Aumenti(?) contrattuali, un confronto molto utile

Aumenti contrattuali

Un confronto illuminante, in grado di “restituirci” il peso del nostro valore economico e sociale.

Cerca le differenze

Aumenti contrattuali, uno dei giochi presenti nelle riviste di enigmistica chiede di trovare le differenze tra due foto simili.
Ne propongo uno, che non richiede un particolare impegno: confrontare gli aumenti  (2018) degli stipendi dei dipendenti di Montecitorio ( a diverso titolo) e i nostri “aumenti” ( quest’ultimi: fonte tecnicadellascuola.it)
aumenti  

Le solite risposte

Mi aspetto le solite risposte: demagogia, populisno. Quella più sofisticata può far riferimento al d.lvo 29/93 che stabilisce gli adeguamenti stipendiali al tasso di inflazione programmata.
Benissimo, resta il fatto di dati che certificano il nostro reale peso economico e sociale (=valore) vicino allo zero.
La fonte è la stessa: la cassa dello Stato. Diversa la motivazione: per i primi non vale la compatibilità economica, per i secondi (noi) si!
Concludo la somma finale del nostro “aumento” è al netto della vacanza contrattuale ( 12€).
Quindi  “aumenti” ancora più esigui.
Questi sono i dati! Il resto è chiacchiera!
Era meglio non firmare!

Pubblicato in Contratto scuola, Tutti gli articoli | Contrassegnato , , | Commenti disabilitati su Aumenti(?) contrattuali, un confronto molto utile

Contratto scuola, facciamo chiarezza sui permessi!

Contratto scuola

Tutti i permessi retribuiti confermati? Qualche dubbio su quello relativo alla formazione.

Contratto scuola, sono passate ventiquattro ore dalla firma. Siti, portali, blog e singoli docenti esprimono le loro prime valutazioni. In alcuni casi, si fa riferimento a qualche comunicato sindacale che ovviamente si caratterizza per sintesi. In questo modo si rischia di non cogliere le incongruenze e qualche problema di interpretazione. Come nel caso dei permessi retribuiti.

Tutti i permessi confermati?

Si legge ” Per quanto non espressamente previsto dal presente CCNL, continuano a
trovare applicazione le disposizioni contrattuali dei CCNL dei precedenti
comparti di contrattazione e le specifiche norme di settore, in quanto compatibili
con le suddette disposizioni e con le norme legislative, nei limiti del d. lgs. n.
165/2001. ( art 1 comma 10).
Questo passaggio era necessario, considerato il tempo passato dall’ultimo contratto normativo (2007). E’ stato necessario aggiornare alcuni elementi con le nuove disposizioni interconesse nel periodo 2007-2018. Mi riferisco al Decreto Brunetta, alla Legge 107/15…
Quindi tutti i permessi retribuiti sono stati confermati?

Una strana incongruenza 

Si legge all’art. 46 del nuovo contratto:
“A domanda del dipendente sono concessi permessi retribuiti per i seguenti casi da
documentare debitamente:
a) partecipazione a concorsi od esami, limitatamente ai giorni di svolgimento delle
prove: giorni otto all’anno;
b) lutto per il coniuge, per i parenti entro il secondo grado e gli affini entro il primo
grado o il convivente ai sensi dell’art. 1, commi 36 e 50 della legge 76/2016: giorni tre
per evento da fruire entro 7 giorni lavorativi dal decesso.
2. Il dipendente ha altresì diritto ad un permesso di 15 giorni consecutivi in occasione
del matrimonio. Tali permessi possono essere fruiti anche entro 45 giorni dalla data in
cui è stato contratto il matrimonio…
5. Il presente articolo sostituisce l’art. 30, comma 1, primo e secondo alinea e comma
2 del CCNL del comparto Università del 16/10/2008.”
In questo passaggio dove sono sostanzialmente confermati i permessi retribuiti previsti dall’art.15 del contratto 2007 – errato il riferimento art. 30 comma 1-   non si fa cenno alla fruizione  di quello per formazione fino a cinque giorni.

Possibili “frizioni” con i Dirigenti Scolastici

Non si comprende l’omissione di questo permesso retribuito! Perché non inserirlo in questo elenco confermativo?
Qualcuno mi ha risposto con l’art. 1 comma 10, che spiega tra l’altro anche l’assenza del capitolo dedicato alle ferie. La perplessità, però, rimane limitata alla fruizione del permesso per formazione. Chi lavora nella scuola  sa benissmo che ci sono Dirigenti Scoalstici poco informati o formati sui criteri giuridici. C’è una sottocategoria di Capi d’Istituto poco inclini ad interpretare le norme, attenti solo a quello che leggono. Quindi è probabile che ci saranno dei contenziosi con i Dirigenti Scolastici che potranno sempre dire” Il nuovo contratto non ha confermato il permesso retribuito per formazione, quindi…”

 

 

Pubblicato in Contratto scuola, Tutti gli articoli | Contrassegnato , , , | Commenti disabilitati su Contratto scuola, facciamo chiarezza sui permessi!

Contratto scuola, il testo poi il resto…

Contratto scuola

Finalmente abbiamo il testo. Leggiamolo!

Prima la lettura, poi…

Contratto scuola,  è stato firmato qualche ora fa. Finalmente abbiamo un testo. Dopo tante anticipazioni,molte presunte, abbiamo un testo sul quale ragionare. Leggiamolo, approfondiamo i contenuti. Solo dopo rivolgiamo la nostra attenzione alle schede e ai commenti che già stanno invadendo il Web.
In altre parole, prima la lettura personale, poi le intermediazioni. In questo modo potremo dire la nostra, senza condizionamenti. Quindi in piena libertà!

 

Pubblicato in Contratto scuola, Tutti gli articoli | Contrassegnato , , | Commenti disabilitati su Contratto scuola, il testo poi il resto…

Accoltellamento docente, non è la scuola che ha fallito!

Accoltellamento docente

E’ sempre responsabile l’insegnante, la scuola? Non sono d’accordo

Accoltellamento docente, si è tanto parlato in questi giorni del “fattaccio”. Sto con la collega! Ha vissuto un’esperienza devastante. Quindi totale rispetto! Non condivido, invece, l’affermazione che l’evento è l’effetto di un suo fallimento. Ha fallito e stanno fallendo una serie di soggetti. Non solo la scuola.

Le conseguenze si, non la responsabilità

In questi giorni si è tanto parlato dell’accoltellamento della docente. Troppo? Non saprei!
Massimo rispetto per la collega che ha vissuto un’esperienza così traumatica. Non solo fisicamente! Sicuramente la ferita dentro le rimarrà per sempre!
Non condivido, però,  la sua dichiarazione ” Non faccia del male a quel ragazzo,  madonna mia non ce l’ho fatta a cambiarlo.Ho cercato di spingerlo a fare meglio, ma non ce l’ho fatta”. Emerge la convinzione che la responsabilità è dell’insegnante e in genere della scuola. In questo modo si conferma la tesi portata avanti da molti:  tutto dipende dalla scuola. Demotivati? Colpa della scuola ! Vittime dei social? Colpa della scuola!   Ragazzi maleducati? Colpa della scuola! …
Potrei continuare, ma mi fermo qui! Siamo di fronte di una  banalizzanione, ad una semplificazione del problema. E’ il classico meccanismo di “scaricare” le responsabilità sul soggetto più debole. In questo caso la scuola! Troppo facile! Personalmente non mi sento responsabile del fallimento dei nostri ragazzi. In alcuni casi, posso accettare la compartecipazione con altri soggetti presenti nel vissuto dei ragazzi, ma non mi ritengo il capro espiatorio dei loro fallimenti.

Teoria ecologica dei sistemi (Bronfenbrenner)

L’educazione è un processo complesso, mai unidirezionale. Non esiste solo il ragazzo e un’unica agenzia formativa. La formazione è il risultato dell’interazione tra il soggetto ( nel nostro caso lo studente) e la multidimensionalità dell’ambiente. Ogni dimensione è costituita da diversi soggetti sociali, scenari culturali, economici, sistemi di valori… che “dicono la loro” sulla formazione, in una relazione sistemica. multidirezionale e  biunivoca.
L’immagine rende meglio di ogni spiegazione.

Ecco spiegato il motivo per cui è l’intera società che fallisce di fronte a questi ragazzi.
Scrive la Prof.ssa I. Milani, autrice di un interessante testo “I figli sono il prodotto soprattutto del modello ricevuto in famiglia, e di una società che li vuole soprattutto consumatori. Ma se io porto mio figlio tutte le domeniche ai centri commerciali, gli faccio bere un finto mojito, lo lascio solo nel ristorante, libero di comportarsi male e di sporcare, allora che adulto diventerà? I responsabili dell’educazione, in primis i genitori, dovrebbero interrogarsi. Questo libro vuole spingere a una riflessione collettiva. Anche perché,a  parziale scusante delle mamme e dei papà, c’è proprio il condizionamento della realtà in cui vivono, che è sicuramente diseducativa“.

 


 

 

 

 

Pubblicato in Pedagogia, Tutti gli articoli | Contrassegnato , | Commenti disabilitati su Accoltellamento docente, non è la scuola che ha fallito!