Presentazione 1° capitolo “Online Collaboration”

Con il gruppo degli studenti del mio istituto abbiamo iniziato lo studio del modulo “Online collaboration”
Non è un modulo semplice per i nostri ragazzi. Pertanto ho pensato di semplificare  il loro compito attraverso questa presentazione, arricchita, ovviamente dai contenuti proposti oralmente.
E’ stata molto gradita da loro.
Il modulo mi consentirà delle aperture “rapide”  sulle trappole da evitare per non cadere nella rete dei cyberbulli.
La metto a disposizione.
1° capitolo 

Pubblicato in Tutti gli articoli | Commenti disabilitati su Presentazione 1° capitolo “Online Collaboration”

Primi effetti della ritirata di Renzi

 

La decisione di M. Renzi di “sparire mediaticamente” dopo la sconfitta referendaria, inizia ad avere i suoi effetti. Le persone iniziano a dimenticare i fatti. Ad essi subentrano le opinioni e peggio ancora l’oblio.
A cosa mi riferisco? Al sondaggio di N. Pagnoncelli presentato a ” Dimartedi” (17.01.17).
Si chiedeva di individuare i responsabili del buco di 3,4 miliardi di €, certificati dalla Comunità Europea. Bene, direi male, il 65% degli intervistati si divide tra un’opinione   non fondata sui fatti ( “accanimento dell’Europa…)  e una totale perdita di memoria  ( “Non sa, e non indica” ), ignorando che l’origine di questo guaio finanziario è da ricercare nella legge di Stabilità 2017, proposta da Renzi.
Mi sembra di rivivere la stessa situazione quando Berlusconi, costretto nel novembre 2011 alle dimissioni, adottò la stessa tattica di ritirata mediatica, riuscendo poi nell’aprile 2013  a contenere l’emoraggia di voti, che sarebbe stata più pesante se si fosse votato nel 2011.
I motivi di questa scomparsa dei fatti sono difficili da individuare. Sicuramente una causa è da individuare nella scarsa tendenza delle persone ad informarsi, a leggere ( cfr Rapporto lettura Istat 2015 ). A questa si può aggiungere anche la condizione di precarietà lavorativa  nella quale vivono tante famiglie e persone , costrette a fare i conti con situazioni ed esigenze elementari o quasi. E questo costringe a rinunciare all’acquisto di libro, di un giornale. Indubbiamente oggi le fonti di lettura sono più diversificate,  grazie al Web. Rimane, però, il dato: le persone leggono poco! Mi riferisco alla lettura profonda, quella che ti costringe a isolarti, perché l’analisi che poi si conclude con la sintesi, richiede impegno mentale e cognitivo.
Attendiamoci nei prossimi mesi altre perdite di fatti, anche sulla “Buona Scuola”.  Il nostro impegno sarà quello di riportarli in “pole position” proteggendoli dall’oblio.

Pubblicato in Tutti gli articoli | Commenti disabilitati su Primi effetti della ritirata di Renzi

La Giannini ha passato il testimone…


Un minuto dopo le dimissioni di Matteo Renzi da Premier, ho provato a mettere in guardia tanti miei colleghi  dall’idealizzare eccessivamente il dopo-Giannini. Il motivo: qualunque governo deve rispettare il copione imposto dal finanz-capitalismo che dietro l’Euro persegue la svalutazione interna ( abbassamento e perdita d’acquisto dei salari, licenziamenti, riduzione delle pensioni…), riducendo e polverizzando i diritti sociali ( istruzione, sanità, lavoro ). Declinando questo quadro nel contesto dell’istruzione, significa concludere “lo sviluppo” della legge 107/15 attraverso l’approvazione di otto deleghe su nove. Non comprendo la reazione e lo stupore di molti miei colleghi dopo l’ok sulle deleghe.   Il ministro aveva scritto nell’atto d’indirizzo del 2017 che intendeva “proseguire nel processo di implementazione e di completa attuazione della legge 107 del 2015″ ( pensiero ribadito dopo l’approvazione delle deleghe: ” Come ha detto Gentiloni le riforme non si fermano”). Del resto Valeria Fedeli  aveva già espresso il suo appoggio alla “Buona Scuola” votandola come parlamentare.
La 107/15 è stata pensata da soggetti extrascolastici con il fine  di dividere i docenti, indebolendoli, di depotenziare la formazione e l’istruzione con la conferma delle classi-pollaio, di aumentare i carichi di lavoro a fronte di un compenso inadeguato….
Tutto questo ha il fine di sottrarre entusiasmo ai docenti,  demotivandoli.  Ottima condizione per lavorare senza passione, producendo risultati sempre più inaccettabili  per una scuola da chiudere in temi rapidi.
La continuità tra la Giannini e l’attuale Ministro, inoltre,  si riscontra nelle dichiarazioni. In un intervista, una delle tante, la responsabile del Miur del governo Renzi, a proposito degli stipendi degli insegnanti, diceva: “Raddoppiare mi sembra eccessivo. Ma arrivare almeno alla soglia dignitosa dei 2000 euro mensili credo sia il minimo” Qualche giorno fa il Ministro Fedeli, riprendeva la strategia del “lisciare” gli insegnanti dichiarando:”Da marzo cominceremo a scrivere l’atto di indirizzo per il contratto. E’ un tema molto importante. Vorrei inserire nel contratto il tema della continuità didattica che penso sia molto importante…Vorrei dal prossimo settembre che gli studenti trovassero i loro insegnanti in cattedra e possibilmente per tre anni. La continuità va incentivata».
Difficile non individuare la stessa strategia comunicativa in queste dichiarazioni: annunciare futuri radiosi per gli insegnanti , lasciandoli poi nella pratica con un pugno di mosche in mano.

Pubblicato in Tutti gli articoli | Commenti disabilitati su La Giannini ha passato il testimone…

Cyberbullismo. Shitstorm” tempesta di escrementi”


Il fenomeno dello “Shitsform” ( tempesta di escrementi) , nato con Facebook è emigrato in un servizio di messaggistica istantanea chiamato “Telegram” ( il “Fatto Quotidiano” di oggi ).
Rispetto al Social più diffuso, la tecnica si è aggiornata e contestualizzata allo strumento:  rubare l’ identità del ragazzo, depositarla su canali preposti  e poi scatenare contro di loro il “branco virtuale”, dove domina la pseudo-certezza di poter fare qualunque cosa perché anonimi e invisibili.
Questa migrazione è insidiosa, perché i genitori verso questo servizio IM potrebbero avere le difese abbassate. Quindi occhio non solo su Facebook, Instagram, Snapchat…
Ricordiamoci che molti bambini e ragazzi possiedono uno smarthphone definito da M. Spitzer ” il coltellino svizzero” e quindi ogni volta che lo usano ad esempio per scambiarsi messaggi.  occhi indiscreti potrebbero essere  lì a guardare.

Pubblicato in Tutti gli articoli | Commenti disabilitati su Cyberbullismo. Shitstorm” tempesta di escrementi”

L’insegnamento ( non unico ) di Z. Bauman

In questi giorni ci ha lasciato per sempre Z. Baumann.
“Liquidità”. Con questo termine il sociologo polacco è riuscito a “fotografare” magistralmente il nostro contesto, decretandone la sua fama, anche fuori dal contesto accademico.
Questo si contrappone a quello denso, caratterizzato da certezze e linearità esistenziale.
L’intervento che riporto qui sotto va a braccetto con una delle affermazioni di K. Popper, divenuta poi il titolo di un suo libro ” Tutta la vita è risolvere problemi”.
Personalmente sono convinto che si “rinasce” più uomini e donne, si consolida quel “senso della terra” ( F. Nietzsche ) ogni volta che affrontiamo a ” muso duro” un problema. Certo, L’esito positivo, la “fuoriuscita dal problema”  poi dipende da una serie di circostanze non sempre da noi governabili.
“L’esperienza dei problemi” poi ha un ulteriore merito: promuovere la resilienza, che sinteticamente è quella competenza ad individuare il positivo in situazioni traumatiche, divenendo la spinta vitale per uscire dall’angolo nel quale l’evento ci ha costretto.  Questa è la via per la felicità!
Grazie Z, Bauman e che “la terra ti sia lieve”!
Intervento di Z. Baumann

Pubblicato in Tutti gli articoli | Commenti disabilitati su L’insegnamento ( non unico ) di Z. Bauman

“Cyberbulli al tappeto”

L’età di coloro che entrano nel Web si sta abbassando in modo significativo. E questo grazie agli smartphone,  definiti da M. Spitzer ” coltellini svizzeri”. Questi dispositivi sono messi nelle mani – meglio nelle dita – di bambini di 10-11 anni.
Pertanto è necessario che essi conoscano le grandi opportunità presenti nel Web, ma anche i rischi insiti nella navigazione. Tra questi ultimi c’è il cyberbullismo.
Il lavoro scritto da Teo Benedetti D. Morosinotto e supportato ottimamente  dal fumettista Jean Claudio Vinci si rivolge ai più giovani con un linguaggio molto vicino al loro discorrere, caratterizzato spesso  da paragoni presi dalla vita quotidiana.
Pertanto dentro questo registro linguistico e con il supporto di immagini sono proposti il funzionamento di Internet. del router di un wifi… e come proteggere la propria identità social, attraverso le impostazioni di privacy.
Con la stessa leggerezza formale, ma non di sostanza sono affrontati i rischi e gli errori di un uso allegro della Rete che si concludono ( fortunatamente non sempre ) con il cyberbullismo, e le prevaricazioni declinate nel   flaming, l’harassment,  denigration, l’impersonation, l’outing, il trickery, l’exclusion, il cyberstalking…
E’ un testo assolutamente da acquistare dai genitori, dagli insegnanti ed educatori per gestire il cyberbullismo, un fenomeno che trova il suo terreno ideale nell’analfabetismo digitale dei nativi e immigrati digitali.
Ha un solo difetto: non esiste la versione digitale ( ebook ).

Pubblicato in Tutti gli articoli | Commenti disabilitati su “Cyberbulli al tappeto”

Susanna Tamaro: un buon articolo da “aprire”

In questi giorni S. Tamaro, nota scrittrice, su ” Il Corriere della Sera”ha pubblicato un’ interessante riflessione sull’emergenza educativa. Ben vengano questi interventi, perché fanno riemergere la scuola dai tanti fatti di cronaca di abusi su minori, restituendo all’istituzione il suo profilo naturale: l’educazione! Auspico queste riflessioni, perché riescono a “bucare” le prime pagine dei giornali, diversamente dai tanti tentativi operati da colleghi, che pur scrivendo le stesse cose, non hanno la stessa potenza mediatica delle grandi firme.
Detto questo, e scendendo nel concreto, l’educazione è messa a forte rischio dalla presenza nell’istituzione scolastica di un’organizzazione aberrante e anticostituzionale delle classi pollaio e superpollaio. Queste hanno trasformato le classi da ambienti educativi a  realtà che rispondono solo ad esigenze economiche.
L’educazione è sotto assedio! Il contesto promuove il successo attraverso le vie brevi, contravvenendo al principio pedagogico della fatica, dell’impegno. Spesso dico ai miei alunni che in cima ad una montagna non si arriva in elicottero.
In questo gli insegnanti hanno una loro responsabilità, quando confermano didattiche nozionistiche o del copia incolla dei contenuti sul Web, dimenticando che oggi l’istituzione scolastica deve proporre la “via faticosa” del metodo di studio ( prendere appunti, ricercare criticamente i contenuti nel Web, organizzare le conoscenze in reti concettuali, sviluppare  i concetti attraverso testi strutturati per paragrafi…).
L’educazione è minacciata anche da quegli insegnanti, che dimenticano che alcuni comportamenti, ritenuti forse poco importanti,  ( la pacatezza anche verbale, la “scarsa cura” degli aspetti emotivi o affettivi…) possono condizionare il  futuro del bene più prezioso che ha l’umanità: i propri figli!
Articolo S. Tamaro

Pubblicato in Tutti gli articoli | Commenti disabilitati su Susanna Tamaro: un buon articolo da “aprire”

La prospettiva alta dei contratti economici


La moderazione salariale nata con il Protocollo del 23 luglio 1993 è stata sostituita dal NULLA SALARIALE, irrispettoso del diritto del lavoratore ad una retribuzione proporzionata alla quantità e qualità del suo lavoro e in ogni caso sufficiente ad assicurare a sé e alla famiglia un’esistenza libera e dignitosa” ( art. 36 Costituzione ).
Questo periodo dura ormai da otto anni. Troppi! Persino la Corte Costituzionale con sentenza del 24 giugno 2015 ( n.178 ) ha dichiarato che il blocco contrattuale può essere giustificato in un tempo limitato e  per motivi urgenti correlati al risanamento economico. Ora questo tempo è scaduto! Non è possibile, secondo al Massima Corte andare oltre, anche per non creare una disparità di trattamento con il settore privato.
Da qui i “contentini” governativi, fortunatamente rimasti ancora nella dimensione delle intenzioni. Per il 2016 erano stati promessi 300 milioni ( 10 lordi a lavoratori ); per il 2017 900 milioni. Cifra ingannevole, perché in questo stanziamento ci sono anche i 300 milioni dell’anno precedente. Tutto si traduce in un aumento di 85€ lordi in tre anni. Diciamo 60 € netti di aumento mensile alla fine del triennio.
Fatta questa lunga premessa, indispensabile per inquadrare la situazione occorre ora introdurre la prospettiva. Se non si fa questa operazione, difficilmente capiremo  il movimento della storia” che coinvolge la riduzione dei diritti sociali ( lavoro, sanità, istruzione…), l’azzeramento del contratto economico…
Bene tutto questo si chiama Euro! La moneta unica non è neutra, dietro c’è un preciso disegno economico e politico che purtroppo condiziona pesantemente la nostra quotidianità. Scrive il filosofo marxiano e gramsciano D. Fusaro che l’Euro è un preciso metodo di governo.
Il fondamento dell’Euro risiede nel cambio fisso. Un euro italiano, vale un euro tedesco. Pertanto non è più possibile svalutare in modo competitivo, per favorire l’esportazione dei nostri prodotti commerciali, divenuti interessanti grazie al prezzo più basso. Per inciso fino al 2001 il nostro Paese, grazie alle diverse svalutazioni competitive aveva un surplus commerciale superiore alla Germania. Questa posizione privilegiata del nostro Paese si è azzerata negli anni successivi all’entrata nella moneta unica, a tutto vantaggio della Germania, che invece ha visto il proprio surplus crescere. Come scrive l’economista A. Bagnai, un paese forte se non rivaluta, sostanzialmente svaluta, attirando sui suoi prodotti l’interesse dei consumatori.  Ora, non potendo più svalutare la moneta, si è individuata una soluzione “lacrime e sangue” che tocca i lavoratori: si opera una svalutazione interna ( riduzione salari, pensioni, licenziamenti… ) per rendere attraenti i nostri prodotti. Il quadro spiega la dichiarazione di M. Draghi che per mantenere l’€ e quindi l’inflazione al 2% occorre tenere i salari bassi.
Da qui ne consegue che sarà difficile  per i prossimi anni  avere contratti economici gratificanti, fino a quando i tassi di cambio rimarranno fissi. Tutte le soluzioni, come ad esempio, la grande liquidità immessa nei mercati dalla Bce, sono dei palliativi! L’Euro è strutturalmente incapace di separarsi dalla politica del cambio fisso e finché questa situazione persisterà sarà molto difficile pensare il futuro, costituire una famiglia, fare figli, migliorare la situazione individuale e collettiva. Insomma siamo, come si dice dalle mie parti, ” in un bel casino!”

Pubblicato in Tutti gli articoli | Commenti disabilitati su La prospettiva alta dei contratti economici

L’Ecdl si “allarga” alla primaria


Quest’anno concluderò il percorso Ecdl ( sette esami ) con alcuni ragazzi. Li conosco da tre anni. Alcuni di questi sono stati miei alunni. Quindi gli anni sono di più.
Bene, sono pronte le nuove leve.
Su richiesta dei genitori della primaria ( quinte ) ho costituito un nuovo gruppo, composto da una decina di alunni. Prima di dare l’ok,  ho proposto loro un test d’ingresso. Superato!
Inizierò questa nuova avventura con alunni più piccoli. Partiremo dal modulo “Word “, programma che già conoscono.  Sarà una bella sfida!

Pubblicato in Tutti gli articoli | Commenti disabilitati su L’Ecdl si “allarga” alla primaria

“L’insegnante non è un missionario”, aggiungo…

Da alcuni mesi  seguo M. Galatea Vaglio. Una giornalista, ma soprattutto una collega. Nella sua presentazione scrive: ” Frequento le aule scolastiche per mestiere e la rete per passione, divertendomi molto a fare entrambe le cose”.
Ora ho trovato un suo articolo, risalente al 2012, dove spiega perché l’insegnante non è un missionario  
Mi riconosco in tutto quello che scrive Vaglio. L’articolo però è incompleto! Non presenta tutti quei nostri comportamenti che alimentano nell’utenza e nell’opinione pubblica la percezione di una ” missione”.
Li elenco sinteticamente:
1)  l’accettazione di incarichi a costo zero o non adeguatamente retribuiti ( Bonus merito,     Animatore Digitale… );
2) le attese sistematiche  del genitore che deve riprendere al termine dell’orario scolastico   il proprio figlio, non seguite da comportamenti concreti ( coinvolgimento della Dirigenza     o in extremis chiamata della polizia urbana, se prevista nel Regolamento d’Istituto…).         Vale in questo contesto il detto ” Chi tace, acconsente” e più precisamente avvalla una         percezione di un docente sempre disponibile e con tanto tempo libero ;
3) l’accettazione silenziosa  di situazioni organizzative, lontane da ogni logica pedagogica classi pollaio, superpollaio ) e che quindi favoriscono nell’utenza la percezione di                 una didattica e pedagogia facilmente gestibili anche con un numero di alunni           elevato. Il fondamento di questa convinzione risiede nella percezione di un  profilo                  docente ” a bassa complessità” dove sono assenti i gruppi di livello, di interesse, la               didattica inclusiva e per competenze… a tutto vantaggio dell’insegnamento frontale             gestibile da chiunque. Un esempio: le ripetizioni private gestite da persone spesso               lontane dalla scuola e quindi prive di metodologia didattica. Pertanto se gli aspetti               psicologici, didattici, metodologici diventano estranei alla nostra professione, cosa
rimane? A mio parere, l’elemento missionario dove quello che conta è l’empatia, l’attenzione agli aspetti affettivi, emotivi. Tutto questo “condito” con qualche nozione o abilità minima. Tanto per per salvare la faccia!
E questo avviene grazie anche  alla resa educativa degli insegnanti verso  le  classi pollaio e superpollaio, espressioni di un’invasione del verbo economico, sideralmente lontano da una formazione realmente autentica della persona.

Pubblicato in Tutti gli articoli | Commenti disabilitati su “L’insegnante non è un missionario”, aggiungo…

Dal testo alla mappa


Il presente lavoro ( La civiltà dei fiumi – Sumeri )  è stato realizzato da una quarta classe primaria ( sono il docente ).
A casa
;
1) hanno letto un testo  e sottolineato le idee ritenute importanti;
2) hanno scritto la lista dei concetti. 
A scuola ( Lim e laboratorio d’informatica )
1) Si sono confrontate le liste dei concetti individuali
2) Il confronto ha prodotto una lista dei concetti della classe
3) Un ulteriore confronto ha eliminato i concetti particolari ( “scrematura” ). Da qui la lista aggiornata dei concetti generali.
4) I concetti hanno rappresentato ” i mattoni” per realizzare la mappa . Ogni coppia ha dato sfogo alla propria creatività!  Il software utilizzato è stato il Cmaps.

La mappa dovrà essere raccontata ( = sviluppata concettualmente )

P.S. Lavoro per le vacanze natalizie . Completare la mappa.

Pubblicato in Tutti gli articoli | Commenti disabilitati su Dal testo alla mappa

Scuole sicure? C’è ancora molto da fare!


Il video che propongo di seguito ( la prima parte.  la seconda parte presenta un esempio che è ancora un’eccezione ) “fotografa” la situazione delle scuole italiane ( la prima parte. a seconda parte presenta un esempio che è ancora un’eccezione ). Siamo ancora lontani dall’obiettivo di rendere le scuole sicure! Ci vorranno indubbiamente molti anni per avere su tutto il territorio nazionale scuole capaci di accogliere alunni e studenti in  ambienti sicuri. L’intervento della Preside Ivana Uras  si caratterizza per concretezza e nello stesso tempo documenta l’inadeguato impegno dell’Amministrazione nel risolvere i piccoli e grandi problemi delle scuole. Raramente ho ascoltato un Dirigente Scolastico parlare in modo pacato e nello stesso stesso mettere sul “banco degli imputati” l’Amministrazione.
A questo si aggiungono i ritardi registrati da più di 40.000 istituti nell’adeguare  i propri edifici alle norme anticendio ( impianti elettrici, estintori…). In molti casi non per loro responsabilità.
Ecco spiegato il motivo che ha costretto il governo a rinviare al 31 dicembre 2017 ( Decreto “Milleproroghe” 2017 ) il termine ultimo per l’adeguamento. E siamo già al secondo rinvio in due anni.
Video

Pubblicato in Tutti gli articoli | Commenti disabilitati su Scuole sicure? C’è ancora molto da fare!

Ottimo articolo! Mancano, però…


OrizzonteScuola.it si distingue sempre per articoli e approfondimenti molto interessanti. Mai banali! Sempre utili anche la formazione pedagogica e giuridica.
Ieri è stato pubblicato un articolo che riassume la situazione riguardanti le supplenze brevi.
Mancano però riferimenti sulla pratica diffusa di sdoppiare le classi, prive del docente, perché assente per un giorno. In determinati casi, questa procedura, giustificata dalla disposizione contenuta nella Legge si Stabilità 2015, fa lievitare le classi oltre i limiti consentiti dal D.P.R. 81/2009. A questo si aggiunge anche lo sforamento del rapporto cubatura classe/ numero alunni ( D.M. 18 dicembre 1975 ). Da qui la costituzione delle classi superpollaio.
I quesiti irrisolti sono i seguenti:
1) in caso di incidente l’Amministrazione, dopo essere stata condannata dal giudice al risarcimento ( responsabilità diretta. Cass. civ. Sez. III 6331/98; Corte Conti Sez. Giur. Lazio n. 40 del 15/05/1998; Corte Conti Sez. Giur. Piemonte n. 1590 dell’11/X/1999), attiverà la procedura di rivalsa sul docente?
2) In questo caso l’incidente rientra nei casi di colpa? Questa caratterizza un comportamento che non persegue intenzionalmente il realizzarsi dell’evento, che tuttavia per diverse cause ( l’improvvisazione organizzativa  delle classi superpollaio…) si concretizza.
3) L’assenza di un ordine di servizio, spesso per diversi motivi non prodotto dai D.S., costituisce un aggravante per il docente?
Apprezzerei l’apertura di una riflessione sulle suddette questioni. Non dopo, il non augurabile verificarsi di un incidente, ma prima in modo da attivare una serie di comportamenti e cautele. Non è pensabile e augurabile lasciare  l’insegnante solo con il cerino in mano.

 

Pubblicato in Tutti gli articoli | Commenti disabilitati su Ottimo articolo! Mancano, però…

Classi super-pollaio: l’ordine di servizio non “parte”

Il mio articolo ” Le classi pollaio: la normativa... è risultato non conclusivo. Non affrontava il problema dell’ordine di servizio da parte del Dirigente Scolastico. Conosco docenti che rimangono perplessi sulla decisione da parte del loro datore di lavoro ( D.S. ) di non tutelarli con un ordine di servizio. Alle richieste degli insegnanti, i D.S. rispondono in modo evasivo   o con argomentazioni poco convincenti. Risultato: la maggior parte dei docenti decide di rischiare, accettando alunni/studenti di altre classi, dove risulta assente l’insegnante.  Ribadisco: lo fanno a loro rischio e pericolo!
Qualche collega sospetta che dietro la riluttanza dei propri datori di lavoro si nasconda il timore di essere citati in giudizio per aver autorizzato l’accorpamento oltre il limite consentito dal D.M 81/2009 o i rapporti previsti dal D.M del 1975  ( v. tabelle articolo citato ). Solo i diretti interessati possono diradare il dubbio, argomentando la loro posizione.  Quindi attendiamo chiarimenti…

Pubblicato in Tutti gli articoli | Commenti disabilitati su Classi super-pollaio: l’ordine di servizio non “parte”

Classi pollaio: la normativa e l’ordine di servizio


Questo mio intervento sulle classi pollaio terrà presente il contesto normativo, che ha confermato sostanzialmente l’incostituzionalità delle classi pollaio e di conseguenza di quelle super-pollaio.
Bene, partiamo da una sentenza del T.A.R del Molise del 2012 che mette in evidenza tutti i limiti del DPR 81/09 ( Governo Berlusconi. Ministro Gelmini ), condizionato pesantemente da motivi di contenimento della spesa pubblica, tanto da innalzare il numero massimo di alunni per classe. Il prospetto che segue è esplicativo

Il merito di questa sentenza è quello di aver ribadito che il diritto all’istruzione e alla sicurezza è superiore a quello del risparmio ( vorrei dire! )
Quasi un copia/incolla è la sentenza del T.A.R. della Sicilia  del 2014  che obbligava un D.S. a sdoppiare la classe formata da 24 alunni ( quattro con disabilità ). Questa si era formata per la ” fusione” di due classi costituite da un numero minore di alunni. La decisione del D.S. contravveniva il seguente passaggio del DPR 81/2009:
“Le classi intermedie sono costituite in numero pari a quello delle classi di provenienza degli alun­ni, purché siano formate con un numero medio di alunni non inferiore a 22; diversamente si procede alla ricomposizione delle classi secon­do i criteri indicati all’articolo 16”.
Queste due sentenze hanno preceduto quelle del T.A.R. della Toscana e della Campania ( 2016 ) che hanno avuto il grande merito di aver “smontato” la posizione di chi riteneva che le classi potevano essere definite pollaio solo se superavano i limiti imposti dal DPR. 81/2009.
Detto questo nei casi di accoglimento di alunni/studenti di altre classi per assenza il primo giorno del titolare  ( Legge di stabilità 2015 – Governo Renzi ) occorre tener presenti questi rapporti

Pertanto nei casi di accoglimento di altri studenti che non tiene presente i suddetti rapporti, è necessario richiedere un ordine di servizio da parte del D.S. La documentazione è importante, per cautelare l’insegnante da eventuali denunce di inadempienza  verso il  dovere di vigilanza sul minore ( art. 2048 Codice Civile ). Ricordo che i criteri sui quali si basa un giudice sono due: imprevedibilità ed evitabilità dell’evento. E’ importante richiedere L’ordine di servizio, in quanto una sentenza del Consiglio di Stato del 2008 ha stabilito che per favorire un’ordinata evacuazione in caso di incendio il numero massimo consentito è di 25 alunni/studenti. ” La responsabilità delle deroghe è del capo di istituto
Una richiesta ai sindacati: quando l’aberrante e incostituzionale organizzazione delle classi pollaio e super-pollaio attirerà la loro attenzione, in modo da costringere il governo a firmare un provvedimento di abrogazione?
Concludo. Come è possibile chiamare una legge “Buona Scuola” se non riesce a proteggere i nostri figli?

Pubblicato in Tutti gli articoli | Commenti disabilitati su Classi pollaio: la normativa e l’ordine di servizio

Miur. La prospettiva è chiara!


Ieri è stata completata la ” squadra” ministeriale che affiancherà il Ministro V. Fedeli. Due sono le conferme: Gabriele Toccafondi e Angela D’Onghia. Invece al posto dell’ interventista D. Faraone, è stato nominato V. De Filippo. Laureato in Filosofia, giornalista, consigliere della regione Basilicata. E’ entrato a far parte del Pd nel 2007. Quindi un sottosegretario inesperto di scuola. Tra l’altro ha ricoperto la suddetta funzione, ma al Ministero della Salute. con il Governo Renzi.
Ora considerando l’appoggio dichiarato del Ministro alla Riforma, i più stretti collaboratori di V. Fedeli, dovranno gestire e completare l’attuazione della L. 107/15. Per i confermati l’impegno non sarà difficile. Dovranno continuare l’opera di implementazione avviata con Renzi. Per la “new entry”, inesperta di scuola, il compito sarà più impegnativo, ma non impossibile, considerando l’ovvio aiuto che riceverà dai suoi colleghi.
Il disegno mi sembra chiaro! Si sono resi conto che avere la scuola contro non aiuta la Riforma!  Quindi per conseguire il suddetto obiettivo era necessario sostituire i divisivi  S. Giannini  e D. Faraone, con personalità più tranquille e rassicuranti, per favorire  una nuova saldatura tra la scuola e l’Amministrazione. Ci attendono tempi di “bonaccia” con dosi di camomilla fatti di disponibilità all’ascolto,  di incontri, di annunci in un contesto normativo e precontrattuale completamente fermo.  Mi auguro di sbagliare! I fatti come sempre dipaneranno ogni dubbio e sospetto! Il nostro compito sarà più difficile, perché dovremo contrastare l’abbassamento dei toni con la lucidità di giudizio, il mantenimento della memoria dei fatti e l’entusiasmo professionale che immagina un futuro per la scuola diverso da quello prospettato dalla “Buona Scuola”, iniziando dal superamento delle classi- pollaio, ritenute incostituzionali dalla Consulta e dal T.A.R della Toscana.

Pubblicato in Tutti gli articoli | Commenti disabilitati su Miur. La prospettiva è chiara!

“Culpa in vigilando”. Soluzione praticabile se…


In questi giorni L. Ficara è tornato a trattare la questione della responsabilità civile e penale dei docenti nei confronti dei minori.
Le soluzioni proposte nell’articolo sono fattibili. In altri termini, la consegna ad un altro adulto rispetta il principio ” senza soluzione di continuità” previsto dall’art. 2048 del Codice Civile e da numerose sentenze della Cassazione.
Nel contributo comunque è assente il Regolamento D’Istituto.
Ritengo importante che le procedure di affidamento del minore ad altra figura ( docente o collaboratore ) siano formalizzate nel documento che sostanzialmente esprime i comportamenti, le regole  che un Istituto scolastico decide di darsi. Stesso discorso vale per la soluzione estrema di affidare il minore alla Polizia urbana. Ogni azione o decisione del docente deve ricondurre all’Istituto e alle sue regole. Diversamente esponiamo il fianco  a possibili denunce civili per comportamenti individuali  e quindi non previsti dal Regolamento d’Istituto.
Nel suddetto documento deve essere inserito anche il mansionario del collaboratore scolastico che prevede compiti di accoglienza e di sorveglianza nei confronti degli alunni, nei periodi immediatamente antecedenti e successivi all’orario delle attività didattiche e durante la ricreazione. Esagerazione? Forse, meglio, però rendere esplicito ciò che i collaboratori scolastici dovrebbero conoscere.
Il Regolamento d’Istituto deve prevedere anche  l’eventuale  presenza di  docenti preposti al compito di affidamento di minori, i quali devono operare con un contratto già firmato a settembre, dove sono formalizzati anche i limiti temporali del compito in caso di prolungato ritardo sistematico dei genitori.
Concludo che un Regolamento d’Istituto che prevede tutto questo disincentiva la decisione di molti docenti di attendere pazientemente l’arrivo del genitore. Ovviamente mi riferisco al ritardo sistematico. E purtroppo ci sono molti insegnanti che adottano questi comportamenti, dando un pessimo ( ottimo per i genitori )  segnale  all’utenza di persone sempre disponibili, e con niente da fare dopo la scuola. E questo favorisce l’immagine di babysitter, non prevista dal nostro C.C.N.L.

 

Pubblicato in Tutti gli articoli | Commenti disabilitati su “Culpa in vigilando”. Soluzione praticabile se…

Il problem solving, prima di Scratch, Kodu…


Premetto: porto avanti nel mio Istituto progetti d’informatica. Alcuni di questi li “esporto” in alcune scuole di Roma e Provincia. Qualche anno fa ho girato l’Italia, proponendo il progetto di “Mappe in rete”. Quindi le critiche al coding non provengono da un “antagonista”, bensì da un protagonista che ha contribuito in questi anni alla diffusione della Pedagogia 2.0.
Detto questo riporto ” la fotografia pedagogia del coding” presente   nell’articolo ( non sempre proposto in un corretto italiano ) linkato al termine di questa mia riflessione. Si legge: “
Il pensiero computazionale è un processo di problem-solving che consiste nel formulare problemi in una forma che ci permetta di usare un computer (nel senso più ampio del termine, ovvero una macchina, un essere umano, o una rete di umani e macchine) per risolverli; organizzare logicamente e analizzare dati; rappresentare i dati tramite astrazioni, modelli e simulazioni; automatizzare la risoluzione dei problemi tramite il pensiero algoritmico; identificare, analizzare, implementare e testare le possibili soluzioni con un’efficace ed efficiente combinazione di passi e risorse (avendo come obiettivo la ricerca della soluzione migliore secondo tali criteri); generalizzare il processo di problem-solving e trasferirlo ad un ampio spettro di altri problemi.”
Questa è la nostra storia! In questo stralcio possiamo riconoscere uno dei  profili formativi del nostro sistema scolastico. Almeno degli ultimi due-tre decenni!
Ho la sensazione ( mi piacerebbe essere smentito ), che leggendo molte esperienze di coding, si attribuisca a questa pratica un valore formativo, dimenticando che le procedure da sole, non conducono a nulla, se non sono sostenute da una “dimensione alta”, resa evidente nella quotidianità. Ho l’impressione che si preferisca bypassare l’elemento formativo, puntando tutto sull’addestrativo. Se questo fosse vero, allora stiamo consegnando il sistema scolastico al circuito delle pratiche che vanno più di moda. La scuola deve mantenere una propria  autonomia, che significa gestire pedagogicamente  le nuove pratiche,  i social media…
Ritengo che  il compito dell’insegnante sia quello di coniugare il sapere, il saper fare e l’essere. In altri termini,  occorre elaborare un piano formativo nel quale un ruolo strategico è ricoperto dal digitale e dalle sue pratiche, confermando quindi il nostro profilo pedagogico. Diversamente sarà il mercato a decidere i percorsi e i traguardi, probabilmente di basso profilo, caratterizzati dall’acquisizione da parte dell’individuo di procedure semplificate, scarsamente collegate tra loro e  supportate da una grafica sempre più accattivante. In tutto questo, però la grande assente è la   “promozione   della persona”!
Nella mia esperienza di formatore ho proposto ad esempio gli schemi e le mappe come strumenti per lo sviluppo del pensiero attraverso “discorsi e parole”. Se mi fossi fermato alla dimensione addestrativa, avrei proposto solo i criteri per la realizzazione delle rappresentazioni delle conoscenze.
Il coding a scuola…

Pubblicato in Tutti gli articoli | Commenti disabilitati su Il problem solving, prima di Scratch, Kodu…

Il Ministro Valeria Fedeli. Una conferma!


In questi casi preferirei non ricevere conferme! Non aver ragione! Valeria Fedeli non intende introdurre elementi di discontinuità rispetto alle decisioni prese dall’esecutivo precedente ( La Fedeli uguale alla Giannini, Con la Fedeli si rallenta non si cambia ) Non poteva essere diversamente! Non potevamo aspettarci segnali di discontinuità da un parlamentare ( V. Fedeli ) che ha votato la L. 107/15.
Quando Renzi ha rassegnato le dimissioni, molti miei colleghi hanno gioito, dimenticando che la stessa situazione era stata vissuta con la caduta del governo Berlusconi ( novembre 2011 ). Credevano di aver toccato il fondo con la Giannini! Si auguravano in un “cambiaverso” nella politica del Miur.  L’illusione era alimentata dall’attenzione eccessiva al particolare e poco al contesto. Ho scritto che ogni personalità politica chiamata a ricoprire la funzione di Ministro non può recitare una parte diversa rispetto a quella imposta dalla sceneggiatura del finanzcapitalismo ( L. Gallino ). La stessa situazione si ripeterà finché non cambierà il copione.  Purtroppo il Pd, pur dichiarandosi di sinistra, non ha la forza o la voglia  per uscire da questo schema. Non riesce più a dire qualcosa di sinistra e quindi a contrapporsi al verbo economico imperante. Suggerisco la lettura di due contributi ” alti ” ( Michéa J.P “I misteri della sinistra“, Neri Pozza – Barba A., Pivetti M. “La scomparsa della sinistra in Europa” Imprimatur ) che riflettendo sui fatti hanno sanzionato la fine della sinistra, come forza propulsiva per l’affermazione dei diritti sociali ( istruzione, lavoro…). Sulla medesima posizione è il filosofo  marxiano e gramsciano D. Fusaro ( Il futuro è nostro. Filosofia dell’azione.  e Minima Mercantalia. Filosofia e capitalismo , Bompiani – Europa e capitalismo, Mimesis ). Buona lettura e purtroppo fine delle illusioni!

Pubblicato in Tutti gli articoli | Commenti disabilitati su Il Ministro Valeria Fedeli. Una conferma!

Scuola. Quante parole in libertà!

 

Il paradigma del nostro tempo è l’annuncite. Termine che indica un “fiume di parole”, finalizzato a nascondere la realtà dei fatti, spesso scomoda, dura da far accettare. Questa è sostituita con il NULLA, cioè a contesti onirici che difficilmente diverranno realtà.
Parliamo delle tante dichiarazioni che stanno occupando i siti e i blog professionali. In concreto, i sindacati, reduci dalla pessima prestazione   dell’intesa precontrattuale ( promessi 85 € lordi in tre anni con la prospettiva di modificare il Decreto Brunetta e la L. 107/15 ), stanno prospettando scenari difficilmente attuabili con dichiarazioni che prospettano la prevalenza dell’ l’istituto contrattuale  rispetto alla legge. In questa direzione punta, ad esempio, l’esternazione della Uil-scuola; “La via maestra è il contratto, non ci sarà  la ‘lista della spesa’, né il ‘trenino’ della protesta”.  Quello che vogliamo concordare con il ministro è un metodo di lavoro e di confronto che entri nel merito delle singole questioni aperte dalla legge 107, da modificare con la leva della contrattazione”. La dichiarazione soffre di “dimentichite” nei confronti del decreto  lgs. N. 150  (2009) che ha attribuito nuovamente alla legge la funzione di  fonte principale in materia di pubblico impiego regolandone in maniera inderogabile gli aspetti più rilevanti. Quindi è difficile pensare a soluzioni che bypassino l’attuale quadro normativo.
Bene ha fatto, inoltre,  R. Palermo a scrivere che la legge 107/15 può essere modificata solo dal Parlamento  , mettendo a nudo tutti i limiti della strategia sindacale che punta a depotenziare la legge attraverso decreti ministeriali.
Il Ministro V. Fedeli, ha già iniziato a scoprire le sue carte con la pubblicazione dell’Atto di indirizzo per il 2017. Si legge infatti, all’inizio del documento che si intende “proseguire nel processo di implementazione e di completa attuazione della legge 107 del 2015″. Il passaggio contraddice nei fatti le dichiarazioni al confronto e all’ascolto del Ministro. Risulta, però coerente  con la posizione assunta dal parlamentare V. Fedeli al momento dell’approvazione parlamentare della  “Buona Scuola”.
Non illudiamoci! Non possiamo aspettarci un segnale di discontinuità rispetto alle decisioni prese dal governo Renzi, perché l’attuale esecutivo continua ad esprimere lo stesso profilo culturale del precedente. A conferma di questo, non si leggono dichiarazioni del Ministro Gentiloni finalizzate a rimettere in discussione la logica “financapitalistica” ( L. Gallino ) che caratterizza l’Euro. Pertanto anche le suddette dichiarazioni di apertura del Ministro sono dettate dall’intenzione di nascondere con il fumo la sostanza delle cose: non cambierà nulla!

Pubblicato in Tutti gli articoli | Commenti disabilitati su Scuola. Quante parole in libertà!

Corso: “Word avanzato”

 
Un Istituto superiore romano  mi ha chiesto un percorso formativo finalizzato all’uso professionale  di Word, Excel, PowerPoint.
Dell’editor di testo sono stati proposti il posizionamento delle immagini fotoritoccate con didascalia, delle tabelle all’interno del testo e loro formattazione, la creazione di uno stile personalizzato, l’inserimento note a piè di pagina e di chiusura, la creazione di  un sommario.
Sono state presentate altre funzioni, che costituiscono il “top” per il programma di videoscrittura, quali la creazione di macro, l’inserimento di “Parti rapide“…
Di seguito si presenta un esempio di verifica con la maggior parte degli argomenti proposti nel percorso formativo.
A gennaio si proseguirà con PowerPoint, partendo dal superamento del modello ” la presentazione wordizzata” che propone diapositive con tanto testo, quindi poco rispettoso dei criteri di una “buona presentazione”.
Verifica

Pubblicato in Tutti gli articoli | Commenti disabilitati su Corso: “Word avanzato”

Corte Costituzionale: la persona prima di tutto!


La magistratura ordinaria e quella che fa capo alla Corte Costituzionale sta inviando messaggi di “cambioverso” alla politica.  Recentemente due sentenze del T.A.R. della Toscana e della Campania, hanno di fatto formalizzato l’incostituzionalità delle classi pollaio, ribadendo la superiorità dei diritti alla sicurezza e allo studio degli alunni.
A conferma di questo indirizzo arriva anche  la Sentenza della Massima Corte ( 275/16)  che ribadisce la primazia dei diritti sociali rispetto al “verbo economico”. Nello specifico le ragioni di bilancio non possono prevalere sui diritti del disabile al trasporto per usufruire di un altro diritto, quello allo studio! Riporto un ampio stralcio della suddetta sentenza:
Il diritto all’istruzione del disabile è consacrato nell’art. 38 Cost., e spetta al legislatore predisporre gli strumenti idonei alla realizzazione ed attuazione di esso, affinché la sua affermazione non si traduca in una mera previsione programmatica, ma venga riempita di contenuto concreto e reale.
La natura fondamentale del diritto, che è tutelato anche a livello internazionale dall’art. 24 della Convenzione delle Nazioni Unite sui diritti delle persone con disabilità, adottata dall’Assemblea generale delle Nazioni Unite il 13 dicembre 2006, ratificata e resa esecutiva con legge 3 marzo 2009, n. 18, impone alla discrezionalità del legislatore un limite invalicabile nel «rispetto di un nucleo indefettibile di garanzie per gli interessati» (sentenza n. 80 del 2010), tra le quali rientra il servizio di trasporto scolastico e di assistenza poiché, per lo studente disabile, esso costituisce una componente essenziale ad assicurare l’effettività del medesimo diritto.
Nella specie il legislatore regionale si è assunto l’onere di concorrere, al fine di garantire l’attuazione del diritto, alla relativa spesa, ma una previsione che lasci incerta nell’an e nel quantum la misura della contribuzione, la rende aleatoria, traducendosi negativamente sulla possibilità di programmare il servizio e di garantirne l’effettività, in base alle esigenze presenti sul territorio.
Si deve ritenere che l’indeterminata insufficienza del finanziamento condizioni, ed abbia già condizionato, l’effettiva esecuzione del servizio di assistenza e trasporto come conformato dal legislatore regionale, violando in tal modo il precetto contenuto nell’art. 38, terzo e quarto comma, Cost.”
Ora spetta alla politica, liberarsi del vincolo economico, dando piena attuazione alla Sentenza, la quale ha il grande merito di ribadire che la sovranità nazionale fondata sulla Carta non può essere ceduta in nome di un financapitalismo selvaggio e irrispettoso dei diritti sociali, calpestati anche con l’aberrante e incostituzionale organizzazione delle classi-pollaio!
Testo integrale Sentenza Corte Costituzionale

Pubblicato in Tutti gli articoli | Commenti disabilitati su Corte Costituzionale: la persona prima di tutto!

Legge 107/15: un’analisi interessante, ma…

Riporto al termine di questa mia breve riflessione un’analisi sulle criticità della legge 107/15. Sono proposti alcuni elementi deboli della riforma,  riguardanti la premialità.
L’articolo, ovviamente, è condizionato dal fine dell’associazione ” Gruppo di Firenze per la premialità e la responsabilità“.
Ribadisco la mia posizione: la Legge 107/15 doveva andare al “cuore” della scuola, cioè guardare la classe. In particolare l’aberrante, anticostituzionale organizzazione delle classi-pollaio. Ogni riforma deve partire dalla classe, tutto il resto è ornamento, accessorio, secondario. Una casa si costruisce partendo dalle fondamenta e non dal tetto!  La scuola si rivolge ai ragazzi. Essa nasce per i ragazzi. La sua ragione fondativa sono gli studenti. E se questi non sono messi nelle condizioni di acquisire apprendimenti significativi e inseriti in ambienti sicuri  che favoriscano le procedure di evacuazione in caso di eventi estremi e imprevisti , allora la scuola perde la sua “mission”.
Detto questo eliminerei da ” Buona Scuola” l’aggettivo. Mi è difficile trovare una  determinazione alternativa, che rispecchi questo “abbandono” dei nostri ragazzi in contesti organizzativi che  non alzano la qualità degli apprendimenti e non li “assicura” .
Le criticità della L.107/15

Pubblicato in Tutti gli articoli | Commenti disabilitati su Legge 107/15: un’analisi interessante, ma…

Intervento di M. Spitzer ( “Demenza digitale”)

Ho già recensito i lavori di M. Spitzer “Demenza digitale” e ” Solitudine digitale“.
L’autore è un neuropsichiatra, ricercatore.  Da anni studia i danni collaterali provocati dall’uso dei dispositivi digitali. Quindi le critiche non provengono da un personaggio di “basso livello”. Qui però occorre chiarire la sua posizione. Non è preconcetta, non intende buttare il bambino insieme all’acqua sporca.  Egli riconosce gli indubbi vantaggi della tecnologia.  Si oppone, invece alle “sirene del mercato” che presentano uno scenario non supportato da ricerche: la tecnologia fa diventare più intelligenti e anche multitasking!      Egli critica l’esagerazione, l’esposizione oltre ogni limite verso tutto ciò che è digitale. In altri termini ci vuole moderazione e soprattutto un’adeguata riflessione che apre al pedagogico. La traduzione del principio comporta che la giornata del preadolescente deve prevedere anche relazioni autentiche, momenti dove attraverso un face to face si contribuisce alla formazione delle emozioni, degli affetti e  del pensiero attraverso “discorsi e parole”.  Operando in questo modo la famiglia e la scuola diventano “opposizione” al mercato, ricollocando l’uso dei dispositivi in un arco di tempo “giusto”, pedagogico. Purtroppo, registro che le suddette agenzie educative sono in ritardo. Dimostrano verso la tecnologia  passività e subalternità. Ovviamente esistono le eccezioni, ma queste purtroppo confermano la regola. E’ necessario riprendere la gestione dei nostri figli, che rappresentano il futuro con progetti finalizzati alla “promozione della persona” nella sua interezza. Questo è il messaggio di M. Spitzer, ben delineata nella seguente conferenza-confronto !
Intervento di Manfred Spitzer e confronto.

Pubblicato in Tutti gli articoli | Commenti disabilitati su Intervento di M. Spitzer ( “Demenza digitale”)

Stipendi bassi. Occorre “salire” per capire!

Scriveva F. Hegel che per comprendere i movimenti della storia occorre osservare la foresta e non il singolo albero. Nel nostro presente “l’albero” corrisponde ai salari bassi, alla perdita del lavoro e alla contrazione dei diritti. Questi puzzle costituiscono un disegno che si chiama Euro. Come ha scritto D. Fusaro, questa moneta è un metodo di governo  finalizzato a ridurre e/ annullare tutte le conquiste sociali del secolo scorso.
La conferma di questo disegno proviene da M. Draghi, governatore della BCE. Egli sostiene  la tesi ( 2015, ma sempre attuale ) che per salvare l’Euro occorre tenere bassi i salari. Quindi un convinto sostenitore della moneta europea, conferma le tesi degli economisti anti-Euro. Uno di questi è A. Bagnai. Egli  ha ben spiegato il meccanismo ( cfr. ” Il tramonto dell’Euro” e ” L’Italia può farcela” , il Saggiatore ). In sintesi: ci troviamo in un regime di tassi fissi. Quindi i paesi più deboli economicamente ( Italia, Portogallo, Spagna, Grecia ) per mantenere la competitività  dei loro prodotti, devono mantenere bassi i salari dei lavoratori, ottimizzare le risorse… Prima la competitività era salvata dalla svalutazione. Oggi, invece, con la sottrazione dei diritti…
Pertanto sarà impossibile nei prossimi anni sperare di migliorare significativamente la nostra condizione di lavoratori. A meno che non cambi il disegno che sta dietro l’Euro!

Pubblicato in Tutti gli articoli | Commenti disabilitati su Stipendi bassi. Occorre “salire” per capire!

Il coding. Pratica educativa o moda?


Al termine di questo mia riflessione ( l’ennesima ) sul coding propongo un articolo ( link ) che presenta il “dark side” del Coding. L’autore definisce il coding una bufala! Espressione forte che rimanda ad una critica motivata verso questa nuova pratica educativa!
Non intendo togliere nulla alla lettura e riflessione  personale, quindi mi fermo qui!
Punto invece il dito sulle diverse pratiche proposte in ambito informatico, ponendo una semplice domanda, consapevole di non avere alcuna risposta preconcetta: le tante strategie o attività che stanno caratterizzando ” l’attuale primavera digitale” sono il prodotto di una riflessione autonoma dei docenti,  o imposte dal mercato e/o da soggetti esterni ai nostri contesti formativi? In altri termini: “il digitale” è una configurazione metodologico-didattica elaborata autonomamente dai docenti?  E’ un’  evoluzione e integrazione di quelle preesistenti oppure gli insegnanti e in genere la scuola ( i miei riferimenti sono la scuola primaria e secondaria di primo grado ) stanno subendo una nuova invasione in nome del ” nuovismo”, del ” cambiamento è sempre positivo”?
Mi piacerebbe aprire un dibattito senza steccati “ideologici”.
Articolo

Pubblicato in Tutti gli articoli | Commenti disabilitati su Il coding. Pratica educativa o moda?

Ministro Fedeli, può rimediare!

fedeli-2-620x330
Indubbiamente V. Fedeli ( nuovo Ministro dell’Istruzione ) ha commesso un errore nel dichiarare nel suo CV il possesso di una laurea che non corrisponde ai fatti. Grave superficialità davanti ai tantissimi insegnanti laureati, molti dei quali continuano ad alimentare il loro “tesoretto” culturale e professionale frequentando Master, corsi di formazione e aggiornamento. E questo impegno non comporta benefici economici! Occorre puntualizzare, però,  che il possesso di un diploma di laurea “ipso facto” non corrisponde  a conoscenze e abilità adeguate. Se poi queste si “storicizzano”, cioè rimangono confinate al periodo universitario ci troviamo di fronte al fenomeno dell’analfabetismo di ritorno. Questo produce il fenomeno del “meno cinque”, ben illustrato dalla  ricerca internazionale Piaac – Programme for the International Assessment of Adult Competencies ( 2014 ) –,  un’indagine sui livelli di conoscenza e capacità degli adulti in lettura e comprensione di testi scritti, risoluzione di problemi matematici, conoscenze linguistiche. In sintesi il profilo culturale, se non è coinvolto in un processo di “formazione permanente”,  regredisce di cinque anni, rispetto ai livelli massimi raggiunti con gli studi.
Detto questo, il Ministro può rimediare a questa gaffe con una serie di decisioni politiche che costituirebbero una discontinuità reale con i suoi ultimi predecessori “Prof” ( Profumo, Carrozza, Giannini ), condizionati dal “verbo economico” del liberismo.
Innanzitutto stabilire per legge che gli alunni per classe non possono superare i 20, mettendo definitivamente  in soffitta l’aberrante soluzione organizzativa delle classi pollaio e superpollaio. La qualità dell’offerta formativa parte dalle classi!
Inoltre le suggerisco di convincere il Ministro Madia a non far partire la trattativa contrattuale tra l’Aran e i sindacati, considerata l’irricevibile e irriguardosa proposta dei 85€ lordi, distribuiti nel triennio 2016-2018.
Nomini i suoi sottosegretari, individuandoli dal mondo della scuola ( badi bene non digitato ” dal mondo accademico” ) che abbiano un’esperienza di aula di quindici anni. Siamo stanchi dei tanti “esperti”,  senza però competenze di aula.
Corregga le storture della L. 107/15 ( ad esempio gli ambiti territoriali ) votata anche da Lei, la sua  filosofia economica ( inventare nuovi compiti  a costo zero o non adeguatamente compensati. Un esempio gli Animatori Digitali!).
E per finire torni a dialogare con i docenti, a guardare i loro visi, dai quali traspare la passione per l’educazione, per il futuro!
Se agirà in questo modo, mi creda, dimostrerà di “essere contro” , perché schierata dalla parte dei ragazzi e degli insegnanti, allontanando in questo modo i sospetti di essere stata chiamata ad occupare solo una sedia!

Pubblicato in Tutti gli articoli | Commenti disabilitati su Ministro Fedeli, può rimediare!

Ecdl: Ragazzi strepitosi!

ecdl
Ieri gli studenti che compongono il gruppo di studio ( lo scrivente è ideatore, formatore del progetto per l’I.C. “Carlo Levi” ) per la preparazione agli esami Ecdl, hanno sostenuto l’esame “Presentation” ( PowerPoint).
Bene, tutti hanno superato la prova! La media di superamento è stata molto alta: 89%. Complimenti a tutti!
Ora dopo la pausa  natalizia si studieranno gli ultimi due moduli: ” Collaboration Online ” e “IT Security
Per molti di loro il percorso si concluderà prima degli esami di terza media. E questo consentirà di acquisire dei crediti formativi da far valere in sede d’esame.

Pubblicato in Tutti gli articoli | Commenti disabilitati su Ecdl: Ragazzi strepitosi!

Altra “spallata” alle classi pollaio e super-pollaio

A teacher welcome pupils in a classroom at David Johnston primary school on September 4, 2012, in Bordeaux, southwestern France, after the start of the new school year. AFP PHOTO / PIERRE ANDRIEU        (Photo credit should read PIERRE ANDRIEU/AFP/GettyImages)

Dopo la pronuncia del Tar della Toscana ( Classi pollaio: una sentenza importante ) di due mesi fa, arriva un altra sentenza, questa volta, dei giudici amministrativi campani che confermano ” lo stato di  fuorilegge” delle classi pollaio. Le “classi costituzionali”, secondo i giudici campani devono essere costituite da un numero di alunni che non superi le 20 unità ( si torna alla Legge 517/77 !). I motivi sono due: favorire apprendimenti significativi e ridurre la complessità della gestione degli alunni in caso di terremoto o altri eventi estremi.
Il T.A.R. campano va oltre: stabilisce che il numero degli alunni in presenza di soggetti diversamente abili non può superare le 17 unità. Questa composizione numerica  è imperativa in classi inserite in territori ad alto rischio sismico.
Ora la parola passa alla politica che deve dimostrare con un provvedimento immediato ( mi rendo conto di sognare) di essere autonoma rispetto ai diktat della finanza. E questo significa abolizione delle classi pollaio ( L.133/2008 del duo Gelmini- Tremonti) e di quelle superpollaio formalizzate nella Legge di Stabilità 2015 , proposta dal governo Renzi.
Nel frattempo sugli insegnanti pende la possibilità di rimanere “impigliati” in qualche procedimento civile per non aver evitato  o ridotto la prevedibilità di un evento. E per chi entra ogni giorno in un’aula sa che questi rischi sono reali!
Concludo, che queste due sentenze potrebbero aggravare la nostra posizione in assenza  di un ordine di servizio per l’accettazione di alunni di altre classi o  di denunce  continue e protocollate  sul rapporto ad alto rischio tra la cubatura dell’aula e il numero degli alunni presenti ( D.M. 18/12/1975 ), formalizzato dal D.M 81/2009 art.9 e 10 ( scuola dell’infanzia e primaria ).
Sentenza del T.A.R della Campania

Pubblicato in Tutti gli articoli | Commenti disabilitati su Altra “spallata” alle classi pollaio e super-pollaio

Crisi governo. Troppa euforia sull’attore, dimenticando…

5117029
Quando il Presidente del Consiglio Renzi ha annunciato le sue dimissioni, molti miei colleghi hanno esultato! Comprendo il momento emotivo, dovuto alla gestazione non partecipata della Legge 107/15 e alla  sua gestione inadeguata da parte del trio  Renzi-Giannini-Faraone . Essi sono riusciti come ha dichiarato  il Premier a far arrabbiare gli insegnanti, pur investendo tre miliardi sulla scuola. Altri sono i fatti che hanno fatto esultare gli insegnanti:  l’irrispettosa e poca dignitosa offerta pre-contrattuale degli 85 € contenuta nell’Intesa  tra Governo e sindacati ( 30 novembre ) che precede sette anni di “deserto contrattuale” e altro ancora.
Comunque l’esultanza pur giustificata, è un film già visto! Ricordo la stessa reazione, quando Berlusconi si dimise ( novembre 2011 ). Tutti dichiararono che il peggio ormai era alle spalle! Poi sappiamo tutti come finì con il governo Monti che confermò tutte le disposizioni sulla scuola di Berlusconi, aggiungendone di altri dello stesso tenore.  Medesimo comportamento hanno avuto i governi Letta e  poi Renzi.
Quali i motivi della continuità di una politica delle destre confermata  dalla sinistra ( prima esternamente e poi direttamente )? La risposta è semplice: la sceneggiatura! Questa caratterizza profondamente un’opera teatrale o un film. L’attore ha il solo compito di tradurre questa sceneggiatura in un prodotto interessante, emozionante per lo spettatore.  In alcuni casi la sua bravura risiede anche nel nascondere la bassa qualità del copione,  abbagliando con la sua prestazione lo spettatore. Soprattutto l’ultimo aspetto  vale per la politica, esautorata e condizionata dal verbo economico. La sua declinazione si chiama “finanzcapitalismo” ( L. Gallino ) che si pone l’obiettivo di ridurre i diritti sociali  e di contro aumentare i doveri,  di colonizzare il pensiero e il linguaggio delle persone con le sue categorie dove tutto è misurato in relazione alla sua utilità, di ridurre le persone a monadi e di decretare la “morte dell’Io”, sanzionando l’individuo come un semplice fascio di sensazioni ( D. Hume ).
Questo è il copione nel quale si muove il nostro Paese  ( e non solo ). Quindi qualunque sia l’attore ( Malpezzi, Puglisi… ) chiamato a rappresentare questa trama, il risultato non cambierà! Solo cambiando questa sceneggiatura, proponendone un’altra di segno opposto si potrà sperare in un “cambiaverso” sostanziale. Diversamente si rischia di ripetere più volte il copione dell’esultanza, seguita subito dopo dal contraccolpo della delusione. E questo finché non subentrerà un’apatia totale, preambolo del NULLA!

Pubblicato in Tutti gli articoli | Commenti disabilitati su Crisi governo. Troppa euforia sull’attore, dimenticando…

Una buona notizia: l’accordo contrattuale salterà!

115824390-aad7a9fd-37e4-44e1-b62a-49e6e91e4848-1
Sicuramente l’esito negativo del Referendum costituzionale per il governo produrrà un effetto positivo per gli statali, e nello specifico per noi insegnanti. L’accordo contrattuale tra l’ex governo Renzi e i sindacati diventerà lettera morta. Semplicemente perché il governo Renzi è caduto e uno a tempo difficilmente potrà  garantire le condizioni legislative ( che dirò avanti ) ed economiche ( serve il doppio delle risorse per garantire gli 85 € lordi ) .Sarà uno di quei documenti da consegnare alla storia, in grado solo ( si fa per dire! ) di certificare l’incapacità delle parti di comprendere il disagio della categoria. Ricordo che a fronte di impegni generici sulla Riforma della legge Brunetta e sulla “Buona Scuola”, i sindacati avevano accettato la “mancetta elettorale” di un aumento lordo di 85 € nel triennio 2016-18. Assolutamente irricevibile, irrispettoso della categoria!
Mi auguro che i sindacati rivedano la loro posizione. Sarà molto difficile! Hanno dimostrato ancora una volta di non essere in grado di ascoltare i lavoratori, di cogliere il malessere che caratterizza la loro condizione. Salvo poi non comprendere il voto contro ( non mi riferisco ai sindacati, ma faccio un discorso generale ),  presentandolo  in modo semplicistico come un’espressione del populismo. Non è così! Anche il populismo è politica! E comunque quello che viene definito populismo è l’effetto di una politica subalterna ai diktat del verbo economico che sottrae diritti e aumenta invece i doveri, che si identifica con i poteri forti, i quali si riprendono tutto quello che erano stati costretti a cedere nell’ “età dei diritti” ( N. Bobbio )… Quindi dobbiamo pungolare il sindacato in tutti i modi, affinché cambino sceneggiatura. Diversamente andranno incontro all’ ennesima “Caporetto”, fino alla loro estinzione. E questo non è un bene, perché una sana democrazia necessita di soggetti intermedi come il sindacato, che sappia essere un interlocutore efficace e nel caso faccia opposizione al governo.

Pubblicato in Tutti gli articoli | Commenti disabilitati su Una buona notizia: l’accordo contrattuale salterà!

Le classi pollaio fanno notizia

tar-lazio-no-classi-pollaio
Venerdì 7 dicembre sul “Fatto Quotidiano” ( settore economia ) è stato pubblicato l’ articolo” Più insegnanti e meno studenti nelle classi“. Sul banco dell’accusa ci sono le classi-pollaio. S. Cannavò scrive che è impossibile insegnare, io aggiungerei conseguire apprendimenti significativi, in classi con 29 alunni.
Fa piacere leggere frasi che confermano la mia presa di posizione contro la soluzione organizzativa, antipedagogica, aberrante delle classi-pollaio. Queste sono l’esempio del tramonto della pedagogia nella scuola a vantaggio del  verbo economico. Le classi-pollaio sono state istituzionalizzate dal duo Gelmini-Tremonti  ( 2008 ) e confermate dai governi Monti, Letta e Renzi. Quest’ultimo si era presentato come il “Rottamatore”, il “Cambiaverso”. Quindi ci si attendeva una loro abolizione, sanzionando l’espulsione dal sistema formativo di ogni ragionamento basato sull’ottimizzazione, risparmio… L’istituzione scolastica deve essere sempre protetta dalle incursioni del liberismo economico, semplicemente perché gli insegnanti si relazionano con persone, intelligenze e “futuri” che possono essere condizionati pesantemente dalle condizioni presenti.
E invece, Renzi si è dimostrato un “continuatore” delle politiche della destra, ed è per questo che molti insegnanti si sono sentiti traditi nei fatti, sideralmente lontani dagli annunci. Direi di più, l’ormai ex Presidente del Consiglio  ha completato il disegno,  istituzionalizzando le classi super-pollaio con la legge di Stabilità del 2015, che impedisce ai capi d’Istituto di chiamare i supplenti il primo giorno di assenza del titolare, costringendo i docenti presenti  ad accettare gli studenti “orfani” nelle loro aule. Da qui la “lievitazione” delle classi che possono arrivare anche a 32-33 alunni con l’aumento esponenziale dei rischi di infortuni e di difficoltà a gestire situazioni di emergenza, dovute a terremoti…
Qualcuno potrà definirmi un “disco rotto”! Rispondo: sono contento di esserlo, perché parliamo della vita e futuro dei nostri ragazzi!

Pubblicato in Tutti gli articoli | Commenti disabilitati su Le classi pollaio fanno notizia

“Culpa in vigilando”: una dubbia soluzione!

giudice
Ogni giorno l’insegnante è combattuto tra la pedagogia e la giurisprudenza. Il conflitto si sostanzia in tutte quelle situazioni dove la finalità di rendere autonomo l’alunno si contrappone con il principio giuridico riguardante il profilo del minore: “incapace di intendere e volere”.
Il contrasto, spesso risolto a favore del principio della graduale autonomia del ragazzo, non comporta sempre conseguenze extra-pedagogiche. In altri termini, le iniziative finalizzate a far maturare l’alunno   non diventano rilevanti civilmente, perché  non generano incidenti o qualcosa del genere.
Detto questo la mia riflessione intende, però,  focalizzarsi su una sorta di “richiesta responsabile” finalizzata ad esonerare i docenti da eventuali chiamate in causa in presenza di incidenti di minori nel percorso scuola/casa. Questa si contrappone a quella in uso in molti istituti che si riduce a richiedere ai genitori un esonero di responsabilità per ipotetici incidenti che potrebbero coinvolgere il figlio minore. Per inciso, è  consolidata nella giurisprudenza l’interpretazione di questa dichiarazione che invece di “liberare” il docente, lo certifica a conoscenza dei suoi obblighi. E quindi…
Ma torniamo  alla “richiesta responsabile“. Questa è stata ipotizzata dal Pubblico Tutore dei Minori della regione Friuli Venezia Giulia ( 2004 )il quale propone una richiesta genitoriale, non una liberatoria, caratterizzata dall’esplicitazione del diritto all’autonomia del proprio figlio. La compilazione di questo modulo non prefigura l’abbandono del minore, perché preceduta da una valutazione genitoriale  sul grado di maturazione del figlio, la collocazione della scuola ed il percorso che lui deve compiere. La verifica, però coinvolge anche la sua capacità di percorrerlo, assicurando  quindi la scuola di aver provveduto al suo necessario addestramento e alla sua educazione comportamentale. Da qui la richiesta a tornare a casa da solo.
Che dire? Lodevole il tentativo di proporre una “via d’uscita”dall’impasse che subordina la pedagogia al diritto civile. Detto questo, però, la soluzione mi pare molto debole. Ci sono troppi elementi prevedibili ( attraversamento non programmato della strada… )  che potrebbero configurarsi come pericoli per il minore e quindi creare le condizioni per la chiamata in giudizio del docente e dell’Istituto. A questo aggiungo che due sentenze  della Cassazione ( 1996 )   hanno formalizzato il principio “senza soluzione di continuità” nella vigilanza e tutela del minore. Si legge infatti ” L’arco temporale di tale obbligo (obbligo di vigilanza) perdura, senza soluzione di continuità, dal momento in cui ha avuto inizio l’affidamento dello studente alla scuola fino a quando il minore, riconsegnato ai genitori o lasciato in luogo dove, secondo la normalità, non sussistono situazioni di pericolo, rientra ad ogni effetto giuridico nell’alveo della sorveglianza parentale” Principio ribadito tre anni dopo: “L’istituto di istruzione ha il dovere di provvedere alla sorveglianza degli allievi minorenni per tutto il tempo in cui gli sono affidati, e quindi fino al subentro, reale o potenziale, dei genitori o di persone da questi incaricate”
Sono molto interessato a conoscere il parere di avvocati o di giudici.

Pubblicato in Tutti gli articoli | Commenti disabilitati su “Culpa in vigilando”: una dubbia soluzione!

L’insegnamento non attira più! Non mi dire…

insegnante sfruttato
Ogni tanto leggo articoli di giornali o su riviste specializzate che presentano lo stato di crisi che circonda l’insegnante.
Bene, se ci fermiamo alla registrazione, al ” fatto”, rischiamo di fermarci come scriveva F. Hegel ad “osservare l’albero, ma non la foresta”.
Quali le cause di questa “desiderabilità” verso l’insegnamento.
Innanzi tutto la scarsa attenzione delle nuove generazioni verso la professione-insegnante deve essere inquadrata nella più grande crisi che sta investendo la scuola. Questa istituzione ha perso il suo fondamento che si chiama futuro. Viviamo in un contesto “liquido” dove il futuro, come categoria e prospettiva “altra”è tramontata.
La scuola non è un’istituzione che si identifica con il presente. Il futuro è la sua prospettiva. Questo si declina nella formazione dei ragazzi, nella traduzione quotidiana di un profilo pedagogico che rimanda ad un’idealità, a una visione prospettica. E’ indubbio che la crisi della scuola dipende anche da una didattica che  immagina un ragazzo ancora inserito in un contesto culturale, sociale ed economico che non esiste più. Un fare scuola che non si rapporta con le nuove sfide della società 2.0 e 3.0…
Da qui ne consegue anche la caduta di prestigio sociale ed economico del docente. Per quanto riguarda il primo aspetto gli esempi sono diversi: le violenze fisiche e psicologiche sui docenti, la percezione di essere considerati dei lavoratori a bassa complessità ( le tante ripetizioni private  fatte da persone incompetenti ),  l’irricevibile e indecente proposta contrattuale degli 85€ lordi “spalmati” in tre anni con la complicità dei sindacati della scuola che ” a corto di prospettiva” stanno portando avanti il piano financapitalista ( L. Gallino ) di superamento dell’istituzione scolastica, a favore di un modello di istruzione ” fai da te” e a velocità diversa, dipendente molto dalle possibilità economiche del cliente. Così operando, però,  stanno decretando anche la loro estinzione.  
Articolo

Pubblicato in Tutti gli articoli | Commenti disabilitati su L’insegnamento non attira più! Non mi dire…

Il Censis e il PNSD

censis-e1449227578834
Nel suo annuale Rapporto, giunto al traguardo dei cinquanta, il Censis apre una finestra sul PNSD. Il Piano che intende superare tra l’altro la contrapposzione laboratori0/aula, portando il primo a vivere e supportare la didattica ogni giorno, ha delle criticità.
Mi preme riflettere sulla mancata esplicitazione del piano formativo a supporto delle diverse azioni, che si tradurrebbe secondo le parole dell’Istituto nel ” rischio che l’entusiasmo tecnologico metta in ombra la rivisitazione dei modelli pedagogici, ovvero che le tecnologie siano utilizzate nelle scuole con un approccio didattico tradizionale”.
Da questo blog ho scritto diversi articoli ( “Competenze digitali?”, ” Coding e classe capovolta”, ” Animatori Digitali. La prospettiva alta “…) , invitando gli Animatori Digitali a comunicare gli aspetti prospettici ( Dove vogliamo arrivare? Quale profilo formativo 2.0  vogliamo realizzare?… ). Al momento, però, leggo tante azioni e iniziative, ma non supportate dalla visione formativa. Almeno io non le ho “intercettate” .  Se questa è assente si rischia di ridurre “il Piano al digitale” ad una serie di procedure da insegnare, scivolando in un tecnicismo che non appartiene al nostro profilo docente.
Coerentemente con quanto detto, le mie proposte formative ( ” Le mappe concettuali in Rete“, “Realizzare un video…, ” “Prepararsi all’Ecdl ” )  esplicitano sempre il piano alto della formazione.
Il PNSD nel rapporto 50° Rapporto-Censis 

Pubblicato in Tutti gli articoli | Commenti disabilitati su Il Censis e il PNSD

La piattaforma Facebook contro il bullismo

facebook
Ieri il 50° Rapporto Censis ha confermato che il bullismo e cyberbullismo sono due problemi che coinvolgono più della metà dei ragazzi tra gli 11 e 17 anni. E i genitori? Sono i grandi assenti o al più minimizzano il problema.
Facebook, il noto Social dove i nostri ragazzi postano spesso in modo compulsivo foto o video anche privati ha aperto una Piattaforma di prevenzione contro il bullismo.
E’ divisa per sezioni: studenti, genitori, scuole. Patrocinata tra l’altro da “Save the children” e altre organizzazioni.
Assolutamente da consultare!

Pubblicato in Tutti gli articoli | Commenti disabilitati su La piattaforma Facebook contro il bullismo

“Culpa in vigilando”: la podestà genitoriale è relativa

bambino e ...
L’articolo linkato al termine di questa riflessione presenta il caso di una mamma che aggredisce un Preside di un Istituto scolastico di Catania. Il motivo: divieto di far uscire da solo il figlio !
La condotta del Preside è ineccepibile! Ha applicato correttamente la normativa. Un bambino minorenne non può essere autorizzato a tornare a casa da solo, neanche se il genitore firma una liberatoria! Stesso discorso vale, nel caso si presenta un minorenne a ritirare il bambino ( altro minorenne ).
Qui però intendo allargare la riflessione su un altro aspetto: il bambino e in genere il minorenne non appartengono assolutamente ai genitori. In altri termini, il minorenne non è una “proprietà privata” dei genitori, dove nel loro immaginario è possibile decidere e agire liberamente. Spesso si sentono espressioni genitoriali di questo genere: ” Luca ( nome di fantasia) è mio figlio! E su di lui decido io!”. Non sempre, ma spesso questa posizione, nasconde la presunzione di esercizio di un “diritto assoluto” sul figlio.
La Convenzione dei diritti dell’infanzia e dell’adolescenza    ( 20 novembre 1989 ) ratificata dal nostro Parlamento il 27 maggio 1991, stabilisce quattro principi non trattabili, quindi superiori a qualunque legge, disposizione e “decisione familiare”. Essi sono: ” Non discriminazione”, “Diritto alla vita, alla sopravvivenza e allo sviluppo” ( art. 6 ), “Ascolto delle opinioni del minore” ( art. 12 ), ” Superiore interesse”( art. 3 ). Soprattutto quest’ultimo formalizza il criterio  della “suprema” centralità dell’infanzia  e non relativa o variabile dipendente dalle condizioni esterne.
Ecco spiegato il motivo per cui la podestà genitoriale non può essere intesa come libertà assoluta del genitore, ma è un diritto/dovere finalizzato al ben-essere e all’integrità fisica e psichica del minore.  Quindi quando queste condizioni vengono meno il giudice decide la decadenza della podestà genitoriale. La decisione non ha carattere punitivo verso i genitori, ma di prevenzione-protezione del minore.
Stesso discorso vale per i rapporti scuola-famiglia. Il diritto supremo del bambino alla protezione non è “trattabile”, attraverso una liberatoria e peggio che mai con un accordo verbale tra il genitore e il responsabile scolastico. Al minore deve essere garantita la massima tutela che non può essere assicurata lasciandolo andare a casa da solo o affidandolo ad un altro minore il quale giuridicamente ” è incapace di intendere e volere”.
Articolo ” Mio figlio di otto anni deve uscire da solo”

Pubblicato in Tutti gli articoli | Commenti disabilitati su “Culpa in vigilando”: la podestà genitoriale è relativa

Contratto? No solo un accordo politico!

115824390-aad7a9fd-37e4-44e1-b62a-49e6e91e4848-1
Ho letto il documento e  diversi commenti sul presunto nuovo contratto economico.
Bene, non è il nuovo contratto economico! Sono solo quattro fogli firmati, equiparati a un accordo politico o pro-referendum Mi ricordano il foglietto ( impegno a cambiare la legge elettorale ) che ha convinto l’on. Cuperlo a sostenere il Si referendario.
Quindi il valore di questi foglietti, contrattualmente è uguale a zero!  Nulla più! Diverrà vincolante, quando i sindacati si siederanno al tavolo e firmeranno il documento  davanti l’ARAN . Temo che con la bozza-contratto ci sarà anche il nuovo Testo Unico che definirà, sicuramente in peggio, il nostro nuovo profilo giuridico, dando piena attuazione alla Legge Brunetta ( 2009 ).
Sono molto preoccupato, vista l’affidabilità dei potenziali firmatari!  Si sono prestati, difficile dire se consapevolmente o meno, al gioco del governo di far passare un pre-accordo come il nuovo contratto, e accettando un’intesa  economica significativamente al ribasso ( la loro piattaforma proponeva un aumento di 150€ )e tarata sul valore medio,   per una serie di impegni generici ( revisione legge Brunetta, legge 107/2015…). I massimi rappresentanti sindacali gridano ai quattro venti i soliti slogan ” Nuove regole per nuovi contratti. E’ il cambio di passo che volevamo…“, ” Abbiamo firmato un accordo sul pubblico impiego per una nuova stagione dei servizi pubblici “… In realtà è una debacle, l’ultima “Caporetto sindacale”. Purtroppo questa sconfitta riguarda anche noi e il nostro futuro professionale. A meno che…

Pubblicato in Tutti gli articoli | Commenti disabilitati su Contratto? No solo un accordo politico!

Contratto economico 2016-18: Non ho parole!

bloccato-il-rinnovo-contratto-scuola-per-il-2015_163225
Pare che avremo il nuovo contratto economico valido per il triennio 2016-18.
Udite,udite l’aumento medio sarà di 85 €!
Se sospendiamo il ragionamento la somma si presenta accattivante, interessante.
Ma riprendendo il filo di una riflessione a caldo, rimango basito. Esterrefatto!
Innanzitutto, regaliamo sei mesi di incremento contrattuale all’Amministrazione. La sentenza della Massima Corte, risalente al 24 giugno 2015,  ha formalizzato ” con decorrenza dalla pubblicazione della sentenza, l’illegittimità costituzionale sopravvenuta del regime del blocco della contrattazione collettiva per il lavoro pubblico”, Quindi ipotizzo che la sentenza inizi ad essere valida da luglio 2015. Ecco i sei mesi di vacanza contrattuale. 
Andiamo avanti. Gli 85 € sono lordi! In tasca arriveranno 60 €, con la sorpresa, però, che saranno diluiti in tre anni ( 2016-2018 ). La “spalmatura” viene incontro alle esigenze delle finanze pubbliche. Infatti si parla di 20 € di aumento annuo. Il triplo di quelli previsti dalla legge di Stabilità 2016, in linea con la spesa prevista per il 2017, che poi sarà confermata anche per il 2018. Questi sono i dati. Il resto è chiacchiera! Meglio fumo che nasconde la cruda realtà di un aumento contrattuale non dignitoso, irrispettoso del nostro ruolo.
Non comprendo la fretta dei sindacati a firmare un contratto che sicuramente provocherà un ulteriore frattura tra i lavoratori e i loro rappresentanti. Mi auguro che si fermino un minuto prima di firmare!
Per noi della scuola i problemi non finiranno con il contratto economico. Questi ci sembreranno delle inezie, in relazione a quelli che porrà il contratto giuridico o qualcosa del genere.

Pubblicato in Tutti gli articoli | Commenti disabilitati su Contratto economico 2016-18: Non ho parole!

Accorpare le classi? Purtroppo Si! E i genitori?

tar-lazio-no-classi-pollaio

Qualche giorno fa L. Ficara ha pubblicato un articolo sulla questione dell’accorpamento delle classi, ritenendolo illegittimo. Sono proposte delle soluzioni, non sempre fattibili per la mancanza di personale interno o della disponibilità dei dirigenti scolastici.
L’accorpamento, che lede il diritto alla sicurezza e allo studio degli alunni e degli studenti, diventa quindi in molti casi “necessità”, in quanto occorre garantire il diritto certo alla sorveglianza, a fronte di un ipotetico rischio alla sicurezza dovuto a eventi estremi ( terremoti, incendi…). Accorpamento imposto dalla legge di Stabilità 2015 , proposta in Parlamento  dal governo Renzi, che impedisce di chiamare il supplente il primo giorno di assenza del titolare. E’ facile evincere la natura puramente economica della soluzione che risponde ai criteri del contenimento della spesa pubblica. Esempio del dominio della finanza sulla pedagogia e prima ancora sulla sicurezza dei ragazzi. Poveri noi!
In molti casi, queste classi  diventano superpollaio, in quanto aumentano  i rischi e i pericoli già presenti in quelle formalizzate dalla L.133/2008 del duo Gelmini-Tremonti.
A tutto questo si aggiunge il silenzio assordante dei genitori! Questi dovrebbero opporsi decisamente a quest’accorpamento. E invece, silenzio!

Pubblicato in Tutti gli articoli | Commenti disabilitati su Accorpare le classi? Purtroppo Si! E i genitori?

“Educhiamo” il coding

coding
Presento al termine di questa breve riflessione un articolo che critica fortemente la pratica del coding, che in molti casi mi sembra  proposta perché di moda. Lo stesso Miur, attraverso il Ministro Giannini, conferma questa “euforia da coding” proponendolo dal prossimo anno fin dalla scuola primaria ( leggi articolo )
Ho scritto spesso del pericolo di ridurre l’informatica, e nello specifico il coding ad un’attività banale, semplice, dove è sufficiente digitare un codice per risolvere un problema. In altri termini, la cultura della digitazione che non rimanda ad “piano alto”, formativo rischia di ridurre tutta l’informatica ad una serie di operazioni da compiere sulla tastiera. Operando in questo modo si rischia di perdere la prospettiva. Nel caso del coding questo significa banalizzare , “semplificare il problema”, bypassando o riducendo la sua complessità fatta di analisi, confronto, precisione formale dei risultati…
Interessante il seguente passaggio: ” L’insistenza a parlare di “coding” come se la cultura del digitale si riducesse alla manualità dello scrivere codice a quello è anche propria di chi vuole produrre pigiatasti a cottimo, lavoratori a bassa specializzazione e basso costo, intercambiabili. Un proletariato del XXI secolo così impegnato a lavorare per vivere da non potersi accorgere che il proprio lavoro è tenuto artificialmente in vita solo come pacificatore sociale”.
Articolo da leggere per individuare percorsi che mettano in relazione il ” piano alto dell’educazione” con l’addestramento digitale, accettando anche l’idea di rimandare  quest’ultimo a momenti non gestiti direttamente da noi, ma che sicuramente risulteranno efficaci anche grazie alla nostra azione “dietro le quinte” e quindi lontani dal “palcoscenico dell’innovazione a tutti i costi”.
No al coding

Pubblicato in Tutti gli articoli | Commenti disabilitati su “Educhiamo” il coding

500 €: no all’anticipo!

500 €
Nel Web “gira” l’invito ad anticipare gli acquisti del Bonus. In questo modo si eviterà la complessità della procedura di attivazione dell’acquisto. Per inciso la normativa prevedeva il rilascio di una carta elettronica. A detta del Miur, si è scelta questa procedura per evitare la fase di controllo  dei Revisori dei Conti, risultata lunga e non di facile attuazione.
Tornando, però, alla questione dell’anticipo,  sono del parere di attendere qualche giorno. Il motivo è semplice: i 500€ non saranno versati, come lo scorso anno, sul conto personale. Saranno a disposizione dal 1° dicembre ( forse ) su una piattaforma, accessibile attraverso le credenziali SPID. Pertanto tutte le spese anticipate  dovranno essere validate e compensate  dalle segreterie delle scuole  in un secondo tempo sul proprio conto. Si legge, infatti,  nella nota ministeriale: “Le somme relative all’anno scolastico 2016/2017 eventualmente già spese dal 1° settembre 2016 al 30 novembre 2016 dovranno essere registrate attraverso la piattaforma digitale e saranno erogate ai docenti interessati, a seguito di specifica rendicontazione, dalle scuole di appartenenza.” Con quali tempi? Tutti noi conosciamo, come siano spesso lunghi e vaghi   i tempi di  espletamento delle procedure da parte delle segreterie scolastiche. Quindi si rischia che per evitare una  procedura complessa in piattaforma si entri dentro un’altra di pari difficoltà,  snervante e con un conto temporaneamente più magro.  Evitiamo di “cadere  dalla padella alla brace”!

Pubblicato in Tutti gli articoli | Commenti disabilitati su 500 €: no all’anticipo!

Operazione recupero docenti…

188537-thumb-full-300414_renzi_madia_sara_contenta
A ridosso del Referendum Costituzionale, il governo ha accelerato l’operazione recupero docenti.
Questa esigenza parte da un dato di fatto: il Pd ha “perso  la scuola”. La pessima legge, definita con un aggettivo inappropriato “Buona”, nata da un accordo di Palazzo e con qualche Fondazione, ma non con il coinvolgimento dei docenti ; il contratto fermo da sette anni e il peggioramento delle condizioni di lavoro dei docenti ( classi pollaio, superpollaio, aumento degli adempimenti burocratici… ) hanno rappresentato le condizioni ottimali per un divorzio non consensuale tra il governo di “sinistra”, ( ormai è rimasto il nome e comunque lasciamo perdere il “centro” ) e una componente essenziale della sua base elettorale.
Quindi il governo corre ai ripari con il bonus dei 500€ e la proposta di un aumento medio contrattuale di 85€.
Entrambi hanno un elemento in comune: sono proposti a ridosso del 4 dicembre.
I docenti dovevano avere in tasca la quota del nuovo bonus a settembre dopo le opportune verifiche da concludere entro agosto. E invece, la data di consegna delle certificazioni di pagamento è aggiornata “stranamente”  al 15 ottobre. Mossa strategica o esigenze organizzative? Difficile dirlo. E’ un fatto che la procedura per avere il Bonus è  attivata proprio  a ridosso del Referendum.
Il sospetto esiste anche per il contratto. Dormiente finora, nonostante una sentenza della Corte Costituzionale ( giugno 2015 )  che ha definito non più praticabile il blocco contrattuale. Sospetto che aumenta perché non sì è capito da dove escono gli 85€ di aumento medio ( quindi per tutti, ma questo contrasta con la legge Brunetta che stabilisce una premialità per alcuni ), con la cifra stanziata nella non ancora Legge di Stabilità 2017.  Per coprire i tre anni di rinnovo contrattuale occorrerebbero 11 miliardi ( sindacato Anief- Cisal ), cifra molto distante da quella prevista nella nuova proposta di legge di  Stabilità 2017. Infatti si legge nel testo:  è prevista “l’istituzione di un Fondo per il pubblico impiego, con una dotazione di 1,48 miliardi di euro per il 2017 e 1,39 miliardi di euro a decorrere dal 2018”
Quindi sicuramente il combinato Bonus e ipotesi contratto possono far perdere di lucidità i docenti, da anni in regime di “vacche magre”.  E’ come dare una fiaschetta d’acqua ad una persona assetata che ha percorso un buon tratto di deserto. Quindi attenzione a non esultare!
Al momento le carte sono coperte. Quelle importanti ( = contratto ), intendo. Le scopriremo solo dopo il 4 dicembre.

Pubblicato in Tutti gli articoli | Commenti disabilitati su Operazione recupero docenti…

A che punto è la sinistra?

sinistra-vita-star-trek-grande-e1438170820712
Oggi “L’unità”, giornale fondato da A.Gramsci ha proposto una riflessione: ” A che punto è la sinistra?” Il contributo non tratta  solo della situazione italiana. Allarga lo sguardo all’Europa, in vista delle elezioni in Germania e Francia. Qui però intendo riflettere sul termine “sinistra” e sul suo significato attuale.
A mio parere la sinistra non esiste più! Sopravvive nella forma, non nella sostanza. Chi l’ha estromessa dall’orizzonte semantico della società “liquida”? Il finanzcapitalismo ( L. Gallino ), dell’ “onnipresente presente”, dell’individuo consumatore senza “io” e “noi”, dell’evaporazione della politica ridotta a variabile dipendente dall’economia, della riduzione della sovranità degli stati nazionali.
In questo contesto presentato sinteticamente, la sinistra è una realtà vuota, senza radici, “liquida”. Il suo terreno e le sue radici non esistono più! Da Gramsci a Berlinguer, quella sinistra  si alimentava di futuro, di una visione che considerava la storia come un processo dialettico esente da ogni “datità” naturale. Quella sinistra perseguiva l’affermazione e l’ampliamento dei diritti sociali, meno di quello civili, che considerava il “noi” cornice dell’ “io”, inteso quest’ultimo come realtà “densa”, “pesante”, in quanto carico di storia e della spinta trasformatrice della realtà. Quindi sideralmente lontano dal paradigma adattativo verso la realtà che porta al fatalismo, anticamera della ” notte del mondo” ( M. Heidegger ) abitato da “passioni tristi” ( B. Spinoza ) alimentate dal diktat ” Ce lo chiede l’Europa!”.
Ecco il contesto da “Fine della storia”(F. Fukuyama ) che ha espulso  la sinistra!

Pubblicato in Tutti gli articoli | Commenti disabilitati su A che punto è la sinistra?

D. Faraone, ottima decisione, ma…

Immaginesd

Sono sempre più persuaso che moltissimi “spiano” i nostri “movimenti” nel Web. Lo fanno in modo silenzioso, senza lasciare un  “Condividi”, un “Mi piace”. Da qui la sensazione di essere poco letto o seguito. I motivi di questo mancata interazione sono diversi,  ma non mi interessa qui analizzarli. Sicuramente vale la regola che nel Web, non sei mai solo e attraverso l’inquietante funzione della condivisione, perdi immediatamente il controllo di quello che hai “postato”.
E’ il caso della visita del sottosegretario D. Faraone al docente picchiato dai genitori ( leggi notizia a conclusione di questa riflessione ). Da questo blog ho auspicato che questo avvenisse  ( D. FaraoneAttendiamo un messaggio “ad personam , D. Faraone e la violenza contro gli insegnanti  ). Ovviamente mi riferivo non a questo fatto specifico. Comunque  E’ un segno di interessamento e condivisione nei confronti del docente coinvolto.
Bene, che dire? Ottima decisione su un evento grave che conferma l’imbarbarimento del contesto intorno al docente. Ovviamente questo peggioramento non coinvolge  solo il rapporto tra gli insegnanti e l’utenza, ma i corpi sociali tra loro e gli individui sempre più “monadizzati”, desocializzati e isolati dove la contrapposizione dura e il detto hobbesiano “homo homini lupus” diventano i paradigmi di una società a legami deboli.
Cambio di passo dell’Amministrazione? Ripensamento nei confronti di una strategia che aveva messo al centro l’alunno, lo studente maltrattato, picchiato, struprato, dimenticando che esisteva un’altra forma di bullismo, altrettanto grave, perpetrato sul docente? La valutazione potrà essere fatta su più fatti e in un arco di tempo più lungo. Sicuramente dopo il 4 dicembre che ci consegnerà tutta la sincerità e l’autenticità dei cambi di passo.
Un suggerimento a D. Faraone e “in primis” al Presidente Renzi: si continui con queste visite, supportandole però con altri atti, quali la firma di un contratto economico dignitoso ( 180 di aumento medio lordo ), si blocchino con una nuova legge i decreti attuativi della L.107/2015, si riporti il numero degli alunni per classe a 20 ( L.517/77 ) e altro ancora. Ah, quasi dimenticavo , che queste “pratiche” non potranno essere concluse prima del 4 dicembre! Quindi, chaupeau per l’atto di D. Faraone! Ma da qui per una valutazione più profonda ci vorranno ulteriori conferme a più livelli.

Insegnante picchiato dai genitori

Pubblicato in Tutti gli articoli | Commenti disabilitati su D. Faraone, ottima decisione, ma…

Indagine “Progetto Selfie”

c_4_articolo_2019490_upiimagepp
Propongo i risultati di un indagine sugli “stili di vita giovanili”.  Si hanno diverse conferme. Ad esempio il tempo dedicato nel Web, grazie anche alla disponibilità di smarthphone, recentemente definiti da M. Spitzer ” i nuovi coltellini svizzeri” ( “Solitudine digitale“).
Ampio spazio è dedicato alle attività sui Social. Interessante il dato che presenta i professori con una percentuale di fiducia bassa (40%), ritenendo che ” non ne vale la pena”.
Da leggere le tabelle relative al gioco d’azzardo online, all’uso di tabacco, alcol e e sostanze stupefacenti
Ritengo importante la lettura di questo lavoro, semplicemente perché sono sempre più convinto che noi operatori della scuola conosciamo poco e male i nostri ragazzi. Una buona progettazione deve partire dalla realtà, non da quella frutto dell’immaginazione o di categorie che presentano profili storicamente datati. Diversamente ogni nostra azione è destinata con molta probabilità al fallimento.
Progetto Selfie

Pubblicato in Tutti gli articoli | Commenti disabilitati su Indagine “Progetto Selfie”

Presidente Renzi, non è difficile trovare la risposta!

2533398-renzi_assemblea_pd
Ieri il Presidente Renzi, nell’illustrare le cose fatte dal suo governo nei primi mille giorni, attraverso le diapositive ( lui, e non solo, le chiama slide ), ha dichiarato di non capire perché a fronte di un investimento di tre miliardi per la scuola, gli insegnanti siano arrabbiati.
Da insegnante  rispondo che non è molto difficile trovare la risposta. La può trovare, tornando ad ascoltare i docenti e leggendo i vari post o interventi argomentati.
Personalmente ho scritto una riflessione, molto letta nel Web. Il Presidente Renzi può iniziare da questa.
La “Buona Scuola”: il vizio di fondo!

Pubblicato in Tutti gli articoli | Commenti disabilitati su Presidente Renzi, non è difficile trovare la risposta!

PNSD: avanzano le criticità. E Il Miur?

accountability1

Finalmente le criticità del PNSD iniziano ad occupare stabilmente il palcoscenico! I rilievi hanno la funzione di migliorare qualsiasi progetto, artefatto umano. Il motore della nostra vita è la prospettiva che rimanda all’esperienza del viaggio,  la perfettibilità alla quale è esposta qualunque nostra azione. Questo vale per le nostre singole esistenze, ma anche per qualunque progetto sociale, politico culturale…  E’ vero che per M. Heidegger  il “progetto” rimanda ad un ente “proiettato fuori”, ma nulla impedisce di allargarne il significato anche ai “prodotti” .
Fatta questa premessa, sono rimasto molto soddisfatto che le criticità, non occupino, come per la maggior parte degli interventi fin qui letti, la parte finale del contributo. I rilievi (1-4 ), se tradotti in atti formali, non rallenterebbero “in itinere” il PNSD. Anzi!     E il Miur? Sembra indifferente! Meglio: impotente, in quanto condizionato dall’economicismo imperante. Gli investimenti ci sono, ma sono assenti sulle voci strategiche alla riuscita del PNSD.  Occorre valorizzare le competenze, crearne di nuove sempre ben retribuite e  porre attenzione  nel tempo alle dotazioni e agli ambienti!
L’immobilismo del Miur,  non mi rende fiducioso  sul conseguimento degli obiettivi del PNSD.  Con buona pace per l’impegno profuso da tanti miei colleghi e per  le  risorse investite.

Articolo “Tecnicadellascuola.it

Pubblicato in Tutti gli articoli | Commenti disabilitati su PNSD: avanzano le criticità. E Il Miur?

Annuncite, annuncite, annuncite vuota

buona-scuola-renzi-giannini
Renzi e i suoi ministri leggono i sondaggi. Si sono accorti che il mondo della scuola ormai è lontano dal Pd. E questo pone diversi problemi al partito ormai completamento “liquido” del Pd. Si sa che in questa condizione ogni profilo “denso”, fatto di storia e cultura perde ogni forma. E’ restituito in una forma sfuggente, quindi difficilmente configurabile.
Questa liquidità certamente non fa ben sperare per il referndum.
Pertanto, Renzi, Giannini e altri cercano di correre ai ripari. Il primo tenta di comunicare ai docenti il proprio sostegno contro gli atti di violenza che ogni giorno subiscono gli insegnanti. Gli annunci, però, non sono seguiti da una visita ai diretti interessati. Questo atto concreto ( ammesso che i docenti lo accettino ), assumerebbe un significato più profondo e sicuramente più efficace ai fini della comunicazione.
La Ministra, invece, si lancia in annunci senza fondamento, sul rinnovo del contratto entro dicembre, omettendo però le risorse a disposizione. Comunque dopo il referendum! Contratto che sicuramente sarà firmato – risulterà interessante leggere le firme dei rappresentanti sindacali -, e quindi formalmente la Ministra potrà dire di aver rispettato l’annuncio,  ma con l’elargizione di 10-20 € netti. Cifra vergognosa e offensiva!
Con questi messaggi Renzi e ministri dimostrano la loro debolezza e paura di fronte all’esito referendario. Appuntamento al 5 dicembre! Dopo questa data potremo cogliere le differenze rispetto alle dichiarazioni ( difesa insegnanti e firma di un contratto economico dignitoso ).

 

Intervento Giannini

Pubblicato in Tutti gli articoli | Commenti disabilitati su Annuncite, annuncite, annuncite vuota

“La classe degli asini”, la 517/77 e dintorni

la-classe-degli-asini-fiction-rai1
Ho visto “La classe degli asini” proposto da Rai Uno.
Sono tornato indietro con il tempo, quando la pedagogia contava, rispetto all’economia, fatta quest’ultima di contenimento della spesa, di razionalizzazione e ottimizzazione delle risorse…
Allora la scuola era autonoma, come spazio educativo e pedagogico. Dirò di più. La pedagogia era ascoltata dalla politica! Il momento più alto di questa supremazia pedagogica è stata l’approvazione della L.517/77, grazie alla quale si sostanziava l’art. 3 comma 2 della Costituzione:” E` compito della Repubblica rimuovere gli ostacoli di ordine economico e sociale, che, limitando di fatto la libertà e l’eguaglianza dei cittadini, impediscono il pieno sviluppo della persona umana e l’effettiva partecipazione di tutti i lavoratori all’organizzazione politica, economica e sociale del Paese.” Da qui il diritto allo studio sostanziale che muovendo da quello formale ( “La scuola è aperta a tutti”, art 34 della Costituzione), impegnava la scuola ad alfabetizzare tutti, nessuno escluso. Quindi si riconosceva che la “diversità” non poteva giustificare la separazione, che si declinava nelle “classi differenziali”. La “diversità” era considerata una caratteristica distintiva di ogni persona. Certo poi, questa si presentava con gradazioni differenti, ma era considerata un valore, un’opportunità di crescita per tutti. Questo momento felice per la pedagogia proseguì con l’istituzione della commissione tecnica che elaborò i programmi didattici ( 1985 ) per la scuola primaria ( allora elementare ) insieme alle indicazioni organizzative per la scuola post gentiliana, già superata dallo sperimentalismo degli anni ’70. Questo gruppo di lavoro composto inizialmente da trenta esperti e poi allargato a sessanta rappresentava la punta di un iceberg. Dietro o “sotto”, come preferite, c’erano tantissimi insegnanti che contribuirono a definire la “nuova scuola elementare” (1990 ) .
Tutto questo era possibile perché alla scuola era attribuito un valore strategico. Il futuro era una prospettiva praticabile. Si credeva nella possibilità di un’alterità migliore rispetto al presente.
Cosa è cambiato rispetto ai tempi della L.517/77  e dintorni? Molto! Innanzitutto è tramontata l’idea del futuro come prospettiva. Siamo schiacciati da un presente “onnipresente” ( F. Hartog ) Da qui  la sensazione che la pedagogia come pro-getto ( proiettata avanti ) sia diventata una variabile dipendente del finanzcapitalismo ( Gallino ) . Un esempio: le classi pollaio!
Gli alunni sono progressivamente aumentati ( la 517/77 stabiliva un tetto di 20 alunni in presenza del disabile ) Negli ultimi otto anni è frequente incontrare classi con 31-33 alunni. E questo grazie alla decisione politica di seguire il criterio del risparmio e dell’ottimizzazione delle risorse. Mi riferisco alla Legge 133/2008 di Gelmini-Tremonti che ha istituzionalizzato le classi pollaio e alla legge di Stabilità del 2015 ( Governo Renzi ) che ha introdotto quelle superpollaio, per via dell’impossibilità delle scuole di nominare un supplente il primo giorno di assenza del titolare. Queste due modalità organizzative sono state definite incostituzionali dal T.A.R della Toscana ( 2016 ) , perché ledono il diritto all’istruzione e aggiungo io quello alla sicurezza. Eppure, il pronunciamento non ha turbato i sonni del legislatore, confermando la subalternità della pedagogia all’economia.

Pubblicato in Tutti gli articoli | Commenti disabilitati su “La classe degli asini”, la 517/77 e dintorni

Governo Renzi. ” Osservate la foresta non l’albero” ( F. Hegel )

foresta-conifere
Scriveva F. Hegel: ” Non fermarsi ad osservare l’albero, ma la foresta”.
Il pensiero del padre dell’Idealismo tedesco chiarisce il limite delle analisi sul governo Renzi. Molti miei colleghi, e non solo, hanno legato la vittoria del NO al referendum costituzionale con la caduta dell’attuale governo. Sinceramente il dibattito non mi appassiona. E mi spiego. Chi sostiene che le dimissioni di M. Renzi, aprano gli orizzonti a migliori prospettive, è in errore e dimostra anche di avere la memoria corta. Infatti, la stessa speranza  fu riposta nel novembre del 2011, quando molti brindarono alla caduta del governo Berlusconi salutando il “nuovo”, che si presentava  nella figura di M. Monti. Sappiamo tutti che  il suo governo fece  approvare leggi che si posero in perfetta continuità con la visione di quello precedente.
E veniamo all’errore. Per individuarlo occorre andare oltre i fatti, allargare l’osservazione allo sfondo. E’ necessario  che la prospettiva diventi il paradigma della nostra analisi. Diversamente rimaniamo inconsapevolmente ingabbiati nell’osservazione delle increspature dell’acqua, dell’albero, ignorando che il contesto dà senso al particolare, e questo a sua volta concorre a delineare il profilo del tutto.
Ritengo che il governo Renzi non sia il problema, ma l’espressione di un meta-problema, che si chiama   contesto finanzcapitalista ( L. Gallino ) che con ” la fine della storia” ( F. Fukuyama ) sta gradualmente riducendo “l’età dei diritti” ( N. Bobbio ), dilatando il “presente in un onnipresente” ( F. Hartog ), espellendo la categoria del superamento e del miglioramento dal nostro esser-ci  ( M. Heidegger, J.P. Sartre ), espandendo “io” cartesiano, in un esasperato  “homo homini lupus ( T. Hobbes ). Tutto questo giustifica la fine della politica, meglio il suo asservimento al “verbum economicus” della globalizzazione , che si traduce nella perdita della sovranità monetaria, nella costituzionalizzazione del Fiscal compact.  Da qui assumono un senso espressioni del tipo” Ce lo chiede l’Europa”, ” Abbiamo fatto i compiti a casa”, fatte proprie da esponenti della destra e sinistra, decretando in questo modo la “liquidità” dei loro confini culturali.   In questo contesto mutato è naturale che la cosiddetta sinistra assuma la funzione di “ariete” contro la sua storia. Scriveva E. Bloch ” Per far approvare le leggi della destra è sufficiente colorarle con il rosso. Il colore della sinistra”.
Quindi in “questa notte del mondo” ( M. Heidegger ) e di “passioni tristi” ( B. Spinoza ), credere che sia sufficiente rimuovere Renzi per risolvere i problemi è  fuorviante. Se non si cambia il contesto attendiamoci altri ministri come  Gelmini, Profumo, Carrozza e Giannini…
L’impegno riformistico ( non rivoluzionario ) deve essere preceduto da una riflessione collettiva che immagini e definisca un’alterità esistenziale e sociale diversa da quella attuale che rimetta al centro la persona, la politica, intesa quest’ultima come attenzione ed espansione dei diritti individuali, sociali e civili. E’ necessario tornare al pensiero greco, nello specifico ad Aristotele che ipotizzava scenari catastrofici  quando l’economia si rende autonoma  dal governo del popolo.

Pubblicato in Tutti gli articoli | Commenti disabilitati su Governo Renzi. ” Osservate la foresta non l’albero” ( F. Hegel )

Piano di formazione: il peso del compenso

5746img11657-971
Sul sito Agenda Digitale è apparso un interessante articolo ” Gli insegnanti tornano a studiare… riguardante il preannunciato Piano di formazione.
Non mi soffermo sulle tante riflessioni teoriche che condivido. Vorrei, invece porre l’attenzione sulla criticità riguardante il compenso,   presente anche  nel PNSD, in modo significativo tanto che ho l’impressione che ne stia condizionando la riuscita.
Verso la fine e all’interno del paragrafo ” Le possibili criticità del piano…” si legge:
I “costi orari” della ammessi per la  retribuzione dei formatori sono molto bassi 45 euro lordi per i docenti della scuola e 70 euro lordi che comprendono anche le spese di viaggio e trasferta e questo spesso manda deserti i bandi o ammette al ruolo di formatori soggetti poco qualificati.
Qualche “purista” criticherà questa mia eccessiva attenzione sull’aspetto economico, dicendo che la nostra azione non può ridursi solo al compenso, ma vive di passione. Verissimo, ma questa deve essere aiutata anche dal riconoscimento economico. Diversamente può favorire lo sfruttamento da parte dell’Amministrazione ( si pensi agli AD o al team per l’innovazione, ai compensi irrisori dei commissari d’esame per il recente concorso-scuola…).
Occorre tener presente  anche il contesto di “vacche magre”.. In altri termini, gli operatori scolastici hanno il contratto fermo dal 2009, gli scatti stipendiali praticamente fermi. Ci restano solo le briciole del merito. E quindi non sono molto predisposti a lavorare tanto e quasi gratis!
Medesimo discorso per i docenti-discenti, ignorato nell’articolo. Ne ho già parlato in un precedente intervento ( ” Dubbi sulla formazione obbligatoria “)

Pubblicato in Tutti gli articoli | Commenti disabilitati su Piano di formazione: il peso del compenso

PNSD: La “sofferenza” non risolta

accountability1
Circa un mese fa, scrivevo un articolo ” PNSD: la verità “nascosta” dal Miur . Partivo da una nota del 4 ottobre 2016 che richiedeva la conferma o la modifica “dei dati relativi agli animatori digitali e al Team per l’Innovazione delle scuole che sono state interessate da suddetti cambiamenti, anche in vista dell’attuazione dell’azione #28 del PNSD”
Ora il Miur, a distanza di un mese pubblica una nuova nota ( 4 novembre 2016 ), motivando la  riapertura del portale per le  “numerose segnalazioni da parte delle scuole relative a modifiche intervenute in corso d’anno”.
Ovviamente il Miur non lo ammetterà mai, probabilmente esiste una “sofferenza” non risolta con la prima nota. In sintesi: non si trovano docenti disposti a ricoprire le suddette funzioni che richiedono l’espletamento di molte e complesse azioni a costo zero.  La “sofferenza” del Miur nasconde una presa di posizione di molti docenti nei confronti di una tendenza dell’Amministrazione a proporre “impegni gratis”.  Mi piacerebbe essere smentito, ma con i numeri. Ho espresso questa richiesta un mese fa, ma niente! Il silenzio del Miur, quindi è eloquente!
Esiste, quindi un problema! La soluzione è semplice, ma l’indecisione del Miur nasconde una speranza ( la disponibilità di docenti ) e nello stesso tempo conferma una difficoltà a reperire risorse adeguate da attrarre i docenti.
Qualche giorno fa “Il Corriere della Sera” annunciava la possibilità di un compenso. Al momento, però nessun atto concreto ha fatto seguito.
Dovremo attenderci una terza nota o il Miur  pubblicherà una Direttiva, nella quale indicherà il compenso per i docenti del PNSD? Ovviamente si spera che questo sia adeguato all’impegno. Ma forse qui è il problema!

Pubblicato in Tutti gli articoli | Commenti disabilitati su PNSD: La “sofferenza” non risolta

Le “espressioni” che ci aprono all’ “esser-ci”

Please help me

Sono un insegnante. Questa non è una novità, per chi mi segue!
Da sempre ho impostato il rapporto con gli alunni e studenti, partendo da due espressioni:  ” Per favore”, “Grazie”.
Queste espressioni hanno un enorme valore formativo. Favoriscono la nostra percezione di persone che hanno bisogno dell’altro. Ci ricordano che siamo caratterizzati dalla dimensione del limite, della finitezza ( L’esser-ci, espressione di M. Heidegger ). Questa condizione favorisce la percezione dell’altro   come una risorsa, un’opportunità, un  regalo che deve essere trattato con il massimo rispetto. Da qui il nostro dis-velamento creaturale con il “Per favore” e il riconoscimento del valore immenso dell’altro con  il “grazie”.
Le due espressioni sono rivoluzionarie, sono un segno di discontinuità  rispetto al contesto attuale, dove tutto ruota intorno all’ “Io” ipertrofico ( la crisi della modernità è aver posto l’  “ego cartesiano” al centro) , che coerentemente si coniuga con la pretesa, l’arroganza, che favoriscono la contrapposizione, la separazione dall “altro”. Dimentichiamo che tutti noi siamo un   “mondo positivo”  psicologico, sociale e culturale caratterizzato dal ” noi” ( sintesi tra l’ “IO” e il “VOI”) . Il pronome rimanda a idee, valori, comportamenti che inizialmente erano di altri, personalizzati poi  grazie al processo di assimilazione.
A questo occorre aggiungere che si torna a dare peso alle parole, alle espressioni, in un contesto dove queste spesso nascondono il NULLA, trasmettendo solo UN VUOTO FORMALE, FREDDO E ASETTICO. Non a caso,  si dice “Parole, parole, parole…”
Propongo di seguito un articolo che integra, quanto da me digitato.

“Per favore” e “grazie” per essere adulti migliori

Pubblicato in Tutti gli articoli | Commenti disabilitati su Le “espressioni” che ci aprono all’ “esser-ci”

“La scuola a prova di Privacy”

Propongo il nuovo documento del Garante per la Privacy riguardante il mondo della scuola.
Di particolare interesse le nuove questioni riguardanti il cyberbullismo, l’uso degli smartphone e del tablet.
A queste sono riproposte le situazioni “storiche” come la riprese di manifestazioni, recite espressioni di progetti scolastici…
E’ opportuno rileggere questo nuovo documento che ci consente di “lasciare fuori dalla porta” leggerezze o inadeguate decisioni che qualche volta caratterizzano il nostro ” vivere la scuola”

Pubblicato in Tutti gli articoli | Commenti disabilitati su “La scuola a prova di Privacy”

D. Faraone: attendiamo un “messaggio ad personam”

Immaginesd
A conclusione di questo mio breve intervento, propongo due notizie di violenza sui docenti.
Apprezzerei molto una visita di D. Faraone ai docenti coinvolti, come ha fatto recentemente dopo la violenza subita da alcuni alunni ( Leggi qui) .
Sarebbe un bell’atto di solidarietà, apprezzato (ritengo ) da tutta la categoria.
Anche gli insegnanti sono persone, come i bambini che hanno subito la violenza fisica. Ho scritto nell’articolo” Non c’é una ragione al mondo che possa giustificare violenze fisiche, psicologiche e sessuali su minori, soprattutto sui “troppo minori” che non possono difendersi”. Il principio vale  per tutte le persone.  Quindi declino in questo modo il mio pensiero: ” Non c’é una ragione al mondo che possa giustificare una qualche violenza su una persona di qualunque età, religione, cultura…”
La dichiarazione del Presidente Renzi alla trasmissione Politics è encomiabile, ma non è pienamente efficace, in quanto è generica.
Occorre un messaggio forte e chiaro “ad personam”. Tradotto: fare visita ai docenti che hanno subito violenza. D. Faraone, S. Giannini e perché no Presidente Renzi, chi di voi si propone?

Padre picchia il professore

Madre e figlio picchiano professore

Pubblicato in Tutti gli articoli | Commenti disabilitati su D. Faraone: attendiamo un “messaggio ad personam”

Indagine Demos: “La scuola di Renzi”

Immagine renzi
I. Diamanti, Presidente dell’Istituto di ricerca Demos, pubblica tutte le settimane sul quotidiano “La Repubblica”  i risultati di indagini di natura politica, sociale, chiamate “Le Mappe”.
Le ricerche sono liberamente consultabili su Demos.it .
Il 16 ottobre è stata pubblicata un’interessante “mappa” sulla “Buona Scuola“. Anche questa riforma risente del carattere divisivo del Premier, tanto che I. Diamanti l’ha definisce come ” La scuola di Renzi”. La “Buona scuola” non  e particolarmente amata dalla media degli italiani, tanto che ottiene un “misero 5″. Scrive, però, il Presidente Demos: ” Tuttavia, se risaliamo all’origine dei “voti” attribuiti alla riforma, emerge un’altra spiegazione. Significativa. I giudizi, infatti, si differenziano e si distanziano soprattutto in base all’appartenenza politica. Anzi: partitica. Perché solo gli elettori del Pd attribuiscono alla riforma sulla scuola un voto molto positivo. Più che sufficiente. Vicino al 7. Mentre gli elettori di tutti gli altri partiti di centro, destra e sinistra – e perfino gli alleati di governo – la bocciano. O, almeno, la rimandano agli esami di riparazione.”
Quindi è una riforma che non appartiene a tutta la scuola, alla società. Risente della natura della sua genesi. Pensata ed elaborata  dall’alto con scarso coinvolgimento di chi la scuola la vive ogni giorno, partendo dall’aula.
A questo si aggiunge il calo di fiducia degli italiani verso l’Istituzione scolastica. La flessione è del 4% rispetto al 2015. Quindi totalmente imputabile alla ” Scuola di Renzi” , come lo è la percezione  della riduzione degli investimenti.
Molto alto è presentato nella “Mappa” che lascio alla lettura personale. Di particolare interesse sono i grafici, consultabili e presentati  con il link  “Vedi indagine collegata”

Pubblicato in Tutti gli articoli | Commenti disabilitati su Indagine Demos: “La scuola di Renzi”

I selfie e il consenso

142203506-65be0a26-4a48-4b52-82c4-9ac208bd02b8
Proseguo nelle mie comunicazioni sull’uso  superficiale dei Social.
E’ il turno dei selfie. Questa nuova modalità di “immortalarsi” con amici e conoscenti, può avere delle  conseguenze civili e penali,  se messa in atto con persone che non gradiscono la pubblicazione nel Web( leggi articolo sotto ).
La legislazione ha il grande vantaggio di farci riflettere sulla nostra superficialità,  valutando  i nostri atti, anche quelli che compiamo nel web.
Nello spazio virtuale riteniamo di essere esonerati dall’educazione, dall’attenzione, dal rispetto  verso la sensibilità dell’altro. Molti ritengono il Web una zona franca, dove tutto è lecito, consentito. Probabilmente perché ci illudiamo di essere tra pochi intimi o amici. La realtà è ben diversa. Si dimentica che con la condivisione di messaggi, foto e selfie perdiamo subito dopo la pubblicazione il controllo di quello che abbiamo postato. E questo può dar fastidio anche al nostro intimo amico!

Conseguenze selfie

Pubblicato in Tutti gli articoli | Commenti disabilitati su I selfie e il consenso

Dubbi sulla formazione obbligatoria

formazione
Si legge nell’art 1 ( unico ) comma 124 della legge 107/15:

Nell’ambito degli adempimenti connessi alla funzione docente, la formazione in servizio dei docenti di ruolo e’ obbligatoria, permanente e strutturale. Le attivita’ di formazione sono definite dalle singole istituzioni scolastiche in coerenza con il piano triennale dell’offerta formativa e con i risultati emersi dai piani di miglioramento delle istituzioni scolastiche previsti dal regolamento di cui al decreto del Presidente della Repubblica 28 marzo 2013, n. 80, sulla base delle priorita’ nazionali indicate nel Piano nazionale di formazione, adottato ogni tre anni con decreto del Ministro dell’istruzione, dell’universita’ e della ricerca, sentite le organizzazioni sindacali rappresentative di categoria”
Si legge, invece, nell’art. 64 del C.C.N.L 2007, ancora vigente:
” La partecipazione ad attività di formazione e di aggiornamento costituisce un diritto per il personale in quanto funzionale alla piena realizzazione e allo sviluppo delle proprie professionalità.”
Ho inserto questi due rimandi, perché ritengo importante ragionare sui documenti e non sulle chiacchiere, fornendo, mi auguro, alcune chiare indicazioni.
Entriamo nel merito. Formazione come diritto o come obbligo?
Tra i due testi normativi , occorre tener presente la legge Brunetta ( 2009 ). Questa ha stabilito che la fonte primaria per una categoria non è più il contratto di lavoro, bensì la legge. In termini tecnici questo si declina con l’espressione  “decontrattualizzazione del profilo giuridico” dell’insegnante. Questo principio non è retroattivo, ma varrà dal prossimo contratto. Pertanto, al momento vige ancora il principio che la norma di riferimento è il contratto. Il diritto alla formazione, quindi, diventa anche dovere se il Collegio dei docenti approva un piano di formazione.
Ma altri problemi esistono intorno alla formazione. Il Miur coerente con la sua logica “economica” perseguita in questi ultimi tempi ( e non solo ), dichiara che la formazione è a totale carico del docente, “dimenticando”, inoltre,  che se le ore superano quelle stabilite dalle attività di funzionali di insegnamento 40+40   ( art 29 – Contratto giuridico 2007 ), queste vanno retribuite.
Personalmente sono un sostenitore della formazione per i docenti. In alcuni casi sono discente, in altri  rivesto la funzione di formatore. Ritengo che il nostro profilo professionale necessiti della continua linfa della formazione, che ovviamente non può essere identificata con gli incontri di un corso di aggiornamento, ma il Piano di Formazione,  come tante altre in questo periodo, si inserisce in un contesto fortemente negativo. Mi riferisco alla “rabbia inespressa” da molti miei colleghi sul mancato rinnovo contrattuale, alle peggiorate condizioni organizzative di lavoro ( penso alle classi pollaio o superpollaio ), alla “separazione” sociale dei docenti che si traduce in  opposizione, critiche, sospetti e luoghi comuni … da parte dell’utenza, al disprezzo espresso da alcuni giornalisti come F. Rondolino, alle dichiarazioni superficiali e offensive della Giannini. alle dimenticanze di D. Faraone …  A questo si aggiunge la “scoperta” del “dark side” della legge 107/15 costituita da nuovi obblighi e funzioni, però a costo zero o quasi. Da qui la sensazione di essere sotto assedio.
A mio parere occorre dare dei segnali concreti di attenzione  verso i docenti, diversamente la “rabbia inespressa” dei docenti diventerà resistenza passiva, decretando la morte della scuola. E’ questo che vuole il Miur?

Pubblicato in Tutti gli articoli | Commenti disabilitati su Dubbi sulla formazione obbligatoria

Il “no” francese al Piano Digitale

numerique-409x400

In Francia, si sta diffondendo la protesta contro l’invadenza del “digitale” nelle scuole. L’opposizione  ha un suo fondamento: l’introduzione dei dispositivi informatici non garantisce “ipso facto” un miglioramento dei livelli di apprendimento degli studenti. Avviene, anzi, il contrario: “rendono difficile la concentrazione, diminuiscono la capacità di riflessione e di calcolo, non stimolano la creatività.”  Il dato è supportato anche dal Rapporto Pisa che sinteticamente registra che una sovraesposizione ai dispositivi elettronici peggiora la comprensione di testi scritti. Scrive M. Spitzer nel suo ultimo lavoro “Solitudine digitale” che il multitasking  non appartiene alla razza umana. E’ semplicemente una “favola metropolitana”, probabilmente indotta anche dalle grandi aziende informatiche degli smartphone.
E’ un bene che queste critiche siano tenute in giusto conto. La scuola e la  diffusa digitalizzazione  sono due mondi inconciliabili, in quanto gli sfondi, le prospettive sono diverse. L’azione della prima è formativa! Valorizza la promozione della persona che si costruisce sugli elementi critici e riflessivi del pensiero. La cornice per realizzare questi obiettivi è la capacità di attivare l’attenzione e l’impegno per il tempo richiesto all’espletamento del compito. Il mercato informatico, invece, ha solo il profitto come prospettiva, proponendo prodotti che gradualmente stanno polverizzando il nostro “Io”, sempre più prodotto di sensazioni ed emozioni ( D. Hume ).  Se la scuola facesse sua l’istanza della completa digitalizzazione, rischierebbe di perdere la prospettiva formativa e quindi il fine che giustifica la sua presenza.
Occorre, che ogni nuova pratica informatica sia preceduta dalla riflessione pedagogica dei docenti. In questo modo l’istituzione scolastica manterrebbe la sua identità culturale e pedagogica, in un contesto liquido e postmoderno, impegnato a fagocitare tutto sull’altare del progresso, del veloce e dell’efficienza.
Il nostro PNSD è composto da 35 azioni “digitali” , dalle quali è difficile individuare  il raccordo con il profilo educativo, presentato a  pag. 7 del PNSD: ” Questo Piano risponde alla chiamata per la costruzione di una visione di Educazione nell’era digitale, attraverso un processo che, per la scuola, sia correlato alle sfide che la società tutta affronta nell’interpretare e sostenere l’apprendimento lungo tutto l’arco della vita (life-long) e in tutti contesti della vita, formali e non formali (life-wide). ” Nel capitolo 3 si legge ancora:  In particolare, occorre rafforzare le competenze relative alla comprensione e alla produzione di contenuti complessi e articolati anche all’interno dell’universo comunicativo digitale, nel quale a volte prevalgono granularità e frammentazione. Proprio per questo è essenziale lavorare sull’alfabetizzazione informativa e digitale (information literacy e digital literacy), che mettono al centro il ruolo dell’informazione e dei dati nello sviluppo di una società interconnessa basata sulle conoscenze e l’informazione.”
Frequentando diverse pagine Social degli Animatori Digitali ho l’impressione che si corra dietro all’ultima novità o idea, senza presentare il  “piano alto formativo ” che giustifica la loro introduzione nella prassi didattica. Potrei anche sbagliarmi! Quindi pronto a ricredermi, ma dopo aver letto qualche progetto formativo.
Monta la protesta

Pubblicato in Tutti gli articoli | Commenti disabilitati su Il “no” francese al Piano Digitale

Una mappa concettuale ” caotica”

 corsi-di-informatica
In fondo a questa mia breve considerazione propongo il link di una mappa concettuale .
E’ un esempio, tra i tanti, di mappa realizzata senza criteri organizzativi, inutile ai fini del “racconto”, e “caotica”.
Non si riesce a comprendere, in alcuni casi, quali regole giustificano l’inserimento nei rettangoli di un solo concetto ( “videogioco”, “controllo” ) e in altri di parti di periodi ( a destra ce ne sono diversi ) Questa scelta non facilita lo sviluppo concettuale. In altri termini, la presenza di più concetti non favorisce l’esplicitazione orale e/o scritta dei sottoconcetti e che io presento con “racconto”. Per non parlare poi della generazione del testo, organizzato per paragrafi.
Infine, la presenza di tanti concetti, trasmette una sensazione di “caoticità”. Questo tipo di mappa è prevista nella mia impostazione ( la chiamo ” mappa grassa” ), ma è organizzata a “strati concettuali” e comunque deve prevedere massimo 10-12 concetti. Diversamente risulta difficile organizzarla e finalizzarla adeguatamente per la presentazione di un nuovo argomento.
Esempio mappa
Proposta corso ” Mappe in rete”

Pubblicato in Tutti gli articoli | Commenti disabilitati su Una mappa concettuale ” caotica”

Genitori e cyberbullismo

1397581503_cyberbullismo-fabrizio-pillotto
Da diverso tempo pubblico articoli sul  cyberbullismo (ad esempio: L’ingrottamentoLa superficialitàBullismo) L’Istat ( 2015 )fotografa questa situazione, includendo anche il bullismo: ” Nel 2014, poco più del 50% degli 11-17enni ha subìto qualche episodio offensivo, non rispettoso e/o violento da parte di altri ragazzi o ragazze nei 12 mesi precedenti. Il 19,8% è vittima assidua di una delle “tipiche” azioni di bullismo, cioè le subisce più volte al mese. Per il 9,1% gli atti di prepotenza si ripetono con cadenza settimanale. Lascio il resto della lettura.
Tenendo conto che secondo la società dei pediatri italiani l’74% – 84% dei ragazzi coinvolti nel fenomeno preferisce risolvere da solo il problema senza consultare gli adulti ( genitori, educatori, insegnanti ) la situazione è grave.   Sul sito life Style Ansa sono proposti ai genitori cinque comportamenti. Tutti richiedono l’impegno ad aggiornarsi sui nuovi sviluppi tecnologici e nel Web. A questo si aggiunge anche l’attivazione di un dialogo con preadolescenti e adolescenti . Particolarmente difficile con i primi, in quanto occorre gestire la fase naturale della “desatellizzazione” dalla famiglia a favore del gruppo dei pari, che oggi, spesso,  è virtuale (gli amici su Facebook, Instagram…).
L’alternativa è rinunciare all’educazione, consegnando i nostri figli al  “The dark side” del Web, caratterizzato da un diffuso narcisismo e desiderio di emergere…

Pubblicato in Tutti gli articoli | Commenti disabilitati su Genitori e cyberbullismo

Nardella: titolo fuorviante!

nardella-1

Nel Web circola questa notizia ” Difendere i lavoratori, è vecchia sinistra!“. La dichiarazione è attribuita a D. Nardella, renziano della prima ora ed ora sindaco di Firenze. E’ mia abitudine andare sempre alle fonti. Non è mia abitudine emettere giudizi frettolosi. Preferisco attendere!
Bene sono andato a verificare se quanto divulgato corrispondesse al vero: Ecco, l’intervista. Dichiara Nardella: ” Questa idea di vecchia sinistra per cui i lavoratori vanno sempre bene e difesi anche quando sono assenteisti, anche quando sono inefficienti. Combattere tutto questo non è di destra, volere la riforma della pubblica amministrazione è un tema di una sinistra moderna”
Quindi ci troviamo di fronte a un titolo fuorviante , frettolosamente scritto. L’esponente renziano, punta di diamante del superamento tra destra e sinistra, non identifica genericamente  la difesa del lavoratore  con la sinistra, ma lo circoscrive con qualche ambiguità ( parla della Riforma della Pubblica Amministrazione ) ad una tipologia: il lavoratore assenteista ed inefficiente ( cosa ben diversa dal nullafacente, condizione questa imputabile alla cattiva organizzazione ).
Dobbiamo stare attenti a quello che pubblichiamo e condividiamo. Solo lasciando fuori dalla finestra frasi offensive, sostituite da argomenti,  e controllando la fonte di quello che vogliamo condividere, spuntiamo un’arma ai detrattori del Web. Essi spesso presentano gli internauti come una massa di ignoranti e altro… A fine agosto, qualche giorno dopo il terremoto che ha colpito Amatrice e paesi limitrofi,   di E. Mentana definiva l’internauta superficiale  Webete.
Sono un convinto sostenitore che il Web possa diventare una piazza virtuale, la nuova Agorà, alternativa alla televisione, alla carta stampata, spesso allineata al potere. Un luogo virtuale dove si fa cultura “altra”, le conoscenze e le convinzioni si alimentano attraverso il confronto, la sintesi argomentativa. Solo in questo modo potremo costituire un’alternativa al “piattume culturale” oggi imperante, finalizzato più a far cambiare attitudini che a convincere attraverso analisi e argomenti. Diversamente rischiamo l’emarginazione, l’identificazione con le chiacchiere da “Bar dello sport” dove ognuno può  esprimere opinioni “condite”  da offese e da assenza di verifiche…

Pubblicato in Tutti gli articoli | Commenti disabilitati su Nardella: titolo fuorviante!

Il modello economico della L.107/15

insegnante sfruttato
Ormai è passato più di un anno dall’approvazione della L.107/15, comunemente chiamata Legge della “Buona Scuola”. Le diverse applicazioni ( merito, Scuola digitale, formazione obbligatoria, ) stanno chiarendo lo scenario futuro del docente. Si va verso il buio, almeno per chi come il sottoscritto, crede nella professionalità del proprio lavoro, intesa questa come un insieme di competenze apprezzate socialmente ed economicamente valorizzate.
Bene, cerchiamo di chiarire la prospettiva, partendo però sempre dai fatti. Il profilo che si sta affermando, può essere sinteticamente espresso in questo modo: ” Lavora sempre di più e in condizioni peggiori , ma non aspettarti alcun riconoscimento economico per queste  nuove prestazioni “. Questo si declina con incarichi assunti senza alcuna prospettiva di un compenso adeguato, formazione obbligatoria scorporata dal pacchetto 40+40 e quindi a totale carico del docente (  ad esempio le spese viaggio) . Quando il compenso è previsto si riduce a 200-300 € netti annui. Quest’ultimo è definito “merito”, dimenticando che il significato del termine rimanda alla “giusta ricompensa” in rapporto al lavoro espletato.
Il modello economico che emerge diventa più chiaro se allarghiamo la prospettiva alla presenza delle classi pollaio e super-pollaio, all’avvilente e offensivo  aumento contrattuale , alla possibilità del superamento degli scatti stipendiali… Nulla di imprevisto! Il modello, infatti,  è coerente con i dettami economico-finanziari che dominano attualmente il pensiero, le decisioni e i comportamenti dell’homo economicus . In questo contesto il lavoro è sempre più marginalizzato, e dove ancora esiste deve assumere le caratteristiche di precarizzazione e sfruttamento. Da qui l’ “instabilità esistenziale” dove tutto è “liquido”, incerto con la conseguenza di espellere dal proprio “esser-” , il “ci” il cui significato è stato ben espresso dal filosofo tedesco M. Heidegger. Egli vedeva l’essente, come un ente gettato avanti ( pro-getto ), in continuo auto-trascendimento ( J.P. Sartre ). Scendendo dalle vette alte del pensiero, il progetto è molto chiaro: demotivare i docenti, e quindi condizionarli fortemente nel lavoro quotidiano. Ne consegue naturalmente un abbassamento della qualità del servizio. Migliore condizione per dimostrare che la scuola non serve, è una spesa sociale inutile e improduttiva. E quindi chiudiamola! E dopo? Si realizzerà un altro obiettivo del turbo-capitalismo : trasformare i cittadini in sudditi eterodirezionati, teleguidati, con  un Io  ” liquido” trasformato in un fascio di sensazioni ed esperienze ( D. Hume ). Poveri noi!

Pubblicato in Tutti gli articoli | Commenti disabilitati su Il modello economico della L.107/15

“Chi manipola la tua mente?”

67437g-ywh6e7lx

La comunicazione non è mai stata oggettiva! Ognuno cerca sempre di manipolarla, di adattarla con trucchi e alterazioni ai propri fini. Con l’avvento dei massmedia, il messaggio non rimanda  più alla dualità verbale-non verbale. Il supporto di altri elementi, come ad esempio la scenografia possono concorrere al risultato per il quale è stata pensata.
Lo scopo della comunicazione “liquida”, spesso veloce, “di pancia” non è convincere con argomentazioni ma cambiare le attitudini delle persone, dando ad esse l’impressione che questo avviene per una loro libera scelta.   Detto questo, come riconoscere le trappole cognitive o emotive che accompagnano oggi la comunicazione politica e non solo?
A.Oliverio Ferraris, ex ordinario di Psicologia dello Sviluppo, psicoterapeuta e scrittice con la sua autorevole penna ci descrive con un linguaggio accessibile e prevalentemente accattivante,  i meccanismi più utilizzati per manipolare la nostra mente e quindi dissolvere il nostro Io, riducendolo alla somma di sensazioni ( D. Hume ).
Si inizia con l’imitazione, meccanismo che ha un ruolo importante nel processo di socializzazione, ma che in un contesto manipolatorio diventa un interessante ” cavallo di Troia ” per indebolire il nostro Io. E’ il caso dell’aumento delle vendite di sigarette ( anni 30-50 ), grazie all’esposizione mediatica di alcuni attori come Gary Cooper, Humphrey Bogart. Il meccanismo dell’imitazione poi ha una sua declinazione nel trucco del mimetismo mediatico dove si ritiene vera e fondata l’opinione della maggioranza.
Da qui si analizzano nei capitoli seguenti il nostro piacere ad essere convinti e le tecniche pubblicitarie e quelle riguardanti la comunicazione politica  che si basano sui  “bug” della nostra mente che favoriscono l’aggiramento della parte riflessiva e critica.  In altri termini, gli esperti in comunicazione puntano sulle nostre emozioni, le uniche che possono bypassare la nostra razionalità. Si parla di Neuromarketing, storytelling e realsificazioni.E’ possibile affermare che chi studia la comunicazione ci conosce molto bene, più di noi stessi! Prospettiva inquietante!
Lavoro che consiglio a tutti, soprattutto a chi intende rimanere il più possibile libero nel nostro contesto liquido e postmoderno, dove le persone hanno assunto un profilo di consumatori e di oggetti.

 

Pubblicato in Tutti gli articoli | Commenti disabilitati su “Chi manipola la tua mente?”

Gratis a scuola: una bella sintesi!

immagine
Chi mi segue conosce la mia posizione sul lavoro gratis a scuola che ha il “merito” di ridurre il nostro profilo professionale a tutto vantaggio di un volontariato educativo, basato sulla rassegnazione ( ” Ormai la situazione è irrimediabile. Che fai, lasci la scuola andare sempre più a rotoli?”), sul senso del dovere ( ” Mi sento di farlo per i miei alunni, studenti…) e altro ancora.
A questo aggiungo che il lavoro gratis, costituisce un perfetto “cavallo di Troia”, introdotto nel sistema,  che indebolisce, disunisce i docenti, rendendoli più vulnerabili. In questo modo si diventa complici, spesso inconsapevoli, del superamento del Contratto Nazionale di lavoro, a tutto vantaggio di una privatizzazione del rapporto di lavoro, caratterizzata dalla contrattazione tra il singolo docente e l’Amministrazione.
Nel Web ho trovato l’immagine, che apre questo mio breve intervento e che ha il merito di sintetizzare il profilo gratuito del nostro essere insegnante.

Pubblicato in Tutti gli articoli | Commenti disabilitati su Gratis a scuola: una bella sintesi!

Compiti si, compiti no! Bah!

compiti-a-casa-regole-per-i-genitori-l-x09y34
Nell’articolo ( link ) che inserisco al termine di questa mia riflessione, viene proposto in modo articolato il problema dei compiti per le vacanze, fine settimana e dintorni.
Tra i tanti motivi che qualche pedagogista ( M.Parodi )  avanza per il No dei compiti c’é quello della violazione dei diritti umani! Provocazione? Esagerazione! Cosa dire? Non ho parole! Certo, ogni carico cognitivo eccessivo va tenuto fuori dalla nostra prassi educativo-didattica. Affermare, però,  che i compiti che vengono assegnati in estate o nel fine settimana, come un’opportunità per una messa a punto dei contenuti proposti in classe o durante l’anno, rappresentino un andare contro un diritto della persona al riposo, è proprio un bel salto logico!
L’articolo, mette sul banco degli imputati, gli insegnanti che fanno ” muro”, chiudendo ogni possibilità di dialogo.
Personalmente sono del parere che i compiti a casa, che diventano lezione, per chi lavora in modalità “classe capovolta ” siano necessari. Solo in questo modo, l’alunno e  lo studente di scuola secondaria di primo grado possono apprendere in modo significativo, grazie alle diverse “bussole metodologiche e strategiche” proposte dall’insegnante. Aggiungo che questo momento può diventare un’ “ottima palestra” per impegni più seri, quali quelli naturalmente presenti nei percorsi della scuola superiore o dell’Università.
Certo se questa posizione avversa ai compiti dovesse un giorno diventare norma diffusa, allora altri dubbi si aggiungerebbero sulla funzione formativa della scuola!
Articolo

Pubblicato in Tutti gli articoli | Commenti disabilitati su Compiti si, compiti no! Bah!

Web: la “responsabilità inconsapevole” dei genitori

genitori-e-internet-480x160

Ho scritto più volte dei rischi insiti nella navigazione nel Web ( ad esempio  Il vizietto dei genitoriIl sexting , la preoccupante… ). Ho messo spesso in risalto la responsabilità dei genitori , spesso inconsapevole delle conseguenze, quando postano foto o video dei propri figli. In questo modo dimostrano di non conoscere i meccanismi ( profili social facilmente “bucabili, la condivisione… )  e soprattutto i contesti spesso nascosti e “laterali” al virtuale conosciuto,  come il Dark Web ( si legga ” Il nostro web sta diventando… ) nel quale essi decidono di postare il materiale.
Non siamo mai soli nel web! Molti  ci osservano,  ci leggono e visitano le nostre pagine in modo silenzioso e discreto. La maggior parte fa tutto questo, spinto da curiosità o da altre motivazioni ” innocue” . Altri, invece,  lo fanno con l’intento di “saccheggiare” il materiale per poi ricavarne un utile per le proprie pulsioni o per avere dei ritorni economici nel lato oscuro del Web…
Ora l’articolo che linko  conferma tutti questi scenari. Da leggere!
Articolo

Pubblicato in Tutti gli articoli | Commenti disabilitati su Web: la “responsabilità inconsapevole” dei genitori

A.D. Uno spiraglio per il compenso?

animatoreDigitale

E’ di ieri la notizia che il Miur annuncerà una forma di retribuzione per gli Animatori Digitali ( v. articolo ). Meglio tardi, che mai! E’ da diverso tempo che lo sto scrivendo in questo blog. L’ultimo articolo è di qualche giorno fa. La questione non è di poco conto. Condiziona il successo o il naufragio del PNSD! Certamente ai piani alti del Miur si sono accorti, leggendo le pagine Social degli AD  che la proposta indecente di scaricare sull’AD più di 30 azioni  nel triennio  ( complesse e quindi impegnative ) la formazione non funziona. Non poteva funzionare, nonostante la presenza di un profilo medio del docente disponibile a sobbarcarsi un compito così pesante e gravoso. Personalmente ho rifiutato l’incarico, perché il mio tempo libero è troppo prezioso per essere “svenduto” in questo modo – è la mia opinione, condivisibile o meno.
Ora però attendiamo cosa proporrà il Miur. A mio parere il compenso deciso centralmente non potrà mai avvicinarsi a un compenso lordo dipendente  annuo di 2000 € – cifra ragionevole, anche se in leggera perdita. Prevenuto? Non credo! Il mio scetticismo, come sempre, si basa sui fatti. L’ultimo in ordine cronologico  si riferisce  ai compensi indecenti liquidati ai commissari del concorso-scuola.
Staremo a vedere! Intanto invito il Miur a stupirci con una proposta economica adeguata all’impegno!

Pubblicato in Tutti gli articoli | Commenti disabilitati su A.D. Uno spiraglio per il compenso?

L’uso “disinvolto” dei Social

offendere
Per formazione culturale non sono abituato ad offendere le persone. Preferisco argomentare le mie posizioni, cosciente che questa modalità, spesso è anti-televisiva e sideralmente lontana dal pensiero superficiale, dall’opinione, dalla frase ad effetto. Ritengo però, che la modalità argomentativa  sia una delle forme più alte del pensiero.
Da qui la mia distanza dal turpiloquio, dall’offesa personale al personaggio politico…
Purtroppo registro che spesso questa è la modalità di comunicazione nei Social. Non sempre chi si esprime in questo modo è cosciente delle conseguenze penali . Non siamo mai soli, quando postiamo un commento, una foto…
Qui propongo una sintesi dei rischi ai quali può andare incontro una persona che posta messaggi  offensivi

Pubblicato in Tutti gli articoli | Commenti disabilitati su L’uso “disinvolto” dei Social

M. Spitzer ” Solitudine digitale”

Solitudine digitale_Esec.indd

Dopo l’ottima pubblicazione di “Demenza Digitale” ecco il suo seguito e completamento.
Apparentemente come il primo, anche questo lavoro dello psichiatra M. Spitzer, sembra caratterizzato da “vis polemica”, dal criterio del “versus” a priori. L’A è cosciente della pervasività dell’informatica! Presenza che non si limita all’occupazione degli spazi, ma colonizza anche il nostro cognitivo, relazionale, affettivo ed emotivo. In altri termini tutte le dimensioni umane ne sono influenzate. Ora questa rapida mutazione, secondo M. Spitzer  può essere rallentata, anzi gestita criticamente,  se innanzitutto concretizziamo il detto ” in media stat virtus”. In altri termini, a detta dell’A., dobbiamo evitare di essere irretiti dalle dinamiche del mercato, e dalle sirene della pubblicità che tendono a creare fascinazione e dipendenza intorno ai dispositivi, nascondendo gli effetti collaterali con la proposizione  dell”’ “homo technologicus”  giovane, “leggero” “liquido” efficiente e dinamico.
Ma dietro le quinte o spente le luci la realtà  appare diversa. E questo non è dovuto ipso facto ai  dispositivi, come lo smartphone ( il “coltellino svizzero ), ma al loro abuso e alla conseguente dipendenza. Da qui ne discendono: riduzione nell’attenzione, aumento di peso, insonnia, depressione, relazioni a prospettiva corta…
Tutti questi fenomeni non sono semplicemente annunciati,  ma supportati da indagini, ricerche, tabelle finalizzate  a dare “robustezza argomentativa” alle  diverse situazioni enunciate.  In altri termini ci troviamo  tra  le mani un ottimo lavoro scientifico!  Una sfida per genitori e insegnanti a non nascondere la testa sotto la sabbia, affrontando con  un adeguato bagaglio di conoscenze e riflessioni  una sfida dove è in gioco la possibilità di formare ragazzi e giovani critici e propositivi nei confronti dei nuovi scenari proposti dall’uso dei dispositivi e degli ambienti virtuali. E non solo!

Pubblicato in Tutti gli articoli | Commenti disabilitati su M. Spitzer ” Solitudine digitale”

L’asservimento della scuola ( e non solo ) all’economico

o-186985-jpg-pagespeed-ce-3nfpznfnq6

La recente sentenza del T.A.R della Toscana che ha formalizzato l’incostituzionalità delle classi pollaio,  lo “storico”,  datato – sono passati diciassette mesi – pronunciamento della Corte Costituzionale che ha ritenuto superato il limite temporale della sospensione contrattuale ed infine l’indicazione della nostra Carta sui benefici contrattuali che devono riguardare tutta la categoria. non sembrano turbare i sogni dei nostri politici. Li lasciano indifferenti! Non c’è uno stralcio di provvedimento! Tutto resta immobile!    Il muro di gomma rappresentato dalla nuova versione della politica postmoderna, rimanda tutto al mittente o metabolizza proponendo versioni veritative  che nascondono i fatti,  opinioni di resa di fronte ad una realtà ritenuta immutabile e slegata dalla prassi umana. Nella migliore delle ipotesi si fanno annunci di imminenti decisioni, si stanziano risorse offensive della dignità dei lavoratori ( v. prossimo contratto ), si gioca alle ” tre carte” ( distribuzione degli alunni  frequentanti classi numerose in classi meno affollate )…
Qual è il disegno che unisce questi provvedimenti, apparentemente senza legami tra loro?
Da tempo sono abituato ad “osservare la foresta e non il singolo albero” ( F. Hegel ), perché questo mi consente di comprendere la direzione, la prospettiva verso la quale stiamo andando.
Bene, questa erosione di diritti, perché di questo si parla, è il risultato di una progressiva subalternità del politico al Moloch dell’economia. E quando questo accade, si favorisce lo spaesamento, il disorientamento del singolo, dove il nuovo paradigma diviene l’incertezza, la liquidità dell’esistenza. A mio parere tutto questo  è iniziato con la decisione di entrare nell’Euro, ritenuto precedente ad ogni costruzione culturale e politica europea. Questo ha comportato una perdita progressiva di sovranità nazionale, e quindi erosione degli spazi della politica, intesa come attenzione, decisione per confermare ed espandere i diritti sociali.  Difficile, quindi, in questo contesto pensare ad un “cambiaverso”, inteso come ricollocazione al centro  dei diritti sociali, dai quali tutto dipende.  Siamo chiusi in “una gabbia dorata” dai legami sociali deboli e  abitata da monadi esistenziali, che sostanziano l’ “homo homini lupus” ( T. Hobbes ) e la riduzione dell’io ad un fascio di sensazioni ( D. Hume ), finalizzato al consumo  ( Homo consumens, Z. Baumann ) In questo contesto, i diritti sociali non sono più fondativi di una comunità, ma un retaggio del passato da smantellare.
Che fare? Semplice: rimettere al centro la persona e  la comunità, che nella loro relazione si fondano sulla certezza e non subalternità dei diritti all’economico. Ma questo richiede un segnale forte della politica, che dopo il tramonto delle “grandi narrazioni storiche ” ( marxianesimo e cristianesimo ) non è riuscita a dare sostanza e concretezza all “oltreuomo” ( F. Nietzsche ), facendosi schiacciare in un ” onnipresente presente” , aprospettivo, condizione ottimale per la “morte dell’uomo”.

Pubblicato in Tutti gli articoli | Commenti disabilitati su L’asservimento della scuola ( e non solo ) all’economico

PNSD: la verità nascosta del Miur

accountability1
Una settimana fa il Miur ha invitato le scuole a confermare il nominativo dell”Animatore Digitale e quelli relativi al team Innovazione ( Nota 7 ottobre 2016). Tale richiesta è motivata per via “del piano straordinario della mobilità del personale docente, nonché a seguito del dimensionamento delle istituzioni scolastiche”.
Nella prima parte della nota,  ravviso un’incongruenza con l’impegno dell’Animatore Digitale a svolgere questa funzione per tre anni nel proprio Istituto. Questo ovviamente diventa stringente, in presenza di un contratto di prestazione firmato dal docente interessato. Ma quanti stanno operando con un vincolo contrattuale? Sarei interessato a conoscere il dato.
Vorrei, invece soffermarmi sulla parte di verità non detta dal Miur. Mi giungono voci ( non c’è nulla di ufficiale e di scritto ) che le dimissioni da questa funzione  hanno superato il 50%. Il valore percentuale, significa che più di 4150 docenti hanno rinunciato all’incarico. Quindi la nota del Miur nasconde questa notizia. Del resto, dal suo punto di vista, è più che giustificabile. Ma oggi con l’aumento dell’informazioni dovuto anche al contributo della Rete, è difficile nascondere i “fatti”.
Detto questo, mi auguro che il Miur riprenda in mano il Piano Nazionale Scuola Digitale, soprattutto nella parte economica, definendo risorse certe per l’immane lavoro ( più di trenta azioni complesse da svolgere nel triennio  )  dell’Animatore Digitale. Diversamente fra qualche mese il PNSD assomiglierà ad una nave abbandonata dall’equipaggio e lasciata alla deriva. Un altro simulacro all’inefficienza!!!

Pubblicato in Tutti gli articoli | Commenti disabilitati su PNSD: la verità nascosta del Miur

Competenza digitale? Parliamo invece di…

Banda-ultralarga-630x350
Il termine “digitale” è entrato nel lessico dei docenti-informatici. E’ un’espressione inflazionata, onnicomprensiva e quindi inglobante ogni attività o progetto informatico. Un esempio fra tutti: Il Piano Nazionale Scuola Digitale ( PNSD ).
Personalmente non mi piace! Richiama alla mia mente l’azione che si compie davanti alla tastiera, caratterizzata da procedure che grazie alla rappresentazione di un diagramma ad albero, si susseguono fino a conseguire l’obiettivo. Ora queste azioni non richiamano competenze, tanto è vero che l’espressione “nativo digitale” che definisce i nostri ragazzi è solo una condizione temporale, ma nulla a che fare con il “saper essere” della persona. E i fatti lo dimostrano. I nostri studenti, e non solo, possiedono limitate abilità informatiche funzionali alla   navigazione nei Social, quali Facebook, Instagram…
A questo aggiungo che non tutti conoscono la definizione di “competenza digitale”, rischiando quindi di proporre significati  e fuorvianti.  Il Consiglio e il Parlamento Europeo ne hanno dato  una chiara spiegazione. Nel documento, chiamato ” “Raccomandazione relativa a competenze chiave per l’apprendimento permanente si legge: la competenza digitale ( la quarta delle competenze chiave)  consiste ” nel saper utilizzare, con dimestichezza e spirito critico, le tecnologie della società dell’informazione (TSI) per il lavoro, il tempo libero e la comunicazione. Essa è supportata dalle abilità di base nelle TIC(Tecnologie di Informazione e di Comunicazione): l’uso del computer per reperire, valutare, conservare, produrre, presentare e scambiare informazioni nonché per comunicare e partecipare a reti collaborative tramite Internet”.
Detto questo, preferisco espressioni più circoscritte  come ” competenza multimediale”,  ” testuale con supporto di schemi e mappe”. A queste si aggiungono quelle collaborative a distanza, utilizzando  programmi o soluzioni apposite, o relative al problem solving attraverso l’uso appropriato di programmi…
La necessità di chiarire l’ambito non è una questione semplicemente nominale, ma si basa sull’esigenza di “stringere concettualmente” l’area d’intervento, evitando la vaghezza o l’identificazione delle capacità procedurali con la “competenza digitale.
Di questo e di altro ho parlato nel mio intervento al Convegno La scuola di fronte alla sfida dei DSA”, organizzato dall’AID.

Pubblicato in Tutti gli articoli | Commenti disabilitati su Competenza digitale? Parliamo invece di…

Convegno AID: foto e mia presentazione

img-20161008-wa0009

img-20161008-wa0012

img-20161008-wa0008

Oggi sono intervenuto al Convegno ” La scuola di fronte alla sfida dei DSA”, organizzato dall’AID.
Ho parlato di didattica multimediale e reticolare, spiegando i motivi della sua presenza nell’attività didattica. Didattica multimediale che non può essere identificata con quella digitale.
Di seguito la mia presentazione.
Intervento

Pubblicato in Tutti gli articoli | Commenti disabilitati su Convegno AID: foto e mia presentazione