Lezioni di economia pratica al Ministro Carrozza

O ci sono margini per un reinvestimento nella scuola pubblica oppure devo smettere di fare il Ministro dell’Istruzione“. Dichiarazione molto impegnativa del Ministro Carrozza, che denota anche una buona dose di ingenuità e di scarsa conoscenza di alcune elementari regole dell’economia. Sull’ingenuità ha risposto l’ex ministro Gelmini ( che ora sta facendo carriera, grazie alle politiche dissennate sulla scuola ): ” Chi tiene i cordoni della borsa non si spaventa certo se un ministro dice che se ne va” aggiungo ” da uno dei dicasteri che conta poco o nulla, se non per battere cassa“. Ma arriviamo agli aspetti che caratterizzano il titolo di questo mio intervento. Il ministro sa poco di economia, oppure fa finta di non conoscere i fondamentali di questa scienza. Glieli spiego io, maestro elementare.  Con un Paese che non ha nel suo Dna la dimensione della prospettiva, il futuro, e che ha il Pil in caduta libera e quindi  una riduzione delle entrate tributarie, dovute quest’ultime all’aumento della disoccupazione, è sciocco pensare che possa investire le sue poche risorse nella scuola. Queste devono essere impiegate per compensare i mancati introiti dell’IMU da parte dei comuni, il mantenimento dell’IVA al 21%, la cassa integrazione… Se aggiungiamo a questi dati l’enorme debito pubblico da dimezzare nei prossimi  dieci anni ( fiscal compact ) e agli interessi sullo stesso da pagare ogni dodici mesi, allora i margini per investire sulla scuola si riducono di  molto, avvicinandosi allo 0%.Semmai la scuola dovrà dare il suo contributo per ” il risanamento economico” ( sono trent’anni che sento la stessa litania ). Quindi chiedo al Ministro: al momento dell’accettazione dell’incarico, lei conosceva questo quadro macroeconomico, che porta una società a vivere in un “eterno presente”. Pertanto cosa credeva o crede di poter fare? La risposta è semplice: confermare tutte le politiche di Mariastella Gelmini e nella peggiore delle ipotesi dare il suo avvallo per altri risparmi e tagli decisi dal vero Ministro dell’Istruzione: Saccomanni. L’unico impegno a Lei richiesto e concesso sarà quello di  spostare risorse dal capitolo x a quello y. Concludo con un consiglio: si dimetta, lo faccia, innanzitutto, per se stessa, dimostrando coerenza tra la sua “precisazione, non minaccia” e gli atti  e  poi per la scuola che non merita  altre parole in libertà e quindi ulteriori prese in giro. Grazie!!!

Pubblicato in Opinioni | Contrassegnato , , , , | Commenti disabilitati su Lezioni di economia pratica al Ministro Carrozza

Maria Chiara Carrozza. Pessimi segnali!

Ho atteso qualche giorno prima di scrivere queste brevi riflessioni sui primi giorni di lavoro del Ministro Carrozza. Avevo bisogno di capire la persona e anche il politico. Bene, l’impegno non è stato difficile,  aiutato dalle tante parole e da qualche decisione dubbia del Ministro. Entriamo nei particolari. Innanzi tutto la conferma di Marco Rossi Doria, mi lascia piuttosto indifferente, come è stata la sua presenza nel governo Monti. Infatti, se non consideriamo le nuove indicazioni, che ripetono la stessa minestra di conoscenze, capacità e competenze, la sua presenza accanto al Ministro Profumo non è stata notata in termini di miglioramento del servizio scolastico.  Un esempio: la vicenda dell’allungamento dell’orario dei professori, a parità di stipendio. Qualcuno afferma che dietro il ritiro di questo provvedimento sia opera  della ferma opposizione del sottosegretario. Ho qualche dubbio!!! Sono più propenso a pensare che il provvedimento sia stato ritirato, solo perché troppo vicino alle elezioni e quindi politicamente inadeguato Del resto  il sottosegretario non si è opposto alla riduzione del F.I.S. che ha portato ad un risparmio di 420 milioni di euro su un totale di 1,2 milioni (  quindi il 35% ). L’entità del risparmio è significativamente più basso, rispetto ai 780 milioni previsti  con l’allungamento dell’orario di servizio dei professori.  Ma questo ha impedito alle scuole quest’anno di “governare la complessità” con progetti, iniziative…  Ma andiamo avanti con le chiacchere in libertà, che sicuramente non porteranno alcun beneficio nelle tasche dei docenti. Il ministro ha parlato di voler valorizzare la funzione docente e di credere nell’aggiornamento professionale. Bene, benissimo direi. Per realizzare questi obiettivi occorre riconoscere economicamente il lavoro degli insegnanti o quanto meno agevolare l’attivazione di abbonamenti a riviste specializzate, l’accesso a Internet, l’acquisto di libri, di computer… Ma con quali risorse? Il ministro dell’Economia e Finanze ha dichiarato che ogni dicastero dovrà trovare le risorse al proprio interno. Quindi una  partita di giro…  Speriamo di non ricevere solo elogi, come hanno fatto recentemente i due Presidenti di Camera e Senato ( “eroi” ” funzione importante”). Sulle recenti prove Invalsi il ministro ha ribadito che sono test e non quiz, ma soprattutto che servono alle scuole per avere delle informazioni…  Gli istituti scolastici non hanno bisogno di questa prova  standardizzata per conoscere la mappa degli apprendimenti in quanto molti  hanno elaborato degli strumenti differenziati e quindi all’insegna della personalizzazione  per verificare il possesso di conoscenze, abilità e competenze. Ho scritto anche a Marco Rossi Doria, che ovviamente mi ha risposto in perfetto politichese ( del resto non poteva fare diversamente) https://www.facebook.com/permalink.phpstory_ fbid=10200634136568678&id=181633476252&comment_id=5254493&offset=0&total_comments =2&notif_t=share_comment  Sempre sulle prove Invalsi il Ministro, che sicuramente non le ha lette, si è “scandalizzata” dell’esclusione operata da molte scuole  dei diversamente abili, dichiarando che condurrà un’inchiesta per accertare i fatti. Poveri noi!!! La Dott.ssa Carrozza si informi e poi ci dica come era possibile somministrare queste prove, tarate per una popolazione di geni, ai diversamente abili. Non parliamo poi degli alunni con DSA e BES. Concludendo: se il buongiorno si vede dal mattino, questo ministero non sarà ricordato negli annali storici come un “dicastero di cambiamento”. Povera scuola!!! Come la ritroveremo fra diciotto mesi?

Pubblicato in Opinioni | Contrassegnato , , , | Commenti disabilitati su Maria Chiara Carrozza. Pessimi segnali!

Maria Chiara Carrozza! Bocciata! Voto medio 3.5

Il ministro ha deciso di valutare gli insegnanti. Bene, iniziamo a dare un pò di voti al suo lavoro. Presenzialismo = 8 . Il ministro partecipa a molti convegni, rilascia interviste, pubblica molte dichiarazioni. Quindi da questo punto di vista nulla da eccepire. Comunicazione 6. I contenuti risultano carichi di retorica accademica, di verbosità, di analisi sui massimi sistemi. Non è difficile parlare bene in pubblico: è sufficiente il possesso di un background culturale!!! Inoltre non costa nulla parlare della centralità dell’istruzione, del ruolo dei docenti. Rapporto con i docenti 0. Il ministro ha una pagina Facebook ed è presente anche su Twitter. Il problema è che non risponde alle diverse richieste, domande, accuse di inefficienza. Competenza didattica: 4.  Formazione obbligatoria per i docenti che hanno la sfortuna di essere titolari di classi ad alta complessità sociale. Qui si evidenzia il limite pedagogico di questo ministro!!! Dimentica o non sa che il processo di apprendimento/insegnamento è inserito in una serie di variabili  extrascolastiche ( territorio, società, cultura…) che bisogna tener conto. Eppure, tra i consiglieri ha Marco Rossi Doria che in tutta la sua carriera di “maestro di strada” ha interagito con la complessità educativa. Peso politico: 0  per capire quanto consenso è riuscita a creare sulla sua persona, sul suo progetto di scuola è sufficiente visionare questo video http://www.affaritaliani.it/coffee/video/carrozza-pd-sola-sui-banchi-del-governo-richiama-i-colleghi.html  Risultati: 3. Molte decisioni sono il frutto di risparmi o di spostamento di cifre da una voce a un altra del suo bilancio. Del resto non può ignorare la Direttiva Saccomanni ( vero Ministro dell’Istruzione e non solo ) che ha autorizzato la possibilità di spendere solo con soldi già presenti nel Bilancio di comparto. Si legga l’articolo presente nel mio blog http://maestroscialpi.altervista.org/?page_id=561. Il “Decreto scuola” n° 104/2013, recentemente convertito in Legge dello Stato, che stanzia 450 milioni a regime   per il comparto, risulta poco incisivo per la somma totale che viene suddivisa poi in tanti voci. Le risorse per ogni  capitolo risultano irrisorie e limitate nel tempo ( 2013-2014 ). Il voto basso, però, è giustificato dall’emergenza sicurezza. Il ministro ha ottenuto solo 800 milioni per rendere sicure le scuole, a fronte di un impegno serio di 12 miliardi ( fonte Protezione civile ) per mettere in sicurezza gli edifici scolastici, di cui 10.000 dovrebbero essere abbattuti per l’alto tasso di criticità strutturale.

Pubblicato in Opinioni | Contrassegnato , , | Commenti disabilitati su Maria Chiara Carrozza! Bocciata! Voto medio 3.5

Carrozza? Carrozza chi?

“E lo ripeto: io penserò soprattutto a loro. Prima i bambini e le bambine, gli studenti  e le studentesse, poi tutto il resto. Per far questo dobbiamo ritrovare nei i docenti e nei maestri e nelle maestre i nostri migliori alleati nel cammino del cambiamento non nel guardare indietro” Questo ha scritto D. Faraoni  , nuovo responsabile scuola e del Welfare del Partito democratico sul sito “scuola Oggi” Dichiarazione che rimette al centro del dibattitto sulla scuola, l’aula con i suoi protagonisti: gli studenti e i docenti. Questo pensiero è lontano anni-luce dalla posizione di Maria Chiara Carrozza. Il Ministro, infatti, nell’annunciare la Costituente della scuola ha dichiarato che intende coinvolgere una serie di soggetti “incompetenti d’aula”  come  gli intellettuali.   Ora se queste sono le posizioni, a Renzi non resta che ripetere la doppia domanda che ha costretto il “bersaniano” Fassina a dimettersi: “Carrozza? Carrozza chi?” e attendere una levata di orgoglio del Ministro “bersaniano”. Non lo farà, perché ha bisogno delle luci del palcoscenico per far carriera politica ( Gelmini docet).
Ma ammettiamo per un momento che riesca a convincere l’On. Carrozza alle dimissioni, a  Renzi  per completare l’opera toccherà  una missione quasi impossibile: “riprendersi la fiducia dei docenti”, attualmente molto disillusi e  arrabbiati – uso un termine molto educato, ma che non “fotografa” lo stato d’animo degli insegnanti. Come? Costringendo il governo a rimediare all’ingiustizia della restituzione dei compensi legati allo scatto d’anzianità ( 2013 ), ad aprire la trattativa per un contratto economico europeo – occorre però un nuovo decreto che superi il “Decreto-scuola” –  e a ripristinare la norma contrattuale degli scatti d’anzianità per tutti… La vedo dura!!! I motivi li ho esposti in un altro articolo  su questo blog – “Renzi: risparmi, non investimenti”.  Ma se il nuovo segretario riuscirà a far “saltare il banco”  in tempi brevissimi, conseguirà l’obiettivo di avere nuovamente accanto a sé i migliori  alleati per una scuola di qualità: gli insegnanti!!!

Pubblicato in Legge 107/05, Opinioni | Contrassegnato , , , | Commenti disabilitati su Carrozza? Carrozza chi?