Vendite giornali. Siamo messi male!


In una democrazia un ruolo strategico è ricoperto dai giornali. A questi occorre affiancare la “grande maestra” rappresentata dalla televisione e ultimo, non per importanza dal Web.
Bene, dai dati rilevati dal DataMediaHub ( un hub sui media italiani e sul giornalismo) per i giornali è crisi. Complessivamente le testate giornalistiche  perdono un 10% (comprese le vendite nella forma digitale) rispetto al primo quadrimestre del 2016. Nel particolare le diminuzioni più vistose sono per le quattro testate giornalistiche più diffuse ( Il Corriere della Sera, La Repubblica, Il Sole 24 ore, La Stampa). In questa “Caporetto” emerge il dato con segno + del “Il Fatto Quotidiano”.
Occorre che gli attori coinvolti facciano una serie riflessione, chiedendosi i motivi di questa debacle. La crisi?  Omologazione dell’informazione? Concorrenza delle diverse rassegne stampa online? Disinteresse? Altro?
E’ necessario che essi ripartano, interpretando correttamente i dati.  Ne vale della loro sopravvivenza. Diversamente l’informazione confermerà la sua desatellizzazione dai giornali, “scorrendo” verso altri canali, sicuramente più aggiornati, ma nello stesso tempo soggetti a diverse criticità ( ad esempio le fake).

Pubblicato in Opinioni, Tutti gli articoli | Contrassegnato , , , | Commenti disabilitati su Vendite giornali. Siamo messi male!

LIP. La scuola secondo la Costituzione


Qui è possibile leggere la nuova versione della Legge di Iniziativa Popolare ( marzo ’17).
A mio parere la proposta rappresenta una vera discontinuità, rispetto al pensiero dominante. Questo ha decretato la supremazia del finanzcapitalismo ( l. Gallino)  su tutte le altre dimensioni  del vivere umano.  Aristotele aveva definito questo dominio con il termine “crematistica”,rispetto all’economia riferita alla dimensione domestica e comunitaria.
La LIP si pone l’obiettivo di far rientrare il sistema formativo nell’alveo costituzionale.  I suoi riferimenti  sono gli articoli 3 (secondo comma), 33 e  34.  Da qui la nuova attribuzione di  cittadinanza,  dignità antropologica e culturale   alla prospettiva, come elemento costitutivo dell’esser-ci della scuola nella società liquida o postmoderna. E questo  andare oltre il presenzialismo ha i connotati definiti dalla nostra Carta fondamentale, declinati  nella  formazione dell’uomo e del cittadino, prima che del lavoratore ( l’art. 1 della LIP utilizza l’avverbio “anche”) . Quindi un sapere svincolato dall’ utilitarismo imperante, dove tutto è pesato e assume senso  in rapporto ai crismi dell’economicismo.
Il merito della LIP risiede nelle sue proposte che si contrappongono alle recenti disposizioni legislative e che  la “Buona Scuola” non ha avuto il coraggio di abolire. Mi riferisco, alla ri-costituzionalizzazione delle classi riportate ai valori numerici  prossimi o uguali a quelli  indicati dalla “gloriosa e storica” L.517/77, superando di fatto l’aberrante soluzione antipedagogica delle classi pollaio e superpollaio. Si legge infatti, rispettivamente nell’art. 9, 12 e 13 : ” Ogni istituto scolastico definisce il numero di classi in modo che in ciascuna di esse il numero degli alunni e delle alunne non sia superiore a 22″, ” Nelle aree a forte disagio socio-ambientale il numero di alunni/e per classe non deve essere superiore a 20″, “Per assicurare la massima efficacia al processo di inclusione scolastica, le classi che accolgono un alunno/a con disabilità sono costituite con due alunni/e in meno rispetto a quanto disposto dal precedente articolo 9 comma 1.”
Potrei continuare, ma tutta la proposta ( si leggono espressioni “Diritto all’istruzione”, “Lotta alla dispersione scolastica”,”Valorizzazione delle diversità” ) si caratterizza per l’attenzione ad ogni ragazzo, bambino, traducendo in procedure e soluzioni organizzative il principio dell’inclusività, tanto persguito da D. Milani
Concludo, evidenziando la richiesta avanzata  di un impegno finanziario dello Stato pari al 6% del Pil ( media europea). , superiore a quello attuale ( intorno al 3,9%, ma destinato a diminuire secondo il “finanzcapitalismo” fino al 2030-2035). Quindi siamo di fronte ad un ulteriore elemento di discontinuità,  rispetto alla posizione dominante  che considera il sistema formativo un “bancomat”, o una “spesa che non possiamo permetterci” ( ho parafrasato una dichiarazione di G. Tremonti che nel 2009, “annus horribilis per la scuola,  era ministro dell’Economia).  E tutto questo non mi sembra poco!

Pubblicato in Classi pollaio, Opinioni, Tutti gli articoli | Contrassegnato , , , , | Commenti disabilitati su LIP. La scuola secondo la Costituzione

Recensione. Certificazione informatica Aica :”Web editing”.


Esiste molto materiale finalizzato alla preparazione della certificazione Ecdl.
Purtoppo, risulta quasi assente o non aggiornato quello relativo alle altre certificazioni Aica.
L’Editore Manna che ha pubblicato l’ottimo contributo “La Nuova Ecdl Full Standard”, rincara la dose, “esplorando” le certificazioni informatiche relative al Web editing.
Il tentativo è ben riuscito! L’esposizione dei diversi contenuti  (termini e concetti del Web, principi del linguaggio HTML, utilizzo di un applicativo come Adobe Dreamweaver…) risulta chiaro, sostenuto dall’evidenziazione dei concetti-chiave e corredato da immagini che riescono   a rendere più semplici alcuni passaggi procedurali. Il colore poi fa la sua parte, dando vivacità a tutto il lavoro.
Al termine di ogni modulo sono proposti dei test di verifica. A questi l’Editore ne aggiunge   altri disponibili nel Web. Anche quest’ultimo materiale risulta chiaro, assolvendo al compito di riempire un vuoto che purtroppo caratterizza le certificazioni più impegnative del pacchetto Aica.
Unica pecca è il riferimento prevalente a Adobe Dreamweaver, applicativo di authoring, purtroppo disponibile solo in modalità shareware (30 giorni).

Pubblicato in Ecdl, Recensioni, Tutti gli articoli | Contrassegnato , , | Commenti disabilitati su Recensione. Certificazione informatica Aica :”Web editing”.

Scuole aperte d’estate. “Il tempo pieno estivo”

L’altro giorno ho pubblicato una riflessione su un articolo   di  Vanna Lori ( deputata del Pd ).
Mettevo in evidenza la distanza tra le istanze pedagogiche  teoriche e la realtà delle nostre aule e in generale della scuola. Per quest’ultime la situazione diventa critica nel periodo estivo per via delle alte temperature. Invitavo quindi la deputata a vivere la nostra condizione per un anno  e a concluderla, aderendo ad un progetto “Scuola aperta d’estate”.
In questo intervento, non si faceva cenno ai risvolti non pedagogici (funzione assistenziale),  dell’iniziativa estiva.
Questo è tranquillamente ammesso dalla riflessione di E. Ambrosi (  Il Fattoquotidiano.it). Si legge infatti:”…visto che primo non ci sarebbe alcun danno se la scuola fornisse anche, sì, perché no, una funzione assistenziale e sociale.”, anche per non lasciare nel vuoto, creato dai genitori, i bambini e i ragazzi più piccoli.
Detto questo l’articolo risulta interessante perché chiede all’Amministrazione di coinvolgere  associazioni  che propongono corsi di qualità, ospitando i ragazzi nelle proprie strutture. Implicitamente si accetta l’idea che la formazione non è un’esclusiva della scuola (in particolare dei docenti), coinvolgendo altri soggetti. Da qui nasce il reperimento delle  risorse pubbliche che devono essere adeguate. Per ovviare in parte al problema, si può pensare a un contributo da chiedere alle famiglie.
E’ indubbio che il progetto deve essere serio e non semplicemente un baby-parking. Da qui la necessità di pianificarlo ottobre e avviarlo  a gennaio, attivando una serie di sequenze ( finalità e obiettivi, criteri dei bandi, pubblicazione dei bandi, individuazione associazione aggiudicatrice, pubblicizzazione della proposta, raccolta adesioni…) che devono prevedere,anche momenti di verifica strutturati in itinere e  finale
Operando in questo modo, l’Amministrazione darebbe un bel segnale: rimettere al centro la formazione che non significa sperimentare nuovamente l’aula, ma altri ambienti, realizzando una sorta di “tempo pieno estivo“.

Pubblicato in Opinioni, Tutti gli articoli | Contrassegnato , , , , | Commenti disabilitati su Scuole aperte d’estate. “Il tempo pieno estivo”

Scuole aperte d’estate. Dichiarazione, dopo dichiarazione e…


“L’apertura delle scuole d’ estate – ha dichiarato la ministra – è un tema serio e bisogna saperlo affrontare. Innanzitutto è uno strumento, prima ancora che per le esigenze delle famiglie, per offrire agli studenti opportunità con possibilità di conoscenza che non sono dentro la fase dell’anno scolastico… serve anche nelle realtà con maggiore dispersione scolastica – ha concluso – per offrire ai ragazzi alternative ulteriori a quelle di cui dispongono. Ci saranno sport, cinema, teatro”( 17 giugno 2017)
Il Ministro torna a parlare di scuole aperte in estate . Troppo!
Ora è il caso di passare al progetto, che deve comprendere  anche i soggetti o le associazioni da coinvolgere e i relativi oneri finanziari. Questa è la procedura per dare concretezza al criterio di serietà annunciato dal Ministro.
A mio parere non ci sono i tempi per far partire i diversi progetti, ( penso alla pubblicazione dei bandi, all’apertura delle buste, all’individuazione della associazione aggiudicatrice…),  a meno che non si faccia riferimento a quelli realizzati dal Ministro Giannini, che se non sbaglio prevedeva anche il coinvolgimento degli insegnanti. In quest’ultimo caso i tempi si ridurrebbero, non risolvendo però il problema dei tempi ristrettissimi!
“Il fiume di parole” conferma un atteggiamento caratterizzato da dichiarazioni, improvvisazione e annuncite che proseguono tutta l’estate, esauriendosi con l’inizio del nuovo anno scolastico. Risultato: chiacchiere sotto l’ombrellone!
C’è un rischio, però, coincidente con il rinnovo contrattuale: l’inserimento del progetto ” Scuole aperte d’estate” con il coinvolgimento degli insegnanti in servizio in strutture bollenti e invivibili come gli edifici scolastici nella maggior parte delle città!

 

Pubblicato in Opinioni, Tutti gli articoli | Contrassegnato , , , , , | Commenti disabilitati su Scuole aperte d’estate. Dichiarazione, dopo dichiarazione e…

Un consiglio di “discontinuità” al Ministro


“Si devono saper accompagnare anche contrattualmente lei nnovazioni che si vogliono portare nella scuola. Dobbiamo ridare autorevolezza riconoscimento economico a chi insegna perché è una delle professioni più importanti. La battaglia culturale e politica è quella di riconoscere economicamente il valore di questo mestiere. Solo così potremo avere l’architetto che sceglie di insegnare. Il 14 sarà il tema al tavolo con i sindacati: la differenza che c’è tra l’Italia e l’Europa è un punto fondamentale che va colmato”
Con questa recente dichiarazione  il Ministro conferma l’annuncite.
Questa modalità di comunicazione si pone alcuni obiettivi:
1) anticipare decisioni  con iperbole
2) nascondere i fatti o alterarli, restituendo una realtà che non hanno alcun fondamento.
Bene. Nella suddetta dichiarazione sono state introdotte due espressioni  che possono essere interpretate come forme iperboliche “autorevolezza” e “riconoscimento economico” finalizzate ad esagerare una prospettiva che al momento attuale, tenendo conto anche dei nove anni di attesa, risulta irrispettosa e poco dignitosa. Infatti si parla di 45€ lordi al netto 25€.
Anche il secondo elemento relativo alla “scomparsa dei fatti”(riprendo il titolo di un noto lavoro di M. Travaglio) è perseguito nella dichiarazione. Non si fa riferimento allo “stato reale delle cose” (aumenti esigui), creando nei tanti sprovveduti che non leggono e non si informano (purtroppo sono tanti tra i docenti) l’effetto di attesa.
Propongo al Ministro una diversa strategia: parli dopo aver deciso e non prima!
Sicuramente ne guadagnerebbe in autorevolezza, attuando quella discontinuità con il Vuoto, il Nulla contemporaneo che nascondono le tante parole!

Pubblicato in Opinioni, Tutti gli articoli | Contrassegnato , , , , | Commenti disabilitati su Un consiglio di “discontinuità” al Ministro

La debacle sulla privacy


Si parla tanto di privacy, anche troppo!
Purtoppo spesso tra il “dire e il fare” c’è molta ignoranza o pigrizia.
E’ il caso della privacy sul Web.
i dati presentati da Kaspersky Lab (società specializzata nella sicurezza informatica) sono allarmanti:
il 93% delle persone condivide le proprie informazioni online;
il 70%  di questi pubblica “tranquillamente” foto, video dei propri figli.
Analizzando il comportamento dei “nativi digitali” si registra che il 61% degli intervistati ( 16-24 anni ) pubblica foto sui social media che li riprendono insieme ad altri amici. Ovviamente è assente la consapevolezza che questo comportamento mette in situazioni di rischio gli amici.
Si registra  la scarsa conoscenza che si ha del mecacnismo della condivisione che in pochissimi secondi fa perdere alla persona il controllo di quello che pubblica.
Da questi dati ribadisco la necessità di una prima infomazione, seguita da una proposta formativa “profonda” per abilitare le persone a navigare nel Web in modo critico e consapevole.

Pubblicato in Cyberbullismo, Tutti gli articoli | Contrassegnato , , | Commenti disabilitati su La debacle sulla privacy

Scuole aperte d’estate. Le riflessioni di un’inesperta di aula!


Nel mio navigare nel Web, mi sono imbattuto in questa riflessione sui motivi dell’apertura delle scuole in estate. Che dire? Riflessione piena di  luoghi comuni! Una  descrizione romantica e idealistica della scuola!  Aggiungerei banale, buona per un inizio di tesi di laurea o per una delle tante pubblicazioni che lasciano sullo sfondo l’aula, che in questo modo assume caratteri irreali e indefiniti, restituendoci una quotidianità scolastica quasi da “libro cuore”. Quindi una riflessione  assolutamente fuori luogo e non corrispondente alla nostra quotidianità!
Tutto questo è confermato dalla sintetica biografia dell’autrice “Vanna Lori. Deputata Pd-responsabile minori, docente universitaria”
Propongo all’esponente politico di insegnare almeno un anno in una classe pollaio,
dove la vivacità naturale degli alunni e le didattiche costruttivistiche portano l’aula ad essere un luogo “continuamente rumoroso” (non potrebbe essere diversamente), mettendo in alcuni giorni a dura prova l’insegnante.
In questo anno il deputato “esperto” potrà verificare quanto il numero di queste classi depotenzi molto l’inclusività. E altro ancora! Ovviamente tutto questo lo dovrà fare rinunciando  al suo stipendio di deputato, compresi gli annessi benefici( assicurazione sanitaria, teni gratis…). Dovrà  accettare per un  anno lo stipendio mensile  di 1.500€.
Ovviamente  potrà rinunciare all’incarico, perdendo però il beneficio dello stipendio e sapendo che questo non potrà essere sostituito prima dell’anno  da quello di deputato.
Passato il periodo che si concluderà con un progetto di “scuola aperta d’estate” svolto in un’aula a 30-35 gradi ( impresa ardua), inviterò il deputato a fare un copia/incolla del suo intervento. Che dite? Digiterà gli stessi contenuti? Ne dubito!
Sono pesantemente infastidito da questi “inesperti di aula” che ci dicono sempre cosa fare in classe, attraverso conferenze, dibattiti o pubblicazioni che hanno come punto di riferimento una scuola silenziosa, bambini ipermotivati ad apprendere, educati e con genitori che fanno la “sponda” al lavoro degli insegnanti…

Pubblicato in Opinioni, Tutti gli articoli | Contrassegnato , , , , , | Commenti disabilitati su Scuole aperte d’estate. Le riflessioni di un’inesperta di aula!

Sicurezza online. Un video del Garante protezione dati personali


L’ho digitato più volte, il Web offre un immenso database di informazioni, contenuti, video, immagini… Permette la condivisione di materiali, la collaborazione e altro ancora.
Purtroppo anche il Web ha il suo lato oscuro, fatto di rooming ( adescamento sessuale online ), cyberbullismo,  furti d’identità, atti di ingegneria sociale… Molto spesso questi pericoli sono favoriti dall’assenza di conoscenze, abilità e competenze nella navifazione. E non solo.
Il Garante per la protezione dei dati personali ha pubblicato un ottimo video, dove sono illustrati i maggiori pericoli nella frequentazione dei media sociali. Sintetico, ma efficace!
Ribadisco che  questo ed altri contributi informativi devono essere seguiti da proposte formative profonde, finalizzate all’acquisizione di “Bussole di navigazione” ( competenze ) che permettano nel tempo una navigazione critica e sicura.
Video Garante

Pubblicato in Cyberbullismo, Tutti gli articoli | Contrassegnato , , , , , , | Commenti disabilitati su Sicurezza online. Un video del Garante protezione dati personali

Contratto. La strategia perdente del sindacato!

Il quotidiano “Italia Oggi” ha pubblicato un’intervista a P. Turi ( Segretario generale UIL-Scuola ).
Si legge: ” Il Testo Unico mette a disposizione gli strumenti: la contrattazione può modificare le norme della legge, passate, presenti e future“, ” A quell’accordo bisogna fare riferimento perché la sua attuazione consentirà la riapertura e la chiusura del contratto dei lavoratori pubblici”. Ora chiedo: l’esponente sindacale su quali elementi concreti fonda la sua dichiarazione?  Quale articolo del T.U. dà consistenza alle sue affermazioni? L’analisi da me fatta e confermata anche P. Almirante nelle colonne
presenta un altro articolo 1 del decreto “Madia” che in estrema sintesi conferma la prevalenza della legge sul contratto.
Proseguo. Quale significato attribuire al passaggio ” a quell’accordo bisogna fare riferimento…?
A mio parere l’accordo è stato stracciato completamente dal governo con la  conferma dello” spirito del Decreto Brunetta” e dalla difficoltà dell’esecutivo di mettere sul piatto “gli almeno 85€ lordi, medi e nel triennio”.
Queste dichiarazioni   palesano una difficoltà ad ammettere la sconfitta sul T.U. e quindi la conseguente strategia a nascondere o alterare i fatti, sperando nella memoria corta  e nello spirito di rassegnazione degli insegnanti(questi sono i nostri due problemi!).
L’ultima è quella dell’esponente Cisl-Scuola (Gissi) che dichiara con toni entusiastici (presa per i fondelli): ” Il percorso per rinnovare il contratto ha preso oggi concretamente e formalmente il via. Gli impegni assunti dalla ministra Fedeli consentono di delinearne le tappe e i tempi, che cercheremo di accelerare quanto più possibile…”
Nella parte centrale della nota l’entusiasmo lascia lo spazio al realismo: ” Nel merito, è chiaro che i margini a nostra disposizioni non consentono certo di soddisfare, sul piano economico, tutte le attese del personale della scuola, né di recuperare interamente lo scarto esistente con le retribuzioni medie europee. Questo resta comunque per noi un obiettivo irrinunciabile e il nuovo contratto dovrà segnare un primo passo in quella direzione”
In altri termini, dovete accontentarvi, arriveranno tempi migliori! Peccato che l’espressione è ricorsa troppo spesso negli ultimi ventidue anni per crederci!

 

 

Pubblicato in Opinioni, Tutti gli articoli | Contrassegnato , , , , , , | Commenti disabilitati su Contratto. La strategia perdente del sindacato!

Sarà un contratto punitivo!

In queste ore già iniziano a girare le prime voci riguardanti gli atti di indirizzo che il governo consegnerà all’Aran per il confronto sul contratto economico e giuridico.
Su entrambi gli aspetti tira un’aria pesante! Ho l’impressione che si vogliano “punire” i docenti e non solo, riducendo i loro privilegi ( stipendio alto rispetto alla loro prestazione, permessi, ferie…). Andando oltre le dichiarazioni di circostanza e molto fastidiose  ( “eroi, “baluardo della democrazia”, “figura strategica”…), spesso sono presentati come privilegiati ( tre mesi di ferie in estate…) , poco produttivi, lavoratori a metà grazie al loro particolare orario di servizio, assenteisti, sfaticati…
Tutto questo giustifica il misero onere finanziario per i contratti, che rischia di essere  più esiguo, perché ad oggi la cifra stanziata (si parla di 2.400 milioni di €) non riuscirà a coprire la “promessa” di almeno 85€ lordi nel triennio, formalizzata nell’Intesa del 30 novembre 2016.
E’ l’ultimo attacco al sistema scuola (e non solo) da un contesto economico-finanziario  che non ama la formazione di persone dotate di pensiero critico!
Ha dichiarato La Uil-scuola, (la “presa in giro” sul T.U. “Madia” è opportunatamente nascosta): La direttiva generale del Governo che dovrebbe essere propedeutica all´avvio dei contratti, secondo le indiscrezioni che girano sui mass media, se confermata nella realtà, segnerebbe un notevole passo indietro rispetto all’accordo del 30 novembre e non favorirebbe la chiusura dei contratti del pubblico impiego bloccati da otto anni, anche se dobbiamo correttamente dire che ci sono aspetti positivi di cui tener conto”. “Per evitare ogni equivoco  c’è una sola condizione per concludere i contratti per noi della UIL ed è il rispetto integrale dell’accordo del 30 novembre e non le sue interpretazioni negative”.
Dichiarazione di circostanza che probabilmente non inciderà sull’esito finale: la firma del contratto più irrispettoso e non dignitoso dopo il 1990.
Ma le sorprese non finiranno qui. Si parla di rivedere in peggio, quelli che tanti considerano i nostri privilegi: i permessi orario, i giorni di salute anche in presenza di gravi patologie… Azzardo un’ipotesi: ci proporranno un orario di servizio aumentato a parità di stipendio.
Se queste sono le premesse ne vedremo di belle a settembre. A meno che il governo non voglia chiudere la vertenza contrattuale ad agosto e quindi imporre alla ripresa autunnale il nuovo contratto al mondo della scuola.  Che dire? Siamo messi male, anche solo pensando  chi metterà la firma sul documento: il sindacato!

 

 

 

 

 

 


Pubblicato in Opinioni, Tutti gli articoli | Contrassegnato , , , , , , , , | Commenti disabilitati su Sarà un contratto punitivo!

D. Maraini. Manca la visione, nonostante…


Nella sua rubrica su ” Il Corriere della Sera”D. Maraini, ha parlato di scuola ( 6 giugno 2017)
Partendo dalle scorciatoie per il successo nel lavoro, scrive: 
“Ma che ci sta a fare la scuola in questa propagazione di falsi miti? La mia impressione è che la Istituzione scuola si stia disgregando: incapace ormai di formare il bravo cittadino, impaurita dalle novità, si chiude in se stessa. Per fortuna esiste una fitta rete di insegnanti responsabili e generosi che credono nel carattere missionario del loro lavoro, dedicano le proprie energie a insegnare la consapevolezza e la responsabilità, qualità carenti nel nostro Paese.”
Sintesi efficace del malessere della scuola e dell’immane lavoro degli insegnanti.
Alcune considerazioni. La scuola risente del “pensiero debole”, del “frammento”. Il denominatore comune è la mancanza di  prospettiva. Un esempio: Nel PNSD è difficile individuare un profilo che dia senso e unitarietà alle tanti “monadi senza finestre” ( le trentacinque azioni). Ora se la scuola è priva di prospettiva è destinata a scomparire.  Almeno nella forma che noi conosciamo   e che ha giustificato storicamente la sua comparsa  nella grande avventura umana.
La scuola  è sempre vissuta   di pedagogia,  formazione che vanno “oltre la siepe” del momento attuale, versus ” la dilatazione del presente” che dimentica il passato e fagocita il futuro.
In questa profonda crisi, propedeutica al suo superamento, la scuola riesce ancora a produrre qualità. E questo è solo merito degli insegnanti! Missionari, perché lavorano quasi o totalmente gratis. Gli esempi sono tanti: gli Animatori Digitali, il Team per l’innovazione, il referente per il cyberbullismo, i commissari per il concorso scuola… Non condivido la decisione dei colleghi che assumono questi incarichi, perché in questo modo inviano tante conferme all’Amministrazione a proseguire in questo modo.  Li rispetto, però, consapevole del “grande cuore” che hanno tanti miei colleghi.
Se la scuola ancora è apprezzata è merito solo degli insegnanti che aspettano da sette anni un contratto dignitoso e rispettoso, sideralmente lontano da quello che stanno firmando i sindacati. Con quale autorità, meglio autorevolezza firmeranno il nuovo patto, dopo essere stati gabbati dal governo sul nuovo testo unico  che sostanzialmente ha riconfermato la prevalenza della legge sul contratto, disattendendo un impegno preso il 30 novembre scorso?
Detto questo cosa rimane? la solitudine degli insegnanti, rispetto ad un contesto che invia solo segnali punitivi e di denigrazione del loro lavoro; rispetto  a un Amministrazione e parti sociali che stanno giocando sulla loro professionalità, spingendoli verso il Nulla, declinato nella demotivazione!

Pubblicato in Opinioni, Tutti gli articoli | Contrassegnato , , , , , , , , , , | Commenti disabilitati su D. Maraini. Manca la visione, nonostante…

Testo Unico. Depotenziamento della legge? Dal decreto non sembra!


Sono abituato a leggere i documenti, prima di formulare valutazioni. Ho superato la fase delle luci del palcoscenico, oggi chiamata “annuncite”, dove la realtà, grazie alla sua particolare cromaticità, nasconde o altera i fatti.
E’ il caso del Testo Unico (Madia). I sindacati, in particolare la Cgil-scuola, nella giornata del 19 maggio, aveva dichiarato la “sua vittoria”, affermando che la filosofia del Decreto Brunetta ( Decreto Legislativo 165/2001 ) era stata superata a favore della contrattazione.
Bene, ho fatto una sinossi ( vedi sotto ) tra il “Decreto Brunetta” e il suo aggiornamento nel testo unico. Le integrazioni sono proposte nello schema del decreto (ricordo che ancora non il testo non è ancora stato pubblicato sulla G.U.)

Art 2 comma 2 Decreto Brunetta Testo unico (Madia) art 1
I rapporti di lavoro dei dipendenti delle amministrazioni pubbliche sono disciplinati dalle disposizioni del capo I, titolo II, del libro V del codice civile e dalle leggi sui rapporti di lavoro subordinato nell’impresa, fatte salve le diverse disposizioni contenute nel presente decreto che costituiscono disposizioni a carattere imperativo. Eventuali disposizioni di legge, regolamento o statuto, che introducano discipline dei rapporti di lavoro la cui applicabilità sia limitata ai dipendenti delle amministrazioni pubbliche, o a categorie di essi, possono essere derogate da successivi contratti o accordi collettivi e, per la parte derogata, non sono ulteriormente applicabili, solo qualora ciò sia espressamente previsto dalla legge.

 

I rapporti di lavoro dei dipendenti delle amministrazioni pubbliche sono disciplinati dalle disposizioni del capo I, titolo II, del libro V del codice civile e dalle leggi sui rapporti di lavoro subordinato nell’impresa, fatte salve le diverse disposizioni contenute nel presente decreto che costituiscono disposizioni a carattere imperativo. Eventuali disposizioni di legge, regolamento o statuto, che introducano o che abbiano introdotto discipline dei rapporti di lavoro la cui applicabilità sia limitata ai dipendenti delle amministrazioni pubbliche, o a categorie di essi, possono essere derogate nelle materie affidate alla contrattazione collettiva ai sensi dell’articolo 40 comma 1, e nel rispetto dei principi stabiliti dal presente decreto da successivi contratti o accordi collettivi nazionali e, per la parte derogata, non sono ulteriormente applicabili.

Una breve riflessione
A mio parere risulta incomprensibile  la conferma del carattere “imperativo  delle disposizioni del decreto “Brunetta” con la la parte eliminata ” solo qualora ciò sia espressamente previsto dalla legge.” Mi sembra un’operazione finalizzata a ridurre la natura “tranciante” del Decreto legislativo 165/2001. In altri termini: rendere meno amaro lo sciroppo!
L’impressione è confermata dall’inserimento della parte “possono essere derogate nelle materie…”
Concludendo, se la mia lettura è corretta (gradirei conferme o smentite) le parti sociali sono  rimaste con un  “pugno di mosche in mano”. Ecco spiegato il silenzio che regna nei loro siti! Se le cose fossero andate diversamente, avrebbero utilizzato tutte le fanfare per “spargere ai quattro venti” la loro vittoria!
Ed ora questi sindacati si preparano alla firma del più irrispettoso contratto pubblico dal 1990. Sono curioso quali argomenti porteranno per giustificare questa ulteriore offesa alla dignità dei lavoratori.

 

Pubblicato in Opinioni, Tutti gli articoli | Contrassegnato , , , , , | Commenti disabilitati su Testo Unico. Depotenziamento della legge? Dal decreto non sembra!

La prospettiva hegeliana sui contratti


Recentemente ho rivalutato  F. Hegel, come un esempio di un pensiero ribelle che non accetta la “datità” della realtà. In altre parole, nella storia non c’é nulla  di fatale – tranne la morte. L’uomo, l’umanità determina la storia in un processo dialettico  continuo, svelando  il grande inganno: l’rreversibilità che riguarda ad esempio l’Euro, la fine della storia con l’affermazione del finazcapitalismo…
Detto questo, nelle  letture hegeliane mi ha colpito questo pensiero del filosofo tedesco: ” Non fermarti a guardare l’albero, ma osserva la foresta”. Nel  contesto del frammento, dove è difficile trovare il piano alto e ricondurre le parti  a unitarietà il pensiero hegeliano invita ad osservare la realtà dall’alto per poterla cambiare attraverso  un oltre politico e sociale.
E’ il caso del nostro contratto. Il suo rinnovo inquieta! Non poco, perché gli aumenti prospettati e che stando “entusiasmando” il governo  e le parti sociali sono assolutamente irrispettosi e non dignitosi il lavoro degli insegnanti e in più in generale del comparto statale. Infatti dopo otto anni di blocco contrattuale e due da una sentenza della Corte Costituzionale ( 24 giugno 2015 ) , vengono messi sul piatto non meno di 85 € lordi a regime.
Qualcuno si chiederà qual è il disegno che sottemde questa irricevibile decisione? Cosa condiziona il governo a trattare in questo modo i suoi dipendenti?
La risposta la possiamo leggere nella lettera che la Commissione Europea inviò nell’agosto del 2011 a Silvio Berlusconi: ” Il governo dovrebbe considerare inoltre una riduzione significativa dei costi del pubblico impiego… e se necessario riducendo i salari
Ora i governi contemporanei o seguenti  quella lettera ( Berlusconi, Monti, Letta, Renzi e Gentiloni ) hanno centrato l’obiettivo! Infatti, il blocco ha comportato una riduzione media del 14%  del potere d’acquisto dei dipendenti pubblici ( Dato Anief ). E questo dimostra quanto sia autonomo il nostro governo (in genere la politica) dalla finanza che ha trasformato il debito privato in pubblico, attraverso anche il perverso meccanismo dell’acquisto a rate di ogni prodotto. La situazione è una palese sconfessione di chi annuncia “batteremo i pugni sul tavolo” per far valere la nostra autonomia.
Questa è la situazione! E’ possibile uscire fuori da questa dipendenza della politica dalla finanza. Certo, ma ci vuole un’altra Europa quella dei popoli e  dei cittadini!

Pubblicato in Opinioni, Tutti gli articoli | Contrassegnato , , , , , | Commenti disabilitati su La prospettiva hegeliana sui contratti

Don Milani. Una bella kermesse, ma…


Insegnare a tutti”.
Oggi il Miur ricorda con una bella kermesse la grande figura di D. Milani.
ha dichiarato il Ministro V. Fedeli: ” Insegnare a tutti’ era l’obiettivo di Don Milani ed è per questo che abbiamo scelto questo titolo per l’incontro .
Avere una scuola aperta ed inclusiva era scopo della sua attività ed è l’impegno del Ministero che mi onoro di dirigere. Aperta ed inclusiva significa anche capace di parlare a chi è più emarginato, a chi è a rischio dispersione. Dobbiamo dare a tutte le ragazze e a tutti i ragazzi, anche e soprattutto ai più deboli, gli strumenti per essere preparati ad affrontare il futuro”
Bel discorso, belle parole! La realtà, purtroppo è diversa! Non credo che il prete di Barbiana, avrebbe partecipato  se avesse potuto a questa manifestazione, azzerando l’inesorabile divenire del tempo.
La scuola di oggi non è quella di D. Milani. Sideralmente lontana dalle “rotture” che si ebbero con il tempo pieno ( L.820/71) e soprattutto con la L.517/77 quando l’offerta formativa si aprì ad altri linguaggi, e si passò da un diritto allo studio formale (“La scuola è aperta a tutti” art. 34 Costituzione) ad uno sostanziale ( “E` compito della Repubblica rimuovere gli ostacoli di ordine economico e sociale, che, limitando di fatto la libertà e l’eguaglianza dei cittadini, impediscono il pieno sviluppo della persona umana e l’effettiva partecipazione di tutti i lavoratori all’organizzazione politica, economica e sociale del Paese. Art. 3 comma 2 Costituzione ).
Oggi il sistema formativo è in sofferenza e propone un profilo pedagogico “leggero, liquido” nel senso che la densità che rimandava ad un’idea forte, inclusiva e prospettica è circoscritta  spesso ai bei discorsi nei convegni, nei corsi d’aggiornamento, dove gli “inesperti di aula” fanno sfoggio del loro sapere teorico.
Le cause sono diverse. Innanzitutto del tempo pieno  è rimasto poco. Sono state azzerate le compresenze finalizzate alla personalizzazione; quasi scomparse le classi aperte  confermate dalla Legge 517/77 (“la programmazione educativa può comprendere attività scolastiche integrative organizzate per gruppi di alunni della classe oppure di classi diverse anche allo scopo di realizzare interventi individualizzati in relazione alle esigenze dei singoli alunni.” art. 2); ignorato il limite dei 20 alunni per classe in presenza del diversamente abile (art. 7, comma 3 ), grazie alla presenza delle classi pollaio ( 7-10% ) volute dal duo Gelmini-Tremonti, confermate anche dai governi del centrosinistra e portate alla massima espressione antipedagogica con le “superpollaio” ( Legge di Stabilità 2015, voluta dal governo Renzi ).
Concludendo, una manifestazione che non incide nella prassi didattica. Per questo obiettivo occorre un impegno diverso del Miur. Più impegnativo e difficile, che richiede un coraggio a pensare altrimenti, a ipotizzare una prospettiva contro “il finanzcapitalismo” ( L. Gallino ). E allora è più semplice ricorrere alle kermesse, alle solite parole…

Pubblicato in Opinioni, Tutti gli articoli | Commenti disabilitati su Don Milani. Una bella kermesse, ma…

“Blue Whale”. Parlarne, non parlarne? Ne parlo… con la Polizia Postale


L’altro giorno ho scritto quello che penso sul fenomeno idiota – dal nostro punto di vista –  e inquietante – per i ragazzi – della “Balena blu”  (“Blue Whale”) . Ho evidenziato il vuoto educativo lasciato dai genitori, occupato immediatamente da altri soggetti, tenendo presente che i nostri ragazzini, nel processo di desatellizzazione ( autonomia psicologica, affettiva, relazionale… dalla famiglia ) chiedono con modalità diverse e distanti da quelle tradizionali una guida, un punto di riferimento, mosso dal suo bisogno di diventare un “io” solido, un’identità definita.
Bene, qualcuno mi ha invitato di non parlarne troppo, oppure ha evidenziato la probabile bufala del fenomeno, smentita quest’ultima dalla presa di posizione della Polizia postale
Personalmente sono convinto che sia necessario parlarne, senza eccessi e sensazionalismi, perché ritengo che la comunità educante – in primis i genitori – debba pedagogicamente “riprendersi i propri figli”, liberarli dalla solitudine nella quale si trovano di fronte alle diverse situazioni. E’ necessario essere presenti in modo “arioso”, non asfissiante, per favorirne l’autonomia, che diventa comportamento responsabile solo dopo aver fornito loro gli strumenti e i mezzi per “camminare nel mondo”.
E il primo passo di questo riavvicinamento è il presentare le situazioni, indicandone le responsabilità e le soluzioni. Lo stesso comportamento ho adottato per il cyberbullismo, il grooming ( adescamento sessuale online )…
Detto questo,  propongo le regole pubblicate dalla Polizia postale per gestire il fenomeno della “Blue Whale”, non dimenticando di ricordare che è necessario che i genitori diventino una guida informatica autorevole,  che rimanda ad un bagaglio conoscitivo e procedurale profondo.
PER I RAGAZZI

  • Ricordate che nessuna sfida con uno sconosciuto può mettere in discussione il valore della vostra vita: segnalate sul sito www.commissariatodips.it chi cerca di indurvi a farvi del male;
  • Se anche vi siete lasciati convincere, non siete obbligati a proseguire: parlatene con qualcuno e chiedete aiuto;
  • Se un vostro amico dice di essere una balena blu (o una “blue whale”) o di essere un “curatore” per lo stesso “gioco”, parlatene subito con un adulto;
  • Se siete stati aggiunti su gruppi sui social che parlano di questo gioco, segnalatelo ai vostri genitori o sul sito www.commissariatodips.it.

PER I GENITORI  

  • Informatevi su che cos’è la Balena Blu;
  • Aumentate e migliorate il dialogo con i vostri figli su questo tema, ma anche sul tema della sicurezza in rete;
  • Fate attenzione ai cambiamenti d’umore che potrebbero avere i vostri bambini: dal rendimento scolastico alla capacità relazionale, al ritmo sonno veglia. Guardate se sul corpo compaiono delle lesioni e ricordate che alcune prove prevedono di svegliarsi alle 4,20 del mattino per vedere video horror e ascoltare musica triste. Se pensate che vostro figlio sia vittima di questo “gioco” potreste pensare di controllare le sue attività a quell’ora;
  • Se avete dei sospetti, parlate senza esprimere dei giudizi ma cercando di capire cosa stia succedendo ai vostri figli;
  • Se vostro figlio vi racconta che c’è un compagno che partecipa alla sfida o che fa il curatore, parlatene alla famiglia, oppure recatevi all’ufficio di Polizia, o segnalate sul sito www.commissariatodips.it.
Pubblicato in Cyberbullismo, Tutti gli articoli | Contrassegnato , , , , | Commenti disabilitati su “Blue Whale”. Parlarne, non parlarne? Ne parlo… con la Polizia Postale

Legge o contratto? Si decide il futuro del sindacato!


Discorso tecnico! Sono consapevole che può interessare solo chi ama l’analisi “del capello”.
Mi riferisco alla “querelle”: legge o contratto? In altri termini, il nuovo T.U. -non ancora pubblicato- ha di fatto “perimetrato” il decreto l.vo 150/09 ( “Decreto Brunetta”) oppure tutto è rimasto invariato a favore della legge come riferimento primario? Al momento non conosciamo i contenuti del nuovo T.U.. E questo nonostante l’iniziale dichiarazione della Cgil-scuola che attraverso il suo Segretario generale S. Camusso ” Il decreto arriva dopo l’accordo del 30 novembre e dopo un costruttivo confronto con Cgil, Cisl e Uil, teso a mantenere fermi i punti centrali dell’intesa: più spazio alla contrattazione, a tutti i livelli”. A onor del vero i toni trionfalistici del primo momento con il passar dei giorni e in assenza della pubblicizzazione del T.U. si sono trasformati in cautela e poi in giudizio negativo.
Ora la sensazione di aver ottenuto “aria”, quindi il Nulla – inquietante se lo consideriamo anche  in rapporto al “fantastico contratto” di 85 € lordi medi nel triennio-   è confermato dall’ultima querelle tra il sindacato e il governo, riguardante il Piano triennale di formazione. All’indomani dell’apertura della Piattaforma S.O.F.I.A, le parti sociali hanno ribadito la prevalenza del contratto e che quindi non possono essere esserci obblighi extracontrattuali ( ad esempio ore da effettuare ogni anno ). Da qui l’invito del sindacato alla controparte di attenersi al contratto. L’Amministrazione ascolterà l’invito?
Mi auguro che  questa sia l’ultima questione, prima della pubblicazione del T.U. che scriverà la parola “fine” all’intera  questione.
Il sindacato sta giocando una partita delicata e strategica che aggiornerà il suo  tasso di credibilità e autorevolezza , dopo i diversi tentativi di Renzi, di delegittimarlo, bypassarlo ( operazione disintermediazione ). Infatti, se il T.U. confermerà la filosofia del Decreto L.vo 150/09, mi chiedo quali spazi di manovra e di contrattazione potrà ancora esibire?
Se questo quadro dovesse essere confermato, saranno a perderci tutti i lavoratori, i quali sciolti dai legami forti saranno facilmente ricattabili con più doveri, meno diritti e paghe indecenti.

 

Pubblicato in Opinioni, Tutti gli articoli | Contrassegnato , , , , | Commenti disabilitati su Legge o contratto? Si decide il futuro del sindacato!

Contratto. Quanta voglia di chiudere, ma…


Ha dichiarato  Lena Gissi ( Cisl-scuola) che è pericolosa , “una campagna elettorale tutta sulla scuola senza portare a casa i risultati. Noi dobbiamo arrivare al rinnovo contrattuale, altrimenti tutte le problematiche relative alla qualità della didattica verranno messe ancora una volta in discussione… i tempi sono fondamentali perchè non ci possiamo permettere l’influenza demagogica della disputa politica che ancora una volta invade il campo in un momento delicato che stiamo vivendo. Bisogna ridare merito al mondo della scuola, per troppe volte oggetto di diatribe partitiche”
A queste dichiarazioni ha risposto il Ministro Fedeli, soffermandosi sull’importanza con le parti sociali” “Non solo perchè – ha aggiunto – sono passati tanti anni e non si può aspettare oltre, ma perche’ il rinnovo dei contratti deve assolutamente accompagnarsi al lavoro che stiamo facendo sui contenuti e sulla qualità per il rilancio della funzione di chi opera dentro la scuola, non solo dei docenti, dei dirigenti e del personale Ata…Il riconoscimento sociale, culturale ed economico di chi sta nel mondo della scuola è necessario al Paese. Chi non riconosce questo non sa che è da qui che riparte anche la possibilità di crescita effettiva e vera del Paese”
Belle parole, ottimo esercizio retorico, che  nascondono una realtà ben diversa! Sfido chiunque ad affermare che 85€ di aumento lordo a regime possano contribuire al riconoscimento sociale  della funzione  docente e  arginare populismi o contenere discorsi demagogici.  Per favore,  Ministro e sindacati abbiate la compiacenza di tacere, di non continuare per questa strada di presa in giro dei docenti. Sono finiti i tempi in cui era sufficiente affermare qualcosa con elementi sociologici o pedagogici per convincere i docenti della bontà delle intenzioni. Siamo arrabbiati, anche perché dopo otto anni di blocco contrattuale e due dalla sentenza della Massima Corte ( 24 giugno 2015 ) che sanciva l’incostituzionalità della proroga del blocco contrattuale, ci concedete le briciole, dimenticando gli ultimi sei mesi del 2015 – quelli che hanno seguito il pronunciamento della Corte.
A qualcun verrà l’idea di aggiungere i 500€ della “carta docente” – 38 € lordi al mese – spacciandoli per aumenti. Anticipo la risposta: questa nuova quota stipendiale è solo un trasferimento, una partita di giro, non  nuove risorse.
Sicuramente il contratto sarà firmato! Rischia, però di diventare un boomerang per l’Amministrazione e i il sindacato.
Sicuramente, però gli insegnanti si sentiranno ancora più soli: un’Amministrazione lontana e un sindacato incapace di difendere gli interessi dei propri associati. E questa condizione di solitudine rientra nella tattica del Ministero, che intende rapportarsi con soggetti – insegnanti- indifesi, depotenziati contrattualmente, “monadizzati” in modo da proporre la propria sceneggiatura senza troppi ostacoli. Con quali propsettive? E soprattutto con quale idea di scuola?

 

 

 

Pubblicato in Opinioni, Tutti gli articoli | Contrassegnato , , , , | Commenti disabilitati su Contratto. Quanta voglia di chiudere, ma…

“Blu Whale”. La conferma di una preoccupante assenza!


In quest’ultimo periodo sempre più si parla dell’ultima follia “Blu Whale“. La pratica è definita da qualcuno gioco. Lo è con la differenza che il provare i propri limiti nel tentativo di superarli – motivazione che sta alla base di ogni gioco –   porta al suicidio!
Nasce in gruppi chiusi o segreti dei social, guidati da tutor. Le reclute sono inserite attraverso la pratica dell’adescamento, favorite dal vuoto educativo e dalla “superficialità” procedurale, che costituiscono la nuova condizione di solitudine dei nostri ragazzi -spiegherò più avanti chi sono in primis i responsabili di questa situazione.  In pratica gli incauti o i consapevoli ragazzi devono superare 50 prove, fino ad arrivare a quella estrema: il proprio suicidio!
E’ l’ultimo esempio dell’idiozia umana, espressione del Thanatos freudiano che può rivolgersi anche contro se stessi  e che diventa un unicum con il bisogno del ragazzo di riconoscersi in un “io”, grazie all’attenzione che qualcuno gli rivolge. E questo riconoscimento oggi avviene spesso   nel Web. In questo gli ” i like” svolgono un ruolo importante. Mutuando il cogito cartesiano si potrebbe affermare oggi che “I like” fanno essere. Il Web, declinato nei media sociali, nei servizi di IM, assume le caratteristiche di ambiente virtuale, dove nel gioco di mascheramento-smascheramento del proprio  “io”, inteso come unità psicosomatica,  il ragazzo trova “protezione” e  “rifugio”   a quello reale, spesso aspro, complesso, impegnativo, foriero di  sofferenze e di solitudine.
In questa situazione si registra una grande assenza: i genitori! Il fenomeno dell’idiozia “Blu Whale” ne è una prova! Dove sono i genitori-educatori di quei ragazzi/ni che entrano in questo  meccanismo perverso e autodistruttivo?
Essi sono gli unici responsabili di questa situazione! E tutto questo inizia, consegnando loro lo smarthphone a 9-10 anni. La Rete ha una responsabilità secondaria, indiretta, favorita da questa assenza. La sua navigazione richiede una patente, costituita da conoscenze e abilità informatiche “profonde”. Nelle mie conferenze lo dichiaro spesso: ” Dareste la vostra auto a un non patentato?”  Essi sono i primi responsabili (“patria genitoriale”) delle “cretinate” informatiche dei propri figli, perché lasciati soli a gestire la loro navigazione nel Web, in quanto anch’essi (i genitori) sono privi di quel profilo informatico competente. 
Ne consegue che i ragazzi “compilano la la loro patente di navigazione” attraverso i tam tam della Rete, le conversazioni, le “dritte” degli amici reali. Con buona pace dei genitori!

Pubblicato in Cyberbullismo, Tutti gli articoli | Contrassegnato , , , | Commenti disabilitati su “Blu Whale”. La conferma di una preoccupante assenza!

“Culpa in vigilando”. Una sentenza da considerare. Sempre!


Orizzontescuola.it rende nota una sentenza, che a mio parere deve essere il punto di riferimento per ogni insegnante, sul quale grava le responsabilità derivanti dall’art. 2048 del Codice Civile (“culpa in vigilando”). Si legge nella sentenza ( ho evidenziato le parti importanti ): “La Corte d’appello, con un accertamento di fatto non sindacabile in questa sede, ha ricostruito le modalità dell’incidente ed ha affermato che il piccolo N. si era “accucciato accanto ad un palo della luce posto ai
margini del cortile, alzandosi repentinamente e girandosi di scatto”, e in tal modo urtando la fronte. La sentenza ha poi accertato che la collocazione e la conformazione del palo dovevano considerarsi del tutto normali in rapporto all’utilizzazione del cortile, che il palo era pienamente visibile e che non era stato dedotto alcun difetto di vigilanza da parte dell’insegnante, sicché il comportamento del tutto imprevedibile del bambino integrava gli estremi del caso fortuito.
L’accertamento di merito, quindi, ha consentito di escludere un difetto di vigilanza da parte dell’insegnante e di riconoscere l’assoluta repentinità ed imprevedibilità del comportamento del bambino, verificatosi in un contesto privo di pericolosità.
Si tratta, come ben si vede, di una ricostruzione che ha tenuto conto dei principi della giurisprudenza di questa Corte e ne ha fatto corretta applicazione. In particolare, proprio la sentenza 13 novembre 2015, n. 23202, citata in ricorso, ha ribadito che in tema di responsabilità civile dei maestri e dei precettori, per superare la presunzione di responsabilità a loro carico di cui all’art. 2048 cod. civ., è necessaria la dimostrazione di aver esercitato la vigilanza sugli alunni nella misura dovuta e del carattere imprevedibile e repentino dell’azione dannosa; il che è quanto la Corte di merito ha verificato nel caso concreto.”
L’ampio stralcio mette in evidenza l’ indagine a 360°, anche ambientale, ( conformazione e visibilità del palo )  dei giudici finalizzata ad accertare la presenza di elementi afferenti la  negligenza o il dolo da parte dei docenti. Come si evince sono assenti considerazioni pedagogiche . Ciò che conta per loro è il codice e sentenze precedenti ( nel caso specifico la sentenza 13 novembre 2015, n. 23202 )

Pubblicato in Culpa in vigilando, Tutti gli articoli | Contrassegnato , | Commenti disabilitati su “Culpa in vigilando”. Una sentenza da considerare. Sempre!

Testo unico e contratto. La strana comunicazione di un sindacato


Purtroppo una parte sindacale sta perdendo punti dal punto di vista della comunicazione.
Si sta identificando sempre più con un tipo di comunicazione dove al centro non ci sono i fatti, bensì dei flash finalizzati alla sfera emozionale. Oggi questa particolare forma di comunicazione, si chiama “post-verità”. Neologismo che nasconde il NULLA, l’assenza, l’addomesticamento dei fatti o della relativa documentazione.
Mi riferisco al testo Unico. Si legge dal sito della Cgil-scuola :” …ad una prima lettura dei testi in nostro possesso, in diverse materie sono stati eliminati i riferimenti “agli esclusivi” limiti di legge restituendo al contratto collettivo nazionale di lavoro parte del ruolo che gli era stato tolto. Anche la contrattazione integrativa potrà giovarsi del superamento di alcuni vincoli previsti dal d.lgs 150 che sarebbero entrati in vigore al  rinnovo dei CCNL“. Chiedo: perché rimanere sul generico e non fare qualche esempio di contenuti tolti al riferimento primario della legge? Perché non pubblicare gli stralci del nuovo T.U. – pare in possesso solo della Cgil-scuola e non degli altri sindacati che opportunatamente tacciono sui loro siti – ai quali ci si riferisce?
Proseguo. Si legge subito dopo nella nota CGIl-scuola, evidenziando un cambio di tono ” Tuttavia sul comparto “Istruzione e Ricerca” si doveva e si poteva fare di più, proprio nell’ottica di una piena valorizzazione dell’autonomia di cui godono le istituzioni pubbliche della conoscenza.”… ” In questo quadro confermiamo il nostro giudizio negativo sulla normativa delle sanzioni disciplinari e sul permanere dell’ideologia che ispirava la legge Brunetta. L’attuale impianto normativo si conferma, quindi, inaccettabile.”
Personalmente ho capito poco! Questo mix di moderata soddisfazione non supportata dalla documentazione e di giudizio negativo non aiuta alla chiarezza, confermando la sensazione che il sindacato abbia iniziato l’operazione ritiro-consenso dopo l’inopportuna dichiarazione a caldo, basata solo sulla nota del governo. Il segretario Camusso infatti dichiarava il 19 maggio : “Il decreto arriva dopo l’accordo del 30 novembre e dopo un costruttivo confronto con Cgil, Cisl e Uil, teso a mantenere fermi i punti centrali dell’intesa: più spazio alla contrattazione, a tutti i livelli, superamento del precariato, tutela e qualificazione del lavoro pubblico”. E ancora” Eliminato l’ultimo ostacolo al rinnovo dei contratti; abrogate le fasce Brunetta e le sue disposizioni punitive; restituito spazio alla contrattazione nazionale e di posto di lavoro; previsto un piano di assunzioni straordinarie per migliaia di precari .”
Altro esempio è il contratto economico. Si legge sempre nella nota ( titolo ) ” Ed ora il contratto“. La dichiarazione sembra indicare una firma che migliorerà significativamente la nostra esistenza!  Altro addomesticamento dei fatti!  Infatti questi  indicano un  irrispetoso  aumento lordo in tre anni di 85€ ( a regime saranno 50-60€ )  Certo, aspettiamo da diversi mesi questo “strabiliante”, “storico” contratto economico, regalando , tra l’altro, all’Amministrazione i sei mesi del 2015, seguenti la sentenza della Massima Corte e che sanzionava l’incostituzionalità del prolungamento del blocco contrattuale ( 24 giugno 2015 ).
Sono pronto a rivedere il mio giudizio, ma solo dopo aver letto il nuovo testo unico e il contenuto del contratto economico. E sinceramente quanto lo vorrei!

Pubblicato in Opinioni, Tutti gli articoli | Contrassegnato , , , , , | Commenti disabilitati su Testo unico e contratto. La strana comunicazione di un sindacato

Riforma. Quando gli insegnanti parlano ( forse ), torna l’aula!


Uno dei limiti della legge 107/15 è il “dintorno”, inteso quest’ultimo come ambiente altro dall’aula. Eppure da sempre quest’ultima è il luogo naturale degli apprendimenti, delle relazioni, delle emozioni che costituiscono il “cuore della scuola”. Tutto il resto è ornamento, accessorio, sovrastruttura!
Ora leggendo il programma elettorale del M5S sulla scuola, caratterizzata dall’intenzione di smantellare la legge sulla “Buona Scuola si legge: “Diminuire il numero di alunni per classe . Diffondere il tempo pieno e le compresenze di docenti nelle classi. Ripristinare gli insegnamenti ridotti dalla “riforma Gelmini” e inserirne di nuovi. Queste indicazioni hanno avuto un certo consenso probabilmente  da parte di diverse migliaia di insegnanti.
Ovviamente tutto al momento è generico, direi fumoso, aanche se sul numero degli alunni per classe  un post di due anni fa aveva stabilito una soglia max di 20-22 alunni. Comunque è un buon inizio! E’ da sottolineare l’intenzione di superare anche le disposizioni di M. S. Gelmini ( 2009 ), quando in accordo con Tremonti, si rivolse alla scuola come a un bancomat.
Se si verificherà la “conditio sine qua non” ( governo del Paese ) e le intenzioni diverranno decisioni politiche, allora potremo affermare che l’aula  sarà tornata a far parlare di sé. Ad onore del vero, , la stessa aspettativa fu riposta nel 2013, quando Bersani promise che avrebbe superato le disposizioni della Gelmini. Gli eventi successivi – sconfitta elettorale e governo Letta e Renzi – non ci diedero la possibilità di verificare le intenzioni del segretario Bersani, sostituite da altri scenari non sottoposti al voto popolare ( ” La Buona Scuola”).

 

 

 

 

Pubblicato in Opinioni, Tutti gli articoli | Commenti disabilitati su Riforma. Quando gli insegnanti parlano ( forse ), torna l’aula!

La soluzione contro il sovraccarico delle informazioni nel Web


Grazie allo sviluppo del Web le informazioni disponibili per utente sono aumentate considerevolmente. Il fenomeno è stato definito da A. Toffler  nel testo  Future Skock Milano, Rizzoli, 1970 ) con l’espressione di “information overload“. Questa disponibilità eccede la capacità della nostra mente di rielaborarle, trasformandole in conoscenze significative. L’aggettivo indica la connessione variamente multipla di queste con la rete concettuale preesistente.
Ora l’incapacità strutturale della nostra mente a rielaborare le informazioni può portare a stanchezza, stress ( cfr Empoli G. Overdose. La società dell’informazione eccessiva, Venezia, Marsilio, 2002 ).
I nostri ragazzi, quelli che definiamo spesso come “Nativi digitali”, hanno trovato una comoda soluzione: “Copiare e incollare” interi testi – cliccano spesso sul primo link della lista che si apre nel motore di ricerca, senza verificarne l’autorevolezza della fonte…-   e proporli ai loro professori, spesso inconsapevoli o complici, come frutto della loro rielaborazione.
Ora considerato che in futuro le informazioni aumenteranno e saranno  variamente disponibili, esiste una soluzione didattico-pedagogica che si chiamaMappe e testo“.
Il lavoro ovviamente è impegnativo sia per i docenti, sia per gli studenti. E questo scoraggia l’adesione a questa proposta, optando per la soluzione più comoda – “Copia e incolla” – a coinvolgimento cognitivo praticamente uguale a zero. In sintesi, gli schemi e le mappe assumono la funzione di “bussola” , favorendo l’individuazione delle informazioni importanti, la successiva “trattazione”. Questa rimanda al   confronto, alla eliminazione delle rindondanze  e alla rielaborazione finale di un testo organizzato per paragrafi.
Questo è in linea con alcune competenze digitali richieste  quali “Fornire strumenti di gestione per organizzare il lavoro e pianificare l’apprendimento” e “Curare contenuti Web…”.
Eppure di questo in Rete, c’è poco. Francamente mi sfugge il motivo di fronte a un presente iperinflazionato  di informazioni che impedisce alla persona di sviluppare il pensiero critico, supportato da conoscenze reticolari.

Pubblicato in Esperienze, Tutti gli articoli | Contrassegnato , , , | Commenti disabilitati su La soluzione contro il sovraccarico delle informazioni nel Web

Nuovo testo Unico. Attendo di leggere il testo. Qualcuno, invece…


Venerdi 19 maggio è stato approvato il Decreto Madia, alias nuovo testo unico del pubblico impiego.
La Cgil ha subito dichiarato la sua soddisfazione.”Il decreto arriva dopo l’accordo del 30 novembre e dopo un costruttivo confronto con Cgil, Cisl e Uil, teso a mantenere fermi i punti centrali dell’intesa: più spazio alla contrattazione, a tutti i livelli, superamento del precariato, tutela e qualificazione del lavoro pubblico”. E ancora” Eliminato l’ultimo ostacolo al rinnovo dei contratti; abrogate le fasce Brunetta e le sue disposizioni punitive; restituito spazio alla contrattazione nazionale e di posto di lavoro; previsto un piano di assunzioni straordinarie per migliaia di precari .”
Subito dopo ho cercato inutilmente il testo.  Nulla! Sul sito della Cgil, al momento non c’è traccia.  Sul sito della Cisl ho trovato lo schema, non il Decreto . La ricerca  è continuata su altri siti ( tecnicadellascuola.it e orizzontescuola.it ). Nulla!
A questo punto è stata illuminante la dichiarazione del segretario Furlan: ” Attendiamo di vedere il testo definitivo della riforma Madia  dove ci aspettiamo un maggiore equilibrio tra legge e contratto”
Conclusione: l’articolato del Testo Unico ancora non è disponibile! Sfugge la logica di una dichiarazione della Cgil senza il supporto del documento! Aggiungo: azzardata e pericolosa per l’immagine del maggior sindacato italiano, qualora il documento dovesse confermare la “filosofia” del Decreto Brunetta – maggior peso alla legge, meno al contratto.
Da parte mia attendo di leggere in modo approfondito il documento, prima di pronunciarmi.
Al momento ci sono solo cenni al nuovo regime delle visite fiscali e sulla responsabilità disciplinare dei pubblici dipendenti e poco altro. Probabilmente le testate giornalistiche hanno scritto il loro pezzo, partendo da una semplice nota, rilasciata dal governo. Quindi siamo a livello di un “riporto”, non della fonte. E per me conta quest’ultima!

 

Pubblicato in Opinioni, Tutti gli articoli | Contrassegnato , , , | Commenti disabilitati su Nuovo testo Unico. Attendo di leggere il testo. Qualcuno, invece…

La legge 107/15 non ha avuto il coraggio di…


La legge 107/15 conosciuta con un’ espressione di dubbia efficacia massmediatica di “Buona Scuola”, si è rivelata un disposto in perfetta continuità con altre leggi. Non è bell’esempio   del “#cambioverso” renziano. Il coraggio non è la sua caratteristica più rilevante. Questo tratto è attribuibile a chi opera una rottura, una discontinuità con il passato.
Alcuni esempi. Un provvedimento di sinistra, meglio di centro-sinistra, si è rivelato “confermativo”  dei disposti di Maria Stella Gelmini, grazie ai quali sono stati prelevati 8 miliardi alla scuola, annullate le compresenze nella scuola primaria, istituzionalizzate le classi pollaio e promessi 2.400 milioni di € per il merito… Di questi ultimi non si è saputo più nulla!
A questo occorre aggiungere il mancato coraggio a “proteggere la scuola” dal Disegno Aprea ( Dirigente Scolastico e deputato di Forza Italia ) e dai suggerimenti di altre agenzie esterne al sistema scolastico, dimenticando i primi attori: gli insegnanti!
Detto questo, si spera che nei programmi elettorali – tutti da verificare, già in questo scorcio di legislatura. Il tempo è sufficiente per presentare disegni di legge – ci sia l’esplicito riferimento al superamento “senza ma e senza se” della 107/15, delle leggi Gelmini, cadute nel “dimenticatoio”, del divieto di chiamare il supplente  il primo giorno di assenza del titolare.
Le forze politiche poi sono facilitate nella parte propositiva, grazie alla L.I.P. espressione della scuola che entra ogni giorno in aula!

Pubblicato in Opinioni, Tutti gli articoli | Contrassegnato , , , , | Commenti disabilitati su La legge 107/15 non ha avuto il coraggio di…

Cyberbullismo. Un’interessante iniziativa


Molti convegni sul cyberbullismo sono caratterizzati da un’attenzione sugli aspetti pedagogici e psicologici, a discapito di quelli procedurali e di navigazione sicura nel Web.
Bene, sottopongo all’attenzione questo convegno dove pare dalle notizie che si possono leggere saranno evidenziate maggiormente le procedure superficiali,  errate messe in atto dal ragazzo che favoriscono la navigazione incerta e insicura nel Web.
Senza nulla togliere agli aspetti pedagogici e psicologici ritengo importante la trattazione degli aspetti tecnico-informatici.
Auspico la pubblicazione di video o di resoconti scritti di quest’interessante iniziativa.

Pubblicato in Cyberbullismo, Tutti gli articoli | Contrassegnato , | Commenti disabilitati su Cyberbullismo. Un’interessante iniziativa

Cyberbullismo. Aprile/Maggio: i mesi dello smartphone!


Tra aprile e maggio la vendita degli smartphone aumenta. Il motivo: le prime Comunioni!
Il dispositivo, evoluzione del cellulare, è l’oggetto del desiderio dei bambini! E i genitori, la maggior parte di loro sostiene questo desiderio, indirizzando spesso il parente all’acquisto.
E poi? Da quel momento il bambino vive un momento di iniziazione o di maggiore presenza nel Web e dintorni.
Tra media sociali e servizi di messaggistica istantanea (IM ) e altro inizia o si accentua la sua separazione dalla vita reale, creandosi falsi o reali profili. Il tutto in perfetta solitudine, grazie all’assenza dei genitori, i quali consegnano questo “coltellino svizzero” ( smartphone ) agli ignari figli che  gradualmente si formano al suo uso, ascoltando i consigli e i suggerimenti degli “esperti quasi coetanei”.
In mano ai bambini lo smartphone diventa un  oggetto pericoloso perché li espone alla lettura, alla visione di tanti spettatori, spesso silenziosi. Non si è mai soli nel Web! la nostra presenza può avere una significativa platea!  La probabilità che   ci siano cyberbulli o adescatori sessuali online ( fenomeno del grooming ) è molto alta. E’ necessario ricordare che tra questi spettatori potrebbero esserci molti abitanti del “dark Web”, costituito da ambienti virtuali pedopornografici, o che incitano alla violenza fisica, al razzismo…
E’ necessario che i genitori riprendano le redini dell’educazione, intesa come indirizzo, guida alla navigazione sicura nel Web. Per conseguire questo, dopo aver consegnato loro il dispositivo, è indispensabile che si mettano accanto ai propri figli, fornendo loro le mappe e la bussola del virtuale. Ovviamente nulla si improvvisa! La presenza del genitore, deve essere sostenuta da un bagaglio di conoscenze informatiche e procedurali adeguate alla navigazione sicura.
Del resto chi farebbe guidare ad una persona senza patente una macchina?

Pubblicato in Cyberbullismo, Tutti gli articoli | Contrassegnato , , , | Commenti disabilitati su Cyberbullismo. Aprile/Maggio: i mesi dello smartphone!

Prova di Excel ( Liceo scientifico Newton – Roma )

Martedì ho concluso la prima fatica al Liceo Newton – Roma , proponendo il test di verifica su Excel.
Ovviamente non sono presenti tutti gli argomenti proposti nella “Nuova Ecdl”.
Il test rappresenta un “antipasto”! Impegnativo, ma non troppo!
Lo metto a disposizione per chi intende “ripassare” alcune procedure di Excel. Sicuramente è da affiancare agli esercizi propedeutici all’esame Ecdl.
Prova finale Excel

Pubblicato in Esperienze, Tutti gli articoli | Commenti disabilitati su Prova di Excel ( Liceo scientifico Newton – Roma )

Contratto. La “Caporetto” (due volte ) del sindacato!


Il 30 novembre 2016 le OO.SS. hanno firmato una intesa contrattuale nella quale il governo si impegnava a modificare il quadro legislativo a favore della contrattazione. In questo modo si intendeva superare  “la filosofia” del  Decreto legislativo  “Brunetta” ( 2009 )   che invece dava rilevanza alla legge.  Infatti si legge nell’intesa:
Il governo, nell’esercizio della delega di cui all’articolo 17 della legge del 2015, si impegna alla definizione di un intervento legislativo volto a promuovere il riequilibrio , a favore della contrattazione, del rapporto tra le fonti che disciplinano il rapporto di lavoro per i dipendenti di tutti i settori, aree e comparti di contrattazione, per una ripartizione efficace ed equa delle materie di competenza e degli ambiti di competenza, rispettivamente della legge e della contrattazione, privilegiando la fonte contrattuale quale luogo naturale per la disciplina del rapporto di lavoro
Ora considerando che il decreto legislativo è sostanzialmente equiparato ad una legge ordinaria, subordinato unicamente alla Costituzione,  solo una nuova legge può abrogarlo! Ma veramente Le OO.SS. pensavano che il governo ponesse tra le sue priorità la revisione del Decreto “Brunetta?  Erano davvero convinti che qualcuno al governo e al Parlamento avrebbe perso il sonno per il pubblico impiego?
Se lo hanno creduto allora sono ingenui, sprovveduti!
Intanto fanno la voce grossa, organizzando manifestazioni, perché il nuovo Testo Unico che sta per essere approvato,  pare da voci di corridoio che “intenda essere   rispettoso”  del Decreto Brunetta, accogliendo di fatto la sua “filosofia”. Se questo sarà confermato dai fatti, non può essere ascritto tra le anormalità giuridiche. La 107/15 non ha abrogato il corrispondente disposto 15/09 , da cui discende la cosiddetta “Riforma Brunetta”.
E intanto sulla testa dei sindacati sta arrivando una seconda tegola:   il contratto “povero”, non dignitoso, irrispettoso della dignità dei docenti – e non solo. Attenti,  al trucco! Pare che per effetto della “Riforma Brunetta” una quota significativa di questi “incredibili” aumenti andrà a gonfiare la voce ” bonus merito”. Che dire? Non ho parole!
Sono curioso di conoscere chi sottoscriverà  questo “fantastico contratto” e quali motivazioni ci presenterà nelle assemblee.

Pubblicato in Opinioni, Tutti gli articoli | Contrassegnato , , , , , | Commenti disabilitati su Contratto. La “Caporetto” (due volte ) del sindacato!

“Culpa in vigilando”. Senza soluzione di continuità!


Riporto qui il commento ad una recente sentenza ( 10516/17 ) dove il Miur e l’insegnante sono stati condannati ” a risarcire due genitori che avevano perduto il figlio a seguito di un incidente avvenuto in prossimità della scuola”
Il pronunciamento chiarisce un principio: il passaggio di  responsabilità del controllo sul minore deve essere diretto. In altri termini, la consegna deve avvenire in prossimità del genitore o di altro adulto delegato o autorizzato e in assenza di potenziali pericoli. Quindi  il “ senza soluzione di continuità” prevede la vicinanza ragionevole dell’adulto!  Da qui non possono essere proposte come  attenuanti la conclusione del proprio orario di servizio o “il fuori dal perimetro della scuola” e ancor meno ragioni pedagogiche ( autonomia del bambino). In quest’ultimo caso, si può essere in disaccordo, ma il giudice sul suo tavolo non ha i testi di M. Montessori!  

E’ evidente che in tutti i casi nei quali è coinvolto un minore, prevale su tutto il suo diritto costituzionale alla sicurezza e protezione ( art. 30 e 31 ). Tale diritto è confermato, e non poteva essere altrimenti, dalla Convenzione dei diritti dell’infanzia e dell’adolescenza ( 1989 ) . Nello specifico l’art. 3 recita: “… l’interesse superiore del fanciullo deve essere una considerazione preminente.

  1. Gli Stati parti si impegnano ad assicurare al fanciullo la protezione e le cure necessarie al suo benessere, in considerazione dei diritti e dei doveri dei suoi genitori, dei suoi tutori o di altre persone che hanno la sua responsabilità legale, e a tal fine essi adottano tutti i provvedimenti legislativi e amministrativi appropriati.
  2. Gli Stati parti vigilano affinché il funzionamento delle istituzioni, servizi e istituti che hanno la responsabilità dei fanciulli e che provvedono alla loro protezione sia conforme alle norme stabilite dalle autorità competenti in particolare nell’ambito della sicurezza e della salute e per quanto riguarda il numero e la competenza del loro personale nonché l’esistenza di un adeguato controllo.”

Pubblicato in Culpa in vigilando, Tutti gli articoli | Contrassegnato , , | Commenti disabilitati su “Culpa in vigilando”. Senza soluzione di continuità!

ScuoIa. Il “se politico ” precede il “dimenticatoio”

Riporto quello che dichiaravano i tre candidati alla segreteria del PD:
Vorrei azzerare la Buona scuola e riscrivere la riforma con i docenti e i sindacati per fare in modo che la competitività dell’istruzione italiana si possa trovare nel dialogo e nella concertazione” ( M. Emiliano )
” Il mio impegno da segretario sara’ quello di prevedere ulteriori investimenti nella scuola pubblica e l’eliminazione di storture ed errori contenuti nella Buona Scuola” ( A. Orlando )
Se il 30 aprile o dopo vincerò la sfida per la segreteria, la prima iniziativa sarà dedicata alla Scuola: ho intenzione di ripartire da un tema dove il dente duole…Dobbiamo ripartire dal tema della disuguaglianza tra bambini: quando nascono i bambini in alcuni luoghi, c’è chi mi dice si può prevedere che fine fanno nove di loro su dieci. E questo non è accettabile” ( M. Renzi )
Le  dichiarazioni hanno un denominatore comune, più o meno implicito, che rimanda a una funzione logica “Se…allora“. Essa è  molto usata all’interno di Excel o Calc, conservando una certa asetticità. Se usata e abusata, invece, nelle conservazioni quotidiane o nelle dichiarazioni politiche, allora si declina in  parole vuote, finalizzate e lo capirebbe anche uno dei miei alunni. ad intercettare voti. Qualcuno replicherà, dicendo che per Orlando ed Emiliano, la condizione non si è verificata, quindi… Non sono d’accordo e l’ho anche scritto più volte: le intenzioni per me contano zero, se non sono tradotte in atti politici, quali una proposta di legge. Come dichiara spesso M. Travaglio ” le cose vanno dette dopo  che sono state tradotte in atti concreti”. Aggiungo: “Diversamente  tutto è fuffa
Da qui la mia richiesta a M. Emiliano e A. Orlando: ” Presentate una proposta di modifica della legge 107/15. La vostra mancata elezione non vi impedisce dal farlo. Se questo non avverrà, allora  avremo capito tutto!”
Altro discorso è Renzi. Ha vinto! E’ diventato segretario! Attendo ancora la sua prima iniziativa sulla scuola, in direzione di una sua maggiore inclusività.
Risultato? La scuola è rientrata nel suo “dimenticatoio”. E’ sparita dai radar dei massmedia!
Riflessione. Pessima strategia  ricordarsi della scuola solo per fini estrinseci – voto primarie. Sono convinto che se una legge sulla scuola non funziona, come la 107/15, allora occorre abolirla o quantomeno modificarla. E farlo unicamente perché si ritengono importanti le persone, e in particolare gli alunni e gli studenti. Il futuro che lo rappresentano, non è una categoria indipendente dal presente. La prospettiva è anticipata già ora. Porto avanti il solito esempio,: le classi pollaio! La legge 107/15  le ha confermate.! Se penso, che per molti alunni e studenti, questa organizzazione condizionerà pesantemente la loro formazione e quindi il loro futuro, tremo.  Qualcuno replicherà, dicendo che le classi polalio sono 7% su base nazionale. Bene, rispondo:  la scuola non deve perdere nessuno. Scriveva  D. Milani:” Se si perde loro (gli ultimi) la scuola non è più scuola. E’ un ospedale che cura i sani e respinge i malati”,  ” La scuola ha un problema solo. I ragazzi che perde” ( Lettera ad una professoressa”) E oggi grazie alle classi pollaio e superpollaio, se ne perdono tanti!

Pubblicato in Opinioni, Tutti gli articoli | Contrassegnato , , , , , | Commenti disabilitati su ScuoIa. Il “se politico ” precede il “dimenticatoio”

Il selfie. Il contesto narcisista e…


Il selfie ( l’autoscatto ) spesso è associato al narcisismo.
L’affermazione ha un suo fondamento. le persone che amano farsi l’autoscatto in modo compulsivo, lo fanno spesso  per mostrare un’altra immagine di sé, evidenziando una certa insofferenza per il loro reale aspetto fisico o tratto psicologico. Operano una manipolazione della realtà.
Ora, il selfie può supportare anche il desiderio di apparire “uno, nessuno,centomila”. Il titolo del romanzo di L. Pirandello si declina  nel nostro contesto liquido con l’espressione “personalità multiple”. Chi opera in questo modo decide di “postare” immagini di sé, diverse, in alcuni casi contraddittorie, variabili dipendenti del gruppo o  media sociale di destinazione. Pertanto egli si presenta in versione “dark”, “hard” o “soft”… in rapporto ai potenziali spettatori. Nel gioco degli specchi  mente anche a se stesso, rappresentando  una realtà falsificata. Queste istantanee servono per nascondere il vuoto che avverte dentro di sé. In questo contesto il narcisista porta a livelli preoccupanti il suo desiderio di apparire e di essere accettato. La stima  continuamente ricercata, infatti , è consolidata dal numero dei “like” registrati o dai commenti postati. Se una determinata foto non produce gli effetti desiderati, è sostituita con un’altra nella speranza di ottenere le dovute attenzioni. E così via.
Fortunatamente non tutti i selfie esprimono questa personalità. Ci sono anche, i documentaristi. Essi puntano ad un album fotografico che racconti i momenti più significativi della loro esistenza (festa dei diciotto anni, festa di laurea, …), oppure comunichi un messaggio forte  di rottura con una certa tradizione ( ragazze di religione musulmana senza velo…).
In entrambi i casi, spesso manca l’album fotografico che una volta rappresentava il racconto non scritto della propria vita. Quasi tutto quello che fotografiamo entra in un frullatore che ci restituisce il nulla. In altri termini, difficilmente stampiamo le foto. Facilmente  le dimentichiamo nella memoria del dispositivo e quando questa è quasi piena, allora le sacrifichiamo per liberare spazio. In questo modo ci regaliamo una biografia con diversi segmenti senza storia, cioè priva di istantanee di eventi  che con i loro colori e sensazioni hanno contribuito a dare senso  alla nostra esistenza e che invece di trattenere e conservare  consegniamo “all’ospite inquietante che si aggira tra noi: il Nulla ( F. Nietzsche ).

Pubblicato in Cyberbullismo, Tutti gli articoli | Contrassegnato , | Commenti disabilitati su Il selfie. Il contesto narcisista e…

Contratto. Per evitare che la montagna partorisca il topolino, propongo…


Ha dichiarato il Ministro Madia che l’atto di indirizzo all’Aran, necessario per l’apertura delle trattative contrattuali  sarà inviato “dopo l’approvazione definitiva dei decreti della riforma della pubblica amministrazione del Consiglio dei ministri, quindi a giugno o comunque prima dell’estate”
Qualche giorno fa il Ministro Fedeli ha auspicato la chiusura del contratto entro l’anno. Subito dopo, la dichiarazione-beffa! ” le figure dei docenti vanno riconosciute economicamente, così come i dirigenti: deve essere una delle professioni più sostenuta e valorizzata”.
I meno informati-non credo che siano tanti- penseranno :” Il nuovo contratto ci darà qualche soldo!”; ” Finalmente dopo otto anni avremo un contratto che riconoscerà economicamente il nostro lavoro”. E qui mi fermo!
Ovviamente queste aspettative sono fondate sul nulla, o quasi. In termini economici, secondo quanto stabilito dalle legge di Stabilità 2016 e 2017 e confermato dall’intesa del 30 novembre 2016, avremo al termine del triennio 2016-2018  50€ netti medi di aumento. Poco più di 15€ l’anno!. Con queste cifre, invito il governo a lasciar perdere per evitare di fare l’ennesima brutta figura e allargare la crepa tra la scuola e la politica. Tenetevi pure le risorse! Non cambieranno la vita dei docenti. Semmai daranno un ulteriore colpo alla loro dignità di lavoratori.
Lo chiedo anche a nome del sindacato, incapace di dire di no, battere i pugni sul tavolo e andarsene. Incapace, inoltre,   di cogliere le trappole che la controparte mette in campo – l’intenzione di rivedere la legge Brunetta a favore della contrattazione è al momento ferma su un binario morto.
Le alternative all’umiliante contratto sono le seguenti:
1) impegno immediato ad abbassare il numero degli alunni per classe 15-20  max e abolizione del divieto renziano di nominare il supplente il primo giorno di assenza del titolare;
2) assicurazione professionale per ogni docente  con massimale fino a 4-5 milioni di €;
3) assicurazione sanitaria privata con copertura media del 90% sulle prestazioni;
4) possibilità con chiamata obbligatoria del supplente  di prendersi le ferie, anche durante l’anno;
5) possibilità con copertura stipendiale al 90% di prendersi ogni cinque anni un periodo sabbatico per formazione o aggiornamento professionale con il solo obbligo di produrre una documentazione del lavoro svolto o la certificazione conseguita ;
6) conferma della “Carta docente”;
7) possibilità di differenziare l’ultima parte della propria carriera professionale -diciamo i rimanenti dieci-quindici anni – assumendo funzioni di tutor, di formatore, tecnico di laboratorio  – azione #27 del PNSD scuola primaria e secondaria di primo grado.
8 …
Ovviamente si accederà a questi ruoli dopo una serie di esami selettivi, partendo da un punteggio ripartito tra  esperienze professionali certificate e titoli culturali. L’inversione non è un errore, perché non considero il titolo di studio  pienamente abilitante all’insegnamento, se non supportato dalla passione e dall’intenzione di rimettersi continuamente in gioco.
Il sindacato è disposto a distogliere l’attenzione dal contratto economico indecente e a concentrarsi  su questi e altri elementi per ridare dignità al nostro lavoro?
Molti avanzeranno  dubbi di sostenibilità economica.  Benissimo, allora risparmiateci l’umiliazione di un contratto indecente e abbiate il coraggio di dirci, quale forma-scuola avete in testa, sostitutiva di quella attuale.

 

Pubblicato in Opinioni, Tutti gli articoli | Contrassegnato , , , , , , , | Commenti disabilitati su Contratto. Per evitare che la montagna partorisca il topolino, propongo…

L’utilità della certificazione Ecdl, nonostante…

Chi mi frequenta sa che sono impegnato da diverso tempo sul fronte delle acquisizione delle fondamentali conoscenze e abilità di base digitali.
Ogni tanto leggo interventi sulla inutilità della certificazione Ecdl. Alcuni puntano sulla mancata “immortalità” della certificazione che bisogna rinnovare con un esame upgrade ogni cinque anni – questo lo dico io, non loro che si fermano alla scadenza, dimostrando di non conoscere i nuovi percorsi Aica. Altri, come gli Animatori Digitali dichiarano di non voler “mettere la faccia” – l’espressione è mia – proponendo la  prima alfabetizzazione informatica. Ricordo che un amministratore di una pagina Fb  dedicata agli Animatori Digitali – sono stato bannato, perché postavo  cose “fuori dal coro”-  , mi rispondeva: ” E si ora metto a proporre corsi di prima alfabetizzazione…”. Da qui ho compreso la riluttanza a proporre corsi certificati. Poco dignitosi per il loro profilo!   Altri come i formatori del PNSD dichiarano che la certificazione ecdl è superata, inutile. Mi piacerebbe conoscere quali titoli riconosciuti in loro possesso li  autorizza a fare queste dichiarazioni.
Ben vengano questi rilievi perché servono al sottoscritto per riflettere su questa personale scelta, che coesiste con altre più complesse come la ricerca attiva nel web, l’ipertestualizzazione,  la lotta il cyberbullismo al grooming,…
Ho scelto di impegnarmi con bambini, ragazzi e adulti nella prima alfabetizzazione perché la cittadinanza digitale ( V. PNSD ) si basa sull’acquisizione delle conoscenze e abilità di base. Ora la cittadinanza digitale è una declinazione di quella più ampia che fa riferimento all’affermazione dei diritti civili – manifestare la propria opinione, la propria religione… )   e sociali ( salute, istruzione…) . E oggi essi richiedono l’uso consapevole dei software di base ( a licenza o free ) la capacità di navigare nel Web per ricercare informazioni o altro materiale e gestire le webmail. Purtroppo il 57% dei professori, si esprime con un lessico inappropriato – “appiccico” il testo, ” spingo” il mouse, “batto” sulla tastiera…-  non sanno usare correttamente i software di base e navigare nel Web.  Non parliamo poi di sicurezza e di uso degli strumenti collaborativi . Quindi sono esclusi da una piena cittadinanza! Per loro l’incapacità di utilizzare a livello base gli strumenti informatici ( Digital Literacy ) si traduce nella minore possibilità far valere i loro diritti.
Stessa situazione si trovano i cosiddetti “nativi digitali”. Utilizzo minimo e pessimo dell’editor di testo – mancato adeguamento dell’impaginazione, scarso utilizzo della formattazione, dei rientri…- , inadeguata conoscenza del foglio di calcolo – scarsa conoscenza della sintassi per l’inserimento delle funzioni aritmetiche e logiche –  e degli strumenti di presentazione – le diapositive contengono tanto testo. Questo offline.
La situazione diventa drammatica quando sono online! E lo sono spesso h 24! Secondo una recente ricerca dell’Aica il 42% degli studenti universitari non disattiva il wifi quando non serve, esponendoli quindi a intrusioni o furti d’identità ( ingegneria sociale ) ; il 40% non protegge l’accesso al proprio smarthphone con gli inevitabili rischi di essere coinvolti nei fenomeni dell’outing, denigration ( declinazioni del cyberbullismo ) e del grooming ( adescamento sessuale online ); il 50% non controlla le autorizzazioni richieste per l’installazione di un’applicazione…
A queste situazioni il rimedio si chiama alfabetizzazione informatica ( Ecdl o Eipass ).
Il valore aggiunto delle relative certificazioni è far conoscere il lessico informatico “digitare”, “premere”, “cursore”, “input”, “output”, “Dati”, “informazioni”-, acquisire abilità multiprocedurali –  ad esempio si può attivare il copia/incolla dalla barra multifunzione, con il tasto destro o con i tasti di combinazione rapida…-  e le competenze di organizzazione e di ordinamento – ad esempio impostare tutto per cartelle, sottocartelle, file… Tutto questo spesso “ritorna”, utilizzando applicazioni complesse, conferendo all’insegnante o relatore un’autorevolezza che sicuramente non può avere una persona che presenta il suo Desktop caotico e “affollato”, di  file e cartelle.
Ovviamente da questo discorso non è esclusa la parte online. La certificazione di acquisizione di competenze digitali ( non informatiche ), abilita alla navigazione, inserendo ad esempio criteri più mirati per ricercare informazioni e all’individuazione delle “balle virtuali” ( fake news ) . Navigazione che assume, anche caratteristiche collaborative,  di utilizzo del cloud e sicura.
Certamente tutto “questo “tesoro” ( conoscenze, abilità, competenze), deve essere aggiornato periodicamente. L’Aica propone un esame di aggiornamento ogni cinque anni. E’ impensabile oggi certificare ” a vita” conoscenze, abilità e competenze dinamiche, come quelle digitali.
Tutto questo, ovviamente non serve, se la persona non ha la passione: il valore aggiunto che lo porta a non “sentirti arrivato”, a ripartire ogni volta che raggiungi un obiettivo. Personalmente sto sostenendo gli esami per la certificazione “IT Administrator Fundamentals”. La prossima sarà ”  Informatica giuridica” ( qui tutte le certificazioni). Senza escludere il periodico upgrade della certificazione ecdl.
Concludo. Le abilità di base digitali, come quelle del “leggere, scrivere, far di conto” devono essere insegnate fin da piccoli, in modo da favorire l’avvio di una formazione “corretta” che deve durare tutta la vita.

 

Pubblicato in Ecdl, Tutti gli articoli | Contrassegnato , , , , , , , , | Commenti disabilitati su L’utilità della certificazione Ecdl, nonostante…

Ecdl primaria (Word ). Esperimento riuscito!


L’esperimento è riuscito! I nove giovani alunni della quinta primaria dell’I.C. “Carlo Levi” ( plesso Serrapetrona ) hanno dimostrato impegno, partecipazione e soprattutto tanto entusiasmo!
Gli argomenti che costituiscono il modulo Word della “Nuova Ecdl” non erano semplici e quindi potevano dimostrarsi noiosi o troppo distanti dal vissuto dei ragazzi.
E invece, sono riuscito a tenere sempre il coinvolgimento su livelli molto alti. Questo è stato confermato anche dai genitori e dall’insegnante di classe.
Giovedì scorso ( 4 maggio ) il corso si è concluso con una prova di verifica ( v. immagini  sotto ) che ha riguardato quasi tutti gli argomenti del modulo. Bene la media di successo è stata molto alta ( 90%).
Ho seguito questi criteri per l’attribuzione del punteggio sulle diverse capacità ( v. fondo seconda immagine). Richiesta ( =capacità ) completata 1 punto. Ad ogni errore all’interno della singola richiesta è stato sottratto 0,25 di punto.
Arrivederci al prossimo anno! Quest’anno si sono allenati. A settembre giocheranno la partita vera, sostenendo gli esami della Nuova Ecdl presso un Test Center.

Pubblicato in Ecdl, Tutti gli articoli | Contrassegnato , | Commenti disabilitati su Ecdl primaria (Word ). Esperimento riuscito!

Compensi formatori. Altra conferma, ma…


Altra conferma a una situazione che rischia di far naufragare il Piano di formazione.
Sul portale di tecnicadellascuola.it è stato pubblicato un nuovo articolo sui compensi irrispettosi e indecenti,  proposti ai docenti-esperti all’interno del Piano di formazione e basati su un Decreto di ventidue anni fa ( 326/95 )
A marzo ho fatto presente con due articoli il problema ( Piano di formazioneANP rileva il mio stesso problema ) che potenzialmente potrà far naufragare l’intero Piano, dimostrando ancora una volta la difficoltà di gestione di iniziative da parte del Miur. La situazione non è imputabile al Ministero, bensì alla politica, che come ha scritto recentemente M. Revelli ( Populismo 2.0, Einaudi, Torino, 2017 ) ha rinunciato a guidare i processi economici, assumendo la funzione  gregaria del  finanzcapitalismo ( L. Gallino). Questa subalternità però anticipa la sua completa eclissi.  Secondo il filosofo parmemidiano E. Severino ( “Il tramonto della politica”, Rizzoli, Milano, 2017 ) questo avverrà perché la politica ha legato le sue sorti all’economia finanziaria, destinata anch’essa a soccombere di fronte alla tecnica.
Tornando, comunque all’oggetto di questo mio intervento, la subalternità della politica,  è certificata dal silenzio-risposta alle diverse richieste di aggiornamento dei compensi, i quali come dichiara il Direttore Giuliani ormai sono stati decisi dalla L.107/15,  a meno che il Parlamento non legiferi diversamente. Qui però entriamo nella fantapolitica!
Detto questo intendo porre nuovamente l’attenzione alla beffa  più irridente  che si nasconde nel Decreto. Questo non propone un compenso lordo certo, perché si legge che per i relatori è previsto un riconoscimento economico “fino a…“. Pertanto un esperto potrebbe ricevere ancora meno. nel Si fa riferimento a un Decreto di ventidue anni fa (326/95) che testualmente nasconde una trappola, che molti DSGA conoscono bene.
Come andrà a finire? Facile previsione! Il Miur chiuderà un occhio sulla qualità degli esperti che avranno accettato l’incarico. Scrive il direttore di “Tecnicadellascuola.it”  ” Con queste cifre, è difficile che si possano proporre alle scuole esperti di alto livello… come invece sarebbe logico All’Amministrazione interesserà solo aver rispettato le procedure formali. Oltre,  è chiedere la luna!

Pubblicato in Opinioni, Tutti gli articoli | Contrassegnato , , , , , , | Commenti disabilitati su Compensi formatori. Altra conferma, ma…

Cyberbullismo. “Patentino” per l’uso dello smartphone


Ottima l’iniziativa dell’ Osservatorio Permanente Adolescenti Studenti, sostenuta da un gruppo di docenti e patrocinata dall’Assessorato alle Politiche Giovanili del Comune di Verona  di vincolare l’uso degli smartphone al conseguimento di una sorta di “patentino”.
Il valore aggiunto è quello di fornire strumenti, conoscenze  per un  uso consapevole  di questo dispositivo. Recentemente M. Spitzer ha definito lo smartphone “un coltellino svizzero”. L’affermazione ha un suo fondamento se si pensa  alle tantissime opportunità  offerte dallo smartphone.
Il punto critico di questa iniziativa è costituito dai genitori. Mi auguro che essi sostengano l’iniziativa con la sottoscrizione di un “patto di responsabilità educativa” che li impegni a non regalare il post-moderno “coltellino svizzero” se non dopo il conseguimento della certificazione.
Se questo si concretizzerà sarà un bell’esempio  di sinergia educativa tra la scuola, la famiglia e la società civile. Il cyberbullismo nelle  sue diverse declinazioni ( = comportamenti ) come l’outing, il flaming, il trickery… può essere arginato e depotenziato solo con la “complicità formativa” soggetti e agenzie  prossime ai ragazzi.
Le alternative sono la solitudine ( = certa ) e lo smarrimento ( non dichiarato)  avvertiti dai ragazzi di fronte allo strumento, consegnato loro  senza filtri o protezioni.

Pubblicato in Cyberbullismo, Tutti gli articoli | Contrassegnato , , , | Commenti disabilitati su Cyberbullismo. “Patentino” per l’uso dello smartphone

Recensione. M.R. Storchi ” La nuova Ecdl Full Standard” Ed. Manna


Sempre alla ricerca di nuovi contributi ho avuto la possibilità di consultare e di acquistare in un secondo momento questo lavoro di Mario R. Storchi,  finalizzato alla preparazione dei sette moduli che compongono ” La Nuova Ecdl”.
Lavoro curato. Le spiegazioni sono sempre supportate da immagini colorate ed efficaci. I concetti principali e le procedure più significative sono evidenziate, facilitando il lavoro di concettualizzazione. Tutto questo lo rende adatto sia ai principianti, sia ai più esperti.
Una segnalazione particolare va sul modulo “IT Security 2.0″. Molti concetti teorici, sono resi più comprensibili con degli esempi, che personalmente ho trovato molto efficaci.
Il valore aggiunto del lavoro, comunque, risiede nel disco allegato. Questo contiene le esercitazioni  in una simulazione molto vicina a quella dell’esame. Ogni volta i testi sono prelevati da un database interno. A differenza di altre pubblicazioni non hanno limiti nel loro utilizzo.
Nel cd è proposto un ampio eserciziario con soluzioni che si trovano nel sito dell’Editore e il modulo facoltativo relativo ad Access.
Non si trova facilmente nelle librerie “fisiche”. Se ne consiglia l’acquisto!

Pubblicato in Ecdl, Recensioni, Tutti gli articoli | Commenti disabilitati su Recensione. M.R. Storchi ” La nuova Ecdl Full Standard” Ed. Manna

DEF 2017-2020 “copia e incolla”. Prospettive nere per la scuola!

Iniziamo a conoscere i contenuti riguardanti la scuola previsti nel DEF 2017-2020 ( Documento Economico e Finanziario ). Nulla di nuovo! Rispetto al documento elaborato dal governo Renzi 2015, ci troviamo di fronte a un quasi copia/incolla. Dichiara il senatore Bocchino la spesa per l’Istruzione ”  scende dal 3,9 % del 2010 al 3,6 del 2015 e si prevede di far scendere ancora fino a 3,4 % nel 2025 per tornare a un magro 3,6, cioè ai livelli del 2015, nel lontano 2060″
Ora confrontiamo queste dichiarazioni rispetto ai dati contenuti nel DEF 2015.

Gli scostamenti sono praticamente uguali a zero! Quindi nulla di nuovo sotto il sole!
Il dato diventa allarmante se confrontiamo la tabella Ocse (2015 ), che colloca il nostro Paese negli ultimi posti per investimento nell’istruzione ( % del PIL )

Ora se questo trend sarà confermato anche nei prossimi anni il nostro Paese confermerà drammaticamente il suo declino culturale. Imbarazzante, se pensiamo alla nostra storia.
Dichiarava nel 2008 il Ministro Tremonti, prima di firmare il provvedimento che avrebbe sottratto alla scuola otto miliardi di €,  che la scuola elementare funziona benissmo ma  è un lusso che non possiamo permetterci. Rispondo che l’ignoranza ha un costo molto più pesante! Se solo pensiamo all’annullamento della dimensione del futuro…
A questo si devono aggiungere i seguenti  scenari:
1) probabile superamento dell’istituto contrattuale, degli scatti settennali e della vacanza contrattuale ( traduzione: contratti individuali attuando il detto “Divide et impera”);
2) conferma delle classi pollaio e superpollaio. La riduzione degli alunni nelle attuali classi pollaio è possibile solo aumentando il numero dei docenti ( traduzione: ottimizzazione delle risorse in rapporto al fine: custodia dell’infanzia e dei ragazzi);
3) incarichi a costo zero o con compensi poco dignitosi. Esempi:  gli Animatori digitali, il Team dell’innovazione, i formatori del Piano di aggiornamento remunerati, facendo riferimento a un decreto del 1995. In pratica “fino a 41,82”.
Troppo pessimista? Non credo! I numeri portano oggettivamente a un solo scenario: la fine dell’attuale forma-scuola!  Del resto, essendo un’istituzione umana , anch’essa è soggetta al divenire. Da cosa sarà sostituita? Questo lo scopriremo, probabilmente fra qualche anno.

Pubblicato in Opinioni, Tutti gli articoli | Commenti disabilitati su DEF 2017-2020 “copia e incolla”. Prospettive nere per la scuola!

Bullismo e cyberbullismo. Un utile contributo.


Propongo un utile contributo realizzato  anche dall’associazione “Telefono Azzurro” per gestire in modo consapevole e critico i fenomeni del bullismo e del cyberbullismo.
Il lavoro risulta essenziale, ma esaustivo dei fenomeni.
Sono convinto che solo il mix di informazione/formazione profonda  possa favorire un atteggiamento del “mettersi a fianco” al ragazzo coinvolto nei suddetti fenomeni. I soli divieti che rimandano ad una posizione pedagogica “contro”,  spesso certificano l’ignoranza ( =la non conoscenza del problema) e la convinzione che questi fenomeni si possano gestire con i vecchi metodi.
Le mappe, “il territorio esistenziale” dei nostri ragazzi sono  cambiati! Pertanto occorre che gli educatori ( genitori e insegnanti ) aggiornino i loro software di decodifica delle nuove situazioni. Diversamente si rischia la frattura intergenerazionale, migliore condizione per favorire la solitudine dei nostri ragazzi e quindi il loro coinvolgimento, spesso senza strumenti, nelle suddette situazioni.

Pubblicato in Cyberbullismo, Tutti gli articoli | Contrassegnato , , , , , | Commenti disabilitati su Bullismo e cyberbullismo. Un utile contributo.

Classi pollaio e burnout. La solitudine degli insegnanti!


Una ricerca dell’Università “Sapienza” di Roma fa emergere un dato conosciuto a livello empirico dagli insegnanti coinvolti:” chi ha classi molto numerose (sopra i 25 alunni) è più a rischio di burnout, mentre classi meno numerose (meno di 20 alunni) portano un livello 0 di burnout”
La situazione attuale anche se contenuta – meno del 7% del totale delle classi – pone dei problemi a livello costituzionale. La nostra Carta, infatti, garantisce ogni cittadino,  il quale gode di  “pari dignità e uguaglianza formale e sostanziale” Quindi anche se si tratta di circa  50.000 studenti coinvolti, il problema conferma la sua gravità.  Gli alunni/studenti iscritti a queste classi-pollaio, infatti, sostanzialmente sono meno garantiti nel diritto allo studio ( art. 3 comma 2 e art 34 ) e alla sicurezza.
Ma di questo ho già detto molto in precedenti interventi.
Qui vorrei invece, soffermarmi sulla condizione degli insegnanti, a rischio burnout. Innanzitutto chiariamo il significato, perché  solo la sua definizione chiarisce la condizione nella quale si trovano, secondo alcune ricerche, il 30% dei docenti. Burnout rimanda a una sindrome dove il soggetto coinvolto si sente “scoppiato”, “esaurito””, “bruciato, incapace di gestire da adulto le situazioni di stress e con una bassa capacità resiliente. Da qui molti ricorrono al farmaco, favorendo in alcuni casi effetti di dipendenza.
Il burnout è spesso favorito dalla condizione di solitudine nella quale un docente  si trova a gestire una classe non costituzionale (= classi pollaio e superpollaio ). La solitudine nasce dalla percezione che la scuola non è più una “comunità educante”, bensì un insieme di individui- monadi senza finestre verso l’esterno ( G.W. Leibnitz ). In termini più semplici, si è quasi sempre soli a gestire la situazione, nonostante i tanti progetti sull’inclusione che occupano le cattedre dei Dirigenti Scolastici e gli archivi delle segreterie, che però risultano nella loro  attuazione inefficaci per la presenza delle classi pollaio.
Ma la solitudine è favorita anche dalla sensazione di “essere gettati” in un contesto antipedagogico e insicuro da un’Amministrazione indifferente  che dal 2009 nulla ha fatto per  far prevalere la pedagogia sull’ economia finanziaria.
La solitudine, infine, è favorita da un contesto sociale e politico che non comprende “la fatica dell’aula” che ospita 25-30 e oltre alunni/studenti. La sensazione è confermata dalle tante dichiarazioni di “inesperti d’aula” sulla   ” apertura delle scuole nei mesi estivi”, o sugli  ” insegnanti fannulloni che godono di molti privilegi…”.  Poi però, queste persone se costrette ad interagire con gli alunni per un’ora, chiedono di far silenzio ( V. articolo) !
E certificare questa incapacità degli esperti a gestire una classe, favorisce solo tanta rabbia! “Cui prodest” questa situazione di smantellamento della scuola come agenzia di formazione ? La domanda è semplice, la risposta è più difficile da trovare!

Pubblicato in Classi pollaio, Tutti gli articoli | Contrassegnato , | Commenti disabilitati su Classi pollaio e burnout. La solitudine degli insegnanti!

T. De Mauro: La “vuota” Scuola!


Chi è dentro la scuola, ha conosciuto il valore culturale, pedagogico di T. De Mauro. E’ stato probabilmente l’ultimo vero Ministro dell’Istruzione!
Bene, in questa intervista, l’ultima prima della sua scomparsa, il linguista boccia senza “se” e “ma” la “Buona Scuola”. Potrebbe essere ribattezzata come la ” Vuota Scuola“. Per inciso, M. Tiriticco è più benevolo definendola con l’aggettivo “Inventata“, rivelandone il carattere di estraneità alla sua storia. Tornando però T. De Mauro l’aggettivo “vuoto” rimanda al concetto di assenza, di Nulla che è cosa ben diversa dalla pochezza – qui esiste una realtà minima.   Dichiara il Prof. emerito ” con quali risorse? tempi?”.  Io aggiungo: risorse poche! Molto impegno dei docenti  è scoperto ( v. compenso per il merito ) o gli eventuali riconoscimenti economici sono demandati alle singole istituzioni – V. Animatori digitali. Alcune figure, inoltre, difficilmente  vedranno  la luce per mancanza di risorse finanziarie – l’azione #27 del PNSD prevede il tecnico informatico di laboratorio per la scuola primaria, secondaria di primo grado. Non esiste, infine, il progetto, la prospettiva. Dove si vuole arrivare? Qual è il profilo di uscita dello studente?
Alla domanda “Basta un riconoscimento di 60 euro per motivare i nostri professori?, T. De Mauro risponde«Da ministro feci avere un aumento di 100 euro. L’Ocse dice che c’è una relazione tra retribuzione economica e produttività. Il deprezzamento finanziario attrae solo santi missionari” Alcuni esempi: l’Animatore digitale, il team d’innovazione e i commissari per il concorso-scuola. Per il momento la lista si conclude con i  formatori del piano nazionale di aggiornamento, ai quali è stato proposto un compenso irrispettoso  “fino a 41,82 lordo a ora”. La cifra fa riferimento a un Decreto del 1995. Senza parole!
Infine il Prof. emerito attacca la fretta renziana, identificata con la velocità. La prima è senza prospettiva, senza una meta, la seconda invece ipotizza un traguardo. Stesso distinguo è espresso dal filosofo marxiano e gramsciano D. Fusaro in ” Futuro è nostro”.
Concludendo, una solenne bocciatura di una Riforma, poco di sinistra – nonostante il continuo uso del termine da parte di Renzi. La legge 107/15 è aggiornamento del progetto Aprea,  Dirigente Scolastico e deputato di FI . Scriveva il filosofo marxista della speranza E. Bloch: ” Per far passare le riforme della destra, è sufficiente dipingerle con il colore della sinistra: il rosso!”
Un esempio di questo “continuismo” tra la destra berlusconiana e quella di Renzi è la conferma delle classi pollaio, recentemente divenute superpollaio ( Legge di Stabilità 2015 ). Ecco spiegati i motivi per cui non mi riconosco in questa sinistra, divenuta di destra.

Pubblicato in Opinioni, Tutti gli articoli | Contrassegnato , , , , , , | Commenti disabilitati su T. De Mauro: La “vuota” Scuola!

Renzi riparte dalla scuola. Due proposte vincenti!


“Se il 30 aprile o dopo vincerò la sfida per la segreteria, la prima iniziativa sarà dedicata alla Scuola: ho intenzione di ripartire da un tema dove il dente duole…Dobbiamo ripartire dal tema della disuguaglianza tra bambini: quando nascono i bambini in alcuni luoghi, c’è chi mi dice si può prevedere che fine fanno nove di loro su dieci. E questo non è accettabile”
Questa dichiarazione, facilmente attribuibile anche senza saperlo al candidato- segretario Matteo Renzi, perde molta della sua efficacia comunicativa, considerata la fonte. Infatti, pesa la mancata promessa di visitare ogni settimana una scuola, di riconoscere economicamente il lavoro degli insegnanti (“Guadagnate poco, ma siete il cardine del Paese. Io voglio che il governo stia in mezzo agli insegnanti. Il vostro lavoro è fondamentale” ) di ascoltare gli insegnanti ( Una riforma che non piace agli insegnanti. … Potrei continuare, ma mi fermo qui.
Detto questo formulo due proposte vincenti al Dott. Matteo Renzi che favoriscono l’inclusione, principio costituzionale ( art 3 comma 2 e art. 34 ) sottinteso alla sua intervista:
1) Diminuisca il numero degli alunni per classe, portandolo a 15-20 max., abolendo di fatto le classi pollaio, soluzione pensata e attuata dal duo Gelmini-Tremonti ( 2009 );
2) metta una croce sulla sua disposizione contenuta nella legge di Stabilità 2015 che ha formalizzato le classi superpollaio ( si formano con l’inserimento di alunni/studenti per il divieto di nominare un supplente per il primo giorno di assenza del titolare ).
Ogni riforma deve partire dall’aula, dall’ambiente dove si  si forma la persona. Diversamente si mettono in atto progetti inefficaci, inutili. Sarà la volta buona? Staremo a vedere!

Pubblicato in Opinioni, Tutti gli articoli | Commenti disabilitati su Renzi riparte dalla scuola. Due proposte vincenti!

Cyberbullismo. E il mio impegno continua…


Dopo il coinvolgimento al III° Municipio e altri interventi –  attualmente sono impegnato nella stesura del modulo “Cyberbullismo” all’interno del Pon “Pensiero computazionale e creatività digitale”-  il mio impegno continua presso un Oratorio salesiano. Tutti noi conosciamo l’ impegno dell’ordine religioso  a favore dei ragazzi e dei giovani. Bene, sono stato contattato per un intervento sul tema relativo alla sicurezza nel Web. Illustrerò a ragazzi, giovani e genitori, quali sono le superficialità procedurali o le trappole di tipo informatico  che favoriscono anche l’arrivo “del branco”.

Pubblicato in Cyberbullismo, Tutti gli articoli | Contrassegnato , , , | Commenti disabilitati su Cyberbullismo. E il mio impegno continua…

Il contratto.Il sindacato fa la voce grossa?


Sul portale tecnicadellascuola.it è stato pubblicato un articolo che presenta le reazioni del sindacato sullo “stato dei lavori” in vista della firma del contratto.
Le dichiarazioni esprimono il disappunto delle parti sociali per l’impostazione che il governo sta dando al nuovo Testo Unico. Pare che il documento confermi la legge Brunetta ( legge 15/09), fondata sul principio  che i rapporti tra l’Amministrazione i lavoratori trovano la loro fonte privilegiata nella legge. A questo disappunto, si aggiunge la seguente richiesta:” se si vuole restituire dignità al lavoro pubblico e rendere efficace l’azione delle Pubbliche Amministrazioni è necessario uno sforzo aggiuntivo circa lo stanziamento delle risorse per il rinnovo dei contratti”
Qualche considerazione. L’alzata di testa nasconde una certa ingenuità ( Legge Brunetta) e una consapevolezza fuori tempo massimo ( aumento contrattuale ridicolo ) . Mi spiego. A fine novembre, quando hanno firmato l’Accordo con il governo, necessario per l’avvio delle trattative contrattuali – parte economica – hanno dichiarato e scritto “urbi et orbi” che era stato fatto un “buon lavoro” e “superata la pratica degli atti unilaterali” ( S. Camusso); si esprimeva “soddisfazione per l’intesa e per gli aumenti dignitosi” ( Furlan ) e per un “accordo impensabile fino a un anno fa”( Barbagallo). Dichiarazioni, quindi, impregnate di toni trionfalistici – non potevano essere altrimenti -, ma che non sono riusciti ad esprimere tutte le perplessità riguardanti la revisione in tempi rapidi della Legge Brunetta, considerata l’ombra incombente  del nuovo Testo Unico. Chiedo: ma i sindacati hanno veramente creduto che si potesse in pochi mesi rivedere la legge Brunetta  o quanto meno smussarne le rigidità? Se lo hanno creduto, allora hanno peccato d’ingenuità.
Sul ravvedimento poi dell’aumento non dignitoso e offensivo “non meno di 85€ lordi medi in tre anni “, tocchiamo il fondo!  Solo adesso si accorgono di aver accettato un aumento irrisorio. Si auguravano che i lavoratori e il personale della scuola avrebbero fatto la “ola” per questo “piatto di lenticchie”? Mah! Non ho parole!
Mi auguro che queste dichiarazioni non precedano la dichiarazione di una giornata di sciopero, arma ormai spuntata che però essi ripropongono con una certa frequenza, perché otterrebbero l’unico risultato di irritare ancora di più i loro rappresentanti. Qual è allora l’alternativa? Il compito spetta a loro, certamente però devono fare un enorme sforzo di creatività per individuare una forma di lotta democratica che non vada contro la legge antisciopero 146/90, voluta anche da essi in prospettiva “anticobas” dopo il successo che si ebbe in quegli anni – 1988-1990 –  con un aumento contrattuale  medio del 23% . Quello fu l’ultimo vero contratto significativamente importante per i lavoratori. Dopo ci fu Tangentopoli, la crisi finanziara del 1992 con la legge di Bilancio (= Finanziaria ) di G. Amato da “lacrime e sangue” ( 93.000 miliardi di lire e prelievo forzoso e retroattivo sui conti corrernti  del 6 per mille…), il Decreto legislativo 29/93…

Pubblicato in Opinioni, Tutti gli articoli | Contrassegnato , , , | Commenti disabilitati su Il contratto.Il sindacato fa la voce grossa?

Il PD. Il tramonto del futuro!

L’Istituto Nazionale di Ricerche Demòpolis ha reso noto un dato allarmante: sempre più il Pd è un partito per i “meno giovani”! La base elettorale del Pd, infatti,  si presenta con questi valori: solo 16% degli under 45 dichiara di votare per il partito di Renzi. Ovviamente a questo dato deludente si contrappone quello più rassicurante, e nello stesso tempo più preoccupante: il 40% della popolazione meno giovane dichiara di simpatizzare per il Partito Democratico.
Alcune considerazioni. Il Pd sembra essere diventato il partito del presente,  della difesa dei diritti acquisiti. E il futuro? Dimensione,  prospettiva incarnata in molta parte di quel 16% , pare aver salutato il partito del quarantenne toscano – ironia della sorte. Il divorzio che si sta consumando, tra il partito erede del Pci e la sua storia, sembra non interessare i suoi responsabili. Lo smottamento assume le caratteristiche di un “#cambioverso” storico, rispetto a quanto scritto da Marx, Gramsci e  Bloch, “padri” della relazione teoria-prassi, che puntavano al superamento dell’esistente, del già conosciuto, coerentemente con l’impianto idealistico di Fichte, Hegel, Gentile… La loro dimensione naturale era il futuro, la non accettazione della “datità”, intesa come un prodotto immodificabile, naturale. Tutto questo oggi si declina nell’accettazione acritica della cosiddetta sinistra europea, di cui fa parte il Pd, delle “lezioni” del “finanzcapitalismo” ( L. Gallino ) che prospetta la “fine della storia” ( Fuyuama ) con l’affermazione del superamento del’età dei diritti sociali ( N. Bobbio ). In questo quadro è da ricercare la causa della diaspora della componente giovane della popolazione italiana dal PD. Una generazione sempre più caratterizzata da “passioni tristi” ( B. Spinoza ), sta voltando le spalle al Pd e in generale alla sinistra. E questo sicuramente apre prospettive inquietanti, non ultima la rivolta dei popoli ( populismo )  che in  un rapporto basso/alto ( Cfr, M. Revelli, Populismo 2.0, Einaudi, Torino, 2017),   punta il dito contro una classe politica incapace di uscire dalla “gabbia dorata”, presentata come il migliore dei mondi possibili ( Jobs act, La Buona Scuola…).

Pubblicato in Opinioni, Tutti gli articoli | Contrassegnato , , , | Commenti disabilitati su Il PD. Il tramonto del futuro!

Smartphone a 9 anni. Quale la prospettiva?


In questi giorni di meritato riposo, ho incontrato tante persone. I contesti erano quelli della festa, dello spensierato divertimento o più semplicemente del puro far niente.
Ho incontrato spesso bambini  piccoli (  10-11 anni ). In mano avevano il nuovo compagno tecnologico: lo smartphone! Questo “coltellino svizzero” ( M. Spitzer ) era usato prevalentemente per giocare e chattare. La mia dimestichezza con questi dispositivi mi consente di comprendere le situazioni anche a distanza. Non ho bisogno di avvicinarmi troppo per decifrare le situazioni.
Questa mattina scorrendo le varie notizie o riflessioni presenti nel Web, leggo che l’iniziazione all’uso dello smarthphone ormai è stabilizzata sui 9 anni. Il dispositivo è in cima ai “desiderata” dei bambini che non si fanno perdere l’occasione di chiederlo per la  “Prima Comunione”. La ricerca G-data ci dice qualcosa in più: questi dispositivi sono senza protezione ( antivirus, Parental Control…).
Mi sfuggono i motivi che spingono i parenti – spesso sono loro  i proponenti dello s –  con il consenso dei genitori a regalare ai piccoli “nativi digitali” dispositivi aperti al mondo virtuale. Non riesco a coglierne la prospettiva.  Mi riesce difficile vedere dietro questo regalo il disegno, se non quello di soddisfare un bisogno infantile indotto dal mercato pubblicitario. Quando chiedo a qualche genitore il motivo, la risposta è evasiva. In molti casi è il silenzio. Quindi il Nulla!
Da qui  l’abdicazione educativa della famiglia, divenuta una “variabile dipendente”  del mercato pubblicitario, confermata ad esempio anche dalla richiesta soddisfatta dei bambini di avere   videogiochi “sparatuttto” Pegi +18 ( Call of Dudy, GTA…).  Il desolante “quadretto” certifica la rinuncia dei genitori al principio d’autorità, connaturato al concetto di padre ( Lacan e il suo divulgatore M. Recalcati ), legittimando invece quello paritetico o amicale, caratterizzato soprattutto nella fase preadolescenziale  dalla complicità e dal bisogno di andare oltre le regole.  L’assenza di un baluardo educativo, certificato anche dalla ” non presenza di protezioni” nello smartphone rimanda al vuoto, alla mancanza di un progetto di vita per i propri figli che richiede  partecipazione e impegno costante ad aggiungere ogni giorno un tassello al disegno educativo che i genitori hanno deciso loro. Questo tipo di presenza richiede spesso letture, aggiornamento culturale, perché le mappe del territorio dove si costruisce  e decostruisce l’identità liquida  dei nostri figli sono cambiate. E questo spiazza i genitori, complice anche la drammatica situazione economica che viviamo ( perdita del lavoro, salario dimezzato o sensibilmente ridotto rispetto alla prestazione, contratti di solidarietà…) che li distrae dai figli.
In questo quadro si inseriscono le tante richieste di supplenza educativa  rivolte alla scuola, la quale a sua volta vive un momento di crisi dovuta alle tante spinte  che la vorrebbero ridotta a semplice agenzia di assistenza e vigilanza sui minori. Le poche iniziative efficaci, purtroppo non riescono a cambiare la situazione  dove il mercato, mosso dal Thanatos e dall’Eros domina su tutto l’arco dell’orizzonte liquido, aprospettico e quindi unidimensionale.

Pubblicato in Cyberbullismo, Tutti gli articoli | Contrassegnato , , , | Commenti disabilitati su Smartphone a 9 anni. Quale la prospettiva?

Web. Le “false notizie” e il pensiero critico


Il Web è un’ottima opportunità di conoscenza  e approfondimento. Purtroppo tra le tante informazioni, sono presenti anche delle “bufale”, delle false notizie ( “Fake news ). Queste hanno il compito di manipolare l’internauta sprovveduto, il quale spesso con il meccanismo della condivisone diviene il mezzo della loro diffusione. A questo occorre aggiungere gli effetti sulla reputazione online della persona che diffonde queste notizie. In altri termini, una “bufala”, ben confezionata può far crollare la fiducia delle persone che ci seguono, trasformando questo sentimento in altri di segno opposto,facendoci apparire come inaffidabili e irresponsabili.
E’ necessario formare gli internauti al riconoscimento delle false notizie.
Il media sociale Facebook ha recentemente pubblicato un decalogo per individuare e quindi ignorare queste “bufale”. E’ un mix di conoscenze informatiche ( attenzione alla formattazione e alle foto probabilmente ritoccate…) e di applicazione nel web del pensiero critico ( valutazione della fonte e verifica  di altri fonti… ).
Il modulo “It Secutity 2.0 ” ( Aica-Ecdl ) presenta sostanzialmente  le medesime regole, ponendo l’attenzione sulla credibilità della persona che pubblica la notizia, l’individuazione delle fonti dalle quali sono tratte le informazioni , il confronto tra le fonti…
Il moltiplicarsi di queste “bufale” nel web pone nuove sfide al sistema formativo: la selezione  delle informazioni non può limitarsi solo alla loro congruenza e utilità ai fini della ricerca, ma aprirsi al pensiero critico che significa “scansione” dettagliata delle informazioni.

Pubblicato in Esperienze, Tutti gli articoli | Contrassegnato , | Commenti disabilitati su Web. Le “false notizie” e il pensiero critico

Ecdl primaria. Ottima iniziativa dell’Aica!


Sono impegnato da diverso tempo in progetti di alfabetizzazione informatica. Finora le mie proposte hanno riguardato i docenti ( Liceo Newton Roma – due corsi ) gli studenti della scuola secondaria di primo e secondo grado ( Corso ecdl con esami presso un Test Center ) e da quest’anno anche gli alunni di quinta elementare.
Per questi ultimi il corso è rivolto all’acquisizione delle procedure relative all’uso di Word.
Sono molto soddisfatto!  Gli alunni sono  sempre motivati!Lo capisco dal loro coinvolgimento nelle diverse esercitazioni da me ideate e realizzate  . Al termine del corso ( maggio ) proporrò  un test con 36 item, molto simile a quello “ufficiale” dell’Aica .   Escluderò dalla prova il capitolo sulla stampa unione, che ritengo per loro difficile . Lo affronteremo il prossimo anno, quando riproporrò il modulo in vista dell’esame.
Fatta quest’ampia premessa, intendo sottolineare un’interessante proposta dell’Aica. Mi riferisco al progetto Mi presento…Ecdl – impara in modo divertente con l’Ecdl
Una proposta per la scuola primaria .
In sintesi. Attraverso delle esercitazioni pratiche finalizzate alla realizzazione di presentazioni in PowerPoint, riguardanti argomenti di  di scienze, geografia  e storia si propongono tutte le procedure relative al modulo 6 ( Presentation ).
Ritengo valida la proposta che conferma anche la mia impostazione metodologica, riguardante il modulo word.
Il prossimo anno proporrò agli alunni delle quinte  anche questo secondo modulo
Collegarsi qui. E’ sufficiente creare un profilo personale per accedere alle risorse disponibile e comprendere nel dettaglio la proposta. Punto di riferimento per iniziative rivolte agli alunni di quinta primaria.

 

 

Pubblicato in Ecdl, Tutti gli articoli | Commenti disabilitati su Ecdl primaria. Ottima iniziativa dell’Aica!

A Salvini & co. manca l’aula!


“Per la scuola siamo l’unico Paese che fa tre mesi di vacanze consecutive e, se non ci sono i nonni, siamo fregati”.
La dichiarazione di Salvini conferma il trend a ridosso delle prossime vacanze estive: dare voce alle preoccupazioni dei genitori-lavoratori su chi affidare i figli! Da qui si deduce    la vera funzione della scuola, alleggerita del suo compito formativo: assistere e vigilare sugli alunni e studenti minori nell’arco di tempo durante il quale i genitori sono al lavoro!
Detto questo, sinteticamente, intendo porre l’attenzione sull’inesperienza di aula che hanno tutti questi “saggi” quando parlano di scuola.
A questi esperti di scuola “senza aula”, manca l’esperienza di quest’ambiente affollato e quindi depotenziato nel profilo formativo, dove è difficile organizzare uno spazio adeguato ed esente da pericoli potenziali  tra le pareti e i banchi degli  studenti, grazie alla presenza di 26-28 bambini/ragazzi per classe. Limite che in alcuni giorni è significativamente superato, grazie alla loro trasformazione in classi superpollaio, previste dalla legge di stabilità “renziana” ( 2015 ).
A questi “saggi” manca l’esperienza del “bombardamento acustico” che sperimentano i docenti nelle loro attività didattiche  e laboratoriali.
A questi tuttologi poco credibili manca l’esperienza dell’interazione  con i vissuti extrascolastici degli alunni e studenti che spesso condizionano il loro apprendimento, e contemporaneamente  non lasciano indifferenti gli insegnanti. A questi inesperti di aula manca la frustrazione dei risultati che non arrivano, nonostante il grande impegno messo in atto dai docenti!
Questo e altro ancora, giustifica il periodo di recupero delle energie nervose e mentali estivo dei docenti, sicuramente non così  lungo come dichiarato da Salvini. Certamente tra i docenti ci sono colleghi che lavorano al minimo sindacale. Ma questi esistono in tutte le categorie di lavoratori.
Ricordo, portandolo come esempio della distanza tra gli inesperti di aula e i docenti, spesso questo fatto. Qualche anno fa insegnavo in una quinta primaria. La classe fu coinvolta in un progetto di educazione alimentare. La dotto.ssa della Asl, incaricata di parlare ai ragazzi, spesso interrompeva la sua “conferenza”, chiedendo ai ragazzi di non parlare, perché questo la distraeva. Si trattava solo di brusii!

Pubblicato in Opinioni, Tutti gli articoli | Commenti disabilitati su A Salvini & co. manca l’aula!

L.107/15 e decreti attuativi. Le false aspettative!


Noi docenti siamo fortemente condizionati dal detto: ” la speranza è ultima a morire!”. Personalmente sono convinto della sua validità, quando questa però è sostenuta da elementi oggettivi, che nel caso specifico riguardante la legge 107/15 significa presentazione in Parlamento di un disegno di legge finalizzato all’abrogazione della “Buona Scuola”. Solo questo atto ci può dare la certezza che nel Pd il vento è cambiato. E invece, continuiamo a dare peso alle dichiarazioni di esponenti di questo partito ( v. Emiliano, Speranza, Cuperlo…) che esprimono solo “desiderata” con nessuna conseguenza pratica.
Il film presenta una sceneggiatura già conosciuta! Senza andare troppo indietro nel tempo, il canovaccio è stato proposto dopo le elezioni amministrative del giugno scorso o il referendum costituzionale del 4 dicembre. In quei contesti gli sconfitti  hanno auspicato la riapertura del dialogo con il mondo della scuola, riconoscendo nella frattura prodotta con l’approvazione della legge 107/15 una delle cause del mancato successo .
Al momento della caduta del governo Renzi, molti miei colleghi hanno salutato  l’arrivo della Fedeli come un segno di discontinuità, di  “cambioverso” della politica scolastica. Forse fui tra i pochi a individuare “la trappola mediatica” nella quale erano finiti molti miei colleghi ( v. articolo), credendo che l’on. Fedeli che aveva votato, dichiarato il suo “si” alla legge 107/15  e anche scritto di voler concludere il suo processo di implementazione Intenti programmatici 2017, potesse magicamente adottare comportamenti di segno opposto.
Ed ora si spera che il Presidente Mattarella non firmi i decreti attuativi , dimenticando che i suoi poteri costituzionali sono limitati al solo rinvio alle Camere dei provvedimenti in caso di sospetto di elementi con vizi di legittimità costituzionale. Pertanto la firma verrà comunque apposta su questi decreti attuativi di una legge già firmata da Mattarella.
Cosa fare? Questo è il problema! Qualunque decisione però deve essere presa come categoria. Solo un’azione collettiva e continua nel tempo  può dare qualche speranza di riuscita. E la controparte sa benissimo, quali sono gli effetti di un’azione corale. Questa consapevolezza spiega perché ha perseguito e realizzato il detto “Divide et impera”.

Pubblicato in Opinioni, Tutti gli articoli | Contrassegnato , , , | Commenti disabilitati su L.107/15 e decreti attuativi. Le false aspettative!

Cyberbullismo. Altre conferme per un intervento “profondo”


Stanno aumentando le iniziative per una navigazione sicura nel Web. La Polizia Postale e delle Comunicazioni è presente da diverso tempo con incontri nelle scuole. A Roma e Provincia  la Questura sta portando avanti  il progetto “Scuola Sicura”. A questi si stanno aggiungendo iniziative di aziende private coinvolte nel mondo informatico. E’ il caso di “G Data” che da febbraio si è fatta promotrice di laboratori ( workshop ) formativi che coinvolgono città  come Milano, Sondrio, Pavia, Brescia, Cuneo, Novara, Padova e Imperia. Gli studenti raggiunti sono 1.500 ca. Quindi un numero sufficientemente rappresentativo  per la raccolta di dati affidabili che hanno confermato il  quadro allarmante del rapporto tra i cosiddetti “nativi digitali” i dispositivi e il Web.
Qualche  numero/percentuale con qualche  commento personale .
– L’iniziazione all’uso dello smartphone ( da non confondere con il cellulare ) inizia a 9 anni. A quest’età molti bambini fanno la Prima Comunione. Indovinate cosa chiedono come regalo? Ovviamente il dispositivo non è protetto, situazione facilitata dall’analfabetismo dei genitori.
– A 12 anni molti ragazzi hanno un’email con password debole. Probabilmente la loro data di nascita, oppure la sequenza numerica 12345… che risulta secondo una ricerca di Google la password più utilizzata ( 70%)
– il 80% degli alunni e studenti ( 9-12 anni ) utilizza WhatsApp, il restante 20% Snapchat. Questo facilita la nascita di gruppi. Sottolineo che tutte queste conversazioni basandosi su messaggi scritti, escludono le persone che si trovano fisicamente intorno al ragazzo.
La ricerca ( il dettaglio lo si può leggere qui ) prosegue evidenziando una scarsa attenzione verso la privacy dei profili  la diffusa leggerezza nel pubblicare foto o video sui media sociali.
La situazione conferma la necessità di progetto di “ripresa educativa dei  ragazzi“, che li faccia uscire dalla condizione di solitudine, nella quale cyberbulli o adescatori sessuali nel web ( fenomeno del grooming ) agiscono indisturbati e in un rapporto diretto con lo sprovveduto  ” nativo digitale”.
Ben vengano le suddette iniziative, che però denotano la difficoltà degli Istituti scolastici a individuare docenti competenti a promuovere tali attività. Queste nascondono inoltre un rischio: sollevare i docenti ( genitori inclusi ) dal farsi carico pedagogicamente del problema con progetti articolati e profondi finalizzati alla promozione di capacità e competenze. Ci sono le condizioni? Dalla mia esperienza diretta purtroppo registro un ritardo preoccupante. E’ necessario che gli adulti riprendano in mano la gestione educativa dei propri ragazzi, lasciati in questi ultimi anni a gestire strumenti o scenari sconosciuti e potenzialmente pericolosi, nonostante la loro reputazione ( solo presunta ) di esperti informatici.

 

Pubblicato in Cyberbullismo, Tutti gli articoli | Contrassegnato , , , | Commenti disabilitati su Cyberbullismo. Altre conferme per un intervento “profondo”

Cyberbullismo. Un manuale per genitori ( Polizia postale )


Il cyberbullismo è un fenomeno “percepito” dai genitori solo quando li riguarda. Generalmente il loro interesse è scarso. Sono convinti che il problema non li riguarderà mai. Al più potranno avvertirne la presenza in modo indiretto, attraverso il coinvolgimento di qualche amico del figlio.
In questo deserto educativo, dove la famiglia è assente sorge il fenomeno del cyberbullismo. I nostri figli sono lasciati soli davanti al display, senza bussola, senza mappe per orientarsi. Da qui entrano in gioco altre agenzie, altri soggetti a fare educazione.
E’ necessario che la famiglia si “riprenda i propri figli“.
La polizia postale e delle comunicazioni ha messo a disposizione un utile manuale per sostenere i propri figli nella navigazione nel Web. Lo strumento informativo punta a una “presenza”, a un ” mettersi accanto” al proprio figlio, andando oltre il semplice e sterile divieto.
La sua lettura comporta “distrarre il proprio tempo” da altre incombenze sicuramente importanti, ma non quanto il futuro dei propri figli.
Ribadisco che il momento informativo, non può essere esaustivo, portare alla formazione all’acquisizione di competenze che per loro natura hanno il piano inclinato verso il futuro.
Da qui la necessità di un serio piano, illustrato a grandi linee in un precedente articolo.
Nelle prossime settimane presenterò un progetto formativo finalizzato all’acquisizione di queste competenze.
    

Pubblicato in Cyberbullismo, Tutti gli articoli | Contrassegnato , , | Commenti disabilitati su Cyberbullismo. Un manuale per genitori ( Polizia postale )

Cyberbullismo. L’incapacità di “sentire” e il narcisismo


Finora ho trattato il cyberbullismo dal punto di vista tecnico-informatico. In altri termini, ho messo in evidenza le diverse “distrazioni”, “superficialità procedurali che i nostri “nativi digitali” mettono in atto, facilitando “l’arrivo del branco”.
Qui vorrei soffermarmi sugli aspetti psicologici.
Il bullismo e la sua declinazione cyberbullismo sono causati da anaffettività, cioè assenza totale o quasi di sentimenti positivi e costruttivi. Questi richiedono la sponda del riconoscimento del valore dell’altro. Nella navigazione nel web e soprattutto nell’uso dei media sociali la percezione dell’altro è variamente compromessa dall’assenza del corpo, dall’incertezza sul profilo reale dell’interlocutore ( identità multiple, grazie alle quali un soggetto può essere “uno nessuno e centomila”) da relazioni marcatamente funzionali a un bisogno, un interesse,, favorendo quindi comportamenti improntati all'”uso e getta”… A questi  elementi occorre aggiungere anche il diffuso narcisismo, esaltato dalla frequentazione dei media sociali. La migliore definizione l’ha data il sessuologo Ellis Havelock(1898) accostando il narcisismo alla masturbazione, dove l’oggetto è la stessa persona esaltata, trasfigurata e caratterizzata da un ego espanso. Le manifestazioni narcisistiche risiedono nell’occupazione totale del palcoscenico della vita dal proprio Io , dove  il Sé annichilisce l’altro, con il risvolto di essere iperesposti alla vergogna, ipersensibili al rilievo che non conferma l’immagine e la percezione ipertropica del proprio Io. Completa il “quadretto psicologico” l’esaltazione dei risultati con un linguaggio autocelebrativo e a tratti altezzoso, l’incapacità a considerare altri punti di vista…
Questo sinteticamente,  è il “terreno psicologico” che favorisce l’insorgere del cyberbullismo.  E qui c’è tanto lavoro per la scuola e  la famiglia. I risultati dipendono dalla loro scelta di distinguersi nella proposizione dei valori. Senza dimenticare la loro sinergia!

Pubblicato in Cyberbullismo, Tutti gli articoli | Commenti disabilitati su Cyberbullismo. L’incapacità di “sentire” e il narcisismo

Sicurezza nel Web. Un “simpatico” elenco. Un fumetto dalla Polizia Postale

Ogni giorno incontro ragazzi, quelli che gli adulti definiscono “nativi digitali”, con poche conoscenze e scarse abilità per una Navigazione sicura nel Web,
Quasi sempre l’approccio alla sicurezza, richiede studio e riflessione sugli aspetti tecnico-informatici, percepiti dai nostri ragazzi poco interessanti. Recentemente ho avuto la conferma di questa distanza, preparando gli studenti del mio Istituto all’esame “IT Security”. La fatica è stata premiata! Sicuramente però ci sarà molto da lavorare.
Ho trovato nel Web questo simpatico elenco che illustra gli atteggiamenti giusti da tenere per rendere sicura la navigazione. Aggiungo un altro documento presente sul sito della Polizia Postale e delle Comunicazioni con la collaborazione di Walt Disney.
Questo materiale molto utile rappresenta un primo approccio, soprattutto per gli alunni di fine primaria – questo è il periodo dei primo smartphone regalato in occasione della prima Comunione.
La vera formazione, come ho scritto nel mio recente articolo richiede impegno, studio e sicuramente un’età più matura.

Pubblicato in Cyberbullismo, Tutti gli articoli | Contrassegnato | Commenti disabilitati su Sicurezza nel Web. Un “simpatico” elenco. Un fumetto dalla Polizia Postale

“Culpa in vigilando”. L’importanza della presenza attiva

La “Culpa in vigilando” ha il suo fondamento nell’art. 2048 del Codice Civile.
Si legge  nel secondo comma:” I precettori e coloro che insegnano un mestiere o un’arte sono responsabili del danno cagionato dal fatto illecito dei loro allievi e apprendisti (2) nel tempo in cui sono sotto la loro vigilanza.”
Il passaggio individua  i responsabili e il limite temporale. Spesso però, i pochi che conoscono questo riferimento normativo ( mi riferisco all’art. e non al generico “Sono responsabile…”), non conoscono il comma successivo che richiama la condizione liberatoria: “le persone indicate dai commi precedenti sono liberate dalla responsabilità soltanto se provano di non aver potuto impedire il fatto
Da qui discende il principio che non è sufficiente la presenza fisica per non essere citati per inadempienza degli obblighi sulla vigilanza. In altri termini, non è sufficiente provare che al momento dell’incidente occorso al minore si era presenti. E’ necessario provare con atti formali o più semplicemente con azioni ad alto tasso di visibilità che si è impedito il fatto. Alcuni esempi: zaini spostati in parti dell’aula non soggette al transito degli alunni; divieto esplicito di dondolarsi sulla sedia, di correre negli spazi ristretti dell’aula…
Ribadisco il criterio stringente che i giudici – sul loro tavolino non ci sono trattati di pedagogia, che “parlano” di autonomia – hanno come riferimento e dal quale discendono le loro sentenze: il grado di prevedibilità dell’evento ! Ovviamente  questo ricade nell’interpretazione del giudice, in base alla documentazione e alle dichiarazioni dei testimoni. Solo il basso tasso di prevedibilità dell’evento , può essere configurato come “repentino” e quindi rientrare nella condizione di “non aver potuto impedire il fatto

Pubblicato in Culpa in vigilando, Tutti gli articoli | Commenti disabilitati su “Culpa in vigilando”. L’importanza della presenza attiva

Cyberbullismo. L’utilità del progetto dopo gli incontri


La Polizia di Stato e in particolare quella Postale e delle Comunicazioni sta intensificando i suoi incontri nelle scuole per arginare i fenomeni del grooming ( adescamento sessuale nel web ) e del cyberbullismo. Vanno ringraziati per questo impegno!
Stesso apprezzamento lo rivolgo anche ai tanti formatori e docenti che organizzano questi momenti.
Questi incontri, possono, però, risultare inefficaci nel tempo. Mi spiego. Nel mio “preregrinare”  tra le scuole constato spesso che non esistono progetti di informatica e quindi i laboratori sono chiusi e le Lim utilizzate solo come videoproiezione. In questi deserti formativi gli incontri rappresentano delle interessanti parentesi. Niente più!
In altri termini, l’informazione, pur necessaria, non potrà mai trasformarsi in formazione. Sono necessarie capacità e tempo per conseguire la necessaria competenza per navigare in modo sicuro, consapevole e critico nel Web.
Da qui la necessità di un progetto.   Etimologicamente il termine ha il piano inclinato verso il futuro. Lo stesso M. Heidegger, definisce l’esser-ci ( noi ) come un pro-getto ( gettato avanti, esposto al futuro ).
Quali devono essere gli elementi di questo progetto?
In questo ci aiuta Il World Economic Forum che ha stilato un elenco di otto competenze digitali che i nostri ragazzi devono avere.
Nel nostro caso è necessario che il progetto faccia riferimento alle seguenti:
a) Gestire la propria presenza online connessa con la  reputazione  ( Digital Indentity )
b) Individuare ed evitare i rischi dell’adescamento sessuale, del cyberbullismo… ( Digital Safety )
c) Riconoscere le attività dell’ hacking e dell’ ‘ingegneria sociale ( social engineering ), le tante truffe online e attivare  comportamenti adeguarti per evitare che i propri dispositivi ne siano coinvolti ( Digital Security )
d) Prolungare la propria intelligenza emotiva anche nel web ( Digital emotional intelligence )
e) Essere in grado di collaborare online utilizzando ad esempio la Suite Google… ( Online Collaboration  )
f) Acquisire un’adeguata consapevolezza dei diritti digitali che fanno riferimento alla privacy, al copyright e all’oblio.
Il progetto non può riguardare solo gli studenti, ma anche i docenti. In particolare se si realizza la seconda condizione, è possibile costituire una struttura permanente in grado di dare autonomia e continuità progettuale all’Istituto scolastico. A questo si aggiunge che la realizzazione del progetto   conferma l’attenzione della scuola verso il piano alto costituito dalla formazione. Solo la presenza di quest’ultima giustifica la presenza della scuola nella società liquida. Diversamente è preferibile decretarne la chiusura!

Pubblicato in Cyberbullismo, Tutti gli articoli | Contrassegnato , , , | Commenti disabilitati su Cyberbullismo. L’utilità del progetto dopo gli incontri

Ecdl IT Security 2.0. Altro successone!


Oggi i ragazzi da me formati hanno superato brillantemente l’esame più difficile di tutto il pacchetto ” Nuova Ecdl “. Parliamo di IT Security 2.0. La media è stata dell’84,36%
L’esame proponeva contenuti lontani dall’interesse dei nostri ragazzi e difficili perché teorici e tecnici.
Eppure molto attuali, come la navigazione sicura nel Web! Condizione necessaria per evitare i fenomeni del cyberbullismo e dell’adescamento nel Web. Quindi ci auguriamo di aver contibuito a creare una “diga critica” contro questi fenomeni.
Con questo esame otto ragazzi riceveranno nei prossimi giorni la Certificazione Ecdl, riconosciuta dalle Scuole, Università, Aziende e Pubblica Amministrazione.
Appuntamento al prossimo anno con i bambini di quinta primaria che sto preparando  per l’esame di Word e che si uniranno ai tre ragazzi del “vecchio” gruppo.

Ecco il dettaglio del superamento (% )
1° studente 86%
2° studente 83%
3° studente 78%
4° studente 83%
5° studente 92%
6° studente 78%
7° studente 92%
8° studente 92%
9° studente 83%
10° studente 78%
11° studente 83%

Pubblicato in Tutti gli articoli | Commenti disabilitati su Ecdl IT Security 2.0. Altro successone!

Corso “I. Newton”. Report Word e PowerPoint


Ho concluso la presentazione dei due programmi Word e PowerPoint al Liceo “I. Newton” di Roma. Anche in questo caso ho proposto una verifica di accertamento delle conoscenze e abilità acquisite (in fondo due esempi con  il dettaglio della verifica ) Queste sono state proposte all’interno della competenza relativa alla progettazione. E’ stato mio intento proporre un profilo alto dei due programmi, che spesso soffrono di pressapochismo,  improvvisazione e identificazione con la pura strumenatlità.  Ho avuto la conferma  che è possibile proporre percorsi formativi imegnativi, andando oltre molte proposte che lasciano fuori dalla porta le competenze.
A questo si aggiunge l’illustrazione delle regole per una “buona presentazione“, che si diversifica da  molti prodotti in PowerPoint “inguardabili” e “inutili” e che io ho definito con  l’epressione “la wordizzazione” del programma multimediale.

Dopo il link relativo alla verifica, ne propongo un altro che rimanda alla presentazione dell’intero corso sul sito dell’Istituto Sciolastico.

Verifiche
Presentazione corso sul sito del “Newton”

Pubblicato in Tutti gli articoli | Commenti disabilitati su Corso “I. Newton”. Report Word e PowerPoint

Cyberbullismo e dintorni. Proposte bibliografiche

Personalmente sono convinto che ogni fenomeno debba essere affrontato in modo “serio”. L’improvvisazione e la sola esperienza  sono sicuramente carenti di prospettiva.  La loro orizzontalità necessita anche di “verticalità”. In altri termini è necessario confrontarsi con idee,  adeguate riflessioni  e guide operative, supportate quest’ultime sempre da elementi teorici.
Anche di fronte  al fenomeno del cyberbullismo è necessario coniugare la teoria con la prassi. Non basta il cuore, è necessaria  anche la mente!
Propongo di seguito alcuni  testi che ho recentemente letto e studiato, consapevole che esiste una piùampia bibliografia e sitografia sul fenomeno. Alcuni testi sono stati da me recensiti.
Non tutti hanno attinenza diretta con il cyberbullismo Questi comunque sono importanti per dare senso al fenomeno.

 Analisi della comunicazione multimediale all’interno della più ampia comunicazione umana “aperta”. Mia recensione

  I social media e i loro effetti sui processi conoscitivi e  relazioni.
Mia recensione

Il fenomeno del cyberbullismo  e un suo sottofenomeno visti dal punto di vista psicologico, sociale e legale.

Il media sociale illustrato agli adulti neofiti. Interessante la sezione sulla gestione della privacy

 La parte oscura del Web proposta agli ignari genitori e insegnanti. Un contributo come essere vicino ai protagonisti: vittime e persecutori

               Due testi divertenti, ma profondi nel presentare i pericoli nel web e come gestirli direttamente o indirettamente da parte degli educatori. Mia recensione ( Il Web è nostro )

Un utile contributo per capire i media sociali. Le loro potenzialità, ma anche i pericoli. Mia recensione

La tecnologia sta sfidando la scuola! Riuscirà quest’ultima a raccogliere la sfida, proponendo un cambiamento didattico, riuscendo ad individuare percorsi educativi finalizzati a governare le nuove sfide, insite nella navigazione del Web. E non solo! Mia recensione

Pubblicato in Tutti gli articoli | Commenti disabilitati su Cyberbullismo e dintorni. Proposte bibliografiche

Nuova Ecdl. Online Collaboration e IT Security. Il valore aggiunto


Sono diversi anni che propongo nel mio Istituto Corsi di preparazione agli esami Ecdl.
Fino alla versione Syllabus 5.0 i moduli erano scarsamente aperti e  problematici. In altri termini,  si confrontavano poco con gli scenari e i problemi legati alla proliferazione dei media sociali, delle diverse piattaforme e del moltiplicarsi dei dispositivi mobili, ( gli anglofoni li chiamano device ).
Bene, la nuova Ecdl, è un cambio di passo, rappresenta una discontinuità rispetto al passato. E’ stato eliminato il modulo relativo ad Access, assemblato il modulo teorico con quello di Windows, ma soprattutto sono stati inseriti due moduli: Online collaboration e IT Security ( aggiornato recentemente alla versione 2.0 ).
Il primo modulo mette le basi per la promozione della competenza relazionale online
. Ovviamente sta al formatore, uscire dalle fredde procedure relative alla navigazione nella Suite Google o dei media sociali per proporre ai ragazzi i vantaggi e le opportunità di un lavoro a distanza e in gruppo – nell’immediato e non aumenteranno le piattaforme e-learning – le strategie comunicative efficaci da adottare per una comunicazione online e collaborativa…
Il secondo modulo offre una seria riflessione sulle distrazioni procedurali dei nativi digitali, offrendo loro diverse soluzioni ( password complesse, firewall, antivirus, gestione più attenta  alla privacy…  ) che nell’immediato rappresentano un argine ai  fenomeni della pedopornografia e del cyberbullismo e in prospettiva crei la condizione per la presenza di figure preposte alla sicurezza di reti e di sistemi variamente complessi.

Pubblicato in Tutti gli articoli | Contrassegnato , , | Commenti disabilitati su Nuova Ecdl. Online Collaboration e IT Security. Il valore aggiunto

Idee. Convegno “Bullismo e cyberbullismo a scuola”


Ieri ( mercoledì 22 febbraio ) ho partecipato al Convegno ” Il bullismo e il cyberbullismo a scuola“. Ottima opportunità, colta al volo! Ho speso benissimo il mio tempo ( otto ore )!
La qualità degli interventi era molto alta. I relatori sono riusciti a presentare efficacemente   e in modo impressionistico i diversi temi! Complimenti a loro!
In sintesi i contenuti più significativi sono stati i seguenti:
1) Bullismo visibile, cyberbullismo spesso “impalpabile”
2) Profilo del bullo e del cyberbullo ( ha perso la speranza di sentirsi social in modo costruttivo, quindi per esistere deve fare qualcosa. Mette in pratica quello che vede nel mondo reale, fatto di violenza, prevaricazione…)
3) Azioni: prevaricante, ossessiva… Si serve spesso del branco…
4) La scuola è assente. Spesso indifferente al problema. Il 60% dei docenti non interviene.
5) I preadolescenti negano l’esistenza del problema, gli adolescenti meno
6) Cyberbullismo femminile più devastante di quello maschile
7) Più efficace un’azione di prevenzione con proposte di alfabetizzazione informatica  ( sicurezza, cloud, uso consapevole dei social e delle loro funzioni relative alla privacy…)
8) Altra azione preventiva è creare una rete di relazioni positive all’interno del gruppo classi e tra classi.
9)L’azione di prevenzione non ha costi sociali, mentre quella di “ricucitura psicologica” può risultare anche inefficace.
10) Altra grande assente è la famiglia. Si pensa che il problema coinvolga gli altri…
11) La culpa in vigilando e il cyberbullismo in ambito scolastico
12) E’ necessario che gli insegnanti e i genitori, “perdano del tempo” per conoscere  e sperimentare il virtuale dei media sociali, che sta modificando la dimensione cognitiva, affettiva, relazionale dei nostri ragazzi. Il tutto finalizzato a governare questi nuovi sfondi e non subirli.

Estremamente interessante il film della Polizia postale e delle telecomunicazioni di Luca Pagliari “Cuori connessi”. Sono proposti due casi di ragazze. Il tutto  partendo da foto o video
Su Youtube è presente una traccia di cinque minuti

Pubblicato in Tutti gli articoli | Contrassegnato | Commenti disabilitati su Idee. Convegno “Bullismo e cyberbullismo a scuola”

Esame Ecdl ( Online Collaboration ). Altro successone!

Oggi i 13 ragazzi che sto preparando per il conseguimento della Patente Europea del Computer, hanno fatto l’esame relativo al modulo “Online Collaboration”.
Bene! Tutti hanno superato l’esame!
La percentuale di successo
è stata, anche in questo caso, molto alta: 88,76.
Riporto le percentuali per ogni ragazzo
1) candidato 81%
2) candidato 94%
3) candidato 94%
4) candidato 92%
5) candidato 97%
6) candidato 78%
7) candidato 81%
8) candidato 81%
9) candidato 86%
10) candidato 92%
11) candidato 92%
12) candidato 97%
13) candidato 89%

Sono molto soddisfatto, perché l’esame era insidioso, perché essi avevano “zero esperienza”  di cloud e di collaborazione online.
Addirittura un ragazzo ha sostenuto l’esame in non perfette condizioni di salute, ottenendo l’89% di risposte. Complimenti a lui!
Devo dire che lo studio e gli esercizi hanno creato le basi per una formazione più solida verso una delle competenze informatiche richieste ai nostri ragazzi.
E da domani si inizia a studiare il modulo riguardante la sicurezza.
Esame difficile, perché teorico, anche se utile per i suoi risvolti contro il cyberbullismo.

Pubblicato in Tutti gli articoli | Commenti disabilitati su Esame Ecdl ( Online Collaboration ). Altro successone!

Cyberbullismo. III° Municipio. Il mio impegno continua…


Il 25 gennaio sono stato convocato dalla Commissione delle politiche sociali ( III° Municipio – Roma ). L’oggetto del mio intervento riguardava il fenomeno del cyberbullismo. Ho posto il problema, mettendo in evidenza quanto si dimostra sprovveduto e superficiale il “nativo digitale”.
L’intervento è stato molto apprezzato!
La conferma l’ho avuta dalla nuova convocazione ( lunedì 20 febbraio – Commissione politiche scolastiche ) per parlare del problema ai Dirigenti Scolastici degli I.C. del Municipio. 
Presenterò il mio progetto per una navigazione sicura nei social media.
Progetto

Pubblicato in Tutti gli articoli | Contrassegnato , , | Commenti disabilitati su Cyberbullismo. III° Municipio. Il mio impegno continua…

Mappe concettuali: oltre il copia e incolla!


Sul “Regolarità e Trasparenza nella Scuola” è stato pubblicato un sintetico articolo, ma denso concettualmente dal titolo ” La generazione copia e incolla si domanda: “ che senso ha andare a lezione, visto che si trova tutto su Internet ?
E’ prospettata la via facile dell’impegno scolastico: “Copia/Incolla”, dove i processi cognitivi sono azzerati. Questa pratica molto diffusa tra i giovani puo’ essere accostata all’azione del “tocco” sul display. Tornano in mente i testi di N. Carr “Internet ci rende stupidi…” e l’ottimo contributo di M Spitzer ” Demenza digitale“da me recensito. I lavori sono accomunati dalla denuncia di un certo “cretinismo dei nativi digitali”, dove il pensiero profondo che individua i particolari, riuscendo a portarli a sintesi.
Qualche giorno fa discutevo con una collega. Bene, lei registrava un’opacità umana dei suoi studenti, dovuta all’incapacità e difficoltà ad esprimere i sentimenti, gli affetti, a descrivere gli eventi. In altri termini a rappresentare il mondo!
Le cause sono diverse. Scriveva U. Bronfenbrenner che l’individuo e l’ambiente sono realtà dinamiche e interagenti, riuscendo a modificare “l’altro” con la sua azione.
Sicuramente parte della  responsabilità è di quegli insegnanti che presentano la mappa concettuale statica, e anche “scriteriata”, quindi impossibilitata a lavorare con il testo scritto – anche quello copiato e incollato nel Web. Questo strumento di rappresentazione, insieme ad altri come la mappa mentale e lo schema, si presta al lavoro attivo sul testo, il quale subisce il trattamento dei concetti, attraverso il processo di selezione, integrazione di altri contributi, fino a proporsi strutturato in paragrafi. Questi ultimi, infine influenzano la rappresentazione concettuale, attraverso la loro organizzazione strutturata.
Dobbiamo liberare la mappa dalla gabbia statica nella quale l’ abbiamo collocata, in un monadismo senza finestre, cioè senza legami con l’esposizione orale e scritta. Il percorso indubbiamente si contrappone alla tendenza  del tutto e subito, sostanziato nel copia/incolla, nuovo profilo identitario del nostro nativo digitale,   che senza saperlo sta uccidendo la facoltà che ci ha permesso di immaginarci il simbolico, alzando gli occhi al cielo!

 

Pubblicato in Tutti gli articoli | Contrassegnato , | Commenti disabilitati su Mappe concettuali: oltre il copia e incolla!

Mappe concettuali. il silenzio sulle criticità!


Il Web e l’editoria tradizionale propongono mappe concettuali.
Quasi sempre non riesco ad individuare i criteri di organizzazione dei concetti. Molte di queste “mappe concettuali”  presentano dei diagrammi di flusso. Quindi distanti dall’idea di rappresentare le idee e le loro relazioni.
Nel Web  chiedo spiegazioni agli autori di esplicitare le “loro regole” . Bene, il silenzio cala sulla mia richiesta.
le criticità che rilevo sono:
1) la collocazione dei verbi dentro e fuori  le forme geometriche ( rettangoli, ovali… ) ” concettuali”;
2) la presenza di periodi di diversa lunghezza che ovviamente propongono più idee. Questa soluzione non spiega l’alternativa criteriale alla corrispondenza un concetto/ una forma geometrica, quindi la funzione di quest’ultima e il suo compito di sviluppare un testo organizzato per paragrafi;
3) non sono chiari i rapporti logici tra le frasi  dentro le forme concettuali e le parti del discorso collocate esternamente. Queste mappe danno la sensazione di proporre  sostanzialmente un diverso modo di scrivere un testo.
Concludendo, dobbiamo “liberare le mappe concettuali” dal dilettantismo e dall’improvvisazione, esplicitando  il modello di riferimento   che rimanda necessariamente al  costruttivismo! Questi due sfondi sono assenti dalle tante mappe concettuali elaborate dai cosiddetti esperti.
Alcuni miei articoli

Schemi e mappe quanta confusione

La sponda testuale delle mappe

Mappe concettuali e testo…

Mappe concettuali. Manca la profondità

Liberiamo le mappe concettuali

Pubblicato in Tutti gli articoli | Commenti disabilitati su Mappe concettuali. il silenzio sulle criticità!

Cyberbullismo. Prosegue il mio impegno in Municipio

Da alcuni anni dedico una parte del mio tempo al contenimento del fenomeno del cyberbullismo con conferenze e interventi sul mio blog.
La leggerezza e l’analfabetismo informatico dei nostri ragazzi sono le condizioni ottimali per il loro coinvolgimento che li vede spesso vittime passive del  “branco virtuale.
Bene, oggi sono stato convocato in Commissione Sociale – Scuola de, III° Municipio di Roma per parlare di questo fenomeno dal punto di vista informatico, senza dimenticare però l’aspetto formativo.   Erano presenti altri esperti che hanno presentato il fenomeno da altre prospettive. L’incontro era propedeutico per definire linee di azione efficaci da attuare prossimamente.

Pubblicato in Tutti gli articoli | Commenti disabilitati su Cyberbullismo. Prosegue il mio impegno in Municipio

Presentazione 1° capitolo “Online Collaboration”

Con il gruppo degli studenti del mio istituto abbiamo iniziato lo studio del modulo “Online collaboration”
Non è un modulo semplice per i nostri ragazzi. Pertanto ho pensato di semplificare  il loro compito attraverso questa presentazione, arricchita, ovviamente dai contenuti proposti oralmente.
E’ stata molto gradita da loro.
Il modulo mi consentirà delle aperture “rapide”  sulle trappole da evitare per non cadere nella rete dei cyberbulli.
La metto a disposizione.
1° capitolo 

Pubblicato in Tutti gli articoli | Contrassegnato , , | Commenti disabilitati su Presentazione 1° capitolo “Online Collaboration”

L’Ecdl si “allarga” alla primaria


Quest’anno concluderò il percorso Ecdl ( sette esami ) con alcuni ragazzi. Li conosco da tre anni. Alcuni di questi sono stati miei alunni. Quindi gli anni sono di più.
Bene, sono pronte le nuove leve.
Su richiesta dei genitori della primaria ( quinte ) ho costituito un nuovo gruppo, composto da una decina di alunni. Prima di dare l’ok,  ho proposto loro un test d’ingresso. Superato!
Inizierò questa nuova avventura con alunni più piccoli. Partiremo dal modulo “Word “, programma che già conoscono.  Sarà una bella sfida!

Pubblicato in Tutti gli articoli | Commenti disabilitati su L’Ecdl si “allarga” alla primaria

Dal testo alla mappa


Il presente lavoro ( La civiltà dei fiumi – Sumeri )  è stato realizzato da una quarta classe primaria ( sono il docente ).
A casa
;
1) hanno letto un testo  e sottolineato le idee ritenute importanti;
2) hanno scritto la lista dei concetti. 
A scuola ( Lim e laboratorio d’informatica )
1) Si sono confrontate le liste dei concetti individuali
2) Il confronto ha prodotto una lista dei concetti della classe
3) Un ulteriore confronto ha eliminato i concetti particolari ( “scrematura” ). Da qui la lista aggiornata dei concetti generali.
4) I concetti hanno rappresentato ” i mattoni” per realizzare la mappa . Ogni coppia ha dato sfogo alla propria creatività!  Il software utilizzato è stato il Cmaps.

La mappa dovrà essere raccontata ( = sviluppata concettualmente )

P.S. Lavoro per le vacanze natalizie . Completare la mappa.

Pubblicato in Tutti gli articoli | Commenti disabilitati su Dal testo alla mappa

Ecdl: Ragazzi strepitosi!

ecdl
Ieri gli studenti che compongono il gruppo di studio ( lo scrivente è ideatore, formatore del progetto per l’I.C. “Carlo Levi” ) per la preparazione agli esami Ecdl, hanno sostenuto l’esame “Presentation” ( PowerPoint).
Bene, tutti hanno superato la prova! La media di superamento è stata molto alta: 89%. Complimenti a tutti!
Ora dopo la pausa  natalizia si studieranno gli ultimi due moduli: ” Collaboration Online ” e “IT Security
Per molti di loro il percorso si concluderà prima degli esami di terza media. E questo consentirà di acquisire dei crediti formativi da far valere in sede d’esame.

Pubblicato in Tutti gli articoli | Commenti disabilitati su Ecdl: Ragazzi strepitosi!

Una mappa concettuale ” caotica”

 corsi-di-informatica
In fondo a questa mia breve considerazione propongo il link di una mappa concettuale .
E’ un esempio, tra i tanti, di mappa realizzata senza criteri organizzativi, inutile ai fini del “racconto”, e “caotica”.
Non si riesce a comprendere, in alcuni casi, quali regole giustificano l’inserimento nei rettangoli di un solo concetto ( “videogioco”, “controllo” ) e in altri di parti di periodi ( a destra ce ne sono diversi ) Questa scelta non facilita lo sviluppo concettuale. In altri termini, la presenza di più concetti non favorisce l’esplicitazione orale e/o scritta dei sottoconcetti e che io presento con “racconto”. Per non parlare poi della generazione del testo, organizzato per paragrafi.
Infine, la presenza di tanti concetti, trasmette una sensazione di “caoticità”. Questo tipo di mappa è prevista nella mia impostazione ( la chiamo ” mappa grassa” ), ma è organizzata a “strati concettuali” e comunque deve prevedere massimo 10-12 concetti. Diversamente risulta difficile organizzarla e finalizzarla adeguatamente per la presentazione di un nuovo argomento.
Esempio mappa
Proposta corso ” Mappe in rete”

Pubblicato in Tutti gli articoli | Commenti disabilitati su Una mappa concettuale ” caotica”

Convegno AID: foto e mia presentazione

img-20161008-wa0009

img-20161008-wa0012

img-20161008-wa0008

Oggi sono intervenuto al Convegno ” La scuola di fronte alla sfida dei DSA”, organizzato dall’AID.
Ho parlato di didattica multimediale e reticolare, spiegando i motivi della sua presenza nell’attività didattica. Didattica multimediale che non può essere identificata con quella digitale.
Di seguito la mia presentazione.
Intervento

Pubblicato in Tutti gli articoli | Commenti disabilitati su Convegno AID: foto e mia presentazione