Violenze sui docenti, attendiamo i dati sul coinvolgimento del Miur

Violenze sui docenti

Violenze sui docenti, annus horribilis. Si chiede ai Miur un report sul numero di volte che il Ministero si è costituito parte civile

Violenze sui docenti, dopo le dichiarazioni del Ministro Bussetti, attendiamo il report sul numero di cause che ha coinvolto anche il Miur. Siamo a conclusione dell’anno scolastico. Quindi in tempi di tanti resoconti, il dato risulta molto utile.

Violenze sui docenti, alcune dichiarazioni del Ministro Bussetti

Violenze sui docenti, 2019 annus horribilis. Quasi ogni giorno la cronaca ha presentato situazioni che hanno coinvolto gli insegnanti. Tuttoscuola lo scorso anno (2017-18)  ne ha contate trentasei. Dell’anno che si sta chiudendo manca il dato, ma la sensazione è che la situazione sia peggiorata.
Il Ministro Bussetti dopo ogni aggressione ha sempre  confermato la volontà del Miur di costituirsi parte civile. Per brevità. riporto due dichiarazioni: ” Gli episodi di violenza vanno condannati duramente e, come ministro, non voglio limitarmi alla vicinanza formale: saremo al fianco di insegnanti, dirigenti, del personale amministrativo e ausiliario”… Sono in contatto con la presidenza del Consiglio affinché, in ogni procedimento attivato con querela, il ministero possa costituirsi parte civile” (19.06.18); “Gli episodi di violenza vanno condannati duramente e, come ministro, non voglio limitarmi alla vicinanza formale: saremo al fianco di insegnanti, dirigenti, del personale amministrativo e ausiliario” (24.01.19)

Ministro Bussetti chiediamo un report 

La fine dell’anno scolastico è costituito da tanti resoconti che certificano il raggiungimento di un risultato, la realizzazione di un progetto…
Quindi non è fuori luogo chiedere al Ministro quante volte il Miur compare come parte civile nelle cause intentate dal docente aggredito. Se il dato  presenterà il rapporto 1:1 (un’aggressione/ una causa con la presenza del Miur) o quanto meno si avvicinerà, allora  contribuirà a far sentire il Ministero vicino, sfatando il luogo comune di una condizione professionale di isolamento e solitudine di fronte alla complessità della realtà, sempre più imbarbarita.
Non si chiede la luna, e neanche un report con  un impegno di spesa. Si vuole  sapere se le tante dichiarazioni sono state seguite dai fatti. Il silenzio sicuramente non aiuterà a migliorare il rapporto tra l’Amministrazione e gli operatori scolastici.

Pubblicato in Tutti gli articoli, Violenza docenti | Contrassegnato , , | Commenti disabilitati su Violenze sui docenti, attendiamo i dati sul coinvolgimento del Miur

La denuncia dell’Istituto (e non solo) la risposta efficace al peluche cacca

denuncia dell'Istituto la risposta giustagiusta

La denuncia da parte del docente e dell’Istituto con richiesta di risarcimento è l’unica risposta che possono comprendere certe persone!

La denuncia dell’Istituto e non solo  è l’unica risposta davvero efficace, soprattutto se questa è accompagnata dalla richiesta di un doppio risarcimento. Le parole, le chiacchiere sul nostro ruolo professionale scivolano e non lasciano traccia. La richiesta di risarcimento invece, tocca le tasche. E di questi tempi non è poco!

La vicenda sconcertante del nuovo limite

In questi giorni tiene banco una vicenda che ha definito il nuovo limite dell’imbarbarimento dei rapporti tra scuola e famiglia. Volando alto, si può affermare che la nuova versione del Nulla, che a differenza del sentire comune rimanda a una realtà definita, è rappresentata dall’escremento.
Si legge nel post firmato dal Dirigente Scolastico e dai docenti: “tre genitori hanno ritenuto di manifestare il loro scontento nei confronti di un docente regalando un peluche a forma di escremento, dichiarando che tale era il valore personale e professionale di quell’individuo, ingiuriandolo ed offendendolo, peraltro di fronte ai loro figli e ad altri ragazzi”

 

La denuncia individuale e collettiva  è l’unica risposta che i genitori sentono

Di fronte a questo  caso di offesa verso i docenti non serve volare alto. Non sono convinto che i protagonisti del gesto possano comprendere il significato di  comunità educante e il valore del rispetto delle persone.
A mio parere occorre innanzitutto denunciare. Lo deve fare  il docente coinvolto nella vicenda, in quanto  pubblico ufficiale con richiesta di risarcimento economico. Le parole volano, le tasche invece si svuotano!
Deve però seguire anche la denuncia dell’Istituto con risarcimento per danno d’immagine, perché il docente è portavoce di una progettualità declinata nel Ptof. L’insegnante offeso e denigrato è l’interfaccia dell’Istituto. Da qui offendere lui significa screditare tutta la comunità educante.
Mi auguro che questo mio suggerimento venga seguito. Le prese di posizione senza un seguito di atti concreti potrebbero favorire altre azioni simili. Del resto la diffusione di fatti di aggressione e di violenza verbale contro i docenti non sono il risultato della sensazione che l’azione rimarrà impunita?

Pubblicato in Opinioni, Tutti gli articoli | Contrassegnato , , , | Commenti disabilitati su La denuncia dell’Istituto (e non solo) la risposta efficace al peluche cacca

Responsabilità genitoriale, una sentenza educativa

Responsabilità genitoriale

Responsabilità genitoriale, una sentenza che concretizza un principio spesso ignorato dai genitori.

Responsabilità genitoriale, una sentenza educativa per i genitori. Nulla di nuovo, solo che si passa dalla teoria (norma giuridica) alla concretezza dove l’inadempienza rducativa è sanzionata. Un punto di riferimento per altri casi.

Responsabilità genitoriale, una sentenza che fa chiarezza

Responsabilità genitoriale, finalmente una sentenza che ha il merito di fare concretezza sui  doveri che spettano ai genitori. Altro elemento interessante e la sua natura esclusiva. In altri termini, non sono chiamati in causa la scuola, la società… ma solo il genitore.
Evito di entrare nel tecnicismo della norma e nelle valutazioni dei giudici, proponendo per sommi capi la vicenda e la sentenza.
Un quindicenne entrato illecitamente nell’Istituto scolastico, scrive sulla scrivania del collaboratore scolastico frasi ingiuriose nei suoi confronti.
Dopo diversi gradi giudizio gli ermellini confermano il perdono giudiziale, in quanto il ragazzo era minorenne al momento del fatto, e quindi incapace di intendere e volere. Decisione coerente con l’art. 98 del c.p. che assegna al giudice la valutazione sulla imputabilità del minorenne.
Il perdono giudiziale però non impedisce la riconsiderazione della vicenda in sede civile. Si legge nella sentenza:” la sentenza penale di non luogo a procedere per concessione del perdono giudiziale nei confronti di imputato minorenne non ha efficacia di giudicato nel giudizio civile risarcitorio, perché esula dalle ipotesi previste negli articoli 651 e 652 c.p.p., non suscettibili di applicazione analogica per il loro contenuto derogatorio del principio di autonomia e separazione tra giudizio penale e civile.”
Concludendo il genitore è stato condannato a risarcire la collaboratrice scolastica (1.700€) per non essere stato capace di educare adeguatamente il figlio al principio del rispetto altrui.

 

Pubblicato in Responsabilità genitoriale, Tutti gli articoli | Contrassegnato , | Commenti disabilitati su Responsabilità genitoriale, una sentenza educativa

Intesa Governo-sindacati, smentita sulla regionalizzazione?

Intesa governo sindacati sulla regionalizzazione

Intesa Governo-sindacati, arriva la prima smentita. La regionalizzazione riprende il suo cammino

Intesa Governo-sindacati, arriva la smentita sulla regionalizzazione. Era prevedibile, considerando la data dell’accordo. Ed ora i sindacati come reagiranno?

Intesa Governo-sindacati, smentita sulla regionalizzazione

Intesa Governo-sindacati. Il documento che aveva sancito la pax, o quanto meno la tregua tra i protagonisti, sembra ricevere il primo colpo basso. Ha dichiarato il vice premier e ministro dell’interno M. Salvini  sul progetto dell’autonomia differenziata:”Indietro non si torna!”
La dichiarazione mette fine alla pax elettorale. Il tema era stato accantonato. Troppo divisivo e condizionante il voto europeo.
L’intesa del 23 aprile tra il governo e i sindacati deve probabilmente essere letta come un esempio di questa pax.  Si leggeIl Governo si impegna a salvaguardare l’unità e l’identità culturale del sistema nazionale di istruzione e ricerca, garantendo un sistema di reclutamento uniforme, lo status giuridico di tutto il personale regolato dal CCNL, e la tutela della unitarietà degli ordinamenti statali, dei curricoli e del sistema di governo delle istituzioni scolastiche autonome.”
Dichiarazione chiara e nello stesso tempo ambigua. Conferma l’unità dello Stato, ma non dice nulla sull’autonomia differenziata o regionalizzazione! Non poteva essere diversamente. In un ambito diverso, conferma quanto previsto dall’art. 5 della Costituzione: “La Repubblica, una e indivisibile, riconosce e promuove le autonomie locali; attua nei servizi che dipendono dallo Stato il più ampio decentramento amministrativo; adegua i principi e i metodi della sua legislazione alle esigenze dell’autonomia e del decentramento”
Ed ora cosa faranno i sindacati che hanno sottoscritto l’accordo? Attendiamo, ma con maggiore sfiducia verso i  suoi rappresentanti. Cui prodest?

Pubblicato in regionalizzazione, Tutti gli articoli | Contrassegnato , , , | Commenti disabilitati su Intesa Governo-sindacati, smentita sulla regionalizzazione?