Elezioni europee, scuola dimenticata! Meglio così!

Elezioni europee, la scuola dimenticata

Elezioni europee, la scuola è dimenticata. Meglio così che essere presi in giro

Elezioni europee, la scuola è assente! Non se ne parla! Qualcuno lo vede come un segnale negativo. Sono di parere opposto.

Elezioni europee, la scuola la grande dimenticata

Elezioni europee. Tra una settimana ca. si eleggerà il nuovo Parlamento europeo. Il palcoscenico è occupato dai temi che contano: economia, migranti… Tutto meno che di scuola! Tutto previsto! Nel contesto postmoderno governato dal finanzcapitalismo (L. Gallino), che in ambito europeo significa moneta unica, cambio fisso, parametri di Maastricht, la scuola apparirebbe un corpo estraneo. In un contesto dove si parla di presente, la  scuola storicamente rivolta al futuro risulterebbe priva di significato.

Meglio dimenticata che  presa in giro

La dimenticanza della scuola non è una brutta notizia. Meglio essere dimenticati che ubriacati di promesse irrealizzabili!
Prendendo in considerazione le ultime due legislature, è possibile affermare che le promesse avevano solo una finalità elettorale. In altri termini, conquistare la fiducia degli operatori scolastici e poi abbandonarli.
Nel 2013 Bersani aveva promessonessun nuovo taglio, allungamento del tempo scuola, modulo a 30 ore con le compresenze“. Poi è avvenuto il cambio di segreteria con Matteo Renzi. Da qui l’impegno a senso unico per l’approvazione della legge 107/15 che si dimenticava di abolire gli obbrobri della Riforma Gelmini. Anzi peggiorava la situazione, introducendo una forma peggiorativa delle classi pollaio ( legge di stabilità art. 1 comma 333).
Nel 2018 Il governo giallo-verde ha sottoscritto un contratto di governo, ponendo l’abolizione delle classi pollaio, come una priorità. Bene allo stato attuale, la suddetta aberrazione pedagogica condizionerà il prossimo anno scolastico 2019-20, nell’indifferenza del Ministro leghista M. Bussetti. Ha scritto R. Palermo : “…per la scuola, non sia tempo di vacche grasse è ormai dimostrato: il ddl Azzolina sulla eliminazione delle “classi pollaio” è fermo da mesi…
Se questi sono i risultati, allora è meglio tacere ed essere dimenticati. Ignorateci! Meglio così che essere presi in giro!

 

Pubblicato in Scuola, Tutti gli articoli | Commenti disabilitati su Elezioni europee, scuola dimenticata! Meglio così!

Preparazione e bocciatura, sotto il cielo regna la confusione

Preparazione e bocciatura

Preparazione e bocciatura. Da una parte si chiede alla scuola di formare, dall’altra di non bocciare quando questa non viene conseguita.

Bocciatura e preparazione, la scuola è il luogo delle contraddizioni. Da una parte si chiede impegno a formare la persona, dall’altra non si vogliono le bocciature. Questa contraddizione certifica ulteriormente la crisi del sistema scolastico

Preparazione e bocciatura, messaggi contraddittori

Preparazione e bocciatura sono esperienze che non dovrebbero essere presentate in modo antitetico, contrapposto. Eppure… E’ l’effetto della comunicazione che si è monadizzata. In altri termini, spesso si  propongono contenuti o si presentano situazioni senza nessun rapporto con il quadro d’insieme. Ogni aspetto assume un valore in sé. Esercizio troppo semplice, perché si evita in questo modo di relazionarsi con la complessità costituita da una serie di relazioni che danno senso e valore ai singoli aspetti.

Rapporto-Istat  SDGS 2019

Detto questo, si legge Rapporto SDGS 2019
Le competenze alfabetiche, numeriche e per la lingua inglese sono molto basse per alcuni gruppi di studenti. In Italia, la quota di ragazzi iscritti al terzo anno delle scuole secondarie di primo grado che non raggiungono la sufficienza è del 34,4% per le competenze alfabetiche, del 40,1% per la matematica. Una percentuale più elevata di ragazze si situa sotto la sufficienza nelle competenze matematiche (41,7% contro
38,5%) mentre per la lettura la situazione si inverte, 38,3% dei ragazzi contro 30,4% delle ragazze.
Fuori dalla prosa statistica: è un disastro!

Eppure la scuola non è l’unica responsabile

Facile additare la scuola come l unico soggetto responsabile di questa Caporetto.
L’insuccesso, come il successo (questo vale quasi sempre per altri aspetti ) sono il prodotto di una sistema di variabili. La decontestualizzazione non aiuta a comprendere e quindi a porvi rimedio.
Difficile non pensare all’interventismo di alcuni genitori di fronte alla bocciatura del proprio figlio. Risultato: lo studente viene ammesso alla classe successiva nonostante che la sua preparazione sia inadeguata.
E’ il caso riportato da Scuola24, “Secondo la pronuncia del Consiglio di Stato, infatti, non si può bocciare in prima media perché, nel passaggio dalle elementari alle medie, per decretare un giudizio sull’allievo 
occorre prendere in considerazione un periodo più ampio. Non basterebbe, in pratica, un solo anno di frequenza delle medie per rallentare la carriera scolastica di un ragazzino,
nonostante le numerose insufficienze riportate”

La scuola bacchettata due volte

Da qui non è difficile capire che la scuola sale sul banco degli imputati due volte. la prima per scarso rendimento, la seconda perché adempie a un suo dovere: fermare uno studente per un’inadeguata preparazione.
La crisi della scuola risiede anche in quest’ambiguità. La contraddizione sui fini, paralizza e danneggia tutto il sistema-scuola, che si fonda sulle persone.

Pubblicato in Scuola, Tutti gli articoli | Contrassegnato , | Commenti disabilitati su Preparazione e bocciatura, sotto il cielo regna la confusione

Foto minori nel Web, una sentenza conferma la pubblicazione prudente

Foto minori nel Web

Foto minori nel Web. La pubblicazione nei siti scolastici e nei social media è possibile. Una nuova conferma da una sentenza

Foto minori nel Web, la questione crea contrapposizioni negli Istituti scolastici. Spesso vince la paura, che in prospettiva non è sicuramente la linea vincente. Eppure il Garante per la Privacy (2016) ed ora anche una sentenza (2007/19) sostengono la pubblicazione prudente di foto e video nei siti e pagine social.

Foto minori nel Web, una buona notizia dal “Sole24 ore

Foto minori nel Web. La pubblicazione  divide, contrappone docenti e Dirigenti scolastici. In molti casi vince la paura. Nell’immediato questa paga, perché paradossalmente tranquillizza. In prospettiva però, gli Istituti non possono essere governati dalla paura, considerata la progressiva e irreversibile esposizione nel Web di attività, progetti….
Ai fini di una gestione critica e responsabile dei dati personali (= foto e video) da parte delle scuole e  fondata su riferimenti autorevoli, viene in soccorso una recente sentenza, riportata dal  quotidiano “Scuola24“, associato al “Il Sole 24 Ore” . Si legge ” Solo la liberatoria firmata dai genitori salva il docente di un liceo classico romano sanzionato per aver realizzato un calendario con gli studenti nell’ambito di un progetto promosso dalla scuola, che però aveva irrogato al prof la censura per aver raccolto i dati degli alunni minori di propria iniziativa. In questo caso il tribunale ha accolto il ricorso del docente che aveva appunto fatto sottoscrivere la liberatoria ai genitori insieme all’informativa privacy (Tribunale di Roma, sentenza del 28 febbraio 2019 n. 2007).

Foto minori nel Web, una nuova conferma

La sentenza non è rivoluzionaria! In altri termini, non apre un nuovo scenario.
Il pronunciamento, pur presentato sinteticamente, conferma, infatti, l’orientamento del Garante della Privacy (2016) sulla liceità della pubblicazione di immagini e video nei siti scolastici di studenti, che certificano un progetto previsto nel Ptof. Non poteva essere diversamente. Si legge nel documento ” Le istituzioni scolastiche pubbliche possono trattare solamente i dati personali necessari al perseguimento di specifiche finalità istituzionali oppure quelli espressamente previsti dalla normativa di settore. Per tali trattamenti, non sono tenute a chiedere il consenso degli studenti ” o dei genitori, in caso di minori con età inferiore ai quattordici anni.
Indubbiamente l’istruzione e la formazione dell’uomo e del cittadino costituiscono il fondamento e il coronamento dell’istruzione pubblica. Tutto questo si declina in attività, progetti e altro che in molti casi in una logica di trasparenza e di rendicontazione richiedono la pubblicazione video e fotografico  del progetto realizzato.
Situazione leggermente diversa, che però non cambia il quadro d’insieme, per la pubblicazione di foto e video nei social media. In questo caso occorre il consenso esplicito del genitore o del minore ultraquattordicenne. Indicazione ripresa dal GDPR (25 maggio 2018 ) e dal decreto applicativo 101/08.

Chi non può far meno della liberatoria…

Tra la presa di posizione del Garante della Privacy (2016) e le scuole esiste, però una incoerenza, dovuta soprattutto alla cautela  entro la quale si muovono gli Istituti scolastici. Questi ultimi richiedono quasi sempre la liberatoria per foto o video pubblicati sui siti istituzionali.
Allora quali  caratteristiche devono avere queste richieste? Scrivevo quasi un anno fa: “Per quanto riguarda la chiarezza, devono essere espliciti il fine esclusivo di “documentare le attività formative” ( criterio della legittimità e proporzionalità), gli ambienti dove si intende pubblicare le foto (sito, social, piattaforma di condivisione…), il grado di privacy applicato o personalizzato… 
A questo occorre aggiungere la tipologia dei video o delle foto, definiti necessariamente  da secondi piani  dove il singolo ‘si perde’  nel piccolo o grande gruppo. A mio parere il suddetto materiale risulta coerente con il criterio della proporzionalità con il fine cioè documentare esclusivamente un’attività o un progetto e non ‘il bel visetto’ dell’alunno/studente in primo piano.”

Pubblicato in Foto minori nel Web, Tutti gli articoli | Contrassegnato , , | Commenti disabilitati su Foto minori nel Web, una sentenza conferma la pubblicazione prudente

Culpa in vigilando, quando l’evento ha una causa fortuita

Culpa in vigilando

Culpa in vigilando, la dinamica di gioco può provocare un incidente. In questo caso non esiste alcuna responsabilità per il docente

Culpa in vigilando, un’interessante sentenza che assolve l’insegnante, perché l’evento ha avuto una causa fortuita. Sentenza significativa che aiuta a comprendere quali circostanze possono scagionare il docente.

Culpa in vigilando, la vicenda

Culpa in vigilando, non sempre il docente è responsabile. I genitori ci provano con la complicità di avvocati, che ovviamente fanno il loro mestiere.
La vicenda. Uno studente si infortuna in palestra, durante una partita di pallamano. Durante una fase di gioco il ragazzo scivola e cadendo  urta  la panchina di legno, dove sedevano i giocatori di riserva, riportando lesioni alla bocca. Da qui la richiesta di risarcimento dei genitori .

La causa fortuita assolve il docente

In questi casi il genitore deve solo dimostrare che il figlio era presente a scuola. L’onere della prova finalizzata a discolpare spetta in primis all’Amministrazione , la quale può in un secondo momento rivalersi sul docente, ma solo nei casi di dolo o colpa grave (Legge 312/80 art.61).
L’art. 2048 comma 3 ribadisce il criterio dell’onere della prova, circoscrivendolo al docente “le persone indicate nei commi precedenti sono liberate dalla responsabilità soltanto se provano di non aver potuto impedire il fatto“.
Detto questo, i giudici hanno assolto  il docente in quanto l’evento ha avuto una causa fortuita, derivante unicamente dalla normale dinamica di gioco. Si legge nella sentenza: “la partita rientrava nella normale attività didattica della scuola;… non vi era stata alcuna azione scorretta o comunque fallosa di altri giocatori;… la partita si è svolta interamente sotto il controllo diretto dell’insegnante;… il campo di gioco era perfettamente libero ed idoneo alla partita;… l’insegnante aveva preventivamente istruito i giocatori”.
Sulla presenza della panchina, causa del danno i giudici saggiamente scrivono: “essendo notorio che i campi da gioco siano fiancheggiati da una o più panchine per consentire ai giocatori di riserva di stare seduti, sicché la presenza della stesse costituisce ordinario completamento del campo da gioco, e non certamente in sé una insidia.
Da qui il riconoscimento che l’incidente ha avuto una causa fortuita, decretando quindi l’assenza di  ogni responsabilità da parte del docente.

 

Pubblicato in Culpa in vigilando, Tutti gli articoli | Contrassegnato , , , | Commenti disabilitati su Culpa in vigilando, quando l’evento ha una causa fortuita

Adescamento online, la grande responsabilità dei genitori!

Adescamento online

Adescamento erotico online dipende dalle scelte sbagliate dei genitori. La scuola qualcosa può fare. Certamente non i miracoli!

Adescamento online dei minori (grooming) , le responsabilità degli adulti. Soprattutto della famiglia,  che la Costituzione indica come la prima responsabile. La conferma proviene da T. Cantelmi.

Adescamento online, l’intervista di Maura Manca (psicologa)

Adescamento online dei minori (grooming), due mesi fa la psicologa Maura Manca ha espresso il suo pensiero: “Quando parliamo di adescamento parliamo di persone che conoscono bene il linguaggio dei più giovani, parlano con loro per conquistare la loro fiducia e instaurare un legame, studiano punti deboli e vulnerabilità, capiscono come agganciarli nella loro trappola…Spesso gli adolescenti cercano in rete le informazioni riguardanti il sesso, perché riescono a superare le loro paure e le loro vergogne dietro uno schermo da cui si sentono protetti…
La verità è che la scuola è ancora impreparata, non si fa un’adeguata educazione sessuale, non si parla in maniera sistematica di questi aspetti e non si dà agli adolescenti il giusto spazio di confronto. Per questa ragione finiscono troppo spesso col rifugiarsi in rete dove, però, rischiano di essere adescati, perché non hanno ancora la prontezza per capire quando possono diventare una potenziale preda.

Siamo alle solite, il problema è la scuola!

Chiaro? Il problema è fortemente correlato all’impreparazione della scuola! Ormai è diventata una moda! Quasi sempre i problemi che gravano sulla società vanno imputati alla scuola. In tal senso va letta la decisione di ripristinare l’educazione civica nelle scuole. A dire il vero la psicologa chiama in causa la famiglia. Il peso però delle parole è fortemente sbilanciato a danno della scuola (in grassetto). “Se è vero che a scuola se ne parla troppo tardi, troppo poco e male, è vero anche che a casa spesso non se ne parla e per i ragazzi è sempre più facile cadere nelle insidie di un malintenzionato.”
I primi responsabili di questo disastro educativo sono i genitori. Senza se e senza ma! E’ la stessa Costituzione che attribuisce un ruolo fondamentale alla famiglia (art. 30).
I fondamentali educativi sono trasmessi dai genitori. In educazione come nella comunicazione vale la regola che qualunque sia il contesto, si trasmettono sempre atteggiamenti, comportamenti, valori. In altri termini, non si può non educare!
Nel nostro caso, la loro presenza educativa si traduce   in uno scimmiottamento delle leggi del mercato erotizzato e nell’incapacità a dire quei no che aiutano a crescere (A. Phillips).

“I genitori sono sbiaditi, insensati e inconsapevoli”

Sulla Caporetto educativa dei genitori sono d’accordo psichiatri come  P. Crepet e T. Cantelmi (Tecnoliquidità, 2013). Quest’ultimo professore di cyber-psicologia all’Università Europea di Roma e presidente dell’associazione Psichiatri e psicologi cattolici ha espresso un giudizio molto duro nei confronti dei genitori, definendoli ” sbiaditi, insensati e inconsapevoli“. I nostri ragazzi sono ” erotizzati precocemente. Li nutriamo di immagini e di un vocabolario sessualizzati, tra i 6 e i 7 anni sono già immersi nella dimensione della sessualità e – come ovvio – a quell’età non possono che essere vittime del più drammatico dei cortocircuiti: quello che confonde l’intimità, cioè la sfera dei sentimenti, con il sesso. E poi?
E poi vengono anche digitalizzati precocemente. Ecco che, sempre tra i 6 e i 7 anni, a volte anche molto prima, gli mettiamo in mano le tecnologie: le usano alla perfezione, passano il tempo davanti allo schermo. E attraverso lo schermo imparano la tecnomediazione delle relazioni, in cui l’empatia e le emozioni dell’altro scompaiono.”

 

Pubblicato in Adescamento erotico | Contrassegnato , | Commenti disabilitati su Adescamento online, la grande responsabilità dei genitori!

Incontro informativo “Bambini e smartphone”

Incontro informativo

Ho organizzato un incontro informativo rivolto ai genitori delle quinte del mio Istituto. Ovviamente è aperto a tutti gli altri genitori interessati.
I temi che tratterò riguarderanno gli aspetti tecnici, formativi e giuridici…
Ecco una mia breve scheda professionale
– Referente per il contrasto al cyberbullismo (“Carlo Levi”);
– Organizzatore e formatore di incontri con gli studenti dell’Istituto  
Carlo Levi;
– Coordinatore e formatore dei gruppi dei referenti al contrasto
del cyberbullismo (Comprensivi e Istituto superiori) del 3° e
15 Municipio;
– Formatore. (Ultimo corso proposto online con Ente di formazione
Touch.Me – “Contrasto al cyberbullismo e Identità digitale”)
– Interventi nelle commissioni-scuola del 3° e 15° Municipio
per illustrare il Regolamento per il contrasto al cyberbullismo
Ambito 9
– Interventi in scuole (Petrassi, “Libero de Liberi”…)
– Autore di articoli sul cyberbullismo su diverse testate
professionali online e sul blog personale
– Certificazione Aica/Ecdl sulla gestione critica dell’informazione nel Web (30 aprile 2019)    e sulla  sicurezza nell’ambiente virtuale (2018)

Pubblicato in Cyberbullismo, Tutti gli articoli | Contrassegnato , | Commenti disabilitati su Incontro informativo “Bambini e smartphone”

Il grembiule in classe, l’uguaglianza formale della Destra

Il grembiule in classe

Il grembiule per tutti gli alunni. La proposta della Destra, sempre attenta all’uguaglianza in entrata, meno a quella d’uscita

Il grembiule in classe, proposta prevedibile di una destra attenta alle condizioni d’entrata. Nulla di nuovo sotto il sole. I problemi attuali della scuola girano intorno all’uguaglianza sostanziale.

Grembiule in classe, la proposta di Salvini

Qualche giorno fa  M. Salvini ha dichiarato che intende rimettere i grembiuli ai bambini della scuola primaria ” così tutti i bambini sono uguali
Immediato il sostegno del ministro leghista M. Bussetti. Non poteva essere diversamente, considerando il colore politico del responsabile del Miur: “li ho indossati anche io, li ho portati e credo che permettano, dal punto di vista dell’inclusione sociale, di far sì che tutti gli studenti e i nostri alunni possano sentirsi a miglior agio all’interno delle classi
La proposta non mi meraviglia.

L’uguaglianza delle opportunità in entrata, il limite della destra

La destra moderna si è sempre caratterizzata per un’attenzione all’uguaglianza in entrata, identificando questa come la soluzione ai problemi della scuola. Il riferimento è l’art. 3 comma 1 che recita: ” Tutti i cittadini hanno pari dignità sociale e sono eguali davanti alla legge, senza distinzione di sesso, di razza, di lingua, di religione, di opinioni politiche, di condizioni personali e sociali
Ma questo è il limite della destra, che fatica a comprendere che occorre  “rimuovere gli ostacoli di ordine economico e sociale, che, limitando di fatto la libertà e l’eguaglianza dei cittadini, impediscono il pieno sviluppo della persona umana e l’effettiva partecipazione di tutti i lavoratori all’organizzazione politica, economica e sociale del Paese. (art. 3 comma 2 Costituzione Italiana).
La strategia è chiara: proporre soluzioni, spesso a costo zero (educazione civica) finalizzate a distrarre dai reali problemi. Fa parte della strategia comunicativa moderna.

I problemi sono altri

Invece la scuola necessita di investimenti. Scrive L. Fazi su Ilfattoquotidiano:”Investire in istruzione è fondamentale per lo sviluppo di un Paese e per rispondere ai cambiamenti economici e sociali in atto nel mondo contemporaneo. I governi che si sono succeduti dal 2010 al 2017 ovvero nella fase più acuta della crisi economica sono riusciti a togliere circa otto miliardi alla scuola, inaugurando un regime di scarsità di risorse propagandato come meritocrazia.”
Queste risorse potrebbero servire anche ad abolire le classi pollaio (Riforma Gelmini) Vera soluzione per una scuola realmente inclusiva. Mi chiedo: ma il Ministro Bussetti, non dico Salvini, da quanto non entra in classe?

 

Pubblicato in Opinioni, Tutti gli articoli | Contrassegnato , , | Commenti disabilitati su Il grembiule in classe, l’uguaglianza formale della Destra

I viaggi d’istruzione e le strutture alberghiere. L’importanza di un controllo preventivo

I viaggi d'istruzione

I viaggi d’istruzione. Aumenta esponenzialmente la culpa in vigilando, riguardando anche il controllo della struttura alberghiera.

Viaggi d’istruzione. Maggio-giugno è il  periodo migliore per organizzarli. Una sentenza che ha fatto molto discutere conferma la necessità del controllo della struttura alberghiera. Azione da attuare sempre. Anche in presenza di ragazzi quasi maggiorenni.

La vicenda di una ragazza quasi maggiorenne

Viaggi d’istruzione. La culpa in vigilando aumenta esponenzialmente, riguardando non solo i comportamenti degli studenti, ma anche il controllo preventivo della struttura alberghiera che deve possedere i requisiti di sicurezza. Sempre, anche in presenza di studenti prossimi alla maggiore età.
Il riferimento è una sentenza della Corte di Cassazione  (n°1769) del lontano 2012 che è intervenuta sul caso di una sedicenne (quindi minorenne), precipitata da una terrazza di un albergo e rimasta paralizzata. Dagli accertamenti  era emerso che la studentessa, dopo essersi ritirata nella sua stanza  apriva la finestra, ne scavalcava il parapetto, per appartarsi con un suo compagno presso il solaio  e consumare sostanze allucinogene. Rimasta sola, probabilmente per scarsa lucidità, cadeva nel vuoto.

Le prime due sentenze “sensate”

La ragazza divenuta maggiorenne attivava un procedimento civile basato su queste criticità:
a) la violazione dell’obbligo di vigilanza da parte dei docenti
accompagnatori;
b) la non conformità dei locali dell’albergo ai regolamenti edilizi e di
sicurezza.
In sintesi i primi due gradi di giudizio (Trieste, 2005-2009) respingevano l’istanza della ricorrente in quanto ““non può ritenersi che l’obbligo di sorveglianza possa/debba spingersi fino a una penetrante perquisizione personale di tutti gli alunni sedicenni partecipanti alla gita (e in ogni momento di questa) in modo da poter rilevare l’eventuale possesso di sostanze stupefacenti e provvedere al loro immediato sequestro; né può richiedersi al sorvegliante  responsabile l’obbligo di vigilare anche sulla continuità del sonno degli allievi che, maggiori di anni sedici, dichiarino di volersi ritirare nella propria stanza per riposare”. A questo gli ermellini aggiunsero che l’altezza non a norma del parapetto (quindici centimetri più basso) non poteva essere la causa  della caduta, imputabile solo alla volontà della ragazza di scavalcarlo.

La Cassazione ribalta tutto

In terzo grado la Corte di cassazione ribaltò quasi tutto, sconfessando in parte i primi due giudizi. Pur confermando che la vigilanza, pur richiesta, non deve essere continua e prolungata  e quindi violare la sfera della privacy, i giudici ribadirono, però  che i docenti “per dimostrare la carenza di colpa non deve però ritenersi sufficiente quanto appena indicato; proprio perché il rischio che, lasciati in balia di se stessi, i minori possano compiere atti incontrollati e potenzialmente autolesivi, all’istituzione è imposto un obbligo di  diligenza per così dire preventivo, consistente, quanto alla gita scolastica, nella scelta di vettori e di strutture alberghiere che non possano, né al momento della loro scelta, né al momento della loro concreta fruizione, presentare rischi o pericoli per l’incolumità degli alunni.”

Le conseguenti responsabilità per i docenti 

Quest’ultimo passaggio rimanda a due responsabilità. Una “a monte”, l’altra “a valle”, che possono essere declinate rispettivamente nella responsabilità in eligendo e di dovuto controllo. La prima rimanda alla scelta di una struttura alberghiera idonea a garantire la sicurezza degli studenti, che deve essere supportata dalla certificazione inviata dai responsabili dell’albergo.
La seconda, invece è espletata in loco, verificando la corrispondenza tra la documentazione e la realtà.
Ne consegue che per i docenti-accompagnatori corre l’obbligo:
1) di ispezionare all’arrivo le stanze, individuando e valutando le diverse criticità (=pericolosità);
2) di ricercare eventualmente soluzioni alternative. Soluzione difficile da praticare in loco. Inoltre, con quali risorse economiche? Dei docenti? Impensabile e in ogni caso esposta alla contestazione dei genitori non interpellati;
3) di terminare  prematuramente il viaggio. Soluzione drastica, ma più praticabile rispetto a quella precedente.
L’alternativa al punto 2 e 3 è costituita dal “consiglio del buon padre di famiglia“, che avverte gli studenti dei rischi presenti nella struttura. La presente soluzione salva l’iniziativa, ma non riduce i rischi per i docenti.

 

 

Pubblicato in Culpa in vigilando, Tutti gli articoli | Contrassegnato , | Commenti disabilitati su I viaggi d’istruzione e le strutture alberghiere. L’importanza di un controllo preventivo

Marco Bussetti ha dimenticato la regionalizzazione, ma…

Marco Bussetti

Marco Bussetti dimentica la regionalizzazione. Non sorprende!

Marco Bussetti ha dimenticato il tavolo della regionalizzazione. Era facilmente prevedibile. La sua strategia è chiara. Il suo tiepido rapporto con la questione delle classi pollaio  certifica il suo impegno di parte.

Marco Bussetti ha dimenticato un tavolo

Marco Bussetti inizia a muoversi per applicare l’accordo con i sindacati. Ma dimentica un tavolo. Si legge sul portale di Professione Insegnante: “Il Ministro leghista afferma che in quell’ accordo gli obiettivi raggiunti sono  stati tre. Più  risorse per il rinnovo del  Contratto, lo vedremo in autunno con il 28 miliardi da recuperare per non aumentare l’IVA. Soluzioni mirate, usa questo aggettivo per il precariato; in effetti si tratta di prolungare la fase transitoria  con nuove procedure riservate a categorie appunto mirate. La problematica sui dirigenti scolastici. I dirigenti vogliono essere equiparati alla dirigenza pubblica, una vecchia  battaglia dell’Anp e sappiamo come la lega e un Ministro D.S.sia sensibile ai “problemi” dei D.S.” Libero Tassella, autore dell’articolo scrive ” Per Il ministro Leghista della Regionalizzazione della scuola non si deve neppure  parlare.

Marco Bussetti è un Ministro leghista, quindi…

La dimenticanza era facilmente prevedibile. Bussetti è un ministro leghista. Quindi porta avanti i contenuti del suo Movimento. Prevenuto? Forse. Come sempre, però, supporto la mia posizione con i fatti.
Nel contratto di governo, riguardante la scuola, si legge ” In questi anni le riforme che hanno coinvolto il mondo della scuola si sono mostrate insufficienti e spesso inadeguate, come la c.d. “Buona Scuola”, ed è per questo che intendiamo superarle con urgenza per consentire un necessario cambio di rotta, intervenendo sul fenomeno delle cd. “classi pollaio”, dell’edilizia scolastica, delle graduatorie e titoli per l’insegnamento.”
Ho più volte evidenziato, come nel suddetto documento sia evidente la priorità di abolire l’obbrobrio pedagogico delle classi pollaio. Invenzione del duo Gelmini/Tremonti (2008).
Bene il Ministro Bussetti si è dimostrato tiepido per la sua abolizione. Non ne parla mai! Ignora il Disegno di legge-Azzolina (luglio 2018). Il motivo è semplice: la Lega faceva parte del Governo Berlusconi che  approvò la legge 133/08 e il D.M. 81/09. Quindi perché meravigliarsi se il Ministro si dimostra interessato ai temi leghisti?

Pubblicato in Opinioni, Tutti gli articoli | Contrassegnato , , | Commenti disabilitati su Marco Bussetti ha dimenticato la regionalizzazione, ma…

Anziano bullizzato, un sincero grazie alla magistratura!

Anziano bullizzato

Anziano bullizzato . Un giudizio severo della magistratura sulle famiglie di due bulli-maggiorenni!

Anziano bullizzato, un primo pronunciamento che conferma l’art. 30 della Costituzione. I primi responsabili educativi senza se e senza ma sono i genitori. Nel bene e nel male!

Anziano bullizzato, la magistratura ha iniziato a pronunciarsi

Anziano bullizzato. Grande prova di maturità pedagogica della magistratura. Ovviamente il suo contesto rimane la giurisprudenza che in questo caso si intreccia con la dimensione pedagogica. Nulla di nuovo, se pensiamo all’art. 30 della nostra Costituzione che recita: “E` dovere e diritto dei genitori mantenere, istruire ed educare i figli, anche se nati fuori del matrimonio“.
In tal senso va letta il pronunciamento che ha negato la scarcerazione ai due ragazzi maggiorenni: riguardante i due ragazzi maggiorenni : i genitori “hanno dato prova di incapacità a controllare ed educare i due giovani“.
Giudizio severo che contrasta con la dichiarazione d un avvocato che definiva perbene le famiglie. Primo severissimo pronunciamento – siamo purtroppo ancora agli inizi-  che separa le responsabilità, attribuendo alla famiglia il ruolo fondamentale nel processo educativo. Compito che non si conclude con il raggiungimento della maggiore età. Coerentemente con il nuovo profilo di “responsabilità genitoriale”.

Pubblicato in Bullismo, Tutti gli articoli | Contrassegnato , | Commenti disabilitati su Anziano bullizzato, un sincero grazie alla magistratura!

Anziano bullizzato, le parole diseducative di una mamma

Anziano bullizzato

Anziano bullizzato e deceduto. Davanti a questa tragedia si continua a giustificare…

Anziano bullizzato, le parole rappresentano il mondo di chi le pronuncia. Oggi si dice frame. Molte perplessità su quelle pronunciate da un genitore di un bullo. Breve analisi linguistica della dichiarazione che apre a una prospettiva che personalmente non approvo.

Anziano bullizzato, la dichiarazione di un genitore

Anziano bullizzato e deceduto. Ora è il tempo delle responsabilità. Non solo i ragazzi, ma anche i genitori e chi sapeva e non ha fatto nulla.
La mamma di un bullo ha rilasciato una lunga intervista (?). Invito a leggerla più volte, perché indicativa di una relazione educativa.
Sinteticamente può essere riassunta così: ” Mio figlio ha sbagliato, ma qui ci sono solo bar. I ragazzi sono abbandonati”

Qualche riflessione su sbagliato

Le parole e i  discorsi che pronunciamo o scriviamo rappresentano il nostro mondo. Non sono mai neutre, altro rispetto al nostro Io semantico. Scriveva il filosofo L. Wittgenstein ” I confini del mio linguaggio, sono i confini del mio mondo“.
La lunga intervista della mamma racconta molto del rapporto educativo. Innanzitutto, affermare che il proprio figlio ha sbagliato, è voler limitare l’errore all’ultimo fatto che ha portato al decesso dell’anziano. La fase preparatoria e che sicuramente ha avuto un crescendo di azioni è percepita come altro, rispetto all’evento conclusivo. Spesso dico ai ragazzi che “si arriva in cima, faticando, sudando, camminando…“. Lo scenario estremamente positivo, può essere letto anche nel dark side of the moon. Si arriva all’atto tragico e conclusivo, procedendo per piccoli passi come in questa vicenda.
Sembra, infatti  che le azioni di bullismo siano state ripetute più volte e anche a distanza di tempo. Se così non fosse dovrebbero chiamarsi diversamente. Quindi gli atti di bullismo non possono essere spiegati con il verbo sbagliare che solitamente rimanda ad un’ azione inadeguata o non corretta. Recita un aforisma” Sbagliare è umano, perseverare è diabolico” .

Il ma che tende a giustificare sempre 

Inquietante poi la presenza del ma finalizzato a scaricare parte dell’immensa responsabilità che hanno i genitori ( art. 30 costituzione) sul contesto privo di valide alternative. La noia, l’assenza di adeguate alternative non possono giustificare un omicidio. Mai!
Quando si mettono al mondo i figli occorre poi curarli, seguirli lavorando sui si e i no, sull’esser-ci come guida e direzione. Non si possono consegnare i propri figli ad uno smartphone e al mondo che sta dietro. Mi viene in mente un interessante titolo di un lavoro di A. Polito “Riprendiamoci i nostri figli” Si chiede la mamma del bullo, confermando il disastro educativo:  “Chiedo ai genitori di figli dell’età del mio: controllate il telefono? Come si fa a vedere cosa hanno in questo aggeggio dei ragazzini di 16, 17 anni?
Davanti a una vita interrotta ognuno deve assumersi le proprie responsabilità, anche se ancora non del tutto maggiorenne che però la legge punisce se ultraquattordicenne (art. 97 c.p). Senza se e senza ma!!! Sempre!

Pubblicato in Bullismo | Commenti disabilitati su Anziano bullizzato, le parole diseducative di una mamma

Anziano bullizzato a morte, il Nulla avanza azzerando il sentimento

Anziano Bullizzato

Anziano bullizzato a morte, esprime il Nulla e lo scarso sentire degli aggressori. 

Anziano bullizzato, non una sola volta, ma pare da diversi anni. La magistratura accerterà le responsabilità di questi “ragazzi provenienti da famiglie perbene” (dichiarazione avvocato difensore di sette aggressori). In attesa del giudizio rimane la domanda sulla responsabilità genitoriale e sull’eclissi del sentimento.

Anziano bullizzato ripetutamente e deceduto

Anziano bullizzato a morte, così è presentata la vicenda. Si legge sul Fattoquotidiano.itSegregato in casa per giorni, seviziato e picchiato fino alla morte. Dodici minorenni e due maggiorenni di 19 e 22 anni, sono indagati per la morte di un uomo 66 anni di Manduria, nel Tarantino. L’anziano è deceduto tre giorni fa in seguito al ricovero in ospedale, dopo essere stato trovato dagli agenti di polizia legato ad una sedia in casa.”
Sconcertanti alcuni particolari: ” Secondo il quotidiano online “La voce di Manduria”, gli investigatori hanno in mano filmati anche meno recenti che sarebbero stati girati sei anni fa. La vittima, ricostruisce sempre il giornale, era ritenuta “il pazzo del Villaggio del fanciullo”, in riferimento al nome dell’oratorio che si trova di fronte alla sua abitazione. Un educatore della parrocchia ha scritto su Facebook “di aver ripreso tante volte i ragazzi che bullizzavano il signore, ma senza risultati”. I vicini di casa, secondo quanto riportato dall’agenzia Ansa, hanno raccontato che l’anziano era bersaglio dei bulli dal 2012.”

 

E le famiglie perbene dove erano?

Tralascio altri particolari. L’avvocato difensore di sette aggressori, che ovviamente fa il suo lavoro, ha dichiarato:”Sono tutti ragazzi normalissimi, studenti di liceo nati e cresciuti a Manduria in contesti familiari a modo, figli di commercianti e impiegati pubblici
Non avendo informazioni diverse, diamo per buona la dichiarazione dell’avvocato. Lo scenario proposto però non impedisce di chiedersi: Dove erano i genitori?
Sarà, ovviamente la magistratura a stabilire le responsabilità di tutti i protagonisti diretti e indiretti.

La Noia e il Nulla sono gli ospiti inquietanti 

La vicenda è sconcertante. Soprattutto lasciano senza parole le dichiarazioni dei ragazzi, riportate dal quotidiano locale La Voce della Manduria. Si legge: ” Ho sbagliato», «non mi rendevo conto del male che stavamo facendo», «non ho avuto la forza di fermarli», «lo facevano tutti», «abbiamo fatto una cazzata», «chiedo scusa».
Dietro c’è tanta noia. Un surplus devastante che può essere anche declinato nell’esperienza del Nulla, che non lascia indifferenti. Ha scritto F. Nietzsche: “Chi lotta con i mostri deve guardarsi di non diventare, così facendo, un mostro. E se tu scruterai a lungo in un abisso, anche l’abisso scruterà dentro di te” .

L’anaffettività il tratto di molti nostri ragazzi

Il contagio del Nulla porta all’eclissi della  persona da sentire, declassata a oggetto, merce.  E’ il trionfo della tecnica, preludio alla notte del mondo (M. Heidegger).
E’ proprio l’assenza del sentimento (anaffettività) il tratto che caratterizza molti nostri ragazzi. Fortunatamente pochi sono i casi estremi. Ma ne esistono  altri di scarsa rilevanza mediatica che caratterizzano le giornate di molti ragazzi. Parte della responsabilità è dovuta alla loro eccessiva frequentazione dei social media, che favorisce una relazione fredda, senza corpo in un contesto addomesticato e fatto a propria immagine e somiglianza. Nel mondo virtuale tutto è semplificato, inducendo la generazione Hikikomori a preferire questo contesto  a quello complesso della realtà. Scrive P. Crepet, noto psichiatra, le persone anaffettive “fanno comunque fatica a provare emozioni perché le emozioni sono una parte molto problematica che la persona incosciamente intuisce in un meccanismo non razionale come complesse, per cui si difende da quel mondo emotivo ritraendosi in sostanza e creando tra sé e l’oggetto del piacere una barriera e una lontananza che si traduce in freddezza in generale…” 

Pubblicato in Tutti gli articoli | Commenti disabilitati su Anziano bullizzato a morte, il Nulla avanza azzerando il sentimento

Intesa governo-sindacati, un sostegno elettorale per l’esecutivo?

Intesa governo-sindacati

Intesa governo-sindacati, strategia elettorale o altro?

Intesa governo-sindacati, testo vago e indefinito. Indeterminato negli strumenti, ma chiaro e ridondante nell’enunciazione dell’impegno governativo. A molti sembra una mossa elettorale per evitare guai il 26 maggio 2019 (elezione europea).

Continua a leggere

Pubblicato in Contratto scuola, Tutti gli articoli | Contrassegnato , , | Commenti disabilitati su Intesa governo-sindacati, un sostegno elettorale per l’esecutivo?

Scuola, la decisione finale sullo sciopero ci farà capire…

Scuola,

Scuola, intesa raggiunta? Nei prossimi giorni capiremo meglio

Scuola, l’incontro tra il governo e i sindacati ha soddisfatto le parti.
Questi sono i contenuti dell’accordo :

Autonomia differenziata

Contratto economico

Precari

Qualche breve considerazione 

Qualche commento a caldo, limitatamente ai primi due punti.
Contratto. L’intesa conferma il D.Lvo 29/93 e quindi il Def 2019 che prevede percentuali graduali di copertura economica. Si legge infatti a pag. 31Fra i fattori di incremento della spesa si segnala il rinnovo contrattuale per il triennio 2019-2021 che prevede, in base alle risorse stanziate dalla legge di Bilancio per il 2019, incrementi dell’1,3 per cento per il 2019, dell’1,65 per cento per il 2020 e dell’1,95 per cento complessivo a decorrere dal 2021.”
Sicuramente il recupero graduale del potere di acquisto non potrà essere letto come adeguamento agli stipendi europei. Ha scritto Alessandro Giuliani (Direttore di Tecnicadellascuola)  che per incrementi salariali medi di cento euro netti “occorrono almeno 4-5 miliardi di euro l’anno“.
Autonomia differenziata
L’intesa conferma implicitamente la decisione del governo (=Lega) sulla regionalizzazione del sistema formativo. Se così non fosse perché confermare le competenze dello Stato che riguardano le norme generali sull’istruzione (art. 117 Costituzione)? Quest’ultimo passaggio era dovuto per rispetto verso la Costituzione.

Dalla decisione finale sullo sciopero si comprenderà…

Se l’intesa è questa e soddisfa i sindacati, lo sciopero dovrebbe essere revocato. Al momento così sembra! Attendiamo però  qualche giorno per la  decisione finale  (revoca o conferma). Da questa capiremo  se i sindacati sono convinti o meno dell’accordo raggiunto. Lo sarà anche il personale scolastico?

 

Pubblicato in Opinioni, Tutti gli articoli | Contrassegnato , , | Commenti disabilitati su Scuola, la decisione finale sullo sciopero ci farà capire…

Vacanze di Pasqua, il solito lamento dei genitori che dimenticano…

Vacanze Pasqua

Vacanze Pasqua, arriva il solito lamento dei genitori che dimenticano i loro doveri e le regole della scuola

Vacanze Pasqua, il lamentarsi è una pratica molto diffusa. Spesso però si dimenticano i doveri e quello che è successo a settembre o nei mesi successivi…

Vacanze Pasqua, il solito lamento dei genitori, dimenticando il loro dovere

Vacanze Pasqua, era previsto il lamento! La protesta proviene dai  genitori (non tutti) molto attenti alla cura dei propri figli, soprattutto quando coinvolge la scuola, i docenti.
Il messaggio che arriva però è fuorviante: gli insegnanti si sono regalati un ponte pasquale di almeno undici giorni!
La notizia è strategica: screditare ulteriormente gli insegnanti, presentandoli come dei furbastri e insensibili alle esigenze delle famiglie! Bel modo di porsi di fronte ai figli: prima si  decide di farli nascere, poi però chiedono che il loro tempo sia colonizzato dalla scuola!

La scuola ha delle regole 

Al rilievo sul regalo del ponte pasquale si risponde che non rientra nelle nostre possibilità decidere in tal senso. Semplicemente riprendiamo i giorni che hanno anticipato a settembre l’inizio delle lezioni. In alcuni casi sono  state organizzate  giornate extra.
La legge ci impedisce di ridurre i giorni di lezione. “Allo svolgimento delle lezioni sono assegnati almeno 200 giorni” (art. 7 d.Lvo 297/94). Alle singole istituzioni è concessa la possibilità di adeguare in regime di compensazione il calendario scolastico “in relazione alle esigenze derivanti dal Piano dell’offerta formativa (POF), nel rispetto delle funzioni in materia di calendario scolastico esercitate dalle Regioni.” (D.P.R. 275/99).
Ho scritto l’altro giorno “La scuola come istituzione pubblica ha un impegno formativo, limitato a 200 giorni di lezione. Punto. Non si può chiedere all’istituzione scolastica un ulteriore coinvolgimento che esuli dalle  finalità costituzionali (Formare l’uomo e il cittadino).
Del resto Il rapporto Eurydice 2018-19 sul tempo scolastico in Europa,  certifica che siamo al top dell’impegno formativo (v. immagine), evidenziando la mancanza di argomentazioni delle critiche.
Nei mesi precedenti nessun genitore si è lamentato dell’inizio anticipato delle lezioni. Immagino, invece la loro soddisfazione nel salutare i propri figli affidati alle amorevoli cure dei bravi e sensibili insegnanti.

Pubblicato in Opinioni, Tutti gli articoli | Contrassegnato , , | Commenti disabilitati su Vacanze di Pasqua, il solito lamento dei genitori che dimenticano…

Gli inesperti d’aula parlano di scuola senza conoscerla

Gli inesperti d'aula

Moltissimi si sentono autorizzati a sparlare di scuola. Senza esperienza e valide argomentazioni

Gli inesperti d’aula, parlano, straparlano di scuola senza conoscerla. In questo mega gruppo sono inseriti giornalisti, opinionisti, pedagogisti. Senza dimenticare i genitori che dimenticano il loro  compito di educare i figli (art. 30 Costituzione). Prima di tutto e superiore ad ogni altro interesse!

Gli inesperti d’aula pontificano di scuola, peccato che…

Gli inesperti d’aula riempiono le pagine di giornali parlando di una scuola che esiste solo nella loro testa. E’ una istantanea! Ingiallita dal tempo. Certifica solo un’esperienza conclusa molti anni fa,  che però considerano sufficiente a parlare della scuola di oggi. Scrive lucidamente una collega: “Ma è come se uno pensasse di essere in grado di organizzare alle perfezione un ospedale perché qualche volta ci è stato ricoverato, o pensasse di sapersi aggiustare alla perfezione un motore per il semplice fatto che ha imparato a guidare la macchina. Un caso da manuale di effetto Dunning-Kruger, insomma.”
Siamo di fronte alla  versione scolastica della sindrome del commissario tecnico della nazionale che coinvolge molte persone che non hanno mai giocato a football. Questo non impedisce loro,  di esprimere giudizi o dare valutazioni tecniche sulle scelte del tecnico.

L’ambivalenza degli inesperti d’aula

Gli inesperti d’aula semplificano una realtà complessa, riducendola all’insegnamento di concetti. Salvo poi caricare la scuola di nuove incombenze, quasi tutte dettate dall’emergenza. Da qui la richiesta di impegno nell’educazione ambientale, civica, sessuale, affettiva, emotiva… ignorando la presenza delle classi pollaio. Questo tipo di organizzazione è coerente con una scuola addestrativa, che ha espulso la profondità dell’educare.
Il filosofo greco U. Galimberti, ha dichiarato recentemente “Per educare e seguire davvero l’educazione servono classi di 12/15 ragazzi. Finché avremo 30/35 persone vorrà dire che abbiamo deciso che nelle nostre scuole non si educa. L’ educazione è educare la parte emotiva dei ragazzi, vedere le differenze delle intelligenze tra i ragazzi. Altrimenti si resta al livello impulsivo”

Lo sfogatoio virtuale dei genitori competenti

Non parliamo poi dello sfogatoio virtuale costituito dai gruppi WhatsApp dei genitori. Ambiente che  amplifica il mal-essere psicologico, relazionale e culturale che condiziona pesantemente il nostro vivere. Siamo iperconnessi, ma  soli. Ci proiettiamo in una dimensione virtuale, cercando inutilmente  di compensare la  solitudine reale. Ogni giorno siamo impegnati a Piacere, colpire e sedurre (G. Lipovetsky, 2019) nel tentativo di emergere dall’anonimato. Questo bisogno di certificare la  presenza nel mondo spinge molti genitori ad esprimere diffidenza, sospetto  verso gli insegnanti, attirando per una frazione di tempo  l’attenzione degli spettatori. L’obiettivo di colpire e   sedurre è efficacemente conseguito dal turpiloquio. Siamo di fronte al bisogno di avere un palcoscenico, dove gridare la propria presenza, dimenticando le conseguenze civili e penali  di questo fraseggio offensivo verso dei pubblici ufficiali.

La facile, ma inutile critica sul poco impegno scolastico

Questi genitori, inoltre quando si lamentano delle troppe vacanze, dimenticano che sono loro i primi educatori dei ragazzi. La scuola come istituzione pubblica ha un impegno formativo, limitato a 200 giorni di lezione. Punto. Non si può chiedere all’istituzione scolastica un ulteriore coinvolgimento che esuli dalle  finalità costituzionali (Formare l’uomo e il cittadino).
Del resto Il rapporto Eurydice 2018-19 sul tempo scolastico in Europa,  certifica che siamo al top dell’impegno formativo (v. immagine), evidenziando la mancanza di argomentazioni delle critiche.
Il problema è la distribuzione dell’impegno nei dodici mesi. Ma questo è un altro discorso!

 

 

Pubblicato in Opinioni, Tutti gli articoli | Contrassegnato , , , | Commenti disabilitati su Gli inesperti d’aula parlano di scuola senza conoscerla

Contratto scuola, un esempio di dichiarazione sindacale che ignora…

Contratto scuola

Il sindacato rimane convinto della sua strategia, evitando di chiedere il cambio delle regole.

Contratto scuola, non passa giorno che i sindacati non dichiarino qualcosa. Sugli aumenti contrattuali resta la dimenticanza del D.Lvo 29/93. L’ultimo esempio è la dichiarazione del segretario Snals -Confsal.

Contratto scuola, la dichiarazione del segretario SNALS

Contratto scuola, aumenta la frequenza delle dichiarazioni dei sindacati. Prevedibile che il ritmo aumenti, fino a raggiungere il massimo in prossimità e subito dopo la sottoscrizione.
Ha dichiarato Elvira Serafini, segretario generale di Snals-Confsal” Abbiamo un Def che ha confermato una situazione negativa nel pubblico impiego. Si segnala il rinnovo contrattuale fino al 2021 ma con incrementi irrisori. Ricordo che l’emergenza salariale è ciò che ha spinto noi e gli altri sindacati a proclamare lo sciopero. Non servono altre parole, ma troppe ne sono state dette in merito agli stipendi europei E bastano queste poche righe contenute nel Def per rafforzare il nostro obiettivo e convincere la categoria, ormai svilita da anni di disattenzione dei governi di turno, che questo è il momento di far sentire la protesta da parte dell’intero comparto…Chiediamo che siano portati ai livelli dell’Eurozona. Sappiamo bene che al momento è impossibile, ma parliamone. Chiediamo una disponibilità a trattare per vedere se in proiezione di un futuro migliore si possa trovare un varco tra il sindacato e il governo. 

La conferma di una strategia che ignora…

La dichiarazione conferma l’assenza del D.Lvo 29/93, causa degli incrementi irrisori. Non comprendo questa strategia, in partenza perdente perché, come ho scritto qualche giorno fa, si ignora il contesto normativo che regola gli aumenti contrattuali pubblici, che non possono essere superiori al tasso di inflazione programmato.
In uno stato di diritto le leggi dettano i criteri, i comportamenti e le relazioni  impedendo ogni decisione contra legem. Il sindacato riesce benissimo nell’impegno di screditarsi. Da solo!
Illusorio pensare che il quadro possa cambiare nei prossimi anni. Serafini parla di “una disponibilità a trattare per vedere se in proiezione di un futuro migliore…”. A parole tutto è possibile, ma poi occorre che le regole favoriscano il raggiungimento dell’obiettivo. Diversamente si resta sul ” bla, bla” inconcludente, arricchito dalle spallucce del Ministro

Pubblicato in Opinioni, Tutti gli articoli | Commenti disabilitati su Contratto scuola, un esempio di dichiarazione sindacale che ignora…

Nei casi di bullismo contano le carte, le chiacchiere valgono zero

Nei casi di bullismo

Nei casi di bullismo contano solo le carte. Le chiacchiere stanno a zero.

Nei casi di bullismo  le chiacchiere stanno a zero. E’ necessario dimostrare di aver azzerato  il verificarsi dell’evento. Diversamente si rischia di incorrere nella culpa in vigilando, educando e organizzando.

Il fatto di cronaca dell’alunna bullizzata

Si leggePresa a calci da un coetaneo compagno di classe, una bambina di 9 anni è andata al pronto soccorso, dove peraltro è rimasta per 18 ore. L’episodio è accaduto nella zona di Villafranca, in Veneto, e viene raccontato da Ansa che, a sua volta, riprende quanto riportato da L’Arena di Verona. Secondo il racconto del giornale veneto, quindi, la piccola sarebbe stata da tempo oggetto delle vessazioni del compagno, che la madre sostiene avere più volte segnalato alle maestre, senza ottenere una modifica del comportamento. Nell’ultimo episodio, il bambino avrebbe spinto da dietro la piccola mentre lei si stava lavando le mani in bagno, per poi picchiarla al corpo e alla testa e proseguire con un calcio in mezzo alle gambe.”

Contano solo le carte

Se si tiene conto della giovane età dei bulli, il fatto è sicuramente gravissimo. Certifica il grado di violenza che avvolge la nostra società. Tutti ne siamo immersi! Ne respiriamo l’aria fetida!  Agli strati alti e anche bassi fino a raggiungere i nostri bambini!
Detto questo, parto dal suddetto fatto di cronaca. Pare che l’evento registrato dai massmedia, sia l’atto conclusivo di una sequenza di fatti pregressi che, come scrive l’Arena di Verona, “ la madre sostiene avere più volte segnalato alle maestre, senza ottenere una modifica del comportamento.” Quindi (forse) l’aggressione era facilmente prevedibile. Il genitore non chiarisce, però la natura della segnalazione (orale e/o scritta). E’ auspicabile che questa sia stata formalizzata e protocollata.

Culpa in vigilando, educando 

Mi auguro che gli insegnanti possano produrre relazioni protocollate e certificare soluzioni organizzative finalizzate ad azzerare il verificarsi dell’evento, che avendo già una sua storia era altamente prevedibile. Solo in questo modo potranno dimostrare in sede dibattimentale di non essere  inosservanti  nei doveri di  custodia e protezione verso l’alunna bullizzata e quindi rispondere per culpa in vigilando. Ricordo che si è esenti dalla suddetta responsabilità, solo se l’evento è risultato repentino, quindi imprevedibile.
E’ necessario, inoltre che nella documentazione siano presenti i report degli incontri effettuati con i genitori del bullo e le soluzioni  proposte  loro. Ricordo che i genitori sono i primi responsabili nell’educazione dei figlio (art.30 Costituzione). In altri termini, hanno accettato l’eventuale proposta di farsi aiutare da un centro specializzato in dinamiche familiari?… Se i suggerimenti formalizzati degli insegnanti sono rimasti inascoltati o non sufficientemente attuati, allora i genitori potrebbero essere chiamati per inadempienza educativa (Culpa in educando, art. 147 c.c, 2048 c.c.). L’orientamento della giurisprudenza e ormai esente da incertezze. Lo testimonia La Cass. Civ con  le sentenze 22/04/2009  e 28/08/2009.

E per finire anche i Dirigenti Scolastici possono essere responsabili

Il Dirigente Scolastico ha le sue responsabilità, codificate nella culpa in organizzando (art. 2043). E’ responsabile se non ha messo in essere misure organizzative per la sicurezza nell’ambiente scolastico e la disciplina tra gli alunni. In quest’ultimo caso l’onere della prova spetta al genitore del danneggiato. Compito non difficile. E’ sufficiente dimostrare che nulla è cambiato dal punto di vista organizzativo dopo la segnalazione scritta e la conseguente richiesta di intervento da parte della scuola.

 

 

Pubblicato in Bullismo, Tutti gli articoli | Contrassegnato , , | Commenti disabilitati su Nei casi di bullismo contano le carte, le chiacchiere valgono zero

Def 2019, la conferma delle classi pollaio e la vittoria della Gelmini

Def 2019

Def, 2019 documento che conferma l’esistente. Addio al riformismo del contratto di governo

Def 2019 è un documento poco coraggioso per la scuola. Si propongono aggiustamenti,  si abolisce  qualcosa della Legge 107/15. Sconfessa il riformismo presente nel contratto di governo (maggio 2018). Un esempio: le classi pollaio sono state confermate. E’ la vittoria della Gelmini e del pensiero della Destra.

Def 2019 e scuola

Leggendo il Def 2019, e nello specifico la parte riguardante Istruzione e ricerca, gli impegni risultano generici:” Il Governo proseguirà gli sforzi diretti a limitare l’abbandono scolastico, mediante misure mirate all’incremento e all’arricchimento dell’offerta formativa. Saranno utilizzati nuovi strumenti per l’aggiornamento continuo e la valorizzazione professionale del corpo docente… Con particolare riguardo agli strumenti per una educazione inclusiva e di qualità per tutti, sono allo studio diverse misure per garantire le prestazioni e i servizi necessari per raggiungere la piena inclusione scolastica e assicurare il diritto allo studio agli studenti diversamente abili o con bisogni educativi speciali…Per l’inclusione degli alunni con disabilità è stato costituito un gruppo di lavoro specifico per l’implementazione delle misure attuative previste nella normativa in vigore”

Def 2019 un documento poco coraggioso e timido  verso il mostro delle classi pollaio

Cosa è rimasto del riformismo presente nel contratto di governo? Poco o nulla!  In questi mesi il Ministro Bussetti aveva sposato la strategia del cacciavite. Ad agosto aveva dichiarato : “L’obiettivo che mi prefiggo è quello di ricreare un clima di serenità e di fiducia, senza ricorrere a nuove riforme e ad ulteriori strappi.” Si conferma quindi  l’esistente, ottimizzandolo, come annunciato per il progetto Alternanza scuola lavoro ” il cui nome è stato modificato in ‘Percorsi per le competenze trasversali’ dalla Legge di Bilancio per il 2019 – essa sarà rivista nelle sue Linee guida.” (Def, pag 87)
Al più si abroga qualche aspetto della Legge a costo zero, come la chiamata diretta ” gli insegnanti saranno sempre titolari su una scuola, alla quale saranno assegnati in base a criteri oggettivi e trasparenti.” (Def, pag 87)
Quindi il superamento  della legge 107/15 e l’intervento sulle classi pollaio (Contratto governo 2018) rimangono belle intenzioni, bloccate e condizionate, però dalle compatibilità economiche.
La conferma delle classi pollaio (Riforma Gelmini) decreta la vittoria dell’ ex Ministro del Miur. In una recente dichiarazione l’esponente di Forza Italia ha evidenziato che la Sinistra non si è preoccupata di abrogare la sua legge, contenente il mostro pedagogico delle classi pollaio. Medesima situazione con il governo giallo-verde, certificata  dal Def 2019 che in nessuna parte fa cenno alla proposta di legge Azzolina.
La Gelmini ha vinto! E in genere l’approccio della Destra che considera il sistema scuola dispendioso, praticamente inutile. Questo è l’unico dato di fatto che azzera le chiacchiere e le dichiarazioni.

 

Pubblicato in Classi pollaio, Tutti gli articoli | Contrassegnato , , | Commenti disabilitati su Def 2019, la conferma delle classi pollaio e la vittoria della Gelmini

Def 2019, la prospettiva prevedibile per i contratti

Def 2019

Def, 2019 conferma la prospettiva di aumenti irrisori. Non era difficile prevedere lo scenario.

Def 2019, ha confermato il quadro desolante, ma assolutamente prevedibile.  Le parole, le dichiarazioni  sono azzerate dai numeri. Meglio dalle regole che in uno stato democratico  rimandano alla normativa vigente.

Def 2019, valori e percentuali per i contratti pubblici

Il def 2019 ha dedicato una finestra al rinnovo dei contratti pubblici. Si legge a pagina 31
Fra i fattori di incremento della spesa si segnala il rinnovo contrattuale per il triennio 2019-2021 che prevede, in base alle risorse stanziate dalla legge di Bilancio per il 2019, incrementi dell’1,3 per cento per il 2019, dell’1,65 per cento per il 2020 e dell’1,95 per cento complessivo a decorrere dal 2021. Considerato che la stagione contrattuale 2016-2018 non è ancora conclusa, la previsione sconta l’ipotesi che i CCNL per il triennio 2019-2021 verranno sottoscritti a decorrere dal 2020. Con riferimento al nuovo triennio contrattuale, per l’anno 2019 è stata considerata la  sola spesa per l’anticipazione contrattuale decorrente dal mese di aprile (corrispondente sostanzialmente all’indennità di vacanza contrattuale prevista dal precedente ordinamento)…”

Def 2019, una facile previsione per i contratti

Lo stralcio rappresenta la pietra tombale per i proclami al vento. Quasi tutti fanno riferimento all’adeguamento degli stipendi degli insegnanti alla media europea (Di Maio, Zingaretti…). Dichiarazioni basate sul nulla! In uno stato di diritto, sono le leggi a stabilire le regole. Dura lex, sed lex.
Il riferimento normativo che prevede aumenti esigui è il D.Lvo 29/93. Il disposto ha ingabbiato gli aggiornamenti economici di tipo contrattuale al tasso di inflazione programmato, quindi non reale. A medio termine, le previsioni non sono positive. Il Pil tenderà a non crescere, il nostro debito pubblico non diminuirà  e  l’inflazione programmata rimarrà un esercizio a tavolino, lontana dalla realtà. Tutto questo comporterà salari bassi che dovranno restare tali in un regime di una moneta unica, che impedisce le storiche svalutazioni competitive. Tutto questo è a conoscenza dei sindacati che però, come ho scritto recentemente, continuano a spostare l’attenzione dalla luna al dito.

Pubblicato in Tutti gli articoli | Contrassegnato , | Commenti disabilitati su Def 2019, la prospettiva prevedibile per i contratti

Bozza Def scuola 2019, prima la lettura e poi i commenti

Def 2019 e scuola

Finalmente abbiamo le pagine del Def (in bozza) riguardanti la scuola.

Bozza Def scuola 2019, ecco le  sei pagine che pubblico di seguito. Chi è interessato a leggere l’intero documento lo trova in quotidiano.net E’ opportuno leggere il testo, riguardante la scuola e poi commentarlo. Solo in questo modo possiamo evitare  strumentalizzazioni o essere condizionati da fake news.
Buona lettura!

 

Pubblicato in Opinioni, Tutti gli articoli | Commenti disabilitati su Bozza Def scuola 2019, prima la lettura e poi i commenti

Smartphone e minori, la responsabilità è dei genitori

Smartphone e minori

Smartphone e minori, la prima responsabilità è sempre dei genitori. Dopo (forse) viene la scuola e gli insegnanti

Smartphone e minori, spesso si evidenzia la culpa in vigilando imputabile agli insegnanti. Si pone meno attenzione ai genitori che consegnano a un minore lo smartphone, senza adeguate istruzioni sul suo uso (Culpa in educando).

Smartphone e minori, l’eccessiva attenzione sugli insegnanti e meno…

Smartphone e minori, non è raro leggere contributi,  dove l’attenzione è riposta soprattutto sulla culpa in vigilando (art. 2048 c.c.). La culpa in educando che coinvolge i genitori, invece, è trattata meno.
Davanti a uno smartphone c’è un minore, una persona che ha ricevuto una determinata educazione. Questa costituisce lo sfondo entro il quale pensa e agisce il soggetto. In altri termini, rappresenta un elemento previsionale  dei comportamenti del soggetto. Questo non significa cadere in un facile determinismo, escludendo la libertà della persona. Sicuramente però l’impostazione educativa, che ha la sua maggiore  efficacia soprattutto fin verso i 9-11 anni, periodo che coincide con il regalo del dispositivo, può facilitare alcune ipotesi.

I primi responsabili sono i genitori

Ne consegue che di fronte ad atti di bullismo fisico e/o virtuale i primi responsabili siano i genitori. Soprattutto il secondo fenomeno  si alimenta grazie all’uso inadeguato  dello smartphone o del tablet. L’utilizzo  improprio  è il risultato senza se e senza ma della mancanza di direttive tecnico-educative da parte dei genitori. Siamo di fronte al caso in cui  i genitori non sono carenti dal punto di vista della sorveglianza, bensì dell’educazione. In altri termini, se chi esercita la responsabilità genitoriale, consegna a un minore un dispositivo, senza educarlo a un uso adeguato, allora egli è responsabile per il fatto illecito del figlio minorenne (Cass. civ. sez.III 28/09/09 n°18804). Da questa casistica non sono esclusi i genitori separati (Tribunale di Milano, 16.12.09). Il tutto si basa sull’inadempienza del dettato costituzionale (art. 30) che si declina in un’inadeguata educazione e quindi in un’inadempienza dei doveri genitoriali (art.147 c.c.). Per essere scagionati “essi sono tenuti a dimostrare di aver impartito al figlio un’educazione normalmente sufficiente a impostare una corretta vita di relazione in rapporto al suo ambiente, alle sue attitudini e alla sua personalità” ( Cass. civ. sez. III 19/02/2014, n° 3964). Ne consegue che l’obbligo di vigilare sul minore non si limita alla prossimità fisica, ma coinvolge anche l’aspetto educativo che accompagna sempre e in ogni situazione il bambino o il ragazzo.

Pubblicato in Cyberbullismo, Tutti gli articoli | Contrassegnato , , | Commenti disabilitati su Smartphone e minori, la responsabilità è dei genitori

Bes e superdotati, il Miur “armiamoci e partite”. Molto semplice!

Bes e superdotati

Bes e superdotati, nulla di nuovo dalla nota del Miur. la presenza delle classi pollaio rende tutto difficile.

Bes e superdotati, il Miur ha pubblicato una nota che conferma un principio costituzionale e arcinoto agli insegnanti. Purtroppo le classi pollaio rappresentano un impedimento alla realizzazione di una scuola inclusiva.

Bes e superdotati, la nota del Miur

Bes e superdotati, molti pensano che tra le due realtà non ci sia alcun collegamento. Il convincimento è supportato anche dalla prassi didattica, incentrata sull’elaborazione del Pdp per alunni e studenti che non rientrano nella Legge 102/92 e nello specifico nell’art. 3 comma 1 o 3.
Non è così! La diversità è la specificità di ogni persona. Lo affermava R. Gay negli anni ’70, quando scriveva che la diversità non è un tratto eccezionale appartenente ad alcune persone, ma ordinario di ogni individuo.
Pertanto non stupisce la nota del Miur del  03.04.2019, prot. n°. 562. Molte conferme di aspetti già conosciuti e messi in atto. Interessante, invece il seguente passaggio che presenta un aspetto poco praticato:”In base alle segnalazioni ricevute dalle scuole e alle comunicazioni scientifiche dei settori accademici di riferimento, emerge come fra la popolazione scolastica siano presenti bambini ad alto potenziale intellettivo, definiti Gifted children in ambito internazionale. A seguito dell’emanazione della Direttiva 27.12.2012, molte istituzioni scolastiche hanno considerato tali alunni e studenti nell’ambito dei Bisogni Educativi Speciali. Tale prassi, assolutamente corretta, attua la prospettiva della personalizzazione degli insegnamenti, la valorizzazione degli stili di apprendimento individuali e il principio di responsabilità educativa.
Anche in questo caso la strategia da assumere è rimessa alla decisione dei Consigli di Classe o Team Docenti della primaria che, in presenza di eventuali situazioni di criticità con conseguenti manifestazioni di disagio, possono adottare metodologie didattiche specifiche in un’ottica inclusiva, sia a livello individuale sia di classe, valutando l’eventuale convenienza di un percorso di personalizzazione formalizzato in un PDP.”

Il rischio che rimanga tutto sulla carta

Chi non può essere d’accordo? Purtroppo le classi pollaio rappresentano un impedimento alla realizzazione di una scuola realmente inclusiva di tutti e di ognuno. L’aberrazione pedagogica pone la scuola fuori dalla Costituzione, in quanto costringe il docente a ridurre all’osso la personalizzazione, a beneficio di una uniformità che coinvolge le strategie e i contenuti. Scriveva D. Milani “Non c’è nulla che sia più ingiusto quanto far parti uguali fra disuguali“.
Il compito del Miur è quello di confermare il quadro normativo vigente, utilizzando frasi ad effetto. La gestione della complessità resta agli insegnanti.  In altri termini: “armiamoci e partite

Pubblicato in Classi pollaio, Tutti gli articoli | Contrassegnato , , | Commenti disabilitati su Bes e superdotati, il Miur “armiamoci e partite”. Molto semplice!

Bullismo e cyberbullismo, le nuove responsabilità dopo la legge 71/17

 

Bullismo e cyberbullismo

Bullismo e cyberbullismo, comportano un aggiornamento nella culpa in educando, vigilando e organizzando

Bullismo e cyberbullismo fenomeni in esponenziale crescita. La scuola non può ignorarli e non solo. Riguardano i suoi ragazzi.
Purtroppo comportano un aggiornamento nelle responsabilità civili  e penali.
E’indispensabile conoscere i nuovi perimetri della culpa in educando (art. 30 Costituzione), culpa in vigilando e organizzando (2043,2047 e 2048 c.c).
Allo scopo ci viene in aiuto una agile contributo di M.Sabina Lembo, avvocato penalista del foro di Potenza, giornalista pubblicista. L’A. è anche presente nella Piattaforma E.L.I.S.A., finalizzata alla formazione dei Referenti per il contrasto al cyberbullismo (Legge 71/17 art. 4 comma 3).
Il contributo si sviluppa attraverso la presentazione  di otto quesiti, fornendo dal punto di vista giuridico interessanti soluzioni alle diverse criticità.
Testo disponibile solo in formato cartaceo. Il suo costo può risultare eccessivo, rispetto alle pagine (82). Sicuramente il prezzo scende  se acquistato in uno dei tanti store presenti nel Web.
Consigliato a tutti i responsabili dei nostri ragazzi.

Pubblicato in Cyberbullismo, Tutti gli articoli | Contrassegnato , , , | Commenti disabilitati su Bullismo e cyberbullismo, le nuove responsabilità dopo la legge 71/17

Sciopero nella scuola, i sindacati ripetono lo stesso copione

Sciopero nella scuola

Sciopero nella scuola. Riuscirà a conseguire il suo obiettivo? Forti perplessità

Sciopero nella scuola il 17 maggio 2019. I sindacati tornano a minacciare il governo utilizzando un’arma ormai inefficace, ma non inutile.

Continua a leggere

Pubblicato in Opinioni, Tutti gli articoli | Contrassegnato , | Commenti disabilitati su Sciopero nella scuola, i sindacati ripetono lo stesso copione

Maltrattamenti sui bambini, il condizionamento della patria podestà

Maltrattamenti sui bambini

Maltrattamenti sui bambini, un retaggio culturale, duro a morire. La legislazione è molto più avanti

Maltrattamenti sui bambini, un fenomeno prevalentemente domestico. Esprime ancora l’idea che il minore sia un oggetto di proprietà della famiglia. Eppure la patria podestà è stata superata dalla responsabilità genitoriale.

Continua a leggere

Pubblicato in Opinioni, Tutti gli articoli | Contrassegnato , | Commenti disabilitati su Maltrattamenti sui bambini, il condizionamento della patria podestà

Luigi Di Maio, l’abbandono del riformismo per pochi spiccioli

Luigi Di Maio

Pessima l’involuzione di Luigi Di Maio. Si abbandona l’idea progettuale di investire per la scuola per un piatto di lenticchie

Luigi Di Maio e l’abbandono del riformismo. Pessima involuzione! La scuola vive di futuro! Le risorse per la scuola  sono sempre finalizzate a un disegno alto . Diversamente servono, quando ci sono, a sedurre, distrarre dai veri problemi che stanno strangolando il sistema formativo, grazie alle riforme degli ultimi venti anni.

Luigi Di Maio, una dichiarazione sconfortante

Ha dichiarato Luigi Di Maio: “Oggi dobbiamo fare molto di più sia per gli studenti sia per gli insegnanti. Prima di riformare la scuola, bisogna finanziarla e dobbiamo investire molte più risorse sia con il nuovo Def sia con la legge di Bilancio per garantire continuità didattica per gli studenti che vuol dire meno precariato per gli insegnanti e un’edilizia scolastica che sia all’altezza
Dichiarazione fumosa! Coerente con la  comunicazione postmoderna, caratterizzata dal virus dell’annuncite che nasconde il Nulla (incertezza sulle risorse e sulla tempistica). Come affermato da V. Pascuzzi, la dichiarazione dell’esponente del M5s conferma lo stile generico del programma di governo, riguardante la scuola.

Indietro non si torna, ma neanche avanti

Qui però vorrei riflettere sulla ritirata del Movimento dalla prospettiva del futuro, che giustificava e dava senso alla sua iniziale azione politica. In altri termini, è confermata la tendenza a considerare irriformabili le aberrazioni pedagogiche volute dalla destra (Riforma Moratti e Gelmini) e quelle  del centrosinistra ( Legge 59/97 e Legge 105/15). La prospettiva delle suddette riforme è l’ingabbiamento del sistema scolastico in una logica aziendale, caratterizzata dall’ottimizzazione, dall’efficacia, dall’efficienza… Da questo abbraccio mortale, la scuola ha perso il futuro, consolidando la pedagogia che il presente è immodificabile. Il dio denaro potrà al limite risolvere qualche problema secondario.
Si preferisce mettere in atto la strategia di sedurre la scuola, sventolando il fazzoletto delle risorse finanziarie, svincolate da ogni progettualità alta. Se queste ci saranno, sicuramente non risolveranno nulla, considerata la stagnazione economica. Serviranno a finanziare e mantenere vitali  le riforme che non necessitano di risorse significative, consolidando di fatto il quadretto descritto sopra.
Probabilmente il cambio di strategia deriva dalla percezione che si sta perdendo definitivamente la scuola. La disconnessione dal mondo della scuola è iniziata, affidando il Miur a un leghista. Si sta ripetendo, comunque la medesima situazione vissuta da M. Renzi.
E a noi cosa resta dopo l’ennesima delusione? Sicuramente non il ritorno tra le braccia mortali  di Berlusconi o del renzismo. Quindi è meglio non rispondere!

 

Pubblicato in Riforma della scuola, Tutti gli articoli | Contrassegnato , | Commenti disabilitati su Luigi Di Maio, l’abbandono del riformismo per pochi spiccioli

Contratto 2019-21, il solito canovaccio

Contratto 2019-21

Contratto 2019-21, la previsione è un esercizio facile, facile. Purtroppo!

Contratto 2019-21, si riaprono i giochi. I soliti giochi.  Si inizia con le dichiarazioni, segue l’indignazione dei sindacati e si concluderà con la firma di questi ultimi. La scena finale è facilmente prevedibile.

Continua a leggere

Pubblicato in Contratto scuola, Tutti gli articoli | Contrassegnato , , | Commenti disabilitati su Contratto 2019-21, il solito canovaccio

Infortuni alunni e culpa in vigilando, le ultime sentenze

Infortuni alunni e culpa in vigilando

Infortuni alunni e culpa in vigilando. Le ultime sentenze confermano tutto

Infortuni alunni e culpa in vigilando, le ultime sentenze confermano ruoli e responsabilità all’interno dell’edificio scolastico e nelle sue pertinenze. Un ottimo contributo da leggere e tenere in evidenza.

Infortuni alunni, le conferme dalle ultime sentenze

Infortuni alunni e culpa in vigilando, il portale giuridico La legge per tutti ha pubblicato un’ interessante sintesi delle ultime sentenze, riguardanti gli infortuni degli alunni/studenti. Inevitabilmente i casi richiamano l’eventuale Culpa in vigilando (art. 2048 codice civile). I pronunciamenti confermano quanto già si sapeva. L’orientamento giurisprudenziale si applica ovviamente anche ai casi di bullismo e cyberbullismo.

Gli elementi ricorrenti

1) La responsabilità del docente, innanzitutto  persiste per tutto il  tempo in cui il minore è  affidato. E questo significa che ogni attività, svolta anche fuori dall’edificio scolastico, e qualunque incarico previsto dal Regolamento, sono implicitamente richiamati dall’art. 2048 comma 2);
2) l’onere della prova, inoltre spetta all’Istituto scolastico e nello specifico al docente (art. 2048 comma 3). Può coinvolgere anche il Dirigente Scolastico ( Culpa in organizzando ) se egli non può dimostrare di aver “preso adeguati provvedimenti contro l’aggressore, nonostante le ripetute segnalazioni ricevute“(Tribunale Roma Sez. XIII, con provvedimento del 04/04/2018). Quest’ultimo passaggio coinvolge i Dirigenti scolastici soprattutto nei casi bullismo;
3) gli insegnanti, infine sono esonerati da ogni responsabilità se possono dimostrare l’imprevedibilità dell’evento. “L’istituto potrà risultare esente da responsabilità, solamente provando che l’evento dannoso è derivato da una causa non imputabile alla scuola o ad un suo docente, essendo riconducibile ad un evento casuale non evitabile ed imprevedibile.” (Tribunale Genova Sez. II con Sent del 14/03/2018).

Pubblicato in Culpa in vigilando, Tutti gli articoli | Contrassegnato , | Commenti disabilitati su Infortuni alunni e culpa in vigilando, le ultime sentenze

Abolizione classi pollaio, è una riforma difficile che farà capire…

Abolizione classi pollaio

L’abolizione delle  classi pollaio costa molto. Si scopre  “l’acqua calda”. Il tempo, però, sta per scadere.

Abolizione classi pollaio, una riforma difficile perché onerosa. Un bel banco di prova per il governo del cambiamento e per il Parlamento. Sarà una svolta?

Abolizione classi pollaio, una riforma difficile

Si legge nel capitolo “Scuola” del contratto di governo” In questi anni le riforme che hanno coinvolto il mondo della scuola si sono mostrate insufficienti e spesso inadeguate, come la c.d. “Buona Scuola”, ed è per questo che intendiamo superarle con urgenza per consentire un necessario cambio di rotta, intervenendo sul fenomeno delle cd. “classi pollaio”.
Il passaggio riguardante le classi pollaio rimanda alla 12^ riga. Quindi praticamente all’inizio. Vorrà dire pur qualcosa!
Si sapeva fin dall’inizio che la controriforma sarebbe costata alcuni miliardi di €. Era sufficiente riflettere sugli 8 miliardi di prelievo forzoso, operato dal duo Gelmini/Tremonti (2008-09). Una buona parte di questi sono stati ricavati, alzando di un punto  il rapporto medio alunni/docente da 8,94 a 9,94 (2008-2012) per “migliore qualificazione dei servizi scolastici e di una piena valorizzazione professionale del personale docente” ( Ridiamo o piangiamo?)

Abolizione delle classi pollaio, lo stallo attuale preoccupa

Come sta procedendo l’iter parlamentare? Direi male, malissimo! L’impressione è che il M5s si sia fatto fagocitare dalla logica asfittica delle compatibilità economiche. Quasi sempre il capolinea di questa strategia politica è il binario morto.  Pessimista? No realista!
Migliore sintesi di questo stallo politico, che potrebbe precludere all’accantonamento, è fornita da R. Palermo. ScriveAddirittura si era parlato della possibilità di applicare la legge già dal prossimo settembre, ma non appena arrivata in Commissione la proposta è stata subito ridimensionata dalla stessa relatrice di maggioranza: la legge di bilancio 2019, infatti, non prevede risorse mirate e quindi, nella migliore delle ipotesi, se ne potrà parlare a partire dall’anno scolastico 2020/21.
Inizialmente la proposta aveva suscitato grande entusiasmo nel mondo della scuola, entusiasmo che si è via via affievolito anche perchè le risorse necessarie per raggiungere gli obiettivi previsti sono davvero consistenti: poco meno di 400 milioni di euro per il primo anno di applicazione, più di un miliardo per il secondo anno e più di due miliardi a partire dal terzo anno.”

A breve la risposta definitiva

Non dovremo attendere molto. Dal Def, che dovrà essere approvato a fine aprile, potremo capire le reali intenzioni del governo e la sua ferma volontà di abolire le classi pollaio. E purtroppo dall’esecutivo non giungono segnali rassicuranti. Il Ministro Bussetti non ne parla mai. Gli piace giocare facile, rilasciando dichiarazioni sull’ovvio impegno a favore di una scuola inclusiva…  E secondo quanto ha scritto R. Palermo lo stesso Mef ha cassato la proposta come irrealizzabile. Eppure l’abolizione delle classi pollaio  favorirebbe il ritorno della Costituzione nelle aule. Altro che educazione civica o sociale (Gelmini, Aprea)! L’aula tornerebbe  ad essere  l’ambiente  dove si generano e si consolidano  gli apprendimenti, le emozioni le relazioni… In altri termini la formazione dell’uomo e del cittadino (Costituzione italiana) Tutto il resto è secondario! E’ un accessorio!
Sicuramente l’istruzione costa, ma come ha scritto D. Bok “prova con l’ignoranza“.

 

Pubblicato in Classi pollaio, Tutti gli articoli | Contrassegnato , | Commenti disabilitati su Abolizione classi pollaio, è una riforma difficile che farà capire…

Sequestro bus, gli insegnanti trasparenti e dimenticati

 

Sequestro bus

Sequestro bus, i ragazzi e le forze dell’ordine sono giustamente lodati. E gli insegnanti?

Il sequestro del bus da parte del senegalese. Giustamente lodati lo studente, le forze di polizia e in genere tutti i ragazzi.  Si dimenticano, però gli insegnanti. Anche il  Ministro Bussetti non è da meno.  Al solito siamo trasparenti, se non quando…

Continua a leggere

Pubblicato in Scuola, Tutti gli articoli | Contrassegnato , | Commenti disabilitati su Sequestro bus, gli insegnanti trasparenti e dimenticati

Pubblicazione di foto dei minori, la decisione spetta solo ai genitori

Pubblicazione di foto dei minori

La pubblicazione delle foto o video nel Web rimanda a una grande responsabilità che coinvolge solo i genitori.

Pubblicazione di foto dei minori, la decisione spetta esclusivamente ai genitori anche dopo la fine di un rapporto. Una recente sentenza conferma il quadro internazionale, europeo e nazionale.

Pubblicazione di foto dei minori, una questione troppo delicata

La pubblicazione di foto dei minori è una questione molto delicata, considerando che i dati personali del minore (=foto, video) immessi nella Rete non possono essere controllati. Il processo di condivisione, infatti,  annulla la possibilità di gestione da parte di chi li posta e quindi l’utilizzo scorretto del dato personale da parte di terzi.  Un bambino è un bene  prezioso verso il quale abbiamo l’imperativo morale di proteggere senza se e senza ma.  Ha dichiarato Papa Francesco “Un figlio è un figlio: una vita generata da noi ma destinata a lui, al suo bene, al bene della famiglia, della società, dell’umanità intera”

Conta solo chi ha la responsabilità genitoriale 

Quindi solo gli adulti  che ricoprono la responsabilità  genitoriale possono in comune accordo pubblicare o autorizzare la diffusione di  foto, video  del loro figlio nel Web. La decisione  deve essere ben ponderata, tenendo presente l’interesse supremo del bambino. E questo vale anche dopo lo scioglimento, la cessazione  degli effetti civili, l’annullamento, la nullità del matrimonio, una sentenza di separazione e divorzio e in presenza di una nuova figura che   non  può quindi vantare alcun potere  sul minore.
La responsabilità genitoriale (2013), infatti ha sostituito quella di patria podestà (diritto romano), divenuta poi podestà genitoriale (parità tra uomo e donna). Entrambe  rimandavano a un rapporto di supremazia sui figli. La nuova formulazione richiama  l’esclusivo bene del minore. Nulla di nuovo sotto il sole! Solo un adeguamento, un aggiornamento della legislazione alla Convenzione dei diritti dell’infanzia (1989), dove i diritti dell’infanzia rappresentano il fondamento e coronamento di ogni legislazione nazionale (art. 3). La direttiva è stata recepita in Italia dalla legge 176/91 e precisamente dall’art. 16 e recentemente confermata dal GDPR (25 maggio 2018) e dal decreto attuativo 101 (10 agosto 2018). E non ultimo il Garante della Privacy (2017).
Una recente sentenza ha ribadito tutto questo! Non poteva essere diversamente, considerando che si rimane  genitori per sempre anche dopo la fine di un rapporto.

Pubblicato in Responsabilità genitoriale, Tutti gli articoli | Contrassegnato , | Commenti disabilitati su Pubblicazione di foto dei minori, la decisione spetta solo ai genitori

Diffamazione docente, Ministro osi di più!

 

Diffamazione docenti

Diffamazione docenti, la risposta del Ministro è insufficiente.

Diffamazione docente, il Ministro ha risposto.  Non è sufficiente! Deve fare altro per convincerci che sta dalla nostra parte.

Diffamazione docente, la richiesta e la risposta

E’ nota la vicenda di una donna che ha avuto un figlio, da un quattordicenne. Inizialmente i massmedia hanno presentato la donna come un insegnante. Poi invece è risultata un’infermiera. La mancata conferma ha provocato l’indignazione di molti insegnanti.
Il collega S. Amato ha sintetizzato il malumore nella seguente lettera:
“Al Ministro Bussetti
Ai Presidenti delle commissioni Istruzione di Camera e Senato,
on.li Pittoni e Gallo.
Chiediamo di prendere provvedimenti circa la grave vicenda di pedofilia che è stata volutamente strumentalizza e di conseguenza crea danno all’immagine della Scuola Pubblica Italiana e dei docenti.
Noi insegnanti riteniamo sia lesivo per la nostra immagine il fatto che una vicenda grave di per sé venga utilizzata dai giornali e dalla TV di Stato, con titoli ed immagini ad effetto, che collocano gli eventi in una scuola e che fanno sembrare siano una docente e un giovanissimo discente i personaggi coinvolti.
Prova ne è il fatto che, nel dettaglio degli articoli, si viene a conoscenza della vera identità della donna in questione e che si trattava di lezioni private. Tutto ciò dimostra la volontà chiara di gettare discredito su tutta l’istituzione scolastica attraverso la strumentalizzazione della vicenda.
Professione Insegnante”
La risposta del Ministro non è tardata. Sulla sua pagina Facebook si legge:
La donna protagonista del triste caso di cronaca che si è verificato a Prato non è una “prof”. È emerso con chiarezza, infatti, che si tratta di un’operatrice socio-sanitaria che dava ripetizioni di pomeriggio.”

Risposta non sufficiente

La risposta del Ministro era dovuta. Non è però sufficiente. Occorre un’azione più incisiva, dove il Ministro  chiede ai diversi organi di stampa che hanno diffuso la fake news  una rettifica formale con le scuse rivolte al corpo docente. L’azione certificherebbe una maggiore vicinanza del Ministro. E questo non può che far bene all’intero sistema-scuola.

Pubblicato in Docenti, Tutti gli articoli | Contrassegnato , | Commenti disabilitati su Diffamazione docente, Ministro osi di più!

La scuola semplificata, le azioni della Destra italiana

 

La scuola semplificata

I problemi reali della scuola sono conosciuti solo da chi ha esperienza di aula.

La scuola semplificata è la strategia per distrarre dai reali problemi. Le soluzioni prospettate dalla Destra italiana sono quasi tutte a costo zero. Ultimi esempi di un’entrata a scuola a gamba tesa senza conoscerla. 

Continua a leggere

Pubblicato in Scuola, Tutti gli articoli | Contrassegnato , | Commenti disabilitati su La scuola semplificata, le azioni della Destra italiana

Ministro Bussetti, per una scuola educativa occorre…

Ministro Bussetti

Il Ministro Bussetti passi dalle parole ai fatti, iniziando dalle classi pollaio

Il Ministro Bussetti, parla, parla… Difficilmente non essere d’accordo con lui. Purtroppo non sempre le parole seguono i fatti. Il caso delle classi pollaio.

Continua a leggere

Pubblicato in Classi pollaio, Tutti gli articoli | Contrassegnato , , | Commenti disabilitati su Ministro Bussetti, per una scuola educativa occorre…

Classi pollaio, occorre convocare gli esperti di aule affollate

Le classi pollaio

Classi pollaio, imbarazzante il segnale di convocare prima gli inesperti di aule affollate

Classi pollaio, proseguono le audizioni che hanno lo scopo di “convincere” a superare questo obbrobrio. L’altro giorno sono stati i pedagogisti. Purtroppo sono inesperti di aule affollate. Occorre convocare le “vittime”.

Classi pollaio, il limite dell’audizione dei pedagogisti

Classi pollaio, prosegue l’impegno Presidente della Commissione Cultura, Istruzione e Scienze della Camera dei Deputati Onorevole Luigi Gallo. Azione supportata dalla passione di un docente, quindi di un esperto di aula scolastica.
L’altro giorno la Commissione ha ascoltato il parere di alcuni illustri pedagogisti. Nulla da ridire sulle loro dichiarazioni. Purtroppo sanno molto di libri e di aula accademica. In altri termini non ho colto la passione, la rabbia di chi sperimenta il virus delle classi pollaio.
Gli stessi contenuti possono essere espressi più efficacemente da molti  docenti che vivono la frustrazione delle classi pollaio. A questo aggiungo che gli insegnanti vittime con i loro studenti delle classi pollaio, hanno  molti altri  particolari da riferire che sicuramente non possono essere colti e registrati dalla nutrita schiera di inesperti di aule affollate.
Mi auguro che la Commissione convochi al più presto anche un gruppo di insegnanti qualificati e competenti di classi pollaio.  Spero che si eviti l’errore dello scorso anno (giugno 2018), quando dopo l’ennesimo fatto di cyberbullismo, furono invitati nei diversi talk show inesperti di bullismo online, tranne che i docenti e i referenti al contrasto del fenomeno (Legge 71/17 art. 4 comma 3) che ogni giorno sperimentano il disagio giovanile online.

Pubblicato in Classi pollaio | Contrassegnato , | Commenti disabilitati su Classi pollaio, occorre convocare gli esperti di aule affollate

Regolamento cyberbullismo, al via le scuole secondarie 2° grado

regolamento cyberbullismo

Regolamento cyberbullismo, si riparte con le scuole secondarie di secondo grado.

Regolamento Cyberbullismo, dopo l’esperienza di lavoro condiviso sul regolamento  dei comprensivi dell’ambito 9  (3° e 15° Municipio), inizia una nuova avventura (14 marzo ore 14,30 Liceo G.Bruno). Meglio si ripeterà l’esperienza con le secondarie di secondo grado. L’obiettivo è quello di produrre un Regolamento per il contrasto al cyberbullismo adeguato alle scuole superiori. Ringrazio il Preside De Paolis ( referente dell’ambito) che mi supporta a livello di idee anche in questa nuova impresa, dove ricoprirò la funzione di coordiatore. Senza dimenticare il supporto concreto dei due Municipi.

Pubblicato in Cyberbullismo, Tutti gli articoli | Contrassegnato , | Commenti disabilitati su Regolamento cyberbullismo, al via le scuole secondarie 2° grado

Bullismo, culpa in educando a 360°

Bullismo

Bullismo, la magistratura si sta orientamento verso una culpa in educando a tutto tondo. Bella notizia!

Bullismo, l’orientamento della giurisprudenza non tiene fuori i genitori, anche quelli di ragazzi-spettatori. E’ una conferma che l’educazione è sempre un’azione che deve portare a dei comportamenti adeguati, positivi e oppositivi.

Continua a leggere

Pubblicato in Bullismo | Commenti disabilitati su Bullismo, culpa in educando a 360°

Zero è il valore dell’insegnante e della scuola come luogo di formazione

Zero

Zero non è la cifra finale dell’insegnante e della scuola. E’ possibile andare oltre, ma…

Zero è il valore che caratterizza il profilo del docente e la funzione della scuola. La spiegazione si trova a monte. Il naufragio del futuro, trascina con sé la formazione, ridotta a semplice istruzione. Eppure nulla è perduto!

Continua a leggere

Pubblicato in Scuola, Tutti gli articoli | Contrassegnato , , | Commenti disabilitati su Zero è il valore dell’insegnante e della scuola come luogo di formazione

Classi pollaio, la tiratina d’orecchie alla Dirigente Scolastica

Le classi pollaio

Una “tiratina d’orecchi” alla Dirigente Scolastica da parte del T.A.R. della Sicilia.

Classi pollaio, interessante sentenza del T.A.R. della Sicilia. E’ sostanzialmente  un rimprovero alla Dirigente scolastica. Non è un  caso isolato. Esiste una semplice soluzione poco diffusa.

Continua a leggere

Pubblicato in Classi pollaio, Tutti gli articoli | Contrassegnato | Commenti disabilitati su Classi pollaio, la tiratina d’orecchie alla Dirigente Scolastica

Cyberbullismo, i primi responsabili sono i genitori

Cyberbullismo

La superficialità dei genitori di fronte all’uso della tecnologia dei propri figli.

Cyberbullismo, un fatto di cronaca rimette a posto ruoli e funzioni: la responsabilità è sempre dei genitori. Un bell’esempio di intervento di concerto tra i Dirigenti scolastici. Coerente con la legge 71/17.

Continua a leggere

Pubblicato in Cyberbullismo, Tutti gli articoli | Contrassegnato , | Commenti disabilitati su Cyberbullismo, i primi responsabili sono i genitori

No smartphone, ma la vera partita è la gestione dell’informazione

No smartphone, tutto si gioca sul'informazione

No smartphone, è una parte del problema. La vera sfida si giocherà su chi riuscirà a gestire formalmente e concettualmente l’informazione.

No allo smartphone, è parte di un problema più ampio  che coinvolge un ruolo più attivo della scuola. Mi riferisco alla gestione formale delle informazioni nel Web. Tante, troppe!  Il futuro si gioca su chi riuscirà a produrle dal basso e a presentarle formalmente corrette.

Continua a leggere

Pubblicato in Opinioni, Tutti gli articoli | Commenti disabilitati su No smartphone, ma la vera partita è la gestione dell’informazione

No smartphone, l’inutile conferma di Bussetti le scuole sono avanti

 

No smartphone

No smartphone, l’inutile consiglio del Ministro. Le scuole sono avanti.

No smartphone, il Ministro continua a dispensare consigli. In questo caso risultano inutili, in quanto il divieto risale a dodici anni fa e le scuole sono avanti. L’esempio dell’Ambito 9 di Roma.

Continua a leggere

Pubblicato in Cyberbullismo | Contrassegnato , , | Commenti disabilitati su No smartphone, l’inutile conferma di Bussetti le scuole sono avanti

Il Ministro Bussetti, continua a parlare…

Il Ministro Bussetti

Il Ministro continua a straparlare. Modalità comunicativa efficace solo politicamente.

Il Ministro Bussetti, continua a rilasciare interviste. Purtroppo queste risultano contraddittorie, rispetto ai suoi comportamenti. E’ la conferma di una modalità comunicativa vuota e incoerente.

Continua a leggere

Pubblicato in Politica, Tutti gli articoli | Contrassegnato , , | Commenti disabilitati su Il Ministro Bussetti, continua a parlare…

Scuola, gli allievi e i ragazzi frustrati grazie alle troppe certificazioni

Scuola Bes Dsa ADHD

Scuola, la medicalizzazione quasi diffusa degli allievi e degli studenti presenta dei rischi per la costruzione positiva del loro Sé.

Scuola, stiamo assistendo a un processo di diffusa medicalizzazione dei nostri ragazzi. Questo comporta una serie di conseguenze  sulla formazione di un Sé adeguato ad affrontare la complessità della vita.

Continua a leggere

Pubblicato in Opinioni, Tutti gli articoli | Contrassegnato , | Commenti disabilitati su Scuola, gli allievi e i ragazzi frustrati grazie alle troppe certificazioni

Culpa in vigilando, una sentenza sensata arrivata…

Culpa in vigilando

Culpa in vigilando. la sentenza fa chiarezza e conclude una vicenda che neanche doveva iniziare per il docente e l’Istituto.

Culpa in vigilando, una sentenza sensata. Quasi prevedibile il suo esito. Fanno riflettere, però gli anni di stress che il docente ha dovuto lasciare per strada.  Anni che non gli  saranno restituiti. 
 

Continua a leggere

Pubblicato in Culpa in vigilando, Tutti gli articoli | Contrassegnato , , | Commenti disabilitati su Culpa in vigilando, una sentenza sensata arrivata…

La scomparsa del bambino ridotto a pacco postale

La scomparsa del bambino

La scomparsa del bambino è un processo che oggi vede il tramonto del soggetto.

La scomparsa del bambino espressione di un contesto che ha perso il soggetto, riducendolo a oggetto, a pacco postale. L’esempio proviene, spesso da quei genitori che alimentano la diffusione di “Baby parking” e altro.

La scomparsa del bambino ridotto a pacco postale

“La scomparsa dell’infanzia” titolo di un famoso lavoro di Postman, certificava la perdita di identità del bambino, dovuta soprattutto all’esposizione del mezzo televisivo. In questo contesto, però, manteneva il profilo di soggetto, di persona anche se alterata o “adultizzata”.
Attualmente assistiamo a un’involuzione, dove il bambino è sempre più inteso come un oggetto, un pacco postale. Purtroppo il macro-contesto che riduce tutto a oggetto, a merce di scambio,  non poteva rimanere fuori dal rapporto genitori/figli.
Durante la settimana, per fondati motivi (=lavoro genitori), i nonni o le babysitter, depositano questo pacco in diversi ambienti (palestra, piscina…). Spesso queste attività sono intese come “riempitivi”. Non rientrano in un progetto pedagogico famigliare. La situazione limite è il parcheggio davanti al televisore o alla console giochi.

I centri commerciali e i ristoranti esempi preoccupanti

Se tutto questo, come scrivevo sopra, può avere in alcuni casi un senso, non si comprendono invece le scelte dei genitori di depositare nei fine settimana questi pacchi postali nei baby-parking, predisposti nei centri commerciali. La definizione di questi spazi definisce di per sé la natura degli ospiti: cose e non chi ! Se questi spazi si diffondono significa che esiste una domanda. Commercialmente, quindi la loro presenza ha una logica. Preoccupa la testa dei genitori. Il peggiore esempio, si ha nei ristoranti, nelle pizzerie. Quando i bambini ( a volte piccolissimi”) sono “parcheggiati” davanti al display di un tablet o smartphone, mentre i loro genitori possono consumare senza troppi fastidi il loro pasto.

Breve considerazione

I suddetti scenari si caratterizzano per assenza di dialogo, dove le parole e i discorsi aprono  scenari emotivi e affettivi necessari per la costruzione del sé del bambino. A questo aggiungo la rinuncia ad una relazione autentica, fatta di “occhi negli occhi” (R. Cocciante) di sorrisi, di un tenersi mano nella mano e che trova il momento ideale per attuarsi nella ricorrente feria settimanale, cioè nel fine settimana. Se nella relazione genitori-figli questo manca o è fortemente penalizzato cosa resta? “Il trionfo della tecnica” che ha ridotto, per riprendere un’interessante riflessione di M. Heidegger, la persona a ente e oggetto. Pessima prospettiva!

Pubblicato in Tutti gli articoli | Commenti disabilitati su La scomparsa del bambino ridotto a pacco postale

Le classi pollaio rappresentano il problema dei problemi

Le classi pollaio

Le classi pollaio rappresentano l’ostacolo che impedisce a molti ragazzi di formarsi pienamente.

Le classi pollaio, da insegnante, ritengo che sono il problema dei problemi. “L’esperienza dell’aula” prevale su ogni altro discorso. La bassa percentuale delle classi pollaio  è fuorviante. Solo dopo l’azzeramento di questa “bruttura pedagogica” è possibile riflettere sulla qualità e innovazione.

L’intervista dell’On. Valentina Aprea  

Qualche giorno fa l’On. V. Aprea ha rilasciato un’intervista. Promotrice di una mozione  (introduzione del coding) insieme a Mariastella Gelmini. Palmieri, Casciello, Marin, Marrocco, Saccani Jotti alla domanda ” Torniamo alle aule, che sono spesso affollate. C’è una proposta del Movimento 5 Stelle di eliminare le cosiddette classi pollaio” l’esponente di FI ha risposto: “Sono contrarissima alla proposta dell’on. Lucia Azzolina. La proposta guarda al passato, parlare di classi è un modo burocratico di guardare all’apprendimento. Di per sé non funziona. Quando fu fatta la scelta di alzare il rapporto alunni docenti si valutarono vari parametri e si andarono a cancellare gli automatismi legati alla formazione delle classi e allo sdoppiamento delle medesime. Spazi piccoli possono piacere ai prof ma non ai ragazzi. È una modalità fuori tempo. Gli automatismi previsti dall’on. Azzolina prevedono che al ventiseiesimo alunno il Miur dovrebbe sdoppiare la classe. Se si dovesse tornare a questi parametri rigidi è stato calcolato che una roba del genere costerebbe 3 miliardi. Ma al di là di questo, la scelta non è pure auspicabile perché rimanda a una organizzazione rigida e antiquata . Oggi dobbiamo garantire rapporti sostenibili, certo, ma non è detto che questi alunni debbano fare le stesse cose nello stesso tempo. Se si pensa agli strumenti digitali che servono anche all’handicap questa proposta è davvero fuori tempo”.

Molte perplessità da chi “vive l’aula”

Non condivido nulla della risposta. La mia posizione ha un valido supporto: l’esperienza quotidiana dell’aula, davanti alla quale i ragionamenti si trovano a un bivio. Da una parte la “salita” verso l’Iperuraneo (Platone) delle idee, dall’altra la loro fattibilità dipendente dalle condizioni concrete. Lo scenario prospettato dall’on. V. Aprea è sicuramente interessante e auspicabile. Purtroppo la realtà dice altro. Presenta, infatti, ancora l’aula come ambiente di riferimento. Nelle città e nei piccoli centri, quest’ambiente educativo di apprendimento, mantiene ancora la sua centralità. Ovviamente non è totalizzante, ma significativamente presente nella stragrande maggioranza degli istituti (soprattutto comprensivi). Fin qui nulla da dire! E’ sempre stato così, e lo sarà  per molto tempo ancora. Purtroppo questo ambiente in tanti  casi assume un profilo antipedagogico, fino a diventare un impedimento alla generazione di apprendimenti significativi (Ausubel) e competenze. Mi riferisco alle classi pollaio, previste dalla Riforma Gelmini (2008-09) e mai contestate dall’On. V.Aprea. Situazione che diviene ancora più complessa, se si considera che la suddetta Riforma ha cancellato le compresenze nella scuola primaria (allora elementare), depotenziando di fatto ogni tentativo di  inclusione e riducendo la possibilità di sperimentare modalità organizzative alternative all’aula (ne fa cenno l’on. Aprea), quali le classi aperte, introdotte con la legge 820/71 (tempo pieno) e 517/77.

Le classi pollaio sono una piccola percentuale. La risposta

Le stime sulle classi sovraffollate parlano di una percentuale minima, irrisoria. Intorno al 6%. In questo dato sono incluse le unità-classi dove sono presenti i diversamente abili.  Purtroppo la percentuale  non rappresenta la realtà, perché non tiene presente delle tante classi dove sono presenti studenti con Bes, Dsa…. Anche per questi utenti la  Repubblica ha obbligo di “ rimuovere gli ostacoli di ordine economico e sociale, che, limitando di fatto la libertà e l’eguaglianza dei cittadini, impediscono il pieno sviluppo della persona umana e l’effettiva partecipazione di tutti i lavoratori all’organizzazione politica, economica e sociale del Paese. “

Conclusione, prima rimuoviamo l’ostacolo poi…

Il suddetto passaggio costituzionale, facilita la conclusione. Ogni discorso su progetti innovativi viene dopo. Prima occorre rimuovere l’ostacolo delle classi pollaio che impedisce di percorrere “nuove strade”, finalizzate a raggiungere interessanti traguardi che possono contribuire al “pieno sviluppo della persona”  In altri termini, è necessario riportare la scuola nell’ambito della Costituzione per attuare la finalità della formazione dell’uomo e del cittadino. Meta che non  può essere perseguita superficialmente, attraverso la semplice acquisizione di conoscenze e abilità (coerente con le classi pollaio), bensì coinvolgendo l’uomo nelle sue  diverse componenti: cognitiva, sociale, affettiva… . Non a caso il filosofo greco U. Galimberti, parla di un auspicabile ritorno a classi educative.

Pubblicato in Classi pollaio, Tutti gli articoli | Contrassegnato , | Commenti disabilitati su Le classi pollaio rappresentano il problema dei problemi

Voto 10 a tutti, non ci resta che chiudere le scuole!

Voto 10 a tutti

Voto 10 a tutti, proposta irricevibile. Punto

Voto 10 a tutti, proposta incomprensibile che ignora che ogni conquista deve essere il risultato dell’impegno, del sudore e della frustrazione. A questo punto non resta che…

Continua a leggere

Pubblicato in Scuola | Contrassegnato , | Commenti disabilitati su Voto 10 a tutti, non ci resta che chiudere le scuole!

Genitori violenti, la scarsa percezione del profilo pubblico della scuola

Genitori violenti

Genitori violenti, molto dipende dalla percezione che questi adulti hanno della scuola.

Genitori violenti, aumentano le notizie di un disastro educativo. Le cause sono diverse. In alcuni casi, però dipende dalla mancata percezione che la scuola è un servizio pubblico con regole e norme Senza dimenticare la formazione dell’uomo e del cittadino (Costituzione).

Continua a leggere

Pubblicato in Opinioni, Tutti gli articoli | Commenti disabilitati su Genitori violenti, la scarsa percezione del profilo pubblico della scuola

Cyberbullismo, dopo il 15° Municipio (Roma) in audizione al 3° Municipio

Cyberbullismo

Cyberbullismo, muova audizione. Dopo il 15° Municipio -Roma, nuova convocazione al 3 Municipio

Cyberbullismo, dopo l’audizione in Commissione-scuola del 15° Municipio, arriva un’altra  convocazione. La Commissione scuola del 3° Municipio intende conoscere l’esperienza  del gruppo dei Referenti per il contrasto al cyberbullismo  (3° e 15° Municipio -Roma).
Continua a leggere

Pubblicato in Cyberbullismo, Tutti gli articoli | Contrassegnato , , | Commenti disabilitati su Cyberbullismo, dopo il 15° Municipio (Roma) in audizione al 3° Municipio

Dark Web, la vendita dei profili

Il Dark Web

Il Dark Web, la piazza virtuale “nera”, dove si compra e si vende di tutto. Anche i profili “deboli”

Dark Web, ovvero il lato oscuro del Web. L’ultima notizia registra la vendita di profili rubati. Non si tratta di poche migliaia, ma   diverse centinaia milioni. Il modo migliore per ridurre i furti di identità è seguire alcune regole.

Continua a leggere

Pubblicato in Informatica, Tutti gli articoli | Commenti disabilitati su Dark Web, la vendita dei profili

Classi pollaio, l’alleanza ormai naturale tra FI e PD

Classi pollaio

Classi pollaio, la conferma della “strana coppia”

Classi pollaio, bene ha fatto l’On. Lucia Azzolina a ricordare le responsabilità di FI. In clima di par condicio aggiungo anche quelle del Pd. L’On. Ascani ha confermato recentemente la perfetta sintonia della “strana coppia” tra FI e PD.

Classi pollaio, ottimo l’affondo di Lucia Azzolina

Classi pollaio, sono chiare le posizioni. Da una parte la Proposta di legge Azzolina si pone l’obiettivo di riportare la scuola nell’alveo costituzionale. Dall’altra invece, abbiamo la “strana coppia” (spiegherò più avanti la determinazione) composta da FI e Pd che fanno muro.
Bene ha fatto l’On. Azzolina a evidenziare le responsabilità di FI. In una recente intervista alla provocazione  “Aprea spiega inoltre che l’automatismo che farebbe sdoppiare la classe in presenza del venticinquesimo alunno costerebbe alcuni miliardi che non ci possiamo permettere e che le classi con pochi alunni piacciono tanto ai prof ma non agli studenti”, ha replicato “La proposta di legge indubbiamente comporta un impegno economico: Forza Italia parla di costi perché il loro approccio con la scuola è sempre stato quello di un settore dal quale andare a reperire risorse, per noi del MoVimento 5 Stelle è un investimento necessario e utile per la nostra società e la nostra economia, ripeto. Non ricordo che la deputata Aprea si sia preoccupata così tanto degli 8 miliardi che dieci anni fa l’allora ministra Gelmini sottrasse alla scuola.”

FI e PD, la “strana coppia”

La risposta è incompleta. Non poteva essere diversamente, considerando il meccanismo generale dell’intervista che non consente divagazioni. Quindi assumo il compito di integrare i fatti presentati da L. Azzolina.
L’avvio della discussione della Proposta di legge-Azzolina ha confermato l’esistenza della strana coppia: FI e PD. L’alleanza dei due partiti è storicamente innaturale. Da una parte la Destra ha sempre rivendicato il diritto allo studio formale (art. 34 “la scuola aperta a tutti”) e nello stesso tempo l’esigenza di un’apertura del sistema scolastico alla competizione, al mercato. Da queste premesse si comprendono le scelte del governo Berlusconi II (2001-2006) che ha inaugurato la politica dei tagli ( meno insegnanti, meno ore di lezioni). Il punto più alto è stato raggiunto dalla destra con la riforma Gelmini/Tremonti (2008-09).
Storicamente la sinistra, invece ha sempre difeso i diritti sociali come l’istruzione, avendo come punto di riferimento l’art. 3 comma 2 della Costituzione. Questo posizionamento ha generato “la stagione del diritto sostanziale all’istruzione” con la nascita della scuola media unica (1963), della scuola materna statale, ora dell’infanzia (1968), l’avvio della sperimentazione del tempo pieno (1971) e la formalizzazione del principio della diversità come caratteristica di ogni persona (1977)

PD, la scelta di rinnegare la propria identità

Bene, dopo lo sciagurato annuncio di W. Veltroni (2007) di un partito aperto, il Pd si è liquefatto, tradendo la sua identità storica. Gradualmente ha assunto il finanzcapitalismo come nuovo paradigma.
L’ultimo esempio è rappresentato dall’intervento dell’On. Ascani che, invece di difendere il diritto sociale dell’istruzione, conferma la posizione di V. Aprea (FI) sulla insostenibilità economica dell’abolizione delle classi pollaio. L’esponente del Pd, infatti ha dichiarato:” Per affrontare l’argomento, sarebbe più utile se la Commissione impiegasse uno strumento diverso, ad esempio una risoluzione per impegnare il Governo a trovare rimedio al problema delle classi sovraffollate: e preferibilmente dopo aver effettuato uno studio di fattibilità preventivo che verifichi l’attuabilità, in termini di risorse non solo
finanziarie ma anche umane e strumentali, della riduzione del numero di alunni
per classe” .
“Era già tutto previsto” (R. Cocciante).  Non poteva provenire un messaggio diverso da un partito che non si è mai preoccupato di superare la Riforma Gelmini/Tremonti (dichiarazione recente  della stessa Gelmini). Anzi l’ha aggiornata in peggio, istituendo le classi super-pollaio (Legge di stabilità art.1 comma 333). Quest’ultima decisione ha dato concretezza a quanto scriveva il filosofo ultra-marxista E. Bloch : “Per far passare le peggiori riforme della destra. è sufficiente colorarle di rosso, storicamente il colore della sinistra”.

Pubblicato in Classi pollaio | Contrassegnato , , | Commenti disabilitati su Classi pollaio, l’alleanza ormai naturale tra FI e PD

La débâcle comunicativa di Bussetti è un’occasione per cambiare

La debacle comunicativa di Bussetti

La risposta del Ministro rappresenta un assist per un cambio a Viale Trastevere

Il Ministro Bussetti  e la sua dichiarazione. Non lascia spazio a fraintendimenti. Ha il merito di essere sincera. E’ ora di cambiare, proponendo un Ministro-docente.

Il Ministro Bussetti e la sua dichiarazione trasparente

L’altro giorno il Ministro Bussetti ha parlato. Alla seguente domanda ” Cosa arriverà di più al Sud per recuperare il gap con il Nord“, ha risposto  così, senza troppi giri di parole:  “No. Più sacrificio, più lavoro, più impegno. Vi dovete impegnare forte!”
Risposta offensiva verso gli insegnanti del Sud, riduttiva rispetto agli enormi problemi della scuola del Meridione e non solo. L’interazione tra il Ministro e l’intervistatore (purtroppo per Bussetti) non si è svolta in qualche segreta stanza del Ministero o per telefono. E’ stata ripresa da una telecamera con il sonoro.
Quasi immediata la replica del Ministro sulla sua pagina Fb.”Un video decontestualizzato che sta girando sul web viene usato per rappresentare un Ministro ostile al Mezzogiorno, alle sue donne e ai suoi uomini. E io non lo sono. Sarebbe ridicolo pensarlo. Una mia frase è stata estrapolata per farla sembrare un attacco. Faceva parte di un discorso più ampio.” Che dire? La replica risulta impacciata e offende l’intelligenza dei tanti insegnanti, presidi e qualche esponente politico (Boccia, Di Maio) che hanno adeguate capacità per comprendere un pensiero espresso senza filtri.
A mio parere la risposta  non “è scappata di bocca” al Ministro. Non è estemporanea. Si noti, infatti, come annuisce la signora che gli è accanto.

Il M5s batta un colpo. Un Ministro-docente

Propongo, quindi, al M5s di sfiduciare il Ministro e chiedere a gran voce la poltrona di Viale Trastevere. Al Movimento non mancano persone all’altezza del compito. Penso a B. Laura Granato, Lucia Azzolina. Docenti che hanno una recente “esperienza d’aula”. Da qui l’opposizione “senza se e senza ma” alla L.107/15 e alla Riforma Gelmini (classi pollaio…) che va oltre la strategia più accomodante e politicamente più accettabile  del “cacciavite”, adottata dal Ministro Bussetti.
Purtroppo il loro profilo di insegnanti, e aggiungo, da poco usciti dall’aula costituisce un impedimento. Non ricordo nella storia più recente docenti divenuti Ministri. Abbiamo avuto politici (Moratti, Fioroni, Gelmini), rettori (Profumo, Carrozza e Giannini) e sindacalisti (Fedeli). Tutti questi “esperti di aula” hanno progressivamente depotenziato il  sistema-scuola.
Se il M5s riuscirà a conseguire l’obiettivo, allora il cambioverso costituirà realmente un “game over” per la solita politica  del cambiamento finora solo annunciato. Ho l’impressione che il Movimento stia perdendo il mondo della scuola, grazie alla sua iniziale rinuncia ad assumere la guida del Miur. Se poi consideriamo i distinguo di Bussetti, rispetto al programma di governo, allora… Certo sarà poi necessario valutare l’operato del Ministro-docente sulle decisioni concrete. Difficilmente però, “l’esperienza dell’aula” porterà a fallimenti eclatanti.

Pubblicato in Tutti gli articoli | Commenti disabilitati su La débâcle comunicativa di Bussetti è un’occasione per cambiare

Cyberbullismo, convocato dalla commissione scuola 15° Municipio

Cyberbullismo

Cyberbullismo, audizione in commissione scuola (15° Municipio)

Cyberbullismo, l’esperienza del gruppo dei Referenti per il contrasto al cyberbullismo  (3° e 15° Municipio -Roma) continua a “fare notizia”. Certo non “buchiamo” la grande stampa” o il mezzo televisivo. Qui sono invitati a parlare di cyberbullismo gli inesperti, ma che hanno il grande merito di essere conosciuti.
Nel Web, comunque siamo abbastanza conosciuti. (link in fondo).
Ora, come scritto sopra, “l’avventura continua” presso il 15° Municipio di Roma, del quale fanno parte molti referenti.
Ecco il testo della convocazione:
Il giorno 12/02/2019 alle ore 11:00, presso i locali del Municipio Roma XV in via Flaminia 872, è stata convocata la Commissione Scuola con argomento “Lotta al Cyberbullismo, il resoconto di un’esperienza condivisa a Roma”.
Interverrà il Prof. Gianfranco Scialpi docente dell’Istituto Comprensivo Carlo Levi – Via Serrapetrona 121 Roma.

I link che rimandano all’articolo pubblicato su diversi portali.
1) ScuolaInforma
2) OrizzonteScuola
3) Tecnicadellascuola
4) Oggiscuola
5) VignaclaraBlog

 

 

Pubblicato in Cyberbullismo, Tutti gli articoli | Contrassegnato , | Commenti disabilitati su Cyberbullismo, convocato dalla commissione scuola 15° Municipio

Classi pollaio, le ambiguità del D.P.R. 81/09

Classi pollaio

Non esiste un sola configurazione di classe pollaio. La proposta di legge-Azzolina costituisce un “game over” per i modelli di classe pollaio

Classi pollaio, finalmente il Miur ha reso pubblica la situazione relativa alla presenza delle classi pollaio. Non esiste un solo modello di classe pollaio. Tante sono le configurazioni.  Tutte dipendono  da alcune “ambiguità costituzionali” presenti nel D.P.R 81/09.

Classi pollaio, finalmente abbiamo la mappa nazionale ma…

Classi pollaio, il Miur ha finalmente divulgato la mappa  delle classi pollaio. I numeri hanno un limite: non possono dirci quando una classe inizia ad entrare “nel tunnel della classe pollaio”. Dietro le cifre e le percentuali ci sono alunni, studenti e quindi relazioni che necessariamente sfuggono alle statistiche. Ogni esistenza è un esser-ci il cui pro-getto (M. Heidegger) è fortemente compromesso, in quanto è impossibile attuare qualunque personalizzazione. Non mi riferisco solo ai casi critici (diversamente abili, Bes, Dsa…), ma anche alle eccellenze, la cui domanda di formazione alta è disattesa.

Le diverse configurazioni di classi pollaio, dipendono…

Ragioniamo comunque sul dato numerico, partendo dal valore di 22-23 alunni/studenti per classe, contenuto nella proposta di legge-Azzolina. Da qui la relazione del Miur  presenta scenari inquietanti costituiti da molte configurazioni di classi pollaio, fino ad arrivare ai modelli assurdi di  > 34. Questa proliferazione dipende , secondo L. Azzolina da alcune ipocrisie presenti nel D.P.R. 81/09. Personalmente sono più duro. Preferisco definirle  incongruenze o ambiguità rispetto alla nostra Costituzione (art. 3 comma 2 e art 34).
Si legge infatti all’art. 4 comma 1 ” e’ consentito derogare, in misura non superiore al 10 per cento, al numero minimo e massimo di alunni per classe previsto, per ciascun tipo e grado di scuola” Lo schiaffo maggiore,  ma sottile alla Costituzione è dato dall’articolo 5 comma 2 che si nasconde dietro l’espressione il di norma e altro. E come se non fosse sufficiente:  ” Le classi iniziali delle scuole ed istituti di ogni ordine e grado, ivi comprese le sezioni di scuola dell’infanzia, che accolgono alunni con disabilità sono costituite, di norma, con non più di 20 alunni, purché sia esplicitata e motivata la necessità di tale consistenza numerica, in rapporto alle esigenze formative degli alunni disabili, e purché il progetto articolato di integrazione definisca espressamente le strategie e le metodologie adottate dai docenti della classe, dall’insegnante di sostegno, o da altro personale operante nella scuola. L’istituzione delle predette classi deve in ogni caso far conseguire le economie previste nei tempi e nelle misure di cui all’articolo 64, comma 6, del decreto legge 25 giugno 2008, n. 112, convertito, con modificazioni, dalla legge 6 agosto 2008, n. 133.” 

 

La  proposta di legge Azzolina, il “game over” per tutte le classi pollaio

La proposta di legge (Azzolina, la prima firmataria) costituisce un “game over” per tutte le configurazioni delle classi pollaio. Costituisce un punto fermo, “senza se e senza ma”. Non ripete la contraddizione che caratterizza il D.P.R 81/09 dove da una parte sostiene timidamente la formazione di “classi educative” (= numero alunni/studenti contenuto), mentre dall’altra ne rende impossibile la costituzione per via dei paletti e delle condizioni dettate dal finanzcapitalismo. Si legge infatti all’art 2 che è fatto divieto di “costituire le classi iniziali delle scuole e degli istituti di ogni ordine e grado, comprese le sezioni della scuola dell’infanzia, con un numero di alunni superiore a 22, elevabile fino a 23 qualora residuino resti“. Ancora la Repubblica italiana costituisce  “le classi iniziali delle scuole e degli istituti di ogni ordine e grado, anche dell’infanzia, con non più di 20 alunni nel caso accolgano alunni con disabilità“.
Più chiaro di così!

 

Pubblicato in Classi pollaio | Contrassegnato , , | Commenti disabilitati su Classi pollaio, le ambiguità del D.P.R. 81/09

Lettori poco appassionati, colpa della scuola?

 

Lettori poco appassionati

Si legge poco? Probabile! La responsabilità è di tutta la società!

Lettori poco appassionati, gli italiani leggono poco! Probabile. I rapporti Eurostat e Istat consentono una riflessione più ampia. Comunque troppo riduttivo ipotizzare una responsabilità  della scuola.

Lettori poco appassionati? Due utili ricerche

Su “la Vita Scolastica“( versione digitale) è presente un contributo di M. Maviglia. “Lo scorso anno l’Eurostat, l’Ufficio Statistico dell’Unione Europea, ha pubblicato i dati riguardanti la lettura di libri e giornali in Europa. I risultati emersi non sono molto confortanti per il nostro Paese. È stato richiesto agli intervistati quale fosse l’attività preferita nel tempo libero. I finlandesi nel 16,8% dei casi hanno indicato la lettura come attività preferita, seguiti dai polacchi (16,4%) ed estoni (15%). L’Italia si colloca in fondo alla classifica (8%), ma – stranamente – peggio di noi si colloca la Francia con il 2,6%.
Una recente indagine Istat consente una riflessione più ampia. Il rapporto presenta un aumento dell’offerta editoriale. Sul fronte dei fruitori è confermata la percentuale dei lettori assidui (12 libri l’anno), mentre aumenta la quota di quelli deboli  (un libro l’anno). Interessanti le motivazioni di chi non legge. Nel rapporto si legge” Le persone che non hanno letto neanche un libro nell’ultimo anno indicano come motivazioni principali la noia e la mancanza di passione per la lettura (35,4%), il poco tempo libero a disposizione (30,0%) e la preferenza per altri svaghi (23,7%). Solo al sesto posto viene indicato il costo dei libri (8,5%) a conferma che non sono le risorse economiche la causa diretta della disaffezione alla lettura ma principalmente fattori culturali.”

E’ responsabile anche la scuola?

M. Maviglia si chiede se in questa debacle non abbia qualche responsabilità anche la scuola. Scrive: ” La nostra impressione è che vi sia un approccio troppo “scolasticistico” e prestazionale rispetto a questa attività. Molti di noi hanno probabilmente odiato alcuni classici studiati a scuola perché l’attenzione era troppo rivolta agli aspetti formali e alle prestazioni richieste dopo la lettura (riassunti, schede, interrogazioni ecc.). Ovviamente questi aspetti sono importanti: in fondo l’insegnante ha bisogno di sapere cosa ha compreso lo studente dalla lettura di un libro, ma spesso si trascura che la lettura dovrebbe essere vista prima di tutto nella sua gratuità, senza richiedere nulla in cambio, come direbbe Daniel Pennac.”

Ipotesi riduttiva. L’insegnamento di Brofenbrenner

L’ipotesi “scolasticistica” è riduttiva! Semplifica il problema. Occorre dire che l’intervento di M. Maviglia è caratterizzato dall’ anche, ma il mancato coinvolgimento nella riflessione di altri soggetti comporta che sul banco degli imputati, rimanga solo la scuola.
E’ ormai superata l’impostazione di tipo comportamentista che presentava la risposta della persona come  derivante dallo  stimolo o dalla natura di una sola proposta.
L’educazione è un processo complesso, mai unidirezionale. Non esiste solo il ragazzo e un’unica agenzia formativa. La formazione è il risultato dell’interazione tra il soggetto ( nel nostro caso lo studente) e la multidimensionalità dell’ambiente. Ogni dimensione è costituita da diversi soggetti sociali, scenari culturali, economici, sistemi di valori… che “dicono la loro” sulla formazione, in una relazione sistemica. multidirezionale e  biunivoca.

L’immagine rende meglio di ogni spiegazione.

Ecco spiegato il motivo per cui è l’intera società che fallisce di fronte anche alla questione della lettura.
Concordo con la risposta data dal collega F. Albanese che introduce un ulteriore elemento alla riflessione:” La scuola deve fare la scuola, ovvero aiutare a raggiungere le competenze. Cosa farne delle competenze è giurisdizione del singolo individuo.”

Pubblicato in Opinioni, Tutti gli articoli | Contrassegnato , , | Commenti disabilitati su Lettori poco appassionati, colpa della scuola?

Safe Internet day, la mia proposta formativa

Safe internet day

Il mio pacchetto formativo frutto di un lavoro operativo, supportato però da una solida teoria.

Safe Internet Day, domani si conclude l’evento. Sono un referente per il contrasto al cyberbullismo  per il mio Istituto (Carlo Levi) e coordinatore del gruppo di lavoro dell’Ambito 9.
Ho preparato per l’Ente di formazione Touch Me  un pacchetto formativo, sintesi di anni di lavoro operativo, sempre però supportato da un solido quadro teorico.
In occasione del Safe Internet day, abbiamo deciso di proporre agli interessati il pacchetto formativo a un prezzo speciale.
Ecco qualche iniziale informazione
Campagna Safer Day 2019
Promo iscrizioni al corso (40 € di bonus)
Consulta scheda del percorso:
https://www.certicacademy.it/contrasto-al-cyberbullismo-e-protezione-identita-digitale.html
Modulo di iscrizione:
https://www.certicacademy.it/link-al-modulo-contrasto-al-cyberbullismo-e-protezione-identita-digitale.html
 

Pubblicato in Cyberbullismo, Tutti gli articoli | Contrassegnato , | Commenti disabilitati su Safe Internet day, la mia proposta formativa

Classi pollaio, l’autogol di M. Stella Gelmini

Classi pollaio

M. Stella Gelmini non finisce di stupire. L’altro giorno ha definito magistralmente le classi pollaio.

Classi pollaio, un’invenzione del duo Gelmini/Tremonti (2008-09), espressione di un finanzcapitalismo entrato a gamba tesa nel sistema scolastico. La migliore definizione è fornita inconsapevolmente da uno suoi ideatori: M. Stella Gelmini!

Classi pollaio, la migliore definizione proviene da M.S. Gelmini

Le classi pollaio hanno dieci anni! Sono riuscite a condizionare pesantemente lo sviluppo di molti alunni e studenti. Non manca molto per verificarne pienamente gli  effetti.
Dà molto fastidio, infatti, che uno degli “inventori”  di questo disastro educativo, si stia spendendo per il divieto degli smartphone a scuola  per salvaguardare ” la dimensione «relazionale della scuola, come laboratorio d’incontro, confronto e condivisione fra i ragazzi, come persone fisiche che vivono nella vita reale, e non solo in quella virtuale..”
“Il quadretto” di una classe come luogo di interazione costruttiva rappresenta un obiettivo di ogni insegnante. Peccato , infatti, che lei lo abbia  fortemente compromesso con le classi pollaio, dove la dimensione relazionale è significativamente ridotta.
L’apice della contraddizione, però, l’On. M. S. Gelmini lo raggiunge, quando propone la migliore definizione delle classi pollaio, intese quest’ultime come contenitori freddi di persone. Dichiara infatti, l’esponente di FI, sempre parlando della presenza negativa dei telefonini in classe: ” In poche parole, la vita in classe, deve essere un’esperienza materiale, umana, non una mera compresenza fisica.”
Piangiamo? Ridiamo? E qui mi fermo!

 

Pubblicato in Classi pollaio, Tutti gli articoli | Contrassegnato , , | Commenti disabilitati su Classi pollaio, l’autogol di M. Stella Gelmini

Cyberbullismo, l’esperienza condivisa dell’ambito 9-Roma

 

Cyberbullismo

Cyberbullismo, le scuole da sole possono poco. L’esempio di una condivisione efficace

Cyberbullismo, l’esperienza dei referenti per il contrasto al cyberbullismo ( Ambito 9), ha dato forza al seguente aforisma ” Le idee racchiuse in se stesse s’inaridiscono e si spengono. Solo se circolano e si mescolano, vivono, fanno vivere, si alimentano le une con le altre e contribuiscono alla vita comune, cioè alla cultura.”
(Gustavo Zagrebelsky)

L’esperienza in un articolo

Gli Istituti Comprensivi del III e XV municipio di Roma hanno adottato                 
                 regole condivise messe a punto da un pool di docenti
Divieto di uso dello smartphone a scuola, sanzioni graduali, coinvolgimento delle famiglie. La lotta al cyberbullismo inizia dai giovanissimi e ha un’arma in più: il regolamento comune adottato in una quindicina di Istituti Comprensivi (che riuniscono infanzia, primaria e secondaria di primo grado) dell’ambito 9 di Roma, che comprende le scuole del III e del XV Municipio.

L’iniziativa di stilare un regolamento, che desse attuazione pratica alla legge 71 del 2017 a tutela dei minori per la prevenzione e il contrasto del cyberbullismo e che potesse rappresentare la voce comune di più scuole, è nata circa un anno fa. A guidare il progetto Gianfranco Scialpi, insegnante di scuola primaria all’IC Carlo Levi ed esperto di tecnologie legate alla formazione. “Avevo notato che, nelle iniziative di contrasto al cyberbullismo, le scuole stavano andando ognuna per conto proprio – dice -. Ero e resto tuttora convinto che, invece, un programma comune possa dar maggiore forza alle proposte. Inizialmente, quindi, ho interpellato l’assessorato alla scuola del III municipio, quello cui appartengo, per riuscire ad avere l’autorevolezza necessaria al coinvolgimento delle altre istituzioni scolastiche della zona. Poi, dati i primi buoni risultati di partecipazione, si è ritenuto opportuno coinvolgere tutte le scuole dell’ambito 9”.

Così, nel giro di qualche mese, un gruppo abbastanza nutrito di docenti, i referenti degli Istituti Comprensivi per il contrasto al cyberbullismo, ha messo nero su bianco il regolamento sul tema, punto di riferimento dell’ambito 9. La maggioranza delle scuole lo ha già adottato pur con lievi modifiche. Tra i punti fermi i riferimenti alla direttiva Fioroni del 2007, che sancisce il divieto dell’uso degli smartphone a scuola e l’applicazione di sanzioni in caso di violazione delle regole.

“Il nostro regolamento – si augura Scialpi – potrebbe fare da apripista per gli altri municipi di Roma, che non ci risulta abbiano fatto un lavoro del genere. Inoltre, a breve, elaboreremo qualcosa di simile anche con i referenti delle scuole secondarie di secondo grado”.

Il lavoro del pool anti-cyberbullismo, però, non si ferma a regole e sanzioni, ma continuerà nei prossimi mesi. “Ci stiamo muovendo in una direzione più formativa, dopo aver definito l’aspetto sanzionatorio col regolamento – annuncia Scialpi -. Elaboreremo e distribuiremo degli opuscoli e altra documentazione sul cyberbullismo diretti ai giovani e alle famiglie. Abbiamo inoltre in mente delle iniziative di formazione che coinvolgeranno il maggior numero di utenti possibili nelle scuole”.

                                                       Referenti per il contrasto al cyberbullismo

                                                       Istituti comprensivi -Ambito 9 – Roma

 

Pubblicato in Cyberbullismo | Commenti disabilitati su Cyberbullismo, l’esperienza condivisa dell’ambito 9-Roma

Omicidio clochard, una sentenza sconcertante

Omicidio clochard

Una vicenda chiara. Ma la sentenza sconvolge tutto!

Omicidio clochard, il giudice si è pronunciato. Sconcertante! Il senso di irresponsabilità avanza. Contemporaneamente anche il Nulla.

Continua a leggere

Pubblicato in Opinioni | Contrassegnato , , | Commenti disabilitati su Omicidio clochard, una sentenza sconcertante

Bullismo, il monologo di P. Cortellesi

Bullismo

Bullismo, un monologo intenso, crudo ma efficace di P. Cortellesi

Propongo questo monologo di P. Cortellesi contro il Bullismo. Intenso, crudo nel linguaggio. Mediaticamente “buca”. Quindi è efficace! Potrebbe essere sintetizzato in “mi chiamo Giancarlo Catino e credo nell’amicizia”
Spesso il bullismo reale, diviene virtuale. Del resto la vicenda di C. Picchio, dalla quale è nata la Legge 71/17, conferma questo canovaccio. Quindi  sicuramente non è una stonatura rispetto alla giornata del Safe Internet day (5-7 febbraio)
In tutte le vicende di bullismo, anche nella sua forma virtuale, i genitori sono i grandi assenti. Purtroppo!
Immagine anteprima YouTube

Pubblicato in Bullismo, Tutti gli articoli | Contrassegnato , , | Commenti disabilitati su Bullismo, il monologo di P. Cortellesi

Abolizione classi pollaio una battaglia difficile. Una proposta

Abolizione classi pollaio

“Non ci sono i soldi” per abolire le classi pollaio. Una proposta,

L’abolizione delle classi pollaio, sarà un’impresa durissima. L’obiettivo sembra irraggiungibile. In mezzo si frappone l’ostacolo delle compatibilità economiche. Una possibile soluzione! Diversamente, chiudiamo le scuole, oppure…

Continua a leggere

Pubblicato in Classi pollaio | Contrassegnato , , | Commenti disabilitati su Abolizione classi pollaio una battaglia difficile. Una proposta

Divieto degli smartphone, il Ministro scopre l’acqua calda

Smartphone a scuola

Divieto degli smartphone, il Ministro ha le idee poco chiare, tornando a scoprire l’acqua calda.

Divieto degli smartphone, il Ministro Bussetti rilascia una dichiarazione contraddittoria. Poi però, come nel Gioco del Monopoli torna al “Via” e più precisamente al 2007.

Continua a leggere

Pubblicato in Smartphone a scuola, Tutti gli articoli | Contrassegnato , , | Commenti disabilitati su Divieto degli smartphone, il Ministro scopre l’acqua calda

Divieto degli smartphone, le “lezioncine” dei politici

Il divieto degli smartphone

Il divieto degli smartphone, torna a far discutere. Le “lezioncine” dei politici

Divieto degli smartphone, i politici provano fare “i professori”. Tentativo mal riuscito. Sono privi di autorevolezza. Dimenticano, inoltre, il contesto normativo.  La dichiarazione contraddittoria di M. Bussetti.

Continua a leggere

Pubblicato in Smartphone a scuola | Contrassegnato , , | Commenti disabilitati su Divieto degli smartphone, le “lezioncine” dei politici

Classi pollaio, le sentenze non possono abolirle

Classi pollaio

Classi pollaio. Solo il Parlamento può abolirle!

Classi pollaio, sono numerose le sentenze che sanciscono le criticità costituzionali della legge 133/08 e quindi del conseguente D.P.R. 81/09. Purtroppo non hanno la forza di legge! Non resta che attendere che il Parlamento abroghi le classi pollaio.

Continua a leggere

Pubblicato in Classi pollaio | Contrassegnato , , , | Commenti disabilitati su Classi pollaio, le sentenze non possono abolirle

Ministro Bussetti “repetita non semper iuvant”, se…

Il Ministro Bussetti

Il Ministro Bussetti annuncia che si costituirà come parte civile. La stessa cosa aveva dichiarato a giugno, ma…

Il Ministro Bussetti ha esternato il suo disappunto per gli atti di violenza contro i docenti, annunciando che il Miur si costituirà come parte civile.   Peccato che aveva detto la stessa cosa a giugno. Non sempre le prese di posizione  ripetute giovano. Soprattutto se non si concretizzano.

Continua a leggere

Pubblicato in Tutti gli articoli | Contrassegnato , , | Commenti disabilitati su Ministro Bussetti “repetita non semper iuvant”, se…

Pubblicazione foto di minori, semplici regole per i genitori

Pubblicazione foto di minori

Semplici regole per genitori ingenui e superficiali.

Pubblicazione foto di minori.  E’ fortemente sconsigliata la messa nella piazza virtuale di dati personali (foto). I primi a non rispettare questa semplice regola sono i genitori.
Continua a leggere

Pubblicato in Pubblicazione foto | Contrassegnato , , | Commenti disabilitati su Pubblicazione foto di minori, semplici regole per i genitori

“I Giovani e il Web”, un sondaggio con tante conferme

 

I giovani e il web

Un sondaggio conferma il profilo 2.0 dei nostri ragazzi. Preoccupante, anche in rapporto al cyberbullismo.

“I Giovani e il Web”. Questo è il titolo di un sondaggio di ” Quotidiano Nazionale” effettuato qualche giorno fa ( 18-19 gennaio 2019) su un campione di mille giovani  di età compresa tra i 15 e i 18 anni.

La conferma del profilo Hikikomori

Alcune considerazioni. E’ confermata la fuoriuscita dei nostri ragazzi dal mondo, quindi il profilo “Hikikomori”, attraverso l’alta percentuale (38% ) di ragazzi connessi “sempre” al Web. Se il dato lo aggreghiamo a quello di ragazzi connessi “quasi sempre” (45%), allora siamo di fronte al contesto “onlife”(L. Floridi), dove la vita dei nostri ragazzi non è da intendere più come una contrapposizione tra il reale il virtuale. Quest’ultimo è da considerarsi la nuova dimensione che ha assorbito il vissuto concreto, o quanto meno lo modella in un processo continuo di dentro/fuori dai confini sempre più labili. Della realtà  concreta  rimane il corpo come involucro vuoto, privo dell’interiorità che non si suddivide più tra le due dimensioni. L”interiorità ormai risiede nel Web! Diversa da quella che noi  adulti abbiamo sempre conosciuto. Leggera, compulsiva anaffettiva, asocial, supportata dal pensiero irriflesso e condizionata da “qui ed ora”.  Profilo perseguito dai ragazzi, anche se si registra la consapevolezza (37%) che la tipologia di relazione li lascia insoddisfatti.
Occorre, infine, non farsi ingannare dai “luoghi” frequentati dagli adolescenti. Essi fanno riferimento ad una presenza fisica, che però quasi sempre è senz’anima, perché si è altrove.

Cyberbullismo, un dato poco reale

Nonostante il carattere anonimo del sondaggio, il dato che preoccupa è il timore diffuso a dichiararsi vittima dei cyberbulli (5%). Nel 2014 L’Istat ha svolto un’indagine certificando che tra i 14-17 anni ( età molto prossima a quella del sondaggio) le vittime dirette di bullismo online erano il 17,9%. Un’altra indagine condotta dalla Società italiana Pediatri  (SIP) certifica che il 12% degli studenti tra i 14 e i 18 anni è stato vittima di cyberbullismo.  Il limite di questi rilevamenti risiede nella dichiarazione spontanea degli adolescenti. Poco inclini a confidarsi con gli adulti o comunque a “mettere in piazza”  il loro coinvolgimento (Società Italiana dei Pediatri). La percentuale reale è sicuramente molto più alta ed è desumibile  dal dato indiretto del sondaggio  che indica nel 37% gli adolescenti che dichiara di aver assistito a fenomeni di bullismo online.

 

Pubblicato in Cyberbullismo | Contrassegnato , , | Commenti disabilitati su “I Giovani e il Web”, un sondaggio con tante conferme

Maria Stella Gelmini e le verità nascoste

Maria Stella Gelmini

Maria Stella Gelmini risponde al M5s. Non meraviglia più di tanto!

Maria Stella Gelmini,  ex Ministro dell’Istruzione “dimentica” il diritto allo studio  sancito dalla Costituzione , evidenziando solo quello che caratterizza il pensiero debole della destra: il grembiule e il voto di condotta! Risposta che provoca molta rabbia, ma non stupisce!

Continua a leggere

Pubblicato in Classi pollaio | Contrassegnato , , | Commenti disabilitati su Maria Stella Gelmini e le verità nascoste

Click bait, un esempio di pessima informazione sulle classi pollaio

Click bail

Click bail e le classi pollaio un prevedibile connubio. Un esempio di fake news

Click bait (“esche da click”), un esempio di fake news. L’attenzione è rivolta all’iter parlamentare della Proposta di legge, finalizzata a superare le classi pollaio.
Un esempio di come alterare una realtà a fini economici.

Continua a leggere

Pubblicato in Classi pollaio | Contrassegnato , , | Commenti disabilitati su Click bait, un esempio di pessima informazione sulle classi pollaio

U.Galimberti il senso attraverso l’educazione

U.Galimberti

U.Galimberti chirurgicamente presenta la crisi della scuola. Conclude con alcune soluzioni

U. Galimberti, filosofo torna ad analizzare la crisi della scuola con un  linguaggio chiaro, denso “chirurgico”. Importante il ruolo della scuola nel contrastare  “l’ospite inquietante” del Nulla.

Continua a leggere

Pubblicato in Tutti gli articoli | Contrassegnato , , | Commenti disabilitati su U.Galimberti il senso attraverso l’educazione

Classi pollaio, in tempo di iscrizioni cosa insegna questa buona notizia ?

Classi pollaio

La vicenda dell’Istituto milanese insegna tanto, molto.

Classi pollaio, ogni tanto registriamo una buona notizia. Il risultato è il frutto dell’impegno, della testardaggine educativa della comunità educante di un  Istituto milanese.  Un monito a tutti gli istituti a ripetere  il canovaccio, come penultima o ultima chance.

Continua a leggere

Pubblicato in Classi pollaio, Tutti gli articoli | Contrassegnato | Commenti disabilitati su Classi pollaio, in tempo di iscrizioni cosa insegna questa buona notizia ?

Classi pollaio, i tecnici e l’insegnante

Classi pollaio

Classi pollaio, emergono le differenze. Tutto ruota sulla persona o sulla sua dissoluzione.

Classi pollaio, un bel confronto. Da una parte i tecnici, dall’altra l’insegnante. La razionalità tecnica vs. il cuore. La prima  ha contribuito alla morte dell’uomo. E quindi alla “scomparsa del bambino e del ragazzo”

Continua a leggere

Pubblicato in Classi pollaio | Contrassegnato , , , | Commenti disabilitati su Classi pollaio, i tecnici e l’insegnante

Abolizione classi pollaio, finalmente si comincia ma in salita

Abolizione delle classi pollaio

Finalmente si parte. Il cammino è lungo e difficile. Tanti gli oppositori!

Abolizione classi pollaio, finalmente la proposta di legge ( prima firmataria  l’On. Lucia Azzolina) ha “lasciato il parcheggio”. Le posizioni politiche sono chiare. Il problema sarà “stanare” gli oppositori.

Abolizione classi pollaio, è iniziato l’iter parlamentare

Abolizione classi pollaio, finalmente un segnale di vita. E’ iniziato l’iter parlamentare che dovrebbe concludersi con l’espulsione dal sistema formativo della più significativa entrata a gamba tesa del “finanzcapitalismo” (L. Gallino). L’impresa non sarà facile! Lo ha dichiarato la stessa Onorevole Azzolina: Sarà una dura lotta ridurre il numero degli alunni per classe, ma con caparbietà e passione ci proveremo nel corso di questa legislatura. L’avversario è culturale e si basa sulla convinzione che la formazione di qualità non è una priorità per il nostro Paese. E’ un discorso da salotto, confinato nei convegni, corsi di aggiornamento. La totale separazione rispetto a un contesto scolastico complesso  (= aula), ci restituiscono un concetto insignificante.

Continua a leggere

Pubblicato in Classi pollaio | Contrassegnato , , | Commenti disabilitati su Abolizione classi pollaio, finalmente si comincia ma in salita

La scuola, la soluzione per ogni problema. Troppo facile!

La scuola

Esiste un problema? Ci pensa la scuola! Si dimentica, però che anche lei è malata.

La scuola è  la soluzione più facile per ogni problema. L’esempio della dipendenza digitale.  E’ la solita scorciatoia (facile, facile) degli esperti che indica nella scuola il soggetto responsabile per risolvere tutti i problemi sociali, etici…, dimenticando che anche l’istituzione scolastica è malata.

Continua a leggere

Pubblicato in Opinioni, Tutti gli articoli | Contrassegnato , , | Commenti disabilitati su La scuola, la soluzione per ogni problema. Troppo facile!

Scuola, bambina esce da sola. Le responsabilità

Scuola, un caso le responsabilità

Scuola, quali le responsabilità in un caso di uscita “non autorizzata” di una bambina?

Scuola, una bambina esce da sola. Senza essere notata dal personale preposto. Le responsabilità non sono attribuibili all’insegnante. La normativa è molto chiara e non lascia dubbi.

Continua a leggere

Pubblicato in Opinioni | Contrassegnato , , | Commenti disabilitati su Scuola, bambina esce da sola. Le responsabilità

Il corteggiamento degli insegnanti un’arma spuntata e pericolosa

Il corteggiamento degli insegnanti

Il corteggiamento degli insegnanti è una strategia inefficace. Pericolosa per la democrazia.

Il  corteggiamento degli insegnanti è ripreso. I risultati concreti, però rivelano l’uso strumentale dell’approccio politico. E’ in gioco la partecipazione! Senza questa, la democrazia salta. Non è una bella prospettiva!

 

Continua a leggere

Pubblicato in Politica, Tutti gli articoli | Contrassegnato , , | Commenti disabilitati su Il corteggiamento degli insegnanti un’arma spuntata e pericolosa

Ecdl la gestione critica e consapevole dell’informazione

Ecdl la gestione dell'informazione

Il web si caratterizza per la presenza eccessiva delle informazioni. Sarà importante gestire criticamente queste informazioni. La proposta

Segnalo questa iniziativa rivolta a tutti i docenti, genitori e studenti della secondaria di primo grado ( 3^ classe) e di secondo grado.
Il Web si caratterizza per la presenza dell’informazione. Eccessiva, esagerata. Il problema è la sua gestione critica e consapevole.

Continua a leggere

Pubblicato in Formazione, Tutti gli articoli | Contrassegnato , , | Commenti disabilitati su Ecdl la gestione critica e consapevole dell’informazione

Maria Chiara Carrozza (ex Ministro dell’Istruzione) e l’auspicio inopportuno

Maria Chiara Carrozza

Maria Chiara Carrozza ha rilasciato un’intervista, invitando la scuola a un impegno. Invito Inopportuno e fastidioso.

Maria Chiara Carrozza. ex Ministro dell’Istruzione esprime un auspicio. Inopportuno, considerando che il suo  impegno governativo  è stato sostanzialmente incolore. Non è rimasta traccia del suo passaggio.

Continua a leggere

Pubblicato in Opinioni, Tutti gli articoli | Contrassegnato , , | Commenti disabilitati su Maria Chiara Carrozza (ex Ministro dell’Istruzione) e l’auspicio inopportuno

Rapporto Istat (2017) libri e lettori

Rapporto Istat (2017) sulla produzione editoriale e lettori

Il Rapporto Istat (2017) sulla produzione editoriale e sui lettori  presenta luci e ombre.

Rapporto Istat (2017) sulla produzione editoriale e i lettori.  Interessante fotografia di un Paese che legge poco. I motivi e le conseguenze che portano ad esaltare la comunicazione immediata, il pensiero “corto e  “debole”

Continua a leggere

Pubblicato in Opinioni, Tutti gli articoli | Contrassegnato , , | Commenti disabilitati su Rapporto Istat (2017) libri e lettori

L’atto d’indirizzo di Bussetti dimentica il contratto di governo

L'atto d'indirizzo di Bussetti

Il Ministro Bussetti, continua a dimenticare il contratto di governo.

L’atto d’indirizzo di Bussetti è un elenco di belle intenzioni. Conferma l’intenzione del governo di procedere a ottimizzare l’esistente, dimenticando il contratto di governo. Il documento presentava una priorità cancellata dal governo.

Continua a leggere

Pubblicato in Classi pollaio, Tutti gli articoli | Contrassegnato , , | Commenti disabilitati su L’atto d’indirizzo di Bussetti dimentica il contratto di governo

Compiti per le vacanze, suggerisco ai genitori…

 

Compiti per le vacanze

Compiti per le vacanze. Occorre parlare direttamente con i maestri e professori. Le lamentele non portano a nulla!

Compiti per le vacanze, in alcuni casi le proteste dei genitori hanno un fondamento. La lamentela, però non porta a nulla, se non è accompagnata da un’azione concreta. Semplice, ma sempre più rara.

Continua a leggere

Pubblicato in Genitori, Opinioni | Contrassegnato , | Commenti disabilitati su Compiti per le vacanze, suggerisco ai genitori…

Legge per il contrasto al cyberbullismo bene la rimozione, nonostante…

Legge per il contrasto al cyberbullismo

Legge per il contrasto al cyberbullismo. La rimozione del contenuto. Molte luci, qualche ombra.

La legge per il  contrasto al cyberbullismo (L.71/17) è un buon provvedimento. Non può rappresentare, ovviamente la soluzione ideale. Deve fare i conti con la natura del Web, caratterizzato dalla condivisione dei contenuti e dalla conseguente sua “dispersione creativa”. Il suddetto contesto evidenzia i limiti dello strumento della rimozione.

Continua a leggere

Pubblicato in Cyberbullismo, Tutti gli articoli | Contrassegnato , , | Commenti disabilitati su Legge per il contrasto al cyberbullismo bene la rimozione, nonostante…

Sentenza, la bocciatura incostituzionale di un Bes

Sentenza Bes

Sentenza su un caso Bes. E’ ribadito l’art 3  della nostra Costituzione

Un’importante sentenza su un caso di una studentessa con Bes, conferma i limiti costituzionali di una bocciatura. Il riferimento è sempre l’art.3 comma 2 della nostra Costituzione. L’impegno deve sostanziarsi in procedure e azioni certificate e dettagliate.

Continua a leggere

Pubblicato in Diritti, Tutti gli articoli | Contrassegnato , , | Commenti disabilitati su Sentenza, la bocciatura incostituzionale di un Bes

Il Ministro Bussetti dalla circolare alla lettera d’auguri con gaffe

Il Ministro Bussetti

Alla fine la preannunciata circolare   del Ministro Bussetti sui compiti diventa una lettera d’auguri con gaffe

Il Ministro Bussetti aveva annunciato una circolare sui compiti per le vacanze natalizie.
Alla fine il Ministro ha ripiegato per una ” lettera di auguri” con un’altra gaffe! L’ultima che certifica lo strisciante declassamento della scuola in atto da diverso tempo.

Continua a leggere

Pubblicato in Ministro bussetti, Tutti gli articoli | Contrassegnato , , | Commenti disabilitati su Il Ministro Bussetti dalla circolare alla lettera d’auguri con gaffe

L’involuzione pedagogica di una scuola che non deve disturbare

 

 

L'involuzione pedagogica

La scuola ideale? Quella discreta e che non disturba
soprattutto durante le vacanze.

Un interessante esempio (v. sotto) di involuzione pedagogica che rimanda all’arretramento della proposta formativa della scuola. Situazione ben sintetizzata nel passaggio “Se non è troppo disturbo“.

Continua a leggere

Pubblicato in Opinioni, Tutti gli articoli | Contrassegnato , , | Commenti disabilitati su L’involuzione pedagogica di una scuola che non deve disturbare

Maria Stella Gelmini e la Costituzione qualcosa non torna

Maria Stella Gelmini

Maria Stella Gelmini la meno indicata a promuovere la Costituzione. I fatti lo confermano.

Maria Stella Gelmini  invita a studiare la Costituzione. La meno indicata a dire qualcosa sulla Costituzione. E’ stata protagonista, infatti, della più significativa operazione contro la nostra Carta fondamentale (2008-09).

Continua a leggere

Pubblicato in Politica, Tutti gli articoli | Contrassegnato , , | Commenti disabilitati su Maria Stella Gelmini e la Costituzione qualcosa non torna

On. Francesco Boccia e il pentimento costruttivo sulla L.107/15

On. Francesco Boccia

L’On. Francesco Boccia conferma che il Pd ha compreso la lezione. Occorrono fatti, però, non parole.

L’On. Francesco Boccia e qualche giorno fa  il governatore del Lazio Nicola Zingaretti hanno avviato l’operazione recupero del mondo della scuola. Un pò tardiva e sospetta. Le parole stanno a zero, servono i fatti.

Continua a leggere

Pubblicato in Politica, Tutti gli articoli | Contrassegnato , , | Commenti disabilitati su On. Francesco Boccia e il pentimento costruttivo sulla L.107/15

Ministro Bussetti, tavoli utili solo per gli esperti

Ministro Bussetti

Il Ministro Bussetti apre undici tavoli. Servono solo a distrarre.

Il Ministro Bussetti “apre un nuovo cantiere” costituito da 11 tavoli. Modalità di consultazione utile solo per la passerella di personalità. Raramente, infatti hanno prodotto qualcosa. Tattica per distrarre dal clima di bonaccia?

Continua a leggere

Pubblicato in Politica, Tutti gli articoli | Contrassegnato , , , , | Commenti disabilitati su Ministro Bussetti, tavoli utili solo per gli esperti

Il mio corso sul fenomeno del cyberbullismo su S.O.F.I.A.

l’Ente di formazione TOUCH M.E. mi ha chiesto di organizzare per loro un corso sul fenomeno del cyberbullismo.
Volentieri ho accolto l’invito.
Ecco l’immagine presente nella Piattaforma S.O.F.I.A.
Ho possibilità di iscrivere direttamente gli interessati.
Contattatemi attraverso il modulo “scrivi

Pubblicato in Corsi, Tutti gli articoli | Commenti disabilitati su Il mio corso sul fenomeno del cyberbullismo su S.O.F.I.A.

I figli totem intoccabili per molti genitori

I figli nuovi totem

I figli sono i nuovi totem per i genitori. Errore strategico!

I figli rappresentano per molti genitori i nuovi totem. Intoccabili e idealizzati.  Su di essi si esercita il “sovranismo psichico” (Censis 2018) Essi sono idealizzati. La loro sacralità si esprime nel considerarli separati dalla complessità della vita.  Grave errore accompagnato da una contraddizione di fondo.

Continua a leggere

Pubblicato in Opinioni, Tutti gli articoli | Contrassegnato , , | Commenti disabilitati su I figli totem intoccabili per molti genitori

Rapporto Censis l’insicurezza e il mal-essere nelle scuole

Rapporto Censis 2018

Rapporto Censis, la scuola ne esce male. Confermata l’emergenza!

Rapporto Censis 2018, la scuola ne esce a “pezzi”. Scuole insicure. Regna poi il mal-essere.

Continua a leggere

Pubblicato in Rapporto Censis | Contrassegnato , , | Commenti disabilitati su Rapporto Censis l’insicurezza e il mal-essere nelle scuole

Lo stress inesistente dei Dirigenti Scolastici per le classi pollaio

Lo stress dei Dirigenti Scolastici

Classi pollaio, non rientra tra i fattori di stress del Dirigente Scolastico. Eppure dovrebbe…

Lo stress dei Dirigenti Scolastici. Dichiarano di subirlo. Sarà! Sicuramente di fronte alla scelta classi pollaio si, classi pollaio no, optano quasi sempre per la prima soluzione. La più semplice, dimenticando il loro compito di una scuola efficace. 

Continua a leggere

Pubblicato in Classi pollaio | Contrassegnato , , | Commenti disabilitati su Lo stress inesistente dei Dirigenti Scolastici per le classi pollaio

Lo stress dei Dirigenti Scolastici fa parte del loro profilo

Lo stress dei Dirigenti Scolastici

Le lamentele dei Dirigenti Scolastici. Pensavano che fosse un ruolo senza rischi e responsabilità?

Lo stress dei Dirigenti Scolastici non è un elemento aggiuntivo al loro profilo. La Dirigenza va di pari passo con l’assunzione di rischi e quindi delle responsabilità. La protesta rimanda ad alcuni interrogativi.

Continua a leggere

Pubblicato in Dirigenti Scolastici, Tutti gli articoli | Contrassegnato , , | Commenti disabilitati su Lo stress dei Dirigenti Scolastici fa parte del loro profilo

Ministro Bussetti, sull’insegnante di sostegno mi sfugge qualcosa?

Ministro Bussetti

Il Ministro Bussetti dichiara che l’insegnante di sostegno è assegnato alla classe. Ma non è stato sempre così?

Il Ministro Bussetti  presenta il decreto di modifica al D.Lv0 66/2017 (Norme per la promozione dell’inclusione scolastica degli studenti con disabilita), annunciando novità sull’insegnante di sostegno. Egli è assegnato alla classe. Ma non era così  dal 1975?
Mi sfugge qualcosa?

Il Ministro Bussetti annuncia novità sul sostegno

Il Ministro Bussetti ha presentato le modifiche al decreto 66/2017. Al margine dell’evento ha dichiarato: “a modifica dell’idea dell’insegnante di sostegno che non è solo dell’alunno, ma dell’intera classe che lavora con l’alunno. Se vogliamo fare inclusione non dobbiamo fare discriminazione. I nostri ragazzi sono tutti i ragazzi delle scuole, poi c’è chi ha più bisogno e a loro daremo opportunità in più”.

Ma è sempre stato così mi sfugge qualcosa?

Mi sfugge qualcosa? Voglio essere benevolo. Forse il Ministro intendeva confermare il profilo, ormai quarantennale, dell’insegnante di sostegno. Il D.P.R 970/75 aveva già definito il suo profilo, completato con la L.517/77.  Si legge, infatti all’art. 2:”Analogamente i predetti specialisti partecipano a pieno titolo ai consigli di intersezione, di interclasse e di classe costituiti nelle scuole funzionanti presso gli istituti statali per non vedenti e gli istituti statali per sordomuti nonché presso altre istituzioni statali o convenzionate con il Ministero della pubblica istruzione per speciali compiti di educazione e di rieducazione di minori in stato di difficoltà.
L’orientamento è stato confermato dalla legge 104/92 art. 13 comma 6: ” Gli insegnanti di sostegno assumono la contitolarita’ delle sezioni e delle classi in cui operano, partecipano alla programmazione educativa e didattica e alla elaborazione e verifica delle attivita’ di competenza dei consigli di interclasse, dei consigli di classe e dei collegi dei docenti. Potrei citare altri riferimenti, ma concludo con L’allegato A del Decreto Direttoriale n° 7 del 16/04/2012. Si legge:
Il docente specializzato per il sostegno è assegnato alla classe in cui è iscritto un alunno con disabilità; egli assume la contitolarità della sezione e della classe in cui opera, partecipa alla programmazione educativa e didattica e all’ elaborazione e verifica delle attività di competenza dei consigli di interclasse, dei consigli di classe e dei collegi dei docenti

Quindi di cosa parliamo?

Quindi il Ministro scopre “l’acqua calda”. E’ sempre stato così! Del resto la “scelta di campo” sostanzia il principio dell’integrazione, che va oltre quello del semplice inserimento. Ricordo che R. Gay scrisse negli anni ’80 che  l’insegnante di  sostegno non poteva essere assimilato ad “un angelo custode della diversità”.
Mi auguro che il Ministro abbia voluto confermare un profilo, consolidato ormai da quasi quatto decenni. Diversamente sarebbe preoccupante…

Pubblicato in Opinioni, Tutti gli articoli | Contrassegnato , | Commenti disabilitati su Ministro Bussetti, sull’insegnante di sostegno mi sfugge qualcosa?

Sentenza “culpa in vigilando”, quello che conta per i giudici

 

Sentenza "culpa in vigilando"

Sentenza Cassazione. Ai giudici interessano solo l’imprevedibilità e l’evitabilità dell’evento.

Una sentenza riguardante la presunta “culpa in vigilando”chiarisce cosa è importante per i giudici. Non la dinamica dell’incidente, ma i soliti elementi ribaditi più volte in passato.

Continua a leggere

Pubblicato in Culpa in vigilando, Tutti gli articoli | Contrassegnato , , | Commenti disabilitati su Sentenza “culpa in vigilando”, quello che conta per i giudici

Scuola l’intoccabilità delle ultime riforme

 

La scuola

Da dieci anni non si torna indietro. Poveri noi e povera scuola!

Scuola, gli ultimi dieci anni sono stati caratterizzati da processi che hanno guardato sempre avanti Mai un ripensamento, un ritorno a profili scolastici vincenti. E’ il trionfo del nuovismo a tutti i costi. L’unica concessione è la “strategia del cacciavite”. In altri termini, la paralisi!

Continua a leggere

Pubblicato in Opinioni | Contrassegnato , , | Commenti disabilitati su Scuola l’intoccabilità delle ultime riforme

La scuola che corre verso il Nulla

La scuola che corre

La corsa della scuola verso il Nulla. Non è una bella prospettiva

La scuola che corre verso il Nulla. Un contributo di R. Sgaramella (Presidente AND di Rom). Sintetico, ma efficace nell’illustrare la situazione della nostra scuola. Siamo di fronte alla”curvatura” verso l’ente (M. Heidegger).

Continua a leggere

Pubblicato in Opinioni | Commenti disabilitati su La scuola che corre verso il Nulla

Il Ministro Bussetti la sua idea di scuola e non solo

Il Ministro Bussetti

Il Ministro Bussetti ama semplificare. Conferma una sua difficoltà a comprendere la realtà.

Ogni giorno il Ministro Bussetti aggiunge un tassello che conferma la sua idea di scuola e non solo. Tutto è semplificato,  poco aderente alla realtà e alla complessità dell’aula, intesa idealmente come “ambiente educativo di apprendimento”.

Continua a leggere

Pubblicato in Ministro bussetti, Tutti gli articoli | Contrassegnato , , | Commenti disabilitati su Il Ministro Bussetti la sua idea di scuola e non solo

Classi pollaio, le conferme al mio intervento, ma…

Classi pollaio

Classi pollaio, alcune interessanti conferme. Attendiamo la fine di questo “scempio pedagogico”. Le iscrizioni al nuovo anno scolastico sono alle porte!

Classi pollaio, il mio intervento è stato letto e preso in considerazione. Fa piacere, ma ora occorre muoversi. Sono alle porte le iscrizioni per l’anno 2019-20!

Continua a leggere

Pubblicato in Classi pollaio | Contrassegnato , , | Commenti disabilitati su Classi pollaio, le conferme al mio intervento, ma…

Nicola Zingaretti e l’ambiguità del termine “aumento”

Nicola Zingaretti

“Aumenterò lo stipendio agli insegnanti”Una dichiarazione inutile di Nicola Zingaretti,

Nicola Zingaretti ha iniziato al sua campagna elettorale. L’obiettivo è divenire il nuovo segretario del Pd. Ovviamente si rivolge agli insegnanti, utilizzando l’espressione “aumento” in modo ambiguo e senza tener presente il contesto.

Continua a leggere

Pubblicato in Politica, Tutti gli articoli | Contrassegnato , , | Commenti disabilitati su Nicola Zingaretti e l’ambiguità del termine “aumento”

La pubblicazione delle foto nel Web da Instagram verso il buio

 

Pubblicazione delle foto nel Web

La pubblicazione delle foto nel Web, un’operazione ad alto rischio. Occorre tanta “saggezza digitale”.

La pubblicazione delle foto nel Web. Un articolo  presenta il viaggio delle foto verso il probabile approdo nel Dark Web. Un viaggio non previsto  e voluto dall’interessato, quasi sempre un/a ragazzo/a . Esiste una soluzione: “la saggezza digitale”

La pubblicazione delle foto nel Web, il report di un viaggio verso…

La pubblicazione delle foto nel Web è un’operazione ad alto rischio. Può compromettere la nostra identità digitale, costituita da dati sensibili e personali. Questi sono “consegnati” con una certa disinvoltura in un ambiente virtuale, caratterizzato  da un pervasivo narcisismo pervasivo, chiuso in un presente senza prospettive (C. Lasch). L’espansione dell’io trova la sua sponda nell’anonimato, spesso confuso erroneamente con l’assenza di tracce nel Web.
Bene, il contributo proposto sul sito di Generazioni connesse illustra il viaggio delle foto postate su Instagram. Si legge” Tutti pazzi per Instagram. Il social più popolare, non solo tra gli adolescenti, è il primo in classifica per numero di account attivi, facendo scendere al secondo posto Facebook  e all’ultimo Snapchat. Ma attenzione alle foto che pubblicate.Sono tantissimi infatti i siti che prendono le foto che vengono postate su  Instagram per pubblicarle, senza il nostro consenso, in altri social. Così  basta fare una semplice ricerca su Google ed è possibile trovare le nostre immagini sparse per il web e in posti impensabili.Alcuni siti addirittura sono specializzati nella cattura delle foto o dei video postati su Instragram, compresi di commenti e ovviamente di hashtag. Altre piattaforme inoltre riportano anche le conversazioni che l’utente avvia su This Crush, il social che permette di inviare messaggi in forma anonima e che nella maggior parte dei casi è agganciato proprio ad Instagram.

Il Dark Web il capolinea di questo viaggio

Probabilmente questi siti non rappresentano il punto di arrivo, bensì possono costituire una ripartenza verso il Dark Web, dove i dati personali, opportunamente trattati, permettono a tanti soggetti di lucrare. E’ la fortuna di numerosi siti pedopornografici presenti nella rete oscura, non indicizzata dai comuni motori di ricerca e dove regna l’anonimato a diversi livelli di complessità.

La “saggezza digitale” è il rimedio

 M. Prensky, autore del testo “La mente aumentata” (Erickson, Trento, 2013) definisce  la “saggezza digitale” come una tendenza a usare in modo consapevole e adeguata le opportunità offerte dal Web per moltiplicare il nostro potenziale, costituito da aspetti creativi, risolutivi (problem solving) di condivisione e integrazione dei contenuti…
Tutto questo inizia dalla cura della nostra identità digitale collegata alla reputazione online. Concretamente “la mente aumentata” privilegia la riflessione alla risposta istintiva e compulsiva. Questo fermarsi si declina nei seguenti interrogativi che devono precedere ogni pubblicazione: quali dati personali (foto, video…) pubblicare? Presentano delle criticità che possono favorire l’attività denigratrice del cyberbullo o compromettere la mia reputazione online?

Pubblicato in Pubblicazione foto nel Web | Contrassegnato , | Commenti disabilitati su La pubblicazione delle foto nel Web da Instagram verso il buio

Smartphone, un filmato illuminante di “uscita dal mondo”

Smartphone

Stiamo progressivamente uscendo dal mondo. Ma la realtà è sempre davanti a noi.

Smartphone, un filmato illuminante di “uscita dal mondo”. Sempre più connessi, ma soli. Viviamo in una “bolla virtuale”. La realtà però sta sempre davanti a noi, facendoci fare delle pessime figure e purtroppo anche…

Smartphone, un filmato illuminante di “uscita dal mondo”

Smartphone, il filmato pubblicato da “Focus” restituisce con toni leggeri la nostra condizione: siamo sempre più proiettati fuori dal mondo! In altri termini, siamo dentro un processo di “uscita al mondo”. Connessi o iperconnessi con la realtà virtuale, ma soli. La leggerezza del virtuale, costituita da relazioni liquide, informazioni che non diventano conoscenze, dalla trasfigurazione dei corpi, domina le nostre menti. E’ una realtà addomesticata dal narcisismo senza prospettive (C. Lash), dove non esiste la complessità che genera problemi. La loro insorgenza è azzerata con la disconnessione (=blocco o eliminazione di un contatto). Altre volte si impedisce al problema di “venire alla luce”, attraverso la pratica del “Copia e incolla”, che ha sostituito la ricerca ragionata, l’approfondimento….

La versione giovanile la generazione Hikikomori

Di questa realtà diffusa esiste la versione giovanile che si declina nella sindrome Hikikomori. I sintomi: la propria stanza come ambiente vitale prevalente, la rarefazione di rapporti reali con i pari, l’assenza di dialogo in famiglia, la riduzione delle capacità emotive e ed empatiche…
Spesso sottovalutato o ignorato dai genitori, perché sono assenti comportamenti di rilevanza sociale, rimanda ad una condizione di inadeguatezza rispetto alla complessità della realtà. La soluzione è il ritiro dalla vita reale e la conseguente immersione in un contesto virtuale e immaginario,  fatto di videogames e giochi di ruolo. Il controllo si realizza nella scelta degli ambienti virtuali, del tempo di permanenza in ognuno di essi, nella scelta degli interlocutori. Si è liberi di postare qualunque cosa, aiutati anche dall’assenza del corpo che nella vita reale può consolidare o tradire le parole. La liquidità è il paradigma di questo contesto, dove l’assenza di futuro è occupato dal “qui e ora”.

Ma la realtà…

Questa è la situazione ben definita da V. Andreoli con il titolo del suo ultimo lavoro “Homo stupidus” che conferma le tesi di chi ritiene che Internet ci renda stupidi (N. Carr, 2010) o favorisca la demenza digitale ( M. Spitzer, 2013).
A questo occorre aggiungere che la realtà fisica non è annullata. Semplicemente non abita più la nostra coscienza. Lo dimostra il filmato con i “divertenti finali” e anche con  l’ultimo (purtroppo).

 

Pubblicato in Informatica | Contrassegnato , , | Commenti disabilitati su Smartphone, un filmato illuminante di “uscita dal mondo”

Contratto economico 2019-21 una facile previsione

Contratto economico 2019-21

Contratto economico 2019-21. Inizia la sceneggiata, di cui conosciamo la conclusione.

Contratto economico 2019-21, si ripete il solito canovaccio! Si inizia con le dichiarazioni, segue l’indignazione dei sindacati e si concluderà con la firma di questi ultimi. La scena finale è facilmente prevedibile. E’ necessario rivedere il D.Lvo 29/93 e  uscire dalle priorità dei due movimenti di governo.

Continua a leggere

Pubblicato in Contratto scuola | Contrassegnato , , | Commenti disabilitati su Contratto economico 2019-21 una facile previsione

Video minori nel web l’insegnante ha violato la privacy?

 

Video minori nel web

Video minori nel web. Un caso dai contorni poco chiari

 

Video minori nel web, il caso di una possibile violazione dei dati personali, afferenti una bambina.  E’ responsabile l’insegnante? Purtroppo i contorni non sono chiari.

Continua a leggere

Pubblicato in Tutti gli articoli, Video minori nel web | Contrassegnato , , | Commenti disabilitati su Video minori nel web l’insegnante ha violato la privacy?

Di Maio prima deve abolire il tempo pieno di Tremonti e Gelmini

Di Maio vada oltre

Di Maio deve superare il modello di tempo pieno voluto dal duo Tremonti-Gelmini. Poi…

Di Maio ha annunciato la generalizzazione del tempo pieno. Ma questo tipo di organizzazione è lontana, rispetto a quella prevista dalla L.820/71. La versione attuale è quella voluta dal duo Tremonti-Gelmini. Pertanto, è necessario prima tornare alle origini. Altrimenti…

Continua a leggere

Pubblicato in Classi pollaio | Contrassegnato , , | Commenti disabilitati su Di Maio prima deve abolire il tempo pieno di Tremonti e Gelmini

Abolizione delle classi pollaio, esistono le condizioni, ma…

Abolizione delle classi pollaio

Esistono le condizioni per l’abolizione delle classi pollaio. Eppure…

Abolizione delle classi pollaio esistono le coperture e il sostegno del gruppo-scuola M5S.
Al momento, però la priorità è “scavalcata” da altre che nel contratto di governo, occupavano “una seconda, terza linea”. Sulle classi pollaio, invece siamo ancora al confronto, alla discussione…

Continua a leggere

Pubblicato in Classi pollaio | Contrassegnato , , | Commenti disabilitati su Abolizione delle classi pollaio, esistono le condizioni, ma…

Matteo Salvini una nuova riforma della scuola?

Matteo salvini

Matteo Salvini propone una riforma della scuola! A cosa sta pensando?

Matteo Salvini, ha annunciato una riforma della scuola. Un annuncio che lascia perplessi, perché distante dal contratto di governo e anche dal programma preelettorale della Lega.

Matteo Salvini, una nuova riforma della scuola?

Ieri ha dichiarato Matteo SalviniDobbiamo per forza mettere mano alla scuola e all’università. Da troppo tempo sono diventate serbatoi elettorali e sindacali”. Competenza non vuol dire avere otto pezzi di carta, per questo è necessario riformare anche il valore legale del titolo di studio

Matteo Salvini dimentica il contratto di governo e…

Matteo Salvini ha dimenticato il punto 22 del contratto di governo , dove non ho trovato la riforma del valore legale del titolo di studio. Riassumo gli elementi, molti dei quali riguardano il superamento (abolizione?) della Legge 107/15, ricavandoli dal “blog delle  stelle
revisione del sistema di reclutamento dei docenti; superamento del precariato; efficace sistema di formazione; introduzione di strumenti che tengano conto del legame dei docenti con il loro territorio; superamento della “chiamata diretta”; formazione continua per i docenti; revisione dello strumento di alternanza “scuola-lavoro
Dall’elenco manca l’abolizione delle classi pollaio. La dimenticanza è confermata in altri siti. Inquietante! Eppure nel contratto l’abolizione di questo obbrobrio organizzativo è proposto al 12° rigo, prima della riforma dell’alternanza scuola-lavoro, dell’edilizia… Praticamente all’inizio del capitolo scuola.
Aggiungo: non esiste traccia della revisione del valore legale del titolo di studio nel programma preelettorale della Lega.
E allora verso dove sta guardando M. Salvini? Difficile fare delle ipotesi. Staremo avedere

Pubblicato in Tutti gli articoli | Contrassegnato , , , | Commenti disabilitati su Matteo Salvini una nuova riforma della scuola?

Cyberbullismo i comportamenti ponderati di fronte alle fake news

Cyberbullismo e fake news

Cyberbullismo e fake news, esiste una stretta relazione tra i due fenomeni. Alcune “sagge” indicazioni

Cyberbullismo e fake news, la relazione tra i due fenomeni è stretta. Il bullo online ha bisogno delle fake news. Senza, però la  superficialità del nativo digitale avrebbero vita breve. Occorre la “saggezza digitale” di chi pone la riflessione al primo posto. Alcune indicazioni.

Continua a leggere

Pubblicato in Cyberbullismo, Tutti gli articoli | Contrassegnato , , | Commenti disabilitati su Cyberbullismo i comportamenti ponderati di fronte alle fake news

Il ministro Marco Bussetti sostituito?

Il ministro Marco Bussetti

Il ministro Marco Bussetti sarà sostituito? La decisione, se sarà presa, ha il suo fondamento

Il ministro Bussetti sostituito? Così ipotizza Francesco Giro, deputato di FI:
La riforma della ‘buona scuola’ di Renzi, disconosciuta dallo stesso Pd, appare ancora granitica e oggi ci tocca pure sopportare le prediche della sinistra che solo tre anni fa ce la impose in Parlamento a colpi di maggioranza. Bussetti ha fatto poco e ha fatto molto male: cancellazione dell’alternanza scuola lavoro per drenare risorse da destinare ai contratti, una riforma sconclusionata dell’esame di maturità col tema di storia che va in soffitta, e ora la cancellazione del tirocinio dopo la laurea. Personalmente li avevo accolti con un certo ottimismo e grande fiducia, ma ora non sono meravigliato dai rumors di un loro probabile benservito a primavera dopo la manovra di bilancioIl Ministro Bussetti rischia di essere sostituito?”
Personalmente ho espresso delle critiche sul suo operato. “Ha sposato” la tecnica del cacciavite (Fioroni 2007) ! Strategia poco impegnativa che “mette a punto” il sistema negli aspetti che hanno un  costo zero. Quindi niente “superamento della legge 107/15” ( Contratto di governo) e dei dispositivi voluti dal duo Gelmini-Tremonti (2008-11) che hanno generato il “mostro” delle classi pollaio,…
In compenso rilascia molte interviste, dichiarazioni e presenzia a diverse iniziative. Francamente mi sembra eccessiva quest’attenzione alla comunicazione mediatica a fronte di pochi risultati.

 

 

 

Pubblicato in Opinioni | Contrassegnato , , | Commenti disabilitati su Il ministro Marco Bussetti sostituito?

La bassa considerazione degli insegnanti non stupisce

La bassa considerazione

La scarsa considerazione degli insegnanti non stupisce, se consideriamo il Nulla che abbiamo davanti a noi.

La considerazione degli insegnanti peggiora. In caduta libera! Fino a qualche giorno l’impressione non era supportata da una percentuale. Ora è disponibile e possiamo quantificare la nostra irrilevanza. Non poteva essere diversamente, se davanti abbiamo il Nulla!

La considerazione degli insegnanti ha una percentuale!

La considerazione degli insegnanti ha una percentuale. Rimanda a un profilo demansionato. Spesso associato a quello di un parcheggiatore che deve controllare e custodire le vetture (=alunni e studenti). Si legge sul “Fattoquotidiano.it ” …la conferma arriva dalla seconda edizione del Global Teacher Status Index che ha valutato la reputazione sociale degli insegnanti dalle elementari alle superiori in 35 Paesi. Lo status dei docenti in Italia è fra i peggiori nel mondo: siamo fanalino di coda in Europa e, nella classifica generale, solo IsraeleBrasile si collocano più in basso. Il nostro Paese, infatti, è al 33° posto su 35. Rispetto all’indagine condotta nel 2013 la situazione è anche più preoccupante. Il nuovo rapporto conferma che qualcosa sta cambiando e non certo in meglio. Diminuisce il rispetto nei confronti dei docenti: solo il 16% degli italiani intervistati ritiene che gli alunni rispettino i propri insegnanti (cinque anni fa erano il 20%). Si tratta del sesto dato più basso e del più basso in assoluto tra le grandi economie europee. Un altro mondo, è il cado di dirlo, quello dei paesi asiatici: in Cina, per esempio, l’81% degli intervistati ritiene che gli alunni rispettino i propri insegnanti“.

Tutto parte dalla morte dell’uomo

La percentuale e il posto occupato dagli insegnanti sono il risultato di un contesto che considera l’istruzione uguale a zero. Come al solito, voliamo alto, seguendo il consiglio di F. Hegel ” Non osservare l’albero, ma la foresta!”.
Perché l’istruzione dovrebbe contare, quando davanti ha il Nulla che si declina nella morte di Dio (F. Nietzsche)? Si legge nella Gaia Scienza “Dove se n’è andato Dio? – gridò – ve lo voglio dire! Siamo stati noi ad ucciderlo: voi e io! Siamo noi tutti i suoi assassini! Ma come abbiamo fatto questo?” Questo “congedarsi da Dio” apre un inquietante scenario: il Nulla sul quale l’oltreuomo (simbolo, più che una persona fisica) deve costruire il suo “stare sulla terra” (nichilismo attivo) abbandonando le illusioni del pensiero giudaico-cristiano . Il suo imperativo è “la fedeltà alla terra”, accettando lo spirito dionisiaco, come paradigma dell’esistenza oltre Dio.
L’impresa è risultata fallimentare, aprendo lo scenario non previsto da Nietzsche della conseguente morte dell’uomo. Egli è diventato un ente, perdendo la prospettiva dell’Essere (M. Heidegger).  L’uomo è rimasto solo di fronte al Nulla!

Se il Nulla è la prospettiva, l’istruzione non ha senso

Siamo di fronte a una prospettiva che ha “ucciso”, tra l’altro, anche l’esser-ci (l’uomo come progetto aperto), e quindi la dimensione del futuro, riducendo tutto a un presente onnicomprensivo. Quindi all’interno di questo scenario dominato dalle passioni tristi (B. Spinoza)  che senso ha parlare di formazione dell’uomo e del cittadino? Quale significato può avere ancora l’educazione se il futuro è stato espulso, diventando insignificante? Il tramonto dell’educazione, ovviamente favorisce anche la percezione degli insegnanti, come soggetti “fuori storia”, consegnandoli all’irrilevanza e quindi alla scarsa considerazione. E’ una lettura “alta” della nostra condizione! Ovviamente, non esaustiva per comprendere la “nostra retrocessione”.

Pubblicato in Opinioni, Tutti gli articoli | Contrassegnato , , | Commenti disabilitati su La bassa considerazione degli insegnanti non stupisce

L’analfabetismo digitale dei nativi digitali

 

L'analfabetismo digitale

L’analfabetismo digitale dei nativi digitali è confermato. Non è una novità!

L’analfabetismo digitale dei nostri ragazzi non è una novità. L’esperienza diretta conferma il contenuto dell’articolo. Interessante!

Continua a leggere

Pubblicato in Nativo digitale, Tutti gli articoli | Contrassegnato , , | Commenti disabilitati su L’analfabetismo digitale dei nativi digitali

Il Ministro Bussetti un ottobre con scarsi risultati

Il Ministro Bussetti

Tanto parlare, girare con pochi risultati e un sonoro no.

Il Ministro Bussetti, gira molto e rilascia lunghe interviste. Un interessante report di V. Pascuzzi documenta l’intensa attività del Ministro. Purtroppo, l’elenco presenta pochi “fatti”.

Continua a leggere

Pubblicato in Ministro bussetti | Contrassegnato , , | Commenti disabilitati su Il Ministro Bussetti un ottobre con scarsi risultati

Più tempo pieno al Sud buona soluzione ma…

 

Più tempo pieno

Più tempo pieno al sud. Buona l’idea, ma non con l’attuale configurazione.

Più tempo pieno al Sud, l’ipotesi è pienamente condivisibile, ma occorre riportare la modalità organizzativa al dettato della Legge 820/71, favorendo tutte quelle soluzioni pensate per conseguire il diritto allo studio sostanziale (art 3 e 34 della Costituzione italiana).

Continua a leggere

Pubblicato in Tutti gli articoli | Contrassegnato , , | Commenti disabilitati su Più tempo pieno al Sud buona soluzione ma…

Web 2.0 il diritto all’oblio la saggia risposta digitale

Web 2.0

Il Web 2.0 è un’immensa piazza di condivisione. Nasconde, però un pericolo. La risposta più efficace e saggia e il diritto all’oblio.

Il Web 2.0 rappresenta una grande opportunità. Purtroppo presenta anche una parte oscura, dove si annidano anche i cyberbulli. Il diritto all’oblio rappresenta la risposta più saggia.

Web 1.0 quando tutto iniziò

Il Web 2.0 non ha rappresentato l’inizio della grande avventura. Questa inizia nel 1994 con la versione del Web 1.0! I siti erano rappresentati da homepage, traduzione online di brochure aziendali. In questo contesto di Web 1.0 l’internauta poteva solo visitare, leggere pagine, ma non interagire. La comunicazione era di tipo verticale e unidirezionale (dall’alto verso il basso), configurazione poco adatta ad un rapporto diretto con il cliente. L’unica forma di interazione era rappresentata dal servizio di posta elettronica, dal fax.

Il Web 2.0 l’evoluzione e i suoi problemi

Dal 2005 il modello 1.0 fu progressivamente sostituito da uno improntato all’interazione, condivisione, partecipazione (Web 2.0). Fu possibile grazie allo sviluppo della tecnologia, alla nascita di servizi e applicazioni. In questo nuovo contesto l’utente assume una doppia funzione: fruitore e autore. M. Riva definisce magistralmente questa condizione con l’espressione di “Spettautore”. Ora, uno strumento o una nuova opportunità possono portare a risvolti negativi. Mi riferisco alla “cattiva condivisione”, perché rivolta contro qualcuno. E il caso dei cyberbulli.
In alcuni casi gli effetti sono devastanti, e qualche volta si diventa consapevoli del potere distruttivo delle parole (Carolina Picchio) e delle immagini solo dopo “il fattaccio”. La causa risiede nell’immaturità e nell’analfabetismo digitale dell’internauta. La superficialità, paradigma del contesto post-moderno, si trasferisce nella Rete 2.0 con effetti, nello specifico del “nativo digitale” (M. Prensky), decisamente distruttivi sulla vittima.
Siamo di fronte al lato oscuro del Web 2.0, parafrasando un noto album dei Pink Floyd, siamo di fronte al “Dark side of the moon”.

Il diritto all’oblio

Da qui torna utile il nuovo diritto all’oblio sancito dal GDPR e prima ancora dalla legge 71/17 (“Lotta al contrasto del cyberbullismo”). Concentriamoci qui su quanto sancito dal Nuovo Regolamento per la protezione dei dati personali. Recita l’art 17 “L’interessato ha il diritto di ottenere dal titolare del trattamento la cancellazione dei dati personali che lo riguardano senza ingiustificato ritardo e il titolare del trattamento ha l’obbligo di cancellare senza ingiustificato ritardo i dati personali, se sussiste uno dei motivi seguenti:…i dati personali sono stati trattati illecitamente” Il passaggio riguarda i casi di cyberbullismo. Il diritto all’oblio non è nuovo. In altri termini non compare la prima volta nel GDPR e nella legge 71/17.  Il primo riferimento, anche se sfumato, è la Carta di Nizza (2000) dal quale discende il Trattato di Lisbona (2007). Si legge all’art 7 dei suddetti documenti “Ogni persona ha diritto al rispetto della propria vita privata e familiare…Il passaggio risulta  particolarmente calzante nei casi di cyberbullismo, che necessita dell’uso improprio e devastante dei dati personali della vittima. In altri termini, il cyberbullismo rimanda ad un atteggiamento aggressivo e/o di molestia ripetuta a danno di una vittima. Per i gestori dei siti, blog, servizi dell’informazione l’oblio non si limita alla cancellazione di dati, ma coinvolge anche un atteggiamento ad ignorare a disinteressarsi della persona in prospettiva futura.

L’oblio la “saggia” risposta digitale 

Quindi il diritto all’oblio, espressione di un desiderio ad essere cancellati, “dimenticati” può essere considerato come una manifestazione in controtendenza all’immortalità nel Web, che si declina nella permanenza dei dati personali nel virtuale. Agendo in questo modo si esprime una personalità ben caratterizzata e autonoma, rispetto al trend attuale, dove spesso si tende alla superficialità dei comportamenti che dimentica gli effetti di post “immortali sulla propria reputazione online. Il diritto all’oblio rappresenta la risposta più efficace che può mettere in atto la vittima di cyberbullismo. E l’esemplificazione di quanto dichiarato da M. Prensky, quando definiva la saggezza digitale anche come capacità critica di utilizzare responsabilmente e in modo adulto i nuovi scenari proposti nel Web.
Recentemente il nostro ordinamento giuridico ha stabilito la soglia dei quattordici anni come l’età di iniziazione a questo stadio di saggezza digitale. Mi riferisco al decreto attuativo (101/18) del GDPR che ha stabilito la possibilità per il quattordicenne di esprimere un consenso adulto al trattamento di dati personali. Prima ancora il limite dei quattordici anni era stato introdotto dalla legge 71/17 (art. 2) per la richiesta autonoma al gestore del sito o servizio e poi al Garante della Privacy, finalizzata alla rimozione di dati (diritto all’oblio). Ovviamente mettere in pratica questi comportamenti esprime un grado di maturità che non sempre è presente in un quattordicenne. La saggezza digitale è un processo lungo che può iniziare solo avendo adulti informati e formati. Purtroppo oggi si tende a lasciare soli i nostri ragazzi, in balia del tam-tam della Rete, prodotto da coetanei o da utenti più grandi, ma non sempre propositivi.

 

Pubblicato in Cyberbullismo | Contrassegnato , , | Commenti disabilitati su Web 2.0 il diritto all’oblio la saggia risposta digitale

Scuole chiuse pessime conferme!

Scuole chiuse

Scuole chiuse. Pessimo messaggio per la scuola e gli insegnanti!

Scuole chiuse, in molti centri, per allerta meteo. Anche la Sindaca V. Raggi ha adottato il medesimo provvedimento. Le inevitabili critiche rivelano il nostro profilo demansionato.

Continua a leggere

Pubblicato in Sicurezza | Contrassegnato , , | Commenti disabilitati su Scuole chiuse pessime conferme!

Il Ministro Bussetti strizza l’occhio alla Lega

Il Ministro Bussetti

Ministro Bussetti non rincorra scenari futuri incerti. Si concentri sui guai del presente!

Il Ministro Bussetti proviene dalla Lega. Ovviamente egli esprime una maggiore attenzione ai temi di questo gruppo politico. Minore coinvolgimento, invece  verso quelli   da abrogare, votati  dalla Lega (2008) e riguardanti le classi pollaio.

Continua a leggere

Pubblicato in Classi pollaio | Contrassegnato , , | Commenti disabilitati su Il Ministro Bussetti strizza l’occhio alla Lega

Ministro Bussetti, nel suo elenco manca…

Ministro Bussetti

Il Ministro parla di tutto, evitando di guardare verso “la pole position”

Il Ministro Bussetti pubblicizza i risultati conseguiti e rende noti gli obiettivi da conseguire. Tutto importante! Manca, però, il punto che occupava la pole position nel contratto di governo: l’abolizione delle classi pollaio.

Continua a leggere

Pubblicato in Classi pollaio | Contrassegnato , , | Commenti disabilitati su Ministro Bussetti, nel suo elenco manca…

La reputazione online necessita di una scelta strategica

La reputazione online

La reputazione online un impegno complesso. Occorre iniziare dalla preadolescenza.

La reputazione online deve essere ben curata, posta al centro dell’attenzione di chi naviga nel Web. L’importanza della comunicazione multimediale propria e altrui. La sua centralità in assenza del corpo.

Continua a leggere

Pubblicato in Identità digitale | Contrassegnato , | Commenti disabilitati su La reputazione online necessita di una scelta strategica

Le classi pollaio contesti dove regna la superficialità

Classi pollaio

Le classi pollaio sono la migliore rappresentazione del tramonto della persona.

Le classi pollaio, una pessima soluzione organizzativa dove è  difficile incontrare la persona. Esprime la rinuncia alla profondità, a vantaggio di una pedagogia che riduce tutto a prestazione, a omologazione del soggetto educante…

Continua a leggere

Pubblicato in Classi pollaio | Contrassegnato , , | Commenti disabilitati su Le classi pollaio contesti dove regna la superficialità

Pensione quota 100 elaborazione Snals

 

Pensione quota 100

Pensione quota 100, finalmente dei dati sui quali ragionare.

Pensione quota 100  il sindacato SNALS ha elaborato un’ interessante tabella ad hoc per il comparto scuola. Chi è interessato e si trova quasi “fuori dall’uscio” può fare le considerazioni e le riflessioni sul suo futuro.

Continua a leggere

Pubblicato in Pensione | Contrassegnato , , | Commenti disabilitati su Pensione quota 100 elaborazione Snals

Classi pollaio forse riusciremo ad abolirle

Classi pollaio

Classi pollaio forse riusciremo ad abolirle. Difficile, ma non impossibile.

Classi pollaio, forse qualcosa si farà. E’ scritto nel Def.
Ho qualche perplessità, considerato il contesto. Ma come si dice: “la speranza è l’ultima a morire”.
Continua a leggere

Pubblicato in Classi pollaio | Contrassegnato , , | Commenti disabilitati su Classi pollaio forse riusciremo ad abolirle

Bullismo”Spegni il cellulare, accendi il cuore”

Bullismo

Un interessante “corto” realizzato con la partecipazione dei ragazzi

Bullismo, segnalo un interessante  “corto” che fotografa efficacemente il fenomeno.
Nulla di nuovo sotto il sole. Ma l’iniziativa ha il pregio di “tenere viva” l’attenzione
Continua a leggere

Pubblicato in Cyberbullismo | Contrassegnato | Commenti disabilitati su Bullismo”Spegni il cellulare, accendi il cuore”

Collaborazione con Team TOUCH M.E.

Collaborazione

A breve disponibile il pacchetto formativo con il Team TOUCH M.E.

Ho accettato l’invito di collaborazione  con il Team TOUCH M.E. nella progettazione e realizzazione di percorsi formativi
Continua a leggere

Pubblicato in Corsi | Contrassegnato , | Commenti disabilitati su Collaborazione con Team TOUCH M.E.

La “saggezza digitale” incontra il pensiero argomentativo

"La saggezza digitale"

Occorre puntare al vertice della piramide dove si trova la “saggezza digitale” con l’aiuto della “parola argomentata”

“La saggezza digitale” espressione coniata da M. Prensky, non cerca l’uniformità, ma la difformità.  Seleziona ambienti e gruppi che possano integrare le sue convinzioni. La funzione della  parola e del pensiero argomentativo nel Web.
Continua a leggere

Pubblicato in La saggezza digitale | Contrassegnato , , | Commenti disabilitati su La “saggezza digitale” incontra il pensiero argomentativo

Cyberbullismo apertura E.L.I.S.A Piattaforma E-learning

E.L.I.S.A

Finalmente dal Miur una buona notizia. Aperta la Piatatforma E.L.I.S.A

Cyberbullismo, finalmente fra una settimana sarà disponibile la Piattaforma E.L.I.S.A.
(Elearning degli Insegnanti sulle Strategie Antibullismo)
L’iniziativa risponde alle indicazioni di formazione, previste per il referente al contrasto del cyberbullismo (Legge 71/17).

La proposta è articolata in 4 corsi.
1)”Bullismo e cyberbullismo: conoscenza, valutazione e indicazioni per la prevenzione”

2)”Percorsi di prevenzione universale”.

3)“Cyberbullismo: gli aspetti giuridico-legali”.

4) Percorsi di Prevenzione Indicata”.

Interessante iniziativa da cogliere al volo.
Di seguito il video di presentazione della Piattaforma e del primo corso

Immagine anteprima YouTube

Immagine anteprima YouTube

 

 

 

 

Pubblicato in Cyberbullismo | Contrassegnato , , | Commenti disabilitati su Cyberbullismo apertura E.L.I.S.A Piattaforma E-learning

No alla classe pollaio la sentenza e il sindacalismo dei genitori

No Classe pollaio

No alla classe pollaio, grazie alla testardaggine dei genitori. Un esempio di “sindacalismo pedagogico”

No classe pollaio, arriva una nuova sentenza del T.A.R. della Toscana. Conferma una stortura pedagogica rispetto alla nostra Costituzione e al D.M. 81/09. Risultato ottenuto grazie alla caparbietà dei genitori.

No alla classe pollaio, la supplenza pedagogica della magistratura

È di questi giorni l’ultima sentenza della magistratura amministrativa contro il virus delle classi pollaio.
Ecco il testo 
I passaggi significativi sono:
1)”il diritto all’educazione e all’istruzione, sancito dall’art. 12 della legge n. 104/1992, costituisce un diritto fondamentale del minore, che trova superiore riconoscimento nell’art. 38 co. 4 Cost….;
2)”l’obiettivo primario resti quello della massima tutela possibile degli interessati all’istruzione e all’integrazione nella classe e nel gruppo scolastico…”
3)”l’art. 5 co. 2 del D.P.R. n. 81/2009 stabilisce che “2. Le classi iniziali delle scuole ed istituti di ogni ordine e grado, ivi comprese le sezioni di scuola dell’infanzia, che accolgono alunni con disabilità sono costituite, di norma, con non più di 20 alunni, purché’ sia esplicitata e motivata la necessità di tale consistenza numerica, in rapporto alle esigenze formative degli alunni disabili, e purché il progetto articolato di integrazione definisca espressamente le strategie e le metodologie adottate dai docenti della classe, dall’insegnante di sostegno, o da altro personale operante nella scuola.
Come già osservato in fase cautelare, il figlio della ricorrente …., è stato inserito in una prima classe di liceo composta da trentuno alunni, per di più con la presenza di altro alunno ……-, senza che l’amministrazione scolastica abbia in alcun modo documentato l’esistenza delle condizioni per la deroga al contingente numerico indicato dalla norma appena richiamata.”

L’azione pedagogica dei genitori sindacalisti

Grazie alla caparbietà e alla volontà di non accettare l’esistente, i genitori dell’alunno hanno ottenuto la condizione migliore perché il proprio figlio, in ottemperanza alla Costituzione, riceva la migliore formazione possibile. L’obiettivo fa parte del “bagaglio dell’oltre” di ogni genitore. In altri termini, il desiderio di un figlio guarda al futuro, apre alla prospettiva. Ora l’educazione e la formazione costituiscono due condizioni fondamentali, perché la dimensione dell’oltre non sia assimilabile al presente, aprendo allo sviluppo. Solo questo favorisce la discontinuità con l’oggi, prospettando un’alterità  nobilitante l’esistenza umana. Siamo di fronte a genitori che non accettano la funzione di semplici erogatori di cibo, vestiario…
Siamo di fronte ad una forma di sindacalismo genitoriale diverso da quello molto diffuso che spesso  amplifica situazioni di poco conto, giungendo a  “difendere contro ogni evidenza”  i diritti del proprio figlio.
Se tutti i genitori assumessero questa funzione assimilabile ad un “sindacalismo pedagogico”, si favorirebbe la condizione di una scuola realmente inclusiva e di qualità.

Pubblicato in Classi pollaio | Contrassegnato , , , | Commenti disabilitati su No alla classe pollaio la sentenza e il sindacalismo dei genitori

Il ministro Bussetti smentisce il taglio. Attendiamo

ministro Bussetti

Tante le dichiarazioni. Taglio, risparmio o rilancio per l’istruzione? Lo sapremo tra qualche giorno

Il ministro Bussetti ha confermato che non ci saranno tagli per l’istruzione.  A breve entrerà in scena la legge di Bilancio 2019 e quindi le chiacchiere, le dichiarazioni lasceranno il posto alle riflessioni sul documento. Ovviamente si spera in un #cambioverso rispetto agli anni precedenti.

Il Ministro Bussetti mantiene il punto

Qualche settimana fa il Ministro ha dichiarato al giornalista Massimo Giannini “Credo proprio che tagli alla pubblica istruzione non ce ne saranno“. Apparentemente è una buona notizia, ma se la contestualizziamo al trend di questi ultimi anni, allora il giudizio è più sfumato. Tanto per fare un esempio, il comparto istruzione soffre ancora del “prelievo forzoso” di 8 miliardi di €, operato dalla coppia Gelmini-Tremonti (2008) e mai restituitio dai governi Monti, Letta, Renzi e Gentiloni.  Ne consegue che il mantenimento dello status quo del ministro, non può essere accolto positivamente.
Ma andiamo avanti.
Qualche giorno fa su tecnicadellascuola.it è apparso un articolo che prospettava tagli, smentendo così il Ministro Bussetti.
La reazione del responsabile del Miur non si è fatta attendere. “Assolutamente no”, ha detto il titolare del Miur: il Def non sacrifica risorse per l’istruzione. Non si è trattato di un taglio di fondi   ma di una riorganizzazione e una redistribuzione delle risorse, ispirata a criteri e necessità diverse da quelle precedenti.”
Ovviamente l’opposizione attraverso la senatrice Malpezzi  la pensa diversamente. Non poteva essere diversamente. E’ la funzione dell’opposizione, di ogni opposizione prospettare un’altra verità.

La legge di Bilancio 2019 dirà molto sull’istruzione

Fin qui le dichiarazioni. Ognuna esprime una speranza, una volontà di piegare la realtà ai propri interessi… Questo giochino delle “parole al vento”, terminerà quando il 15 ottobre tutto sarà chiaro. Per quella data conosceremo i contenuti della Legge di Bilancio 2019. Solo dopo aver letto il documento, potremo esprimere una valutazione certa e fondata sulle carte.
Sicuramente il testo della legge di Bilancio certificherà il “peso politico” del Miur, che non dimentichiamo rimanda alla ricchezza del nostro Paese: la formazione! In mancanza di materie prime, l’istruzione rappresenta, infatti,  l’unica risorsa  per progredire. L’eventuale mancanza di un cambio di rotta dell’istruzione da bancomat a risorsa, porterà il nostro Paese all’inevitabile declino. Cui prodest?

Pubblicato in Opinioni | Contrassegnato , | Commenti disabilitati su Il ministro Bussetti smentisce il taglio. Attendiamo

La previsione ottimistica del Ministro è stata smentita

Ministro

Il Ministro smentito? Non eviterà, pare, il contributo per le riforme-spot

Il Ministro aveva dichiarato, quasi sperando, che l’istruzione sarebbe rimasta fuori dall’inevitabile “tsunami” fatto di risparmi e tagli per coprire le riforme-spot. E invece, come era facilmente prevedibile, la scuola si conferma un bancomat.

La dichiarazione ottimistica del Ministro

Scrivevo qualche settimana fa: “Il Ministro Bussetti ha dichiarato a M. Giannini:”Credo proprio che tagli alla pubblica istruzione non ce ne saranno“. La suddetta dichiarazione però, a differenza di altre, presenta una prospettiva: nessun taglio per l’istruzione! Punto… È sicuramente una buona notizia, se teniamo conto dello “tsunami economico” che l’amministrazione pubblica subirà, per finanziare flat tax, reddito di cittadinanza e riforma della legge Fornero.”

Una speranza delusa

L’auspicio purtroppo è rimasto tale. Le riforme-spot (Reddito di cittadinanza, Riforma della legge Fornero e flat tax), in presenza di un debito pubblico superiore al 100%, non possono essere indolori nei costi. Queste potranno essere realizzate grazie al mix di risparmi e tagli. Inevitabilmente i destinatari sono anche i Ministeri e in generale la Pubblica Amministrazione. Tra questi ovviamente c’è anche il Miur.
Pare che il comparto Istruzione dovrà contribuire con un taglio di 110 milioni di €, che riguarderà il dimezzamento delle ore di alternanza, la riduzione del 20% della carta docente e  del Fondo di finanziamento degli istituti

Il commissariamento del Miur 

Lo avevo previsto! “La manovra del popolo” avrà ricadute negative sulla scuola. Il Miur sarà commissariato dal Mef. Non potrà spendere, effettuare investimenti e attuare riforme costose. Un esempio: le classi pollaio! La loro abolizione ha dei costi crescenti, così come riportato dal relativo disegno di legge. All’art. 1 si legge: ” 338.500.000 euro per l’anno 2019, a 1.180.000.000 di euro per l’anno 2020, a 1.715.100.000 euro per l’anno 2021 e a 2.130.000.000 di euro a decorrere dall’anno 2022
Considerato quindi il contesto, il Ministro Bussetti si limiterà a proporre soluzioni a costo zero. E l’approccio del “cacciavite” alle riforme risulta coerente con la situazione. Si effettuano aggiustamenti che non comportano costi.

Una breve considerazione

Se queste ipotesi saranno confermate nella legge di Bilancio 2019, allora potremo affermare che la scuola continuerà a contare poco. Come al solito! Nonostante i tanti moniti, anche autorevoli. L’ultimo in ordine di tempo del governatore Visco.
Si potrà dire che questo governo guarda molto al “futuro politico”, che ha uno sviluppo temporale di cinque anni. Al termine del quale, deve esibire i risultati prodotti. La formazione, invece, ha tempi più lunghi. Il suo futuro prevede una prospettiva più lunga che non coincide con la durata di una legislatura.
Il “#cambioverso”  risulterà un hashtag vuoto, ma utile per la campagna elettorale. Cosa ci rimane? Un pugno di mosche!

Pubblicato in Opinioni | Contrassegnato , , | Commenti disabilitati su La previsione ottimistica del Ministro è stata smentita

Formare l’identità digitale, la grande sfida!

identità digitale

La formazione dell’identità digitale non si riduce alla conoscenza di algoritmi. Rimanda alla sfera dell’educazione.

Formare l’ identità digitale , la grande sfida per la scuola e non solo. Diversa da quella fisica, anche se collegata. E’ un’opportunità per dare senso e sistematicità a tanti progetti. Gli aspetti significativi di questo profilo liquido, ma immortale.

L’identità digitale stenta ad affermarsi

Da sempre il conseguimento dell’identità fisica ha rappresentato un elemento di certezza! Quasi sempre definita, anche se “in progress”. E’ costituita da esperienze, riflessioni, che quasi sempre necessitano del corpo per raggiungere il loro scopo comunicativo.
Oggi a questa si affianca quella digitale, che sfugge sistematicamente alle attenzioni della scuola, della famiglia. Uno dei motivi deriva dalla concezione strumentale che accompagna molti progetti di informatica. Quasi sempre l’aspetto formativo, quello profondo non emerge, lasciando lo spazio ad una certa frammentarietà e riduzione del tutto ad un insieme di procedure.

L’identità digitale è la vera sfida

L’attenzione e il perseguimento di questo mega-obiettivo permette di andare oltre l’algoritmo, necessario ma non sufficiente a caratterizzare l’approccio educativo della scuola. La costruzione di un’identità digitale costruttiva si coniuga perfettamente con l’orizzonte  delineato dalla “saggezza digitale” (M. Presky). Questa si definisce tra l’altro, come la consapevolezza del valore aggiunto delle tecnologie ad “aumentare la mente”, step intermedio per la formazione, mai chiusa, dell’identità digitale.

Il ruolo della comunicazione scritta  per la formazione dell’identità digitale

Il fondamento di questo profilo 2.0 è la comunicazione multimediale. Questa, pur caratterizzata dalla simultaneità di linguaggi, conferma la centralità dello scritto. Questo posizionamento strategico è dato dalla prevalente assenza dei metamessaggi del corpo ( intonazioni e inflessioni della voce, postura, sguardi…). Da qui la necessità che la comunicazione scritta sia formalmente corretta. Nello stesso tempo  occorre essere consapevoli  che la parola nel web è eterna e raggiunge un pubblico molto più ampio, contribuendo significativamente alla costruzione di un’identità che si basa, in assenza del corpo,  sulle sensazioni.

 Necessaria anche un’adeguata riflessione

A questo aggiungo che l’identità digitale si basa sulla riflessione delle scelte che rifuggono dal comportamento compulsivo di cliccare “I like” e che prima di condividere e commentare  post ne verificano la fondatezza culturale, scientifica. La creazione e la diffusione  di fake news comporta conseguenze che possono compromettere anche in un tempo lungo  la reputazione online di una persona, fino ad arrivare di compromettere chiamate di lavoro. Ovviamente la stessa cura deve riguardare anche foto e video che devono essere coerenti con l’avatar e le notizie della propria biografia. Non ultima anche la saggia riflessione di cosa condividere di sé con il grande pubblico silenzioso, ma attento lettore e osservatore,  del Web.

I rischi esterni per la costruzione di un’identità digitale

Fin qui le azioni che afferiscono al soggetto e che rimandano al concetto più generale della “cura”. Lo stesso approccio occorre porre di fronte ai pericoli esterni: furto di identità, cyberbullismo… Da qui la necessità di acquisire una’adeguata consapevolezza dei rischi che possono compromettere l’identità digitale, attivando una serie di protezioni ( aggiornamenti del S.O. presenza di un antivirus ricco di funzioni, password complesse…), rifiutando “la richiesta di connessione” (=amicizia)…
Potrei continuare, ma ritengo di aver dato un’idea dell’impegno complesso che comporta la costruzione di un’identità digitale, che la scuola e la famiglia non possono ignorare. E’ in gioco il futuro dei nostri figli, categoria che rimanda necessariamente all’identità.

 

Pubblicato in Informatica, Tutti gli articoli | Contrassegnato , , | Commenti disabilitati su Formare l’identità digitale, la grande sfida!

Paolo Crepet cade in contraddizione

Paolo Crepet

Il noto psichiatra esprime una certa ambiguità sulla condizione e degli insegnanti.

Paolo Crepet ha rilasciato una nuova intervista. Si evidenzia una profonda contraddizione con un’altra di qualche giorno fa. Occorre che egli chiarisca da che parte si colloca rispetto alla nostra condizione.

Paolo Crepet l’ultima intervista

Paolo Crepet sta rilasciando diverse interviste. Non sempre rimandano ad un pensiero unitario. E’ il caso di quella pubblicata su tecnicadellascuola.it:
Dagli anni ’70 sono entrate le famiglie. E questo è stato un disastro, perché ognuno si sente alla pari di chi insegna da 30 anni”. Si entra nelle aule  e si inizia a sindacare sui voti, sul 4 o 5 al figlio o al nipote. Così si forma un insana competizione”. Negli anni è venuto a mancare il potere d’acquisto. Ai miei tempi il maestro era un signore. Oggi con 1200-1300 euro al mese l’insegnante è un poveraccio. Per cui le famiglie pensano che ‘quello non è un insegnante. E’ uno sfigato!”.

Paolo Crepet entra in contraddizione

La dichiarazione registra situazioni e rapporti che gli insegnanti vivono ogni giorno. Risulta, però  contraddittoria rispetto ad un’altra, commentata su questo blog e sintetizzata in questo passaggio: Gli insegnanti devono tornare a fare gli educatori, non gli istruttori” Scrivevo che il suddetto pensiero giustificava il demansionamento della nostra funzione, divenuto ormai  uno schema mentale diffuso. Di fronte a questa ricollocazione in un contesto valoriale senza istruzione, il giusto riconoscimento economico è quello criticato ( 1200-1500) da Paolo Crepet. Il noto psichiatra, inoltre, quando dichiara “La scuola deve tornare a produrre educazione, perché l’istruzione si può avere anche studiando a casa o in qualsiasi altro posto” offre una sponda a coloro che hanno sostituito il termine “insegnante” con “missionario”, “volontario dell’educazione”. Da qui la percezione di un profilo lavorativo ibrido, che favorisce l’indeterminatezza del proprio ruolo.  Lo step finale è quello di attribuire all’insegnanter il profilo di sfigato (Crepet).
Invito lo psichiatra che ben conosce la “fatica” e la complessità dell’essere umano e il difficile compito a formare “l’uomo e il cittadino” a chiarire il suo pensiero. Dopo potremo trarne le dovute conclusioni! Nella peggiore delle ipotesi, avremo un’ulteriore conferma del nostro declassamento. Quindi nulla di nuovo sotto il sole!

Pubblicato in Opinioni | Contrassegnato , , | Commenti disabilitati su Paolo Crepet cade in contraddizione

P.Crepet una conferma del nostro demansionamento

P. Crepet

L’intervista del noto psichiatra prospetta un preoccupante demansionamento dell’insegnante

P.Crepet noto psichiatra e molto presente nel talk-show. Con sconcertante sintesi, senza qualche ambiguità conferma il nostro ruolo nella società dell’iperconnessione. Ne usciamo male!

P. Crepet, l’intervista-verità

Su “Notizie” (Diocesi di Carpi) P. Crepet ha rilasciato un’intervista che esprime una convinzione  diffusa, anche se non sempre esplicitata, della nuova funzione del docente nella società 2.0 e iperconnessa. Ha dichiarato: “Siamo tutti impotenti di fronte a certe situazioni. Il fallimento della scuola nasce anche da questo. Non serve a niente sospendere gli studenti, mandarli a casa o bocciarli. Bisogna educarli, non mandarli a spasso quindici giorni. Gli insegnanti devono tornare a fare gli educatori, non gli istruttori – afferma lo psichiatra I ragazzi vanno educati, non istruiti. La scuola deve tornare a produrre educazione, perché l’istruzione si può avere anche studiando a casa o in qualsiasi altro posto. La scuola negli ultimi tempi è sembrata privilegiare unicamente la sua funzione di centro d’istruzione. L’educazione prevede delle regole. Se queste saltano, salta l’intero impianto. 

Il ruolo deprimente del docente

Diversi sono i messaggi! Fra tutti il demansionamento del docente, ridotto a educare senza istruzione. Se quest’ultima dimensione è assente, rimane solo la proposizione di un sistema di valori etici, ritenuti adeguati a definire il profilo del “bravo e onesto cittadino”. Caratteristiche ritenute un l’argine contro le barbarie dell’ego senza limiti. E chi meglio dei docenti, quasi sempre accostati al mondo del libro “Cuore”, può assolvere questo compito?
Questo approccio  leggero, privo di contenuti, è favorito dalla percezione storica di soggetti (=i docenti)  incapaci di trasmettere efficacemente istruzioni e abilità o dalla convinzione che l’istruzione sia un “bagaglio culturale” a bassa complessità. Quindi qualunque agenzia è in grado di trasmetterli. Da qui l’inutilità della scuola come soggetto che “forma l’uomo e il cittadino”
P. Crepet. probabilmente senza saperlo, cade nella “legge del pendolo” che ha caratterizzato la scuola, soprattutto quella primaria dal 1861 al 1985. In sintesi, le riforme e i programmi hanno oscillato sempre tra due estremi: istruzione ed educazione. L’uno escludeva l’altro e viceversa, in una contrapposizione che vedeva l’altro polo quasi “come un male assoluto”. L’intervista di P. Crepet, però va oltre la tradizione,  indicando l’educazione come dimensione pervasiva di tutto il ciclo scolastico, e non solo come “fondamento e coronamento” della scuola primaria.

Contrapposizione inutile e superata 

Lo sviluppo della psicologia costruttivistica (P. Ausubel) ha da tempo superato questa contrapposizione, individuando una  sintesi tra le due realtà.
In altri termini, “tutto è educazione”. Il compito della scuola non è quello di puntare all’educazione a 360°. All’istituzione scolastica è affidata una parte “di questa torta” alla quale deve dare una forma attraverso la proposizione di modelli  in grado di leggere e sviluppare l’umano e interagire con la realtà circostante. E’ sempre stato così. Mi auguro che lo sia in futuro. Diversamente è consigliabile “chiudere la scuola”!

Pubblicato in Opinioni | Contrassegnato , , | Commenti disabilitati su P.Crepet una conferma del nostro demansionamento

Le classi pollaio e l’assenza della profondità pedagogica

 

Classi pollaio

Le classi pollaio sono un esempio del pensiero post-moderno che ha espulso il futuro

Le classi pollaio sono l’espressione di una “visione corta” che nulla a che fare con la formazione della persona e del cittadino (Costituzione). È il limite del finanzcapitalismo (L. Gallino) che ha colonizzato anche la scuola. Senza una fuoriuscita da questa prospettiva, esiste solo la fine della scuola!

Le due dimensioni delle classi pollaio 

Il fenomeno delle classi pollaio presenta due dimensioni: legislativa e pedagogica.
La prima riguarda la decisione politica (scellerata) di un Paese che decide di introdurre con una norma un tipo di organizzazione che risponde al criterio economico dell’ottimizzazione. La legge 133/08 e il conseguente D.M. 81/09 rappresentano l’esemplificazione del finanzcapitalismo (L. Gallino) che ha portato, tra l’altro, alla formalizzazione delle classi pollaio. Operazione riuscita, grazie alla riduzione del personale docente ( 87.000) e all’innalzamento di un punto nel rapporto medio studenti/insegnante.
Gli effetti sono facilmente registrabili. E’ sufficiente leggere e informarsi sugli atti normativi prodotti.

La miope visione delle classi pollaio

Quello che, invece sfugge sono gli effetti sulla formazione dell’uomo e del cittadino. Il piano pedagogico sfugge ad una misurazione oggettiva e circoscritta, in quanto la sua natura di processo favorisce la sua “distribuzione nel tempo” degli effetti.
Con le classi pollaio si è prodotta una scissione tra lo strumento e il fine “pedagogico alto”.  La scelta di una pedagogia minimale, povera e quasi priva di qualità, riduce la persona ad un ente, (M. Heidegger) ridotto a bagaglio di conoscenze che difficilmente possono divenire significative (Ausubel), impedendo la costituzione di una memoria profonda. Solo la presenza di quest’ultima favorisce un’identità solida, contrapposta a quella liquida, spesso prodotto di “flussi di sensazioni” (D. Hume), cifra dell’ “io minimo” (C. Lacash).
L’identitá matura si declina con la visione lunga e profonda che riguarda l’uomo come
pro-getto (=gettato avanti). Tutto ciò ha il suo sbilanciamento sul futuro. Non a caso si parla di sviluppo!
Ha senso parlare ancora di scuola, istituzione che guarda al futuro, in un contesto che ha reso privo di significato la prospettiva, la visione?

Pubblicato in Classi pollaio | Contrassegnato , , | Commenti disabilitati su Le classi pollaio e l’assenza della profondità pedagogica

“La manovra del popolo” penalizzerà la scuola?

"La manovra del popolo"

“La manovra del popolo” dovrà essere finanziata anche dalla scuola?

“La manovra del popolo”, aggiungo “per il popolo” richiede tante risorse. Quindi non mi meraviglio se la scuola sarà chiamata a fare la sua parte.  Le conseguenze.

“La manovra del popolo” richiede tante risorse

L’altro ieri è stato aggiornato il Def 2019-21. Il documento definisce la “cornice”. Il dipinto, fatto di particolari, sarà proposto attraverso la  legge di Bilancio (ottobre).
Quali sono i grandi numeri contenuti nel Def? I quotidiani parlano di 27 miliardi di € in deficit su un totale di 40 miliardi.  Serviranno a finanziare le riforme-spot del reddito di cittadinanza, della flat-tax e la modifica della sciagurata riforma Fornero.

La scuola sarà chiamata ad un altro sacrificio?

Troppo presto per affermare che la scuola sarà chiamata a contribuire all’attuazione della “manovra del popolo”. Al momento è un’ipotesi, anche se, molto concreta. Occorrerà attendere la legge di Bilancio 2019  e leggere i contenuti. Da qui si capirà “il peso politico” della scuola nel governo del cambiamento. In altri termini, si comprenderà se l’istruzione sarà considerata una risorsa da finanziare o un bancomat.

Quali le conseguenze sulla scuola?

Se ci sarà il coinvolgimento della scuola, allora il probabile scenario-2019 sarà il seguente:
1) mancata conferma dell’elemento perequativo per gli stipendi più bassi;
2) slittamento “sine die” del nuovo contratto 2019-21 e quindi sconfessione della promessa di Luigi Di Maio di adeguare gli stipendi degli insegnanti alla media europea;
3) mantenimento delle classi pollaio. La loro abolizione  ha un costo;
4) la sicurezza degli edifici scolastici dovrà fare affidamento unicamente sulle risorse già stanziate;
5) cancellazione del bonus merito e Carta docente.
Ovviamente l’elenco è molto più lungo.
Mi chiedo: quanto la scuola potrà andare avanti con il carburante sempre in  riserva?

Pubblicato in Opinioni | Commenti disabilitati su “La manovra del popolo” penalizzerà la scuola?

Corso GDPR e Privacy a scuola

Corso GDPR

Un’altra proposta molto utile per gli operatori scolastici che devono fare i conti con la Privacy

Corso GDPR e scuola. Altra proposta utile e gratuita.
Le istituzioni pubbliche e il settore pubblico gestiscono una moltitudine di dati. Molto spesso questi devono essere protetti. Con l’EIPASS GDPR Scuola si potranno acquisire le nozioni fondamentali per essere in regola con l’applicazione del Regolamento UE 679/2016. La proposta è rivolta anche i gestori dei siti scolastici che pubblicizzano video, slideshow  che documentano attività e progetti legati al Ptof.
La proposta formativa rilascia una certificazione di “peso” e valida per l’obbligo formativo.
Proposta formativa

Pubblicato in Formazione, Tutti gli articoli | Commenti disabilitati su Corso GDPR e Privacy a scuola

Cittadino digitale una piattaforma per diventarlo

Cittadino digitale

Cittadino digitale un’opportunità formativa da cogliere al volo. Online e gratuita

Un percorso diversificato per alunni, docenti e genitori, mirato all’educazione civica digitale e alla prevenzione del cyberbullismo. E’ questo il servizio, gratuito e online, realizzato dallo staff di Identità Digitale Defender e rivolto a tutte le scuole di ogni ordine e grado d’Italia. Il progetto è unico e innovativo sia dal punto di vista dei contenuti che dell’interazione. Si parla di sexting, di troll, di furto d’identità, di come poter prevenire i fenomeni legati ad un utilizzo errato del web ma anche di come poterli contrastare, il tutto con: un linguaggio adeguato all’età dell’alunno; la giusta assistenza tecnica e psicologica e attraverso un percorso interattivo e fruibile da tutti i dispositivi.

Per accedere:
Cliccare su scuola 4.0 e poi scegliere il percorso. Ovviamente occorrerà registrarsi

Percorso formativo

Pubblicato in Formazione | Contrassegnato , , | Commenti disabilitati su Cittadino digitale una piattaforma per diventarlo

Classi pollaio, finalmente qualcosa si muove!

Classi pollaio

Finalmente abbiamo un disegno di legge parlamentare. Si faccia presto!

Classi pollaio, finalmente  è stato presentato un disegno di legge da parte del M5S. Non sarà facile farlo approvare! Esiste, però una soluzione!

Classi pollaio una proposta di legge

Classi pollaio, dopo tante discussioni e una uscita infelice del Ministro Bussetti (audizione del 1 agosto 2018), abbiamo un disegno di legge. Preoccupa che la proposta sia stata firmata da alcuni deputati del M5S e non sia di iniziativa governativa. La conferma di un certo disinteresse da parte del governo e del Ministro Bussetti?
In sintesi: si prevedono classi con 22-23 alunni senza diversamente abile. In caso di sua presenza si scende a 20 alunni. E’ sostanzialmente la proposta L.I.P.!
L’elemento interessante della proposta di legge è la quantificazione dei costi: “338.500.000 euro per l’anno 2019, a 1.180.000.000 di euro per l’anno 2020, a
1.715.100.000 euro per l’anno 2021 e a 2.130.000.000 di euro a decorrere dall’anno 2022” Seguono le indicazioni per le coperture.
Sarà un cammino lungo e difficile, tenendo presenti i costi anche se coperti. Purtroppo Il Parlamento non è sempre propenso a votare provvedimenti di spesa, quando si tratta dell’istruzione!

Un suggerimento per un rapida approvazione

Aggiungo: perché non inserirla nella legge di Bilancio (proposta Anief) come fece la Gelmini con la sua riforma? Questa, infatti, costituì una parte di una legge importante (L.133/08), divenendo in tempi brevi norma dello Stato italiano. La decisione, inoltre, esprimerebbe la volontà, soprattutto del governo,  di realizzare un punto importante del suo programma per la scuola.

Pubblicato in Tutti gli articoli | Contrassegnato , , | Commenti disabilitati su Classi pollaio, finalmente qualcosa si muove!

L’abolizione delle classi pollaio è la priorità di questo governo

L'abolizione delle classi pollaio

L’abolizione delle classi pollaio fa parte del contratto di governo. Nel documento è presentata come una priorità.

L’abolizione delle classi pollaio è la priorità di questo governo. È scritto nel programma di governo. Il problema risiede nelle coperture economiche. Operazione facilitata dal calo demografico.

Abolizione classi pollaio cosa si legge nel contratto di governo

Diversi esponenti dell’attuale governo ripetono che il programma è il loro punto di riferimento. E’ presentato, infatti, come un contratto che impegna l’esecutivo a perseguire gli obiettivi inseriti nel documento. Esprime, tuttavia, una sintesi dei programmi elettorali del M5S e della Lega. Il carattere “ibrido”(=sintesi) ovviamente ha comportato un taglio di quei contenuti non condivisi (ad esempio l’abolizione della Riforma Gelmini “senza se e senza ma”).
Fatta questa necessaria premessa, si legge nel contratto (sezione scuola)” Per far ciò occorre ripartire innanzitutto dai nostri docenti.
In questi anni le riforme che hanno coinvolto il mondo della scuola si sono mostrate insufficienti e spesso inadeguate, come la c.d. “Buona Scuola”, ed è per questo che intendiamo superarle con urgenza per consentire un necessario cambio di rotta, intervenendo sul fenomeno delle cd. “classi pollaio”, dell’edilizia scolastica, delle graduatorie e titoli per l’insegnamento.

Abolizione classi pollaio, prima di tutto

Ne consegue la priorità dell’abolizione delle classi pollaio. Il resto (chiamata diretta, alternanza scuola/lavoro…), pur importante viene dopo ! Il ministro ne ha parlato poco. A mio parere in modo superficiale con questa dichiarazione (audizione 1 agosto 2018) :”la media classi/alunni, a livello nazionale, è di 21,1 alunni per classe. In qualche caso  si sono verificate situazioni per le quali, vuoi per iscrizioni avvenute anche dopo i termini previsti, vuoi per taluni indirizzi di studio particolarmente specializzanti, e al solo fine di accontentare il più possibile le famiglie e gli alunni, potrebbe essersi verificato il caso della costituzione di singole classi numerose”

Il Ministro Bussetti è vincolato dal programma

La personale convinzione del Ministro, però non può divenire il criterio-guida del suo operato. Il programma rappresenta un vincolo per Marco Bussetti! Egli è l’interfaccia di questo contratto! Quindi il Ministro agisca di conseguenza come espressione di un cambiamento promesso che deve iniziare dall’aula. Il cuore del sistema formativo è qui! Quest’ambiente è frequentato dagli utenti del servizio scolastico, senza i quali quest’ultimo non ha ragion d’essere! E’ qui che si forma “la persona e il cittadino” (Costituzione della Repubblica italiana) costituite da capacità, competenze, relazioni emozioni, sentimenti, gravemente compromessi dalla scellerata ed estranea organizzazione delle classi pollaio (D.M.81/09) e superpollaio (Legge di stabilità 2015 art. 1 comma 333).
Sono consapevole che l’abolizione di queste mostruosità pedagogiche necessità di risorse economiche, in parte già coperte, grazie alla significativa diminuzione degli alunni che “fra cinque anni potrebbe attestarsi sulle 361mila unità e fra 10 anni sulle 774mila unità” (Istat,2017).
Quindi si proceda “senza se e senza ma” con questa priorità per il bene dei nostri ragazzi e del futuro del nostro Paese.

 

Pubblicato in Classi pollaio | Contrassegnato , , | Commenti disabilitati su L’abolizione delle classi pollaio è la priorità di questo governo

Governatore Visco e la riserva di carburante per l’istruzione

Il governatore Visco

Un’autorevole conferma di un disastro educativo. Il governo del cambiamento riuscirà ad invertire la rotta?

Il governatore Ignazio Visco ha rilasciato una dichiarazione molto preoccupante sull’istruzione. Il nuovo governo riuscirà ad invertire la rotta? Lo sapremo presto.

Il governatore Ignazio Visco, conferma lo stato di coma dell’istruzione

Due giorni fa il governatore della Banca d’Italia è intervenuto. Ha dichiarato: “La spesa pubblica per istruzione è intorno al 4 per cento del Pil – osserva – molto più bassa che nella media dell’area dell’euro. l’Italia risulta agli ultimi posti tra i Paesi sviluppati per le competenze della sua forza lavoro”, divario che “è pronunciato anche con riferimento all’ attività di ricerca e sviluppo”.

Il grafico aiuta a comprendere meglio

Fin qui nulla di nuovo! Viviamo in un contesto dove le rappresentazioni risultano più efficaci delle parole. Quindi ecco il grafico del nostro “disastro educativo, espressione di una miopia culturale, schiacciata sul presente:

L’istruzione è una macchina  cronicamente in riserva

Questa è la situazione! L’istruzione è una macchina che da anni si muove solo in riserva. Durante l’anno si ferma per l’impossibilità di rispondere alle esigenze formative (ad es. assegnazioni dei docenti e conseguente formazione classi pollaio). I rabbocchi annuali le servono sono per assolvere al minimo i suoi compiti.  La situazione è il risultato di riforme che si sono preoccupate “delle compatibilità economiche” (Riforma Gelmini 2008) o di completare il processo di aziendalizzazione del sistema scolastico, esaltando l’apparire piuttosto che l’essere (“La Buona Scuola”).

#cambioverso o conferma dello stato comatoso

L’attuale governo ha la possibilità di effettuare una “conversione”, a beneficio di formazione dell’uomo e del cittadino (Costituzione della Repubblica). Sicuramente l’obiettivo non potrà essere raggiunto con gli annunci e le dichiarazioni (M. Bussetti) o con la speranza di uno status quo (sempre M.Bussetti), ma con risorse fresche.
Si legge nel contratto del governo M5S-LegaIn questi anni le riforme che hanno coinvolto il mondo della scuola si sono mostrate insufficienti e spesso inadeguate, come la c.d. “Buona Scuola”, ed è per questo che intendiamo superarle con urgenza per
consentire un necessario cambio di rotta, intervenendo sul fenomeno delle cd. “classi pollaio”, dell’edilizia scolastica, delle graduatorie e titoli per l’insegnamento. Aggiungo la chiamata diretta e la revisione dell’alternanza scuola/lavoro.
Interessante la priorità data all’abolizione delle classi pollaio. Il resto viene dopo.
Pertanto il progetto è già definito. La sua realizzazione necessità, però di risorse fresche. Sarà in grado il governo di reperirle? Nonostante la flat tax, il reddito di cittadinanza e la riforma della legge Fornero? Lo sapremo presto, tra meno di un mese con la presentazione della legge di bilancio 2019

Pubblicato in Tutti gli articoli | Contrassegnato , , | Commenti disabilitati su Governatore Visco e la riserva di carburante per l’istruzione

Legge di bilancio la prova della verità per il Ministro Bussetti

La legge di bilancio 2019

Dalla legge di bilancio 2019 comprenderemo i veri pensieri della nuova politica verso la scuola

La legge di bilancio costituirà il banco di prova del Ministro Bussetti. Capiremo se le dichiarazioni e le interviste di questi mesi sono state parole al vento o altro. Il mondo della scuola attende.

La scuola ideale del Ministro

In questi mesi il Ministro ha rilasciato molte interviste, ha fatto dichiarazioni. L’impressione non è positiva! Molti passaggi farebbero contenti i teorici della pedagogia, essere utili in qualche convegno o corso di aggiornamento… In altri termini, le idee espresse richiamano una scuola ideale, fuori dal tempo. L’ultimo esempio è il discorso del Ministro all’inaugurazione del nuovo anno scolastico. Ha detto:” Ciascuno di noi ha bisogno di connettersi con una comunità – ha spiegato il Ministro Marco Bussetti, rivolgendosi ai ragazzi nel suo discorso di saluto -. La più importante di queste comunità è la scuola, dove il valore di ciascuna componente aumenta il suo significato grazie al confronto con gli altri. Cari ragazzi, la scuola è la vostra casa. Un luogo da vivere sempre, anche oltre l’orario delle lezioni. In cui stringere relazioni. Un luogo dove studiare, faticare, ridere, fare sport, suonare uno strumento, costruire amicizie e anche innamorarsi. Una finestra aperta sul mondo. Immagino e voglio per voi una scuola in cui al centro ci sia un rapporto vero, umano, tra chi insegna e chi apprende. Tra tutte le componenti. La scuola, ricordatelo per sempre, è la vostra alleata. E chi lavora nella scuola lavora per il vostro bene

La legge di bilancio 2019, il banco prova

Ho l’impressione che “l’accelerazione delle parole”, nasconda la consapevolezza del Ministro che non potrà ottenere quelle risorse fresche per un “#cambioverso” sostanziale  (abolizione delle classi pollaio, nuovo contratto…). L’ipotesi non è più tale, dopo quanto ha dichiarato al giornalista M. Giannini (“Credo proprio che tagli alla pubblica istruzione non ce ne saranno).
Comunque ogni dubbio sarà sciolto tra un mese circa, quando il governo passerà dalle parole ai fatti. Questi rimanderanno alla legge di bilancio 2019 che rivelerà “i pensieri nascosti del nuova politica” verso la scuola. Facilmente potremo applicare il criterio della proporzionalità diretta. Il valore zero si declinerà nell’invarianza di spesa, improvvidamente auspicata dal Ministro. Il conseguente stato di quiete o di calma piatta  danneggerà ulteriormente la scuola, dopo anni di prelievo forzoso (Riforma Gelmini, riduzione del MOF e quindi dellla sottovoce FIS, sospensione della copertura contrattuale…), decretandone la conclusione dell’attuale forma storica. Probabilmente quella seguente sarà caratterizzata da assistenzialismo, ben nascosto dietro qualche attività didattica di basso profilo. Pessima prospettiva!

Pubblicato in Opinioni, Tutti gli articoli | Contrassegnato , , | Commenti disabilitati su Legge di bilancio la prova della verità per il Ministro Bussetti

La morte per un selfie, la pessima gestione del Nulla

La morte per un selfie

Una brutta storia, finita nel peggiore dei modi. Una riflessione filosofica.

La morte per un selfie. Protagonista un ragazzo. Dispiace tanto! Un pessimo esempio di gestione del Nulla.

Il fatto

Milano, sabato sera. Un ragazzo di 15 anni cade in una condotta di aerazione del centro commerciale ‘Sarca’, in via Milanese. Ed è morto. Era salito per farsi un selfie e l’incidente è  avvenuto  per sfuggire ai vigilantes.

Una riflessione  sulla condizione di tanti ragazzi

Dispiace tanto! Il sentimento però non può impedire una riflessione.
Scriveva M. Heidegger: ” Il nichilismo. Non serve a niente metterlo alla porta, perché ovunque, già da tempo e in modo invisibile, esso si aggira per la casa. Ciò che occorre è accorgersi di quest’ospite e guardarlo bene in faccia
I nostri ragazzi sono fortemente condizionati dall’insignificanza, dal Nulla che li circonda. Questa condizione  caratterizza  il loro presente, divenuto ingombrante e onnicomprensivo dell’esistenza umana. Il futuro è tramontato! E’ una categoria priva di significato, in quanto la prospettiva è stata nullificata. Da qui non è azzardato affermare che il nichilismo è la cifra dei nostri ragazzi(e non solo). Entra nei loro pensieri, sentimenti ed emozioni. Tutto diventa liquido e quindi da vivere nel breve istante, Preferibilmente in modo iperbolico, esagerato, estremo. Non esiste il pro-getto ( l’esser-ci gettato avanti). Tutto ruota intorno al frammento, che insieme ad altri non riescono a ricondurre ad una prospettiva di senso.
Il selfie estremo è il tentativo di uscire dall’insignificanza, fissando in un’istantanea la propria esistenza. L’obiettivo è  trasferire se stessi in una dimensione dove il divenire e  il conseguente Nulla rimangono fuori  dalla porta.

L’insegnamento di F. Nietzsche

Per sfuggire a questa logica di “nichilismo passivo” (F. Nietzsche) è necessario perseguire quello attivo. Secondo il filosofo della “morte di Dio” questo è il compito dell’ultra-uomo che deve costruire una prospettiva “fedele solo alla terra” e fondata sulla distruzione dei valori che hanno caratterizzato la civiltà giudaico-cristiana. Compito impossibile per i ragazzi, non per gli adulti che hanno fallito in questa impresa, lasciando soli i nostri ragazzi a gestire una  realtà troppo complessa.

 

Pubblicato in Opinioni, Tutti gli articoli | Contrassegnato , , | Commenti disabilitati su La morte per un selfie, la pessima gestione del Nulla

Enrico Letta, dimentica l’operato del suo governo

Enrico Letta

La dichiarazione di E. Letta non fa una piega. Ha un limite: non è autorevole!

Enrico Letta rilascia un’intervista puntando il dito contro la “Buona Scuola” e la scarsa considerazione del governo attuale. Dimentica, però l’operato del suo governo

La dichiarazione di Enrico Letta

L’ex premier Enrico Letta ha rilasciato un’intervista. Ha detto:”Se il presidente del Consiglio nel discorso di insediamento non ha citato la scuola una volta, se la scuola nella scorsa legislatura è stato un casino totale, io sono preoccupato. Oggi la competenza è doppiamente necessaria”

Lo sfondo della dichiarazione di E.Letta

La dichiarazione è l’ultimo esempio di una comunicazione che ha come suo riferimento l’individuo dalla memoria breve, dove le informazioni durano un battito d’ali di farfalla. La  brevità rappresentativa impedisce il loro approfondimento. E questo significa  azzeramento della capacità critica e riflessiva delle persone, e quindi l’impossibilità per l’informazione di diventare conoscenza. Tutto questo definisce “l’uomo in superficie” (V. Andreoli,.

La sudditanza del governo Letta verso la Riforma Gelmini

La premessa era necessaria. E. Letta dimentica infatti, la sudditanza del suo governo (2013-14) verso la Riforma Gelmini (2008-09), il più devastante intervento sulla scuola. L’impegno del suo esecutivo si limitò ad applicare la “tecnica del cacciavite”, finalizzata a migliorarne l’efficacia del provvedimento. La Ministra Carrozza tentò di liberarsi dalla morsa mortale del criterio liberista di “trovare le necessarie coperture”, dichiarando a Radio 24 (maggio 2013) ” O ci sono dei margini per un  reinvestimento nella scuola pubblica oppure devo smettere di fare il Ministro dell’Istruzione”. Risultato: zero! Il governo Letta sostanzialmente sarà ricordato per un esecutivo “tranquillo”. Senza acuti!
Quindi ritengo che E. Letta non abbia l’autorevolezza per “bacchettare” altri sulla scuola.

Pubblicato in Governo | Contrassegnato , , | Commenti disabilitati su Enrico Letta, dimentica l’operato del suo governo

Ministro Bussetti, l’obiettivo è la calma piatta!

Ministro Bussetti

Il Ministro presenta la sua prospettiva. Niente futuro!

Il Ministro  Bussetti ormai è entrato nella piena annuncite. Come i suoi predecessori!  Tra le righe, però si può comprendere la prospettiva: la calma piatta!

La dichiarazione del Ministro

Il Ministro Bussetti ha dichiarato a M. Giannini:”Credo proprio che tagli alla pubblica istruzione non ce ne saranno“.

Il ruolo di sudditanza dell’istruzione

La dichiarazione, come altre, esprime una speranza. Si comprende, però, quale sia l’effettivo ruolo dell’istruzione. Ho sempre dichiarato che il vero Ministro dell’Istruzione è il Responsabile del Mef. La funzione di sudditanza ha origini lontane e deve essere inserita nel contesto del “finanzcapitalismo”, che considera l’istruzione un peso, una spesa. Il punto più alto  di questa visione è stato espresso con il governo Berlusconi IV (2008-11), che attuò un prelievo forzoso di 8 miliardi di €. Quindi nulla di nuovo!

Calma piatta per l’istruzione?

La suddetta dichiarazione però, a differenza di altre, presenta una prospettiva: nessun taglio per l’istruzione! Punto. E’ sicuramente una buona notizia, se teniamo conto dello “tsunami economico” che l’amministrazione pubblica subirà, per finanziare flat tax, reddito di cittadinanza e riforma della legge Fornero.
L’obiettivo però prospetta uno stato di conservazione! La calma piatta dell”occhio del ciclone, mentre intorno la natura fa i suoi danni.
La scelta non comporta investimenti! Solo questi possono creare le premesse per lo sviluppo del Paese!
Se l’auspicio del Ministro sarà formalizzato, questo governo sconfesserà “#ilcambioverso” annunciato in campagna elettorale e nel suo programma.  Al riguardo di quest’ultimo, ricordo che l’esecutivo si è impegnato ad abolire le classi pollaio, dando reale sostanza al principio di una scuola inclusiva. L’operazione ha dei costi, anche se minori, grazie al calo del numero degli alunni.
Se il governo confermerà la scelta di mantenimento dello status quo per l’istruzione, questa prenderà il binario che la porterà verso il Nulla. In altri termini, la scuola chiuderà! Nella migliore delle ipotesi, diventerà una sorta di parcheggio con poche attività che avranno il compito di nascondere il cambio di funzione. Poveri noi!

Pubblicato in Opinioni | Contrassegnato , , | Commenti disabilitati su Ministro Bussetti, l’obiettivo è la calma piatta!

GDPR, il problema non è il consenso del minore

GDPR

Il problema non è il consenso, ma l’impegno a curare la propria identità.

Il GDPR ( regolamento europeo sulla protezione dei dati) e il decreto di adeguamento (101/18) legittimano il consenso del minore al trattamento dei dati personali. L’atto comporta un impegno per il futuro.

Il GDPR e il decreto danno fiducia al minorenne

Il GDPR e il decreto nazionale di adeguamento al trattamento dei dati personali(101/18), esprimono un atto di fiducia verso il minore. In altri termini, egli entra nella maggiore età, perché può gestire autonomamente la propria identità digitale, esprimendo il consenso al trattamento dei propri dati personali.
Si legge nel GDPR (art. 8 comma 1):”per quanto riguarda l’offerta diretta di servizi della società dell’informazione ai minori, il trattamento di dati personali del minore è lecito ove il minore abbia almeno 16 anni. Ove il minore abbia un’età inferiore ai 16 anni, tale trattamento è lecito soltanto se e nella misura in cui tale consenso è prestato o autorizzato dal titolare della responsabilità genitoriale.”
Il decreto di adeguamento nazionale fissa in quattordici anni l’inizio della maggiore età digitale, uniformando il GDPR al codice penale ( art. 97)  e alla legge per il contrasto al cyberbullismo (L.71/17).

Il consenso è facile, “il bello viene dopo”

Ora Il consenso non comporta difficoltà. E’ sufficiente leggere le condizioni “della società dell’informazione” (Facebook, Instagram, WhatsApp…) e firmare. E’ necessario, invece, che il ragazzo divenga consapevole che il  consenso comporta un impegno nella cura della sua identità integrata. Questa infatti è costituita da un mix di reale e virtuale. I due profili non sono separati. Sempre più ibridi (ancora per poco?), si “contaminano” frequentemente. Non a caso L. Floridi sostiene che il nostro esser-ci ( M. Heidegger) sia “.onlife”
A differenza di quella reale, la nostra identità virtuale è immortale. I nostri dati personali rimarranno nel Web. Per sempre!  Fisseranno il nostro profilo! Non potremmo cambiarli, anche se nel frattempo la vita nel suo divenire ci farà essere “altro”, rispetto al nostro passato. Ad esempio, “questa documentazione” depositata nel Web  potrà favorire o compromettere le nostre possibilità lavorative (già oggi molte aziende fanno ricerca nel Web, prima di assumere).

“La saggezza digitale” del ragazzo

M. Prensky parla sempre più di “saggezza digitale”. Usa sempre meno l’altra sua espressione di “nativo digitale”. Nel caso specifico per il ragazzo l’entrata nella maggiore età digitale, deve comportare un cambio di prospettiva temporale.  E’ necessario che egli sia  capace saggiamente di anticipare il futuro, curando la propria immagine digitale immortale con puzzle ( immagini, video, testi…), che già oggi possono confermare i rapporti “de visu” e un domani essere utili per il lavoro.  Il   riversamento  nella realtà,  risulterà sicuramente positivo e proficuo se la  percezione del  profilo digitale  si avvicinerà  all’essere della persona. Non dimentichiamo che ogni relazione, soprattutto quella virtuale, si basa essenzialmente sul sentire. Solo l’approfondimento, che ancora oggi avviene “occhi negli occhi”, può svelare la profondità del nostro essere. Questo momento però, non può essere imposto.

La “saggezza digitale” una “mission impossible”?

Non è difficile comprendere che l’impresa per un quattordicenne è quasi una “mission impossible”. E qui entra in gioco il ruolo  dell’adulto, che dovrà ricoprire il compito di guida (il futuro)  e di compagno (il presente come contesto che anticipa il futuro).

 

Pubblicato in GDPR | Contrassegnato , , | Commenti disabilitati su GDPR, il problema non è il consenso del minore

Ministro Bussetti, i motivi di un’attenzione alle increspature

Ministro Bussetti

Le dichiarazioni del Ministro rispondono ad una precisa strategia comunicativa. Ci aiuta N. Chomsky

Il Ministro Bussetti sta dando molta importanza a dettagli secondari, se non terziari del sistema scolastico. Dietro c’è una ragione. Chomsky ci aiuta a comprendere la strategia comunicativa del Ministro.

Il Ministro Bussetti, persona d’altri tempi?

Il Ministro Bussetti ha attribuito un certo valore alla presenza degli armadietti, dei grembiuli “fino alle medie” e per finire al volontariato degli insegnanti. Un bel quadretto d’altri tempi. Molto vicino al profilo da “libro Cuore“.

La strategia comunicativa del Ministro apparentemente incomprensibile

Sono sempre stato convinto che, eccetto pochi casi, le dichiarazioni o le interviste di un Ministro rispondono ad una determinata strategia. Dietro il responsabile di un dicastero ci sono persone  esperte in comunicazione. L’apparente estemporaneità e semplificazione, che in questo caso rimandano agli armadietti e ai grembiuli, assolvono un compito. L’attenzione alle “increspature del mare” servono a distrarre dai problemi reali non risolvibili per mancanza di fondi, a parlare al bambino che è in noi e alla nostra sfera emotiva.

N. Chomsky, riesce ad “osservare la foresta e non l’albero”

In sintesi ho tenuto presente N. Chomsky. Egli ha elaborato un decalogo della comunicazione post-moderna che gli studiosi applicano soprattutto in politica. Il riferimento è un soggetto liquido, direi liquefatto, costituito da “un fascio di sensazioni” (D. Hume).

Le tre regole di N.Chomsky, seguite dal Ministro Bussetti

Ora tre regole della manipolazione mediatica possono essere applicate alle dichiarazioni del Ministro Bussetti.Scrive N. Chomsky:”
1-La strategia della distrazione
Consiste nel deviare l’attenzione del pubblico dai problemi importanti attraverso un fiume di informazioni irrilevanti.
“Mantenere l’Attenzione del pubblico deviata dai veri problemi sociali, imprigionata da temi senza vera importanza. Mantenere il pubblico occupato, occupato, occupato, senza nessun tempo per pensare, di ritorno alla fattoria come gli altri animali
5- Rivolgersi al pubblico come ai bambini
“Se qualcuno si rivolge ad una persona come se avesse 12 anni o meno, allora, in base alla suggestionabilità, lei tenderà, con certa probabilità, ad una risposta o reazione anche sprovvista di senso critico come quella di una persona di 12 anni o meno”
6- Usare l’aspetto emotivo molto più della riflessione
Sfruttare l’emozione è una tecnica classica per provocare un corto circuito su un’analisi razionale e, infine, il senso critico dell’individuo.

 

 

 

 

 

Pubblicato in Ministro bussetti | Contrassegnato , , | Commenti disabilitati su Ministro Bussetti, i motivi di un’attenzione alle increspature

Generazione Hikikomori e il rifiuto della vita reale

Generazione Hikikomori

Generazione Hikikomori, la sindrome di “morire al mondo” per rinascere in un mondo virtuale, fatto a propria immagine e somiglianza

Generazione Hikikomori, sempre connessi e quindi progressivamente estranei alla vita reale. Gli scenari e le responsabilità

Nativi digitali, l’equivoco del loro profilo

Spesso i nostri ragazzi sono definiti “Nativi digitali”. La felice definizione è di M. Prensky 1999),  rimanda unicamente a una condizione temporale. Pertanto non si identifica con la competenza digitale che in molti casi è assente. Sono i genitori a cadere nella trappola dell’identificazione. La causa è la loro formazione analogica che li porta ad esaltare il digitale che non comprendono, confondendo lo smanettare o la conoscenza di qualche procedura con la competenza.

I Nativi digitali, qualche dato

Fatta questa premessa, una breve considerazione e qualche dato. Siamo entrati in un contesto dove  tutto il Web in chiaro (indicizzato dai motori di ricerca), il Deep Web e i suoi sviluppi più profondi e oscuri (Dark Web) fanno parte del nostro quotidiano. E’ errato definire questo contesto e di conseguenza i dispositivi come nuovi. Sono il presente! Non il futuro!. Questo ha portato ad una nuova configurazione esistenziale: la vita reale (offline) entra sempre più in relazione con quella virtuale (online). I due piani sono divenuti più sfumati, tanto che lo studioso L.Floridi(2017), definisce la nostra esistenza onlife.
Tutto questo è esponenzialmente presente nei nostri ragazzi. Secondo una ricerca di Telefono Azzurro(Il tempo del Web: Adolescenti e genitori online, 2016)   “Se gli adolescenti fossero piante, la loro linfa vitale sarebbero gli smartphone. Bambini e adolescenti sono abituati ad utilizzare le nuove tecnologie fin da piccoli per giocare, comunicare, tenersi aggiornati, imparare, fare acquisti…Essere online è uno status: quando sono a scuola chattano con amici per organizzare la prossima partita a calcetto o l’uscita del sabato pomeriggio, appena tornano da scuola scrivono ai compagni che hanno salutato soltanto un’ora prima: anche quando non stanno facendo niente, controllano l’ultima notifica su Facebook o scaricano – e inviano – l’ultimo video divertente.”

La deriva della generazione Hikikomori

Questa è generalmente la situazione che rimanda ad un tipo di alfabetizazione, che come scrivevo sopra, sta progressivamente abbattendo il confine tra le due vite (off e online).
Una pericolosa deriva è la sindrome Hikikomori che sta progressivamente coinvolgendo i nostri ragazzi. I sintomi: la propria stanza come ambiente vitale prevalente, la rarefazione di rapporti reali con i pari, l’assenza di dialogo in famiglia, la riduzione delle capacità emotive e ed empatiche…
Spesso sottovalutato o ignorato dai genitori, perché sono assenti comportamenti di rilevanza sociale, rimanda ad una condizione di inadeguatezza rispetto alla complessità della realtà. La soluzione è il ritiro dalla vita reale e la conseguente immersione in un contesto  virtuale e immaginario,  fatto di videogames e giochi di ruolo . Il controllo si realizza nella scelta degli ambienti virtuali, del tempo di permanenza in ognuno di essi, nella scelta degli interlocutori. Si è liberi di postare qualunque cosa, aiutati anche dall’assenza del corpo che nella vita reale può consolidare o tradire le parole. La liquidità è il paradigma di questo contesto, dove l’assenza di futuro è occupato dal “qui e ora”.

La generazione Hikikomori lontana dalla “saggezza digitale”

La decisione di uscire dall’ inferno della complessità reale per entrare in un surrogato di paradiso, è sideralmente lontano dal principio della saggezza digitale (2009), ipotizzata da M. Prensky. Egli ipotizza “l’uso avveduto e critico delle tecnologie” per migliorare la propria esistenza, costituita ancora da una parte offline, anche se ibrida.

La mancanza della parola e la responsabilità dei genitori

La decisione di rifugiarsi nel “paradiso virtuale” è favorito anche dalla mancanza di “discorsi e parole” in famiglia. La frattura intergenerazionale che rimanda a solitudini, a “monadi senza finestre”, favorisce nei ragazzi la ricerca di ambienti dove è in qualche modo ascoltato e considerato. la suddetta condizione apre al fenomeno del cyberbullismo, del grooming (adescamento erotico online), dei siti pedopornografici, che caratterizzano il Dark Web.
E’ necessario che la comunità degli adulti ( genitori, docenti) si “riprenda i propri ragazzi”. anteponendo questa scelta a qualunque altro criterio di tipo economico, sociale o culturale. Difficile, ma non impossibile.

Pubblicato in Nativo digitale | Contrassegnato , , | Commenti disabilitati su Generazione Hikikomori e il rifiuto della vita reale

La scuola dimenticata? Forse, probabilmente…

La scuola dimenticata

La scuola dimenticata? Le prime indiscrezioni sembrano confermare la peggiore delle ipotesi.  Il governo ha smarrito il cambiamento.

La scuola dimenticata, sembra che si sia l’accordo

Al riguardo dei possibili contenuti della Legge di Stabilità 2019, si legge: “priorità molto differenti. Reddito di cittadinanza e legge Fornero per i 5 stelle, FlatTax e sostegno alle imprese per la Lega.
Tuttavia nessun cenno, almeno nella fase preliminare, alle emergenze e ai fondi
6/9/2018 Legge di bilancio 2019, Di Maio e Salvini in accordo solo sulla Scuola: neanche un euro all’istruzione  Di Maio abbozza un riferimento alle infrastrutture, specie a quelle del sud “che sono praticamente inesistenti, ma anche alla manutenzione di quelle esistenti in tutta Italia”, senza alcun riferimento specifico alla questione sicurezza dell’edilizia scolastica.
Gli unici fondi per la scuola, che oltre alle infrastrutture avrebbe bisogno anche di risorse in vista della scadenza contrattuale 2018 per gli insegnanti, sembrerebbero quelli stanziati dal governo precedente e “trovati” da Bussetti. “Abbiamo trovato 7 miliardi che andranno presto ai Comuni e alle Province per la messa a norma – dichiarava ieri il titolare del Miur a RaiNews 24 – Inoltre, da parte di Asi e Cnr ci sarà un lavoro a costo zero per monitorare via satellite le oltre 40 mila strutture scolastiche esistenti”.

Possibile scenario da me anticipato

Il suddetto scenario l’ho anticipato qualche giorno fa.  “Si riceve la sensazione di un Miur che assomiglia ad un cavallo che vorrebbe correre, ma è impedito da fattori non gestibili direttamente dal dicastero. E questa sarà la situazione ricorrente con la quale dovrà fare i conti il Ministero. Ecco spiegata la scelta di “usare il cacciavite, depotenziando lo spirito riformistico”. E’ più semplice! Si interviene dove è possibile, compatibile con le risorse economiche. Queste saranno destinate principalmente alle grandi promesse elettorali della Lega e del M5S: reddito di cittadinanza, flat tax, e superamento della Riforma Fornero. Alla scuola, forse, rimarranno le “briciole”. Insufficienti, ad esempio per abolire le “classi pollaio”.

L’attenzione alla scuola richiede altre condizioni

Ovviamente mi auguro che lo scenario ipotizzato non si traduca in realtà.  Le attuali condizioni non ci fanno sperare in un “#cambioverso”. Queste sono: le scarse risorse e le priorità che in tempi di “vacche magre” non favoriscono l’attenzione verso i beni immateriali come l’istruzione, che può essere colta come scelta strategica, solo valorizzando la prospettiva “oltre la punta del naso”

Pubblicato in Governo, Tutti gli articoli | Contrassegnato , , | Commenti disabilitati su La scuola dimenticata? Forse, probabilmente…

Marco Bussetti, “la scuola in un armadietto”

Marco Bussetti, il suo sogno

Il Ministro Marco Bussetti ha un sogno che lascia basiti: l’armadietto scolastico

Il Ministro Marco Bussetti prosegue con le sue interviste. Giornaliere. Quindi troppe! Il suo sogno: “l’armadietto nelle scuole”

Ministro marco Bussetti, nuova intervista, nuova rivelazione

Ieri il Ministro Marco Bussetti ha rilasciato al quotidiano (” Verità”) una nuova intervista. Ha trattato diversi argomenti come la sicurezza degli edifici, il contratto del comparto scuola, il testo unico, i compiti a casa… In alcuni casi le risposte sono state articolate  (sicurezza degli edifici); in altri perentorie  (abbigliamento decoroso, compiti a casa…) o vaghe (il contratto).
Lascia perplessi un passaggio:
“…Sa qual è il mio sogno?».
Ovviamente no.
«L’armadietto nelle scuole».
L’armadietto?
«Non capisco perché c’è nelle scuole d’infanzia e poi sparisce».
Sarebbe utile?
«Ridurrebbe il peso dello zaino, abituerebbe a custodire le proprie cose, a rispettare quelle altrui».”

Perplessità, mitigata però… una “scuola romantica”

Il passaggio lascia basiti! La risposta poco razionale, proviene dall’uomo- Bussetti. E’ il prodotto di quella dimensione che caratterizza la nostra condizione umana: i sogni! Sinonimi di aspirazioni, idealità e aspirazioni. Ora se tutto questo lo caliamo nella dichiarazione del Ministro, sorge una domanda: è mai possibile che la scuola del Ministro si riduca ad un armadietto? Con tutti i problemi che caratterizzano il sistema scolastico,  ( sicurezza degli edifici, qualità della formazione, classi pollaio…) è pensabile ridurre la scuola del sogno alla presenza di un armadietto? E’ accettabile l’idea di attribuire all’armadietto un valore superiore ai problemi reali vissuti da chi entra in aula?
Poi però il sogno di Bussetti lascia meno perplessi. Se consideriamo, infatti, un’altra dichiarazione, dove auspica “insegnanti volontari”, allora  l’idea di scuola del Ministro è chiara:  una scuola romantica, molto vicina a quella del “libro cuore“. Una scuola leggera, dove tutto è semplificato  e  ridotto a obiettivi minimali ( l’armadietto), frequentata da passioni disinteressate e soggetti senza alcuna relazione con la complessità dell’esistenza. E qui mi fermo!

 

Pubblicato in Marco Bussetti | Contrassegnato , | Commenti disabilitati su Marco Bussetti, “la scuola in un armadietto”

Ministro Bussetti, una dichiarazione “profetica”

Ministro Bussetti

Una dichiarazione del Ministro Bussetti che dice molto del “futuro prossimo” della scuola.

Ministro Bussetti e una dichiarazione che rivela le prospettive per la scuola. Tutto dipenderà, soprattutto dalle risorse economiche Quelle che  resteranno dopo le riforme che stanno a cuore a Lega e M5S.

La dichiarazione del Ministro Bussetti

Si legge su Fanpage.it : “Abbiamo gli insegnanti più vecchi d’Europa, ma presto moltissimi di loro andranno in pensione e dunque si farà largo ai giovani”, spiega il ministro dell’Istruzione. “Purtroppo ci vorrà più di un anno per poter indire un concorso perché la legge ci impone un regolamento che ha molti passaggi burocratici. Proveremo a cambiarla snellendo tempi, costi e procedure.
Altro annuncio vuoto dove si presenta il problema e la possibile soluzione che però rimane “al palo”.  Assumendo la prospettiva marxiana si crea un corto circuito tra la teoria e la prassi, cadendo di fatto nell’apologia del presente proposto come inemendabile.

La dichiarazione dice molto del futuro della scuola

Si riceve la sensazione di un Miur che assomiglia ad un cavallo che vorrebbe correre, ma è impedito da fattori non gestibili direttamente dal dicastero. E questa sarà la situazione ricorrente con la quale dovrà fare i conti il Ministero. Ecco spiegata la scelta di “usare il cacciavite, depotenziando lo spirito riformistico”. E’ più semplice! Si interviene dove è possibile, compatibile con le risorse economiche. Queste saranno destinate principalmente alle grandi promesse elettorali della Lega e del M5S: reddito di cittadinanza, flat tax, e superamento della Riforma Fornero. Alla scuola, forse, rimarranno le “briciole”. Insufficienti, ad esempio per abolire le “classi pollaio”. Il provvedimento fa parte del contratto di governo, ma è costoso, perché implicitamente richiede la formazione di più classi e l’impiego di un numero maggiori di docenti. Ecco spiegato il motivo del quasi silenzio del Ministro Bussetti sull’argomento.
La “musica non cambierà” per il  nuovo contratto del comparto pubblico (2019-2021) che dovrà partire dal consolidamento strutturale dell’elemento perequativo per i redditi più bassi.  Se il contratto verrà rinnovato, avremo altri 40 € netti. Non di più! Se tutto questo si concretizzerà, la “discontinuità” promessa, resterà una parola vuota, senza significato.

 

 

Pubblicato in Ministro bussetti | Contrassegnato , , | Commenti disabilitati su Ministro Bussetti, una dichiarazione “profetica”

Foto minori, un’autorevole conferma alla mia tesi

 

Foto minori

Il Garante della Privacy chiarisce la questione. Rimangono però due problemi

Foto minori, finalmente arriva una piacevole conferma alla mia tesi. Del resto è una pratica molto diffusa tra le scuole

Foto minori, l’intervento che chiarisce la questione

Su Tecnicadellascuola.it è apparso un articolo sulla liceità della pubblicazione delle foro dei minori sul sito web della scuola.
Si legge: “Ma quale può essere il motivo istituzionale che autorizza la scuola a pubblicare le fotografie? Per tagliare la testa al toro non ci è rimasto altro che porre un quesito al Garante della protezione dei dati personali che immediatamente, il giorno stesso del quesito, ci ha risposto (evviva, quando le Istituzioni funzionano!) contattandoci al telefono e affermando che la condotta del MIUR è corretta trattandosi di immagini diffuse per motivi istituzionali e che anche le scuole per motivi istituzionali possono pubblicare le fotografie degli studenti senza la richiesta di consenso.
Non essendoci un provvedimento di carattere generale che autorizzi o disponga la pubblicazione delle fotografie degli studenti la scuola potrebbe ricondurre la pubblicazione in un ambito istituzionale almeno nei seguenti modi:
dimostrando che la pubblicazione delle fotografie o video è indispensabile per la valenza di uno o più progetti didattici. A tale scopo occorre descrivere nel PTOF, meglio se singolarmente per ogni progetto coinvolto, i motivi didattici che rendono necessaria la pubblicazione delle fotografie”

Il Garante della Privacy, conferma la mia posizione

Sempre ho sostenuto questa posizione. In altri termini: è possibile pubblicare foto e video, purché sia giustificata dalla singola progettualità, inserita nel PTOP. Del resto le scuole si sono sempre regolate in questo modo.
Scrivevo qualche settimana fa, trattando della liberatoria: “Per quanto riguarda la chiarezza, devono essere espliciti il fine esclusivo di “documentare le attività formative” ( criterio della legittimità e proporzionalità), gli ambienti dove si intende pubblicare le foto (sito, social, piattaforma di condivisione…), il grado di privacy applicato o personalizzato… 
A questo occorre aggiungere la tipologia dei video o delle foto, definiti necessariamente  da secondi piani  dove il singolo “si perde”  nel piccolo o grande gruppo. A mio parere il suddetto materiale risulta coerente con il criterio della proporzionalità con il fine cioè documentare esclusivamente un’attività o un progetto e non “il bel visetto” dell’alunno/studente in primo piano.”

Una decisione meno attaccabile

Non tutti però, sostengono questa poszione, ora divenuta più solida, grazie all’intervento del garante della Privacy. Mi riferisco ad A. Armone, autorevole esperta molto considerata  dalle scuole che basandosi sul Decreto 196/2003 articolo 19 comma 2 (“La comunicazione da parte di un soggetto pubblico a privati o a enti pubblici economici e la diffusione da parte di un soggetto pubblico sono ammesse unicamente quando sono previste da una norma di legge o di regolamento”), sostiene la tesi che l’istituzione scolastica non è tenuta a pubblicare immagini o video sul sito web istituzionale. In altri termini: se non è obbligatorio, perché rischiare?

Due problemi non di poco conto

Detto questo rimangono due problemi. Al momento non esiste una presa di posizione ufficiale, formalizzata in un documento. La comunicazione è avvenuta telefonicamente! Quindi i sostenitori del divieto assoluto di pubblicazione potrebbero evidenziare la debolezza giuridica di questa volontà.
A questo si aggiunge che a settembre “il pallino” passa in mano ai DPO (responsabili del trattamento dei dati personali), nominati dalle singole scuole o da reti. Mi augurio che prevalga la soluzione sponsorizzata dal Garante della Privacy.
A quest’ultimo chiedo la pubblicazione di un documento ufficiale, in modo da chiarire “senza se e senza ma” la questione e tranquillizzare i Dirigenti Scolastici.

Pubblicato in GDPR | Contrassegnato , , | Commenti disabilitati su Foto minori, un’autorevole conferma alla mia tesi

Instagram, la compravendita di foto di minori

Instagram, le foto osé dei argazzi

Instagram, i minori vendono le loro foto. E i genitori?

Instagram, la compravendita di foto osé di minori. E i genitori, dove sono?

Instagram, il mercato di foto di minori

Si leggeUna parola chiave, un profilo, un messaggio privato e un buono regalo o un codice di pochi euro. Tre minuti, al massimo cinque, per avere in cambio foto e video porno. Di maggiorenni e minorenni. Non nel profondo del web, ma su Instagram, il social network fotografico, la vetrina mondiale di vip e di uomini e donne — anche 13enni — che scambiano materiale proibito per 5, 10 o 20 euro… Profilo hot! Video, foto, videochiamate in chat! In scambio per buoni Amazon o altri pagamenti», spiega nella descrizione del suo profilo Francesca (i nomi sono stati cambiati per non renderli riconoscibili, ndr) con account privato, un solo post pubblicato e circa tremila persone che la seguono.”

Domanda, domandina molto semplice

Questa è la situazione su Instagram. Lascio immaginare cosa può avvenire nello spazio profondo del Dark Web.  Mi chiedo: dove sono i genitori? La risposta è relativamente semplice, ma inquietante.
Essi ritengono,  che la questione non potrà mai riguardarli, in quanto si fidano dei propri ragazzi o che sia troppo presto per interessarsi. Aggiungo anche che molti di essi, alle prese con la perdita di lavoro o con stipendi dimezzati o assenti, siano più concentrati sugli aspetti materiali ( assicurare il pranzo e/o la cena… ) e meno su quelli formativi. Tutte queste ragioni, possono in parte giustificare questo disinteresse. Ma resta il fatto che un figlio non è solo una bocca da sfamare, ma anche un’intelligenza da nutrire, una persona da formare, attraverso una selezione, una scelta di opportunità.

L’insegnamento di Gibran

Scriveva Gibran che  i figli non sono nostri, ma ci sono stati affidati per far emergere il “tesoro” di umanità che risiede in loro. Oggi l’educazione e la formazione si giocano sui silenzi dei nostri ragazzi, sugli steccati che stanno alzando con i possibili “ immigrati digitali”. Innanzi tutto con i genitori! L’impegno educativo è il far emergere queste situazioni, rivestendole di “discorsi e parole”, emozioni e paure. Obiettivo possibile se il rapporto intergenazionale è basato sulla reciproca fiducia e dialogo. E per questo ci vuole tempo, Tanto tempo. E spesso questo manca ai genitori, decretando in questo modo la loro assenza, a favore di altri soggetti, che hanno come volani l’ Eros e il Thanatos ( Freud ).

Pubblicato in Cyberbullismo | Contrassegnato , , | Commenti disabilitati su Instagram, la compravendita di foto di minori

Cyberbullismo, la “culpa in educando e vigilando” dei genitori

Cyberbullismo

Una notizia che chiarisce le responsabilità dei genitori, tenendo fuori la scuola!

Cyberbullismo, una notizia che fa chiarezza sulle responsabilità. Lo spartiacque sono i quattordici anni. Prima vede come responsabili i genitori, dopo il ragazzo.

Cyberbullismo, una notizia che chiarisce

Si legge su Stampa.it: ” Nella ricostruzione effettuata dagli agenti anche lo scatto della foto avrebbe i contorni della violenza, sarebbe stato infatti il ragazzo a tirar su di colpo la maglietta dell’amica e a scattarle una foto con l’immancabile smartphone, senza far troppo caso alle sue proteste. Solo la sua giovane età l’ha salvato da una denuncia pesante che però si è riverberata sui genitori, il mancato esercizio di una vigilanza adeguata all’età e indirizzata a correggere comportamenti inadeguati è alla base di quella che in termini penali si chiama «Culpa in vigilando» ed è in pratica alle base della responsabilità civile dei genitori. “

In primis, la responsabilità in “educando e vigilando” dei genitori 

Finalmente una bella notizia! Sono confermate le responsabilità educative sul fenomeno sotterraneo del bullismo online o cyberbullismo. Quattordici anni è la linea di demarcazione tra le due responsabilità. Prima del compimento di quest’età, i responsabili sono unicamente i genitori  Tutto inizia dal momento in cui si regala lo smartphone  al piccolo “non patentato” (sono un sostenitore di una patente per l’uso dello smartphone. Interessante questa iniziativa ) un dispositivo  troppo complesso da gestire. Soprattutto quando questo si affaccia nel Web! Del resto la differenza sostanziale tra lo smartphone e il cellulare risiede nella maggiore possibilità del primo di navigare come un pc desktop o un laptop nel virtuale.

La Polizia postale ha applicato la normativa

La polizia Postale non ha legiferato! Ci mancherebbe! Si è limitata ad applicare una norma che molti genitori ignorano o fanno finta di non conoscere.  Il riferimento è l’art.97 del Codice penale: “non è imputabile chi, nel momento in cui ha commesso il fatto, non aveva compiuto i quattordici anni ”

Ulteriori conferme dalla legge 71/17 e dal decreto di recepimento del GDPR

La norma è stata recepita implicitamente  dalla legge 71/17.
Ciascun minore ultraquattordicenne… può inoltrare al titolare del trattamento o al gestore del sito internet o del social media un’istanza per l’oscuramento, la rimozione o il blocco di qualsiasi altro dato personale del minore” (art 2,  comma 1). Ancora per i reati “commessi, mediante la rete internet , da minorenni di età superiore agli anni quattordici nei confronti di altro minorenne, è applicabile la procedura di ammonimento“.
Durante il lavoro di definizione del Decreto di recepimento del GDPR (25 maggio 2018), lo stesso Garante della Privacy si è pronunciato a favore dei quattordici anni come età minima per esprimere un consenso autonomo sui dati personali che possono gestire i servizi della società dell’informazione ( Facebok, Instagram,  WhatsApp…).
Chiudo con una bella notizia: la scuola non è chiamata in causa! Ad ognuno la sua parte e le sue responsabilità!

Pubblicato in Cyberbullismo | Contrassegnato , , | Commenti disabilitati su Cyberbullismo, la “culpa in educando e vigilando” dei genitori

Le fake news e la “saggezza digitale”

Le fake news

Le fake news rappresentano una bella sfida per “aumentare” la nostra intelligenza.

Le fake news sono una realtà ineliminabile nel Web. E allora? Ci vengono  incontro delle regole. Inizio e avvio per acquisire la “saggezza digitale” (M: Prensky)

I social media e l’affermazione di un nuovo modello informativo

Indubbiamente la diffusione dei social media ha favorito la pluralità delle  informazioni. Queste non seguono più la classica direttiva alto/basso (=intermediazione), dove la televisione e i giornali ricoprivano un ruolo centrale e determinante per la formazione dell’opinione pubblica.  Nel Web 2.0 si è affermato un nuovo modello caratterizzato da un policentrismo reticolare e dalla conseguente disintermediazione. In questo nuovo contesto ogni nodo della Rete assume caratteristiche non più decoficabili nelle categorie  di centro/periferia e attraverso la direttrice alto/basso. Le nuove e iniziali “coordinate spaziali” sono : basso/alto, immediatamente superate dalla condivisione tra pari (“peer to peer”).
Come afferma il Censis si sta progressivamente configurando una “nuova gerarchia delle fonti di informazione”. Si legge nel   XII Rapporto  sulla comunicazione”  “Su internet il 71% degli italiani, crescono ancora i social network. Nel 2015 gli utenti di internet aumentano ancora (+7,4% rispetto al 2013) e arrivano alla quota record del 70,9% della popolazione italiana…E continua la forte diffusione dei social network. È iscritto a Facebook il 50,3% dell’intera popolazione (il 77,4% dei giovani under 30), YouTube raggiunge il 42% di utenti (il 72,5% tra i giovani) e il 10,1% degli italiani usa Twitter”
Al dato quantitativo occorre accostare quello sulla fiducia sui social media in aumento

Le fake news  i “buchi neri” nel Web

Il suddetto quadro costituisce la condizione naturale per la diffusione delle fake news. In altri termini, la maggior caratterizzazione dei social media “altoparlanti virtuali” (capillarizzazione delle informazioni in gruppi omogenei, loro condivisione…) ha portato alla formazione di questi “buchi neri” dell’informazione. E’ risaputo che dietro il sensazionalismo si nascondono bugie, e falsità e informazioni addomesticate e alterate dall’emotività (Post-verità).

Gli anticorpi e la saggezza digitale 

Sono noti i comportamenti che favoriscono l’individuazione delle fake news.
Li riassumo brevemente.
1) Controllare i contenuti della testata;
2) Verificare l’autorevolezza dell’autore
3) Controllare la presenza di fonti autorevoli
4) Riflettere prima di condividere
5) Segnalare le fake news
Sono solito, però, “volare alto”, seguendo la raccomandazione di F. Hegel ” Osserva la foresta, non l’albero!”.
Questi cinque comportamenti, rimandano ad altrettanti puzzle di un disegno che si declina nella “saggezza digitale”(M. Prensky, 2009). che significa “uso avveduto  della tecnologia per migliorare le nostre capacità”. In primis la scuola dovrebbe promuovere il grado di inferenza, navigando criticamente  tra le informazioni e riuscendo a separare il vero dal “costruito”. L’obiettivo è di separarsi dal tasso di emotività delle fake news, dal giudizio degli altri e anche di auto-correggere l’iniziale e spesso istintiva valutazione su un evento. E’ una parte della “saggezza digitale”. Importante perché  garantisce l’autonomia di giudizio “aumentata” (M. Prensky) in un contesto virtuale, spesso contraddistinto da  messaggi emotivi, finalizzati a bypassare la critica. Oggi più che mai necessaria!

Pubblicato in Formazione, Tutti gli articoli | Contrassegnato , , | Commenti disabilitati su Le fake news e la “saggezza digitale”

“Culpa in vigilando”, non è sempre così!

"Culpa in vigilando"

Culpa in vigilando. La sentenza definisce i doveri, ma anche “le zone franche”

“Culpa in vigilando”, non è sempre così! Arriva una sentenza che pone “i paletti”. Pronunciamento da tenere presente, che ribadisce comunque la “presenza attiva” dell’insegnante.

“Culpa in vigilando”, la vicenda

“Culpa in vigilando”, si legge sul portale di Orizzontescuola una minore” durante la frequenza della classe IV^ – sezione “A” della scuola primaria (….) al termine dell’orario delle lezioni, a causa di una caduta provocata (a loro dire) dalla spinta di alcuni compagni di classe nel cortile esterno all’edificio scolastico – e consistiti (secondo il referto ospedaliero) in “trauma contusivo delle ossa nasali. Veniva riferita frattura incisivo superiore”, nella misura complessiva di Euro 10.000,00 con i relativi accessori…

La sentenza del Tribunale di Potenza

Orbene, i fatti, per come ricostruiti sulla scorta delle risultanze probatorie, rivelano che l’incidente subito da F.K. è addebitabile soltanto ad una condotta casuale ed involontaria della stessa alunna, non essendo emerso che il pavimento del cortile fosse scivoloso a causa di fattori meteorologici (pioggia o neve) o che la caduta possa essere stata provocata dalla spinta di altri alunni.
Per cui, sulla scorta di tali argomentazioni, si deve ritenere che il personale scolastico (docente e non docente) non sia responsabile dei danni subiti dall’alunna per la caduta verificatasi dopo l’uscita dall’edificio scolastico , trattandosi di evento assolutamente non prevedibile né prevenibile, ma esclusivamente imputabile a caso fortuito (in assenza di palesi violazioni del dovere di diligenza da parte del personale scolastico).

Una breve considerazione

Da qui si deduce che la responsabilità del Miur, che può in un secondo momento  rivalersi sul docente per dolo o colpa grave, è oggettiva, quando  la vicenda si configura come prevedibile ed evitabile. Le due condizioni rimandano ad una presenza attiva del docente.
Il riferimento è l’art. 2048 del Codice civile.  Si legge  nel secondo comma:” I precettori e coloro che insegnano un mestiere o un’arte sono responsabili del danno cagionato dal fatto illecito dei loro allievi e apprendisti (2) nel tempo in cui sono sotto la loro vigilanza.”
Il passaggio individua  i responsabili e il limite temporale. Spesso però, i pochi che conoscono questo riferimento normativo ( mi riferisco all’art. e non al generico “Sono responsabili…”), non conoscono il comma successivo che richiama la condizione liberatoria: “le persone indicate dai commi precedenti sono liberate dalla responsabilità soltanto se provano di non aver potuto impedire il fatto
Concludo. Una sentenza da tener presente. Definisce i nostri doveri, ma anche i nostri diritti!

 

Pubblicato in Culpa in vigilando | Contrassegnato , , | Commenti disabilitati su “Culpa in vigilando”, non è sempre così!

GDPR, il consenso “italiano” del minore

GDPR

GDPR dal consenso “europeo” del minore a quello “italiano”. Un adeguamento alla legislazione vigente

Il GDPR entrato in vigore dal 25 maggio 2018 conferma alcune regole. Ne stabilisce, però, delle nuove. Tra queste ultime, possiamo inserire il consenso del minore. Prima “europeo” e poi “italiano”

Il GDPR e il consenso del minore al trattamento dei suoi dati personali

Si legge nel GDPR e precisamente all’art. 8 comma 1:
Qualora si applichi l’articolo 6, paragrafo 1, lettera a), per quanto riguarda l’offerta diretta di servizi della società dell’informazione ai minori, il trattamento di dati personali del minore è lecito ove il minore abbia almeno 16 anni. Ove il minore abbia un’età inferiore ai 16 anni, tale trattamento è lecito soltanto se e nella misura in cui tale consenso è prestato o autorizzato dal titolare della responsabilità genitoriale. 
Tale direttiva è stata ripresa nelle prime indicazioni del garante della Privacy (Febbraio 2018).  “Il consenso dei minori è valido a partire dai 16 anni (il limite di età può essere abbassato fino a 13 anni dalla normativa nazionale); prima di tale età occorre raccogliere il consenso dei genitori o di chi ne fa le veci.”
Il comma stabilisce la nuova maggiore età del ragazzo (16 anni). Se vogliamo usare l’espressione di M. Prensky il sedicenne  consegue la saggezza digitale (wisdom digital), perlomeno entra in questa nuova fase della vita dove è richiesto un “uso avveduto della tecnologia per migliorare le nostre capacità”

Lo schema legislativo e il parere del Garante della Privacy

Compito del governo è stato quello non di abolire il Decreto legislativo 196/03, bensì di armonizzarlo con le direttive del GDPR. Da qui lo Schema di decreto legislativo (approvato l’8 agosto 2018) “recante disposizioni per l’adeguamento della normativa nazionale alle disposizioni del regolamento”. Sul testo è stato sentito anche il parere non vincolante del Garante della Privacy. Ecco il risultato per quanto riguarda il consenso del minore, richiesto dalle società dell’informazione (Facebook, Instagram…) : “Con riferimento, poi, al consenso del minore in relazione ai servizi della società dell’informazione il Garante non condivide il limite dei 16 anni contenuto nell’art. 2-quinquies del Codice come modificato dallo schema di decreto, poiché tale limite non appare coerente con altre disposizioni dell’ordinamento che individuano, invece, a quattordici anni il limite di età consentito per esercitare determinate azioni giuridiche. Si pensi, fra le tante, alle disposizioni in materia di cyberbullismo che consentono al minore ultraquattordicenne di esercitare i diritti previsti a propria tutela contro atti di cyberbullismo nei suoi confronti (v. art. 2, c. 1, l. n. 71 del 2017).
Conclusione, i quattordici anni costituiranno il limite del “consenso italiano” richiesto al minore per il trattamento dei suoi dati personali.

 

Pubblicato in GDPR | Contrassegnato , , | Commenti disabilitati su GDPR, il consenso “italiano” del minore

Foto minori sul web, l’incoerenza del Miur

Foto minori sul web

Foto minori sul web, una foto contraddittoria, rispetto ad una tesi autorevole. La parola passa ai DPO

Foto minori sul web, un post ministeriale contraddice le indicazioni di alcuni esperti . Mi auguro che le decisioni dei DPO, riescano a coniugare la prudenza con l’esigenza di documentare le attività di un Istituto.

Foto minori sul web, la foto contradditoria del Miur

Sul sito del Miur è comparso un post ” Terremoto, via libera al potenziamento dell’organico delle scuole nelle aree colpite” E fin qui nulla di strano. Colpisce la foto dove sono ripresi tre minori in primo piano (l’immagine da me postata “nasconde” i visi). Questa contraddice l’indicazione di alcuni autorevoli esperti come A. Armone che basandosi sul Decreto 196/2003 articolo 19 comma 2 (“La comunicazione da parte di un soggetto pubblico a privati o a enti pubblici economici e la diffusione da parte di un soggetto pubblico sono ammesse unicamente quando sono previste da una norma di legge o di regolamento”) sostiene la tesi che l’istituzione non è obbligata a pubblicare immagini o video sul sito web istituzionale. In altri termini: se non è obbligatorio, perché rischiare?

Una tesi, spesso contraddetta

Personalmente non condivido la posizione. Se fosse universalmente condivisa la tesi, non si comprendono interventi come   il “Parere 2/2009 sulla protezione dei dati personali dei minori (Principi generali e caso specifico delle scuole), che il Gruppo di lavoro Articolo 29 ( Gruppo dei Garanti europei) per la protezione dei dati ha adottato l’11 febbraio 2009” Cap. 2 “Vita scolastica” lettera e. Si legge “Spesso le scuole sono tentate di pubblicare le foto dei loro alunni (su stampa o Internet). Occorre fare molta attenzione alla pubblicazione su Internet. Si deve sempre valutare il tipo di foto, la pertinenza della pubblicazione e le finalità perseguite . I minori e i loro rappresentanti devono essere informati della pubblicazione ( il grassetto è del sottoscritto). Se la scuola intende pubblicare singole foto di minori con tanto di identità è necessario il consenso preventivo dei genitori o di altri rappresentanti (o del minore, se è già maturo).
Un altro contributo che sostiene la tesi della pubblicazione, dietro consenso del genitore, è di M. Monteleone 

Un augurio, una speranza

Questa è la situazione. A breve avremo il responso, attraverso le prescrizioni dei diversi DPO ( responsabile del trattamento dei dati personali) nominati dalle singole scuole o da reti.
Mi augurio che prevalga la soluzione che coniughi la dovuta prudenza con le esigenze di documentazione delle attività. Del resto è richiesto anche dal Miur. Penso ai Pon e soprattutto a quello relativo alla “Creatività e cittadinanza digitale”, caratterizzato richiesta (non opzionale) di inserire un modulo sul cyberbullismo che richiederà “corti” realizzati e dai  ragazzi-attori.

Caratteristiche della liberatoria

Quali caratteristiche deve avere la liberatoria, attraverso la quale si ottiene da  entrambi i genitori (in caso di un minorenne) il consenso al trattamento del dato personale?
Innanzitutto deve caratterizzarsi per  la  “prudenza e cautela”, criteri  espressi dal Garante della Privacy nel documento “La scuola a prova di privacy” (ottobre 2016), tenendo conto della dilatazione del Web oscuro ( Dark Web/Dark Net…) e della maggiore facilita a condividere il materiale. La richiesta di consenso  deve essere comprensibile, semplice, chiara. Per quanto riguarda la chiarezza, devono essere espliciti il fine esclusivo di”documentare le attività formative” ( criterio della legittimità e proporzionalità), gli ambienti dove si intende pubblicare le foto (sito, social, piattaforma di condivisione…), il grado di privacy applicato o personalizzato (ad esempio sito istituzionale provvisto di “area riservata” con password, come indicato dal documento del gruppo dei garanti europei o la pagina social in modalità di gruppo chiuso) e la scadenza temporale per il loro trattamento.
A questo occorre aggiungere la tipologia dei video o delle foto, definiti necessariamente  da secondi piani  dove il singolo “si perde”  nel piccolo o grande gruppo. A mio parere il suddetto materiale risulta coerente con il criterio della proporzionalità con il fine cioè  documentare esclusivamente un’attività o un progetto e non “il bel visetto” dell’alunno/studente in primo piano.

 

 

 

Pubblicato in Foto minori, Tutti gli articoli | Commenti disabilitati su Foto minori sul web, l’incoerenza del Miur

Classe pollaio a Todi, il punto della situazione e una riflessione

Classe pollaio a Todi

Classe pollaio a Todi, caso chiuso. Almeno per il momento. Una riflessione

Classe pollaio a Todi, al vicenda ha visto il coinvolgimento dell’Istituto, del Ministro Bussetti e dell’Usr dell’Umbria. Dalla situazione è possibile, comunque, trarre una breve riflessione che porta a…

La classe pollaio a Todi, tutto inizia con…

La vicenda della classe pollaio a Todi inizia con una lettera del Presidente del Consiglio d’Istituto. Si legge : “ll suddetto Liceo si articola in quattro indirizzi; Classico, Scientifico, Linguistico e Scienze Umane e ciò che mi induce a scriverLe è la decisione dell’Ufficio Scolastico Regionale dell’Umbria che, applicando la normativa in essere, non ha previsto lo sdoppiamento della prima classe del Liceo Scientifico nonostante i 39 ragazzi iscritti di cui uno diversamente abile con sostegno. A nulla sono valse a tutt’oggi le accorate richieste fatte dal Dirigente Scolastico Sergio Guarente…  Il senso di impotenza e rabbia scaturisce dal fatto che, evidentemente, si ritiene che la soluzione imposta dalla normativa sia perfettamente compatibile con il diritto costituzionale allo studio e lo rispetti anche nel più ampio senso di assicurare a tutti le migliori condizioni per un’efficace formazione attuando i più elementari principi pedagogici”

La risposta del Ministro, molto perentoria

Ecco la risposta del Ministro postata sulla sua pagina di fb:
Il caso della classe ‘pollaio’ da 39 alunni del liceo di Todi finito sulla stampa in questi giorni è già risolto dal 9 agosto. La scuola fra l’altro ha accettato iscrizioni in più anche dopo la scadenza delle domande. L’Ufficio scolastico regionale per l’Umbria ha comunque ascoltato le esigenze dell’Istituto e ha assicurato lo sdoppiamento della classe. Tanto rumore per nulla, dunque. Ringrazio i nostri uffici territoriali, che sono sempre al lavoro, anche in questi giorni, per garantire un buon avvio di anno scolastico. E auguro ai liceali di Todi un buon rientro e buono studio”

Ma non convince pedagogicamente i genitori

Non si fanno  attendere i rilievi tecnici del Presidente del Consiglio d’Istituto (avvocato):”Le notizie in nostro possesso ci dicono che l’Usr concederebbe poche ore aggiuntive, appena 4 su un totale di 27 ore settimanali, con la possibilità del dirigente scolastico di poter dunque sdoppiare la classe ricorrendo all’organico con ore a disposizione, ma ciò non basta a tranquillizzarci perché l’eventuale, suddetta classe non esisterebbe comunque nell’organico di fatto. Oltretutto, il problema si riproporrebbe costantemente per gli anni successivi fino al termine del ciclo scolastico dei nostri figli”

Chiude il confronto (almeno per ora) la dichiarazione dell’Usr dell’Umbria

Ovviamente era necessaria una dichiarazione dell’Usr dell’Umbria. Si legge su OS: “Il rispetto della normativa costituisce “garanzia” per tutti i cittadini, consentendo di trattare le varie situazioni in modo equo ed imparziale e di distribuire le risorse sulla base di criteri definiti e trasparenti…Sulla base della normativa attualmente vigente, al Liceo “Jacopone da Todi” non spetta, né in organico di diritto né di fatto, la “settima” classe  richiesta… Quello che contava era garantire ai ragazzi un’ulteriore classe ed è quello che è stato fatto, grazie alla sinergia tra l’Ufficio Scolastico e la Scuola… A settembre, di fatto, le classi prime saranno sette e non sei.

E’ necessario eliminare il problema alla radice

La vicenda conferma che i diversi uffici scolastici regionali devono “muoversi” dentro la vigente normativa ( Legge 133/08, D.M.81/09 e seguenti). Non a caso nella dichiarazione di Antonella Iunti, Direttore Ufficio Scolastico Regionale per l’Umbria, ricorre spesso il concetto del rispetto della normativa. Non poteva essere diversamente! Un organo amministrativo, non può assumere funzioni legislative!
La soluzione tecnica ( potenziato + ore integrative), comunque, è da elogiare, perché esprime l’impegno dell’Usr a cercare tra le righe della normativa, il pertugio per venire incontro alle esigenze pedagogiche dell’Istituto.
Da qui solo il Parlamento, su proposta del governo, può mettere fine alle “classi pollaio”. Del resto la loro abolizione fa parte del contratto dell’esecutivo! Pertanto si proceda “senza se e senza ma” ad espellere dal sistema formativo questo virus voluto dal duo Gelmini-Tremonti, ministri del governo Berlusconi IV (2008-11).

Pubblicato in Classi pollaio, Tutti gli articoli | Contrassegnato , , | Commenti disabilitati su Classe pollaio a Todi, il punto della situazione e una riflessione

Classe pollaio a Todi, non ancora risolto!

 

Classe pollaio a Todi

Classe pollaio a Todi, non sembra tutto risolto. Un ottimo esempio di partecipazione attiva

Classe pollaio a Todi, Il Ministro Bussetti comunica di aver risolto il problema. I genitori, invece, sembrano non convinti della soluzione.

Classe pollaio a Todi, la comunicazione del Ministro

In questi giorni si è parlato molto della possibile costituzione di una classe pollaio con 39 alunni a Todi. Bene, ieri il Ministro ha postato sulla sua pagina Fb:
Il caso della classe ‘pollaio’ da 39 alunni del liceo di Todi finito sulla stampa in questi giorni è già risolto dal 9 agosto. La scuola fra l’altro ha accettato iscrizioni in più anche dopo la scadenza delle domande. L’Ufficio scolastico regionale per l’Umbria ha comunque ascoltato le esigenze dell’Istituto e ha assicurato lo sdoppiamento della classe. Tanto rumore per nulla, dunque. Ringrazio i nostri uffici territoriali, che sono sempre al lavoro, anche in questi giorni, per garantire un buon avvio di anno scolastico. E auguro ai liceali di Todi un buon rientro e buono studio.”

I genitori non sono soddisfatti.

Diversi interrogativi nascono intorno alla vicenda. Ma non ho intenzione di analizzarli in questa sede. Lo farò semmai, quando tutto sarà  chiaro. Infatti, sembra che al momento è questo che manchi.
Questa mattina,infatti, sfogliando la rassegna stampa del Miur è riportata la seguente dichiarazione”Le notizie in nostro possesso ci dicono che l’Usr concederebbe poche ore aggiuntive, appena 4 su un totale di 27 ore settimanali, con la possibilità del dirigente scolastico di poter dunque sdoppiare la classe ricorrendo all’organico con ore a disposizione, ma ciò non basta a tranquillizzarci perché l’eventuale, suddetta classe non esisterebbe comunque nell’organico di fatto. Oltretutto, il problema si riproporrebbe costantemente per gli anni successivi fino al termine del ciclo scolastico dei nostri figli”

Un ottimo esempio di partecipazione attiva

Al momento, quindi la situazione non sembra risolta. E’ possibile affermare, però che ci troviamo di fronte ad una componente genitori e docente particolarmente agguerrita. Ottimo esempio di “testardaggine pedagogica”, coniugata alla preparazione tecnica. Aggiungo anche, aver individuato nella comunicazione mediatica lo strumento più efficace per conseguire due classi pedagogiche.

 

Pubblicato in Classi pollaio, Tutti gli articoli | Contrassegnato , , | Commenti disabilitati su Classe pollaio a Todi, non ancora risolto!

Classi pollaio, il record stagionale in Umbria

Classi pollaio

L’ultimo caso in Umbria. E’ il record stagionale! Tutte le mie considerazioni confermate

Classi pollaio, dalle parole ai fatti. In Umbria si è stabilito il record stagionale. Il caso conferma tutte le mie riflessioni.

Classi pollaio, un esempio di applicazione di una normativa antipedagogica

Ieri (11 agosto) è stata pubblicata su OrizzonteScuola una lettera sul fenomeno delle classi pollaio. Ecco qualche passaggio
” Il suddetto Liceo si articola in quattro indirizzi; Classico, Scientifico, Linguistico e Scienze Umane e ciò che mi induce a scriverLe è la decisione dell’Ufficio Scolastico Regionale dell’Umbria che, applicando la normativa in essere, non ha previsto lo sdoppiamento della prima classe del Liceo Scientifico nonostante i 39 ragazzi iscritti di cui uno diversamente abile con sostegno. A nulla sono valse a tutt’oggi le accorate richieste fatte dal Dirigente Scolastico Sergio Guarente…  Il senso di impotenza e rabbia scaturisce dal fatto che, evidentemente, si ritiene che la soluzione imposta dalla normativa sia perfettamente compatibile con il diritto costituzionale allo studio e lo rispetti anche nel più ampio senso di assicurare a tutti le migliori condizioni per un’efficace formazione attuando i più elementari principi pedagogici.”

Si ignora ogni esigenza educativa, compresa l’attitudine del ragazzo

l’Ufficio Scolastico Regionale auspicherebbe che fosse il Dirigente Scolastico a “convincere” i genitori circa l’indirizzo al quale iscrivere il proprio figlio. Della serie: non possiamo permetterci che ognuno possa liberamente scegliersi un proprio progetto educativo. Sarebbe sufficiente, quindi, secondo tale visione, “motivare”, ad esempio, una decina di ragazzi a passare dall’indirizzo Scientifico a quello delle Scienze Umane e il gioco sarebbe fatto. Se, invece, i ragazzi non si lasciassero convincere con le buone, il Dirigente dovrebbe passare ad una loro “riallocazione forzosa”, magari partendo dagli ultimi iscritti in ordine temporale.”

Stabilito il record stagionale 

Il caso stabilisce il record stagionale. Quello assoluto appartiene  all’istituto di Modica (49 alunni), che precede i 42 di Casale Monferrato(ci furono molte discussioni e proteste). Questi però rappresentano le “eccellenze” di un fenomeno stabilizzato intorno ai 30-32 alunni. Le classi pollaio, o “il fenomeno del sovraffollamento delle classi” come le definisce più asetticamente il Ministro Bussetti,  sono una “trovata anti-pedagogica” contenuta nella Riforma Gelmini (D.M.81/09). Questa,  rappresentò  la conclusione di un percorso avviato dalla Moratti (2001-06). In sintesi, per la destra la scuola pubblica ha sempre rappresentato una “spesa eccessiva”.  Da qui  ottimizzare le risorse! Tradotto, ridurre il numero degli insegnanti, delle classi, le ore di scuola, le compresenze… Risultato, contrazione significativa delle risorse economiche.

Gli insegnanti demansionati

Chi mi segue conosce i numerosi interventi su questo “scellerato” fenomeno delle classi pollaio. Queste, innanzi tutto entrano in contrasto con il  profilo di educatore dell’insegnante. Sfido chiunque ad individuare elementi pedagogici in questo tipo di organizzazione. La classe da “ambiente educativo di apprendimento”, si trasforma in puro contenitore. Da qui il “demansionamento” del docente che è chiamato comunque a gestire anche i casi di alunni con Bes, Dsa…

La pedagogia come rappresentazione inutile nei convegni…

Il caso conferma, inoltre, che al Miur e a discendere negli Uffici Scolastici Regionali governano i ragionieri. I pedagogisti, se ancora frequentano questi ambienti, sono chiamati a “parlare dei massimi sistemi pedagogici” (inclusione, qualità formativa, progettazione per competenze…)  nei convegni, ma presto dimenticati, quando il gioco si fa duro (=stabilire gli organici. Si legga l’ultima nota ministeriale del 29.03.18).
Le classi pollaio sono “l’entrata a gamba tesa” nel quotidiano del “finanzcapitalismo” ( L. Gallino) che, come afferma il filosofo D. Fusaro, “regna ormai su tutto il giro orizzonte”, colonizzando i nostri pensieri, i nostri discorsi, la nostra coscienza!

Classi pollaio, una presenza discreta

Presenza silenziosa ma efficace , perché scarsamente avvertita e “trattata” dai grandi media (giornali, talk-show…). Presenza non percepita, perché gli effetti non sono immediatamente avvertiti. Lo saranno nel tempo. La formazione è un processo lungo che va oltre una legislatura! Il risultato sarà devastante e probabilmente irreversibile. ” Chi non investe in cultura, decide di farlo in ignoranza”!

Classi pollaio un’organizzazione incostituzionale, ma compatibile con le ragioni di spesa 

Aggiungo il carattere non costituzionale delle classi pollaio, sancito da diverse sentenze dei T.A.R, Consiglio di Stato. Tutte inascoltate!
Completa “il quadretto desolante” la coerenza dell’Amministrazione rispetto al D.M. 81/09, il quale pur prevedendo la possibilità di formare classi iniziali con massimo 20 alunni, in  presenza del diversamente abile, dichiara che ” L’istituzione delle predette classi deve in ogni caso far conseguire le economie previste nei tempi e nelle misure di cui all’articolo 64, comma 6, del decreto legge 25 giugno 2008, n. 112, convertito, con modificazioni, dalla legge 6 agosto 2008, n. 133.” Quindi discorso chiuso sul non rispetto della normativa, avanzato da molti docenti.

Classi pollaio, il Ministro Bussetti si è già (purtroppo) pronunciato 

La lettera è indirizzata al Ministro Bussetti. “Gentilissimo Signor Ministro, Le scrivo a nome del Consiglio d’Istituto del Liceo “Jacopone da Todi” di Todi, in Umbria, consesso nel quale siedo in rappresentanza dei genitori dei circa 770 studenti che lo frequentano.”
Il Ministro si è già pronunciato davanti alle commissioni Scuola del senato e della Camera dei Deputati (1 agosto 2018) in modo ragionieristico ( “la media nazionale è di 21 alunni per classe” e circoscrivendo il fenomeno alle eccessive richieste dei genitori per alcuni indirizzi scolastici.
Da qui si ha l’impressione che il Ministro non intenda abrogare le classi pollaio. Si interesserà del suddetto caso? Vedremo!

 

Pubblicato in Classi pollaio, Tutti gli articoli | Commenti disabilitati su Classi pollaio, il record stagionale in Umbria

Foto dei minori sui social, i pareri e il pronunciamento del Garante

Foto dei minori sui social

Foto dei minori sui social. Pareri spesso discordanti. Da tenere presenti sono quelli coerenti con il pronunciamento del Garante della Privacy.

Foto dei minori sui social, non sempre i pareri concordano. Tra questi contano, quelli coerenti  con il pronunciamento del Garante della Privacy.

Foto minori sui social, un articolo interessante 

Qualche giorno fa è circolato un articolo nel Web. Non recente. Infatti risale al 16.07.2013. Il titolo è ” Scuole e asili: è lecito pubblicare su Facebook le foto degli alunni minori
Presenta alcuni elementi già da me citati . Mi riferisco, innanzitutto alla possibilità di pubblicare dopo aver acquisto il consenso di chi esercita la patria genitoriale. Autorizzazione che deve far riferimento ad una richiesta dell’istituzione scolastica, caratterizzata dai criteri di legittimità e chiarezza.  Scrivevo: “Per quanto riguarda la chiarezza, devono essere espliciti  i fini ( criterio della legittimità e proporzionalità), gli ambienti dove si intende pubblicare le foto (sito, social, piattaforma di condivisione…), il grado di privacy applicato o personalizzato e la scadenza temporale per il loro trattamento.
A questo occorre aggiungere la tipologia dei video o delle foto, definiti necessariamente  da secondi piani  dove il singolo “si perde”  nel piccolo o grande gruppo.”

Esiste però un punto di non condivisione

Quindi tutto bene? Quasi! E’ presente  una parte che  che non condivido. Si legge: “Non è mai permessa invece, anche se è stato prestato il consenso, la pubblicazione sui social network (es. Facebook, Twitter ecc.). La legge infatti vieta alle istituzioni pubbliche di trasferire i dati personali degli alunni a soggetti privati, quali sono appunto le società che gestiscono i social network” L’autore cita l’Art. 18 D.Lgs. n. 196/2003 il quale recita: ” Le disposizioni del presente capo riguardano tutti i soggetti pubblici, esclusi gli enti pubblici economici. Qualunque trattamento di dati personali da parte di soggetti pubblici è consentito soltanto per lo svolgimento delle funzioni istituzionali.” 

Un intervento di diverso parere sullo stesso portale

Questa parte ha creato una certa apprensione in chi gestisce dati personali (foto o video) sui social, afferenti la scuola.
L’articolo presenta un parere! Questa mia affermazione è supportata da un altro articolo sullo stesso portale (11 novembre 2013), che però non conferma la  tesi del suddetto intervento. Infatti si legge: Attraverso la liberatoria”  la scuola potrebbe chiedere al genitore l’autorizzazione, oltre che allo scatto e alla videoripresa, anche alla diffusione di tale materiale, laddove ciò avvenga sempre per finalità “istituzionali” (scopi didattici e di ricerca, promozione culturale ecc.): si pensi per esempio… alla pubblicazione su siti internet, blog e fan page della scuola stessa. In questi casi, un docente può pubblicare la foto sulla pagina Facebook della scuola solo se lo fa per le finalità già rese note e acconsentite dai genitori con la liberatoria o se ha richiesto a questi ultimi il consenso specifico per la pubblicazione.”

Un’autorevole conferma: il pronunciamento del Garante della Privacy

Quest’ultima tesi è confermata  dal pronunciamento autorevole del Garante della Privacy, attraverso un interessante e agevole opuscoletto.  Si legge “Va però prestata particolare attenzione alla eventuale pubblicazione delle medesime immagini su Internet, e sui social network in particolare.
In caso di comunicazione sistematica o diffusione diventa infatti necessario, di regola, ottenere il consenso informato delle persone presenti nelle fotografie e nei video

Pubblicato in Foto minori, Tutti gli articoli | Contrassegnato , , | Commenti disabilitati su Foto dei minori sui social, i pareri e il pronunciamento del Garante

Classi pollaio, il non detto del Ministro Bussetti

Classi pollaio, il non detto del Ministro Bussetti

Un’audizione dove tutto è bianco e nero. Le sfumature sono assenti.

Classi pollaio, l’audizione del Ministro deve essere analizzata nel non detto formale e nei toni. Ci tornano indietro dei messaggi poco rassicuranti

Classi pollaio, l’intervento del Ministro

La mia insistenza sulle classi pollaio si basa sulla convinzione che la qualità del sistema formativo passa dall’aula. Bene, il Ministro ha espresso il suo pensiero sulle classi pollaio Poco rassicurante.
L’audizione del 1 agosto 2018 davanti alle Commissioni Istruzione del Senato e della Camera dei Deputati. si apre in questo modo ( 1:52-2:20)
“la media a livello nazionale è di 21,1 alunni per classe. In qualche caso per iscrizioni avvenute anche dopo i termini previsti o per la presenza indirizzi di studio particolarmente specializzanti, e al solo fine di accontentare il più possibile le famiglie e gli alunni, si è verificato  il caso della costituzione di singole classi numerose, ma sempre nel rispetto del D.M. del 2009 “

Il peso del non detto del Ministro Bussetti

L’intervento risente di una certa sinteticità. Non poteva essere altrimenti! E’ il caso del D.M. 81/09. Il Ministro lo cita per giustificare la formazione delle classi pollaio – interessante il cambio di espressione del Ministro che parla “affollamento delle classi” – da parte degli Usr, sempre rispettosi del suddetto dispositivo. Purtroppo ha dimenticato di dire che il Decreto 81/09 prevede che  ” Le classi iniziali delle scuole ed istituti di ogni ordine e grado, ivi comprese le sezioni di scuola dell’infanzia, che accolgono alunni con disabilità sono costituite, di norma, con non più di 20 alunni, purché sia esplicitata e motivata la necessità di tale consistenza numerica, in rapporto alle esigenze formative degli alunni disabili, e purché il progetto articolato di integrazione definisca espressamente le strategie e le metodologie adottate dai docenti della classe, dall’ insegnante di sostegno, o da altro personale operante nella scuola.” (art.5 comma 2). Purtroppo i problemi sono a monte meno a valle. In altri termini, molte classi pollaio si formano il primo anno!

 Il bianco e il nero senza sfumature

Abituato a lavorare con i ragazzi, ho affinato una sensibilità verso i metamessaggi (toni, postura, inflessioni…).
L’audizione del Ministro, per la parte delle classi pollaio, è auto-giustificativa e dal tono  perentorio. Esistono solo due colori: il bianco e il nero! Non è presente alcun riferimento alla persona, ai volti dei ragazzi. Non cita le  tante conseguenze negative prodotte dalle classi pollaio. Prevale l’aspetto matematico, ritenuto contenuto (il bianco) e razionale. Risultato: stiamo lavorando bene!  Sul banco degli imputati deve andare il “genitore-cliente” (il nero)! E’ palese l’intento del Ministro di “scaricare” su quest’ultimo la responsabilità delle classi pollaio. Il Ministro, però, dimentica le sfumature, dove  l’Amministrazione, pur potendo ( D.M.81/09 art. 5 comma 2), decide di seguire il criterio del’ottimizzazione (classi più numerose, meno docenti).
Risultato: ho l’impressione che il Ministro intenda consolidare le classi pollaio. Del resto fa parte di un movimento che nel periodo del Governo Berlusconi (2008-2011) ha votato la Riforma Gelmini.

Pubblicato in Classi pollaio | Contrassegnato , , | Commenti disabilitati su Classi pollaio, il non detto del Ministro Bussetti

Curriculum vitae (aggiornato agosto 2018)

Curriculum vitae (aggiornato agosto 2018)

Un aggiornamento necessario dopo l’approvazione del Pon “digitale”realizzato

Presento le mie ultime  attività ( agosto 2018)

– Progettazione PON “Cittadinanza e creatività digitale”. Approvato. Posizione                      regionale  98 su 239      
– Referente cyberbullismo (I.C. “Carlo Levi”)
– Coordinatore attività referenti cyberbullismo (primo e secondo ciclo) Ambito 9 per stesura regolamento condiviso d’istituto
– Intervento sui pericoli nella Rete al Liceo scientifico “Libero de libero” ( Fondi.LT)
– Intervento I.C. “Petrassi” – Roma “Regolamento condiviso cyberbullismo e rischi nel Web”
– 6 ore corso (docenti I.C. “Carlo Levi” ) riguardanti “La sicurezza in Rete”
– Figura Strumentale Tic
– Corso di preparazione agli esami Ecdl (Modulo 1 e 3)
– Pubblicazione articoli in siti professionali ( OrizzonteScuola, Scuolainforma, Regolarità e trasparenza nella scuola, Fuoriregistro, Oggiscuola, Professione Insegnante) e nel blog “Maestroscialpi”

Curriculum vitae (aggiornato agosto 2018)

Un aggiornamento necessario dopo l’approvazione del Pon “digitale”realizzato

Pubblicato in Curriculum vitae | Commenti disabilitati su Curriculum vitae (aggiornato agosto 2018)

Divieto smartphone a scuola, l’Italia è avanti

Divieto smartphone a scuola

Divieto smartphone a scuola. La Francia ha deciso. Anche l’Italia undici anni fa.

Divieto smartphone a scuola in Francia. Una buona notizia! Qualcuno chiede lo stesso provvedimento in Italia. Ma noi siamo avanti di undici anni

Divieto smartphone a scuola, la decisione della Francia 

Probabilmente dal prossimo anno scolastico in Francia sarà vietato l’uso degli smartphone (evoluzione tecnologica dei cellulari) in classe. Uniche eccezioni sono per gli alunni diversamente abili e per particolari progetti pedagogici.  Una buona notizia! Rincaro: un’ottima notizia!

Richieste di allineamento per l’Italia

In Italia è sorta l’esigenza di allinearsi a questa decisione. “L’Italia percorra la via maestra tracciata dalla Francia e vieti l’uso degli smartphone nelle aule scolastiche… Un esperto del settore come il professor Manfred Spitzer, autore di ‘Demenza digitale’ e ‘Solitudine digitale’, afferma che l’uso dello smartphone a scuola riduce di molto le performance degli studenti. Gli strumenti digitali devono essere il mezzo e non il fine del rapporto educativo e didattico nella scuola, perché nessun device elettronico – conclude la vice coordinatrice nazionale della Gilda – potrà mai sostituire la relazione dialogica tra discenti e docenti” (Comunicato Gilda)

Ma l’Italia non ha bisogno di allineamenti

Il comunicato dimentica, però, la Direttiva Fioroni ( 15 marzo 2007) e un pronunciamento del nostro Garante della Privacy (17.09.2013) . Questi  hanno rappresentato un “apripista” per altri paesi. Ultimo in ordine cronologico, la Francia.
Infatti, il provvedimento transalpino  risulta simile ai citati documenti. Con la Direttiva Fioroni, l’unica differenza, e non poteva essere diversamente,  risiede nel riferimento al dispositivo (device). Allora esistevano i cellulari. Oggi gli smartphone ( piccoli computer portatili).
Nel decreto Fioroni, infatti, si legge:” L’uso dei cellulari da parte degli alunni, durante lo svolgimento delle attività didattiche, è vietato. Il divieto risponde ad una generale norma di correttezza che trova una sua codificazione nei doveri indicati nello Statuto delle studentesse e degli studenti (D.P.R. n. 249/1998). La violazione di tale divieto configura un’infrazione disciplinare rispetto alla quale la scuola è tenuta ad applicare apposite sanzioni.”.  

Il Garante della Privacy “completa l’opera”

Ovviamente la componente sanzionatoria non è sufficiente a gestire pedagogicamente la presenza pervasiva del “coltellino svizzero” (M. Spitzer). Come annunciato sopra,  il compito lo assolve egregiamente il Garante della Privacy. ” Le Nuove tecnologie e web rappresentano ormai una realtà con cui fare i conti anche nell’ambito dell’attività scolastica. Smartphone e tablet sono utili, ad esempio, per registrare le lezioni o per fare ricerche. Ma non devono trasformarsi in strumenti di offesa usandoli per diffondere sulla rete video e foto che possono ledere la dignità di compagni o insegnanti…Spetta agli istituti scolastici decidere nella loro autonomia come regolamentare l’uso di questi dispositivi”

“La mente aumentata”, l’insegnamento M. Prensky 

Quest’apertura risulta complessa. E’ necessario che la presenza dello smartphone sia giustificata dall’esigenza di promuovere “la saggezza digitale” (digital wisdom, 2009 ). L’espressione ha sostituito, quella ormai obsoleta ed equivoca del “nativo digitale” (M. Presky, 2001). In sintesi, lo scrittore, meno apocalittico del neuropsichiatra M. Spitzer, sponsorizza l’uso dei dispositivi. Sostanzialmente i motivi sono due, e configurano la “mente aumentata” che si declina nella saggezza digitale . Secondo lo scrittore e studioso, l’uso delle nuove tecnologie favorisce il salto di livello verso l’alto della nostra intelligenza.”Nel futuro, grazie alla tecnologia, i cercatori di saggezza beneficeranno di un accesso istantaneo e prima inimmaginabile a discussioni planetarie, a tutta la storia, a tutto quanto è stato scritto, a enormi archivi di casi e di dati, a simulazioni di esperienze molto realistiche equivalenti ad anni o anche secoli di esperienza reale” (M. Prensky). A questo occorre aggiungere la formazione di una capacità per individuare modalità, percorsi e soluzioni tecnologiche che portino ad aumentare il nostro potenziale cognitivo e non solo.
Pertanto se lo smartphone può rappresentare un moltiplicatore della nostra intelligenza perché non autorizzarlo a scuola? Ovviamente è richiesta la presenza di insegnanti competenti e non solo abili nelle procedure.

 

Pubblicato in Nuove tecnologie | Contrassegnato , , | Commenti disabilitati su Divieto smartphone a scuola, l’Italia è avanti

PON ” Cittadinanza e creatività digitale” approvato!

PON " Cittadinanza e creatività digitale"

Il PON “digitale” realizzato per il mio Istituto è stato valutato positivamente. Ed ora si riparte per una nuova avventura!

PON ” Cittadinanza e creatività digitale” valutato positivamente

Nel maggio 2017 ho realizzato il Pon ” Cittadinanza e creatività digitale” per il mio Istituto (I.C. “Carlo Levi”-Roma). “Questo pone attenzione sulle competenze digitali, sempre più riconosciute come requisito fondamentale per lo sviluppo sostenibile del nostro Paese e per l’esercizio di una piena cittadinanza nell’era dell’informazioneGli interventi formativi sono finalizzati in particolare al sostegno dei percorsi per lo sviluppo del pensiero computazionale e della creatività digitale e per lo sviluppo delle competenze di “cittadinanza digitale”
Bene con grande mia soddisfazione è stato valutato (approvato) positivamente. Valore 24.993,60€. A questo aggiungo anche la buona posizione occupata su base regionale (Lazio): 98 su 239.
La posizione è rassicurante per l’approvazione definitiva e la conseguente autorizzazione.Il Pon è costituito da quattro moduli: Ecdl di base, contrasto al cyberbullismo, imparare con le mappe il testo, il coding.

Pubblicato in PON "digitale", Tutti gli articoli | Contrassegnato , , | Commenti disabilitati su PON ” Cittadinanza e creatività digitale” approvato!

La legge di stabilità 2019, il banco di prova del governo

La legge di stabilità 2019

La legge di stabilità 2019 rivelerà le reali intenzioni di questo governo sulla scuola.

La legge di stabilità 2019, rappresenterà il banco di prova del governo per la scuola. Dal mega-provvedimento capiremo quanto si intende realizzare #ilcambioverso per la scuola.

Un inizio “deboluccio”

Finora il Ministro Bussetti è stato poco produttivo. In altri termini, poco è cambiato per la scuola! L’unico provvedimento significativo ha riguardato l’abolizione della chiamata diretta, con qualche ambiguità. Libero Tassella ha rilevato, infatti, la permanenza della titolarità di ambito e la durata triennale. Aggiungo, il provvedimento  è a costo zero. Quindi semplice da firmare.
Il resto sono chiacchiere, interviste.

Gli unici documenti importanti

In mezzo a questo “fiume di parole” emergono due interventi importanti fatti davanti alle commissioni scuola del Senato e della Camera dei deputati. Mi riferisco alle le linee programmatiche (11 luglio 2018) e all’audizione del 1° agosto.
Dal primo emerge l’intenzione di non abrogare “La Buona Scuola”, ma solo di applicare “la tecnica del cacciavite” (Fioroni). Ha dichiarato il Ministro: “come ha anche assicurato il Presidente del Consiglio, reputo che i nodi emersi in questi anni di applicazione vadano affrontati e sciolti completamente, in modo condiviso: quello che propongo è un riallineamento complessivo che ottimizzi un impianto normativo ormai operativo da qualche anno.”
Interessante la parte sulla scuola inclusiva. Molto formale, ma di scarsa sostanza. Non si dice nulla sull’abolizione delle classi pollaio.

Un’audizione inquietante, ma non tanto

La dimenticanza è stata superata dall’audizione del 1° agosto. Lascia perplessi! Non tanto, però, se pensiamo che il Ministro Bussetti è rappresentante di un movimento che nel 2008-2009 faceva parte del Governo Berlusconi IV. Quindi firmatario dei provvedimenti che hanno dato vita alla Riforma Gelmini (prelievo forzoso di 8 miliardi, abolizione delle compresenze del tempo pieno e formalizzazione delle classi pollaio…). Ha dichiarato il Ministro ” la media classi/alunni, a livello nazionale, è di 21,1 alunni per classe. In qualche caso  si sono verificate situazioni per le quali, vuoi per iscrizioni avvenute anche dopo i termini previsti, vuoi per taluni indirizzi di studio particolarmente specializzanti, e al solo fine di accontentare il più possibile le famiglie e gli alunni, potrebbe essersi verificato il caso della costituzione di singole classi numerose”
Da questa dichiarazione emerge l’approccio ragionieristico e l’intenzione di giustificare la presenza delle classi pollaio, come una conseguenza di un venir incontro alle esigenze delle famiglie. Sconcertante.

La legge di stabilità, conferma o superamento del profilo attuale?

Se il buongiorno, si vede dal mattino, allora siamo messi male! Anzi malissimo!
La prossima legge di Stabilità 2019 ci dirà molte cose. Capiremo meglio il “peso” della scuola. In altri termini, saranno svelate le reali intenzioni di questo governo sulla scuola. Le speranze sono poche! Direi ridotte al lumicino. Del resto il Ministro Bussetti ha parlato di “obiettivi realmente perseguibili”. Ora l’abolizione delle classi pollaio comportano un costo. Medesimo discorso  vale per qualunque altro elemento della Riforma Gelmini, voluta per sottrarre risorse finanziarie alla scuola. Se poi pensiamo che le poche risorse disponibili saranno destinate per la Flat tax, il reddito di cittadinanza, la riformulazione della Riforma Fornero, allora non ci resta che rassegnarci. Resta la domanda: ” Dopo questo governo su chi o cosa possiamo affidare le nostre speranze di cambiamento della scuola?

 

 

Pubblicato in Governo, Tutti gli articoli | Contrassegnato , , | Commenti disabilitati su La legge di stabilità 2019, il banco di prova del governo

Il GDPR, il consenso e la maturità digitale del minore

 

Il GDPR

Il GDPR conferma la potenziale maturità digitale del minore. I compiti della comunità educante.

R ( Regolamento europeo per la protezione dei dati personali)  ha definito l’area giuridica del consenso riguardante i soggetti, le possibilità, le limitazioni e le sanzioni. La conferma di una  maturità digitale del minore.

Il GDPR e il consenso al trattamento dei dati personali del minore

Il GDPR è un documento molto articolato. Quindi non di semplice lettura. Comunque da leggere e approfondire. Da questa doppia operazione non sono esonerati i genitori e gli insegnanti.
Quindi per trattare del consenso partiamo da questo documento.
” “Qualora si applichi l’articolo 6, paragrafo 1, lettera a), per quanto riguarda l’offerta diretta di servizi della società dell’informazione ai minori, il trattamento di dati personali del minore è lecito ove il minore abbia almeno 16 anni. Ove il minore abbia un’età inferiore ai 16 anni, tale trattamento è lecito soltanto se e nella misura in cui tale consenso è prestato o autorizzato dal titolare della responsabilità genitoriale. 
Tale direttiva è stata confermata  dalle  prime indicazioni del garante della Privacy (Febbraio 2018).  “Il consenso dei minori è valido a partire dai 16 anni (il limite di età può essere abbassato fino a 13 anni dalla normativa nazionale); prima di tale età occorre raccogliere il consenso dei genitori o di chi ne fa le veci.”

La maturità digitale del minore

Diverse sono le implicazioni di questo pronunciamento. Innanzitutto è riconosciuta la maggiore età digitale  (16 anni) con la possibilità per la legislazione nazionale di abbassarla a 13 anni. Quindi la  vita digitale è affidata interamente al sedicenne o tredicenne. In altri termini, “il minore” (lo è ancora giuridicamente) può autodeterminarsi senza l’intermediazione dell’adulto che ricopre “la responsabilità genitoriale”. Una decisione coraggiosa, aggiornata rispetto al mutamento della relazione tra la tecnologia e il ragazzo.
La nostra giurisprudenza si è già espressa in tal senso, riconoscendo  “ampi margini di autodeterminazione” del minore. Mi riferisco alla sentenza del tribunale di Roma (23 dicembre 2017) che ha riconosciuto al minore, ma con maturità digitale, di richiedere la rimozione di foto e video dal profilo social del genitore. Sicuramente è un pronunciamento rivoluzionario che riconosce il diritto alla riservatezza, all’immagine, alla  sensibilità . E’ la conferma che il ragazzo non è un oggetto in mano al genitore che può a suo piacere “modellare esistenzialmente”.

Il nuovo profilo richiede “la saggezza digitale”

Tutto bene allora? Probabilmente il caso rappresenta un’eccezione! La maggior parte dei nostri ragazzi, definiti “nativi digitali” ( M. Prensky, 2009) naviga con password a bassa complessità, gli smartphone sono spesso sprovvisti di antivirus, i profili social risultano pubblici, la condivisione di foto, video e testi è pratica diffusa. A  questo si aggiunge la loro fascinazione verso l’anonimato, sinonimo di invisibilità (grande balla!). E per concludere il graduale coinvolgimento verso la procedura “end to end” che favorisce la cancellazione in default di post ( modello Snapchat)
Il quadro rimanda ad un’immaturità digitale! In altri termini è assente una consapevolezza, sinonimo di “saggezza digitale”, che diventa “Digital wisdom” ( M. Prensky,2009), intesa come “uso avveduto della tecnologia per migliorare le nostre capacità”.

La presenza attiva dei genitori e della scuola

Da qui la necessità di un maggior coinvolgimento dei genitori e del sistema formativo scolastico. Essi sono chiamati ad accompagnare gradualmente (ognuno per la loro parte) l’entrata nel digitale dei ragazzi. In altri termini sono chiamati a fornire loro le informazioni sulle potenzialità della Rete. Renderli consapevoli che “l’uso delle tecnologie consente di accedere a un livello superiore  di conoscenza al potere della conoscenza in una misura superiore a quanto consentito dalle nostre potenzialità. Nel futuro, grazie alla tecnologia, i cercatori di saggezza beneficeranno di un accesso istantaneo e prima inimmaginabile a discussioni planetarie, a tutta la storia, a tutto quanto è stato scritto, a enormi archivi di casi e di dati, a simulazioni di esperienze molto realistiche equivalenti ad anni o anche secoli di esperienza reale.” ( M. Prensky)

Una formazione profonda sulla sicurezza

A questo occorre aggiungere un piano di  conoscenza e consapevolezza dei rischi insiti nella navigazione nella Rete. Compito affidato alle scuole e  che ovviamente non può essere ridotto ad un incontro  occasionale con esperti. Questo opera su un piano informativo e quindi diverso da quello della competenza che necessita di un approccio più profondo e sistematico. Direi, anche quotidiano attraverso la presenza attiva del referente per il contrasto al cyberbullismo ( Legge 71/17 art. 3) e di tutta la comunità educante.

Pubblicato in GDPR, Tutti gli articoli | Contrassegnato , , | Commenti disabilitati su Il GDPR, il consenso e la maturità digitale del minore

Cyberbullismo, “le parole fanno più male delle botte” (Carolina Picchio)

Cyberbullismo

“Le parole possono uccidere più delle botte” (Carolina Picchio)

Cyberbullismo, “le parole fanno più male delle botte”. Quali sono questi potenziali “killer verbali”? Nel Web è presente una risorsa molto interessante per genitori, educatori e ragazzi. La loro conoscenza preventiva può ricoprire un’importante funzione di “riconoscimento” del cyberbullo e di prevenzione.

Cyberbullismo, le parole che possono uccidere

La carta d’identità di una persona passa attraverso il suo modo di comunicare verbalmente e per iscritto. A questa regola, ovviamente non sfugge il cyberbullo
Nella mia navigazione nel Web ho trovato questa importante risorsa, Presenta il profilo lessicale del bullo online,  che può istigare nella vittima propositi di suicidio. Carolina Picchio, infatti, è uno dei tanti esempi. La  disgrazia ha portato la sua insegnante di musica (Elena Ferrara), divenuta senatrice (2013), a farsi promotrice della proposta di legge per il contrasto al cyberbullismo (Legge 71/17)

Il vocabolario nato da un progetto

Il  suddetto vocabolario del cyberbullo  “rientra nel progetto #Bullyctionary promosso da  Generali Italia con la collaborazione  di Informatici Senza Frontiere.
Il progetto si rivolge principalmente ai ragazzi nella fascia d’età più a #rischio, quella tra i 10 e i 14 anni, e ai loro #genitori che non sempre sono adeguatamente informati rispetto al fenomeno. Bullyctionary si sviluppa sia online, con un sito dedicato che raccoglie le parole e le storie di bullismo, sia offline. Infatti, il progetto verrà diffuso sul territorio attraverso incontri sul cyberbullismo in tutta Italia rivolti alle famiglie. Tutti possono contribuire al progetto candidando una o più parole sul sito, cliccando sul Menu in alto a destra ed entrando nella sezione “Scrivi la tua parola”, e partecipando agli incontri sul territorio (pagina Fb “Cyberbullismo”)

 

 

Pubblicato in Tutti gli articoli | Commenti disabilitati su Cyberbullismo, “le parole fanno più male delle botte” (Carolina Picchio)

Da Facebook e Instagram una buona notizia

Facebook e Instagram

Una buona notizia! Occorre però che tutto il Web divenga “positivo”

Facebook e Instagram, un’ottima iniziativa sulla presenza di “ragazzini” (minori di 13 anni) che con l’assenso dei genitori, sono presenti “senza titolo” su questi ambienti.

Facebook e Instagram si muovono…

Si legge su IlFattoQuotidiano.it  “Mark Zuckerberg ha varato infatti nuove linee guida per i moderatori di Facebook e Instagram: adesso questi potranno intervenire direttamente per bloccare i profili dei minori di 13 anni. “Finora i controllori – ha spiegato un portavoce dell’azienda al sito TechCrunch – sono potuti intervenire sugli under 13 solo se il loro profilo era stato segnalato a causa della giovane età. Ora, invece, i moderatori potranno bloccare direttamente i profili di tutti i ragazzini in cui si imbatteranno: non li andranno a cercare, ma se li vedranno scatterà il cartellino rosso. Chi avrà il profilo bloccato, dovrà dimostrare di avere più di 13 anni”.

Ottima iniziativa, ma…

Che dire? Approvo “senza se e senza ma” la decisione  che si adegua alla “Coppa” (Children’s Online Privacy Protection Act), come scrivevo ieri. La presenza dei ragazzini però non è limitata a Facebook e/o Instagram. Occorre considerare, infatti tutto il resto che ” garantisce” l’anonimato e la cancellazione in default di messaggi o materiale fotografico (modello Snapchat). Condizioni che proteggono dalle “sbirciate”  di quei pochi genitori che frequentano questi ambienti. Qualcuno obietterà, affermando che l’età troppo bassa, non favorisce la frequentazione di altri ambienti. Non è così! “Stando a quanto riportato nell’ultima report trimestrale della società, il numero è passato da 185 a 184 milioni. Un calo contenuto, ma che rappresenta comunque un segnale preoccupante per l’azienda di Menlo Park. L’aspetto più importante, però, è la fascia demografica in cui è avvenuto il declino: nel 2017, l’utenza tra i 12 e i 17 anni è infatti scesa del 9,9%.”

Urge un “Web educativo”

Occorre pertanto che tutto il Web divenga più attento e sensibile al trattamento dei dati personali del minore. Lo hanno già fatto anche Twitter, WhatsApp. Mancano all’appello Telegram e Signal. Resta l’ambiguità di Snapchat.  Scrivono i responsabili “i servizi non si rivolgono a persone sotto i 13 anni, Questo spiega perché non raccogliamo consapevolmente dati personali di soggetti con un’età inferiore ai 13 anni”.
Questa è la situazione degli ambienti più noti. Ma sappiamo benissimo che esiste il Dark Web, evoluzione della DarkNet (qualsiasi rete non appartenente ad ARPANET)  E qui le cose si complicano!

Pubblicato in Tutti gli articoli | Commenti disabilitati su Da Facebook e Instagram una buona notizia

GDPR, il consenso europeo al trattamento dei dati personali del minore

GDPR

GDPR, una novità sul consenso del trattamento dei dati personali del minore. Un messaggio educativo!

Il 25 maggio 2018 è entrato in vigore il Regolamento Europeo per la protezione dei dati personali (GDPR). Tante conferme, una novità assoluta: il consenso europeo!

GDPR, la questione del consenso

Si legge nel GDPR e precisamente all’art. 8 comma 1:
Qualora si applichi l’articolo 6, paragrafo 1, lettera a), per quanto riguarda l’offerta diretta di servizi della società dell’informazione ai minori, il trattamento di dati personali del minore è lecito ove il minore abbia almeno 16 anni. Ove il minore abbia un’età inferiore ai 16 anni, tale trattamento è lecito soltanto se e nella misura in cui tale consenso è prestato o autorizzato dal titolare della responsabilità genitoriale.
Tale direttiva è stata ripresa nelle prime indicazioni del garante della Privacy (Febbraio 2017).  “Il consenso dei minori è valido a partire dai 16 anni (il limite di età può essere abbassato fino a 13 anni dalla normativa nazionale); prima di tale età occorre raccogliere il consenso dei genitori o di chi ne fa le veci.”

Il consenso europeo, una bella novità!

Nel suddetto articolo è presente una novità, non colta nel suo valore educativo e soprattutto in relazione ad un maggior  coinvolgimento da chi esercita la patria genitoriale.
Da alcuni anni l’Europa, infatti, tranne l’Olanda, era “consegnata” ad una direttiva americana ( il Children’s Online Privacy Protection Act COPPA) che fissava l’età minima in 13 anni  per una gestione autonoma da parte del minore dei propri dati personali. Ecco spiegati i limiti presenti prima del 25 maggio in ambienti americani come Facebook, Twitter, Instagram, WhatsApp…
Quindi il regolamento rappresenta un’interessante distinguo europeo, dettato anche dall’uso sempre più pervasivo  dei dispositivi, e la frequentazione superficiale   dei social delle applicazioni… da parte dei nostri ragazzi. In altri termini, è un bel messaggio educativo!  Il GDPR comunque non è rigido, prevedendo la possibilità per i singoli stati di abbassare il limite a 13 anni ( art. 8 comma 1).

L’obbligo di chi ricopre la patria genitoriale

Ovviamente questo non è sufficiente. Il GDPR, prevedendo l’obbligo del consenso da parte dei genitori, va oltre il sentire dell’adulto, componente  legata a fattori personali quali l’educazione, la formazione. In altri termini, il consenso era una variabile dipendente! Ora, invece è norma.
Mi auguro che il limite venga mantenuto anche se” La Commissione Finocchiaro, nello schema presentato al Ministro della Giustizia per l’attuazione della delega relativa all’adeguamento della legge italiana al GDPR, ha suggerito di fissare in 14 anni l’età minima per l’accesso a tali servizi nei casi previsti dall’art.8, ma spetta al Governo assumere la decisione finale”