La legge anticyberbullismo è fatta! Attendiamo, però, i primi segnali del Miur

legge anticyberbullismo

La legge anticyberbullismo è fatta!


La legge anticyberbullismo
(71/17) certifica “l’entrata in campo” della società civile. Esprime il superamento dell’atteggiamento passivo di chi “osserva dalla finestra” un evento. Esprime la volontà della società civile di intervenire sul fenomeno. Il provvedimento richiede però una serie di “traduzioni operative”. In loro assenza, la legge 71/17 assomiglia ad un treno “parcheggiato” su un binario morto

La legge anticyberbullismo

Riporto alcune parti significative della legge 71/17
”  Con decreto del Presidente del Consiglio dei ministri, da adottare entro trenta giorni dalla data di entrata in vigore della presente legge, è istituito presso la Presidenza del Consiglio dei ministri, senza nuovi o maggiori oneri per la finanza pubblica, il tavolo tecnico per la prevenzione e il contrasto del cyberbullismo… redige, entro sessanta giorni dal suo insediamento, un piano di azione integrato per il contrasto e la prevenzione del cyberbullismo”
” Le linee di orientamento di cui al comma 1, conformemente a quanto previsto alla lettera l) del comma 7 dell’articolo 1 della legge 13 luglio 2015, n. 107, includono per il triennio 2017-2019: la formazione del personale scolastico, prevedendo la partecipazione di un proprio referente per ogni autonomia scolastica”.  ( Legge anticyberbullismo)

I “silenzi” del Miur

Al momento dal Miur non giungono notizie. Non si sa nulla del “tavolo tecnico”, delle linee guida… Il Ministro rilascia interviste, spesso contradditorie  su molti aspetti ( v. aumento contrattuale). Niente però sull’avvio della  fase uno di attuazione della legge anticyberbullismo. Considerata l’importanza della “posta in gioco” che rimanda alla cura e alla formazione dei nostri ragazzi, il segnale non è incoraggiante. Il silenzio risulta incoerente rispetto ai tanti proclami di attenzione al futuro dei nostri ragazzi.

Le uniche notizie. Una positiva, l’altra invece…


Nel frattempo la Rete invia dei primi segnali inquietanti di  adattamento, caratterizzati dall’indifferenza verso le denunce ( “Sono minorenni. Le pubblichiamo anche se ci denunciate“)

L’unica iniziativa di un certo rilievo proviene dalla Lombardia. L’USR di questa regione ha già pubblicato un’iniziativa di formazione sul proprio sito, che si inserisce in un percorso gia avviato da tempo .

I referenti anticyberbullismo. Figure del sistema-scuola

L’iniziativa sicuramente è da apprezzare. Occorre però una strategia nazionale, che in tempi brevissimi deve  portare alla nascita di una piattaforma. E’ impensabile non ripetere, come per gli Animatori Digitali,  la “scelta”  di realizzare uno spazio virtuale dopo due-tre anni. L’urgenza è dettata anche dalla particolarità delle relazioni con il fenomeno del cyberbullismo.  A breve è necessario definire meglio i  compiti e le  responsabilità degli incaricati d’istituto, in rapporto anche  a quelle istituzionali del Dirigente Scolastico ( vedi ad esempio  “Culpa in vigilando”, “Culpa in organizzando”)….  Questi aspetti necessitano di un adeguato confronto orizzontale e aperto tra i referenti, adeguatamente supportato dove occorre dalla Polizia Postale. Personalmente non credo molto negli “esperti teorici”.
E’ indispensabile che i referenti d’istituto si percepiscano come figure di sistema, non circoscritte all’Istituto Scolastico, bensì aperte e inserite in una rete di relazioni e di condivisioni che identificano il sistema-scuola. 

Diversamente non si va da nessuna parte!
In attesa di queste scelte strategiche ho aperto una pagina Fb ( “Referenti anticyberbullo”), collaboro con il 3° Municipio di Roma per iniziative sul territorio. Ovviamente ho assunto il ruolo di referente anticyberbullo nel mio istituto. Compiti che già svolgevo all’interno della F.S. per le Tic.

Pubblicato in Cyberbullismo, Opinioni, Tutti gli articoli | Commenti disabilitati su La legge anticyberbullismo è fatta! Attendiamo, però, i primi segnali del Miur

Gli smartphone. Tra il Garante e il Ministro c’è la “Culpa in vigilando”

Gli smartphone a scuola

Gli smartphone a scuola


Gli smartphone in classe. Il Ministro sembra abbia deciso. Questo però pone dei problemi di gestione per gli insegnanti. Essi devono tener conto delle indicazioni del garante della Privacy. Come sempre loro dovranno conciliare le posizioni. E dovranno farlo con molta attenzione e professionalità.

Gli smartphone. La dichiarazione del Ministro

Valeria fedeli ha rilasciato un’intervista al quotidiano “La Repubblica“, riguardante gli smartphone a scuola” È uno strumento che facilita l’apprendimento, una straordinaria opportunità che deve essere governata. Se lasci un ragazzo solo con un tablet in mano è probabile che non impari nulla, che s’imbatta in fake news e scopra il cyberbullismo. Questo vale anche a casa. Se guidato da un insegnante preparato, e da genitori consapevoli, quel ragazzo può imparare cose importanti attraverso un media che gli è familiare: internet. Quello che autorizzeremo non sarà un telefono con cui gli studenti si faranno i fatti loro, sarà un nuovo strumento didattico” ( ho evidenziato le parti più significative)

La posizione del Garante

” L’utilizzo di telefoni cellulari, di apparecchi per la registrazione di suoni e immagini è in genere consentito, ma esclusivamente per fini personali, e sempre nel rispetto dei diritti e delle libertà fondamentali delle persone coinvolte (siano essi studenti o professori) in particolare della loro immagine e dignità.
Le istituzioni scolastiche hanno, comunque, la possibilità di regolare o di inibire l’utilizzo di registratori, smartphone, tablet e altri dispositivi elettronici all’interno delle aule o nelle scuole stesse.
Gli studenti e gli altri membri della comunità scolastica, in ogni caso, non possono diffondere o comunicare sistematicamente i dati di altre persone (ad esempio pubblicandoli su Internet) senza averle prima informate adeguatamente e averne ottenuto l’esplicito consenso.
Si deve quindi prestare particolare attenzione prima di caricare immagini e video su blog o social network, oppure di diffonderle attraverso mms o sistemi di messaggistica istantanea. Succede spesso, tra l’altro, che una fotografia inviata a un amico o a un familiare venga poi inoltrata ad altri destinatari, generando involontariamente una comunicazione a catena dei dati personali raccolti.
Tale pratica può dar luogo a gravi violazioni del diritto alla riservatezza delle persone riprese, e fare incorrere in sanzioni disciplinari, pecuniarie e in eventuali reati” ( ” A scuola a prova di Privacy“)

…In mezzo gli insegnanti e la “Culpa in vigilando”

Alcune considerazioni. La suddetta dichiarazione del Ministro “aggiorna” la circolare Fioroni ( 15 marzo 2007), superandola anche nel passaggio dove si prevedevano delle sanzioni disciplinari. E’ un passo avanti? Indubbiamente l’Istituzione scolastica deve fare i conti con il moltiplicarsi dei dispositivi alternativi al Pc Desktop  o al Laptop (Notebook).
I problemi sono due: l’impreparazione tecnologica e formativa dei docenti e la “Culpa in vigilando”.
Per quanto riguarda il primo aspetto l’introduzione degli smartphone porrà dei problemi di gestione educativa del dispositivo. Il moltiplicarsi dei dispositivi (device), infatti, non è stato accompagnato da una formazione profonda dei docenti. In questo caso Il PNSD è l’ultimo esempio di una fiducia miracolistica verso i dispositivi.
Occorre chiedersi: qual è la relazione tra il loro utilizzo e i processi cognitivi? Su quali aspetti formativi occorre puntare? Quale configurazione di persona vogliamo realizzare? A queste domande occorre aggiungere anche il dato preoccupante che tra gli insegnanti ( e non solo) si registra un preoccupante anafabetismo informatico (conoscenza di procedure).
Quest’ultimo apre al secondo elemento di discussione: la relazione il cyberbullismo e la “culpa in vigilando” ( 2048 Codice civile).
La Legge 71/17 ( 18 giugno) ha il grande pregio di aver introdotto nel nostro ordinamento il profilo del cyberbullo, gli impegni dei diversi soggetti coinvolti e le sanzioni.
E’ una buona legge che tiene presente l’art. 2048  e le disposizioni del Garante. “L’armonia giuridica” verrà sicuramente alterata con il moltiplicarsi esponenziale dei rischi, inerenti le foto o i video privati fatti a scuola dagli studenti minorenni e inviati nel Web. Per gli insegnanti distratti le possibilità di incorrere nella “Culpa in vigilando” aumentano in modo significativo ( ricreazione, cambi di presenza, bagni…), tenendo presente anche il profilo duale del nativo digitale che ritiene lecito, normale,  offendere in Rete ( Ricerca dell’università La Sapienza-Roma) in quanto manca la fisicità, che invece caratterizza le relazioni quotidiane.
Concludendo. Altri impegni, nuovi e vecchi rischi caratterizzeranno l’attività del docente. 

 

Pubblicato in Cyberbullismo, Opinioni, Pedagogia, PNSD, Tutti gli articoli | Contrassegnato , , , , , , | Commenti disabilitati su Gli smartphone. Tra il Garante e il Ministro c’è la “Culpa in vigilando”

Sinopoli Flc-Cgil. Le parole “pesano” e si ricordano

 

 

Sinopoli Flc-Cgil

Sinopoli Flc-Cgil

Le dichiarazioni di Sinopoli (Flc-Cgil). Mi sono formato sulla parola “pesante”, “densa”. In altri termini ho sempre creduto nella relazione marxiana tra teoria e prassi, o nel passo evangelico ” E il Verbo si è fatto carne”. Non mi riconosco nel Nulla, nel Vuoto che oggi spesso seguono le parole.  Quindi attendo di vedere l’evoluzione.

Sinopoli ( Flc-Cgil). Le dichiarazioni

 Il segretario della Flc-Cgil ha dichiarato “85 euro sono una cifra modesta in particolare considerando la durata del blocco contrattuale, non solo per i docenti ma per tutto il personale del comparto istruzione e ricerca. Per questo chiediamo innanzitutto che siano messi tutti sul tabellare. Li consideriamo un punto di partenza per sedere al tavolo della trattativa che accompagneremo con azioni di mobilitazione per ottenere risorse aggiuntive. rispetto a quelle previste (e non ancora confermate) dall’accordo del 30 novembre 2017.” 

Le parole “pesano”

Ho intenzionalmente evidenziato le parti che considero importanti. Parole, parti di discorso, che per formazione ritengo importanti. Ho sempre ritenuto un “bigliettino da visita” la comunicazione orale e scritta. Mi sono formato credendo molto nella relazione tra parola e fatti. Ho sempre avuto come punti di riferimento il passaggio evangelico della “Parola che si fa carne” o la relazione marxiana tra teoria e prassi. In questi contesti  le parole, i discorsi “pesano”, perché impegnano “severamente” l’emittente a tradurle in fatti. Quanto meno ad avvicinarsi.
Pertanto, Non mi riconosco negli annunci che portano al Nulla o che sono caratterizzati dal Vuoto prassico.

Le parole si ricordano

Da qui discende la mia predisposizione a ricordare, a far presente le dichiarazioni che hanno ottenuto una realtà fattuale lontana dalle dichiarazioni.
Così farò fra qualche mese, se il sindacato, quindi anche la Cgil firmerà un contratto che disattenderà gli impegni del suo segretario, non muovendosi dallo “Start”. Questo è costituito dagli 85€. Gli obiettivi sono sempre davanti a noi e per raggiungerli occorre che ci sia il movimento. Non credo che si possa  identificare  il risultato con lo zero, cioè il rimanere fermi con il movimento. La fisica docet! 

 

 

Pubblicato in Contratto scuola, Tutti gli articoli | Contrassegnato , , , | Commenti disabilitati su Sinopoli Flc-Cgil. Le parole “pesano” e si ricordano

Apertura pagina facebook contro il cyberbullismo

Apertura pagina facebook

Apertura pagina facebook contro il cyberbullismo.
Ho deciso di aprire una pagina   per dare maggiore visibilità al mio impegno come
referente d’Istituto ( I.C. “Carlo Levi”) contro il Cyberbullismo ( Legge 71/17) e collaboratore del 3° Municipio-Roma
Posterò solo contributi finalizzati a contrastare in modo efficace il fenomeno.
Inoltre verranno pubblicizzati incontri, seminari, corsi di aggiornamento e altro ancora.
Lo scopo di questa pagina è quella di contribuire  ad arginare il fenomeno del cyberbullimo.
A breve aprirò un gruppo pubblico
Pagina facebook

Pubblicato in Cyberbullismo | Contrassegnato | Commenti disabilitati su Apertura pagina facebook contro il cyberbullismo