Siti scolastici e dintorni, Il GDPR in pillole

Siti scolastici e dintorni, Il GDPR in pillole. “Bussole di orientamento” per una lettura profonda

Il GDPR in pillole

Il nuovo regolamento europeo per la protezione dei dati personali è entrato in vigore dal 25 maggio 2018. La lettura non è semplice!
Propongo una sintesi che non può sostituire la lettura prima veloce e poi profonda.
Ecco i doveri che deve ottemperare il responsabile di un sito scolastico e non solo
1) Consenso a tempo. Il trattamento dei dati  non può  avere una durata illimitata. Occorre indicare una scadenza temporale (ad esempio termine del ciclo scolastico)
2) Fine delle informative generali. La proporzionalità diventa specifica per ogni tipologia di dati. In altri termini il gestore di un sito e non solo deve esplicitare gli scopi per i quali sono stati raccolti “gruppi di dati”
3) Accessibilità. La persona “profilata” attraverso i dati deve poter accedere liberamente e facilmente a questi ultimi, chiederne la modifica o l’eliminazione ( diritto all’oblio)
4) Semplicità dell’informativa. In nome della trasparenza e della chiarezza l’informativa dovrà essere esente da tecnicismi.
5) Consenso dei genitori. Non è trattato specificatamente l’argomento della pubblicazione delle foto o video sui siti o social afferenti l’Istituto Scolastico. Rimane però il consenso esplicito e articolato, attraverso una liberatoria da parte dei genitori o tutori.
6) Accountability. Il responsabile del sito deve garantire la protezione dei dati da furti o attacchi informatici
7) Comunicazione tempestiva. In caso di furto o hacheraggi, l’utente “profilato” deve essere messo a conoscenza dell’evento.

Pubblicato in GDPR | Commenti disabilitati su Siti scolastici e dintorni, Il GDPR in pillole

Nuovo Miur, attendiamo i fatti, ma…

 

Nuovo Miur

Tanti auguri, con qualche speranza e molti dubbi!

 

Nuovo Miur, dopo Marco Bussetti ( Ministro), abbiamo Fioramonti e Giuliano ( sottosegretari). Attendiamo i fatti, ma le nomine non ci tranquillizzano.

Dubbi sull’abolizione della Legge 107/15

Dichiarava il nuovo Ministro Bussetti (Insegnante, Dirigente Scolastico e Dirigente dell’Usr Lombardia)   ” è un’ottima legge che ha permesso di cominciare a ragionare con un sistema integrato tra mondo del lavoro e scuola“. Noto il percorso professionale di A. Giuliano  (Dirigente Scolastico) che lo ha visto collaboratore del Ministro Giannini fino al 2016. A questo si aggiunge il suo sostegno alla “Buona Scuola”, certificata dalle seguenti dichiarazioni : “Difendo la legge con forza” e “La Buona Scuola non va abolita, ma migliorata“. Questi due tecnici sono affiancati dall’economista L. Fioravanti (un altro tecnico). Al momento è difficile cogliere la relazione tra il suo CV e il ruolo assunto all’interno del Miur.
Detto questo, preoccupa la posizione ambigua dei primi due   sulla “Buona Scuola” che in campagna elettorale l’on. L. Di Maio aveva dichiarato di voler abolire “senza se e senza ma”

E gli insegnanti? 

A questo occorre aggiungere la totale assenza di un docente nella cabina di regia. Eppure esisteva una candidata:  Bianca Laura Granato! E’ stata confermata, purtroppo, la regola che gli insegnanti sono ritenuti inadeguati a gestire la complessa macchina  organizzativa del Miur ( v. articolo)
Dopo queste prime decisioni che costituiscono dei “fatti”, attendiamo le prossime mosse. Sicuramente si poteva fare altro. E questo preoccupa!

Pubblicato in Legge 107/05 | Contrassegnato , , | Commenti disabilitati su Nuovo Miur, attendiamo i fatti, ma…

Bianca Laura Granato, “Voglio una scuola costituzionale”

Bianca Laura Granato

Finalmente si torna a parlare di scuola costituzionale. Grazie!

Bianca Laura Granato, è un insegnante! Conosce l’aula. Da qui   l’impegno a ricostruire una scuola costituzionale. Alcuni suggerimenti.

Bianca Laura Granato, un bel post!

Si legge in un post di Bianca Laura Granato su Facebook:”
Renzi  col suo stuolo di yes men/women ha ridotto la scuola a qualcosa di irriconoscibile di cui solo chi la vive può avere piena consapevolezza. Renzi, da buon patrocinatore di lobbies, non eletto da nessuno, nel 2015 ha deciso di chiudere i ponti con docenti e personale della scuola e si è rivolto direttamente ad una associazione costituita da imprenditori che operano nel campo della formazione , TreeLLLe , per redigere un testo che deformava l’assetto costituzionale della scuola. Cos’ha ottenuto? Che il MoVimento 5 Stelle lo stracciasse alle seguenti tornate elettorali, forte di programmi e di una visione di scuola e società antagonisti rispetto alla sua… Il mio personale impegno all’interno del Movimento 5 Stelle sarà volto a restituire la funzione costituzionale alla scuola pubblica e ringrazierò sempre quanti dall’esterno e dall’interno coopereranno fattivamente con moniti, consigli, suggerimenti, critiche anche, affinché il sogno collettivo si realizzi nella discontinuità con il passato recente“

Il quadro di una scuola incostituzionale

La deriva del sistema scolastico, rispetto alla finalità costituzionale (“Formare l’uomo e il cittadino” ) è iniziata nel 1999 con l’autonomia scolastica. (D.P.R. 275/99) , che ha istituzionalizzato i criteri dell’ orientamento al cliente, dell’ottimizzazione, dell’efficienza e dell’efficacia. Da qui l’aziendalizzazione della scuola. Il piano inclinato che ha condotto l’istituzione scolastica verso sponde “straniere”, rispetto alla funzione costituzionale ( la scuola aperta a tutti,  ad ognuno) è proseguita con lo “tsunami” del duo Gelmini/Tremonti  (2009) che ha depotenziato l’inclusione ( classi pollaio, abolizione del tempo pieno, delle compresenze, prelievo forzoso di 8 miliardi di €…), trasformandola in una realtà puramente formale ( certificazione Bes, Dsa…). Il colpo finale lo ha dato il Governo Renzi, “polverizzando” il concetto di “comunità” (L. 107/15) e confermando le politiche dei governi precedenti, soprattutto di quello retto da S. Berlusconi.  A dir il vero le ha peggiorate, introducendo le classi superpollaio ( Legge di stabilità 2015 art. 1 comma 133).
Renzi è l’ultimo esempio di quanto scriveva l’ultramarxista E.Bloch:” Per far accettare le riforme della destra, è sufficiente colorarle con il rosso della rivoluzione”

Alcuni suggerimenti per una scuola costituzionale

Per un ritorno ad una scuola costituzionale e quindi inclusiva è necessario:
1) abolire le classi pollaio, superpollaio, istituzionalizzando la classe educativa costituita da 20-22 alunni/studenti
2) Ripristinare il tempo pieno e le compresenze
3) Riformulare i programmi didattici con una maggiore accentuazione alla formazione dell’uomo e del cittadino.
Sono consapevole che soprattutto per i primi due punti occorrono risorse economiche fresche. Queste devono essere trovate assolutamente! Occorre uscire dalla gabbia del “presentismo” o dell’onnipresente. La scuola se rimane schiacciata sull’immediato è morta. Scriveva D. Bok” Se pensi che l’istruzione sia costosa, prova con l’ignoranza”

 

Pubblicato in Classi pollaio | Contrassegnato , , | Commenti disabilitati su Bianca Laura Granato, “Voglio una scuola costituzionale”

Classi pollaio, un esempio di approccio ragionieristico

Classe pollaio

Le classi pollaio non possono essere ridotte ad un rapporto matematico. Occorre considerare altro

Classi pollaio, un approccio sbagliato al problema. Un esempio di economicismo applicato ad una realtà che non tratta carte, ma persone. Il metro di giudizio non può essere  un parametro numerico, ma la formazione della persona, di ogni persona.

Classi pollaio, una prospettiva sbagliata

Classi pollaio,  spesso ho cercato un esempio di economicismo applicato alla scuola. E in particolare alle classi pollaio. Sono stato accontentato. In un articolo apparso su “Tuttoscuola” e ripreso da Edscuola si legge, dopo “aver “premesso che indubbiamente una classe con troppi alunni crea difficoltà per gli insegnanti nella governance e nel rapporto individualizzato… nessuno ha mai precisato il limite del numero di alunni per classe, oltre il quale si può parlare della patologia del “pollaio”. Se si dovesse considerare il limite (n. 25 alunni) posto per le norme antincendio (D.M. 26 agosto 1992 – Ministero Interno) per il deflusso dalle aule, avremmo almeno la metà delle classi da considerare ‘pollaio’. Se, invece, come riferimento per individuare la patologia del pollaio si prende il termine fissato per la costituzione delle classi dal DPR 81/2009 (a proposito della scuola secondaria di II grado la norma indica “senza superare, comunque il numero di 30 studenti per classe”), ne scaturisce la mappa sotto descritta. La mappa non considera le scuole dell’infanzia che nel recente passato sono state in alcuni casi interessate dall’affollamento eccessivo delle sezioni ma che attualmente per effetto del decremento demografico ‘respirano’. Né considera la scuola primaria e secondaria di I grado, che sono pressoché immuni dal fenomeno delle classi ‘pollaio’.

Classe pollaio è una realtà anticostituzionale

Indubbiamente se si considera il riferimento normativo, la realtà può risultare anche accettabile, fino ad arrivare alla situazione grottesca di una presenza irrisoria delle classi pollaio Ecco la tabella “generata” dal suddetto ragionamento

Se ci basiamo sulle percentuali espresse dalla tabella, non avrebbe senso l’impegno del  nuovo governo per abolire questo obbrobrio organizzativo. Ma chi frequenta quotidianamente l’aula è cosciente che il problema non può essere ridotto ad un rapporto numerico. Il ragionamento basato sul calcolo  è “una bella trovata”. Una “furbata” come si dice in gergo. E’ un esempio di economicismo, applicato ad un contesto particolare.  Potrebbe essere considerato valido, infatti,  se il suo riferimento fosse un  lavoro tratta con le carte. L’attività del docente, invece, forma intelligenze, sviluppa emozioni, consolida relazioni… Tutto questo costituisce la  “formazione profonda” e riguarda ogni ragazzo. La sua  sponda costituzionale è l’art 2 e 3 ( secondo comma). Essi recitano rispettivamente: ” La Repubblica riconosce e garantisce i diritti inviolabili dell’uomo, sia come singolo, sia nelle formazioni sociali ove si svolge la sua personalità, e richiede l’adempimento dei doveri inderogabili di solidarietà  politica, economica e sociale.”, ” E` compito della Repubblica rimuovere gli ostacoli di ordine economico e sociale, che, limitando di fatto la libertà e l’eguaglianza dei cittadini, impediscono il pieno sviluppo della persona umana e l’effettiva partecipazione di tutti i lavoratori all’organizzazione politica, economica e sociale del Paese

Classe pollaio= classe diseducativa

Ne consegue che personalmente considero una classe pollaio un gruppo  con più di 15-20 studenti. E’ una modalità organizzativa che non appartiene alla scuola, in quanto compromette la “piena formazione dell’uomo e del cittadino” ( Costituzione italiana), limitandosi a  proporre “briciole” educative, coerenti con il mantra del finanzcapitalismo che vuole, parafrasando R.Musil “uomini senza qualità”.
Mi auguro che il nuovo governo riesca ad abolire

Pubblicato in Classi pollaio | Contrassegnato , , | Commenti disabilitati su Classi pollaio, un esempio di approccio ragionieristico