L’atto d’indirizzo per il comparto scuola

L'atto d'indirizzo per il comparto scuola

L’atto d’indirizzo per il comparto scuola

L’atto d’indirizzo di comparto e…

Finalmente è disponibile l’atto di indirizzo per il comparto Istruzione, ricerca…
In questo modo ognuno di noi può leggere la fonte, senza intermediazioni.
Il documento, però, deve essere letto insieme all’Atto di indirizzo generale

Qualche passaggio

Quest’ultimo traccia lo sfondo riassumibile nella conferma degli 85 € lordi medi nel triennio, all’impegno a riequilibrare il rapporto tra la la fonte legale e contrattuale e   a migliorare la qualità del servizio pubblico. Un particolare capitolo è dedicato ai permessi aspettattive…
Dalla lettura del secondo dovrebbero essere mantenuti gli orari di di insegnamento per ogni grado. Si legge infatti:” considerare nel profilo dei docenti di tuti i gradi di istruzione ogni attività dagli stessi svolta, fermi restando i livelli del vigente orario obbligatorio di insegnamento…”
La contrattazione dovrà definire meglio la seguente indicazione ( qui potrebbero nascondersi i rischi di un aumento dell’orario) :declinare chiaramente, nella definizione delle attività funzionali all’insegnamento, l’impegno che il personale docente profonde nella progettazione individuale e collegiale delle attività didattiche, nella valutazione degli alunni, nell’attività di ricerca, nei rapporti con le famiglie e con la comunità scolastica ed educante, nei rapporti con le istituzioni e il territorio ai fini del miglioramento della qualità dei percorsi formativi e di ogni attività funzionale al lavoro d’aula”                    


Pubblicato in Contratto scuola | Contrassegnato , , , , | Commenti disabilitati su L’atto d’indirizzo per il comparto scuola

Petizione “Professione Insegnante”, per un aumento dignitoso, oppure…

Professione Insegnante

Professione Insegnante


Diventa sempre più consistente il numero delle adesioni alla Petizione del gruppo Facebook “Professione Insegnante” di cui faccio parte anch’io.

Gruppo “tosto”, concreto, pochi fronzoli. Molta sostanza!
La natura di questo gruppo non poteva ignorare la questione contratto e in particolare la parte economica. Salvo Amato,  fondatore dell’associazione, parla di “adeguamento” e non di “aumento” al tasso di inflazione dal 2008.  I sindacati più rappresentativi vogliono offrirci, invece, “un piatto  di lenticchie”.
Invito a firmare la petizione, che ho già condiviso nei giorni precedenti.  Siamo già oltre 70.000! L’obiettivo è tagliare il traguardo delle  100.000 firme. Mi auguro che i sindacati si fermino a pensare prima di fermare.

Copio e incollo, la comunicazione inviata ai sindacati più rappresentativi, presente nella pagina. Qui è possibile firmare la petizione

Noi insegnanti diffidiamo i sindacati della scuola: Flc Cgil, Cisl scuola, Uil scuola, Snals- Confsal e FGU dal sottoscrivere un contratto che preveda un aumento medio di soli 85 euro lordi mensili nel triennio 2016/18, peraltro non per tutti e distribuiti in parte con un meccanismo premiale.
Occorre trovare risorse aggiuntive per un aumento di almeno 200 euro netti mensili, a invarianza di oneri contrattuali, per incrementare il potere d’acquisto delle nostre retribuzioni ferme ormai dal 2008, con una perdita netta di 135 euro netti mensili, calcolando solo il dato dovuto alla perdita di potere d’acquisto.
Nel caso della sottoscrizione del contratto, gli insegnanti iscritti, in segno di protesta, revocheranno la loro iscrizione ai sindacati firmatari.

Ecco la versione volantino da stampare.

Pubblicato in Tutti gli articoli | Commenti disabilitati su Petizione “Professione Insegnante”, per un aumento dignitoso, oppure…

Cyberbullismo, invariate le responsabilità, ma…

Cyberbullismo, invariate le responsabilità

Responsabilità invariate sul cyberbullismo. Non significa, però azzerare l’esistente.

Cyberbullismo, invariate le responsabilità  dei docenti e dirigenti . Questa è la posizione del Miur,  che implicitamente, però conferma quelle esistenti.

Le linee di orientamento

Nel mese scorso il Miur ha emanato le linee di orientamento. Sostanzialmente, come  ho scritto in precedenza, sono “un’espansione concettuale” della legge 71/17. Hanno però il merito di definire meglio due aspetti  trattati poco o per nulla: l’ammonimento e la responsabilità civile e penale dei docenti di fronte ai casi di cyberbullismo.
Su quest’ultimo aspetto si legge nel documento : “Ai docenti referenti, così come ai dirigenti scolastici, non sono quindi attribuite nuove responsabilità o ulteriori compiti, se non quelli di raccogliere e diffondere le buone pratiche educative, organizzative e azioni di monitoraggio, favorendo così l’elaborazione di un modello di epolicy d’istituto” ( pag.10).
In alcuni incontri tenuti con i referenti cyberbullismo, cito spesso passaggio. Sicuramente riduce le zone d’ombra sulle responsabilità. Una conferma di questa mia corretta interpretazione l’ho avuta con un articolo apparso sul quotidiano “ItaliaOggi”.
Pertanto il referente Cyberbullismo  ( art. 4 comma 2 Legge 71/17) non dovrebbe essere chiamato in giudizio per inadempienze. In altri termini: chiarito il dubbio sull’eventuale condivisione di responsabilità  con il Dirigente Scolastico.

Allora tutto bene? Resta “La culpa in organizzando”…

Cyberbullismo, invariate le responsabilità? Implicitamente, però sono  confermate quelle già esistenti. Queste si declinano nella “Culpa in organizzando” e in quella “in educando”.
La prima afferisce alla figura del Dirigente. Qualche tempo fa il Prof. De Luca ha scritto un contributo molto utile per il bullismo, ma che può essere esteso anche alla sua forma online: Si legge nel documento:  Al Dirigente Scolastico  ” non spettano, invece, compiti di vigilanza sugli alunni, ma obblighi organizzativi di amministrazione e di controllo sull’attività degli operatori scolastici e un’attività di custodia (ex art. 2043 e 2051 c.c.), ai dirigenti scolastici.. In sostanza il dirigente scolastico sarà ritenuto responsabile, ex art. 2043 c.c., nel caso in cui non abbia posto in essere tutte le misure organizzative per garantire la sicurezza nell’ambiente scolastico e la disciplina tra gli alunni (culpa in organizzando).
Ho evidenziato in grassetto la parte che maggiormente si rapporta con il fenomeno del cyberbullismo.

E quella in “educando”

Medesima responsabilità coinvolge l’insegnante di classe. Sempre nello stesso documento si trova il seguente passaggio: ” Ma, come si diceva, l’atto di bullismo a scuola non è rilevante solo per il suo autore e la sua vittima, ma si traduce in forme di responsabilità, scaturenti dall’omissione dell’obbligo di vigilanza, anche per i docenti, per gli ausiliari… ”
A conferma di quanto scritto dal professor De Luca, la giurisprudenza ha confermato   (sentenza Tribunale di Brescia numero 1955, pubblicata il 22 giugno 2017) che la presenza dello smartphone a scuola può  prevedibilmente portare ad effettuare riprese audio-video postate successivamente nel Web ( leggi precedente articolo).

 

Invariate le responsabilità sul cyberbullismo? Dalla lettura sulle linee di orientamento così sembra. Implicitamente è confermato l’esistente.

 

Pubblicato in Cyberbullismo, Tutti gli articoli | Contrassegnato , , , | Commenti disabilitati su Cyberbullismo, invariate le responsabilità, ma…

Ottimizzazione, ora tocca al contratto giuridico

Ottimizzazione

Ottimizzazione una parola per nascondere la dura realtà


Ottimizzazione, è un termine molto utilizzato. Spesso per nascondere la realtà.

L’espressione rimanda ad una doppia situazione: migliorare la produttività aumentando i carichi di lavoro, lasciando invariato o quasi il compenso dei lavoratori. Il copione rischia di ripetersi anche sul prossimo contratto per la scuola.

Ottimizzazione è già una realtà

Ho più volte scritto che l’entrata a scuola dell’economia finanziaria, ha portato solo problemi al sistema formativo. La”Metafisica della economia finanziaria” (Settis) si declina con alcune espressioni. Ottimizzazione è la parola più utilizzata. Il fine è quello che di nascondere la cruda realtà: conseguire il massimo dei risultati, massimizzare l’utilizzo delle risorse umane e  contenendo i costi per il personale.
Bene, come ho scritto sopra, questa realtà è già presente nella scuola, attraverso le figure dell’Animatore digitale, del Team per l’innovazione, del referente Cyberbullismo,  del commissario per il concorso-Scuola…

Dopo il contratto economico, tocca a quello giuridico

Questo modello si sta “impadronendo” anche del C.C.N.L. La prima “vittima” è il contratto economico che propone un aumento (difficile condividere il senso di questo termine), un adeguamento stipendiale, fermo da otto anni. 
Ma per concludere il processo di ottimizzazione occorre intaccare anche il secondo polo: le risorse umane.
L’altro giorno su diversi siti, come Orizzontescuola.it, è comparsa la netta opposizione della Gilda ad un aumento dell’orario di servizio (= massimizzazione delle risorse umane). 
Sul portale Tecnicadellascuola.it si può leggere la seguente dichiarazione di R. Di Meglio:
è stato un primo incontro introduttivo, ma il nostro sindacato ha voluto mettere subito in chiaro che ci opporremo strenuamente a qualunque tentativo di aumentare l’orario di lavoro dei docenti che già sono costretti a trascorrere molto tempo a scuola senza ottenere alcun riconoscimento professionale né retributivo
Altre  sorprese sono possibili da parte di un governo di sinistra che ha deciso di portare avanti politiche di destra. Scriveva l’ultra marxista E. Bloch che la destra per portare avanti le sue politiche deve solo colorarle di rosso. 

Una difficile trattativa, occorre un sindacato propositivo

Da quest’ ultima dichiarazione si ha la conferma di quanto sarà dura e difficile la trattativa. Non si arriverà a breve alla firma. Ma per questo risultato occorre un sindacato propositivo e battagliero che faccia gli interessi dei lavoratori L’impresa è diventata difficile, dopo la firma dell’intesa del 30 novembre che ha formalizzato la “mancetta” degli 85€ lordi nel triennio e non per tutti ( si legga parte 3 lettera c dell’intesa) . Eppure il sindacato può ancora tornare indietro ed evitare un contratto non dignitoso per la categoria. Semplicemente alzandosi dal tavolo e abbandonare la trattativa. Purtroppo alcuni segnali, provenienti soprattutto dalla Cisl non fanno ben sperare. Ha dichiarato M. Gissi, segretario generale della Cisl ” Dopo dieci anni di attesa si è finalmente avviata la trattativa per il rinnovo del contratto della scuola. Puntiamo a chiudere l’intesa, se possibile, entro Natale, partendo dall’ accordo del 30 novembre, per noi imprescindibile”. Che dire? 

 


Pubblicato in Contratto scuola | Contrassegnato , , , | Commenti disabilitati su Ottimizzazione, ora tocca al contratto giuridico