur sono presenti due uomini di scuola (Bussetti, Giuliano) e quindi conoscono i problemi. Inoltre   nel contratto di governo è già definito il percorso.  Si legge: “In questi anni le riforme che hanno coinvolto il mondo della scuola si sono mostrate insufficienti e spesso inadeguate, come la c.d. “Buona Scuola”, ed è per questo che intendiamo superarle con urgenza per consentire un necessario cambio di rotta, intervenendo sul fenomeno delle cd. “classi pollaio”, dell’edilizia scolastica, delle graduatorie e titoli per l’insegnamento. Particolare attenzione dovrà essere posta alla
questione dei diplomati magistrali e, in generale, al problema del precariato nella scuola dell’infanzia e nella primaria. “
Costituirebbe un bel segnale “chiaro e forte” se entro la fine del mese, il governo avviasse la sua “controriforma” abolendo “senza se e senza ma” la legge 107/15 e l’obbrobrio organizzativo delle  classi pollaio e superpollaio ( aumento degli alunni per classe, dovuto al divieto di nominare un supplente il primo giorno di assenza del titolare). Sono consapevole che soprattutto il secondo punto ha un costo! Ma se consideriamo che è in gioco la formazione dei nostri figli, allora ogni considerazione economica cade.
Scriveva D.Bok (1971) “Se la cultura costa, immaginate l’ignoranza

 

Pubblicato in Classi pollaio | Contrassegnato , , | Commenti disabilitati su Ministro Bussetti, ascolto sì, ma rapido!

Violenza sui docenti, “annus horribilis”

Violenza sui docenti

Un “annus horribilis”. Docenti umiliati, offesi e picchiati duramente. Dal Ministro attendiamo provvedimenti urgenti

Violenza sui docenti, l’anno scolastico che si sta concludendo è stato “horribilis”.
L’elenco è lungo! Occorre inasprire le sanzioni!

Violenza sui docenti

Da qualche tempo la scuola chiude male il suo anno. Gli elementi caratterizzanti sono diversi: il contratto economico e quello giuridico, la sicurezza degli edifici e per ultimo la violenza sui docenti
Non è un bel segnale!
Nello specifico, si legge sul quotidiano “Il Fatto Quotidiano” (10 giugno)
La rivista Tuttoscuola ha perciò attivato un contatore che ha raccolto, durante l’anno scolastico, i casi di aggressione ai docenti. “Non sono poche e tendono ad aumentare – spiega la rivista –. E per ogni aggressione di cui si ha conoscenza certa, si stima che ve ne siano almeno altre tre non rese pubbliche. Per non parlare delle violenze verbali, ancora più diffuse come ci confermano diversi dirigenti scolastici”. Dal settembre 2017, si contano 33 violenze fisiche accertate e 81 violenze fisiche stimate. Una media di quattro episodi a settimana.”

Il lungo elenco

Sempre sul quotidiano citato è presente un elenco sintetico. Lo riassumo.
Settembre ‘17. Figlia rimprovera la figlia. La mamma attacca la professoressa.  
Ottobre ‘17.  Un ragazzo lancia un cestino contro il docente
Ottobre ’17
. Ragazzo rimproverato per il possesso dello smartphone, sferra un pugno all’insegnante
Gennaio ’18. Ragazzo rimproverato dal professore, preso a calci e pugni dallo stesso e dai genitori
Gennaio ’18. Ragazzo insulta ( e anche bestemmia. ) il professore perché, a suo dire, gli avrebbe rotto lo smartphone
Febbraio ’18.  Maestra picchiata da una mamma per un consiglio
Febbraio ’18  Studente accoltella la professoressa, dopo l’interrogazione andata male
Febbraio ‘18 Professore legato alla sedia, ripreso e insultato
Febbraio ’18  Picchiato un collaboratore del Dirigente
Aprile ’18  “Inginocchiati e mettimi la sufficienza”
Aprile ’18  Accendini al volto, i ripetenti: “Ti brucio”
Aprile ’18   Un padre sferra un pugno per una punizione subìta dal figlio
Aprile  ’18  “Ti mando all’ospedale e ti sciolgo nell’acido”
Aprile  ’18  Picchia il prof ipovedente. Ricoverato in ospedale emorragia cerebrale
Maggio ’18  “Ha graffiato mio figlio”: picchia  la maestra
 Maggio ’18  Padre prende a schiaffi e pugni professore per una proposta di sospensione per atti di bullismo
Giugno ’18  La madre picchia professoressa per un voto insufficiente preso dal figlio

Provvedimenti urgenti

Occorre correre ai ripari. Far ricorso al “cambio di mentalità” in tempi brevi, è utopistico!
Il nuovo Ministro M. Bussetti, su questo aspetto, può bypassare la fase di ascolto ed emanare un provvedimento che confermi il profilo di pubblico ufficiale del docente.  Questo è stato confermato da una recente sentenza del 2014. In caso di reato commesso da uno o da entrambi i genitori  è necessario inasprire il tempo di detenzione e prevedere anche un risarcimento economico ( pignoramento per uno, due, tre anni dello stipendio o il sequestro e la vendita di beni del genitore delinquente).
In caso di reato commesso dal ragazzo, propongo la bocciatura immediata e inserimento dello stesso in un progetto di pubblica utilità per x mesi ( pulizia muri e…, assistenza agli anziani…). Tutto questo “senza se e senza ma”.

Pubblicato in Tutti gli articoli, Violenza docenti | Contrassegnato , , | Commenti disabilitati su Violenza sui docenti, “annus horribilis”

Siti scolastici e dintorni, Il GDPR in pillole

Siti scolastici e dintorni, Il GDPR in pillole. “Bussole di orientamento” per una lettura profonda

Il GDPR in pillole

Il nuovo regolamento europeo per la protezione dei dati personali è entrato in vigore dal 25 maggio 2018. La lettura non è semplice!
Propongo una sintesi che non può sostituire la lettura prima veloce e poi profonda.
Ecco i doveri che deve ottemperare il responsabile di un sito scolastico e non solo
1) Consenso a tempo. Il trattamento dei dati  non può  avere una durata illimitata. Occorre indicare una scadenza temporale (ad esempio termine del ciclo scolastico)
2) Fine delle informative generali. La proporzionalità diventa specifica per ogni tipologia di dati. In altri termini il gestore di un sito e non solo deve esplicitare gli scopi per i quali sono stati raccolti “gruppi di dati”
3) Accessibilità. La persona “profilata” attraverso i dati deve poter accedere liberamente e facilmente a questi ultimi, chiederne la modifica o l’eliminazione ( diritto all’oblio)
4) Semplicità dell’informativa. In nome della trasparenza e della chiarezza l’informativa dovrà essere esente da tecnicismi.
5) Consenso dei genitori. Non è trattato specificatamente l’argomento della pubblicazione delle foto o video sui siti o social afferenti l’Istituto Scolastico. Rimane però il consenso esplicito e articolato, attraverso una liberatoria da parte dei genitori o tutori.
6) Accountability. Il responsabile del sito deve garantire la protezione dei dati da furti o attacchi informatici
7) Comunicazione tempestiva. In caso di furto o hacheraggi, l’utente “profilato” deve essere messo a conoscenza dell’evento.

Pubblicato in GDPR | Commenti disabilitati su Siti scolastici e dintorni, Il GDPR in pillole

Nuovo Miur, attendiamo i fatti, ma…

 

Nuovo Miur

Tanti auguri, con qualche speranza e molti dubbi!

 

Nuovo Miur, dopo Marco Bussetti ( Ministro), abbiamo Fioramonti e Giuliano ( sottosegretari). Attendiamo i fatti, ma le nomine non ci tranquillizzano.

Dubbi sull’abolizione della Legge 107/15

Dichiarava il nuovo Ministro Bussetti (Insegnante, Dirigente Scolastico e Dirigente dell’Usr Lombardia)   ” è un’ottima legge che ha permesso di cominciare a ragionare con un sistema integrato tra mondo del lavoro e scuola“. Noto il percorso professionale di A. Giuliano  (Dirigente Scolastico) che lo ha visto collaboratore del Ministro Giannini fino al 2016. A questo si aggiunge il suo sostegno alla “Buona Scuola”, certificata dalle seguenti dichiarazioni : “Difendo la legge con forza” e “La Buona Scuola non va abolita, ma migliorata“. Questi due tecnici sono affiancati dall’economista L. Fioravanti (un altro tecnico). Al momento è difficile cogliere la relazione tra il suo CV e il ruolo assunto all’interno del Miur.
Detto questo, preoccupa la posizione ambigua dei primi due   sulla “Buona Scuola” che in campagna elettorale l’on. L. Di Maio aveva dichiarato di voler abolire “senza se e senza ma”

E gli insegnanti? 

A questo occorre aggiungere la totale assenza di un docente nella cabina di regia. Eppure esisteva una candidata:  Bianca Laura Granato! E’ stata confermata, purtroppo, la regola che gli insegnanti sono ritenuti inadeguati a gestire la complessa macchina  organizzativa del Miur ( v. articolo)
Dopo queste prime decisioni che costituiscono dei “fatti”, attendiamo le prossime mosse. Sicuramente si poteva fare altro. E questo preoccupa!

Pubblicato in Legge 107/05 | Contrassegnato , , | Commenti disabilitati su Nuovo Miur, attendiamo i fatti, ma…

Bianca Laura Granato, “Voglio una scuola costituzionale”

Bianca Laura Granato

Finalmente si torna a parlare di scuola costituzionale. Grazie!

Bianca Laura Granato, è un insegnante! Conosce l’aula. Da qui   l’impegno a ricostruire una scuola costituzionale. Alcuni suggerimenti.

Bianca Laura Granato, un bel post!

Si legge in un post di Bianca Laura Granato su Facebook:”
Renzi  col suo stuolo di yes men/women ha ridotto la scuola a qualcosa di irriconoscibile di cui solo chi la vive può avere piena consapevolezza. Renzi, da buon patrocinatore di lobbies, non eletto da nessuno, nel 2015 ha deciso di chiudere i ponti con docenti e personale della scuola e si è rivolto direttamente ad una associazione costituita da imprenditori che operano nel campo della formazione , TreeLLLe , per redigere un testo che deformava l’assetto costituzionale della scuola. Cos’ha ottenuto? Che il MoVimento 5 Stelle lo stracciasse alle seguenti tornate elettorali, forte di programmi e di una visione di scuola e società antagonisti rispetto alla sua… Il mio personale impegno all’interno del Movimento 5 Stelle sarà volto a restituire la funzione costituzionale alla scuola pubblica e ringrazierò sempre quanti dall’esterno e dall’interno coopereranno fattivamente con moniti, consigli, suggerimenti, critiche anche, affinché il sogno collettivo si realizzi nella discontinuità con il passato recente“

Il quadro di una scuola incostituzionale

La deriva del sistema scolastico, rispetto alla finalità costituzionale (“Formare l’uomo e il cittadino” ) è iniziata nel 1999 con l’autonomia scolastica. (D.P.R. 275/99) , che ha istituzionalizzato i criteri dell’ orientamento al cliente, dell’ottimizzazione, dell’efficienza e dell’efficacia. Da qui l’aziendalizzazione della scuola. Il piano inclinato che ha condotto l’istituzione scolastica verso sponde “straniere”, rispetto alla funzione costituzionale ( la scuola aperta a tutti,  ad ognuno) è proseguita con lo “tsunami” del duo Gelmini/Tremonti  (2009) che ha depotenziato l’inclusione ( classi pollaio, abolizione del tempo pieno, delle compresenze, prelievo forzoso di 8 miliardi di €…), trasformandola in una realtà puramente formale ( certificazione Bes, Dsa…). Il colpo finale lo ha dato il Governo Renzi, “polverizzando” il concetto di “comunità” (L. 107/15) e confermando le politiche dei governi precedenti, soprattutto di quello retto da S. Berlusconi.  A dir il vero le ha peggiorate, introducendo le classi superpollaio ( Legge di stabilità 2015 art. 1 comma 133).
Renzi è l’ultimo esempio di quanto scriveva l’ultramarxista E.Bloch:” Per far accettare le riforme della destra, è sufficiente colorarle con il rosso della rivoluzione”

Alcuni suggerimenti per una scuola costituzionale

Per un ritorno ad una scuola costituzionale e quindi inclusiva è necessario:
1) abolire le classi pollaio, superpollaio, istituzionalizzando la classe educativa costituita da 20-22 alunni/studenti
2) Ripristinare il tempo pieno e le compresenze
3) Riformulare i programmi didattici con una maggiore accentuazione alla formazione dell’uomo e del cittadino.
Sono consapevole che soprattutto per i primi due punti occorrono risorse economiche fresche. Queste devono essere trovate assolutamente! Occorre uscire dalla gabbia del “presentismo” o dell’onnipresente. La scuola se rimane schiacciata sull’immediato è morta. Scriveva D. Bok” Se pensi che l’istruzione sia costosa, prova con l’ignoranza”

 

Pubblicato in Classi pollaio | Contrassegnato , , | Commenti disabilitati su Bianca Laura Granato, “Voglio una scuola costituzionale”

Classi pollaio, un esempio di approccio ragionieristico

Classe pollaio

Le classi pollaio non possono essere ridotte ad un rapporto matematico. Occorre considerare altro

Classi pollaio, un approccio sbagliato al problema. Un esempio di economicismo applicato ad una realtà che non tratta carte, ma persone. Il metro di giudizio non può essere  un parametro numerico, ma la formazione della persona, di ogni persona.

Classi pollaio, una prospettiva sbagliata

Classi pollaio,  spesso ho cercato un esempio di economicismo applicato alla scuola. E in particolare alle classi pollaio. Sono stato accontentato. In un articolo apparso su “Tuttoscuola” e ripreso da Edscuola si legge, dopo “aver “premesso che indubbiamente una classe con troppi alunni crea difficoltà per gli insegnanti nella governance e nel rapporto individualizzato… nessuno ha mai precisato il limite del numero di alunni per classe, oltre il quale si può parlare della patologia del “pollaio”. Se si dovesse considerare il limite (n. 25 alunni) posto per le norme antincendio (D.M. 26 agosto 1992 – Ministero Interno) per il deflusso dalle aule, avremmo almeno la metà delle classi da considerare ‘pollaio’. Se, invece, come riferimento per individuare la patologia del pollaio si prende il termine fissato per la costituzione delle classi dal DPR 81/2009 (a proposito della scuola secondaria di II grado la norma indica “senza superare, comunque il numero di 30 studenti per classe”), ne scaturisce la mappa sotto descritta. La mappa non considera le scuole dell’infanzia che nel recente passato sono state in alcuni casi interessate dall’affollamento eccessivo delle sezioni ma che attualmente per effetto del decremento demografico ‘respirano’. Né considera la scuola primaria e secondaria di I grado, che sono pressoché immuni dal fenomeno delle classi ‘pollaio’.

Classe pollaio è una realtà anticostituzionale

Indubbiamente se si considera il riferimento normativo, la realtà può risultare anche accettabile, fino ad arrivare alla situazione grottesca di una presenza irrisoria delle classi pollaio Ecco la tabella “generata” dal suddetto ragionamento

Se ci basiamo sulle percentuali espresse dalla tabella, non avrebbe senso l’impegno del  nuovo governo per abolire questo obbrobrio organizzativo. Ma chi frequenta quotidianamente l’aula è cosciente che il problema non può essere ridotto ad un rapporto numerico. Il ragionamento basato sul calcolo  è “una bella trovata”. Una “furbata” come si dice in gergo. E’ un esempio di economicismo, applicato ad un contesto particolare.  Potrebbe essere considerato valido, infatti,  se il suo riferimento fosse un  lavoro tratta con le carte. L’attività del docente, invece, forma intelligenze, sviluppa emozioni, consolida relazioni… Tutto questo costituisce la  “formazione profonda” e riguarda ogni ragazzo. La sua  sponda costituzionale è l’art 2 e 3 ( secondo comma). Essi recitano rispettivamente: ” La Repubblica riconosce e garantisce i diritti inviolabili dell’uomo, sia come singolo, sia nelle formazioni sociali ove si svolge la sua personalità, e richiede l’adempimento dei doveri inderogabili di solidarietà  politica, economica e sociale.”, ” E` compito della Repubblica rimuovere gli ostacoli di ordine economico e sociale, che, limitando di fatto la libertà e l’eguaglianza dei cittadini, impediscono il pieno sviluppo della persona umana e l’effettiva partecipazione di tutti i lavoratori all’organizzazione politica, economica e sociale del Paese

Classe pollaio= classe diseducativa

Ne consegue che personalmente considero una classe pollaio un gruppo  con più di 15-20 studenti. E’ una modalità organizzativa che non appartiene alla scuola, in quanto compromette la “piena formazione dell’uomo e del cittadino” ( Costituzione italiana), limitandosi a  proporre “briciole” educative, coerenti con il mantra del finanzcapitalismo che vuole, parafrasando R.Musil “uomini senza qualità”.

Pubblicato in Classi pollaio | Contrassegnato , , | Commenti disabilitati su Classi pollaio, un esempio di approccio ragionieristico

Maria Stella Gelmini, poco informata!

Maria Stella Gelmini

Invece di proporre una legge inutile, la Gelmini faccia un concreto “mea culpa”.

Maria Stella Gelmini, ex ministro dell’Istruzione , meglio della Distruzione, annuncia una proposta di legge sul divieto degli smartphone a scuola. Un suggerimento: lasci perdere!

L’annuncio di Maria Stella Gelmini 

Maria Stella Gelmini sarà ricordata per aver azzerato la scuola primaria,  introdotto il virus delle classi pollaio e indebolito il sistema scolastico con un prelievo forzoso di 8 miliardi.  Dopo la caduta del governo Berlusconi (2011), il suo percorso politico è stato caratterizzato da  una serie di incarichi prestigiosi all’interno di FI. Attualmente è capogruppo dei deputati del partito di S. Berlusconi.
Ieri ha annunciato che sarà la prima firmataria di una legge che vieterà l’uso degli smartphone a scuola. Ha dichiarato: ” Tra chat e social network, gli insegnanti sanno benissimo quanto sia complicato evitare l’uso dello smartphone. Non a caso, in Francia il divieto dei cellulari in classe è diventato legge e credo che come istituzioni e come genitori abbiamo il dovere di impegnarci in questa direzione. Presenterò , quindi in Parlamento una proposta di legge che vieti l’uso dei telefoni cellulari tra i banchi di scuola, affinché ci sia un uso consapevole di questi dispositivi digitali, solo se in linea con la didattica e propedeutici allo studio”

On. Maria Stella Gelmini, lasci perdere!

L’annuncio è a valenza zero. Mi spiego! L’ipotetica legge non introduce elementi nuovi, perché la materia è già normata da undici anni. Il riferimento è la “Direttiva Fioroni”.
L’uso dei cellulari da parte degli alunni, durante lo svolgimento delle attività didattiche, è vietato. Il divieto risponde ad una generale norma di correttezza che trova una sua codificazione nei doveri indicati nello Statuto delle studentesse e degli studenti (D.P.R. n. 249/1998). La violazione di tale divieto configura un’infrazione disciplinare rispetto alla quale la scuola è tenuta ad applicare apposite sanzioni. Si ribadisce che le sanzioni disciplinari applicabili sono individuate da ciascuna istituzione scolastica autonoma all’interno dei regolamenti di Istituto nella cultura della legalità e della convivenza civile”
La direttiva Fioroni ha una natura sanzionatoria. Questo profilo non può essere l’unica risposta dell’istituzione scolastica. Gradualmente si è imposto anche un approccio attivo costituito da un uso regolamentato degli smartphone. L’orientamento è confermato dal garante per la privacy. Quindi anche il secondo elemento annunciato da M. Stella Gelmini è già un punto di riferimento per gli istituti scolastici.

. Si legge infatti nel pronunciamento: ” Le Nuove tecnologie e web rappresentano ormai una realtà con cui fare i conti anche nell’ambito dell’attività scolastica. Smartphone e tablet sono utili, ad esempio, per registrare le lezioni o per fare ricerche. Ma non devono trasformarsi in strumenti di offesa usandoli per diffondere sulla rete video e foto che possono ledere la dignità di compagni o insegnanti…Spetta agli istituti scolastici decidere nella loro autonomia come regolamentare l’uso di questi dispositivi ( Garante Privacy 17.09.2013)

On. Maria Stella Gelmini, si impegni altrove

Da qui l’inutilità di un  provvedimento. Si impegni, invece, il deputato a presentare una legge che reintroduca il diritto costituzionale  allo studio, abolendo le classi pollaio, ripristinando il tempo pieno, le compresenze e restituendo gli 8 miliardi di € prelevati forzatamente dal sistema formativo. Sarebbe un provvedimento ben accetto dagli operatori scolastici. Si chiede troppo?

 

 

Pubblicato in Cyberbullismo | Contrassegnato , , | Commenti disabilitati su Maria Stella Gelmini, poco informata!

Classi pollaio, il vero volto del Miur

Classi pollaio.

Classi pollaio. Ecco svelato il pensiero autentico del Miur

Classi pollaio, si parla molto. Poco nei convegni e nei corsi di aggiornamento.  Leggi i documenti ufficiali del Miur. Effetti: rabbia, frustrazione…

Classi pollaio, le parole che contano

Classi pollaio, se ne parla molto. In questo caso i social stanno assolvendo ad una funzione di “attenzione” al problema. Ne parlano anche i politici, ma solo a fini di propaganda elettorale.
Poi leggi la nota del Miur sugli organici e formazione delle classi. E comprendi tutto. Il Miur rivela il suo vero volto: profilo da ragionieri, dove gli alunni e gli studenti sono solo numeri.  Il documento conferma sostanzialmente gli organici di quest’anno. e quindi le classi pollaio. “si va dalla scuola primaria (dove si possono allestire classi anche da 27 alunni) a quella dell’infanzia (al massimo 29 alunni), passando per la secondaria di primo grado fino alle superiori (in entrambi i casi via libera anche a 30 allievi per classe).” ( Fonte Tecnicadellascuola.it) La nota rappresenta il punto di riferimento degli Usr per l’avvio della’anno scolastico 2018-19
Mi chiedo: che idea di scuola hanno gli alti Dirigenti del Miur che lavorano in stanze arieggiate, climatizzate, silenziose?
Povera scuola!

Pubblicato in Tutti gli articoli | Commenti disabilitati su Classi pollaio, il vero volto del Miur

Scuola, in attesa dei fatti, alcune proposte

Scuola

In attesa dei primi atti concreti, ecco alcune proposte

Scuola, in attesa di valutare il governo dai primi atti concreti ( sottosegretari, indirizzo programmatico), ritengo utile proporre i seguenti punti ( mi auguro diventino atti normativi)

Le proposte 

1) abolizione delle classi pollaio e superpollaio in nome di un diritto allo studio sostanziale e non solo formale;
2) ripristino del tempo pieno e delle compresenze nelle scuole primarie;
3) pensione con quota 100. Non è possibile avere in classe insegnanti-nonni esposti tra l’altro al burnout;
4) impiego degli insegnanti vicini a quota 100 in mansioni indirettamente collegati alla classe ( supporto ai nuovi assunti, formazione, Figure strumentali, Animatore Digitale,  Referente cyberbullismo. componente della commissione Pon…)
5) istituzione del tecnico di laboratorio nei comprensivi, come previsto dal PNSD;
6) elezione del Dirigente Scolastico da parte dei docenti;
7) maggiore possibilità di bocciare fin dalla scuola primaria, se questa può risultare utile al ragazzo:
8) cancellazione delle prove Invalsi, che hanno dimostrato la loro scarsa aderenza con la didattica quotidiana;
9) abrogazione della legge 107/15 ( alternanza scuola/lavoro, bonus merito, chiamata diretta…);
10) anno sabbatico ogni dieci anni con percorso formativo certificato da esami.
Potrei continuare, ma mi fermo qui

Pubblicato in Opinioni, Tutti gli articoli | Contrassegnato , , | Commenti disabilitati su Scuola, in attesa dei fatti, alcune proposte

Scuola, le chiacchiere stanno a zero, attendiamo i fatti

Scuola

Scuola, Marco Bussetti è già nel mirino delle chiacchiere. Attendiamo i fatti!

Scuola, il governo è appena nato! Sui social già girano post di delusione per le riforme mancate. Molto sospetti questi interventi. Attendiamo i fatti.

Scuola, andiamo oltre

Il governo Lega-M5S ha un solo giorno di vita. E con un sorprendente tempismo si possono leggere post di probabili elettori del Pd, che gridano alla delusione per le riforme mancate. Non è  presto? Dimenticano questi autori che la nostra è una Repubblica Parlamentare. Quindi tutti i provvedimenti dovranno passare al vaglio delle due Camere, rispettando le procedure.
Scrive L Tassella:  “a me non interessa il tiro al piccione , iniziato da ieri su questo gruppo sul nuovo governo il quale ha appena firmato e non ha ancora ottenuto la fiducia dal Parlamento. Non mi interessa il gossip politico su questo o quel ministro. Non mi interessano altresì le esternazioni di fedi politiche, partitiche, o i lamenti quelle di fan delusi. Non mi interessano neppure le previsioni e le predizioni di imminenti catastrofi politiche. Non mi interessa la propaganda di elettori del PD o di altri partiti che vengono a esibirsi con i loro post. Io per quanto riguarda la scuola e gli insegnanti che é lo specifico di questo gruppo terrò su questo gruppo la seguente linea… Resterò sempre legato ai fatti, agli atti del ministro Bussetti che verificherò se sono congruenti o meno con il contratto di governo. E giudicherò criticamente questi atti, queste azioni di governo, senza remore, senza sconti come ho fatto con il precedente governo.

Quindi attendiamo i fatti

Per formazione culturale e scientifica esalto i fatti, gli atti concreti. Le parole, le chiacchiere da bar, contano zero.
L’approccio di L. Tassella sarà, dunque anche il mio.
Non occorrerà attendere molto. Nei prossimi giorni il Ministro Bussetti indicherà i sottosegretari e presenterà il suo indirizzo programmatico. Già da questi due atti, soprattutto dal secondo, sarà risolta qualche perplessità. Capiremo la differenza, ad esempio tra abrograzione e superamento della Legge 107/15; comprenderemo il motivo che ha spinto il M5S a cedere il Miur alla Lega; sarà chiarito il rapporto tra questo governo e le sciagurate riforme berlusconiane ( classi pollaio, abolizione del tempo pieno e delle compresenze); saranno svelati gli scenari generali ( ad esempio il contratto 2019-21).
Per ora auguro un buon lavoro al Ministro Bussetti e al suo staff, rimanendo libero nella valutazione dei provvedimenti.

Pubblicato in Opinioni, Tutti gli articoli | Contrassegnato , , | Commenti disabilitati su Scuola, le chiacchiere stanno a zero, attendiamo i fatti

L’aula è ignorata, quindi la scuola è morta!

 

L'aula è ignorata

La complessità dell’aula non è un tema centrale nelle discussioni teoriche.

L’aula è ignorata, si parla sempre meno di questo luogo che una volta era definito “un ambiente educativo di apprendimento. Come nella “Storia infinita” il Nulla la sta inghiottendo.

L’aula ignorata

Per l’insegnante l’aula rappresenta “il cuore” della scuola. Di ogni Istituto scolastico. Dovrebbe essere protetto dal Nulla. E invece, è esposta a tutte le “intemperie”, tese ad annullare o quanto meno a depotenziare l’educazione e la formazione. Non parliamo poi della sicurezza.
Ecco le prove:
1) Le classi pollaio e superpollaio
2) il freddo d’inverno e il caldo d’estate che sicuramente non favoriscono l’attività didattica
3) L’insicurezza strutturale che si traduce in crolli di parte dei soffitti e di altro.

Eppure…

Nei convegni, nei corsi di aggiornamento e sui “sacri testi” di pedagogia si presenta lo studente, l’alunno decontestualizzato. Il suo profilo pare non appartenere al contesto. Si ha la sensazione di trovarsi di fronte più a un concetto, a un idealtipo, costruito a tavolino.  Ho il sospetto che questo risponda ad una strategia ben studiata e finalizzata a semplificare la realtà. La complessità, ovviamente impegna e non sempre favorisce l’individuazione delle soluzioni. Se poi consideriamo che quasi tutti i relatori ormai hanno perso il contatto con l’aula, diventando progressivamente degli inesperti di questo ambiente, allora il cerchio si chiude. E’ difficile parlare di una realtà di cui non si ha più esperienza!

“Il cuore” non interessa!

Questa marginalizzazione dell’aula, sta progressivamente uccidendo la scuola. Del resto se si ignora o si “maltratta” il suo fondamento, cosa restano? Le macerie!

 

 

Pubblicato in Tutti gli articoli | Commenti disabilitati su L’aula è ignorata, quindi la scuola è morta!

Foto minori nel web e nuovo regolamento europeo

Foto minori nel web

Foto minori nel web, poco cambia con il nuovo regolamento europeo sulla protezione dei dati personali.

 

Foto minori nel Web, cosa cambia con l’introduzione del nuovo regolamento europeo per la protezione dei dati? Praticamente nulla. Eppure…

Foto minori nel Web, partiamo da lontano

Sono solito ad inquadrare il problema! Ad allargare la visuale fino a contemplare il quadro e meno il particolare (=il caso). In questo modo si è liberi da condizionamenti.
Detto questo, il minore è tutelato da convenzioni, leggi internazionali e locali. Il primo riferimento è La Convenzione internazionale sui diritti dell’infanzia, approvata dall’Assemblea Generale delle Nazioni Unite il 20 novembre 1989 e ratificata in Italia con legge 27 maggio 1991 n. 176. L’articolo 3 può essere definito il fondamento di tutto il documento. Si legge “In tutte le decisioni relative ai fanciulli, di competenza sia delle istituzioni pubbliche o private di assistenza sociale, dei tribunali, delle autorità amministrative o degli organi legislativi, l’interesse superiore del fanciullo deve essere una considerazione preminente.”  Nello specifico e nel nostro caso il riferimento è l’art. 16 che recita “Nessun fanciullo sarà oggetto di interferenze arbitrarie o illegali nella sua vita privata, nella sua famiglia, nel suo domicilio o nella sua corrispondenza, e neppure di affronti illegali al suo onore e alla sua reputazione.
Il fanciullo ha diritto alla protezione della legge contro tali interferenze o tali affronti. Detto in altri termini: le foto e i video che  documentano la sua persona non possono essere pubblicate “ipso facto”, considerando la possibilità che attraverso la condivisione possono ledere la sua reputazione e la sua dignità. 
Questi principi sono  nella  nostra Costituzione e precisamente all’art. 31 che sancisce il principio che l’infanzia deve essere protetta.

Scendiamo di livello…

Da questi principi discendono l’attenzione e la cura che deve caratterizzare l’infanzia. Atteggiamenti che devono essere più stringenti in caso di pubblicazione di materiale fotografico nel Web. Quest’ultimo rappresenta una grande opportunità di interazione e condivisione di materiale ( 2.0) finalizzato alla formazione culturale. E non solo.
Di contro esiste un vasto mondo virtuale (  Deep Web) non rilevato dai comuni  motori di ricerca ( 90%)  dove accanto a interessi leciti, ne esistono altri, come i siti pedopornografici, store dove si vendono farmaci, droghe, armi, applicazioni che garantiscono l’anonimato….
Ecco le ragioni che hanno spinto il Garante della Privacy (dicembre 2016) a formalizzare il criterio della prudenza nella pubblicazione di foto o video nel Web. Si legge a pag. 21 “Va però prestata particolare attenzione alla eventuale pubblicazione delle medesime immagini su Internet, e sui social network in particolare. In caso di comunicazione sistematica o diffusione diventa infatti necessario, di regola, ottenere il consenso informato delle persone presenti nelle fotografie e nei video
Ora questo consenso può essere dato solo da chi esercita la patria genitoriale. In altri termini dai due genitori, anche se separati o divorziati ( Sentenza tribunale Mantova 19 settembre 2017)

Regolamento europeo sulla Privacy, nulla cambia!

Il 25 maggio è entrato in vigore il Regolamento europeo in materia di protezione dei dati personali. Documento lungo e complesso. In sostanza reitera continuamente i principi del trattamento, del consenso e delle sanzioni. E’ stringente sulle procedure, confermando però la necessità di un consenso anche genitoriale al trattamento dei dati dei minori o alla loro divulgazione  attraverso immagini o video. Si evince indirettamente da questo passaggio (pag 7): I minori meritano una specifica protezione relativamente ai loro dati personali, in quanto possono essere meno consapevoli dei rischi, delle conseguenze e delle misure di salvaguardia interessate nonché dei loro diritti in relazione al trattamento dei dati personali. Tale specifica protezione dovrebbe, in particolare, riguardare l’utilizzo dei dati personali dei minori a fini di marketing o di creazione di profili di personalità o di utente e la raccolta di dati personali relativi ai minori all’atto dell’utilizzo di servizi forniti direttamente a un minore. Il consenso del titolare della responsabilità genitoriale non dovrebbe essere necessario nel quadro dei servizi di prevenzione o di consulenza forniti direttamente a un minore. 
Detto questo non si comprende l’ansia di qualche Dirigente Scolastico diretta  ad eliminare o oscurare questo materiale da siti  pagine social afferenti la scuola.

Alcune indicazioni 

Premessa la necessità di centellinare queste pubblicazioni, è indispensabile che l’Istituto faccia firmare ad entrambi  i genitori una liberatoria ben articolata ( trasparenza, legittimità, proporzionalità), richiedendo anche la fotocopia dei loro documenti.
Non è sufficiente! La cautela istituzionale deve concretizzarsi possibilmente nella protezione  di materiale in aree riservate ( siti) o in pagine social con impostazioni della privacy non “pubbliche”  . Infine, è consigliabile evitare di riprendere singoli minori. E’ preferibile la modalità gruppo, dove quest’ultimo è ripreso  almeno in secondo piano . Ovviamente la lista non termina qui. Le suddette indicazioni, però, costituiscono il minimo che deve caratterizzare una istituzione formativa statale. E non solo!

Pubblicato in Cyberbullismo, Tutti gli articoli | Contrassegnato | Commenti disabilitati su Foto minori nel web e nuovo regolamento europeo

Marco Bussetti, nuovo Ministro dell’Istruzione

Marco Bussetti

Marco Bussetti, esprimerà una discontinuità oppure confermerà le politiche degli ultimi anni?

Marco Bussetti, è il nuovo Ministro dell’Istruzione. Luci e ombre del nuovo riferimento per la scuola.

Marco Bussetti, nuovo Ministro dell’Istruzione

Finalmente avremo un nuovo Ministro dell’Istruzione. Non un insegnante! Era molto difficile! Certo una qualche speranza l’avevo nutrita in Bianca Laura Granato .
Dunque sarà Marco Bussetti. Responsabile dell’USR della Lombardia.

Un tecnico “impuro”

Quindi un tecnico! Fortunatamente non puro. Dal suo CV infatti si legge che ha ricoperto l’incarico di Dirigente Scolastico ( pag. 1)  fino al 2011, quindi una funzione vicina all’aula. Purtroppo, lo ripeto: non dentro l’aula. Il resto è un elenco di incarichi tecnici e politici di un certo peso. Sicuramente sarà sideralmente lontano dalle competenze di Valeria Fedeli. Non era molto difficile!

Tanti auguri e speriamo bene

Cosa dire? Per ora solo tanti auguri, sperando che riesca nella difficile impresa di abolire   la L.107/15 e parte della Riforma Gelmini ( Classi pollaio).
Solo i milanesi possono darci qualche notizia sulle sue decisioni riguardanti i suddetti aspetti. In altri termini: è stato un fedele e rispettoso funzionario che ha applicato le citate leggi, oppure è riuscito a muoversi , individuando tra le righe spazi di manovra originali?
A breve i fatti emetteranno il verdetto, iniziando dall’indirizzo programmatico!

Pubblicato in Legge 107/05 | Contrassegnato , , , | Commenti disabilitati su Marco Bussetti, nuovo Ministro dell’Istruzione

M. Renzi e P. Savona, la strana convergenza

M. Renzi e P. Savona, la strana convergenza sull’euro. La moneta è sostanzialmente un “marco mascherato”

Il pensiero di P. Savona

Ecco il pensiero del possibile nuovo Ministro dell’Economia ( ometto le sue convinzioni si Putin che ritengo ardite)
La Germania non ha cambiato la visione del suo ruolo in Europa dopo la fine del nazismo, pur avendo abbandonato l’idea di imporla militarmente. Per tre volte l’Italia ha subito il fascino della cultura tedesca che ha condizionato la sua storia, non solo economica, con la Triplice alleanza del 1882, il Patto d’acciaio del 1939 e l’Unione europea del 1992. È pur vero che ogni volta fu una nostra scelta. Possibile che non impariamo mai dagli errori?»
La Merkel è stata il miglior leader tedesco. Non è europeista perché il suo elettorato non lo è”
“Non esiste un’Europa, ma una Germania circondata da pavidi”

Il pensiero di M. Renzi

Scriveva M. Renzi, sul suo blog , non più raggiungibile:
Le regole dicono che il surplus commerciale della Germania non può essere superiore al 6%, oggi è intorno al 9%. Si tratta di una violazione delle regole che fa male a tutta l’Europa. E che la indebolisce a favore dei soli amici tedeschi. Più volte abbiamo posto il tema in modo ufficiale, nei tavoli di discussione: vogliamo rispettare le regole. Ma dobbiamo farlo tutti. Anche la Germania. La filosofia dei due pesi e due misure è sbagliata.”

M. Renzi e P. Savona, la strana convergenza

In altri termini. entrambi concordano sulla germanizzazione economica dell’Europa.  L’euro è “il marco tedesco mascherato”. E’ una moneta che favorisce unicamente la Germania. E Renzi questo lo sa, anche quando sembra meravigliarsi dell’eccessivo surplus tedesco, naturale  conseguenza  di una moneta, basata sul cambio fisso tra paesi disuguali economicamente. Per inciso, l’ammissione di un eccedenza tollerata al 6% è una dichiarazione di per sè della “germanizzazione” dell’Euro.   Ora l’adozione di un cambio fisso   e’ un argine alla svalutazione competitiva, che un tempo favoriva i nostri prodotti… “fino al 2001 il nostro Paese, grazie alle diverse svalutazioni competitive aveva un surplus commerciale superiore alla Germania. Questa posizione privilegiata del nostro Paese si è azzerata negli anni successivi all’entrata nella moneta unica, a tutto vantaggio della Germania, che invece ha visto il proprio surplus crescere. Come scrive l’economista A. Bagnai, un paese forte se non rivaluta, sostanzialmente svaluta, attirando sui suoi prodotti l’interesse dei consumatori.” .

M. Renzi, “tra il dire e il fare” c’è l’oceano

Tornando all’esternazione di Renzi, purtroppo l’ex Premier ha fatto poco per modificare questo quadro. Ha applicato la regola della svalutazione interna, che si traduce nel congelamento o riduzione dei salari.  In altri termini, ha  confermato l’impianto bifronte dell’ Euro rispondendo nell’unico modo possibile in un regime di cambio fisso, e quindi allineandosi senza stonature  al pensiero di M. Draghi. Il Governatore  della Bce ha dichiarato che per salvare l’Euro   e quindi l’inflazione al 2% occorre tenere i salari bassi.

Pubblicato in Opinioni | Contrassegnato , , , | Commenti disabilitati su M. Renzi e P. Savona, la strana convergenza

Scuola, l’ultimo “regalo” del governo Gentiloni-Renzi

Scuola

Scuola, dalle parole ai fatti. Quest’ultimi dicono sempre la stessa cosa: la scuola è un bancomat!

Quante parole buttate al vento

Spesso la scuola è al centro di un “fiume di parole”. Vuote, che non portano a nulla. Pronunciate unicamente per fini propagandistici o elettorali.
Un esempio? ” L’impegno per il mondo dell’istruzione è centrale per il governo”  La dichiarazione è di Paolo Gentiloni.

I fatti contraddicono sempre le parole

Ieri il suo governo ha concluso il  mandato, prelevando dalla scuola  160 milioni di €.
Si legge su “Il Fatto Quotidiano” di oggi:” Trentasei milioni in meno per il 2018, altri 36 nel 2019, poco più di 35 nel 2020. E ancora: 18 milioni in meno per il 2018,19 in meno per il 2019 e 17,2 milioni in meno per il 2020: l’eredità della spending review lasciata dal ministero dell’Istruzione passa per i tagli al fondo di funzionamento delle scuole e per quello di miglioramento dell’offerta formativa. Rispetto alle annualità. 2015-2016 e 2017, il cui andamento di spesa (impegnato) è stato crescente anche per effetto dei finanziamenti derivanti dalla legge 107/2015 – si legge – si dovrà procedere a una riduzione significativa di interventi specifici a favore delle istituzioni scolastiche”. E quindi l’elenco: 35.895.240 euro in meno per il 2018 (8,9 milioni per ogni grado, dalla prescolastica alla secondaria di secondo grado); 36 milioni tondi in meno per il 2019 (9 milioni per ogni grado); 35.350.000 in meno nel 2020 (ancora la media di 8,9 milioni per ogni grado). “La riduzione – si legge – comporterà la non attuazione di alcuni interventi specifici a favore del- le istituzioni scolastiche”.

Da Gelmini a Gentiloni il copione si ripete

Siamo alle solite! Il copione si ripete. La sceneggiatura, inaugurata pesantemente con il duo Gelmini-Tremonti (2008) con il taglio di 8 miliardi di € e continuata con i governi successivi (Monti, Letta,Renzi e Gentiloni. ) invia questo messaggio: la classe politica non crede nella scuola. E probabilmente il Paese! A questo punto non è meglio chiuderla? Nella migliore delle ipotesi, trasformarla in un centro ricreativo, supportato da volontari?

Pubblicato in Opinioni, Tutti gli articoli | Contrassegnato , , | Commenti disabilitati su Scuola, l’ultimo “regalo” del governo Gentiloni-Renzi

In pensione a 60 anni? No!

In pensione a 60 anni? No!

In pensione a 60 anni? No! Tratteniamo le competenze maturate negli anni

In pensione a 60 anni? No! Chiedo di essere utilizzato diversamente. Le opportunità esistono. Non si nascondono! Bisogna solo distogliere l’occhio dal finanzcapitalismo.

L’insegnamento è un lavoro usurante

Si legge su youreduactionQuello dell’insegnante è un mestiere usurante, che sia riconosciuto come tale o meno. Non a caso sono sempre di più gli insegnanti che alla fine dell’anno scolastico non vedono l’ora di scappare dalla scuola, allo stremo delle forze fisiche e mentali.È sempre stato così? Sembra di no. Oggi la maleducazione dei discenti, la frustrazione per un mestiere poco considerato e anzi bistrattato dallo stesso Ministero, la difficoltà sia didattica che culturale di un periodo in continua trasformazione rendono questo mestiere non soltanto più difficile, ma più che mai faticoso.Gli insegnanti oggi sono una delle categorie più bistrattate, e su tutti i fronti: dalla politica e da chi usufruisce di questo servizio, dall’alto e dal basso. L’inversione di rotta chiesta a gran voce, spesso urlata o supplicata, sembra molto lontana, anche se tutti lamentano un sistema scolastico che non funziona più, che non riesce ad adeguarsi ai cambiamenti del mondo e della società.

L’aula usura. Molto. Tanto

Per chi entra tutti i giorni in aula, conosce benissimo la tensione che affianca la propria azione didattica. Questa è sempre “contagiata” da altri aspetti indiretti, ma ugualmente importanti: la cura della relazione costituita spesso da comunicazioni non verbali e che risultano in molti casi decisiva e propedeutica a un apprendimento significativo; la presenza di aspetti giuridici con risvolti civili e penali ( allergie, consegna in uscita  dell’alunno a persone autorizzate…). A questi aggiungiamo il livello acustico che gli alunni tengono sempre oltre la soglia di accettabilità. E per finire (per essere sintetici)  le classi pollaio e superpollaio che amplificano tutti i suddetti problemi, aggiungendone di nuovi.
Tutto questo grava sull’insegnante e in particolare sulla sua sfera psico-nervosa, che oggettivamente è più debole con l’avanzare dell’età anagrafica e con l’aumento degli anni di servizio.

Le alternative all’insegnamento già esistono

Da qui la necessità di differenziare la funzione docente, superando l’idea storicamente codificata che la professione dell’insegnante si identifica solo con il lavoro diretto  con i ragazzi.
Le alternative all’insegnamento già esistono. Penso all’Animatore digitale, al Referente Cyberbullismo, al tecnico di laboratorio informatico, al responsabile dei progetti Pon, al responsabile della biblioteca con funzioni anche di promotore all’educazione alla lettura, al tutor dei neo-assunti, al formatore…
Queste mansioni sono svolte “a latere” dell’insegnamento, spesso tra gli spezzoni o buchi-orario. Con l’aggravante di essere  gratis o quasi, concretizzando il nuovo mantra del liberismo economico che si nasconde dietro l’espressione tecnica dell’ottimizzazione. La strategia comunicativa ha il solo scopo di nascondere la realtà: il massimo dei risultati con costi contenuti o azzerati.

Pubblicato in Opinioni, Tutti gli articoli | Contrassegnato , , | Commenti disabilitati su In pensione a 60 anni? No!

Gli insegnanti, quando il gioco si fa duro, scompaiono

Gli insegnanti

Il gioco duro non fa per gli insegnanti. E’ così che ci vedono i politici. E non solo!

Gli insegnanti, quando il gioco si fa duro, sono messi al margine. A detta di molti non hanno le competenze organizzative, gestionali…Nella quotidianità scolastica, però non è così!

Avevo sostenuto Bianca Laura Granato

Poco prima delle elezioni del 4 marzo si parlava di un Ministro-insegnante da parte del M5s. La candidatura aveva un volto: Bianca Laura Granato . Insegnante di lettere, quindi esperta di aula. La sua figura, inoltre, esprimeva l’opposizione alla L.107/17, che ha contribuo allo scivolone elettorale di M. Renzi.

Poi, però…

La sua candidatura, però è durata poco. Qualche giorno! Poi è ripresa la sfilata degli esperti di tutto, meno che di aula. Si è fatto il nome di Salvatore Giuliano, un Dirigente Scolastico consulente della Giannini fino al 2016 e quindi sostenitore della L.107/15. Almeno fino agli inizi di marzo, quando è stato nominato “in pectore” Ministro dell’Istruzione. E’ di quei  giorni la sua  dichiarazione   “Tutta da buttare e da riscrivere da capo. Alle assunzioni fatte, e che restano, ne faremo altre”. Si legge su Edscuola “Qualcuno dirà: ma almeno il preside Giuliano ha esperienza di scuola. Sì, ma della scuola vista dalla specola della presidenza, vale a dire da una postazione essenzialmente differente da quella di chi le difficoltà della scuola odierna – che sono difficoltà di gestire la disciplina, di capire cosa puoi e non puoi insegnare nella situazione concreta, di come insegnarlo trapanando un muro di collosa indifferenza, di sopravvivere alla tracimante mole di adempimenti burocratici  – le vive sulla propria carne lacerata.”

Prosegue la moda dei Rettori

Recentemente la sua candidatura sì è  appannata. Si sono fatti i nomi di Pittoni (Lega), un tecnico di questioni scolastiche, per arrivare all’ultima candidatura Gianluca Vago, Rettore dell’Università Statale di Milano.
Se l’ipotesi diventerà una realtà, allora siamo di fronte all”ultimo esempio di come “la storia non insegni nulla”. Chiedo: la scuola ha bisogno di un altro Rettore, dopo Carrozza e Giannini? Non credo!

L’insegnante e il suo tramonto

Siamo alla riedizione di un vecchio copione: gli insegnanti non sono ritenuti all’altezza di guidare il Miur. Non ne hanno le competenze! Per loro non vale il detto “quando il gioco si fa duro, i duri cominciano a giocare”. Eppure di competenze organizzative e gestionali  ne hanno da vendere! Penso agli Animatori Digitali, ai Referenti per il contrasto al Cyberbullismo, alle Figure Strumentali, ai tanti primi collaboratori del Dirigente Scolastico…
E’ mai possibile che tra queste figure non ci sia una persona all’altezza del compito di guidare il Miur?  Ne dubito! Eppure… anche il M5s sembra avviarsi a ripetere lo stesso errore del passato, favorendo il declino e l’emarginazione del Ministero preposto all’istruzione. Pessimo inizio! Ma attendiamo i fatti.

Pubblicato in Opinioni, Tutti gli articoli | Contrassegnato , , | Commenti disabilitati su Gli insegnanti, quando il gioco si fa duro, scompaiono

Cyberbullismo, nuovi impegni per l’ambito 9 – Roma

Cyberbullismo

Cyberbullismo, un impegno per finire e un altro per iniziare.

Martedì alle ore 14,30 presso il “G. Bruno” è previsto un incontro con i referenti (Istituti comprensivi) per il contrasto al cyberbullismo dell’ambito 9 ( Municipio 3 e 15- Roma). Sono stati invitati ad intervenire l’assessore alla scuola del 3° Municipio ( G. Kalenda, anche se dimissionario) e del 15° Municipio ( P. Russo)
Dobbiamo definire la modalità della presenza o assenza dello smartphone nelle visite d’istruzione e viaggi d’istruzione.
Alle 16,00 invece ci incontreremo con i referenti delle scuole secondarie di secondo grado dell’ambito 9, per avviare la stesura di un Regolamento d’Istituto condiviso ( Legge 71/17).
Altro impegno stimolante!

Pubblicato in Cyberbullismo | Commenti disabilitati su Cyberbullismo, nuovi impegni per l’ambito 9 – Roma

Contratto governo Lega-M5s, un compromesso per la scuola

 

Contratto governo Lega-M5s

Contratto governo Lega-M5s, Luci e ombre. Non poteva essere diversamente, trattando di due forze politiche non omogenee

Contratto governo Lega-M5s, finalmente abbiamo il documento finale! Un compromesso tra i due programmi. Qualcosa è confermato, qualcos’altro è scomparso.

Contratto governo Lega-M5s

Nel contratto si  legge ( in grassetto le parti importanti):
La scuola italiana ha vissuto in questi anni momenti di grave difficoltà. Dopo le politiche dei tagli lineari e del risparmio, l’istruzione deve tornare al centro del nostro sistema Paese. La buona qualità dell’insegnamento, fin dai primi anni, rappresenta una condizione indispensabile per la corretta formazione dei nostri ragazzi. La nostra scuola dovrà essere in grado di fornire gli strumenti adeguati per affrontare il futuro con fiducia. Per far ciò occorre ripartire innanzitutto dai nostri docenti. In questi anni le riforme che hanno coinvolto il mondo della scuola si sono mostrate insufficienti e spesso inadeguate, come la c.d. “Buona Scuola”, ed è per questo che intendiamo superarle con urgenza per consentire un necessario cambio di rotta, intervenendo sul fenomeno delle cd. “classi pollaio”, dell’edilizia scolastica, delle graduatorie e titoli per l’insegnamento. Particolare attenzione dovrà essere posta alla questione dei diplomati magistrali e, in generale, al problema del precariato nella scuola dell’infanzia e nella primaria.
Una delle componenti essenziali per il corretto funzionamento del sistema di istruzione è rappresentata dal personale scolastico. L’eccessiva precarizzazione e la continua frustrazione delle aspettative dei nostri insegnanti rappresentano punti fondamentali da affrontare per un reale rilancio della nostra scuola. Sarà necessario assicurare, pertanto, anche attraverso una fase transitoria, una revisione del sistema di reclutamento dei docenti, per garantire da un lato il superamento delle criticità che in questi anni hanno condotto ad un cronico precariato e dall’altro un efficace sistema di formazione. Saranno introdotti nuovi strumenti che tengano conto del legame dei docenti con il loro territorio, affrontando all’origine il problema dei trasferimenti (ormai a livelli record), che non consentono un’adeguata continuità didattica.
Un altro dei fallimenti della c.d. “Buona Scuola” è stato determinato dalla possibilità della “chiamata diretta” dei docenti da parte del dirigente scolastico. Intendiamo superare questo strumento tanto inutile quanto dannoso.
Una scuola che funzioni realmente ha bisogno di strumenti efficaci che assicurino e garantiscano l’inclusione per tutti gli alunni, con maggiore attenzione a coloro che presentano disabilità più o meno gravi, ai quali va garantito lo stesso insegnante per l’intero ciclo. Una scuola inclusiva è, inoltre, una scuola in grado di limitare la dispersione scolastica che in alcune regioni raggiunge percentuali non più accettabili. A tutti gli studenti deve essere consentito l’accesso agli studi, nel rispetto del
principio di uguaglianza di tutti i cittadini.
La cultura rappresenta un mondo in continua evoluzione. È necessario che anche i nostri studenti rimangano sempre al passo con le evoluzioni culturali e scientifiche, per una formazione che rappresenti uno strumento essenziale ad affrontare con fiducia il domani. Per consentire tutto ciò garantiremo ai nostri docenti una formazione continua.
Intendiamo garantire la presenza all’interno delle nostre scuole di docenti preparati ai processi educativi e formativi specifici, assicurando loro la possibilità di implementare adeguate competenze nella gestione degli alunni con disabilità e difficoltà di apprendimento.
La c.d. “Buona Scuola” ha ampliato in maniera considerevole le ore obbligatorie di alternanza scuola-lavoro. Tuttavia, quello che avrebbe dovuto rappresentare un efficace strumento di formazione dello studente si è presto trasformato in un sistema inefficace, con studenti impegnati in attività che nulla hanno a che fare con l’apprendimento.
Uno strumento così delicato che non preveda alcun controllo né sulla qualità delle attività svolte né sull’attitudine che queste hanno con il ciclo di studi dello studente, non può che considerarsi dannoso.

Considerazioni 

Innanzi tutto, partiamo dalla buona notizia! E’ stata confermata l’intenzione di intervenire sulle classi pollaio. L’Impegno risulta, però, generico, in quanto è stato cancellata la parte presente nel programma del M5s: “Occorre quindi fissare il numero di alunni per classe ad un massimo di 22, numero che deve scendere a 20 in presenza di un allievo con disabilità, consentendo ai docenti di lavorare in un contesto organizzativo e didattico completamente diverso da quello attuale e assicurando la giusta attenzione agli studenti con difficoltà.
Interessante la proposta di assegnare per l’intero ciclo lo stesso docente allo studente diversamente abile.
Lascia perplessi, invece, la cancellazione dell’impegno a smantellare la riforma Gelmini, punto qualificante del programma elettorale del M5s.   Si legge, infatti,  nel suddetto documento:  ” Smantellare la riforma Gelmini significa anche ripristinare il tempo pieno e le compresenze nel primo ciclo d’istruzione: il Movimento 5 Stelle intende lavorare affinché la scuola primaria italiana torni ad essere un’eccellenza nel mondo.“.
Confermata l’intenzione di interrompere i trasferimenti dei docenti da una parte all’altra del Paese (Lega, M5s),  cancellare l’alternanza scuola/lavoro, divenuta scuola/sfruttamento,  e la chiamata diretta ( Lega- M5s).
Scomparsa, invece, la proposta leghista  del ciclo unico riguardante la scuola primaria e secondaria di primo grado.
Ovviamente altri sono i punti in comune oppure in disaccordo. Seguiranno altri articoli.

Pubblicato in Opinioni, Tutti gli articoli | Contrassegnato , , , | Commenti disabilitati su Contratto governo Lega-M5s, un compromesso per la scuola

Convegni Cyberbullismo – Ambito 9 Roma

Segnalo due convegni informativi sul cyberbullismo, organizzati all’interno dell’ambito 9 -Roma.
All’Istituto Petrassi sono stato invitato a riferire sulle “trappole della Rete”.

Pubblicato in Corsi | Contrassegnato , , | Commenti disabilitati su Convegni Cyberbullismo – Ambito 9 Roma

La prova Invalsi di matematica, il vuoto e la confusione!

La prova Invalsi di matematica

Prova Invalsi di matematica e non solo. Molto lontani dall’aula e condizionati dalla confusione dei piani valutativi

La prova Invalsi di matematica (quinta primaria) conferma la scorciatoia metodologica e di contenuto di lavorare su un idealtipo. Se poi aggiungiamo la confusione dei piani valutativi, allora…

Ho sempre desiderato una classe di geni

La prova Invalsi di matematica, risente di un astrattismo di comodo , spesso utilizzato dai tanti “inesperti di aula”. In trentacinque anni di lavoro con i ragazzi ho  sperato di   in una classe di geni, magari scelti preventivamente. Il mio lavoro sicuramente sarebbe stato facilitato! Sarei tornato a casa molto soddisfatto, vantandomi dei  risultati eccellenti. Avrei collezionato molti “gettoni di presenza” nei  convegni, corsi di aggiornamento documentando i “prodigi formativi”. Molti dei quali non imputabili al mio impegno…

E invece, ogni giorno  incontro la “diversità”

 E invece, ho avuto la fortuna di incontrare alunni concreti, reali. Ne ho percepito  gli odori, ascoltato le  voci e  incontrato i loro occhi. R. Cocciante ha scritto una sublime aria “Occhi negli occhi”, proposta all’interno del’Opera popolare “Giulietta e Romeo”.  Tutto questo mi ha consentito di entrare in contatto con  le loro emozioni,  i sentimenti, i processi mentali. In altri termini, ogni giorno  ho incontrato alunni e studenti  e quindi ho sperimentato la diversità, come paradigma dell’umano.

E quindi Bronfenbenner

A mio parere gli esperti che lavorano negli ambienti protetti dal vociare dei ragazzi , hanno davanti a sé un profilo astratto, vuoto, privo di riferimenti con la realtà. Quest’ultima spesso resiste ai nostri interventi, rimane davanti a noi, indifferente ai nostri tentativi di plasmarla. La sua natura poliforme la rende complessa, di difficile lettura e interpretazione. Mutuando il pensiero kantiano è ” la cosa in  sé”, indecifrabile e impenetrabile.
Tutto questo è sintetizzato nella teoria ecologica dei sistemi di Bronfenbrenner. Ho scritto
L’educazione è un processo complesso, mai unidirezionale. Non esiste solo il ragazzo e un’unica agenzia formativa. La formazione è il risultato dell’interazione tra il soggetto ( nel nostro caso lo studente) e la multidimensionalità dell’ambiente. Ogni dimensione è costituita da diversi soggetti sociali, scenari culturali, economici, sistemi di valori… che “dicono la loro” sulla formazione, in una relazione sistemica. multidirezionale e  biunivoca.

La confusione dei piani valutativi

E non è finita. Qualche giorno fa a firma di R. Palermo è stato pubblicato un articolo su Tecnicadellascuola.it  che mette in evidenza la confusione dei piani valutativi. Nel contributo si legge: “Antonio Fini, uno degli esperti che ha collaborato alla costruzione del PNSD, dirigente scolastico in provincia di La Spezia che su FB osserva:   Il problema era già in atto quando le prove erano all’interno dell’esame di terza media, ora sono state tolte ma è stata introdotta la certificazione: a mio parere è anche peggio. Io penso che non si possa (tecnicamente, scientificamente) valutare in modo affidabile allo stesso tempo il sistema e il singolo. Sarebbe meglio decidersi: valutiamo il sistema, le scuole, gli insegnanti, gli studenti?  Questa confusione credo sia deleteria per tutti, soprattutto per chi, come me, non pone opposizioni di tipo ideologico e anzi cerca (anche nella pratica a scuola) di valorizzare le prove come strumento di riflessione e miglioramento”.
Detto questo mi chiedo: ha ancora senso proseguire con questo modello di valutazione?

 

 

 

Pubblicato in Opinioni, Tutti gli articoli | Contrassegnato , , | Commenti disabilitati su La prova Invalsi di matematica, il vuoto e la confusione!

Prova Invalsi matematica , uno spot contro la scuola reale

Prova Invalsi matematica

Una prova fuori dal mondo! In altri termini dall’aula! ( Foto da https://www.engheben.it/)

Prova Invalsi matematica, venerdì 11 maggio si è svolta la prova che ha riguardato le classi seconde e quinte della scuola primaria. Un giudizio: fuori dal mondo! Anzi fuori dall’aula! Uno spot contro la “scuola reale”.

Prova Invalsi matematica, giudizio negativo

Venerdì scorso (11 maggio 2018) si è svolta la prova Invalsi di matematica. Ha riguardato le seconde e quinte della scuola primaria. Un giudizio: difficili, discriminanti e fuori dal mondo. Anzi dall’aula!

La certificazione di una  profonda frattura tra la scuola ideale e quella reale

La prova di matematica, nello specifico quella di quinta, chiedeva livelli  del pensiero matematico (congetturare, argomentare, verificare, definire, generalizzare ) superiori alla media dei nostri alunni. Si è avuta la conferma della profonda frattura tra la scuola ideale  e quella reale. La prima pensata nelle stanze silenziose dell’Invalsi, che genera un idealtipo di alunno poco presente nelle aule. Se pensiamo alle classi pollaio, l’impegno per “una scuola di tutti e per ognuno” assume le caratteristiche quasi da “Mission impossible” Infatti, questo tipo di organizzazione, dove sono presenti Bes, Dsa…,  non favorisce una didattica personalizzata e profonda, penalizzando quindi anche le potenziali eccellenze.
La standardizzazione delle prove è un esempio di scuola esclusiva. In altri termini, lascia fuori dalla porta una buon numero di studenti che hanno difficoltà di comprensione di un testo, di risoluzione di problemi… La prova Invalsi di matematica certifica la distanza tra i tanti teorici, inesperti di aula e la realtà. Siamo sideralmente lontani,  da una scuola inclusiva, accogliente che assume il paradigma della diversità come caratteristica pervasiva la quotidianità. E’ il rigetto della complessità della realtà,  attraverso la proposizione dell’ alunno ideale, “non contaminato” dalle diverse variabili sociali, ambientali e culturali

Esiste una soluzione

Invito questi “esperti” a lavorare un anno nelle classi, soprattutto pollaio, dove  sono presenti uno o due allievi diversamente abili o con Bes, Dsa… Sicuramente la loro proposta di prova risulterà meno ardita e più concreta. Sicuramente la proposta cadrà nel vuoto, perché sono consapevoli che davanti alla complessità di una classe, molti loro ragionamenti franerebbero.

 

Pubblicato in Classi pollaio, Formazione | Contrassegnato , , | Commenti disabilitati su Prova Invalsi matematica , uno spot contro la scuola reale

Classi pollaio e riforma Gelmini, il banco di prova del M5S

 

classe pollaio e Riforma Gelmini

classe pollaio e Riforma Gelmini, espressione del finanzcapitalismo.

 

 

Classi pollaio e riforma Gelmini, rappresentano due esempi di svuotamento pedagogico dell’aula. Durante la campagna elettorale Il M5S aveva annunciato la loro abolizione. Ed ora?

A scuola si aggirano due entità estranee

Classi pollaio e riforma Gelmini rappresentano due esempi di “entrata a gamba tesa” del finanzcapitalismo nella scuola. Più precisamente nell’aula, divenuta semplice contenitore di alunni e studenti. Da quest’ambiente è stata cacciata via la pedagogia, che fa essere ogni soggetto pro-getto e non semplice riduzione ad ente ( M. Heidegger).
Da qui l’impegno del M5S  ad abolire le classi pollaio e la Riforma Gelmini.

Il programma M5S sulle classi pollaio…

Si legge  nel loro documento a partire dalle primissime pagine ( messaggio molto significativo): “È stato inoltre innalzato di circa un punto il dato relativo al rapporto alunni- docente in classe, aggravando sensibilmente il problema delle cosiddette “classi pollaio”. Attualmente, infatti, le classi possono arrivare a contenere fino a 30-35 alunni. In queste classi, sovraffollate e poco sicure, diventa impossibile per gli insegnanti garantire a tutti gli alunni l’attenzione che meritano e una didattica incentrata sui bisogni formativi e sulle inclinazioni di ognuno. Occorre quindi fissare il numero di alunni per classe ad un massimo di 22, numero che deve scendere a 20 in presenza di un allievo con disabilità, consentendo ai docenti di  lavorare in un contesto organizzativo e didattico completamente diverso da quello attuale e assicurando la giusta attenzione agli studenti con difficoltà.
Con classi meno numerose si può lavorare seriamente sul fronte dell’inclusione e contrastare efficacemente l’allarmante fenomeno della dispersione scolastica, che
coinvolge decine di migliaia di studenti italiani ogni anno.
Le cifre sono impressionanti: la dispersione scolastica arriva a costare all’Italia molti miliardi di euro ogni anno.
Gli studenti che abbandonano la scuola prima del compimento dell’obbligo scolastico pesano anche in termini sociali: spesso questi ragazzi finiscono per strada onelle mani della criminalità organizzata, che si sostituisce alla scuola nell’offrire loro una nuova “prospettiva” lavorativa.

E sulla Riforma Gelmini, non è più teneri

“Smantellare la riforma Gelmini significa anche ripristinare il tempo pieno e le compresenze nel primo ciclo d’istruzione: il Movimento 5 Stelle intende lavorare affinché la scuola primaria italiana torni ad essere un’eccellenza nel mondo. Le compresenze di docenti in classe e la programmazione in team andrebbero poi estese anche agli altri gradi scolastici, in modo da ampliare le opportunità formative e applicare modalità didattiche innovative, diverse dalla lezione frontale”

Ed ora cosa succede?

Finite le elezioni, ho l’impressione che si sia tornati al piattume di sempre. La scuola è scomparsa, si è eclissata. Il suo tramonto si era già notato nella trattativa con il Pd, di cui ho già scritto qualche giorno fa.
Ora, sarà ancora più difficile rimettere al centro del confronto Lega-M5S le due suddette questioni, in quanto decise dal governo Berlusconi. Difficilmente il presidente di FI accetterà la possibilità di una loro abolizione, senza rompere il fragile equilibrio sul quale sembra nascere il governo.  Se le questioni saranno abbandonate, convergendo solo sugli elementi che uniscono le due forze politiche, allora saremo di fronte ad una sostanziale continuità con il passato. E non sarebbe un bel segnale per la scuola!

Pubblicato in Classi pollaio, Tutti gli articoli | Commenti disabilitati su Classi pollaio e riforma Gelmini, il banco di prova del M5S

Garante Privacy, vademecum al Regolamento europeo

Garante Privacy, vademecum al Regolamento europeo

Guida utile e soprattutto autorevole.

Garante Privacy, vademecum al Regolamento europeo che entrerà in vigore il prossimo 25 maggio.
Utile, pratico e sintetico.
Guida

Pubblicato in Sicurezza | Contrassegnato , | Commenti disabilitati su Garante Privacy, vademecum al Regolamento europeo

Classi pollaio e diritto allo studio

 Classi pollaio

Le classi pollaio e il diritto allo studio. Inconciabili!

Classi pollaio, e diritto allo studio. La suddetta soluzione organizzativa non è costituzionale. Diversi pronunciamenti lo confermano, come quello del T.A.R. della Sicilia. Purtroppo l’Amministrazione rimane insensibile, anche in presenza dei diversamente abili.

Genitori attenti alla formazione

Ogni tanto si incontrano genitori che considerano la scuola come un’istituzione formativa. Genitori che non accettano il canovaccio della  lamentela, che se non porta ad un’azione, diventa un’apologia indiretta dell’esistente. Quest’ultimo è caratterizzato dal dominio del finanzcapitalismo, che si declina nei nuovi verbi dell’ottimizzazione delle risorse, del contenimento dei costi…

Quando il coraggio porta a dei risultati concreti

Il coraggio di alcuni genitori ha portato il T.A.R. della Sicilia a pronunciarsi sulla classe pollaio costituita da 24 alunni di cui 4 diversamente abili.  La sentenza ha ribadito il principio costituzionale del diritto allo studio sostanziale, formalizzato dall’art. 3  comma 2 della nostra Carta, contrapposto a quello formale  di una “scuola aperta a tutti” ( art.34 ). Non poteva essere diversamente. E’ un esempio di supplenza della magistratura che ricorda alla politica i suoi errori, i suoi cedimenti al mantra della finanza, come nuovo “Vitello d’oro”.

La sentenza, un duro attacco alle classi pollaio

Si legge sul portale di Edscuola: “La sentenza accoglie la tesi, da noi sostenuta e già condivisa dal TAR, che in casi del genere, il numero di alunni per ciascuna classe (iniziale, intermedia o finale) non può superare il tetto di venti unità, come previsto dall’art. 5, comma 2, del d.P.R. n. 81/2009: “Le classi iniziali delle scuole ed istituti di ogni ordine e grado, ivi comprese le sezioni di scuola dell’infanzia, che accolgono alunni con disabilità sono costituite, di norma, con non più di 20 alunni …”. Un limite che deve permanere anche nelle classi successive, infatti – continua la sentenza – “una lettura improntata a parametri di logicità impone di ritenere che, in presenza di alunni disabili, il limite dei venti alunni previsto per le «classi iniziali» debba considerarsi valido per tutte le classi”.
Siamo di fronte ad un’altra sentenza dagli effetti dirompenti, che rimette in discussione il modo in cui vengono formate le classi in presenza di alunni disabili e la logica del risparmio che attraversa la politica scolastica negli ultimi anni.”

Eppure…

In questi giorni si stanno concludendo le operazioni per il prossimo anno scolastico. Non arrivano buone notizie da alcune regioni. Si costituiscono o confermano classi con più di venti alunni e in presenza di diversamente abili. Da qui il messaggio: la Costituzione, la più bella del mondo, è un bel testo, da studiare e celebrare. Niente più!

Pubblicato in Classi pollaio | Contrassegnato , , | Commenti disabilitati su Classi pollaio e diritto allo studio

U. Galimberti, “Lectio magistralis” sulla “vera Buona Scuola”

U. Galimberti

U. Galimberti “un greco tragico” che sposa il nichilismo attivo

U. Galimberti, filosofo e sostenitore di un certo tipo di grecità, presenta una sorta di manifesto della “vera Buona scuola”.

U. Galimberti, dal nichilismo passivo a quello attivo

Chi conosce U. Galimberti, il suo pensiero, deve possedere i giusti anticorpi che lo proteggono dal paradigma della ciclicità dell’esistenza mortale, condizionata fortemente dalla ineluttabilità della sua fine. Nel suo orizzonte filosofico-culturale  non ci sono le illusioni del cristianesimo.
Alcuni suoi testi sono fortementi condizionati dal pensiero di F. Nietzsche. In particolare dal nichilismo passivo, declinato nella rassegnazione ( ” Cristianesimo: la religione dal cielo vuoto“, ” L’ospite inquietante. Il Nichilismo e i giovani” )
L’ultimo suo lavoro ( “La parola ai giovani“), invece, presenta i giovani che in un contesto nichilista (“senza un perché, una meta” F. Nietzsche) accettano totalmente il “senso della terra”, ma senza rassegnazione

U. Galimberti,  “la vera buona scuola”

A mio parere, U. Galimberti conferma il “nichilismo attivo”, nel suo intervento di presentazione dell’ultimo suo lavoro. Una scuola, bene della società, rivolta al futuro, perché tratta ogni giorno con il futuro: i nostri ragazzi.

Alcuni passaggi della “lectio magistralis”

Riporto i passaggi più significativi del filosofo, non rassegnato, ma impegnato a rendere meno grigio “il senso della terra”.
I genitori devono difendere sempre gli insegnanti altrimenti minano la sfera dell’affettività e dunque la crescita dei loro figli
Occorrono insegnanti affascinanti ma non è così. Oggi il ragazzo si deve ritenere fortunato se su nove docenti ne ha due carismatici”
“”Espellerei i genitori dalle scuole, a loro non interessa quasi mai della formazione dei loro figli, il loro scopo è la promozione del ragazzo”
“I passi dei giovani devono essere seguiti da quelli degli adulti: “non devono esser visti dal momento della giovinezza, ma fin da quello della nascita”

Il duro attacco al Nulla pedagogico delle classi pollaio   

E “dulcis in fundo”, la sconfessione di ogni elemento pedagogico delle classi pollaio, che rappresentano il Nulla. Se si espelle la formazione, rimane l’addestramento e quindi il mondo della tecnica  che riduce tutto a ente, dimenticando l’Essere (( M. Heidegger). Dichiara U. Galimberti ” classi di non oltre 12 ragazzi: solo così potremo aiutarli a crescere
Ho scritto recente per “ScuolaInforma” un articolo dove con le classi-pollaio si abbandona la cura del soggetto, inteso come esser-ci, a tutto vantaggio della sua riduzione a ente.

Pubblicato in Classi pollaio, Tutti gli articoli | Contrassegnato , , | Commenti disabilitati su U. Galimberti, “Lectio magistralis” sulla “vera Buona Scuola”

Cyberbullismo, un “corto” sul dramma di Carolina Picchio

Cyberbullismo

Un video su Carolina Picchio, un esempio di quando le parole uccidono più delle botte

Cyberbullismo, un video che presenta il dramma di Carolina Picchio.  Un esempio di prodotto virale positivo

Cyberbullismo, “le parole uccidono più delle botte”

Cyberbullismo, #maipiùunbancovuoto è la nuova campagna contro il cyberbullismo lanciata da FARE X BENE Onlus. L’associazione ha realizzato un corto molto toccante, esplicitamente ispirato alla drammatica storia di Carolina Picchio.  La ragazza di Oleggio, in provincia di Novara, giovane vittima di cyberbullismo. Era il gennaio del 2013 quando  la quattordicenne, sotto la pressione di quasi 2600 like  decise di uccidersi, lanciandosi dal terzo piano di un palazzo. Prima di suicidarsi la ragazza scrisse:  “Le parole fanno più male delle botte, cavolo se fanno male”. Parole riprese nel corto che propongo.

Pubblicato in Cyberbullismo | Contrassegnato , , , | Commenti disabilitati su Cyberbullismo, un “corto” sul dramma di Carolina Picchio

Bullismo e “culpa in vigilando”, ribadita la presenza attiva

Bullismo

La sentenza ribadisce la necessita di una presenza attiva che separi l’evento da condizioni pregresse

Bullismo, una recente sentenza conferma il criterio della “presenza attiva”. Se non dimostrata con comportamenti certificati, allora gli insegnanti possono essere citati per “culpa in vigilando”

Il fatto 

Un ragazzo quindicenne viene pestato fuori dalla scuola. In prima battuta, Il Miur è stato chiamato a risarcire la famiglia con 12.000€. La motivazione risiede nel fatto  che “per mesi, durante le lezioni il corpo docenti non ha tutelato la vittima, evitando che il bullo la dileggiasse, umiliandolo e minacciandolo di morte. La sottovalutazione delle aggressioni da parte del preside dell’istituto e dei suoi insegnati rappresenta  un caso di culpa in vigilando”
Proseguono i giudici “se il ragazzo aveva potuto perseguitare indisturbata la vittima, finanche durante lo svolgimento delle lezioni, era evidente che presso l’istituto scolastico non era stata esercitata nessuna vigilanza sugli studenti degna di essere definita tale”

Considerazioni

Purtroppo la sentenza  è giuridicamente ineccepibile. Secondo i giudici,  l’evento, pur verificatosi fuori dalla scuola  non si è presentato con i caratteri dell’imprevedibilità. In altri termini, Il pestaggio  è “stato preparato” a scuola. Le condizioni per il suo verificarsi sono state implicitamente favorite dall’assenza di provvedimenti del Dirigente e degli insegnanti, finalizzati a tutelare il quindicenne. Si ribadisce la necessita di una presenza attiva che separi l’evento da condizioni pregresse, attraverso le segnalazioni obbligatorie ( art 331 Codice procedura penale) , necessarie per l’attivazione delle relative decisioni. Quest’ultime possono portare a sanzioni disciplinari o a soluzioni organizzative e nei casi più gravi al coinvolgimento del Tribunale dei minori o della Procura.  Si legge nella sentenza 2657/03 che tratta un caso diverso, ma il suo criterio di giudizio può essere applicato alla vicenda in oggetto ” è necessario anche dimostrare di aver adottato, in via preventiva tutte le misure disciplinari od organizzative idonee ad evitare il sorgere di situazioni pericolose.”

Conclusione

In conclusione: Il Miur  può essere condannato direttamente  (art. 61, comma 2 della L. 312/1980 ) a risarcire un danno, quando l’evento che lo ha causato è un “effetto” anche esterno di una causa prodotta all’interno dell’edificio scolastico. In un secondo momento l’Amministrazione, in caso di dolo o colpa grave da parte del personale scolastico,  può rivalersi  su quest’ultimo. “Dura lex, sed lex”.

Pubblicato in Culpa in vigilando, Tutti gli articoli | Commenti disabilitati su Bullismo e “culpa in vigilando”, ribadita la presenza attiva

1 maggio, festa del lavoro e della Costituzione

1 maggio

Il lavoeo e i diritti nella Costituzione. Senza simenticare i doveri

La nostra Costituzione, la più bella del mondo!

L’Italia e` una Repubblica democratica, fondata
sul lavoro.
La sovranita` appartiene al popolo, che la esercita
nelle forme e nei limiti della Costituzione. (art.1 )

La Repubblica riconosce e garantisce i diritti
inviolabili dell’uomo, sia come singolo, sia nelle
formazioni sociali ove si svolge la sua personalita`,
e richiede l’adempimento dei doveri inderogabili
di solidarieta` politica, economica e sociale. (art. 2)

Tutti i cittadini hanno pari dignita` sociale 
e sono eguali davanti alla legge, senza distinzione
di sesso  di razza, di lingua
di religione , di opinioni politiche
, di condizioni personali e sociali.
E` compito della Repubblica rimuovere gli ostacoli
di ordine economico e sociale, che, limitando
di fatto la liberta` e l’eguaglianza dei cittadini, impediscono
il pieno sviluppo della persona umana
e l’effettiva partecipazione di tutti i lavoratori all’organizzazione
politica, economica e sociale del
Paese. (art.3)

La Repubblica riconosce a tutti i cittadini il diritto
al lavoro e promuove le condizioni che rendano
effettivo questo diritto.
Ogni cittadino ha il dovere di svolgere, secondo
le proprie possibilita` e la propria scelta, una attivita`
o una funzione che concorra al progresso
materiale o spirituale della societa`. ( art. 4)

La Repubblica tutela la salute come fondamentale
diritto dell’individuo e interesse della collettivita`,
e garantisce cure gratuite agli indigenti.
Nessuno puo` essere obbligato a un determinato
trattamento sanitario se non per disposizione di
legge. La legge non puo` in nessun caso violare i
limiti imposti dal rispetto della persona umana. (art.32)

La scuola e` aperta a tutti.
L’istruzione inferiore, impartita per almeno
otto anni, e` obbligatoria e gratuita.
I capaci e meritevoli, anche se privi di mezzi,
hanno diritto di raggiungere i gradi piu` alti degli
studi.
La Repubblica rende effettivo questo diritto con
borse di studio, assegni alle famiglie ed altre
provvidenze, che devono essere attribuite per concorso. ( art. 34)

Auguri a tutti!

Pubblicato in Opinioni | Contrassegnato , , | Commenti disabilitati su 1 maggio, festa del lavoro e della Costituzione

Referenti cyberbullismo invisibili, trasparenti…

 I referenti cyberbullismo

Referenti cyberbullismo contano zero. Nonostante il loro impegno in prima linea.

Referenti cyberbullismo invisibili, trasparenti… Talk-show, trasmissioni di approfondimento invitano tutti, meno che loro. Eppure essi esistono da un  anno ( 18 giugno 2017). Sono l’interfaccia tra il problema e l’istituzione.

I Referenti cyberbullismo!

La Legge 71/17 stabilisce all’art. 4 comma 3 “Ogni istituto scolastico, nell’ambito della propria autonomia, individua fra i docenti un referente con il compito
di coordinare le iniziative di prevenzione e di contrasto del cyberbullismo, anche avvalendosi della collaborazione delle Forze di polizia nonché delle associazioni e dei centri di aggregazione giovanile presenti sul territorio”.

 Invisibili, trasparenti…

In sintesi: rappresentano l’interfaccia tra il problema e le istituzioni. Funzione complessa, impegnativa e di responsabilità. dove non è previsto compenso. Questo è una variabile dipendente della contrattazione d’Istituto o del bonus.
Questa presenza attiva in ogni istituto, diventa assenza nelle varie trasmissioni televisive. Per loro non è prevista la possibilità di partecipare, Eppure di esperienza ne hanno da vendere!  Nei diversi talk-show sono sostituiti da personaggi non sempre adeguati, ai quali è sufficiente vantare nel proprio CV qualche pubblicazione sul tema o aver comunque scritto.
Ecco due esempi di puntate di due talk-show:

 “Porta a Porta” 24.04.18 ( bullismo a scuola)
Partecipano
V. Fedeli, Ministro dell’istruzione
M. Rusconi, Vice presidente A.N.P.
A, Polito, giornalista
S. Matone, giudice

 “Matrix” 25.04.18 ( bullismo)
Partecipano
M. Rusconi, Vice presidente A.N.P.
S. Giacobini, Scrittice e giornalista
P. Crepet, psichiatra
G. Pini, pedagoga

 

 

Pubblicato in Cyberbullismo | Contrassegnato , , , , | Commenti disabilitati su Referenti cyberbullismo invisibili, trasparenti…

Contratto Di Maio, cercasi la scuola!

 

Contratto di Maio

Contratto di Maio, la scuola è scomparsa. La responsabilità è anche nostra

Contratto Di Maio,  l’intervento del capo politico del M5S chiarisce molto! Tutto! La scuola scompare. La responsabilità è solo nostra!

Contratto Di Maio, la lettera al “Corsera”

Questa mattina “Il Corriere della Sera”, propone in terza pagina la lettera-contratto, rivolta al Pd, a firma di Luigi Di Maio.
Abituato a considerare i fatti, gli elementi da cui partire per le mie considerazioni, ho letto attentamente e più volte il contenuto.
Bene, si parla di immigrazione, lotta alla povertà, riduzione delle tasse, Sanità pubblica, costi della politica.

Come al solito manca…

Nell’elenco manca la Scuola Nel lavoro di sintesi “paga la Scuola”. Non si parla di abolizione della “Buona Scuola”, fiore all’occhiello della politica renziana. Considerata importante dal Pd, tanto da sacrificare sul suo altare una parte dei voti. Non in numero significativo. Secondo quanto riportato da “Orizzontescuola  nelle elezioni 2018 “tra gli insegnanti il PD ha perso meno che in altre categorie (Fonte “La Repubblica- Istituto YouTrend), e nello specifico all’interno del “tridente costituito da pensionati, dipendenti del settore privato e dipendenti del settore pubblico” dove il PD “dalle elezioni 2018 esce vistosamente ridimensionato nelle sue due componenti attive nel mercato del lavoro”

Il “voto tiepido” della scuola

Ecco spiegati i motivi di questa omissione. La scuola ha espresso  “un voto tiepido”  contro la “Buona Scuola”. Il Web, soprattutto i tanti interventi e commenti sui social sembravano tendere per una scelta più netta “senza se e senza ma”. Ma se consideriamo che il Web non può rappresentare i due milioni ca. di voti  ( insegnanti e soggetti collegati ad essi), allora l’analisi, che ovviamente dovrà essere confermata da altri studi, può essere considerata già un dato su cui riflettere.
Da qui la considerazione del M5S di non creare frizioni con il Pd, su un punto che si è dimostrato meno determinante per la loro vittoria.
Ne discende, e concludo, la grande responsabilità della scuola nella decisione di tener fuori l’abolizione della L.107/15 dal Contratto. Le cause? Il tramonto dell’idea di comunità scolastica e quindi l’affermazione del “particulare” (Guicciardini) e la scarsa propensione degli insegnanti a leggere, approfondire… Come dice un vecchio proverbio:”Chi è causa del suo mal pianga se stesso” . Tradotto se nascerà il governo M5S-Pd, aspettimoci un Ministro pro-Legge 107/15

 

Pubblicato in Opinioni | Commenti disabilitati su Contratto Di Maio, cercasi la scuola!

Gli insegnanti, contano poco, pochino, nulla!

Gli insegnanti

Siamo vicini al terzo indizio per affermare il nostro valore

Gli insegnanti, noi insegnanti abbiamo compreso quanto contiamo. Poco? No! Pochino?No! Nulla? Risposta esatta! Manca poco per affermarlo, secondo i canoni del romanzo giallo. Al di là di ogni ragionevole dubbio!

Gli insegnanti? Invisibili, trasparenti…

Puntata “Porta a Porta” 24.04.18 ( bullismo a scuola)
Partecipano
V. Fedeli, Ministro dell’istruzione
M. Rusconi, Vice presidente A.N.P.
A, Polito, giornalista
S. Matone, giudice

Puntata “Matrix” 25.04.18 ( bullismo)
Partecipano
M. Rusconi, Vice presidente A.N.P.
S. Giacobini, Scrittice e giornalista
P. Crepet, psichiatra
G. Pini, pedagoga

E gli insegnanti? Quelli che entrano in aula e che possono sperimentare ed essere coinvolti  nei fenomeni del bullismo e del cyberbullismo? Assenti!
E i referenti cyberbullismo ( insegnanti)? In altre parole insegnanti ” con il compito
di coordinare le iniziative di prevenzione e di contrasto del cyberbullismo, anche avvalendosi della collaborazione delle Forze di polizia nonché delle associazioni e dei
centri di aggregazione giovanile presenti sul territorio” ( Legge 71/17). Non si ha traccia!

La lezione di Agatha Christie

Diceva Agatha Christie: «Un indizio è un indizio, due indizi sono una coincidenza, ma tre indizi fanno una prova». Quindi siamo vicini al terzo indizio per affermare, senza ombra di dubbio il nostro valore: zero!

 

Pubblicato in Opinioni | Commenti disabilitati su Gli insegnanti, contano poco, pochino, nulla!

M5S-Pd, l’abbraccio mortale per la scuola (e non solo)

M5S-Pd

Uno strappo di difficile soluzione.

M5S-Pd, un potenziale governo. Tutto bene? Se ci fermiamo alla superficie, all’annuncio l’opzione è ottima. La lettura dei programmi, danno un altro messaggio.

MS5-Pd, un matrimonio impossibile

La vicenda riguardante la formazione del nuovo governo, sembra in dirittura d’arrivo. Il M5S ha chiuso la via di comunicazione con la Lega. I suoi occhi si sono rivolti al Pd. Non la ritengo una buona scelta, anche se molti commentatori politici la supportano come una via obbligata. L’argomentazione è semplice: molti elettori pentastellati rappresentano i delusi del Pd. Aggiungo di quello che è divenuto: un’entità polimorfa, liquida con grammi zero di sinistra. La responsabilità non è attribuibile a Matteo Renzi. Egli ha concluso un processo avviato con W. Veltroni, come ben argomentato da Sansonetti ( La “Sinistra è di destra” da me qualche mese commentato ). Con questo esponente politico, che ha avuto come padre politico M. D’Alema, il PCI nella sua evoluzione nominalistica, ha abbandonato i profilo etico e poi socialdemocratico-laburista  a vantaggio  di quello democratico- riformista. Scrivono P. Natale e Luciano M. Fasano in “L’ultimo partito. 10 anni di partito democratico” l’obiettivo è governare tutto il paese ( “il partito della nazione”) “con parole d’ordine e azioni politiche meno liberiste, con un mix delel componenti classiche della dicotomia stato-mercato”
Da qui le critiche del M5S al Pd renziano.

MS5-PD, un abbraccio mortale per la scuola

Ieri il segretario reggente del Pd ha dichiarato che il punto di riferimento è il loro programma. Traduzione: la conferma della Legge 107, della Riforma Fornero, e del “jobs act”. Se si legge il programma dei pentastellati, invece, i contenuti sono diametralmente diversi. Si cita implicitamente il superamento del “Jobs Act” (Punto 3). Esplicita invece l’intenzione di andare oltre la “Buona Scuola” ( punto 17) e la “Legge Fornero” (punto 20) Non esistono punti di contatto. E quindi non potrà mai scattare il “feeling” con il Pd. A meno che il Partito Democratico non  volti pagina rispetto al suo recente passato. In altri termini, non avvi il processo di “derenziazione”. Obiettivo molto difficile, tenendo presente che quasi tutti i parlamentari sono di fede renziana.
Se il “matrimonio impossibile” con il Pd renziano dovesse diventare realtà, difficilmente avremo un Ministro al Miur “anti Legge 107/15” ( qualcuno ha fatto il nome della renziana Malpezzi, sostenitrice della “Buona scuola”) e al Lavoro un  esponente anti “Jobs act” e legge Fornero”.

Operazione assimilazione del M5S al progetto del Pd

Se questo diventerà realtà assisteremmo all’assimilazione del M5S al progetto del Pd renziano, espressione della capitolazione finale della sinistra al verbo del finanzcapitalismo (L. Gallino).
A questo punto del m5S rimarranno solo le belle parole. E a noi il Nulla!

Pubblicato in Opinioni, Tutti gli articoli | Commenti disabilitati su M5S-Pd, l’abbraccio mortale per la scuola (e non solo)

Caro ragazzo, benvenuto nel mondo degli adulti!

Caro ragazzo

Ogni scelta comporta delle conseguenze! Chi comprende questo è un adulto!

Caro ragazzo, benvenuto nel mondo della responsabilità Questa comporta l’assunzione delle conseguenze di scelte. Un brutto risveglio, per il ragazzo.

L’intervista del ragazzo

Il ragazzo che ha bullizzato il professore ha raccontato alle “Iene” la sua “bravata”.
“La gente mi riconosce come se neanche avessi ucciso una persona e ho subito delle minacce, via Instagram. Anche da gente di quarant’anni, da adulti…Ho fatto una ca****a, una ca****a grossa. Ho fatto delle cose che se ci penso ora non le farei, ho capito i miei errori. (…) Ho anche provato a chiedere scusa al professore e non mi ha nemmeno voluto parlare… I miei genitori sono preoccupati e non mi lasciano uscire, io penso che hanno anche ragione…Tornassi indietro non mi passerebbe nemmeno per l’anticamera del cervello di farlo perché mi son sentito male. Molti hanno scritto che ho una famiglia di m***a e quando ho visto anche i miei genitori a pezzi… Quando provavo a chiedergli scusa, sentivo il cuore piangere. E’ brutto vedere i tuoi genitori che hanno fatto tutto per te vederli così distrutti per una tua ca****a”, ha confidato il ragazzo. Che nega di essere un bullo, decisamente e ripetendolo: “No, io non sono un bullo. Non sono un bullo!“.

La vita come un “videogame”

Le dichiarazioni “fotografano” una tipologia di ragazzo (fortunatamente ne esistono tanti  di “altra pasta”).  Vive in una ” bolla sapone”,  in un grande “videogioco” che può terminare anche con un “game over”.  Nulla di irrimediabile! Se si sperimenta l’esito negativo, è sufficiente “tornare indetro” e ripartire da uno dei salvataggi. Tutto si sistema, tutto torna al suo posto! Le scelte, non comportano conseguenze durature e dolorose.  Possono essere annullate con un riavvolgimento della storia.
Questa mancanza di contatto con la durezza della vita, è spesso favorita dagli interventi diseducativi dei genitori, finalizzati a edulcorare la realtà, a spianare le difficoltà,  a favorire cambi di impegno quando questo comporta fatica, studio…

Caro ragazzo, benvenuto nel mondo delle responsabilità

Questa scelta diseducativa prima o poi è “messa fuori gioco” dalla vita. Quasi sempre questo comporta un brutto risveglio. E’ il caso del ragazzo! In questo momento si rende conto che la sua scelta ha comportato delle conseguenze. Per se stesso, i suoi genitori. Il contesto si è rivelato crudele, spietato. L’esito è la solitudine.
Superficiale la risposta, riposta in un “mi dispiace”. L’espressione nasconde l’illusione che sia sufficiente a rimettere a posto la situazione, facendola ripartire dal punto precedente al “fattaccio”. Civilmente non è così! E non può essere così! Suo malgrado sta diventando, forse, un esempio per tanti “bulli” e “bulletti”, formati a ritenersi ” non imputabili”. Di questo ne sono responsabili anche applicazioni e social media che garantiscono “anonimato” nella navigazione. condizione percepita come uno “stato di invisibilità”. Grande balla!

Pubblicato in Opinioni, Tutti gli articoli | Contrassegnato , , , | Commenti disabilitati su Caro ragazzo, benvenuto nel mondo degli adulti!

Violenza sui docenti, la pessima dichiarazione del professore

violenza sui docenti

La dichiarazione del prof bullizzato è semplicemente imbarazzante!

Violenza sui docenti, l’intervista del professore

Il professore bullizzato dal ragazzo ha minimizzato il fatto. Non condivido questa parte dell’intervista rilasciata alla Gazzetta di Lucca
Professore che cosa ha provato quando ha scoperto che i video con gli episodi dei suoi studenti erano finiti sui social e in pasto al pubblico?
Guardi, si è trattato di un episodio sicuramente spiacevole, ma limitato pur nella sua gravità, ma ne avete fatto una cosa troppo grande e straordinaria al punto che non capiamo tutto questo vostro interesse per un fatto che non può essere generalizzato. Non mi sembra il caso di aumentare la portata di quanto avvenuto.”

Non condivido nulla! Dichiarazione diseducativa

Premetto: tutta la mia solidarietà al professore per l’esperienza vissuta. Non condivido però nulla. Una pessima dichiarazione! Diseducativa. Non fa bene a se stesso, al ragazzo, a tutta la categoria degli insegnanti e allo stato italiano.
La richiesta di inginocchiarsi è fortemente umiliante! Dequalifica la persona! La desacralizza, riducendola quasi a un oggetto.
Si consolida il processo di deresponsabilizzazione dei ragazzi. Cosa arriva alla sua mente? Probabilmente quello di aver fatto una bravata che non ha turbato più di tanto il professore. Quindi…  Bene, ha fatto il Consiglio di Istituto a “non promuoverlo” insieme ad altri due.
L’offesa umiliante ha riguardato lui, come pubblico ufficiale. In un certo senso, il ragazzo ha chiesto allo Stato italiano di inginocchiarsi alla sua stupidaggine! Probabilmente non lo citerà per oltraggio a pubblico ufficiale ( il ragazzo è perseguibile, avendo superato i quattordici anni). Fortunatamente la Procura si sta muovendo diversamente.
In tutto questo non sono citati i genitori, ai quali fa capo “la culpa in educando”. Sono cuorioso di conoscere la loro posizione educativa sulle ca….te dei loro figli.

Pubblicato in Opinioni, Tutti gli articoli | Commenti disabilitati su Violenza sui docenti, la pessima dichiarazione del professore

Violenza sui docenti, i motivi secondo B. Vertecchi

Violenza sui docenti

B. Vertecchi dice la sua sui recenti fatti di violenza. Come sempre, fa centro!

Violenza sui docenti, le radici del problema

Fin dai tempi dell’Università ho sempre apprezzato B. Vertecchi, come persona e professore. Intelligenza acuta e aperta.
Ieri ha rilasciato un’intervista al quotidiano “Il Manifesto”. Dice la sua sui recenti atti di violenza sui docenti.
Riporto l’ultima parte:

” Come mai gli e le studenti non riconoscono autorevolezza a chi insegna? È un’esautorazione che passa dalle famiglie?
La figura dell’insegnante è molto indebolita perché ha perso molti dei caratteri che prima la distinguevano da altri ruoli. Ora l’insegnante è più simile a un professionista intermedio con funzioni modeste e soprattutto ricopre un ruolo non socialmente desiderabile. Il «credito» che gode nei confronti dei genitori è altrettanto modesto. Se consideriamo l’aspetto economico, il lavoro dell’insegnante è sempre stato piuttosto sottopagato; la differenza tra allora e oggi risiede nel prestigio culturale. Cioè è diminuito il credito sociale esattamente come la densità culturale di cui era portatore e a cui poteva dedicarsi. Ora alle scuole vengono dati una quantità di compiti tra i più vari e che tengono molto impegnati nel loro svolgimento.”

Condivido tutto

 

 

Pubblicato in Opinioni | Contrassegnato , | Commenti disabilitati su Violenza sui docenti, i motivi secondo B. Vertecchi

Violenza sui docenti, contro la Persona e lo Stato

Violenza sugli insegnanti

La violenza contro la persona e lo Stato. materializza il Nulla che ci circonda.

Violenza sui docenti, stanno aumentando i casi. Ormai è “un tiro al piccione”. Siamo al capolimea: “la morte dell’uomo e dello Stato”

Violenza sui docenti, “è un tiro al piccione”

Stanno aumentando i casi di violenza ai docenti. Secondo, quanto riportato dal portale Repubblica.it , al 12 aprile siamo arrivati 24 aggressioni pubbliche. Sicuramente il loro numero è maggiore. ” E’ un tiro al piccione !”. Mi auguro che non si arrivi a registrare il primo decesso.
Bene ha fatto il gruppo “ProfessioneInsegnante” a lanciare una petizione per una legge più severa.

Contro la persona, contro lo stato

Viviamo in una società violenta. Respiriamo quest’aria fetida ogni giorno.  In mezzo al traffico, nei rapporti di lavoro… limitandoci quasi sempre alle sole parole. E questi sono fatti che non diventano cronaca, ma esistono. Favoriscono l’ergersi degli steccati tra le persone. Siamo interconnessi, viviamo  tra le persone, ma ci sentiamo stranamente soli. E questo ha un solo significato: sperimentiamo  rapporti inautentici, superficiali.
Il ragazzo vive, respira questa aria viziata, dove l’altro è declassato a oggetto, a divertimento e sfogo. In questo contesto egli è un giocattolo per soddisfare le nostre frustrazioni, i desideri mutilati da una realtà sempre più complessa e difficile. “Homo homini lupus”, scriveva il filosofo T. Hobbes. Da qui la “morte dell’Uomo” della Persona (il maiuscolo è intenzionale) che diviene anche il declino dello Stato.
“Prof, mi metta 6 e non mi faccia incaz…Chi è che comanda, eh? Si inginocchi” Ho evidenziato l’ultima parte, perché in essa è condensata la grave offesa allo Stato italiano! A tutti noi, considerando che in quel momento il professore rivestiva le funzioni di pubblico ufficiale. 

Le scuse e le giustificazioni, troppo semplice

Premetto: il fatto conferma il senso di onnipotenza, la consapevolezza di non esser puniti per la bravata e l’analfabetismo informatico che caratterizza non pochi ragazzi.
Detto questo, pare che gli studenti, una volta riconnesso il cervello al corpo abbiano chiesto scusa. Troppo facile! Non accetto neanche il sottile giustificazionismo degli psicologi ” Occorre fare attenzione a non cadere in una condanna superficiale e generica al mondo della scuola o ai giovani di oggi, si tratta di dinamiche tra persone che sono complesse e che coinvolgono i nostri ragazzi, tutti noi adulti insegnanti compresi e i valori che stiamo proponendo nella nostra società”
E’ necessario confermare “senza se e senza ma” il principio d’autorità attraverso le sanzioni che tocchino i loro interessi. Una sospensione o una bocciatura possono risultare inefficaci.  E’ indispensabile recuperare “la presenza del Padre”, come simbolo del limite e della soddisfazione regolata  delel pulsioni. In tutto questo i loro genitori ragazzi devono essere chiamati in giudizio per “culpa in educando” e quindi anch’essi chiamati a pagare duramente per l’offesa alla persona e allo Stato italiano.

 

Pubblicato in Tutti gli articoli | Contrassegnato , , , | Commenti disabilitati su Violenza sui docenti, contro la Persona e lo Stato

Orario docenti, 30 ore. Manca qualcosa…

Si torna a parlare di aumento dell’orario dei docenti. Si dimentica, però…

Orario docenti, torna l’idea di aumentarlo. I problemi però rimangono.
Difficile pensare a scenari positivi se non cambiano alcune condizioni.

Orario docenti, torna alla ribalta

E’ online il Piano Nazionale di formazione dei docenti 2016-2019. Un gruppo di lavoro ha ipotitizzato un aumento di lavoro fino a 30 ore. Si legge sul portale tecnicadellascuola.it  ” La ‘consistenza’ temporale del lavoro docente non dovrebbe coincidere con la pura prestazione di ore-lezione-cattedra (tra l’altro diversamente configurate per livello scolastico), ma orientarsi verso un orario ‘all inclusive’ in cui abbiano pari dignità giuridica le ore di insegnamento diretto in aula; le attività di tutoraggio, accompagnamento, recupero; i momenti di studio, progettazione, formazione. Secondo alcune ipotesi questo orario onnicomprensivo si aggira sulle 30 ore settimanali.”

Sbaglio o manca qualcosa?

In linea teorica non sono contrario a un aumento di orario. La proposta però è priva di un importante aspetto. Mi riferisco al riconoscimento economico che deve essere adeguato all’aumento di impegno. Non se ne parla! Gli impegni sono certi e definiti, le risorse restano vaghe, incerte. E’ la conferma di una   politica ministeriale( Animatore Digitale, team per l’innovazione, referente per il contrasto al cyberbullismo, commissari d’esame concorso …) che ha metabolizzato ed espresso un mantra del finanzcapitalismo: l’ottimizzazione delle risorse umane! Tradotto: aumentare i carichi di lavoro ad invarianza salariale!

Un salario adeguato? Difficile! Impossibile 

L’obiettivo di un   riconoscimento economico adeguato, richiede un altro sindacato. Una parte sociale diversa da quella timida che oggi ha firmato il contratto, sostanzialmente confermativo,  perché identico a quello del 2007 nella parte giuridica e a quello del 2009 che ha ribadito  il riferimento al D.Lvo 29/93. Finché il sindacato sarà incapace di uscire dalla logica del “minimo salariale” spacciato per “incremento”, “aumento” sarà difficile andare oltre l’ottimizzazione delle risorse nella versione del finanzcapitalismo (L. Gallino) In altri termini, è molto probabile che in tempi brevi si arrivi all’aumento dell’orario di lavoro con il sostegno implicito dei sindacati.

Pubblicato in Opinioni | Contrassegnato , , , | Commenti disabilitati su Orario docenti, 30 ore. Manca qualcosa…

Classi pollaio, una buona notizia, ma…

Classi pollaio

Classi pollaio, una buona notizia! Agiamo subito, però. Dal presente, dipenderà il futuro.

Classi pollaio, una buona notizia! Nei prossimi anni assiteremo ad un calo significativo degli alunni/studenti. L’attesa di questa condizione significa però, rimanere dentro il dominio del finanzcapitalismo. Quindi…

Lo studio della Fondazione Agnelli

Nei prossimi anni assisteremo ad un calo significativo della popolazione scolastica. Lo dichiara la Fondazione Agnelli.  Si legge”  In Italia la popolazione in età scolare fra i 3 e i 18 anni (dalla scuola dell’infanzia alla secondaria di II grado) è oggi di circa 9 milioni. Fra 10 anni, nel 2028, sarà scesa a 8 milioni. Nessun altro Paese europeo avrà un trend così declinante. Tra le cause il saldo migratorio con l’estero sceso dal 7,5 per mille del 2007 al 3 per mille del 2017…In 10 anni potrebbero sparire 55mila cattedre – Secondo le stime della Fondazione Agnelli, l’effetto potrebbe essere la perdita di oltre 55mila cattedre fra 10 anni, a partire dai gradi inferiori.”

Classi pollaio, una buona notizia, ma…

Quindi si stanno creando le condizioni per eliminare l’obbrobio organizzativo delle classi pollaio e la loro evoluzione declinata nella “trovata renziana” delle superpollaio. Attendere però il verificarsi di questa condizione, significa però confermare il primato dell’economia rispetto alla pedagogia, ragionare in termini di costi e benefici.
Per uscire da questa gabbia dorata del “finanzcapitalismo” che porta a passività, accettazione del reale, è necessario “forzare la storia”, riavviando il rapporto tra la teoria e la prassi. E questo significa non legare l’abolizione delle classi pollaio al calo della popolazione scolastica. L’inversione di tendenza deve essere presa senza “se e senza ma”. Per il bene dei nostri ragazzi! Quelli di oggi! Non per quelli che avremo fra dieci anni, molti dei quali   dipenderanno da quelli che frequentano oggi le scuole. Scriveva D. Milani “La scuola ha un problema solo. I ragazzi che perde”. Aggiungo oggi.

Pubblicato in Classi pollaio | Commenti disabilitati su Classi pollaio, una buona notizia, ma…

Smartphone, niente dispositivi durante i viaggi d’istruzione…

Smartphone

Smartphone lasciati a casa durante i viaggi d’istruzione… L’alternativa è l’estraniamento

Smartphone si! Smartphone no” La decisione è relativamente semplice nelle ore di lezione. Diventa, invece, più difficile per i campiscuola o visite d’istruzione. Il pensiero di P.Crepet mi sembra condivibile

Il regolamento d’Istituto per il contrasto al cyberbulismo

La legge 71/17 esprime la sintesi tra la dimensione formativa(=inclusione) e sanzionatoria.
Quest’ultima ha il Regolamento d’Istituto come riferimento. Si legge, infatti all’art.5 comma 2 ” I regolamenti delle istituzioni scolastiche di cui all’articolo 4, comma 1, del regolamento di cui al decreto del Presidente della Repubblica 24 giugno 1998, n. 249,
e successive modificazioni, e il patto educativo di corresponsabilità di cui all’articolo 5 -bis del citato decreto n. 249 del 1998 sono integrati con specifici riferimenti a condotte di cyberbullismo e relative sanzioni disciplinari commisurate alla gravità degli atti compiuti.”

Lo smartphone, il “coltellino svizzero” (M. Spitzer)

E’ indubbio che il fenomeno del cyberbullismo ha il suo “start” nello smartphone. I dispositivo è stato definito “il nuovo coltellino svizzero” da M. Spitzer ( “La solitudine digitale” Corbaccio, Milano, 2015).   In mano ai ragazzi il suo uso è spesso  disinvolto  disinibito. In altri termini “leggero”, non supportato da conoscenze e abilità tecnico-informatiche adeguate e da una solida un’empatia  verso l’altro.  Siamo sideralmente lontani da quella “saggezza digitale” (digital wisdom) ipotizzata recentemente da M. Prensky.

 Smartphone spento, la decisione di molte scuole

Se questa è la situazione, risulta inevitabile la decisione di vietarne l’uso (spento). Divieto più vincolante per gli istituto comprensivi. Il riferimento normativo è la Direttiva Fioroni (15.03.2007). Ovviamente il documento risente del tempo. Si fa riferimento ai cellulari, oggi divenuti smartphone. Si legge “L’uso dei cellulari da parte degli alunni, durante lo svolgimento delle attività didattiche, è vietato. Il divieto risponde ad una generale norma di correttezza che trova una sua codificazione nei doveri indicati nello Statuto delle studentesse e degli studenti (D.P.R. n. 249/1998). La violazione di tale divieto configura un’infrazione disciplinare rispetto alla quale la scuola è tenuta ad applicare apposite sanzioni. “

Un no anche per i viaggi d’istruzione…

E per le visite guidate o i viaggi d’istruzione? Personalmente non ravvedo motivi didattici per il loro uso. Anzi, è solo un dispositivo che distrae, distoglie l’attenzione su quello che sta intorno al ragazzo e che spesso si identifica con lo scopo dell’iniziativa. A questo aggiungo che l’Istituto scolastico diviene complice di quell’evaporazione delle relazioni reali, poiché gli occhi non incrociano altri occhi, ma sono concentrati solo sul dispositivo.

P. Crepet, una piacevole conferma

ll noto psichiatra P. Crepet: Ho assistito a una scena del genere: c’era una comitiva di studenti delle medie in gita a Venezia: erano talmente assorti a controllare il cellulare che il prof si era preso il compito di avvertire della presenza di ostacoli. “Scalino”, “buca”, e così via… ma come ci siamo ridotti?”. Parliamoci chiaro: non agire sull’uso dei cellulari a scuola significa rifiutare di prevenire le conseguenze più spiacevoli. Lasciare che i più giovani utilizzino il cellulare sempre, quando vogliono e come vogliono significa che poi ci si riduce a fare “i pompieri”, a intervenire cioè sempre sull’emergenza.”

 

Pubblicato in Cyberbullismo, Tutti gli articoli | Contrassegnato , , , | Commenti disabilitati su Smartphone, niente dispositivi durante i viaggi d’istruzione…

Il modello della scuola che fallisce e buonista

Il modello di scuola che fallisce e buonista”

Una premiazione, un riconoscimento anche di un modello di scuola distante da me

Insegnante premiata dal Ministro Fedeli. Dal discorso del responsabile del Miur esce un modello di scuola distante dalle mie convinzioni. Confermo la mia solidarietà verso la collega, ma non condivido la sua decisione di accettare il riconoscimento.

Insegnante premiata

La professoressa   Franca Di Blasio, sfregiata al volto da un alunno, è stata nominata Cavaliere dell’Ordine al merito della Repubblica italiana. L’onorificenza le è stata conferita dal Presidente Sergio Mattarella e consegnata alla collega dalla Ministra Fedeli.

Dichiarazione inaccettabile del Ministro

Fin qui nulla da dire. Disturba, invece, la dichiarazione del Ministro. ” La sua prima espressione – ha ricordato Fedeli, all’incontro con la professoressa – è stata non di condanna ma dire ‘ho sbagliato io’. Un gesto che è l’essenza stessa dell’essere insegnanti, ponendosi in maniera critica sul suo operato”. A questo Il Ministro ha aggiunto: Quella di Franca – ha dichiarato la Ministra Fedeli – è un’interpretazione professionale della funzione docente che coglie tutta l’ampiezza del delicato ruolo dell’educatore nella società moderna. La sua reazione e il suo atteggiamento di fronte all’aggressione da parte di uno studente sono stati di grande responsabilità formativa ed educativa. Tutta la comunità scolastica e la società intera devono riconoscere in lei un modello

Un modello che fallisce e buonista

Con questa dichiarazione assistiamo alla conferma che la scuola è l’unica responsabile dei fallimenti educativi e non solo.   A questo aggiungo forse (mi auguro che la professoressa invece l’abbia fatto)  la decisione di non aver denunciato il ragazzo. Ne esce e fuori un “quadretto inquietante” dove è codificato il modello di una scuola “fallita e buonista”. Non basta il proseguo della dichiarazione dove si parla di responsabilità  a fugare la suddetta ipotesi.
Dispiace che la collega abbia accettato questo riconoscimento. Ha avvallato la convinzione della Ministra finalizzata a  semplificare il problema.
E’ il classico meccanismo di “scaricare” le responsabilità sul soggetto più debole. In questo caso la scuola! Troppo facile! Personalmente non mi sento responsabile del fallimento dei nostri ragazzi. In alcuni casi, posso accettare la compartecipazione con altri soggetti,   ma non mi ritengo il capro espiatorio dei loro fallimenti.

Teoria ecologica dei sistemi (Bronfenbrenner)

L’educazione è un processo complesso, mai unidirezionale. Non esiste solo il ragazzo e un’unica agenzia formativa. La formazione è il risultato dell’interazione tra il soggetto ( nel nostro caso lo studente) e la multidimensionalità dell’ambiente. Ogni dimensione è costituita da diversi soggetti sociali, scenari culturali, economici, sistemi di valori… che “dicono la loro” sulla formazione, in una relazione sistemica. multidirezionale e  biunivoca.
Ecco spiegato il motivo per cui è l’intera società che fallisce di fronte a questi ragazzi.
Scrive la Prof.ssa I. Milani, autrice di un interessante testo “I figli sono il prodotto soprattutto del modello ricevuto in famiglia, e di una società che li vuole soprattutto consumatori. Ma se io porto mio figlio tutte le domeniche ai centri commerciali, gli faccio bere un finto mojito, lo lascio solo nel ristorante, libero di comportarsi male e di sporcare, allora che adulto diventerà? I responsabili dell’educazione, in primis i genitori, dovrebbero interrogarsi. Questo libro vuole spingere a una riflessione collettiva. Anche perché,a  parziale scusante delle mamme e dei papà, c’è proprio il condizionamento della realtà in cui vivono, che è sicuramente diseducativa“.

 

                                                

 

 

 

Pubblicato in Cyberbullismo | Contrassegnato , , | Commenti disabilitati su Il modello della scuola che fallisce e buonista

“Le trappole della Rete”, report sintetico del mio intervento

   

  
  

Giovedì 12 aprile sono stato a Fondi (LT). Invitato dal Liceo Tecnico Economico “Libero de Libero”. Ho trattato il tema “Le trappole della Rete“.
Nutrita la platea: studenti, docenti e genitori.
L’apertura ha riguardato l’evoluzione del Web ( 1.0, 2.o…) e la “sua profondità”.  Quest’ultima  costituita dalla presenza del Dark Web e Dark Net, caratterizzati da molti rischi.
Da qui ho illustrato “gli aiuti” che i ragazzi ( non solo) offrono ai suddetti ambienti oscuri e ai cyberbulli.
Ho suggerito alcune soluzioni per  navigare più sicuri ( password complesse, drastica riduzione del materiale condiviso, avatar poco personali, impostazioni privacy…)
Ho concluso l’intervento con un “corto” dove un gioco di scambio di foto “piccanti” tra adolescenti è spiato e sfruttato da terzi a fini economici. Nel Web non si è mai soli con l’amico o gli amici. Essere anonimi, infine, non significa essere invisibili!
L’intervento è stato molto apprezzato dai presenti. Grande soddisfazione!

     

 

Pubblicato in Corsi | Contrassegnato , | Commenti disabilitati su “Le trappole della Rete”, report sintetico del mio intervento

Cyberbullismo, Carolina Picchio e il suo dramma

Cyberbullismo

Una ragazza suicida per cyberbullismo e una legge per non consegnare i nostri ragazzi alla violenza.

Cyberbullismo, la legge 71/17 approvata dal Parlamento nel giugno scorso è stata promossa dalla senatrice E. Guerra. Professoressa di musica della studentessa Carolina Picchio. In una festa la ragazza ubriaca, si sente male, va al bagno e viene ripresa dai suoi compagni. Il video è postato nel Web. Diventa virale! La ragazzina non riesce a “fronteggiare” psicologicamente gli insulti e le offese. Si suicida.
Purtroppo non è l’unica. Altri ragazzi hanno scelto di non vivere!
Qualcuno ha scelto di vivere reagendo.
La legge 71/17 è la risposta della società ( sono coinvolti diversi soggetti e istituzioni) al fenomeno.
Il dramma di Carolina Picchio, simile a quella di tanti altri ragazzi, è raccontato in un corto” di Announo.
Consiglio la visione!

Pubblicato in Cyberbullismo | Contrassegnato , , | Commenti disabilitati su Cyberbullismo, Carolina Picchio e il suo dramma

Scuola, la legislatura inizia male!

Scuola

La legislatura appena nata dà un pessimo segnale: la scuola è poco interessante!

In campagna elettorale si è tanto parlato di scuola. Troppo! Ora però dopo tante chiacchiere, il palcoscenico torna ai fatti. E purtroppo si hanno solo pessime conferme.

Scuola, di nuovo  “quasi” dimenticata

Come sempre contano i fatti. Le parole, le dichiarazioni sono leggere! Volano via facilmente. Al loro posto subentrano le decisioni, gli atti.
Bene, in questo avvio di legislatura e in assenza di un governo nella pienezza dei suoi poteri, il Parlamento ha già inviato un messaggio chiaro: sono stati presentati 450 progetti di legge. La notizia è riportata da tecnicadellascuola.it. Purtroppo si parla poco di scuola.
Si legge “Per esempio Antonella Incerti (PD) è la promotrice di un ddl in materia di “Disposizioni per la promozione, il sostegno e la valorizzazione delle manifestazioni dei cortei in costume, delle rievocazioni e dei giochi storici”.
Susanna Cenci, anche lei del PD, intende invece proporre una “legge quadro in materia di raccolta, coltivazione e commercio dei tartufi freschi o conservati destinati al consumo” e Maria Chiara Gadda, sempre PD, vuole affrontare il tema della “composizione dei prodotti cosmetici e disciplina del marchio italiano di qualità ecologica.
Emanuela Rossini, del Gruppo Misto, mira in alto con un disegno di legge costituzionale per distaccare tre Comuni del Veneto e della Lombardia e annetterli al Trentino-Alto Adige.
Barbara Saltamartini (Lega) ha già depositato un discreto numero di progetti di legge tra i quali anche uno che dovrebbe regolamentare l’esposizione del crocifisso nelle aule scolastiche.”

Brutto, pessimo segnale

Solo la proposta presentata da L. Gallo (M5S) interessa la scuola.
Se “il buongiorno si vede dal mattino”, allora siamo messi male! Sembra ripetersi il solito canovaccio. La scuola “rivive” solo  nel periodo elettorale . Fuori da questo contesto ,  è occasionalmente oggetto di ‘ chiacchiere  da bar”, dove   gli interlocutori “inesperti di aula”, discutono di pedagogia e formazione.  Spesso dopo la “chiacchiera” c’è il Nulla! Questi però sono episodi, confermando il fine strumentale delle discussioni.E quando dalle parole si passa ai fatti, allora si hanno solo   disastri ( Riforma Moratti, Gelmini, “La Buona Scuola).
La condizione socio-culturale della scuola  è il nascondimento. Pubblicamente è una realtà poco interessante (la formazione non è un prodotto da esibire dopo cinque anni) e quindi invisibile, trasparente. La scuola riemerge solo per discutere sull’apertura delle aule infuocate , per approfondire casi di violenza…
Sarà così anche in questa legislatura? Lo sapremo solo fra qualche mese.

Pubblicato in Opinioni, Tutti gli articoli | Contrassegnato , , | Commenti disabilitati su Scuola, la legislatura inizia male!

Il pensiero critico e le fallacie argomentative

Il pensiero critico

La capacità di argomentare senza errori logici, favorisce il pensiero critico

La post verità e il tramonto del pensiero critico

Il pensiero critico. Il web è una grande opportunità di conoscenza, di interazione e integrazione. Però, come tutte le realtà umane il grigio è il colore caratterizzante. Mi spiego. Nel Web sono presenti risorse e altro che coesistono, però con delle realtà negative e variegate al loro interno. 
Qui parliamo di post verità. Questa nuova espressione “liquida” si caratterizza per l’esaltazione degli aspetti emotivi e affettivi che possono alterare i fatti, condizionandone il giudizio. Le fake-news sono l’esempio dell’affermazione del “fascio di sensazioni” (D. Hume) che sta favorendo l’affermazione di un io acritico, che non verifica l’attendibilità e l’oggettività della notizia.

Accanto alle fake news, esistono anche…

Scrive G. Marini: “Senza nulla togliere al dibattito sulle fake news vorrei focalizzare l’attenzione su un fenomeno strettamente intrecciato alla diffusione di notizie false e, forse, molto più pervasivo, quello delle fallacie nel ragionamento. Si tratta di errori logici che nascono da difetti (spesso voluti) con cui sono costruite le argomentazione del discorso pubblico in ogni ambito: dai social alla politica, dalla pubblicità alla morale, dalla cronaca alle varie forme di storytelling, al punto che gran parte della comunicazione contemporanea è intessuta sul filo delle fallacie.Le fallacie argomentative sono ragionamenti che sembrano corretti ma contengono degli errori in uno o più elementi costitutivi del ragionamento”

Un interessante studio sulle fallacie argomentative

Segnalo questo sito che propone un articolato studio su questo aspetto della post-verità. In fondo alla pagina sono proposte 41 tipologie di fallacia argomentativa. Un’opportunità per individuare questo aspetto poco trattato, ma molto presente nei gruppi social, nei massmedia e altro ancora. Rappresenta un’occasione per consolidare il pensiero critico, che rende l’uomo libero.

 

 

 

 
 
 

 

Pubblicato in Formazione | Contrassegnato , , , | Commenti disabilitati su Il pensiero critico e le fallacie argomentative

Ministro dell’istruzione, la biografia anticiperà…

Ministro dell'istruzione

Dalla biografia del Ministro capiremo molto

Ministro dell’istruzione, al cambio di governo inizia il gioco di individuare possibili candidati al dicastero di Viale Trastevere. Anche questa volta si ripete lo scenario. Sono stati fatti diversi nomi. La loro biografia è sconfortante.

Ministro dell’istruzione, inizia il giochino

In attesa del nuovo governo, lontano dai fari mediatici, è iniziato il “giochino” per individuare il possibile responsabile del Miur. E questo nonostante che il M5S, che ha vinto le elezioni come movimento, abbia già candidato S. Giuliano. Questo significa che il possibile governo sarà di coalizione. Quindi è impensabile che la forza politica governativa  diversa dal M5S accetti la lista del Movimento senza “batter ciglio”.

I candidati, l’importanza della loro biografia professionale

P. Gomez ha recentemente pubblicato un instant-book “Il vecchio che avanza“, sul quale mi sono soffermato . Riporto qui la parte della premessa che ci interessa. Scrive il direttore del Fattoquotidiano.it “Guardate invece alle persone, alla loro storia, a quello che hanno detto prima e fatto poi. E a qualche numero indispensabile.”
Adotterò questo criterio per valutare i candidati fin qui proposti. La loro biografia racconta molto. Anticipa i loro rapporti con i nodi che caratterizzano la scuola. Come scrive P. Gomez, non fidiamoci di quello che evenualmente diranno. Le parole serviranno unicamente a confonderci.

I Candidati, M. S. Gelmini e S. Giuliano, uguali sono

Quindi passiamo ai fatti. Alcuni nomi sono stati analizzati da me, in alcuni articoli. Pertanto farò riferimento, spesso a queste riflessioni.
Ecco i nomi.
M. Stella Gelmini. Pessima scelta! Con lei la scuola ha subìto una cura dimagrante di 8 miliardi €. E’ stata artefice di un significativo depotenziamento dei processi di inclusione con l’azzeramento delle compresenze e l’introduzione delle classi pollaio.
S.Giuliano. Un preside. E’ il candidato al Miur individuato dal M5S. La sua biografia  professionale però è ambigua. Ha collaborato con il Ministro Giannini fino al 2016. Sostenitore della legge 107/15. Stranamente poi nominato in pectore ha dichiarato prima “La Buona scuola non va abolita ma superata e migliorata” per poi dire “È un provvedimento disastroso, che ha distrutto la vita di migliaia di insegnanti”.
Se queste sono le premesse condivido la riflessione di Alfonso Indelicato – AESPI  che sostiene che tra la Gelmini e S. Giuliano non si sono differenze.

Gli altri candidati , pochissime luci, molte ombre

M. Pittoni. Candidato al Miur della Lega. Fautore della regionalizzazione dei concorsi. Non è chiara la sua posizione sulla L.107/15
V. Aprea. “Madre della L. 107/15”. Alcune idee riprese da Renzi sono state copiate dal Disegno di legge del 2008 ( merito, chiamata diretta…) che porta il nome della Dirigente Scolastica  ed elemento di punta di FI in Lombardia.
D. Santanché, Mara Carfagna. Personalità incompetenti. A onor del vero la prima candidatura è risultata un “pesce d’aprile” (fortunatamente) , la seconda invece è una “voce” ripresa dal Fatto Quotidiano  

Candidato ideale

Cosa accomuna tutti questi personaggi?
Una certa ambiguità sui due tsunami che hanno investito la scuola: la riforma Gelmini ( che nessuna cita) e la “Buona scuola”.
Il mio candidato ideale è un insegnante che vive ogni giorno “l’aula” con tutti i suoi problemi. Sono convinto che il rinnovamento debba partire da questo spazio che deve diventare nuovamente “ambiente educativo di apprendimento”. Tutto il resto viene dopo.
Da qui il mio sostegno ad una candidatura “modello M. Laura Granato” ( si era fatto il suo nome come candidata del M5S), con una biografia di netta opposizione alle suddette aberrazioni degli ultimi anni.
La credibilità del nuovo Premier si giocherà sul nome che deve rimandare ad una biografia coerente. Diversamente “il cambioverso” annunciato risulterà, come in passato, un bello slogan da utilizzare in campagna elettorale. Punto. Dopo però cosa resterà alla scuola, come alternativa?

Pubblicato in Legge 107/05, Tutti gli articoli | Contrassegnato , , , | Commenti disabilitati su Ministro dell’istruzione, la biografia anticiperà…

Smartphone a scuola, una decisione drastica ma necessaria

Smartphone a scuola

Occorre riprendere le redini dell’educazione, iniziando dai divieti.

Smartphone a scuola, non solo spenti, ma anche consegnati. A mali estremi, estremi rimedi.

La direttiva Fioroni (2007)

Nel lontano 2007 La Direttiva Fioroni stabiliva ” L’uso dei cellulari da parte degli alunni, durante lo svolgimento delle attività didattiche, è vietato.
Il divieto risponde ad una generale norma di correttezza che trova una sua codificazione nei doveri indicati nello Statuto delle studentesse e degli studenti (D.P.R. n. 249/1998). La violazione di tale divieto configura un’infrazione disciplinare rispetto alla quale la scuola è tenuta ad applicare apposite sanzioni. Si ribadisce che le sanzioni disciplinari applicabili sono individuate da ciascuna istituzione scolastica autonoma all’interno dei regolamenti di Istituto nella cultura della legalità e della convivenza civile
Molte scuole hanno adottato questa direttiva. Anche il 3° e 15 Municipio (Ambito 9) ha accolto questa indicazione. Abbiamo prodotto un regolamento d’Istituto condiviso  che impone lo spegnimento del dispositivo a scuola.

Una decisione dura, ma necessaria

Un Istituto Commerciale di Padova è andato oltre. Valuto positivamente la decisione della scuola. Rappresenta un “entrare a gamba tesa”, una  dura presa di posizione che coinvolge maggiormente l’Istituto, attraverso la partecipazione di altri soggetti ( collaboratori scolastici) e l’impiego di contenitori.
Il motivi di questa decisione li spiega il Dirigente scolastico Cinzia Bettelle “Ho ricevuto numerose segnalazioni verbali e scritte da parte dei docenti. I ragazzi con il cellulare non solo si distraggono, non seguono la lezione e con una semplice foto si passano i compiti, ma fanno anche video o fotografie, a compagni o addirittura ai docenti, che non sono autorizzate”
Ribadisco a mali estremi, estremi rimedi. Stiamo parlando del futuro dei nostri ragazzi!

Azione non sufficiente

Ovviamente il momento repressivo è necessario, ma non sufficiente. Occorre accompagnarlo con una capillare e continua  azione formativa che deve partire dalla famiglia e dalla scuola. Diversamente si rischia di limitare l’intervento alla “superficie” dei comportamenti, ma non  alla mente, la sola che può garantire le convinzioni necessarie per azioni non eterodirette.

Pubblicato in Opinioni, Tutti gli articoli | Contrassegnato , , | Commenti disabilitati su Smartphone a scuola, una decisione drastica ma necessaria

Le classi pollaio e il D.M.81/09

 

Le classi pollaio e il D.M.81/09

Le classi pollaio, le origini risiedono nel D.M. 81/2009.

Le classi pollaio e  il D.M.81/09. Prima un timido sostegno alla formazione delle classi inclusive. Poi però il “palcoscenico” è lasciato totalmente alle classi pollaio.

Classi pollaio, tutto è iniziato con il D.M.81/09

Le classi pollaio e il D.M. 81/09, quasi dieci anni fa. Governava S. Berlusconi. M. Stella Gelmini era  titolare all’Istruzione. Viene emanato il D.M.91/09 recante “Norme per la riorganizzazione della rete scolastica e il razionale ed efficace utilizzo delle risorse umane…”.
Il disposto, conferma il criterio dell’inclusivita,  Almeno per le prime classi. Poi però il suddetto principio costituzionale del diritto allo studio sostanziale (art. 3 e 34 ) è indebolito da alcune condizioni. Ma andiamo con ordine:  Si legge:”Le classi iniziali delle scuole ed istituti di ogni ordine e grado, ivi comprese le sezioni di scuola dell’infanzia, che accolgono alunni con disabilità sono costituite, di norma, con non più di 20 alunni, purché sia esplicitata e motivata la necessità di tale consistenza numerica, in rapporto alle esigenze formative degli alunni disabili, e purché il progetto articolato di integrazione definisca espressamente le strategie e le metodologie adottate dai docenti della classe, dall’insegnante di sostegno, o da altro personale operante nella scuola.” ( art. 5 comma 3) Poi però si legge:”  L’istituzione delle classi e delle sezioni secondo i criteri ed i parametri di cui ai commi 1 e 2 è effettuata nel limite delle dotazioni organiche complessive stabilite con il decreto annuale del Ministro dell’istruzione, dell’università e della ricerca e del Ministro dell’economia e delle finanze relativo alla determinazione delle dotazioni organiche del personale docente.” ( art. 5 comma 3 )

Il colpo finale al diritto allo studio sostanziale

Il sostegno all’istituzione delle classi pollaio  è esplicito cinque articoli più avanti. Si legge infatti: ” Salvo il disposto dell’articolo 5, commi 2 e 3, le classi di scuola primaria sono di norma costituite con un numero di alunni non inferiore a 15 e non superiore a 26, elevabile fino a 27 qualora residuino resti. Le pluriclassi sono costituite da non meno di 8 e non più di 18 alunni.( art. 10 comma 1)

Conclusione

L’ho scritto recentemente. Le classi pollaio esprimono una grave disattenzione della Repubblica verso la formazione di tutti. La Costituzione è dimenticata. Nella migliore delle ipotesi, applicata parzialmente. Non a caso il D.M.81/09 cita all’inizio solo gli articoli 33, 87 e 117, dimenticando quelli fondamentali che danno sostanza al diritto al successo formativo (art. 3 e 34).
Tutto questo porta ad un’amara constatazione: all’Amministrazione interessa maggiormente il diritto allo studio formale ( accesso fisico alle aule), piuttosto che quello sostanziale ( la formazione profonda della persona).

 

 

 

Pubblicato in Classi pollaio, Tutti gli articoli | Contrassegnato , , | Commenti disabilitati su Le classi pollaio e il D.M.81/09

Violenza sull’insegnante, un esempio di debacle educativa

Violenza sull'insegnante

Violenza sull’insegnante, la resa educativa degli adulti

Violenza sull’insegnante, ormai conosciamo i fatti. Lo sconcerto nasce dalla reazione degli adulti, compresa la vittima. E’ confermato il nuovo paradigma educativo: sono ragazzi inclini alla bravata, quindi… Poveri noi! Anzi, povera Italia!

Il fatto

Violenza sull’insegnante ad Alessandria.  immobilizzata alla sedia, con il nastro adesivo. E’ stata presa a calci, insultata e presa in giro. Tutto ripreso con lo smartphone e postato su Instagram

La reazione degli adulti, ovvero La loro ritirata educativa

Di fronte a questo fatto che oggettivamente fotografa una violenza verso un adulto la reazione dei “grandi ” e a dir poco sconcertante.
Iniziamo dalla vittima. Ha dichiarato ” Si sono scusati, è stato un episodio di goliardia. Alcuni di loro sono studenti bravissimi, si sa che nel biennio sono un po’ così. La punizione l’hanno avuta”.
I genitori. “La prof è stata derisa e offesa, ma non legata… Vittime questa volta sono i ragazzi, che si sono visti descrivere come delinquenti e sono stati ingiustamente demonizzati. È vero, hanno mancato di rispetto a una insegnante deridendola e non ascoltando le sue richieste, così come è vero che è intervenuto un ragazzo più grande a riportare ordine, ma è falso e infamante che la docente sia stata legata su una sedia. e che la stessa sedia sia stata presa a calci e pugni. Così come è falso che i filmati siano stati pubblicati sui social”.
Il preside “I ragazzi –  sono stati puniti e hanno compreso il loro comportamento non corretto”

Ragazzi “protetti”, deresponsabilizzati. Povera Italia!

Ho evidenziato con il grassetto le parti più preoccupanti.
Le dichiarazioni confermano una tendenza: “proteggere” i ragazzi, separandoli dalle loro responsabilità; “proteggerli” dalla vita, sostituendosi ad essi; “proteggerli” dai loro atti, ritenendoli ancora “incapaci di intendere e volere”; “proteggerli” dalla prospettiva educativa, che si declina nella  “presa in carico senza scusanti delle conseguenze” per scelte  errate.
Non si diviene adulti se i nostri comportamenti non prevedono un’ assunzione di responsabilità, che può essere “anticipata” attraverso un’adeguata riflessione. Capacità oggi divenuta straniera! Espulsa dal nuovo mantra della fretta, della velocità, dell’azione impulsiva che quasi mai sono precedute dal pensiero profondo che porta ad immaginare il futuro! E senza questo piano inclinato “al non ancora”, l’unica meta certa è l’assenza della pedagogia, sostituita dal Nulla.

Pubblicato in Formazione, Tutti gli articoli | Contrassegnato , , , | Commenti disabilitati su Violenza sull’insegnante, un esempio di debacle educativa

Gelmini, Giannini, Fedeli, le tre ministre premiate

 

Gelmini, Giannini, Fedeli

Gelmini, Giannini, Fedeli- La loro organicità al mantra del “financapitalismo” è servita.

Gelmini, Giannini, Fedeli, sono accomunate  da un medesimo percorso con  premio finale. In altri termini, aver sostenuto due riforme che hanno compromesso il sistema-scuola, ha portato loro dei benefici. Sono state promosse!  Non è un bel segnale per la scuola.

Gelmini, Giannini, Fedeli,  lo stesso copione

Negli ultimi 9-10 anni la scuola è stata sottoposta ad uno stress riformistico.  Il risultato: la sua azione formativa è stata compromessa! Gelmini, Giannini, Fedeli sono state le attrici di un copione scritto da soggetti esterni alla scuola. Mi riferisco al “finanzcapitalismo” (L. Gallino) che percepisce la scuola come un’istituzione inutile, alla quale sono destinate risorse economiche eccessive. La determinazione è giustificata dai fini assegnati: formare soggetti a bassa complessità prestazionale e  consolidare le differenze di partenza.
Analizziamo nello specifico  le azioni delle tre ministre.
Gelmini. Lei ha “obbedito a tutti gli ordini” del suo mentore ( Berlusconi ), che a riguardo della scuola pubblica ha sempre espresso supponenza e disprezzo, perché espressione del ” comunismo italiano”.
Analizziamo alcuni provvedimenti.
Salasso di 8 miliardi di €. Risorse in vari modo tolte alla scuola;
Le classi pollaio, istituzionalizzate con la legge 133/2008 art 64;
Smantellamento della legge 148/90 ( Riforma scuola elementare ). Abolite le compresenze, i moduli didattici ( legge 133 del 2008 .  Si legga ” Il modulo è morto…” ) fortemente depotenziato il tempo pieno e ripristinato il maestro unico ( decreto-legge 137/2008);
Giannini e Fedeli. La prima ha firmato con Renzi la “Buona scuola”, aggiornando il disegno di V. Aprea ( bonus merito)  e confermando nel silenzio/assenso tutte le riforme di M. S.Gelmini. Il ruolo di V. Fedeli si è ridotto ad emanare i decreti attuativi di una pessima riforma, calata dall’alto e quindi percepita come un corpo estraneo dagli operatori della scuola.

I premi delle tre ministre

Alle tre ministre è convenuto “rispettare  gli ordini di scuderia” dei rispettivi partiti.  La loro visibilità, come ministre dell’Istruzione, ha pagato.
M. S. Gelmini dopo la sua esperienza ministeriale ha assunto incarichi importanti all’interno di FI. Il 27 marzo 2018 è divenuta capogruppo di Forza Italia alla Camera dei deputati
S. Giannini  è stata nominata vicepresidente dell’Unesco. Di difficile lettura la nomina. Come conciliare questo incarico con la “Buona scuola” che ha quasi ignorato “l’aula” come “ambiente di apprendimento”, confermando le classi-pollaio e  sostenendo con il suo silenzio-assenso quelle superpollaio ( Legge di stabilità 2015) che hanno compromesso la qualità e ogni discorso sull’inclusione. Eppure ” Il Settore “Education”, che sarà guidato da Stefania Giannini, …. coordina, nel sistema ONU,l’insieme delle iniziative per il raggiungimento dell’Obiettivo 4 dell’Agenda 2030 per lo Sviluppo Sostenibile: << Fornire un’istruzione di qualità, equa ed inclusiva, e opportunità di apprendimento per tutti” .
V. Fedeli, candidata  bocciata a Pisa e ripescata nel proporzionale in Campania, è stata candidata “vera e non di bandiera” del PD per la poltrona di Presidente della Camera dei Deputati.

Il Miur come trampolino di lancio

Indubbiamente la poltrona di V. Trastevere ha l’obiettivo di far conoscere personaggi politici all’opinione pubblica. Il meccanismo, per alcuni versi oscuro, permette di caratterizzare queste persone, facendole uscire dall’ombra. Sicuramente personaggi organici al grande disegno di smantellamento della scuola, che richiede referenti ossequiosi del mantra liberistico. Da qui si comprende che il miglioramento pedagogico della scuola non è il criterio che guida alla scelta del ministro. E’ una pessima notizia per l’istruzione!

Pubblicato in Legge 107/05, Tutti gli articoli | Contrassegnato , , | Commenti disabilitati su Gelmini, Giannini, Fedeli, le tre ministre premiate

Dipendenza da internet, un “corto”….

Dipendenza da internet

La dipendenza da Internet e da app ha delle conseguenze sulla nostra mente.

Dipendenza da internet…

Sempre più connessi, immersi in una realtà anaffettiva. Semplificata e a nostro “uso e consumo”, attraverso il facile gioco della connessione e disconnessione. Prigionieri in una dimensione che comporta la graduale separazione ed estraniazione  dalla realtà fisica, fatta quest’ultima di voci, odori, emozioni…
Tutto ruota intorno al mio profilo alterato e  multiforme. Il nuovo paradigma è sembrare non essere. E’ apparire, senza rivelarsi eccessivamente. E’ confondere attraverso le diverse maschere adottate.
L’ipertrofia del nostro Io si declina nel narcisismo, favorendo  il declino dei legami forti e del “Noi”. Apparentemente l’individuo è integrato in una nuova socialità. In realtà egli è un progetto incompiuto, un Io senza finestre perché privo di quell’apertura verso l’alterità, attraverso la quale  si diventa umanità e “mondo”.
Questo è il contesto! Non meno gravi risultano gli effetti devastanti sulla mente dovuti a questa iperesposizione al web e all’uso di app.
Il corto proposto qui sotto,   ne rivela con efficacia le conseguenze.
Dipendenza da Internet 

Pubblicato in Opinioni | Commenti disabilitati su Dipendenza da internet, un “corto”….

Convegno informativo “Le trappole della Rete”

Giovedì 12 aprile sarò a Fondi (LT). Tratterò le insidie presenti nel Web e proporrò gli accorgimenti da adottare per una navigazione sicura.

Pubblicato in Cyberbullismo | Contrassegnato , , | Commenti disabilitati su Convegno informativo “Le trappole della Rete”

Cgil scuola, proseguono i proclami, intanto…

Cgil scuola

Un esempio di distanza tra le parole e i fatti.

Cgil scuola, dopo il sindacato Cisl, fa proclami. Intanto, però ha quasi firmato un contratto indecente e irriguardoso.

Cgil scuola, il suo pronunciamento

Ha dichiarato la Cgil.scuola”Per guadagnare quanto un collega d’Europa un insegnante di infanzia e delle elementari dovrebbe avere – domani – un aumento in busta paga di 455 euro il mese. Un professore delle medie dovrebbe veder crescere lo stipendio di 363 euro, il collega delle superiori di 439 euro. Servirebbero, solo per questo, 6,8 miliardi… Il dato più importante, che discende dai primi due, lo abbiamo visto: il calo degli stipendi dei docenti italiani. E l’impietoso paragone con il resto dell’Europa avanzata. Solo nel 2009, penultimo contratto appena firmato, la retribuzione media del comparto era pari a 30.570 euro lordi. Nei sette anni successivi è scesa (con due piccoli recuperi nel 2011 e nel 2015) fino a toccare il pavimento nel 2016, ultimo anno rilevato: 28.403 euro lordi. Una perdita di 2.167 euro, il 7,1 per cento. Quest’anno, febbraio 2018, è arrivato il rinnovo del contratto della scuola e ha consentito una leggera crescita delle buste paga: 96 euro l’aumento medio per un docente, 84,5 euro per un amministrativo.”. Potrei proseguire, ma mi fermo qui.

Benissimo, ma il sindacato non ha le “carte in regola”

Mi chiedo come si fa ad affermare una significativa discrepanza tra un obiettivo significativo e il magro risultato ottenuto dalla Cgil-scuola? Non era meglio alzarsi dal tavolo e non firmare?  Ci vuole una grande immaginazione per definire la quota-contratto (mi riesce difficile definirlo come un “aumento” o incremento”) una “leggera crescita delle buste paga”. Io la definirei “leggerissima”, se consideriamo gli otto anni di blocco contrattuale. Determinazione ancora aperta ad  una peggiore, se il lordo dovesse risultare di “stato”.
Dimenticavo, il dossier o pronunciamento è finalizzato a vincere le prossime elezioni Rsu. A questo punto tutto ha senso, anche nascondere i fatti.

 

 

Pubblicato in Contratto scuola | Contrassegnato , , | Commenti disabilitati su Cgil scuola, proseguono i proclami, intanto…

La Lega, nuova riforma? Basta!

La Lega

Una nuova riforma? No, guardiamo indietro e “togliamo le brutture”

La Lega di Salvini ha in mente di riformare la scuola. Un’altra idea calata dall’alto. Pensiamo, invece, a liberare la scuola dalle aberrazioni imposte dagli utltimi governi.

La Lega, la sua riforma 

Nuovo possibile governo, nuova riforma. Si legge” La Lega, attraverso il suo responsabile federale all’Istruzione, Mario Pittoni, in campagna elettorale ha dettagliato la riforma possibile: unificazione di cinque anni di primarie e tre anni di medie inferiori in un unico ciclo. Per queste otto stagioni di studio sarà introdotto il cosiddetto “maestro e professore prevalente”. Il professore prevalente, uno soltanto, si occuperà delle materie principali (italiano, storia, geografia, scienze) e seguirà la classe per tutta la durata degli studi. Sarà affiancato dagli insegnanti delle materie specifiche (matematica, lingue, discipline sportive, discipline artistiche, musica).”

Un’altra riforma calata dall’alto

Niente di nuovo sotto il sole!. E’ un mix della riforma Berlinguer- De Mauro e di quella attuata dalla Gelmini ( maestro prevalente).  Quello che preoccupa è un’altra idea imposta dall’alto. Quando si tratta di scuola, tutti diventano esperti, anche se, nella migliore delle ipotesi, non frequentano le aule da anni. A dire il vero il senatore Pittoni, candidato divenire Ministro dell’istruzione, dichiara che non sarà una riforma calata dall’alto. Sarà, ma non mi fido! La “Buona scuola” docet. Per stessa ammissione di M. Renzi, solo il 3% degli insegnanti è un sostenitore delle decisioni prese sulla scuola.

Partiamo dai guasti

Guardare avanti è il nuovo paradigma della società liquida. Il passato è azzerato, il presente è condizinato dal “nuovismo”, perdendo la sua solidità e quindi anche la condzione di essere metabolizzato e mai verificato sugli esiti.
Questo tratto sembra avere la riforma della Lega, anche se con i distinguo di proporsi, come scritto sopra, come un mix di idee già proposte.
Un suggerimento: guardiamo indietro, invece che avanti.  Fermiamoci e rimediamo ai guasti prodotti dagli ultimi governi. In particolare da quello di Berlusconi (2008-2011) e di Renzi ( 2014-2016).
Nello specifico eliminiamo le classi pollaio (D.M. 81/09) e quelle superpollaio ( Legge di stabilità 2015), ripristiamo il tempo pieno e soprattutto le compresenze molto utili ai fini dell’inclusività. Senza dimenticare il modulo didattico, previsto dalla “defunta” legge 148/90 e  i 2.4 milioni di € promessi dalla Gelmini e mai tornati alla scuola.

La proposta “ProfessioneInsegnante”

Dopo aver fatto questo, invito i politici a dare un’occhiata ai punti elaborati da “ProfessioneInsegnante”. In altri termini:  leggere il progetto elaborato da persone che ogni giorno entrano in aula.

 

 

Pubblicato in Legge 107/05, Tutti gli articoli | Contrassegnato , , | Commenti disabilitati su La Lega, nuova riforma? Basta!

Elezioni RSU, riprendono i “discorsoni” del sindacato

Elezioni RSU

Un’interessante intervista finalizzata a nascondere la realtà di un pessimo contratto

Elezioni RSU, da qui ai giorni 17,18,19 aprile sentiremo tante belle parole. E’ difficile comprendere quanto siano  estemporanee e quanto invece “studiate a tavolino”. L’importante è non dimenticare i fatti. Gli unici da cui partire per valutare i sindacati.

L’intervista di A. Maria Furlan

Tecnicadellascuola.it ha pubblicato una significativa e illuminante  intervista di A. Maria Furlan. segretaria generale della Cisl.
Si legge tra l’altro. “Nell’era della disintermediazione e dei social network, il sindacato rimane uno dei pochi soggetti in grado di aggregare le persone, combattere la “solitudine di massa” di cui parlava il sociologo David Reisman già negli anni cinquanta. Abbiamo bisogno di luoghi di vera partecipazione, di confronto libero e trasparente dove poter discutere per trovare momenti necessari di mediazione tra stato ed individuo, tra impresa e lavoratori. Questo vale anche per il settore del pubblico impiego e della scuola, dove la firma dei contratti dopo nove anni di blocco è stata certamente una svolta positiva per tutti i lavoratori. È importante aver riconquistato uno strumento come il contratto, dopo un lungo periodo di blocco delle retribuzioni e di riduzione degli spazi di partecipazione e di contrattazione.  È stato un successo per il sindacato. Ma è chiaro che dobbiamo fare di più.
E la Cisl è in prima fila per restituire dignità e centralità, non solo risorse economiche importanti, a tutti i dipendenti pubblici che hanno sempre e comunque garantito, con innegabili sacrifici, i servizi ai cittadini in questi lunghi anni di crisi…

Un contratto positivo? Solo il sindacato lo vede

Tralascio altri passaggi. Chi ha seguito gli eventi della vertenza contrattuale, coglie la distanza tra questa lunga intervista e la realtà. E’ arduo affermare che  “la firma dei contratti dopo nove anni di blocco è stata certamente una svolta positiva per tutti i lavoratori”. “Gli incrementi” contrattuali sono assolutamente irricevibili. Irriguardosi e poco rispettosi. E’ difficile trovare una determinazione adeguata a questo riconoscimento economico. I sindacati lo definiscono incremento, certificando un’alta competenza a nascondere la realtà. Non lasciamoci ingannare dalle loro tabelle che presentano il lordo. I sindacati si guardano bene nel presentare il netto. Sicuramente è incerta la natura del lordo. Dipendente o stato? Dichiara il sindacato Anief: Qualora si tratti di lordo dipendente, applicando una tassazione media del 35%, la somma che effettivamente il personale della scuola si ritroverà in più in busta paga tra un mese sarà tra i 55 e i 71 euro. Qualora, invece, quelle somme indicate si riferiscano al netto del lordo Stato, quindi da dividere per 1,3838, dunque soggette anche ad altre ritenute fiscali e previdenziali, il discorso cambia, segnala ancora il sindacato. Perché, applicando il coefficiente dell’1,3838, si scenderebbe subito a meno di 62 euro e poi, tassando la quota sempre del 35% medio, la cifra finale netta si fermerebbe a 40 euro. Con differenze in base a categorie e fascia di collocazione stipendiale”
Sicuramente sarà un bel successo del sindacato se riuscirà a contenere l’emoraggia di tessere.

Il sindacato favorisce la partecipazione? Non credo…

Altra affermazione che non corrisponde alla realtà. Il sindacato promuove la partecipazione e il confronto libero? Non credo. Purtroppo lo certifica il loro silenzio alle richiesta ripetuta , avanzata anche da me,  di mettere a disposizione del personale della scuola l’Atto di indirizzo. Il silenzio non è esente da un significato comunicativo. Il primo assioma della comunicazione, infatti, formalizza il fatto che “la non-comunicazione è impossibile, “perché qualsiasi comportamento comunica qualcosa di noi ed è impossibile avere un non-comportamento. Per quanto una persona con la sua passività e i suoi silenzi trasmetta la volontà di non comunicare con un altro individuo, sta comunque inviando un messaggio, e quindi, comunica di non voler comunicare. Qualunque cosa fai o dici, qualunque scelta o qualunque atteggiamento assumi, comunica alcuni aspetti di te stesso agli altri. La comunicazione può essere involontaria, non intenzionale, non conscia e addirittura inefficace. Anche l’indifferenza e l’inattività sono forme di comunicazione come le altre, poiché portano con sé comunque un significato. La domanda non è “se” una persona stia comunicando, ma “cosa” stia comunicando, anche tramite la sua apparente assenza.”
In altri termini, hanno deciso di ignorare la richiesta, ritenendola non funzionale alla chiusura rapida della vertenza contrattuale.

 

Parole e interviste fastidiose

Che dire? Solo che è ripreso il balletto delle belle parole, finalizzate a confondere la realtà. In altri termini a nascondere i fatti per favorire l’affermazione delle proprie liste alle elezioni delle RSU.  Dai fatti, invece  occorre partire. Sono un ottimo esercizio per la nostra memoria, oggetto del “borbardamento mediatico” finalizzato ad azzerarla. Parafrasando ” L’uomo senza qualità” di R. Musil, è possibile affermare che l’idealtipo della società della “superficie” e dell’informazione, contrapposta alla conoscenza è “l’uomo senza memoria”. Tenersi fuori da questo meccanismo di annullamento, significa favorire il pensiero critico e riflessivo.

 

Pubblicato in Opinioni, Tutti gli articoli | Commenti disabilitati su Elezioni RSU, riprendono i “discorsoni” del sindacato

Legge 107/15, parole di sinistra

Legge 107/15

M. Baldacci, mette a nudo l’estraneità della legge 107/15, rispetto alla Costituzione

Legge 107/15 da abolire “senza se e senza ma”. Finalmente si sentono parole di sinistra. Pensieri “pesanti”, “densi”, che guardano alla persona e al cittadino, dimenticando il soggetto produttore.

Il pensiero di M. Baldacci

Legge 107/15, aggiornamento del Disegno di V. Aprea, non deve essere corretta, ma abolita. Lo afferma M. Baldacci pedagogista.
Riporto alcuni passaggi di una sua intervista che evidenziano gli elementi di una scuola che disattende la nostra Costituzione:

Una scuola attenta al produttore e non all’uomo e al cittadino

“La legge 107/2015 presenta un impianto gravemente riduttivo e unilaterale, le cui direzioni culturali si coglievano in modo trasparente nel Documento iniziale sulla Buona scuola. Non si mira alla formazione completa dell’essere umano come cittadino, produttore e persona autonoma intellettualmente e moralmente. La scuola è vista solo come una fabbrica di produttori equipaggiati di un adeguato capitale umano, e quindi come asservita al sistema economico, anziché diretta allo sviluppo civile e democratico del Paese. Pertanto, la legge 107/2015 non va semplicemente corretta, ma abolita… Nel nostro Paese, la deriva verso la scuola neoliberista è iniziata agli inizi del nuovo secolo, con l’avvento dei governi di Centro-destra.L’azione dei governi di Centro-destra si è così innestata su un piano politico-culturale che inclinava già verso esiti neoliberisti. In una prima fase, questo processo è stato presentato (si pensi al periodo dalla Moratti alla Gelmini) come un ritorno a una sana e seria tradizione scolastica, compromessa dalla sinistra, dai sindacati, dalla pedagogia e da Don Milani. Poi, dal Governo Monti a quello di Renzi, la tendenza è diventata eplicita. Non più una deriva, ma una rotta verso le spiagge neoliberiste.”

Breve considerazione

E’ evidente la matrice marxista del pedagogista. E’ la conferma che il Pd è diventato altro rispetto alla tradizione gramsciana. Il suo tentativo di divenire “il partito della nazione”, processo iniziato con W. Veltroni è naufragato. Ha perso la sua densità culturale, assumendo la liquidità, come paradigma della postmodernità che si declina nell’ azzeramento del passato e nel cammino incerto verso il domani.   Diego Fusaro, noto filosofo che ha come suoi riferimenti Hegel, Marx, Gramsci sostiene che sinistra e destra sono concetti superati, in quanto le due anime sono dominate dal “finanzcapitalismo”. Di diverso avviso era E. Bloch. Secondo il  filosofo ultramarxista, la destra per far passare le sue riforme deve colorarsi di rosso.  E il PD è riuscito in questo capolavoro che ha portato molti elettori a cogliere il PD come una realtà estranea, rispetto al pensiero della sinistra.
Scriveva N. Bobbio: ” Con il  tramonto del marxismo chi darà voce ai poveri, ai diseredati, agli ultimi della terra?

Pubblicato in Legge 107/05 | Contrassegnato , , , | Commenti disabilitati su Legge 107/15, parole di sinistra

U. Galimberti, “La fatica d’aula” riconosciuta

U. Galimberti

L’aggettivo “pazzesco” rimanda alla complessità del nostro lavoro

U. Galimberti, un filosofo. Abituato a porre  la formazione dell’uomo e del cittadino come priorità assoluta, riconosce il ruolo dei maestri.

La dichiarazione di U. Galimberti

Al contrario di molti intellettuali, i filosofi sono stati formati all’uso consapevole della parola. Questa si declina spesso in aggettivi. Sempre pesati e “pesanti”. Nulla è “liquido”! I loro discorsi e parole incidono, penetrano, lasciano il segno.
E’ il caso di di U. Galimberti, filosofo “greco” sul quale mi sono soffermato l’altro giorno.
Ha dichiarato ” “I genitori devono difendere sempre gli insegnanti altrimenti minano la sfera dell´affettività e dunque la crescita dei loro figli. Alle maestre occorrerebbe dare lo stipendio dei professori universitari perché fanno un lavoro pazzesco. Occorrono insegnanti affascinanti ma oggi il ragazzo si deve ritenere fortunato se su nove docenti ne ha due carismatici”

L’aggettivo fa la differenza

Lavoro pazzesco“. A mio parere, l’aggettivo aumenta il valore della dichiarazione. Si contrappone alla ricorrente immagine di un insegnante che ha “tre mesi di ferie l’anno, quindici giorni…”
Provo a dare alcuni significati alla determinazione.
Pazzesco, rimanda al numero dei ragazzi per classe ( 25-35) che aumenta esponenzialmente la complessità dell’atto educativo. Questo per rivestire i caratteri costituzionali ( art. 3, 34 ) deve essere efficace su ogni bambino, ragazzo. Diversamente la scuola non riesce ad incidere sulle differenze inziali, certificando uno status quo preoccupante.  Spesso i maestri hanno di fronte personalità in crescita, indifese e spaesate. Pedagogicamente fragili per l’assenza delle famiglie che spesso delegano. E di fronte a questi casi, sempre più di norma il loro lavoro diventa difficile, pazzesco, tenendo conto anche lo scarso supporto organizzativo e di risorse fornito dall’Amministrazione.
Pazzesco, rimanda al bombardamento acustico che caratterizza le nostre aule e che facilita il burnout.
Pazzesco richiama la passione oltre misura ( stipendio inadeguato, scarsa considerazione sociale)  che caratterizza l’impegno di molti docenti. Su quest’ultimo elemento non mi trovo d’accordo. Comunque questo è un dato di fatto!

Pubblicato in Opinioni | Contrassegnato , , | Commenti disabilitati su U. Galimberti, “La fatica d’aula” riconosciuta

M. Parodi, un pessimo servizio allo studio serio, dimenticando…

M. Parodi

“In cima non si arriva mai in elicottero!”

M. Parodi,  Dirigente Scolastico a Genova ha rilasciato un’intervista che magistralmente mette sul banco degli imputati gli insegnanti, nascondendo l’accusa dietro la presentazione dell’idealtipo dello studente. Dimentica, però le responsabilità della politica.

M. Parodi, l’intervista

Sul portale “Oggiscuola” è apparso un lungo e articolato intervento di M. Parodi sui mali della scuola. Apparentemente mette evidenzia il malessere degli studenti. Il suo bersaglio, però, sono i docenti.
Leggiamo alcuni passaggi:
“Il problema della scuola sono gli studenti. Senza gli studenti la scuola funzionerebbe benissimo. Arrivano a scuola senza sapere niente ed escono dalla scuola senza sapere niente… Perché vengono a scuola? A che fare? Ad ascoltare lezioni interminabili, soporifere, ammorbanti: docenti che parlano, parlano, parlano di cose più o meno comprensibili, sensate, cercando di resistere alla noia, al sonno, alla voglia di scappare… Non sanno niente e non imparano niente… ora dopo ora, giorno dopo giorno, mese dopo mese. anno dopo anno, nell’illusoria attesa di vacanze agognate e negate, di fatto, per l’accanimento morboso ( in Italia si rasenta la crudelta mentale) di insegnanti che tentano di avvilire qualsiasi propensione alla “ricerca”(e quasi sempre ci riescono), infliggendo finanché i compiti per le vacanze, appunto.”

Quale profilo di studente?

Tutta l’intervista, che invito a leggere e rileggere, presenta uno studente svogliato, distratto perché la proposta formativa è noiosa, impegnativa… Da qui la sottile accusa ai docenti che presentano questo menu poco gradito.
Dispiace che il pensiero sia espresso da una persona di scuola, che dovrebbe conoscere il “dark side” dello  studio che rimanda alla fatica, all’impegno, all’acquisizione di nozioni e abilità non sempre interessanti. Dietro una persona competente e appassionata ci sono ore, giornate passate a studiare, a ripetere procedure, allenamenti. Ognuno di questi momenti costituisce un punto, o una virgola. In altri termini una breve pausa per ripartire e conseguire altri obiettivi. E questi richiedono nuovi impegni, non sempre coinvolgenti.  Parafrasando K. Popper lo studio non avrà mai fine!

“In cima non si arriva con l’elicottero!”

Il preside, invece, semplifica la realtà. Presenta un profilo di studente prigioniero del principio del piacere, che si contrappone a quello della realtà, spesso aspra e spigolosa. Lo ripeto  agli alunni e studenti che incontro ” In cima alla montagna non si arriva mai in elicottero! Occorre affrontare sentieri e tratti quasi sempre impegnativi. E spesso sudare, allontanare la soluzione facile di abbandonare l’impresa. Ma quando si arriva in cima, la gioia è immensa”. A supporto persento l’esempio di Federica Pellegrini che per gareggiare ad alti livelli, ogni giorno si allena in vasca per diverse ore. Non credo sempre in modo divertente! Suppongo che il percorso culturale e professionale di M. Parodi non sia stato facile e senza fatica! Leggo dalla sua biografia che è un  formatore, ricercatore…

L’informatica, un esempio

Spesso i ragazzi si accostano al mondo dell’informatica seguendo unicamente il principio del piacere e dell’utilità. Da qui la conoscenza di poche procedure. Si illudono che l’informatica sia un “Luna Park”, una “sala gioco”.
Quando questa diventa materia  in vista degli esami Ecdl o Eipass, allora si fa l’esperienza  dello studio e delle esercitazioni, determinando fughe dalla realtà, attraverso gli abbandoni. Spesso con la complicità dei genitori-chioccia.

M. Parodi dimentica le responsabilità della politica

Quando il Preside Parodi presenta le “aule anguste, spoglie, disadorne o sordide, sovraffolate…”, dimentica le responsabilità della politica. Questa negli ultimi quindici-venti anni ha considerato la scuola un semplice bancomat, trasformando le aule in ambienti “diseducativi” e “compressi” ( classi pollaio). Se poi aggiungiamo i provvedimenti che hanno contribuito a demotivare gli insegnanti, allora il quadro si completa.

Pubblicato in Opinioni, Tutti gli articoli | Contrassegnato , , | Commenti disabilitati su M. Parodi, un pessimo servizio allo studio serio, dimenticando…

“Professione insegnante”, 12 proposte dalla scuola

"Professione Insegnante

Dodici punti che partono dall’aula, dal lavoro quotidiano del docente…

“Professione Insegnante intende dare un proprio contributo propositivo a chi governerà nella prossima legislatura, proponendo 12 punti, per superare le storture delle precedenti riforme e migliorare la scuola pubblica.”

12 punti della scuola, dalla scuola

“Professione Insegnante” dopo diverse riforme calate dall’alto, dagli “esperti” senza aula ( Legge 107/15 e precedenti ) propone  12 punti per ridare “fiato” e dignità al lavoro dell’insegnante i.

Abolizione delle classi pollaio e della pessima riforma  Gelmini

Si percepisce  la presenza dell’aula nelle proposte. Ad esempio quando si legge” Ridurre il numero di alunni per classe in ogni ordine e grado di scuola (no alle “classi pollaio”, max 25 alunni e max 20 alunni improrogabilmente in presenza di alunni con disabilità), ripristinare il modulo alla primaria (con un tempo scuola di almeno 27 o 30 ore e il relativo ripristino delle compresenze) e istituire il tempo pieno laddove viene richiesto dalle scuole (soprattutto  nelle regioni meridionali e in particolar modo nelle aree disagiate, a rischio, con un contesto sociale ad alta criminalità e, comunque, con un forte degrado sociale). Il modulo è stato abolito dalla riforma Gelmini. Tutti gli insegnanti della primaria sono concordi sugli effetti deleteri di tale abolizione.”

Il burnout, un pericolo costante

A questo si aggiunge la costante attenzione prima di tutto alla persona e poi al professionista, quando si legge ” Rivedere i criteri per i pensionamenti, max 60 anni o quota 100 (perché è un lavoro altamente usurante, in ogni ordine e grado di scuola – chi vuole restare oltre potrà essere impegnato part-time). Nonché, prevedere su richiesta altro tipo di mansione come tutoraggio o potenziamento, infine, riconoscere il burn out per salvaguardare la salute degli insegnanti, garantendo la loro sicurezza nelle classi nell’esercizio della loro funzione.”

Contro l’aridità delle prove Invalsi

Concludo, ponendo attenzione al superamento del modello americano, che riduce tutto a prestazione, alla “superficie dell’apprendimento”, rinunciando alla profondità. Mi riferisco alle prove Invalsi. Si legge: “Le  prove INVALSI, d’altra parte, hanno contribuito a impoverire la didattica, snaturando e condizionando le attività educativo-didattiche. Da strumento si sono imposte come fine da raggiungere, gerarchizzando, standardizzando, infine, generando una didattica finalizzata solo alla prestazione finale (come in un quiz a premi) e asservita alla valutazione delle competenze, per queste ragioni vanno indicate come attività totalmente facoltativa.”
Documento importante e strategico e continuamente aggiornato   che il nuovo governo dovrà tener conto.

 

Pubblicato in Opinioni | Contrassegnato , , | Commenti disabilitati su “Professione insegnante”, 12 proposte dalla scuola

On. Maria Stella Gelmini, la pessima biografia ministeriale

On. Maria Stella Gelmini

Un ritorno della Gelmini al Miur? Meglio di no, visti i suoi provvedimenti

Maria Stella Gelmini, il centodestra ha ipotizzato un suo ritorno a Viale Trastavere.  E’ bene per la nostra memoria ricordare i suoi atti politici

I pessimi provvedimenti dell’On. Maria Stella Gelmini

Dieci anni fa la scuola ha subito uno “tsunami” di sistema. Questo ha riguardato la dimensione pedagogica, didattica, amministrativa e contrattuale. Il responsabile si chiama M. Stella Gelmini. Lei ha “obbedito a tutti gli ordini” del suo mentore ( Berlusconi ), che a riguardo della scuola pubblica ha sempre espresso supponenza e disprezzo, perché espressione del ” comunismo italiano”.
Analizziamo alcuni provvedimenti.
Salasso di 8 miliardi di €. Risorse in vari modo tolte alla scuola;
Le classi pollaio, istituzionalizzate con la legge 133/2008 art 64;
Smantellamento della legge 148/90 ( Riforma scuola elementare ). Abolite le compresenze, i moduli didattici ( legge 133 del 2008 .  Si legga ” Il modulo è morto…” ) fortemente depotenziato il tempo pieno e ripristinato il maestro unico ( decreto-legge 137/2008);
Il blocco del contratto   (Legge di Stabilità 2010);
Mancata restituzione  dei 2.400 milioni. M. Stella Gelmini aveva promesso che il 30% dei tagli della scuola, sarebbero tornati ad essa sotto la voce della “premialità”. Bene, questi risparmi sono spariti dai radar. E l’on. Maria Stella Gelmini non ne ha più parlato;
Decreto Brunetta (2009) che ha inasprito le sanzioni,  introdotto il merito stipendiale e depotenziato il contratto.

Pubblicato in Opinioni, Tutti gli articoli | Commenti disabilitati su On. Maria Stella Gelmini, la pessima biografia ministeriale

Matteo Renzi, lo aveva anticipato…

Matteo Renzi

Non era difficile prevenire la sconfitta. Occorreva solo ascoltare veramente.

Matteo Renzi, lo aveva annunciato qualche giorno fa. E il risultato elettorale lo ha confermato. Da N. Pagnoncelli arriva anche la conferma.

La dichiarazione di Matteo Renzi

A meta febbraio M. Renzi aveva lasciato questa intervista-profetica:
“Matteo Renzi ha dichiarato  a Rtl (13.02.18); “il suo Governo ha investito tanto nel settore, ha approvato una riforma importante, la Legge 107/15, ma ha raccolto pochissimo. Soprattutto in fatto di consensi. Perchè, ha detto, il 97% dei docenti ce l’ha con loro. “tecnicadellalscuola.it).

Era sufficiente “leggere il Web”

Questa opposizione poteva essere ridotta, contenuta. Occorreva ascoltare veramente gli insegnanti. Non limitarsi ai semplici annunci, finalizzati solo a confondere. Certamente non a cambiare lo scenario.
Spesso il politico vive in una torre d’avorio. Quindi la “vox populi” non arriva. Quando gli giunge alle orecchie, spesso è “filtrata” dai collaboratori e in alcuni casi “distorta”. Pertanto    era sufficiente andare dietro alle “briciole di pane”, disseminate nel Web per capire il malessere. Un esempio: “Avete avuto un atteggiamento da non ascoltatori, e pretendevate che molti vi ascoltassero. Perché? Il 40% degli italiani ha votato SI, il 60% ha votato NO, tra cui moltissimi docenti hanno votato NO, ma avrebbero votato SI se aveste lasciato le leggi così come erano, senza la manomissione sindacalista.
Perché è verissimo che molte riforme sono buone, ma avete mai chiesto a noi popolo dell’elettorato, cosa ne pensavamo? Avete mai ascoltato la nostra opinione? Dopo aver preso la lettera dei #NastriniRossiDocenti, l’avete letta per 30 secondi?”

Quindi…

Quindi  non era difficile ipotizzare il calo. Meno il tracollo.
Estremamente interessanti sono i dati emersi da un recentissimo sondaggio realizzato dal noto istituto di Pagnoncelli, Ipsos. Si legge: “secondo tali risultati, pubblicati anche sul Sole24Ore, i lavoratori della scuola e più in generale della Pubblica Amministrazione, non hanno affatto gradito l’operato degli ultimi governi targati PD. Emergerebbe, infatti, come tra i dipendenti della scuola il 31,6% ha votato il Movimento 5 Stelle, tale percentuale sale ancora di più se si considera tutti i dipendenti pubblici (quasi il 41,6%).”
Le elezioni hanno decretato il fallimento del “Partito della Nazione”, teorizzato inizialmente da W. Veltroni. In altri termini è fallito il progetto “democratico-riformista” o per dirla con il filosofo ultramarxista E. Bloch, il profilo di una destra, mascherata dai colori rossi della sinistra.
Come dice un noto proverbio “Chi è causa del suo mal pianga se stesso”

 

 

 

Pubblicato in Legge 107/05, Tutti gli articoli | Contrassegnato , , | Commenti disabilitati su Matteo Renzi, lo aveva anticipato…

Classi pollaio, il grido del pedagogico

Classi pollaio

Le classi pollaio sono un esempio del tramonto della pedagogia e quindi dell’uomo.

Classi pollaio, un’invenzione della destra, confermata e resa ancora più impresentabile da M. Renzi  con le classi superpollaio. Esprime il vuoto pedagogico, sostituito dalla logica finanziaria. La dichiarazione di U. Galimberti intende rimettere in gioco la persona.

La dichiarazione di U. Galimberti

Ha dichiarato U. Galimberti, filosofo “greco”: ” Per educare e seguire davvero l’educazione servono classi di 12-15 ragazzi. Finché avremo classi di 30-35, persone vorrà dire che abbiamo deciso che nelle nostre scuole non si educa. L’educazione è educare la parte emotiva dei ragazzi, vedere le differenze tra i ragazzi. Altrimenti si resta al livello impulsivo”

Un’interessante ripetizione

Nella breve dichiarazione si nota che “educare” nelle sue diverse declinazioni è ripetuto quattro volte. Un caso? Non credo! Difficilmente i filosofi sono distratti quando parlano. Nel loro “modus pensandi”, la parola non è mai liquida, inessenziale. “Il verbo si fece carne”. Ogni parola, periodo è ben “pesato”, e pesante, perché denso di contenuti.
Quindi se U. Galimberti ripete l’educazione quattro volte, significa che si è perso l’uomo, la persona e il suo futuro. E’ la parabola finale, iniziata con la “morte di Dio” (F. Nietzsche) che  inevitabilmente ha travolto anche l’uomo.  M. Recalcati parla spesso della morte del padre, archetipo di Dio.

Le classi pollaio, espressione del Nulla

Detto questo non è difficile collocare e definire le classi pollaio. Esprime il tramonto, la fine dell’educazione. Meglio la sua assenza. Questa infatti, richiama la discesa verso il Nulla. Dimensione che non è caratterizzata dal “non”, ma dal verbo essere. Qual è allora il profilo a cui si tende? Un uomo e un cittadino incapace di pensare criticamente, perché governato dal fascio delle sensazioni, eterodiretto, multiforme. Quindi un “io liquido”, contrapposto a quello “denso”. Sconcerta, e concludo, che la sinistra abbia accettato questo ruolo di subalternità al credo finanzcapitalismo, rinunciando a contrapporsi ad esso. Il tramonto della scuola  ne ė l’esempio.

Pubblicato in Classi pollaio | Contrassegnato , , | Commenti disabilitati su Classi pollaio, il grido del pedagogico

Facebook, un preoccupante abbandono!

Facebook

Oltre Facebook  esiste una dimensione dark, molto preoccupante

Facebook, rappresenta il conosciuto dei genitori, identificandolo come l’ambiente più frequentato dai propri ragazzi. Non è più così. E questo preoccupa!

Facebook, uno specchietto per allodole

Fino a due-tre anni fa, Facebook era molto frequentato dai ragazzi. I genitori si sentivano abbastanza rincuorati da questa scelta. Grande sottovalutazione dei rischi insiti in un social network ( e non solo). Mi riferisco ai furti d’identità, alle maldestre condivisioni o a inadeguati  filtri “privacy”…
Nel frattempo molto è cambiato! Non i genitori che sono rimasti praticamente fermi! Si registra qualche timido aggiornamento del loro conosciuto. Mi riferisco a Instagram, WhatsApp. I ragazzi, invece, stanno discretamente disertando il Social Network più famoso.  I profili assomigliano a delle navi  senza timone e guida. Non vengono chiusi! Servono a illudere di una presenza! Rappresentano i classici specchietti per le allodole. Servono a distrarre!  Nulla più!

I numeri e i motivi di una diaspora

L’abbandono è più di una sensazione. Sono gli stessi responsabili del Social ad ammettere il calo. Si legge “Stando a quanto riportato nell’ultima report trimestrale della società, il numero è passato da 185 a 184 milioni. Un calo contenuto, ma che rappresenta comunque un segnale preoccupante per l’azienda di Menlo Park. L’aspetto più importante, però, è la fascia demografica in cui è avvenuto il declino: nel 2017, l’utenza tra i 12 e i 17 anni è infatti scesa del 9,9%. Nel complesso, il social network fondato da Mark Zuckerberg sembra perdere terreno tra i giovani al di sotto dei 25 anni, facendo segnare un saldo negativo di 2,8 milioni. La tendenza, secondo alcune ricerche, è confermata anche in Italia.”
Il motivo di questa diaspora? La consapevolezza di poter esser “visti”, letti anche dai genitori. I nostri ragazzi non sono molto propensi a condividere il loro mondo. Un universo parallelo, non comunicante con quello degli adulti, da cui si mantengono alla larga. In questo universo essi possono manifestare  le loro “identità multiple” finalizzate a nascondere o ad esaltare aspetti del loro io fisico e personale ancora in costruzione.

Oltre Instagram, esiste un tunnel 

 L’articolo citato presenta Instagram come il principale capolinea  del viaggio dei nostri nativi digitali. Si legge” Il primo approdo è Instagram, che in Italia ha raggiunto quota 14 milioni di iscritti (contro i 30 di Facebook) e nel mondo può contare su 800 milioni di utenti attivi, il 59% dei quali compresi in un’età che va dai 18 ai 29 anni.” Abituato a dare importanza ai dati, non potrei smentire questi numeri. Ritengo, però, che esista un mondo più dark, maggiormente attento a rispondere ai bisogni dei giovani utenti, proponendo  chat segrete ( modalità end to end) e sull’anonimato.  Ambienti costituiti da social, applicazioni e IM che partendo dal modello “Snapchat”  stanno lentamente, ma progressivamente conquistando l’attenzione dei nostri ragazzi, come ad esempio Burn Note e Periscope, Meerkat. E non è finita! Secret permette di postare messaggi, foto chattare   in assoluto anonimato; Truth consente di inviare messaggi anonimi ai contatti presenti sul proprio smartphone, anche se il destinatario non ha l’app, installata. Pochi esempi per comprendere quanto sia variegato e dinamico l’universo virtuale oltre Facebook e Instagram.

E i genitori?

Tutto questo richiede genitori “aggressivi”. L’espressione non rimanda a manifestazioni violente, bensì alla volontà di rientrare in gioco nella dinamica educatica con competenza e autorevolezza. Se questo non accadrà, allora rimarrà il mercato retto dal Thanatos e dall’Eros, finalizzati al guadagno!

Pubblicato in Cyberbullismo | Commenti disabilitati su Facebook, un preoccupante abbandono!

Istat, rapporto sulla conoscenza, solo utile

 

Istat

Una rapporto interessante, ma troppo sbilanciato verso l’utile

L’Istat, ha pubblicato un interessante rapporto sulla conoscenza.
Non lasciamoci fuorviare dal titolo. L’analisi non riguarda il gradino più basso dell’apprendimento. E’  lo stesso documento a chiarire l’oggetto della sua analisi: le competenze.
Il taglio costituisce, però, anche il suo limite. Il sottotitolo, infatti, definisce il contesto: “Economia e  società”.  Si legge nel documento: “Con riferimento al quadro teorico appena abbozzato nei paragrafi precedenti, il Rapporto utilizza il concetto di informazione economica, ossia di sapere utile. In questa prospettiva, si concentra primariamente sui modi e sui processi con cui la conoscenza si crea, si trasmette e si utilizza nell’economia e nella società, attraverso una selezione delle dimensioni rilevanti, misurate in termini quantitativi con opportuni indicatori. Prende in considerazione anche i fenomeni emergenti, trattati con indicatori e fonti nuove, gli strumenti che favoriscono lo sviluppo della conoscenza e le sfide per le politiche”.
Quindi chi cerca approfondimenti sul sapere gratuito, disinteressato rimarrà deluso. Decisiva, infatti,  l’attenzione al cittadino, meno all’uomo.  Tutti i capitoli sono accomunati da questa attenzione alla conoscenza utile e quindi alla formazione “ricercata” dal mondo della produzione.
Ne consiglio comunque la lettura per comprendere  meglio le caratteristiche della società liquida, tecnica e tecnologica.

Pubblicato in Opinioni | Contrassegnato , , | Commenti disabilitati su Istat, rapporto sulla conoscenza, solo utile

Salvatore Giuliano, l’ambivalenza di una scelta

Salvatore Giuliano

Una scelta incomprensibile. Un brutto esempio di strategia politica.

Salvatore Giuliano, Dirigente Scolastico a Brindisi, possibile Ministro dell’Istruzione?
Molti dubbi! Quando tra il dire e il fare c’è di mezzo il mare!

Salvatore Giuliano, una scelta non organica

In queste ore la scuola è in fermento. Fa discutere la scelta del M5S di destinare al Miur S. Giuliano. L’errore strategico, che potrebbe  voti, è di comunicazione e di sostanza. Le due dimensioni sono intrisecamente legate.  Risultato: la confusione regna soto il cielo!
Non si comprendono i criteri che hanno convinto l’On. Di Maio a scegliere una personalità, che sta contribuendo a migliorare il suo Istituto, ma che ha purtroppo uno “scheletro nell’armadio”: aver contribuito ad elaborare la Buona Scuola. E questo lo rende poco affidabile, estraneo rispetto al programma della scuola del Movimento.

I fatti

Come sempre, riporto alcuni fatti.
Ha dichiarato M. Renzi: “Salvatore Giuliano è un nostro amico, è un consulente della Giannini e della Fedeli. È un preside, anche bravo, che ci ha aiutato a scrivere la riforma della Buona scuola. In tanti momenti, anche di polemiche e insulti, lo ricordo darmi il sostegno pubblico: “presidente sono con lei, vada avanti”.
Nel 2015 il Preside era entusiasta delle politiche renziane sulla scuola.
L’ex Ministro Giannini, fissa il suo impegno organico con la “Buona Scuola” al 2016.

E potrei continuare.
L’altro giorno (1 marzo) il candidato ha dichiarato all’Aria che tira che la “Buona Scuola non va abolita, ma solo superata e migliorata” . Affermazione contradditoria, come è possibile mettere d’accordo le espressioni “Non va abolita”, con  “ma solo superata”, mi riesce difficile comprenderlo.

Una buffa e impacciata toppa

Subito dopo il Preside ha rettificato e chiarito la sua posizione, confermando una certa ambiguità:
“Buona Scuola? Tutta da buttare e da riscrivere da capo. Alle assunzioni fatte, e che restano, ne faremo altre. Ci tengo a far sapere inoltre che mi sono dimesso dal sindacato ANP il giorno successivo alla dichiarazione avvenuta in un convegno, dove ANP utilizzava il termine “docente contrastivo” con riferimento ai docenti contrari alla buona scuola. La buona scuola è un provvedimento disastroso, che ha distrutto la vita di migliaia di insegnanti. Le mie parole sono state strumentalizzate”.

Una proposta, forse tardiva

Considerata la bufera, era auspicabile una rinuncia al potenziale incarico. E questo avrebbe azzerato le polemiche . Nulla è perduto! Si può sempre rimediare. Forse!  Sicuramente questo condizionerà il voto di oggi. Difficile quantificarne l’effetto. Occorre partire dal 97% degli insegnanti contrari alla “Buona Scuola” dichiarato da M.  Renzi Percentuale sicuramente preoccupante!
Non si comprende perchè la scelta non sia ricaduta su Laura Granato, da sempre contro “La Buona Scuola”. Sarebbe stata una scelta coerente e organica rispetto al programma.

Pubblicato in Legge 107/05, Opinioni | Contrassegnato , , | Commenti disabilitati su Salvatore Giuliano, l’ambivalenza di una scelta

Classi pollaio, la Costituzione “dimenticata”

Classi pollaio

Costituzione vs Classi pollaio

Classi pollaio vs Costituzione. La prima risponde a criteri di ottimizzazione; la seconda invece formalizza l’inclusione, il diritto allo studio sostanziale. Quindi…

Costituzione, un articolo impegnativo

“Tutti i cittadini hanno pari dignità sociale  e sono eguali davanti alla legge, senza distinzione di sesso, di razza, di lingua, di religione,  di opinioni politiche  di condizioni personali e sociali.
E` compito della Repubblica rimuovere gli ostacoli di ordine economico e sociale, che, limitando di fatto la libertà e l’eguaglianza dei cittadini, impediscono il pieno sviluppo della persona umana e l’effettiva partecipazione di tutti i lavoratori all’organizzazione politica, economica e sociale del Paese.” Art. 3 della Costituzione
Da questo articolo nasce la scuola non selettiva, che accoglie tutti. Quindi un’istituzione “aperta a tutti”. La diversità è assunta come paradigma della realtà, senza però divenire condizionante l’azione dell’istituzione per il pieno sviluppo della persona. E’  la scuola che si prende “cura” di ogni studente,inteso non come idealtipo, bensì come un  soggetto concreto, fondato sulla diversitá come cornice naturale e dimensione progettuale.

“Senza se e senza ma”

L’assunzione della realtà come principio regolatore, impegna la Repubblica “senza se e senza a individuare soluzioni organizzative  per dare sostanza all’inclusione, che passa attraverso l’attuazione del diritto allo studio sostanziale. Questo si concretizza in conoscenze, capacità e competenze che coinvolgono tutta la persona e quindi dimensioni ” multipiano” che vanno oltre il cognitivo.

Le classi pollaio guardano altrove

Tutto questo con le classi pollaio (governo Berlusconi, 2009) e superpollaio (governo Renzi, 2015) é azzerato. Si torna indietro! Ad un contesto precedente il tempo pieno (L.820/71), il diritto allo studio sostanziale (L.517/77)… Torna ad affermarsi la diversitá, intesa non come valore, ma come ostacolo alla piena realizzazione della persona. La pedagogia é declassata, diventa un guscio vuoto, che si declina in una promozione solo formale, perché non sostenuta da nuove configurazioni cognitive, socio-relazionali… Il nuovo paradigma é la promozione senza formazione. Tutto questo favorisce la riduzione dell’impegno della Repubblica, finalizzato a consolidare le differenze, a mantenere i punti di partenza, a confermare l’immodificabilitá della realtà. Tutto facile! Troppo facile! Da qui perdono ogni significato espressioni come “compito”, “impresa”, allontanandosi dai principi della Costituzione, sostituiti da altri che non fanno parte della nostra tradizione culturale. Con quali risultati? ” Lo scopriremo solo vivendo” ( L. Battisti).

Pubblicato in Classi pollaio | Contrassegnato , , | Commenti disabilitati su Classi pollaio, la Costituzione “dimenticata”

Il “disegno” delle classi pollaio e dintorni

 

Il disegno delle classi pollaio

Le classi pollaio e superpollaio sono decisioni funzionali al “turbocapitalismo”

Il disegno delle classi pollaio e superpollaio non è difficile individuarlo. Sono un’ organizzazione estranea, un malware  che stanno gradualmente depotenziando l’istituzione scolastica. Coerentemente con una visione che intende la formazione come l’ acquisizione di conoscenze e abilità minime.

Le classi pollaio e superpollaio

Queste due organizzazioni volute dal governo Berlusconi (2009) e da quello di Renzi si fondano sul Nulla pedagogico. Con questa espressione intendo l’assenza di qualsiasi elemento formativo che giustifichi la loro presenza a scuola. Il loro fondamento risiede nel “finanzcapitalismo” (L. Gallino). Da qui si comprende la percezione di estraneità rispetto alla formazione che ha giustificato la presenza della scuola nel contesto sociale.

” Occorre osservare la foresta e non l’albero”

Ma andiamo più in profondità, cercando di seguire l’indicazione di F. Hegel che esalta la verticalità e poi l’orizzontalità della prospettiva.
Qual è la funzione delle classi pollaio e superpollaio? Semplicemente quella di depotenziare la formazione alta, profonda che si declina nella riflessione, nel pensiero critico, nella competenza di trasformare l’iperinformazione in conoscenze…
“Scendo” ancora in profondità. Ha dichiarato recentemente il Prof Dominici che insegna Comunicazione pubblica e Attività di Intelligence presso l’Università degli studi di Perugia “Oggi, come mai in passato, occorre recuperare le dimensioni complesse della complessità educativa: l’empatia, il pensiero critico, una visione sistemica dei fenomeni, l’educazione alla comunicazione, oltre a dimensioni che abbiamo volutamente rimosso, come l’immaginario e la creatività. Significa ripensare lo spazio relazionale e comunicativo dentro le istituzioni formative ed educative, rilanciare l’educazione nella prospettiva sistemica di una educazione che non può che essere socio-emotiva. Il “grande equivoco” dell’educazione nella civiltà ipertecnologica è proprio quello di pensare che siano necessarie un’educazione e una formazione squisitamente di natura tecnica e/o tecnologica; proprio il contrario di ciò di cui avremmo e avremo disperatamente bisogno.”

Fornire una formazione essenziale

Come afferma da sempre il filosofo D. Fusaro, il “turbocapitalismo” ha bisogno di meri esecutori, di operai specializzati, non di teste pensanti. Formare tanti “io” facilmente manipolabili, dove l’identità è sempre liquida perché dipendente dagli input massmediologici. Siamo alla riduzione dell’io “come fascio di sensazioni” (D. Hume)
Solo queste persone “troveranno subito lavoro una volta terminato il periodo di studi.”
La prospettiva è coerente con la posizione del nostro Paese  verso la formazione alta e profonda. Di questa non sa che farsene! E un di più! Non necessaria! E questo si declina con soggetti incapaci di comprendere un breve testo, di scrivere in modo complesso, di argomentare le proprie posizioni, svincolandosi dall’empatia dell’informazione costruita…
Tutto questo è stato confermato dal recente Rapporto Istat sulla conoscenza.
Non è una bella prospettiva! Se questa scelta sarà confermata depotenziando il valore formativo della scuola, anche attraverso le classi pollaio e superpollaio, avremo un numero enorme di persone prive di pensiero critico e quindi facilmente manipolabili. Poveri noi!

 

Pubblicato in Classi pollaio, Tutti gli articoli | Contrassegnato , , | Commenti disabilitati su Il “disegno” delle classi pollaio e dintorni

Denuncia insegnante, chi le restituirà la sua vita?

Denuncia insegnante

Spesso le denunce portano al burnout. E una volta entrati non si torna indietro!

Denuncia insegnante per diffamazione. Una brutta storia| Direi pessima! Purtoppo non esiste la possibilità di “riavvolgere” il nastro. Le ferite rimangono. Per sempre

 La lettera, il fatto!

Un insegnante Scrive a V. Lodolo, esperto in burnout:
Gentile dottore, sono una docente con 30 anni di insegnamento senza demerito alcuno (anzi) quando vengo denunciata per “diffamazione aggravata” nel marzo 2014 da una mia studentessa per averle comminato una nota disciplinare sul registro elettronico in cui definisco il comportamento della ragazza “estremamente maleducato” (se vorrà le dirò a cosa mi riferivo). Inizia per me un incubo: dimagrisco, perdo capelli, perdo il sonno, finisco in ospedale per sospetto attacco cardiaco (era “solo” un attacco di panico); l’incubo finisce 13 mesi dopo con archiviazione del caso da parte di un magistrato che non solo ritiene infondata la notizia di reato, ma che ritiene la mia condotta “estrinsecazione dei doveri di insegnante/educatrice”. L’avvocato penalista me lo sono però dovuta pagare io, l’assicurazione della scuola si è data alla macchia, io e la mia famiglia per sostenere la spesa non siamo andati in vacanza in estate. Anche queste sono pugnalate, mi creda…

Non esiste il “rewind”

 L’insegnante si è ammalata di burnout. Il giudice, però, riconosce che la nota sul registro è coerente con i “doveri di insegnante/educatrice”.
Purtroppo dietro di sè, lascia solo macerie e un “pezzo di vita” che non tornerà più! Ai suoi affetti, al suo mondo e ai suoi sogni. Probabilmente distrutti anche dal sentirsi abbandonata dalle istituzioni. Non emerge la presenza dell’Amministrazione!
Un altro fatto mi viene in mente. Più pesante! Rignano Flaminio. Scuola dell’infanzia O. Rovere. Cinque imputati chiamati in causa per presunte violenze ai piccoli alunni. Sono  le maestre Marisa Pucci, Silvana Magalotti e Patrizia Del Meglio, la bidella Cristina Lunerti e l’autore televisivo Gianfranco Scancarello.  Bene dopo quasi dieci anni tutti assolti!
E poi dicono che il nostro lavoro è leggero, a “bassa complessità”, finendo con i luoghi comuni dei “tre mesi di ferie estive, quindi giorni a Natale e sette a Pasqua”

Pubblicato in Opinioni | Contrassegnato , , | Commenti disabilitati su Denuncia insegnante, chi le restituirà la sua vita?

Violenza sugli insegnanti (3), Il Miur parte civile…

Violenza sugli insegnanti

Interessante Iniziativa dell’AND ! E il Miur tace…

Violenza sugli insegnanti, tante parole e denunce. Finalmente un’azione concreta dell’AND ( Associazione Nazionale Docenti). Dispiace e preoccupa l’inazione del Miur. Eppure, oltre l’azione legale ci sono altre azioni da intraprendere. Miur “se ci sei, batti un  colpo!”

Violenza sugli insegnanti, finalmente un atto concreto

Finora l’amministrazione e la parte politica si sono limitati a rispettare il protocollo: comunicati   e telefonate di solidarietà. Punto.
L’AND va oltre, offrendo un aiuto più concreto. Si legge“Il continuo ripetersi di gravi atti di violenza nei confronti dei docenti, espressione di un diffuso malessere sociale che appare trovare nella scuola il luogo privilegiato di sfogo, denota una situazione preoccupante e allarmante…intende costituirsi parte civile nei procedimenti penali di prossima instaurazione, a difesa degli interessi dell’intera categoria, per affermarne e reintegrarne la dignità professionale e avvierà azioni legali autonome contro ogni forma di attacco che possa riguardare anche singoli docenti e i cui effetti si riverberino su tutta la categoria.”

Un compito del Miur

Bella iniziativa! L’insegnante si sentirà meno solo nell’affermazione della propria dignità umana e professionale.
Chiedo: il compito di difendere i propri sipendenti non spetterebbe al Miur? E’ così difficile pensare che una pacca sulla spalla o una stretta di mano, non risolvono nulla! Dopo il momento di gloria, rimarrebbe l’azione personale (= solitudine) dell’insegnante nella presentazione della denuncia e nell’attivazione degli adempimenti per il processo civile e penale…

Altre proposte

Pertanto il Miur dovrebeb costituirsi parte civile, afianco del suo dipendente. A questo aggiungo:
1) assicurazione sanitaria e civile a tutti gli insegnanti, soprattutto a quelli che operano in contesti difficili;
2) attribuzione d’ufficio di x anni ai fini pensionistici. Il numero di anni dipende dalla gravità del danno subìto, da formalizzare in una tabella ministeriale.
Ritengo più concrete queste proposte. Senza dimenticare   il sostegno amministrativo  nella causa civile. Quest’ultima favorirebbe le denunce degli insegnanti, che ricordo sono dei pubblici ufficiali!

Pubblicato in Opinioni, Tutti gli articoli | Commenti disabilitati su Violenza sugli insegnanti (3), Il Miur parte civile…

Violenza sugli insegnanti (2), ormai è un bollettino di guerra!

Violenza sugli insegnanti

Insegnanti sotto assedio. E’ un bollettino di guerra con destinazione “il Pronto soccorso”

Violenza sugli insegnanti, un quadro desolante

Violenza sugli insegnanti. Premesso: se consideriamo il totale degli insegnanti, i casi di violenza verbale o fisica sui docenti sono lo zero virgola. Questo però non deve indurre a sminuire la gravità dei fatti. Segnali inquietanti di una deriva postmoderna, declinata nel tramonto di ogni punto di riferimento,  del principio di autorità e di rispetto verso la persona. Chiusi nel proprio “particulare”, ognuno è una “monade senza finestre”.  L’espansione sociale di questo particulare assume le caratteristiche del “familismo amorale” che si contrappone al sentire comune, ampliando il tasso di conflittualità e di violenza .

Un elenco, un bollettino di guerra!

Detto questo, l’elenco degli ultimi eventi che hanno visto coinvolti gli insegnanti, è un bollettino di guerra. In un caso la violenza è psicologica. In un altro poi le proecdure non aiutano. Auguriamoci di non dover riferire di conseguenze ancora più gravi
1) Alunno sferra un pugno in faccia a una docente

2) Docente aggredito a Foggia

3) Minaccia con le forbici il docente

4) Docente percosso e rottura costola

5) Botte alla maestra 

6) Prof mandato all’ospedale  da bullo

7) Docente denunciato per nota disciplinare 

8) Prof.ssa sfgregiata

9) Docente coinvolto in un procedimento disciplinare. Perché solo lui?

 

Pubblicato in Opinioni, Tutti gli articoli | Commenti disabilitati su Violenza sugli insegnanti (2), ormai è un bollettino di guerra!

Violenze sugli insegnanti,iniziamo a reagire

Le violenze sugli insegnanti

E’ ora di reagire, partendo da una sentenza

Violenze sugli insegnanti

Violenze sugli insegnanti, è diventata una moda offendere , picchiare i docenti. E’ la deriva del postmoderno.  E’ l’eclissi del principio d’autorità. E non solo. Esprime l’ambivalenza del rapporto tra la famiglia e la scuola. Delega limitata fino a quando… si resta nella sfera del piacere per il ragazzo. Se l’intervento della scuola è caratterizz