Articolo in evidenza

La didattica a distanza inizierà e concluderà il prossimo anno scolastico

La didattica a distanza

La didattica a distanza non rappresenta solo una possibilità per il prossimo anno scolastico.

La didattica a distanza è un possibile scenario per il prossimo anno scolastico.  Così ha dichiarato implicitamente la Ministra. Nella bozza del Decreto scuola il riferimento è più esplicito, ma sempre subordinato. Non sarà così! Dovremo “convivere” con il virus, finché non avremo un vaccino, difendendoci con il distanziamento sociale.

Continua a leggere

Articolo in evidenza

Coronavirus, a settembre servirà un altro modello di scuola

Coronavirus

Coronavirus, probabilmente si tornerà a scuola a settembre. Occorrerà pensare, però a una “diversa scuola”

Coronavirus, probabilmente l’anno scolastico tradizionale 2019-20 si è concluso il 4 marzo. A settembre occorrerà proporre “un’altra scuola” per garantire la massima sicurezza agli studenti. La conferma proviene indirettamente da un comunicato dei presidi romani. Una proposta.
Continua a leggere

Articolo in evidenza

Didattica a distanza e Privacy, il pronunciamento del Garante

 

Didattica a distanza e Privacy

Didattica a distanza, il Garante per la Privacy conferma tutto il “quadro”

Didattica a distanza e Privacy, il Garante chiarisce e conferma quanto già si sapeva. Interessante rimane la lettura del pronunciamento che fa chiarezza anche sugli obblighi dei responsabili dei diversi servizi online.

Continua a leggere

Articolo in evidenza

Il Coronavirus ha fatto saltare il banco!

Coronavirus

Coronavirus, ha fatto saltare il banco. Non ha vinto la guerra, ma la battaglia. I costi però sono altissimi.

Il Coronavirus sta vincendo su più fronti, mandando in frantumi la nostra “bolla esistenziale”, finalizzata a dimenticare la nostra condizione creaturale e nascondere il fallimento dell’Europa.

Continua a leggere

Articolo in evidenza

Informativa della Ministra Azzolina, le prospettive per la scuola

Informativa Ministra Azzolina

L’informativa della Ministra Azzolina rappresenta il programma della scuola per le prossime settimane.

Informativa del Ministro Azzolina, rappresenta il programma per le prossime settimane. Alcune “briciole di pane” danno anche una risposta sulla riapertura delle scuole.

Informativa della Ministra Azzolina, un programma per le prossime settimane

Informativa della Ministra Azzolina alle Camere , da leggere e approfondire. Presenta le prospettive per la scuola. Prima di formulare un breve commento, riporto alcune parti significative: “Nel Decreto legge 18/2020 abbiamo individuato 85 milioni di euro, per l’anno 2020, così ripartiti: 10 milioni alla dotazione o al potenziamento per le scuole di piattaforme e strumenti digitali per l’apprendimento a distanza; 70 milioni per mettere a disposizione degli studenti meno abbienti, in comodato d’uso, dispositivi digitali individuali per la fruizione delle piattaforme di apprendimento e per garantire la connettività di rete nei territori ove essa sia carente o mancante; 5 milioni per la formazione del personale scolastico sulle metodologie e le tecniche per la didattica a distanza… Voglio ribadire, con chiarezza, un aspetto fondamentale. Si tornerà a scuola se e quando, sulla base di quanto stabilito dalle autorità sanitarie, le condizioni lo consentiranno. Attivata per questo la scelta di didattica a distanza”
Quest’ultimo passaggio deve essere integrato con un’intervista rilasciata dalla Ministra alla “La vita in diretta” Ha dichiarato: ” Si andrà oltre la data del 3 aprile  l’obiettivo è garantire che gli studenti ritornino a scuola quando stra-certo e stra-sicuro che possono tornare, salute è prioritaria”

Un breve commento

Quindi la didattica a distanza rappresenterà la risposta istituzionale della scuola all’emergenza. Una modalità operativa che deve caricarsi emotivamente -soprattutto con gli alunni della scuola primaria- e ripetere quanto possibile i momenti dell’attività didattica tradizionale.
Probabilmente la didattica a distanza chiuderà l’anno scolastico 2019-20. La ministra lo ha lasciato intendere con le espressioni “stra-certo e stra-sicuro”. E considerati i tempi per uscire dall’ermergenza probabilmente sarà così.

Articolo in evidenza

Coronavirus, gli effetti devastanti sui bambini

Coronavirus e bambini

Corinavirus sta provocando disorientamento (e non solo) sui bambini, Le soluzioni

Coronavirus, il microrganismo sta provocando molti danni. Alcuni sono visibili, altri meno. Tra questi ultimi sicuramente possiamo individuare la sofferenza dei bambini, costretti a trascorrere giornate innaturali. Le soluzioni

Continua a leggere

Articolo in evidenza

Coronavirus, il “dopo” sarà da riprogettare

 

Coronavirus e il dopo

“Il dopo” del Coronavirus sarà tutto da progettare, evitando i limiti della narrazione del turbocapitalismo.

Coronavirus, il “dopo” non potrà essere al “prima”. Occorrerà fare una riflessione per creare  gli “anticorpi” per eventuali situazioni simili. Occorrerà rimettere al centro la prospettiva troppo spesso sacrificata per l’oggi. Iniziando dalla Sanita e dopo dalla Scuola

Continua a leggere

Articolo in evidenza

Prolungamento chiusura delle scuole , la conferma e le “briciole di pane”

Prolungamento chiusura scuole

Prolungamento chiusura delel scuole dopo il 3 aprile. Non è più un’ipotesi. La quasi certa conferma proviene da G. Conte

Prolungamento chiusura delle scuole, probabile. Anzi, direi certa. La conferma proviene dal Presidente G. Conte. Nei giorni precedenti alcune “briciole di pane” avevano anticipato il prolungamento.

Prolungamento chiusura delle scuole, la dichiarazione del Presidente G. Conte

Prolungamento chiusura delle scuole oltre il 3 aprile. Nel comune sentire questa non  mai stata un’ipotesi, ma quasi una certezza. . Oggettivamente la situazione spinge per un prolungamento oltre il 3 aprile.
Adesso  abbiamo un’autorevole e quasi certa conferma da parte del Presidente G. Conte. Si legge sul “Corriere della Sera
Abbiamo evitato il collasso del sistema, le misure restrittive stanno funzionando, ed è ovvio che quando raggiungeremo un picco e il contagio comincerà a decrescere, almeno in percentuale, speriamo fra qualche giorno, non potremo tornare subito alla vita di prima. Al momento non è ragionevole dire di più, ma è chiaro che i provvedimenti che abbiamo preso, sia quello che ha chiuso molto delle attività aziendali e individuali del Paese, sia quello che riguarda la scuola, non potranno che essere prorogati alla scadenza”.

 Le “briciole di pane” dei giorni scorsi hanno anticipato…

La dichiarazione del Presidente G. Conte non mi sorprende. Nei giorni passati sono state rilasciate delle”briciole di pane”.
Non si giustifica la corposa nota ministeriale  del 17.03.20 dedicata alla didattica a distanza, in relazione a una possibile riapertura delle scuole per il 4 o 6 aprile.
Non è comprensibile la decisione di assumere 1000 assistenti tecnici con contratto al 30 giugno 2020 ( Decreto legge 17.03.20 n.18 art. 120 comma 4), facendo riferimento a una scadenza così vicina, come quella del 3 aprile. Sicuramente molte pratiche relative alla Didattica a distanza saranno abbandonate, quindi perché assumere personale non utile?
Rimane il dubbio sulla data di scadenza dell’ulteriore prolungamento. A giorni lo sapremo.

 

Articolo in evidenza

Didattica a distanza, una nota ministeriale inutile che fa perdere tempo

Didattica a distanza

Il Ministero dell’Istruzione propone la sua idea sulla didattica a distanza. Peccato però…

Didattica a distanza, la nota ministeriale del 17.03.20 riulta inutiel perché contiene suggerimenti e indicazioni che fanno parte da diverso tempo  del profilo professionale dei docenti.  Fa perdere tempo. Se ne consiglia il ritiro.

Didattica a distanza, un nota ministeriale “ovvia”

Didattica ministeriale, il MI (Ministero dell’Istruzione) dice la sua con una nota del 17.03.20.
Dopo averla letta si ha la sensazione di aver perso tempo. Non aggiunge nulla alla professionalità dei docenti. Sono proposte una serie di ovvietà che rimandano a degli sfondi ormai metabolizzati dai docenti.
Iniziamo. La nota offre l’ovvia lettura costituzionale e sociale della didattica a distanza : “La didattica a distanza, in queste difficili settimane, ha avuto e ha due significati. Da un lato, sollecita l’intera comunità educante, nel novero delle responsabilità professionali e, prima ancora, etiche di ciascuno, a continuare a perseguire il compito sociale e formativo del “fare scuola”, ma “non a scuola” e del fare, per l’appunto, “comunità”… Le interazioni tra docenti e studenti possono essere il collante che mantiene, e rafforza, la trama di rapporti, la condivisione della sfida che si ha di fronte e la propensione ad affrontare una situazione imprevista.
Dall’altro lato, è essenziale non interrompere il percorso di apprendimento. La declinazione in modalità telematica degli aspetti che caratterizzano il profilo professionale docente, fa sì che si possa continuare a dare corpo e vita al principio costituzionale del diritto all’istruzione”

Entrando nello specifico non cambia la musica

Quando si entra nello specifico le ovvietà proseguono, dando un pessimo segnale agli insegnanti, ritenendoli in difficoltà a comprendere alcune implicazioni pedagogiche e psicologiche. Si legge infatti “Le attività di didattica a distanza, come ogni attività didattica, per essere tali, prevedono la costruzione ragionata e guidata del sapere attraverso un’interazione tra docenti e alunni. Qualsiasi sia il mezzo attraverso cui la didattica si esercita, non cambiano il fine e i principi. Nella consapevolezza che nulla può sostituire appieno ciò che avviene, in presenza, in una classe, si tratta pur sempre di dare vita a un “ambiente di apprendimento”, per quanto inconsueto nella percezione e nell’ esperienza comuni, da creare, alimentare, abitare, rimodulare di volta in volta. Il solo invio di materiali o la mera assegnazione di compiti, che non siano preceduti da una spiegazione relativa ai contenuti in argomento o che non prevedano un intervento successivo di chiarimento o restituzione da parte del docente, dovranno essere abbandonati, perché privi di elementi che possano sollecitare l’apprendimento.

Con gli alunni in difficoltà si raggiunge “la cima”

Si raggiunge “la cima delle ovvietà” con l”esortazione contenuta nella sezione dedicata agli “Alunni in difficoltà”. Si legge: “Per quanto riguarda gli alunni con disabilità, il punto di riferimento rimane il Piano educativo individualizzato. La sospensione dell’attività didattica non deve interrompere, per quanto possibile, il processo di inclusione.
Come indicazione di massima, si ritiene di dover suggerire ai docenti di sostegno di mantenere
l’interazione a distanza con l’alunno e tra l’alunno e gli altri docenti curricolari o, ove non sia possibile, con la famiglia dell’alunno stesso, mettendo a punto materiale personalizzato da far fruire con modalità specifiche di didattica a distanza concordate con la famiglia medesima, nonché di monitorare, attraverso feedback periodici, lo stato di realizzazione del PEI. ..
Occorre dedicare, nella progettazione e realizzazione delle attività a distanza, particolare attenzione alla presenza in classe di alunni in possesso di diagnosi rilasciata ai sensi della Legge 170/2010, e ai rispettivi piani didattici personalizzati. La strumentazione tecnologica, con cui questi studenti già hanno di solito dimestichezza, rappresenta un elemento utile di facilitazione per la mediazione dei contenuti proposti.
E qui mi fermo, Altri  contributi evidenziano diverse criticità. Forse è il caso di ritirare la nota?

Articolo in evidenza

Coronavirus ha messo a nudo la nostra fragilità ma anche…

Cronavirus ha messo a nido le nostre fragilità

Il coronavirus ha rimesso a posto le cose. Prima di tutto vengono le persone, poi la finanza, l’economia…

Coronavirus, l’epidemia si è imposta a livello mondiale. Da noi ha  favorito la riscoperta delle nostre fragilità e nel contempo ha rimesso a posto le cose. Iniziando dalle priorità. Penso al Servizio Sanitario Nazionale  e un pò anche alla Scuola.
Continua a leggere

Articolo in evidenza

La didattica a distanza e la scomparsa dell’infanzia

 

La didattica a distanza

Una tipologia di didattica a distanza può favorire l’eclissi del bambino. Le soluzioni

La didattica a distanza rappresenta la risposta più adeguata all’emergenza da Coronavirus. Purtroppo può favorire la scomparsa dell’infanzia. Occorre salire di livello per attuare una didattica a distanza, ma interattiva con gli alunni.

Continua a leggere

Articolo in evidenza

Coronavirus, la lentezza ha detronizzato la velocità

Coronavirus favorisce la lenetezza

Coronavirus, epidemia non prevedibile ha spiazzato, tutti, imponendoci la lentezza

Coronavirus, ha imposto  la lentezza e scalzato la velocità. Indubbiamente ci sono dei vantaggi.  Nella situazione attuale rappresentano  quel lumicino di positività che occorre individuare e valorizzare.

Continua a leggere

Articolo in evidenza

Coronavirus, chiuse le scuole fino al 3 aprile. Una decisione prevedibile

Coronavirus

Coronavirus, la conferma di un ulteriore chiusura anticipata dalla nota dell’8 marzo

Coronavirus, poco fa il Presidente Conte ha comunicato una decisione quasi cinese.
Non si può fare altro. Per la scuola era già nell’aria l’ulteriore sospensione.

Continua a leggere

Articolo in evidenza

Coronavirus, le linee del Miur sulla didattica a distanza

Coronavirus

Coronavirus, il Miur molto attivo in questo momento, detta le linee della didattica a distanza.

Coronavirus, la nota 8 marzo 2020 definisce le linee della didattica a distanza. Non può essere assimilata al semplice deposito. Chiarimento necessario, non ovvio. Probabilmente esistono delle attività che vanno in tal senso.

Continua a leggere

Articolo in evidenza

Coronavirus, sta “imponendo”un nuovo patto educativo

 

Coronavirus

Coronavirus, rappresenta l’ultima rappresentazione della “crisi”. Non sarà più come prima. Anche per la scuola.

Conavirus, l’epidemia sta mutando gli scenari ipotizzati. “Saltano” certezze o quasi, comportamenti. E’ la rappresentazione della “crisi”. Occorre un nuovo patto educativo tra la famiglia e la scuola.

Continua a leggere

Articolo in evidenza

Coronavirus, la distanza impossibile per la scuola

Coronavirus

Coronavirus, il contagio avviene attraverso le vie respiratorie. La Funzione Pubblica stabilisce la distanza minima. Impossibile per la scuola.

Coronavirus, la direttiva n°12035 del 25 febbraio stabilisce le distanze da tenere tra le persone.
Impossibili da attuare nelle scuole. Un articolo di ItaliaOggi ne spiega i motivi, certificando ancora una volta quanto sia poco conosciuta la scuola.

Continua a leggere

Articolo in evidenza

Conavirus, una conferma alla causa dell’isterismo di massa

Coronavirus

Coronavirus, “le mie ragioni” confermate dallo storico F. Cardini

Conavirus, il panico esagerato ha una causa: l’angoscia! La filosofia ci viene in aiuto. Sulla tesi del disagio dell’uomo converge anche Franco Cardini, noto studioso del Medioevo. E’ la conferma di un disagio dell’uomo che è poi rimanda a quella di una civiltà che ha fatto della Tecnica  la sua via di fuga dal non-senso della morte.

Continua a leggere

Articolo in evidenza

Coronavirus, dietro la paura meglio l’angoscia, si nasconde…

Coronavirus

Coronavirus ha messo in luce il nostro stato di angoscia verso il Nulla. La lezione dei filosofi.

Coronavirus, paura o angoscia? Filosoficamente è più corretto il secondo. L’angoscia però rimanda al niente e quindi alla nostra incapacità di gestire l’indeterminatezza e il non-senso della morte.

Continua a leggere

Articolo in evidenza

Coronavirus, le domande e le risposte del Miur

Coronavirus

Coronavirus, il Miur ci stupisce. In tempi molto rapidi presenta un elenco di domande e risposte

Coronavitus, il Miur questa volta ci stupisce.
In tempi molto rapidi ha pubblicato le risposte alle domande, inerenti l’epidemia.
Nulla che non si sappia già, soprattutto per chi ha seguito le decisioni del governo.
Mi riferisco al Decreto legge n.6/20 e al D.P.C.M del 25 febbraio 2020
Utile sintesi di questi dispositivi.
Le quattordici domande e risposte si possono trovare qui

Articolo in evidenza

Coronavirus, quando la paura rende in un aumento dell’audience

Coronavirus

Coronavirus, la responsabilità dei massmedia. Esiste un facile rimedio per arginare l’inflazione informativa.

Coronavirus, la paura è il miglior alleato dei massmedia. Fa aumentare l’audience. Il rimedio è semplice: spegnere la televisione!

Continua a leggere

Articolo in evidenza

Salario docente, parliamo della progressiva perdita d’acquisto, non di mancati aumenti

Salario docente

Salario docente, abbiamo perso in potere d’acquisto, da non confondere con gli aumenti.

Salario docente, abbiamo perso e anche tanto. Una ricerca del sindacato Gilda lo conferma. E parliamo solo della riduzione potere d’acquisto che svela il trucco dell’espressione aumenti contrattuali.

Continua a leggere

Articolo in evidenza

Formazione. Proposte corsi e Curriculum Vitae

formazione

Formazione. Per il nuovo anno scolastico, propongo i miei corsi.

Corsi

Le tematiche puntano alla alfabetizzazione informatica di base, con una particolare attenzione alla sicurezza.
Ritengo importante la proposta formativa ” Schemi, mappe concettuali e testo“, finalizzato all’acquisizione di un metodo di studio, che molti declinano nell’ “imparare ad imparare”.
Infine, propongo un percorso formativo finalizzato all’acquisizione di una competenza audio-video.

 

I corsi sono rivolti a Istituti scolastici ed Enti di formazione

Curriculum Vitae

A supporto dei corsi presento il mio CV.  (aggiornato a giugno 2017)
Queste sono le ultime attività svolte:
1)Intervento Convegno AID ( Associazione Italiana Dislessia. “La Didattica multimediale”      7 ottobre 2016)
2)Ideatore e formatore progetto “Ecdl per la primaria” (quinta- I.C. “Carlo Levi- )
3)Promotore e ideatore  del progetto Pon “Cittadinanza digitale e pensiero computazionale” 
4)Referente cyberbullismo dell’Istituto di servizio ( I.C. Levi)
5)Collaboratore con il 3° Municipio-Roma tematica “Cyberbullismo
6)Formatore Corso di informatica di base e livello avanzato (Liceo Scientifico Newton-Roma)
7)Autore articoli  su siti online ( ScuolaInforma, Fuoriregistro, Professione Insegnante, Regolarità e  trasparenza nella scuola, OggiScuola, Tecnicadellascuola, Retescuole) (
8) Corso aggiornamento presso I.C. “Donati” – Roma ( Soc. Apolab ) “Mappe in rete”

Info e richieste inviare messaggio in Scrivi