Insegnanti: isolati e assediati!

portrait of stressed teacher and blackboard background

Ogni giorno le cronache ci presentano insegnanti squilibrati, impazziti o semplicemente soggetti alla sindrome di Burnout, dove si dimostra di non essere più capaci di gestire le situazioni di stress.
Quindi abbiamo casi di violenze fisiche e psicologiche su minori, molto spesso “troppo minori” per essere in grado di difendersi.
E’ bene che questi fatti vengano resi noti, perché non può esistere una ragione al mondo per fare violenza a un bambino o a un ragazzo. Purtroppo il risvolto di questi eventi è quello di creare nell’opinione pubblica, soprattutto quella che non ha più rapporti con la scuola, l’idea che gli insegnanti siano degli psicopatici o qualcosa del genere. Questa   sensazione è favorita dall’ assenza mediatica di altre notizie dove il docente è oggetto della denuncia facile o peggio offeso o malmenato. Questi fatti  non sono degni di alcun passaggio televisivo importante o ” indegni di essere messe nelle prime pagine. Nella migliore delle ipotesi sono proposte nel Web.
Due esempi: un insegnante è stato denunciato perché aveva rimproverato un bambino per aver falsificato una firma. A detta dei genitori, attraverso una perizia presentata dall’avvocato, il bambino aveva avuto dei contraccolpi psicologi. Quindi si chiedeva un risarcimento di 35 mila €. Il gip ha archiviato la denuncia.
E’ di questi giorni la pubblicazione di un video sul Web di un ragazzo che offende pesantemente la propria professoressa. Il video è molto cliccato e anche condiviso nei Social e non solo.
Una semplice riflessione: oggi l’essere insegnante è un compito sempre più difficile. Finito il prestigio sociale e quello economico, ci rimane il quotidiano bombardamento mediatico di notizie che ci presentano con turbe psichiche, con poca voglia di lavorare e  con il grande vantaggio di avere tre mesi di vacanze in estate…
Tutto questo porta all’isolamento, e poi all’assedio. La prima condizione somiglia a quella dell”estraneo”,   del “separato” rispetto al  contesto culturale e sociale. Siamo percepiti e ci sentiamo  “altro” rispetto alle nuove agenzie di formazione, efficaci nel dettare le priorità o nel rispondere rapidamente ai  bisogni liquidi e postmoderni.
Di per sé l’isolamento non comporta sempre  stress. Sicuramente lo indebolisce, in quanto privato di quella connessione. Niente più!  L’obiettivo è sicuramente raggiunto con il ” puntamento dei fari” attraverso l’assedio mediatico, che ci costringe a difenderci , “puntellando” il  profilo con interventi,   finalizzati a disinnescare il meccanismo del generalizzare i casi particolari ( violenze, abusi su minori…). Siamo costretti a difendere  la nostra professionalità , dimostrando competenze didattiche, organizzative e relazionali, nascoste opportunamente dai massmedia.
Ma forse tutto questo esprime un disegno. Far salire il malcontento, la rabbia la demotivazione nei docenti, mostrando poi all’ opinione  pubblica ” il pericolo” nell’affidare i minori agli insegnanti . E’ l’anticamera della fine della scuola, perlomeno della riduzione dei suoi compiti.

Pubblicato in Tutti gli articoli | Commenti disabilitati su Insegnanti: isolati e assediati!

Le criticità del PNSD

accountability1
Il Piano Nazionale Scuola Digitale ha il grande merito di aver avviato un processo di attenzione e di valorizzazione di nuove e già consolidate pratiche finalizzate alla diffusione del digitale ( mi attengo alla terminologia utilizzata ).
Questa volta il Piano è stato proposto alle scuole, con strumenti, formazione, piattaforme, idee e azioni. Quindi non si è deciso di ripetere come nel passato il vecchio detto” Armiamoci e partite”
C’è una guida centrale, una direzione imposta dall’Amministrazione. Un supporto dal centro.
Ma come in tutte le cose di questo mondo ci sono dei “però”. che rischiano nel tempo di depotenziare tutto il Piano.
Li cito, anche se brevemente.
1) Il piano si identifica molto con le pratiche, con le cose da fare. Non a caso si parla di “digitale” Manca però, la visione, la prospettiva formativa. L’elemento che distingue e caratterizza l’azione di noi docenti. Esiste il rischio che gli insegnanti siano chiamati ad interessarsi molto degli aspetti procedurali, meno di quelli formativi.
2) Sono state create nuove funzioni e figure ( Animatori Digitali, Team dell’Innovazione ) contrattualmente deboli. Dal lato retributivo non è stato previsto alcun compenso e quindi alcun contratto  che vincoli l’azione dei docenti incaricati . Per essere più precisi,  il contratto esiste e sono i punti contenuti nella nota del 19.11.2015. Solo impegni, tante incombenze da far “tremare i polsi e basta”. Il lato economico scoperto ha permesso a diversi  animatori e componenti del Team d’innovazione di rassegnare le dimissioni, sapendo di non perdere nulla.
In questo l’Amministrazione si è comportata in modo contradditorio: centralistico nelle direttive, delegante nella parte economica.
3) A questo si aggiunge l’impossibilità per l’Animatore Digitale di avere un semiesonero a fronte di un mandato complesso e reso difficile anche dalle resistenze dei colleghi nei confronti dell’informatica, dei DS e DSGA  a individuare risorse per l’ampliamento, il miglioramento di supporti, strumentazioni e per la configurazione di nuovi ambienti.
Qui di seguito riporto l’intervento di E. Onori che individua altre criticità, augurandomi che queste  siano percepite e risolte a livello centrale. Per il bene della scuola che anche in un contesto liquido o postmoderno può dire la sua, condizionando i processi di formazione della persona.
Intervento Onori

Pubblicato in Tutti gli articoli | Commenti disabilitati su Le criticità del PNSD

Contratto e Costituzione

esame-costituzione

La Costituzione è la “maxima lex “, il punto di riferimento di qualunque altro disposto legislativo. E’ la cornice, il fondamento che ha definito la nostra Repubblica Parlamentare.
Bene partirò da questa per il mio ragionamento.
”  I sindacati… possono stipulare contratti collettivi di lavoro con efficacia obbligatoria per tutti gli appartenenti alle categorie alle quali il contratto si riferisce” ( art 39 comma 4 ).
In modo inequivocabile è stabilito che un contratto “costituzionale” deve prevedere una serie di benefici, obblighi e altro ancora che coinvolge tutti i lavoratori.
E giungiamo a noi. Sul contratto si sta dicendo di tutto, spesso quello che è dichiarato la sera è smentito poi la mattina seguente. Sicuramente il quadro economico ( il Pil praticamente ha un valore da prefisso telefonico o quasi )  non consentirà di arrivare alla cifra stimata dai sindacati ( 7 miliardi di € ) per coprire la vacanza contrattuale che ormai dura da sette anni. Quello che però lascia perplessi è l’orientamento del governo: gli aumenti riguarderanno solo i meritevoli ( versione A ), oppure solo chi è sotto un certo reddito imponibile annuo lordo ( versione B ) . E’ difficile pensare che questo orientamento, se sarà adottato ufficialmente dal governo,  sia rispettoso della Carta Costituzionale.
Purtroppo le premesse all’apertura delle trattative  non sono rassicuranti. Non è un’impressione, ma il mio timore si basa sul comportamento del governo nell’ultimo anno. Questo ha di fatto ignorato la sentenza della Corte Costituzionale ( 24 giugno 2015 ), regalandosi un altro anno di vacanza contrattuale. Brevemente cosa ha scritto la massima Corte?  Ha ribadito che ” Il blocco delle retribuzioni sarebbe legittimo, in quanto circoscritto ad un periodo contenuto, in concomitanza con una situazione eccezionale di emergenza economica e finanziaria, e risponderebbe all’obiettivo di rispettare l’equilibrio di bilancio (art. 81 Cost.) adottando politiche proiettate in un periodo che necessariamente travalica l’anno” . E ancora ” la sospensione della contrattazione collettiva determina una interruzione delle procedure negoziali che si propongono di garantire la proporzionalità tra il lavoro prestato e la retribuzione dovuta”, contravvenendo di fatto a quanto previsto dall’art. 36 comma 4 . Pertanto  la Corte Costituzionale “dichiara l’illegittimità costituzionale sopravvenuta, a decorrere dal giorno successivo alla pubblicazione di questa sentenza nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica nei termini indicati in motivazione, del regime di sospensione della contrattazione collettiva
Sono consapevole di essere sceso nel tecnico, ma è mia convinzione che l’antidoto alla  manipolazione dell’informazione è la lettura delle fonti, l’accertamento dei fatti.
E purtroppo questi non fanno ben sperare per un ” Contratto Costituzionale”!
Il Ministro Madia, comunque apre alla possibilità di ampliare la platea dei fortunati, legandola però solo al miglioramento dell’andamento economico. Ma è solo fumo negli occhi!  Sembra difficile questo scenario!  L’italia è ferma e lo sarà ancora per molto tempo. Ha scritto A. Bagnai che per tornare nel 2022  al benessere antecedente al 2007, occorrerà registrare un Pil di molto superiore al 1%. E mi sembra che gli ultimi dati siano molto lontani da questa previsione. Quindi  non facciamoci illusioni.

Pubblicato in Tutti gli articoli | Commenti disabilitati su Contratto e Costituzione

Videogame: “In medio stat virtus” e…

videogames

Videogame si? Videogame, no?
Gli interrogativi si inseriscono nel più grande dilemma che riguarda la presenza e l’utilità formativa dell’informatica a scuola.
Tornando ai videogame M. Spitzer nel suo ultimo libro “Solitudine Digitale” ( Colbaccio, Milano, 2016 ) Non ha dubbi. Secondo lo psichiatra non migliorano l’attenzione, non sono utili per l’apprendimento e le capacità acquisite non si trasferiscono nella vita di tutti i giorni ( pag. 88 ).
Di segno contrario è una ricerca (Università RMIT di Melbourne )  pubblicata sulla rivista “Computer Idea ” ( 8- 21 settembre 2016 ) .  Secondo i responsabili di questa ricerca, che si basa su un campione di oltre 12.000 quindicenni, il “videogiocare” favorisce un maggior punteggio nelle prove di matematica e scienze.
Dove sta, allora, la verità?
Sicuramente i videogiochi non possono essere ignorati. Sono un’attività dei ragazzi, non la principale, quando “smanettono” con il loro smartphone ( 9 ragazzi su 10 dagli 11 anni lo possiedono ). Dispositivo che ha favorito una connessione quasi permanente nel Web, tanto che ormai i nostri ragazzi, e non solo,  possono essere definiti  “iperconnessi ( hyperconnected ) o meglio ” sempre connessi” ( always connected).  Indubbiamente alcuni generi di videogame sono  “educativamente  devastanti”, come gli “sparatutto”, i ” survivor horror” , altri come quelli di “ruolo”,  gli strategici, ad “avventura grafica” possono costituire un valore aggiunto, ” un mattone positivo”  alla formazione della persona. Tutto però moderatamente, senza trascurare altre attività o momenti relazionali…Qui vale il detto “”In medio stat virtus”.  Ma questo significa avere, almeno inizialmente, la presenza  gli adulti informati e formati ( genitori e insegnanti )  che sappiano anche attraverso attività formative ( ovviamente penso in questo caso  ai docenti )  promuovere il pensiero consapevole e critico,  argine alle pulsioni e alle sirene del mercato videoludico. L’impegno, ovviamente, richiederà adulti che abbiano voglia di “perder quel tempo” necessario per lasciare il porto sicuro degli sfondi educativi sicuri e rassicuranti per colonizzare  “nuovi territori” , i cui contesti  sono in gran parte da definire in funzione di un’ autentica formazione umana. Diversamente se gli adulti si ritireranno, lo spazio lasciato libero da loro, sarà occupato dal mercato che risponde solo alla logica del profitto,che non ha nessun interesse a formare persone, ma solo individui definiti dal flusso delle sensazioni ( J. Locke ) e quindi facilmente manovrabili attraverso l’esaltazione dell’istinto del Thanatos e dell’Eros.

Pubblicato in Tutti gli articoli | Commenti disabilitati su Videogame: “In medio stat virtus” e…

“Culpa in vigilando”: l’importanza del documento

scuola-materna
Venerdì 23 settembre Il Prof Ficara su tecnicadellascuola.it ha pubblicato un interessante articolo  sulla “culpa in vigilando”. Mi trovo perfettamente d’accordo con quanto scritto. Ho solo due integrazioni da fare. Una di di tipo formale, l’altra sostanziale. Il ragionamento che segue dimostrerà che i due elementi sono intrecciati.
Iniziamo dal titolo dell’articolo. A mio parere è fuorviante, in quanto implicitamente prospetta una soluzione non sostenuta dalle  sentenze della Cassazione. Queste fanno capo sempre al docente, soggetto chiamato a rispondere del dovere di vigilanza  sul minore ( cfr.
sentenza ) Non conosco pronunciamenti della  Corte suprema che chiamino in causa altri operatori scolastici. La posizione ormai consolidata della Cassazione ha un fondamento giuridico: l’articolo 2048 del Codice Civile. Questo recita al comma 2: “I precettori e coloro che insegnano un mestiere o un’ arte sono responsabili del danno cagionato dal fatto illecito dei loro allievi e apprendisti nel tempo in cui sono sotto la loro vigilanza.”. Quindi se stiamo alla lettura stretta del comma non si prevedono altri soggetti responsabili , diversi dagli insegnanti.
E veniamo all’elemento sostanziale, quello che potrebbe – uso il condizionale, perché poi la soluzione prospettata deve passare attraverso l’interpretazione del giudice – costituire una soluzione. Mi riferisco al coinvolgimento del personale scolastico  o di persona preposta dal Ds. Bene. Per dare una valenza giuridica a questa soluzione, occorre che questa sia preventivamente codificata nel Regolamento d’Istituto. La soluzione evita le molte discussioni tra gli insegnanti e gli operatori scolastici, in quanto definisce in modo più stringente la sequenza da rispettare in caso di ritardo del genitore. Qualcuno dirà: ma questo compito è già previsto nel mansionario dei collaboratori scolastici, quindi è inutile! Vero, ma per evitare cavilli giuridici in sede dibattimentale, suggerisco il suo inserimento nel Regolamento con una più precisa determinazione della sequenza.
E’ imperativo la  formalizzazione nel Regolamento,  invece nel caso di coinvolgimento di un altro docente preposto a questo compito di affidamento e codificato in un  contratto af hoc.
In sede dibattimentale il giudice o la Corte basa il suo pronunciamento su elementi oggettivi. E più questi sono, meglio è per la posizione del docente di classe coinvolto.  In altri termini, occorre che la procedura sia prevista e documentata. Diversamente le parole, il “me lo ha richiesto…”, “il me lo ha ordinato a voce il Ds…, per un giudice contano zero.  C’è un detto che magistralmente riassume l’importanza del documento sulla parola: “Scripta manent, verba volant”. Quindi, ben vengano queste soluzioni, ma devono essere previste nel Regolamento.
Come si evince dal mio ragionamento l’aspetto formale e sostanziale di cui parlavo all’inizio sono intrecciati. Pertanto avrei dato questo titolo: “Se ci sono le carte, l’insegnante di classe, non è obbligato a  consegnare il minore”

Pubblicato in Tutti gli articoli | Commenti disabilitati su “Culpa in vigilando”: l’importanza del documento

La personalità “liquida” dei “nativi digitali”

sanno-usare-il-pc-prima-di-imparare-a-legarsi-le-scarpe-21-640x426

In Rete non si è mai soli. Siamo “osservati” e letti anche a nostra insaputa e attraverso la procedura della condivisione, perdiamo in pochi istanti il controllo di quello che postiamo. E questo per sempre, anche se un’ autorità intervenisse ad eliminare il nostro post dai server, o a rimuoverlo dai profili .
Chi sono questi sprovveduti? Soprattutto i cosiddetti “nativi digitali”.  I nostri ragazzi presentati come esperti del Web, solo perché conoscono qualche procedura o programma in più degli adulti, definiti come “immigrati digitali”.  Il  ” nativo digitale”infatti, deve fare i conti con il momento della sua vita. Questo è sicuramente una grande opportunità per “mettere le radici” su un terreno solido, ma può rappresentare  un problema se diventano punti di riferimento  il  narcisismo, l’inconsapevolezza delle regole, il desiderio di infrangerle  per il bisogno di caratterizzare il proprio io, senza pensare agli effetti devastanti sulle persone coinvolte…  E tutto questo non rientra tra le competenze tecnico-informatiche, ma fanno riferimento a personalità “liquide”, cioè lontane dalla presunta “solidità” dell’adulto, basata su un sistema di valori mediamente certo.
E qui entra in gioco la famiglia e la scuola. La formazione della persona non può più prescindere dalla navigazione nel Web. Diversamente si rischia, nella migliore delle ipotesi, di promuovere personalità a doppio binario, ambivalenti. Corrette e rispettose nella vita reale, di segno opposto invece, quando sono davanti al pc o usano altri dispositivi. Occorrono percorsi formativi che educhino ” i nativi digitali” al rispetto delle persone, anche quando queste perdono la loro fisicità nel Web che non si identifica solo con un corpo generico ma  si declina nell’assenza della voce, delle sue inflessioni emotive e affettive,   della  prossimità che ci fa percepire i suoi odori, i suoi tremori…
Ovviamente per conseguire questo risultato occorre conoscere il profilo del nativo digitale, caratterizzato da scarsa e prolungata attenzione, solitudine ,  atteggiamento bivalente verso la dimensione corporea,  “liquidità” dei rapporti amicali…  Questo impegno  porta con sé la necessità di   aggiornare la propria “rete concettuale”, le proprie mappe, in quanto gli sfondi e i contesti di qualche anno fa non esistono più.  Da qui la domanda: la famiglia e la scuola sono disponibili a lasciare gli sfondi consolidati per il mare aperto dell’attuale contesto tecnologico e dei servizi 2.0  dal quale il ragazzo riceve tanta formazione implicita, finalizzata però alla promozione di un consumatore, dove l’apparire è sostanza e l’essere invece è un accessorio non rilevante?
Concludo con un fatto che conferma la superficialità dei nostri “nativi digitali”
Articolo

Pubblicato in Tutti gli articoli | Commenti disabilitati su La personalità “liquida” dei “nativi digitali”

Proposta formativa Apoforma

apolab

Di seguito propongo il catalogo delle proposte formative di Apoforma.
Il pacchetto è molto articolato.
In elenco sono presenti anche due mie proposte ( pag 10 e 15 )
Realizzare un video professionale” e ” Mappe concettuali in Rete
Catalogo Apoforma

Pubblicato in Tutti gli articoli | Commenti disabilitati su Proposta formativa Apoforma

Non basta l’innovazione…

e-book in typescript close-up

A scuola gli ebook non decollano! ( v. articolo in fondo )  Della  rivoluzione annunciata  del prossimo  passaggio dal cartaceo al byte –  – era dato per imminente –  si ha poca traccia.  Il quadro conferma l’immagine, qualche volta superficiale,  che i non addetti ai lavori    hanno della scuola. Un’istituzione che  assorbe  ogni   innovazione restituendola depotenziata della sua carica propulsiva . In altri casi, come per l’e-book  il “nuovo” è sistemato in un binario morto, in attesa della inevitabile rottamazione. Non sempre, però,  questa sensazione esterna riesce a cogliere le variabili in gioco. In altri termini: spesso le conclusioni sono condizionate da pregiudizi storici e cronicizzati verso l’istituzione.
Quali allora le cause di  questa deblache – mi auguro momentanea – del libro elettronico?
Sicuramente quello che non funziona non è l’e-book, ma il contesto che non ha accompagnato la sua introduzione.  L’articolo non chiarisce a chi attribuire questa responsabilità  Alle singole scuole? All’Amministrazione? Difficile dirlo! Sicuramente, e questo conferma che non è sufficiente un’innovazione per cambiare le cose, la tecnologia e le sue declinazioni non certificano ipso facto un cambiamento, ma esprimono semplicemente che un processo si è avviato. Le discontinuità previste – gli effetti – diventano una variabile dipendente da fattori esterni. Nel caso specifico occorrono  ambienti attrezzati per lo scopo, adeguamento infrastrutturale e  tecnologico, ma anche un serio investimento degli editori, che mossi dal criterio di ottimizzare il rapporto costi/benefici  spesso riducono l’innovazione a ebook= pdf, trascurando  la creazione  di risorse online di diversa tipologia… Non parliamo poi dell’assenza delle piattaforme multisistema che condizionano pesantemente la fruizione del libro elettronico.
Senza queste azioni di accompagno, si rischia di demotivare anche il docente più interessato all’innovazione tecnologica, decretando l’affermazione di didattiche consolidate, ma non sempre efficaci.Con gli effetti, inoltre,  di marginalizzare la scuola da un contesto sempre più tecnologico, ma privo di quello spessore formativo che solo l’istituzione scolastica può offrire.
E-book non decollano 

Pubblicato in Tutti gli articoli | Commenti disabilitati su Non basta l’innovazione…

Avvio corso alfabetizzazione informatica ( Liceo Newton )

Immagine

Ho iniziato il corso di  alfabetizzazione informatica ( 1°e 2° livello ) al Liceo scientifico Newton Roma. Primo incontro con un test per verificare le conoscenze  e abilità possedute.
Si proseguirà con il programma proposto qui sotto

Programma primo livello

Programma secondo livello

Pubblicato in Tutti gli articoli | Commenti disabilitati su Avvio corso alfabetizzazione informatica ( Liceo Newton )

Convegno DSA a Roma ( 7 e 8 ottobre )

Aidzzz

Importante Convegno DSA a Roma ( Università degli Studi Roma 3 ).
Sarà un momento importante per approfondire con esperti di didattica e di Evidence based Education le novità introdotte dalla Legge 170/10 sui DSA e la loro applicazione.
E’ previsto anche sabato 8 ottobre  un mio intervento “Didattica Multimediale

Pubblicato in Tutti gli articoli | Commenti disabilitati su Convegno DSA a Roma ( 7 e 8 ottobre )

Argomentare: il nostro “oltre”

download

Sono un assiduo frequentatore dei Social, soprattutto di Facebook. Qui sono presenti molte pagine “scolastiche” che trattano  argomenti politico-sindacali e didattici. A queste nell’ultimo periodo si sono aggiunte pagine riguardanti l’attività dell’Animatore Digitale. Questi “ambienti virtuali  hanno il vantaggio di “seguire” l’evento, l’ultima notizia con commenti, non sempre  “profondi”. Da qui la distanza con gli articoli pubblicati sulle riviste specializzate che spesso, però prendono lo spunto da queste opinioni, superandole con interessanti riflessioni e argomentazioni.
Poi, però esiste una quantità enorme di post caratterizzati da offese, anche pesanti che offendono la dignità della persona in quel momento al “centro del ciclone” . Questi non spostano avanti il ragionamento, l’approfondimento. All’insaputa degli autori probabilmente servono al potere per far scaricare la  tensione e non trasformarla in azioni pericolose per la democrazia. A questi si aggiunge la pletora dei “Mi piace”, dove è assente qualunque espressione. Entrambe le forme di comunicazione sono accomunate dalla mancanza “solida” del ragionamento ( ovvio tra i due preferisco la seconda ), confermando la liquidità del nostro tempo, che si declina anche in quella formale, caratterizzate da “annunciti” senza la solidita dei dati o dei fatti, da “urla” dove vige la legge della giungla o peggio ancora da turpiloqui.
Come scrivevo sopra, in questo meccanismo che ha liquidato la parola profonda cadiamo anche noi insegnanti.
Quindi, cosa fare? Riappropriarsi dei “discorsi e delle parole” quelle che ci permettono la visione dall’alto degli eventi e contemporaneamente la profondità concettuale. E questo significa, congedarsi anche dalla forma “dolce” del “Mi piace”, lasciando traccia del nostro passaggio nei Social con un breve commento, una considerazione minimamente argomentativa. Intervenendo in questo modo,  contribuiamo ad andare “oltre” il nostro contesto liquido, leggero di ragionamenti, riaprendo la prospettiva, la dimensione del futuro dove al centro c’é la persona, le sue parole e i suoi sogni.

Pubblicato in Tutti gli articoli | Commenti disabilitati su Argomentare: il nostro “oltre”

“Culpa in vigilando”: “minori”, “senza…”, “assoluta…”

giudice

In questi mesi ho trattato diverse volte ” la culpa in vigilando”, supportando i miei interventi con le necessarie sentenze. La giurisprudenza si basa sulle leggi ( art. 2048 del C. Civile ) e sulle sentenze della Cassazione, che spesso hanno ribaltato quelle dei giudizi inferiori.
Bene cosa si evince da questi pronunciamenti?
Ragioniamo sui termini.
Minore: si intende un soggetto incapace di intendere e volere. Per dirla con altre parole, il soggetto non ha la maturità psichica per comprendere e valutare gli effetti dei suoi comportamenti. Teoricamente questo vale per tutti i ragazzi fino al compimento del diciottesimo anno di età. In realtà l’assoluta incapacità di intendere e volere esiste fino al quattordicesimo anno. Da qui nasce il principio della non imputabilità per chi commette un fatto entro tale età ( art. 97 c.p. ).  Dai quattordici ai diciotto anni poi questo profilo si attenua, lasciando alla valutazione del giudice il caso specifico ( art. 98 c.p. ).

Senza soluzione di continuità . Il citato art. 2048 comma 2 e 3  recita: “I precettori e coloro che insegnano un mestiere o un’arte sono responsabili del danno cagionato dal fatto illecito dei loro allievi e apprendisti nel tempo in cui sono sotto la loro vigilanza. Le persone indicate dai commi precedenti sono liberate dalla responsabilità soltanto se provano di non aver potuto impedire il fatto”
Ne discende che verso  i minori, tutti i minori ( il codice non presenta “gradazioni di profili” affidati agli insegnanti, contraddicendo gli art. 97 e 98 c. p. ) grava sugli insegnanti una responsabilità civile e penale. Quindi il criterio che questa responsabilità non prevede “buchi”, “zone franche”( bagni…),possiamo  dirla in termini tecnici è senza soluzione di continuità, in quanto la minore età è uno “stato” e non è una variabile dipendente dalle situazioni. Questo si traduce che i minori ( almeno fino a quattordici anni, ma è tutto relativo in quanto dipende dalla valutazione del giudice ) devono essere consegnati ai genitori o a una persona maggiorenne autorizzata da loro. Le liberatorie non esentano gli insegnanti dalla responsabilità, anzi in sede dibattimentale possono essere portate come prova in quanto implicitamente è un’ammissione dell’esistenza di un obbligo di vigilanza del docente nei confronti del minore ( v. articolo ). Il diritto alla tutela e protezione del minore non è un “diritto contrattualizzabile” tra scuola e famiglia, in quanto già definito da normativa superiore.
Assoluta imprevidibilità e inevitabilità dell’evento . Solo eventi che ricadono nelle suddette condizioni scagionano il docente da qualunque responsabilità. E qui entra a pieno titolo la valutazione del giudice, o se vogliamo dirla dei diversi gradi giudizio.
Mentre l’imprevedibilità che si declina con la repentinità dell’evento, è  più facile da dimostrare, salvo che in sede dibattimentale non si certifichi che esistevano già dei presupposti imputabili al carattere o a eventi precedenti  al verificarsi del fatto, per l’inevitabilità  la situazione è più complessa. L’insegnante deve dimostrare che si sono messi in atto tutti gli accorgimenti  di tipo organizzativo ( predisposizione dei banchi…) o si è provveduto alla rimozione di ostacoli  ( zaini sistemati in zone di non passaggio…) Tutto questo è determinato con l’aggettivo “assoluta”, e per chi opera nelle classi, la condizione è praticamente impossibile realizzarla.

Pubblicato in Tutti gli articoli | Commenti disabilitati su “Culpa in vigilando”: “minori”, “senza…”, “assoluta…”

Coding e classe capovolta: oltre il fanatismo!

codingla-classe-capovolta-come-capovolgere-la-classe-e-perch-conferenza-bossomonti-torino-26-maggio-2014-1-638

In questi ultimi anni tra i docenti più informati e aggiornati si sta diffondendo il desiderio e la volontà di attuare la pratica del Coding e della classe capovolta. Moda? Forse!  Del resto non sarebbe la prima volta. Ricordo che tra gli anni ’70 e ’80 molti sperimentavano la metodologia delle “classi aperte” finalizzate a una scuola di tutti, per tutti e per ognuno. Poi venne il tempo della modularizzazione e così via.
Frequentando i Social e leggendo   di iniziative di Coding e classe capovolta, ho la sensazione ( ripeto sensazione ), e l’ho anche scritto qualche settimana fa,  che dietro molti progetti ci sia tanto entusiasmo e desiderio di farsi coinvolgere, ma poco spessore pedagogico-didattico. Per dirla in altri termini: ho l’impressione che siamo ancora al trasferimento di ottime idee nella prassi didattica, senza però un’adeguata riflessione critica. Questa è sempre supportata da letture, studi e sperimentazioni di lungo periodo, che portano  ad implementare le innovazioni, tenendo presente le specificità del sistema scolastico italiano, la peculiarità del  contesto sociale e i profili psico-valoriali dei nostri ragazzi. E questo significa,  trovare soluzioni alle criticità presenti nell’innovazione,  ed eliminare dalla pratica didattica tutto quello che è inconciliabile. Non si può ignorare la sequenza teoria/prassi!  Non dobbiamo cadere nella logica della fretta, nel rincorrere la novità a tutti i costi  Il profilo docente deve caratterizzarsi per la “lentezza”, che ben si coniuga con lo studio approfondito, la comparazione delle ricerche, la lettura di articoli e testi pro e contro… Diversamente si rischia di lavorare su progetti interessanti e ben fatti, riducendo in alcuni casi il tutto a un saper fare ” liquido” perché privo della solidità  teorica. Scriveva F. Hegel ” Non bisogna osservare gli alberi, ma la foresta”.  Quindi dopo una prima fase di “assorbimento conoscitivo”, si passa a quella successiva, dove la teoria e ricerca scientifica si coniugano con la prassi didattica. In questo modo, non si perde mai di vista la prospettiva, la visione pedagogica. Nel caso specifico 2.0 .
Per inciso, in questa prima fase ovviamente sono avvantaggiati i colleghi che hanno familiarità soprattutto con la lingua inglese e quindi possono fruire di idee e lavori internazionali , gli altri devono accontentarsi di pochi lavori scientifici nostrani e di molti articoli presenti nel Web.
Tutto il ragionamento si basa sulla mia esperienza di formatore e autore che mi ha permesso di proporre corsi sulle “Mappe in rete” e sul “Montaggio audio-video” di spessore, molto apprezzati dai colleghi soprattutto per il rigore scientifico.
Concludo, proponendo un articolo  sulla classe capovolta, che mette a fuoco alcune criticità del momento video, superabili a mio parere se si riflette e si trovano soluzioni che “puntellino” metodologicamente  la fruizione del contenuto.
Criticità Classe capovolta

Pubblicato in Tutti gli articoli | Commenti disabilitati su Coding e classe capovolta: oltre il fanatismo!

Sentenza: il pasto non può essere…

giudice

Molti Istituti hanno famiglie che non possono sostenere le spese per il pasto della mensa.
Questa difficoltà non può essere un motivo valido per privare il minore del momento della mensa, che rappresenta  un’opportunità “di socialità e anche di istruzione che viene impartita ad allievi di elementari e medie”. Ciò si fonda sul diritto allo studio e sul principio dell’uguaglianza. Quindi il genitore può fornire al proprio figlio un pasto “casalingo”, sul quale la scuola non può opporsi.
Sentenza

Pubblicato in Tutti gli articoli | Commenti disabilitati su Sentenza: il pasto non può essere…

Una condivisione consapevole

FB-Condividi-Suggerisci-agli-amici
Su Facebook molti post sono caratterizzati dal “Mi piace” o dal ” Condividi”.
La seconda opzione è più impegnativa, in quanto ci espone al giudizio dei nostri amici, i quali fanno parte di altri gruppi di amici e così via. Pertanto nel gioco delle condivisioni noi perdiamo il controllo di quello che abbiamo condiviso o postato.
Il “Condividi”, dovrebbe essere preceduto da una ricerca sulla veridicità della notizia, che rimanda all’autorevolezza dell’autore. Questo lavoro dovrebbe poi concludersi con un commento o integrazione del post condiviso.
Il diagramma di flusso,  esprime efficacemente tutti questi passaggi.
14233121_10210642968454874_4901237377008684552_n

Pubblicato in Tutti gli articoli | Commenti disabilitati su Una condivisione consapevole

Volo basso: il browser

browser
Chi gestisce uno o più laboratori informatici, deve scegliere quale browser deve diventare  “predefinito”. Non sempre la scelta è fondata sulla conoscenza dei punti forza e critici. Spesso si segue la ” moda”, il “si dice” più diffuso.
S. Aranzulla, di cui ho già scritto qualche settimana fa  ha pubblicato questo articolo, dove in modo chiaro illustra i pro e i contro di ogni browser, evidenziando, anche  quanto “carico” hanno sulla componente hardware.
L’articolo dedica anche un ampio spazio alla scelta del browser per lo smartphone.
Chiudono l’intervento alcune domande che contribuiscono in modo efficace alla scelta del browser.
La scelta del Browser  S. Aranzulla

Pubblicato in Tutti gli articoli | Commenti disabilitati su Volo basso: il browser

Lidia text: testo e mappe

lyda

Da molti anni lavoro con i testi e le mappe. Ho svolto anche attività di formazione e aggiornamento, proponendo un percorso  caratterizzato da testi, schemi e mappe dinamiche. Ne esce fuori un lavoro complesso,   ma interessante.
Ho trovato, ora,  in Rete questa opportunità, che sfruttando le potenzialità del web consente di scrivere testi o di importarli e di organizzare mappe attraverso domande focali e nodi concettuali. Molti passaggi sono semplificati. Tutti all’insegna, però, del costruttivismo. Agli antipodi da molte proposte formative che invece, pur citando il costruttivismo, non vanno oltre Gutenberg, cioè la proposizione di testi e mappe cartacee e quindi statiche.
Al momento è possibile provare la modalità free, quindi con funzioni limitate. A breve sarà disponibile la versione Pro ( circa 4 €  l’anno). C’è anche la possibilità di acquistare “pacchetti classe” Da tener d’occhio!
Lida Text

Pubblicato in Tutti gli articoli | Commenti disabilitati su Lidia text: testo e mappe

Ci “meritiamo” 20€

download

Se la notizia verrà confermata con la firma del contratto economico – quale coraggioso sindacato lo firmerà? -, avremo una certezza: Gli insegnanti “meritevoli”, quelli che dimostreranno di impegnarsi a scuola, varranno 20€. Quindi non tutti riceveranno l’aumento contrattuale, ma solo quelli che rimarranno più ore a fare di tutto. Sarà interessante capire cosa gli insegnanti dovranno fare per meritarsi questa cifra che cambierà radicalmente la loro vita. Se questo sarà il contratto, allora saremo di fronte a un suo profilo che non risponde più all’adeguamento salariale di tutti i lavoratori all’inflazione programmata, bensì al riconoscimento minimale dei volontari dell’educazione!
La cifra è raddoppiata, la considerazione però è rimasta la stessa. Al netto dei complimenti, degli apprezzamenti… valiamo sempre poco, direi uguale a zero.
Stipendi dopo sette anni…

Pubblicato in Tutti gli articoli | Commenti disabilitati su Ci “meritiamo” 20€

Radar su due testi: Flip, coding e…

9788809826021.1000_0     68130k

Due testi da tener d’occhio. Personalmente ancora non li ho a disposizione. Sono fiducioso sulla qualità dei lavori, considerato l’editore ( Giunti  ), punto di riferimento per la didattica. Da sempre
Comunque posto  due presentazioni( ( Scuola Store – Giunti ). In fondo propongo un link che rimanda a un estratto ( ebook ) del coding.  C’è la possibilità di frequentare il corso gratis, tenuto dal Prof Bogliolo ( autore del relativo testo ).


Da alcuni anni negli Stati Uniti, in Italia e nel mondo in parecchi si sono resi conto di come la stereotipata struttura “lezione frontale – compito a casa – verifica” sia davvero inadeguata per promuovere a scuola la maturazione di competenze disciplinari e trasversali negli studenti. Per far fronte a questa problematica, insegnanti e ricercatori stanno sperimentando l’uso della didattica capovolta, di quel metodo cioè che consente di modificare, invertendoli, gli ambienti d’apprendimento. A casa ci si prepara all’argomento del giorno mentre a scuola si lavora attivamente. La centralità dello studente e la conseguente costruzione di un ambiente per l’apprendimento piuttosto che per l’insegnamento stanno alla base di questa esperienza che, per esprimere tutta la sua carica innovativa, va collegata ai caratteri originali di una rivoluzione più profonda: scardinare il tempo e lo spazio di un modello educativo non più adeguato agli studenti e neppure a una società veloce e in perenne trasformazione, specchio dei tempi in cui viviamo. Sono già molte anche in Italia le scuole che stanno sviluppando questa esperienza.

Come si realizza un’idea? Come si passa dall’intuizione alla soluzione di un problema? Il pensiero computazionale è proprio questo, la capacità di elaborare procedimenti costruttivi a supporto della fantasia e della creatività. Il Coding permette di sviluppare il pensiero computazionale in modo coinvolgente e intuitivo a qualsiasi età. Non si parla di tecnologia, ma di pensiero. Il Coding non è una disciplina, ma una pratica che può essere applicata in ogni ambito.Questo libro parla in modo appassionato e diretto agli insegnanti per guidarli a introdurre il coding in classe, subito, senza prerequisiti, e con qualsiasi mezzo.
In appendice lo starter kit CodyRoby, un gioco di carte fai da te per fare Coding senza computer.

Estratto Coding in your classroom

Corso gratis Coding ( Prof A. Bogliolo

Pubblicato in Tutti gli articoli | Commenti disabilitati su Radar su due testi: Flip, coding e…

Bonus 500€: la quasi zona “Cesarini” del Miur!

24422
Il bonus dei 500€ per la valorizzazione della professionalità docente, non ha ancora una fine! Il 29 agosto, quindi sei giorni fa, il Miur esce dal suo letargo durato  otto mesi. Lo fa con una nota dove aggiorna la rendicontazione al 15 ottobre – prevista inizialmente al 31 agosto. A questo si aggiunge anche la pubblicazione di un modello per l’inserimento dei dati. Tutto questo avviene, quando ormai la maggior parte delle ha concluso la procedura, attraverso la realizzazione di un modello personale, debitamente compilato e consegnato dai docenti a giugno.
Cosa dire?  Sono basito! Sconcertato dalla lentezza del Miur, che nonostante i ripetuti appelli e richieste di chiarimento sul modello e sulla tipologia della certificazione da consegnare, ha deciso  in quasi zona “Cesarini” di dare le ultime indicazioni. La giustificazione  di questo ritardo risiede nella pubblicazione ( 9 agosto 2016 ) di un Decreto di pertinenza del Miur anche se doveva essere concertato con il MEF.  Ora non credo che per elaborazione di un modello non complesso ( vedi qui, lo pubblico in formato xls )  e per la comunicazione delle certificazioni richieste ( scontrino  e ricevuta fiscale, fattura, bonifico), ci volesse tutto questo tempo!
Il fondo poi lo tocchiamo quando nella nota si legge: ” a seguito delle numerose richieste pervenute da parte delle Istituzioni scolastiche nell’imminenza della data di chiusura dell’anno scolastico, si ritiene utile fornire le indicazioni …”. Chiedo: I responsabili del Miur, frequentano il Web, dove attraverso i Social,  i blog le richieste erano già presenti da mesi? Oppure attendevano  l’arrivo del cartaceo, come avveniva ai tempi in cui non esisteva Internet? Non ho parole!
Indubbiamente, l’aggiornamento della scadenza allungherà i tempi di accredito del nuovo bonus.
Dubbio: I DSGA dovranno rifare tutto, facendo riferimento al modello ministeriale?
Nota ministeriale
Faq del Miur

Pubblicato in Tutti gli articoli | Commenti disabilitati su Bonus 500€: la quasi zona “Cesarini” del Miur!

Noam Chomsky: rimanere liberi!

Noam-Chomsky-Crediti-Reuters-Jorge-Dan (1)
Ho già pubblicato una mia riflessione su N. Chomsky.
Ora ne posto una che tratta della comunicazione politica e non solo.
Analisi spietata, declinata in un decalogo che propone i trucchi attivati per il controllo sociale delle persone. Il comune denominatore delle dieci regole è la manipolazione dell’informazione, proposta parzialmente, a piccole dosi,  alterata o inserita in un contesto caratterizzato da paure, costruite a tavolino che facilmente bypassano il filtro razionale.  Si badi questo controllo risulta impalpabile, invisibile , portando gli individui ad amare la loro “gabbia d’acciaio” ( M. Weber ) cognitiva e culturale, depotenziando la spinta a scardinare questa prigione dorata. La conseguenza è una condizione di  cretinismo culturale,  che espone la persona alle sue pulsioni, a “minimizzare” il proprio Io ( C. Lash ), inteso come capacità critica e riflessiva e quindi a salutare metaforicamente la caverna di Platone   che veicolava la categoria dell’uscita  e quindi della possibilità, dell’esser-ci ( M. Heidegger ) inteso come pro-getto ( etimo “gettato avanti” ) che per essere efficace deve assumere una dimensione comunitaria.
Da leggere anche in previsione del bombardamento mediatico in vista del referendum confermativo delle modifiche costituzionali.

I dieci trucchi della comunicazione

Pubblicato in Tutti gli articoli | Commenti disabilitati su Noam Chomsky: rimanere liberi!

” l’oltre ” della scuola

14055172_1245055745515535_5908259774149103495_n

L’immagine leggermente ironica, sembra chiudere ogni prospettiva alla scuola. E’ uno dei tanti esempi di uno strisciante movimento carsico di liberazione dalla scuola. Il precursore fu I. Illich ( “Descolarizzare la società” ). Egli muoveva la sua critica da presupposti sociologici e politici. Attualmente questo processo di descolarizzazione si fonda sulla sudditanza della politica all’economia ( D. Fusaro ), declinata nel sistema finanziario, definito “turbocapitalismo”…. In questo contesto la scuola rappresenta un fastidio, un peso di cui liberarsi velocemente per evitare che i frequentatori di ” questa gabbia dorata”, che è il nostro contesto, prendano coscienza della loro condizione.
Un altro attacco proviene dai fanatici dell’informatica, ritenendo che molte conoscenze, abilità, prima insegnate dalla scuola, abbiano oggi nel Web ( soprattutto ) il loro più efficace alleato.
Un ultima critica riguarda la sua utilità. La scuola insegna che lo studio è fatica, impegno, frustrazione e soddisfazione, lentezza nell’acquisizione delle conoscenze, abilità e competenze. Fuori dalla scuola, però,  questo “merito  culturale scolastico” non è riconosciuto. Non è spendibile. Vale quasi zero per l’inserimento lavorativo. Le ragioni sono diverse, ma tutte accomunate da una dinamicità e liquidità ( Z. Bauman ) che rendono presto obsoleti, inutili profili lavorativi, sociali…
Detto questo ha ancora senso parlare di scuola?
La risposta ovviamente è affermativa ed è fondata dalla necessità di dare ordine e organizzazione allo “tsunami di informazioni” che invade la nostra giornata, impedendo a queste di divenire conoscenze personalizzate nel cognitivo, attraverso relazioni significative. Solo dando senso e direzione al patrimonio culturale si possono formare menti libere e critiche che sappiano anche uscire “dal presente onnipresente ( Harzog ), riappropriandosi comunitariamente di un “oltre”, di una prospettiva migliorativa della propria condizione.
La scuola può dire molto sulla relazione “face to face “, dove il corpo è parte importante, attraverso la postura, la tonalità delle voci, la prossimità fisica, gli odori… Ma per fare questo e quindi opporsi al narcisismo che altera la concretezza del  corpo e contemporaneamente lo nasconde, quando è ritenuto non funzionale alla crescita del proprio “ego espanso”, deve iniziare a guardare gli alunni e gli studenti “occhi negli occhi”. Da qui occorre partire per comprendere la loro umanità, spesso inespressa, restituendola poi arricchita di “discorsi e parole”, che esprimono probabilmente il vertice più alto della nostra umanità, fatta di immaginazione, creatività, sogni e…

Pubblicato in Tutti gli articoli | Commenti disabilitati su ” l’oltre ” della scuola