Foto minori nel Web, una sentenza conferma la pubblicazione prudente

Foto minori nel Web

Foto minori nel Web. La pubblicazione nei siti scolastici e nei social media è possibile. Una nuova conferma da una sentenza

Foto minori nel Web, la questione crea contrapposizioni negli Istituti scolastici. Spesso vince la paura, che in prospettiva non è sicuramente la linea vincente. Eppure il Garante per la Privacy (2016) ed ora anche una sentenza (2007/19) sostengono la pubblicazione prudente di foto e video nei siti e pagine social.

Foto minori nel Web, una buona notizia dal “Sole24 ore

Foto minori nel Web. La pubblicazione  divide, contrappone docenti e Dirigenti scolastici. In molti casi vince la paura. Nell’immediato questa paga, perché paradossalmente tranquillizza. In prospettiva però, gli Istituti non possono essere governati dalla paura, considerata la progressiva e irreversibile esposizione nel Web di attività, progetti….
Ai fini di una gestione critica e responsabile dei dati personali (= foto e video) da parte delle scuole e  fondata su riferimenti autorevoli, viene in soccorso una recente sentenza, riportata dal  quotidiano “Scuola24“, associato al “Il Sole 24 Ore” . Si legge ” Solo la liberatoria firmata dai genitori salva il docente di un liceo classico romano sanzionato per aver realizzato un calendario con gli studenti nell’ambito di un progetto promosso dalla scuola, che però aveva irrogato al prof la censura per aver raccolto i dati degli alunni minori di propria iniziativa. In questo caso il tribunale ha accolto il ricorso del docente che aveva appunto fatto sottoscrivere la liberatoria ai genitori insieme all’informativa privacy (Tribunale di Roma, sentenza del 28 febbraio 2019 n. 2007).

Foto minori nel Web, una nuova conferma

La sentenza non è rivoluzionaria! In altri termini, non apre un nuovo scenario.
Il pronunciamento, pur presentato sinteticamente, conferma, infatti, l’orientamento del Garante della Privacy (2016) sulla liceità della pubblicazione di immagini e video nei siti scolastici di studenti, che certificano un progetto previsto nel Ptof. Non poteva essere diversamente. Si legge nel documento ” Le istituzioni scolastiche pubbliche possono trattare solamente i dati personali necessari al perseguimento di specifiche finalità istituzionali oppure quelli espressamente previsti dalla normativa di settore. Per tali trattamenti, non sono tenute a chiedere il consenso degli studenti ” o dei genitori, in caso di minori con età inferiore ai quattordici anni.
Indubbiamente l’istruzione e la formazione dell’uomo e del cittadino costituiscono il fondamento e il coronamento dell’istruzione pubblica. Tutto questo si declina in attività, progetti e altro che in molti casi in una logica di trasparenza e di rendicontazione richiedono la pubblicazione video e fotografico  del progetto realizzato.
Situazione leggermente diversa, che però non cambia il quadro d’insieme, per la pubblicazione di foto e video nei social media. In questo caso occorre il consenso esplicito del genitore o del minore ultraquattordicenne. Indicazione ripresa dal GDPR (25 maggio 2018 ) e dal decreto applicativo 101/08.

Chi non può far meno della liberatoria…

Tra la presa di posizione del Garante della Privacy (2016) e le scuole esiste, però una incoerenza, dovuta soprattutto alla cautela  entro la quale si muovono gli Istituti scolastici. Questi ultimi richiedono quasi sempre la liberatoria per foto o video pubblicati sui siti istituzionali.
Allora quali  caratteristiche devono avere queste richieste? Scrivevo quasi un anno fa: “Per quanto riguarda la chiarezza, devono essere espliciti il fine esclusivo di “documentare le attività formative” ( criterio della legittimità e proporzionalità), gli ambienti dove si intende pubblicare le foto (sito, social, piattaforma di condivisione…), il grado di privacy applicato o personalizzato… 
A questo occorre aggiungere la tipologia dei video o delle foto, definiti necessariamente  da secondi piani  dove il singolo ‘si perde’  nel piccolo o grande gruppo. A mio parere il suddetto materiale risulta coerente con il criterio della proporzionalità con il fine cioè documentare esclusivamente un’attività o un progetto e non ‘il bel visetto’ dell’alunno/studente in primo piano.”

Pubblicato in Foto minori nel Web, Tutti gli articoli | Contrassegnato , , | Commenti disabilitati su Foto minori nel Web, una sentenza conferma la pubblicazione prudente

Culpa in vigilando, quando l’evento ha una causa fortuita

Culpa in vigilando

Culpa in vigilando, la dinamica di gioco può provocare un incidente. In questo caso non esiste alcuna responsabilità per il docente

Culpa in vigilando, un’interessante sentenza che assolve l’insegnante, perché l’evento ha avuto una causa fortuita. Sentenza significativa che aiuta a comprendere quali circostanze possono scagionare il docente.

Culpa in vigilando, la vicenda

Culpa in vigilando, non sempre il docente è responsabile. I genitori ci provano con la complicità di avvocati, che ovviamente fanno il loro mestiere.
La vicenda. Uno studente si infortuna in palestra, durante una partita di pallamano. Durante una fase di gioco il ragazzo scivola e cadendo  urta  la panchina di legno, dove sedevano i giocatori di riserva, riportando lesioni alla bocca. Da qui la richiesta di risarcimento dei genitori .

La causa fortuita assolve il docente

In questi casi il genitore deve solo dimostrare che il figlio era presente a scuola. L’onere della prova finalizzata a discolpare spetta in primis all’Amministrazione , la quale può in un secondo momento rivalersi sul docente, ma solo nei casi di dolo o colpa grave (Legge 312/80 art.61).
L’art. 2048 comma 3 ribadisce il criterio dell’onere della prova, circoscrivendolo al docente “le persone indicate nei commi precedenti sono liberate dalla responsabilità soltanto se provano di non aver potuto impedire il fatto“.
Detto questo, i giudici hanno assolto  il docente in quanto l’evento ha avuto una causa fortuita, derivante unicamente dalla normale dinamica di gioco. Si legge nella sentenza: “la partita rientrava nella normale attività didattica della scuola;… non vi era stata alcuna azione scorretta o comunque fallosa di altri giocatori;… la partita si è svolta interamente sotto il controllo diretto dell’insegnante;… il campo di gioco era perfettamente libero ed idoneo alla partita;… l’insegnante aveva preventivamente istruito i giocatori”.
Sulla presenza della panchina, causa del danno i giudici saggiamente scrivono: “essendo notorio che i campi da gioco siano fiancheggiati da una o più panchine per consentire ai giocatori di riserva di stare seduti, sicché la presenza della stesse costituisce ordinario completamento del campo da gioco, e non certamente in sé una insidia.
Da qui il riconoscimento che l’incidente ha avuto una causa fortuita, decretando quindi l’assenza di  ogni responsabilità da parte del docente.

 

Pubblicato in Culpa in vigilando, Tutti gli articoli | Contrassegnato , , , | Commenti disabilitati su Culpa in vigilando, quando l’evento ha una causa fortuita

Adescamento online, la grande responsabilità dei genitori!

Adescamento online

Adescamento erotico online dipende dalle scelte sbagliate dei genitori. La scuola qualcosa può fare. Certamente non i miracoli!

Adescamento online dei minori (grooming) , le responsabilità degli adulti. Soprattutto della famiglia,  che la Costituzione indica come la prima responsabile. La conferma proviene da T. Cantelmi.

Adescamento online, l’intervista di Maura Manca (psicologa)

Adescamento online dei minori (grooming), due mesi fa la psicologa Maura Manca ha espresso il suo pensiero: “Quando parliamo di adescamento parliamo di persone che conoscono bene il linguaggio dei più giovani, parlano con loro per conquistare la loro fiducia e instaurare un legame, studiano punti deboli e vulnerabilità, capiscono come agganciarli nella loro trappola…Spesso gli adolescenti cercano in rete le informazioni riguardanti il sesso, perché riescono a superare le loro paure e le loro vergogne dietro uno schermo da cui si sentono protetti…
La verità è che la scuola è ancora impreparata, non si fa un’adeguata educazione sessuale, non si parla in maniera sistematica di questi aspetti e non si dà agli adolescenti il giusto spazio di confronto. Per questa ragione finiscono troppo spesso col rifugiarsi in rete dove, però, rischiano di essere adescati, perché non hanno ancora la prontezza per capire quando possono diventare una potenziale preda.

Siamo alle solite, il problema è la scuola!

Chiaro? Il problema è fortemente correlato all’impreparazione della scuola! Ormai è diventata una moda! Quasi sempre i problemi che gravano sulla società vanno imputati alla scuola. In tal senso va letta la decisione di ripristinare l’educazione civica nelle scuole. A dire il vero la psicologa chiama in causa la famiglia. Il peso però delle parole è fortemente sbilanciato a danno della scuola (in grassetto). “Se è vero che a scuola se ne parla troppo tardi, troppo poco e male, è vero anche che a casa spesso non se ne parla e per i ragazzi è sempre più facile cadere nelle insidie di un malintenzionato.”
I primi responsabili di questo disastro educativo sono i genitori. Senza se e senza ma! E’ la stessa Costituzione che attribuisce un ruolo fondamentale alla famiglia (art. 30).
I fondamentali educativi sono trasmessi dai genitori. In educazione come nella comunicazione vale la regola che qualunque sia il contesto, si trasmettono sempre atteggiamenti, comportamenti, valori. In altri termini, non si può non educare!
Nel nostro caso, la loro presenza educativa si traduce   in uno scimmiottamento delle leggi del mercato erotizzato e nell’incapacità a dire quei no che aiutano a crescere (A. Phillips).

“I genitori sono sbiaditi, insensati e inconsapevoli”

Sulla Caporetto educativa dei genitori sono d’accordo psichiatri come  P. Crepet e T. Cantelmi (Tecnoliquidità, 2013). Quest’ultimo professore di cyber-psicologia all’Università Europea di Roma e presidente dell’associazione Psichiatri e psicologi cattolici ha espresso un giudizio molto duro nei confronti dei genitori, definendoli ” sbiaditi, insensati e inconsapevoli“. I nostri ragazzi sono ” erotizzati precocemente. Li nutriamo di immagini e di un vocabolario sessualizzati, tra i 6 e i 7 anni sono già immersi nella dimensione della sessualità e – come ovvio – a quell’età non possono che essere vittime del più drammatico dei cortocircuiti: quello che confonde l’intimità, cioè la sfera dei sentimenti, con il sesso. E poi?
E poi vengono anche digitalizzati precocemente. Ecco che, sempre tra i 6 e i 7 anni, a volte anche molto prima, gli mettiamo in mano le tecnologie: le usano alla perfezione, passano il tempo davanti allo schermo. E attraverso lo schermo imparano la tecnomediazione delle relazioni, in cui l’empatia e le emozioni dell’altro scompaiono.”

 

Pubblicato in Adescamento erotico | Contrassegnato , | Commenti disabilitati su Adescamento online, la grande responsabilità dei genitori!

Incontro informativo “Bambini e smartphone”

Incontro informativo

Ho organizzato un incontro informativo rivolto ai genitori delle quinte del mio Istituto. Ovviamente è aperto a tutti gli altri genitori interessati.
I temi che tratterò riguarderanno gli aspetti tecnici, formativi e giuridici…
Ecco una mia breve scheda professionale
– Referente per il contrasto al cyberbullismo (“Carlo Levi”);
– Organizzatore e formatore di incontri con gli studenti dell’Istituto  
Carlo Levi;
– Coordinatore e formatore dei gruppi dei referenti al contrasto
del cyberbullismo (Comprensivi e Istituto superiori) del 3° e
15 Municipio;
– Formatore. (Ultimo corso proposto online con Ente di formazione
Touch.Me – “Contrasto al cyberbullismo e Identità digitale”)
– Interventi nelle commissioni-scuola del 3° e 15° Municipio
per illustrare il Regolamento per il contrasto al cyberbullismo
Ambito 9
– Interventi in scuole (Petrassi, “Libero de Liberi”…)
– Autore di articoli sul cyberbullismo su diverse testate
professionali online e sul blog personale
– Certificazione Aica/Ecdl sulla gestione critica dell’informazione nel Web (30 aprile 2019)    e sulla  sicurezza nell’ambiente virtuale (2018)

Pubblicato in Cyberbullismo, Tutti gli articoli | Contrassegnato , | Commenti disabilitati su Incontro informativo “Bambini e smartphone”